Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva"

Transcript

1 H 18 insieme Te le segnalo io le barriere! Vicenza, 27 maggio 2006 Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva Eugenia Monzeglio C.E.R.P.A. Italia (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell Accessibilità) Dipartimento Casa città del Politecnico di Torino, Viale Mattioli 39, Torino, tel /06; fax

2 Conoscere le barriere Saper riconoscere l accessibilità barriere e accessibilità : 2 parole a confronto le originarie nozioni di barriere e di accessibilità si stanno modificando anche in relazione a una terminologia in evoluzione: entrambe hanno un ampiamento di significato: dal termine indefinito di barriera architettonica a: barriere fisiche (edilizie, urbane), percettive (sensoriali e cognitive), tecnologiche, culturali, comunicativeetc. il termine di accessibilità ha avuto molte trasformazioni concettuali, ormai si parla di progettazione universale ed inclusiva: l accessibilità da semplice requisito diventa qualitas costitutiva essenziale del progetto senza la quale il progetto non ha ragion d essere perchè viola un diritto umano 2

3 Progettazione universale ed inclusiva A livello di concezione, progettazione, realizzazione, manutenzione e gestione: va bene per tutti volutamente non vuole escludere nessuno riconosce che sono le caratteristiche non idonee, non abili dello spazio costruito/contesto/ambiente a mettere in difficoltà le persone specie quando si trovano in particolari situazioni di salute 3

4 1. uso equo e ragionevole 2. uso flessibile 3. uso semplice ed intuitivo 6. contenuto sforzo fisico 4. percezione sensoriale 5. tolleranza per l'errore 7. misure e spazio per l'avvicinamento e l'uso 4

5 Merc

6 Quale l obiettivo? Rispettare un diritto umano: il diritto all accessibilità è un diritto umano prima che diritto civile Esigere il rispetto di un diritto civile Permettere l accesso e l uso di spazi da parte di tutti Richiamare al senso di responsabilità 6

7 Quali le conseguenze della mancata idoneità, dell ambiente? le persone che vedono ostacolato o impedito o reso disagevole, faticoso, pericoloso il loro rapporto con l ambiente subiscono un annullamento o limitazione della possibilità di entrare in relazione con altri partecipando alla costruzione della società, di autodeterminarsi in relazione a proprie necessità, abitudini, volontà, desideri. 7

8 I fattori ambientali hanno funzione facilitante o ostacolante cambiamento culturale l inaccogliente configurazione di luoghi e oggetti il disagio ambientale ostacola le capacità e le abilità diverse di ciascuna persona occorre quindi individuare gli ostacoli da rimuovere e gli elementi da inserire 8

9 L ambiente ed i suoi componenti per l inclusione Passaggio dall integrazione della persona con disabilità alla sua inclusione: Integrazione si propone a chi sta fuori da un contesto, di adeguarsi a regole predisposte e fissate da altri; si concedono diritti in conseguenza dell abbandono della propria differenza. ad es. per la casa, alloggi accessibili solo a piano terra) Inclusione esprime il diritto alla propria di-versità, dis-abilità e di esperirla in ogni ambiente e contesto: ad es. dare la possibilità all anziano fragile di vivere a casa propria 9

10 Riconoscere le barriere Come? Analizzare in modo critico la situazione relativa all accessibilità ed alla fruibilità in relazione a: 1. normativa tecnica 2. caratteristiche delle persone e loro esigenze 10

11 Riconoscere le barriere: 1. la normativa tecnica Approccio di tipo normativo? Sì, ma non solo non è sufficiente la conoscenza e la stretta/rigorosa applicazione dei parametri delle norme per garantire accessibilità ed inclusione necessità di conoscere attentamente e riflessivamente la norma, interpretare criticamente la normativa scarse indicazioni per l accessibilità percettiva (barriere percettive, specie quelle sensoriali) necessità di revisione/aggiornamento N.B. barriere sono anche la mancanza o l insufficienza di indizi e segnalazioni per facilitare accessibilità e mobilità dei disabili percettivi 11

12 Barriere percettive: norme tecniche il DM 236/1989 sottolinea l importanza di un architettura capace di comunicare attraverso il proprio linguaggio formale, quando all art. 2 inserisce tra le barriere anche la mancanza o l insufficienza di indizi e segnalazioni per facilitare accessibilità e mobilità dei disabili percettivi, però poi operativamente fornisce scarse indicazione e solamente in relazione a: distribuzione di informazione negli edifici pubblici (4.3), bottoniere ( e ), segnali di pericolo (4.3), segnale di inizio e fine delle scale ( e ) 12

13 Barriere percettive: norme tecniche Circolare Ministero dell'interno n. 4 del , dal titolo Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili spazi conoscibili e riconoscibili (e pertanto siano agevolate mobilità ed orientamento) anche attraverso un attenta e ben calibrata caratterizzazione sensoriale, che faccia appello a elementi di comunicazione sonora, tattile, visiva e plurisensoriale (ad esempio sonora/ottica/a vibrazione). mancanza di varietà, data da una scarsa o inesistente caratterizzazione plurisensoriale, può essere considerata un potenziale rischio l accessibilità dei percorsi è già sicurezza antincendio 13

14 Oltre la norma e non solo norma coniugare concetto di accessibilità delle N.T. con esigenza di spazi effettivamente fruibili ed usabili rivedere alcuni elementi della N.T.: i livelli di accessibilità per l edilizia residenziale maggior chiarezza e cogenza per luoghi privati aperti al pubblico (ad es. attività commerciali) pendenza rampe maggior cautela nel consentire l uso di servoscala; non accontentarsi di applicare la norma: no dislivelli 2,5 cm; prevedere elevatore e non servoscala (perlomeno nelle parti comuni); sempre ascensore; principio dell accessibilità differenziata e della pluriopzionalità N.B.: non è sufficiente solo valutare attraverso i parametri dimensionali della norma (anche per la possibilità di chi progetta di proporre soluzioni alternative!) 14

15 2. caratteristiche delle persone e loro esigenze considerare tutti i possibili utenti valutare le possibilità di comprensione dello spazio, di movimento, di visione in relazione a diverse limitazioni fisiche, sensoriali, intellettive controllare che siamo rispettati i parametri in riferimento a: movimento (sul piano orizzontale e verticale), navigazione orientamento e wayfinding raggiungibilità gestuale, raggiungibilità visiva, comprensibilità uditiva possibilità di seduta 15

16 Le possibilità di movimento 1. possibilità di movimento di una persona in carrozzina da sola o con accompagnatore capacità della persona, tipo di carrozzina, attività svolta modalità di movimento della carrozzina modalità di avvicinamento a oggetti e mobili, modalità di trasferimento 2. ma non solo persona in carrozzina: pensare ai lunghi percorsi principio del superamento agevolato delle lunghe distanze 16

17 Non contrapporre ma trovare gli elementi unificanti Spesso artificiosamente si tende a contrapporre le esigenze di chi ha difficoltà di deambulazione con quelle del cieco o ipovedente, invece di cercare le soluzioni unificanti per i primi limare i dislivelli, abbattere, togliere gli ostacoli per i secondi segnalare, colmare, arricchire 17

18 Prescrizioni richieste e specifiche funzionali e dimensionali per l accessibilità (DM 236/1989 e DPR 503/1996) Componenti Ambienti: Spazi esterni: degli ambienti: porte pavimenti infissi esterni e parapetti arredi fissi terminali degli impianti servizi igienici cucine balconi collegamenti orizzontali collegamenti verticali (scale, rampe, ascensori, servoscala, piattaforme) autorimesse percorsi pavimentazioni parcheggi Segnaletica 18

19 La normativa tecnica: DM 236/1989 e DPR 503/1996 L impostazione della NT basata su: criteri di progettazione (prescrizioni richieste) specifiche funzionali dimensionali (indicative) consente di valutare con maggiore elasticità e con maggiore spirito critico le caratteristiche e la consistenza degli aspetti di barriera 19

20 principali fonti di ostacolo in una struttura edilizia l insufficiente dimensione di alcuni elementi (ad esempio la scarsa larghezza di passaggi, porte e aperture); la mancanza di alcuni elementi (ad esempio dell ascensore); la presenza di dislivelli (assenza di raccordo tra dislivelli contenuti, presenza di soli gradini o scale e mancanza di elementi alternativi che consentano di superare i dislivelli, pendenza eccessiva di rampe); la dimensione insufficiente di taluni locali (ad esempio dei servizi igienici); la inadeguata disposizione e forma di apparecchiature fisse e di arredi;. 20

21 ma anche barriere fisiche nascoste non evidenziate da nessun disposto normativo, che emergono come veri e propri ostacoli: un parapetto che non permette di vedere bene all'esterno o che invita a sporgersi, l'eccessiva altezza di un davanzale, che non impedisce o ostacola nessun movimento, ma che limita la visuale, 21

22 ulteriori barriere situazioni di scarsa o inesistente accessibilità, non imputabile a barriere fisiche precise: mancanza di parcheggio riservato in luoghi di larga affluenza di pubblico; eccessiva lontananza della zona di parcheggio dal percorso pedonale; grande distanza superabile solo a piedi. 22

23 gli accessi (comprendenti sia l accesso al lotto dalla pubblica strada, sia l ingresso nell edificio; i percorsi orizzontali (corridoi, piattaforme di distribuzione davanti agli ascensori, pianerottoli etc.); i percorsi verticali (scale, gradini, scivoli, rampe, corrimani, parapetti, ascensori, impianti speciali come servoscala e piattaforme elevatrici); singoli elementi della costruzione (porte, finestre e serramenti in generale, parapetti e ringhiere, maniglie, corrimani, soglie e pavimentazioni etc.) unità ambientali interne ( ad esempio i servizi igienici e la cucina); unità ambientali all aperto (balconi, terrazze, logge, porticati e spazi di svago e gioco); arredi fissi (cassette della posta, banconi, sportelli, transenne, apparecchiature automatiche etc.); comandi di vario tipo e terminali degli impianti; segnaletica. 23

24 24

25 25

26 26

27 L accesso esterno e l ingresso indicazione dell edificio (via, numeri civici, insegne etc.): facilità di individuazione, di leggibilità, di comprensione; citofono, videocitofono, campanelli, serrature, cassetta della posta: possibilità di individuazione, agevole modalità di azionamento e uso (controllare l altezza), riparo da agenti atmosferici; pensilina, tettoia o altro elemento di protezione da intemperie: larghezza e altezza da terra; area di accesso: soglia (assenza di dislivello o dislivello raccordato con scivolo), pavimentazione, ampiezza dell area (deve consentire di stazionare in piano, prima e dopo la porta di accesso), presenza di zerbini (in materiale che non trattenga il piede o la ruota, preferibilmente incassati); porta: larghezza ed altezza, tipologia della porta, modalità di accostamento ad essa e di apertura, tempi di apertura e chiusura, materiali; 27

28 28

29 29

30 30

31 31

32 l ingresso Prima dell ingresso all edificio segnaletica informativa (tramite cartellonistica) di designazione di luoghi e funzioni integrata con mappa tattile mappa visiva mappa visivo/tattile mappe tattili portatili 32

33 33

34 34

35 Punti informativi, di controllo, di emissione dati bancone con personale con parte ribassata dispositivi tecnologici (info-point e simili): sintesi vocale tastiera in rilievo 35

36 36

37 37

38 Percorsi orizzontali interni Nel caso dei percorsi orizzontali interni dell edificio, che possono essere suddivisi in: corridoi, piattaforme di distribuzione (davanti ad ascensore, scale,rampe); pianerottoli intermedi (o ripiani di fermata) di scale e rampe; occorre tenere conto della loro forma, delle dimensioni e dei materiali usati. 38

39 corridoi larghezza, lunghezza, altezza: queste tre dimensioni sono in rapporto reciproco e devono essere ben calibrate onde evitare l effetto corridoio. larghezza:quantità di persone, presenza di ausili e attrezzature per il movimento e per il trasporto di oggetti, esigenze di sicurezza in caso di rapido esodo. lunghi corridoi: possibilità di vista all esterno e la realizzazione di piazzole andamento del percorso: i cambiamenti di direzione e di livello vanno segnalati e ben illuminati. le eventuali variazioni di livello vanno raccordate con scivoli e, se possibile, con la presenza sia di scivolo sia di gradini; controllare gli eventuali elementi di ostacolo lungo il percorso (battenti di finestre aperte, arredi sporgenti etc.; 39

40 corridoi pavimentazione: continua, priva di asperità, non sdrucciolevole, non morbida, senza risalti e con giunti di larghezza molto contenuta; elementi di direzionalità per non vedenti contenimento laterale: costituito da un muro: controllare: gli spigoli vivi, le rientranze o le sporgenze, la ruvidità e l asperità del rivestimento della parete; prevedere corrimano su entrambi i lati si affaccia sul vuoto: il parapetto deve costituire una valida protezione (materiali sicuri ); non indurre allo scavalcamente o allo sporgersi per vedere (forme e dimensioni sicure ); permettere la visibilità; essere saldamente ancorato e non lasciare spazio libero tra soletta ed elemento di protezione verticale; prevedere corrimano su entrambi i lati; 40

41 corridoi complementi di arredo: segnaletica: chiara, facilmente leggibile e comprensibile, organizzata in modo logico e sistematico, non ridondante, ad altezza contenuta, ben visibile anche di notte; sistemi informativi aggiuntivi per ciechi ed ipovedenti. L illuminazione deve dare facilitazioni per la percorrenza attenzione a potenziali ostacoli (come i gradini isolati) e alle zone di possibile pericolo (come l imbocco delle scale in discesa). 41

42 corridoi percorso-guida segnalato a pavimento: di tipo tattile-plantare pavimentazione codificata differenziazione della pavimentazione mediante materiali e colori di tipo visivo percorso-guida segnalato a parete mediante: corrimano continuo corrimano continuo con elementi in rilievo di indicazione fascia di colore contrastante 42

43 Corridoi e sistema di accoglienza e distribuzione segnaletica di orientamento (ad es. di entrata/uscita, di indicazione del piano) segnaletica di designazione di luoghi e funzioni (ad es. servizi igienici, servizio igienico accessibile, bar etc.) organizzata in un sistema coerente ed ordinato: è ad altezza costante ha una stessa posizione rispetto alle porte ricorre ad una impostazione grafica costante sistema di informazione tramite bacheche (appese, sospese, a bandiera): coerente struttura simile organizzate per argomenti in modo comprensibile 43

44 44

45 45

46 46

47 47

48 Riconoscibilità, accessibilità, luminosità 48

49 Orientarsi dentro l edificio Pittogrammi di facile identificazione 49

50 Corridoi e scale interne: deambulazione, visione, sicurezza 50

51 51

52 52

53 53

54 Accessibilità differenziata e pluriopzionalità 54

55 piattaforme di distribuzione la loro dimensione e forma deve permettere le manovre alle carrozzine di ogni tipo ed i cambi di direzione. I movimenti delle persone devono poter essere effettuati in condizione di comodità e di sicurezza fare attenzione alla posizione e senso di apertura delle porte, alla posizione delle rampe delle scale - specie di quelle in discesa - in modo che non possano essere imboccate inavvertitamente. 55

56 pianerottoli intermedi di scale, scivoli, rampe pianerottoli di riposo devono interrompere le rampe delle scale e dei piani inclinati: essi devono essere orizzontali preferibilmente dotati di illuminazione naturale e di vista all esterno 56

57 pavimentazione uniforme e regolare priva di sconnessioni, risalti ed avvallamenti gli elementi costituenti la pavimentazione hanno giunti di larghezza < o = 5 mm e risalti limitati antisdrucciolevole (anche in presenza di acqua) ma che non trattenga 57

58 Servizio igienico accessibile dei locali aperti al pubblico e dei locali pubblici dovrebbe rispondere alle esigenze di qualsiasi persona, da sola o con aiuto (come può essere il caso di bambini o di persone con forti disabilità) in un contesto che presenta elementi problematici: spazio generalmente molto ridotto; necessità di operare manovre per il trasferimento; condizione di isolamento (volute e motivate da evidenti motivi di rispetto della privatezza) in cui si effettuano le operazioni nel servizio igienico. 58

59 Servizio igienico accessibile (art del DM 236/1989) Nei servizi igienici devono essere garantite, con opportuni accorgimenti spaziali, le manovre di una sedia a ruote necessarie per l utilizzazione degli apparecchi sanitari : N.B.: se viene garantito solo l accostamento laterale ai sanitari (vaso, bidet etc.), così come espressamente richiesto più avanti dall articolo stesso, l utilizzazione degli apparecchi sanitari può risultare impossibile o molto difficoltoso per molte persone in carrozzina. La scelta dell accostamento laterale con carrozzina disposta lateralmente e parallelamente al vaso è stato ritenuta la più soddisfacente 59

60 servizi igienici accessibili - accostamento laterale al vaso ed al bidet - accostamento laterale a doccia - accostamento laterale (parziale) alla vasca - accostamento frontale al lavabo - canale di percorribilità libero di almeno cm 80 - preferibile apertura porta verso l esterno 60

61 Edilizia residenziale: servizi igienici visitabili : raggiungimento di vaso e di lavabo 61

62 Servizi igienici accessibili. Minimo livello di accessibilità previsto dalle norme. Da usare con grande cautela Servizio igienico tipo previsto dall ormai abrogato DPR 384/78 62

63 63

64 64

65 servizio igienico controllare la larghezza della porta e gli spazi di manovra antistanti e retrostanti ad essa; maniglione vicino al wc, al bidet, alla vasca, al lavabo e alla doccia; disporre con estrema attenzione i maniglioni di supporto affinché non ostacolino il trasferimento dalla carrozzina ai sanitari; evitare che gli eventuali supporti verticali arrivino fino a terra per non intralciare il movimento; sedili mobili per doccia, vasca e sedile rialzato mobile per wc; nel caso di inserimento di sedile fisso per doccia (ribaltabile) valutare con attenzione la sua localizzazione per permettere un facile trasferimento; dare la preferenza a sedili per doccia comodi e ampi; doccia a pavimento ben delimitata; 65

66 66

67 67

68 68

69 69

70 Vaso, vaso-bidet, h 50 in vitreus-china bianco con apertura frontale Corrimano con saliscendi doccia completo di doccetta e flessibile. 70

71 Collegamenti verticali Elementi costruttivi Scale DM 236/1989 edifici privati (edilizia abitativa -ivi compresa l edilizia residenziale pubblica - e edilizia non abitativa) e DPR 503/1996 enti pubblici (strutture e edifici pubblici) larghezza della rampa gradino alzata gradino (a) pedata gradino (p) altezza parapetto corrimano Rampe larghezza cm. 120 (scale di uso comune o di uso pubblico) cm. 80 min. (scala non di uso comune o pubblico, pedata min. cm. 25) pendenza limitata e costante corretto rapporto tra pedata (p) e alzata (a) 2a+p= cm. 62/64 profilo gradino: disegno continuo spigoli arrotondati; sottogrado inclinato rispetto al grado (angolo ); in presenza di disegno discontinuo, l aggetto grado tra 2 2,5 cm cm. 17 cm. 30 min. cm. 100 inattraversabile da sfera di ø cm 10 altezza cm. 90/100, distanza min da parete cm 4 cm. 75 (2 corrimano) se il corrimano è interrotto, prolungare di cm 30; corrimano centrale per i percorsi di largh. > 6 m (solo nel DPR 503/1996) non da usare per dislivelli > di 320 cm. (se esiste solo la rampa) se cm. 150 se fi cm. 90 pendenza 8% ogni 10 m. ripiano (150x150) cm. o (140x170) cm. h. cordolo di cm 10 (se il parapetto non è pieno) pend. max 12%(solo nell esistente) con 3 m. di lunghezza max 71

72 Elementi costruttivi Ascensore cabina di dimensione minima cabina di dimensione minima cabina di dimensione minima porta piattaforma di distribuzione Servoscala DM 236/1989 edifici privati (edilizia abitativa -ivi compresa l edilizia residenziale pubblica - e edilizia non abitativa) e DPR 503/1996 enti pubblici (strutture e edifici pubblici) (110x140) cm. (edifici non residenziali), luce netta porta 80 cm (su lato corto), piattaforma distribuzione (150x150) cm (95x135) cm. (edifici residenziali), luce netta porta 80 cm (su lato corto), piattaforma distribuzione (150x150) cm (80x120) cm. (edifici esistenti), luce netta porta 75 cm (su lato corto), piattaforma distribuzione (140x140) cm cm. 80 o cm 75 (solo nell esistente) (150x150) cm. o (140x140) cm (nell esistente) dimensioni pedana (35x35) cm. sedile (35x40) cm. piattaforma (70x75) cm. Piattaforma elevatrice dimensioni (80x120) cm. 72

73 Collegamenti verticali: le scale 73

74 Collegamenti verticali: le scale preferibili regolari e lineari 74

75 Fruibilità e sicurezza 75

76 Ascensore, servoscala, piattaforma elevatrice ascensore servoscala (altrimenti definito col termine di montascale) un apparecchiatura costituita da un mezzo di carico opportunamente attrezzato marciante lungo il lato di una scala o di un piano inclinato e che si sposta nei due sensi di marcia, vincolato ad una guida fissata a una parete: semplice pedana pedana dotata di sedile piattaforma per lo stazionamento di una persona in carrozzina piattaforma elevatrice (altrimenti definita anche come elevatore) macchina che si sposta lungo guide rigide verticali destinate al trasporto di persone con o senza accompagnatore 76

77 L ascensore: diversi tipi formali, diversi tipi di funzionamento 77

78 78

79 79

80 80

81 81

82 82

83 interpretare criticamente la normativa 83

84 84

85 85

86 Servoscala e piattaforma elevatrice 86

87 87

88 88

89 89

90 90

91 Nuovo edificio uso inappropriato o abuso del montascale? 91

92 92

93 Pulsantiera orizzontale Attribuire un colore ai piani 93

94 94

95 Superare i salti di quota interni, vedere fuori Scale: forma e sicurezza 95

96 vedere fuori da diverse persone e da diverse posizioni: seduti, in piedi, coricati 96

97 97

98 98

99 99

100 Criteri di progettazione per la rampa o il piano inclinato 1. adeguata pendenza 2. adeguata lunghezza e larghezza 3. presenza mancorrenti su ambo i lati 4. corrimani di facile presa 5. interruzioni con ripiani in piano 6. no pendenza nelle parti in curva 7. pianerottolo in piano, di adeguata profondità e larghezza di fronte a porte di entrata/uscita 8. rivestimento rampa con materiale non sdrucciolevole 9. preferibile segnalare inizio/fine rampa 100

101 101

102 102

103 103

104 104

105 105

106 Le porte 106

107 Porte: alcuni accorgimenti girevoli Attenzione a porte girevoli Attenzione a porte vetrate 107

108 108

109 Aspetti di esclusione e difficoltà connessi con l arredo e con complementi di arredo Elementi della costruzione e terminali di impianti Elementi di arredo e complementi di arredo troppo in alto troppo in basso richiedono contorcimenti ed estensioni per la presa sul piano orizzontale e verticale richiedono buon udito, vista, olfatto immediatezza di comprensione capacità di presa forme non adeguate e ingombranti 109

110 L accessibilità dello spazio esterno di pertinenza dell edificio 110

111 111

112 Abbagliamento naturale o artificiale rende difficile riconoscere i segnali ambientali: barriera sensoriale ad es. per illuminazione scale è preferibile che sia laterale 112

113 113

114 Sala conferenze, spettacoli, sistemi per favorire i non vedenti sistemi per favorire i non udenti sistemi di traduzione simultanea delle parole di chi parla in parole scritte, proiettate su schermo sistemi di proiezione su grande schermo attraverso impianto con telecamera sistemi ad induzione amplificata per portatori di protesi acustiche 114

115 Sala conferenze, spettacoli, posti riservati per persone in carrozzina con collocazione, rispetto alle vie di fuga, in prossimità di un uscita di sicurezza in una posizione tale da raggiungere agevolmente una via di esodo accessibile in una posizione tale da raggiungere agevolmente un luogo sicuro statico alcune sedute fisse rimovibili per creare posti riservati a persone in carrozzina alcune sedute con tavoletta ribaltabile utilizzabile da persone mancine palco per conferenze, lezioni, proiezioni etc. accessibile a persona in carrozzina 115

116 Il parcheggio Previsto da normative da DM 236/1989 e DPR 503/1996 (e anche da precedenti disposti) 1 ogni 50 posti segnalato, gratuito, vicino al percorso pedonale vicino all accesso dell edificio o attrezzatura preferibilmente coperto posto riservato e segnalato nei pressi dell abitazione e del luogo di lavoro 116

117 porta >=80cm porta< 80 cm A.B.1 accessibile < 2,5 cm 2,6 cm< difficilmente accessibile <10 cm inaccessibile>10cm maniglia< 85 cm 85 cm < maniglia < 95 cm maniglia< 95 cm 117

118 Diapositiva 117 A.B.1 spiegare i valori associati, organizzazione interfaccia Alessia; 02/03/2005

119 118

120 UN TERRITORIO PR TUTTI: PROGETTO FRANDY PER TORINO 2006 Valutazione dell accessibilit accessibilità nelle strutture alberghiere di Torino e Provincia VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILIT ACCESSIBILITÀ NELLE STRUTTURE RICETTIVE SCHEDA DI RILEVAMENTO DENOMINAZIONE: INDIRIZZO: Categoria: n stelle: Nuova costruzione?: SI NO Anno di costruzione: Ristrutturazioni: SI anno: NO Numero camere: con servizi: senza servizi: Camere accessibili: SI NO LA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI GENERALI DELLA STRUTTURA denominazione il numero di stelle l indirizzo la posizione il numero di camere l anno di costruzione accoglienza N scheda: Scheda DISLIVELLI Il dislivello è superabile per mezzo di: gradini: n gradini: dimensioni: alzata: pedata: è presente un corrimano?: SI NO rampa: larghezza rampa: cm pendenza rampa: cm è presente un corrimano SI NO servoscala o piattaforma elevatrice: SPAZI ESTERNI percorso esterno parcheggi pubblici e privati area verde SPAZI INTERNI ingresso porta d ingresso hall/reception corridoi scale camera SCHEDE AGGIUNTIVE dislivelli servizio igienico ascensore sala colazione/ristorazione ambienti specifici 119

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS Guida alla progettazione accessibile e funzionale prog_43giparte_cambion.qxp 03/08/2006 10.13 Pagina 3 PENSARE ACCESSIBILE E FUNZIONALE PER

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi Una casa su misura Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica A cura di Devis Trioschi Fisioterapista Centro Regionale Ausili di Bologna È un iniziativa Regione Emilia Romagna Programma

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali LINEE GUIDA PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI LUOGHI

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità ATM RETE DI TRASPORTO guida per i passeggeri con disabilità PREMESSA Nel corso degli anni gli investimenti per l abbattimento delle barriere architettoniche legate al trasporto pubblico cittadino sono

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana)

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) n.prog.: Iniz: Luogo di abitazione: Data di nascita: Dominio

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA IL SOCCORSO ALLE PERSONE

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze La norma di base sulle distanze legali contenuta nel Codice civile ed il suo rapporto con i regolamenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli