Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia e Mercati Finanziari-Creditizi"

Transcript

1 ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche

2 RAPPORTO MENSILE ABI Febbraio 2015 (principali evidenze) 1. A gennaio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, miliardi di euro (cfr. Tabella 3) è nettamente superiore, di quasi 116 miliardi, all'ammontare complessivo della raccolta da clientela, miliardi di euro (cfr. Tabella 1). 2. Segnali positivi dalle nuove erogazioni di prestiti bancari: i finanziamenti alle imprese hanno segnato nel quarto trimestre del 2014 rispetto all analogo periodo del 2013 un incremento su base annua di +12,1%. In termini di nuove erogazioni di mutui per l acquisto di immobili nell intero 2014 si è registrato un incremento annuo del +32,5%, mentre, nello stesso periodo, il flusso delle nuove operazioni di credito al consumo ha segnato un incremento su base annua di +9,2%. A gennaio 2015 il totale dei finanziamenti a famiglie e imprese ha presentato una variazione annua di -1,8%, lo stesso valore del mese precedente e migliore rispetto al -4,5% di novembre 2013, quando aveva raggiunto il picco negativo. Questo di gennaio 2015 per i prestiti bancari a famiglie e imprese è il miglior risultato da agosto 2012 (cfr. Tabella 3). Dalla fine del 2007, prima dell inizio della crisi, ad oggi i prestiti all economia sono passati da a miliardi di euro, quelli a famiglie e imprese da a miliardi di euro. 3. A gennaio 2015, i tassi di interesse sui prestiti si sono posizionati in Italia su livelli ancora bassi. Il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,69% (3,67% il mese precedente; 6,18% a fine 2007). Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è ridotto al 2,46% (il valore più basso da agosto 2010) dal 2,56% di dicembre 2014 (5,48% a fine 2007). Il tasso medio sulle nuove operazioni

3 per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,90% (2,88% il mese precedente e segnando il valore più basso da novembre 2010; 5,72% a fine 2007) (cfr. Tabella 4). 4. A seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, la rischiosità dei prestiti in Italia è ulteriormente cresciuta, le sofferenze lorde sono risultate a fine 2014 pari a quasi 183,7 mld, dai 181,1 mld di novembre (cfr. Tabella 7). Il rapporto sofferenze lorde su impieghi è del 9,6% a dicembre (8,1% un anno prima; 2,8% a fine 2007), valore che raggiunge il 16,1% per i piccoli operatori economici (14% a dicembre 2013; 7,1% a fine 2007), il 16,2% per le imprese (13,3% un anno prima; 3,6% a fine 2007) ed il 6,9% per le famiglie consumatrici (6,5% a dicembre 2013; 2,9% a fine 2007). Le sofferenze nette registrano a fine 2014 una lieve diminuzione, passando da 84,8 miliardi di novembre agli 84,5 miliardi di dicembre. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è risultato pari al 4,64% a dicembre dal 4,67% di novembre 2014 (4,31% a dicembre 2013; 0,86%, prima dell inizio della crisi). 5. In Italia diminuisce, su base annua, la raccolta a medio e lungo termine cioè tramite obbligazioni, (a gennaio 2015: -13,3%, segnando una diminuzione su base annua in valore assoluto di quasi 68 miliardi di euro) il che penalizza l erogazione dei prestiti a medio e lungo termine. Mentre i depositi aumentano sempre a fine gennaio di quasi 61 mld di euro rispetto all anno precedente (su base annua, +5%, +4,1% a dicembre 2014). L andamento della raccolta complessiva (depositi da clientela residente + obbligazioni) registra a gennaio 2015 una diminuzione di circa 7,2 mld di euro rispetto ad un anno prima, manifestando una variazione su base annua di -0,4% (-1,2% a dicembre 2014), risentendo della dinamica negativa della raccolta a medio e lungo termine (cfr. Tabella 1). Dalla fine del 2007, prima dell inizio della crisi, ad oggi la raccolta da clientela è passata da a 1.711,3 miliardi di euro, segnando un aumento in valore assoluto - di quasi 199 miliardi. 6. A gennaio 2015 il tasso medio sul totale della raccolta bancaria da clientela (somma di depositi, obbligazioni e pronti contro termine in euro a famiglie e società non finanziarie) in Italia si è collocato

4 all 1,47% (1,50% a dicembre 2014; 2,89% a fine 2007). Il tasso praticato sui depositi (conti correnti, depositi a risparmio e certificati di deposito) si è attestato allo 0,68% (0,73% a dicembre 2014), quello sui PCT all 1,15% (1,15% anche a dicembre 2014). Il rendimento delle obbligazioni è risultato pari al 3,15% dal 3,16% del mese precedente (cfr. Tabella 2). 7. Lo spread fra il tasso medio sui prestiti e quello medio sulla raccolta a famiglie e società non finanziarie permane in Italia su livelli particolarmente bassi, a gennaio 2015 è risultato pari a 222 punti base (217 punti base a dicembre 2014). Prima dell inizio della crisi finanziaria tale spread superava i 300 punti (329 punti % a fine 2007).

5 INDICE IN PRIMO PIANO SCENARIO MACROECONOMICO FINANZE PUBBLICHE MERCATI MONETARI E FINANZIARI POLITICHE E CONDIZIONI MONETARIE MERCATI OBBLIGAZIONARI MERCATI AZIONARI RISPARMIO AMMINISTRATO E GESTITO ATTIVITA FINANZIARIE DELLE FAMIGLIE MERCATI BANCARI RACCOLTA BANCARIA IMPIEGHI BANCARI DIFFERENZIALI FRA I TASSI SOFFERENZE BANCARIE PORTAFOGLIO TITOLI TASSI DI INTERESSE ARMONIZZATI IN ITALIA E NELL AREA DELL EURO ALLEGATI ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 1

6 Dati di sintesi sul mercato italiano Economia reale Indicatori mercato azionario bancario t/ta Q Q Q gen-15 dic-14 gen-14 Pil -0,1-0,3-0,4 m/m a/a m/m a/a m/m a/a - Consumi privati nd 0,3 0,3 Indice bancario Datastream -0,9 3,2 1,8 14,5 10,0 24,0 - Investimenti nd -4,0-1,0 m/m delta a/a m/m delta a/a delta a/a a/a dic-14 nov-14 dic-13 Price/earning 70,1 13,2 70,8 23,9 52,2 23,2 Produzione industriale +0,1-1,9-1,2 Dividend yield (in %) 1,6-0,1 1,6-0,4 1,8-1,6 a/a nov-14 ott-14 nov-13 dic-14 nov-14 dic-13 Vendite al dettaglio +0,9 +0,7-1,0 mld a/a mld a/a mld a/a delta m/m gen-15 dic-14 gen-14 Capitalizzazione 102,8 20,8 108,4 26,6 85,1 32,3 Clima fiducia imprese Clima fiducia famiglie -0,6 +5,1 +0,8 +0,4-0,9 +1,7 a/a dic-14 nov-14 dic-13 Attività finanziarie delle famiglie Inflazione (armonizzata) -0,1 +0,3 +0,7 Inflazione core +0,6 +0,5 +0,9 Q Q prezzo per barile gen-15 dic-14 gen-14 mld a/a mld a/a (in $) a/a (in $) a/a (in $) a/a Totale ,0% ,1% Petrolio (Brent) 50,0-53,6 64,0-42,2 107,7-3,8 Biglietti, monete e depositi ,8% ,3% cambio verso euro gen-15 dic-14 gen-14 Obbligazioni 639-9,1% 593-7,2% a/a a/a a/a - pubbliche ,7% ,0% Dollaro americano 1,163-14,6 1,231-10,1 1,362 +2,5 - emesse da IFM 336 5,6% ,5% Jen giappone 137,7-2,7 147,1 +3,7 141,5 +19,6 Azioni e partecipazioni 855 0,5% 934 9,3% Sterlina inglese 0,767-7,2 0,788-5,9 0,827-0,7 Quote di fondi comuni ,8% ,2% Franco svizzero 1,100-10,6 1,202-1,8 1,231 +0,2 Ass.vita, fondi pens, TFR ,3% ,4% Fonte: Elaborazione Ufficio Analisi Economiche ABI su dati Banca d'italia e Thomson Reuters Datastream. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 2

7 Dati di sintesi sul mercato italiano Masse intermediate e rischiosità del mercato bancario gen-15 dic-14 gen-14 mld a/a mld a/a mld a/a Totale Raccolta da clientela (settore privato e PA) 1.711,3-0, ,9-1, ,5-1,8 - depositi 1.266,6 5, ,8 4, ,8 2,3 - obbligazioni 444,7-13,3 444,0-13,5 512,6-10,5 Totale Impieghi a clientela (settore privato e PA) 1.827,1-1, ,1-1, ,0-3,3 Impieghi al settore privato 1.556,7-2, ,6-2, ,4-3,7 - a imprese e famiglie 1.405,0-1, ,0-1, ,6-3,9 - a medio-lungo 1.045,5-1, ,0-1, ,2-2,4 dic-14 nov-14 dic-13 % delta a/a % delta a/a % delta a/a Sofferenze lorde/impieghi 9,57 1,49 9,48 1,71 8,08 1,80 Tassi d'interesse di policy e del mercato monetario gen-15 dic-14 gen-14 % delta a/a % delta a/a % delta a/a Tasso Bce 0,05-0,20 0,05-0,20 0,25-0,50 Euribor a 3 mesi 0,06-0,23 0,08-0,19 0,29 0,09 Irs a 10 anni 0,74-1,32 0,90-1,19 2,06 0,29 Tasso medio raccolta (a) Tasso medio prestiti (b) Differenziale (b-a) Tassi d'interesse e margini bancari gen-15 dic-14 gen-14 % delta a/a % delta a/a % delta a/a 1,47-0,42 1,50-0,39 1,89-0,20 3,69-0,19 3,67-0,12 3,88 0,12 2,22 0,23 2,17 0,27 1,99 0,32 Fonte: Elaborazione Ufficio Analisi Economiche ABI su dati Banca d'italia, SI-ABI e Thomson Reuters Datastream. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 3

8 IN PRIMO PIANO Il 2014 si è chiuso con un sensibile incremento delle nuove erogazioni di mutui alle famiglie per l acquisto di immobili Nel corso del 2014 si è registrato un risveglio dei finanziamenti alle famiglie per l acquisto di immobili: in termini di nuove erogazioni di mutui per l acquisto di immobili nel 2014 essi sono risultati pari a quasi 25,3 miliardi, segnando un incremento annuo del +32,5%. Lo confermano anche i dati sulla domanda di mutui da parte delle famiglie: secondo i recenti dati del Barometro Crif il mese di dicembre 2014 ha fatto registrare una vera e propria impennata del numero di domande di mutuo presentate dalle famiglie italiane alle banche, con un eloquente +30,6% rispetto al corrispondente mese del 2013 che, a sua volta, si era caratterizzato per un segno positivo. Nel corso del 2014 si è registrata una costante tendenza alla crescita. Nel corso del 2014 si è d altra parte registrato un inversione di tendenza del numero di compravendite di unità immobiliari, dopo la forte contrazione registrata negli anni precedenti: secondo gli ultimi dati dell Agenzia del Territorio nel terzo trimestre del 2014 il totale delle compravendite è risultato di quasi contratti con un incremento annuo di +3,6% (-6,6% nello stesso periodo del 2013). mln di euro % - Prestiti per acquisto di abitazioni in Italia: ammontari in milioni di euro erogati nei periodi indicati (somma di flussi mensili) DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE (ponderata sui giorni lavorativi) Variazioni % annue gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 nov-13 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 prestiti finalizzati e prestiti personali mutui Fonte: Elaborazioni Ufficio Analisi Economiche ABI su dati Crif. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 4

9 Concentrando l attenzione sul totale delle consistenze dei finanziamenti alle sole famiglie consumatrici ed estendendo l analisi alle diverse regioni italiane si rileva come alla fine di novembre , in Italia, lo stock dei finanziamenti pari a circa 493 miliardi di euro ha segnato una variazione annua pari a -0,6%, in recupero rispetto al -1,1% di fine novembre 2013, quando aveva toccato il picco negativo. % 3,00 2,00 1,00 TOTALE PRESTITI ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI - Variazioni % annue nov-14 1,9 1,1 La dinamica dei prestiti bancari alle famiglie consumatrici è apparsa assai diversificata fra le diverse zone del Paese. Le variazioni annue più elevate si riscontano in Valle d Aosta (+1,9%) e in Trentino Alto Adige (+1,1%), seguite da Toscana e Lazio con valori prossimi allo zero. Sul lato opposto troviamo la Calabria (-2,9% la variazione annua) la Sardegna e la Basilicata che, sempre a fine novembre 2014, hanno segnato una flessione di -1,8%. 0,00 0,0-0,2-0,4-0,5-0,4-0,5-1,00-0,9-0,8-0,8-1,1-1,1-1,2-1,4-1,3-2,00-3,00-4,00 PIEMONTE VALLE D'AOSTA LIGURIA LOMBARDIA TRENTINO ALTO ADIGE VENETO FRIULI-VENEZIA GIULIA EMILIA-ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA LAZIO CAMPANIA ABRUZZI MOLISE PUGLIA Fonte: Elaborazioni Direzione Strategie e Mercati Finanziari ABI su dati Banca d'italia -1,8 BASILICATA -2,9 CALABRIA -1,3 SICILIA -0,6-1,8 SARDEGNA ITALIA -0,4 ITALIA NORD-OCCIDENTALE -0,6 ITALIA NORD-ORIENTALE -0,3 ITALIA CENTRALE -1,3-1,4 ITALIA MERIDIONALE ITALIA INSULARE -0,4 CENTRO-NORD -1,4 SUD E ISOLE 1 Ultimo dato al momento disponibile. Il dato si riferisce al totale prestiti a residenti alle famiglie consumatrici, alle istituzioni sociali private e ai soggetti non classificabili degli enti segnalanti, costituito da prestiti vivi e sofferenze. L aggregato esclude le IFM e comprende i mutui per l acquisto di abitazioni, il credito al consumo e gli altri prestiti. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 5

10 1. SCENARIO MACROECONOMICO Commercio e produzione industriale stentano A novembre 2014 il commercio mondiale ha registrato una variazione pari al -1% su base mensile (+2,2% a/a), in calo rispetto al +0,1% del mese precedente. La produzione industriale, a novembre, ha riportato una variazione pari al +0,1% su base mensile (+2,5% a/a), in lieve aumento rispetto al +0,1% del mese precedente. A gennaio 2015, l indicatore PMI 2 è passato da 52,4 a 52,8. Il sotto-indice riferito al settore manufatturiero è passato da 51,5 a 51,7, mentre quello riferito al settore dei servizi è passato da 52,5 a 52,9. L inflazione mondiale, a dicembre, è scesa di altri due decimi di punto al 2,7%. A gennaio 2015 il mercato azionario ha segnato una variazione pari al -0,9% su base mensile (+1,7% a/a), in linea al -1% del mese precedente. Prezzo del petrolio in lieve recupero A gennaio 2015 il prezzo del petrolio si è attestato a 56,9 dollari al barile, registrando una variazione del +13,7% rispetto al mese precedente (-47,6% a/a). I contratti futures indicano un valore di 59,7$ per giugno 2015 e di 65$ per dicembre Bric meno dinamici Nel quarto trimestre del 2014 il Pil cinese è cresciuto del +7,3% in termini trimestrali annualizzati, in linea al valore 2 Purchasing managers index: indici basati su sondaggi presso i direttori degli acquisti che si sono rilevati affidabili nel tracciare e anticipare la congiuntura. del trimestre precedente (+7,3%). L indicatore anticipatore dell Ocse, attualmente sotto quota 100, segnala una crescita ancora debole anche nei prossimi mesi. La dinamica dei prezzi rimane molto contenuta, con la rilevazione di dicembre che segna un +1,5% su base annuale (+1,4% il mese precedente). La crescita del Pil indiano nel quarto trimestre del 2014 è stata pari al +7,5%, in lieve calo rispetto al +8,2% registrato nel trimestre precedente. Le prospettive rimangono comunque incerte, visto il debole andamento dell indicatore anticipatore dell Ocse, attualmente a quota 99,3. L inflazione, a novembre, ha registrato una variazione pari al +5,9%, in aumento rispetto al +4,1% del mese precedente. Nel terzo trimestre del 2014 il Pil brasiliano ha registrato una contrazione pari al -0,2%, che si aggiunge al -0,8% del trimestre precedente. L indicatore anticipatore dell Ocse risulta inferiore a quota 100 (99,4). Nonostante il rallentamento, i prezzi al consumo a dicembre hanno registrato una variazione annua pari al +6,2%. In Russia, nel terzo trimestre del 2014, il Pil è cresciuto del +0,7%, in linea con il +0,8% del trimestre precedente. Tuttavia, l indicatore anticipatore dell Ocse segnala un indebolimento nei prossimi mesi. I prezzi al consumo continuano a crescere: a dicembre hanno registrato un tasso annuale di variazione pari al +11,4%. Crescita Usa: quarto trimestre in calo Nel quarto trimestre del 2014 il Pil statunitense ha registrato una variazione trimestrale annualizzata pari al +2,6%, in calo rispetto al +5% del trimestre precedente. L indicatore anticipatore dell Ocse, che rimane sopra quota 100, segnala comunque buone prospettive per l economia ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 6

11 anche nei prossimi 6 mesi. A dicembre il tasso di disoccupazione è sceso ancora al 5,6%, mentre il tasso di occupazione è rimasto stabile al 59,2%. Usa: inflazione al consumo in calo I prezzi al consumo sono cresciuti del +0,6% a dicembre, in calo rispetto al +1,3% del mese precedente. La componente core è passata dal +1,7% al +1,6%. Le aspettative di inflazione sono scese dal +2% di luglio 2014 al +1,2% di gennaio Pil Area Euro in aumento nel quarto trimestre 2014 Nel quarto trimestre di quest anno, il Pil dell'eurozona ha registrato una crescita pari a +1,4% in termini trimestrali annualizzati, in miglioramento rispetto al trimestre precedente (+0,6%). All interno dell Area, sia la Germania che, in minor misura, la Francia registrano un aumento del Pil - in termini trimestrali annualizzati rispettivamente pari a +2,8% (+0,3% nel trimestre precedente) e +0,3% (+1,1% la variazione del terzo trimestre 2014). L indicatore anticipatore dell Ocse relativo all Area Euro, a dicembre 2014, risulta stabile a 100,6 (100,6 anche a dicembre 2013)....con segnali di incertezza nell Area La produzione industriale nel complesso dell Area Euro ha registrato, a dicembre, una variazione nulla sia in termini congiunturali che tendenziali. A dicembre, l indice della produzione industriale è sceso, in termini tendenziali, sia in Germania (-0,4% a/a) che in Francia (-0,1% a/a) mentre è salito in entrambi i paesi in termini congiunturali (+0,1% e +1,5% rispettivamente). A novembre, i nuovi ordinativi manifatturieri sono cresciuti del +1,6% a/a nell Area Euro mentre sono scesi del -0,5% in Germania (+4% e +2,6% rispettivamente nel mese precedente). Le vendite al dettaglio nell Area Euro a dicembre hanno registrato una crescita pari a +0,3% su base congiunturale e a +2,9% in termini tendenziali. Anche in Germania e in Francia si registra una crescita delle vendite, pari, rispettivamente, a +0,2% e +0,5% su base congiunturale e a +4,2% e +2,2% rispetto a dicembre Indicatori di fiducia in miglioramento in tutte le aree L indice di fiducia delle imprese (cfr. Grafico A3), dopo il calo del mese precedente, a gennaio 2015 è salito nell Area Euro da -5,2 a -5, in Germania da -3,4 a -3,0 e in Francia da -9 a -8,9. Il miglioramento dell indice di fiducia dei consumatori è stato più evidente: a gennaio, rispetto al mese precedente, l indice è passato infatti da -10,9 a -8,5 nell Area Euro, da -1,4 a 0 in Germania e da -22,4 a -20,4 in Francia. A dicembre, nell Area Euro il tasso di disoccupazione è lievemente sceso all 11,3% dall 11,4% del mese precedente (a dicembre 2013 era pari all 11,8%). Il tasso di occupazione nel terzo trimestre 2014 è salito al 64,4% dal 63,9% del trimestre precedente. Inflazione ai minimi storici nell Area Euro L inflazione nell Area Euro continua a calare raggiungendo, a dicembre 2014, il -0,2% dal +0,3% del mese precedente (+0,8% un anno prima). Si tratta del dato piu' debole registrato dal settembre La componente core (depurata dalle componenti più volatili), nello stesso mese, è invece lievemente cresciuta al +0,7% dal +0,6% del mese precedente (+0,9% nel corrispondente mese del 2013). ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 7

12 Tasso di cambio: euro ai minimi rispetto al dollaro Nel mese di gennaio 2015 il mercato dei cambi ha registrato le seguenti dinamiche (cfr. Tabella A4): verso il dollaro americano la quotazione media mensile dell euro si è attestata a 1,163 (1,231 a dicembre). Il cambio sterlina inglese/euro è risultato mediamente pari a 0,767 (0,788 nel mese precedente); nei confronti del franco svizzero il cambio medio è stato pari a 1,1 (1,202 nel mese precedente); con riferimento allo yen giapponese si è riscontrato un cambio medio pari a 137,707 (147,112 nel precedente mese). Italia: Pil invariato nel quarto trimestre Secondo le prime stime Istat, dopo il calo del terzo trimestre (-0,1%), il prodotto interno lordo italiano, nel quarto trimestre dell anno in corso, è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente ed è diminuito dello 0,3% nei confronti del quarto trimestre del La variazione congiunturale, spiega l Istat, è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dell'agricoltura e dell'industria e di un aumento nei servizi. Dal lato della domanda, il contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) è compensato da un apporto positivo della componente estera netta. Nel 2014 il Pil italiano è diminuito del -0,4% in base alla media delle stime di crescita dei quattro trimestri. Per l'economia italiana si tratta del terzo anno consecutivo di calo e di 14 trimestri senza crescita. L indicatore anticipatore dell Ocse, dopo essersi stabilizzato sui 100,9 punti, a dicembre è lievemente salito a 101 (100,4 un anno prima). A dicembre 2014 l'indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,4% rispetto a novembre e del +0,1% in termini tendenziali. Nella media dell'intero anno 2014 la produzione è scesa di -0,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. In termini tendenziali gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano, a dicembre 2014, un solo aumento nel comparto dei beni strumentali (+6,5%); diminuiscono invece l'energia (-6,0%), i beni intermedi (-2,4%) e, in misura più lieve, i beni di consumo (-0,2%). I nuovi ordinativi manifatturieri a novembre registrano un forte calo su base annua pari a -4,1% (-0,2% nel mese precedente). Nello stesso mese, le vendite al dettaglio sono leggermente cresciute (+0,9% su base tendenziale e +0,2% su base congiunturale). L indice di fiducia dei consumatori mostra un evidente miglioramento: a gennaio 2015 si è portato a -11,5 da -16,6 del mese precedente (-18,5 dodici mesi prima); la fiducia delle imprese, invece, dopo i timidi segnali di miglioramento dei mesi scorsi, evidenzia una battuta d arresto scendendo a -6,9 da -6,3 di dicembre dello scorso anno (-6,6 a gennaio 2014). Il tasso di disoccupazione dell Italia, nel mese di dicembre 2014, è pari al 12,9%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali in termini congiunturali e in aumento di 0,3 punti percentuali nei dodici mesi. Il calo è il primo segnale di contrazione della disoccupazione dopo un periodo di crescita che si è protratto nella seconda metà dell'anno. Il numero di disoccupati è diminuito infatti del 3,2% rispetto al mese precedente (-109 mila). Anche la disoccupazione giovanile (15-24 anni), nello stesso mese, ha mostrato un calo rispetto al mese precedente, scendendo dal 43% al 42% (+0,1 punti nel confronto tendenziale). Il tasso di occupazione, è pari al 55,7%, in aumento di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti rispetto a dodici mesi prima. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 8

13 L'indice dei prezzi al consumo, a dicembre, è sceso del -0,1% dal +0,3% di novembre. L'inflazione core (al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici) è invece leggermente salita dal +0,5% al +0,6%. 2. FINANZE PUBBLICHE Nel gennaio 2015 avanzo di 3,4 miliardi per il settore statale in miglioramento rispetto al 2014 I dati congiunturali, diffusi mensilmente dal Ministero dell Economia e delle Finanze, indicano che nel mese di gennaio 2015 si è realizzato un avanzo del settore statale pari, in via provvisoria, a circa milioni, rispetto ad un fabbisogno di 566 milioni del mese di gennaio Nel confronto con lo stesso mese dell anno precedente il risultato di gennaio 2015 è ascrivibile all effetto congiunto di minori pagamenti per interessi sul debito pubblico, minori finanziamenti al bilancio europeo, nonché di minori prelevamenti dai conti di Tesoreria. Gli incassi fiscali del mese registrano una flessione rispetto al gennaio 2014, quando furono riscosse sia la cd. mini Imu, sia la maggiorazione TARES. 3. MERCATI MONETARI E FINANZIARI 3.1 POLITICHE E CONDIZIONI MONETARIE A gennaio 2015 la Banca Centrale Europea ha lasciato invariati i tassi di policy al minimo storico Come stabilito nella riunione del Consiglio direttivo della Bce del 17 luglio 2014, dall inizio del 2015 le riunioni dedicate alla politica monetaria saranno effettuate con una frequenza di sei settimane, anziché mensilmente. Pertanto, nella prima riunione della Banca Centrale Europea del 7 gennaio 2015 non si è trattato di politica monetaria, che invece è stato oggetto della Riunione del 22 gennaio u.s. In questa riunione la Bce ha lasciato il tasso di policy allo 0,05% (minimo storico dalla nascita dell euro), così come il tasso sui prestiti marginali allo 0,3% e il tasso sui depositi overnight delle banche presso la Bce a -0,2%. Nella riunione la Bce ha deciso di lanciare un piano di acquisti di titoli ampliato alle emissioni pubbliche da 60 miliardi di euro al mese, a partire dal prossimo mese di marzo e che proseguirà fino a settembre 2016 (per un totale di miliardi di euro) e comunque fino a quando l'inflazione si riporterà a livelli ritenuti coerenti con i suoi obiettivi. Il nuovo intervento ingloba i precedenti programmi di acquisti di prestiti bancari cartolarizzati (Abs) e di obbligazioni bancarie garantite (covered bond). L'acquisto di titoli di Stato da parte della Bce prevede un criterio di condivisione del rischio con le banche centrali dei paesi interessati. Gli acquisti previsti dal quantitative easing avranno come tetto massimo il 25% delle emissioni di debito e le scadenze dei titoli acquistati dalla Bce avranno una scadenza fra 2 e 20 anni, un intervallo molto ampio. La Bce ha ribadito come sia fondamentale che le riforme strutturali siano attuate rapidamente, in modo credibile ed efficace per una crescita sostenibile nella zona euro, ma è altrettanto importante accrescere le aspettative di redditi più elevati, incoraggiare le imprese ad aumentare gli investimenti e anticipare la ripresa economica. Secondo la ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 9

14 Bce le politiche di bilancio dovrebbero sostenere la ripresa economica, garantendo nel contempo la sostenibilità del debito nel rispetto del Patto di stabilità e crescita, che rimane l'ancora della fiducia. Tutti i paesi dovrebbero utilizzare il margine disponibile per una composizione della politiche di bilancio favorevole alla crescita. Il tasso di policy della Federal Reserve è rimasto invariato in un range compreso tra lo 0 e lo 0,25%, così come il tasso di sconto è anch esso immutato: 0,75%. In assestamento l euribor a 3 mesi al minimo storico: 0,05% il tasso registrato nella media della prima decade di febbraio In flessione i tassi sui contratti di interest rate swaps Il tasso euribor a tre mesi nella media del mese di gennaio 2015 si è posizionato allo 0,06%, 0,08% la media di dicembre 2014 (-23 punti base rispetto a gennaio cfr. Grafico A6). Nella media dei primi giorni di febbraio 2015 tale tasso è sceso a 0,05%. Il tasso sui contratti di interest rate swaps a 10 anni si è collocato allo 0,74% a gennaio 2015 (0,90% a dicembre scorso). Nella media dei primi giorni di febbraio 2015, tale tasso è sceso a 0,71%. Nei primi giorni di febbraio 2015, il differenziale tra il tasso swap a 10 anni e il tasso euribor a 3 mesi è risultato, in media, di 65 punti base, in diminuzione rispetto alla media di gennaio 2015 (67 p.b. e rispetto a febbraio punti base). In calo a dicembre il gap tra le condizioni monetarie complessive di Usa e Area Euro L indice delle condizioni monetarie 3, che considera congiuntamente l evoluzione dei tassi d interesse interbancari e dei tassi di cambio (entrambi espressi in termini reali), fa emergere come vi sia stato, a dicembre, nell Area Euro, un irrigidimento rispetto al mese precedente delle condizioni monetarie complessive di 0,58 punti, dovuto all aumento di entrambi le componenti ma in particolar modo dei tassi di interesse. Anche negli Stati Uniti vi è stato, nello stesso mese, un irrigidimento delle condizioni monetarie pari a 0,75 punti, causato, nuovamente, dal significativo aumento dei tassi di interesse. Date queste dinamiche, rispetto agli Stati Uniti le condizioni monetarie nell Eurozona sono risultate, a dicembre, più restrittive di 1,63 punti (1,81 punti nel mese precedente e 2,48 punti un anno prima). 3.2 MERCATI OBBLIGAZIONARI A gennaio in calo lo spread tra i tassi benchmark a 10 anni di Italia e Germania Il tasso benchmark sulla scadenza a 10 anni è risultato, nella media di gennaio pari a 1,88% negli USA (2,21% nel mese precedente), a 0,42% in Germania (a 0,64% nel 3 L indice delle condizioni monetarie (ICM) viene calcolato tramite somma algebrica della componente tasso reale con la componente cambio reale. La componente tasso reale, a cui si assegna nella determinazione dell indice un peso del 90%, è calcolata come variazione, rispetto al periodo base, dal tasso interbancario a tre mesi, espresso in termini reali (sulla base dell indice dei prezzi al consumo). La componente cambio reale, a cui si assegna un peso del 10%, è invece determinata calcolando la variazione percentuale, rispetto al periodo base, del tasso di cambio effettivo. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 10

15 mese precedente) e 1,71% in Italia (1,98% ad ottobre e 4,10% dodici mesi prima). Lo spread tra il rendimento sul decennale dei titoli di Stato italiani e tedeschi (cfr. Grafico A7) si è quindi portato nella media di gennaio sui 129 basis points (133 bp nel mese precedente). In calo a gennaio i rendimenti dei financial bond dell Area Euro e Usa I financial bond, sulla base delle indicazioni fornite dall indice Merrill Lynch, hanno mostrato nella media del mese di gennaio un rendimento pari al 1,17% nell Area Euro (1,25% nel mese precedente) e del 2,69% negli Stati Uniti (2,84% ad ottobre). In forte contrazione anche a dicembre 2014 le emissioni nette di obbligazioni bancarie (-152,7 miliardi di euro nel 2014) Nel mese di dicembre obbligazioni per categoria di emittente hanno mostrato in Italia le seguenti dinamiche: per i titoli di Stato le emissioni lorde sono ammontate a 8,4 miliardi di euro (56,8 miliardi nello stesso mese dell anno precedente; 463,4 miliardi nel 2014), mentre le emissioni nette si sono attestate a -33 miliardi (+41,3 miliardi l anno prima; +67,1 miliardi nel 2014); con riferimento ai corporate bonds, le emissioni lorde sono risultate pari a 6,2 miliardi di euro (6,5 miliardi nello stesso mese dell anno precedente; 45,8 miliardi nel 2014), mentre le emissioni nette sono ammontate a +2,7 miliardi (+1,8 miliardi nello stesso mese dello scorso anno; -12,1 miliardi nel 2014). per quanto riguarda, infine, le obbligazioni bancarie, le emissioni lorde sono ammontate a +10,1 miliardi di euro (+15,8 miliardi nello stesso mese dell anno precedente; 151,1 nel 2014), mentre le emissioni nette sono risultate pari a -6,7 miliardi (-8,4 miliardi lo stesso mese dell anno precedente; -152,7 miliardi nel 2014). 3.3 MERCATI AZIONARI A gennaio in aumento i principali indici di Borsa ad eccezione di quello giapponese e americano Nel mese di gennaio 2015 i corsi azionari internazionali hanno mostrato le seguenti dinamiche: il Dow Jones Euro Stoxx (indice dei 100 principali titoli dell Area Euro per capitalizzazione) è salito su media mensile del +2,9% (+6,8% su base annua) mentre il Nikkei 225 è sceso del -1,5% (+10,2% a/a) e lo Standard & Poor s 500 del -1,3% (+11,2% a/a). Il price/earning relativo al Dow Jones Euro Stoxx, nello stesso mese, era pari in media a 18,8 in aumento rispetto al 16,8 di dicembre. I principali indici di Borsa europei hanno evidenziato, a gennaio, le seguenti variazioni medie mensili: il Cac40 (l indice francese) è salito, rispetto al mese precedente, del +2,7 (+3,1% a/a), il Dax30 (l indice tedesco) del +3,0% (+6,4% a/a), il Ftse Mib (l indice della Borsa di Milano) del +0,7% (-0,9% a/a) e il Ftse100 della Borsa di Londra del +1,0% (-1,5% su base annua). Nello stesso mese, relativamente ai principali mercati della New Economy, si sono rilevate le seguenti dinamiche: il TecDax (l indice tecnologico tedesco) è salito del +5,9% (+17,9% a/a) mentre il Nasdaq è sceso del -1,3% (+12,5% a/a). Con riferimento ai principali indici bancari internazionali si sono registrate le seguenti variazioni: il FTSE Banche italiano è sceso del -1,9% (+4,2% a/a), il Dow Jones Euro Stoxx Banks del -5% (-11,7% a/a) e lo S&P 500 Banks del -6,1% (+4,1% su base annua). ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 11

16 Capitalizzazione complessiva del mercato azionario italiano in aumento a gennaio 2015 A gennaio la capitalizzazione del mercato azionario dell Area Euro è salita del +2,6% rispetto al mese precedente e del +6,4% su base annua. In valori assoluti la capitalizzazione complessiva si è portata a quota miliardi di euro da miliardi di dicembre. All interno dell Eurozona la capitalizzazione dell Italia è pari al 9,0% del totale, quella della Francia al 30,4% e quella della Germania al 27,3% (a fine 2007 erano rispettivamente pari al 12%, 22,4% e 28,9%). Nello stesso mese, con riferimento specifico all Italia, la capitalizzazione complessiva del mercato azionario si è attestata a 486 miliardi di euro, manifestando un aumento di poco più di 8 miliardi di euro rispetto al mese precedente (+14 miliardi rispetto ad un anno prima). A dicembre, la capitalizzazione del settore bancario (cfr. Grafico A8) è scesa rispetto al mese precedente portandosi a 102,8 miliardi da 108,4 miliardi di novembre (+17,7 miliardi la variazione annua). Date queste dinamiche, nel mese di dicembre, l incidenza del settore bancario sulla capitalizzazione totale è risultata pari al 21,5% (28,3% nel settembre del 2008, quando la crisi finanziaria era agli inizi). 3.4 RISPARMIO AMMINISTRATO E GESTITO Circa miliardi di euro i titoli a custodia presso le banche italiane a dicembre 2014, circa il 38% detenuti direttamente dalle famiglie consumatrici Gli ultimi dati sulla consistenza del totale dei titoli a custodia presso le banche italiane (sia in gestione che detenuti direttamente dalla clientela 4 ) - pari a circa miliardi di euro a dicembre 2014 (circa 55 miliardi in meno rispetto ad un anno prima; -3,8% la variazione annua) - mostrano come essa sia detenuta per circa il 38% direttamente dalle famiglie consumatrici (-15,6% la variazione annua), per il 25% dalle istituzioni finanziarie (+8,1%), per il 26,4% dalle imprese di assicurazione (+10,2% la variazione annua), per il 5,1% dalle società non finanziarie (-8,4%) e circa il 3,3% è detenuto dalle Amministrazioni pubbliche e dalle famiglie produttrici. I titoli da non residenti, circa il 2,4% del totale, hanno segnato nell ultimo anno una variazione annua di circa il -4%. In crescita alla fine del terzo trimestre del 2014 rispetto all anno precedente le gestioni patrimoniali sia delle banche italiane che delle SIM e degli O.I.C.R. Le gestioni patrimoniali bancarie hanno manifestato alla fine del terzo trimestre del 2014 una crescita, collocandosi a circa 102,8 miliardi di euro, segnando una variazione tendenziale positiva prossima al +15,3% (+13,6 miliardi circa rispetto a fine del terzo trimestre del 2013). Complessivamente il patrimonio delle gestioni patrimoniali individuali delle banche, delle SIM e degli O.I.C.R. in Italia è risultato alla fine del terzo trimestre del 2014 pari a circa 691,3 miliardi di euro, segnando un incremento rispetto ad un anno prima di circa il 15,3% (+91,7 miliardi rispetto alla fine del terzo trimestre del 2013). Le gestioni patrimoniali delle SIM, pari a circa 10,2 miliardi, hanno segnato una variazione annua di +0,6% (+64 milioni 4 Residente e non residente. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 12

17 rispetto alla fine del terzo trimestre del 2013), mentre quelle degli O.I.C.R., pari a 578,3 miliardi di euro, hanno manifestato una crescita annua di +15,3% (+78 miliardi rispetto alla fine del terzo trimestre del 2013). In aumento a dicembre 2014 il patrimonio dei fondi aperti di diritto italiano ed estero; positivo il flusso della raccolta netta A fine 2014 il patrimonio dei fondi aperti di diritto italiano ed estero è aumentato, collocandosi intorno ai 681,1 miliardi di euro (+5,3 miliardi circa rispetto al mese precedente). Tale patrimonio è composto per il 30,3% da fondi di diritto italiano e per il restante 69,7% da fondi di diritto estero 5. In particolare, rispetto a novembre 2014 vi è stato un incremento di +4% di fondi flessibili, +2 miliardi di euro dei fondi obbligazionari, di +862 milioni di fondi bilanciati e +602 milioni di fondi monetari ed una diminuzione di -1,5 miliardi di fondi hedge, di -654 milioni di fondi azionari e di -15 milioni di fondi non classificati. Con particolare riguardo alla composizione del patrimonio per tipologia di fondi si rileva come, nell ultimo anno, la quota dei fondi flessibili sia salita dal 17,8% di dicembre 2013 al 22,1% di dicembre 2014 e quella dei fondi bilanciati dal 5,3% al 6,3%, mentre la quota dei fondi obbligazionari è scesa dal 48,2% al 46,2%, quella dei fondi hedge dall 1,1% allo 0,8% e quella dei fondi monetari dal 5,2% al 3,8%. La quota sul totale dei fondi non classificati è scesa dallo 0,8% allo 0,2%. La quota dei fondi azionari è rimasta stabile intorno al 21%. Sempre a dicembre 2014 si è registrato un flusso positivo 5 Fondi di diritto italiani: fondi armonizzati e non armonizzati domiciliati in Italia; Fondi di diritto estero: fondi armonizzati e non armonizzati domiciliati all estero, prevalentemente in Lussemburgo, Irlanda e Francia. della raccolta netta dei fondi aperti pari a +5,4 miliardi di euro; +5,3 miliardi il mese precedente (+89,8 miliardi nell intero 2014 e +48,7 miliardi nel 2013) ATTIVITA FINANZIARIE DELLE FAMIGLIE Le attività finanziarie delle famiglie italiane sono aumentate del 5,1% nel terzo trimestre del 2014: bene i fondi comuni, i depositi e le azioni e partecipazioni, in flessione le obbligazioni bancarie. Dall analisi degli ultimi dati disponibili sulle attività finanziarie delle famiglie in Italia emerge come tale aggregato ammonti a miliardi di euro nel terzo trimestre del 2014, con un aumento su base annua del 5,1%. Le principali tendenze delle sue componenti possono essere riassunte come segue. Stabile e in crescita: la dinamica di biglietti, monete e depositi bancari (sia a vista sia a tempo), che ha segnato una variazione tendenziale positiva del 2,3%. La quota di questo aggregato sul totale delle attività finanziarie delle famiglie risulta essere pari al 30,4% (in lieve flessione rispetto ad un anno prima); le quote di fondi comuni sono in crescita del +21,2% su base annua e risultano pari al 9,2% delle attività finanziarie delle famiglie (8% nello stesso periodo dell anno precedente); le assicurazioni ramo vita, fondi pensione e TFR, che hanno segnato una variazione positiva del 10,4%. La quota di questo aggregato risulta pari al 18,5% (17,6% nello stesso periodo dell anno precedente). ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 13

18 le azioni e partecipazioni, in aumento del +9,3% su base annua, risultano pari al 23,3% del totale delle attività finanziarie (22,4% nel terzo trimestre del 2013). In flessione: le obbligazioni hanno segnato una variazione negativa (-7,2%) segno condiviso solo dalla componente bancaria (-24,5%). Le obbligazioni pubbliche, infatti, sono cresciute del 22% rispetto ad un anno prima. La quota di questo aggregato sul totale delle attività finanziarie delle famiglie risulta essere pari al 14,8% (16,7% nel precedente anno). ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 14

19 4. MERCATI BANCARI 4.1 RACCOLTA BANCARIA A gennaio 2015 in lieve miglioramento ancorchè su valori negativi - la dinamica annua della raccolta sull interno da clientela delle banche in Italia; rimane positivo il trend dei depositi, mentre in forte contrazione la dinamica delle obbligazioni Secondo le prime stime del SI-ABI a gennaio 2015 la raccolta denominata in euro da clientela del totale delle banche in Italia, rappresentata dai depositi a clientela residente (depositi in c/c, depositi con durata prestabilita al netto di quelli connessi con operazioni di cessioni di crediti, depositi rimborsabili con preavviso e pct; i depositi sono al netto delle operazioni con controparti centrali) e dalle obbligazioni (al netto di quelle riacquistate da banche) è diminuita di circa 7,2 miliardi su base annua, manifestando una variazione annua pari a -0,4% (-1,2% a dicembre 2014; -1,9% a gennaio 2014). Più in particolare, la raccolta bancaria da clientela residente è risultata pari a 1.711,3 miliardi di euro (cfr. Tabella 1); prima dell inizio della crisi a fine 2007 l ammontare della raccolta bancaria si ragguagliava a circa miliardi di euro (+198,6 miliardi dalla fine del 2007 ad oggi); così composta: 1.000,5 miliardi di depositi da clientela (+266,1 miliardi dalla fine del 2007 ad oggi) e 512,2 miliardi di obbligazioni (-67,5 miliardi dal 2007). L osservazione delle diverse componenti mostra la netta divaricazione tra le fonti a breve e quelle a medio e lungo termine. I depositi da clientela residente (al netto delle operazioni con controparti centrali, dei depositi con durata prestabilita connessi con operazioni di cessioni di crediti) hanno registrato a gennaio 2015 una variazione tendenziale pari a +5% (+4,1% a fine 2014), segnando un aumento in valore assoluto su base annua di quasi 61 miliardi di euro. L ammontare dei depositi raggiunge a fine gennaio un livello di 1.266,6 miliardi. La variazione annua delle obbligazioni 6 è risultata pari a -13,3% (-13,5% a fine 2014), manifestando una diminuzione in valore assoluto su base annua di quasi 68 miliardi di euro. L ammontare delle obbligazioni risulta pari a 444,7 miliardi di euro. A dicembre 2014 continua ad essere negativo il trend dei depositi dall estero 7 : in particolare, quelli delle banche italiane sono stati pari a circa 307,5 miliardi di euro, il 5,7% in meno di un anno prima (-10,2% il mese precedente). La quota dei depositi dall estero sul totale provvista si è posizionata al 11,8% (12% un anno prima). Il flusso netto di provvista dall estero nel periodo compreso fra dicembre 2013 e dicembre 2014 è stato negativo per circa 18,5 miliardi di euro. 6 Le obbligazioni (di residenti e non) sono al netto di quelle riacquistate da banche. 7 Indebitamento verso non residenti: depositi delle IFM, Amministrazioni Centrali, altre Amministrazioni pubbliche ed altri residenti in altri paesi dell Area Euro e del resto del mondo. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 15

20 Tabella 1 Depositi e obbligazioni da clientela delle banche in Italia Raccolta (depositi e obbligazioni) Depositi clientela residente 1 Obbligazioni 2 mln a/a mln a/a mln a/a gennaio , , ,23 febbraio , , ,36 marzo , , ,74 aprile , , ,72 maggio , , ,75 giugno , , ,48 luglio , , ,34 agosto , , ,86 settembre , , ,08 ottobre , , ,57 novembre , , ,63 dicembre , , ,77 gennaio , , ,46 febbraio , , ,85 marzo , , ,08 aprile , , ,94 maggio , , ,35 giugno , , ,18 luglio , , ,84 agosto , , ,31 settembre , , ,17 ottobre , , ,53 novembre , , ,50 dicembre , , ,54 gennaio , , ,26 Note: ultimo mese stime SI-ABI. 1 Depositi della clientela ordinaria residente privata, sono esclusi i depositi delle IFM e delle Amminstrazioni centrali. Sono inclusi conti correnti, depositi con durata prestabilita, depositi rimborsabili con preavviso e pronti contro termine. I dati sono nettati dalle operazioni con controparti centrali, dai depositi con durata prestabilita connessi con operazioni di cessioni di crediti. 2 Registrate al valor nominale ed espresse in euro includono le passività subordinate e non includono le obbligazioni acquistate da banche. Si riferiscono a clientela residente e non residente. Fonte: Elaborazione Ufficio Analisi Economiche ABI su dati Banca d'italia e SI-ABI. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 16

21 A fine 2014 la raccolta netta dall estero (depositi dall estero meno prestiti sull estero) è stata pari a circa 115 miliardi di euro (-19,4% la variazione tendenziale). Sul totale degli impieghi sull interno è risultata pari al 6,4% (6% un anno prima), mentre i prestiti sull estero sempre alla stessa data - sono ammontati a 192,4 miliardi di euro. Il rapporto prestiti sull estero/depositi dall estero è risultato pari al 62,6% (56,2% un anno prima). In lieve flessione i tassi di interesse sulla raccolta bancaria Le statistiche armonizzate del Sistema europeo di banche centrali rilevano come il tasso medio della raccolta bancaria da clientela (che comprende il rendimento dei depositi, delle obbligazioni e dei pronti contro termine in euro applicati al comparto delle famiglie e società non finanziarie) si sia collocato a gennaio 2015 a 1,47% (1,50% a dicembre 2014; 2,89% a fine 2007). Il tasso sui depositi in euro applicato alle famiglie e società non finanziarie è lievemente sceso collocandosi allo 0,68% (0,73% a dicembre cfr. Tabella 2), così come quello delle obbligazioni al 3,15% (3,16% a dicembre 2014), mentre quello sui pct è risultato pari a 1,15% (1,15% anche il mese precedente). vita residua superiore all anno scambiati alla Borsa valori italiana (M.O.T.), si è collocato a gennaio 2015 all 1,33%, 22 punti base in meno del mese precedente, il valore più basso da oltre un decennio e 150 basis points al di sotto del valore di gennaio Nel mese di gennaio 2015 il rendimento lordo sul mercato secondario dei CCT è risultato pari a 0,74% (0,87% a dicembre 2014; 1,55% a gennaio 2014). Con riferimento ai BTP 8, nella media del mese di gennaio 2015 il rendimento medio è risultato pari all 1,82% (2,04% a dicembre 2014; 3,45% a gennaio 2014). Il rendimento medio lordo annualizzato dei BOT, infine, è passato nel periodo dicembre 2014 gennaio 2015 dallo 0,28% allo 0,14%. Il rendimento dei titoli pubblici ha risentito dell attenuazione delle tensioni sui mercati finanziari Sul mercato secondario dei titoli di Stato, il Rendistato, cioè il dato relativo al campione dei titoli con 8 Il dato medio mensile del tasso di interesse dei BTP è influenzato dalla diversa scadenza dei titoli in emissione ogni mese. ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 17

22 Depositi in euro (consistenze) Depositi in c/c in euro (consistenze) Pronti contro termine (consistenze) Obbligazioni (consistenze) Tabella 2 Italia: tassi d'interesse per gli investitori (medie mensili - valori %) Tassi d'interesse bancari: famiglie e società non finanziarie (statistiche armonizzate del SEBC) Raccolta (depositi, pct e obbligazioni) (consistenze) 1 Rendimenti lordi dei titoli di Stato sul mercato secondario BOT CCT CTZ BTP Rend. all'emissione della raccolta postale Libretti serie ord. Rend. medio annuo al 5 anno Rend. medio annuo al 20 anno gen-10 0,68 0,31 1,43 2,91 1,60 0,66 1,01 1,23 3,95 0,75 1,45 4,10 gen-11 0,69 0,36 1,58 2,91 1,51 1,57 2,59 2,22 4,55 1,00 1,65 4,50 gen-12 1,07 0,60 2,77 3,37 2,01 4,02 8,91 5,19 6,59 2,40 3,50 7,00 gen-13 1,25 0,54 3,03 3,36 2,09 0,96 2,82 1,69 4,14 1,00 2,50 6,00 gen-14 0,95 0,38 1,91 3,42 1,89 0,58 1,55 0,87 3,45 0,25 2,00 4,75 feb-14 0,94 0,38 2,06 3,39 1,85 0,49 1,41 0,74 3,27 0,25 2,00 4,75 mar-14 0,94 0,39 2,00 3,37 1,80 0,47 1,17 0,67 3,06 0,25 2,00 4,50 apr-14 0,89 0,37 2,07 3,33 1,75 0,50 1,08 0,68 2,87 0,25 1,25 4,00 mag-14 0,87 0,37 1,84 3,34 1,74 0,53 1,21 0,75 2,80 0,25 1,25 4,00 giu-14 0,86 0,36 1,76 3,31 1,71 0,35 1,08 0,54 2,63 0,25 1,25 4,00 lug-14 0,83 0,32 1,81 3,29 1,67 0,26 0,96 0,44 2,54 0,25 1,25 3,50 ago-14 0,81 0,32 1,77 3,28 1,64 0,18 0,89 0,34 2,42 0,25 1,25 3,50 set-14 0,79 0,31 1,79 3,21 1,60 0,18 0,84 0,32 2,25 0,25 1,25 3,50 ott-14 0,79 0,27 1,80 3,21 1,58 0,28 0,95 0,49 2,31 0,25 1,25 3,50 nov-14 0,74 0,27 1,68 3,17 1,51 0,26 0,89 0,48 2,24 0,25 1,25 3,50 dic-14 0,73 0,30 1,15 3,16 1,50 0,28 0,87 0,49 2,04 0,25 1,25 3,50 gen-15 0,68 0,26 1,15 3,15 1,47 0,14 0,74 0,33 1,82 0,25 1,00 3,25 Nota: per i tassi bancari ultimo mese disponibile stime SI-ABI. 1 Tasso medio ponderato, elaborazione Ufficio Analisi Economiche ABI. Fonte: Elaborazione Ufficio Analisi Economiche ABI su dati Banca d'italia e SI-ABI ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 18

23 4.2 IMPIEGHI BANCARI A gennaio 2015 in consolidamento la dinamica dei finanziamenti bancari La dinamica dei prestiti bancari ha manifestato, a gennaio 2015 un consolidamento della sua dinamica annua; sulla base di prime stime il totale prestiti a residenti in Italia (settore privato più Amministrazioni pubbliche al netto dei pct con controparti centrali) si colloca a 1.827,1 miliardi di euro, segnando una variazione annua di -1,4% (-1,4% anche il mese precedente). A fine 2007 prima dell inizio della crisi tali prestiti ammontavano a miliardi, segnando da allora ad oggi un aumento in valore assoluto di quasi 154 miliardi di euro. In consolidamento è risultata anche la variazione annua dei prestiti a residenti in Italia al settore privato 9 (-2% a gennaio 2015, -2,1% il mese precedente - cfr. Tabella 3). A fine gennaio 2015 risultano pari a 1.556,7 miliardi di euro (1.450 miliardi a fine 2007, +106,6 miliardi circa da allora ad oggi). I prestiti a famiglie e società non finanziarie ammontano, sempre a gennaio 2015, a miliardi di euro, segnando una variazione annua lievemente negativa, pari a -1,8% 10, il miglior risultato da agosto 2012 (-1,8% 9 Altri residenti in Italia: società non finanziarie, famiglie consumatrici, famiglie produttrici, istituzioni senza fini di lucro, assicurazioni e fondi pensione e altre istituzioni finanziarie al netto dei pct con controparti centrali. 10 Da gennaio 2014 le variazioni annue dei prestiti a famiglie e società non finanziarie sono state rettificate per tenere conto degli effetti della riorganizzazione di primari gruppi bancari che hanno comportato una anche a fine 2014; -1% nella media Area Euro a dicembre 2014). A fine 2007 tali prestiti si collocavano a miliardi, con un incremento nel periodo in valore assoluto di oltre 126 miliardi. Quindi tutte e tre gli aggregati degli impieghi mostrano un recupero rispetto al picco negativo registrato a novembre Ove si consideri la disaggregazione per durata, si rileva come il segmento a breve termine (fino a 1 anno) abbia segnato una variazione annua di -2,6% (-2,6% anche a dicembre 2014), mentre quello a medio e lungo termine (oltre 1 anno) ha segnato una variazione di -1,6% (-1,6% anche a dicembre 2014). A fine 2014 in lieve miglioramento l andamento dei finanziamenti alle imprese; al -0,5% la dinamica dei prestiti alle famiglie A fine 2014 la dinamica dei prestiti alle imprese non finanziarie è risultata pari a -2,3% 11 (-2,6% il mese precedente; -5,9% a novembre 2013, il valore più negativo). Con riguardo alle nuove erogazioni, i finanziamenti alle imprese erogati nel quarto trimestre del 2014 rispetto all analogo periodo del 2013 sono aumentati riclassificazione statistica delle poste di bilancio con controparte dal settore "altre istituzioni finananziarie" al settore "società non finanziarie". Da Dicembre 2014 le variazioni annue tengono conto anche dell'entrata in vigore dei Regolamenti BCE/2013/ e 2014/30. Le principali novità hanno riguardato: il recepimento del Sistema Europeo dei Conti (SEC2010), che ha comportato una riclassificazione statistica delle poste di bilancio con controparte "società di partecipazione (holding)" dal settore "società non finanziarie" al settore "altre istituzioni finanziarie" quantificabile in circa 9 miliardi (cfr. Appendice metodologica Supplemento Bollettino Statistico della Banca d'italia "Moneta e banche" febbraio 2015). 11 I tassi di crescita sono calcolati includendo i prestiti non rilevati nei bilanci bancari in quanto cartolarizzati e al netto delle variazioni delle consistenze non connesse con transazioni (ad esempio, variazioni dovute a fluttuazioni del cambio, ad aggiustamenti di valore o a riclassificazioni). ABI Direzione Strategie e Mercati Finanziari - Ufficio Analisi Economiche 19

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Settembre 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Novembre 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Aprile 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Maggio 2016 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI 1 Maggio 2016 (principali evidenze)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.848 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Gennaio 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Dicembre 2014 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2014 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Maggio 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Ottobre 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Novembre 2014 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Novembre 2014 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Marzo 2014 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Luglio 2013 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Settembre 2014 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2014 (principali

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Marzo 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Gennaio 2016 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Luglio 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Maggio 2014 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Dicembre 2012 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche INDICE IN PRIMO PIANO... 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO...

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Aprile 2014 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2014 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Ottobre 2013 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2013 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Giugno 2012 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche INDICE IN PRIMO PIANO...4 1. SCENARIO MACROECONOMICO...6

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Gennaio 2011 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche INDICE IN PRIMO PIANO...4 1. SCENARIO MACROECONOMICO...4

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Febbraio 2014 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Febbraio 2014 (principali evidenze)

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Giugno 2013 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2013 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Settembre 2012 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche INDICE IN PRIMO PIANO...4 1. SCENARIO MACROECONOMICO...6

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Maggio 2013 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2013 (principali evidenze)

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Settembre 2011 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche INDICE IN PRIMO PIANO...4 1. SCENARIO MACROECONOMICO...6

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

ABI Monthly Outlook. Aprile 2009. Centro Studi e Ricerche

ABI Monthly Outlook. Aprile 2009. Centro Studi e Ricerche ABI Monthly Outlook 100 Aprile 2009 Centro Studi e Ricerche INDICE IN PRIMO PIANO 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO... 6 2. FINANZA PUBBLICA... 9 3. POLITICA MONETARIA E TASSI DEL MERCATO MONETARIO... 10 4.

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

ABI Monthly Outlook. Gennaio 2009. Centro Studi e Ricerche

ABI Monthly Outlook. Gennaio 2009. Centro Studi e Ricerche ABI Monthly Outlook Gennaio 2009 Centro Studi e Ricerche INDICE FOCUS BANCHE & FINANZA... 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO... 5 2. FINANZA PUBBLICA... 8 3. POLITICA MONETARIA E TASSI DEL MERCATO MONETARIO...

Dettagli

ABI Monthly Outlook. Settembre 2007. Centro Studi e Ricerche

ABI Monthly Outlook. Settembre 2007. Centro Studi e Ricerche ABI Monthly Outlook Settembre 2007 Centro Studi e Ricerche INDICE FOCUS BANCHE & FINANZA... 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO... 5 2. FINANZA PUBBLICA... 9 3. POLITICA MONETARIA E TASSI DI MERCATO MONETARIO...

Dettagli

ABI Monthly Outlook. Maggio 2009. Centro Studi e Ricerche

ABI Monthly Outlook. Maggio 2009. Centro Studi e Ricerche ABI Monthly Outlook Maggio 2009 Centro Studi e Ricerche INDICE IN PRIMO PIANO 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO... 5 2. FINANZA PUBBLICA... 8 3. POLITICA MONETARIA E TASSI DEL MERCATO MONETARIO... 9 4. ATTIVITA

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca., Tassi

Dettagli

ABI Monthly Outlook. Aprile 2008. Centro Studi e Ricerche

ABI Monthly Outlook. Aprile 2008. Centro Studi e Ricerche ABI Monthly Outlook Aprile 2008 Centro Studi e Ricerche INDICE IN PRIMO PIANO... 4 FOCUS BANCHE & FINANZA... 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO... 5 2. FINANZA PUBBLICA... 9 3. POLITICA MONETARIA E TASSI DI

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

ABINEWS. Supplemento al numero 12/2003 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana

ABINEWS. Supplemento al numero 12/2003 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana ABINEWS Supplemento al numero 12/2003 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana On line Spediz. in abb.to postale - art.2, comma 20/c, legge n.662/96 - Filiale di Roma Il Rapporto di Dicembre

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Aprile 2013 Prestiti più cari PRESTITI PIÚ CARI Continuano a ridursi i flussi creditizi, ma con velocità meno pronunciata che nei mesi precedenti. Anche le sofferenze registrano

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza gen 9 feb 9 mar 9 apr 9 mag 9 giu 9 lug 9 ago 9 set 9 ott 9 nov 9 dic 9 gen 1 feb 1 mar 1 apr 1 mag 1 giu 1 lug 1 ago 1 set 1 ott 1 nov 1 dic 1 gen 11 feb 11 mar 11 apr 11 mag 11 giu 11 lug 11 ago 11 set

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Marzo 2013 Rallentano gli impieghi, aumentano le sofferenze RALLENTANO GLI IMPIEGHI, AUMENTANO LE SOFFERENZE Si protrae la fase di contrazione degli impieghi a famiglie e

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

ABINEWS. On line. Gli Indici ABI. Il Rapporto di Febbraio 8,38 (6,29) 4,75 (4,67) 0,80 (0,81) 5,30 (6,02)

ABINEWS. On line. Gli Indici ABI. Il Rapporto di Febbraio 8,38 (6,29) 4,75 (4,67) 0,80 (0,81) 5,30 (6,02) ABINEWS Supplemento al numero 2/2004 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana On line Spediz. in abb.to postale - art.2, comma 20/c, legge n.662/96 - Filiale di Roma Il Rapporto di Febbraio www.abi.it

Dettagli

Monitor del mercato dei mutui

Monitor del mercato dei mutui Monitor del mercato dei mutui Executive summary 2 Continua la crescita delle erogazioni, favorita dai tassi molto bassi 3 Permane il clima positivo per la domanda e l offerta di mutui 7 Più caute le attese

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

ABINEWS. Supplemento al numero 12 2006 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana

ABINEWS. Supplemento al numero 12 2006 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana ABINEWS Supplemento al numero 12 2006 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana On line Spediz. in abb.to postale - art.2, comma 20/c, legge n.662/96 - Filiale di Roma Il Rapporto di Dicembre

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti

Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti NOTA PER LA STAMPA DOCUMENTO DELL ABI A GOVERNO, AUTORITA E ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti Non è cambiato lo spread per i tassi

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli