D3.6 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il Portale di visualizzazione remota 3D e il MiddleWare.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D3.6 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il Portale di visualizzazione remota 3D e il MiddleWare."

Transcript

1 D3.6 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il Portale di visualizzazione remota 3D e il MiddleWare. Architettura Client WS Configurazione Utenti Schedulatori Hosts Template Windows Moduli di interfaccia API Web Services Middleware Status Assign Release CloudAgent CloudAgent.exe CloudAgent.bat Trigger Architettura Nel D1.3 sono state effettuate delle scelte architetturali, che all avanzare del progetto sono state riviste e adattate, in seguito a numerosi test e valutazioni e sulla base delle esigenze implementative. I componenti dell architettura sono rimasti gli stessi, ma la parte di interfacciamento tra il Middleware sviluppato dal CRS4 ed EnginFrame è stata oggetto di revisione. Nell architettura precedente erano state riportate delle sezioni Physical Win e Physical Linux che sono state eliminate in quanto non attinenti all ambito Cloud. Nella figura seguente viene illustrata l architettura definitiva.

2 Figura 1. Architettura definitiva Client WS Era stata ipotizzata la creazione di un plugin per EnginFrame che si occupasse di comunicare con l orchestrator tramite chiamate Web Services, ma questo componente è stato spostato, andandolo ad inserire all interno delle macchine virtuali stesse nelle quali viene eseguito l applicativo 3D. Questa scelta è stata attuata in seguito a valutazioni relative alla gestione della Rete e soprattutto del Firewall. Per garantire che le porte del firewall verso una data macchina vengano aperte è stato realizzato da NICE un componente software, chiamato CloudAgent che, una volta avviata la sessione, si occupa di notificare al Middleware l avvenuta occupazione della macchina. Il Middleware del CRS4 una volta ricevuta questa notifica si occupa di aprire le porte del firewall necessarie e scatenare tutti i meccanismi tali da garantire che il buffer di macchine disponibili di un certo tipo rimanga costante. Allo stesso modo in fase di chiusura il CloudAgent notificherà al middleware l avvenuta chiusura della sessione interattiva in modo da effettuare lo spegnimento della macchina virtuale non più utilizzata. Configurazione Il blocco relativo alla configurazione è stato spostato all interno del Middleware. Esistono chiaramente numerosi parametri di configurazione anche lato EnginFrame ma si è pensato di tenere separate le due gestioni, in modo tale che il middleware potesse essere

3 configurato arbitrariamente, tenendo indipendenti il più possibile i due componenti architetturali. Utenti Un punto importante è stata la gestione degli utenti, in quanto era necessario che tutti i componenti fossero accessibili e abilitati per uno stesso utente. Un utente in grado di loggarsi nel portale e avviare una sessione deve essere in grado di potersi loggare all interno delle macchine virtuali Windows e Linux all interno di CloudStack. Per fare ciò è stato scelto il protocollo LDAP (Lightweight Directory Access Protocol). NICE si è occupata di configurare opportunamente EnginFrame in modo tale che gli utenti registrati in LDAP fossero in grado di loggarsi nel portale, avviare servizi, sessioni interattive e poter gestire job e sessioni. Il CRS4 si è occupato della gestione dell LDAP, dell interfacciamento con il middleware e della configurazione di Samba nei template delle macchine virtuali. E stato realizzato dal CRS4 uno script per l inserimento e la rimozione di un utenza nell ambiente LDAP e in Samba, in modo tale da permettere a NICE di poter effettuare test in piena autonomia. In una possibile evoluzione del progetto sarebbe possibile creare degli ulteriori servizi Web, per poter gestire gli utenti tramite portale EnginFrame. Schedulatori I master degli schedulatori sono stati installati nella VM Linux dove è stato installato EnginFrame. Tale VM di front end è totalmente indipendente dal Middleware. Hosts Linux, grazie alla possibilità di utilizzare più display virtuali in una stesse macchine permette l accesso di più utenti contemporanei ad una stessa macchina e quindi la condivisione dell hardware grafico. Per il dimostratore è stata utilizzata una VM Linux per le sessioni interattive Linux, connessa in Pass Through alla scheda grafica Nvidia. Windows invece, per le limitazioni date dal sistema operativo stesso, permette l accesso alla macchina di un solo utente per volta, l hardware grafico non può quindi essere condiviso tra più utenti. Per questo motivo lato Windows dovremo necessariamente avere a disposizione un set di macchine virtuali pronte all uso. Template Windows In collaborazione con il CRS4 è stato realizzato un template per le macchine virtuali Windows, tale da contenere gli applicativi 3D da utilizzare, lo schedulatore Windows opportunamente configurato per dialogare con il master, NICE DCV configurato in modalità External Rendering Server e il Cloud Agent.

4 Moduli di interfaccia API Web Services Middleware Il CRS4 si è occupato di realizzare un interfaccia Web Service al middleware, fornendo a NICE una guida sul loro utilizzo. Le operazioni fornite sono: status, start e stop delle vm e assign e release delle VM. Le operazioni di start e stop sono state utilizzate solo in fase di testing ma non sono state necessarie all integrazione, in quanto lo start e stop delle vm viene effettuato in maniera automatica dal Middleware sulla base dell assegnazione o del rilascio delle varie risorse. L operazione di status è necessaria per conoscere lo stato attuale delle risorse e poterlo comunicare ad EnginFrame. Riportiamo quindi la docmentazione relativa alle tre operazioni utilizzate per l interfacciamento: status, assign e relase. Status L operazione di status restituisce la lista dei nodi in formato JSON. $ http pretty all jv GET GET /api/v1/nodes/fake_driver HTTP / 1.1 Accept : application/json Accept Encoding : gzip, deflate, compress Content Type : application/json; charset=utf 8 Host : localhost:5050 User Agent : HTTPie/0.6.0 HTTP / OK Content Length : 683 Content Type : application/json Date : Wed, 17 Jul :10:00 GMT Server : Werkzeug/0.9.1 Python/2.7.3 Set Cookie : session=eyjfawqionsiigiioijpv0pqtjjnevl6zgtargt6tudka1l6rmloemc0tldsa04yvtbar1pptudfpsj9fq. BMg3OA.z7nyaFmlhMHCDVhHixgJ3ssSmD0; HttpOnly; Path=/ "nodes" : [ "cloud_type" : "Dummy Node Provider", "extra" : "foo" : "bar", "id" : "1", "name" : "dummy 1", "private_ips" : [], "provider" : "dummy", "public_ips" : [ " " ], "state" : 0,

5 "uuid" : "2c183c20f71eb d6cfe1f75ebc9d9bb4dd", "cloud_type" : "Dummy Node Provider", "extra" : "foo" : "bar", "id" : "2", "name" : "dummy 2", "private_ips" : [], "provider" : "dummy", "public_ips" : [ " " ], "state" : 0, "uuid" : "46ff62f5eafc7837de6ec1450b8e0e608db06d7a" ], "status" : "ok" Assign L operazione di assign comunica al Middleware che una data macchina virtuale è occupata per una sessione interattiva, di un dato utente. $ http pretty all jv PUT 'node=fake_id' 'user=fake_user' 'vm_type=app_name' 'emulate=true' PUT /api/v1/vm/action/assign/fake_driver HTTP / 1.1 Accept : application/json Accept Encoding : gzip, deflate, compress Content Length : 82 Content Type : application/json; charset=utf 8 Host : localhost:5050 User Agent : HTTPie/0.6.0 "emulate" : "True", "node" : "fake_id", "user" : "fake_user", "vm_type" : "app_name" HTTP / OK Content Length : 95 Content Type : application/json Date : Wed, 17 Jul :10:03 GMT Server : Werkzeug/0.9.1 Python/2.7.3 Set Cookie : session=eyjfawqionsiigiioijpv0pqtjjnevl6zgtargt6tudka1l6rmloemc0tldsa04yvtbar1pptudfpsj9fq. BMg3Ow.NHVGqWYWe JCpT p4srxcue8quo; HttpOnly; Path=/ "id" : 42, "id_vm" : " fake_id ", "result" : "Node fake_id assigned", "status" : "ok"

6 Release L operazione di release comunica al Middleware che una data macchina virtuale non è più occupata per una sessione interattiva. $ http pretty all jv PUT 'node=fake_id' 'emulate=true' PUT /api/v1/vm/action/release/fake_driver HTTP / 1.1 Accept : application/json Accept Encoding : gzip, deflate, compress Content Length : 38 Content Type : application/json; charset=utf 8 Host : localhost:5050 User Agent : HTTPie/0.6.0 "emulate" : "True", "node" : "fake_id" HTTP / OK Content Length : 95 Content Type : application/json Date : Wed, 17 Jul :10:04 GMT Server : Werkzeug/0.9.1 Python/2.7.3 Set Cookie : session=eyjfawqionsiigiioijpv0pqtjjnevl6zgtargt6tudka1l6rmloemc0tldsa04yvtbar1pptudfpsj9fq. BMg3PA.03Np9fxYe7Znqz1iyfzKL0CHJg0; HttpOnly; Path=/ "id" : 42, "id_vm" : " fake_id ", "result" : "Node fake_id assigned", "status" : "ok" CloudAgent Il modulo software denominato CloudAgent è stato sviluppato in NICE in modo tale da avere un client Web Services all interno delle macchine virtuali, in grado di comunicare con i Web Services esposti dal middleware e notificare quindi la partenza e la chiusura di una sessione interattiva 3D. CloudAgent.exe Il CloudAgent è un eseguibile realizzato in C#. E stato dotato di un interfaccia via commandline tale da permettere il passaggio di parametri quali l url dell web service da contattare, l operazione che si sta eseguendo, il tipo della vm e l hostname e altri parametri utili, elencati di seguito. C:\Users\enrico\Desktop>CloudAgent.exe CloudAgent contacts Web Service to assign or release current VM instance to the current logged User.

7 Options: w, ws=url Web Service Url (Default: v, version=version Web Service Version (Default: v1) a, action=assign release test Action type assign release test vm f, flavor=flavor Vm type (Flavor) to use i, id=id Vm node id (Default: local hostname) c, cloud=cloud Cloud name (Default: default cloud stack) e, emulate Enable emulation mode n, ntimes=number Number of times to contact Web Service before failing (Default: 5) s, sleep=sleep Sleep time [ms] between runs (Default: 5000 ms) t, timeout=times out Times to wait [ms] before request times out. (Default: 100,000 ms) h, help Show this message and exit Usage: CloudAgent a assign f testox [ c fake_driver] [ i 3c725bdb b575 4e0f b21b 67b0d089867d] [ ws [ v v1] [ e] CloudAgent a release [ c fake_driver] [ i win_01] [ ws 6:5070] [ v v1] [ e] Le operazioni utilizzate tramite CloudAgent sono chiaramente quella di assign e quella di release, utili a comunicare al middleware l assegnazione o il rilascio di una data macchina virtuale. CloudAgent.bat Per utilizzare in maniera ottimale il CloudAgent all interno dell ambiente Interactive di EnginFrame è stato realizzato uno script batch contenente le due funzioni di assign e di release. Questo script è stato installato nel template delle macchine off goto :EOF :cloudassign call :log_debug "%SCHEDULER_HOME%\CloudAgent.exe" a assign f nice ws v v1 ver >NUL 2>NUL "%SCHEDULER_HOME%\CloudAgent.exe" a assign f nice ws v v1 IF NOT "%ERRORLEVEL%" == "0" ( call :log_error Command CloudAgent.exe a assign Failed echo "Failed" > "%SCH_TASK_WD%\cloudfailedwatchdog.txt" echo "Stopped" > "%SCH_TASK_WD%\watchdog.txt" goto :exit ) goto :EOF :cloudrelease IF NOT EXIST "%SCH_TASK_WD%\cloudfailedwatchdog.txt" ( call :log_debug "%SCHEDULER_HOME%\CloudAgent.exe" a release ws v v1 >NUL 2>NUL ver >NUL 2>NUL "%SCHEDULER_HOME%\CloudAgent.exe" a release ws v v1 >NUL 2>NUL

8 IF NOT "%ERRORLEVEL%" == "0" ( call :log_error Command "CloudAgent.exe a release" Failed ) ) goto :EOF A parte una serie di comandi utili alla gestione interna di EnginFrame delle sessioni interattive si può notare come viene richiamato il CloudAgent.exe con i parametri opportunamente settati. In fase di inizializzazione della sessione grafica viene richiamato uno script, che a sua volta tramite un semplice call :cloudassignsi occupa di richiamare la funzione di assign precedentemente definita. In fase di spegnimento viene invece chiamata la funzione di rilascio, tramite un semplice call :cloudrelease. Il tutto è stato testato in maniera graduale, verificando prima il funzionamento dei singoli componenti ed andando ad integrare man mano tutti i moduli. Trigger EnginFrame, andando a contattare gli schedulatori, si occupa di avviare una sessione grafica su una delle macchine disponibili. Lato linux non vi sono problemi particolari in quanto per il dimostratore si è scelto di usare una sola macchina virtuale che è stata aggiunta agli slave dello schedulatore Linux. Lato Windows invece data la necessità di avere un gruppo di macchine virtuali dinamiche è stato necessario creare un meccanismo che permettesse ad EnginFrame di conoscere l IP delle macchine rese disponibili dal Middleware, in modo tale da fornire all utente una connessione diretta verso quella macchina. E stato realizzato quindi un trigger, ovvero un servizio EnginFrame eseguito ciclicamente, ogni 90 secondi, che si occupa di aggiornare EnginFrame riguardo lo stato degli host virtuali. L intervallo di ripetizione selezionato è di 90 secondi in quanto per l avvio di una nuova macchina è necessario un tempo superiore. Tale servizio va ad eseguire uno script che si occupa di contattare il Web Services del middleware, richiedere lo stato del cluster e aggiornare di conseguenza il file di configurazione di EnginFrame contenente la mappatura degli IP delle macchine disponibili nel cluster ( nat.conf ). Il codice del trigger è di seguito riportato. Come si può vedere viene eseguito il servizio update.nat.conf all infinito, ogni 90 secondi. <?xml version="1.0"?> <ef:call service xmlns:ef="http://www.enginframe.com/2000/enginframe" sdf="$ef_root/plugins/piacloud/webapp/piacloud.xml" uri="//piacloud/update.nat.conf" user="$ef_admin" reuse spooler="true"> <ef:trigger type="simple" id="update.nat.conf" group="admin"> <ef:repeat forever/> <ef:repeat interval unit="seconds">90</ef:repeat interval>

9 </ef:trigger> </ef:call service> Il servizio EnginFrame, accessibile solo internamente, è così costruito: <ef:service id="update.nat.conf" hidden="true"> <ef:name>update nat.conf</ef:name> <ef:action id="submit" label="submit" result="text/xml" output mode="rest"><![cdata[ "$EF_ROOT/plugins/piacloud/bin/update.nat.conf" ]]></ef:action> </ef:service> Come si può notare viene eseguito uno script sh update.nat.conf, riportato nelle righe seguenti. #!/bin/sh _natconf_file="/opt/nice/ef/enginframe/plugins/interactive/conf/nat.conf" echo "dcvrend " > $_natconf_file curl s X GET H 'Content Type: application/json' /opt/jsawk/jsawk 'return this.nodes' /opt/jsawk/jsawk 'return name:this.name,public_ip:this.private_ips' /opt/jsawk/jsawk n 'out(this.name,this.public_ip.join(","))' tr d []\" tr "," " " >> $_natconf_file Il flusso è il seguente: 1. viene impostato il percorso del file da aggiornare nella variabile locale _natconf 2. viene inserito nel file l ip della macchina dcvrend, ovvero la macchina linux utilizzata per le sessioni linux e come rendering server per le sessioni windows 3. Viene contattato il web services del middleware chiedendo lo stato del nodo 4. L output JSON ottenuto in risposta dal web service viene analizzato e ne viene effettuato il parsing tramite JSAWK (un tool simile ad awk che permette di parsare in maniera semplice un formato JSON) 5. L insieme degli hostname e degli IP vengono inseriti nel file nat.conf In questo modo siamo sicuri di avere un file di configurazione sempre aggiornato. Nel servizio di monitoraggio degli Host di EnginFrame è possibile avere una lista sempre aggiornata delle macchine disponibili e la mappatura hostname/ip permette ad EnginFrame di poterci avviare delle sessioni grafiche all interno. Riportiamo per completezza un esempio di nat.conf generato. fe ~]# cat /opt/nice/ef/enginframe/plugins/interactive/conf/nat.conf dcvrend tbme55qgvxxqp3i v0pmszarj4g7aov ket1jdvvgj4ex

D3.7 Sviluppo di unità di test e report relativi ai moduli di interfacciamento tra il Portale di visualizzazione remota 3D e il MiddleWare.

D3.7 Sviluppo di unità di test e report relativi ai moduli di interfacciamento tra il Portale di visualizzazione remota 3D e il MiddleWare. D3.7 Sviluppo di unità di test e report relativi ai moduli di interfacciamento tra il Portale di visualizzazione remota 3D e il MiddleWare. Use Case Test API Middleware in modalità emulazione Stato del

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud.

D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud. D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud. Plugin Interactive Flusso di esecuzione Caratteristiche Plugin Interactive

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 6 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Riepilogo TCP/IP Ogni host nella rete deve avere un proprio indirizzo ip Due o piu computer nella stessa rete, per poter comunicare

Dettagli

CLUSTER COKA. Macchine e Risorse

CLUSTER COKA. Macchine e Risorse CLUSTER COKA Macchine e Risorse Il cluster per il progetto COKA si compone complessivamente delle seguenti 5 macchine: rd coka 01 : server con il MIC e le GPU K20; rd gpu 01 : server con GPU C1060; rd

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

Installazione di GFI WebMonitor

Installazione di GFI WebMonitor Installazione di GFI WebMonitor Requisiti di sistema di GFI WebMonitor Server Microsoft Windows 2000 (SP 3) o 2003. Microsoft ISA 2000 Server (non in modalità solo firewall) OPPURE Server Microsoft ISA

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Web

Laboratorio di Progettazione Web Il Server web Laboratorio di Progettazione Web AA 2009/2010 Chiara Renso ISTI- CNR - c.renso@isti.cnr.it E un programma sempre attivo che ascolta su una porta le richieste HTTP. All arrivo di una richiesta

Dettagli

Network Services Location Manager. Guida per amministratori di rete

Network Services Location Manager. Guida per amministratori di rete apple Network Services Location Manager Guida per amministratori di rete Questo documento illustra le caratteristiche di Network Services Location Manager e spiega le configurazioni di rete per sfruttarne

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine.

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine. ESERCIZIARIO Risposte ai quesiti: 2.1 Non sono necessarie modifiche. Il nuovo protocollo utilizzerà i servizi forniti da uno dei protocolli di livello trasporto. 2.2 Il server deve essere sempre in esecuzione

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Seconda esercitazione Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Test di connettività ping traceroute Test del DNS nslookup

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif Web e HTTP Terminologia Una pagina web consiste di oggetti Un oggetto può essere un file HTML, una immagine JPG, ecc. Una pagina web consiste di un file HTML base che fa riferimento a diversi oggetti al

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Introduzione ai servizi di Linux

Introduzione ai servizi di Linux Introduzione ai servizi di Linux Premessa Adios è un interessante sistema operativo Linux basato sulla distribuzione Fedora Core 6 (ex Red Hat) distribuito come Live CD (con la possibilità di essere anche

Dettagli

MANUALE SISTEMISTICO

MANUALE SISTEMISTICO Documento di Identity Management sabato, aprile 26, 2014 @ 0:15:17 Redatto da Approvazione Responsabile Funzionale Data Firma Responsabile Utente Responsabile Sviluppo Redatto da: Andrea Modica Pagina

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

Sistema Operativo di un Router (IOS Software)

Sistema Operativo di un Router (IOS Software) - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Sistema Operativo di un Router (IOS Software) Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè IOS Un router o uno

Dettagli

Capitolo 5: I thread

Capitolo 5: I thread Capitolo 5: I thread Generalità. Modelli multithread. Problematiche relative ai thread. Pthread. 5.1 I thread Il thread è un flusso di controllo relativo ad un dato processo. Molti sistemi operativi moderni

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Servizi Remoti. Servizi Remoti. TeamPortal Servizi Remoti

Servizi Remoti. Servizi Remoti. TeamPortal Servizi Remoti 20120300 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Consultazione... 4 2.1 Consultazione Server Fidati... 4 2.2 Consultazione Servizi Client... 5 2.3 Consultazione Stato richieste... 5 3. Amministrazione... 6 3.1

Dettagli

Petra VPN 2.7. Guida Utente

Petra VPN 2.7. Guida Utente Petra VPN 2.7 Guida Utente Petra VPN 2.7: Guida Utente Copyright 1996, 2001 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli

4-441-095-52 (1) Network Camera

4-441-095-52 (1) Network Camera 4-441-095-52 (1) Network Camera Guida SNC easy IP setup Versione software 1.0 Prima di utilizzare l apparecchio, leggere attentamente le istruzioni e conservarle come riferimento futuro. 2012 Sony Corporation

Dettagli

Script PHP per Configurare gli Accessi ad Internet di un router CISCO

Script PHP per Configurare gli Accessi ad Internet di un router CISCO Script PHP per Configurare gli Accessi ad Internet di un router CISCO Autore Roberto Bandiera 9 dicembre 2014 Obiettivo: scrivere uno script PHP per poter controllare da remoto la configurazione di un

Dettagli

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Messaggi volatili Matteo Zignani 10 gennaio 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER-DJ MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER Mixer è un ambiente applicativo di tipo Enterprise Service Bus (ESB) per la gestione delle trasmissioni di file su Linux. All'interno

Dettagli

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Davide Petturiti Sistemi Operativi Avanzati Prof. Osvaldo Gervasi A.A. 2007/2008 Corso di Laurea Specialistica in Informatica Facoltà di Scienze

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Master Quiz Matteo Zignani 18 agosto 2014 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per Windows IBM SPSS Modeler Text Analytics Server può essere installato e configurato per essere eseguito su un computer su cui è in

Dettagli

Documentazione API web v 1.0

Documentazione API web v 1.0 Documentazione API web v 1.0 Web: www.kalliopepbx.it Supporto tecnico: kalliope-pbx@netresults.it Documentazione API web v1.0-1 - Rev.: 16-11-2012 Documentazione API web v1.0-2 - Rev.: 16-11-2012 Changelog

Dettagli

Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione. Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte.

Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione. Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte. Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte. La guida di installazione hardware spiega passo per passo come installare

Dettagli

UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse

UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse condivisione 1o1 a cura di Danio Campolunghi La condivisione di risorse Verranno qui proposti gli strumenti grafici di serie messi a disposizione da Ubuntu

Dettagli

Packet Tracer: simulatore di RETE

Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer è un software didattico per l'emulazione di apparati di rete CISCO. http://www.cisco.com/web/it/training_education/networking_academy/packet_tracer.pdf PT

Dettagli

LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web. Guida all installazione del Software

LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web. Guida all installazione del Software LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web Guida all installazione del Software Il Software da installare: 1) Ambiente di programmazione Java 2 Software Developement Kit v. 1.4 2) Server HTTP Apache

Dettagli

Il Web Server e il protocollo HTTP

Il Web Server e il protocollo HTTP Corso PHP Parte 2 Il Web Server e il protocollo HTTP E un programma sempre attivo che ascolta su una porta le richieste HTTP. All arrivo di una richiesta la esegue e restituisce il risultato al browser,

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Questo punto richiederebbe uno sviluppo molto articolato che però a mio avviso va al di là delle possibilità fornite al candidato dal tempo a disposizione. Mi limiterò quindi ad indicare dei criteri di

Dettagli

Configurazione avanzata di XAMPP

Configurazione avanzata di XAMPP Configurazione avanzata di XAMPP Andrea Atzeni (shocked@polito.it) Marco Vallini (marco.vallini@polito.it) Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Apache Binding definisce su quali indirizzi

Dettagli

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi Protocolli per il Web Protocolli applicativi I protocolli applicativi 2 Applicazioni Socket interface HTTP (WEB) SMTP (E-MAIL) FTP... NFS RPC DNS... Trasporto TCP UDP Rete ICMP RIP OSPF IP ARP RARP Non

Dettagli

Esercitazioni - 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Esercitazioni - 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Esercitazioni - 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Remotizzare le applicazioni grafiche: X-WINDOW Matteo Valsasna Remotizzazione del terminale testuale: telnet, ssh L utente interagisce

Dettagli

Petra Provisioning Center, rel 3.1

Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Copyright 1996,2006Link s.r.l. 1 Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti

Dettagli

Guida all installazione di SWC701DataWebAccess (.net 2.0)

Guida all installazione di SWC701DataWebAccess (.net 2.0) Guida all installazione di SWC701DataWebAccess (.net 2.0) (per la versione 2.04 e successive di SWC701DataWebAccess) Premessa... 2 Introduzione... 2 Sistemi operativi supportati... 3 Installazione di SWC701DataWebAccess...

Dettagli

http://bcloud.brennercom.it/it/brennercom-b-cloud/applicazioni/26-0.html

http://bcloud.brennercom.it/it/brennercom-b-cloud/applicazioni/26-0.html b.backup Manuale Windows Questo manuale descrive le funzionalità di base del client b.backup illustra le operazioni necessarie per installare e attivare l applicazione, e spiega come eseguire un backup

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Anno Accademico 2007-08 Marco Comerio comerio@disco.unimib.it Richiami Teorici Oggetti distribuiti 2-16 Usuale organizzazione di un oggetto remoto con un

Dettagli

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Data del manuale: 7/5/2013 Aggiornamento del manuale: 2.0 del 10/2/2014 Immagini tratte da Windows 7 Versione di AziendaSoft 7 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com 15.03.2006 Ver. 1.0 Scarica la versione pdf ( MBytes) Nessuno si spaventi! Non voglio fare né un manuale

Dettagli

SCP - Scuola di Calcolo Parallelo - Scheduler per programmi paralleli. Mattia Sessolo I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave

SCP - Scuola di Calcolo Parallelo - Scheduler per programmi paralleli. Mattia Sessolo I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave SCP - Scuola di Calcolo Parallelo - Scheduler per programmi paralleli Mattia Sessolo I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 2006-2007 Introduzione Questo programma è stato ideato per facilitare e automatizzare

Dettagli

License Service Manuale Tecnico

License Service Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1. BIM Services Console...3 1.1. BIM Services Console: Menu e pulsanti di configurazione...3 1.2. Menù Azioni...4 1.3. Configurazione...4 1.4. Toolbar pulsanti...5 2. Installazione

Dettagli

Manuale di configurazione TCP/IP over AX.25 per MS WINDOWS

Manuale di configurazione TCP/IP over AX.25 per MS WINDOWS Manuale di configurazione TCP/IP over AX.25 per MS WINDOWS Software: Flexnet32 & Xnet Matteo Carpaneto IZ1FRP BCM mail: IZ1FRP@IR1BOX.ILIG.ITA.EU FBB mail: IZ1FRP@IR1UBF.ILIG.ITA.EU INET mail: iz1frp@yahoo.it

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0 BACKUP APPLIANCE User guide Rev 1.0 1.1 Connessione dell apparato... 2 1.2 Primo accesso all appliance... 2 1.3 Configurazione parametri di rete... 4 1.4 Configurazione Server di posta in uscita... 5 1.5

Dettagli

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon EC2 - Utilizzo del servizio

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon EC2 - Utilizzo del servizio Community - Cloud AWS su Google+ Web Services EC2 - Utilizzo del servizio Caratteristiche generali del servizio di EC2 per la creazione di risorse computazionali in cloud. Hangout 32 del 17.11.2014 Davide

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Configurable CAN System (CCS)

Configurable CAN System (CCS) ISTRUZIONI INTERFACCIA SOFTWARE Configurable CAN System Software Interface FT1130M - FT1137M Configurable CAN System (CCS) Interfaccia software Manuale utente Pag. 1 1 FT1130M - FT1137M Configurable CAN

Dettagli

Indice. Indice V. Introduzione... XI

Indice. Indice V. Introduzione... XI V Introduzione........................................................ XI PARTE I Installazione di Linux come Server.............................. 1 1 Riepilogo tecnico delle distribuzioni Linux e di Windows

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO CONVERTITORE PDF WSO2PDF 1.00

INSTALLAZIONE E UTILIZZO CONVERTITORE PDF WSO2PDF 1.00 Pagina 1 di 16 INSTALLAZIONE E UTILIZZO CONVERTITORE PDF WSO2PDF 1.00 1 SCOPO Lo scopo di questo documento è di fornire supporto tecnico per l installazione e la configurazione del prodotto Convertitore

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Installazione e caratteristiche generali 1

Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione di SIGLA SIGLA viene fornito su un CDROM contenente la procedura d installazione. La procedura può essere installata eseguendo il programma SIGLASetup.exe

Dettagli

Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution

Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution Scenario Svariati server, con funzione in base all'area di competenza, dislocati nel territorio su Nodi Periferici collegati in rete (VPN) Un

Dettagli

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 ver 2.0 Log Manager Quick Start Guide 1 Connessione dell apparato 2 2 Prima configurazione 2 2.1 Impostazioni di fabbrica 2 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 2.3 Configurazione DNS e Nome Host

Dettagli

NAL DI STAGING. Versione 1.0

NAL DI STAGING. Versione 1.0 NAL DI STAGING Versione 1.0 14/10/2008 Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Installazione NAL di staging... 3 VMWare Server... 3 Preistallazione su server linux... 6 Preinstallazione su server

Dettagli

DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento

DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento Produttore Project Manager DataWare srl Ing. Stefano Carfagna pag.1/6 INDICE Introduzione...3 ClusterMonitorService...5 ClusterAgentService...6 pag.2/6

Dettagli

Manuale di configurazione CONNECT GW

Manuale di configurazione CONNECT GW Modulo gateway FA00386-IT B A 2 10 Manuale di configurazione CONNECT GW INFORMAZIONI GENERALI Per connettere una o più automazioni al portale CAME Cloud o ad una rete locale dedicata e rendere possibile

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Master SIT Settembre 2005. Corso Web & GIS Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.

Master SIT Settembre 2005. Corso Web & GIS Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr. MAPSERVER Corso Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Reperibile alla URL: http://mapserver.gis.umn.edu/ Mapserver è un software opensource fornito dall

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Pannello di controllo Pannello di controllo Avvia/Arresta/Riavvia/Stato TeamPortal: Gestisce start/stop/restart di tutti i servizi di TeamPortal

Dettagli

Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding)

Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding) Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding) 1 Introduzione In questa mini-guida mostreremo come creare le regole sul Firewall integrato del FRITZ!Box per consentire l accesso da Internet a dispositivi

Dettagli

CONFIGURARE SAMBA 3 SU SUSE LINUX 9.1/9.2

CONFIGURARE SAMBA 3 SU SUSE LINUX 9.1/9.2 CONFIGURARE SAMBA 3 SU SUSE LINUX 9.1/9.2 1. INTRODUZIONE In questa guida si illustra la procedura di configurazione di samba 3 su SuSE Linux 9.1 e su SuSE Linux 9.2. Saranno brevemente illustrate le operazioni

Dettagli

eps Network Services Allarmi HMI

eps Network Services Allarmi HMI 09/2005 Allarmi HMI eps Network Services Allarmi HMI Manuale di diagnostica Valido per: Software Versione software eps Network Services 4.1 eps Network Services, Manuale di diagnostica (DA) Edizione 09/2005

Dettagli

Il servizio Tivoli Backup

Il servizio Tivoli Backup Il servizio Tivoli Backup D o c u m e n t a z i o n e t e c n i c a Classificazione: Documento Pubblico Pag. 1 di 11 Indice 1 Il servizio Tivoli Backup... 3 2 Gli agent tivoli ed i processi schedulati

Dettagli

Nuvola It Data Space Easy Reseller Tutorial per l Amministratore. Top Clients Marketing ICT services

Nuvola It Data Space Easy Reseller Tutorial per l Amministratore. Top Clients Marketing ICT services Tutorial per l Amministratore Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services Portale di gestione: Reseller Portal Il cliente che sottoscrive il profilo di servizio può utilizzare

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Software di gestione della stampante

Software di gestione della stampante Questo argomento include le seguenti sezioni: "Uso del software CentreWare" a pagina 3-11 "Uso delle funzioni di gestione della stampante" a pagina 3-13 Uso del software CentreWare CentreWare Internet

Dettagli

Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente

Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente Aggiornamenti Sistema è un servizio del server di stampa che consente di tenere il software di sistema sul proprio server di stampa sempre aggiornato con gli

Dettagli

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL Manuale Programmatore Pagina 1 SOMMARIO Webgate400 ActiveX Control... 3 1 A Chi è destinato... 3 2 Pre requisiti... 3 3 Introduzione... 3 3.1 Requisiti di sistema... 3 3.2 Distribuzione

Dettagli

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Sicurezza negli ambienti di testing Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Obiettivo iniziale: analizzare e testare il Check Point VPN-1/FireWall-1 Condurre uno studio quanto più approfondito possibile sulle

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Il Contesto. Riassunto

Il Contesto. Riassunto Temento Systems mostra come la tecnologia Jtag Boundary-Scan integrata in un sistema automatico di collaudo possa aumentare la copertura del test di schede complesse altrimenti non collaudabili. Il Contesto

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente Pag 1 di 16 RepairsLab Manuale Utente Per RepairsLab 1.0.4 Autore: Fabrizio Ferraiuolo Indice generale Introduzione...2 Installazione...2 Schermata principale...3 Configurazione...4 Configurazioni Base

Dettagli

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Processi Laboratorio Software 2008-2009 Introduzione I calcolatori svolgono operazioni simultaneamente Esempio Compilazione di un programma Invio di un file ad una stampante Visualizzazione di una pagina

Dettagli

Release 01.07.00B WHIT E PAPER. e-commerce. e-commerce Pag. 1

Release 01.07.00B WHIT E PAPER. e-commerce. e-commerce Pag. 1 Release 01.07.00B WHIT E PAPER Pag. 1 Il modulo di è il modulo di e/ che, attraverso internet, mette in contatto l azienda con tutti i propri interlocutori remoti (rivenditori, clienti, ma anche agenti

Dettagli

Installare e configurare OpenVPN: due scenari. Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini

Installare e configurare OpenVPN: due scenari. Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini Installare e configurare OpenVPN: due scenari Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini Installazione Sulle VM del corso servono i pacchetti software liblzo2 libpkcs11-helper

Dettagli

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente Pag 1 di 14 RepairsLab Manuale Utente Per RepairsLab 1.0 Autore: Fabrizio Ferraiuolo Indice generale Introduzione...2 Installazione...2 Schermata principale...3 Configurazione...4 Configurazioni Base Dati...5

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Installation Guide. Pagina 1

Installation Guide. Pagina 1 Installation Guide Pagina 1 Introduzione Questo manuale illustra la procedura di Set up e prima installazione dell ambiente Tempest e del configuratore IVR. Questo manuale si riferisce alla sola procedura

Dettagli