COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo"

Transcript

1 COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE dei TRASPORTI FUNEBRI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 27/06/2013 In vigore dal 1

2 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizione di trasporto funebre Articolo 2 Definizione di attività funebre Articolo 3 Esercizio del trasporto funebre ed attività funebre Articolo 4 Disciplina dell attività di trasporto funebre Articolo 5 Tipologie di trasporto funebre Articolo 6 Trasporti funebri a carico del Comune Articolo 7 - Trasferimento di cadavere prima del funerale Articolo 8 Auto funebre CAPO II SERVIZIO TRASPORTO FUNEBRE NEL TERRITORIO COMUNALE Articolo 9 Trasporto funebre nel territorio comunale Articolo 10 Ditte / Imprese di trasporto funebre Articolo 11 - Corrispettivi e tariffe del trasporto funebre Articolo 12 Servizi gratuiti Articolo 13 Doveri professionali dell Impresa CAPITOLO III DISPOSIZIONI FINALI Articolo 14 Vigilanza e coordinamento Articolo 15 Controlli igienico-sanitari Articolo 16 Inadempimenti Articolo 17 Norme finali ALLEGATI: A Tariffe servizi trasporti funebri B Tariffe servizi onoranze funebri C Schema convenzione servizio trasporto funebre territorio comunale 2

3 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Definizione di trasporto funebre 1. Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto funebre ogni trasferimento di cadavere e di resti mortali dal luogo del decesso all obitorio, ai depositi di osservazione, ai locali del servizio mortuario sanitario, alle strutture per il commiato, al luogo di onoranze compresa l abitazione privata, al cimitero o crematorio, o dall uno all altro di questi luoghi, mediante l utilizzo di mezzi idonei al tipo di trasferimento e del personale necessario, nel rispetto della normativa statale in materia di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. 2. Nella nozione di trasporto funebre sono altre sì compresi la raccolta e il collocamento del cadavere nel feretro, il prelievo di quest ultimo, con il relativo trasferimento e la consegna al personale incaricato della sepoltura o della cremazione. 3. È escluso dalla nozione di trasporto funebre il trasferimento interno al luogo di decesso quando questo avviene in una struttura sanitaria. Tale trasferimento viene svolto unicamente da personale incaricato dalla direzione sanitaria che a nessun titolo può essere collegato a soggetti esercenti l'attività funebre. 4. Per accompagnamento salma si intendono le fasi del trasporto funebre che richiedono un intervento manuale di movimentazione del feretro. 5. La vigilanza sui trasporti funebri spetta al comune, che si avvale dell'asl limitatamente agli aspetti igienico-sanitari. ARTICOLO 2 Definizione di attività funebre 1. Ai sensi dell art. 5 della L.R. n. 15/2011 per attività funebre si intende un servizio che comprende e assicura, in forma congiunta, le seguenti prestazioni e forniture: a) disbrigo delle pratiche amministrative inerenti il decesso, su mandato dei familiari; b) vendita di casse mortuarie e altri articoli funebri; c) trasferimento durante il periodo di osservazione e trasporto di cadavere, di ceneri e di resti mortali. 3

4 2. L attività funebre è svolta, nel rispetto delle necessarie misure igienico-sanitarie e delle norme vigenti in materia di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, dai soggetti di cui all articolo 5, comma 2, della L.R. 15/2011 in possesso dei requisiti e dei mezzi previsti dal DPGR n. 7/R del 8 agosto ARTICOLO 3 Esercizio del Trasporto funebre ed attività funebre 1. Il servizio di trasporto funebre e l'attività funebre sono esercitati, a parità di condizioni e senza vincoli territoriali, in regime di libera concorrenza, dai soggetti esercenti attività funebre in possesso dei requisiti di legge. 2. Per svolgere l attività funebre nel territorio comunale le Imprese del settore devono presentare segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al Comune dove hanno la propria sede commerciale che ne accerta preventivamente, e ne verifica la permanenza nel tempo, il possesso dei requisiti prescritti dal regolamento regionale di cui al DPGR n. 7/R in data e richiesti dal presente regolamento. 3. Le imprese già esercenti l attività funebre alla data di entrata in vigore del predetto regolamento regionale ( ) devono adeguarsi ai requisiti dallo stesso previsti nelle termine di un anno da tale data. 4. L'impresa funebre che operi nel territorio del comune, indipendentemente da dove abbia la sede, esercita la sua attività secondo le prescrizioni operative del presente regolamento. 5. Chiunque effettui il trasporto di cadaveri è ritenuto incaricato di pubblico servizio ed è quindi assoggettato alla normativa prevista dall'art. 385 del codice penale come modificato dalla legge 26/04/1990, n In considerazione delle caratteristiche di pubblico servizio di tale attività ed in virtù della propria potestà amministrativa e regolamentare, l Amministrazione Comunale esercita funzione di controllo e di disciplina di tale servizio. ARTICOLO 4 Disciplina dell attività di trasporto funebre 1. Il Sindaco disciplina le modalità di esecuzione delle attività inerenti il trasporto funebre, con particolare riguardo a: - orari di svolgimento dei servizi e relative modalità - orari di arrivo ai cimiteri - viabilità dei veicoli interessati ai trasporti funebri - eventuali termini ordinari per la veglia funebre nella camera mortuaria ubicata in locali comunali 4

5 2. Se il trasporto parte o arriva da/ad uno dei cimiteri comunali, gli orari di partenza e arrivo dovranno essere tempestivamente comunicati al personale dei servizi cimiteriali dei comuni interessati al fine di consentire, in tempo utile, la predisposizione del personale e delle attrezzature occorrenti per il trasporto funebre e la sepoltura. 3. Fatte salve le eccezionali limitazioni di cui all art. 27, comma 2, del T.U. Legge Pubblica Sicurezza (R.D. 773/1931), il trasporto comprende: a) il prelievo della salma dal luogo del decesso, dal deposito di osservazione o dall obitorio; b) il tragitto all edificio di culto o al luogo di svolgimento delle esequie; c) la relativa sosta per il tempo necessario ad officiare il rito civile o quello religioso, secondo il culto praticato dal defunto; d) il proseguimento, seguendo il percorso più breve, fino al cimitero o ad altra destinazione richiesta. 4. Nessuna altra sosta può farsi durante il percorso, salvo casi di forza maggiore. 5. In assenza di richieste di cui al precedente comma 3 da parte di chi richiede il funerale, il feretro verrà trasportato direttamente al luogo di sepoltura. 6. Il corteo funebre dovrà sempre percorrere le vie più brevi per raggiungere la destinazione, anche in deroga ai sensi di marcia obbligatori, salvo diverse istruzioni contenute nell autorizzazione. 7. Le persone tenute per legge alla denuncia di morte, o altre espressamente autorizzate, prenderanno accordi circa l ora e le modalità del trasporto funebre con l Ufficio di Stato Civile che rilascerà apposita autorizzazione in cui sono indicati: a) cognome e nome del defunto b) giorno e ora del trasporto c) luogo del prelievo d) luogo di svolgimento delle esequie e) destinazione della salma f) eventuali prescrizioni particolari per il trasportatore. 8. Tale autorizzazione sarà trasmessa a cura dell Ufficio di Stato Civile al Corpo di Polizia Locale, per gli adempimenti del caso. 9. L ora del funerale dovrà in ogni caso essere confermata dai competenti Uffici comunali, in base ad esigenze di servizio, a cerimonie concomitanti o a servizi funebri già prenotati anche se provenienti da altro comune. 5

6 10. In nessun caso si dovrà verificare la concomitanza di funerali sull intero territorio comunale e dovranno intercorrere almeno 60 minuti tra un funerale e l altro nei cimiteri comunali. Eventuali eccezioni al predetto divieto potranno essere valutate nel caso in cui la salma dopo il funerale venga avviata alla struttura di cremazione o alla tumulazione in cimitero di altro comune. 11. Per stabilire l ordine di precedenza dei funerali farà fede l ora di ricezione della richiesta del trasporto funebre da parte dell Ufficio Stato Civile. 12. Per ragioni di servizio e per esigenze di viabilità legate all attività mercatale, i funerali non potranno svolgersi nell intero territorio comunale di domenica e nei giorni festivi e nel solo Capoluogo di norma nella mattinata del mercoledì. 13. Tuttavia, nel caso di festività infrasettimanali ricadente il sabato od il lunedì, il trasporto funebre può essere consentito previo accordo con l Ufficio di Stato Civile o la domenica mattina o nella mattinata del giorno festivo infrasettimanale. 14. E facoltà del Sindaco nel caso di decessi di particolare risonanza (Cittadini onorari, ecc.), disporre con provvedimento motivato l'esecuzione di servizi funebri straordinari con caratteristiche adeguate alla cerimonia pubblica. 15. Il servizio di trasporto funebre deve essere effettuato in modo da garantire il decoro e la solennità della cerimonia; il personale impiegato deve indossare abiti adeguati e tenere un comportamento serio e rispettoso come si conviene alla natura del servizio stesso. 16. In caso di particolari esigenze cerimoniali il feretro può essere portato da congiunti o amici del defunto, nel rispetto della normativa sulla sicurezza e sulla tutela della salute. 17. Le ditte di trasporto funebre si assumono tutte le spese, rischi e le responsabilità loro derivanti dal servizio, dovendosi ritenere il Comune esonerato da ogni responsabilità in materia anche sotto il profilo fiscale ed assicurativo. ARTICOLO 5 Tipologie di trasporto funebre 1. I tipi di trasporto funebre sono come di seguito definiti: - trasporto con cerimonia civile o religiosa nel Comune di Caraglio (funerali); - trasporto da o per altri comuni con cerimonia; - trasporto senza cerimonia, da o per altri comuni o in qualsiasi cimitero comunale. 2. Il trasporto delle salme è: - a pagamento, secondo una tariffa stabilita dall autorità comunale quando vengono richiesti servizi o trattamenti speciali; - a carico del Comune di Caraglio in ogni altro caso. 6

7 ARTICOLO 6 Trasporti funebri a carico del Comune 1. Sono a carico del Comune, ai sensi dell art. 16 del DPR 285/90 e dell art. 8 del Regolamento regionale D.P.G.R. n. 7/R del , i seguenti trasporti: a) la fornitura del feretro ed il trasporto funebre in caso di indigenza del defunto e stato di bisogno della famiglia su segnalazione del Servizio Sociale e comunque su provvedimento motivato del Sindaco; b) il recupero e trasporto delle persone morte per qualsiasi causa in luogo pubblico o nelle pubbliche vie al deposito di osservazione o all obitorio comunale, su segnalazione dell Autorità Giudiziaria; c) il trasporto di prodotti abortivi, nati morti, feti, parti anatomiche riconoscibili e resti mortali qualora non vengano richiesti servizi o trattamenti speciali; d) il trasporto di salme provenienti da abitazioni inadatte e destinate agli appositi locali per completarvi il periodo obbligatorio di osservazione su segnalazione della competente ASL, nei casi di indigenza e bisogno di cui alla precedente lettera a); e) qualsiasi altro trasporto su indicazione dell Autorità Giudiziaria o del Servizio Sanitario. ARTICOLO 7 Trasferimento di cadavere prima del funerale 1. Il trasferimento di cadavere all obitorio ed al locale di osservazione per il periodo prescritto o comunque prima che sia trascorso tale periodo, deve essere eseguito in condizioni tali da non ostacolare eventuali manifestazioni di vita con apposito mezzo chiuso avente le caratteristiche di cui agli art. 19 e 20 del D.P.R. 285/ Su richiesta scritta e motivata di un familiare, il Sindaco o suo delegato può autorizzare, secondo le prescrizioni di legge, il trasporto del cadavere dal locale di osservazione di cui all art. 12 del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990, n. 285, ad altra sede, nell ambito del Comune, affinché siano rese le onoranze funebri. 3. Il trasporto avrà luogo dopo la visita necroscopica salvo il diverso parere da parte dell incaricato dell azienda sanitaria locale (ASL CN1) o divieto per motivi di ordine giudiziario. 7

8 ARTICOLO 8 Auto funebre 1. I mezzi funebri devono essere dotati di un comparto destinato al feretro, nettamente separato dal posto di guida, rivestito internamente di materiale lavabile e disinfettabile. 2. I mezzi funebri devono inoltre essere attrezzati con idonei sistemi che impediscano lo spostamento del feretro durante il trasporto. 3. Il proprietario del mezzo deve predisporre un piano di autocontrollo, a disposizione degli organi di vigilanza, ed annotare su apposito registro costantemente aggiornato il luogo di ricovero del mezzo per la pulizia e sanificazione e la registrazione di tutte le operazioni effettuate. 4. Il mezzo funebre deve essere dotato di dispositivi atti a consentire la riduzione di velocità e ad evitare rumori ed esalazioni moleste ed essere conforme alle norme previste dal Regolamento di Polizia Mortuaria DPR 285/ E obbligatorio mantenere l auto funebre in perfetto stato, decoro e pulizia e provvedere alla disinfezione periodicamente, almeno due volte la settimana e nei casi previsti dalla legge. 8

9 CAPO II SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE NEL TERRITORIO COMUNALE ARTICOLO 9 Trasporto funebre nel territorio comunale 1. Il servizio dei trasporti funebri nel territorio del Comune di Caraglio è effettuato in regime di libera concorrenza fra le imprese di onoranze funebri, regolarmente autorizzate e la cui scelta spetta esclusivamente ai familiari dei defunti, ed in conformità a quanto prescritto nel Regolamento di Polizia Mortuaria, approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285 e nella Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 (art. 6 punto 1 e 4). 2. Le amministrazioni militari, le congregazioni e le confraternite costituite a tal fine e riconosciute come enti morali, le comunità acattoliche possono effettuare il trasporto di salme rispettivamente di militari propri soci e/o membri, con propri mezzi, osservando le disposizioni previste dal D.P.R. 10 settembre 1990 n Il Comune stipula con le Imprese Funebri che hanno una sede nel Comune di Caraglio apposita convenzione per la definizione delle modalità e dei costi di effettuazione del suddetto servizio. 4. Le suddette Imprese devono garantire pronta reperibilità e corretta esecuzione del servizio e costituire a favore del Comune, con la stipula della convenzione, una cauzione da definirsi nel contratto - a garanzia della perfetta osservanza degli obblighi di legge e del presente regolamento. 5. Tale cauzione resterà vincolata a favore del Comune di Caraglio per tutta la durata della convenzione e verrà restituita all Impresa alla scadenza della convenzione stessa. 6. Nel caso in cui la cauzione venisse ridotta per prelievi effettuati dal Comune, l Impresa convenzionata dovrà reintegrarla entro 10 giorni dal ricevimento della relativa richiesta. 7. Le Imprese che intendono organizzare ed effettuare trasporti funebri nel territorio comunale in connessione con l esercizio di attività funebre devono essere in possesso dei requisiti previsti dalle norme vigenti e richiedere di essere accreditate presso gli uffici comunali. 9

10 ARTICOLO 10 Ditte / Imprese di trasporto funebre 1. I trasporti funebri che si sviluppano interamente nel territorio comunale devono essere eseguiti da ditte/imprese convenzionate o accreditate. 2. Le imprese convenzionate devono essere in possesso dei seguenti requisiti: a) aver reso le dichiarazioni e comunicazioni previste dalla vigente normativa, necessarie per l'esercizio dell'attività di onoranze funebri ed essere iscritti al Registro Imprese della Camera di Commercio; b) essere in possesso di licenza di pubblica sicurezza per l esercizio dell attività di imprese funebri ; c) essere in regola con quanto stabilito dalla L.R. 15/2011 in merito all attività di servizio funebre; d) disporre nel concentrico cittadino di un ufficio aperto al pubblico, per almeno quattro ore al giorno nei giorni feriali; e) essere munite di allacciamento telefonico (telefono e fax) e casella di posta elettronica dedicata, per ricevere e per eseguire, tramite un proprio rappresentante, gli ordini e le istruzioni inerenti il servizio; f) essere reperibili sia di notte che di giorno per i servizi di recupero, fornendo il recapito telefonico e comunicandone tempestivamente le variazioni; g) possedere la capacità tecnica e di risorse umane richiesti dalle normative e leggi nazionali e regionali di settore vigenti per l esecuzione dei trasporti funebri, a garanzia della continuità e dell adeguatezza del servizio (da documentare mediante autocertificazione); h) essere in possesso di almeno un auto funebre in uso esclusivo, idonea in base alle normative vigenti e garantire la disponibilità di una ulteriore auto funebre in caso di emergenza; i) avere la disponibilità di una rimessa per auto funebri sita nel territorio comunale; j) essere in possesso di polizza assicurativa per danni causati a persone e cose. 3. Le imprese convenzionate devono stipulare con il comune apposita convenzione secondo lo schema allegato C. 10

11 4. Le imprese accreditate dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti: a) aver reso le dichiarazioni e comunicazioni previste dalla vigente normativa, necessarie per l'esercizio dell'attività di onoranze funebri ed essere iscritti al Registro Imprese della Camera di Commercio; b) essere in possesso di licenza di pubblica sicurezza per l esercizio dell attività di imprese funebri ; c) essere in regola con quanto stabilito dalla L.R. 15/2011, in merito all attività di servizio funebre; d) possedere la capacità tecnica e di risorse umane richiesti dalle normative e leggi nazionali e regionali di settore vigenti per l esecuzione dei trasporti funebri, a garanzia della continuità e dell adeguatezza del servizio; e) avere un auto funebre in dotazione all Impresa, in regola con le normative vigenti; f) presentare dichiarazione di impegno ad applicare, per i trasporti funebri, le tariffe di cui all allegato A del presente regolamento; g) essere in possesso di polizza assicurativa per danni causati a persone o cose. 5. L accreditamento dovrà essere richiesto al competente Ufficio Stato Civile del Comune, con istanza sottoscritta dal titolare o legale rappresentante della ditta/impresa, con comunicazione tempestiva di eventuali variazioni. La predetta documentazione può eventualmente essere sostituita da dichiarazione resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R n. 445, da presentarsi contestualmente all istanza. ARTICOLO 11 Corrispettivi e tariffe del trasporto funebre a pagamento 1. I corrispettivi dovuti dai privati per il servizio dei trasporti funebri che si sviluppano interamente nel territorio comunale, vengono riscossi direttamente dalle imprese di onoranze funebri e non devono superare le tariffe massime indicate nell allegato A. 2. Il corrispettivo per i trasporti funebri fuori comune o per l accompagnamento dei partecipanti alle esequie, mediante autobus od altri mezzi di trasporto, è concordato direttamente fra committente ed impresa e da questa riscosso. 3. I trasporti a pagamento eseguiti nell ambito del territorio comunale o con partenza da questo verso altri comuni o all estero e viceversa, sono soggetti alla corresponsione di una tariffa fissa ai sensi dell art. 19 comma 2 del D.P.R. 285/1990, pari agli importi indicati nell allegato A, da aggiornare periodicamente con deliberazione di Giunta comunale. 11

12 4. Il versamento degli importi di cui al precedente comma 3 deve essere effettuato presso il concessionario del servizio di Tesoreria comunale direttamente o mediante bonifico bancario o conto corrente postale, entro la data di esecuzione del trasporto o del primo giorno feriale utile nel caso di trasporto effettuato in giorni festivi consecutivi. 5. La tariffa non è dovuta per le salme trasportate all obitorio comunale su disposizione dell Autorità giudiziaria e non destinate alla sepoltura nei cimiteri comunali, né per i trasporti effettuati a carico del Comune e per servizi gratuiti di cui agli artt. 6 e Sono esenti da qualsiasi tariffa comunale i trasporti di salme di militari eseguiti dalle amministrazioni militari con mezzi propri. 7. Le imprese funebri convenzionate si impegnano, altresì, ad eseguire, congiuntamente al trasporto funebre, tutte le prestazioni relative al servizio tipo di cui all art. 2 dello schema di convenzione allegato C, il cui corrispettivo è quello indicate nell allegato B ; tale corrispettivo è riscosso direttamente dalle imprese ed è sottoposto a revisione periodica con deliberazione di Giunta comunale, sentite le imprese interessate. 8. Il servizio di accompagnamento salma, viene fornito dall impresa, in forma diretta o a mezzo prestazione di terzi, a fronte del corrispettivo massimo indicato nelle tariffe dell allegato A. ARTICOLO 12 Servizi gratuiti 1. Le imprese convenzionate, sono tenute ad effettuare gratuitamente, a rotazione per ordine alfabetico della loro ragione sociale, i seguenti servizi a mezzo di auto funebre: - il trasporto, in qualsiasi cimitero comunale, delle salme degli adulti e dei bambini, residenti in Caraglio, in condizioni di estrema indigenza al momento del decesso ed assistiti in vita dai Servizi Socio Assistenziali del Comune; - il trasporto dei prodotti abortivi in qualsiasi cimitero comunale. 2. Il trasporto delle salme per le quali è richiesto solo il trasferimento per riscontro diagnostico, o per abitazione o luogo inadatto, verrà effettuato a carico dell ente o dei parenti/eredi che lo richiedono, dall impresa già precedentemente contattata. 1. E obbligo dell impresa di attività funebre: ARTICOLO 13 Doveri professionali dell Impresa a) informare preventivamente l avente titolo delle possibilità di scelta di trasporto e di sepoltura che risultino disponibili all atto della definizione del contratto di mandato nonché dei relativi prezzi da essa praticati e delle tariffe comunali; b) rispettare il segreto professionale e astenersi da qualsiasi diffusione di dati o notizie confidenziali; c) utilizzare una comunicazione pubblicitaria oggettiva. 12

13 CAPO III DISPOSIZIONI FINALI ARTICOLO 14 Vigilanza e coordinamento 1. Spettano al Comune, che si avvale, per gli aspetti igienico sanitari dell Azienda Sanitaria Locale competente per territorio, l ordine e la vigilanza sull attività funebre. 2. L'amministrazione comunale esercita, tramite i Funzionari dei Servizi Comunali, funzioni amministrative e di coordinamento sui servizi di trasporto funebre, da chiunque effettuati, nell'ambito del territorio Comunale, al fine di garantire la regolarità e l'ordinato accesso ai cimiteri cittadini, garantendo, inoltre, che l'attività di trasporto possa essere svolta dagli operatori in condizioni di parità, anche per quanto concerne l'accesso ai cimiteri ed alla disponibilità di sepolture. ARTICOLO 15 Controlli igienico-sanitari 1. I trasporti di salme nonché i trasporti di ceneri, resti mortali di cui al Capo IV del D.P.R. 285/1990 sono sottoposti alla vigilanza e al controllo dell'unità Sanitaria Locale competente per territorio. 2. In particolare i controlli sull'effettuazione dei trattamenti conservativi, quando prescritti, sull'idoneità dei feretri e l'apposizione dei sigilli per trasporti diretti fuori dal territorio comunale devono necessariamente essere effettuati secondo le disposizioni della ASL competente per territorio. ARTICOLO 16 Inadempimenti 1. Qualora gli addetti ai controlli o altre autorità preposte rilevassero violazioni alle norme sopra descritte o ad altre normative di Leggi o Regolamenti, oltre all'applicazione delle sanzioni pecuniarie previste dalla normativa vigente, potranno sospendere il rilascio dell'autorizzazione al trasporto richiesta segnalando immediatamente al Sindaco le situazioni di irregolarità accertate. 2. In caso di perduranti inottemperanze, il Sindaco potrà disporre l'interdizione temporanea dell'esercizio dei trasporti funebri nel territorio comunale da parte di chi ne sia responsabile. 3. In ogni caso l'ufficio preposto dovrà segnalare eventuali violazioni a leggi o regolamenti agli organi competenti, anche esterni all'amministrazione Comunale. 13

14 ARTICOLO 17 Norme finali 1. Per quanto non espressamente previsto nel presente regolamento si fa riferimento alle leggi e regolamenti sanitari, fiscali e amministrativi vigenti in materia ed in particolare al regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R. n. 285 del 10/09/1990, alla Legge Regionale n. 15 del 3 agosto 2011 e al relativo regolamento di attuazione DPGR n. 7/R in data 8 agosto Il presente regolamento entra in vigore dal primo giorno successivo alla divenuta esecutività della deliberazione consiliare di sua approvazione. Da tale data è prevista la sua seconda pubblicazione stabilita dallo Statuto Comunale ed il suo inserimento sul sito istituzionale del Comune. Dalla stessa data sono revocate le norme contenute nel precedente regolamento comunale per il servizio dei trasporti funebri. 14

15 Tabella A TARIFFE SERVIZI TRASPORTI IN VIGORE DAL DESCRIZIONE SERVIZIO 1 TRASPORTO FUNEBRE Che si sviluppa interamente nel territorio comunale (tariffa fissa) 2 ACCOMPAGNAMENTO SALMA (tariffa fissa) 3 TRASPORTI DA O PER FUORI COMUNE SENZA CORTEO 4 TRASPORTI DA O PER FUORI OD ALL INTERNO DEL COMUNE CON CORTEO E/O CERIMONIA NEL COMUNE TARIFFA EURO 150,00 EURO 320,00 EURO 26,00 EURO 40,00 NOTE: - i corrispettivi di cui ai punti 01 e 02 vengono forniti dalle imprese e riscossi direttamente dalle stesse; - i corrispettivi per trasporti funebri fuori comune o per l accompagnamento dei partecipanti alle esequie, mediante autobus od altri mezzi di trasporto, è concordato direttamente fra committente ed impresa da questa riscosso; - i corrispettivi di cui ai punti 03 e 04 sono diritti fissi dovuti al Comune di Caraglio; - gli importi delle tariffe indicate verranno annualmente sottoposti a revision 15

16 COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO tabella B - TARIFFE SERVIZI DI ONORANZE FUNEBRI IN VIGORE DAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO TARIFFA A B C NOTE: FUNERALE TIPO PER INUMAZIONE cassa/cofano funebre di semplice disegno (liscio) in legno di abete o similare, idoneo per inumazioni, completo di 4 maniglie metalliche, eventuale simbolo religioso metallico e targhetta con dati anagrafici; imbottitura completa; vestizione del defunto e incassamento; allestimento camera ardente con n. 2 candelabri; servizio drappo funebre, tavolino e registro per raccolta firme; disbrigo di tutte le pratiche amministrative; organizzazione della cerimonia funebre; assistenza alle esequie. FUNERALE TIPO PER CREMAZIONE cassa/cofano funebre di semplice disegno (liscio) in legno di abete o similare, idoneo per cremazioni, completo di 4 maniglie metalliche, eventuale simbolo religioso metallico e targhetta con dati anagrafici; imbottitura completa; vestizione del defunto e incassamento; allestimento camera ardente con n. 2 candelabri; servizio drappo funebre, tavolino e registro per raccolta firme; disbrigo di tutte le pratiche amministrative; organizzazione della cerimonia funebre; assistenza alle esequie FUNERALE TIPO PER TUMULAZIONE cassa/cofano funebre di semplice disegno (liscio) in legno di abete o similare, idoneo per tumulazioni, completo di 4 maniglie metalliche, eventuale simbolo religioso metallico e targhetta con dati anagrafici; cassa interna in zinco idonea per tumulazioni; imbottitura completa; vestizione del defunto e incassamento; chiusura ermetica, mediante saldatura, degli elementi della cassa in zinco; allestimento camera ardente con n. 2 candelabri; servizio drappo funebre, tavolino e registro per raccolta firme; disbrigo di tutte le pratiche amministrative; organizzazione della cerimonia funebre; assistenza alle esequie. - i corrispettivi di cui alla presente tabella vengono forniti dalle imprese e riscossi direttamente dalle stesse; - gli importi delle tariffe indicate verranno annualmente sottoposti a revisione; - restano esclusi dal Funerale-tipo: a. la stampa ed affissioni dei manifesti di annuncio del decesso, b. la fornitura dei fiori, c. il noleggio di autobus, i trasporti funebri da e per fuori comune; d. il trasporto e l accompagnamento delle salme (di cui alla tabella A ), e. tutte le tasse, tariffe e diritti comunali ed ogni altro eventuale diritto, la concessione di campi, loculi e cellette e le tariffe di cremazione. 800,00 950, ,00 16

17 COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI TRASPORTI FUNEBRI L anno duemilatredici il giorno del mese di in Caraglio sede Municipale, con la presente scrittura privata, redatta e sottoscritta in duplice originale, TRA La Sig.ra CHIAPELLO Vilma, nata a Cuneo in data , Responsabile dell Area Demografica del Comune di Caraglio P.IVA con sede in Piazza Giolitti n. 5, in conto ed in rappresentanza del quale agisce E Il Sig. che qui agisce in nome e per conto dell Impresa Onoranze Funebri (C.F. e/o P.IVA..) con sede in qualità di Titolare / Legale Rappresentante. Si stipula e conviene quanto segue ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE Il servizio di trasporti funebri nel territorio del Comune di Caraglio è effettuato in regime di libera concorrenza fra le imprese di onoranze funebri regolarmente autorizzate. Il Comune deve comunque garantire dei servizi di sua spettanza che sono: 17

18 1) il trasporto in qualsiasi Cimitero comunale, con annessa fornitura del feretro ed il necessario per lo svolgimento del servizio funebre completo e decoroso delle salme degli adulti e dei bambini residenti in Caraglio, in condizioni di estrema indigenza al momento del decesso ed assistiti in vita dal Servizio Socio-Assistenziale del comune; 2) la rimozione e il trasporto di salme o resti ossei dal luogo di decesso o del rinvenimento ad altra sede, previa autorizzazione dell Autorità Giudiziaria; 3) il trasporto di prodotti abortivi, di nati morti, feti, parti anatomiche riconoscibili e resti mortali qualora non vengano richiesti servizi o trattamenti speciali; 4) il trasporto di salme provenienti da abitazioni o luoghi inadatti o destinate agli appositi locali per completarvi il periodo obbligatorio di osservazione su segnalazione della competente ASL, per le salme dei deceduti di cui al precedente punto 1 o per le quali non siano reperibili familiari od eredi; Le Imprese di Onoranze Funebri devono assicurare ai cittadini i servizi tipo di funerale previsti al successivo art. 2 secondo le prescrizioni stabilite dalla L.R n. 15 e relativo regolamento di attuazione (DPGR n. 7/R in dta ) e dal regolamento comunale dei trasporti funebri. Ai fini della presente convenzione l attività funebre comprende e assicura le prestazioni indicate dagli art. 5 comma 1 e art. 8 comma 1 della Legge Regionale n. 15 del ART. 2 SERVIZI TIPO DI FUNERALE Il servizio-tipo di funerale di cui all art. 11 del Regolamento Comunale per il Servizio dei Trasporti Funebri come da allegato B allo stesso, comprende le seguenti prestazioni: A) FUNERALE TIPO PER INUMAZIONE cassa/cofano funebre di semplice disegno (liscio) in legno di abete o similare, idoneo per inumazioni completo di 4 maniglie metalliche, eventuale simbolo religioso metallico e targhetta con dati anagrafici; imbottitura completa; vestizione del defunto e incassamento; allestimento camera ardente con 2 candelabri; servizio drappo funebre, tavolino e registro per raccolta firme; disbrigo di tutte le pratiche amministrative; organizzazione della cerimonia funebre; assistenza alle esequie. 18

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CITTÀ DI PALERMO AREA SERVIZI ALLE IMPRESE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - SPORTELLO UNICO REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 1 SOMMARIO Parte I. le forme del commercio su aree pubbliche e relative

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli