conti finanziari e ai pagamenti corrisposti a ciascuna istituzione finanziaria non partecipante, le procedure relative agli obblighi di adeguata

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "conti finanziari e ai pagamenti corrisposti a ciascuna istituzione finanziaria non partecipante, le procedure relative agli obblighi di adeguata"

Transcript

1 RELAZIONE Premessa Con la legge., n.., è stato ratificato l Accordo intergovernativo tra l Italia e gli Stati Uniti (sul modello di Intergovernmental Agreement IGA 1) per migliorare la Tax Compliance internazionale e per applicare la normativa FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act), firmato a Roma il 10 gennaio In base a tale Accordo (IGA Italia), le istituzioni finanziarie italiane sono tenute ad identificare i titolari dei conti finanziari che risultino aperti presso di esse allo scopo di individuare quelli di pertinenza di investitori statunitensi, nonché a comunicare all Amministrazione finanziaria italiana gli elementi informativi relativi ai conti finanziari ed ai pagamenti effettuati nei confronti di istituzioni finanziarie non partecipanti. In tale contesto, si inquadra l iniziativa dell OCSE che ha redatto un modello di Common Reporting Standard ( CRS ) che è stato reso pubblico il 13 febbraio In considerazione delle suddette previsioni, con la citata legge sono state introdotte le disposizioni concernenti gli adempimenti cui sono tenute le istituzioni finanziarie italiane ai fini dell attuazione dello scambio automatico di informazioni derivante dal predetto Accordo con gli Stati Uniti e da altri Accordi e intese tecniche conclusi dall Italia con i Governi di Paesi esteri secondo lo Standard OCSE. Tali disposizioni consistono in concreto negli obblighi di adeguata verifica ai fini fiscali e di acquisizione di dati sui conti finanziari e su taluni pagamenti (articolo 5), negli obblighi di comunicazione all Agenzia delle entrate degli elementi informativi acquisiti (articolo 4), negli obblighi di prelievo alla fonte da parte degli intermediari qualificati con responsabilità primaria di sostituto d imposta statunitense su pagamenti di fonte statunitense corrisposti ad un istituzione finanziaria non partecipante (articolo 7) ed infine negli obblighi di comunicazione tra istituzioni finanziarie per l applicazione dell indicato prelievo alla fonte (articolo 8). In particolare, gli articoli 4, comma 2, 5, comma 8, 6, comma 3, 7, comma 2, e 8, comma 2, della legge n.. del.prevedono che con decreti del Ministro dell economia e delle finanze sono stabilite rispettivamente le regole tecniche per la rilevazione, la trasmissione e la comunicazione all Agenzia delle entrate delle informazioni relative ai 1

2 conti finanziari e ai pagamenti corrisposti a ciascuna istituzione finanziaria non partecipante, le procedure relative agli obblighi di adeguata verifica ai fini fiscali ed inoltre le modalità di applicazione delle disposizioni contenute negli indicati articoli 6, commi 1 e 2, 7, comma 1, e 8, comma 1. In attuazione delle suddette disposizioni, si è predisposto l unito schema di decreto ministeriale (di seguito, decreto ), con il quale vengono stabiliti gli aspetti applicativi e le modalità procedurali necessari per dare attuazione alle previsioni contenute nella citata legge. L articolo 1 ha una specifica rilevanza nel contesto del provvedimento in esame in quanto contiene le definizioni dei termini che sono utilizzati nell'ambito delle disposizioni presenti nel decreto, individuando sia gli elementi soggettivi che quelli oggettivi relativi all attuazione dello scambio di informazioni con gli Stati Uniti. La legge n del, infatti, nell introdurre le norme di attuazione della disciplina contenuta nel predetto Accordo intergovernativo, demanda al decreto la definizione delle regole tecniche necessarie ai fini delle modalità di applicazione della disciplina in esame. Sotto questo profilo, si è posta l esigenza di specificare sia ogni altra istituzione finanziaria tenuta alle comunicazioni nei confronti dell Agenzia delle entrate, in aggiunta a quelle elencate nell articolo 4, comma 1, della legge medesima (banche, società di intermediazione mobiliare, Poste italiane S.p.A., società di gestione del risparmio, società finanziarie e società fiduciarie, residenti nel territorio dello Stato), sia i conti finanziari e i pagamenti corrisposti a ciascuna istituzione finanziaria non partecipante. L approccio utilizzato per individuare gli elementi soggettivi ed oggettivi della procedura finalizzata allo scambio di informazioni tiene conto delle definizioni contenute nell Accordo intergovernativo con gli Stati Uniti nonché della facoltà riconosciuta dall articolo 4, paragrafo 7, del suddetto Accordo di utilizzare, ove ritenuto conveniente, le definizioni presenti nei pertinenti Regolamenti del Tesoro degli Stati Uniti in luogo delle corrispondenti definizioni adottate nell indicato IGA Italia. Ciò premesso, sotto il profilo soggettivo, sono state individuate le categorie di intermediari interessate dalla normativa FATCA, definendo i concetti di istituzione 2

3 finanziaria, istituzione di custodia, istituzione di deposito, entità di investimento, impresa di assicurazione specificata e holding company. In tale contesto, è da evidenziare che la qualificazione dell entità di investimento è stata ripresa dai suddetti Regolamenti statunitensi ed ha un contenuto più articolato rispetto a quello definito dall IGA Italia. In base a tale qualificazione, un entità per configurarsi entità di investimento deve presentare una delle caratteristiche indicate ai punti i), ii) e iii) della lettera c) del numero 5 dell articolo 1, comma 1, del decreto. Ai fini delle previsioni contenute nella suddetta lettera c), viene specificato che un entità svolge principalmente, per conto di un cliente, le attività indicate al punto i) o il reddito lordo dell entità è considerato attribuibile principalmente alle attività di investimento, reinvestimento o negoziazione di attività finanziarie ai sensi del punto ii), se il reddito lordo dell entità attribuibile a tali attività è uguale o superiore al 50 per cento del reddito lordo dell entità rilevato nel triennio che scade il 31 dicembre dell anno precedente a quello in cui viene effettuata la determinazione o, se inferiore, nel periodo di esistenza dell entità. Analogamente, anche la definizione di holding company è stata mutuata dai Regolamenti del Dipartimento del Tesoro statunitense, intendendosi per tale l entità la cui attività principale consiste nella detenzione, diretta o indiretta, di tutte o parte delle quote o azioni di uno o più membri del proprio expanded affiliated group. Viene, inoltre, precisato che una società di persone o altra entità trasparente è considerata holding company se la sua attività principale consiste nella detenzione di oltre il 50 per cento dei diritti di voto e del valore delle quote o azioni di una o più società controllanti uno o più expanded affiliated group. Per specificare il perimetro delle istituzioni finanziarie italiane interessate (che comunque ricadono in una delle cinque categorie sopra richiamate), viene delineato il termine istituzione finanziaria italiana, che designa qualsiasi istituzione finanziaria residente in Italia, ad esclusione delle stabili organizzazioni di tale istituzione finanziaria situate al di fuori del territorio dello Stato, e qualsiasi stabile organizzazione di un istituzione finanziaria non residente in Italia, se tale stabile organizzazione è situata in Italia. 3

4 In relazione alla categoria delle istituzioni finanziarie italiane, si è ritenuto, per ragioni di sistematicità, di distinguere due sottocategorie e, precisamente, le istituzioni finanziarie tenute alla comunicazione ( reporting ) e quelle non tenute alla comunicazione ( non reporting ). Per quanto concerne la categoria delle reporting è stato dato l elenco delle istituzioni finanziarie italiane tenute all obbligo della comunicazione e che, proprio per la specifica individuazione dei soggetti elencati, ha valore tassativo e non esemplificativo. In base a tale elenco, le istituzioni finanziarie italiane reporting sono le seguenti: - le banche; - la società di gestione accentrata di cui all articolo 80 del testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (TUF); - la società Poste italiane S.p.A., limitatamente all attività di BancoPosta che è assoggettata alla vigilanza della Banca d Italia; - le società di intermediazione mobiliare (SIM); - le società di gestione del risparmio (SGR); - le imprese di assicurazione che operano in Italia nei rami di cui all articolo 2, comma 1, del codice delle assicurazioni private di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 (CAP) nonché le holding di tali imprese, che emettono un contratto di assicurazione per il quale è misurabile un valore maturato o un contratto di rendita ovvero che, in relazione a tali contratti, sono obbligate ad effettuare dei pagamenti; - gli organismi di investimento collettivo del risparmio che presentano i requisiti indicati, per le entità di investimento, al numero 5), lettera c), dell articolo 1, comma 1; - le società fiduciarie di cui all articolo 199 del TUF nonché quelle di cui alla legge 23 novembre 1939, n. 1966; - le forme pensionistiche complementari di cui al decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, nonché gli enti di previdenza obbligatoria; - gli istituti di moneta elettronica e gli istituti di pagamento di cui agli articoli 114- bis e 114-sexies del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993, n 385 (TUB); 4

5 - le società veicolo di cartolarizzazione di cui alla legge 30 aprile 1999, n. 130; - i trust per i quali: i) il trustee rientra tra le istituzioni finanziarie di cui al numero 5) dell articolo 1, comma 1; e ii) il trust medesimo o il trustee siano residenti in Italia; - le società holding di cui al numero 5, lettera e), dell articolo 1, comma 1; - i centri di tesoreria che presentano i requisiti indicati, per le entità di investimento, al numero 5), lettera c), dell articolo 1, comma 1; - le stabili organizzazioni situate in Italia delle istituzioni finanziarie estere che svolgono le attività svolte dalle istituzioni finanziarie italiane reporting sopra indicate. Nel suddetto elenco sono stati inclusi anche quei soggetti che, in presenza di specifici requisiti, si inquadrano tra i non reporting. Si tratta, in sostanza, di soggetti che rientrano tra le istituzioni finanziarie italiane non tenute alla comunicazione non in virtù della propria identità configurativa ma in base al presupposto della sussistenza di precisi requisiti e che, quindi, proprio in considerazione di ciò, non sempre possono ritenersi obbligati alle comunicazioni. E il caso, ad esempio, dei fondi pensione e degli enti di previdenza obbligatoria che rispettano i limiti di versamento ai contributi volontari indicati nell Allegato II all IGA Italia. Per quanto riguarda i soggetti non reporting, si evidenzia che tale categoria ricomprende le tipologie di istituzioni finanziarie italiane indicate nell Allegato II all IGA Italia, e cioè le istituzioni finanziarie considerate adempienti e i beneficiari effettivi esenti, nonché le altre istituzioni finanziarie italiane considerate adempienti o beneficiari effettivi esenti ai sensi dei pertinenti Regolamenti del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. A tale ultimo proposito, si evidenzia che l attuale regolamentazione statunitense prevede due categorie di soggetti ritenuti conformi: le Registered Deemed-Compliant Foreign Financial Institution e le Certified Deemed-Compliant Foreign Financial Institution. I primi devono registrarsi ed ottenere il GIIN, il codice identificativo rilasciato dalle Autorità fiscali statunitensi ai fini FATCA, i secondi invece non sono tenuti a fare ciò. In considerazione di tale quadro normativo, per ragioni di sistematicità e di coordinamento tra la normativa derivante dalla pattuizione internazionale con gli USA e quella contenuta nei Regolamenti del Tesoro statunitense, cui, come già rilevato, si può fare 5

6 riferimento ai fini dell applicazione delle norme dell IGA Italia, le istituzioni finanziarie non reporting sono state divise nelle seguenti due sottocategorie. quella delle istituzioni finanziarie italiane registrate considerate adempienti, che comprende i soggetti inclusi in tale sottocategoria dai pertinenti Regolamenti del Tesoro statunitense; quella delle istituzioni finanziarie italiane certificate considerate adempienti, che comprende i soggetti indicati nell Allegato II all IGA Italia e nei suddetti Regolamenti statunitensi, nonché i beneficiari effettivi esenti italiani presenti nell Allegato II all IGA Italia. In particolare, si osserva che le istituzioni finanziarie italiane registrate sono elencate al numero 7.2, lettera a), dell articolo 1, comma 1, del decreto e sono individuate nei seguenti soggetti: membri italiani di gruppi di istituzioni finanziarie partecipanti che rispondono a precisi requisiti indicati alle lettere a), b) e c) della lettera a.1), volti a fare in modo che vengano messe in atto politiche e procedure per assicurare che, in presenza di conti statunitensi o di conti detenuti da una istituzione finanziaria non partecipante, siano prese le misure atte a rendere detti conti oggetto di comunicazione; veicoli di investimento qualificati italiani, i quali designano organismi di investimento collettivo del risparmio che sono considerati vigilati ai sensi delle disposizioni italiane e che soddisfano congiuntamente i successivi requisiti indicati alle lettere da b) a d) della lettera a.2. In particolare, tali veicoli di investimento: - non devono contrarre prestiti eccedenti i dollari statunitensi nei confronti di soggetti diversi da quelli elencati ai numeri da 1) ad 8) della lettera b) della lettera a.2), e devono essere partecipati esclusivamente dai medesimi soggetti indicati ai suddetti numeri; - non devono aver emesso alcuna quota al portatore dopo il 31 dicembre 2012, devono adottare politiche e procedure che garantiscano che tali azioni siano riscattate al più presto e in ogni caso, non oltre il 1 gennaio 2017, ed infine devono assolvere, prima di procedere alla distribuzione di proventi o al 6

7 rimborso delle quote o azioni al portatore, gli obblighi di adeguata verifica, di comunicazione e di prelievo alla fonte previsti dalle normativa primaria; organismi di investimento collettivo del risparmio soggetti a restrizioni (italian restricted funds), che sono considerati vigilati ai sensi delle disposizioni italiane e soddisfano congiuntamente i successivi requisiti indicati alle lettere da b) a i) della lettera a.3. Tra detti requisiti figurano anche quello relativo alla previsione della cessazione dell emissione delle quote o azioni al portatore dopo il 31 dicembre 2012, già indicato per i veicoli di investimento qualificati, nonché quello, di particolare rilievo, dell obbligo di implementazione, entro sei mesi dalla data di registrazione presso il portale IRS, delle politiche e delle procedure di adeguata verifica in materia fiscale; emittenti italiani di carte di credito qualificati che soddisfano congiuntamente i seguenti requisiti: a) sono istituzioni finanziarie italiane in quanto accettano depositi solo in contropartita di pagamenti del cliente eccedenti il saldo dovuto per l utilizzo della carta di credito e tali pagamenti non sono immediatamente restituiti al cliente; b) entro il 30 giugno 2014, ovvero entro la data in cui si registrano presso l IRS come istituzioni finanziarie italiane registrate considerate adempienti, attuano politiche e procedure per prevenire che vi siano depositi di clienti di ammontare superiore a dollari statunitensi e per assicurare che ciascun deposito eccedente il predetto ammontare sia restituito al cliente entro 60 giorni. E da rilevare, in proposito, che l inclusione dei suddetti soggetti italiani tra le istituzioni finanziarie registrate è stata effettuata tenendo conto delle caratteristiche che tali soggetti hanno nel contesto normativo interno e rapportandole ai criteri presenti nei Regolamenti statunitensi. Le istituzioni finanziarie italiane certificate considerate adempienti sono elencate alla lettera b) del numero 7.2 dell articolo 1, comma 1, del decreto e sono individuate nei seguenti soggetti: istituzione finanziaria locale italiana, avente i requisiti elencati alle lettere da a) a j), della lettera b.1, che si caratterizza per l operatività essenzialmente locale dell istituzione. Il principale requisito, contenuto nella lettera e), prevede che almeno 7

8 il 98 per cento del valore complessivo dei conti mantenuti presso l istituzione finanziaria deve essere detenuto da soggetti (persone fisiche ed entità) residenti in Italia o in un altro Stato membro dell Unione europea; taluni veicoli di investimento collettivo italiani che siano organismi di investimento collettivo regolamentati dalla legge italiana che non contraggono prestiti eccedenti i dollari statunitensi con istituzioni finanziarie non partecipanti, le cui quote o azioni siano interamente detenute per il tramite di una o più istituzioni finanziarie diverse da istituzioni finanziarie non partecipanti. Viene poi specificato che la sola circostanza che l organismo di investimento collettivo abbia emesso azioni al portatore non è di per sé preclusiva della qualifica di istituzione finanziaria certificata, sempreché siano rispettate le seguenti condizioni: a. che l organismo di investimento collettivo non abbia emesso alcuna quota al portatore dopo il 31 dicembre 2012; b. che l organismo di investimento collettivo adotti politiche e procedure che garantiscano che tali azioni siano riscattate al più presto e, in ogni caso, non oltre il 1 gennaio 2017; c. che quando tali azioni al portatore sono presentate per il riscatto o per altro pagamento, l organismo di investimento collettivo assolva direttamente, o per il tramite di un istituzione finanziaria italiana tenuta ad effettuare le comunicazioni, i previsti obblighi di adeguata verifica in materia fiscale e di comunicazione; organizzazioni non-profit, e cioè gli enti registrati come Onlus nel registro detenuto dall Agenzia delle entrate ai sensi dell articolo 11 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460; società veicolo italiane. Tale termine designa le istituzioni italiane che non sono tenute alla comunicazione in quanto gli investimenti nei prodotti finanziari emessi dalle stesse sono detenuti esclusivamente tramite una istituzione finanziaria italiana tenuta alla comunicazione. Rientrano in questa categoria le società di cartolarizzazione istituite ai sensi della legge 30 aprile 1999, n. 130, a condizione che: 8

9 a. il collocamento dei titoli emessi dalla società di cartolarizzazione sia effettuato da una istituzione finanziaria tenuta alla comunicazione ovvero i suddetti titoli siano depositati presso una istituzione finanziaria tenuta alla comunicazione; o b. i titoli emessi dalla società di cartolarizzazione siano venduti da questa a una istituzione finanziaria tenuta alla comunicazione; o c. i titoli emessi dalla società di cartolarizzazione siano sottoscritti dalla medesima e mantenuti nel proprio attivo patrimoniale; beneficiari effettivi italiani esenti. Tale tipologia di soggetti ricomprende i soggetti presenti nell Allegato II all IGA Italia, nonché i soggetti considerati come beneficiari esenti in base alle norme regolamentari statunitensi. Pertanto i soggetti rientranti in tale tipologia sono i seguenti: a) il Governo Italiano, ogni suddivisione geografica, politica o amministrativa del Governo Italiano, o ogni agenzia o ente strumentale interamente detenuto da uno qualsiasi o più dei soggetti precedenti; b) un organizzazione internazionale pubblica (o una sede italiana di un organizzazione internazionale pubblica) avente titolo a godere di privilegi, esenzioni e immunità in quanto organizzazione internazionale ai sensi di un trattato o accordo internazionale concluso dall Italia e ogni agenzia dipendente da tale organizzazione o ente strumentale dalla stessa istituito per il perseguimento, anche indiretto, dei propri scopi; c) la Banca d Italia; d) le Poste Italiane SpA, ad eccezione del patrimonio BancoPosta; e) la Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.; f) i fondi pensione e le istituzioni che si qualificano come forme pensionistiche complementari ai sensi della legislazione italiana, compresi i fondi pensione regolati dal decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 e gli enti di previdenza e sicurezza sociale privatizzati dal decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, o istituiti ai sensi del decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, a condizione che i contributi individuali volontari al conto siano limitati dalla normativa italiana di riferimento oppure non eccedano in alcun anno Euro; 9

10 g) i fondi pensione e le istituzioni che si qualificano come forme pensionistiche complementari ai sensi della legislazione italiana, compresi i fondi pensione regolati dal decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 nonché gli enti di previdenza e sicurezza sociale privatizzati dal decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, o istituiti ai sensi del decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, che hanno diritto ai benefici previsti dalla Convenzione del 25 agosto 1999 Italia-Stati Uniti per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le frodi o le evasioni fiscali in quanto soggetti residenti in Italia ai sensi dell articolo 4 della predetta Convenzione e in possesso dei requisiti di cui all articolo 2, lettera f), del protocollo alla Convenzione stessa; h) i fondi pensione istituiti dal Governo italiano, da un organizzazione internazionale pubblica e dalla Banca d Italia per fornire prestazioni pensionistiche o altri benefici in caso di malattia o morte a partecipanti che sono, o sono stati, dipendenti di tali enti o a persone designate da tali dipendenti ovvero a persone che, pur non essendo state dipendenti di detti enti, hanno diritto a ricevere i summenzionati benefici in ragione di servizi personali resi ai medesimi enti; i) entità di investimento interamente partecipate da beneficiari effettivi esenti le cui quote o azioni siano integralmente e direttamente detenute dai soggetti elencati tra i beneficiari effettivi esenti alle lettere a), b), c), f), h) e i) del numero 11.1 nonché dai soggetti individuati come beneficiari effettivi esteri esenti al numero 11.2 dell articolo 1, comma 1, del decreto e che assumano prestiti esclusivamente e direttamente da istituzioni di deposito o dai suddetti soggetti. banche locali italiane non tenute a registrarsi che sono autorizzate e regolamentate dalla legge italiana ad operare come banca e che soddisfano congiuntamente i requisiti indicati dalle lettere da b) a f) della lettera b.6. Tra i requisiti principali si evidenziano i seguenti: 1. l attività svolta deve consistere essenzialmente nel ricevere depositi ed erogare prestiti a clienti retail e non collegati alla banca; 2. la banca non deve sollecitare clienti o titolari di conti al di fuori dell Italia; 10

11 3. la banca non deve detenere attività in bilancio superiori a 175 milioni di dollari statunitensi e, se la stessa è membro di un expanded affiliated group, questo non deve possedere attività superiori a 500 milioni di dollari statunitensi nei bilanci consolidati. le entità di investimento che svolgono per conto di un cliente le attività indicate alla lettera c), punto i) del numero 5) dell articolo 1, comma 1, del decreto, qualora non detengano conti finanziari. Nel contesto dell articolo 1, comma 1, sono stati definiti ai numeri 8, 9, 10, e 13, rispettivamente i concetti di istituzione finanziaria di una giurisdizione partner, istituzione finanziaria partecipante, istituzioni finanziarie estere, registrate e certificate, considerate adempienti e istituzione finanziaria non partecipante. L individuazione di tali concetti si profila infatti necessaria per le istituzioni finanziarie tenute alla comunicazione ai fini dell espletamento degli obblighi derivanti dalle norme contenute nell Accordo intergovernativo con gli Stati Uniti e dalla normativa primaria di attuazione di tale Accordo. Al numero 12 dell articolo 1, comma 1, del decreto viene data la definizione dell entità non finanziaria estera (NFFE). Con questo termine si intende qualunque entità non statunitense che non sia una istituzione finanziaria ai sensi dei pertinenti Regolamenti del Tesoro statunitense ovvero ai sensi delle disposizioni domestiche del Paese di residenza dell entità, semprechè tale Paese abbia in vigore un accordo IGA. In relazione alla suddetta figura giuridica, vengono poi definite, ai numeri 12.1) e 12.2) dell articolo 1, comma 1, del decreto, l entità non finanziaria estera attiva e l entità non finanziaria estera passiva. Queste definizioni assumono rilievo ai fini delle procedure di adeguata verifica in materia fiscale e dei successivi obblighi di comunicazione da parte delle istituzioni finanziarie italiane all Agenzia delle entrate. La definizione dell entità non finanziaria estera, nella sua duplice veste attiva e passiva è ripresa dall Allegato I all IGA Italia. In base a ciò, un'entità non finanziaria estera per potersi configurare come attiva deve soddisfare almeno uno dei criteri indicati nelle lettere da a) a l) dell indicato numero 11

12 12.1). Tra questi criteri, già espressamente elencati nel citato Allegato I, è stato aggiunto anche quello in base al quale è da considerare come una NFFE attiva una entità non finanziaria estera che non è residente in Italia e che si qualifica come Direct Reporting NFFE ovvero come Sponsored Direct Reporting NFFE ai sensi dei pertinenti Regolamenti del Tesoro statunitense. Per quanto riguarda il profilo oggettivo della normativa in esame, l articolo 1, comma 1, del decreto descrive ai numeri 14), 15), 16), 17), 18), 19) e 20) i tipi di rapporti finanziari da identificare attraverso le definizioni rispettivamente di conto finanziario, conto di deposito, conto di custodia, quota nel capitale di rischio, contratto di assicurazione, contratto di rendita, contratto di assicurazione per il quale è misurabile un valore maturato. Le definizioni date riportano il contenuto di quelle presenti nell IGA Italia. In relazione al conto finanziario, nella definizione data al numero 14) viene specificato che il termine conto finanziario non comprende i conti, prodotti o accordi indicati al comma 4 del successivo articolo 6. Per quanto concerne la definizione di contratto di assicurazione per il quale è misurabile un valore maturato è stato specificato che tale termine designa, oltre ai contratti di assicurazione come definiti nella relativa definizione al numero 18), anche i contratti di capitalizzazione indicati all articolo 179 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, aventi un valore maturato superiore a dollari statunitensi, in quanto tipici contratti di rendimento. Sono da ritenersi esclusi, invece, proprio perché non sussiste un valore maturato, i contratti di riassicurazione risarcitori fra due imprese di assicurazione, nonché i contratti di assicurazione stipulati nei rami danni di cui all articolo 2, comma 3, del citato decreto legislativo n. 209 del Anche i concetti di conto statunitense oggetto di comunicazione, titolare di conto, persona statunitense e persona statunitense specificata, indicati rispettivamente ai numeri 22), 23), 24) e 25) dell articolo 1, comma 1, del decreto riprendono il contenuto delle definizioni presenti nell IGA Italia. Al successivo numero 26) viene definito il concetto di pagamento di fonte statunitense sul quale è applicabile il prelievo alla fonte. In concreto, con questo termine 12

13 viene indicato ogni pagamento di interessi (incluso ogni sconto di emissione), dividendi, rendite e utili di fonte statunitense, nonché i pagamenti di dividendi equivalenti di fonte statunitense, come individuati dalla Sezione 871 (m) dell Internal Revenue Code degli Stati Uniti. A tale riguardo, viene specificato che non costituiscono pagamenti di fonte statunitense sui quali è applicabile il prelievo alla fonte i seguenti pagamenti: 1. i pagamenti relativi a Grandfathered Obligations obbligazioni salvaguardate, intendendosi con questo termine qualunque rapporto contrattuale o strumento finanziario esistente al 1 luglio Sono comunque esclusi da tale fattispecie alcuni rapporti contrattuali o strumenti finanziari aventi specifici requisiti; 2. i pagamenti di interessi o sconti di emissione sulle obbligazioni a breve termine come definite nella Sezione 871 (g) (1) (B) (i) dell Internal Revenue Code degli Stati Uniti; 3. i pagamenti di redditi che si considerano effettivamente connessi con lo svolgimento di un attività commerciale o di affari negli Stati Uniti e che vengono inclusi nel reddito lordo del beneficiario effettivo per il pertinente periodo di imposta ai sensi della Sezione 871 (b) (1) o 882 (a) (1) dell Internal Revenue Code degli Stati Uniti. Al numero 27) dell articolo 1, comma 1, del decreto viene poi data la definizione del concetto di pagamenti corrisposti a istituzioni finanziarie non partecipanti che indica in sostanza l importo complessivo dei pagamenti di interessi, dividendi, rendite, utili e dividendi equivalenti, anche di fonte non statunitense, distinto per ciascuna istituzione finanziaria non partecipante percipiente. Sono stati, infine, definiti i concetti di consolidated obligations conti consolidati, di seed capital - capitale iniziale, di expanded affiliated group e di sponsored FFI group. Si è ritenuto di dover specificare i suddetti concetti in quanto gli stessi sono utilizzati ai fini dell espletamento delle procedure di due diligence, nonché per avvalersi delle opzioni cui possono ricorrere le istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione nel corso di dette procedure. 13

14 In particolare, per consolidated obligations si intendono più conti finanziari che un istituzione finanziaria tenuta alla comunicazione ha scelto di trattare come un unico conto finanziario ai fini degli obblighi di adeguata verifica in materia fiscale e di comunicazione. Per seed capital si intende una contribuzione iniziale di capitale effettuata in favore di un entità di investimento, destinata ad essere un investimento temporaneo e considerata necessaria o appropriata per la costituzione dell entità stessa. Per expanded affiliated group si intende un gruppo di entità in cui una entità controlla le altre entità, ovvero le entità sono soggette a controllo comune. Si evidenzia, in proposito, che il concetto di controllo ha un contenuto più restrittivo di quello indicato nell'iga Italia, articolo 1, paragrafo 1, lettera jj), per definire la nozione di entità collegata, poiché l' expanded affiliated group presuppone il possesso, diretto o indiretto, di oltre il 50 per cento sia dei diritti di voto sia del valore di un'entità. Infine, per sponsored FFI group si indica un gruppo che rispetta i requisiti indicati all articolo 8, comma 2, del decreto e che è composto da istituzioni finanziarie sponsorizzate che condividono la medesima entità sponsor.. L'articolo 2 stabilisce che le istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione devono applicare le procedure di adeguata verifica in materia fiscale (due diligence) per identificare i conti oggetto di comunicazione, intendendosi per tali i conti statunitensi di pertinenza di US specified person e di entità non finanziarie passive non statunitensi controllate da persone statunitensi specificate, nonché i conti di istituzioni finanziarie non partecipanti. A tal fine, gli intermediari italiani applicano le disposizioni del decreto con particolare riferimento alle procedure di due diligence disciplinate nell'allegato I, alle definizioni dell'articolo 1 e alle esclusioni dell'articolo 6, eventualmente avvalendosi dei regimi indicati nell'articolo 8. L'articolo 3 disciplina l'applicazione del prelievo alla fonte, nella misura del 30 per cento, che le istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione devono operare, a partire dal 1 luglio 2014, nel caso di corresponsione di pagamenti di fonte statunitense a istituzioni finanziarie non partecipanti. Riguardo all'ambito oggettivo, si ricorda che non tutti i pagamenti di fonte 14

15 statunitense sono soggetti a prelievo, ma solamente quelli indicati all'articolo 1, comma 1, numero 26), del decreto. Come precisato al comma 1, l'obbligo di applicare il prelievo alla fonte grava esclusivamente sulle istituzioni finanziarie italiane che, in virtù di apposito accordo concluso con le autorità fiscali statunitensi, hanno assunto la qualità di intermediari qualificati con responsabilità primaria di sostituto d'imposta statunitense (qualified intermediary with primary withholding responsibility). Solo questi ultimi, infatti, provvederanno all'applicazione del prelievo e al relativo versamento, secondo le modalità stabilite nel predetto accordo. Il comma 2 chiarisce che le istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione, diverse dalle precedenti, devono comunicare all'istituzione finanziaria che immediatamente le precede nella catena degli intermediari i dati necessari per applicare il prelievo alla fonte. Ciò al fine di garantire, in ogni caso, l'applicazione del prelievo, risalendo la catena degli intermediari fino ad arrivare a un qualified intermediary with primary withholding responsibility. Il comma 3 sancisce l'obbligo di applicare il detto prelievo anche nell'ipotesi in cui vengano corrisposti pagamenti a istituzioni finanziarie che, pur essendo tenute all'ottenimento del Global Intermediary Identification Number ( GIIN ), non ne comunichino uno valido al momento della corresponsione soggetta al prelievo alla fonte. Tra queste rientrano, pertanto, anche le istituzioni finanziarie tenute alla registrazione localizzate in una giurisdizione partner, che non abbiano ancora o a cui sia stato revocato il GIIN. È, tuttavia, prevista una disposizione transitoria resa necessaria a seguito dell'announcement , pubblicato il 2 aprile 2014 dall'irs, in cui è stabilito che le istituzioni finanziarie localizzate in un Paese incluso nella lista delle giurisdizioni che hanno in vigore un IGA si presumono dotate di un GIIN valido fino al 31 dicembre La medesima presunzione si applica anche alle istituzioni finanziarie localizzate in giurisdizioni che, pur non avendo ancora concluso un IGA con gli Stati Uniti, sono a un livello di avanzamento delle negoziazioni tale da far considerate l'accordo come sostanzialmente in essere. Tali giurisdizioni sono elencate nella predetta lista delle 15

16 giurisdizioni che hanno un IGA in vigore. Pertanto, in base al richiamato Announcement , le istituzioni finanziarie italiane tenute alla registrazione, in quanto localizzate in una giurisdizione partner, si presumono dotate di un valido GIIN fino al 31 dicembre Ciò implica che, sino a tale data, nessun prelievo può essere applicato su pagamenti di fonte statunitense corrisposti agli intermediari italiani. Tuttavia, per ragioni prudenziali e a tutela delle istituzioni finanziarie italiane, l'articolo 4 fissa alla data del 30 novembre 2014 il termine ultimo per la registrazione sul portale dell'irs, al fine di garantire la corretta attribuzione di un GIIN entro la scadenza del 31 dicembre L'articolo 5 individua i dati che le istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione devono inoltrare all'agenzia delle entrate per consentire lo scambio di informazioni con la competente autorità finanziaria statunitense. Indipendentemente dalla tipologia di conto finanziario, devono essere in ogni caso fornite le informazioni essenziali per uno scambio efficace, che consentano di individuare il titolare del conto e l eventuale reddito sottratto alla conoscibilità delle autorità statunitensi. Pertanto, sono sempre inviati i dati identificativi del titolare, quali nome, denominazione o ragione sociale, indirizzo e codice fiscale statunitense (TIN Tax Identification Number). Inoltre, nel caso di un entità non statunitense, qualora dall'applicazione delle procedure di identificazione risulti un rapporto di controllo da parte di uno o più soggetti statunitensi, gli elementi da segnalare sono: il nome, l'indirizzo e l eventuale codice fiscale statunitense (TIN) dell entità nonché i medesimi elementi di ciascun soggetto statunitense controllante. Inoltre, devono essere trasmesse informazioni sul numero e sul saldo o valore del conto, nonché i dati identificativi dell istituzione finanziaria italiana che effettua la comunicazione. Alle lettere b), c) e d) del comma 1, sono previste le informazioni aggiuntive alle precedenti, connesse ai pagamenti effettuati sul conto, distinte a seconda che si tratti, rispettivamente, di un conto di custodia, di un conto di deposito, ovvero di un conto diverso dai precedenti. Si tratta, in particolare, dei seguenti dati: 16

17 - nel caso di un conto di custodia, l'importo totale lordo degli interessi, dei dividendi, degli altri redditi generati in relazione alle attività detenute nel conto, nonché i corrispettivi totali lordi derivanti dalla vendita o dal riscatto dei beni patrimoniali, pagati o accreditati sul conto (o in relazione al conto) nel corso dell'anno solare o di altro adeguato periodo di rendicontazione alla clientela; - nel caso di un conto di deposito, l'importo totale lordo degli interessi pagati o accreditati sul conto nel corso dell'anno solare o di altro adeguato periodo di rendicontazione alla clientela; - nel caso di qualsiasi conto statunitense oggetto di comunicazione diverso dai precedenti, l'importo totale lordo pagato o accreditato al titolare del conto con riferimento al quale l'istituzione finanziaria italiana tenuta alla comunicazione agisce in qualità di incaricata dal debitore o dal beneficiario effettivo o in nome proprio, compreso l'importo complessivo di pagamenti a titolo di riscatto effettuati al titolare del conto, nel corso dell'anno solare o di altro adeguato periodo di rendicontazione alla clientela. La lettera e) riguarda le informazioni che le istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione devono trasmettere all Agenzia delle entrate sui pagamenti corrisposti a ciascuna istituzione finanziaria non partecipante di cui all articolo 1, comma 1, numero 13), del decreto. In proposito, si rileva che la nozione di pagamenti corrisposti a istituzioni finanziarie non partecipanti ai fini dell'adempimento degli obblighi di comunicazione è contenuta nell articolo 1, comma 1, numero 27), ed è più ampia rispetto a quella rilevante per l applicazione del prelievo alla fonte di cui all'articolo 3 del decreto. Gli intermediari italiani, infatti, trasmettono l importo complessivo dei pagamenti, anche di fonte non statunitense, richiamando la nozione di pagamento di fonte statunitense sul quale è applicabile il prelievo contenuta nel decreto (articolo 1, comma 1, numero 26), senza tenere conto delle esclusioni ivi previste. Per facilitare la qualificazione e la quantificazione dei pagamenti effettuati sui conti oggetto di comunicazione, il comma 2 stabilisce che le istituzioni finanziarie italiane devono fare riferimento alle disposizioni tributarie italiane per adempiere gli obblighi di 17

18 reporting. In applicazione del comma 3, le informazioni trasmesse all Agenzia delle entrate contengono la valuta con la quale sono denominati gli importi comunicati. Lo scambio di informazioni tra autorità competenti deve avvenire, sulla base dell IGA Italia, entro il 30 settembre di ciascun anno solare. Pertanto, al fine di consentire all Agenzia delle entrate di provvedere all invio rispettando la tempistica prestabilita, il comma 4 individua nel 30 aprile di ciascun anno il termine entro il quale le istituzioni finanziarie italiane sono tenute a trasmettere i dati riferiti all annualità precedente. Tale data è diretta a garantire all Amministrazione finanziaria italiana la raccolta, il caricamento nelle banche dati preposte e una prima analisi delle informazioni, per trasmettere un dato completo e fruibile al partner internazionale. Tuttavia, in considerazione delle possibili difficoltà di implementazione, è prevista la possibilità di prorogare, con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate, il termine ultimo per la trasmissione dei dati limitatamente al primo invio. L articolo 6 disciplina i casi, soggettivi e oggettivi, di esclusione dall ordinaria applicazione del decreto. Le esclusioni soggettive sono state mutuate dal legislatore italiano direttamente dai pertinenti Regolamenti del Dipartimento del Tesoro statunitense, in virtù della già menzionata possibilità, concessa dall'articolo 4, paragrafo 7, dell'iga Italia, di applicare le disposizioni più favorevoli contenute nei predetti Regolamenti. Come precisato, le esclusioni oggettive, oltre che dai predetti Regolamenti statunitensi, sono state riprese dall'allegato II all'iga Italia ( Prodotti esenti ). I primi due commi escludono dalla definizione di istituzione finanziaria determinate entità la cui attività è essenzialmente rivolta al gruppo di appartenenza, purché si tratti di un gruppo non finanziario o comunque composto esclusivamente da istituzioni finanziarie FATCA compliant. La ratio sottesa a tale esclusione è insita nella dimensione meramente interna al gruppo dell attività svolta, che neutralizza la potenziale pericolosità di tali entità in termini di dislocazione dei redditi di pertinenza di soggetti statunitensi. La prima categoria di escluse, individuata nel comma 1, comprende le entità facenti 18

19 parte di un gruppo (expanded affiliated group) non finanziario, ossia un gruppo che, nel triennio che precede l anno in cui viene effettuata la determinazione, integri le seguenti condizioni: non più del 25 per cento del reddito lordo del gruppo è costituito da redditi passivi; non più del 5 per cento del reddito lordo del gruppo, senza computare le transazioni infragruppo, è attribuibile a membri del gruppo che sono istituzioni finanziarie; non più del 25 per cento del fair market value del patrimonio del gruppo, ad esclusione di quelli detenuti da membri che sono entità descritte nei commi 2 o 3, è costituito da asset che producono o che sono detenuti per la produzione di redditi passivi; se partecipato da istituzioni finanziarie, devono essere tutte FATCA compliant (ossia, istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione, istituzioni finanziarie italiane considerate adempienti, istituzioni finanziarie estere partecipanti o istituzioni finanziarie estere considerate adempienti). Non tutte le entità facenti parte di un gruppo non finanziario possono accedere a tale esclusione. Si deve trattare di holding,diverse da holding di una impresa di assicurazione di cui all articolo 1, numero 5, lettera d), centri di tesoreria o captive finance company che rispettino le condizioni indicate nell articolo, nonché di istituzioni di deposito o di custodia che si rivolgono esclusivamente a membri dell expanded affiliated group non finanziario. Il secondo comma riguarda quelle entità la cui attività è rivolta solamente a membri dell expanded affiliated group che, seppure di natura finanziaria, si compone esclusivamente di: istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione; istituzioni finanziarie italiane non tenute alla comunicazione; istituzioni finanziarie estere registrate considerate adempienti; istituzioni finanziarie localizzate in Paesi che hanno sottoscritto un IGA 1 o un IGA 2 - diverse dalle istituzioni finanziarie estere registrate considerate adempienti - che sono qualificate come istituzioni finanziarie estere certificate considerate adempienti dalla normativa domestica di tali Paesi; istituzioni finanziarie partecipanti; limited FFI o limited branch come definite dai pertinenti Regolamenti del Tesoro statunitense. Per non essere considerata istituzione finanziaria, l entità non deve; intrattenere alcun conto finanziario, ad eccezione di quelli intrattenuti per i membri 19

20 del suo expanded affiliated group; detenere un conto presso, o ricevere pagamenti da, qualsiasi istituzione finanziaria che non sia un membro del suo expanded affiliated group; corrispondere pagamenti di fonte statunitense sui quali è applicabile il prelievo alla fonte a qualsiasi soggetto diverso da un membro del suo expanded affiliated group che non sia una limited FFI o una limited branch (come definite nei pertinenti Regolamenti del Tesoro statunitense); essere tenuta a effettuare, per conto proprio o per conto di qualsiasi altra istituzione finanziaria - compreso un membro del suo expanded affiliated group - la comunicazione o il prelievo alla fonte sui pagamenti di fonte statunitense. Il terzo comma consente di non considerare membro di un expanded affiliated group un entità di investimento che abbia ricevuto una contribuzione di capitale iniziale da parte di un istituzione finanziaria facente parte del gruppo. Tale condizione si verifica nei casi in cui l attività tipica dell istituzione finanziaria che effettua il conferimento consiste nell attribuzione di capitale iniziale per costituire entità di investimento, la partecipazione nelle quali è destinata a essere ceduta entro il triennio o comunque a essere mantenuta complessivamente entro la soglia del 50 per cento. Il quarto comma introduce un esclusione di tipo oggettivo, disconoscendo il carattere finanziario di determinati conti, ritenuti a basso rischio di evasione in ragione della natura e delle finalità perseguite mediante la costituzione o il mantenimento di tali rapporti. Si tratta, in particolare, di conti di un asse ereditario, dei conti di garanzia costituiti con sentenza o con atto negoziale in relazione a un'obbligazione privatistica, dei conti pensionistici rispondenti alle caratteristiche ivi indicate e dei contratti assicurativi stipulati dai datori di lavoro a beneficio dei lavoratori, che siano già assoggettati a tassazione e a contribuzione previdenziale in Italia. L'articolo 7 individua le opzioni che le istituzioni finanziarie italiane tenute alla comunicazione possono esercitare nell'espletamento delle procedure di adeguata verifica di cui all'articolo 2 del decreto. Tali opzioni sono mutuate dai Regolamenti del Dipartimento del Tesoro statunitense, come consentito dall Allegato I, Sezione I, lettera C), dell IGA Italia. 20

21 L esercizio delle opzioni è rimesso alla libera scelta dell istituzione finanziaria italiana che ritenga di trarne un vantaggio in termini di alleggerimento degli oneri derivanti dalle procedure di identificazione. La lettera a) attiene alla disapplicazione delle soglie o delle esenzioni previste nelle Sezioni da I a IV dell Allegato I al decreto. Come chiarito a commento del citato Allegato I, in linea generale il conto finanziario non deve essere oggetto delle procedure di adeguata verifica se ha un saldo o valore al di sotto di un determinato ammontare, ovvero, nel caso di un conto preesistente di persona fisica che sia un contratto di assicurazione per il quale è misurabile un valore maturato o un contratto di rendita, se presenta determinate caratteristiche. Tuttavia, laddove l istituzione finanziaria italiana, per ragioni di economicità, ritenga più agevole espletare le procedure di adeguata verifica su tutti i conti finanziari dalla stessa intrattenuti, può non tenere conto delle soglie minime e delle esclusioni previste. La lettera b) consente di considerare i conti aperti dal 1 luglio 2014 come conti preesistenti (preexisting obligation), purché il medesimo titolare o beneficiario intrattenga già, alla data del 30 giugno 2014, conti finanziari presso lo stesso intermediario, o presso un membro dell expanded affiliated group o dello sponsored FI group. Per poter beneficiare dell opzione, è altresì necessario che i predetti soggetti trattino tali conti come consolidated obligation (come definiti dall'articolo 1, comma 1, numero 29, del decreto) e che le procedure antiriciclaggio condotte sui conti preesistenti possano considerarsi esperite anche sui nuovi conti, in virtù della normativa vigente. Il vantaggio rappresentato dall introduzione delle preexisting obligation consiste nella possibilità di reimpiegare gli esiti delle procedure di due diligence, già espletate in relazione al conto preesistente, ai fini dell attribuzione del FATCA status dello stesso titolare o beneficiario del nuovo conto. La lettera c) permette alle istituzioni finanziarie italiane di trattare come un unico conto finanziario (consolidated obligation) più conti intrattenuti dal medesimo titolare presso la stessa o più filiali della medesima istituzione finanziaria o una o più filiali di un istituzione finanziaria facente parte dello stesso expanded affiliated group o sponsored FI group. Considerando tutti i conti come consolidated obligation, è possibile utilizzare la 21

22 documentazione già acquisita per l attribuzione del FATCA status senza dover procedere a una nuova raccolta dei dati. Come nel caso delle preexisting obligation, quindi, la determinazione del FATCA status del titolare del conto è rimessa all espletamento di una procedura di adeguata verifica basata su documentazione già ottenuta in relazione a un altro conto, con la differenza che, in questo caso, si prescinde dalla data di apertura dei conti finanziari. La possibilità di trattare più conti finanziari come consolidated obligation è subordinata all attribuzione di un codice identificativo univoco che consenta di tracciare tutti i conti del medesimo titolare e alla predisposizione di un sistema condiviso dei conti che permetta l accesso e la trasmissione di dati. In alternativa, in assenza di un sistema condiviso, la cui implementazione può presentare notevoli costi amministrativi, la lettera e) dell articolo in esame consente all istituzione finanziaria italiana di utilizzare, limitatamente ai soli conti preesistenti, la documentazione già acquisita dalle altre filiali ovvero da una o più filiali di un istituzione finanziaria facente parte dello stesso expanded affiliated group o sponsored FI group, purché ottenga e verifichi una copia di detta documentazione e la ritenga affidabile e corretta. L ultima opzione di cui alla lettera f) ammette che gli intermediari italiani utilizzino, al ricorrere delle condizioni ivi previste, la documentazione già acquisita e conservata in un apposito sistema informativo da parte di un agente che agisce come mandatario. Tale possibilità differisce dalle opzioni di cui alle lettere b) e c), in quanto consente di fare affidamento su documentazione nella disponibilità di un soggetto terzo. Per esercitare validamente l opzione è, tuttavia, necessario che l istituzione finanziaria possa agevolmente accedere al sistema informativo in cui è conservata la documentazione, direttamente o previa richiesta all agente, per potervi inserire le informazioni che ne inficiano l affidabilità e ottenere copia dei documenti da produrre all Agenzia delle entrate. Nell articolo 8, vengono disciplinati i regimi dei fornitori terzi di servizi (comma 1) e del sistema del sponsorizzazione (comma 2). Il ricorso al fornitore terzo di servizi è contemplato direttamente nell'iga Italia, all'articolo 5, paragrafo 3, mentre il sistema di sponsorizzazione è stato mutuato dai 22

FACTA La comunicazione degli ulteriori dati

FACTA La comunicazione degli ulteriori dati FACTA La comunicazione degli ulteriori dati Il reporting Medium 2016 e le diverse tipologie di proventi oggetto di segnalazione Vincenzo Errico Il Decreto del 06/08/2015 Decreto di attuazione della legge

Dettagli

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Dicembre 2015 Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Piero Bonarelli, Head of International Tax Affairs, Enrico Gaiani, Head of Tax Compliance, UniCredit SpA 1.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Autocertificazione Trasparenza Fiscale FATCA e CRS Persone Giuridiche

Autocertificazione Trasparenza Fiscale FATCA e CRS Persone Giuridiche Autocertificazione Trasparenza Fiscale FATCA e CRS Persone Giuridiche N PROPOSTA: Al fine di ottemperare ai principi contenuti nella normativa FATCA e negli accordi CRS, protempore vigenti, e dunque con

Dettagli

Normativa FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act)

Normativa FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) Normativa FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) Il 10 gennaio 2014 l Italia ha sottoscritto un accordo intergovernativo con gli Stati Uniti, ratificato con la Legge 18 giugno 2015 n.95 in vigore dall

Dettagli

Aprile 2014. FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia

Aprile 2014. FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia Aprile 2014 FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia Dott. Silvio Genito e Dott. Domenico Dell Orletta, Zulli Tabanelli e Associati Premessa Il Dipartimento delle finanze ha avviato

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Decreto di attuazione della legge., n. di ratifica dell Accordo tra il Governo degli Stati Uniti d'america e il Governo della Repubblica italiana finalizzato a migliorare la compliance fiscale internazionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1719

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1719 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1719 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro degli affari esteri (MOGHERINI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (PADOAN) di concerto con il Ministro

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Denominazione sociale Sede legale Stato. fiscale rilasciato dallo stato di residenza( 1 )

Denominazione sociale Sede legale Stato. fiscale rilasciato dallo stato di residenza( 1 ) AUTOCERTIFICAZIONE CRS (Common Reporting Standard) SOGGETTI DIVERSI DALLE PERSONE FISICHE (l Autocertificazione deve essere compilata e sottoscritta da ciascuno dei firmatari del Modulo di sottoscrizione

Dettagli

Foglio informativo FATCA per clienti privati

Foglio informativo FATCA per clienti privati Foglio informativo FATCA per clienti privati A marzo 2010 negli Stati Uniti sono state approvate nuove disposizioni di legge dal titolo "Foreign Account Tax Compliance Act" (FATCA) volte a imporre i diritti

Dettagli

REGISTRAZIONE PRESSO IL PORTALE DELL IRS E REPORTING

REGISTRAZIONE PRESSO IL PORTALE DELL IRS E REPORTING LORENZO SCARAMUZZINO SGSS TAX AFFAIRS REGISTRAZIONE PRESSO IL PORTALE DELL IRS E REPORTING LE PROSSIME SCADENZE FATCA INDICE CAPITOLO 01_ADEMPIMENTI FATCA A. RICHIAMO DEGLI ADEMPIMENTI E DELLE RELATIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno

Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno Il presente documento non sostituisce i regolamenti definitivi del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti,

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE PERSONE GIURIDICHE AI SENSI DELL ACCORDO INTERGOVERNATIVO TRA ITALIA E USA (10 GENNAIO 2014)

AUTOCERTIFICAZIONE PERSONE GIURIDICHE AI SENSI DELL ACCORDO INTERGOVERNATIVO TRA ITALIA E USA (10 GENNAIO 2014) Sezione A AUTOCERTIFICAZIONE PERSONE GIURIDICHE AI SENSI DELL ACCORDO INTERGOVERNATIVO TRA ITALIA E USA (10 GENNAIO 2014) Ai sensi della normativa di fonte Statunitense denominata FATCA (Foreign Accounting

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Il presente decreto del Ministro dell economia e delle finanze, in attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95, e della direttiva 2014/107/UE del Consiglio, del 9 dicembre 2014,

Dettagli

LEGGE RECANTE RATIFICA

LEGGE RECANTE RATIFICA DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEGLI STATI UNITI D AMERICA FINALIZZATO A MIGLIORARE LA COMPLIANCE FISCALE INTERNAZIONALE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX RISOLUZIONE N. 17/E Roma, 27 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2005/180472 OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX Con l interpello specificato

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Prot. n. Disposizioni attuative del decreto ministeriale del di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 di ratifica dell Accordo tra il Governo degli Stati Uniti d America e il Governo della Repubblica

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

RISOLUZIONE N. 84/E. Roma, 16 settembre 2014

RISOLUZIONE N. 84/E. Roma, 16 settembre 2014 RISOLUZIONE N. 84/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 settembre 2014 OGGETTO: Interpello Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente e alle rendicontazioni relative a rapporti di deposito

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo Fondo Pensione TAXBENEFIT NEW. Documento sul Regime Fiscale

Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo Fondo Pensione TAXBENEFIT NEW. Documento sul Regime Fiscale Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo Fondo Pensione TAXBENEFIT NEW Documento sul Regime Fiscale è un prodotto di Distribuito da Retro di copertina 2/5 Il presente documento integra il contenuto

Dettagli

Autocertificazione FATCA per trust e fondazioni

Autocertificazione FATCA per trust e fondazioni Autocertificazione FATCA per trust e fondazioni Nome della società N. di relazione Indirizzo della sede Paese di costituzione (in seguito denominata il cliente) In riferimento ai requisiti di cui alle

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

Decreto di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 e della direttiva 2014/107/UE del Consiglio, del 9 dicembre 2014, recante modifica della

Decreto di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 e della direttiva 2014/107/UE del Consiglio, del 9 dicembre 2014, recante modifica della Decreto di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 e della direttiva 2014/107/UE del Consiglio, del 9 dicembre 2014, recante modifica della direttiva 2011/16/UE per quanto riguarda lo scambio automatico

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

Obiettivi e quadro normativo di FATCA

Obiettivi e quadro normativo di FATCA Obiettivi e quadro normativo di FATCA Il Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA), è una legge statunitense il cui obiettivo è la comunicazione annuale all autorità fiscale statunitense (IRS Internal

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (MOGHERINI) (PADOAN) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (MOGHERINI) (PADOAN) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 2577 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (MOGHERINI) E DAL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 235/E. Roma,23agosto 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 235/E. Roma,23agosto 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 235/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,23agosto 2007 Oggetto: Interpello art. 168 TUIR. Modalità di applicazione della normativa CFC in presenza di più società dello stesso

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Il presente Supplemento è stato depositato presso la Covip in data 23 dicembre 2014. NOTA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI

Il presente Supplemento è stato depositato presso la Covip in data 23 dicembre 2014. NOTA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI 1 SUPPLEMENTO alla NOTA INFORMATIVA e al DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE APERTO - PREVIGEST FUND MEDIOLANUM iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 34 Il presente Supplemento, che

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali (www.admin.ch/ch/i/as/).

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali (www.admin.ch/ch/i/as/). Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali (www.admin.ch/ch/i/as/). Legge federale sull attuazione dell Accordo FATCA tra la

Dettagli

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking )

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Frequently Asked Questions PREMESSA...2 1. IMPRESE INTERESSATE DAL DIVIETO...2 1.1. INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di trasferimento praticati dalle imprese multinazionali Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES IRAP Fonti Circolare Assonime n. 46/2009 Risoluzione 38/E del 26/2/2003 Nota Assoholding n. 6 del 14/12/2010 Circolare Ministeriale 141/E

Dettagli

Trust e titolare effettivo: compilazione quadro RW. Le indicazioni dell Amministrazione Finanziaria

Trust e titolare effettivo: compilazione quadro RW. Le indicazioni dell Amministrazione Finanziaria Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 73 11.03.2014 Trust e titolare effettivo: compilazione quadro RW Le indicazioni dell Amministrazione Finanziaria Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A.

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. RISOLUZIONE N. 170/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2005 OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. Con l interpello specificato in oggetto,

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

FATCA AL VIA: OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE E ALTRI ADEMPIMENTI A CARICO DEGLI INTERMEDIARI ITALIANI.

FATCA AL VIA: OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE E ALTRI ADEMPIMENTI A CARICO DEGLI INTERMEDIARI ITALIANI. FATCA AL VIA: OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE E ALTRI ADEMPIMENTI A CARICO DEGLI INTERMEDIARI ITALIANI. 14-15 LUGLIO 2015 StarHotels Rosa Grand Piazza Fontana 3 Milano E ALTRI ADEMPIMENTI A CARICO DEGLI INTERMEDIARI

Dettagli

Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti. finanziari

Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti. finanziari Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti finanziari (di Leda Rita Corrado - Assegnista di ricerca in Diritto Tributario presso l Università degli Studi di Roma Tor Vergata e

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Aprile 2014

Dettagli

Sede/indirizzo: Sede/località: Codice fiscale: Codice fiscale:

Sede/indirizzo: Sede/località: Codice fiscale: Codice fiscale: Allegato 1 Codice del dipendente dell'autorità tributaria CALCOLO DELLE RITENUTE FISCALI AI SENSI DELL'ART. 374 DELLA LEGGE SULLA PROCEDURA TRIBUTARIA relativi alla corresponsione dei redditi di residenti

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

Il Foreign Account Tax compliance Act (FATCA) Cosa e cambiato dal 1 luglio 2014?

Il Foreign Account Tax compliance Act (FATCA) Cosa e cambiato dal 1 luglio 2014? Il Foreign Account Tax compliance Act (FATCA) Cosa e cambiato dal 1 luglio 2014? Indice Cos è FATCA? Quando e entrato in vigore? Quali tipologie di rapporti sono in perimetro FATCA? Cosa richiederà la

Dettagli