«Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale»"

Transcript

1 «Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale» Partecipazione dei Comuni all accertamento erariale: Ambito di intervento Commercio e Professioni 1

2 Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale Il Progetto SemplifiSco L intervento progettuale, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica e gestito da ANCI ed IFEL, è rivolto prevalentemente ai Comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). Con il fine di promuovere un confronto ed uno scambio tra esperienze acquisite in contesti territoriali diversi, è altresì prevista la partecipazione di Comuni appartenenti ad altre Regioni. Il progetto tende al rafforzamento delle competenze tecniche e di governo nei Comuni, in riferimento al tema della partecipazione degli stessi alle attività di accertamento erariale e, conseguentemente, al rafforzamento della cooperazione interistituzionale. 2

3 Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale I soggetti beneficiari Ambito Governance Ambito Tecnico-Operativo Sindaci, Assessori, Presidenti Unioni di Comuni Dirigenti, Responsabili di servizio, Funzionari ed Istruttori Uffici Tributi e non solo Sono identificati come beneficiari prioritari i settori generalmente impegnati nella gestione dei tributi locali. Tuttavia, nell ottica della gestione sinergica dei processi di lotta all evasione da parte delle Amministrazioni comunali, è auspicabile anche la partecipazione da parte di operatori dell Ufficio Anagrafe, Ufficio Commercio, Ufficio Tecnico, Polizia locale. 3

4 Attività di semplificazione dei processi organizzativi per la fiscalità locale Il Piano progettuale Partecipazione dei Comuni all accertamento erariale Soluzioni e cruscotti per la fiscalità locale Formazione integrata (webinar, incontri territoriali, piattaforma FAD) Auto-valutazione (Self Assessment) Condivisione strumenti per la fiscalità locale COMUNI BENEFICIARI 4

5 METTETEVI COMODI 5

6 PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI ERARIALI Ambito di intervento Commercio e Professioni 6

7 AMBITO COMMERCIO E PROFESSIONI Gli ambiti di intervento Sono stati definiti gli ambiti di collaborazione dei Comuni, individuando cinque macroaree: Commercio e professioni Urbanistica e territorio Proprietà edilizie e patrimonio immobiliare Residenze fittizie all estero Beni indicativi di capacità contributiva Provv. Dir. Ag. Entrate del 3 dicembre 2007 e del 29 maggio

8 AMBITO COMMERCIO E PROFESSIONI In questo ambito i Comuni effettuano segnalazioni qualificate nei confronti di soggetti che svolgono Attività di Impresa «Commercio Attività di Lavoro autonomo e professioni» 8

9 REDDITO DI IMPRESA (cenni) REDDITO DI IMPRESA (artt. 55 e segg. TUIR) IMPRESA Esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di imprese commerciali (art c.c.), anche se non organizzate in forma di impresa (include ad es. idraulico, elettricista) Altre attività di prestazioni di servizi (diverse da «professioni intellettuali»), organizzate in forma di impresa (es. mediatore immobiliare, consulente finanziario, investigatore privato) Attività agricola, che ecceda i limiti dell esercizio normale dell agricoltura individuati dall art. 32 TUIR Proventi (di qualsiasi natura) conseguiti da società commerciali di persone (Snc; Sas; società di fatto), società di capitali (Srl; Sapa; Spa), società cooperative ed enti commerciali Enti non commerciali, per le attività commerciali non prevalenti esercitate 9

10 REDDITO DI IMPRESA 10

11 REDDITO DI IMPRESA (cenni) CRITERIO DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO DI IMPRESA PRINCIPIO DI COMPETENZA Concorrono a formare il reddito di impresa Componenti positivi (ricavi, plusvalenze, sopravvenienze attive) e Componenti negativi (costi, minusvalenze, sopravvenienze passive) riferibili al periodo di imposta indipendentemente dalla manifestazione finanziaria 2015 (consegna) Ricavo (competenza) Pagamento del 2016 (irrilevante) 11

12 REDDITO DI IMPRESA (cenni) DOVE SI DICHIARA IL REDDITO DI IMPRESA? Imprenditore (persona fisica) Quadro RF Quadro RG Quadro LM (imposta sostitutiva) Quadro CM Contabilità ordinaria RN1 Contabilità semplificata RN1 Regime fiscale di vantaggio (dal 1/1/2012) 12

13 REDDITO DI LAVORO AUTONOMO (cenni) 13

14 REDDITO DI LAVORO AUTONOMO (cenni) CRITERIO DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO AUTONOMO PRINCIPIO DI CASSA Il reddito di lavoro autonomo è dato dalla differenza tra Compensi «percepiti» nel periodo di imposta e Spese «sostenute» nel medesimo periodo di imposta, sempreché siano inerenti l esercizio l dell arte o della professione 2015 (visita medica) (irrilevante) Pagamento del 2016 (momento imponibile) 14

15 REDDITO DI LAVORO AUTONOMO (cenni) DOVE SI DICHIARA IL REDDITO DI LAVORO AUTONOMO? (persona fisica) Quadro RE Regime ordinario RN1 Quadro LM (imposta sostitutiva) Quadro CM Regime fiscale di vantaggio (dal 1/1/2012) 15

16 LE SEGNALAZIONI QUALIFICATE Le tipologie di segnalazioni All interno dei cinque ambiti di intervento, sono state poi individuate le tipologie di segnalazioni qualificate che possono essere inoltrate dai comuni; ciò anche al fine di dettagliatamente disciplinare quelle di competenza dell Agenzia delle Entrate e quelle di competenza della Guardia di Finanza Provv. Dir. Ag. Entrate del 3 dicembre 2007 e del 29 maggio

17 AMBITO DI INTERVENTO COMMERCIO E PROFESSIONI TIPOLOGIE DI SEGNALAZIONE Svolgimento di attività senza partita Iva Svolgimento di attivitàdiversada quella dichiarata nelle dichiarazioni fiscali Soggetti interessati da affissioni pubblicitarie abusive, sia imprese utilizzatrici sia soggetti che gestiscono gli impianti pubblicitari abusivi Ricavi / compensi incoerenti rispetto a quelli dichiarati Ente non commerciale con attività lucrativa: Ente iscritto in pubblici registri (es. Onlus) Ente non iscritto in pubblici registri... GdF AdE GdF GdF AdE GdF 17

18 Il criterio della tipologia affine Gli ambiti di intervento e le tipologie di segnalazione hanno la funzione di indirizzare l attività di segnalazione del Comune ma non impediscono la segnalazione di fattispecie diverse Segnalazioni non perfettamente aderenti alle tipologie previste possono essere trasmesse ugualmente, inserendole nella tipologia più affine, con l accortezza di illustrare tale circostanza nella motivazione della segnalazione. 18

19 SONDAGGIO 19

20 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA 20

21 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA Ambito Tipologia Segnalazione Commercio e professioni Svolgimento attività senza partita IVA Descrizione La tipologia di segnalazione attiene alle ipotesi di esercenti attività di impresa, arti e professioni svolte con carattere di abitualità, senza la partita IVA Tali segnalazioni pervengono alla Guardia di Finanza tramite la procedura Siatel Punto Fisco 21

22 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA L art. 35 del d.p.r. 633/72 sancisce l obbligo per i soggetti che intraprendono l esercizio di un impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato, di comunicarlo entro 30 giorni all Agenzia delle Entrate A seguito della dichiarazione di inizio attività, l ufficio attribuisce al contribuente un numero di partita IVA 22

23 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA Fonti d innesco Dati dell Ufficio Tributi Verbali della Polizia Municipale Tutti i servizi comunali preposti al rilascio di autorizzazioni Tutti i servizi comunali preposti alla verifica di attività imprenditoriali Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco interrogazione per la verifica della titolarità della partita Iva e delle dichiarazioni dei redditi 23

24 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : CASI PRATICI Da un controllo effettuato dalla Polizia Municipale nell ambito della ordinaria attività istituzionale è emerso che il sig. Figaro svolgeva l attività di parrucchiere in assenza della prescritta autorizzazione comunale. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non risulta rilasciata alcuna partita IVA. In occasione di un trasloco viene presentata da un privato, una richiesta di autorizzazione all occupazione temporanea di suolo pubblico. Da sopralluogo, la Polizia Municipale rileva la presenza di una ditta «organizzata» ma in SIATEL è stato riscontrato che non risulta rilasciata alcuna partita IVA. Nell ambito degli ordinari controlli nei mercati rionali effettuati dalla Polizia Municipale, è stato individuato un soggetto che svolgeva attività di commercio ambulante occupando abusivamente il posteggio. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non risulta rilasciata alcuna partita IVA. 24

25 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 25

26 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Il soggetto è titolare di partita Iva? SI NO 26

27 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 27

28 SVOLGIMENTO ATTIVITA SENZA PARTITA IVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 28

29 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA 29

30 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA Ambito Commercio e professioni Tipologia Segnalazione Svolgimento attività diversa da quella dichiarata Descrizione La tipologia di segnalazione attiene alle ipotesi di esercenti attività di impresa, arti e professioni che svolgono di fatto un attività diversa da quella dichiarata Tali segnalazioni pervengono all Agenzia delle Entrate tramite la procedura Siatel Punto Fisco 30

31 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA L art. 35 del d.p.r. 633/72 stabilisce l obbligo per i soggetti che intraprendono l esercizio di un impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato, al momento di attribuzione della partita Iva di dichiarare espressamente all Agenzia delle Entrate l attività che intendono svolgere, che viene identificata con un codice attività numerico Un soggetto titolare di partita Iva può legittimamente svolgere diverse attività, ma è obbligato a darne comunicazione all Agenzia delle Entrate, rendendo nota qualsiasi variazione intervenuta 31

32 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA Fonti d innesco Dati dell Ufficio Tributi Verbali della Polizia Municipale Tutti i servizi comunali preposti al rilascio di autorizzazioni Tutti i servizi comunali preposti alla verifica di attività imprenditoriali Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco interrogazione per la verifica dell attività dichiarata e delle dichiarazioni dei redditi 32

33 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : CASI PRATICI Da un sopralluogo effettuato dalla Polizia Municipale nell ambito della ordinaria attività istituzionale è emerso che il titolare di una pizzeria da asporto, che aveva chiesto il permesso di occupazione di suolo pubblico, di fatto esercitava l attività di pizzeria con consumazione ai tavoli, con conseguenziale utilizzo di personale e maggiorazione dei prezzi di listino. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non era stata dichiarata ai fini fiscali l attività rilevata. Nell ambito degli ordinari controlli ai fini Tarsu,è stato individuato un soggetto, titolare di partita Iva, esercente attività di coltivazione articoli floreali, che di fatto utilizzava il terreno per parcheggio camper e altri veicoli. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non era stata dichiarata ai fini fiscali l attività effettivamente svolta. A seguito della segnalazione, l AdE ha effettuato successivo sopralluogo e in contraddittorio ha accertato una rilevante evasione fiscale. 33

34 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 34

35 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verificare se sono state dichiarate molteplici attività 35

36 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 36

37 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da ditta individuale: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Persone Fisiche Se l attività è esercitata da società di persone: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Società di Persone 37

38 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da una società di capitali: controllo dei RICAVI indicati nel rigo RS 107 del mod. Unico Società di Capitali In ogni caso, è anche possibile consultare i bilanci depositati presso la Camera di Commercio, tramite interrogazione con la procedura TELEMACO 38

39 SVOLGIMENTO ATTIVITA DIVERSA DA QUELLA DICHIARATA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 39

40 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA 40

41 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA Ambito Commercio e professioni Tipologia Segnalazione Affissione pubblicitaria abusiva Descrizione La tipologia di segnalazione attiene alle ipotesi di esercenti attività di impresa di vario tipo, svolte in totale evasione, pubblicizzate affiggendo o distribuendo abusivamente volantini Tali segnalazioni pervengono alla Guardia di Finanza tramite la procedura Siatel Punto Fisco 41

42 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA Destinatari di questo tipo di controllo sono tutti quei soggetti che pubblicizzano le loro attività imprenditoriali (c.d. tuttofare) tramite l affissione o la distribuzione abusiva di volantini Vengono in considerazione anche i gestori delle attività pubblicitarie abusive a cui possono rivolgersi anche soggetti titolari di regolare partita Iva Al confine con altre tipologie (attività svolte senza partita iva, attività diversa da quella dichiarata) 42

43 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA Fonti d innesco Verbali della Polizia Municipale I servizi comunali preposti al rilascio di autorizzazioni per l installazione di impianti pubblicitari (servizi tributi-sportello unico- patrimonio ecc) Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco interrogazione per la verifica della regolarità della posizione fiscale e delle dichiarazioni dei redditi 43

44 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : CASI PRATICI A seguito del reperimento di volantini pubblicitari per i quali non era stata versata l imposta sulla pubblicità, né era stata richiesta alcuna autorizzazione alla distribuzione, è stato individuato dalla Polizia Municipale un soggetto che effettuava un attività di noleggio natanti. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che al soggetto committente non risulta rilasciata alcuna partita IVA. La Polizia Municipale ha intercettato un soggetto che effettuava l affissione di cartelli pubblicitari senza le regolari autorizzazioni. Dalla verifica effettuata in SIATEL è risultato che il committente era fiscalmente in regola ma il gestore dell impianto pubblicitario pur titolare di partita iva non presentava alcuna A seguito della regolare istanza prodotta al comune per l autorizzazione all affissione pubblicitaria relativa alla locazione stagionale di appartamenti, è stato individuato un soggetto che, in totale evasione di imposta, gestiva una attività «organizzata» di locazione di immobili per uso stagionale. Dalla verifica effettuata in SIATEL, è stato riscontrato che non era stata presentata dal soggetto alcuna dichiarazione dei redditi. dichiarazione. 44

45 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA I dati fiscalmente rilevati nel corso dell istruttoria, possono costituire fonte di innesco per varie segnalazioni Al momento della trasmissione della segnalazione nell ambito «Commercio e professioni» è possibile selezionare simultaneamente più tipologie Ad esempio: 45

46 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 46

47 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 47

48 AFFISSIONE PUBBLICITARIA ABUSIVA : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 48

49 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI 49

50 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI E la tipologia di evasione fiscale maggiormente diffusa, consistente nel parziale o totale occultamento di ricavi/compensi, con una conseguente dichiarazione dei redditi infedele. Rientrano in questa tipologia tutti quei soggetti esercenti attività di impresa, arti e professioni i cui ricavi/compensi dichiarati risultino palesemente non corrispondenti alla realtà economica in cui operano. 50

51 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI In considerazione della vastità delle ipotesi che rientrerebbero potenzialmente in questa tipologia, esaminiamo a livello esemplificativo un percorso di indagine, testato con successo in alcuni comuni, che può costituire anche un modello per altre segnalazioni di questa tipologia. 51

52 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Imprese di pompe funebri Per ragioni di tutela sanitaria il regolamento di Polizia Mortuaria (d.p.r. 285/1990) prevede che il trasporto dei defunti (finalizzato al seppellimento o alla cremazione) debba essere autorizzato dal Comune Il provvedimento di autorizzazione deve essere consegnato dall'incaricato del trasporto al custode del cimitero (art. 23). Analogamente per il trasporto di defunti verso altro Comune (art. 19 e segg.). Anche le operazioni di esumazione ordinarie e estumulazione dei feretri finalizzate allo svuotamento delle sepolture per essere riutilizzate, devono essere autorizzate dal Comune e annotate nei registri cimiteriali. (art. 82 e segg.) 52

53 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Autorizzazioni comunali al trasporto dei defunti Fonti d innesco Autorizzazioni comunali alle inumazioni e tumulazioni Autorizzazioni comunali alle esumazioni estumulazioni Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco Interrogazione delle dichiarazioni dei redditi 53

54 Modulo di domanda e rilascio dell'autorizzazione al trasporto di cadavere Al Comune di Il sottoscritto/a nato/a a il residente a in via n. cap. documento di riconoscimento tipo n. rilasciato da il in qualità di CHIEDE RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Il rilascio dell'autorizzazione al trasporto del cadavere di: Cognome/Nome nato a il abitante in vita a in via n. C.F.. Il decesso è avvenuto nel Comune di in data alle ore Da a sito/a in via nel Comune di previa sosta per le esequie presso la chiesa in. Il trasporto verrà effettuato dalla Impresa denominata sita in alla via tramite il veicolo tipo targato e condotto da accompagnato dai necrofori: Il richiedente 54

55 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri PRELIMINARMENTE E OPPORTUNO EFFETTUARE «UN INDAGINE DI MERCATO», AD ES. CONSULTANDO I SITI INTERNET DEDICATI AL SETTORE O ANCHE TRAMITE TELEFONATE «CONOSCITIVE» AGLI ESERCENTI L ATTIVITA DI POMPE FUNEBRI DEL PROPRIO COMUNE O DI COMUNI LIMITROFI Ricostruzione dei ricavi percepiti nell'anno 20 Trasporti di defunti autorizzati (funerali) n Servizi di esumazione/estumulazione autorizzati n Ricavi "stimati" da trasporti e servizi funebri n _ trasporti x n _ "servizi" x = = Totale ricavi ricostruiti Totale ricavi dichiarati Differenza INDICE DI PERICOLOSITA FISCALE L importo massimo deducibile in dichiarazione dei redditi per ciascun evento luttuoso è pari a euro 1.549,37. Può costituire indice di rischio d evasione riscontrare che il prezzo medio applicato è in linea o di poco superiore all importo deducibile 55

56 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri Lo studio di settore è il modello UG55U servizi di pompe funebri e attività connesse Nel quadro D è richiesto espressamente di indicare in modo analitico i servizi effettuati nell anno 56

57 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI percorso di indagine Imprese di Pompe Funebri E richiesto inoltre di indicare l ambito territoriale, la tipologia di clientela e il numero di addetti all attività 57

58 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica della significatività dei dati fiscali in SIATEL v2.0 Punto Fisco Interrogare il contribuente per verificare la presenza della P. Iva E possibile anche la ricerca tramite generalità (cognome, nome, data e luogo di nascita) 58

59 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: La dichiarazione dei redditi è stata presentata? SI NO 59

60 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da ditta individuale: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Persone Fisiche Se l attività è esercitata da società di persone: controllo dei ricavi nel rigo RG 2 (contabilità semplificata) o nel rigo RS116 (contabilità ordinaria) del mod. Unico Società di Persone 60

61 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: I ricavi dichiarati sono superiori a quelli ricostruiti? SI NO Se l attività è esercitata da una società di capitali: controllo dei RICAVI indicati nel rigo RS 107 del mod. Unico Società di Capitali In ogni caso, è anche possibile consultare i bilanci depositati presso la Camera di Commercio, tramite interrogazione con la procedura TELEMACO 61

62 RICAVI/COMPENSI INCOERENTI RISPETTO AI DICHIARATI : Fasi operative Verifica dei dati fiscali in Siatel v2.0 Punto Fisco: Controllo del rigo RN1 del mod. Unico Persone Fisiche Reddito complessivo 62

63 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA 63

64 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Ambito Tipologia Segnalazione Commercio e Professioni Ente non commerciale con attività lucrativa La segnalazione si riferisce alle ipotesi di enti che, pur qualificandosi come non commerciali, presentano circostanze sintomatiche di attività lucrative. Questo tipo di segnalazione è ripartita in 2 categorie: Descrizione a)enti iscritti in registri gestiti da enti pubblici (Onlus, Organizzazioni di volontariato, ONG, Coop. Sociali, Ass. Sportive Dilettantistiche, Ass. di promozione sociale).tali segnalazioni pervengono all Agenzia delle Entrate tramite la procedura Siatel Punto Fisco. b)enti non commerciali con attività lucrativa non rientranti nei casi precedenti. In questa tipologia sono inserite le segnalazioni relative ad altri enti non rientranti nei casi precedenti, quali ad es., circoli culturali e ricreativi, palestre, associazioni al cui interno sono presenti bar, ristoranti, enoteche, discoteche accessibili al pubblico). Tali segnalazioni pervengono alla Guardia di Finanza tramite la procedura Siatel Punto Fisco. 64

65 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA FINALITA DEL PERCORSO è l individuazione di tutti quei soggetti che utilizzano lo schema associativo solo per eludere gli obblighi tributari e per fruire indebitamente delle agevolazioni fiscali previste per gli Enti non commerciali 65

66 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Fonti d innesco Autorizzazioni comunali rilasciate agli ENC per somministrazione alimenti e bevande a favore dei soci; licenze per attività di intrattenimento e spettacolo all aperto Autorizzazioni comunali per esposizione di cartellonistica pubblicitaria e/o insegne a carattere strettamente commerciale Accertamenti ICI-IMU/-TARI (e fino al 31/12/2013 TARES/TARSU/TIA) Attività Polizia Municipale per il presidio del territorio Fonti di informazione Siatel v2.0 Punto Fisco Verifica dei dati fiscali (titolarità partita Iva, interrogazione delle dichiarazioni dei redditi) 66

67 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Gli Enti non commerciali sono enti pubblici e privati (...) che non hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali (art. 73, co. 1. lett. c) Tuir) OGGETTO ATTIVITA REQUISITO DELLA NON COMMERCIALIT A PREVALENTE Agli Enti non commerciali non è precluso l esercizio di un attività commerciale (es.strumentale alla raccolta di fondi),purché sia esercitata in via secondaria rispetto all attività istituzionale (es. culturale, ambientale, ricreativa, sociale ecc.) L art 149 del Tuir infatti dispone che l Ente perde la qualifica di ENC qualora eserciti prevalentemente attività commerciale per un intero periodo di imposta 67

68 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Tutti gli Enti non commerciali, al momento della loro costituzione, devono presentare all Agenzia delle Entrate apposita richiesta per l attribuzione del CODICE FISCALE Il c.f. è indispensabile per : aprire un c/c bancario intestare all associazione beni immobili stipulare contratti di locazione richiedere contributi a enti pubblici o privati erogare compensi, versare ritenute d acconto ecc. Qualora intendano intraprendere anche un attività commerciale, pur sempre marginale rispetto a quella principale indicata nello statuto, devono dichiararlo all Agenzia delle entrate entro 30 gg. chiedendo l attribuzione di una PARTITA IVA ai sensi dell art. 35 del DPR 633/

69 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Se l Ente non commerciale svolge attività commerciale ma non ha la Partita Iva, può essere già inviata una segnalazione qualificata nell ambito Commercio e Professioni. 69

70 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Una segnalazione qualificata mira a fornire elementi volti a dimostrare la sussistenza di vere e proprie attività economiche di natura prettamente commerciale, incompatibili con la natura di ente non commerciale dichiarata, nonché con lo spirito dell associazionismo che spesso li caratterizza. Prevalenza dell attività commerciale rispetto a quella istituzionale - Disconoscimento della qualifica di ente non commerciale - i relativi proventi sono ricondotti a tassazione ordinaria, con la revoca di qualsivoglia agevolazione fiscale Mancata dichiarazione di attività commerciale non prevalente rispetto a quella istituzionale In tali casi, stante l effettiva presenza di attività istituzionale, si procede al recupero a tassazione dei proventi che sono stati sottratti all imposizione fiscale ordinaria, ciò potrebbe peraltro determinare la revoca di regime agevolativi (es. L. 398/91). 70

71 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA REGOLE DI CARATTERE GENERALE... E RELATIVE ECCEZIONI non è commerciale l attività svolta nei confronti degli associati o partecipanti le attività dietro pagamento di CORRISPETTIVI SPECIFICI anche se rivolte agli associati o partecipanti sono considerate commerciali (deroga per alcune associazioni vedi slide successiva) non concorrono a formare il reddito tutte le somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di quote o contributi associativi, in quanto si considerano corrisposte per consentire la copertura delle spese di funzionamento dell associazione I CONTRIBUTI E LE QUOTE SUPPLEMENTARI versate dagli associati o partecipanti e determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto, concorrono alla formazione del reddito (Salvo altresì il disposto dell art. 143, c. 1 TUIR) 71

72 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Deroga per alcune associazioni Enti di tipo associativo 148 TUIR «corrispettivi specifici comunque non commerciali» politiche sindacali e di categoria religiose assistenziali culturali sportive dilettantistiche di promozione sociale di formazione extra-scolastica della persona Per queste associazioni NON SONO COMMERCIALI le attività rese verso pagamento di corrispettivi specifici, nei confronti di iscritti, associati o partecipanti, sempre che le attività siano svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali a condizione che: si inseriscano negli statuti le clausole previste dall art. 148, comma 8, Tuir sia presentato mod. EAS 72

73 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA CORRISPETTIVI SPECIFICI DA PARTE DI NON SOCI Si considera commerciale qualsiasi attività, effettuata dalla ASSOCIAZIONE, dietro pagamento di corrispettivi specifici in favore di «non soci» es. affitto campo da tennis/ingresso piscina/corso in favore di non socio- non associato- non partecipante/tesserato per altra associazione affiliata alla medesima federazione sportiva 73

74 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Attività commerciali art 55 Tuir ATTIVITA COMMERCIALI sono quelle che determinano reddito d impresa (art. 55 Tuir): attività di cui all art cc attività industriali dirette alla produzione di beni e servizi; attività intermediarie nella circolazione dei beni; attività di trasporto; attività bancarie ed assicurative; altre attività ausiliarie delle precedenti o attività di prestazioni di servizi non rientranti nell art c.c. se svolte con i connotati dell organizzazione 74

75 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA Attività considerate sempre commerciali per tutti gli ENC (incluso gli «Enti di tipo associativo») anche se effettuate nei confronti dei propri associati (148 c.4 Tuir) o cessioni di beni nuovi prodotti per la vendita; o somministrazione di pasti (vedi eccezione slide successiva); o erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore; o prestazioni alberghiere o di alloggio; o trasporto e deposito (merci e persone); o servizi portuali e aeroportuali; o gestione di spacci aziendali e di mense; o organizzazione di viaggi e soggiorni turistici (vedi eccezione slide successiva); o gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale; o pubblicità commerciale; o telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari. 75

76 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA ECCEZIONE: alcune attività NON SI CONSIDERANO COMMERCIALI quando sono esercitate da particolari tipologie di associazioni individuate puntualmente L attività di somministrazione di bevande ed alimenti (es: bar/ristorante interni ai circoli ricreativi) da parte di un ente non commerciale è sempre considerata attività commerciale, anche se diretta ai soci tranne che non sia esercitata da un Associazione di promozione sociale ( ex L 287/91 art.3 c. 6 lett. e) nei confronti dei propri iscritti/associati come attività complementare a quella istituzionale L attività di organizzazione di viaggi e soggiorni turistici da parte di un ente non commerciale è sempre considerata attività commerciale, anche se diretta ai soci tranne che non sia esercitata da un Associazione di promozione sociale ( ex L 287/91 art.3 c. 6 lett. e) o da un associazione politica, sindacale e di categoria, religiosa nei confronti dei propri iscritti/associati 76

77 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA : REGIME FISCALE Gli ENC sono soggetti all IRES con aliquota del 27,5%. Come le persone fisiche, il reddito degli ENC è dato dalla somma di: - redditi fondiari; - redditi di capitale; - redditi d impresa; - redditi diversi. Compilano il Mod. Unico ENC, per dichiarare i redditi posseduti. I soggetti esercenti attività commerciali in via abituale (e quindi obbligati alla tenuta delle scritture contabili) devono presentare la dichiarazione anche in mancanza di redditi. Per i redditi d impresa: Quadro RG (contabilità semplificata e regimi forfetari) Quadro RF (contabilità ordinaria). 77

78 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA DOVE SI DICHIARA IL REDDITO DI IMPRESA DEGLI ENC? Quadro RF I ricavi sono esposti nel Quadro RS rigo RS111 Quadro RG 78

79 ENTE NON COMMERCIALE CON ATTIVITA LUCRATIVA 79

PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO

PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO INDIVIDUAZIONE ED ANALISI DI FATTISPECIE EVASIVE/ELUSIVE RIENTRANTI NEGLI AMBITI DI COLLABORAZIONE CON I COMUNI 1 Attività istruttoria per la raccolta degli elementi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT - GUIDA PRATICA - a cura di: Gruppo di studio costituito tra Agenzia delle Entrate Direzioni Regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia Direzioni Provinciali

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori 1 INDICE Prefazione Parte prima ENTI NO PROFIT secondo

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro

La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro Approfondimenti e procedure La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro a cura del Gruppo di lavoro di Fiscalità d impresa dell ODCEC di Torino, Ivrea e Pinerolo Scopo del

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli