«Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale»"

Transcript

1 «Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale» Partecipazione dei Comuni all accertamento erariale: Ambito di intervento Commercio e Professioni 1

2 Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale Il Progetto SemplifiSco L intervento progettuale, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica e gestito da ANCI ed IFEL, è rivolto prevalentemente ai Comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). Con il fine di promuovere un confronto ed uno scambio tra esperienze acquisite in contesti territoriali diversi, è altresì prevista la partecipazione di Comuni appartenenti ad altre Regioni. Il progetto tende al rafforzamento delle competenze tecniche e di governo nei Comuni, in riferimento al tema della partecipazione degli stessi alle attività di accertamento erariale e, conseguentemente, al rafforzamento della cooperazione interistituzionale. 2

3 Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale I soggetti beneficiari Ambito Governance Ambito Tecnico-Operativo Sindaci, Assessori, Presidenti Unioni di Comuni Dirigenti, Responsabili di servizio, Funzionari ed Istruttori Uffici Tributi e non solo Sono identificati come beneficiari prioritari i settori generalmente impegnati nella gestione dei tributi locali. Tuttavia, nell ottica della gestione sinergica dei processi di lotta all evasione da parte delle Amministrazioni comunali, è auspicabile anche la partecipazione da parte di operatori dell Ufficio Anagrafe, Ufficio Commercio, Ufficio Tecnico, Polizia locale. 3

4 Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale Il Piano progettuale Partecipazione dei Comuni all accertamento erariale Soluzioni e cruscotti per la fiscalità locale Formazione integrata (webinar, incontri territoriali, piattaforma FAD) Auto-valutazione (Self Assessment) Condivisione strumenti per la fiscalità locale COMUNI BENEFICIARI 4

5 METTETEVI COMODI 5

6 PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI ERARIALI Ambito di intervento Commercio e Professioni 6

7 AMBITO COMMERCIO E PROFESSIONI Gli ambiti di intervento Sono stati definiti gli ambiti di collaborazione dei Comuni, individuando cinque macroaree: Commercio e professioni Urbanistica e territorio Proprietà edilizie e patrimonio immobiliare Residenze fittizie all estero Beni indicativi di capacità contributiva Provv. Dir. Ag. Entrate del 3 dicembre 2007 e del 29 maggio

8 AMBITO COMMERCIO E PROFESSIONI In questo ambito i Comuni effettuano segnalazioni qualificate nei confronti di soggetti che svolgono Attività di Impresa «Commercio Attività di Lavoro autonomo e professioni» 8

9 REDDITO DI IMPRESA (cenni) REDDITO DI IMPRESA (artt. 55 e segg. TUIR) IMPRESA Esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di imprese commerciali (art c.c.), anche se non organizzate in forma di impresa (include ad es. idraulico, elettricista) Altre attività di prestazioni di servizi (diverse da «professioni intellettuali»), organizzate in forma di impresa (es. mediatore immobiliare, consulente finanziario, investigatore privato) Attività agricola, che ecceda i limiti dell esercizio normale dell agricoltura individuati dall art. 32 TUIR Proventi (di qualsiasi natura) conseguiti da società commerciali di persone (Snc; Sas; società di fatto), società di capitali (Srl; Sapa; Spa), società cooperative ed enti commerciali Enti non commerciali, per le attività commerciali non prevalenti esercitate 9

10 REDDITO DI IMPRESA 10

11 REDDITO DI IMPRESA (cenni) CRITERIO DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO DI IMPRESA PRINCIPIO DI COMPETENZA Concorrono a formare il reddito di impresa Componenti positivi (ricavi, plusvalenze, sopravvenienze attive) e Componenti negativi (costi, minusvalenze, sopravvenienze passive) riferibili al periodo di imposta indipendentemente dalla manifestazione finanziaria 2015 (consegna) Ricavo (competenza) Pagamento del 2016 (irrilevante) 11

12 REDDITO DI IMPRESA (cenni) DOVE SI DICHIARA IL REDDITO DI IMPRESA? Imprenditore (persona fisica) Quadro RF Quadro RG Quadro LM (imposta sostitutiva) Quadro CM Contabilità ordinaria RN1 Contabilità semplificata RN1 Regime fiscale di vantaggio (dal 1/1/2012) 12

13 REDDITO DI LAVORO AUTONOMO (cenni) 13

14 REDDITO DI LAVORO AUTONOMO (cenni) CRITERIO DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO AUTONOMO PRINCIPIO DI CASSA Il reddito di lavoro autonomo è dato dalla differenza tra Compensi «percepiti» nel periodo di imposta e Spese «sostenute» nel medesimo periodo di imposta, sempreché siano inerenti l esercizio l dell arte o della professione 2015 (visita medica) (irrilevante) Pagamento del 2016 (momento imponibile) 14

15 REDDITO DI LAVORO AUTONOMO (cenni) DOVE SI DICHIARA IL REDDITO DI LAVORO AUTONOMO? (persona fisica) Quadro RE Regime ordinario RN1 Quadro LM (imposta sostitutiva) Quadro CM Regime fiscale di vantaggio (dal 1/1/2012) 15

16 LE SEGNALAZIONI QUALIFICATE Le tipologie di segnalazioni All interno dei cinque ambiti di intervento, sono state poi individuate le tipologie di segnalazioni qualificate che possono essere inoltrate dai comuni; ciò anche al fine di dettagliatamente disciplinare quelle di competenza dell Agenzia delle Entrate e quelle di competenza della Guardia di Finanza Provv. Dir. Ag. Entrate del 3 dicembre 2007 e del 29 maggio

17 AMBITO DI INTERVENTO COMMERCIO E PROFESSIONI TIPOLOGIE DI SEGNALAZIONE Svolgimento di attività senza partita Iva Svolgimento di attivitàdiversada quella dichiarata nelle dichiarazioni fiscali Soggetti interessati da affissioni pubblicitarie abusive, sia imprese utilizzatrici sia soggetti che gestiscono gli impianti pubblicitari abusivi Ricavi / compensi incoerenti rispetto a quelli dichiarati Ente non commerciale con attività lucrativa: Ente iscritto in pubblici registri (es. Onlus) Ente non iscritto in pubblici registri... GdF AdE GdF GdF AdE GdF 17

18 Il criterio della tipologia affine Gli ambiti di intervento e le tipologie di segnalazione hanno la funzione di indirizzare l attività di segnalazione del Comune ma non impediscono la segnalazione di fattispecie diverse Segnalazioni non perfettamente aderenti alle tipologie previste possono essere trasmesse ugualmente, inserendole nella tipologia più affine, con l accortezza di illustrare tale circostanza nella motivazione della segnalazione. 18

19 SONDAGGIO 19

20 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA 20

21 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA Ambito Tipologia Segnalazione Commercio e professioni Svolgimento attività senza partita IVA Descrizione La tipologia di segnalazione attiene alle ipotesi di esercenti attività di impresa, arti e professioni svolte con carattere di abitualità, senza la partita IVA Tali segnalazioni pervengono alla Guardia di Finanza tramite la procedura Siatel Punto Fisco 21

22 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA L art. 35 del d.p.r. 633/72 sancisce l obbligo per i soggetti che intraprendono l esercizio di un impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato, di comunicarlo entro 30 giorni all Agenzia delle Entrate A seguito della dichiarazione di inizio attività, l ufficio attribuisce al contribuente un numero di partita IVA 22

23 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA Fonti d innesco Dati dell Ufficio Tributi Verbali della Polizia Municipale Tutti i servizi comunali preposti al rilascio di autorizzazioni Tutti i servizi comunali preposti alla verifica di attività imprenditoriali Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco interrogazione per la verifica della titolarità della partita Iva e delle dichiarazioni dei redditi 23

24 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : CASI PRATICI Da un controllo effettuato dalla Polizia Municipale nell ambito della ordinaria attività istituzionale è emerso che il sig. Figaro svolgeva l attività di parrucchiere in assenza della prescritta autorizzazione comunale. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non risulta rilasciata alcuna partita IVA. In occasione di un trasloco viene presentata da un privato, una richiesta di autorizzazione all occupazione temporanea di suolo pubblico. Da sopralluogo, la Polizia Municipale rileva la presenza di una ditta «organizzata» ma in SIATEL è stato riscontrato che non risulta rilasciata alcuna partita IVA. Nell ambito degli ordinari controlli nei mercati rionali effettuati dalla Polizia Municipale, è stato individuato un soggetto che svolgeva attività di commercio ambulante occupando abusivamente il posteggio. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non risulta rilasciata alcuna partita IVA. 24

25 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 25

26 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Il soggetto è titolare di partita Iva? SI NO 26

27 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 27

28 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 28

29 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA 29

30 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA Ambito Commercio e professioni Tipologia Segnalazione Svolgimento attività diversa da quella dichiarata Descrizione La tipologia di segnalazione attiene alle ipotesi di esercenti attività di impresa, arti e professioni che svolgono di fatto un attività diversa da quella dichiarata Tali segnalazioni pervengono all Agenzia delle Entrate tramite la procedura Siatel Punto Fisco 30

31 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA L art. 35 del d.p.r. 633/72 stabilisce l obbligo per i soggetti che intraprendono l esercizio di un impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato, al momento di attribuzione della partita Iva di dichiarare espressamente all Agenzia delle Entrate l attività che intendono svolgere, che viene identificata con un codice attività numerico Un soggetto titolare di partita Iva può legittimamente svolgere diverse attività, ma è obbligato a darne comunicazione all Agenzia delle Entrate, rendendo nota qualsiasi variazione intervenuta 31

32 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA Fonti d innesco Dati dell Ufficio Tributi Verbali della Polizia Municipale Tutti i servizi comunali preposti al rilascio di autorizzazioni Tutti i servizi comunali preposti alla verifica di attività imprenditoriali Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco interrogazione per la verifica dell attività dichiarata e delle dichiarazioni dei redditi 32

33 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : CASI PRATICI Da un sopralluogo effettuato dalla Polizia Municipale nell ambito della ordinaria attività istituzionale è emerso che il titolare di una pizzeria da asporto, che aveva chiesto il permesso di occupazione di suolo pubblico, di fatto esercitava l attività di pizzeria con consumazione ai tavoli, con conseguenziale utilizzo di personale e maggiorazione dei prezzi di listino. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non era stata dichiarata ai fini fiscali l attività rilevata. Nell ambito degli ordinari controlli ai fini Tarsu,è stato individuato un soggetto, titolare di partita Iva, esercente attività di coltivazione articoli floreali, che di fatto utilizzava il terreno per parcheggio camper e altri veicoli. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non era stata dichiarata ai fini fiscali l attività effettivamente svolta. A seguito della segnalazione, l AdE ha effettuato successivo sopralluogo e in contraddittorio ha accertato una rilevante evasione fiscale. 33

34 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 34

35 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verificare se sono state dichiarate molteplici attività 35

36 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 36

37 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da ditta individuale: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Persone Fisiche Se l attività è esercitata da società di persone: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Società di Persone 37

38 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da una società di capitali: controllo dei RICAVI indicati nel rigo RS 107 del mod. Unico Società di Capitali In ogni caso, è anche possibile consultare i bilanci depositati presso la Camera di Commercio, tramite interrogazione con la procedura TELEMACO 38

39 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 39

40 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA 40

41 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA Ambito Commercio e professioni Tipologia Segnalazione Affissione pubblicitaria abusiva Descrizione La tipologia di segnalazione attiene alle ipotesi di esercenti attività di impresa di vario tipo, svolte in totale evasione, pubblicizzate affiggendo o distribuendo abusivamente volantini Tali segnalazioni pervengono alla Guardia di Finanza tramite la procedura Siatel Punto Fisco 41

42 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA Destinatari di questo tipo di controllo sono tutti quei soggetti che pubblicizzano le loro attività imprenditoriali (c.d. tuttofare) tramite l affissione o la distribuzione abusiva di volantini Vengono in considerazione anche i gestori delle attività pubblicitarie abusive a cui possono rivolgersi anche soggetti titolari di regolare partita Iva Al confine con altre tipologie (attività svolte senza partita iva, attività diversa da quella dichiarata) 42

43 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA Fonti d innesco Verbali della Polizia Municipale I servizi comunali preposti al rilascio di autorizzazioni per l installazione di impianti pubblicitari (servizi tributi-sportello unico- patrimonio ecc) Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco interrogazione per la verifica della regolarità della posizione fiscale e delle dichiarazioni dei redditi 43

44 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : CASI PRATICI A seguito del reperimento di volantini pubblicitari per i quali non era stata versata l imposta sulla pubblicità, né era stata richiesta alcuna autorizzazione alla distribuzione, è stato individuato dalla Polizia Municipale un soggetto che effettuava un attività di noleggio natanti. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che al soggetto committente non risulta rilasciata alcuna partita IVA. La Polizia Municipale ha intercettato un soggetto che effettuava l affissione di cartelli pubblicitari senza le regolari autorizzazioni. Dalla verifica effettuata in SIATEL è risultato che il committente era fiscalmente in regola ma il gestore dell impianto pubblicitario pur titolare di partita iva non presentava alcuna A seguito della regolare istanza prodotta al comune per l autorizzazione all affissione pubblicitaria relativa alla locazione stagionale di appartamenti, è stato individuato un soggetto che, in totale evasione di imposta, gestiva una attività «organizzata» di locazione di immobili per uso stagionale. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non era stata presentata dal soggetto alcuna dichiarazione dei redditi. dichiarazione. 44

45 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA I dati fiscalmente rilevati nel corso dell istruttoria, possono costituire fonte di innesco per varie segnalazioni Al momento della trasmissione della segnalazione nell ambito «Commercio e professioni» è possibile selezionare simultaneamente più tipologie Ad esempio: 45

46 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 46

47 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 47

48 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 48

49 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI 49

50 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI E la tipologia di evasione fiscale maggiormente diffusa, consistente nel parziale o totale occultamento di ricavi/compensi, con una conseguente dichiarazione dei redditi infedele. Rientrano in questa tipologia tutti quei soggetti esercenti attività di impresa, arti e professioni i cui ricavi/compensi dichiarati risultino palesemente non corrispondenti alla realtà economica in cui operano. 50

51 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI In considerazione della vastità delle ipotesi che rientrerebbero potenzialmente in questa tipologia, esaminiamo a livello esemplificativo un percorso di indagine, testato con successo in alcuni comuni, che può costituire anche un modello per altre segnalazioni di questa tipologia. 51

52 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Imprese di pompe funebri Per ragioni di tutela sanitaria il regolamento di Polizia Mortuaria (d.p.r. 285/1990) prevede che il trasporto dei defunti (finalizzato al seppellimento o alla cremazione) debba essere autorizzato dal Comune Il provvedimento di autorizzazione deve essere consegnato dall'incaricato del trasporto al custode del cimitero (art. 23). Analogamente per il trasporto di defunti verso altro Comune (art. 19 e segg.). Anche le operazioni di esumazione ordinarie e estumulazione dei feretri finalizzate allo svuotamento delle sepolture per essere riutilizzate, devono essere autorizzate dal Comune e annotate nei registri cimiteriali. (art. 82 e segg.) 52

53 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Autorizzazioni comunali al trasporto dei defunti Fonti d innesco Autorizzazioni comunali alle inumazioni e tumulazioni Autorizzazioni comunali alle esumazioni estumulazioni Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco Interrogazione delle dichiarazioni dei redditi 53

54 Modulo di domanda e rilascio dell'autorizzazione al trasporto di cadavere Al Comune di Il sottoscritto/a nato/a a il residente a in via n. cap. documento di riconoscimento tipo n. rilasciato da il in qualità di CHIEDE RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Il rilascio dell'autorizzazione al trasporto del cadavere di: Cognome/Nome nato a il abitante in vita a in via n. C.F.. Il decesso è avvenuto nel Comune di in data alle ore Da a sito/a in via nel Comune di previa sosta per le esequie presso la chiesa in. Il trasporto verrà effettuato dalla Impresa denominata sita in alla via tramite il veicolo tipo targato e condotto da accompagnato dai necrofori: Il richiedente 54

55 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri PRELIMINARMENTE E OPPORTUNO EFFETTUARE «UN INDAGINE DI MERCATO», AD ES. CONSULTANDO I SITI INTERNET DEDICATI AL SETTORE O ANCHE TRAMITE TELEFONATE «CONOSCITIVE» AGLI ESERCENTI L ATTIVITA DI POMPE FUNEBRI DEL PROPRIO COMUNE O DI COMUNI LIMITROFI Ricostruzione dei ricavi percepiti nell'anno 20 Trasporti di defunti autorizzati (funerali) n Servizi di esumazione/estumulazione autorizzati n Ricavi "stimati" da trasporti e servizi funebri n _ trasporti x n _ "servizi" x = = Totale ricavi ricostruiti Totale ricavi dichiarati Differenza INDICE DI PERICOLOSITA FISCALE L importo massimo deducibile in dichiarazione dei redditi per ciascun evento luttuoso è pari a euro 1.549,37. Può costituire indice di rischio d evasione riscontrare che il prezzo medio applicato è in linea o di poco superiore all importo deducibile 55

56 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Lo studio di settore è il modello UG55U servizi di pompe funebri e attività connesse Nel quadro D è richiesto espressamente di indicare in modo analitico i servizi effettuati nell anno 56

57 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri E richiesto inoltre di indicare l ambito territoriale, la tipologia di clientela e il numero di addetti all attività 57

58 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 58

59 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 59

60 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da ditta individuale: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Persone Fisiche Se l attività è esercitata da società di persone: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Società di Persone 60

61 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da una società di capitali: controllo dei RICAVI indicati nel rigo RS 107 del mod. Unico Società di Capitali In ogni caso, è anche possibile consultare i bilanci depositati presso la Camera di Commercio, tramite interrogazione con la procedura TELEMACO 61

62 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 62

63 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA 63

64 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Ambito Tipologia Segnalazione Commercio e Professioni Ente non commerciale con attività lucrativa La segnalazione si riferisce alle ipotesi di enti che, pur qualificandosi come non commerciali, presentano circostanze sintomatiche di attività lucrative. Questo tipo di segnalazione è ripartita in 2 categorie: Descrizione a)enti iscritti in registri gestiti da enti pubblici (Onlus, Organizzazioni di volontariato, ONG, Coop. Sociali, Ass. Sportive Dilettantistiche, Ass. di promozione sociale).tali segnalazioni pervengono all Agenzia delle Entrate tramite la procedura Siatel Punto Fisco. b)enti non commerciali con attività lucrativa non rientranti nei casi precedenti. In questa tipologia sono inserite le segnalazioni relative ad altri enti non rientranti nei casi precedenti, quali ad es., circoli culturali e ricreativi, palestre, associazioni al cui interno sono presenti bar, ristoranti, enoteche, discoteche accessibili al pubblico). Tali segnalazioni pervengono alla Guardia di Finanza tramite la procedura Siatel Punto Fisco. 64

65 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA FINALITA DEL PERCORSO è l individuazione di tutti quei soggetti che utilizzano lo schema associativo solo per eludere gli obblighi tributari e per fruire indebitamente delle agevolazioni fiscali previste per gli Enti non commerciali 65

66 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Fonti d innesco Autorizzazioni comunali rilasciate agli ENC per somministrazione alimenti e bevande a favore dei soci; licenze per attività di intrattenimento e spettacolo all aperto Autorizzazioni comunali per esposizione di cartellonistica pubblicitaria e/o insegne a carattere strettamente commerciale Accertamenti ICI-IMU/-TARI (e fino al 31/12/2013 TARES/TARSU/TIA) Attività Polizia Municipale per il presidio del territorio Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco Verifica dei dati fiscali (titolarità partita Iva, interrogazione delle dichiarazioni dei redditi) 66

67 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Gli Enti non commerciali sono enti pubblici e privati (...) che non hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali (art. 73, co. 1. lett. c) Tuir) OGGETTO ATTIVITA REQUISITO DELLA NON COMMERCIALIT A PREVALENTE Agli Enti non commerciali non è precluso l esercizio di un attività commerciale (es.strumentale alla raccolta di fondi),purché sia esercitata in via secondaria rispetto all attività istituzionale (es. culturale, ambientale, ricreativa, sociale ecc.) L art 149 del Tuir infatti dispone che l Ente perde la qualifica di ENC qualora eserciti prevalentemente attività commerciale per un intero periodo di imposta 67

68 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Tutti gli Enti non commerciali, al momento della loro costituzione, devono presentare all Agenzia delle Entrate apposita richiesta per l attribuzione del CODICE FISCALE Il c.f. è indispensabile per : aprire un c/c bancario intestare all associazione beni immobili stipulare contratti di locazione richiedere contributi a enti pubblici o privati erogare compensi, versare ritenute d acconto ecc. Qualora intendano intraprendere anche un attività commerciale, pur sempre marginale rispetto a quella principale indicata nello statuto, devono dichiararlo all Agenzia delle entrate entro 30 gg. chiedendo l attribuzione di una PARTITA IVA ai sensi dell art. 35 del DPR 633/

69 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Se l Ente non commerciale svolge attività commerciale ma non ha la Partita Iva, può essere già inviata una segnalazione qualificata nell ambito Commercio e Professioni. 69

70 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Una segnalazione qualificata mira a fornire elementi volti a dimostrare la sussistenza di vere e proprie attività economiche di natura prettamente commerciale, incompatibili con la natura di ente non commerciale dichiarata, nonché con lo spirito dell associazionismo che spesso li caratterizza. Prevalenza dell attività commerciale rispetto a quella istituzionale - Disconoscimento della qualifica di ente non commerciale - i relativi proventi sono ricondotti a tassazione ordinaria, con la revoca di qualsivoglia agevolazione fiscale Mancata dichiarazione di attività commerciale non prevalente rispetto a quella istituzionale In tali casi, stante l effettiva presenza di attività istituzionale, si procede al recupero a tassazione dei proventi che sono stati sottratti all imposizione fiscale ordinaria, ciò potrebbe peraltro determinare la revoca di regime agevolativi (es. L. 398/91). 70

71 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA REGOLE DI CARATTERE GENERALE... E RELATIVE ECCEZIONI non è commerciale l attività svolta nei confronti degli associati o partecipanti le attività dietro pagamento di CORRISPETTIVI SPECIFICI anche se rivolte agli associati o partecipanti sono considerate commerciali (deroga per alcune associazioni vedi slide successiva) non concorrono a formare il reddito tutte le somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di quote o contributi associativi, in quanto si considerano corrisposte per consentire la copertura delle spese di funzionamento dell associazione I CONTRIBUTI E LE QUOTE SUPPLEMENTARI versate dagli associati o partecipanti e determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto, concorrono alla formazione del reddito (Salvo altresì il disposto dell art. 143, c. 1 TUIR) 71

72 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Deroga per alcune associazioni Enti di tipo associativo 148 TUIR «corrispettivi specifici comunque non commerciali» politiche sindacali e di categoria religiose assistenziali culturali sportive dilettantistiche di promozione sociale di formazione extra-scolastica della persona Per queste associazioni NON SONO COMMERCIALI le attività rese verso pagamento di corrispettivi specifici, nei confronti di iscritti, associati o partecipanti, sempre che le attività siano svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali a condizione che: si inseriscano negli statuti le clausole previste dall art. 148, comma 8, Tuir sia presentato mod. EAS 72

73 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA CORRISPETTIVI SPECIFICI DA PARTE DI NON SOCI Si considera commerciale qualsiasi attività, effettuata dalla ASSOCIAZIONE, dietro pagamento di corrispettivi specifici in favore di «non soci» es. affitto campo da tennis/ingresso piscina/corso in favore di non socio- non associato- non partecipante/tesserato per altra associazione affiliata alla medesima federazione sportiva 73

74 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Attività commerciali art 55 Tuir ATTIVITA COMMERCIALI sono quelle che determinano reddito d impresa (art. 55 Tuir): attività di cui all art cc attività industriali dirette alla produzione di beni e servizi; attività intermediarie nella circolazione dei beni; attività di trasporto; attività bancarie ed assicurative; altre attività ausiliarie delle precedenti o attività di prestazioni di servizi non rientranti nell art c.c. se svolte con i connotati dell organizzazione 74

75 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Attività considerate sempre commerciali per tutti gli ENC (incluso gli «Enti di tipo associativo») anche se effettuate nei confronti dei propri associati (148 c.4 Tuir) o cessioni di beni nuovi prodotti per la vendita; o somministrazione di pasti (vedi eccezione slide successiva); o erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore; o prestazioni alberghiere o di alloggio; o trasporto e deposito (merci e persone); o servizi portuali e aeroportuali; o gestione di spacci aziendali e di mense; o organizzazione di viaggi e soggiorni turistici (vedi eccezione slide successiva); o gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale; o pubblicità commerciale; o telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari. 75

76 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA ECCEZIONE: alcune attività NON SI CONSIDERANO COMMERCIALI quando sono esercitate da particolari tipologie di associazioni individuate puntualmente L attività di somministrazione di bevande ed alimenti (es: bar/ristorante interni ai circoli ricreativi) da parte di un ente non commerciale è sempre considerata attività commerciale, anche se diretta ai soci tranne che non sia esercitata da un Associazione di promozione sociale ( ex L 287/91 art.3 c. 6 lett. e) nei confronti dei propri iscritti/associati come attività complementare a quella istituzionale L attività di organizzazione di viaggi e soggiorni turistici da parte di un ente non commerciale è sempre considerata attività commerciale, anche se diretta ai soci tranne che non sia esercitata da un Associazione di promozione sociale ( ex L 287/91 art.3 c. 6 lett. e) o da un associazione politica, sindacale e di categoria, religiosa nei confronti dei propri iscritti/associati 76

77 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA : REGIME FISCALE Gli ENC sono soggetti all IRES con aliquota del 27,5%. Come le persone fisiche, il reddito degli ENC è dato dalla somma di: - redditi fondiari; - redditi di capitale; - redditi d impresa; - redditi diversi. Compilano il Mod. Unico ENC, per dichiarare i redditi posseduti. I soggetti esercenti attività commerciali in via abituale (e quindi obbligati alla tenuta delle scritture contabili) devono presentare la dichiarazione anche in mancanza di redditi. Per i redditi d impresa: Quadro RG (contabilità semplificata e regimi forfetari) Quadro RF (contabilità ordinaria). 77

78 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA DOVE SI DICHIARA IL REDDITO DI IMPRESA DEGLI ENC? Quadro RF I ricavi sono esposti nel Quadro RS rigo RS111 Quadro RG 78

79 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA 79

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALLA LOTTA ALL EVASIONE. Intervento di FIORELLA PELLICANO Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della Lombardia

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALLA LOTTA ALL EVASIONE. Intervento di FIORELLA PELLICANO Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della Lombardia LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALLA LOTTA ALL EVASIONE Intervento di FIORELLA PELLICANO Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della Lombardia Provvedimento del 03/12/2007 Ambito d intervento Le segnalazioni

Dettagli

Residenze fittizie all estero e Beni indicanti capacità contributiva

Residenze fittizie all estero e Beni indicanti capacità contributiva «Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale» Partecipazione dei Comuni all accertamento erariale: Ambiti di intervento Residenze fittizie all estero e Beni indicanti

Dettagli

Parte 1a. rag. Cristina Volpi

Parte 1a. rag. Cristina Volpi Parte 1a rag. Cristina Volpi 1 Il termine ente non profit La definizione di ente no profit o ente senza scopo di lucro è basata sulla caratteristica di segno negativo (NO), intesa come l impossibilità

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche

Associazioni Sportive Dilettantistiche http://www.amministrazioneaziendale.com/associazioni-sportive-dilettantistiche.php Associazioni Sportive Dilettantistiche Negli ultimi anni l attività sportiva dilettantistica ha ricevuto particolare attenzione

Dettagli

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI ASPETTI GENERALI Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG gli enti non commerciali residenti e non residenti con

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

«Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale»

«Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale» «Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale» Partecipazione dei Comuni all accertamento erariale: Inquadramento normativo, procedure informatiche, segnalazioni qualificate

Dettagli

Urbanistica e Territorio e Proprietà Edilizie e Patrimonio Immobiliare

Urbanistica e Territorio e Proprietà Edilizie e Patrimonio Immobiliare «Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale» Partecipazione dei Comuni all accertamento erariale: Ambiti di intervento Urbanistica e Territorio e Proprietà Edilizie

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio Gli Enti Associativi - definizione Un ente associativo è una persona giuridica privata, ossia un complesso organizzato di persone

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI Relatore Dott.ssa Luisa Mortati WORKSHOP IL FISCO E LA SICUREZZA PER LE ASSOCIAZIONI Giovedì, 16 Ottobre 2014 AGENDA LE ASSOCIAZIONI COSTITUZIONE e

Dettagli

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali 1 AMBITO CIVILISTICO AMBITO TRIBUTARIO FINALITA perseguimento di uno scopo di natura ideale non valutabile economicamente OGGETTO

Dettagli

Il punto su sport dilettantistico e fisco

Il punto su sport dilettantistico e fisco Il punto su sport dilettantistico e fisco 5 /7/ 2011 09:30 14:30 Sarmeola di Rubano Villa Borromeo Il contratto di sponsorizzazione sportiva : aspetti fiscali Dott. Luca Caramaschi 2 Definizione Concessione,

Dettagli

Attività commerciale- Partita Iva - Regime Forfettario

Attività commerciale- Partita Iva - Regime Forfettario Cosa s intende per attività commerciale? Per attività commerciale s intende l esercizio, anche occasionale, di una delle attività previste dall art. 2195 del codice civile, vale a dire: 1. attività industriale

Dettagli

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali Corso di Formazione Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali delle associazioni Sportive Brindisi 5 febbraio 2014 LO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA In sede di conversione del DL n. 72/2004

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Il/La sottoscritto/a in qualità di presidente del Circolo/Associazione denominato/a

Il/La sottoscritto/a in qualità di presidente del Circolo/Associazione denominato/a N.B.: 1. L'ATTIVITA' POTRA' ESSERE INTRAPRESA PREVIA PRESENTAZIONE DELLA S.C.I.A. SANITARIA AL S.U.A.P. DEL COMUNE AI FINI DELL'INOLTRO ALLA A.U.S.L. COMPETENTE 2. TUTTI I DOCUMENTI DOVRANNO ESSERE FIRMATI

Dettagli

ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE

ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE Circolare informativa per la clientela n. 18/2013 del 6 giugno 2013 ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE In questa Circolare 1. Enti associativi Norme del D.P.R. 917/1986 2.

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo Università ità Commerciale Luigi i Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ENTI NON COMMERCIALI Francesco Dal Santo Panoramica Qualificazione ENTI NON COMMERCIALI Non commercialità:

Dettagli

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONE L associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono: 1. lo scopo

Dettagli

PROFILI FISCALI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

PROFILI FISCALI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI PROFILI FISCALI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Sommario: 1. Qualificazione degli enti non commerciali - 2. Individuazione dell oggetto esclusivo o principale dell attività - 3. Perdita della qualifica di ente

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI Cos è il modello EAS L art. 30, commi 1,2,3 e 3 bis del decreto legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni dalla legge

Dettagli

LEGGE N. 398 DEL 1991

LEGGE N. 398 DEL 1991 LEGGE N. 398 DEL 1991 A CHI SI APPLICA LA LEGGE a) A tutte le associazioni sportive dilettantistiche non riconosciute, ex art. 36 del codice civile, affiliate alle federazioni sportive nazionali o agli

Dettagli

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 Funzionari relatori: DE LUCA VALERIA ORLANDO STEFANO MODELLO EAS 1 LA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Corso Diritto Tributario

Corso Diritto Tributario Corso Diritto Tributario Il reddito d impresad Lezione 16/ PARTE I Il reddito d impresad L articolo 55 tratta del reddito d impresa d delle persone fisiche (come categoria IRPEG) Le norme sulla determinazione

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano.

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano. Cos è l Irap? E una sorta di tassa sul costo del lavoro. Se l associazione ha personale dipendente, un collaboratore a progetto o delle prestazioni di lavoro autonomo occasionale deve pagare l Irap su

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche A cura del Dott. Fabio Romei Dottore

Dettagli

CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna

CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna lunedì 6 marzo 2006 Relatore: Dott.ssa Roberta Gaudenzi, Consulente

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

Legge 16 dicembre 1991 n. 398. Normativa riservata alle associazioni. Permette di determinare a forfait. Reddito di Impresa. Altre agevolazioni

Legge 16 dicembre 1991 n. 398. Normativa riservata alle associazioni. Permette di determinare a forfait. Reddito di Impresa. Altre agevolazioni Legge 16 dicembre 1991 n. 398 Normativa riservata alle associazioni Permette di determinare a forfait Reddito di Impresa IVA Altre agevolazioni 1 Art. 1 - Esercizio dell' opzione Le associazioni sportive

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi Articolo 30 del decreto legge 29/11/08, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla Legge 28/01/09, n. 2

Dettagli

Fiscalità e bilancio Aspetti operativi

Fiscalità e bilancio Aspetti operativi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE CONVEGNO ENTI NO PROFIT ASSOCIAZIONI: Fiscalità e bilancio Aspetti operativi 25 settembre 2009 - Auditorium Don Bosco S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Gli Enti di tipo

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI PER GLI ENTI ASSOCIATIVI

COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI PER GLI ENTI ASSOCIATIVI SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI AMBITO SOGGETTIVO MODELLO EAS MODALITÀ SEMPLIFICATE DI COMPI- LAZIONE AGEVOLAZIONI AI FINI DELLE IM- POSTE DIRETTE AGEVOLAZIONI AI FINI IVA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI

Dettagli

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista Livorno, 9 Maggio 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista ENTE SPORTIVO DILETTANTISTICO La natura di Ente Sportivo Dilettantistico si acquisisce: 1. l affiliazione ad

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Emanuela Tarulli Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Claudia Balestra Dott. Andrea

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16)

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16) SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Maggio 2016 Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande Dom.15 (termine differito a lunedì 16) Iva Registrazione Termine ultimo per l annotazione delle

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

La partecipazione dei Comuni all accertamento dei tributi erariali. Antonino GENTILE Direttore Regionale Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna

La partecipazione dei Comuni all accertamento dei tributi erariali. Antonino GENTILE Direttore Regionale Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna La partecipazione dei Comuni all accertamento dei tributi erariali Antonino GENTILE Direttore Regionale Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna IL TERRITORIO FISCALE Livelli di governo territoriale nell attuazione

Dettagli

ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE ASPETTI FISCALI DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Dott. Corrado Colombo MILANO - 15 novembre 2010 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LE PECULIARITA FISCALI DELLE

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI ERARIALI 1 di Antonino Gentile (Direttore Regionale Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna) 17 novembre 2010 Gli articoli 25 e 26 della legge delega

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 23 del 30 settembre 2009 Enti associativi e società sportive dilettantistiche - Comunicazione all Agenzia delle Entrate dei dati fiscalmente rilevanti - Approvazione

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie A cura del Settore Affiliazioni della FCI Che cos è un Associazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Conferenza Episcopale Italiana 3 Convegno Nazionale degli Economi Diocesani L Istruzione in materia amministrativa 2005 AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Rag. PATRIZIA CLEMENTI, Tributarista

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV CORSO DI FORMAZIONE 2014 Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV LEGGE 398 DEL 16/12/1991 REQUISITI OGGETTIVI Esercizio dell opzione Rispetto del limite dimensionale non superiore

Dettagli

Modello EAS semplificato: istruzioni per l uso.

Modello EAS semplificato: istruzioni per l uso. ARSEA INFORMA 120 _2009 Modello EAS semplificato: istruzioni per l uso. Proseguiamo l esame della Circolare n.45 del 29 ottobre 2009 dell Agenzia delle Entrate esaminando in questa sede esclusivamente

Dettagli

Normativa fiscale di vantaggio per ASD e gli accertamenti degli Uffici preposti. a cura di. Docente di Organizzazione sportiva e mercato del lavoro

Normativa fiscale di vantaggio per ASD e gli accertamenti degli Uffici preposti. a cura di. Docente di Organizzazione sportiva e mercato del lavoro ASD DI HOCKEY E FISCO SPORT NO PROBLEM Normativa fiscale di vantaggio per ASD e gli accertamenti degli Uffici preposti Indicazioni e consigli per i dirigenti delle ASD di Hockey Dichiarazione etica La

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

Associazioni sportive dilettantistiche modifiche in vista in materia di sanzioni per mancata tracciabilità degli incassi

Associazioni sportive dilettantistiche modifiche in vista in materia di sanzioni per mancata tracciabilità degli incassi N. 228 del 24.07.2015 La Memory A cura di Alessandro Borghese e Mauro Muraca Associazioni sportive dilettantistiche modifiche in vista in materia di sanzioni per mancata tracciabilità degli incassi Le

Dettagli

Fiscal Adempimento N. 10. La presentazione del Modello EAS. La circolare di aggiornamento professionale 16.03.2015. Premessa.

Fiscal Adempimento N. 10. La presentazione del Modello EAS. La circolare di aggiornamento professionale 16.03.2015. Premessa. Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 10 16.03.2015 La presentazione del Modello EAS Categoria: Associazioni Sottocategoria: Adempimenti L art. 30, D.L. 29.11.2008, n. 185,

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO

PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO INDIVIDUAZIONE ED ANALISI DI FATTISPECIE EVASIVE/ELUSIVE RIENTRANTI NEGLI AMBITI DI COLLABORAZIONE CON I COMUNI 1 Attività istruttoria per la raccolta degli elementi

Dettagli

REGIMI CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILRTTANTISTICHE

REGIMI CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILRTTANTISTICHE REGIMI CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILRTTANTISTICHE 1 Regimi contabili e di determinazione dell imponibile Sostanzialmente, in base alla normativa in

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 OGGETTO

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO GUIDA E CHECK LIST PER LA FORMULAZIONE DI SEGNALAZIONI QUALIFICATE

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO GUIDA E CHECK LIST PER LA FORMULAZIONE DI SEGNALAZIONI QUALIFICATE Direzione Regionale Emilia-Romagna LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO GUIDA E CHECK LIST PER LA FORMULAZIONE DI SEGNALAZIONI QUALIFICATE Versione 1.0 del 16 Marzo 2010 2 La partecipazione

Dettagli

SOCIETA' E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Mario Frascarelli

SOCIETA' E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Mario Frascarelli SOCIETA' E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Mario Frascarelli Tutte le formule riportate in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. Per scaricare i file relativi si vedano le

Dettagli

BREVI NOTE SUL SOGGETTO GIURIDICO ASSOCIAZIONE E COMPATIBILITA CON IL LAVORO CON COMPENSO

BREVI NOTE SUL SOGGETTO GIURIDICO ASSOCIAZIONE E COMPATIBILITA CON IL LAVORO CON COMPENSO BREVI NOTE SUL SOGGETTO GIURIDICO ASSOCIAZIONE E COMPATIBILITA CON IL LAVORO CON COMPENSO L Associazione è disciplinata, dal punto di vista giuridico, dal Codice Civile fra gli enti collettivi senza scopo

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario TRASFERTE E RIMBORSI SPESE Sintesi della normativa Casi pratici e novità fiscali Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale SOMMARIO Normativa e prassi di riferimento Le imprese e le varie

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Requisiti e benefici fiscali degli enti associativi.

Requisiti e benefici fiscali degli enti associativi. Iniziativa realizzata nell ambito del progetto per il piano di intervento per l associazionismo 2009 Requisiti e benefici fiscali degli enti associativi. A cura della Dott.ssa Francesca Colecchia Arsea

Dettagli

Seminari FISE 2014 di aggiornamento fiscale. Le problematiche fiscali ed accertamento. nelle associazioni sportive dilettantistiche

Seminari FISE 2014 di aggiornamento fiscale. Le problematiche fiscali ed accertamento. nelle associazioni sportive dilettantistiche Seminari FISE 2014 di aggiornamento fiscale Le problematiche fiscali ed accertamento nelle associazioni sportive dilettantistiche a cura Fabio Romei Dottore Commercialista romei@studioromei.it PREMESSA

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE aprile MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE Principali novità A cura di Roberta Braga Dottore commercialista in Mantova. Indice 1. Premessa 2. Novità in tema di reddito di impresa e/o di lavoro autonomo

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI

IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO BANDE MUSICALI IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI Dott. Corrado Colombo 21 marzo 2014 - corso Europa Milano LE PECULIARITA FISCALI DELLE BANDE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Provincia di Bologna CONTROLLI. L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010. Relatore - Andrea Bonaveri

Provincia di Bologna CONTROLLI. L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010. Relatore - Andrea Bonaveri Provincia di Bologna CONTROLLI L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010 ACCERTAMENTI E VERIFICHE FISCALI su associazioni senza scopo di lucro SOGGETTI CONTROLLABILI Associazioni senza

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 119 DEL 18.10.1991) I N D I C

Dettagli

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO PRO LOCO ADEMPIMENTI CIVILISTICI E TRIBUTARI Dott. Raffaele De Spirito 1 Norme di carattere civilistico: - Art. 36 e segg. del Cod. Civ. Norme di carattere tributario: - Art. 4 e 19 ter del D.P.R. n. 633/72

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEDA 1 AFFILIAZIONE della circolare tesseramento 2014 2015

ALLEGATO 1 SCHEDA 1 AFFILIAZIONE della circolare tesseramento 2014 2015 ALLEGATO 1 SCHEDA 1 AFFILIAZIONE della circolare tesseramento 2014 2015 MODALITA DI AFFILIAZIONE REQUISITI Possono affiliarsi all Unione Sportiva Acli le associazioni/società sportive dilettantistiche,

Dettagli

NORMATIVA & APPROFONDIMENTI

NORMATIVA & APPROFONDIMENTI NORMATIVA & APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI CONTABILIZZAZIONE DELLE SPESE DI VITTO E ALLOGGIO Marzo 2009 - SPESE DI RAPPRESENTANZA - PREMESSA Come già annunciato nello scorso mese di novembre, si è concluso

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI FRUIBILITÀ DELL AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA 1 1 NUOVO REGIME AGEVOLATO PER GLI AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della L. 23.12.2014 n. 190

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 riferimento: i) ai soggetti che iniziano l attività nel 2016; ii) ai soggetti già in attività nel 2015 in relazione alle scelte per il 2016. Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli