PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI"

Transcript

1 Pag. 1 di 30 PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30

2 Pag. 2 di 30 1 GENERALITÀ CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI SOA DOMINIO ESTERNO DESCRIZIONE DELL OGGETTO DI INTERSCAMBIO MESSAGEDTO LOGIN & TEST RFID TROVATORE TEST DAA DAA IE815 (EMCS E-AD) DAA IE801/ IE906 (EMCS ESITO) DAA IE818 (EMCS NOTA DI RICEVIMENTO) DAA IE810 (EMCS ANNULLAMENTO E-AD) DAA IE813 (EMCS CAMBIO DI DESTINAZIONE) DAA IE819 (EMCS INTERRUZIONE MOVIMENTO) DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA MOVIMENTI DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA STORIA MRN DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA PER PROTOCOLLO DESTINATARI AUTORIZZATI - IE DESTINATARI AUTORIZZATI - IE MODALITÀ DI ACCREDITAMENTO ALLEGATI TECNICI LEGENDA MESSAGEDTO CODICI DI RITORNO DEI SERVIZI DOMINIO ESTERNO CODICI RELATIVI AI W-S SERVIZI EJB - WS METODI ESPOSTI PARAMETRI IN INPUT/OUTPUT APPENDICE RFID SCHEMA (RFID_V3.XSD) SCHEMA PER DAA EMCS ESITO SCHEMA (ESITO.XSD) RICERCA - SCHEMA (ENQUIRY.XSD) RICERCA DI DETTAGLIO - SCHEMA (ENQUIRYDETAIL.XSD) ESITO RICERCA - SCHEMA (ENQUIRY_RESULT.XSD) ESITO RICERCA DI DETTAGLIO - SCHEMA (ENQUIRYDETAIL_RESULT.XSD) SCHEMA PER DESTINATARI AUTORIZZATI NCTS...29 Pag. 2 di 30

3 Pag. 3 di 30 1 Generalità 1.1 Canali di comunicazione dei sistemi I web services sono esposti da SOGEI utilizzando gli standard più diffusi (SOAP, WSDL) e sono fruibili attraverso canali di comunicazione sicuri data la sensibilità dei dati scambiati. La cooperazione tra ente interessato e SOGEI verrà effettuata attraverso un canale https bilanciato (certificato client e server). L autenticazione necessita di credenziali incapsulate nell envelope del messaggio SOAP. Ne consegue che il client deve incapsulare credenziali valide appartenenti ad un utente censito su LDAP. Tali credenziali potranno essere dinamicamente passate dall utente alla login (scelta effettuata per il client RCP proposto da SOGEI) oppure automaticamente lette da file di properties come utenza di servizio. La scelta rimane a discrezione di chiunque sviluppi un client remoto. I meccanismi di autenticazione ed autorizzazione sono descritti in dettaglio nel paragrafo Modalità di accreditamento. I messaggi xml vengono firmati dal client e trasmessi sfruttando il messaggio SOAP. Gli xml di cui sopra devono essere creati seguendo schemi xsd, rispettandone il contenuto e tutti i vincoli di obbligatorietà e molteplicità. Pertanto durante la fase di ricezione del messaggio, oltre alla verifica della firma che serve a preservarne l integrità, c è una validazione rispetto allo schema xsd, tesa a controllare formalmente il contenuto del messaggio. Pag. 3 di 30

4 Pag. 4 di 30 2 SOA Dominio Esterno 2.1 Descrizione dell oggetto di interscambio MessageDTO L oggetto MessageDTO contiene tutti i campi necessari alla sottomissione delle richieste di elaborazione ed alla gestione dei messaggi di ritorno. I campi utilizzati da un servizio web possono essere di input o di output. I campi di input obbligatori per ciascun servizio sono indicati nell allegato tecnico del presente documento. I restanti campi, cioè quelli del DTO esclusi quelli di input, sono campi di output e in generale, ma non sempre, sono riempiti alla risposta dal servizio web invocato. La classe MessageDTO ha una struttura quanto più generica possibile e contiene una collezione di oggetti di tipo complesso XmlDTO. Tale oggetto ha come proprietà un array di byte che rappresenta un file xml serializzato. La descrizione completa dei campi relativi all oggetto MessageDTO è disponibile negli allegati tecnici. 2.2 Login & Test Questo servizio permette effettuare la login e può essere usato per inviare una richiesta di test al web service Dominio Esterno. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid: indica il tipo di operazione da eseguire. In questo caso vale L0. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. in caso di fallimento il web service non viene contattato, per cui il client dovrà gestire l eccezione AxisFault eventualmente scaturita. Pag. 4 di 30

5 Pag. 5 di RFID trovatore Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema rfid.xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati raccolti dal lettore RFID client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: indica il tipo di operazione da eseguire. Necessario per effettuare il dispatching verso i servizi richiesti. E formalmente costruito con un prefisso più il numero d ordine del servizio. In questo caso il prefisso è R (es: R0,R1...Rn) ed il serviceid è R0. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.4 TEST DAA Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio Pag. 5 di 30

6 Pag. 6 di 30 xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: indica il tipo di operazione da eseguire. Necessario per effettuare il dispatching verso i servizi richiesti. E formalmente costruito con un prefisso più il numero d ordine del servizio. In questo caso il prefisso è D (es: D0,D1...Dn) ed il serviceid è D0. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.5 DAA IE815 (EMCS e-ad) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: Pag. 6 di 30

7 Pag. 7 di 30 serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D1. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.6 DAA IE801/ IE906 (EMCS esito) Questo servizio permette di richiedere l esito riguardo l elaborazione degli IE815 sottomessi tramite il WebService. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid inputobj Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D2 Pag. 7 di 30

8 Pag. 8 di 30 inputobj: rappresenta una stringa contenente il protocollo di cui si vuole conoscere l esito. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. Il servizio risponderà con un errore qualora non sia ancora disponibile l esito dell elaborazione riguardo il protocollo richiesto. In caso contrario, la proprietà XmlList conterrà un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml di risposta: IE801 IE DAA IE818 (EMCS Nota di ricevimento) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D5. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array Pag. 8 di 30

9 Pag. 9 di 30 di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.8 DAA IE810 (EMCS Annullamento e-ad) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D3. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: Pag. 9 di 30

10 Pag. 10 di 30 in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.9 DAA IE813 (EMCS Cambio di Destinazione) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D4. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse Pag. 10 di 30

11 Pag. 11 di 30 verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente DAA IE819 (EMCS Interruzione movimento) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D6. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. Pag. 11 di 30

12 Pag. 12 di DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA MOVIMENTI Questo servizio permette di eseguire una ricerca sul database centrale per i parametri specificati nel messaggio xml di servizio e descritti dallo schema xsd (enquiry.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i parametri di ricerca immessi in input dal client. Si potrà accedere esclusivamente ai dati di proprietà e competenza del TIN che effettua la ricerca. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N1. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. Nel campo xmllist sarà presente un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml che rappresenta il risultato della ricerca, secondo lo schema enquiry_result.xsd. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Pag. 12 di 30

13 Pag. 13 di DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA STORIA MRN Questo servizio permette di eseguire una ricerca sul database centrale per l MRN immesso in input dal client. Si potrà accedere esclusivamente ai dati di proprietà e competenza del TIN che effettua la ricerca. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid inputobj Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N2. inputobj: dovrà contenere il valore dell MRN per cui si intende effettuare la ricerca. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. Nel campo xmllist sarà presente un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml che rappresenta il risultato della ricerca, secondo lo schema enquirydetail_result.xsd. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA PER PROTOCOLLO Questo servizio permette di eseguire una ricerca sul database centrale per i parametri specificati nel messaggio xml di servizio e descritti dallo schema xsd (enquirydetail.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i parametri di ricerca immessi in input dal client. Si potrà accedere esclusivamente ai dati di proprietà e competenza del TIN che effettua la ricerca. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: Pag. 13 di 30

14 Pag. 14 di 30 serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N3. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. Nel campo xmllist sarà presente un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml che rappresenta il risultato della ricerca, secondo lo schema enquirydetail_result.xsd. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale DESTINATARI AUTORIZZATI - IE007 Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd (CC007A.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N4. Pag. 14 di 30

15 Pag. 15 di 30 xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente DESTINATARI AUTORIZZATI - IE044 Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd (CC044A.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N5. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Pag. 15 di 30

16 Pag. 16 di 30 Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 3 Modalità di accreditamento Nell ambito della sicurezza e delle modalità di accreditamento, l accesso ai servizi cooperativi si articola in due fasi ben distinte, autenticazione ed autorizzazione così come già avviene per l accesso ai servizi web on-line; in particolare : 1. Autenticazione utente: l accesso a Dominio Esterno è consentito ai soli utenti in possesso di uno specifico Certificato di Autenticazione rilasciato dalla Certification Authority dell Agenzia delle Entrate; 2. autorizzazione utente: l utilizzo dello specifico servizio è sottoposto al preventivo controllo di autorizzazione del singolo utente richiedente. La fase di autenticazione utente inizia con il riconoscimento del Certificato da parte del web server ed in caso positivo prosegue con la verifica delle credenziali (username e password) su LDAP. Superata l autenticazione il certificato viene sottoposto al controllo del Telematico tramite l invocazione di appositi servizi che ne verificano il titolare ed il firmatario. A questo punto scatta la fase di autorizzazione utente, in analogia a quanto previsto per l autorizzazione all utilizzo dei servizi web-on-line. Tramite il controllo delle autorizzazioni è possibile stabilire se l utenza è abilitata ad effettuare l operazione richiesta ed identificata dal serviceid. Pag. 16 di 30

17 Pag. 17 di 30 4 Allegati Tecnici 4.1 Legenda MessageDTO Nome Campo inputobj Contenuto Oggetto contenente parametri di servizio. serviceid Stringa contente l identificatore dell operazione richiesta. E costruito da prefisso + numero d ordine. xmllist Array di XmlDTO. outputobj Oggetto contenente il messaggio di ritorno in caso di errore oppure il protocollo in caso di successo. XmlDTO Xml Array di byte contenente il messaggio xml serializzato. 5 Codici di Ritorno dei servizi Dominio Esterno 5.1 Codici relativi ai W-S Codice messaggio Descrizione messaggio ED00000 ED00001 ED Servizio non disponibile. La verifica della firma è fallita. Il certificato utilizzato per la firma non è valido. Pag. 17 di 30

18 Pag. 18 di 30 ED ED ED00002 ED00003 ED00004 ED00005 ED00006 ED00007 ED00008 ED00009 L'Autorità di certificazione non è ritenuta sicura La verifica dell'integrità del messaggio è fallita. Telematico verifica utenza - titolare certificato: fallita CA verifica certificato: fallita Telematico verifica firmatario - titolare certificato: fallita Service ID non esistente Verifica xsd: fallita Errore in accodamento richiesta Richiesta non ancora elaborata Condizioni xsd violate Per chi sviluppi il client, in caso di autenticazione fallita è necessario intercettare l eccezione generata dal container WebSphere Servizi I servizi esposti riguardano: - Test login. - Ricezione ed elaborazione di un messaggio RFID. - Ricezione ed elaborazione di un messaggio DAA. - Richiesta dell esito di elaborazione di un messaggio DAA. 6.1 EJB - WS - DispatcherBean 6.2 Metodi Esposti In DispatcherBean dispatcher(messagedto messaggio) 6.3 Parametri in input/output Pag. 18 di 30

19 Pag. 19 di 30 Metodo Input Output dispatcher MessageDTO messaggio MessageDTO 7 Appendice 7.1 RFID schema (rfid_v3.xsd) Per tutti i dettagli su questo schema consultare l allegato RFID schema.pdf Nome Campo terminale_utente Contenuto Stringa indicante se il terminale è attivo o passivo. tipo_tag Stringa indicante se il tipo tag è attivo o passivo. id_tag Stringa indicante l identificatore del tag RFID. Stato Stringa indicante se lo stato è aperto o chiuso. num_container Stringa indicante il numero del container. Targa Informazioni cf_titolare CODICEUTENTEABILITATO num_reg Stringa indicante la targa. Stringa contenente la concatenazione di - numero operazione - ora - tipo operazione Stringa contenente il cf cui è stato rilasciato il certificato client Indica il codice utente abilitato Numero a3 associata al container Pag. 19 di 30

20 Pag. 20 di 30 cod_registro Codice identificativo del registro a3 cod_uff_dog Codice ufficio registrazione partita data_reg Anno registro ricavato dalla data a3 data_evento Time rilevazione passaggio dal gate tipo_operazione identificativo_vagone Indica se la rilevazione avviene in ingresso o uscita dal terminal Indica il codice identificativo del vagone (valorizzato solo per treni) posizione_vagone Indica la posizione del vagone nel treno luogo Indica il luogo della rivelazione ext1 Riservato ad usi futuri ext2 Riservato ad usi futuri ext3 Riservato ad usi futuri Pag. 20 di 30

21 Pag. 21 di Schema per DAA EMCS Per tutti i dettagli riguardanti i tracciati, riferirsi agli allegati pdf e xsd: IE810.pdf IE810.xsd IE813.pdf IE813.xsd IE815.pdf IE815.xsd IE818.pdf IE818.xsd IE819.pdf IE819.xsd Considerare anche gli xsd inclusi dai precedenti: tcl.xsd types.xsd types_2.xsd doc.xsd tms.xsd tms_2.xsd Pag. 21 di 30

22 Pag. 22 di Esito schema (esito.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <xs:element name="esito"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element ref="esito_operazione"/> <xs:element ref="protocollo" minoccurs="0"/> <xs:element ref="errore" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="protocollo"> <xs:minlength value="1"/> <xs:maxlength value="25"/> <xs:element name="esito_operazione"> <xs:length value="1"/> <xs:element name="errore"> <xs:minlength value="1"/> <xs:maxlength value="200"/> </xs:schema> esito Nome Campo esito_operazione Contenuto 1=Positivo;0=Negativo protocollo Codice identificativo della transazione errore messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 Pag. 22 di 30

23 Pag. 23 di Ricerca - schema (enquiry.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" elementformdefault="qualified"> <xs:element name="enquiry"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element ref="tin" minoccurs="0"/> <xs:element ref="mrn" minoccurs="0"/> <xs:element ref="state" minoccurs="0"/> <xs:element ref="coduff" minoccurs="0"/> <xs:element ref="datada" minoccurs="0"/> <xs:element ref="dataa" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="tin"> <xs:length value="17"/> <xs:element name="mrn"> <xs:length value="18"/> <xs:element name="state"> <xs:minlength value="1"/> <xs:maxlength value="2"/> <xs:element name="coduff"> <xs:length value="8"/> <xs:element name="datada"> <xs:length value="8"/> <xs:pattern value="2[0-9]{3}(0[0-9] 1[0-2])([0-2][0-9] 3[0-1])"/> <xs:element name="dataa"> <xs:length value="8"/> <xs:pattern value="2[0-9]{3}(0[0-9] 1[0-2])([0-2][0-9] 3[0-1])"/> </xs:schema> Pag. 23 di 30

24 Pag. 24 di 30 enquiry Nome Campo tin Contenuto Trade Identification Number mrn Identificativo movimento state Stato operativo del movimento nella base dati di comunicazione coduff Codice ufficio per cui lavora il TIN datada Data iniziale dell intervallo di ricerca dataa Data finale dell intervallo di ricerca 7.5 Ricerca di dettaglio - schema (enquirydetail.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" elementformdefault="qualified"> <xs:element name="enquiry_detail"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element ref="protocollo" minoccurs="0"/> <xs:element ref="messagetype" minoccurs="0"/> <xs:element ref="mrn" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="protocollo"> <xs:minlength value="12"/> <xs:element name="messagetype"> <xs:length value="5"/> Pag. 24 di 30

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Guida al primo accesso sul SIAN

Guida al primo accesso sul SIAN Guida al primo accesso sul SIAN Il presente documento illustra le modalità operative per il primo accesso al sian e l attivazione dell utenza per poter fruire dei servizi presenti nella parte privata del

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013-

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013- Progetto SINTESI Dominio Provinciale Guida alla compilazione del form di Accreditamento -Versione Giugno 2013- - 1 - Di seguito vengono riportate le indicazioni utili per la compilazione del form di accreditamento

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Versione 1.0 Maggio 2013 INDICE 1. OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 1.1 STORIA DEL DOCUMENTO 2 1.2 ACRONIMI E

Dettagli

Specifiche API. Gestione utenti multipli

Specifiche API. Gestione utenti multipli Specifiche API Gestione utenti multipli v1.3.73 Last update: Ludovico 28/12/2009 Sommario Descrizione del servizio... 3 Come diventare partner... 3 Modalità di accesso al servizio con gestione utenti multipli...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider Eventi definitivi MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider Eventi definitivi MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua Eventi definitivi MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 18 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3.

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01)

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) SINTESI Comunicazioni Obbligatorie [COB] XML ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) Questo documento è una guida alla importazione delle Comunicazioni Obbligatorie: funzionalità che consente di importare

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0 nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR Versione 1.0 1 Introduzione L impiego di Alias come mittente nei messaggi è attualmente regolato dalla delibera n. 42/13/CIR concernente

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

Manuale Polizze Manager. ver 1.0

Manuale Polizze Manager. ver 1.0 Manuale Polizze Manager ver 1.0 Ultima revisione: 18/07/2011 Indice Manuale Polizze Manager Indice Introduzione Funzionamento di base Compagnie Agenti Agenti > Gestisci commissioni Configurazione > Commissioni

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli SCAMBIO ELETTRONICO DEI DATI ( E. D. I. ) MANUALE PER L'UTENTE

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli SCAMBIO ELETTRONICO DEI DATI ( E. D. I. ) MANUALE PER L'UTENTE Agenzia delle Dogane e dei Monopoli SCAMBIO ELETTRONICO DEI DATI ( E. D. I. ) MANUALE PER L'UTENTE Versione 1 Dicembre 2012 INDICE INTRODUZIONE...5 1 MODALITA DI INTERSCAMBIO... 6 1.1 Sistema di accesso

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0 Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE Versione 1.0.0 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. USO DEL SERVIZIO E FUNZIONALITÀ... 3 2.1 Funzionalità di Revoca del proprio medico... 4 2.2 Funzionalità di scelta/revoca

Dettagli

E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura!

E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! Sei un nuovo amministrato? NoiPA - Servizi

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Import Sisam. Manuale utente. Maggio 2012. Sistema di raccolta dei dati statistici in ambito Socio-Assistenziale Minori

Import Sisam. Manuale utente. Maggio 2012. Sistema di raccolta dei dati statistici in ambito Socio-Assistenziale Minori Maggio 2012 Sistema di raccolta dei dati statistici in ambito Socio-Assistenziale Minori SOMMARIO Invio in RER dei dati Socio-Assistenziali Minori... 3 Home... 3 Elenco dati caricati... 4 Parametri di

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE A cura di Gerardo De Caro: La fatturazione elettronica obbligatoria verso la Pubblica Amministrazione Executive Summary Il formato fattura PA

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Dizionario delle Forniture ICT

Dizionario delle Forniture ICT Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale operativo Dizionario delle Forniture ICT Classe di Fornitura Gestione

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche II contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. 1 di 39 REDATTO DA < Amici Cinzia > Firma Data 18/01/2011

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Informazioni sul documento Redatto da Ruben Pandolfi Responsabile del Manuale Operativo Approvato da Claudio Corbetta Amministratore Delegato

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

il software per il nido e per la scuola dell infanzia

il software per il nido e per la scuola dell infanzia il software per il nido e per la scuola dell infanzia InfoAsilo è il software gestionale che semplifica il lavoro di coordinatori ed educatori di asili nido e scuole dell infanzia. Include tutte le funzionalità

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli