PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI"

Transcript

1 Pag. 1 di 30 PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30

2 Pag. 2 di 30 1 GENERALITÀ CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI SOA DOMINIO ESTERNO DESCRIZIONE DELL OGGETTO DI INTERSCAMBIO MESSAGEDTO LOGIN & TEST RFID TROVATORE TEST DAA DAA IE815 (EMCS E-AD) DAA IE801/ IE906 (EMCS ESITO) DAA IE818 (EMCS NOTA DI RICEVIMENTO) DAA IE810 (EMCS ANNULLAMENTO E-AD) DAA IE813 (EMCS CAMBIO DI DESTINAZIONE) DAA IE819 (EMCS INTERRUZIONE MOVIMENTO) DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA MOVIMENTI DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA STORIA MRN DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA PER PROTOCOLLO DESTINATARI AUTORIZZATI - IE DESTINATARI AUTORIZZATI - IE MODALITÀ DI ACCREDITAMENTO ALLEGATI TECNICI LEGENDA MESSAGEDTO CODICI DI RITORNO DEI SERVIZI DOMINIO ESTERNO CODICI RELATIVI AI W-S SERVIZI EJB - WS METODI ESPOSTI PARAMETRI IN INPUT/OUTPUT APPENDICE RFID SCHEMA (RFID_V3.XSD) SCHEMA PER DAA EMCS ESITO SCHEMA (ESITO.XSD) RICERCA - SCHEMA (ENQUIRY.XSD) RICERCA DI DETTAGLIO - SCHEMA (ENQUIRYDETAIL.XSD) ESITO RICERCA - SCHEMA (ENQUIRY_RESULT.XSD) ESITO RICERCA DI DETTAGLIO - SCHEMA (ENQUIRYDETAIL_RESULT.XSD) SCHEMA PER DESTINATARI AUTORIZZATI NCTS...29 Pag. 2 di 30

3 Pag. 3 di 30 1 Generalità 1.1 Canali di comunicazione dei sistemi I web services sono esposti da SOGEI utilizzando gli standard più diffusi (SOAP, WSDL) e sono fruibili attraverso canali di comunicazione sicuri data la sensibilità dei dati scambiati. La cooperazione tra ente interessato e SOGEI verrà effettuata attraverso un canale https bilanciato (certificato client e server). L autenticazione necessita di credenziali incapsulate nell envelope del messaggio SOAP. Ne consegue che il client deve incapsulare credenziali valide appartenenti ad un utente censito su LDAP. Tali credenziali potranno essere dinamicamente passate dall utente alla login (scelta effettuata per il client RCP proposto da SOGEI) oppure automaticamente lette da file di properties come utenza di servizio. La scelta rimane a discrezione di chiunque sviluppi un client remoto. I meccanismi di autenticazione ed autorizzazione sono descritti in dettaglio nel paragrafo Modalità di accreditamento. I messaggi xml vengono firmati dal client e trasmessi sfruttando il messaggio SOAP. Gli xml di cui sopra devono essere creati seguendo schemi xsd, rispettandone il contenuto e tutti i vincoli di obbligatorietà e molteplicità. Pertanto durante la fase di ricezione del messaggio, oltre alla verifica della firma che serve a preservarne l integrità, c è una validazione rispetto allo schema xsd, tesa a controllare formalmente il contenuto del messaggio. Pag. 3 di 30

4 Pag. 4 di 30 2 SOA Dominio Esterno 2.1 Descrizione dell oggetto di interscambio MessageDTO L oggetto MessageDTO contiene tutti i campi necessari alla sottomissione delle richieste di elaborazione ed alla gestione dei messaggi di ritorno. I campi utilizzati da un servizio web possono essere di input o di output. I campi di input obbligatori per ciascun servizio sono indicati nell allegato tecnico del presente documento. I restanti campi, cioè quelli del DTO esclusi quelli di input, sono campi di output e in generale, ma non sempre, sono riempiti alla risposta dal servizio web invocato. La classe MessageDTO ha una struttura quanto più generica possibile e contiene una collezione di oggetti di tipo complesso XmlDTO. Tale oggetto ha come proprietà un array di byte che rappresenta un file xml serializzato. La descrizione completa dei campi relativi all oggetto MessageDTO è disponibile negli allegati tecnici. 2.2 Login & Test Questo servizio permette effettuare la login e può essere usato per inviare una richiesta di test al web service Dominio Esterno. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid: indica il tipo di operazione da eseguire. In questo caso vale L0. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. in caso di fallimento il web service non viene contattato, per cui il client dovrà gestire l eccezione AxisFault eventualmente scaturita. Pag. 4 di 30

5 Pag. 5 di RFID trovatore Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema rfid.xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati raccolti dal lettore RFID client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: indica il tipo di operazione da eseguire. Necessario per effettuare il dispatching verso i servizi richiesti. E formalmente costruito con un prefisso più il numero d ordine del servizio. In questo caso il prefisso è R (es: R0,R1...Rn) ed il serviceid è R0. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.4 TEST DAA Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio Pag. 5 di 30

6 Pag. 6 di 30 xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: indica il tipo di operazione da eseguire. Necessario per effettuare il dispatching verso i servizi richiesti. E formalmente costruito con un prefisso più il numero d ordine del servizio. In questo caso il prefisso è D (es: D0,D1...Dn) ed il serviceid è D0. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.5 DAA IE815 (EMCS e-ad) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: Pag. 6 di 30

7 Pag. 7 di 30 serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D1. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.6 DAA IE801/ IE906 (EMCS esito) Questo servizio permette di richiedere l esito riguardo l elaborazione degli IE815 sottomessi tramite il WebService. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid inputobj Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D2 Pag. 7 di 30

8 Pag. 8 di 30 inputobj: rappresenta una stringa contenente il protocollo di cui si vuole conoscere l esito. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. Il servizio risponderà con un errore qualora non sia ancora disponibile l esito dell elaborazione riguardo il protocollo richiesto. In caso contrario, la proprietà XmlList conterrà un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml di risposta: IE801 IE DAA IE818 (EMCS Nota di ricevimento) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D5. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array Pag. 8 di 30

9 Pag. 9 di 30 di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.8 DAA IE810 (EMCS Annullamento e-ad) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D3. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: Pag. 9 di 30

10 Pag. 10 di 30 in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 2.9 DAA IE813 (EMCS Cambio di Destinazione) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D4. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse Pag. 10 di 30

11 Pag. 11 di 30 verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente DAA IE819 (EMCS Interruzione movimento) Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: D6. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. Pag. 11 di 30

12 Pag. 12 di DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA MOVIMENTI Questo servizio permette di eseguire una ricerca sul database centrale per i parametri specificati nel messaggio xml di servizio e descritti dallo schema xsd (enquiry.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i parametri di ricerca immessi in input dal client. Si potrà accedere esclusivamente ai dati di proprietà e competenza del TIN che effettua la ricerca. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N1. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. Nel campo xmllist sarà presente un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml che rappresenta il risultato della ricerca, secondo lo schema enquiry_result.xsd. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Pag. 12 di 30

13 Pag. 13 di DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA STORIA MRN Questo servizio permette di eseguire una ricerca sul database centrale per l MRN immesso in input dal client. Si potrà accedere esclusivamente ai dati di proprietà e competenza del TIN che effettua la ricerca. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid inputobj Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N2. inputobj: dovrà contenere il valore dell MRN per cui si intende effettuare la ricerca. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. Nel campo xmllist sarà presente un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml che rappresenta il risultato della ricerca, secondo lo schema enquirydetail_result.xsd. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale DESTINATARI AUTORIZZATI - RICERCA PER PROTOCOLLO Questo servizio permette di eseguire una ricerca sul database centrale per i parametri specificati nel messaggio xml di servizio e descritti dallo schema xsd (enquirydetail.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i parametri di ricerca immessi in input dal client. Si potrà accedere esclusivamente ai dati di proprietà e competenza del TIN che effettua la ricerca. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: Pag. 13 di 30

14 Pag. 14 di 30 serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N3. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. Nel campo xmllist sarà presente un solo oggetto XmlDTO con un messaggio xml che rappresenta il risultato della ricerca, secondo lo schema enquirydetail_result.xsd. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale DESTINATARI AUTORIZZATI - IE007 Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd (CC007A.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N4. Pag. 14 di 30

15 Pag. 15 di 30 xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente DESTINATARI AUTORIZZATI - IE044 Questo servizio permette di inviare una richiesta di elaborazione per i dati specificati nel messaggio xml e descritti dallo schema xsd (CC044A.xsd) che ogni messaggio xml deve rispettare. In questo caso i dati trasmessi rappresentano i dati immessi in input dal client. Per effettuare una corretta richiesta i campi obbligatori sono: serviceid xmllist Segue la descrizione dei campi, se non specificato il dominio dei valori è riportato in appendice: serviceid: N5. xmllist: rappresenta una collezione di oggetti XmlDTO all interno di ognuno dei quali c è un messaggio xml serializzato e convertito in array di byte. Generalmente questa lista conterrà un solo oggetto XmlDTO con il messaggio xml all interno. Pag. 15 di 30

16 Pag. 16 di 30 Il servizio restituisce un oggetto outputobj contenente un xml basato su esito.xsd in cui: in caso di richiesta inoltrata con successo, la proprietà esito_operazione vale 1. La proprietà protocollo sarà valorizzata con il protocollo assegnato dal sistema. in caso di fallimento, la proprietà esito_operazione vale 0. Se la richiesta è stata protocollata, la proprietà errore conterrà il messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 e la proprietà protocollo conterrà il protocollo assegnato dal sistema. Altrimenti qualora si fosse verificato un problema nella fase di accoglienza che abbia impedito la protocollazione, la proprietà protocollo sarà assente. 3 Modalità di accreditamento Nell ambito della sicurezza e delle modalità di accreditamento, l accesso ai servizi cooperativi si articola in due fasi ben distinte, autenticazione ed autorizzazione così come già avviene per l accesso ai servizi web on-line; in particolare : 1. Autenticazione utente: l accesso a Dominio Esterno è consentito ai soli utenti in possesso di uno specifico Certificato di Autenticazione rilasciato dalla Certification Authority dell Agenzia delle Entrate; 2. autorizzazione utente: l utilizzo dello specifico servizio è sottoposto al preventivo controllo di autorizzazione del singolo utente richiedente. La fase di autenticazione utente inizia con il riconoscimento del Certificato da parte del web server ed in caso positivo prosegue con la verifica delle credenziali (username e password) su LDAP. Superata l autenticazione il certificato viene sottoposto al controllo del Telematico tramite l invocazione di appositi servizi che ne verificano il titolare ed il firmatario. A questo punto scatta la fase di autorizzazione utente, in analogia a quanto previsto per l autorizzazione all utilizzo dei servizi web-on-line. Tramite il controllo delle autorizzazioni è possibile stabilire se l utenza è abilitata ad effettuare l operazione richiesta ed identificata dal serviceid. Pag. 16 di 30

17 Pag. 17 di 30 4 Allegati Tecnici 4.1 Legenda MessageDTO Nome Campo inputobj Contenuto Oggetto contenente parametri di servizio. serviceid Stringa contente l identificatore dell operazione richiesta. E costruito da prefisso + numero d ordine. xmllist Array di XmlDTO. outputobj Oggetto contenente il messaggio di ritorno in caso di errore oppure il protocollo in caso di successo. XmlDTO Xml Array di byte contenente il messaggio xml serializzato. 5 Codici di Ritorno dei servizi Dominio Esterno 5.1 Codici relativi ai W-S Codice messaggio Descrizione messaggio ED00000 ED00001 ED Servizio non disponibile. La verifica della firma è fallita. Il certificato utilizzato per la firma non è valido. Pag. 17 di 30

18 Pag. 18 di 30 ED ED ED00002 ED00003 ED00004 ED00005 ED00006 ED00007 ED00008 ED00009 L'Autorità di certificazione non è ritenuta sicura La verifica dell'integrità del messaggio è fallita. Telematico verifica utenza - titolare certificato: fallita CA verifica certificato: fallita Telematico verifica firmatario - titolare certificato: fallita Service ID non esistente Verifica xsd: fallita Errore in accodamento richiesta Richiesta non ancora elaborata Condizioni xsd violate Per chi sviluppi il client, in caso di autenticazione fallita è necessario intercettare l eccezione generata dal container WebSphere Servizi I servizi esposti riguardano: - Test login. - Ricezione ed elaborazione di un messaggio RFID. - Ricezione ed elaborazione di un messaggio DAA. - Richiesta dell esito di elaborazione di un messaggio DAA. 6.1 EJB - WS - DispatcherBean 6.2 Metodi Esposti In DispatcherBean dispatcher(messagedto messaggio) 6.3 Parametri in input/output Pag. 18 di 30

19 Pag. 19 di 30 Metodo Input Output dispatcher MessageDTO messaggio MessageDTO 7 Appendice 7.1 RFID schema (rfid_v3.xsd) Per tutti i dettagli su questo schema consultare l allegato RFID schema.pdf Nome Campo terminale_utente Contenuto Stringa indicante se il terminale è attivo o passivo. tipo_tag Stringa indicante se il tipo tag è attivo o passivo. id_tag Stringa indicante l identificatore del tag RFID. Stato Stringa indicante se lo stato è aperto o chiuso. num_container Stringa indicante il numero del container. Targa Informazioni cf_titolare CODICEUTENTEABILITATO num_reg Stringa indicante la targa. Stringa contenente la concatenazione di - numero operazione - ora - tipo operazione Stringa contenente il cf cui è stato rilasciato il certificato client Indica il codice utente abilitato Numero a3 associata al container Pag. 19 di 30

20 Pag. 20 di 30 cod_registro Codice identificativo del registro a3 cod_uff_dog Codice ufficio registrazione partita data_reg Anno registro ricavato dalla data a3 data_evento Time rilevazione passaggio dal gate tipo_operazione identificativo_vagone Indica se la rilevazione avviene in ingresso o uscita dal terminal Indica il codice identificativo del vagone (valorizzato solo per treni) posizione_vagone Indica la posizione del vagone nel treno luogo Indica il luogo della rivelazione ext1 Riservato ad usi futuri ext2 Riservato ad usi futuri ext3 Riservato ad usi futuri Pag. 20 di 30

21 Pag. 21 di Schema per DAA EMCS Per tutti i dettagli riguardanti i tracciati, riferirsi agli allegati pdf e xsd: IE810.pdf IE810.xsd IE813.pdf IE813.xsd IE815.pdf IE815.xsd IE818.pdf IE818.xsd IE819.pdf IE819.xsd Considerare anche gli xsd inclusi dai precedenti: tcl.xsd types.xsd types_2.xsd doc.xsd tms.xsd tms_2.xsd Pag. 21 di 30

22 Pag. 22 di Esito schema (esito.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <xs:element name="esito"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element ref="esito_operazione"/> <xs:element ref="protocollo" minoccurs="0"/> <xs:element ref="errore" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="protocollo"> <xs:minlength value="1"/> <xs:maxlength value="25"/> <xs:element name="esito_operazione"> <xs:length value="1"/> <xs:element name="errore"> <xs:minlength value="1"/> <xs:maxlength value="200"/> </xs:schema> esito Nome Campo esito_operazione Contenuto 1=Positivo;0=Negativo protocollo Codice identificativo della transazione errore messaggio di errore codificato come in tabella 5.1 Pag. 22 di 30

23 Pag. 23 di Ricerca - schema (enquiry.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" elementformdefault="qualified"> <xs:element name="enquiry"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element ref="tin" minoccurs="0"/> <xs:element ref="mrn" minoccurs="0"/> <xs:element ref="state" minoccurs="0"/> <xs:element ref="coduff" minoccurs="0"/> <xs:element ref="datada" minoccurs="0"/> <xs:element ref="dataa" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="tin"> <xs:length value="17"/> <xs:element name="mrn"> <xs:length value="18"/> <xs:element name="state"> <xs:minlength value="1"/> <xs:maxlength value="2"/> <xs:element name="coduff"> <xs:length value="8"/> <xs:element name="datada"> <xs:length value="8"/> <xs:pattern value="2[0-9]{3}(0[0-9] 1[0-2])([0-2][0-9] 3[0-1])"/> <xs:element name="dataa"> <xs:length value="8"/> <xs:pattern value="2[0-9]{3}(0[0-9] 1[0-2])([0-2][0-9] 3[0-1])"/> </xs:schema> Pag. 23 di 30

24 Pag. 24 di 30 enquiry Nome Campo tin Contenuto Trade Identification Number mrn Identificativo movimento state Stato operativo del movimento nella base dati di comunicazione coduff Codice ufficio per cui lavora il TIN datada Data iniziale dell intervallo di ricerca dataa Data finale dell intervallo di ricerca 7.5 Ricerca di dettaglio - schema (enquirydetail.xsd) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" elementformdefault="qualified"> <xs:element name="enquiry_detail"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element ref="protocollo" minoccurs="0"/> <xs:element ref="messagetype" minoccurs="0"/> <xs:element ref="mrn" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="protocollo"> <xs:minlength value="12"/> <xs:element name="messagetype"> <xs:length value="5"/> Pag. 24 di 30

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 Pag. 2 di 16 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 Pag. 2 di 11 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

PROGETTO WEB SERVICES DOGANE SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE

PROGETTO WEB SERVICES DOGANE SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 12 PROGETTO WEB SERVICES DOGANE SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 12 Pag. 2 di 12 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 20 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 CANALE DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS (FASE PRIMO IMPIANTO) 4 1.2 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE ESENZIONI DA REDDITO 09/03/2011 Pag. 1 di 10 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE ESENZIONI DA REDDITO Pag. 2 di 10 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI 4 2. MODALITÀ

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA VISUALIZZAZIONE E LO SCARICO DELLE RICEVUTE DI ATTESTAZIONE DELLE OPERAZIONI E DELLE TRANSAZIONI EFFETTUATE SULLE RICETTE DEMATERIALIZZATE (DECRETO 2 NOVEMBRE

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA COMUNICAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE CHE UN MEDICO TITOLARE DEVE FORNIRE AL SISTEMA TS AFFINCHE UN MEDICO SUO SOSTITUTO POSSA PRESCRIVERE RICETTE DEMATERIALIZZATE

Dettagli

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni Web Service per importare un adempimento SUAP in Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni 1. Introduzione al documento...3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente emissione...3

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 13 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS 5 3. SERVIZIO DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE/REVOCA CNS 6 3.1 DESCRIZIONE

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica per utente

Dettagli

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE Allegato_Tecnico Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE NOTA TECNICA:

Dettagli

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Versione 3.0 Giugno 2015 Sommario 1 I profili di utenza del sistema... 3 2 Accesso al sistema... 3 3 Utente Amministrazione...

Dettagli

Destinatari Autorizzati

Destinatari Autorizzati Destinatari Autorizzati Guida al test del client sviluppato dall operatore Versione 1.0 1. Premessa... 3 2. Test dell applicazione... 3 3. Casi di test... 4 3.1 Invio della notifica di arrivo (IE007) e

Dettagli

EXCISE_DAA_NOTIfication

EXCISE_DAA_NOTIfication Come semplificare le Vs. attività in materia di ACCISE EXCISE_DAA_NOTIfication Cos è: Procedura automatizzata per l acquisizione ed elaborazione notifiche DAA Con questo nuovo modulo vengono abbattuti

Dettagli

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI.

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI. OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI Revisione 106 Omnigate srl Bergamo, luglio 2009 1. Introduzione Il servizio

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA {

FATTURA ELETTRONICA { FATTURA ELETTRONICA { NORMATIVA La Finanziaria 2008 ha stabilito che la fatturazione nei confronti dell Amministrazione dello stato debba avvenire esclusivamente in maniera elettronica Il DM 5 aprile 2013

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD Pag. 2 di 14 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE E REVOCA

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES Pag. 2 di 173 1 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 6 2 GENERALITÀ... 6 2.1 STANDARD TECNICI... 7 2.2 LINGUAGGIO COMUNE... 7 2.3 WEB SERVICES... 8 2.4 WSDL (WEB SERVICE DESCRIPTION

Dettagli

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni Pag. 1 di 15 Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni versione data Modifiche principali Autore/i 0.1 Redazione specifiche tecniche Dario Piermarini 1/15 Pag. 2 di 15 1 INTRODUZIONE Un Comune che

Dettagli

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Regione Toscana Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Stato del documento Definitiva Versione del documento 1.8 Data 29/05/13 Documento Acronimo del documento Specifiche

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE. Pag. 1 di 18 VERSIONE 1.1

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE. Pag. 1 di 18 VERSIONE 1.1 ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE VERSIONE 1.1 Pag. 1 di 18 INDICE 1. Glossario... 3 2. Il servizio SDICoop - Trasmissione... 5 3. Il web-service SdIRiceviFile... 8 3.1.1 Operazione RiceviFile...

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Interoperabilità SISTRI Descrizione servizi per upload consuntivo percorsi da sistemi ferroviari

Interoperabilità SISTRI Descrizione servizi per upload consuntivo percorsi da sistemi ferroviari Interoperabilità SISTRI servizi per upload consuntivo percorsi da sistemi ferroviari Prot. N.: SISTRI-ICD_SIS-001 SF Data: 15/05/2011 STORIA DEL DOCUMENTO VER. DATA DESCRIZIONE 1.0 01/05/2011 Prima Edizione

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014 PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 23 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 3 1. INTRODUZIONE... 4 2. GENERALITA... 5 3. STANDARD TECNICI... 6 4. INVIO DEI DATI DI SPESA... 7 4.1. CARATTERISTICHE... 7 4.2. ACCESSO

Dettagli

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE Indice 1. DESCRIZIONE... 3 2. METODI... 4 3. IL FILE XML... 6 3.1 Descrizione contenuti del file... 7 4. COME IMMETTERE I DATI SE NON CI SONO STATE VALUTAZIONI... 12 5.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI

PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI Pag. 2 di 8 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 ACCREDITAMENTO E ABILITAZIONE AL SISTEMA TS 3 1.2 PRIMO ACCESSO AL SISTEMA TS 4 2. INVIO DEI

Dettagli

Gestione Richieste Patenti Web

Gestione Richieste Patenti Web >> Specifiche Integrazione Web Services RTI Gestione Richieste Patenti Web Servizio di Sviluppo SVI Versione 1.0-07 Dicembre 2009 Indice dei contenuti 1 GENERALITA... 6 1.1 Lista di distribuzione...6 1.2

Dettagli

TINN S.r.l. Sistema di Gestione della Fatturazione Elettronica

TINN S.r.l. Sistema di Gestione della Fatturazione Elettronica TINN S.r.l. Sistema di Gestione della Fatturazione Elettronica i di 56 Indice 1... 3 1.1 CONFIGURAZIONE SGFE... 3 1.2 FATTURAZIONE ELETTRONICA PASSIVA... 17 1.3 PROTOCOLLAZIONE FATTURAZIONE ELETTRONICA...

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

AdvSelf Italia Srl. Manuale Gateway FTP XML. Copyright @ 2015 AdvSelf Italia srl - All Rights Reserved

AdvSelf Italia Srl. Manuale Gateway FTP XML. Copyright @ 2015 AdvSelf Italia srl - All Rights Reserved AdvSelf Italia Srl Manuale Gateway FTP XML Indice Indice... 2 Introduzione... 3 ftp XML... 4 Risposta... 5 SendMessage... 5 Risposta positiva a SendMessage... 6 Esempi SendMessage... 6 Esempio 1:... 7

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO Modalità tecniche per la predisposizione e l invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia all INPS

DISCIPLINARE TECNICO Modalità tecniche per la predisposizione e l invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia all INPS DISCIPLINARE TECNICO Modalità tecniche per la predisposizione e l invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia all INPS 1. Introduzione Il presente documento ha lo scopo di definire le modalità

Dettagli

SVI08-0003 Nuovo Sistema Revisioni

SVI08-0003 Nuovo Sistema Revisioni >> Nuovo Sistema Revisioni - Specifiche Web Services Officina SVI08-0003 Nuovo Sistema Revisioni Servizio di Sviluppo Software RTI Indice dei contenuti 1 GENERALITA... 8 1.1 Lista di distribuzione...8

Dettagli

La Fatturazione Elettronica

La Fatturazione Elettronica Informazioni Generali : La trasmissione di una fattura elettronica in formato Xml alla PA, obbligatoria a partire dal prossimo giugno (a scaglioni) avviene attraverso il Sistema di Interscambio (SdI),

Dettagli

Manuale Utente. Area Conservazione a norma. Fatturazione Elettronica

Manuale Utente. Area Conservazione a norma. Fatturazione Elettronica TINN s.r.l. TERAMO sede legale e amministrativa Via G. De Vincentiis, snc 64100 TE Tel. 0861 4451 Fax 0861 210085 BARI Via F. Campione, 43 70124 BA Tel. 080 5574465 Fax 080 5508790 Partita Iva 00984390674

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP versione

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Modalità tecniche per la predisposizione e l'invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia all'inps

DISCIPLINARE TECNICO. Modalità tecniche per la predisposizione e l'invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia all'inps Allegato 1 DISCIPLINARE TECNICO Modalità tecniche per la predisposizione e l'invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia all'inps 1 Introduzione Il presente documento ha lo scopo di definire

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 11 marzo 2008 SEERVIIZZIIO TTEELLEEMATTIICO M DOGANALLEE G Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione

Dettagli

Guida alla Registrazione Utenti

Guida alla Registrazione Utenti Guida alla Registrazione Utenti Introduzione Per l utilizzo della procedura telematica è necessario che gli operatori abilitati alla presentazione dei moduli provvedano alla propria registrazione, utilizzando

Dettagli

A2A technical presentation

A2A technical presentation A2A technical presentation Milano, 24 Sept 2012 Enrico Papalini IT Development Manager Attuale modalità di connessione LU6.2 LU6.2 response IAG HTTP client Mainframe or Customer Server HTTP service Https

Dettagli

SID - SISTEMA DI INTERSCAMBIO DATI MANUALE PER INVIO FILE MEDIANTE PEC

SID - SISTEMA DI INTERSCAMBIO DATI MANUALE PER INVIO FILE MEDIANTE PEC PAG. 1 DI 10 26 SETTEMBRE 2013 SID - SISTEMA DI INTERSCAMBIO DATI MANUALE PER INVIO FILE MEDIANTE PEC SID PAG. 2 DI 10 INDICE 1. INDICAZIONI GENERALI 3 2. INVIO FILE CON IL CANALE PEC 4 2.1 INVIO CORRETTO

Dettagli

Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010

Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010 1 PROGETTO EMCS Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010 ROMA Agenzia delle Dogane Sala Europa 2 Istruzioni Operative e Processi Telematici Stato dell arte del progetto EMCS Sperimentazione WEB-Services Richieste

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

EDIZIONE FEBBRAIO 2012

EDIZIONE FEBBRAIO 2012 MISADWEB SERVICE EDIZIONE FEBBRAIO 2012 Operazioni supportate GetAllVehicle Permette di ricevere la lista integrale delle vetture dell impianto. Accetta come parametro un xml contenente le informazioni

Dettagli

Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015

Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015 Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015 Aprile 2015 versione 1.0 Pagina 1 Indice Indice... 2 1 INTRODUZIONE... 3 2 FATTURAZIONE ATTIVA... 7 2.1

Dettagli

Sistema di Interscambio dell Agenzia del Territorio

Sistema di Interscambio dell Agenzia del Territorio PAG. 1 DI 26 Sistema di Interscambio Descrizione dei Servizi Sistema di Interscambio dell Agenzia del Territorio Descrizione dei servizi 26 ottobre 2007 DOC. ES-23-IS-08 PAG. 2 DI 26 Sistema di Interscambio

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia

L Iniziativa egovernment.net per l Italia L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 1 Porta di Dominio.NET Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE Pag. 1 di 6 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 L. Neri 26/02/2010 C. Audisio 08/03/10 M.Rosati 09/03/10 STATO

Dettagli

Fatturazione per la PA Guida pratica per iniziare

Fatturazione per la PA Guida pratica per iniziare Fatturazione per la PA Guida pratica per iniziare Versione 2.0 (agosto 2015) 1 Sommario... 3 2 Accedere al servizio... 4 3 Creare una nuova anagrafica... 6 4 Creazione di una fattura PA... 13 5 Firmare

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti (integrazione documento) 1 DOCUMENTO:. 1.2 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome firma Verificato da: Approvato da: Area ISIC LISTA

Dettagli

VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE

VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 L. Neri 25/02/2010 C. Audisio 08/03/10 M.Rosati 09/03/10 STATO DELLE VARIAZIONI

Dettagli

Il sistema d interscambio: il nuovo dialogo digitale con la Pubblica Amministrazione

Il sistema d interscambio: il nuovo dialogo digitale con la Pubblica Amministrazione Ana Casado Il sistema d interscambio: il nuovo dialogo digitale con la Pubblica Amministrazione Bologna, 13 maggio 2014 AGENDA Descrizione processo scambio con SDI Proposta Ditech Schema soluzione Modello

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 24/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di trasmissione delle informazioni

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva Manuale d uso Fatturazione elettronica attiva Prima FASE Data Versione Descrizione Autore 10/03/2015 Versione 2.0 Manuale Utente Patrizia Villani 28/05/2015 Versione 3.0 Revisione Manuale Utente Patrizia

Dettagli

PROGETTO EMCS. DAA Telematico. G e-daa Cumulativo

PROGETTO EMCS. DAA Telematico. G e-daa Cumulativo 1 1 PROGETTO EMCS DAA Telematico G e-daa Cumulativo 2 Premessa Tutti Tutti i i messaggi messaggi devono sono essere convalidati convalidati dal dal sistema; sistema; quelli quelli con con errori errori

Dettagli

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE Pag. 1 di 8 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V02 M.Bauso 27/04/11 V01 L. Neri 26/02/2010 C. Audisio 08/03/10 M.Rosati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 61273 /2011 protocollo Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2011 e alla Comunicazione

Dettagli

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE 12L - SCAMBIO IMMAGINI EQUITALIA 20130729 Pagina 1 di 22 Indice 1 PREFAZIONE... 3 1.1 ACRONIMI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Versione 1.3 Sommario 1- Introduzione... 3 2 - Modalità di interazione con il servizio... 3 3 - Formato dell output... 3 4 - Modello dei

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1. PAG. 1 DI 39 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.5 DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS PAG. 2 DI 39 INDICE 1. REVISIONI DEL DOCUMENTO

Dettagli

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 39 INDICE 1. PREMESSA 4 2. INSTALLAZIONE 5 3. ESECUZIONE 6 4. STRUTTURA DELLE CARTELLE 7 5. CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni di trasmissione fattura al Portale di trasmissione fattura al Portale Revisione : 00 Data creazione : 29/02/2016 Data revisione : Revisioni : Rev. Riferimento Descrizione Data Autore 00 Specifiche Tecniche

Dettagli

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di controllo uniemens aggregato per l invio mensile unificato delle denunce retributive individuali (EMENS) e delle denunce contributive aziendali

Dettagli

RICHIESTA: METODO WEB SERVICE: INPUT:

RICHIESTA: METODO WEB SERVICE: INPUT: RICHIESTA: Identificazione utente METODO WEB SERVICE: login username password codice sportello: SI per SIIC (utilizzato per sviluppi futuri) risposta positiva: viene restituito il connectionid fornito

Dettagli

INTRODUZIONE AL SISTEMA DI INVIO

INTRODUZIONE AL SISTEMA DI INVIO INTRODUZIONE AL SISTEMA DI INVIO Il Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF) mediante la propria rete telematica, cura il collegamento senza oneri aggiuntivi, per l accesso al servizio telematico

Dettagli

Portale Suap SPORVIC2

Portale Suap SPORVIC2 Portale Suap SPORVIC2 Manuale Utente Richiedente Versione 2.0 > I N D I C E < Sommario 1. PREREQUISITI TECNICI PER NAVIGARE SUL SISTEMA SPORVIC2... 4 2. RICERCA DELLE SCHEDE DEI PROCEDIMENTI PUBBLICATE

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

Gentile Cliente, 1.MODULO SOFTWARE FATTURA ELETTRONICA PA

Gentile Cliente, 1.MODULO SOFTWARE FATTURA ELETTRONICA PA Gentile Cliente, come noto dal 6 giugno è entrato in vigore l obbligo di trasmissione delle in modalità elettronica verso Ministeri, Agenzie Fiscali ed Enti Nazionali di Previdenza. Dal 31 marzo 2015 la

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 9 - Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre

Dettagli

Formazione 2015 Comm. Informatica OAT

Formazione 2015 Comm. Informatica OAT Formazione 2015 Comm. Informatica OAT 1. l ABC del Processo Telematico e dei servizi telematici attivi a Torino; 2. Processo telematico: gli strumenti necessari (PEC e firma digitale) e le notificazioni

Dettagli

Postedoc - Manuale della Conservazione Sostitutiva

Postedoc - Manuale della Conservazione Sostitutiva ver.: 2.0 del: 02/02/2011 MDCPOSTEDOC20 Documento pubblico Pagina 1 di 20 Copia Archiviata Elettronicamente File: MDCPOSTEDOC20 Copia cartacea Controllata in distribuzione ad enti esterni N : 0 Rilasciata

Dettagli

REPAC REgistratore Presenze Autorizzate nei Cantieri

REPAC REgistratore Presenze Autorizzate nei Cantieri SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E OSSERVATORIO CONTRATTI E INVESTIMENTI PUBBLICI. EDILIZIA E SICUREZZA DEI CANTIERI EDILI REPAC REgistratore Presenze Autorizzate nei Cantieri Specifiche tecniche per i produttori

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2)

MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2) MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2) Questo documento contiene le informazioni necessarie per l interfacciamento con il gateway SMS di SMSSmart. Il suo utilizzo è riservato ai clienti che abbiano

Dettagli

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012 ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione Rev. 0 del 2 maggio 2012 1 Il sistema informativo A.R.Te.S. È operativa dal 2 maggio la nuova procedura

Dettagli

TRASMISSIONE TELEMATICA DEI DATI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI MANUALE UTENTE - PROFILO UTENTE ENTE LOCALE

TRASMISSIONE TELEMATICA DEI DATI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI MANUALE UTENTE - PROFILO UTENTE ENTE LOCALE TRASMISSIONE TELEMATICA DEI DATI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI MANUALE UTENTE - PROFILO UTENTE ENTE LOCALE INDICE 1 INVIO TELEMATICO DATI CONTABILI ENTI LOCALI...4 1.1 ACCESSO AI SERVIZI (AREA RISERVATA)

Dettagli

La generazione del documento informatico firmato online:

La generazione del documento informatico firmato online: La generazione del documento informatico firmato online: Formazione, sottoscrizione e trasmissione dei documenti informatici. L esperienza con il Comune di Parma Stefano Conforto Sertorelli Business Development

Dettagli

Guida alla gestione delle domande di Dote Scuola per l A.S. 2013-2014 Scuole Paritarie

Guida alla gestione delle domande di Dote Scuola per l A.S. 2013-2014 Scuole Paritarie Guida alla gestione delle domande di Dote Scuola per l A.S. 2013-2014 Scuole Paritarie Questo documento contiene informazioni utili al personale delle scuole paritarie per utilizzare l applicativo web

Dettagli

A2A Specifiche Web Services

A2A Specifiche Web Services A2A Specifiche Web Services Contenuti 1 CONTENUTI...1 1 INTRODUZIONE...3 2 UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1 RICHIESTA UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1.1 Input del WS...5 2.1.2 Output del WS...6 2.2 UPLOAD SEGMENTATO...7

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida alle funzioni del modulo Redattore 1 di 157 Corte Dei Conti Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 5 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base...

Dettagli

MODALITA di ACCESSO GUIDA AL SISTEMA FedERa GESTIONE IDENTITA DIGITALI

MODALITA di ACCESSO GUIDA AL SISTEMA FedERa GESTIONE IDENTITA DIGITALI COMUNE di TORRILE MODALITA di ACCESSO GUIDA AL SISTEMA FedERa GESTIONE IDENTITA DIGITALI COME ACCEDERE al SU@P ON-LINE Per accedere al SU@P On-Line, disponibile nel sito istituzionale del Comune di Torrile

Dettagli

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID)

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID) Sistema per l interscambio dei dati (SID) Specifiche dell infrastruttura per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario Introduzione...

Dettagli

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 16 Indice 1 Introduzione...3 2 Genera certificato...4 3 Sospendi certificato...10 4 Riattiva certificato...12 5 Revoca certificato...14

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Allegato 1) al Manuale di gestione APPROVATO CON ATTO DI G.C. N. 96 DEL 28.12.2015 PIANO PER LA SICUREZZA

Dettagli

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1 Indice dei contenuti GENERALITÀ 1. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA FORMAZIONE DEI DOCUMENTI 2. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA GESTIONE DEI DOCUMENTI 3. COMPONENTE ORGANIZZATIVA DELLA SICUREZZA 4. COMPONENTE

Dettagli

Manuale Amministratore

Manuale Amministratore Manuale Amministratore Indice 1. Amministratore di Sistema...3 2. Accesso...3 3. Gestione Azienda...4 3.1. Gestione Azienda / Dati...4 3.2. Gestione Azienda /Operatori...4 3.2.1. Censimento Operatore...5

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA N.B.: i collegamenti agli indirizzi web riportati nel testo e alla Presentazione Fatturazione Elettronica Armando Giudici Dylog - Buffetti sono richiamabili cliccandoli col pulsante sinistro del mouse.

Dettagli

Regione Toscana. Nome del progetto Cancelleria Telematica. Progetto Punto d Accesso Regione Toscana

Regione Toscana. Nome del progetto Cancelleria Telematica. Progetto Punto d Accesso Regione Toscana Regione Toscana Nome del progetto Cancelleria Telematica Progetto Punto d Accesso Regione Toscana Documento Manuale utente del PdA per Avvocati e CTU Acronimo del documento CT-MUT-PDA Stato del documento

Dettagli