Provincia Regionale di Ragusa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia Regionale di Ragusa"

Transcript

1 Provincia Regionale di Ragusa Presidente Giovanni Franco Antoci Relazione semestrale Gennaio Giugno 2008

2 Signori consiglieri, mi appresto ad illustrarvi le attività portate avanti dall Amministrazione nel I semestre 2008, ricco di importanti appuntamenti e di utili risultati per la nostra provincia. Ancora una volta abbiamo cercato di rispondere con passione e impegno alle istanze ed ai problemi provenienti dalla nostra comunità. Appena dopo le festività natalizie proprio ai primi di gennaio, abbiamo raggiunto un importante traguardo per lo sviluppo della nostra economia: l accordo sull utilizzo dei fondi ex Insicem nella parte che riguarda il sostegno alle imprese iblee. Dopo una lunga e faticosa concertazione si è arrivati all approvazione unanime del documento, nel quale sono previste tre misure di sostegno: una riguardante la capitalizzazione delle nuove imprese e la ricapitalizzazione di quelle esistenti, un altra la patrimonializzazione dei consorzi fidi e una terza i finanziamenti agevolati alle imprese. Nello stesso documento è previsto un comitato di garanzia che deve predisporre il regolamento per l erogazione delle misure di aiuto e la stesura dei bandi per la concreta assegnazione dei circa 8 milioni di euro alle imprese iblee; ho insediato il comitato che ha cominciato subito il suo lavoro. La provincia di Ragusa rimane sempre un enclave di grande vivacità economica; per questo motivo abbiamo profuso un grande impegno, nei limiti di bilancio, nelle problematiche dell Industria, Agricoltura, Artigianato, commercio e dello sviluppo economico in generale. Abbiamo potuto garantire la nostra presenza nelle principali fiere internazionali e nazionali quali la Fruit logistica di Berlino, la Plantarum Aetnae di Giardini Naxos per il florovivaismo, il Cibus di Parma, la Bit di Milano e la Borsa del Turismo delle 100 città d arte d Italia di Ravenna per il comparto turistico. Proprio in riferimento a questo settore, oltre alla programmazione del calendario per le fiere del secondo semestre del 2008, ho ricevuto una I

3 delegazione di operatori economici stranieri interessati a investire sul nostro territorio per progetti inerenti il turismo integrato; da notare che la programmazione della partecipazione alle fiere è stata definita con il pieno coinvolgimento sia del sistema delle imprese operanti nel settore, sia dei comuni della provincia. Al fine di valorizzare i nostri prodotti ci siamo impegnati per definire il progetto sul distretto lattiero-caseario e sul distretto avicolo, con i quali ci prefiggiamo il sostegno alle imprese aderenti. Infine con la provincia di Pordenone e la CCIAA di Udine abbiamo elaborato un intesa che si trasformerà in un protocollo per il collegamento tra i distretti agricoli siciliani e delle città friulane. Dopo aver delineato i principali interventi realizzati nel campo dello sviluppo economico, passiamo, adesso, alle infrastrutture, che sono sempre state un punto cardine sia del primo che del secondo mandato di questo presidente. Nel mese di marzo, un altro tassello è stato aggiunto nel processo di realizzazione del raddoppio della Ragusa-Catania: l Anas procedeva alla selezione del general contractor per la realizzazione dell opera: si tratta dell associazione temporanea d impresa composta dalla Silec spa, dall Egis projects sa, dalla Maltauro consorzio stabile e dalla Tecnis spa. Così come è stato fatto per la Ragusa-Catania, abbiamo costituito, anche per l autostrada Siracusa-Gela un comitato di coordinamento, al fine di monitorare costantemente l iter procedurale per la nuova apertura dell opera fino a Rosolini. Sono ben noti a tutti i ritardi e gli errori degli ultimi mesi, che hanno causato una parziale chiusura dell opera; nonostante ciò dobbiamo insistere, come già abbiamo fatto, non solo per il completamento del tratto realizzato, ma anche per l appalto dei restanti lotti già finanziati, che porteranno l autostrada nella nostra provincia; questa è un arteria di vitale importanza per il territorio. II

4 Aeroporto. L apertura prevista per il 30 aprile, è stata spostata, invece, per cause tecniche all inizio del prossimo anno. Non potendo, però, perdere ancora tempo prezioso, ci siamo mossi per definire un accordo con il comune di Comiso per la partecipazione della provincia alla gestione dello scalo, in quanto, l ente provincia rappresenta gli interessi socio-economici dell intero territorio ibleo. Altrettanto difficile la situazione della viabilità secondaria, in quanto, i provvedimenti del governo nazionale, nonostante il nostro accorato dissenso, le nostre manifestazioni e la dura lotta portata avanti da mesi, hanno stornato, in gran parte, i preziosi fondi (54 milioni di euro) per la manutenzione ordinaria e straordinaria. Ciò significa che se non vi saranno ripensamenti, potremo intervenire soltanto con gli annuali trasferimenti ordinari e/o mutui. La delibera del Cipe e gli impegni assunti dal precedente governo sono stati vanificati in breve tempo, ma speriamo, e lotteremo per questo, in un ripensamento del governo. Comunque sia, il nostro impegno al fine di garantire la sicurezza e la percorribilità delle strade non verrà mai a mancare; non a caso la provincia di Ragusa si è confermata prima in Sicilia per progetti inerenti la sicurezza, infatti ha ottenuto, per questo motivo, un finanziamento di 1 milione e 50 mila euro dalla Regione siciliana. In riferimento alla s.s. 115, nel tratto Comiso-Vittoria, nel mese di maggio, abbiamo finalmente avuto, da parte della Regione, l approvazione tecnica per la variante. Anche questo è un grande risultato perché il progetto si trova praticamente nelle condizioni di essere cantierato, dopo l ultima approvazione tecnica dell ANAS. Il settore che continua a presentare le difficoltà maggiori rimane, però, quello della ferrovia. Ho già avuto modo di esprimere, in altre occasioni, queste problematiche; nonostante tutto, a febbraio, abbiamo verificato la fattibilità di un protocollo d intesa con Trenitalia per il potenziamento del trasporto, prevedente, ad esempio, il biglietto integrato bus urbano-treno, rimborsi III

5 abbonamento agli studenti, promozione territoriale e turistica per mezzo di treni storici. Questo protocollo prevede il coinvolgimento dei comuni e sarà quindi riproposto dopo le scadenze elettorali. Ribadisco, però, che la situazione della ferrovia rimane, comunque, molto travagliata a causa della politica dei tagli di Trenitalia. Infine, tra le altre opere più importanti in corso di realizzazione, vorrei ricordare, la Marina di Ragusa-Punta Secca, utile by-pass alla Ragusa-Marina di Ragusa per il litorale compreso tra Ragusa e S. Croce Camerina, nonché l avvio della progettazione della provinciale Ispica-Pozzallo, finanziata con fondi ex Insicem. Dalle infrastrutture passiamo agli interventi intrapresi nel settore Territorio e Ambiente. Anche in questo caso non sono mancate azioni qualificate; tra queste l adozione della carta ittica provinciale, che è un documento di pianificazione per la gestione delle acque interne realizzato di concerto con le associazioni della pesca; abbiamo poi stretto un accordo con Arpa-sicilia per l avvio di una collaborazione sul monitoraggio del gas radon e abbiamo messo a disposizione un centro di raccolta per i rifiuti di apparecchiature elettroniche ed elettriche. Queste iniziative, insieme al progetto Reis e al tavolo provinciale sulla qualità dell aria, si inseriscono tra quelle volte alla salvaguardia dell ambiente e all utilizzo di forme di energia alternativa. Nell obiettivo di valorizzare il nostro territorio montano, abbiamo siglato un accordo attuativo con i comuni montani ripartendo tra le parti firmatarie 1 milione e 700 mila euro sempre con fondi ex Insicem. Un altro settore che in questo periodo è stato ricco di iniziative e nel quale ci siamo spesi molto è quello dei Servizi sociali. In questi primi sei mesi del 2008 si è intervenuti a 360 gradi, per venire incontro a tutte quelle persone che, purtroppo, scontano delle situazioni personali difficili e per le quali questa amministrazione ha mostrato sempre la sua disponibilità e IV

6 la sua vicinanza. Ad esempio, sono stati deliberati i contributi per gli automobilisti diversamente abili che hanno modificato e adattato le proprie auto; è proprio in riferimento ai diversamente abili che è stato promosso, in collaborazione con l I.P.S.S.A.R Principi Grimaldi di Modica, il progetto Insieme in acqua, nel quale a ciascun studente disabile è stato affiancato, oltre al proprio docente di sostegno, anche un compagno di classe che ha praticato insieme a lui le lezioni di nuoto. Questa idea intende offrire agli studenti diversamente abili un ulteriore opportunità di integrazione nel tessuto scolastico. Inoltre è stato patrocinato il progetto filippide Ibla per aiutare i ragazzi autistici a praticare l attività sportiva con l obiettivo principale di favorirne una maggiore autonomia. Ci confermiamo come una delle poche province per il servizio di Ponte relay service per i sordomuti con una spesa annua di 50 mila euro. Siamo stati ancora una volta sensibili alle problematiche degli extracomunitari e dei carcerati; rivolto ai primi è il potenziamento dello sportello immigrati per consulenze di carattere legale e burocratico; per i secondi, invece, sono state promosse delle attività socio-ricreative con le rappresentazioni di commedie all interno delle case circondariali. Infine, nel campo delle politiche attive del lavoro ricordo la stabilizzazione dei 21 lavoratori della cooperativa Progetto lavoro, chiudendo, così, un altra fase del precariato all interno dell ente. Per quanto riguarda il settore Cultura e Spettacoli è importante menzionare la firma di un protocollo d intesa con il Darc, il comune di Ragusa, l ordine degli architetti e degli ingegneri della provincia, per stilare un programma di valorizzazione e salvaguardia dell architettura contemporanea. Tra gli spettacoli va segnalato il concerto di Lucio Dalla, che ha riscosso un enorme successo in termini di partecipanti. V

7 Abbiamo curato particolarmente anche il settore della pubblica istruzione, infatti, le azioni più significative intraprese sono state: il mutuo di 700 mila euro con la Cassa DD.PP. per lavori di manutenzione che interessano molti istituti di istruzione secondaria; la richiesta al fondo di rotazione per la progettazione e ristrutturazione dell ex hotel La pineta, al fine di realizzare un hotel-scuola dotato di ristorante, che possa servire anche da laboratorio per gli studenti; il bando di assegnazione di 305 borse di studio per gli studenti più meritevoli della provincia. Abbiamo, inoltre, iniziato il percorso per l istituzione di una succursale dell accademia italiana della Marina mercantile a Pozzallo e abbiamo aderito al programma Fixo consistente in tirocini retribuiti, presso il nostro Ente, per giovani neolaureati attraverso un accordo con l Università di Catania. Infine, un importante notizia ha riguardato il settore sportivo e cioè il decreto di finanziamento per il terzo lotto della Scuola regionale dello sport della Sicilia che ammonta a oltre 2 milioni di euro e servirà a completare la struttura anche con la creazione di un museo nazionale di tiro al volo. Signori Consiglieri, quanto sopradetto è solo una breve introduzione che vuole enucleare con piccoli accenni, quanto, in maniera più dettagliata viene approfondito nelle pagine a seguire. Ancora una volta, comunque, la relazione semestrale è una occasione di dialogo e di confronto con il Consiglio che, insieme con la normale attività ispettiva, ha modo di seguire e controllare l iter degli atti amministrativi e dell avanzamento programmatico. Ringrazio per questo il Consiglio, assicurando che cercheremo di tenere in debito conto suggerimenti, proposte ed ove occorre anche critiche, sempre nell ottica del migliore funzionamento della nostra Amministrazione. VI

8 INDICE Bilancio Pag. 9 Demanio Patrimonio Autoparco Pag. 11 Politiche sociali e della famiglia Pag. 13 Formazione professionale Pag. 19 Cultura Spettacoli Politiche giovanili Pag. 22 Turismo Gemellaggi Pag. 23 Rappresentanza Promozione Pag. 28 Sport Impiantistica Tempo libero Pag. 31 Territorio e Ambiente Pag. 33 Ecologia Pag. 46 Geologia Pag. 50 Pubblica istruzione Pag. 65 Personale Pag. 71 Edilizia Istituzionale Scolastica Sportiva Pag. 76 Programmazione contabile Fondi di indebitamento Pag. 82 Sviluppo economico Pag. 84 Programmazione socio economica S.U.A.P. Societa miste e Societa Pag. 87 in house Politiche comunitarie Politiche euromediterranee Pag. 92 Impianti tecnologici Pag. 96 Protezione civile Pag. 97 Valorizzazione e Tutela Ambientale Pag. 99 Organizzazione e Smaltimento Rifiuti Pag. 102 Servizio Parchi Naturali Protezione Naturalistica e Forestale Pag. 106 Ufficio Energia Pag. 109 L.L.P.P. delegati ed istituzionali Fitti passivi Rendicontazione varie Pag. 112 Viabilità Pag. 114 Autorizzazioni Concessioni Espropriazioni Imposte e tributi Pag. 119 Polizia provinciale Pag. 123

9 BILANCIO Il settore ha provveduto alla elaborazione e alla predisposizione della documentazione di supporto da sottoporre agli organismi (Giunta, Commissione Consiliare, Consiglio) per l approvazione degli atti programmatici inerenti la gestione finanziaria per l esercizio In relazione ai principi contenuti nel vigente regolamento di contabilità il settore ha provveduto a quantificare le necessità avanzate dai vari assessorati al fine di illustrare alla Commissione consiliare del bilancio e successivamente al consiglio tutti gli elaborati necessari per la presentazione dell attività programmatica per l anno 2008 e per il triennio 2008/2010. Tutti gli emendamenti presentati sono stati esaminati in relazione alla loro ammissibilità. I propedeutici strumenti programmatici, necessari per intraprendere la gestione economica-finanziaria per l esercizio 2008, sono stati adottati dal Consiglio provinciale, con deliberazione n. 104 del 03/06/2008, praticamente nei termini fissati per legge al 31/05/2008. Il settore contabilità e finanze è stato impegnato altresì nella predisposizione del conto consuntivo 2007 al fine di rispettare i termini per l approvazione prevista entro il 30/06/2008. Tutti gli elaborati e i prospetti propedeutici (conto economico, conto del patrimonio, prospetto di conciliazione, quadri riepilogativi generali, etc..) sono stati predisposti e illustrati prima alla Commissione consiliare e poi al Consiglio provinciale in apposita seduta. La gestione contabile improntata ad esaminare tutti i provvedimenti presentati al settore per la verifica e la trascrizione in contabilità, ha presentato al 30 giugno 2008 le seguenti risultanze: Sono stati verificati e trascritti in contabilità impegni di spesa di competenza, resi ammissibili alla data del 30/06/08, per n e per ,41. Durante la gestione finanziaria, alla data del 30/06/2008, previa vidimazione di n provvedimenti di liquidazione, sono stati emessi n mandati di pagamento per complessivi ,54, previo accertamento dei requisiti fondamentali previsti dalle norme regolamentari vigenti. Con riferimento alla gestione dell entrata, è stato verificato l andamento dell accertamento delle entrate rispetto alle previsioni che nel complesso si sono 9

10 dimostrate attendibili consentendo l attuazione dei programmi e gli specifici obiettivi previsti. Durante il primo semestre sono stati emessi n ordinativi d incasso per complessivi ,20. Durante il periodo in esame è stato utilizzato il fondo di cassa che al 01/01/2008 ammontava a ,39 di cui ,28 presso la Tesoreria statale (Banca d Italia) ed ,11 presso il cassiere provinciale (di cui ,81 soggetto a vincoli). L approvazione del bilancio di previsione avvenuta il 03/06/2008 ha procrastinato la definizione delle strategie per il controllo di gestione al fine di consentire di verificare l operatività del piano esecutivo di gestione mediante l elaborazione di appositi flussi finanziari. Sono state avviate, in collaborazione con tutti i settori interessati, le procedure tendenti a rilevare gli scostamenti in termini finanziari e programmatici sugli obiettivi prefissati onde rendere più evidente l utilizzo delle risorse eventualmente disponibili ed e stato fissato per il 10/09/08 la prima verifica dei risultati. I Reports saranno utilizzati per meglio attenzionare ed orientare le future vicende amministrative e disciplinare le eventuali variazioni da apportare alle Previsioni L utilizzo di sofisticate procedure informatiche, ha consentito al settore di selezionare in modo più analitico i movimenti contabili nel rispetto della contabilità analitica per meglio monitorare l attività finanziaria dell ente. Tutti i movimenti finanziari sono stati aggregati, in attuazione di apposita normativa statale, al codice SIOPE tendente ad evidenziare la finalità delle entrate e delle spese dell ente. Con l anno 2008 il sistema è stato incrementato per meglio soddisfare le richieste ministeriali. La legge finanziaria che disciplina l attività dell ente per l anno 2008, ha disposto una rilevazione contabile, già in sede di predisposizione del bilancio, molto specifica ed attenta al fine di rilevare su modelli prestabiliti il rispetto del patto di stabilità. Durante il I semestre del 2008 il settore è stato fortemente impegnato ad attuare la scrivania virtuale onde consentire una attività amministrativa più snella ed efficace, nonché dare un senso più concreto al concetto della trasparenza dell azione amministrativa intrapresa da questa amministrazione. 10

11 DEMANIO PATRIMONIO AUTOPARCO Il semestre scorso ha visto questo Settore impegnato in una duplice direzione: - Mantenimento in efficienza dei servizi rivolti a tutti i Settori della Provincia ed espletamento dell attività amministrativa finalizzata alla gestione ed alla funzionalità del patrimonio della Provincia, nonché all informatizzazione degli Uffici; - Gestione del servizio Autoparco volta al mantenimento in efficienza degli automezzi provinciali, al rinnovo degli automezzi obsoleti e di costosa manutenzione e all acquisto di nuove autovetture. La principale attività svolta si riporta di seguito, con l elenco dei principali atti: 1. Lavori di pulizia degli uffici provinciali per l anno Approvazione verbale di gara, aggiudicazione a trattativa privata alla Ditta Ecoambiente 2000 di Ragusa. Spesa di ,05 IVA compresa. 2. Pagamento tassa di proprietà degli automezzi di proprietà provinciale per l anno Anticipazione all Economo della somma di , Acquisto di n. 4 personal computers e di n. 4 stampanti laser per i Gruppi Consiliari tramite il sistema del mercato elettronico regolato dalla CONSIP. Liquidazione e pagamento fattura n. 274 del di 4.881,55 alla Ditta Giannone Computers di Modica. 4. Copertura assicurativa delle polizze Infortuni ed Incendio - Liquidazione e pagamento alla Willis della 2^ rata del premio dell importo di 2.555,50 per Polizza infortuni e della 2^ rata dell importo di 3.091,30 per polizza Incendio. Periodo assicurativo / Acquisto di n. 16 personal computers e di n. 2 stampanti laser per il Settore Organi Istituzionali tramite il sistema del Mercato Elettronico regolato dalla CONSIP. Liquidazione e pagamento fattura n. 226 del di ,40 alla Ditta Giannone Computers di Modica. 6. Fornitura di combustile per gli impianti di riscaldamento degli edifici di competenza provinciale per la stagione invernale Impegno spesa di ,00. 11

12 7. Brokeraggio assicurativo generale per le Assicurazioni della Provincia Regionale di Ragusa. Rinnovo triennale alla Società Willis Italia S.p.A. 8. Acquisto di n. 6 notebook, di n. 6 licenze OEM Office per amministratori della Provincia Regionale di Ragusa tramite il sistema del mercato elettronico regolato dalla CONSIP. Liquidazione e pagamento fattura dell importo di 8.376,98 alla Compagnia italiana Computer di Ragusa. 9. Estensione Polizza RC Professionale per il funzionario Responsabile del Tributo Speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi. 10. Fornitura di arredi per gli uffici della Provincia Regionale di Ragusa. Aggiudicazione alla Ditta L.C.F. di Ragusa Spesa complessiva di , Dismissione immobile Palazzo ex laboratorio igiene e profilassi Presa d atto della vendita a favore della società Hedonè di Ragusa per l importo di , Fornitura di n. 1 software di aggiornamento per il settore Ragioneria per la gestione informatizzata degli O/A fra i FF.DD., la Regione e il BDS. 13. Servizio di manutenzione ordinaria di n. 7 impianti di ascensori ubicati presso gli edifici patrimoniali di competenza provinciale. Spesa di , Copertura assicurativa di Responsabilità Civile verso Terzi e verso Prestatori d Opera (RCT/O). Impegno della presumibile spesa annua di , Rinnovo contratto Copertura assicurativa RC Auto per il periodo / all Unipol Assicurazioni, Ag. di Ragusa. Impegno di spesa. 16. Rinnovo contratto Copertura assicurativa Infortuni all Unipol, Ag. di Ragusa, per il periodo / Rinnovo copertura assicurativa Responsabilità Civile Professionale per il periodo / alla Compagnia Lloyd s Correspondent. 12

13 POLITICHE SOCIALI E DELLA FAMIGLIA Nel I Semestre dell anno 2008 sono state progettate, avviate e realizzate una serie di attività e iniziative atte a risolvere le varie problematiche sociali: Attivazione di servizi assistenziali a favore di alunni disabili, ciechi e sordomuti; Promozione di politiche di contrasto al disagio giovanile; Elaborazione di programmi di sostegno volti all'integrazione sociale e culturale dei disabili; Attuazione di interventi mirati alla tutela delle categorie svantaggiate e emarginate; Adozioni di molteplici iniziative di Solidarietà Internazionale; Realizzazione di progetti a favore degli immigrati; Realizzazione di iniziative a favore della popolazione carceraria di Modica e Ragusa. In considerazione delle competenze attribuite dalla L. 328/00 per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali l ufficio ha continuato nel delicato compito di osservazione e analisi delle dinamiche socio-demografiche della comunità, di monitoraggio e verifica dell attuazione dei 3 piani di zona nell ambito provinciale. Mediante appositi organismi, quali la Conferenza dei Sindaci, il Comitato di Garanzia e le Segreteria Tecnica, si è provveduto all individuazione di un sistema di miglioramento del Welfare locale e alla costituzione di uno Sportello Unico dei servizi socio sanitari nel territorio provinciale. L Assessorato ha partecipato alla VIII Edizione di EuroP.A. a Rimini per il premio Innovazione nei Servizi Sociali con il Progetto Nuovi Percorsi di Integrazione, rivolto ad alunni non vedenti e non udenti del territorio provinciale per usufruire di un attività educativa didattica extrascolastica, tramite interventi di sostegno con personale specializzato. Per quanto riguarda l attività assistenziale a favore dei ciechi e sordomuti, in riferimento all art. 12 della L.R. n. 33/91, si è provveduto al pagamento delle rette relative all ammissione degli utenti presso gli istituti specializzati e al pagamento delle spese assistenziali sostenute dagli Enti convenzionati per l attivazione del servizio di sostegno didattico extrascolastico, di assistenza alla comunicazione e di rieducazione per la psicomotricità relativamente all anno scolastico 2007/08. L ufficio ha rinnovato la convenzione relativa al Servizio Ponte Relay-Service, destinato a soggetti non udenti per la comunicazione simultanea a distanza, la cui gestione è stata affidata all Ente Nazionale Sordomuti, per la durata di dodici mesi. Il servizio si è rivelato uno strumento indispensabile e insostituibile per l integrazione dei sordi ai quali è stato consentito di potenziare il livello di autonomia nei rapporti interpersonali. 13

14 Il risultato conseguito mediante l attivazione del suddetto servizio è stato quello di contenere il processo di emarginazione e favorire la permanenza dei soggetti non udenti nel contesto socio-ambientale di appartenenza. Si è proceduto alla liquidazione e al pagamento delle spese sostenute per l espletamento del servizio di trasporto e del servizio di assistenza igienico personale a favore di alunni disabili inseriti negli istituti superiori del territorio provinciale per l anno scolastico 2007/08. Dal mese di marzo il Settore ha promosso incontri con le Cooperative sociali accreditate al fine di consentire la partecipazione degli alunni ai viaggi d istruzione programmati dagli istituti scolastici. E stata richiesta altresì la documentazione per predisporre i servizi per l anno scolastico 2008/09. Nel quadro delle attività avviate a scopo sociale sono stati concessi ausili finanziari per la realizzazione di alcune manifestazioni e iniziative miranti al miglioramento delle condizioni di emarginazione sociale ed economica, privilegiando gli anziani, i disabili e ogni fascia di età con problematiche sociali. Occorre menzionare il progetto Call Center per il centro d ascolto per anziani soli del territorio provinciale. Sono stati attuati interventi per la realizzazione di attività culturali e ricreative, in particolare: - Attività ricreative a favore dei minori in condizioni di emarginazione, con il coinvolgimento delle parrocchie e comunità religiose che hanno promosso l esperienza del GREST Manifestazione per la visita del reliquario contenente le lacrime della Madonna di Siracusa presso la Parrocchia Maria SS. del Rosario Pedalino; - Contributo per la realizzazione di un opuscolo guida della città di Modica; - Spettacolo teatrale promosso da ANCESCAO (Centro di accoglienza e amicizia); - Progetto di attività socio ricreative destinate agli anziani ospiti della casa di riposo Maria SS. di Monserrato promosso dall Istituto Sacro Cuore di Comiso; - Si rileva l iniziativa promossa dall Assessorato Politiche Sociali e Famiglia con la divulgazione di una locandina quale strumento di una campagna informativa per segnalare agli anziani difficoltà, eventuali emergenze e soluzioni. - Convegno Come allevare bambini felici promosso dall Associazione Idee di Ragusa; - Progetto Attività di educazione alimentare promosso dalle Società Coop. Petit Club di Ragusa; - Progetto Insieme a Scuola promosso dalla Coop. Auxilia di Ragusa, finalizzata alla ricerca di strumenti didattici adeguati alla crescita dei ragazzi; - Pubblicazione giornalino Vivacemente 2 promosso dall Associazione Formamente al fine di informare i genitori e educare i bambini ad impegnare il tempo in modo educativo, creativo e divertente; - Progetto Animatori in corsia promosso da Heresium di Ragusa finalizzato alla creazione di un ambiente ospedaliero a misura di bambino; - Evento Il Barocco accoglie la Danza-terapia promosso dall associazione Luna di Ragusa con l obiettivo di promuovere l integrazione della persona sul piano fisico, emotivo, psichico e relazionale. 14

15 - Eventi promossi dall AVIS per sensibilizzare ed educare i giovani alla cultura della donazione del sangue. - Manifestazione Quando lo sport va oltre proposta dalla parrocchia S.Giuseppe di Ispica per promuovere lo spirito di solidarietà tra i giovani. - Il progetto Riti Pasquali, promosso dalla parrocchia S. Maria di Portosalvo, si inserisce tra gli interventi di promozione di iniziative per il recupero ed il rilancio del patrimonio linguistico e delle tradizioni popolari della Provincia. Le iniziative legate ai riti della Settimana Santa esprimono la corale devozione delle Comunità, testimonianza di fede e memoria, e pertanto il progetto offre l opportunità di tramandare i riti e le usanze, al fine di custodire il patrimonio culturale e delle tradizioni popolari e religiose che ancora sopravvivono. - Manifestazione calcistica Un pallone per amico promossa dalla Questura di Ragusa al fine di raccogliere fondi da destinare all A.N.F.F.A.S. di Ragusa e all UNICEF; - Marcialonga promossa da AGESCI di Modica; - Nell ambito del programma Dafne III è stato presentato alla Comunità Europea il progetto La legalità nella relazione: un percorso integrato interistituzionale di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, finalizzato alla prevenzione delle violenze sui bambini e sulle donne. - Convegno in occasione del trentennale Avo a sostegno della cultura della solidarietà; - Contributo all AIAD (Ass. Diabetici) per Prima Passeggiata della Salute ; - Coprogettualità a favore dei minori extra comunitari in occasione del carnevale presso le Parrocchie e gli oratori salesiani in collaborazione con l Ass. Mariele Ventre; - Progetto di integrazione a sostegno dei minori diversamente abili attraverso momenti socio-ricreativi proposte dall Assoc. Alba-Chiara. - Marcialonga Avis al fine di incentivare e promuovere la cultura della Donazione e solidarietà. - Manifestazione Un Giorno insieme in 4x4 per regalare momenti di gioia e di svago ai bambini disabili; - Momenti ricreativi in occasione del carnevale e delle festività pasquali a favore degli anziani soli o presso strutture di accoglienza realizzate nei tre distretti. Tra gli interventi mirati alla promozione delle nuove generazioni, questo Ente ha inteso sostenere tutte le iniziative capaci di coinvolgere gli adolescenti, in modo particolare quelli a rischio, facendoli diventare protagonisti della vita personale e sociale attraverso momenti e percorsi di aggregazione alternativi a quelli esistenti, tramite campagne di informazione e sensibilizzazione idonee alla prevenzione del disagio giovanile, nonché attraverso la sperimentazione di percorsi ed occasioni di crescita. Meritano attenzione la realizzazione del progetto Non bere la tua vita per strada e varie manifestazioni di sensibilizzazione sull abuso di alcool e l uso di sostanze stupefacenti per prevenire le stragi del sabato sera in collaborazione con l AUSL 7. 15

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

Articolo 4 Oggetto Sociale

Articolo 4 Oggetto Sociale Articolo 4 Oggetto Sociale La Cooperativa, con riferimento ai requisiti e agli interessi dei soci, ha per oggetto: 1. Istituire o gestire comunità alloggio, a carattere residenziale o semiresidenziale,

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE

LINEE PROGRAMMATICHE LINEE PROGRAMMATICHE SVILUPPO E LAVORO VALORIZZAZIONE AMBIENTE E TURISMO LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA SERVIZI SOCIALI E SANITARI ISTRUZIONE CULTURA E TEMPO LIBERO SERVIZI VARI SVILUPPO E LAVORO Agricoltura,

Dettagli

COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, AUSILI FINANZIARI, IN RELAZIONE ALLE INIZIATIVE SPORTIVE, TURISTICHE, CULTURALI E RICREATIVE DI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato SOMMARIO Presentazione Il progetto Il risultato PARTE I - Identità Le origini del nome La storia Ragusa patrimonio dell umanità Le persone Il territorio L amministrazione - Gli organi di governo - La struttura

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni)

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni) D.A. n. 0326 S/5 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali Dipartimento Reg.le della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani Settore Sviluppo Economico, Turismo, politiche agricole e cultura AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI RELATIVI AL SOSTEGNO DI INIZIATIVE/PROGETTI E MANIFESTAZIONI

Dettagli

CARTA DI QUALITÁ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÁ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 8 CARTA DI QUALITÁ DELL OFFERTA FORMATIVA REV. 00 INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO... 2 1.1 Politica della qualita... 2 1.2 Mission, obiettivi ed impegni... 2 1.3 Obiettivi ed impegni... 2 1.4

Dettagli

SEZIONE V Area disabili

SEZIONE V Area disabili SEZIONE V Area disabili 5.1 indicatori della domanda sociale Tab. 5.1 Servizi e interventi richiesti (anno 2008) DISTRETTO Santa croce C. Monterosso A. Chiaramonte G. Ragusa Aiuto Domestico disabili gravi

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO L Istituto Comprensivo Statale Tommaso Grossi realizza, sin dall anno scolastico 1990/1991, interventi specifici tesi all alfabetizzazione e all integrazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo Telefono 0932.675555-338.8831758 Fax 0932.675555 E-mail Nazionalità rosario.sortino@provincia.ragusa.it ITALIANA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Istituto Figlie della Misericordia e della Croce L'Istituto delle Figlie della Misericordia

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

PROGETTO: Con-TE-Sto

PROGETTO: Con-TE-Sto ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: Con-TE-Sto TITOLO DEL PROGETTO: Con-TE-Sto SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione culturale Area d'intervento: Centri di aggregazione

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

Piano della performance

Piano della performance CITTA DI ALTAMURA Piano della performance Valutazione della performance dell ente locale Ente : COMUNE DI ALTAMURA PRESENTAZIONE DELL ENTE INQUADRAMENTO TERRITORIALE Dove: Provincia: Zona: Regione Puglia

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO TECNICO STATALE Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Astolfo Lunardi Via Riccobelli, 47-25123 Brescia - Tel. 0302009508 - Fax: 030390996 E-mail info@lunardi.bs.it - URL http://www.lunardi.bs.it

Dettagli

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FATTI NON FOSTE 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il progetto nasce da un accordo di partnerariato

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Il conto consuntivo per l esercizio finanziario 2014 predisposto dal Direttore dei servizi generali e Amministrativi in data 21.02.2015

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto

SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto ENTE PROPONENTE A.V.I.S. Fidenza TITOLO DEL PROGETTO Donatori senza confini SEDE/I DI ATTUAZIONE E NUMERO DEI VOLONTARI RICHIESTI PER SEDE Sede

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 119 DEL 18.10.1991) I N D I C

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Uno spazio per tutti

Uno spazio per tutti Comune di Calangianus Assessorato ai servizi sociali Uno spazio per tutti -INTRODUZIONE -IL PROGETTO -ATTUAZIONE -RISORSE UMANE E PARTNER COINVOLTI INTRODUZIONE Il Centro di Aggregazione Sociale (in seguito

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010 ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010 L Istituzione è la struttura di principale e dedicato riferimento

Dettagli

CONSORZIO B.I.M. ADIGE. Approvato dall Assemblea Generale con delibera n. 15 dd. 20.12.2013 e modificato con delibera n. 7 dd. 07.07.2014.

CONSORZIO B.I.M. ADIGE. Approvato dall Assemblea Generale con delibera n. 15 dd. 20.12.2013 e modificato con delibera n. 7 dd. 07.07.2014. CONSORZIO B.I.M. ADIGE Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI E FONDAZIONI, CON FINALITA SOCIALMENTE UTILI E SENZA SCOPO

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Sede, dominio internet, marchio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CARATTERISTICHE IDENTITARIE DELL ECOMUSEO, MISSIONE, SCOPI E FINAILITA Art. 3 Caratteristiche identitarie

Dettagli

Città di Racconigi. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali

Città di Racconigi. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali Città di Racconigi Al Dottor Paolo FLESIA CAPORGNO Segretario Comunale In Sede Prot. n. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali In riferimento al Piano integrato

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: COMUNE DI CARBONE (PZ) Titolo del progetto: SEMPRE MENO SOLI 6) Descrizione del contesto territoriale

Dettagli

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi Bilancio di missione 2013 Cooperativa Sociale G. Fanin sintesi Bilancio 2013 Missione La Cooperativa Sociale G. Fanin opera senza finalità di lucro per la promozione della persona e della famiglia nella

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marco Cantori Indirizzo Cento (FE) Telefono Fax - E-mail cantorimarco@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita 04 settembre 1976

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

CORSO TECNICO QUALIFICATO DI SIENA E PROVINCIA

CORSO TECNICO QUALIFICATO DI SIENA E PROVINCIA CORSO TECNICO QUALIFICATO DI SIENA E PROVINCIA In attuazione del piano di intervento della FORMAZIONE PROFESSIONALE per l anno 2014-2015 la Provincia di Siena, con Disposizione Dirigenziale n. 891.del

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Caltabiano Maria Francesca Numero civico, strada o piazza, codice postale, città, paese 34, Contrà

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI ART. 1 1. Con il presente Regolamento il Comune di Peio nell esercizio dei suoi poteri

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE

Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE Urbanistica Piano Strutturale Varianti. Edilizia privata- Edilizia Sociale Lavori pubblici Progettazione, Direzione Lavori Espropriazioni

Dettagli

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 CANDIDATO SINDACO Patrizia Sbardolini CANDIDATI CONSIGLIERI Luca Felappi Raffaella Zanardini Serafino Frassi Luisa Manella Davide Morgera Alessandra Frassi

Dettagli

104507 utenze, servizi ausiliari, spese di pulizia 104511 spese per acquisto di beni di consumo per il funzionamento degli uffici 104513 manutenzioni

104507 utenze, servizi ausiliari, spese di pulizia 104511 spese per acquisto di beni di consumo per il funzionamento degli uffici 104513 manutenzioni D.A. N.90 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE L ASSESSORE VISTO lo Statuto della Regione Siciliana. VISTI i RR.DD. del 18/11/23, n.2440 e del 23/05/1924, n. 827. VISTA

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53) I principi innovatori della legge per la definizione delle norme generali dell istruzione e

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA E FONDAZIONE ISMU FONDAZIONE PER LE INIZIATIVE E LO STUDIO SULLA

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

Art. 1 Settori di intervento

Art. 1 Settori di intervento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1953/1173 del 5.7.1991 di revoca della deliberazione 574

Dettagli

Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI. Comune Capofila: COMUNE DI AGUGLIANO

Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI. Comune Capofila: COMUNE DI AGUGLIANO ALLEGATO B ESTRATTO DEL PROGETTO ESECUTIVO Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI Comune Capofila: COMUNE DI AGUGLIANO 1. DATI PROGETTO Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI Comune capofila: (AGUGLIANO

Dettagli

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili Comuni coinvolti: Casteldaccia (sede del Centro) Altavilla Milicia Ficarazzi Destinatari:Le attività del centro sono rese nei confronti di

Dettagli

Antonio Terribile. polizia.provinciale@provincia.ragusa.it

Antonio Terribile. polizia.provinciale@provincia.ragusa.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Antonio Terribile Telefono Ufficio 0932 675746 336 283596 Fax Ufficio 0932 667858 E-mail istituzionale Qualifica ed incarico attuale polizia.provinciale@provincia.ragusa.it

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GOFFREDO PARISE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado Sede associata CPIA (VI) - Centro Provinciale Istruzione Adulti Via IV Martiri, 71-36071 ARZIGNANO (VI)

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 185 186 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

A.F.A.E. PROGETTO. per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi

A.F.A.E. PROGETTO. per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi A.F.A.E. Associazione Famiglie degli Audiolesi Etnei PROGETTO per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi 1. Premessa Il presente progetto per la gestione

Dettagli

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 Staff della - Servizio ALL. A PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 tra REGIONE LIGURIA rappresentata dall Assessore alle Pari Opportunità

Dettagli

SERVIZIO DESCRIZIONE CONDIZIONI

SERVIZIO DESCRIZIONE CONDIZIONI 5.1 Visite SERVIZIO DESCRIZIONE CONDIZIONI visita possibilità di accesso a: Piano Nobile Stanze del cardinale Museo del Barocco Romano Museo dell Arte Contemporanea Parco Chigi Mostra temporanea accesso:

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI, SEGUITO MODIFICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI, SEGUITO MODIFICHE CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI, SEGUITO MODIFICHE 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

Centro di Solidarietà della Compagnia delle Opere

Centro di Solidarietà della Compagnia delle Opere Centro di Solidarietà della Compagnia delle Opere Via Brunetta 11 10139 - Torino tel 011 3827090 fax 011 3833839 cds.to@ipsnet.it Pagina 1 di 9 MISSION L Associazione si propone di promuovere strumenti

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H -

Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H - AREA DISABILI CODICE - H - COD AZIONE PAG. H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 175 H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI 180 H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO 184

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli