La Riforma del lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Riforma del lavoro"

Transcript

1 La Riforma del lavoro (Legge n. 92/2012) Roberto Roversi Avvocato e Ispettore della Direzione Territoriale del Lavoro di Modena * * Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero delld ell autore e non vincolano l amministrazione pubblica di appartenenza 1

2 Indice Parte I Le novità introdotte in tema di lavoro intermittente, accessorio, a termine, apprendistato, a progetto, associazione in partecipazione Parte II La nuova solidarietà negli appalti Parte III La disciplina delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro 2

3 Parte I Le novità introdotte in tema di lavoro intermittente, accessorio, a termine, apprendistato, a progetto, associazione in partecipazione 3

4 Il lavoro intermittente (artt. 33 e segg. D.Lgs 276/2003) 4

5 Il lavoro intermittente Nuovo ambito di applicazione 1 ipotesi - (art. 34 co 1 D.Lgs 276/03) - per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo e saltuario secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi (omissis)... ovvero per periodi predeterminati nell arco della settimana del mese o dell anno (sempre se individuate dai CCNL*) E rimessa pertanto alla contrattazione collettiva la determinazione sia delle esigenze che dei periodi predeterminati Ad oggi i CCNL che hanno disciplinato il lavoro intermittente sono: Agenzie Immobiliari, imprese onoranze funebri, cooperative sociali, studi professionali, alimentari, abbigliamento, Ced Centri elaborazione dati 5

6 Il lavoro intermittente 2 ipotesi - (art. 34 co 2) in ogni caso, con soggetti con più di 55 anni di età e con soggetti con meno di 24 anni, fermo restando che le prestazioni contrattuali devono essere svolte entro il venticinquesimo anno di età. Qualora il rapporto continui dopo il compimento del 25 anno, il rapporto verrà trasformato in contratto di lavoro subordinato a tempo pieno indeterminato (Circ( 20/2012 MLPS) 6

7 Il lavoro intermittente 3 ipotesi - (combinato disposto dell art 40 D.Lgs 276/2003 e D.M. 23/10/2004) Dove la contrattazione collettiva non sia intervenuta a disciplinare il lavoro intermittente, nei casi indicati dal R.D. n. 2657/1923. Trattasi delle 46 attività elencate (di cui molte desuete) tra cui camerieri, commessi, trasporti, fattorini, barbieri, magazzinieri, interpreti, ecc. 7

8 Il lavoro intermittente Abrogazioni Dal 18/7/2012 non possono essere stipulati contratti di lavoro intermittente: con lavoratori di età pari o superiore ai 24 e inferiore ai 55 anni* per periodi predeterminati nell anno ai sensi dell art. 37 D.Lgs 276/2003 (fine settimana, ferie estive, vacanze natalizie o pasquali) 8

9 Il lavoro intermittente Preclusioni Rimangono invariate quelle previste ante riforma (sostituzione lavoratori in sciopero, aziende nelle quali, nei 6 mesi precedenti, siano stati attuati licenziamenti collettivi, aziende che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi) 9

10 Il lavoro intermittente Indennità di disponibilità La circolare 20/2012 precisa che per effetto dell abrogazione dell art 37 non trova più applicazione già dal 18 luglio (sia per i nuovi che per i vecchi contratti) anche la disposizione secondo cui per i c.d. periodi predeterminati l indennità di disponibilità è corrisposta al prestatore di lavoro solo in caso di effettiva chiamata da parte del datore di lavoro. 10

11 Il lavoro intermittente Periodo transitorio Continuano a rimanere validi i contratti in essere alla data del 18/07/2012, anche se incompatibili con le disposizioni attualmente vigenti, fino al 18 luglio

12 Il lavoro intermittente Obblighi di comunicazione L obbligo di comunicare preventivamente le giornate nel corso delle quali verranno volte le prestazioni di lavoro intermittente nasce allo specifico fine di evitare/limitare gli abusi che negli ultimi anni si sono verificati con riferimento a tale tipologia contrattuale, introducendo una procedura ch appesantisce burocraticamente l utilizzo del lavoro intermittente stesso. 12

13 Il lavoro intermittente Il nuovo comma 3-bis 3 dell art 35 (D.Lgs( 276/03), meglio esplicato dalle successive Circolari n. 18 e 20 del 2012 e dalle note e del 2012 del MLPS,, individua le varie modalità per effettuare tale comunicazione che potrà avvenire tramite Fax, Sms, e e On-line. Rimane comunque possibile effettuare la comunicazione anche ai recapiti istituzionali (fax e e-e mail) delle DTL Il comma 3-bis 3 prevede che la comunicazione debba essere inviata alla DTL competente per territorio e possa essere effettuata prima dell inizio della prestazione lavorativa o di un ciclo integrato di prestazioni di durata non superiore ai 30 gg (il MLPS ha fornito un interpretazione più flessibile consentendo le comunicazioni anche con riferimento a 30 giornate lavorative anche in un periodo complessivo più ampio (es. 30 giornate individuate dal 1 1 gennaio al 30 aprile) 13

14 Il lavoro intermittente La comunicazione deve essere fatta prima dell inizio della prestazione (anche il giorno stesso, ma prima dell inizio della prestazione) La mancata presentazione del prestatore può essere effettuata entro le 48 ore successive al giorno in cui la prestazione doveva avvenire (in caso contrario la prestazione si ritiene effettuata sotto il profilo contributivo) L obbligo di comunicazione entra in vigore il 18/7/2012 e vale anche per i contratti di lavoro intermittente precedentemente stipulati 14

15 Il lavoro intermittente Sanzioni La sanzione amministrativa connessa all omessa, tardiva o errata comunicazione va da 400 a 2400 per ciascun lavoratore e non è diffidabile (800 ex l. 689/81). Criticità: : nelle Circolari 18 e 20 non è stato chiarito quante sanzioni debbano essere contestate al DL nel caso in cui lo stesso abbia omesso la comunicazione/i per più giornate* 15

16 Il lavoro accessorio (artt. 70 e segg. D.Lgs 276/2003) 16

17 Il lavoro accessorio La nuova definizione del Lavoro accessorio di cui all art. art. 70 D.Lgs 276/03: Per prestazioni di lavoro accessorio si intendono attività lavorative di natura meramente occasionale che non danno luogo, con riferimento alla totalità dei committenti,, a compensi superiori a euro nel corso di un anno solare, annualmente rivalutati sulla base della variazione dell indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell anno precedente Si riafferma quindi la originaria finalità dell istituto cioè quella di coprire spazi non coperti da altri istituti 17

18 Il lavoro accessorio La riforma riscrive interamente l art l 70 D.Lgs 276/03 eliminando le causali soggettive ed oggettive che consentivano il ricorso al lavoro accessorio. Viene semplificata e chiarita la modalità di utilizzo del lavoro accessorio (il quadro normativo), ora possibile per tutte le tipologie lavorative e di lavoratori Viene al contempo fortemente limitato l uso l della tipologia contrattuale, introducendo più stringenti limiti di carattere economico 18

19 Il lavoro accessorio Limiti di carattere economico commisurati a quanto ricevuto dal prestatore, nel corso dell anno solare, dalla totalità dei committenti ulteriore limite di utilizzo del prestatore accessorio a carico del committente imprenditore commerciale (a prescindere dall ambito ambito settoriale dell attivit attività di impresa) o professionista limite (introdotto dal decreto sviluppo per l anno l 2013) commisurato a quanto ricevuto nel corso dell anno solare, dalla totalità dei committenti dal prestatore percettore di integrazioni salariali o di sostegno del reddito (l INPS provvede a sottrarre la contribuzione figurativa dalle misure di sostegno conguagliando con gli accrediti contributivi derivanti dal LOA) 19

20 Il lavoro accessorio Ulteriore limite oggettivo per il settore agricolo In tale settore il lavoro accessorio si applica solo: alle attività di natura occasionale rese nell ambito delle attività agricole di carattere stagionale effettuate da pensionati e da giovani con n meno di 25 anni se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi preso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, compatibilmente con gli impegni scolastici, ovvero in qualunque periodo dell anno se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l universitl università; alle attività agricole svolte a favore di produttori agricoli che nell anno precedente hanno realizzato (o in caso di nuova attività prevedono realizzare) un volume d affari d non superiore a 7000 costituito per almeno 2/3 da cessione di prodotti. E tali attività accessorie non possono essere svolte da lavoratori che nell anno precedente erano iscritti negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli. 20

21 Il lavoro accessorio Riassumendo, in agricoltura il lavoro accessorio può essere utilizzato con il limite di 5000,00 solo se l attività è svolta da pensionati a da giovani con meno di 25 anni, oppure, a prescindere dai limiti soggettivi, a favore dei piccoli imprenditori agricoli. In ragione della specialità del settore agricolo si ritiene che non debba applicarsi il limite dei 2000,00 previsto per gli imprenditori commerciali o professionisti (Circ. 18/2012 MLPS). 21

22 Il lavoro accessorio Lavoratori extracomunitari: : al fine di favorire l integrazione degli stessi, la riforma prevede che i compensi percepiti nel LOA rilevino nel calcolo del reddito necessario per il rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno. 22

23 Il lavoro accessorio Nulla è cambiato circa la non computabilità, sotto l aspetto l fiscale, dei compensi percepiti attraverso il lavoro occasionale ed accessorio, nel senso che le somme (ora, ridotte, rispetto al passato) non sono soggette ad IRPEF e non incidono sullo status di disoccupato od inoccupato. 23

24 Il lavoro accessorio Periodo transitorio Possono continuare ad essere utilizzati i voucher acquisitati prima dell entrata entrata i vigore della presente legge, sino al 31/05/2013 rispettando la precedente disciplina. Se un committente imprenditore, al 18/7/2012 aveva già superato i 2000 non potrà più utilizzare prestazione accessorie di quel lavoratore (a meno che non sia in possesso di voucher acquistati precedentemente) 24

25 Il contratto a tempo determinato (D.Lgs 368/2001) 25

26 Il contratto a tempo determinato Modifiche apportate alla disciplina del contratto a tempo determinato dalla riforma del lavoro e dal successivo decreto sviluppo (DL( 83/12 convertito con L. 134/12): introdotto il contratto a termine a-causale ampliamento del periodo di sforamento dopo il termine del contratto lo stacco tra due successivi contratti a termine il nuovo limite occupazionale dei 36 mesi 26

27 Il contratto a tempo determinato In linea generale l art l 1, co 1 D.lgs 368/01 stabilisce che è consentita l'apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, anche se riferibili alla ordinaria attività del datore di lavoro. Analoga condizione è richiesta dall art. art. 20 co 4 D. Lgs.. 276/03 in relazione alla somministrazione a tempo determinato 27

28 Il contratto a tempo determinato (art.1 co 1-bis D.Lgs 368/01) introduce il Contratto a termine a- causale per il quale non è necessario indicare le ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo: E possibile nel caso di primo rapporto a tempo determinato,, di durata non superiore a 12 mesi,, tra un DL o utilizzatore e un lavoratore per lo svolgimento di qualunque tipo di mansione,, sia nella forma di contratto a tempo determinato sia nel caso di prima missione di un lavoratore nell ambito di un contratto di somministrazione a tempo determinato. 28

29 Il contratto a tempo determinato Durata non superiore a 12 mesi e divieto di proroga (art. 4 co 2-bis). I 12 mesi non costituiscono quindi una franchigia e non sono frazionabili Per lo svolgimento di qualunque mansione La ratio della norma è quella di consentire alle parti di conoscersi per un successivo eventuale inserimento nel contesto lavorativo 29

30 Il contratto a tempo determinato In alternativa al contratto a-causale a di cui all art.1 art.1 co 1-bis, la contrattazione collettiva a livello interconfederale o di categoria o, in via delegata ai livelli decentrati, potrà escludere l obbligo della causale per i contratti a tempo determinato stipulati, nella misura massima del 6% del totale dei lavoratori occupati nell unit unità produttiva, qualora l assunzione l avvenga per: avvio di nuova attività; lancio di un prodotto o di un servizio innovativo; implementazione di un rilevante cambiamento tecnologico; fase supplementare di un significativo progetto di ricerca o sviluppo; rinnovo o proroga di una commessa consistente. 30

31 Il contratto a tempo determinato L ampliamento del periodo di sforamento dopo il termine del contratto Se il rapporto di lavoro continua oltre il 30 giorno in caso di contratto di durata inferiore a sei mesi, ovvero oltre il 50 giorno negli altri casi, il contratto si considera a tempo indeterminato dalla scadenza dei predetti termini. I termini di 30 e 50 giorni hanno sostituito i precedenti termini di 20 e 30 giorni Disposizione ancora non operativa Il DL dovrà comunicare (entro la scadenza del contratto) la prosecuzione al Centro per l impiego competente (le modalità di comunicazione verranno individuate con apposito decreto) 31

32 Il contratto a tempo determinato Lo stacco tra due successivi contratti a termine Se un lavoratore viene riassunto a termine entro il termine di 60 o 90 giorni (a seconda che il primo contratto avesse durata fino a 6 mesi o superiore), il secondo contratto si considera a tempo indeterminato. Il termine di 60 e 90 giorni sostituisce il precedente di 10 e 20 giorni 32

33 Il contratto a tempo determinato Lo stacco tra due successivi contratti a termine La contrattazione collettiva (a livello interconfederale o di d categoria ovvero in via delegata ai livelli decentrati), nei casi i di seguito elencati, potrà prevedere la riduzione dei termini di stacco tra due contratti a termine sino a 20 e 30 giorni: avvio di nuova attività; lancio di un prodotto o di un servizio innovativo; implementazione di un rilevante cambiamento tecnologico; fase supplementare di un significativo progetto di ricerca o sviluppo; rinnovo o proroga di una commessa consistente. 33

34 Il contratto a tempo determinato Il termine di 60 e 90 giorni è ridotto a 20 o 30 giorni per: le attività stagionali di cui al DPR 1525/63 negli altri casi previsti dai contratti collettivi stipulati ad ogni livello dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. 34

35 Il contratto a tempo determinato Il limite occupazionale dei 36 mesi La disciplina già prima della riforma prevedeva che qualora, a causa di successione di contratti a termine, per lo svolgimento di mansioni equivalenti il rapporto di lavoro fra lo stesso datore di lavoro ed il lavoratore abbia complessivamente superato i 36 mesi, comprensivi di proroghe e rinnovi, indipendentemente dai periodi di interruzione tra un contratto e l altro l il rapporto si considera a tempo indeterminato dalla scadenza del predetto termine. 35

36 Il contratto a tempo determinato La novità apportata dalla riforma: nel computo rientrano anche i periodi di missione aventi ad oggetto mansioni equivalenti svolti nell ambito di contratti di somministrazione a tempo determinato (stipulati, come precisato dalla Circ 18 MLPS, dal 18 luglio 2012) La norma vuole evitare che attraverso il ricorso alla somministrazione a tempo determinato si possano aggirare i limiti all impiego dello stesso lavoratore con mansioni equivalenti. La circolare n. 18 chiarisce che, raggiunto il termine massimo di d trentasei mesi, il lavoratore potrà,, comunque, essere utilizzato attraverso un contratto di somministrazione 36

37 Il contratto a tempo determinato Come già previsto ante riforma: il periodo massimo dei 36 mesi è derogabile dalla contrattazione collettiva; non si applica alle attività stagionali di cui al Dpr 1525/63 un ulteriore successivo contratto a termine fra gli stessi soggetti può essere stipulato per una sola volta, a condizione che la stipula avvenga presso la DTL competente per territorio e con l assistenza di un rappresentante di una delle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale cui il lavoratore sia iscritto o conferisca mandato. 37

38 L apprendistato (D.Lgs 167/2011) 38

39 L apprendistato La riforma ha apportato considerevoli modifiche alla disciplina dell apprendistato di cui al D.Lgs 167/2011 (T.U. Apprendistato) Disciplina applicabile durante il preavviso In caso di recesso (per licenziamento o dimissioni) dal contratto al termine del periodo di formazione, nel periodo di preavviso (che decorre appunto dalla scadenza del termine del periodo di formazione), continua a trovare applicazione la disciplina del contratto di apprendistato (con i relativi aspetti retributivi e contributivi) 39

40 L apprendistato ASPI Assicurazione sociale per l impiegol A decorrere dal 2013 viene introdotta anche per gli apprendisti con una contribuzione a carico del datore di lavoro pari all 1,31 % della retribuzione imponibile ai fini previdenziali 40

41 L apprendistato Numero massimo di apprendisti Per le assunzioni di nuovi apprendisti a decorrere dal 2013 operano i seguenti limiti: 3 apprendisti ogni 2 maestranze specializzate (ad oggi il rapporto è 1:1) 1 apprendista per ogni maestranza specializzata nelle aziende che occupano fino a 9 unità 3 apprendisti per aziende che occupano fino a 3 dipendenti Per le imprese artigiane continuano a trovare applicazione i limiti iti di cui all'articolo 4 della legge 8 agosto 1985, n

42 L apprendistato Durata minima del contratto di apprendistato Durata minima non inferiore a 6 mesi salvo quanto statuito, per le attività stagionali, dai CCNL Durata massima dell apprendistato professionalizzante o di mestiere Viene estesa da 3 fino a 5 anni la durata massima per i profili professionali caratterizzanti la figura dell artigiano individuati dalla contrattazione collettiva di riferimento 42

43 L apprendistato Clausole di stabilizzazione La principale novità apportata dalla riforma consiste nella introduzione di percentuali di stabilizzazione dei contratti di apprendistato già stipulati al fine di poterne stipulare di nuovi Le clausole di stabilizzazione legali (cioè introdotte con la riforma) si applicano solo alle aziende che occupano più di 9 dipendenti 43

44 L apprendistato Soggetti che rientrano nella base di calcolo Per determinare la dimensione aziendale ai fini dell applicazione delle percentuali di stabilizzazione (più di 9 dipendenti), sono esclusi dalla base di calcolo: a) gli apprendisti (art. 7, comma 3, del D.L.vo n. 167/2011); b) gli assunti con contratto di inserimento, tuttora in corso, in quanto, dopo il 31 dicembre 2012, non sarà più possibile assumere con tale tipologia; c) gli assunti con contratto di reinserimento (art. 20 della legge n. 223/1991); d) i lavoratori assunti dopo un esperienza nei lavori socialmente utili u o di pubblica utilità (art. 7 del D.L.vo n. 81/2000); e) I lavoratori assunti a seguito di programmi di emersione. I lavoratori a tempo parziale sono calcolati pro quota in relazione all orario svolto (art. 6 del D.L.vo n. 61/2000). 44

45 L apprendistato L assunzione di nuovi apprendisti è subordinata alla prosecuzione del rapporto di lavoro al termine del periodo di apprendistato, nei trentasei mesi antecedenti la nuova assunzione, di almeno il 50% degli apprendisti dipendenti dallo stesso datore di lavoro Periodo transitorio: : nei primi trentasei mesi successivi al 18 luglio 2012 l aliquota l cui riferirsi è pari al 30%. E tuttavia sempre possibile l assunzione l di un nuovo apprendista anche quando non siano state rispettate le percentuali di cui sopra (fermi restando i limiti di cui all art. art. 2 co 3 D.LGS 167/11) Al fine del rispetto delle percentuali di stabilizzazione, non si conteggiano gli apprendisti con i quali sia stato risolto il rapporto durante il periodo di prova, quelli dimissionari e quelli licenziati per giusta causa. 45

46 L apprendistato I 36 mesi precedenti alla nuova assunzione sono da considerarsi un periodo mobile. Quindi è al momento della instaurazione del nuovo rapporto, che deve essere effettuato il computo, su quanti, dopo aver terminato il periodo formativo, sono stati stabilizzati, attraverso il consolidamento del rapporto a tempo indeterminato. 46

47 L apprendistato CCNL che hanno già introdotto clausole di stabilizzazione (ai sensi dell art. 2 co 1 lett i) Aziende con più di 9 dipendenti: : si applicano le percentuali di stabilizzazione legali (prevalenti rispetto a quelle contrattuali) Aziende fino a 9 dipendenti: : si applicano le percentuali di stabilizzazione contrattuali (introdotte dalla contrattazione collettiva) 47

48 L apprendistato Conseguenze legate al mancato rispetto delle percentuali di stabilizzazione (sia legali che convenzionali) Gli apprendisti assunti in violazione dei limiti sono considerati lavoratori subordinati a tempo indeterminato sin dalla data di costituzione del rapporto L ispettore procederà alla trasformazione contestando conseguentemente le sanzioni per: del rapporto La comunicazione al centro per l impiegol La lettera di assunzione Le registrazioni effettuate sul LUL Si procederà inoltre al recupero contributivo 48

49 Il contratto a progetto (artt. 61 e segg. D.Lgs 276/2003) 49

50 Il contratto a progetto In considerazione degli abusi che sono emersi in questi anni con riferimento a tale tipologia contrattuale (spesso utilizzata al fine di celare lavoratori di fatto subordinati) la ratio della riforma è quella di restringere il campo di utilizzo di questa forma contrattuale (limitandolo alle sole forme genuine) introducendo limiti normativi ed innalzando progressivamente le aliquote contributive 50

51 Il contratto a progetto Novità introdotte dalla riforma Art. 61 D.Lgs 276/03 Definizione e campo di applicazione: Ferma restando la disciplina degli agenti e rappresentanti di commercio, i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa prevalentemente personale e senza vincolo di subordinazione, di cui all articolo articolo 409, numero 3), del codice di procedura civile, devono essere riconducibili a uno o piu` progetti specifici determinati dal committente e gestiti autonomamente dal collaboratore Scompare quindi la dicitura o o programmi di lavoro e fasi di esso. 51

52 Il contratto a progetto Il progetto deve essere funzionalmente collegato a un determinato risultato finale e non puo` consistere in una mera riproposizione dell oggetto sociale del committente Il progetto non puo` comportare lo svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi,, che possono essere individuati dai CCNL Il progetto deve essere ben descritto, deve essere individuato il suo contenuto caratterizzante ed il risultato finale che si intende conseguire 52

53 Il contratto a progetto Art. 63 Corrispettivo Viene introdotta una sorta di compenso minimo garantito: in assenza di una contrattazione collettiva specifica (che dovrà fare riferimento ai minimi salariali applicati nel settore medesimo alle mansioni equiparabili svolte dai lavoratori subordinati) il compenso non può essere inferiore, a parità di estensione temporale dell attivit attività oggetto della prestazione, alle retribuzioni minime previste dai CCNL di categoria applicati nel settore di riferimento alle figure professionali il cui profilo di competenza e di esperienza sia analogo a quello del collaboratore a progetto. 53

54 Il contratto a progetto Art. 67 Estinzione del contratto e preavviso Le parti possono recedere per giusta causa Il committente può recedere dal contratto prima della scadenza del termine qualora siano emersi oggettivi profili di inidoneità professionale del collaboratore tali da rendere impossibile la realizzazione del progetto Il collaboratore può recedere prima della scadenza del termine, dandone preavviso, nel caso in cui tale facoltà sia prevista nel contratto individuale di lavoro. 54

55 Il contratto a progetto Art. 69 Divieto di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa atipici e conversione del contratto Viene introdotta una presunzione relativa (per la quale cioè vene ammessa la prova contraria a carico del committente), in base alla quale i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, sono considerati rapporti di lavoro subordinato sin dalla data di costituzione del rapporto, nel caso in cui l attività del collaboratore sia svolta con modalità analoghe a quella svolta dai lavoratori dipendenti dell impresa committente. Sono escluse da tale presunzione relativa le prestazioni di elevata professionalità eventualmente individuate dai CCNL 55

56 Partite Iva Prestazioni lavorative svolte dalle partite IVA Tali prestazioni sono considerate, salvo prova contraria fornita dal committente, rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, qualora ricorrano almeno due dei seguenti presupposti: a) che la collaborazione con il medesimo committente abbia una durata complessiva superiore a otto mesi annui per due anni consecutivi ; b) che il corrispettivo derivante da tale collaborazione, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro d'imputazione di interessi, costituisca più dell'80% dei corrispettivi annui complessivamente percepiti dal collaboratore nell'arco di due anni solari consecutivi*; c) che il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente. 56

57 Partite Iva Tale presunzione non opera quando la prestazione lavorativa: a) sia connotata da competenze teoriche di grado elevato acquisite attraverso significativi percorsi formativi, ovvero da capacità tecnico-pratiche acquisite attraverso rilevanti esperienze maturate nell esercizio esercizio concreto di attività; b) sia svolta da soggetto titolare di un reddito annuo da lavoro autonomo non inferiore a 1,25 volte il livello minimo imponibile ai fini del versamento dei contributi previdenziali di cui all articolo articolo 1, comma 3, della legge 2 agosto 1990, n. 233 (minimale di retribuzione imponibile per le gestioni dei lavoratori autonomi gestite dall Inps). c) sia svolta nell esercizio esercizio di attività professionali per le quali l ordinamento l richiede l iscrizione ad un ordine professionale, ovvero ad appositi registri, ri, albi, ruoli o elenchi professionali qualificati e detta specifici requisiti e condizioni ni.. Alla ricognizione delle predette attività si provvede con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, da emanare, in fase di prima applicazione, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, sentite le parti sociali. 57

58 Partite Iva Qualora operi la presunzione relativa di cui all art. art. 69-bis co 1, si applica la disciplina di cui agli artt. 61 e segg,, compresa la presunzione (in questo caso assoluta) di cui all art. art. 69, co 1 Quindi laddove non fosse stato individuato un progetto specifico, la prestazione autonoma (disconosciuta) rientrerà nell alveo del rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato 58

59 Profili di applicazione temporale La nuova disciplina dei contratti a progetto (art da 61 a 69) si applica ai contratti stipulati dal 18/7/12 La disciplina introdotta dall bis (per le P.IVA) si applica ai rapporti instaurati dopo il 18/7/12 e, per quelli già in corso in tale data, dal 18/7/13 59

60 L associazione in partecipazione (artt e segg. Cod.. Civ.) 60

61 L associazione in partecipazione Ratio della riforma Al fine di evitare comportamenti elusivi volti a celare rapporti di lavoro subordinato, la riforma del lavoro modifica la disciplina del contratto di associazione in partecipazione di cui agli artt c.c. e segg. 61

62 L associazione in partecipazione Numero massimo di associati Qualora l apporto l dell associato consista anche in una prestazione di lavoro (associati con apporto di lavoro e misto), il numero degli associati occupati in una medesima attività non può essere superiore a 3, indipendentemente dal numero degli associanti Non vengono computati gli associati legati all associante associante da rapporto di coniugio, dal vincolo di parentela entro il 3 3 o di affinità entro il 2 2 In caso di violazione tutti gli associati (con apporto di lavoro o misto) si considerano lavoratori subordinati a tempo indeterminato*. 62

63 L associazione in partecipazione Associazione in partecipazione con apporto di lavoro Qualora non vi sia stata un effettiva partecipazione agli utili da parte dell associato o non gli sia stato consegnato il rendiconto, il rapporto, salvo prova contraria, si presume subordinato a tempo indeterminato. La stessa presunzione si applica altresì qualora l apporto l di lavoro non presenti le caratteristiche di cui all art. art. 69-bis co 2 lett a) D.Lgs 276/03 (cioè quando non si tratta di un contributo lavorativo connotato «da competenze teoriche di grado elevato acquisite attraverso significativi percorsi formativi, ovvero da capacità tecnico-pratiche acquisite attraverso rilevanti esperienze maturate nell esercizio esercizio concreto di attività» à»). 63

64 L associazione in partecipazione Regime transitorio Le nuove norme si applicano a tutte le associazioni in partecipazioni (anche a quelle già in essere al 18/7/2012) Sono fatte salve le associazioni in partecipazione certificate (alla data del 18/7/12) ai sensi degli artt. 75 e segg. della legge Biagi fino alla naturale scadenza E previsto un progressivo aumento dell aliquota contributiva come per i collaboratori a progetto 64

65 L associazione in partecipazione Conclusioni La nuova disciplina dell associazione in partecipazione sostituisce l art. l 86 co 2 D.Lgs 276/03 (abrogato dalla riforma), che prevedeva il diritto dell associato in partecipazione fittizio al trattamento contributivo economico e normativo previsto per il lavoratore subordinato che svolge le medesime mansioni 65

66 Parte II La nuova solidarietà negli appalti 66

67 La nuova solidarietà negli appalti La riforma riscrive il 2 2 co art. 29 D.Lgs 276/2003: Salvo diversa disposizione dei contratti collettivi nazionali sottoscritti da associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente piu` rappresentative del settore che possono individuare metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarita` complessiva degli appalti,, in caso di appalto di opere o di servizi, il committente imprenditore o datore di lavoro e' obbligato in solido con l'appaltatore, nonche' con ciascuno degli eventuali subappaltatori entro il limite di due anni dalla cessazione dell'appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti t retributivi, comprese le quote di trattamento di fine rapporto, nonchè i contributi previdenziali e i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto, restando escluso qualsiasi obbligo per le sanzioni civili di cui risponde solo il responsabile dell'inadempimento. Il committente imprenditore o datore di lavoro e` convenuto in giudizio g per il pagamento unitamente all appaltatore appaltatore e con gli eventuali ulteriori subappaltatori. Il committente mittente imprenditore o datore di lavoro può eccepire, nella prima difesa,, il beneficio della preventiva escussione del patrimonio dell appaltatore medesimo e degli eventuali subappaltatori. In tal caso il giudice accerta la responsabilità solidale di tutti gli obbligati, ma l azione l esecutiva può essere intentata nei confronti del committente imprenditore o datore di lavoro solo dopo l infruttuosa l escussione del patrimonio dell appaltatore e degli eventuali subappaltatori. Il committente che ha eseguito il pagamento può esercitare l azione di regresso nei confronti del coobbligato secondo le regole generali. 67

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Associazione in partecipazione

Associazione in partecipazione Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina I Associazione in partecipazione a cura di Patrizia Clementi Elisabetta Mapelli 2/2013 Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina II Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto?

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? di Gabriele Bubola, Flavia Pasquini Gli interventi sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto e a programma proposti

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di interposizione

Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di interposizione La somministrazione di lavoro. Appalto di servizi e distacco 57 Capitolo Sesto La somministrazione di lavoro. Appalto di servizi e distacco Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing)

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 1. Part time: definizione e fonti normative...1 1.1 Compatibilità del part time con le altre tipologie di lavoro

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Contratti a termine dopo le recenti riforme Parte seconda (*)

Contratti a termine dopo le recenti riforme Parte seconda (*) Contratti a termine dopo le recenti riforme Parte seconda (*) Eufranio Massi - Dirigente della Direzione territoriale del lavoro di Modena (**) Esclusioni, discipline specifiche, contratti speciali L articolo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA NELLA MODALITA A PROGETTO DOPO LA LEGGE 28/06/2012 N 92; ASPETTI OPERATIVI ALLA LUCE DELLA CIRC. N 29/2012 a cura del Dr. Enrico Gallo funzionario

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli