NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ;"

Transcript

1 CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE PRODUTTIVA DEGLI AMBITI TERRITORIALI ESTRATTIVI (Art. 11 della L.R. 8 Agosto 1998, N. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ) NORMATIVA DI RIFERIMENTO L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ; D.G.R. n. 6/41714 del Determinazione, ai sensi del 1 comma dell art. 5 della legge regionale 8 agosto 1998, n. 14, dei criteri per la formazione dei piani cave provinciali ; D.G.R. n. 6/49320 del Integrazione della d.g.r. n del 26 febbraio 1999, avente per oggetto Determinazione, ai sensi del 1 comma dell art. 5 della legge regionale 8 agosto 1998, n. 14, dei criteri per la formazione dei piani cave provinciali, con la normativa tecnica di riferimento dei piani cave provinciali ; D.G.R. n. 7/7857 del Determinazione dei criteri e delle modalità per l esercizio delle funzioni delegate di cui al 1 comma dell art. 42 della l.r. 8 agosto 1998, n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ; D.G.R. n. 7/10316 del Determinazione dei criteri di cui al 2 comma dell art. 11 della l.r. 8 agosto 1998, n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava, relativi al progetto degli ambiti territoriali estrattivi, in attuazione del comma 5-bis dell art. 11 ; D.G.R. n. 8/3667 del Determinazione in merito all espletamento delle procedure previste dalla vigente normativa in materia di valutazione dell impatto ambientale nell ambito dei procedimenti autorizzativi connessi all attività estrattiva di cava. AMBITI TERRITORIALE ESTRATTIVI: DEFINIZIONE Siti individuati dal Piano Cave provinciale in cui può essere svolta l attività estrattiva, comprensivi dell area prevista per l estrazione e lo sfruttamento del giacimento, l area per impianti di lavorazione e trasformazione, l area per strutture di servizio, l area di stoccaggio, l area circostante necessaria a garantire un corretto rapporto tra l area di intervento ed il territorio adiacente. DURATA DEI PROGETTI I progetti attuativi (comprensivi del recupero ambientale) potranno avere durata massima decennale per tutti i settori merceologici. Le opere di recupero ambientale dovranno essere eseguite contestualmente ai lavori di coltivazione e completate entro i dieci anni di validità del progetto dell ATE. SOGGETTI INTERESSATI E PROCEDURE DI PRESENTAZIONE I soggetti interessati a richiedere l autorizzazione alla coltivazione di una cava, all interno di un Ambito Territoriale Estrattivo, devono manifestare espressamente tale volontà comunicandolo alla Provincia di Bergamo entro 30 giorni dall esecutività del Piano Cave secondo il modello allegato. Per soggetti interessati si devono intendere le ditte che esercitano l attività di escavazione all interno di un Ambito Territoriale Estrattivo oppure coloro che vantano un titolo di proprietà o disponibilità, da dichiarare alla Provincia di Bergamo, su tutte o parte delle aree all interno dell Ambito Territoriale Estrattivo. Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 1 di 8

2 Il progetto di gestione produttiva degli Ambiti Territoriali Estrattivi, che può prevedere anche lo sfruttamento dell intera produzione nel decennio, deve essere presentato congiuntamente da tali soggetti. In caso di disaccordo o di mancata presentazione congiunta da parte dei soggetti interessati, tali soggetti, o anche uno solo di essi, possono richiedere alla Provincia di Bergamo di procedere alla redazione del progetto di Ambito. In tal caso la Provincia di Bergamo diffida i soggetti inattivi o che abbiano presentato progetti disgiunti a partecipare alla redazione di un unico progetto nel termine massimo di 90 giorni. In caso di ulteriore inattività, la Provincia di Bergamo predispone d ufficio il progetto di gestione produttiva degli Ambiti Territoriali Estrattivi, tenendo conto delle esigenze manifestate dai soggetti richiedenti e lo approva. I soggetti che intendono richiedere l autorizzazione alla coltivazione di una cava, all interno di un Ambito Territoriale Estrattivo, ma che non hanno manifestato espressamente tale volontà nel termine di cui sopra, sono tenuti a presentare un progetto di coltivazione di una cava compatibile con il progetto di gestione produttiva dell Ambito Territoriale Estrattivo, approvato dalla Provincia di Bergamo, salva partecipazione al progetto in corso di redazione, qualora ciò non determini ritardo nella sua approvazione. SPESE DI PROGETTAZIONE Il costo sostenuto per il progetto dell'ambito Territoriale Estrattivo è posto a carico di ogni soggetto richiedente l'autorizzazione alla coltivazione sulla base delle spese effettivamente sostenute, documentate ed attualizzate. All'atto della presentazione del progetto di coltivazione di ogni singola cava (progetto attuativo parziale), il richiedente è tenuto a documentare il pagamento della quota di competenza alla Provincia di Bergamo (fatta eccezione per il caso in cui l operatore sia unico). Nel caso di predisposizione d ufficio del progetto di gestione produttiva dell ATE, il costo sostenuto dalla Provincia di Bergamo per lo stesso sarà suddiviso tra le cave interne all Ambito, in proporzione alla potenzialità estrattiva (volume utile) prevista per ognuna delle stesse dal progetto di Ambito. Il relativo pagamento sarà effettuato al rilascio delle singole autorizzazioni di cava. I soggetti che non hanno manifestato espressamente la propria volontà alla Provincia devono comunque compartecipare al costo sostenuto per il progetto dell'ambito Territoriale Estrattivo: dovranno pertanto corrispondere al soggetto o ai soggetti che hanno sostenuto tale costo, la quota di rispettiva competenza in proporzione alla potenzialità estrattiva prevista dal progetto di Ambito per il progetto di coltivazione di cava, all atto della presentazione di tale progetto di coltivazione. PROCEDURE DI VALUTAZIONE D IMPATTO AMBIENTALE Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 2 di 8

3 I Progetti di gestione produttiva degli Ambiti Territoriali Estrattivi (A.T.E.), sono assoggettati alle procedure previste dalla vigente normativa in materia di valutazione di impatto ambientale. Nelle more di approvazione del nuovo Piano Cave provinciale da parte della Regione Lombardia, è consentita la presentazione alla Provincia di Bergamo dei progetti di gestione produttiva degli A.T.E., al solo fine di verificare la congruità dei progetti stessi ai presenti criteri. L istanza di approvazione dei progetti di gestione produttiva degli A.T.E. dovrà essere presentata alla Provincia di Bergamo allegando anche la documentazione atta a comprovare l avvenuta attivazione, presso la Regione Lombardia, della procedura di verifica di V.I.A. o della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.). PROCEDURE DI APPROVAZIONE Il progetto di gestione produttiva degli Ambiti Territoriali Estrattivi, redatto dai soggetti interessati o dall'ente pubblico, è approvato dalla Provincia, acquisiti i necessari nulla osta e pareri anche attraverso apposita Conferenza dei Servizi, nonché, per gli Ambiti Territoriali Estrattivi individuati nei Parchi Regionali, il parere tecnico dell'ente gestore del Parco limitatamente alle opere di riassetto finale dell'area. Detto progetto deve essere redatto in conformità ai criteri emanati dalla Regione Lombardia e ai presenti criteri. Vista la molteplicità di aspetti, tecnici e ambientali, trattati da tale progetto, lo stesso deve essere sottoscritto da tecnici abilitati iscritti al relativo albo professionale o da tecnici qualificati appartenenti ad associazioni riconosciute in conformità alla normativa vigente, per le discipline di rispettiva competenza. Il progetto, sottoscritto dai soggetti interessati che hanno manifestato espressamente la propria volontà alla Provincia, è approvato entro 4 mesi dalla data di presentazione. Qualora il progetto presentato richieda modifiche, il termine può essere prorogato, una sola volta, di due mesi dalla data di presentazione delle modifiche. La Provincia comunica entro trenta giorni al richiedente il nominativo del responsabile del procedimento ai sensi degli articoli 4 e 5 della legge 241/1990. Entro novanta giorni dalla presentazione del progetto, il responsabile del procedimento cura l istruttoria, acquisisce i prescritti pareri, sempre che gli stessi non siano già stati allegati alla domanda dal richiedente e, valutata la conformità del progetto alla normativa vigente e ai presenti criteri, predispone il provvedimento di approvazione. Il termine di cui al comma 5 può essere interrotto una sola volta dal responsabile del procedimento, entro trenta giorni dalla presentazione del progetto, esclusivamente per la motivata richiesta di documenti che integrino o completino la documentazione presentata e che non siano già nella disponibilità dell amministrazione. Il termine ricomincia a decorrere, per intero, dalla data di ricezione della documentazione integrativa. La Provincia, qualora le modifiche e/o integrazioni richieste non pervengano nei termini stabiliti, provvederà ad archiviare i progetti in quanto privi della documentazione necessaria per la conclusione dell istruttoria. Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 3 di 8

4 L approvazione sarà effettuata con Determinazione Dirigenziale da parte del Settore 10 Tutela Risorse Naturali Servizio Risorse Minerali e Termali - Ufficio Cave, previo parere della Consulta provinciale per le attività estrattive di cava (prevista dall art- 33 della L.R. 14/98). È consentita la presentazione contestuale, da parte del/i soggetto/i interessato/i, delle seguenti istanze: - richiesta di approvazione del progetto di gestione produttiva dell ambito territoriale estrattivo; - richiesta di approvazione del progetto attuativo. In tal caso, tali istanze dovranno essere corredate della documentazione necessaria indicata, rispettivamente, nei presenti criteri e nelle istruzioni provinciali per istanze di apertura o ampliamento. L approvazione del progetto di gestione produttiva dell'ambito territoriale estrattivo e del progetto attuativo (autorizzazione per l esercizio dell attività estrattiva e di recupero ambientale) può essere effettuata contestualmente con un unico provvedimento dirigenziale esclusivamente nel caso in cui, per un ambito territoriale estrattivo, si sia qualificato un unico soggetto interessato. Nel caso in cui, per un ambito territoriale estrattivo, si siano qualificati più soggetti interessati, la provincia approverà, con provvedimenti dirigenziali distinti, il progetto di gestione produttiva dell'ambito territoriale estrattivo ed i singoli progetti attuativi. Preliminari all autorizzazione per l esercizio dell attività estrattiva sono l autorizzazione archeologica ai sensi dell art. 146 del D.lgs. n. 42/04, ove indicato dalla Soprintendenza Archeologica della Regione Lombardia, l autorizzazione paesaggistica ai sensi degli artt. 146 e 159 del D.lgs. n. 42/04, l autorizzazione forestale ai sensi dell art. 4 della L.R. 27/2004 e l autorizzazione idrogeologica ai sensi dell art. 7 del R.D. n. 3267/23, nonché altre eventuali autorizzazioni in funzione dei vincoli gravanti sulle aree dell ATE e/o su quelle limitrofe. L approvazione del progetto di gestione produttiva degli ambiti territoriali estrattivi ricadenti nei Siti di Importanza Comunitaria provinciali (SIC) o nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS) potrà essere effettuata soltanto dopo l espletamento, da parte della Provincia di Bergamo, dello studio per la valutazione di incidenza delle previsioni del nuovo Piano Cave rispetto ai proposti Siti di Importanza Comunitaria o alle proposte Zone di Protezione Speciale individuati sul territorio provinciale, ove non già espletata. CONTENUTI DEL PROGETTO D AMBITO Elementi amministrativi 1. Domanda in carta da bollo, contenente le generalità del/i richiedente/i, sottoscritta secondo le vigenti normative; 2. Documentazione atta a comprovare l avvenuta attivazione, presso la Regione Lombardia, della procedura di verifica di V.I.A. o della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.). 3. Indicazione di eventuali vincoli gravanti sulle aree dell ATE e/o su quelle limitrofe, nonché di eventuali autorizzazioni, nulla-osta, pareri o altri atti di assenso, comunque denominati, da rilasciarsi da parte di altre Autorità (es. vincolo paesaggistico, vincolo militare, vincolo archeologico; tale indicazione può essere effettuata dal Comune competente per territorio o mediante autocertificazione; Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 4 di 8

5 4. Dimostrazione di aver presentato copia completa di tutti gli elaborati al/ai Comune/i competente/i per territorio ed agli altri Enti od uffici eventualmente interessati (ad es. Ente gestore del Parco, Comuni limitrofi, ecc.); 5. Eventuali richieste di deroga alle norme tecniche di piano ed al D.P.R. 128/59 con indicazione degli enti gestori delle infrastrutture presenti; 6. Versamento spese istruttorie; 7. Elenco mappali compresi nell ATE; Elementi Tecnici Ortofotocarta o foto aerea di recente ripresa o derivata da immagini da satellite in scala 1:5000 estesa ad un intorno sufficiente a valutare complessivamente le eventuali implicazioni dell attività estrattiva sulle aree circostanti. Tale elaborato dovrà riportare ed evidenziare: a) il perimetro dell A.T.E.; b) i limiti amministrativi comunali se prossimi all Ambito o compresi nella porzione di ortofotocarta disponibile; c) la viabilità di servizio all A.T.E. nonché il raccordo della stessa con le principali infrastrutture viarie e anche le soluzioni individuate con riferimento alle eventuali prescrizioni di piano; d) gli elementi territoriali significativi ai fini della progettazione (rogge, canali, manufatti etc.); e) centri o nuclei abitati potenzialmente influenzabili dall attività estrattiva; f) altri Ambiti Territoriali Estrattivi nelle vicinanze; g) eventuali altre informazioni utili ai fini delle valutazioni progettuali. Adeguata documentazione fotografica rappresentante l area dell ATE completa della planimetria dei punti di ripresa. ALLEGATO N. 1 - RILIEVO DELLO STATO DI FATTO DELL AREA 1) Planimetria in scala adeguata (da 1:500 A 1:2000), estesa ad almeno 100 m. oltre il perimetro dell ATE, sulla quale devono essere riportati: a) rilievo plano-altimetrico dell Ambito Territoriale Estrattivo aggiornato e recante la data di effettuazione; b) perimetro dell Ambito Territoriale; c) i limiti amministrativi comunali se prossimi all Ambito; d) impianti, pertinenze di cava e viabilità di accesso e servizio all A.T.E.; e) gli elementi territoriali significativi (rogge, canali, corsi d acqua, manufatti, linee elettriche, aree protette, parchi etc.); f) delimitazione delle aree eventualmente già coltivate e/o recuperate prima della richiesta di approvazione del progetto di A.T.E. con indicazione della superficie; g) i capisaldi G.P.S. individuati dalla Provincia di Bergamo per la predisposizione della cartografia e specifici punti fissi inamovibili di riferimento con indicazione della quota s.l.m. la cui monografia deve essere riportata a margine; 2) Estratto mappa catastale, in scala 1: 2000, con la delimitazione dell A.T.E.; 3) Individuazione su estratto della Carta Tecnica Regionale alla scala 1:10000 dell ATE con rappresentazione della viabilità esterna nonché del rapporto della stessa con le principali infrastrutture viarie e le soluzioni individuate anche con riferimento alle eventuali prescrizioni di piano; PROGETTO DELLA COLTIVAZIONE COMPLETO DI: Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 5 di 8

6 1) Relazione geologica e idrogeologica delle aree interessate, anche mediante indagini geognostiche e geofisiche, con determinazione delle sezioni litostratigrafiche e delle caratteristiche geotecniche e geomeccaniche tese ad individuare il giacimento utile, contenente: a) rilevamento geologico ed idrogeologico, in scala idonea con la definizione della rete idrografica superficiale, la profondità della falda e la definizione delle caratteristiche della circolazione idrica sotterranea; b) identificazione e caratterizzazione dei presidi necessari a garantire il monitoraggio quali-quantitativo delle acque di falda (periodicità del monitoraggio non superiore a 12 mesi); 2) Studio idrogeologico di dettaglio (in caso di previsione di escavazione in falda) di cui all art. 23 delle NTA del Piano Cave; 3) Studio di compatibilità idraulico-ambientale (in caso di A.T.E. ricadenti negli ambiti del P.A.I. Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico del Bacino del fiume PO) secondo le modalità stabilite dall Autorità di Bacino; 4) Relazione tecnica sul progetto che specifichi: a) computo metrico generale, finalizzato ad individuare il riparto, fra i soggetti interessati, dei quantitativi di materiale di cui si chiede l estrazione, nei limiti della quantità di produzione massima prevista dalla scheda di piano; b) computo metrico dei volumi da estrarre (e delle relative superfici interessate), riferito, in caso di più cave, al complesso di tutte le aree estrattive, nonché a ciascuna di esse, indicante: volume, sia complessivo che relativo ad ogni singola fase, inteso come toutvenant; volume utile, sia complessivo che relativo ad ogni singola fase: volume del terreno vegetale (terreno di coltivo), sia complessivo che relativo ad ogni singola fase; volume di sterile, sia complessivo che relativo ad ogni singola fase, suddiviso in materiale da riutilizzare e materiale da collocare a discarica; volume di materiale sterile precedentemente accantonato da movimentare; c) la profondità/altezza degli scavi; d) le soluzioni di raccordo con aree di attività pregressa; e) l eventuale localizzazione delle aree di discarica se rese necessarie dal tipo di materiale e dalle modalità di coltivazione con l indicazione delle loro principali caratteristiche; f) calcoli di stabilità dei profili di sicurezza dei fronti di scavo durante ed al termine della coltivazione, nonché del recupero ambientale; g) l individuazione delle fasi di coltivazione (durata massima delle fasi 5 anni); h) le valutazioni e le scelte relative alla viabilità di servizio all Ambito, effettuate, se necessario, anche attraverso analisi condotte su un intorno territoriale sufficientemente vasto che tengano conto delle criticità legate all attraversamento di centri o nuclei abitati, e di quelle eventualmente già rappresentate dalle specifiche prescrizioni previste per l A.T.E. nella relativa scheda di piano; i) le modalità di regimazione/captazione e recapito delle acque reflue e meteoriche, con relativi calcoli di dimensionamento e verifica idraulica di idoneità del corpo recettore; j) le valutazioni e le scelte relative alla localizzazione delle eventuali aree di rispetto, all ubicazione degli impianti, di eventuali altre pertinenze della cava e delle piste di servizio, con riferimento ai potenziali effetti negativi sulle aree esterne all A.T.E. (emissioni di polveri, rumori, scarichi etc.); Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 6 di 8

7 ALLEGATO N. 2 - PROGETTO DI GESTIONE PRODUTTIVA DELL A.T.E., FASI DI COLTIVAZIONE E SEZIONI 1) Plano-altimetria in scala 1:500 / 1:2000 sulla quale deve essere rappresentato, oltre a quanto previsto dall allegato 1 (esclusi l estratto mappa catastale in scala 1:2000, l estratto della C.T.R. alla scala 1:10000 e le quote del rilievo dello stato di fatto per le porzioni di Ambito oggetto di escavazione): a) le fasi di coltivazione previste; b) la situazione al termine dell escavazione; c) le distanze di rispetto previste da opere e manufatti e dall altrui proprietà, nonché quelle relative ad altri vincoli gravanti sull area (pozzi pubblici, etc.); d) la viabilità interna ed esterna e l illustrazione delle eventuali modifiche al suo tracciato in funzione dell avanzamento dell attività estrattiva; 2) Sezioni longitudinali e trasversali di progetto, la cui traccia deve avere, ove possibile e nei casi di prosecuzione di attività estrattive in aree già autorizzate, la medesima posizione planimetrica delle sezioni precedentemente individuate, rappresentante anche: a) l inclinazione delle scarpate; b) quote e progressive; c) il livello minimo e massimo della superficie freatica; PROGETTO DELLE OPERE NECESSARIE AL RECUPERO AMBIENTALE DURANTE E AL TERMINE DELLA COLTIVAZIONE COSTITUITO DA: 1) Relazione tecnica che specifichi: a) le opere previste dall art. 44 delle NTA del Piano Cave, tempi e costi di realizzazione; b) individuazione delle fasi di recupero; c) computi metrici analitici riferiti ad ogni fase dei volumi di terreno vegetale accantonato e del materiale da impiegare nel recupero; d) le soluzioni di assetto finale dell area di cava collegato alle aree limitrofe; e) la descrizione quali-quantitativa delle specie arboree ed arbustive da mettere a dimora e la rappresentazione delle modalità di trattamento delle scarpate, delle sistemazioni idrauliche, delle fasi di intervento previste, ecc., previa analisi paesaggistico/vegetazionale (anche storica) delle caratteristiche del paesaggio; ALLEGATO N. 3 - PROGETTO DELLE OPERE NECESSARIE AL RECUPERO AMBIENTALE DURANTE E AL TERMINE DELLA COLTIVAZIONE 1) Plani-altimetria in scala 1:500 / 1:2000 sulla quale deve essere rappresentato, oltre a quanto previsto dall allegato 1 (esclusi l estratto mappa catastale in scala 1:2000, l estratto della C.T.R. alla scala 1:10000 e le quote del rilievo dello stato di fatto per le porzioni di Ambito oggetto di escavazione): a) l assetto e la destinazione finale dell area al termine dei lavori di recupero ambientale; b) le fasi previste per il recupero ambientale; c) la rappresentazione delle quote del terreno e della viabilità a fine coltivazione; d) la situazione morfologica al termine del recupero ambientale; e) le opere per la regimazione delle acque superficiali; f) la descrizione quali-quantitativa delle specie arboree ed arbustive da mettere a dimora e la rappresentazione delle forme di trattamento delle scarpate, delle sistemazioni idrauliche, delle fasi di intervento previste, ecc.; Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 7 di 8

8 g) le eventuali aree già recuperate prima dell approvazione del progetto di gestione produttiva dell A.T.E. con indicazione della superficie. 2) Sezioni longitudinali e trasversali al termine dei lavori di recupero, la cui traccia deve avere la medesima posizione planimetrica dell allegato n 2 con l indicazione di: a) inclinazione delle scarpate; b) eventuali riporti di materiale; c) stesura del terreno vegetale con indicazione dello spessore; d) livello minimo e massimo della falda freatica; e) quote e progressive. 3) Sezione-tipo del recupero ambientale. Gli elaborati cartografici devono essere trasmessi anche in formato digitale (files digitali georeferenziati). Criteri per la redazione dei Progetti di Ambito (L.R. 14/98) Pag. 8 di 8

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Suolo e Sottosuolo

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Suolo e Sottosuolo SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Suolo e Sottosuolo ELENCO RIASSUNTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA E TECNICO - PROGETTUALE OCCORRENTE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZA DI APPROVAZIONE DEI PROGETTI

Dettagli

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail RICHIESTA Autorizzazioni paesistiche. Provincia di Milano Settore Agricoltura, parchi, caccia e pesca Viale Piceno, 60 20129 MILANO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER INTERVENTI IN AREA BOSCATA

Dettagli

Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98.

Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98. Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98 Relazione tecnica Dicembre 2009 Sommario 1 Premessa... 3 2 Esigenze Straordinarie...

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE AREA TERRITORIALE [*1]... [*2].... [*3] Via........ [ CAP ] [ CITTÀ ] www.assagri.regione.calabria.it Per il tramite del Suap del Comune

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO 1 MARCA DA BOLLO TIMBRO DI RICEVUTA (spazio riservato all ufficio) Comune di Cesena SETTORE GOVERNO DEL TERRITORIO Servizio Attuazione Urbanistica Piazza Guidazzi 9, ridotto Teatro Bonci 1 piano 47521Cesena

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio provvisorio ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA DI

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA COSTRUZIONE ED ALL ESERCIZIO DI LINEE E IMPIANTI ELETTRICI (L.R. 22/2/1993, n. 10 e successive modificazioni)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA COSTRUZIONE ED ALL ESERCIZIO DI LINEE E IMPIANTI ELETTRICI (L.R. 22/2/1993, n. 10 e successive modificazioni) Città Metropolitana di Bologna Modello istanza Autorizzazione L.R.10/93 e s.m.i. Rev. 05 del 20/03/ 2015 pag. 1 di 5 Invio tramite: Raccomandata R.R. Posta elettronica certificata Marca da bollo da euro

Dettagli

DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc.

DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc. RI Prot. N ( bollo) Alla Provincia di Cagliari Via Cadello 9/b 3 piano DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc. Il sottoscritto/a C.F. nato a il residente in prov. via

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico RI Prot. N ( bollo) Alla Provincia di Cagliari DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico (art. 93 R.D. n. 1775/33) Il sottoscritto/a C.F., nato a il residente in Prov.

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico Prot. n. Bollo Alla Provincia di Carbonia Iglesias Via Fertilia, 40 09013 Carbonia RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA per uso irriguo, industriale, ecc. (art. 95 R.D. n 1775/33) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.)

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) REGIONE MARCHE Giunta Regionale PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) DIRETTIVA PER LE CAVE DI PRESTITO (articolo 6, comma 2, lettera e) della L.R. 1 dicembre 1997, n. 71) Art. 1 Definizioni e

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 18 del 09.08.2012. Art. 1 Oggetto del regolamento

Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 18 del 09.08.2012. Art. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI PERMESSO DI RICERCA DELLE ACQUE MINERALI, DI SORGENTE E TERMALI. attribuite ai Comuni dalla l.r. 27 Luglio 2004, n.38 Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO 06032013 TIMBRO PROTOCOLLO C I T T A D I S A C I L E N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda

Dettagli

P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata

P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata COMUNE DI COLONNELLA P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata (ai sensi dell art. 6 del D.Lgs. 28/2001) Moduli fotovoltaici collocati su edifici (NON INTEGRATI) e/o con superficie complessiva dei moduli

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (P.A.S.)

PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (P.A.S.) Comune di Cavaion Veronese Provincia di Verona Ufficio Tecnico Edilizia Privata Piazza G.Fracastoro, 8 37010 Cavaion Veronese w ww.comunec a va i on.it - edili zi aprivata@c omun ecav aion.it e dilizi

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA RI Prot. N ( bollo) Alla Provincia di Cagliari RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA per uso irriguo, industriale, ecc. (art. 95 R.D. n 1775/33) Il/la sottoscritto/a nato a il residente in, Prov.

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PROGETTO.. Richiedente: Tecnico: PREMESSA Il presente Piano di Gestione delle terre è stato redatto nel rispetto e in ottemperanza delle seguenti normative specifiche in materia:

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico Bollo Alla Provincia di Carbonia Iglesias Via Fertilia, 40 09013 Carbonia Protocollo n RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico (art. 93 R.D. n 1775/33) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

ALLEGATO A2 SCHEDA ALLEGATA ALLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE UNICA da compilare in ogni sua parte 1

ALLEGATO A2 SCHEDA ALLEGATA ALLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE UNICA da compilare in ogni sua parte 1 ALLEGATO A2 SCHEDA ALLEGATA ALLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE UNICA da compilare in ogni sua parte 1 I. Proponente... Indirizzo......... Telefo...Fax...e-mail...... Sede legale...... P. I.V.A. o C.F.......

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 23 maggio 2012 - n. IX/3509 Linee guida per la disciplina del procedimento per il rilascio della certificazione di avvenuta bonifica, messa in sicurezza operativa e messa

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL RICHIEDENTE

DICHIARAZIONE DEL RICHIEDENTE Marca da bollo 16,00 Enti pubblici esenti Alla Provincia di Como Settore Agricoltura e Pesca Servizio Boschi e Foreste Via Borgovico n. 171 22100 Como P E R P E R S O N E F I S I C H E Richiedente 1 Richiedente

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio tavola rotonda su L INNOVAZIONE POSSIBILE: DEMATERIALIZZAZIONE

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI Protocollo n. Bollo

AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI Protocollo n. Bollo Protocollo n Bollo Servizio Tutela del Territorio Via Argentaria 14 09016 Iglesias (CI) Tel 0781 6726519 - Fax 0781 6726650 www.provincia.carboniaiglesias.it RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue di tipo DOMESTICO non recapitanti in

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

Sintesi non tecnica dei documenti progettuali e di valutazione ambientale pag. 1. Premessa

Sintesi non tecnica dei documenti progettuali e di valutazione ambientale pag. 1. Premessa INDICE Premessa... 1 1. - Ubicazione ed inquadramento territoriale... 2 2. - Riferimenti normativi e analisi dei vincoli presenti... 2 3. - Descrizione del progetto... 2 Sintesi non tecnica dei documenti

Dettagli

Il/la sottoscritto/a nato/a a il in qualità di (legale rappresentante/procuratore/amministratore) della Società

Il/la sottoscritto/a nato/a a il in qualità di (legale rappresentante/procuratore/amministratore) della Società RICHIESTA L.R. 52/82 AUTORIZZAZIONE ALLA COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DI UN IMPIANTO ELETTRICO FINO A 150 KV. PROCEDURA ABBREVIATA PER LINEE ED IMPIANTI ELETTRICI DI CUI AL COMMA 1 DELL ART. 7 L.R. 52/82.

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Il Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione (PGRE), che costituirà l All. n. 5 o successivi, al provvedimento

Dettagli

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI DENUNCIA DI INIZIO DI ATTIVITÀ EDILIZIA

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI DENUNCIA DI INIZIO DI ATTIVITÀ EDILIZIA DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI DENUNCIA DI INIZIO DI ATTIVITÀ EDILIZIA PRATICA EDILIZIA n.... anno... INTERVENTO......... UBICAZIONE: località... via..., n.... IDENTIFICAZIONE N.C.T. N.C.E.U.

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

come richiestoci, Vi sottoponiamo la nostra migliore offerta economica relativa alla prestazione professionale di cui all oggetto.

come richiestoci, Vi sottoponiamo la nostra migliore offerta economica relativa alla prestazione professionale di cui all oggetto. Egr.... Project Manager... Energia Italia SPA Via...,... 0143 Roma Cosenza,... Oggetto: Offerta per la redazione degli elaborati tecnici al fine del rilascio dell'autorizzazione Paesaggistica per la costruzione

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI IN TESTA ALL IMPIANTO, BY-PASS GENERALI E

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione DOMANDA ALLO SCARICO REFLUI IN ACQUE SUPERFICIALI O NEL SOTTOSUOLO

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione DOMANDA ALLO SCARICO REFLUI IN ACQUE SUPERFICIALI O NEL SOTTOSUOLO CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione DATI DEL TITOLARE DATI DELLA DITTA O SOCIETÀ DOMANDA ALLO SCARICO REFLUI IN ACQUE SUPERFICIALI O NEL SOTTOSUOLO

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI VINCOLO IDROGEOLOGICO (L.R. 39/2000 LEGGE FORESTALE DELLA TOSCANA Art. 40) Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i.

COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i. ORIGINALE IN BOLLO 16,00 COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i. art 208 COMMA 15) SPETT.LE PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

COMUNICAZIONE DI PERFORAZIONE DI POZZO DOMESTICO

COMUNICAZIONE DI PERFORAZIONE DI POZZO DOMESTICO COMUNICAZIONE DI PERFORAZIONE DI POZZO DOMESTICO Oggetto del servizio e normativa di riferimento Il servizio è rivolto a coloro che intendono trivellare ed utilizzare un pozzo per gli usi domestici di

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II

Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II Domanda di finanziamento: documenti obbligatori, spese ammissibili, supporto alla compilazione Dott. Fabio CHERCHI Venturina, 14 Ottobre 2011 Sommario della presentazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE PER PROCEDURA ORDINARIA PRESENTAZIONE DEL MODELLO COMUNALE, COMPITATO IN TUTTE

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SFIORATORI DI PIENA LUNGO LE RETI FOGNARIE, SCARICATORI DI EMERGENZA PRESSO STAZIONE DI SOLLEVAMENTO E TERMINALI DI RETI METEORICHE

Dettagli

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI E PIANIFICAZIONE. Lavori di manutenzione del canale navigabile della laguna di Sant Antioco.

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI E PIANIFICAZIONE. Lavori di manutenzione del canale navigabile della laguna di Sant Antioco. Allegato A alla Delibera n. 63 del 20.11.2015 Lavori di manutenzione del canale navigabile della laguna di Sant Antioco. Approvazione del Progetto definitivo. (Recepimento delle prescrizioni del Decreto

Dettagli

ELENCO INDICATIVO DEGLI ELABORATI ED ALLEGATI DA PRESENTARE

ELENCO INDICATIVO DEGLI ELABORATI ED ALLEGATI DA PRESENTARE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE UNICA PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE ENERGETICA DA FONTE RINNOVABILE (art. 12 D.Lgs. 387/2003) ELENCO INDICATIVO DEGLI ELABORATI ED ALLEGATI DA

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001 Settore Governo del Territorio Marca da Bollo Euro 16,00 Mod PdC_San_05 / 02.2015 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Personale e Organizzazione - Tutela Ambientale UFFICIO Rifiuti, Emissioni in Atmosfera, Inquinamenti e Bonifiche N. Mecc. PDET-1333-2013 del 20/05/2013 Atto N. 1331 del 21/05/2013

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALL AMBIENTE DIRIGENTE DR. CLAUDIO CONFALONIERI SETTORE AMBIENTE Dr Ing. Claudia Pianello DPR n. 59 del 13.03.2013

Dettagli

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 8895 07/08/2008 Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA REGOLARIZZAZIONE DI PICCOLA DERIVAZIONE DI ACQUE SOTTERRANEE DA 3 POZZI AD USO INDUSTRIALE IN COMUNE DI CREMONA (CR).

Dettagli

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze Quali incombenze autorizzative per realizzare un impianto FV? Chiunque voglia realizzare un impianto fotovoltaico deve preventivamente occuparsi di tre problemi:

Dettagli

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE modello 1 A.O Domanda per ottenere il Nulla Osta all allaccio in fognatura pubblica per lo scarico di reflui domestici provenienti da unità abitative residenziali modello (ai sensi dell art. 45 del D.Lgs.

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

( bollo) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE. per uso domestico. (art. 93 R.D. n 1775/33)

( bollo) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE. per uso domestico. (art. 93 R.D. n 1775/33) RI Prot. n ( bollo) ALLA PROVINCIA DI CAGLIARI DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico (art. 93 R.D. n 1775/33) Il sottoscritto/a C.F., nato a il residente in Prov.

Dettagli

U. R. P. Documentazione da allegare alla domanda: progetto redatto secondo il livello di definizione previsto dalla L.

U. R. P. Documentazione da allegare alla domanda: progetto redatto secondo il livello di definizione previsto dalla L. U. R. P. AREA POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO IDRICO UFFICIO ACQUA TEL. 0425/386820-811 FAX 0425/386800 E-mail area.ambiente@provincia.rovigo.it Procedimento: approvazione progetto impianto di depurazione

Dettagli

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA Modello da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Marca da bollo 16,00 DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori)

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Descrizione del procedimento e riferimenti normativi Le attività di edilizia libera sono individuate all art. 6 D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380. Ai

Dettagli

ELENCO ELABORATI E ALLEGATI DA PRESENTARE

ELENCO ELABORATI E ALLEGATI DA PRESENTARE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE UNICA PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE ENERGETICA DA FONTE RINNOVABILE (art. 12 D.Lgs. 387/2003) ELENCO ELABORATI E ALLEGATI DA PRESENTARE Biomasse-biogas

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N. 3388 /7/Reg. Deter.

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.)

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.) Estremi archiviazione pratica edilizia: Prot. Gen. n. del Pratica Edilizia N Denuncia di inizio attività N ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI OGGETTO: Denuncia di inizio attività presentata

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n 5442 Decreto Ministeriale recante la procedura a livello nazionale per la registrazione delle DOP e IGP ai sensi del Regolamento (CE) n. 510/2006. Visto il regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio

Dettagli

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.)

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) Timbro quadro del professionista o logo Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) allegata a S.C.I.A. ex art. 19 L. 241/1990, come sostituito dall art.

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ai sensi dell art.17 della L.R.39/05 e s.m.i. Nome ... Frazione. Nome ... Frazione. Nome. Frazione C.F. Frazione. Cell.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ai sensi dell art.17 della L.R.39/05 e s.m.i. Nome ... Frazione. Nome ... Frazione. Nome. Frazione C.F. Frazione. Cell. COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare Spazio riservato all Ufficio Protocollo Area Territorio Urbanistica, Edilizia Privata Pratica COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ai sensi dell art.17 della

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio il Giovane, 21 05100 TERNI

ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio il Giovane, 21 05100 TERNI MODELLO Scarichi acque reflue industriali Protocollo Generale Data di presentazione Bollo 14,62 ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INTERVENTI MODIFICATIVI DELLO STATO DEI LUOGHI IN ZONE SOTTOPOSTE A VINCOLO DI

Dettagli

INQUADRAMENTO NORMATIVO

INQUADRAMENTO NORMATIVO INQUADRAMENTO NORMATIVO Variante Urbanistica al P.R.G., da approvare con l applicazione della procedura dell Accordo di Programma, ai sensi dell art. 7 della L.R. n 11 del 23/4/2004 e successive modifiche

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

N.1937 /7/Reg. Deter. Data, 11/06/2012

N.1937 /7/Reg. Deter. Data, 11/06/2012 Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N.1937 /7/Reg. Deter. Data,

Dettagli

Comune di Lazise Provincia di Verona

Comune di Lazise Provincia di Verona Comune di Lazise Provincia di Verona Edilizia Privata-Urbanistica Piazza Vittorio Emanuele II n. 20 37017 - LAZISE VR Tel. 045 6445111 - Fax 045 7580722 P.IVA 0413860230 www.comune.lazise.vr.it ediliziaprivatalazise@halleypec.it

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Scheda n. 3 INTERVENTO DI.... PROGETTISTA/I.... UBICAZIONE....... ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Da prodursi

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli