REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNALE. entrato in vigore il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNALE. entrato in vigore il 09.04.1990"

Transcript

1 COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA PIAZZA 29 MAGGIO, CONCORDIA SULLA SECCHIA-MODENA Nr. telefono Nr.fax (PARTITA IVA ) REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNALE adottato con Delibera Consigliare n. 13 del entrato in vigore il Versione aggiornata con la Delibera di Consiglio n. 61 del esecutiva il Le modifiche apportate sono scritte in grassetto -

2 - INDICE - DISPOSIZIONI PRELIMINARI artt.1-2 CAPITOLO PRIMO Denuncia, causa e accertamento della morte..artt.3-13 CAPITOLO SECONDO Periodo di osservazione - Depositi di osservazione artt CAPITOLO TERZO Riscontro diagnostico - Rilascio di cadaveri - Prelievo di parti di cadavere, ecc... art.18 CAPITOLO QUARTO Onoranze funebri e trasporto dei cadaveri...artt CAPITOLO QUINTO Personale addetto alla gestione cimiteriale ed ai servizi funebri..artt CAPITOLO SESTO Cimiteri Comunali.artt CAPITOLO SETTIMO Costruzione dei cimiteri - Piani cimiteriali - Disposizioni tecniche.. artt CAPITOLO OTTAVO Inumazioni Tumulazioni Esumazioni Estumulazioni...artt CAPITOLO NONO Sepolture e concessioni..artt CAPITOLO DECIMO Concessioni perpetue - Norme transitorie..artt CAPITOLO UNDICESIMO Illuminazione votiva...artt DISPOSIZIONI FINALI... artt

3 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI - ART. 1 Il presente Regolamento ha lo scopo di coordinare e disciplinare, in armonia con le disposizioni del Regolamento di Polizia Mortuaria, approvato con D.P.R. 21/10/1975, n.803, tutte le disposizioni che riguardano il Comune, il Servizio Necroscopico e le misure profilattiche relative, il Servizio di custodia e di pulizia dei cimiteri comunali e tutte le operazioni che in via ordinaria e straordinaria vengono compiute sui cadaveri. ART. 2 - Organizzazione del servizio Concorrono all esercizio delle varie attribuzioni in materia: 1) L Ufficio di Stato Civile e Polizia Mortuaria comunale, per i servizi amministrativi e per il coordinamento dell attività del personale addetto ai vari servizi funebri e cimiteriali; 2) L Unità sanitaria locale N.15 per la vigilanza sanitaria, ai sensi dell art.6 del T.U.delle Leggi Sanitarie, R.D.27/7/1934, n.1265, del Titolo 7 del D.P.R. 21/10/1975, n.803, e della Legge Regionale Igiene Pubblica, N.19 del 4/5/1982; 3) L Ufficio Tecnico Comunale per i lavori di carattere edilizio e per la vigilanza tecnica; 4) L Ufficiale di Stato Civile per la parte relativa alle dichiarazioni di decesso, in ogni caso per quanto di competenza previsto dal D.P.R. 9/7/1939, N.1238 (Ordinamento dello Stato Civile); 5) Il contratto nazionale di lavoro e le norme sindacali riguardo al numero e alle mansioni degli addetti ai cimiteri ed ai servizi funebri, ed il relativo stato giuridico. - CAPITOLO 1 - Denuncia, causa e accertamento della morte ART. 3 Dichiarazione di morte La dichiarazione di morte è fatta entro 24 ore dal decesso all Ufficiale di Stato Civile, dalle persone espressamente indicate nell ordinamento dello Stato Civile (R.D.9/7/1939, n.1238). ART.4 Denuncia della causa di morte Il medico curante ha il compito di informare l Ufficiale di Stato Civile, non oltre 24 ore dal decesso, della causa di morte, mediante apposita scheda stabilita dal Ministero della Sanità d intesa con l I.S.T.A.T. Tale scheda ha finalità sanitario-statistiche, essa può anche essere elemento di guida per la visita del medico necroscopo, per cui va compilata, ove possibile prima della visita di quest ultimo. Presso il Servizio di Igiene Pubblica è istituito un registro, da conservarsi aggiornato, con l elenco dei deceduti nell anno e relativa causa di morte.

4 ART.5 - Esito delle autopsie e dei riscontri diagnostici I risultati delle autopsie o dei riscontri diagnostici effettuati in altra forma prevista dalla legge, devono essere comunicati al Sindaco, il quale informerà il Servizio di Igiene Pubblica della causa di morte da riportare sulla scheda di morte I.S.T.A.T. ed in conformità a quanto previsto nell articolo precedente. ART.6 - Medico necroscopo Avvenuta la denuncia di morte e della relativa causa, come indicato negli articoli precedenti, questa sarà constatata dal medico necroscopo, il quale ne rilascerà certificazione scritta da allegarsi all atto di morte compilato dall ufficiale dello Stato Civile. Essa ha per oggetto la constatazione della morte effettiva ai fini del rilascio del permesso di seppellimento, ai sensi dell art.141 del R.D. 9/7/1939, n Detto accertamento non potrà avvenire prima di 15 ore dal decesso. ART.7 Funzioni del medico necroscopo Le funzioni del medico necroscopo di cui all art.141 del R.D. n.1238 del 1939,sono esercitate da un medico del Ruolo Nominativo regionale o da altro sanitario incaricato dal Sindaco. Nei presidi ospedalieri la funzione del medico necroscopo è svolta dal Direttore Sanitario o da un medico da lui delegato. Il medico necroscopo dipende dall autorità sanitaria ed a questa riferisce sull espletamento del proprio servizio. ART. 8 Interventi dell autorità giudiziaria Il medico che durante la visita della salma, o anche successivamente, in esito al riscontro diagnostico rileva indizi di morte dipendenti da cause delittuose o comunque non dovuti a causa naturale, deve fare immediatamente rapporto al Sindaco perché questi lo segnali all autorità giudiziaria. L omissione o il ritardo di tale denuncia incorre nelle sanzioni previste dagli articoli 361 e 365 del C.P. Nei casi suddetti spetta all autorità giudiziaria il rilascio del nulla osta al seppellimento. ART. 9 Pezzi di cadaveri, ossa umane Nel caso di rinvenimento di pezzi di cadavere ed anche soltanto di ossa umane, chi ne fa la scoperta deve informare immediatamente il Sindaco, il quale ne dà subito comunicazione alle autorità giudiziarie ed a quella di P.S. Il Sindaco inoltre incarica il medico necroscopo dell esame del materiale rinvenuto e comunica i risultati alla autorità giudiziaria per il rilascio del nulla osta al seppellimento.

5 ART.10 Permesso di seppellimento L autorizzazione per la sepoltura di una salma nel cimitero è rilasciata dall Ufficiale di Stato Civile. La medesima autorizzazione è necessaria per il seppellimento di pezzi di cadavere e di ossa umane rinvenute, previo nulla-osta dell autorità giudiziaria. ART. 11 Prodotti abortivi Per la sepoltura di prodotti abortivi e dei feti che non siano stati dichiarati come nati morti all Ufficio di Stato Civile, i permessi di trasporto e seppellimento sono rilasciati dall autorità sanitaria. ART. 12 I permessi di cui ai precedenti articoli 10 e 11 devono essere consegnati dall incaricato del trasporto al custode del cimitero e da questi conservati. ART.13 Si osservano in particolare, per quanto riguarda il presente capitolo, le disposizioni contenute nel Titolo Primo del D.P.R. 21/10/1975, n CAPITOLO SECONDO - Periodo di osservazione. Depositi di osservazione. ART.14 Nessun cadavere può essere chiuso in cassa nè essere sottoposto ad autopsia od a trattamenti conservativi né essere sepolto, prima che siano trascorse 24 ore dal momento del decesso, salvo la protrazione o la riduzione del periodo di osservazione nei casi previsti dal vigente Regolamento di Polizia Mortuaria Nazionale. ART.15 Durante il periodo di osservazione il cadavere composto secondo le prescrizioni di legge, deve essere posto in condizioni tali che non ostacolino eventuali manifestazioni di vita, rilevabili da una persona preposta alla sorveglianza. ART.16 In apposito locale del cimitero o di Istituto sanitario saranno ricevute, per il prescritto periodo di osservazione,le salme di persone: a)morte in abitazione non adatta o nella quale sia pericoloso trattenerle.

6 b)morte in seguito ad incidente sulla pubblica via o comunque in luogo pubblico. c)ignote,di cui deve farsi esposizione per il riconoscimento. In nessun caso la salma in osservazione presso i luoghi previsti dal primo comma potrà essere trasferita in abitazione privata. ART.17 Si osservano in particolare, per quanto riguarda il presente capitolo, le disposizioni contenute nei Titoli 2 e 3 del D.P.R.21/10/1975, n CAPITOLO TERZO - Riscontro diagnostico Rilascio di cadaveri - Prelievo di parti di cadavere, ecc. ART.18 Si osservano in particolare, per quanto riguarda Riscontro diagnostico, Rilascio di cadaveri a scopo di studio, Prelievo di parte di cadavere a scopo di trapianto terapeutico, Autopsie e trattamenti per la conservazione di cadaveri, le norme e le disposizioni contenute nei Titoli 5,6,7 e 8 del D.P.R , n CAPITOLO QUARTO - Onoranze funebri e trasporto dei cadaveri ART.19 Nel territorio del Comune il servizio trasporti funebri di cui all art.1, n 8, del T.U. 15/10/1925, n.2578, è gestito con diritto di privativa, ai sensi dell art.17 del D.P.R. 803 del Da parte dei privati, pertanto,non può essere eseguito alcun trasporto di salma. Il servizio trasporti potrà essere appaltato a Imprese di Pompe funebri secondo le norme del D.P.R. 803 del 1975 e del presente regolamento. Dette imprese forniranno anche il servizio onoranze funebri. L esclusiva del trasporto non comprende il trasporto nel territorio del Comune, dei nati morti e dei neonati. Il trasporto di resti, in seguito ad esumazione ordinaria e di ceneri, pur dovendo essere autorizzato dal Sindaco, come per i cadaveri, può essere effettuato anche con vettura privata. ART.20 Eccezione al diritto di privativa Il Sindaco potrà autorizzare il trasporto fuori comune del feretro, per conto di singoli privati, da parte di altre imprese di pompe funebri con mezzi in loro dotazione purchè idonei ai sensi di legge. In questi casi sarà dovuto il diritto fisso come previsto dall art.17 del Regolamento di Polizia Mortuaria Nazionale (803/1975) e dal combinato disposto dagli artt.2 e 15 del Capitolato d Appalto che conferisce il trasporto ad imprese privata.

7 ART.21 Il trasporto delle salme al cimitero viene effettuato come segue: a) a carico del comune nei casi di rinvenimento di salma abbandonata ed inoltre nei casi richiesti al Sindaco e concessi con Deliberazione del Consiglio Comunale, previo parere favorevole dell Ufficio Servizi Sociali. b) a carico del comune nei casi ordinati dalla autorità giudiziaria. c) a pagamento in tutti gli altri casi. Nelle ipotesi previste nei punti a) e b) il comune fornirà gratuitamente il feretro ed il servizio funebre. Dette salme saranno inumate. ART.22 Il trasporto dei cadaveri dal luogo del decesso al deposito di osservazione, alla sala della autopsia o del cimitero, è eseguito in carro chiuso, rivestito internamente di lamiera od altro materiale impermeabile, facilmente lavabile e disinfettabile. I carri destinati ai trasporti funebri devono essere riconosciuti idonei dall autorità sanitaria, la quale ne controlla periodicamente lo stato di manutenzione. La dichiarazione di idoneità, rilasciata come sopra, deve essere conservata nel carro. ART.23 Il trasporto di un cadavere, di un resto mortale o di ossa umane fuori dal Comune è autorizzato dal Sindaco. Il decreto di autorizzazione è comunicato al Sindaco del Comune in cui deve avvenire il seppellimento. ART.24 L incaricato del trasporto di una salma deve essere munito di apposita autorizzazione del Sindaco da consegnarsi al custode del cimitero. ART.25 Appena comunicata la morte di una persona, i familiari o chi per essi, debbono rivolgersi all ufficio comunale preposto per attivare il servizio di trasporto funebre secondo le modalità di gestione del Comune. Trattandosi di un servizio a pagamento il versamento del corrispettivo dovuto in base alle tariffe approvate dalla Amministrazione Comunale, sarà eseguito presso la Tesoreria Comunale. ART.26 Modalità di pagamento Il richiedente il trasporto e le onoranze funebri dovrà sempre effettuare il pagamento dovuto all atto della richiesta e per intero, non essendo ammesse dal comune né dilazioni né rateizzazioni.

8 ART.27 Il comune o la ditta appaltatrice del trasporto, quando viene richiesto, effettua anche il trasporto delle salme fuori dal territorio comunale, con l osservanza di tutte le modalità previste dal presente regolamento, o delle norme che regolano l appalto alla impresa privata. ART.28 Sorveglianza sui trasporti La sorveglianza sui trasporti funebri compete al Sindaco tramite l ufficio comunale incaricato, anche in caso di trasporti effettuati da imprese private diverse da quella appaltatrice del servizio nel territorio comunale. Tale sorveglianza è intesa a garantire che siano integralmente rispettate le condizioni contrattuali e i regolamenti, pena le sanzioni allo scopo previste dal capitolato d appalto e dalle leggi in generale. ART.29 Orario dei trasporti I trasporti funebri si effettuano nelle seguenti fascie orarie: ore antipomeridiane.non oltre le ore 11,00. Ore pomeridiane:fino ad un ora prima della chiusura dei cimiteri. L ora del trasporto è stabilita dal Capo dell ufficio comunale preposto, di volta in volta, anche in deroga agli orari sopraindicati, tenuto conto delle esigenze di servizio e di circostanze eccezionali, con riguardo alla priorità delle domande, in caso di più trasporti nella stessa giornata. Non si effettuano trasporti nelle giornate festive. In caso di più giorni festivi consecutivi, il trasporto sarà autorizzato nelle sole ore antimeridiane a partire dal secondo giorno festivo. Il carro per il trasporto funebre dovrà trovarsi sul luogo di partenza della salma non meno di dieci minuti prima dell ora fissata. ART.30 Percorso e corteo funebre Le fasi del trasporto funebre comprendono: - il prelievo della salma dal deposito di osservazione; - il percorso del corteo; - la sepoltura nel cimitero. Il percorso seguirà l itinerario più breve e con le modalità che saranno concordate di volta in volta con l ufficio comunale, secondo le opportunità del servizio e nel rispetto delle indicazioni date dalla polizia Municipale, riguardo alla viabilità dell itinerario e a quanto altro di competenza. Durante il percorso è proibita qualsiasi sosta del corteo in luogo diverso dalla chiesa in cui si celebrano le esequie funebri. ART. 31 Formazione del corteo funebre (articolo abrogato con Delibera Consigliare n. 21 del )

9 ART.32 Trasporto a mano o a spalla Il trasporto a mano od a spalla può essere effettuato dalla famiglia designata dal defunto in vita. Detto trasporto deve essere richiesto all ufficio comunale specificando anche il tratto di itinerario che si intende effettuare. Di regola il tratto da percorrere per trasporto a mano o a spalla non può essere superiore a metri 200 ed il carro funebre deve seguire il corteo. Nel caso in cui il trasporto si effettui direttamente dal luogo dove si trova la salma fino alla chiesa, o dalla chiesa al cimitero, il trasporto può avvenire senza la scorta del carro. In ogni caso è richiesta la presenza dei necrofori. ART.33 Corone e fiori Sulle auto funebri è ammessa la posa di non più di N.4 corone. E consentito inoltre di coprire il cofano con fiori freschi, in mazzo, cuscini e simili, purchè non trapelanti umidità. Per il trasporto delle corone saranno utilizzati appositi mezzi, sempre che le stesse non siano portate a mano. ART.34 Per eventuali cerimonie diverse dalla rituale, così come previsto dal presente regolamento, occorre la preventiva autorizzazione del Sindaco, previa domanda ad esso indirizzata dagli aventi interesse. ART.35 La ditta appaltatrice del servizio trasporti, a richiesta dei privati, provvede alla fornitura di feretri e di quant altro sia attinente alle pompe funebri, adempiendo anche alle relative formalità amministrative. Tali forniture saranno erogate in regime di libera concorrenza per tutto quanto non contenuto nel Capitolato d appalto e atti allegati. La specifica di quanto è convenzionato con la ditta appaltatrice è visibile presso l ufficio comunale ed esposto altresì negli uffici della ditta appaltatrice. ART.36 Organizzazione del servizio La ditta appaltatrice del trasporto funebre provvede tramite il proprio personale alla organizzazione del funerale, al disbrigo delle pratiche amministrative inerenti la fornitura e l invio del feretro nel luogo fissato per la partenza, all incassamento della salma, alla chiusura e saldatura del feretro, nonché a tutte le forniture e prestazioni accessorie richieste dai privati. ART.37 Oneri per servizi cimiteriali Il Comune introita per i servizi cimiteriali un diritto fisso, quale corrispettivo delle spese sostenute per l organizzazione del servizio, per il materiale e per la manutenzione ordinaria delle strutture.

10 L importo di detto diritto viene determinato con apposito separato provvedimento deliberativo. L importo di tale diritto è ridotto alla metà per le onoranze e il trasporto dei bambini di età non superiore ai 10 anni. ART.38 Divieti E vietato a chiunque di effettuare trasporti funebri nel territorio del comune, salvo le eccezioni previste dalla legge, dal presente regolamento e dal capitolato d appalto che regola i rapporti tra il comune e la ditta appaltatrice. Allo scopo di evitare molestie o disturbi ai dolenti, è vietato inoltre agli estranei di fare qualsiasi offerta o contrattazione attinente al servizio funebre nell ambito dei luoghi e delle aree circostanti gli stessi in cui giacciono i cadaveri. ART.39 Si osservano in particolare, per quanto riguarda il presente capitolo, le disposizioni dettagliate contenute nel Titolo 4 del D.P.R. 21/10/1975, n CAPITOLO QUINTO - Personale addetto alla gestione cimiteriale e dei servizi funebri ART.40 L Ufficio comunale di Polizia Mortuaria, presso i Servizi Demografici, si incarica di eseguire tutti gli adempimenti previsti per la sepoltura delle salme e di tutte le operazioni mortuarie all interno dei cimiteri. Il personale addetto ai servizi cimiteriali è composto da: N.1 Custode Necroforo; N.1 Custode Aiuto-Necroforo; N.1 Custode. Le figure anzidette sono subordinate al Responsabile dei Servizi Demografici. Lo stato giuridico ed economico del personale è disciplinato dal Regolamento Organico Generale Relativo al personale degli Enti Locali. I turni di lavoro, entro i limiti massimi di orario indicati nel Regolamento di cui più sopra, vengono stabiliti dal Sindaco in relazione alle necessità di funzionamento del servizio. ART.41 Pulizia dei cimiteri La pulizia dei cimiteri comunali sarà affidata al personale di cui all articolo precedente, in via ordinaria. In caso di necessità comprovata, qualora il personale preposto non possa provvedervi o debba essere coadiuvato, la pulizia sarà affidata anche a personale designato discrezionalmente dalla Amministrazione Comunale.

11 ART. 42 Capo ufficio della Polizia Mortuaria Ai cimiteri ed al servizio funebre è preposto il Responsabile dei Servizi Demografici, i cui compiti specifici sono di disporre e vigilare: - sulla applicazione delle norme contenute nel D.P.R. 21/10/1975, n.803, nel presente regolamento comunale ed in ogni altra disposizione di legge in materia, istruzioni, circolare, ecc. inerenti l argomento. - su tutte le operazioni che si svolgono nel cimitero, accertando che siano autorizzate e che si compiano nel rispetto delle norme vigenti, a cura del personale cui è fatto dovere; - sul personale addetto al cimitero ed ai servizi funebri circa l esercizio delle rispettive attribuzioni,il comportamento e la disciplina; - sulle costruzioni del cimitero, in collaborazione con un incaricato dell Ufficio Tecnico comunale, affinché non si contravvenga alle disposizioni del D.P.R.21/10/1975, n.803 ed al presente regolamento; - studiare e formulare proposte sulle questioni tecniche ed amministrative necessarie ed opportune per il regolare andamento del servizio; - relazionare sulle provviste, opere, servizi, imprese appaltatrici secondo i capitolati e le norme del D.P.R. 803 e del presente regolamento; - segnalare eventuali irregolarità,inadempienze ed insufficienze relative a quanto più sopra esposto; - curare il disbrigo di tutte le pratiche d ufficio e contabili. Nell esercizio delle sue attribuzioni il Capo Ufficio può farsi coadiuvare da apposito personale tecnico e amministrativo. Per quanto non espressamente previsto si rimanda al regolamento del personale vigente. ART.43 - Custode cimiteriale Ai cimiteri comunali sono addetti n.3 custodi. Il custode è responsabile della custodia e manutenzione dei cimiteri urbani e periferici, nonché dei servizi che si svolgono all interno di essi ed in particolare è disposto che debba essere presente ogni qualvolta si svolga un servizio funebre all interno del cimitero,al fine di ottemperare ad ogni adempimento previsto dalle sue funzioni. Rileva ogni giorno dal Capo Ufficio le disposizioni e gli ordini di servizio relativi alle operazioni funebri, disponendo tempestivamente ed adeguatamente alle varie incombenze. Riferisce altresì al Capo ufficio circa inadempienze, irregolarità ed inconvenienti rilevati in servizio, affinché possa provvedersi in merito. Avrà il diritto di rispettare una giornata di riposo infrasettimanale. Il custode ha i seguenti compiti: - per ogni cadavere ricevuto ritira e conserva l autorizzazione al seppellimento; ritira altresì l autorizzazione dal Sindaco, che gli deve essere consegnata dall incaricato al trasporto del feretro nel caso che questi provenga da fuori comune; - presenzia alle operazioni di inumazione o tumulazione dopo essersi accertato che sia trascorso il prescritto periodo di osservazione del cadavere, che la cassa corrisponda ai requisiti di legge e che siano state osservate eventuali prescrizioni speciali delle autorità; -sorveglia i cadaveri trasportati nel deposito di osservazione o nella camera mortuaria del cimitero per il prescritto periodo di osservazione, anche ai fini del rilevamento di eventuali manifestazioni di vita;

12 -iscrive sugli appositi registri, distinti per cimitero, in doppio esemplare, le inumazioni, le tumulazioni, le cremazioni, con le indicazioni prescritte dal D.P.R.803/1975, nonché le variazioni conseguenti ad esumazioni, estumulazioni, traslazioni di salme e di resti. Tale registro deve essere tenuto con diligenza e presentato ad ogni richiesta degli uffici comunali e governativi. Un esemplare del registro deve essere consegnato ad ogni fine anno all archivio comunale, per essere lì conservato, restando l altro presso l ufficio cimiteriale. - cura l apposizione dei cippi regolamentari sulle fosse di inumazione; - regola le esumazioni e le estumulazioni ordinarie e presenzia a quelle straordinarie ordinate dalla autorità competente, redigendo ogni volta apposito verbale, di cui consegnerà copia agli uffici comunali interessati; - sorveglia che ogni intervento sulle salme o sulle tombe sia debitamente autorizzato; - regola l apertura al pubblico del cimitero secondo gli orari stabiliti da presente regolamento; - durante l orario di apertura al pubblico sorveglia che siano rispettate da parte dei visitatori, le norme e i divieti stabiliti dal presente regolamento; - vigila e si accerta che la installazione di lapidi ed ogni altro intervento di privati al cimitero, sia debitamente autorizzato; -controlla che venga effettuata la manutenzione delle tombe da parte dei concessionari, provvedendo a segnalare le inadempienze; -provvede alla rimozione dei fiori appassiti ed entro 48 ore dalla tumulazione delle salme rimuove le corone collocandole all esterno del cimitero; -si incarica della regolare pulizia della camera mortuaria e di tutti gli altri servizi,chiedendo,quando occorre, una disinfezione; si incarica altresì della regolare pulizia del viale di accesso al cimitero; -è responsabile del buon andamento del cimitero e quindi svolge ogni altra mansione necessaria per l esecuzione del presente regolamento,ogni qualvolta ne sia richiesto dal Capo ufficio; -provvede a tutti gli adempimenti di cui sopra anche per tutti i cimiteri comunali, in collaborazione coi colleghi, qualora richiesto dal Capo Ufficio per circostanze straordinarie, servendosi di automezzo proprio,a fronte di rimborso spese; E fatto salvo infine che il Capo ufficio possa disporre in qualsiasi momento che le operazioni suaccennate siano svolte anche da altro personale designato dalla Amministrazione Comunale e provvede inoltre alla sostituzione del custode nel caso in cui egli sia assente od impedito. ART. 44 Necroforo Alle materiali operazioni di seppellimento provvede il necroforo. Egli ha in particolare i seguenti compiti: - esegue gli scavi delle fosse per le inumazioni, effettua le esumazioni ordinarie e straordinarie, le traslazioni di salme, ecc.; - durante le suddette operazioni indossa i capi di vestiario avuti in dotazione dal comune, provvedendo alla fine a disinfettarli accuratamente; - provvede alla apertura e chiusura delle tombe in muratura sia in forma provvisoria che definitiva ed alla tumulazione delle salme in esse; - attende alla pulizia dei locali del cimitero, sotto i loggiati, nei campi e vialetti; mantiene curate le siepi ed i prati, tagliando periodicamente l erba ed intervenendo con potature agli alberi ogni qualvolta si renda necessario; provvede alla manutenzione delle cose e degli attrezzi avute in dotazione per il servizio; - non può in nessun caso appropriarsi e ricevere cose di pertinenza dei feretri né accettare compensi di alcun genere per i servizi cimiteriali;

13 - esegue tutti quei lavori di sistemazione e manutenzione disposti dal Capo ufficio,da cui verrà informato nelle circostanze in cui dovranno rispettarsi particolari disposizioni dell Ufficio Tecnico comunale; - recupera le salme dei deceduti per morte violenta o accidentale, predisponendole per il trasporto nel deposito di osservazione; - svolge inoltre tutte quelle incombenze che gli vengono richieste dal Capo Ufficio per il regolare funzionamento del servizio. - CAPITOLO SESTO - Cimiteri Comunali ART.45 Nel territorio del Comune sono previsti i seguenti cimiteri: N.1 Vecchio Cimitero Urbano N.1 Nuovo Cimitero Urbano N.4 Cimiteri Frazionali (San Giovanni, Santa Caterina, Vallalta, Fossa) Ciascuno dei cimiteri suddetti deve avere almeno un reparto destinato alla inumazione. Il Sindaco dispone della manutenzione,dell ordine e della vigilanza sanitaria dei cimiteri per tramite dell Ufficio Polizia Mortuaria presso i Servizi Demografici. Il Servizio di Igiene Pubblica dell U.S.L. N.15 controlla sul funzionamento dei cimiteri e propone al Sindaco i provvedimenti necessari per assicurare la regolare tenuta igienico-sanitaria. ART.46 Nei cimiteri comunali vengono accolti: - i cadaveri delle persone morte nel territorio del comune, qualunque ne fosse in vita la residenza; - i cadaveri delle persone morte fuori dal comune, ma che in vita avevano in esso la residenza; - i cadaveri delle persone non residenti nel comune e deceduti fuori di esso o all estero, che abbiano manifestato il desiderio di essere sepolti nel comune; - i cadaveri delle persone non residenti in vita nel comune, morte fuori di esso, ma aventi diritto alla sepoltura in una tomba di cui risultino concessionari o eredi; - i nati morti e gli esiti delle gravidanze interrotte che non abbiano destinazione diversa; altrettanto dicasi per parti di cadavere e ossa umane; - i resti mortali dei cadaveri sopra elencati. ART.47 Apertura dei cimiteri I cimiteri rimangono aperti al pubblico tutti i giorni, compresi quelli festivi, ad eccezione di un giorno di chiusura settimanale, che dovrà coincidere con il giorno di riposo dei custodi. Detto giorno è fissato nel lunedì, fatto salvo che l Amministrazione Comunale voglia disporre la chiusura in altro giorno della settimana. ART.48 Orari Gli orari di apertura dei cimiteri sono i seguenti, salvo diversamente disposto con apposito atto deliberativo del Sindaco:

14 ORARIO INVERNALE (mesi di ott/nov/dic/gen/feb/mar) Mattino...h.09,00-12,00 Pomeriggio.h.14,00-17,00 ORARIO INTERSTAGIONALE (apr/mag/set) Mattino...h.09,00-12,00 Pomeriggio..h.15,00-18,00 ORARIO ESTIVO (giu/lug/ago) Mattino h.08,30-11,30 Pomeriggio..h.16,00-19,00 Durante il restante tempo i cancelli devono rimanere chiusi a chiave. I predetti orari saranno portati a conoscenza dei visitatori mediante manifesto da affiggersi all entrata del cimitero. ART.49 Lavori murari Gli esecutori di lavori murari all interno del cimitero devono essere debitamente autorizzati. Essi sono responsabili degli eventuali danni arrecati a cose di proprietà del comune o di terzi. I materiali di scavo o di rifiuto devono essere di volta in volta rimossi e trasportati nei luoghi indicati dal custode. Alla fine dei lavori il suolo temporaneamente occupato deve essere perfettamente ripulito e ripristinato. L autorizzazione di cui al primo comma del presente articolo non sarà concessa per il giorno di chiusura dei cimiteri e nella settimana precedente il giorno della commemorazione dei defunti (2 novembre) e fino a quattro giorni dopo. In questo periodo è vietata l introduzione e la posa in opera di materiale da costruzione o anche solo di lapidi individuali. Le imprese, in tale periodo,devono sospendere tutte le costruzioni non ultimate e provvedere alla sistemazione dei materiali, allo smontaggio delle armature e ponti, salvo diversa autorizzazione dell Ufficio di Polizia Mortuaria. ART.50 Fiori e arbusti E consentito alle famiglie dei defunti di deporre sulle tombe fiori recisi, corone e ghirlande, nonché coltivare fiori ed arbusti purchè questi non assumano proporzioni eccessive e che non escano dal perimetro della tomba. I fiori appassiti saranno rimossi a cura del custode, così pure le ghirlande e le corone saranno rimosse dopo 48 ore dalla tumulazione della salma. Detto materiale, dopo la rimozione dalla sepoltura, se non sarà richiesto dalle famiglie entro 48 ore,sarà considerato materiale di scarto e sarà cura del custode provvedere alla sua distruzione.

15 Gli arbusti che avranno superato l altezza di un metro dovranno essere ridimensionati a cura degli interessati. In mancanza vi provvede il custode. ART.51 Monumenti funebri Le lapidi, le croci, i monumenti e qualunque altra cosa posta sulle fosse e sulle sepolture in muratura, non potranno essere rimosse o modificate senza l autorizzazione del Sindaco. Per quanto riguarda la installazione di quanto suddetto gli esecutori dell opera sono tenuti ad osservare le disposizioni dell art.87 del presente regolamento. ART.52 Si osservano in particolare, per quanto riguarda il presente Capitolo, le disposizioni contenute nel Titolo 9 del D.P.R. 21/10/1975, n.803. CAPITOLO SETTIMO Costruzione dei cimiteri. Piani Cimiteriali. Disposizioni tecniche ART.53 I criteri di costruzione dei cimiteri urbano-periferici nonché la scelta dei materiali da costruzione, delle strutture architettoniche e della capacità dei singoli loculi saranno determinati dalla Amministrazione Comunale, sentiti gli Organi a ciò preposti indicati nel Titolo 10 e dall Art.76 del Titolo 15 del D.P.R. 21/10/1975, N.803. ART.54 Si osservano in particolare, per quanto riguarda il presente Capitolo, le disposizioni generali contenute negli articoli 53 e segg. del Titolo 10 del D.P.R. 21/10/1975, n Per quanto riguarda inoltre la costruzione delle Camere mortuarie, Sala delle autopsie e Ossario si osservano le disposizioni contenute nei Titoli 11, 12 e 13 del D.P.R. 21/10/1975, n CAPITOLO OTTAVO - Inumazioni, tumulazioni, esumazioni, estumulazioni ART.55 Inumazione I campi dei cimiteri previsti per le inumazioni sono divisi in riquadri e l utilizzazione delle fosse deve farsi cominciando da una estremità di ciascun riquadro e successivamente, fila per fila, senza soluzione di continuità.

16 ART.56 Le fosse di inumazione devono distare tra loro almeno centimetri 50. I vialetti di separazione devono essere provvisti di sistemi fognanti adatti a convogliare le acque meteoriche lontano dalle fosse stesse. ART.57 I cadaveri destinati alla inumazione devono essere chiusi in casse costruite con tavole di legno secondo le indicazioni del D.P.R. 803 del Per la confezione delle casse non è consentito l uso di metalli o altro materiale non decomponibile. ART.58 Ogni feretro deve essere sepolto in fossa separata dalle altre. Soltanto madre e neonato e neonati gemelli, morti al momento del parto, possono essere chiusi nella stessa cassa e sepolti nella medesima fossa. ART.59 Ogni fossa, nei campi comuni di inumazione, deve essere contraddistinta da un cippo costituito da materiale resistente alle intemperie e portante un numero progressivo e l anno di seppellimento. Sul cippo inoltre,verrà applicata una targhetta con l indicazione del nome, cognome e data di decesso del defunto. Tali indicazioni potranno anche essere scolpite direttamente sul cippo, oppure in altra forma, purchè non deteriorabile. A quanto sopra dovranno provvedere i familiari del defunto; in mancanza sarà cura dell Amministrazione comunale adempiervi, ponendo le spese a carico dei familiari obbligati. Nel caso di cippo pericolante a cui non sia provveduto da parte dei familiari, provvederà l Amministrazione comunale, riservandosi il diritto di rivalsa sui privati. ART.60 Tumulazione In luogo della inumazione, le salme possono essere tumulate in loculi in muratura, separati, individuali, oppure in sepolture costituite da tombe individuali per coniugi o per famiglie, purchè già preesistenti nella struttura del cimitero. I loculi possono essere a più piani sovrapposti, ma devono consentire l accesso diretto del feretro dall esterno. E fatto divieto di intervenire sulle sepolture in muratura con lavori che tendano ad aumentare la capacità della tomba, al fine di non compromettere la stabilità delle costruzioni, ed inoltre per non incorrere nei divieti previsti dalle disposizioni sanitarie e dalle disposizioni in generale previste dal D.P.R. Qualsiasi intervento di natura straordinaria dovrà comunque essere preventivamente autorizzato dal Sindaco.

17 ART.61 Le salme destinate alla tumulazione devono essere racchiuse in duplice cassa, l una di legno, altra di metallo, entrambe corrispondenti ai requisiti di cui all art.28 del Regolamento di Polizia Mortuaria Nazionale. ART.62 Nelle tumulazioni è vietato sovrapporre un feretro all altro. Tutte le disposizioni di cui agli articoli precedenti si applicano anche alle salme tumulate provvisoriamente in attesa di destinazione definitiva. ART.63 Tumulazione provvisoria E prevista la tumulazione provvisoria di salme nelle strutture comunali a ciò predisposte o in tombe private, quando nel cimitero sono esauriti i loculi disponibili. La tumulazione provvisoria non è consentita quando nel cimitero ci sono ancora loculi a disposizione, anche se non sono in posizione gradita dai richiedenti la tumulazione. ART.64 Esumazioni Le esumazioni ordinarie delle salme inumate si eseguono dopo un decennio dalla inumazione. Le fosse liberate dai resti del feretro si utilizzano per nuove inumazioni, tenuto conto tuttavia delle disposizioni contenute nell art.83 del D.P.R. 803/1975. Le esumazioni ordinarie vengono regolate dal custode. Le esumazioni ordinarie delle salme tumulate nelle costruzioni in muratura si eseguono allo scadere della concessione, oppure dopo trenta anni dalla tumulazione. Le tombe, liberate dai resti del feretro, saranno riconcesse per nuove tumulazioni. ART.65 Esumazioni straordinarie Le salme possono essere esumate prima del prescritto turno di rotazione dietro ordine dell autorità giudiziaria o previa autorizzazione del Sindaco per trasportarle in altra sepoltura, per cremarle o per essere messe a disposizione della autorità inquirente. Tali esumazioni vengono eseguite alla presenza dell incaricato dal Servizio di Igiene Pubblica dell USL.15 e dal custode. ART.66 Salvo i casi ordinari dalla autorità giudiziaria non possono essere eseguite esumazioni straordinarie: a) nei mesi da maggio a settembre; b) quando trattasi di salma di persona morta di malattia infettiva contagiosa, a meno che non siano trascorsi due anni dalla inumazione e il Responsabile Sanitario dichiari che essa può farsi senza pregiudizio per la salute pubblica.

18 ART.67 Le esumazioni saranno eseguite nelle ore più confacenti alle esigenze di servizio, da stabilirsi dal Capo Ufficio. Alle operazioni possono assistere i familiari del defunto. ART. 68 Le ossa e i resti che si rinvengono in occasione delle esumazioni ordinarie devono essere raccolti e depositati nell ossario comunale. Nei casi in cui coloro che vi hanno interesse ne facciano richiesta, i resti potranno essere riposti in cellette avute in concessione, in tombe già in possesso dei richiedenti, oppure nelle apposite strutture comunali per la conservazione collettiva dei resti. In questo caso le ossa ed i resti devono essere racchiusi in una cassetta di zinco come prescritto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Nazionale, che dovrà recare l indicazione del nome delle persone a cui appartengono.gli avanzi degli indumenti, casse ed ogni altro materiale di risulta devono essere bruciati all interno del cimitero, salvo diversamente disposto dalle norme in materia di igiene pubblica e ambiente. ART.69 - Estumulazioni Le estumulazioni si eseguono allo scadere del periodo della concessione della tomba e sono regolate dal custode. Esse sono subordinate alla stessa regolamentazione prevista dagli artt.65, 66, 67 e 68 che precedono. Nel caso di estumulazione di salma che deve essere esumata il cui processo di mineralizzazione non sia completato, deve praticarsi nella cassa metallica contenente la salma una opportuna apertura, quindi deve essere inumata per consentire la ripresa del processo di mineralizzazione, fino a che non sia compiuto ed in ogni caso per non meno di anni 5. Non sono ammesse deroghe alle disposizioni di cui al penultimo comma del presente articolo. ART.70 Si osservano in particolare,per quanto riguarda il presente Capitolo, le disposizioni contenute nel Titolo 14,15 e 17 del D.P.R. 21/10/1975, n.803. ART.71 Cremazione (articolo abrogato con Delibera Consigliare n. 2 del )

19 - CAPITOLO NONO - Sepolture Concessioni ART.72 Nel Piano Regolatore dei cimiteri, dopo avere provveduto alla delimitazione dei prescritti campi di inumazione, possono essere previste aree da destinarsi alla costruzione in muratura del seguente tipo: - a sistema di tumulazione individuale; - per coniugi (tumulazioni individuali appaiate); - per costruzione di cellette-ossario per la conservazione dei resti mortali provenienti dalle esumazioni; - aree da concedersi per la costruzione di sepolcri (cielo scoperto); - idem per Cappelle di famiglia. La destinazione,delimitazione e zonizzazione delle aree sepolcrali è stabilita con provvedimento del Consiglio Comunale in sede di adozione ovvero adeguamento del Piano regolatore dei cimiteri, di concerto con l Ufficio Tecnico comunale. ART.73 Nei cimiteri comunali sono previste le seguenti specie di sepoltura: 1) Sepoltura privata a pagamento mediante concessione del diritto d uso, a tempo determinato, di: a) loculi per tumulazione individuale; b) loculi singoli appaiati per coniugi, da prevedere nei piani di nuove costruzioni e specificatamente destinati alla tumulazione di coniugi; c) cellette-ossario per tumulazioni di cassette di resti mortali; d) ossari collettivi per la conservazione delle cassette di resti mortali che non abbiano altra destinazione in sepoltura privata in concessione, e purchè espressamente richiesto dai familiari; e) qualsiasi altra struttura muraria preesistente, destinata a sepoltura, non meglio specificabile, ma tuttavia non in contrasto con i criteri di costruzione e di tumulazione previsti dal D.P.R.21/10/1975, n.803, nonché dal presente regolamento. 2) sepoltura gratuita, concessa con deliberazione del Consiglio Comunale, in loculo individuale, di durata trentennale, per le salme di persone che in vita si resero benemerite, ad insindacabile giudizio della Amministrazione comunale. 3) sepoltura mediante concessione gratuita di fossa ordinaria in campo di inumazione, per anni 10. ART.74 - Tombe individuali (o singole) Per tomba individuale si intende un loculo con capacità di tumulazione di una sola salma, la cui concessione ha esclusiva durata di anni 30.

20 ART.75 Tombe per coniugi Per tomba destinata a coniugi si intende numero due loculi singoli, l uno accanto all altro, posti in arcate o settori già strutturati allo scopo o a ciò destinati, contenenti ciascuno una sola salma, la cui concessione prevede la durata di anni 40, da concedersi solo al momento della morte del 1 coniuge. Per dette concessioni è dovuto un importo pari al 33% in più rispetto al costo della concessione trentennale. Dette tombe saranno date in concessione nei soli casi in cui il coniuge superstite del defunto del quale si richiede la tumulazione abbia compiuto anni 75 di età. Il Comune concede tali tombe compatibilmente con la disponibilità di un congruo numero di loculi nei vari piani a favore delle sepolture a seguito di decesso. Nel caso in cui la tomba concessa accanto al coniuge rimanga vuota per anni 10 dalla data della concessione, nel momento in cui venga occupata dalla salma del coniuge superstite dovrà pagarsi un sovraprezzo, quantificato in un 40 del prezzo della tomba in quel momento, moltiplicato per il numero degli anni eccedenti lo scadere della concessione fino al concorso di anni 30 dalla data di scadenza dell ultima salma. Detto sovraprezzo sarà dovuto per entrambe le tombe. ART.76 Aree a cielo scoperto Per area a cielo scoperto si intende una porzione di terreno all interno del perimetro del cimitero comunale e di quelli frazionali, delimitata secondo una metratura che non potrà superare le indicazioni date dall Ufficio Tecnico comunale e contenute in un progetto di lottizzazione dell appezzamento preso in considerazione. Dette aree possono essere concesse in numero non superiore a due appaiate. Tali aree si distinguono in: A) Area tumulazione semplice,che prevede la tumulazione di una sola salma in una costruzione in muratura eretta sull area stessa. Il costo sarà determinato in apposito tariffario allegato al presente regolamento. B)Area a tumulazione doppia (in senso verticale)che prevede la tumulazione di numero due salme una sopra l altra, in una costruzione come al punto A). Per detto tipo di concessione è previsto un importo doppio rispetto a quello di cui al punto A). Nel cielo scoperto concesso in perpetuo il concessionario o suo erede può chiedere di estumulare la salma sepolta da almeno 30 anni per seppellire altra salma, a seguito di rinuncia dell originaria concessione e di stipula di nuova concessione per anni 60 a tariffa al momento vigente. Non è previsto alcun rimborso a carico dell ente per la rinuncia alla concessione in perpetuo. ART.77 Cellette per resti mortali Nei cimiteri comunali sono previste arcate destinate alla sola tumulazione di resti mortali. Dette arcate si compongono di cellette individuali, la cui concessione avrà durata di anni 30, senza possibilità di rinnovo alla scadenza.

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl.

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 4. SANITA E IGIENE Busta 6 (1960 1961), fascc. 2 4.1 1960, s.fascc. 5 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 1) 1. Comunicazioni del sindaco relative alle prescrizioni di medicinali e cure

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli