COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO RELAZIONE SULLA PERFORMANCE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO RELAZIONE SULLA PERFORMANCE"

Transcript

1 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2012

2 SEZ. 1 - PREMESSA La redazione del Piano della performance è prevista dall articolo 15, comma 2, lett. b) del D. Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150, al fine di assicurare la qualità, la trasparenza ed attendibilità dei documenti di rappresentazione della performance. Ai sensi dell articolo 10 del succitato decreto, il Piano è un documento di natura programmatica, triennale, da emanarsi ogni anno, in coerenza con i contenuti ed il ciclo della programmazione finanziaria e di bilancio. Sebbene le linee guida ANCI in materia di Ciclo della Performance approvate nella seduta del 9 dicembre 2010 propongano di equiparare il Piano Esecutivo di Gestione al Piano della performance, la CIVIT, nella delibera n. 121/2010, ha evidenziato alcune diversità tra i due strumenti, in quanto il PEG ha un orizzonte temporale limitato all anno e solo i comuni con popolazione superiore ai abitanti sono tenuti alla sua compilazione. Per tali motivi questa Amministrazione ha ritenuto necessario approvare con atto specifico il Piano della performance 2012/2014 che, pur ispirandosi allo schema suggerito dalla CIVIT con la delibera n. 112/2010, se ne differenzia in alcune parti per divenire più aderente alle peculiarità del Comune. E stato introdotto pertanto un nuovo strumento di programmazione triennale, nel quale vengono indicati gli obiettivi strategici e quelli operativi, nonché le azioni specifiche di miglioramento. Ogni obiettivo deve essere misurabile e sfidante sotto tutti i vari aspetti della performance: efficienza, efficacia, customer satisfaction, mediante un sistema volto ad assicurare la massima trasparenza e conoscibilità esterna. Si ritiene che questa sia l innovazione fondamentale introdotta con il Piano della Performance, ovvero quella di realizzare un sistema documentale di rendicontazione rivolto non soltanto alla struttura interna, ma destinato soprattutto agli stakeholders esterni, nell ottica di porre il cittadino al centro della programmazione e della rendicontazione. A tale scopo l Amministrazione comunale ha indicato ai dirigenti le dimensioni strategiche del prossimo triennio, nell ambito delle quali saranno chiamati ad operare e, successivamente, saranno valutati. Di seguito viene illustrato il raggiungimento degli obiettivi strategici e allegate i Report dei Dirigenti dei vari settori comunali, specificando che per quanto attiene lo Staff del Sindaco e del Segretario gli obiettivi sono stati monitorati e riferiti a Sindaco e Segretario che hanno attestato il conseguimento degli stessi. pag. 02

3 SEZ. 2 - CONTROLLO STRATEGICO pag. 03

4 OBIETTIVI OPERATIVI pag. 04

5 OBIETTIVI OPERATIVI pag. 05

6 OBIETTIVI OPERATIVI pag. 06

7 OBIETTIVI OPERATIVI pag. 07

8 OBIETTIVI OPERATIVI pag. 08

9 SEZ. 3 - RELAZIONI DEI DIRIGENTI pag. 09

10 Tabella riassuntiva OBIETTIVI PEG 2012 suddivisi per dirigente Dirigente obiettivi Indicatori Bacci RAGIONERIA: 1 (1.3) Seconda fase progetto recupero iva sul patrimonio immobiliare comunale. Brogi Casucci RAGIONERIA: 2- (1.5) Costituzione NEW Co per privatizzazione società di gestione impianti discarica TRIBUTI: 3 (2.2) Attività di controllo e accertamento TARSU PERSONALE: 4 (29.3) Revisione fondo risorse decentrate personale delle categorie SERVIZI CULTURALI: 1 (79.3) Attività del Laboratorio Filosofico Ichnos e organizzazione del Novembre filosofico POLIZIA MUNICIPALE: 2 (43.4). Sicurezza nella fruibilità degli spazi pubblici e residenziali con controlli mirati anche alla regolare conduzione dei cani e all abbandono di rifiuti ASILI NIDO: 3 (16.1) Accoglimento del numero massimo di bambini secondo le strutture presenti POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI 4- (27.2) - Progetto io partecipo ancora DATI E INFORMAZIONI: 1 (31.0) - Superamento Digital Divide DATI E INFORMAZIONI: a. n. riesame immobili a fini valutazione assoggettabilità IVA su totale immobili/ risultato anno prec. b. ammontare iva da portare a credito/ risultato anno prec. a. approvazione statuto e costituzione e dotazione della NewCo impianti controllato da REA b. Avvio gara ufficiosa per individuazione supporto economico finanziario nella fase di svolgimento della gara a doppio oggetto per l affidamento della gestione degli impianti di discarica a. n. accertamenti emessi su n. posizioni verificate/risultato anno prec. b. % provvedimenti annullati e/o rettificati in rapporto ai provvedimenti emessi per recupero evasione fiscale a. discussione nuovo accordo b. revisione completa del fondo e del contratto a. rapporti con Università di Pisa e Cico b. n. incontri Novembre Filosofico a. n. violazioni accertate / n. controlli effettuati b. n. accertamenti effettuati / n. esposti presentati a. % bambini accolti nei nidi rispetto alle domande presentate b. posti disponibili anno 2012/ posti disponibili anno 2011 a. % domande accolte rispetto alle domande presentate b. domande accolte anno 2012/ domande accolte anno 2011 a. n. zone wi fi free b. n. utenti accreditati a. % PEC su totale entrate 30/10/2012 pag. 10

11 Immorali Silvestri 2 (31.6) Dematerializzazione dei flussi documentali : Protocollo Informatico e Firma digitale degli atti DATI E INFORMAZIONI: 3 (31.9) Sito web e Servizi on-line SEGRETERIA GENERALE: 4 (90.4) - Controllo strategico MANUTENZIONE ED IMMOBILI: 1 (55.1) Messa a norma edifici prevenzione incendi (scuole) PARCHI E GIARDINI: 2 (57.1) sottoscrizione convenzioni con AUSER e Pro loco per la manutenzione dei parchi gioco PARCHI E GIARDINI: 3 (57.2) stipula contratti di sponsorizzazione per la valorizzazione di aree verdi SCUOLE MATERNE COMUNALI: 4 (8.1)predisposizione istruttoria amministrativa per Bonifica scuola materna di Nibbiaia (obiettivo pluriennale, seconda fase nel 2013) EDILIZIA PRIVATA: 1 (51.3) Approvazione nuovo Regolamento Edilizio Associato UFFICIO PATRIMONIO: 2 (39.4) Completamento delle procedure per la cessione di proprietà di alcune aree PEEP PIANIFICAZIONE TERRITORIALE: 3 (6.4) Revisione Regolamento di Gestione del Demanio Marittimo SPORTELLO UNICO: 4 (96.4) Regolamento Sportello Unico b. % PEC su totale uscite c. % documenti firmati digitalmente/ totale provvedimenti adottati a. n. accessi al portale internet 2012/n. accessi 2011 b. n. servizi web fruiti per livello di interazione (scala 1=informazione; 2=utilizzo globale dei servizi on-line; 3= transazione per prenotazione appuntamenti; 4= transazione per pre-inoltro pratiche) a. n. report relativi alle linee di mandato b. introduzione di una metodologia basata su un sistema di indicatori e target a. certificati prevenzione incendi presenti/ totale edifici b. n. edifici scolastici a norma / totale scuole (dato 2011) a. avvenuta sottoscrizione a. n. aree verdi sponsorizzate / totale aree verdi b. segnalazioni pervenute per manutenzione ordinaria parchi e pronto intervento/ n. segnalazioni anno 2011 a. presentazione pratica in Giunta (SI/NO) a. avvenuta presentazione bozza in giunta SI/NO a. n. richieste evase/n. totale richieste pervenute b. importo introitato/importo da introitare per richieste pervenute a. presentazione pratica in Giunta (SI/NO) a. discussione in Giunta (SI/NO) 30/10/2012 pag. 11

12 SETTORE QUALITÀ DELLA VITA Dirigente: dott. Brogi Vincenzo Relazione Attività e Report Obiettivi pag. 12

13 OBIETTIVI P.E.G OBIETTIVI PERFORMANTI: DESCRIZIONE, INDICATORI, RIFLESSIONI EVENTUALI OBIETTIVO SERVIZI CULTURALI: 1 (79.3) Attività del Laboratorio Filosofico Ichnos e organizzazione del Novembre filosofico Nel corso del 2012 è proseguita l attività del Laboratorio Filosofico Ichnos, così come regolata dalla convenzione esistente tra Comune di Rosignano Marittimo e Università di Pisa (CI.CO.) Il lavoro si è realizzato, come di consueto, in: - attività di ricerca su conoscenza, apprendimento e consenso alla luce dei relativi concetti elaborati nelle teorie della complessità ; - preparazione e curatela di pubblicazioni (articoli, saggi, volumi), tra cui si ricorda la preparazione della pubblicazione degli atti del convegno Il Bambino Creat-tivo, tenutosi a Castiglioncello nel 2010; - attività formative rivolte alle Scuole (soprattutto dell infanzia e elementari) e agli adulti (insegnanti e genitori), che si sono tradotte in pratiche modello poi illustrate e riproposte in varie parti d Italia; - attività formative di aggiornamento La suddetta attività ha avuto dei momenti di presentazione pubblica sul territorio: - il 19 febbraio, presso la sala Don Nardini, sono strati illustrati i percorsi di filosofia rivolti ai bambini del nostro Comune; - il 12 maggio, presso villa Celestina, è stato realizzato uno specifico seminario nel quadro del XIX Incontro di Castiglioncello ll Bambino S-paesato. Il seminario ha avuto come tema Filosofia e Teatro con i bambini: percorsi per una rivoluzione educativa ; - l 11 settembre (Settembre Pedagogico) a villa Celestina si è parlato di Problem setting e problem solving collaborativi. Vie d uscita dalla postura frontale e trasmissiva dell insegnamento; - l 8 ottobre (Settembre Pedagogico) presso Castello Pasquini si è affrontato il tema La scuola come pluriverso di linguaggi. A fine 2012 è stato preparato il rinnovo della suddetta convenzione per il biennio , impostando un nuovo programma di attività rivolto a realizzare i seguenti obbiettivi: - collaborazione con l Associazione Mnemosine e il PERCRCO (Laboratorio Sc. Sup. di S. Anna): - realizzazione di una Scuola Politica a cura del Prof. Maurizio Iacono; - collaborazione con altri soggetti (università, centri culturali, circoli didattici ecc.) per favorire la circolazione della conoscenza sul territorio comunale; - realizzazione di iniziative diversificate (conferenze, rassegne ecc.); - proposizione di occasioni formative per giovani e adulti (in collaborazione con Servizi Culturali, Armunia e Informagiovani) - proposizione di programmi formativi per la genitorialità (in collaborazione con il CIAF) In questo quadro generale il Laboratorio Filosofico ha, tra l altro, partecipato al rinnovamento della formula delle iniziative culturali che il comune di Rosignano Marittimo da oltre quindici anni dedicava alla Filosofia, lanciando il nuovo programma svoltosi nel mese di novembre. Le novità più significative sono state: la scelta del tema di indagine annuale Estetica e nuove tecnologie, la individuazione di una giuria interdisciplinare (M. Bergamasco, E. Franzini e G. Varchetta) e di nuove modalità di selezione dei testi, la istituzione di una specifica sezione dedicata alle riviste on-line. Il programma del Novembre Filosofico si è svolto presso il Castello Pasquini, proponendo i seguenti appuntamenti: - 6 novembre: Estetica e nuove tecnologie - 12 novembre: Le forme del sostituto pag. 13

14 - 23 novembre: Strumenti digitali a supporto della fruizione delle opere d arte Il 23 novembre si è svolta anche la cerimonia di premiazione della XVI edizione del Premio Filosofico Castiglioncello. Indicatori a. rapporti con Università di Pisa e Cico n. 6 b. n. incontri Novembre Filosofico n. 5 incontri (n. 1 riunione della giuria, n. 3 conferenze, n. 1 cerimonia Premio) OBIETTIVO POLIZIA MUNICIPALE 2 (43.4). Sicurezza nella fruibilità degli spazi pubblici e residenziali con controlli mirati anche alla regolare conduzione dei cani e all abbandono di rifiuti.sicurezza nella fruibilità degli spazi pubblici e residenziali con controlli mirati alla regolare conduzione dei cani e all abbandono di rifiuti. Sono stati effettuati servizi mirati al controllo dell abbandono dei rifiuti, con pattuglie in borghese nei tre turni di servizio nelle varie zone del territorio comunale. In particolare i controlli sono stati effettuati nelle zone più soggette a tale problematica. In particolare sono stati effettuati n 244 controlli per un totale di 210 ore di stazionamento continuato nei vari posti. Tali verifiche hanno portato all accertamento e contestazione di 6 violazioni all articolo 192 del Decreto Legislativo n. 152/2006 (Testo Unico - Codice dell Ambiente). Tale attività si è aggiunta all attività d istituto svolta regolarmente dalla pattuglia ambientale, che quotidianamente effettua controlli di natura ambientale di iniziativa oppure a seguito si segnalazioni, esposti e richieste in materia di inquinamento acustico, idrico e di igiene e sanità. Inoltre vengono effettuati controlli su scarichi, abbandono di rifiuti e discariche. Sono posti in essere anche interventi di in materia di randagismo e di maltrattamento di animali. La stessa pattuglia di vigilanza eco-ambientale collabora inoltre, in maniera costante, con l U.O. Ambiente dell Ente, con l ASL e con l Arpat. Effettua infine il controllo sul territorio dei veicoli in stato di abbandono e verifica la loro rottamazione. In particolare dal 1 novembre al 31 dicembre sono stati effettuati servizi mirati al controllo dell abbandono dei rifiuti ed al rispetto delle norme comunali, regionali e statali riguardanti i cani, con pattuglie in borghese nei tre turni di servizio nelle varie zone del territorio comunale. In particolare i controlli sono stati effettuati nelle zone più soggette a tale problematica. Indicatori TIPOLOGIA INDICATORI TARGE T RISULTAT RISULTAT O AL O AL 31/12/ /12/2011 OBIETTIVO AD ALTA PRIORITA n. segnalazioni ed esposti ricevuti n. di veicoli abbandonati rimossi n. di veicoli abbandonati rimossi 2012-n. veicoli rimossi 2011 n. controlli effettuati n. violazioni accertate / / Azioni dalle linee programmatiche Obiettivo strategico RPP annualità num. 2.8 Sicurezza e tutela dei cittadini pag. 14

15 OBIETTIVO ASILI NIDO: 3 (16.1) Accoglimento del numero massimo di bambini secondo le strutture presenti La proposta in ambito educativo per la fascia di età fino ai tre anni, mira ad intervenire sulle diversificate necessità delle famiglie con bambini piccoli e sui bisogni specifici globali dei bambini stessi,. Tali azioni si sviluppano quindi su due fondamentali interventi, da un lato sopperire ai problemi organizzativi e socio-culturali-economici delle giovani coppie, dall altro garantire ai bambini un contesto di pari opportunità e di alta qualità formativa. Per far fronte a ciò, in un ottica di proposte integrate, ordinarie ed emergenziali, si mettono in campo le competenze articolate e flessibili degli operatori del sistema che l Unità Organizzativa Attività Educative, sia in fase amministrativa e gestionale che in fase operativa a cura del personale educativo costantemente formato e verificato. L obiettivo, oltre a garantire il funzionamento di qualità dei servizi, è anche quello di poter eventualmente realizzare il loro ampliamento nella prospettiva di miglioramento dell offerta qualiquantitativa. Per questo sono state scelte strategie organizzative e di gestione che hanno fatto progressivamente registrare una crescita nell offerta di posti, sia con la gestione flessibile della collocazione del personale in organico (con profilo differente tra scuola dell infanzia ed asilo nido) sia per il convenzionamento attuato con alcuni soggetti privati appartenenti alla cooperazione sociale specifica per l infanzia. Tale attenzione è stata rivolta anche ai cittadini residenti in località periferiche del Comune, attraverso la realizzazione di posti convenzianati in servizi collocati nelle frazioni collinari; ciò ha consentito di sviluppare una rete di servizi integrata attiva su tutto il territorio comunale. I posti complessivi, nei vari servizi, sono 229 e vengono mantenuti costantemente coperti accogliendo il numero massimo possibile di bambini, andando a sostituire in tempi rapidissimi coloro che per varie motivazioni lasciano i servizi. Indicatori a. Le domande presentate sono state complessivamente 301 ed i posti coperti sono stati 229 con una percentuale pari al 76% ; per maggior precisione possiamo calcolare che nel periodo di funzionamento dei servizi si sono verificate 14 rinunce prontamente sostituite, andando perciò a soddisfare totalmente 243 domande sulle 301 tetali e la percentuale di accoglimento è risultata quindi del 80%. b. I posti disponibili rispetto al 2011 sono rimasti 229 anche nel Al fine di una migliore valutazione del contesto sopra esposto, si indicano i servizi educativi con le specifiche caratteristiche gestionali, organizzative e funzionali: -NGHE, a Rosignano Solvay, asilo nido comunale gestito con personale comunale, per 37 bambini da tre mesi a tre anni, orario 7,30/16,00; -ARCOBALENO, a Vada, asilo nido comunale gestito con personale comunale, per 37 bambini da tre mesi a tre anni, orario 7,30/16,00; -MAMMOLO, a Rosignano Solvay, asilo nido comunale gestito con personale di Cooperativa vincitrice di specifica gara di appalto, per 49 bambini da tre mesi a tre anni, orario 7,30/16,00; -CORIANDOLO, a Rosignano Marittimo, Centro Gioco Educativo comunale gestito con personale di Cooperativa vincitrice di specifica gara di appalto, per 25 bambini da diciotto mesi a tre anni, orario 8,00/14,00; -PIANETA INFANZIA, a Rosignano Solvay, Centro Gioco Educativo comunale gestito con personale di Cooperativa vincitrice di specifica gara di appalto, per 15 bambini da diciotto mesi a tre anni, orario 8,00/14,00; -PICCOLO PRINCIPE, a Rosignano Solvay, Centro Gioco Educativo comunale gestito con personale di Cooperativa vincitrice di specifica gara di appalto, per 18 bambini da diciotto mesi a tre anni, orario 8,00/14,00; pag. 15

16 -GELSOMINO, a Castelnuovo della Misericordia, Centro Gioco Educativo Privato di ARCI Bassa Val di Cecina, ospita 14 bambini delle liste comunali in convenzione con il Comune di Rosignano Marittimo; -MIO NIDO, a Rosignano Solvay, asilo nido privato della Cooperativa Contestoinfanzia, ospita 34 bambini delle liste comunali in convenzione con il Comune di Rosignano Marittimo. OBIETTIVO POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI 4- (27.2) - Progetto io partecipo ancora Il progetto Io partecipo è nato nell anno 2009 nell'ambito delle politiche giovanili finanziate dalla Regione Toscana (Progettazione APQ). Il Comune di Rosignano Marittimo, in qualità di capofila dei Comuni di Cecina e Castagneto C.cci ha deciso di riproporre la positiva esperienza nell'anno 2010, ampliando il numero dei partecipanti e migliorando le azioni che avevano presentato criticità nell anno precedente. Nel 2010 il progetto ha ottenuto anche il contributo della Provincia di Livorno. Dall'anno 201l il Comune di Rosignno Marititmo ha interamente finanziato il progetto Io partecipo ancora. tale progetto si ispira al protagonismo civile e all impegno sociale dei giovani tra i 16 e i 20 anni; nello specifico, il progetto ha previsto lo svolgimento da parte dei ragazzi di un periodo di servizio volontario di n 3 settimane presso alcune Associaz ioni presenti sul territorio, a fronte della corresponsione di un rimborso spese finale di 300 nette per coloro che hanno effettuato almeno n 72 ore complessive di servizio volontario. Le As sociazioni hanno affiancato ai partecipanti un tutor che ha svolto le mansioni di supervisore e ha monitorato il percorso degli stessi al fine di evitare o superare eventuali difficoltà. E stato molto gratificante sapere che, in alcuni casi, i tutor dei ragazzi erano i giovani volontari che avevano partecipato al progetto negli anni precedenti. In molti casi i giovani prescelti hanno deciso di rimanere nelle associazioni e procedere autonomamente nel loro percorso di volontari. Per tale motivo il il progetto ha raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati e cioè di far crescere nei giovani lo spirito del volontariato, di farli incontrare, di fargli fare esperienze, che certamente li avrebbe indotti a delle riflessioni e ad un indubbio percorso di crescita. Anche nel 2012 il progetto "Io partecipo ancora" ha avuto un notevole riscontro sia tra le Associazioni di Volontariato e sopratuttto dai ragazzi che hanno richiesto di parteciparvi. Indicatori Nell'anno 2011 sono state presentate n 50 domande, quelle accolte per disponibilità finanziaria sono state n 31; la percentuale delle domande acco lte rispetto a quelle presentare è stata del 62%. Nell'anno 2012 le domande presentate sono state n 61 quelle accolte n 34, la percentuale delle domande accolte rispetto a quelle presentare è stata del 55%. Il dato del 2012 è significativo: è calata la percentuale di risposta, che è conseguente alla disponibilità finanziaria presente sul bilancio, ma sono aumentate sia le domande presentate (61 rispetto alle 50, sia quelle accolte 34 anzichè 31). pag. 16

17 BENESSERE ORGANIZZATIVO COSA HO FATTO E COSA STO FACENDO Sul benessere organizzativo ho lavorato con particolare impegno in quanto due ambiti importanti del Settore Qualità della Vita, (Polizia Municipale, educatrici asilo nido e insegnanti scuola dell infanzia) sono stati individuati a rischio di stress da lavoro correlato, a seguito di una indagine commissionata dall Ente nell anno Una azione di contrasto nei confronti della presenza di stress lavorativo richiede, a mio avviso, interventi mirati, da programmare e mettere in atto in un periodo medio-lungo; questo perché il percorso non è lineare possono, infatti, svilupparsi alti e bassi, in base a fatti che si verificano. Dal 1 gennaio 2011 ho affrontato questa problematica con molta attenzione, in quanto nel settore Qualità della vita si concentrano le maggiori criticità: personale dei servizi 0/6 e Polizia Municipale; in questi due ambiti le psicologhe che hanno svolto l'indagine tra i dipendenti dell Ente, hanno riscontrato un alto rischio di stress legato al lavoro e consigliavano di intervenire in tempi rapidi attraverso la presa in carico della situazione al fine di contenere e mitigare il clima emotivo manifestato in questo servizio che ha caratteristiche di criticità. Nel nuovo scenario in cui si trova ad operare l Ente locale, si impone un approccio innovativo alla gestione delle risorse umane; è in questa ottica che nel contesto lavorativo è necessario mirare al ben-essere, inteso come positiva interfaccia tra la persona e l organizzazione di cui fa parte e come cultura del lavoro fatta di valorizzazione e stimolo. Una corretta percezione del clima interno all organizzazione è indispensabile per migliorare la qualità del lavoro. Consapevole di questa situazione ho iniziato a lavorare sulla comunicazione e le relazioni interpersonali, dando molta importanza ai colloqui e cercando di intervenire positivamente sul benessere organizzativo. Molti degli aspetti affrontati nella presente nota, sono stati rappresentati nella riunione art. 35 D.Lgs. 81/2008, del 1 dicembre 2011 alla quale hanno partecipato i datori di lavoro, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza ed il medico competente per la sicurezza. U.O. Polizia Municipale Difficoltà strettamente legate al contesto lavorativo inteso come organizzazione interna. Ho cercato di assicurare la massima presenza possibile, dando anche il segnale della scelta dell'ufficio del dirigente proprio al comando della PM. Dal punto di vista organizzativo ho puntato ad agire sui seguenti importanti aspetti organizzativi: - colloqui individuali con tutti i dipendenti; - la formazione, in particolare con un corso sulle "tecniche operative" (8 giugno 2011), due seminari sui temi della comunicazione con docenti della Università di Siena / Centro della Comunicazione di Castiglioncello (20 e 27 ottobre 2011), un corso per gli operatori della centrale; - per i servizi serali/notturni le pattuglie sono state formate da tre agenti, più uno in centrale; questo per dare maggiore sicurezza e funzionalità nel lavoro svolto in situazioni di potenziale rischio; - 24 maggio 2011 presentazione a tutti gli agenti di un questionario sul benessere organizzativo, somministrato a tutti gli agenti; - confronto e informazione, tre assemblee con tutto il personale PM, nelle quali i temi della sicurezza sul lavoro ed il benessere organizzativo sono sempre stati affrontati; - 21, 23, 28 febbraio, 6 marzo 2012 è in programma un Laboratorio sul riconoscimento e sulla gestione dei conflitti Laboratorio filosofico sulla complessità Ichnos Facoltà di FilosofiaUniversità di Pisa/Comune di Rosignano Marittimo). A proposito del questionario, composto da 30 domande, l analisi ha confermato uno stato di disagio: il risultato medio é stato insufficiente, 5.31; questo voleva essere un modo per iniziare ad affrontare concretamente la situazione. I rapporti stavano cominciando a farsi più distesi quando la pag. 17

18 sentenza della corte territoriale del 3 ottobre ha accolto l'appello dell'amministrazione, con la conseguenza che per i lavoratori turnisti non è stato piú applicato l'articolo 24 del CCNL del , cioé l'attività lavorativa prestata dai vigili in giorno festivo settimanale non da luogo a recupero, né a pagamento del corrispondente straordinario festivo. Questo ha riportato indietro di due anni la situazione. A questo punto ho richiesto di innestare nel contesto di attività di miglioramento già in atto, un intervento specialistico. Scuole dell infanzia e asili nido Difficoltà strettamente legate al contesto lavorativo inteso come ruolo. Prendendo atto dell esito dello studio delle psicologhe e della loro proposta d intervento, sono state compiute azioni sul piano organizzativo, in particolare: - 11 novembre 2010, ad anno scolastico da poco iniziato, riunione con tutto il personale dell UO Attività educative per illustrare il risultato della valutazione e gli interventi individuati dalle psicologhe per la riduzione ed il contenimento del rischio. Erano presenti il dirigente, la responsabile dell U.O. Attività educative e la responsabile del Servizio di Prevenzione, per sottolineare l esigenza di potenziare il livello di formazione/informazione sui ruoli e responsabilità previsti dal D.Lgs. 81 e s.m.i. Tale iniziativa è stata accolta positivamente dal personale, erano presenti: le insegnanti e le collaboratrici scolastiche delle Scuole dell'infanzia, le educatrici e le assistenti educative degli Asili nido, il capo cuoco ed i cuochi delle cucine comunali, i dipendenti dell'ufficio attività educative. Durante la riunione, dopo aver affrontato ampiamente l'argomento ed ascoltato le riflessioni dei singoli lavoratori che hanno voluto esprimersi in merito, sono state poste immediatamente a verifica le strategie organizzative, comunicative e interattive attuate fino a quel momento tra la dirigenza ed il personale. E' emerso un quadro idoneo sufficientemente, in parte carente però per i tempi in cui si svolgono i contatti per questioni non ordinarie, in special modo riferibili a necessità di manutenzione delle strutture, ad interventi sugli impianti, ed anche per particolari complessità riscontrate in relazione a bambini non ancora adeguatamente seguiti dai servizi specialistici della competente Azienda USL. Il dirigente ha proposto un questionario specifico per monitorare il benessere organizzativo e lo strumento è stato spiegato in dettaglio ai lavoratori per la compilazione in forma volontaria ed anonima. Al termine dell'incontro viene deciso collegialmente un percorso di miglioramento sostanziale delle relazioni/comunicazioni, attraverso appuntamenti periodici tra il dirigente ed i lavoratori, finalizzati alla conoscenza delle problematiche e delle necessità non ordinarie complessive dei vari servizi e sui problemi delle strutture dicembre 2010, riunione con tutto il personale degli asili nido gennaio 2011 con il personale delle scuole dell'infanzia gennaio 2011 con i cuochi maggio 2011, riunione di tutto il personale dell'unità Organizzativa Attività Educative, come seconda riunione collegiale finalizzata a ridurre/prevenire lo stress correlato al lavoro e per il benessere organizzativo giugno 2011 riunione con la responsabile U.O. Attività Educative, in qualità di preposto, con tutto il personale (cucine, ufficio, scuole, nidi) di fine anno scolastico in merito alla sicurezza nei luoghi di lavoro; è stata posta l'attenzione sul DUVRI dei vari servizi per verificare eventuali elementi migliorativi, attuabili fin dal successivo settembre. - settembre/ottobre 2011 il dirigente ha personalmente visitato i servizi e parlato direttamente con il personale ed i referenti delle varie strutture gennaio 2012 ore 15,30 riunione, con la partecipazione della responsabile dell U.O. Attività Educative e della responsabile del Servizio di Prevenzione, con tutti gli Addetti alle Emergenze; - 24 gennaio ore 17,00 tutto il personale degli asili nido e delle scuole dell'infanzia per il riscontro relativo ai questionari sul benessere organizzativo. pag. 18

19 - con le insegnanti di scuola dell infanzia e con le educatrici vengono tenuti, dalla responsabile della U.O. collettivi a cadenze regolari, incontri con consulenti specialisti (psicologi, pediatri, neuropsichiatri infantili); - costituzione di una commissione tecnico-politica per la qualità dei servizi 0/6; - 21, 23, 28 febbraio, 6 marzo 2012 è in programma un Laboratorio sul riconoscimento e sulla gestione dei conflitti Laboratorio filosofico sulla complessità Ichnos Facoltà di FilosofiaUniversità di Pisa/Comune di Rosignano Marittimo). Il risultato del questionario ha registrato 6.02, situazione non ancora ottimale, ma che fa registrare che alcuni passi in avanti sono stati compiuti. In particolare l istituzione della una commissione tecnico/politica con lo scopo di realizzare una mappatura dei servizi e dei bisogni dei bambini e delle famiglie, per la fascia di età fino a 6 anni, residenti sul nostro territorio comunale, ha dato impulso e stimoli per una riflessione complessiva sulle attività sino ad ora svolte. Della commissione fanno parte, oltre l assessore alle politiche educative, il dirigente del settore, la responsabile dell u.o. ed una adeguata rappresentanza di insegnanti ed educatrici dipendenti comunali. L obiettivo è quello di realizzare un progetto/programma partecipato e condiviso, affinchè il comparto infanzia a gestione comunale possa essere inserito in un piano sistemico che valorizzi la continuità educativa 0/6 e definisca l interesse prioritario verso la qualità, includendo azioni migliorative ed evolutive che comprendano responsabilmente la flessibilità e l economicità possibili a garanzia dei bisogni formativi e complessivi dei bambini. ELEMENTI UTILI PER MISURARE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO - attenzione alla gradevolezza ed efficienza del posto di lavoro; - organizzazione di sistematiche riunioni tra le P.O., saltuarie tra i servizi, incontri individuali con tutto il personale; - disponibilità,,anzi stimolo, ad incontri tematici con gruppi di lavoro; - frequentazione degli uffici; - esame e valutazione delle proposte di modifica della organizzazione lavorativa (cambio ufficio, integrazione/parcellizzazione processi lavorativi, costituzione gruppi di lavoro, ecc.) - n. incontri tra dirigenti e collaboratori, n. occasioni di convivialità, n. ricevimento collaboratori, n. soluzioni personalizzate (orario, spazi) Questionario anonimo con il quale chiedere ad ogni collaboratore opinioni sullo spazio lavoro, orario, gradevolezza delle competenze, soddisfazione e considerazione. COSA SI POTREBBE FARE Promuovere a livello di Ente una attività formativa sulla tematica della comunicazione e della mediazione dei conflitti, seguita da una rilevazione della percezione del benessere organizzativo. Successivamente, ogni dirigente organizza, periodicamente con le modalità che meglio si adattano alla specificità dei singoli settori, momenti di incontro e di confronto, volti a superare le criticità emerse nella rilevazione di cui sopra. La proposta di cui sopra è stata condivisa con altri colleghi. pag. 19

20 Allegato 1: SETTORE QUALITA DELLA VITA QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE per valutare la soddisfazione e/o le criticità riscontrate nell ambiente lavorativo E garantito l anonimato e la massima riservatezza. 1. Sesso MASCHIO FEMMINA 2. Con figli SI NO 3. Anzianità di servizio nell Ente 0 10 anni anni oltre 20 Le chiediamo adesso cortesemente di valutare nell ambito del Suo lavoro quanto siano presenti i seguenti aspetti. Risponda barrando un numero (uno solo) sulla scala 1 10 nella quale al numero 1 corrisponde la minima presenza e al numero 10 corrisponde la massima presenza. E importante graduare le valutazioni. La corretta distribuzione dei carichi di lavoro L attenzione e la sensibilità ai problemi ecologici e di salvaguardia dell ambiente L esistenza di ambienti di lavoro gradevoli e funzionali La libertà di esprimere ciò che si pensa La capacità dei superiori di rispondere efficacemente ai problemi e alle lagnanze sollevate dai collaboratori Sentirsi parte di un gruppo di lavoro pag. 20

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 INDICE 1. PREMESSA 2. STRUMENTI 3. INDIVIDUAZIONE DATI DA PUBBLICARE 4. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SPECIALE. CAVRIAGOSERVIZI Area Educativa

CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SPECIALE. CAVRIAGOSERVIZI Area Educativa CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SPECIALE CAVRIAGOSERVIZI Area Educativa Approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Azienda Speciale nella seduta del 6 maggio 2010 1 NOTE INTRODUTTIVE Con la redazione della

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA

GIORNATA DELLA TRASPARENZA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2014 Venerdì 11 luglio 2014 Università per Stranieri di Perugia Palazzo Gallenga, Sala Goldoniana, ore 10:30 Programma: Palazzo Gallenga Piazza Fortebraccio 4-06123 Perugia Italia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con Decreto dell Amministratore Unico n. 7 del 26/01/2015 INDICE INTRODUZIONE: 1. LO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RECATE DAL D.LGS.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale Percorso formativo nell ambito del progetto Educazione alla legalità Attività formative di accompagnamento in attuazione della l.r. 2/ 2011: Azioni orientate verso l educazione alla legalità Comunicare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018

Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018 Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018 A cura del Responsabile della Trasparenza, Dott. Mario Bonada Approvato dal Consiglio d Amministrazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Indice. Premessa. 1. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ASP Catania

Indice. Premessa. 1. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ASP Catania Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Indice Premessa 1. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ASP Catania 2. PROCEDIMENTO DI ELABORAZIONE E ADOZIONE DEL PROGRAMMA 1. Obiettivi strategici

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CALTANISSETTA TRIENNIO 2015-2017 (Articolo 11, comma 2, D.Lgs.

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena

COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena Originale COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Numero: 116 Data: 11/12/2012 OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 Comune di Ronchis Provincia di Udine PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Il Decreto Legislativo n. 33/2013 ha confermato

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO *** SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE INDICE 1) Sistema degli incentivi 2) Sistema di valutazione 3) Misurazione della performance

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti LA TRASPARENZA E PRIVACY E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti della scuola che riguardano il percorso scolastico e formativo dei propri figli secondo le modalità

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 06/02/2015 e pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Introduzione: organizzazione e funzioni di

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI N. 535 IN 27/03/2015 RICHIAMATI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA -

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli