COMUNE DI FORLÌ RENDICONTO ANNO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FORLÌ RENDICONTO ANNO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 COMUNE DI FORLÌ RENDICONTO ANNO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

2 COMUNE DI FORLÌ RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEI DATI DEL BILANCIO A norma dell art. 151, comma 6, del D. Lgs. n. 267/2000 (Delib. G.C. n 72 del 28/03/2011)

3 Premessa Il rendiconto della gestione costituisce il momento finale di un processo di programmazione e controllo che trova la sintesi conclusiva proprio in questo documento contabile. Se, infatti, il bilancio di previsione rappresenta la fase iniziale della programmazione gestionale nella quale l amministrazione individua le linee strategiche e tattiche della propria azione di governo, che si traduce nella individuazione di obiettivi e programmi, il rendiconto della gestione esprime quella successiva, di verifica dei risultati conseguiti, al fine di giudicare l operato della Giunta e dei dirigenti nel corso dell esercizio. Nello stesso tempo il confronto tra il dato preventivo e quello consuntivo riveste un importanza fondamentale nello sviluppo della programmazione dell anno che segue, costituendo un momento virtuoso per l affidamento di tecniche e scelte da effettuare. E facile intuire, dunque, che i documenti che evidenziano tali dati devono essere attentamente analizzati al fine di trovare motivazioni e giustificazioni agli scostamenti riscontrati cercando di minimizzarne i valori nel corso dell anno successivo. Le considerazioni precedentemente esposte trovano un riscontro legislativo nelle varie norme che nel corso degli anni sono state promulgate e che evidenziano un progressivo e costante processo di affinamento delle stesse al fine di giungere ad un attività di programmazione quanto più puntuale ed attendibile possibile. La relazione al rendiconto della gestione si propone, pertanto, di valutare l attività svolta nel corso dell anno cercando di dare un adeguata spiegazione ai risultati ottenuti, mettendo in evidenza le variazioni intervenute rispetto ai dati di previsione e fornendo una possibile spiegazione agli eventi considerati. L analisi non si può limitare al solo dato finanziario, ma, al contrario, deve estendersi anche a quello patrimoniale ed economico che, rappresenta la frontiera su cui gli enti dovranno confrontarsi per poter verificare la reale efficacia ed efficienza della propria azione. 1

4 Partendo da queste premesse la presente relazione si svilupperà in tre parti nelle quali verranno presi in considerazione i principali aspetti della gestione ed in particolare: a) L ASPETTO FINANZIARIO: nel quale si analizzerà l avanzo di amministrazione quale sintesi di due differenti gestioni: quella di competenza e quella dei residui; b) L ASPETTO PATRIMONIALE: dove verrà data dimostrazione dell incremento o del decremento del Patrimonio Netto dell ente a seguito dell attività svolta nell esercizio; c) L ASPETTO ECONOMICO: in cui si evidenzieranno i risultati in un ottica di competenza economica attraverso la presentazione e scomposizione delle varie componenti del risultato economico. E opportuno sottolineare che i tre aspetti sono tra loro correlati generando un sistema contabile completo che trova nel prospetto di conciliazione da un lato, e nell uguaglianza tra il risultato economico dell esercizio e la variazione della consistenza del patrimonio netto, dall altro, le due principali verifiche. Per quanto riguarda, infine, le risultanze del Conto 2010, si evidenzia che lo stesso è stato reso dal Tesoriere Comunale Unicredit Banca S.p.A., entro il termine previsto dal decreto legge 7 ottobre 2008, n.154, coordinato con la legge di conversione 4 dicembre 2008, n.189. Successivamente, la documentazione è stata sottoposta all esame del Collegio dei Revisori, nominati dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 191 del 22 dicembre 2008 per il triennio

5 1 LA GESTIONE FINANZIARIA 1.1 Il risultato della gestione Il conto del Bilancio quale sintesi contabile dell intera attività finanziaria dell ente si chiude con il risultato complessivo rappresentato dall avanzo o dal disavanzo d amministrazione. In linea generale si può affermare che un risultato positivo della gestione (avanzo di amministrazione) costituisce un indice positivo ed evidenzia, al termine dell esercizio, la capacità dell ente di coprire le spese correnti e d investimento con un adeguato flusso di entrate. Al contrario, un risultato negativo (disavanzo di amministrazione) dimostra una scarsa capacità di previsione nell andamento delle entrate che inevitabilmente conduce, al termine dell esercizio, ad un valore complessivo delle spese, che non trova integralmente copertura da parte delle entrate. D altra parte se in una visione molto sintetica potrebbe apparire sufficiente conseguire adeguati livelli di avanzo finanziario, in realtà non sempre un risultato complessivo positivo è indice segnaletico di buona amministrazione come, allo stesso modo, non sempre un risultato negativo misura un incapacità gestionale da parte della Giunta. Rifacendoci a quanto fissato dal legislatore per l individuazione delle condizioni di deficitarietà ai sensi dell art. 45 del D.Lgs. 504/1992, potremmo dire che sia nel caso di avanzo che in quello di disavanzo di amministrazione, valori particolarmente elevati e comunque superiori al 5% delle entrate correnti misurano stati patologici se non trovano un adeguata giustificazione in alcuni eventi eccezionali verificatisi nel corso della gestione. I risultati finanziari del nostro ente sono riportati nella tabella al termine del paragrafo. Questa propone, al pari dello schema Quadro riassuntivo della gestione finanziaria previsto dal D.P.R. 194/96, una scomposizione del risultato complessivo, analizzando separatamente il risultato della gestione di competenza da quello della gestione dei residui. In tal modo la somma algebrica dei due dati permette di ottenere il valore complessivo ma, nello stesso tempo, l analisi disaggregata degli stessi fornisce maggiori informazioni a quanti a vario titolo si avvicinano ad una lettura più approfondita del conto consuntivo dell ente locale. In particolare il dato finale può risultare da differenti combinazioni delle due gestioni: in altre parole, l avanzo può derivare sia quale somma di due risultati parziali positivi, sia di un avanzo di una delle due gestioni in grado di compensare valori negativi dell altra. Nel nostro caso il risultato conseguito è rappresentato nel grafico sottostante. 3

6 GESTIONE RESIDUI COMPETENZA TOTALE FONDO DI CASSA AL 1 GENNAIO , ,50 RISCOSSIONI , , ,87 PAGAMENTI , , ,61 FONDO DI CASSA AL 31 DICEMBRE , , ,76 RESIDUI ATTIVI , , ,37 RESIDUI PASSIVI , , ,89 AVANZO (+) DISAVANZO (-) , , ,24 Risultato finanziario della gestione Risultato gestione di competenza Risultato gestione dei residui Valore finale , , ,24 Risultato finanziario della gestione , , , ,00 Risultato gestione di competenza Risultato gestione dei residui Valore finale , ,00 0, , , , La gestione di competenza Con il termine gestione di competenza si è soliti far riferimento a quella parte della gestione complessiva che prende in considerazione solo le operazioni finanziarie (accertamenti e impegni) relative all esercizio considerato senza, cioè, considerare quelle inerenti gli anni precedenti. In particolare essa rileva il persistere, anche a conclusione dell anno considerato, del principio di pareggio finanziario che deve essere conseguito non solo nel momento della programmazione (approvazione del bilancio) ma, anche, durante l intero anno. Non a caso l art. 193 del D. Lgs. 267/2000 impone il rispetto durante la gestione e nelle variazioni di bilancio del pareggio finanziario e di tutti gli equilibri stabiliti in bilancio per la copertura delle spese correnti e per il finanziamento degli investimenti, secondo le norme contabili previste nel decreto legislativo. 4

7 Con delibera consiliare n.122 del 27 settembre 2010, l Amministrazione Comunale ha verificato il permanere, nel corso dell esercizio, degli equilibri di bilancio relativamente all esercizio Al termine dell esercizio, pertanto, un attenta gestione dovrebbe dar luogo ad un risultato di pareggio o positivo in grado di dimostrare la capacità dell ente di conseguire un adeguato flusso di risorse (accertamento di entrate) tale da assicurare la copertura finanziaria degli impegni di spesa assunti. In generale potremmo dire che un risultato della gestione di competenza positivo (avanzo) evidenzia un equilibrata e corretta gestione mentre un valore negativo trova generalmente la sua giustificazione nel verificarsi di eventi imprevedibili. Bisogna però aggiungere che il dato risultante da questa analisi deve essere considerato congiuntamente all avanzo applicato che può compensare eventuali apparenti scompensi tra entrate accertate e spese impegnate. Nel nostro caso ci troviamo di fronte ad una situazione quale quella riportata nella tabella che segue: GESTIONE COMPETENZA RISCOSSIONI ,16 PAGAMENTI ,24 Differenza ,92 RESIDUI ATTIVI ,17 RESIDUI PASSIVI ,95 AVANZO(+) DISAVANZO (-) ,86 Risultato finanziario della gestione: competenza Nella fattispecie, se si considera il valore del disavanzo in rapporto alla dimensione complessivamente movimentata nel bilancio, emerge in tutta evidenza il sostanziale equilibrio della gestione di competenza La scomposizione della gestione di competenza Il valore segnaletico del risultato della gestione di competenza assume, però, un maggiore significato se lo stesso viene disaggregato ed analizzato prendendo in considerazione una classificazione ormai fatta propria dalla dottrina e dal legislatore. Il risultato complessivo della gestione di competenza può essere considerato quale sommatoria delle seguenti principali componenti e precisamente: a) la gestione corrente; b) la gestione degli investimenti; c) il bilancio dei servizi per conto di terzi. 5

8 La gestione corrente trova una sua implicita definizione nell art. 162 comma 6 del D.Lgs. 267/2000 che così recita:.. le previsioni di competenza relative alle spese correnti sommate alle previsioni di competenza relative alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui e dei prestiti obbligazionari non possono essere complessivamente superiori alle previsioni di competenza dei primi tre titoli dell entrata e non possono avere altra forma di finanziamento, salvo le eccezioni previste per legge... In generale potremmo dire che essa misura la quantità di entrate destinate all ordinaria gestione dell ente. La gestione degli investimenti, invece, è costituita da quelle voci di entrata e di spesa direttamente rivolte alla realizzazione ed acquisizione di beni che trovano un loro utilizzo o che producono i loro effetti per più esercizi nell ente. Il bilancio dei servizi in conto terzi, infine, comprende tutte quelle operazioni poste in essere dall ente in nome e per conto di altri soggetti. Poiché la gestione corrente potrà essere predisposta solo in una situazione di avanzo o di pareggio, la gestione degli investimenti, in fase di previsione, potrà prevedere anche una differenza negativa tra entrate e spese bilanciata dall avanzo di parte corrente. Al termine dell esercizio, invece, i risultati ottenuti dovranno essere valutati considerando anche l avanzo applicato che, si ricorda, non viene accertato. Solo in questo modo si avrà un quadro complessivo completo e si potranno trarre delle conclusioni sui risultati finanziari raggiunti. Nella tabella sottostante sono riportati i risultati di ciascuna componente sopra descritta. Il grafico poi, facilita la comprensione degli effetti che ciascuna di esse produce sul valore complessivo. Equilibri di competenza Accertamenti in conto competenza Impegni in conto competenza Differenza I) Gestione corrente , , ,89 II) Gestione investimenti , , ,97 III) Servizi c/terzi , ,41 0,00 TOTALI , , , , , , , , , ,00 Accertamenti in conto competenza Impegni in conto competenza , ,00 0,00 I) Gestione corrente III) Servizi c/terzi 6

9 1.2.2 Analisi degli scostamenti L analisi fin qui condotta è stata orientata a scomporre il risultato della gestione nelle varie componenti cercando di analizzarne le principali caratteristiche. Nel presente paragrafo, invece, si intendono fornire delle spiegazioni sugli scostamenti tra i dati di previsione e quelli definitivi ottenuti ex-post al termine della gestione. Altrettanto interessante è l analisi delle variazioni tra previsioni definitive e le somme accertate o impegnate. Nelle tabelle sottostanti sono riportati prima per l entrata e, poi, per la spesa gli importi relativi a ciascun componente del bilancio così come risultante all inizio dell esercizio (in sede di predisposizione del bilancio) e, quindi, al termine dello stesso (a seguito delle variazioni intervenute). Entrate Gestione di competenza: entrate Entrata previsioni iniziali Entrata previsioni finali Entrata accertamenti I) Gestione corrente , , ,41 II) Gestione investimenti , , ,51 III) Servizi c/terzi , , ,41 TOTALI , , , , , ,00 Entrata previsioni iniziali Entrata previsioni finali Entrata accertamenti , ,00 0,00 I) Gestione corrente II) Gestione investimenti III) Servizi c/terzi TOTALI 7

10 Spese Gestione di competenza: spese Spesa previsioni iniziali Spesa previsioni finali Spesa impegni I) Gestione corrente , , ,30 II) Gestione investimenti , , ,48 III) Servizi c/terzi , , ,41 TOTALI , , , , , ,00 Spesa previsioni iniziali Spesa previsioni finali Spesa impegni , ,00 0,00 I) Gestione corrente II) Gestione investimenti III) Servizi c/terzi TOTALI 8

11 1.2.3 Parte 1ª - Entrata TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE DESCRIZIONE SOMME VARIAZIONI previste accertate + o - Imposte , , ,08 Tasse , , ,64 Tributi speciali , , ,09 TOTALE , , ,63 La somma accertata nel 2010 è di ,14 mentre nel 2009 è stata di ,08 con una variazione dello 0,001%. L' esame delle singole voci porta alle seguenti considerazioni: CATEGORIA IMPOSTE - CAP IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÁ ,36 Previsione ,00 Accertamento ,64 Scostamento ,36 % di realizzo: 90,13 % La riduzione di gettito può essere imputata agli effetti della crisi economica generale. CAP IMPOSTA COMUNALE PER L'ESERCIZIO DI + 40,24 IMPRESE, DI ARTI E PROFESSIONI (I.C.I.A.P.) Previsione 1.100,00 Accertamento 1.140,24 Scostamento + 40,24 % di realizzo: 103,65 % Si tratta della gestione residuale dell imposta soppressa nel CAP IMPOSTA COMUNALE IMMOBILIARE I.C.I ,42 Previsione ,00 Accertamento ,58 Scostamento ,42 % di realizzo: 99,20 % La variazione del gettito rispetto alla previsione è motivata da una dinamica immobiliare rivelatasi inferiore alle aspettative. La variazione di gettito rispetto alle previsioni deriva principalmente dal minore apporto delle aree edificabili, in quanto il territorio è sempre di più urbanizzato. La riduzione viene compensata solo parzialmente dall'imposta sugli edifici, a seguito anche dell'esclusione dalla imposta delle abitazioni principali. 9

12 E comunque continuata nel 2010 l attività di verifica dell'evasione, portando ad un risultato superiore alle aspettative. CAP ADDIZIONALE DIRITTI D IMBARCO ,83 Previsione ,00 Accertamento ,17 Scostamento ,83 % di realizzo 48,90 % CAP ADDIZIONALE IRPEF ,00 Previsione ,00 Accertamento ,00 Scostamento ,00 % di realizzo 105,48 % L accertamento è stato definito sulla base di comunicazioni ministeriali riferite agli anni di imposta precedenti che evidenziano un trend in aumento della base imponibile. CAP IMPOSTA SULL INCREMENTO DEL VALORE DEGLI IMMOBILI (I.N.V.I.M) +204,90 Previsione 1.000,00 Accertamento 1.204,90 Scostamento +204,90 % di realizzo: 120,49 % Si tratta della gestione residuale dell imposta soppressa nel CAP IMPOSTA SUL CONSUMO ENERGIA ELETTRICA ,55 (ADDIZIONALE) Previsione ,00 Accertamento ,55 Scostamento ,55 % di realizzo: 102,63 % Tale valore dipende dalle comunicazioni ufficiali che vengono trasmesse dall ENEL e dagli altri gestori del servizio elettrico nel corso dell esercizio finanziario. CAP COMPARTECIPAZIONE IRPEF 0 Previsione ,51 Accertamento ,51 Scostamento 0 % di realizzo: 100,00 % CAP AG.ENTRATE PART. EVASIONE ,00 Previsione ,00 Accertamento 0 10

13 Scostamento ,00 % di realizzo: 0,00 % A) TOTALE MAGGIORI ENTRATE CATEG IMPOSTE ,08 CATEGORIA TASSE - CAP SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI - 451,76 Previsione 3.000,00 Accertamento 2.548,24 Scostamento -451,76 % di realizzo: 84,94 % Si tratta della gestione residuale della tassa, dal 2000 è stato adottato il regime TIA. CAP TASSA PER L'AMMISSIONE A CONCORSI PER POSTI DI RUOLO ,40 Previsione 7.000,00 Accertamento 9.692,40 Scostamento ,40 % di realizzo: 138,46 % B) TOTALE MAGGIORI ENTRATE CATEGORIA TASSE ,64 CATEGORIA TRIBUTI SPECIALI ED ALTRE ENTRATE TRIBUTARIE PROPRIE - CAP DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ,09 Previsione ,00 Accertamento ,91 Scostamento ,09 % di realizzo: 89,05 % La riduzione di gettito può essere imputata agli effetti della crisi economica generale. C) TOTALE MINORI ENTRATE CATEGORIA 1-03 TRIBUTI SPECIALI ,09 TOTALE MAGGIORI ENTRATE TITOLO I (A+B+C) ,63 Delle entrate accertate al Titolo I, in complessivi ,14 Sono stati riscossi ,06 pari a: 81,40 % Rimangono da riscuotere ,08 pari a: 18,60 % 11

14 TITOLO II ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO DESCRIZIONE PREVISIONE ASSESTATA IMPORTI ACCERTAMENTI VARIAZIONI + o - Contributi e trasferimenti dello Stato , , ,99 Contributi e trasferimenti della Regione , , ,48 Contributi e trasferimenti dalla Regione per funzioni delegate 0,00 0,00 0,00 Contributi e trasferimenti da parte di organismi internazionali , ,99-281,01 Trasferimenti di altri enti pubblici , , ,92 TOTALE , , ,58 % di realizzo: 101,08 % Delle entrate accertate al Titolo II, in complessivi ,97 Sono state riscossi ,25 pari a: 92,96 % Rimangono da riscuotere ,72 pari a: 7,04 % 12

15 TITOLO III ENTRATE EXTRA TRIBUTARIE Nel Titolo in esame su una previsione assestata complessiva di ,56 é stato accertato un gettito di ,30 con una minore entrata pari a ,26, percentuale di realizzo: 93,12 %. DESCRIZIONE Tale risultanza e' stata così determinata: IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Proventi dei servizi , , ,11 pubblici Proventi dei beni dell ente , , ,17 Interessi su anticipazioni e , , ,55 crediti Utili netti aziende speciali , ,38 221,28 e partecipate Proventi Diversi , , ,81 TOTALE , , ,26 CATEGORIA PROVENTI DEI SERVIZI PUBBLICI Previsione ,37 Accertamento , Minore entrata ,11 % di realizzo: 99,96 % Si precisa che nella categoria in esame, oltre ai diritti vari (Stato Civile, Segreteria, rilascio carte d'identità, cimiteriali, ecc.), sono comprese le voci fondamentali costituite dalle entrate provenienti da quei servizi a domanda individuale resi dal Comune e indicati nel Decreto del Ministero dell'interno , (G.U , n. 16). Ai sensi dell'art. 242 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e come da decreto 8 marzo 2010 che approva i certificati per il triennio , i soli Enti in situazioni strutturalmente deficitarie hanno l'obbligo di assicurare che i costi complessivi di gestione dei servizi pubblici a domanda individuale, del servizio acquedotto e smaltimento rifiuti solidi urbani per l'anno 2010 siano coperti secondo la percentuale di legge. In ogni caso si ritiene opportuno riassumere i risultati della 13

16 gestione dei servizi a domanda individuale come dal riepilogo di seguito riportato. Per questo Comune tali servizi sono i seguenti: CONSUNTIVO 2010 RIEPILOGO SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE N. DENOMINAZIONE SERVIZIO ENTRATA SPESA 2 ASILI NIDO , ,16 8 MENSE SCOLASTICHE , ,14 9 MERCATI E FIERE ATTREZZ , ,16 10 PARCHEGGI E PARCHIMETRI ,22 0,00 13 TEATRI , ,71 14 MUSEI, PINCAOT., MOSTRE , ,05 16 ILLUMINAZ. VOTIVA CIMIT ,09 0,00 20 STAMPA PUBBLICAZIONI , ,80 24 SERVIZI PRE E POST SCUOLA , ,81 30 CONCESS. SALE COMUNALI 8.665,12 0,00 31 GEST. IMPIANTI SPORTIVI , ,03 TOTALI , ,86 Per i servizi sopra elencati il rapporto spese entrate, desunto così come previsto dall'art. 6 del D.L , n. 55, risulta pari al 69,86 % determinato: TOTALE ENTRATE , = 69,86 % TOTALE SPESE ,86 14

17 PREVISIONE 2010 RIEPILOGO SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE N. DENOMINAZIONE SERVIZIO ENTRATA SPESA 2 ASILI NIDO , ,62 8 MENSE SCOLASTICHE , ,69 9 MERCATI E FIERE ATTREZZ , ,74 10 PARCHEGGI E PARCHIMETRI ,00 0,00 13 TEATRI , ,04 14 MUSEI, PINCAOT., MOSTRE , ,30 16 ILLUMINAZ. VOTIVA CIMIT ,00 0,00 20 STAMPA PUBBLICAZIONI , ,00 24 SERVIZI PRE E POST SCUOLA , ,00 30 CONCESS. SALE COMUNALI 4.000,00 0,00 31 GEST. IMPIANTI SPORTIVI , ,63 TOTALI , ,02 DISAVANZO PREVISTO ,97 % DI COPERTURA 71,69% PERCENTUALI DI COPERTURA DEI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE CONSUNTIVO ,99 62,02 73,31 69,86 15

18 CATEGORIA 02 - PROVENTI DEI BENI COMUNALI Previsione ,19 Accertamento , Minore entrata ,17 % di realizzo: 95,99 % =============== ======= In relazione ai proventi dei parcheggi a pagamento, così come previsto dal D.Lgs. 30/04/1992, n.285, art. 7, comma 7, le entrate di cui trattasi sono state destinate alla copertura delle spese relative all ammortamento dei finanziamenti acquisiti per la realizzazione dei parcheggi ( ,63) e per l acquisto di autobus ( ,17). CATEGORIA 03 - INTERESSI SU ANTICIPAZIONI E CREDITI Previsione ,94 Accertamento , Maggiore entrata ,55 % di realizzo: 114,24 % =============== ======= Il maggiore introito è determinato principalmente dalla rendita derivante dalla gestione della liquidità extra tesoreria unica. CATEGORIA 04 - UTILI NETTI DELLE AZIENDE SPECIALI E PARTECIPATE, DIVIDENDI DI SOCIETA Previsione ,10 Accertamento , Maggiore entrata +221,28 % di realizzo: 100,01 % =============== ====== La distribuzione di utili dipende dalle scelte aziendali nell'ambito delle risultanze dei rispettivi bilanci, così come specificato in premessa. CATEGORIA 05 - PROVENTI DIVERSI Previsione ,96 Accertamento , Minore entrata ,81 % di realizzo: 82,69 % =============== ====== Delle somme accertate nel Titolo III in complessivi ,30 Sono stati riscossi ,77 % di realizzo: 60,90 % Rimangono da riscuotere ,53 % di realizzo: 39,10 % 16

19 TITOLO IV ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALI E DA RISCOSSIONI DI CREDITI DESCRIZIONE IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Categoria , , ,97 Alienazione di beni patrimoniali Categoria , ,09-275,91 Trasferimenti di capitali dallo Stato Categoria , , ,00 Trasferimenti di capitale dalla Regione Categoria 4 0,00 0,00 0,00 Trasferimenti di capitale da altri Enti del Settore Pubblico Categoria , , ,27 Trasferimenti di capitali da altri soggetti Categoria , , ,15 Riscossione di crediti TOTALE , , ,30 Dalle somme accertate in complessivi ,43 Sono state incassati ,78 pari al 83,67% Rimangono da riscuotere ,65 pari al 16,33% Le somme che rimangono da riscuotere nel Titolo in esame riguardano principalmente: alienazione di beni patrimoniali e contributi Regionali e da altri soggetti. Naturalmente alla anzidetta minore entrata corrispondono analoghe economie a corrispondenti capitoli del Titolo II della spesa, per la mancata esecuzione delle opere che si sarebbero dovute finanziare con le entrate sopra citate. Nel Titolo in esame alla Categoria 5, al cap art. 9001, é prevista l'entrata relativa ai proventi derivanti dal rilascio di concessioni edilizie e delle sanzioni previste dalla disciplina urbanistica che, come noto, contribuisce a finanziare vari capitoli di spesa nel tit. II. Nell anno 2010 é stata accertata nel capitolo in esame l'entrata di ,18 impegnata in diversi capitoli della spesa. 17

20 La situazione dell'anzidetto fondo al è la seguente: - giacenza al ,10 - riscossione anno , SOMMA ,05 A detrarre: - pagamenti effettuati nell'anno , insussistenze 2010 residui passivi finanziati con oneri ,39 - insussistenze anni precedenti residui passivi finanziati con oneri , fondo disponibile al ,55 ================= Nella Categoria 6 (Riscossioni di crediti) è stata rilevata contabilmente la movimentazione finanziaria resasi necessaria per una gestione della liquidità extra tesoreria unica al fine di poter conseguire una maggiore redditività. Lo stanziamento iniziale, quindi, ed il relativo valore accertato a consuntivo (che a volte può presentare uno scostamento anche significativo) non sono direttamente riferibili all entità dell azione amministrativa svolta, ma solo esclusivamente allo svolgimento dei flussi finanziari, in relazione alle condizioni rilevate nei mercati finanziari, ora a valenza internazionale. 18

21 TITOLO V ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRESTITI DESCRIZIONE IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Assunzione di mutui e prestiti , , ,92 TOTALE , , ,92 In ordine all'analisi delle opere finanziate con i mutui assunti nel corso dell'esercizio 2010, si rinvia alla parte della presente relazione in cui viene esaminato il Titolo II - Spese in conto capitale. Si ritiene opportuno precisare che i finanziamenti previsti nel Titolo in esame, nonché le opere finanziate con gli anzidetti finanziamenti, sono previste nel bilancio pluriennale e nel piano programmatico preventivamente approvato dal Consiglio Comunale. 19

22 TITOLO VI ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO TERZI DESCRIZIONE IMPORTI VARIAZIONI PREVISIONE ASS. ACCERTAMENTI + o - Ritenute previdenziali e , , ,86 assistenziali al personale Ritenute erariali , , ,83 Altre ritenute , , ,93 Depositi cauzionali , , ,29 Rimborso spese per servizi , , ,68 per conto terzi Rimborso di anticipazioni di , , ,00 fondi per il servizio economato 0,00 0,00 0,00 Depositi per spese contrattuali TOTALE , , ,59 Complessivamente, le entrate accertate al Titolo VI ammontano ad ,41 di cui: Incassati ,05 pari al 96,50 % Da incassare ,36 pari al 3,50 % Le entrate accertate in questo Titolo trovano corrispondente riscontro al Titolo IV della Spesa. 20

23 1.2.4 Parte 2ª - Spesa TITOLO I SPESE CORRENTI Le spese correnti inscritte nel Conto del Bilancio 2010 ammontano a complessive ,42, mentre a consuntivo l importo impegnato si assesta in ,84 con un economia di ,58 pari al 5,92%. Per una migliore analisi delle spese previste ed impegnate nel Titolo in esame, si riporta il seguente prospetto: DESCRIZIONE 01 Funzioni generali di amm.ne, di gestione e di controllo 02 Funzioni relative alla giustizia 03 Funzioni di polizia locale 04 Funzioni di istruzione pubblica 05 Funzioni relative alla cultura e ai beni cult. 06 Funzioni nel settore sportivo e ricreativo 07 Funzioni nel campo turistico 08 Funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti 09 Funzioni riguardanti la gestione del territorio e ambiente 10 Funzioni nel settore sociale 11 Funzioni nel campo dello sviluppo economico 12 Funzioni relative ai servizi produttivi Totale Titolo I Spese correnti PREVISIONI ASSESTATE IMPEGNI DISPONIBILITA' AD IMPEGNARE , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,24 0, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,58 Nel Titolo in esame: Sono state pagati in competenza ,93 pari al 76,15 % Rimangono da pagare ,91 pari al 23,85 % 21

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli