Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva"

Transcript

1 H 18 insieme Te le segnalo io le barriere! Vicenza, 27 maggio 2006 Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva Eugenia Monzeglio C.E.R.P.A. Italia (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell Accessibilità) Dipartimento Casa città del Politecnico di Torino, Viale Mattioli 39, Torino, tel /06; fax

2 Conoscere le barriere Saper riconoscere l accessibilità barriere e accessibilità : 2 parole a confronto le originarie nozioni di barriere e di accessibilità si stanno modificando anche in relazione a una terminologia in evoluzione: entrambe hanno un ampiamento di significato: dal termine indefinito di barriera architettonica a: barriere fisiche (edilizie, urbane), percettive (sensoriali e cognitive), tecnologiche, culturali, comunicativeetc. il termine di accessibilità ha avuto molte trasformazioni concettuali, ormai si parla di progettazione universale ed inclusiva: l accessibilità da semplice requisito diventa qualitas costitutiva essenziale del progetto senza la quale il progetto non ha ragion d essere perchè viola un diritto umano 2

3 Progettazione universale ed inclusiva A livello di concezione, progettazione, realizzazione, manutenzione e gestione: va bene per tutti volutamente non vuole escludere nessuno riconosce che sono le caratteristiche non idonee, non abili dello spazio costruito/contesto/ambiente a mettere in difficoltà le persone specie quando si trovano in particolari situazioni di salute 3

4 1. uso equo e ragionevole 2. uso flessibile 3. uso semplice ed intuitivo 6. contenuto sforzo fisico 4. percezione sensoriale 5. tolleranza per l'errore 7. misure e spazio per l'avvicinamento e l'uso 4

5 Merc

6 Quale l obiettivo? Rispettare un diritto umano: il diritto all accessibilità è un diritto umano prima che diritto civile Esigere il rispetto di un diritto civile Permettere l accesso e l uso di spazi da parte di tutti Richiamare al senso di responsabilità 6

7 Quali le conseguenze della mancata idoneità, dell ambiente? le persone che vedono ostacolato o impedito o reso disagevole, faticoso, pericoloso il loro rapporto con l ambiente subiscono un annullamento o limitazione della possibilità di entrare in relazione con altri partecipando alla costruzione della società, di autodeterminarsi in relazione a proprie necessità, abitudini, volontà, desideri. 7

8 I fattori ambientali hanno funzione facilitante o ostacolante cambiamento culturale l inaccogliente configurazione di luoghi e oggetti il disagio ambientale ostacola le capacità e le abilità diverse di ciascuna persona occorre quindi individuare gli ostacoli da rimuovere e gli elementi da inserire 8

9 L ambiente ed i suoi componenti per l inclusione Passaggio dall integrazione della persona con disabilità alla sua inclusione: Integrazione si propone a chi sta fuori da un contesto, di adeguarsi a regole predisposte e fissate da altri; si concedono diritti in conseguenza dell abbandono della propria differenza. ad es. per la casa, alloggi accessibili solo a piano terra) Inclusione esprime il diritto alla propria di-versità, dis-abilità e di esperirla in ogni ambiente e contesto: ad es. dare la possibilità all anziano fragile di vivere a casa propria 9

10 Riconoscere le barriere Come? Analizzare in modo critico la situazione relativa all accessibilità ed alla fruibilità in relazione a: 1. normativa tecnica 2. caratteristiche delle persone e loro esigenze 10

11 Riconoscere le barriere: 1. la normativa tecnica Approccio di tipo normativo? Sì, ma non solo non è sufficiente la conoscenza e la stretta/rigorosa applicazione dei parametri delle norme per garantire accessibilità ed inclusione necessità di conoscere attentamente e riflessivamente la norma, interpretare criticamente la normativa scarse indicazioni per l accessibilità percettiva (barriere percettive, specie quelle sensoriali) necessità di revisione/aggiornamento N.B. barriere sono anche la mancanza o l insufficienza di indizi e segnalazioni per facilitare accessibilità e mobilità dei disabili percettivi 11

12 Barriere percettive: norme tecniche il DM 236/1989 sottolinea l importanza di un architettura capace di comunicare attraverso il proprio linguaggio formale, quando all art. 2 inserisce tra le barriere anche la mancanza o l insufficienza di indizi e segnalazioni per facilitare accessibilità e mobilità dei disabili percettivi, però poi operativamente fornisce scarse indicazione e solamente in relazione a: distribuzione di informazione negli edifici pubblici (4.3), bottoniere ( e ), segnali di pericolo (4.3), segnale di inizio e fine delle scale ( e ) 12

13 Barriere percettive: norme tecniche Circolare Ministero dell'interno n. 4 del , dal titolo Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili spazi conoscibili e riconoscibili (e pertanto siano agevolate mobilità ed orientamento) anche attraverso un attenta e ben calibrata caratterizzazione sensoriale, che faccia appello a elementi di comunicazione sonora, tattile, visiva e plurisensoriale (ad esempio sonora/ottica/a vibrazione). mancanza di varietà, data da una scarsa o inesistente caratterizzazione plurisensoriale, può essere considerata un potenziale rischio l accessibilità dei percorsi è già sicurezza antincendio 13

14 Oltre la norma e non solo norma coniugare concetto di accessibilità delle N.T. con esigenza di spazi effettivamente fruibili ed usabili rivedere alcuni elementi della N.T.: i livelli di accessibilità per l edilizia residenziale maggior chiarezza e cogenza per luoghi privati aperti al pubblico (ad es. attività commerciali) pendenza rampe maggior cautela nel consentire l uso di servoscala; non accontentarsi di applicare la norma: no dislivelli 2,5 cm; prevedere elevatore e non servoscala (perlomeno nelle parti comuni); sempre ascensore; principio dell accessibilità differenziata e della pluriopzionalità N.B.: non è sufficiente solo valutare attraverso i parametri dimensionali della norma (anche per la possibilità di chi progetta di proporre soluzioni alternative!) 14

15 2. caratteristiche delle persone e loro esigenze considerare tutti i possibili utenti valutare le possibilità di comprensione dello spazio, di movimento, di visione in relazione a diverse limitazioni fisiche, sensoriali, intellettive controllare che siamo rispettati i parametri in riferimento a: movimento (sul piano orizzontale e verticale), navigazione orientamento e wayfinding raggiungibilità gestuale, raggiungibilità visiva, comprensibilità uditiva possibilità di seduta 15

16 Le possibilità di movimento 1. possibilità di movimento di una persona in carrozzina da sola o con accompagnatore capacità della persona, tipo di carrozzina, attività svolta modalità di movimento della carrozzina modalità di avvicinamento a oggetti e mobili, modalità di trasferimento 2. ma non solo persona in carrozzina: pensare ai lunghi percorsi principio del superamento agevolato delle lunghe distanze 16

17 Non contrapporre ma trovare gli elementi unificanti Spesso artificiosamente si tende a contrapporre le esigenze di chi ha difficoltà di deambulazione con quelle del cieco o ipovedente, invece di cercare le soluzioni unificanti per i primi limare i dislivelli, abbattere, togliere gli ostacoli per i secondi segnalare, colmare, arricchire 17

18 Prescrizioni richieste e specifiche funzionali e dimensionali per l accessibilità (DM 236/1989 e DPR 503/1996) Componenti Ambienti: Spazi esterni: degli ambienti: porte pavimenti infissi esterni e parapetti arredi fissi terminali degli impianti servizi igienici cucine balconi collegamenti orizzontali collegamenti verticali (scale, rampe, ascensori, servoscala, piattaforme) autorimesse percorsi pavimentazioni parcheggi Segnaletica 18

19 La normativa tecnica: DM 236/1989 e DPR 503/1996 L impostazione della NT basata su: criteri di progettazione (prescrizioni richieste) specifiche funzionali dimensionali (indicative) consente di valutare con maggiore elasticità e con maggiore spirito critico le caratteristiche e la consistenza degli aspetti di barriera 19

20 principali fonti di ostacolo in una struttura edilizia l insufficiente dimensione di alcuni elementi (ad esempio la scarsa larghezza di passaggi, porte e aperture); la mancanza di alcuni elementi (ad esempio dell ascensore); la presenza di dislivelli (assenza di raccordo tra dislivelli contenuti, presenza di soli gradini o scale e mancanza di elementi alternativi che consentano di superare i dislivelli, pendenza eccessiva di rampe); la dimensione insufficiente di taluni locali (ad esempio dei servizi igienici); la inadeguata disposizione e forma di apparecchiature fisse e di arredi;. 20

21 ma anche barriere fisiche nascoste non evidenziate da nessun disposto normativo, che emergono come veri e propri ostacoli: un parapetto che non permette di vedere bene all'esterno o che invita a sporgersi, l'eccessiva altezza di un davanzale, che non impedisce o ostacola nessun movimento, ma che limita la visuale, 21

22 ulteriori barriere situazioni di scarsa o inesistente accessibilità, non imputabile a barriere fisiche precise: mancanza di parcheggio riservato in luoghi di larga affluenza di pubblico; eccessiva lontananza della zona di parcheggio dal percorso pedonale; grande distanza superabile solo a piedi. 22

23 gli accessi (comprendenti sia l accesso al lotto dalla pubblica strada, sia l ingresso nell edificio; i percorsi orizzontali (corridoi, piattaforme di distribuzione davanti agli ascensori, pianerottoli etc.); i percorsi verticali (scale, gradini, scivoli, rampe, corrimani, parapetti, ascensori, impianti speciali come servoscala e piattaforme elevatrici); singoli elementi della costruzione (porte, finestre e serramenti in generale, parapetti e ringhiere, maniglie, corrimani, soglie e pavimentazioni etc.) unità ambientali interne ( ad esempio i servizi igienici e la cucina); unità ambientali all aperto (balconi, terrazze, logge, porticati e spazi di svago e gioco); arredi fissi (cassette della posta, banconi, sportelli, transenne, apparecchiature automatiche etc.); comandi di vario tipo e terminali degli impianti; segnaletica. 23

24 24

25 25

26 26

27 L accesso esterno e l ingresso indicazione dell edificio (via, numeri civici, insegne etc.): facilità di individuazione, di leggibilità, di comprensione; citofono, videocitofono, campanelli, serrature, cassetta della posta: possibilità di individuazione, agevole modalità di azionamento e uso (controllare l altezza), riparo da agenti atmosferici; pensilina, tettoia o altro elemento di protezione da intemperie: larghezza e altezza da terra; area di accesso: soglia (assenza di dislivello o dislivello raccordato con scivolo), pavimentazione, ampiezza dell area (deve consentire di stazionare in piano, prima e dopo la porta di accesso), presenza di zerbini (in materiale che non trattenga il piede o la ruota, preferibilmente incassati); porta: larghezza ed altezza, tipologia della porta, modalità di accostamento ad essa e di apertura, tempi di apertura e chiusura, materiali; 27

28 28

29 29

30 30

31 31

32 l ingresso Prima dell ingresso all edificio segnaletica informativa (tramite cartellonistica) di designazione di luoghi e funzioni integrata con mappa tattile mappa visiva mappa visivo/tattile mappe tattili portatili 32

33 33

34 34

35 Punti informativi, di controllo, di emissione dati bancone con personale con parte ribassata dispositivi tecnologici (info-point e simili): sintesi vocale tastiera in rilievo 35

36 36

37 37

38 Percorsi orizzontali interni Nel caso dei percorsi orizzontali interni dell edificio, che possono essere suddivisi in: corridoi, piattaforme di distribuzione (davanti ad ascensore, scale,rampe); pianerottoli intermedi (o ripiani di fermata) di scale e rampe; occorre tenere conto della loro forma, delle dimensioni e dei materiali usati. 38

39 corridoi larghezza, lunghezza, altezza: queste tre dimensioni sono in rapporto reciproco e devono essere ben calibrate onde evitare l effetto corridoio. larghezza:quantità di persone, presenza di ausili e attrezzature per il movimento e per il trasporto di oggetti, esigenze di sicurezza in caso di rapido esodo. lunghi corridoi: possibilità di vista all esterno e la realizzazione di piazzole andamento del percorso: i cambiamenti di direzione e di livello vanno segnalati e ben illuminati. le eventuali variazioni di livello vanno raccordate con scivoli e, se possibile, con la presenza sia di scivolo sia di gradini; controllare gli eventuali elementi di ostacolo lungo il percorso (battenti di finestre aperte, arredi sporgenti etc.; 39

40 corridoi pavimentazione: continua, priva di asperità, non sdrucciolevole, non morbida, senza risalti e con giunti di larghezza molto contenuta; elementi di direzionalità per non vedenti contenimento laterale: costituito da un muro: controllare: gli spigoli vivi, le rientranze o le sporgenze, la ruvidità e l asperità del rivestimento della parete; prevedere corrimano su entrambi i lati si affaccia sul vuoto: il parapetto deve costituire una valida protezione (materiali sicuri ); non indurre allo scavalcamente o allo sporgersi per vedere (forme e dimensioni sicure ); permettere la visibilità; essere saldamente ancorato e non lasciare spazio libero tra soletta ed elemento di protezione verticale; prevedere corrimano su entrambi i lati; 40

41 corridoi complementi di arredo: segnaletica: chiara, facilmente leggibile e comprensibile, organizzata in modo logico e sistematico, non ridondante, ad altezza contenuta, ben visibile anche di notte; sistemi informativi aggiuntivi per ciechi ed ipovedenti. L illuminazione deve dare facilitazioni per la percorrenza attenzione a potenziali ostacoli (come i gradini isolati) e alle zone di possibile pericolo (come l imbocco delle scale in discesa). 41

42 corridoi percorso-guida segnalato a pavimento: di tipo tattile-plantare pavimentazione codificata differenziazione della pavimentazione mediante materiali e colori di tipo visivo percorso-guida segnalato a parete mediante: corrimano continuo corrimano continuo con elementi in rilievo di indicazione fascia di colore contrastante 42

43 Corridoi e sistema di accoglienza e distribuzione segnaletica di orientamento (ad es. di entrata/uscita, di indicazione del piano) segnaletica di designazione di luoghi e funzioni (ad es. servizi igienici, servizio igienico accessibile, bar etc.) organizzata in un sistema coerente ed ordinato: è ad altezza costante ha una stessa posizione rispetto alle porte ricorre ad una impostazione grafica costante sistema di informazione tramite bacheche (appese, sospese, a bandiera): coerente struttura simile organizzate per argomenti in modo comprensibile 43

44 44

45 45

46 46

47 47

48 Riconoscibilità, accessibilità, luminosità 48

49 Orientarsi dentro l edificio Pittogrammi di facile identificazione 49

50 Corridoi e scale interne: deambulazione, visione, sicurezza 50

51 51

52 52

53 53

54 Accessibilità differenziata e pluriopzionalità 54

55 piattaforme di distribuzione la loro dimensione e forma deve permettere le manovre alle carrozzine di ogni tipo ed i cambi di direzione. I movimenti delle persone devono poter essere effettuati in condizione di comodità e di sicurezza fare attenzione alla posizione e senso di apertura delle porte, alla posizione delle rampe delle scale - specie di quelle in discesa - in modo che non possano essere imboccate inavvertitamente. 55

56 pianerottoli intermedi di scale, scivoli, rampe pianerottoli di riposo devono interrompere le rampe delle scale e dei piani inclinati: essi devono essere orizzontali preferibilmente dotati di illuminazione naturale e di vista all esterno 56

57 pavimentazione uniforme e regolare priva di sconnessioni, risalti ed avvallamenti gli elementi costituenti la pavimentazione hanno giunti di larghezza < o = 5 mm e risalti limitati antisdrucciolevole (anche in presenza di acqua) ma che non trattenga 57

58 Servizio igienico accessibile dei locali aperti al pubblico e dei locali pubblici dovrebbe rispondere alle esigenze di qualsiasi persona, da sola o con aiuto (come può essere il caso di bambini o di persone con forti disabilità) in un contesto che presenta elementi problematici: spazio generalmente molto ridotto; necessità di operare manovre per il trasferimento; condizione di isolamento (volute e motivate da evidenti motivi di rispetto della privatezza) in cui si effettuano le operazioni nel servizio igienico. 58

59 Servizio igienico accessibile (art del DM 236/1989) Nei servizi igienici devono essere garantite, con opportuni accorgimenti spaziali, le manovre di una sedia a ruote necessarie per l utilizzazione degli apparecchi sanitari : N.B.: se viene garantito solo l accostamento laterale ai sanitari (vaso, bidet etc.), così come espressamente richiesto più avanti dall articolo stesso, l utilizzazione degli apparecchi sanitari può risultare impossibile o molto difficoltoso per molte persone in carrozzina. La scelta dell accostamento laterale con carrozzina disposta lateralmente e parallelamente al vaso è stato ritenuta la più soddisfacente 59

60 servizi igienici accessibili - accostamento laterale al vaso ed al bidet - accostamento laterale a doccia - accostamento laterale (parziale) alla vasca - accostamento frontale al lavabo - canale di percorribilità libero di almeno cm 80 - preferibile apertura porta verso l esterno 60

61 Edilizia residenziale: servizi igienici visitabili : raggiungimento di vaso e di lavabo 61

62 Servizi igienici accessibili. Minimo livello di accessibilità previsto dalle norme. Da usare con grande cautela Servizio igienico tipo previsto dall ormai abrogato DPR 384/78 62

63 63

64 64

65 servizio igienico controllare la larghezza della porta e gli spazi di manovra antistanti e retrostanti ad essa; maniglione vicino al wc, al bidet, alla vasca, al lavabo e alla doccia; disporre con estrema attenzione i maniglioni di supporto affinché non ostacolino il trasferimento dalla carrozzina ai sanitari; evitare che gli eventuali supporti verticali arrivino fino a terra per non intralciare il movimento; sedili mobili per doccia, vasca e sedile rialzato mobile per wc; nel caso di inserimento di sedile fisso per doccia (ribaltabile) valutare con attenzione la sua localizzazione per permettere un facile trasferimento; dare la preferenza a sedili per doccia comodi e ampi; doccia a pavimento ben delimitata; 65

66 66

67 67

68 68

69 69

70 Vaso, vaso-bidet, h 50 in vitreus-china bianco con apertura frontale Corrimano con saliscendi doccia completo di doccetta e flessibile. 70

71 Collegamenti verticali Elementi costruttivi Scale DM 236/1989 edifici privati (edilizia abitativa -ivi compresa l edilizia residenziale pubblica - e edilizia non abitativa) e DPR 503/1996 enti pubblici (strutture e edifici pubblici) larghezza della rampa gradino alzata gradino (a) pedata gradino (p) altezza parapetto corrimano Rampe larghezza cm. 120 (scale di uso comune o di uso pubblico) cm. 80 min. (scala non di uso comune o pubblico, pedata min. cm. 25) pendenza limitata e costante corretto rapporto tra pedata (p) e alzata (a) 2a+p= cm. 62/64 profilo gradino: disegno continuo spigoli arrotondati; sottogrado inclinato rispetto al grado (angolo ); in presenza di disegno discontinuo, l aggetto grado tra 2 2,5 cm cm. 17 cm. 30 min. cm. 100 inattraversabile da sfera di ø cm 10 altezza cm. 90/100, distanza min da parete cm 4 cm. 75 (2 corrimano) se il corrimano è interrotto, prolungare di cm 30; corrimano centrale per i percorsi di largh. > 6 m (solo nel DPR 503/1996) non da usare per dislivelli > di 320 cm. (se esiste solo la rampa) se cm. 150 se fi cm. 90 pendenza 8% ogni 10 m. ripiano (150x150) cm. o (140x170) cm. h. cordolo di cm 10 (se il parapetto non è pieno) pend. max 12%(solo nell esistente) con 3 m. di lunghezza max 71

72 Elementi costruttivi Ascensore cabina di dimensione minima cabina di dimensione minima cabina di dimensione minima porta piattaforma di distribuzione Servoscala DM 236/1989 edifici privati (edilizia abitativa -ivi compresa l edilizia residenziale pubblica - e edilizia non abitativa) e DPR 503/1996 enti pubblici (strutture e edifici pubblici) (110x140) cm. (edifici non residenziali), luce netta porta 80 cm (su lato corto), piattaforma distribuzione (150x150) cm (95x135) cm. (edifici residenziali), luce netta porta 80 cm (su lato corto), piattaforma distribuzione (150x150) cm (80x120) cm. (edifici esistenti), luce netta porta 75 cm (su lato corto), piattaforma distribuzione (140x140) cm cm. 80 o cm 75 (solo nell esistente) (150x150) cm. o (140x140) cm (nell esistente) dimensioni pedana (35x35) cm. sedile (35x40) cm. piattaforma (70x75) cm. Piattaforma elevatrice dimensioni (80x120) cm. 72

73 Collegamenti verticali: le scale 73

74 Collegamenti verticali: le scale preferibili regolari e lineari 74

75 Fruibilità e sicurezza 75

76 Ascensore, servoscala, piattaforma elevatrice ascensore servoscala (altrimenti definito col termine di montascale) un apparecchiatura costituita da un mezzo di carico opportunamente attrezzato marciante lungo il lato di una scala o di un piano inclinato e che si sposta nei due sensi di marcia, vincolato ad una guida fissata a una parete: semplice pedana pedana dotata di sedile piattaforma per lo stazionamento di una persona in carrozzina piattaforma elevatrice (altrimenti definita anche come elevatore) macchina che si sposta lungo guide rigide verticali destinate al trasporto di persone con o senza accompagnatore 76

77 L ascensore: diversi tipi formali, diversi tipi di funzionamento 77

78 78

79 79

80 80

81 81

82 82

83 interpretare criticamente la normativa 83

84 84

85 85

86 Servoscala e piattaforma elevatrice 86

87 87

88 88

89 89

90 90

91 Nuovo edificio uso inappropriato o abuso del montascale? 91

92 92

93 Pulsantiera orizzontale Attribuire un colore ai piani 93

94 94

95 Superare i salti di quota interni, vedere fuori Scale: forma e sicurezza 95

96 vedere fuori da diverse persone e da diverse posizioni: seduti, in piedi, coricati 96

97 97

98 98

99 99

100 Criteri di progettazione per la rampa o il piano inclinato 1. adeguata pendenza 2. adeguata lunghezza e larghezza 3. presenza mancorrenti su ambo i lati 4. corrimani di facile presa 5. interruzioni con ripiani in piano 6. no pendenza nelle parti in curva 7. pianerottolo in piano, di adeguata profondità e larghezza di fronte a porte di entrata/uscita 8. rivestimento rampa con materiale non sdrucciolevole 9. preferibile segnalare inizio/fine rampa 100

101 101

102 102

103 103

104 104

105 105

106 Le porte 106

107 Porte: alcuni accorgimenti girevoli Attenzione a porte girevoli Attenzione a porte vetrate 107

108 108

109 Aspetti di esclusione e difficoltà connessi con l arredo e con complementi di arredo Elementi della costruzione e terminali di impianti Elementi di arredo e complementi di arredo troppo in alto troppo in basso richiedono contorcimenti ed estensioni per la presa sul piano orizzontale e verticale richiedono buon udito, vista, olfatto immediatezza di comprensione capacità di presa forme non adeguate e ingombranti 109

110 L accessibilità dello spazio esterno di pertinenza dell edificio 110

111 111

112 Abbagliamento naturale o artificiale rende difficile riconoscere i segnali ambientali: barriera sensoriale ad es. per illuminazione scale è preferibile che sia laterale 112

113 113

114 Sala conferenze, spettacoli, sistemi per favorire i non vedenti sistemi per favorire i non udenti sistemi di traduzione simultanea delle parole di chi parla in parole scritte, proiettate su schermo sistemi di proiezione su grande schermo attraverso impianto con telecamera sistemi ad induzione amplificata per portatori di protesi acustiche 114

115 Sala conferenze, spettacoli, posti riservati per persone in carrozzina con collocazione, rispetto alle vie di fuga, in prossimità di un uscita di sicurezza in una posizione tale da raggiungere agevolmente una via di esodo accessibile in una posizione tale da raggiungere agevolmente un luogo sicuro statico alcune sedute fisse rimovibili per creare posti riservati a persone in carrozzina alcune sedute con tavoletta ribaltabile utilizzabile da persone mancine palco per conferenze, lezioni, proiezioni etc. accessibile a persona in carrozzina 115

116 Il parcheggio Previsto da normative da DM 236/1989 e DPR 503/1996 (e anche da precedenti disposti) 1 ogni 50 posti segnalato, gratuito, vicino al percorso pedonale vicino all accesso dell edificio o attrezzatura preferibilmente coperto posto riservato e segnalato nei pressi dell abitazione e del luogo di lavoro 116

117 porta >=80cm porta< 80 cm A.B.1 accessibile < 2,5 cm 2,6 cm< difficilmente accessibile <10 cm inaccessibile>10cm maniglia< 85 cm 85 cm < maniglia < 95 cm maniglia< 95 cm 117

118 Diapositiva 117 A.B.1 spiegare i valori associati, organizzazione interfaccia Alessia; 02/03/2005

119 118

120 UN TERRITORIO PR TUTTI: PROGETTO FRANDY PER TORINO 2006 Valutazione dell accessibilit accessibilità nelle strutture alberghiere di Torino e Provincia VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILIT ACCESSIBILITÀ NELLE STRUTTURE RICETTIVE SCHEDA DI RILEVAMENTO DENOMINAZIONE: INDIRIZZO: Categoria: n stelle: Nuova costruzione?: SI NO Anno di costruzione: Ristrutturazioni: SI anno: NO Numero camere: con servizi: senza servizi: Camere accessibili: SI NO LA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI GENERALI DELLA STRUTTURA denominazione il numero di stelle l indirizzo la posizione il numero di camere l anno di costruzione accoglienza N scheda: Scheda DISLIVELLI Il dislivello è superabile per mezzo di: gradini: n gradini: dimensioni: alzata: pedata: è presente un corrimano?: SI NO rampa: larghezza rampa: cm pendenza rampa: cm è presente un corrimano SI NO servoscala o piattaforma elevatrice: SPAZI ESTERNI percorso esterno parcheggi pubblici e privati area verde SPAZI INTERNI ingresso porta d ingresso hall/reception corridoi scale camera SCHEDE AGGIUNTIVE dislivelli servizio igienico ascensore sala colazione/ristorazione ambienti specifici 119

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità Universal Design: Progettazione inclusiva e sostenibile Corso di Perfezionamento Politecnico di Torino a.a. 2012-2013 18 marzo 2013 - IL QUADRO NORMATIVO ITALIANO NEL PANORAMA INTERNAZIONALE: COMFORT E

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

Criteri di progettazione e soluzioni progettuali Eugenia Monzeglio eugenia.monzeglio@fastwebnet.it eugenia.monzeglio@polito.it

Criteri di progettazione e soluzioni progettuali Eugenia Monzeglio eugenia.monzeglio@fastwebnet.it eugenia.monzeglio@polito.it Corso di formazione post-lauream PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE XVII edizione A.a. 2009-10 direttore prof. arch. Fabrizio Vescovo Roma, marzo - giugno 2010 Facoltà di Architettura Valle Giulia - Sapienza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma Fidenza, 21 Febbraio 2013 Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche BARRIERE SOCIALI

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

Titolo: PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 a cura di Prof. Arch. Fabrizio Vescovo

Titolo: PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 a cura di Prof. Arch. Fabrizio Vescovo Titolo: PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 a cura di Prof. Arch. Fabrizio Vescovo PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 APPENDICE:

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

Parametri Antropometrici e Dimensionali 1.a

Parametri Antropometrici e Dimensionali 1.a Parametri Antropometrici e Dimensionali 1.a DM 236/1989 art. 8.0.2 Rotazione a 360 - nuove costruzioni 150x150 - ristrutturazioni 140x140 Rotazione a 90 - nuove costruzioni 140x140 - ristrutturazioni 120x120

Dettagli

Criteri di accessibilità

Criteri di accessibilità Persona allergica All interno della camera assenza di: moquette, tappeti, arredi in tessuto Menù personalizzabili previa richiesta Quando si verifica solo una delle due ipotesi elencate nel grado buono

Dettagli

1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (legge 9.1.89, n. 13; DM. 14.6.89, n. 236 e L.P. 9.1.91, n. 1 e DPR24.07.1996, N. 503) Trattasi d'intervento di realizzazione

Dettagli

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Ci Vado ad Occhi Chiusi Albenga accessibile OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Progetto cofinanziato da Comunità Europea Regione Liguria Comune di Albenga In collaborazione con Unione Italiana dei

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

TABELLE ESPLICATIVE DELL ACCESSIBILITA (Eugenia Monzeglio

TABELLE ESPLICATIVE DELL ACCESSIBILITA (Eugenia Monzeglio TABELLE ESPLICATIVE DELL ACCESSIBILITA (Eugenia Monzeglio Di seguito si riporta una tabella esplicativa dei diversi livelli di accessibilità, relativi agli edifici raggruppati secondo la loro destinazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA SCHEDA TECNICA N.08 BAR.ARCH.2010_UPagina 1 di 13 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA GRUPPO DIPARTIMENTALE NIP CAMPO CONTENUTO N. 08 GIUGNO 2010 OGGETTO DESCRIZIONE SCOPO ELEMENTI DI SCELTA VINCOLI LEGISLATIVI

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni tecniche di riferimento sono contenute nella circolare ministeriale

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva me della struttura logia Categoria Comune Provincia Indicare, se possibile, se la struttura sia

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL VERSILIA HOLIDAYS Via Vico, 142 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584 787100 email info@versiliaholidayshotel.com - www.versiliaholidays.com TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a

Dettagli

1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

1 - CAMPO DI APPLICAZIONE DM 236-14 giugno 1989 Sommario Art. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE Art. 2 DEFINIZIONI Art. 3 - CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE Art. 4 - CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L'ACCESSIBILITA' Art. 5 - CRITERI DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Impianti sportivi all'aperto 2 Campo sportivo 3 Campi da tennis e spazi collettivi Via del Campo sportivo

Impianti sportivi all'aperto 2 Campo sportivo 3 Campi da tennis e spazi collettivi Via del Campo sportivo Id Denominazione Indirizzo Edifici con resede 1 Scuola Elementare via De Gasperi 2 Microasilo (Asilo nido) 3 Badia di Soffena 5 Scuola Materna Via Giovanni XXIII 6 Scuola elementare e media Via Molino

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28 SEZIONE I 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28 3 Art. 14 - Attrezzature di uso comune: apparecchi elettrici, cassette per la corrispondenza LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO

Dettagli

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO.

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. All. n. 1 Deliberazione n. 2008 06681/38 CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. ARTICOLO 31, comma 5, DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL REGINA Via Torino, 6 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584.787.451 - info@hotelreginaforte.it - www.hotelreginaforte.it TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte

Dettagli

Titolo I Generalità ART. 1 DEFINIZIONI

Titolo I Generalità ART. 1 DEFINIZIONI Titolo I Generalità ART. 1 DEFINIZIONI Accessibilità - La possibilità di raggiungere l'edificio, di entrarvi, di fruire di tutti gli spazi e attrezzature e di accedere alle singole unità immobiliari e

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

abbattimento delle Barriere Architettoniche

abbattimento delle Barriere Architettoniche Laurea Specialistica in Ingegneria Edile abbattimento delle Barriere Architettoniche Progettazione e sicurezza dei luoghi di lavoro Disabili Il primo provvedimento italiano inerente le barriere architettoniche

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 04/01/2005 Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte) di Gianluigi

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XL Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 28 lunedì, 3 agosto 2009 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Decreto Ministeriale n. 236 del 14 giugno 1989

Decreto Ministeriale n. 236 del 14 giugno 1989 - Ministero dei Lavori Pubblici - Decreto Ministeriale n. 236 del 14 giugno 1989 "Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e

Dettagli

Regolamento in applicazione dell articolo 37, comma 2, lettera g, della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 recante norme per il governo del

Regolamento in applicazione dell articolo 37, comma 2, lettera g, della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 recante norme per il governo del Regolamento in applicazione dell articolo 37, comma 2, lettera g, della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 recante norme per il governo del territorio Prescrizioni tecniche per l'eliminazione delle barriere

Dettagli

OLTRE LA NORMATIVA Progettare senza barriere

OLTRE LA NORMATIVA Progettare senza barriere O.B.A. Osservatorio Barriere Architettoniche Medaglia d'oro al Valore Civile OLTRE LA NORMATIVA Progettare senza barriere COLLEGIO GEOMETRI della PROVINCIA di CUNEO OLTRE LA NORMATIVA Progettare senza

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Il D.P.R. 503/96: Titolo III - STRUTTURA EDILIZIA IN GENERALE. Art. 13. Le norme generali per gli edifici

Il D.P.R. 503/96: Titolo III - STRUTTURA EDILIZIA IN GENERALE. Art. 13. Le norme generali per gli edifici Pagina 1 di 52 CAPITOLO 4 EDIFICI PUBBLICI 4.1 La normativa di riferimento 4.2 Accesso all'edificio 4.2.1 Parcheggio 4.3 Ingresso edificio 4.3.1 Spazi di manovra con sedia a ruote 4.3.2 Porte 4.3.3 Percorsi

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO CIRCOLARE 1 marzo 2002, n. 4 LINEE GUIDA per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili Il decreto legislativo n. 626/1994,

Dettagli

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45.

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45. Oggetto: Variante alla concessione edilizia ai sensi dell Art. 5 della L.R. 04/2009 di un fabbricato ad uso residenziale sito a Quartu Sant Elena in via Dante angolo via Ravenna. Relazione tecnica Dati

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche LEGGE REGIONALE N. 3/07 Art. 9 - Barriere Architettoniche GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE INDICE SCHEDA A1 Parte I. Pag. 2 SCHEDA A1 Parte II Pag. 6 SCHEDA B1.. Pag. 10 Si prega di non riferirsi più

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

Schema di Regolamento per la eliminazione delle barriere architettoniche. Titolo I

Schema di Regolamento per la eliminazione delle barriere architettoniche. Titolo I Schema di Regolamento per la eliminazione delle barriere architettoniche Titolo I GENERALITÀ ART. 1 DEFINIZIONI Accessibilità - La possibilità,anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria

Dettagli

ALLEGATO N NORME TECNICHE PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO N NORME TECNICHE PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO N NORME TECNICHE PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE INDICE TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambiti di applicazione della normativa sulle barriere architettoniche

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 29 luglio 2009, n. 41/R Regolamento di attuazione dell articolo 37, comma 2, lettera g) e comma 3 della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

Circolare Ministero Lavori Pubblici 19 giugno 1968, n. 4809

Circolare Ministero Lavori Pubblici 19 giugno 1968, n. 4809 Circolare Ministero Lavori Pubblici 19 giugno 1968, n. 4809 Oggetto: Norme per assicurare la utilizzazione degli edifici sociali da parte dei minorati fisici e per migliorarne la godibilità generale Questo

Dettagli

Criteri e schemi tipologici per una residenza fruibile, le nuove esigenze abitative, il progetto casa agevole

Criteri e schemi tipologici per una residenza fruibile, le nuove esigenze abitative, il progetto casa agevole Corso di formazione post-lauream PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE XIV edizione A. a. 2005-06 direttore prof. arch. Fabrizio Vescovo Criteri e schemi tipologici per una residenza fruibile, le nuove esigenze

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO: STRUMENTO DI VERIFICA E CONTROLLO (CHECK-LIST)

LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO: STRUMENTO DI VERIFICA E CONTROLLO (CHECK-LIST) ALLEGATO MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Consulta Nazionale delle Persone Disabili e delle loro Famiglie LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI

Dettagli

Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi n. 70 Tel. 0522/585540 Fax 0522/585582

Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi n. 70 Tel. 0522/585540 Fax 0522/585582 Assessorato alle Politiche Sociali. Immigrazione. Progetto giovani.cooperazione internazionale Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi

Dettagli

LA CASA PER LA TERZA ETÀ

LA CASA PER LA TERZA ETÀ LA CASA PER LA TERZA ETÀ C O M FORT D E S I GN P E R L E D I SABILITÀ M OTORIE LA CURA DELLA PROPRIETA EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO Dott. Ing. Enrico Sterpi Ph.D. Dottore di Ricerca

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

tcs sportello del cittadino DISABILE "Sergio Pescio" - Savona CITTÀ DI SAVONA PROVINCIA DI SAVONA NO B A R RI E R E SI TURISMO Piccola Guida per l'abbattimento delle barriere architettoniche SIB SINDACATO

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco La Mandria CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE Il parcheggio dista circa un chilometro dall edificio; il percorso per raggiungere l ingresso è pianeggiante ed ha il fondo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Lavori Pubblici Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio Conte Marialuisa

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA

ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA PREMESSA * Ogni evento catastrofico compromette gli elementi identificativi più importanti

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

SOLUZIONI PER L ABBATTIMENTOL DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

SOLUZIONI PER L ABBATTIMENTOL DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE SOLUZIONI PER L ABBATTIMENTOL DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Vimec s.r.l. Via Parri, 7 42045 Luzzara (RE) Tel. +39 0522 970666 Fax +39 0522 970677 www.vimec.biz comm@vimec.biz 1 Dislivelli in genere BARRIERE:

Dettagli

DISPENSA INFORMATIVA. In collaborzione con:

DISPENSA INFORMATIVA. In collaborzione con: In copertina: foto G. Mariotti DISPENSA INFORMATIVA In collaborzione con: Cooperazione Reciproca Pergine Cooperazione Reciproca Pergine è un associazione, promossa dalla Cassa Rurale di Pergine, che si

Dettagli

DISABILI E TURISMO ACCESSIBILE

DISABILI E TURISMO ACCESSIBILE @ ANMIC ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI E INVALIDI CIVILI @ DISABILI E TURISMO ACCESSIBILE Guida per il superamento delle barriere architettoniche @ @ Tecnici senza barriere Onlus Con il patrocinio di

Dettagli