COMUNE DI FORLÌ RENDICONTO ANNO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FORLÌ RENDICONTO ANNO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 COMUNE DI FORLÌ RENDICONTO ANNO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

2 COMUNE DI FORLÌ RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEI DATI DEL BILANCIO A norma dell art. 151, comma 6, del D. Lgs. n. 267/2000 (Delib. G.C. n 72 del 28/03/2011)

3 Premessa Il rendiconto della gestione costituisce il momento finale di un processo di programmazione e controllo che trova la sintesi conclusiva proprio in questo documento contabile. Se, infatti, il bilancio di previsione rappresenta la fase iniziale della programmazione gestionale nella quale l amministrazione individua le linee strategiche e tattiche della propria azione di governo, che si traduce nella individuazione di obiettivi e programmi, il rendiconto della gestione esprime quella successiva, di verifica dei risultati conseguiti, al fine di giudicare l operato della Giunta e dei dirigenti nel corso dell esercizio. Nello stesso tempo il confronto tra il dato preventivo e quello consuntivo riveste un importanza fondamentale nello sviluppo della programmazione dell anno che segue, costituendo un momento virtuoso per l affidamento di tecniche e scelte da effettuare. E facile intuire, dunque, che i documenti che evidenziano tali dati devono essere attentamente analizzati al fine di trovare motivazioni e giustificazioni agli scostamenti riscontrati cercando di minimizzarne i valori nel corso dell anno successivo. Le considerazioni precedentemente esposte trovano un riscontro legislativo nelle varie norme che nel corso degli anni sono state promulgate e che evidenziano un progressivo e costante processo di affinamento delle stesse al fine di giungere ad un attività di programmazione quanto più puntuale ed attendibile possibile. La relazione al rendiconto della gestione si propone, pertanto, di valutare l attività svolta nel corso dell anno cercando di dare un adeguata spiegazione ai risultati ottenuti, mettendo in evidenza le variazioni intervenute rispetto ai dati di previsione e fornendo una possibile spiegazione agli eventi considerati. L analisi non si può limitare al solo dato finanziario, ma, al contrario, deve estendersi anche a quello patrimoniale ed economico che, rappresenta la frontiera su cui gli enti dovranno confrontarsi per poter verificare la reale efficacia ed efficienza della propria azione. 1

4 Partendo da queste premesse la presente relazione si svilupperà in tre parti nelle quali verranno presi in considerazione i principali aspetti della gestione ed in particolare: a) L ASPETTO FINANZIARIO: nel quale si analizzerà l avanzo di amministrazione quale sintesi di due differenti gestioni: quella di competenza e quella dei residui; b) L ASPETTO PATRIMONIALE: dove verrà data dimostrazione dell incremento o del decremento del Patrimonio Netto dell ente a seguito dell attività svolta nell esercizio; c) L ASPETTO ECONOMICO: in cui si evidenzieranno i risultati in un ottica di competenza economica attraverso la presentazione e scomposizione delle varie componenti del risultato economico. E opportuno sottolineare che i tre aspetti sono tra loro correlati generando un sistema contabile completo che trova nel prospetto di conciliazione da un lato, e nell uguaglianza tra il risultato economico dell esercizio e la variazione della consistenza del patrimonio netto, dall altro, le due principali verifiche. Per quanto riguarda, infine, le risultanze del Conto 2010, si evidenzia che lo stesso è stato reso dal Tesoriere Comunale Unicredit Banca S.p.A., entro il termine previsto dal decreto legge 7 ottobre 2008, n.154, coordinato con la legge di conversione 4 dicembre 2008, n.189. Successivamente, la documentazione è stata sottoposta all esame del Collegio dei Revisori, nominati dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 191 del 22 dicembre 2008 per il triennio

5 1 LA GESTIONE FINANZIARIA 1.1 Il risultato della gestione Il conto del Bilancio quale sintesi contabile dell intera attività finanziaria dell ente si chiude con il risultato complessivo rappresentato dall avanzo o dal disavanzo d amministrazione. In linea generale si può affermare che un risultato positivo della gestione (avanzo di amministrazione) costituisce un indice positivo ed evidenzia, al termine dell esercizio, la capacità dell ente di coprire le spese correnti e d investimento con un adeguato flusso di entrate. Al contrario, un risultato negativo (disavanzo di amministrazione) dimostra una scarsa capacità di previsione nell andamento delle entrate che inevitabilmente conduce, al termine dell esercizio, ad un valore complessivo delle spese, che non trova integralmente copertura da parte delle entrate. D altra parte se in una visione molto sintetica potrebbe apparire sufficiente conseguire adeguati livelli di avanzo finanziario, in realtà non sempre un risultato complessivo positivo è indice segnaletico di buona amministrazione come, allo stesso modo, non sempre un risultato negativo misura un incapacità gestionale da parte della Giunta. Rifacendoci a quanto fissato dal legislatore per l individuazione delle condizioni di deficitarietà ai sensi dell art. 45 del D.Lgs. 504/1992, potremmo dire che sia nel caso di avanzo che in quello di disavanzo di amministrazione, valori particolarmente elevati e comunque superiori al 5% delle entrate correnti misurano stati patologici se non trovano un adeguata giustificazione in alcuni eventi eccezionali verificatisi nel corso della gestione. I risultati finanziari del nostro ente sono riportati nella tabella al termine del paragrafo. Questa propone, al pari dello schema Quadro riassuntivo della gestione finanziaria previsto dal D.P.R. 194/96, una scomposizione del risultato complessivo, analizzando separatamente il risultato della gestione di competenza da quello della gestione dei residui. In tal modo la somma algebrica dei due dati permette di ottenere il valore complessivo ma, nello stesso tempo, l analisi disaggregata degli stessi fornisce maggiori informazioni a quanti a vario titolo si avvicinano ad una lettura più approfondita del conto consuntivo dell ente locale. In particolare il dato finale può risultare da differenti combinazioni delle due gestioni: in altre parole, l avanzo può derivare sia quale somma di due risultati parziali positivi, sia di un avanzo di una delle due gestioni in grado di compensare valori negativi dell altra. Nel nostro caso il risultato conseguito è rappresentato nel grafico sottostante. 3

6 GESTIONE RESIDUI COMPETENZA TOTALE FONDO DI CASSA AL 1 GENNAIO , ,50 RISCOSSIONI , , ,87 PAGAMENTI , , ,61 FONDO DI CASSA AL 31 DICEMBRE , , ,76 RESIDUI ATTIVI , , ,37 RESIDUI PASSIVI , , ,89 AVANZO (+) DISAVANZO (-) , , ,24 Risultato finanziario della gestione Risultato gestione di competenza Risultato gestione dei residui Valore finale , , ,24 Risultato finanziario della gestione , , , ,00 Risultato gestione di competenza Risultato gestione dei residui Valore finale , ,00 0, , , , La gestione di competenza Con il termine gestione di competenza si è soliti far riferimento a quella parte della gestione complessiva che prende in considerazione solo le operazioni finanziarie (accertamenti e impegni) relative all esercizio considerato senza, cioè, considerare quelle inerenti gli anni precedenti. In particolare essa rileva il persistere, anche a conclusione dell anno considerato, del principio di pareggio finanziario che deve essere conseguito non solo nel momento della programmazione (approvazione del bilancio) ma, anche, durante l intero anno. Non a caso l art. 193 del D. Lgs. 267/2000 impone il rispetto durante la gestione e nelle variazioni di bilancio del pareggio finanziario e di tutti gli equilibri stabiliti in bilancio per la copertura delle spese correnti e per il finanziamento degli investimenti, secondo le norme contabili previste nel decreto legislativo. 4

7 Con delibera consiliare n.122 del 27 settembre 2010, l Amministrazione Comunale ha verificato il permanere, nel corso dell esercizio, degli equilibri di bilancio relativamente all esercizio Al termine dell esercizio, pertanto, un attenta gestione dovrebbe dar luogo ad un risultato di pareggio o positivo in grado di dimostrare la capacità dell ente di conseguire un adeguato flusso di risorse (accertamento di entrate) tale da assicurare la copertura finanziaria degli impegni di spesa assunti. In generale potremmo dire che un risultato della gestione di competenza positivo (avanzo) evidenzia un equilibrata e corretta gestione mentre un valore negativo trova generalmente la sua giustificazione nel verificarsi di eventi imprevedibili. Bisogna però aggiungere che il dato risultante da questa analisi deve essere considerato congiuntamente all avanzo applicato che può compensare eventuali apparenti scompensi tra entrate accertate e spese impegnate. Nel nostro caso ci troviamo di fronte ad una situazione quale quella riportata nella tabella che segue: GESTIONE COMPETENZA RISCOSSIONI ,16 PAGAMENTI ,24 Differenza ,92 RESIDUI ATTIVI ,17 RESIDUI PASSIVI ,95 AVANZO(+) DISAVANZO (-) ,86 Risultato finanziario della gestione: competenza Nella fattispecie, se si considera il valore del disavanzo in rapporto alla dimensione complessivamente movimentata nel bilancio, emerge in tutta evidenza il sostanziale equilibrio della gestione di competenza La scomposizione della gestione di competenza Il valore segnaletico del risultato della gestione di competenza assume, però, un maggiore significato se lo stesso viene disaggregato ed analizzato prendendo in considerazione una classificazione ormai fatta propria dalla dottrina e dal legislatore. Il risultato complessivo della gestione di competenza può essere considerato quale sommatoria delle seguenti principali componenti e precisamente: a) la gestione corrente; b) la gestione degli investimenti; c) il bilancio dei servizi per conto di terzi. 5

8 La gestione corrente trova una sua implicita definizione nell art. 162 comma 6 del D.Lgs. 267/2000 che così recita:.. le previsioni di competenza relative alle spese correnti sommate alle previsioni di competenza relative alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui e dei prestiti obbligazionari non possono essere complessivamente superiori alle previsioni di competenza dei primi tre titoli dell entrata e non possono avere altra forma di finanziamento, salvo le eccezioni previste per legge... In generale potremmo dire che essa misura la quantità di entrate destinate all ordinaria gestione dell ente. La gestione degli investimenti, invece, è costituita da quelle voci di entrata e di spesa direttamente rivolte alla realizzazione ed acquisizione di beni che trovano un loro utilizzo o che producono i loro effetti per più esercizi nell ente. Il bilancio dei servizi in conto terzi, infine, comprende tutte quelle operazioni poste in essere dall ente in nome e per conto di altri soggetti. Poiché la gestione corrente potrà essere predisposta solo in una situazione di avanzo o di pareggio, la gestione degli investimenti, in fase di previsione, potrà prevedere anche una differenza negativa tra entrate e spese bilanciata dall avanzo di parte corrente. Al termine dell esercizio, invece, i risultati ottenuti dovranno essere valutati considerando anche l avanzo applicato che, si ricorda, non viene accertato. Solo in questo modo si avrà un quadro complessivo completo e si potranno trarre delle conclusioni sui risultati finanziari raggiunti. Nella tabella sottostante sono riportati i risultati di ciascuna componente sopra descritta. Il grafico poi, facilita la comprensione degli effetti che ciascuna di esse produce sul valore complessivo. Equilibri di competenza Accertamenti in conto competenza Impegni in conto competenza Differenza I) Gestione corrente , , ,89 II) Gestione investimenti , , ,97 III) Servizi c/terzi , ,41 0,00 TOTALI , , , , , , , , , ,00 Accertamenti in conto competenza Impegni in conto competenza , ,00 0,00 I) Gestione corrente III) Servizi c/terzi 6

9 1.2.2 Analisi degli scostamenti L analisi fin qui condotta è stata orientata a scomporre il risultato della gestione nelle varie componenti cercando di analizzarne le principali caratteristiche. Nel presente paragrafo, invece, si intendono fornire delle spiegazioni sugli scostamenti tra i dati di previsione e quelli definitivi ottenuti ex-post al termine della gestione. Altrettanto interessante è l analisi delle variazioni tra previsioni definitive e le somme accertate o impegnate. Nelle tabelle sottostanti sono riportati prima per l entrata e, poi, per la spesa gli importi relativi a ciascun componente del bilancio così come risultante all inizio dell esercizio (in sede di predisposizione del bilancio) e, quindi, al termine dello stesso (a seguito delle variazioni intervenute). Entrate Gestione di competenza: entrate Entrata previsioni iniziali Entrata previsioni finali Entrata accertamenti I) Gestione corrente , , ,41 II) Gestione investimenti , , ,51 III) Servizi c/terzi , , ,41 TOTALI , , , , , ,00 Entrata previsioni iniziali Entrata previsioni finali Entrata accertamenti , ,00 0,00 I) Gestione corrente II) Gestione investimenti III) Servizi c/terzi TOTALI 7

10 Spese Gestione di competenza: spese Spesa previsioni iniziali Spesa previsioni finali Spesa impegni I) Gestione corrente , , ,30 II) Gestione investimenti , , ,48 III) Servizi c/terzi , , ,41 TOTALI , , , , , ,00 Spesa previsioni iniziali Spesa previsioni finali Spesa impegni , ,00 0,00 I) Gestione corrente II) Gestione investimenti III) Servizi c/terzi TOTALI 8

11 1.2.3 Parte 1ª - Entrata TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE DESCRIZIONE SOMME VARIAZIONI previste accertate + o - Imposte , , ,08 Tasse , , ,64 Tributi speciali , , ,09 TOTALE , , ,63 La somma accertata nel 2010 è di ,14 mentre nel 2009 è stata di ,08 con una variazione dello 0,001%. L' esame delle singole voci porta alle seguenti considerazioni: CATEGORIA IMPOSTE - CAP IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÁ ,36 Previsione ,00 Accertamento ,64 Scostamento ,36 % di realizzo: 90,13 % La riduzione di gettito può essere imputata agli effetti della crisi economica generale. CAP IMPOSTA COMUNALE PER L'ESERCIZIO DI + 40,24 IMPRESE, DI ARTI E PROFESSIONI (I.C.I.A.P.) Previsione 1.100,00 Accertamento 1.140,24 Scostamento + 40,24 % di realizzo: 103,65 % Si tratta della gestione residuale dell imposta soppressa nel CAP IMPOSTA COMUNALE IMMOBILIARE I.C.I ,42 Previsione ,00 Accertamento ,58 Scostamento ,42 % di realizzo: 99,20 % La variazione del gettito rispetto alla previsione è motivata da una dinamica immobiliare rivelatasi inferiore alle aspettative. La variazione di gettito rispetto alle previsioni deriva principalmente dal minore apporto delle aree edificabili, in quanto il territorio è sempre di più urbanizzato. La riduzione viene compensata solo parzialmente dall'imposta sugli edifici, a seguito anche dell'esclusione dalla imposta delle abitazioni principali. 9

12 E comunque continuata nel 2010 l attività di verifica dell'evasione, portando ad un risultato superiore alle aspettative. CAP ADDIZIONALE DIRITTI D IMBARCO ,83 Previsione ,00 Accertamento ,17 Scostamento ,83 % di realizzo 48,90 % CAP ADDIZIONALE IRPEF ,00 Previsione ,00 Accertamento ,00 Scostamento ,00 % di realizzo 105,48 % L accertamento è stato definito sulla base di comunicazioni ministeriali riferite agli anni di imposta precedenti che evidenziano un trend in aumento della base imponibile. CAP IMPOSTA SULL INCREMENTO DEL VALORE DEGLI IMMOBILI (I.N.V.I.M) +204,90 Previsione 1.000,00 Accertamento 1.204,90 Scostamento +204,90 % di realizzo: 120,49 % Si tratta della gestione residuale dell imposta soppressa nel CAP IMPOSTA SUL CONSUMO ENERGIA ELETTRICA ,55 (ADDIZIONALE) Previsione ,00 Accertamento ,55 Scostamento ,55 % di realizzo: 102,63 % Tale valore dipende dalle comunicazioni ufficiali che vengono trasmesse dall ENEL e dagli altri gestori del servizio elettrico nel corso dell esercizio finanziario. CAP COMPARTECIPAZIONE IRPEF 0 Previsione ,51 Accertamento ,51 Scostamento 0 % di realizzo: 100,00 % CAP AG.ENTRATE PART. EVASIONE ,00 Previsione ,00 Accertamento 0 10

13 Scostamento ,00 % di realizzo: 0,00 % A) TOTALE MAGGIORI ENTRATE CATEG IMPOSTE ,08 CATEGORIA TASSE - CAP SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI - 451,76 Previsione 3.000,00 Accertamento 2.548,24 Scostamento -451,76 % di realizzo: 84,94 % Si tratta della gestione residuale della tassa, dal 2000 è stato adottato il regime TIA. CAP TASSA PER L'AMMISSIONE A CONCORSI PER POSTI DI RUOLO ,40 Previsione 7.000,00 Accertamento 9.692,40 Scostamento ,40 % di realizzo: 138,46 % B) TOTALE MAGGIORI ENTRATE CATEGORIA TASSE ,64 CATEGORIA TRIBUTI SPECIALI ED ALTRE ENTRATE TRIBUTARIE PROPRIE - CAP DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ,09 Previsione ,00 Accertamento ,91 Scostamento ,09 % di realizzo: 89,05 % La riduzione di gettito può essere imputata agli effetti della crisi economica generale. C) TOTALE MINORI ENTRATE CATEGORIA 1-03 TRIBUTI SPECIALI ,09 TOTALE MAGGIORI ENTRATE TITOLO I (A+B+C) ,63 Delle entrate accertate al Titolo I, in complessivi ,14 Sono stati riscossi ,06 pari a: 81,40 % Rimangono da riscuotere ,08 pari a: 18,60 % 11

14 TITOLO II ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO DESCRIZIONE PREVISIONE ASSESTATA IMPORTI ACCERTAMENTI VARIAZIONI + o - Contributi e trasferimenti dello Stato , , ,99 Contributi e trasferimenti della Regione , , ,48 Contributi e trasferimenti dalla Regione per funzioni delegate 0,00 0,00 0,00 Contributi e trasferimenti da parte di organismi internazionali , ,99-281,01 Trasferimenti di altri enti pubblici , , ,92 TOTALE , , ,58 % di realizzo: 101,08 % Delle entrate accertate al Titolo II, in complessivi ,97 Sono state riscossi ,25 pari a: 92,96 % Rimangono da riscuotere ,72 pari a: 7,04 % 12

15 TITOLO III ENTRATE EXTRA TRIBUTARIE Nel Titolo in esame su una previsione assestata complessiva di ,56 é stato accertato un gettito di ,30 con una minore entrata pari a ,26, percentuale di realizzo: 93,12 %. DESCRIZIONE Tale risultanza e' stata così determinata: IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Proventi dei servizi , , ,11 pubblici Proventi dei beni dell ente , , ,17 Interessi su anticipazioni e , , ,55 crediti Utili netti aziende speciali , ,38 221,28 e partecipate Proventi Diversi , , ,81 TOTALE , , ,26 CATEGORIA PROVENTI DEI SERVIZI PUBBLICI Previsione ,37 Accertamento , Minore entrata ,11 % di realizzo: 99,96 % Si precisa che nella categoria in esame, oltre ai diritti vari (Stato Civile, Segreteria, rilascio carte d'identità, cimiteriali, ecc.), sono comprese le voci fondamentali costituite dalle entrate provenienti da quei servizi a domanda individuale resi dal Comune e indicati nel Decreto del Ministero dell'interno , (G.U , n. 16). Ai sensi dell'art. 242 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e come da decreto 8 marzo 2010 che approva i certificati per il triennio , i soli Enti in situazioni strutturalmente deficitarie hanno l'obbligo di assicurare che i costi complessivi di gestione dei servizi pubblici a domanda individuale, del servizio acquedotto e smaltimento rifiuti solidi urbani per l'anno 2010 siano coperti secondo la percentuale di legge. In ogni caso si ritiene opportuno riassumere i risultati della 13

16 gestione dei servizi a domanda individuale come dal riepilogo di seguito riportato. Per questo Comune tali servizi sono i seguenti: CONSUNTIVO 2010 RIEPILOGO SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE N. DENOMINAZIONE SERVIZIO ENTRATA SPESA 2 ASILI NIDO , ,16 8 MENSE SCOLASTICHE , ,14 9 MERCATI E FIERE ATTREZZ , ,16 10 PARCHEGGI E PARCHIMETRI ,22 0,00 13 TEATRI , ,71 14 MUSEI, PINCAOT., MOSTRE , ,05 16 ILLUMINAZ. VOTIVA CIMIT ,09 0,00 20 STAMPA PUBBLICAZIONI , ,80 24 SERVIZI PRE E POST SCUOLA , ,81 30 CONCESS. SALE COMUNALI 8.665,12 0,00 31 GEST. IMPIANTI SPORTIVI , ,03 TOTALI , ,86 Per i servizi sopra elencati il rapporto spese entrate, desunto così come previsto dall'art. 6 del D.L , n. 55, risulta pari al 69,86 % determinato: TOTALE ENTRATE , = 69,86 % TOTALE SPESE ,86 14

17 PREVISIONE 2010 RIEPILOGO SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE N. DENOMINAZIONE SERVIZIO ENTRATA SPESA 2 ASILI NIDO , ,62 8 MENSE SCOLASTICHE , ,69 9 MERCATI E FIERE ATTREZZ , ,74 10 PARCHEGGI E PARCHIMETRI ,00 0,00 13 TEATRI , ,04 14 MUSEI, PINCAOT., MOSTRE , ,30 16 ILLUMINAZ. VOTIVA CIMIT ,00 0,00 20 STAMPA PUBBLICAZIONI , ,00 24 SERVIZI PRE E POST SCUOLA , ,00 30 CONCESS. SALE COMUNALI 4.000,00 0,00 31 GEST. IMPIANTI SPORTIVI , ,63 TOTALI , ,02 DISAVANZO PREVISTO ,97 % DI COPERTURA 71,69% PERCENTUALI DI COPERTURA DEI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE CONSUNTIVO ,99 62,02 73,31 69,86 15

18 CATEGORIA 02 - PROVENTI DEI BENI COMUNALI Previsione ,19 Accertamento , Minore entrata ,17 % di realizzo: 95,99 % =============== ======= In relazione ai proventi dei parcheggi a pagamento, così come previsto dal D.Lgs. 30/04/1992, n.285, art. 7, comma 7, le entrate di cui trattasi sono state destinate alla copertura delle spese relative all ammortamento dei finanziamenti acquisiti per la realizzazione dei parcheggi ( ,63) e per l acquisto di autobus ( ,17). CATEGORIA 03 - INTERESSI SU ANTICIPAZIONI E CREDITI Previsione ,94 Accertamento , Maggiore entrata ,55 % di realizzo: 114,24 % =============== ======= Il maggiore introito è determinato principalmente dalla rendita derivante dalla gestione della liquidità extra tesoreria unica. CATEGORIA 04 - UTILI NETTI DELLE AZIENDE SPECIALI E PARTECIPATE, DIVIDENDI DI SOCIETA Previsione ,10 Accertamento , Maggiore entrata +221,28 % di realizzo: 100,01 % =============== ====== La distribuzione di utili dipende dalle scelte aziendali nell'ambito delle risultanze dei rispettivi bilanci, così come specificato in premessa. CATEGORIA 05 - PROVENTI DIVERSI Previsione ,96 Accertamento , Minore entrata ,81 % di realizzo: 82,69 % =============== ====== Delle somme accertate nel Titolo III in complessivi ,30 Sono stati riscossi ,77 % di realizzo: 60,90 % Rimangono da riscuotere ,53 % di realizzo: 39,10 % 16

19 TITOLO IV ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALI E DA RISCOSSIONI DI CREDITI DESCRIZIONE IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Categoria , , ,97 Alienazione di beni patrimoniali Categoria , ,09-275,91 Trasferimenti di capitali dallo Stato Categoria , , ,00 Trasferimenti di capitale dalla Regione Categoria 4 0,00 0,00 0,00 Trasferimenti di capitale da altri Enti del Settore Pubblico Categoria , , ,27 Trasferimenti di capitali da altri soggetti Categoria , , ,15 Riscossione di crediti TOTALE , , ,30 Dalle somme accertate in complessivi ,43 Sono state incassati ,78 pari al 83,67% Rimangono da riscuotere ,65 pari al 16,33% Le somme che rimangono da riscuotere nel Titolo in esame riguardano principalmente: alienazione di beni patrimoniali e contributi Regionali e da altri soggetti. Naturalmente alla anzidetta minore entrata corrispondono analoghe economie a corrispondenti capitoli del Titolo II della spesa, per la mancata esecuzione delle opere che si sarebbero dovute finanziare con le entrate sopra citate. Nel Titolo in esame alla Categoria 5, al cap art. 9001, é prevista l'entrata relativa ai proventi derivanti dal rilascio di concessioni edilizie e delle sanzioni previste dalla disciplina urbanistica che, come noto, contribuisce a finanziare vari capitoli di spesa nel tit. II. Nell anno 2010 é stata accertata nel capitolo in esame l'entrata di ,18 impegnata in diversi capitoli della spesa. 17

20 La situazione dell'anzidetto fondo al è la seguente: - giacenza al ,10 - riscossione anno , SOMMA ,05 A detrarre: - pagamenti effettuati nell'anno , insussistenze 2010 residui passivi finanziati con oneri ,39 - insussistenze anni precedenti residui passivi finanziati con oneri , fondo disponibile al ,55 ================= Nella Categoria 6 (Riscossioni di crediti) è stata rilevata contabilmente la movimentazione finanziaria resasi necessaria per una gestione della liquidità extra tesoreria unica al fine di poter conseguire una maggiore redditività. Lo stanziamento iniziale, quindi, ed il relativo valore accertato a consuntivo (che a volte può presentare uno scostamento anche significativo) non sono direttamente riferibili all entità dell azione amministrativa svolta, ma solo esclusivamente allo svolgimento dei flussi finanziari, in relazione alle condizioni rilevate nei mercati finanziari, ora a valenza internazionale. 18

21 TITOLO V ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRESTITI DESCRIZIONE IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Assunzione di mutui e prestiti , , ,92 TOTALE , , ,92 In ordine all'analisi delle opere finanziate con i mutui assunti nel corso dell'esercizio 2010, si rinvia alla parte della presente relazione in cui viene esaminato il Titolo II - Spese in conto capitale. Si ritiene opportuno precisare che i finanziamenti previsti nel Titolo in esame, nonché le opere finanziate con gli anzidetti finanziamenti, sono previste nel bilancio pluriennale e nel piano programmatico preventivamente approvato dal Consiglio Comunale. 19

22 TITOLO VI ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO TERZI DESCRIZIONE IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Ritenute previdenziali e , , ,86 assistenziali al personale Ritenute erariali , , ,83 Altre ritenute , , ,93 Depositi cauzionali , , ,29 Rimborso spese per servizi , , ,68 per conto terzi Rimborso di anticipazioni di , , ,00 fondi per il servizio economato 0,00 0,00 0,00 Depositi per spese contrattuali TOTALE , , ,59 Complessivamente, le entrate accertate al Titolo VI ammontano ad ,41 di cui: Incassati ,05 pari al 96,50 % Da incassare ,36 pari al 3,50 % Le entrate accertate in questo Titolo trovano corrispondente riscontro al Titolo IV della Spesa. 20

23 1.2.4 Parte 2ª - Spesa TITOLO I SPESE CORRENTI Le spese correnti inscritte nel Conto del Bilancio 2010 ammontano a complessive ,42, mentre a consuntivo l importo impegnato si assesta in ,84 con un economia di ,58 pari al 5,92%. Per una migliore analisi delle spese previste ed impegnate nel Titolo in esame, si riporta il seguente prospetto: DESCRIZIONE 01 Funzioni generali di amm.ne, di gestione e di controllo 02 Funzioni relative alla giustizia 03 Funzioni di polizia locale 04 Funzioni di istruzione pubblica 05 Funzioni relative alla cultura e ai beni cult. 06 Funzioni nel settore sportivo e ricreativo 07 Funzioni nel campo turistico 08 Funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti 09 Funzioni riguardanti la gestione del territorio e ambiente 10 Funzioni nel settore sociale 11 Funzioni nel campo dello sviluppo economico 12 Funzioni relative ai servizi produttivi Totale Titolo I Spese correnti PREVISIONI ASSESTATE IMPEGNI DISPONIBILITA' AD IMPEGNARE , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,24 0, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,58 Nel Titolo in esame: Sono state pagati in competenza ,93 pari al 76,15 % Rimangono da pagare ,91 pari al 23,85 % 21

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

Articolo 227 Rendiconto della gestione

Articolo 227 Rendiconto della gestione TITOLO VI DLGS 267/200 RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE Articolo 227 Rendiconto della gestione 1. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2011 NOTA INTEGRATIVA

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2011 NOTA INTEGRATIVA COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2011 NOTA INTEGRATIVA Relazione al Rendiconto 2011 Comune di Parabiago 143 DAL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE AL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Dalle risultanze del Rendiconto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI COSTA MASNAGA Provincia di LECCO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

QUESTIONARIO PER I COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 5.000 ABITANTI

QUESTIONARIO PER I COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 5.000 ABITANTI QUESTIONARIO PER I COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 5.000 ABITANTI Relazione alla Sezione regionale di controllo della Corte dei conti (art. 1, commi 166 e ss. L.F. 2006) dell organo di revisione contabile

Dettagli

risultato economico della gestione 580.881,42 -202.240,16-607.341,82

risultato economico della gestione 580.881,42 -202.240,16-607.341,82 CONTO ECONOMICO ESERCIZIO 202 IL RISULTATO ECONOMICO DI GESTIONE Il risultato economico rappresenta il valore di sintesi dell'intera gestione economica dell'ente locale così come risultante dal conto economico.

Dettagli

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE TIT. I - ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 PARTE I - ENTRATA 22/06/2011 9:15 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 314.100,35 34.790,99

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2014 PROVINCIA DI CROTONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2014 Il Presidente Avv. Peppino Vallone Redatta ai sensi degli artt. 151, comma 6, e 227 comma 5 lett. a) del D. Lgs. 267/2000

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL Comune di Nembro Provincia di Bergamo RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2004 LA GIUNTA COMUNALE NEMBRO, APRILE 2005 PREMESSA Anche quest anno la Giunta Comunale, nel

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ANNO 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ANNO 2012 RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ANNO 2012 Comune di: COMUNE DI CREAZZO Pag. 1 SEZIONE 1 IDENTITÀ DELL ENTE LOCALE 1.1- IL PROFILO ISTITUZIONALE 1.2 - LO SCENARIO 1.2.1 TABELLE DI SUPPORTO DELLA DESCRIZIONE

Dettagli

Relazione al Rendiconto della Gestione 2010

Relazione al Rendiconto della Gestione 2010 Relazione al Rendiconto della Gestione 2010 ai sensi dell art. 151 del D. L.vo n. 267/2000 I N D I C E QUADRO DI SINTESI DELLA GESTIONE pag. 1 L andamento della gestione di competenza pag. 2 L andamento

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

RENDICONTO ESERCIZIO 2012 Relazione Comune della Spezia

RENDICONTO ESERCIZIO 2012 Relazione Comune della Spezia Turino Vanni (fine del XIV secolo) Santi Lorenzo, Gamaliele e Stefano Museo Civico "Amedeo Lia RENDICONTO ESERCIZIO 2012 Relazione Comune della Spezia 1 INDICE Il quadro legislativo Pag. 3 Il risultato

Dettagli

Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 2014

Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 2014 COMUNE DI ALEZIO Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 2014 Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 1 1.00 IL RISULTATO DELLA GESTIONE FINANZIARIA L esame del rendiconto oggetto della presente

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO BILANCIO DI PREVISIONE 2015 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DEL BILANCIO 2015 RELAZIONE TECNICA BILANCIO 2015 RELAZIONE TECNICA

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE Relazione Conto economico e stato patrimoniale Maggio 2014 1 Relazione economica 2014 Il D.Leg.vo n. 77/1995 ha introdotto

Dettagli

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. del Reg. data OGGETTO:SCHEMA DI RENDICONTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA 2013. RELAZIONE DELLA GIUNTACOMUNALE, AI SENSI DEGLI ARTT.151, COMMA 6, E 21 DEL

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE COMUNE DI VIGNOLA FALESINA (Provincia di Trento) Fraz. Vignola 12 38050 VIGNOLA FALESINA Tel. 0461/533445 Fax 0461/510518 RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE 2012 Allegata alla delibera

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 28/03/2012Nr. Prot. 5121 ART. 151, COMMA 6, E ART. 231 D.LGS. 18 AGOSTO

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Dinamica indebitamento

Dinamica indebitamento 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO - RENDICONTO FINANZIARIO GESTIONALE - ENTRATE

CONTO DEL BILANCIO - RENDICONTO FINANZIARIO GESTIONALE - ENTRATE ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI 16 apriille 2014 Anno 2013 CODICE DESCRIZIONE Iniziali ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI REGGIO EMILIA CONTO DEL BILANCIO - RENDICONTO FINANZIARIO

Dettagli

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Sommario Verifiche preliminari Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Verifica coerenza delle previsioni - Coerenza interna - Coerenza esterna

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2008 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 1.326.30 376.60

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Regolamento di Contabilità

Regolamento di Contabilità Regolamento di Contabilità Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 28 del 06.06.2012 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PAOLO RICCI Sede amministrativa: 62012 Civitanova Marche (MC) Via Einaudi,

Dettagli

VERIFICHE PRELIMINARI

VERIFICHE PRELIMINARI COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA **** PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI **** REVISORE UNICO Marco Rossi Commercialista Revisore Contabile Pubblicista

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2009 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 376.60 875.00

Dettagli

RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Relazione Comune della Spezia

RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Relazione Comune della Spezia Guidoccio Cozzarelli Siena, 1450-1517 Episodio di storia antica Tempera su tavola Museo Civico "Amedeo Lia", La Spezia RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Relazione Comune della Spezia 1 INDICE Il quadro legislativo

Dettagli

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Provincia di Foggia Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Il documento contabile che si sottopone alla discussione ed all approvazione del Consiglio Provinciale concernente

Dettagli

CITTA' DI CAMPOSAMPIERO CONTO ECONOMICO ANNO 2012

CITTA' DI CAMPOSAMPIERO CONTO ECONOMICO ANNO 2012 CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO PROSPETTO DI CONCILIAZIONE 2012 CITTA' DI CAMPOSAMPIERO Provincia di PD CONTO ECONOMICO ANNO 2012 CITTA' DI CAMPOSAMPIERO Data di stampa 04-03-2013 Pagina 2 CONTO ECONOMICO

Dettagli

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 La Spezia 17 novembre 2010 Si è riunito in data odierna il Collegio dei Revisori del Comune della Spezia. Il Collegio è formato da:

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2010 Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 55-315 del 28 aprile 2010 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno

Dettagli

Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi:

Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi: COMUNE DI CAVAGNOLO PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2 0 1 2 La presentazione del conto consuntivo è uno dei momenti più importanti della vita amministrativa di un Comune; è l atto di

Dettagli

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI ANNO: 2013 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) PROSPETTO DI CONCILIAZIONE (ENTRATA) Titolo I ENTRATE TRIBUTARIE Accertamenti Risconti

Dettagli

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI ANNO: 2010 Procedura realizzata da PUBLISYS S.p.A. Via della Tecnica, 18 Potenza PROSPETTO DI CONCILIAZIONE (ENTRATA) Titolo I ENTRATE TRIBUTARIE Accertamenti Risconti

Dettagli

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI ANNO: 2013 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) PROSPETTO DI CONCILIAZIONE (ENTRATA) Titolo I ENTRATE TRIBUTARIE Accertamenti Risconti

Dettagli

PARTE SECONDA PROGRAMMAZIONE GENERALE E VALUTAZIONE DEI RISULTATI

PARTE SECONDA PROGRAMMAZIONE GENERALE E VALUTAZIONE DEI RISULTATI PARTE SECONDA PROGRAMMAZIONE GENERALE E VALUTAZIONE DEI RISULTATI La parte seguente della presente relazione vuole rappresentare una lettura dei dati del rendiconto, anche se rapida e essenziale, sotto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI MESERO Provincia di Milano PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2012 del

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA tecnica al Conto Economico ed allo Stato Patrimoniale

NOTA INTEGRATIVA tecnica al Conto Economico ed allo Stato Patrimoniale NOTA INTEGRATIVA tecnica al Conto Economico ed allo Stato Patrimoniale Premessa Come sottolineato in molti documenti contabili, il Comune è ente sperimentatore dei nuovi sistemi contabili ex Dlgs 118/2011.

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 Introduzione Il Bilancio al 31 Dicembre 2014 è formato dallo

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 1 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 2 Introduzione all analisi dei dati del Rendiconto della Gestione La presentazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

Comune di San Casciano in Val di Pesa Provincia di Firenze. Relazione dell Organo di revisione al Rendiconto della gestione per l'esercizio 2012

Comune di San Casciano in Val di Pesa Provincia di Firenze. Relazione dell Organo di revisione al Rendiconto della gestione per l'esercizio 2012 Comune di San Casciano in Val di Pesa Provincia di Firenze Relazione dell Organo di revisione al Rendiconto della gestione per l'esercizio 2012 Allegato al verbale n. 8 del 18 e 19 Aprile 2013 dell Organo

Dettagli

Provincia di Taranto STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO. Esercizio: 2008

Provincia di Taranto STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO. Esercizio: 2008 STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Conto del Patrimonio ( Attivo ) A) IMMOBILIZZAZIONI I) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1) Costi pluriennali capitalizzati II) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 1) Beni Demaniali

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. CONTO ECONOMICO (art. 229 del D. Lgs. 267/00)

COMUNE DI SASSARI. CONTO ECONOMICO (art. 229 del D. Lgs. 267/00) COMUNE DI SASSARI CONTO ECONOMICO (art. 229 del D. Lgs. 267/00) COMUNE DI SASSARI ANNO 2014 CONTO ECONOMICO IMPORTI PARZIALI TOTALI COMPLESSIVI A) PROVENTI DELLA GESTIONE 1) Proventi tributari 70.975.133,03

Dettagli

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO Relazione Al Rendiconto Comune Di Modolo 1 Premessa La relazione al rendiconto della gestione costituisce il documento

Dettagli

Quadro generale riassuntivo

Quadro generale riassuntivo BILANCIO DI PREVISIONE 2005 Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 31.047.465,00 Titolo I: Spese correnti 51.822.716,00 Titolo II: Entrate da contributi e trasferimenti

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

CONTO ECONOMICO anno 2014

CONTO ECONOMICO anno 2014 Allegati sub 3 e 4 alla proposta di deliberazione DCS2 16 del 14 aprile 2015 COMUNE DI ALBIGNASEGO CONTO ECONOMICO anno 2014 Conto Economico Prospetto conciliazione Entrata Prospetto conciliazione Spesa

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1 Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015 Consuntivo 2015 Pag. 1 Relazione illustrativa della Giunta al Rendiconto Esercizio 2015 Premessa L esercizio 2015 si conclude

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi -

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - 71 - Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - Il Titolo 3 delle uscite è costituito dai rimborsi di prestiti e dalle anticipazioni di cassa. La contrazione di mutui a titolo oneroso

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

COMUNE DI PALERMO COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

COMUNE DI PALERMO COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI COMUNE DI PALERMO COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Relazione dell organo di revisione sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione e sullo schema di Rendiconto per l esercizio

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. Stampa per Codice di Bilancio 1 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0.00.0000 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO INVESTIMENTO 0,00 38.560,00 0,00-38.560,00 0,00 0.00.0000 1 2 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore unico di ATERSIR Preso in esame lo schema di rendiconto per l esercizio 2012 proposto dal Direttore dell AGENZIA composto e corredato dai seguenti

Dettagli

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO C o m u n e d i C i v i d a l e d e l F r i u l i RELAZIONE DI INIZIO MANDATO Sindaco Stefano Balloch Proclamazione 01/06/2015 L art. 4 bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, prevede l obbligo

Dettagli

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE 4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il conto economico, redatto con il supporto delle rilevazioni finanziarie e del prospetto di conciliazione, pone in evidenza un risultato economico

Dettagli

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI ANNO: 2013 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) PROSPETTO DI CONCILIAZIONE (ENTRATA) Titolo I ENTRATE TRIBUTARIE Accertamenti Risconti

Dettagli

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale 1- Risultato di esercizio. COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale Relazione al Rendiconto di gestione Esercizio 2012 La gestione economico-finanziaria dell anno 2012 si è conclusa

Dettagli

COMUNE DI CARZANO. Provincia di Trento

COMUNE DI CARZANO. Provincia di Trento COMUNE DI CARZANO Provincia di Trento PARERE DEL REVISORE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 IL REVISORE Rag. Roberto Tonezzer 2 Verifiche preliminari Il sottoscritto

Dettagli

NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA

NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA Nella prima colonna del prospetto, articolati per titoli e categorie, sono riportati i dati finanziari derivanti dal conto del bilancio, ossia gli accertamenti

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO PLURIENNALE 2014 - Pagina 1 di 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di cui: Avanzo vincolato Avanzo finanziamento investimenti Avanzo fondo ammortamento Avanzo

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

RISULTANZE ECONOMICO-PATRIMONIALI

RISULTANZE ECONOMICO-PATRIMONIALI 58 58 RISULTANZE ECONOMICO-PATRIMONIALI La rappresentazione dei risultati della gestione viene effettuata, in sede di rendicontazione, sia sotto il profilo finanziario che sotto quello economico-patrimoniale.

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli