Le Priorità del Programma Spazio Alpino e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani"

Transcript

1 Le Priorità del Programma Spazio Alpino e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme is co-financed by the European Regional Development Fund.

2 LA STRATEGIA Analisi SWOT Report finale sullo sviluppo strategico del Programma Spazio Alpino Consultazione pubblica STRATEGIA DEL PROGRAMMA 2

3 GLI OBIETTIVI Strategia 2020 Asse prioritario del Programma Spazio Alpino Obiettivo tematico (art. 9 Reg. 1303/2013/UE) Priorità di investimento (art. 5 Reg. 1301/2013/UE) Obiettivi specifici del Programma Spazio Alpino Esiti analisi SWOT Crescita intelligente (sviluppare un economia basata sulla conoscenza e sull innovazione per migliorare la competitività internazionale) Asse Prioritario I - Spazio Alpino Innovativo OT1. Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione OT2. Migliorare l'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, crescita intelligente nonché l'impiego e la qualità delle medesime 1B - Promuovere gli investimenti delle imprese in R&I, lo sviluppo di prodotti e servizi, il trasferimento di tecnologie, l innovazione sociale e le applicazioni nei servizi pubblici, la stimolazione delle domanda, le reti e i cluster e l innovazione aperta attraverso la specializzazione intelligente 1B.1 - Migliorare le condizioni di contesto per l innovazione nello Spazio Alpino 1B.2 - Accrescere le capacità di erogare servizi di interesse generale nella società che cambia PUNTI DI FORZA - forte base di R&S - molte imprese e cluster innovativi - PUNTI DI DEBOLEZZA - assenza di connessioni tra ricerca, imprese e amministrazione - bassa capitalizzazione dei risultati della ricerca - assenza di una cooperazione inter-alpina - OT3. Accrescere la competitività delle piccole e medie imprese 3

4 GLI OBIETTIVI Strategia 2020 Asse prioritario del Programma Spazio Alpino Obiettivo tematico (art. 9 Reg. 1303/2013/UE) Priorità di investimento (art. 5 Reg. 1301/2013/UE) Obiettivi specifici del Programma Spazio Alpino Esiti analisi SWOT Crescita sostenibile (promuover e l uso efficace delle risorse, delle fonti rinnovabili e delle tecnologie verdi ) Asse Prioritario II Spazioalpinoa basse emissioni di carbonio Asse Prioritario III - Spazio Alpino vivibile OT4. Sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori OT5. Promuovere l'adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi OT6. Tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse 4E - Promuovere strategie per basse emissioni di carbonio per tutti i tipi di territorio, in particolare le aree urbane, inclusa la promozione della mobilità urbana multimodale sostenibile e di pertinenti misure di adattamento e mitigazione 6C - Conservare, proteggere, promuovere e sviluppare il patrimonio naturale e culturale 6D - Proteggere e ripristinare la biodiversità e i suoli e promuovere i servizi per gli ecosistemi, anche attraverso Natura 2000 e l infrastruttura verde 4E.1 - Stabilire strumenti transnazionali integrati per le politiche a sostegno delle basse emissioni di carbonio 4E.2 - Accrescere le opzioni per la mobilità e il trasporto a basse emissioni di carbonio 6C.1 - Valorizzare in modo sostenibile il patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino 6D.1 - Rafforzare la protezione, la conservazione e la connettività ecologica degli ecosistemi dello Spazio Alpino PUNTI DI FORZA - risparmio ed efficienza energetica, tecnologie riduzione emissioni e innovazione - PUNTI DI DEBOLEZZA - elevato consumo di energia - limiti spaziali - modelli di interazione economica e spaziale basati su carburanti fossili «economici» - PUNTI DI FORZA - ricchezza patrimonio culturale e ambientale - PUNTI DI DEBOLEZZA - vincoli spaziali producono conflitti nell uso delle risorse, degradazione ambientale e frammentazione - OT7. Promuovere sistemi di trasporto sostenibili ed eliminare le strozzature nelle principali infrastrutture di rete 4

5 GLI OBIETTIVI Strategia 2020 Asse prioritario del Programma Spazio Alpino Obiettivo tematico (art. 9 Reg. 1303/2013/UE) Priorità di investimento (art. 5 Reg. 1301/2013/UE) Obiettivi specifici del Programma Spazio Alpino Esiti analisi SWOT Crescita inclusiva (favorire la coesione sociale e territoriale attraverso alti tassi di occupazion e, lotta contro la povertà e l esclusione sociale) OT8. Promuovere l'occupazione e sostenere la mobilità dei lavoratori OT9. Promuovere l'inclusione sociale e combattere la povertà OT10. Investire nelle competenze, nell'istruzione e nell'apprendimento permanente Obiettivo trasversale 5 Asse prioritario IV Spazio alpino ben governato OT 11. Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un amministrazione pubblica efficiente 11 - Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un'amministrazione pubblica efficiente mediante azioni volte a rafforzare la capacità istituzionale e l'efficienza delle amministrazioni pubbliche e dei servizi pubblici relativi all'attuazione del FESR, affiancando le azioni svolte nell'ambito del FSE per rafforzare la capacità istituzionale e l'efficienza della pubblica amministrazione 11 - Accrescere l attuazione della governance multilivello e transnazionale nello Spazio Alpino PUNTI DI FORZA - alto livello di qualità della PA con lunga tradizione di cooperazione - PUNTI DI DEBOLEZZA - mosaico di diversi sistemi di governo - necessità di un sistema di governance multilivello -

6 LE RISORSE BUDGET TOTALE DI PROGRAMMA: EURO 8% 7% 31% 27% 27% Asse I - Spazio Alpino Innovativo ( ) Asse II - Spazio Alpino a basse emissioni di carbonio ( ) Asse III - Spazio Alpino vivibile ( ) Asse IV - Spazio Alpino ben governato ( ) Asse V - Assistenza tecnica ( ) 6

7 I PROGETTI STIMA DEL NUMERO DI PROGETTI FINANZIABILI dimensione finanziaria media: 1 mil EUR FESR 19 dimensione finanziaria media: 2 mil EUR FESR Asse I - Spazio Alpino innovativo Asse II - Spazio Alpino a basse emissioni di carbonio Asse III - Spazio Alpino vivibile dimensione finanziaria media: 2 mil EUR FESR 15 dimensione finanziaria media: 2 mil EUR FESR Asse IV - Spazio Alpino ben governato 7

8 STAKEHOLDERS: I BENEFICIARI BENEFICIARI = ORGANISMI E ORGANIZZAZIONI DIRETTAMENTE COINVOLTI NEI PROGETTI - ORGANISMI PUBBLICI: PUBBLICI (articolo 2 Direttiva 2014/24/UE) autorità pubbliche nazionali, regionali e locali associazioni di organismi pubblici - ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO: sono gli organismi che hanno tutte le seguenti caratteristiche: 1. sono istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; 2. sono dotati di personalità giuridica; 3. e: sono finanziati per la maggior parte dallo Stato, dalle autorità regionali o locali o da altri organismi di diritto pubblico; o la loro gestione è posta sotto la vigilanza di tali autorità o organismi; o il loro organo di amministrazione, di direzione o di vigilanza è costituito da membri più della metà dei quali è designata dallo Stato, da autorità regionali o locali o da altri organismi di diritto pubblico; associazioni di organismi di diritto pubblico - ORGANIZZAZIONI CHE: PRIVATI hanno personalità giuridica non rientrano nelle definizioni di organismo pubblico e organismo di diritto pubblico 8

9 STAKEHOLDERS: I BENEFICIARI PUBBLICI E PRIVATI PUBBLICI hanno sede nell area di cooperazione hanno sede fuori dall area di cooperazione ma nello Stato membro coinvolto nel Programma, se la loro partecipazione va a beneficio dell area di cooperazione e il co-finanziamento FESR rappresenta al massimo il 20% del cofinanziamento FESR complessivo del progetto (art. 20 Reg. 1299/2013/UE) hanno sede fuori dall area di cooperazione ma nello Stato membro coinvolto nel Programma, se hanno competenza nell intero territorio dello Stato membro/regione partecipante PRIVATI possono partecipare solo come project partner 9

10 STAKEHOLDERS: I BENEFICIARI TIPOLOGIE INDICATIVE* DI BENEFICIARI AUTORITÀ PUBBLICHE (NAZIONALI, REGIONALI E LOCALI) AGENZIE FORNITORI DI SERVIZI (PUBBLICI) E INFRASTRUTTURE ISTITUTIDIALTA FORMAZIONE (UNIVERSITÀ ) CENTRI DI EDUCAZIONE E FORMAZIONE ORGANIZZAZIONI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE IMPRESE, INCLUSE LE PMI GRUPPI DI INTERESSE INCLUSE LE ASSOCIAZIONI DEL TERSO SETTORE 1B.1 e 1B.2 x x x x x x x x OBIETTIVI SPECIFICI 4E.1 e 4E.2 x x x x x x x (infrastrutture) 6C.1 x x x x x x x 6D.1 x x x x x x 11 x x x x x x * Anche soggetti non compresi in questo elenco possono fare domanda di finanziamento se non sono esplicitamente esclusi nei Terms of Reference (ToR) delle call 10

11 STAKEHOLDERS: I DESTINATARI DESTINATARI (Gruppi e individui che utilizzeranno i risultati dei progetti o che beneficieranno di un cambiamento grazie ai progetti) OBIETTIVI SPECIFICI POPOLAZIONE SOGGETTI CHE RIENTRANO TRA I BENEFICIARI IMPRESE, INCLUSE LE PMI 1B.1 e 1B.2 x x x 4E.1 e 4E.2 x x 6C.1 x x x 6D.1 x x x POLICY MAKERS 11 x x x 11

12 I PROGETTI 12

13 ASSE PRIORITARIO OBIETTIVO SPECIFICO AZIONI azioni indicative finanziabili: studi e analisi, strumenti di condivisione e capitalizzazione (conoscenze, modelli, database ), strumenti e sistemi di supporto alle decisioni, raccomandazioni per policy maker, linee guida per gli operatori, materiali educativi (software, modelli, strumenti ) INDICATORI DI OUTPUT VALORE TARGET FONTE DEI DATI compongono il Quadro di Riferimento dell Attuazione del Programma (strumento introdotto nel nuovo ciclo di programmazione per migliorare l efficacia nell attuazione dei programmi) sono elaborati a livello di priorità di investimento contengono in forma aggregata tre tipi di output che dovrebbero essere prodotti dalle operazioni finanziate con il Programma Spazio Alpino (strutture di cooperazione transnazionali; elementi strategici transnazionali; elementi di attuazione transnazionali) alcuni sono comuni per l obiettivo «Cooperazione Territoriale Europea» definiti nell allegato al Reg. 1299/2013/UE (art. 16) Valore numerico definito sulla base di stime e/o dati STIME: distribuzione del budget per assi, dimensione finanziaria media dei progetti; numero di progetti finanziati per asse VALORI NUMERICI: calcolati in base a: esperienza nella precedente programmazione proiezioni basate sul numero dei progetti e sui probabili output delle relative azioni indicative Tipo di fonte (monitoraggio/valutazione di qualità dei progetti/report intermedi dei progetti) RISULTATO INDICATORI DI RISULTATO PRINCIPALI COMPONENTI DELL INDICATORE DI RISULTATO BASELINE -SITUAZIONE INIZIALE (2014) VALORE TARGET espressi in termini di cambiamenti del livelli di capacità dimensioni misurate determinata in base a un sondaggio miglioramento situazione iniziale della OUTPUT DEI PROGETTI FINANZIATI 13

14 ASSE PRIORITARIO I OBIETTIVO SPECIFICO 1B.1 (Migliorare le condizioni di contesto per l innovazione nello Spazio Alpino) AZIONI azioni di coordinamento, di cooperazione, di trasferimento, di rete e di diffusione (NO INFRASTRUTTURE) sviluppo di connessioni e sinergie tra gli attori dell innovazione utilizzando l approccio a quadruple elica che può essere rafforzato dalla cooperazione transnazionale INDICATORI DI OUTPUT VALORE TARGET FONTE DEI DATI Numero di imprese che cooperano con istituti di ricerca 1000 imprese Numero di strutture di cooperazione transnazionale sostenute in grado di migliorare le condizioni di contesto per l innovazione 8 Numero di elementi strategici sviluppati in grado di migliorare le condizioni di contesto per l innovazione 6 Numero di elementi operativi sviluppati in grado di migliorare le condizioni di contesto per l innovazione 19 Monitoraggio / Report annuale dei progetti RISULTATO Migliorate condizioni di contesto nei campi della ricerca e dell innovazione per accrescere il trasferimento di conoscenza tra imprese, utenti, mondo accademico, attori istituzionali dell area dello Spazio Alpino INDICATORI DI RISULTATO PRINCIPALI COMPONENTI DELL INDICATORE DI RISULTATO SITUAZIONE INIZIALE (2014) VALORE TARGET Livello di maturità delle condizioni di contesto per l innovazione a supporto di processi di innovazione nelle imprese, università e amministrazioni coinvolgimento di tutti i pertinenti stakeholders (università, centri di ricerca, imprese private, attori sociali ) nella governance per l innovazione chiarezza nella definizione di ruoli e competenze a livello nazionale/regionale e livello di coordinamento dei principali attori nei campi della smart specialization e delle politiche di R&S esistenza di un mix operativo di strumenti (strumenti di ingegneria finanziaria, contributi per R&D ) a supporto dell innovazione esistenza di un sistema operativo di monitoraggio e valutazione specificamente dedicato all innovazione 62,7% Aumento < 1,0% 14

15 ASSE PRIORITARIO I OBIETTIVO SPECIFICO 1B.2 (Accrescere le capacità di erogare servizi di interesse generale nella società che cambia) AZIONI sviluppo di modelli transnazionali per ideazione, sperimentazione, modelizzazione, comparazione e valutazione di innovazioni (politiche, strumenti, processi, attori, organizzazioni e interfacce) nei SIG, di azioni pilota per una partecipazione di tutti i gruppi sociali, attori e utenti alla programmazione ed erogazione di SIG ideazione di piani locali, regionali e transnazionali per l inclusione sociale attraverso la creazione di imprese sociali come dimostrazione della fattibilità dei modelli innovativi trasnazionali INDICATORI DI OUTPUT Numero di strutture di cooperazione transnazionale in grado di accrescere la capacità di fornire servizi di interesse generale nella società che cambia Numero di elementi strategici sviluppati in grado di accrescere la capacità di fornire servizi di interesse generale nella società che cambia Numero di elementi operativi sviluppati in grado di accrescere la capacità di fornire servizi di interesse generale nella società che cambia VALORE TARGET FONTE DEI DATI Monitoraggio / Report annuale dei progetti RISULTATO Accresciuta consapevolezza e capacità delle organizzazioni del terzo settore e delle autorità pubbliche nel fornire servizi più efficienti, rispondenti ai bisogni specifici e di qualità nel territorio dello Spazio Alpino INDICATORI DI RISULTATO PRINCIPALI COMPONENTI DELL INDICATORE DI RISULTATO BASELINE (2014) VALORE TARGET Livello di capacità delle organizzazioni del terzo settore e delle amministrazioni pubbliche di generare innovazione nel campo dei servizi sociali e dei servizi di interesse generale attraverso il networking transnazionale consapevolezza dei decisori politici nazionali e regionali responsabili della fornitura di SIG delle potenzialità derivanti dalle innovazioni sociali integrazione di questioni relative all innovazione sociale nella strategia regionale/nazionale sull innovazione ruolo attivo di imprese sociali e terzo settore nella governance e nella fornitura di SIG supporto pubblico alle imprese sociali attraverso diversi strumenti (ex.: strumenti di ingegneria finanziaria, contributi, ) utilizzo di nuovi strumenti e metodi per la fornitura di SIG (ex.: accordi pre-commerciali, servizi pubblicoprivati, ) 64,6% Aumento < 1,0% 15

16 ASSE PRIORITARIO II OBIETTIVO SPECIFICO 4E.1 (Stabilire strumenti transnazionali integrati per le politiche a sostegno delle basse emissioni di carbonio) AZIONI costruite sull esperienza e la conoscenza esistenti e su progetti sviluppati nella precedente programmazione (approfondendone e ampliandone gli obiettivi, coinvolgendo nuovi settori, beneficiari e attori) creazione e attivazione di framework, piattaforme e reti transnazionali per l identificazione delle risorse esistenti di innovazione, delle potenzialità e degli ostacoli, sviluppo della ricerca per le reti di imprese e per le strutture di cooperazione sui temi rilevanti per la capitalizzazione e/o generazione di applicazioni e tecnologie a bassa emissione di carbonio, definizione, sperimentazione e attuazione di modelli e standard di negoziazione, mediazione, partecipazione e soluzione di conflitti per l adozione e attuazione di politiche, tecnologie e applicazioni per le basse emissioni di carbonio INDICATORI DI OUTPUT VALORE TARGET FONTE DEI DATI Numero di strutture di cooperazione transnazionale finalizzate a stabilire strumenti per le politiche integrate transnazionali per le basse emissioni di carbonio Numero di elementi strategici sviluppati per stabilire strumenti per le politiche integrate transnazionali per le basse emissioni di carbonio 6 Numero di elementi operativi sviluppati per stabilire strumenti per le politiche integrate transnazionali per le basse emissioni di carbonio 12 9 Monitoraggio / Report annuale dei progetti RISULTATO Accresciuta capacità di sviluppo di strumenti, strategie e processi per le politiche a basse emissioni di carbonio che offrano risposte pratiche ai bisogni specifici e alle sfide dello Spazio Alpino INDICATORI DI RISULTATO PRINCIPALI COMPONENTI DELL INDICATORE DI RISULTATO BASELINE (2014) VALORE TARGET 16 Livello di attuazione di strumenti per le politiche a basse emissioni di carbonio consapevolezza dei decisori politici nazionali e regionali, responsabili dello sviluppo regionale, delle potenzialità e delle implicazioni dell attuazione di politiche a basse emissioni di carbonio integrazione delle politiche a basse emissioni di carbonio nella strategia regionale/nazionale sullo sviluppo regionale processo decisorio tra decisori nazionali e regionali che permette scambi, consultazioni, coordinamento e partecipazione pubblica in relazione alla programmazione che contiene temi afferenti le politiche a basse emissioni di carbonio esistenza di un quadro operativo nazionale/regionale che prevede l'introduzione e l attuazione di strumenti di supporto per attività a basse emissioni di carbonio esistenza di sistemi di monitoraggio unici e flussi informativi che permettono uno scambio di dati costante ed effettivo sugli impatti delle politiche a basse emissioni di carbonio, la valutazione e la revisione delle politiche stesse 66,5% Aumento tra 1,0% e 3,0%

17 ASSE PRIORITARIO II OBIETTIVO SPECIFICO 4E.2 (Accrescere le opzioni per la mobilità e il trasporto a basse emissioni di carbonio) AZIONI costruite sull esperienza e la conoscenza esistenti e su progetti sviluppati nella precedente programmazione (approfondendone e ampliandone gli obiettivi, coinvolgendo nuovi settori, beneficiari e attori) creazione e attivazione di framework, piattaforme e reti transnazionali per l identificazione delle risorse esistenti di innovazione, delle potenzialità e degli ostacoli, sviluppo della ricerca per le reti di imprese e per le strutture di cooperazione sui temi rilevanti per la capitalizzazione e/o generazione di applicazioni e tecnologie a bassa emissione di carbonio, sviluppo di politiche condivise, strategie, modelli e strumenti INDICATORI DI OUTPUT VALORE TARGET FONTE DEI DATI Numero di strutture di cooperazione transnazionale in grado di accrescere le opzioni per la mobilità e il trasporto a basse emissioni di carbonio Numero di elementi strategici sviluppati in grado di accrescere le opzioni per la mobilità e il trasporto a basse emissioni di carbonio 3 Numero di elementi operativi sviluppati per la mobilità e il trasporto a basse emissioni di carbonio 18 3 Monitoraggio / Report annuale dei progetti RISULTATO Accresciuta disponibilità di opzioni per la mobilità e il trasposto a basse emissioni di carbonio attraverso l adozione di soluzioni organizzative tecnologiche e finanziarie INDICATORI DI RISULTATO PRINCIPALI COMPONENTI DELL INDICATORE DI RISULTATO BASELINE (2014) VALORE TARGET Livello di potenzialità nell accesso e uso di opzioni per la mobilità e il trasposto a basse emissioni di carbonio consapevolezza dei decisori politici nazionali e regionali responsabili della mobilità, del trasporto e della pianificazione, delle potenzialità della mobilità e dei trasporti a basse emissioni di carbonio; riconoscimento dei limiti della mobilità e dei mezzi di trasposto tradizionali nello Spazio Alpino l opinione pubblica è a favore della mobilità e del trasporto a basse emissioni di carbonio esistenza di quadri operativi nazionali/regionali che favoriscano la mobilità e il trasporto a basse emissioni di carbonio (strategie e piani d azione, meccanismi di coordinamento, regolamenti ) accesso e uso dell opzione di mobilità e trasporti a basse emissioni di carbonio come mezzo pratico di trasposto per i cittadini esistenza di sistemi di monitoraggio unici e flussi informativi che permettono uno scambio di dati costante ed effettivo sugli impatti delle soluzioni di trasposto a basse emissioni di carbonio e valutazione 59,9% Aumento < 1,0% 17

18 ASSE PRIORITARIO III OBIETTIVO SPECIFICO 6C.1 (Valorizzare in modo sostenibile il patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino) AZIONI trasferimento di conoscenze, scambio di buone pratiche, networking e sviluppo di innovazioni sviluppo di iniziative culturali per promuovere una identità alpina transnazionale sviluppo di modelli e reti di educazione, formazione, qualificazione e sviluppo delle abilità, azioni pilota per reinventare i lavori tradizionali in un contesto innovativo creazione di modelli e sperimentazione di azioni pilota per combinare il turismo con la promozione e protezione del patrimonio culturale e naturale alpino INDICATORI DI OUTPUT VALORE TARGET FONTE DEI DATI Numero di strutture di cooperazione transnazionale supportate per la valorizzazione sostenibile del patrimonio naturale e culturale dello Spazio Alpino Numero di elementi strategici sviluppati per la valorizzazione sostenibile del patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino 7 Numero di elementi operativi sviluppati per la valorizzazione sostenibile del patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino Monitoraggio / Report annuale dei progetti RISULTATO Accresciuto uso consapevole, equilibrato e sostenibile del patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino INDICATORI DI RISULTATO PRINCIPALI COMPONENTI DELL INDICATORE DI RISULTATO BASELINE (2014) VALORE TARGET Livello di attuazione della valorizzazione sostenibile del patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino creazione di una identità alpina transnazionale valorizzata da istituzioni pubbliche e private e società commerciali, sviluppo di prodotti, etichettatura ed altre attività della regione introduzione di nuovi e innovativi approcci per una valorizzazione sostenibile del patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino nelle politiche tradizionali maggiore conoscenza e utilizzo delle potenzialità del patrimonio culturale e naturale alpino (turismo, agricoltura, prodotti alimentari, ) esistenza di politiche mirate regionali, supportate da vari strumenti e mezzi, per rafforzare la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino integrazione del patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino con il turismo 62,3% Aumento tra 1,0% e 3,0% 18

19 ASSE PRIORITARIO III OBIETTIVO SPECIFICO 6D.1 (Rafforzare la protezione, la conservazione e la connettività ecologica degli ecosistemi dello Spazio Alpino) AZIONI organizzazione di framework e piattaforme transnazionali per la interoperabilità dei database esistenti e l integrazione degli approcci di gestione sviluppo di idee, strategie, modelli e azioni pilota per la gestione sostenibile e innovativa delle risorse, delle infrastrutture verdi e della biodiversità definizione, sperimentazione e applicazione di modelli di negoziazione, mediazione, partecipazione e risoluzione dei conflitti nell uso del suolo creazione e attivazione di reti e partenariati per l offerta di strumenti di sviluppo delle competenze al fine di sviluppare approcci alternativi di valorizzazione INDICATORI DI OUTPUT VALORE TARGET FONTE DEI DATI Numero di strutture di cooperazione transnazionale per rafforzare la protezione, la conservazione e la connettività ecologica degli ecosistemi dello Spazio Alpino Numero di elementi strategici sviluppati per rafforzare la conservazione e la connettività ecologica degli ecosistemi dello Spazio Alpino 8 Numero di elementi operativi sviluppati per rafforzare la protezione, la conservazione e la connettività ecologica degli ecosistemi dello Spazio Alpino 9 16 Monitoraggio / Report annuale dei progetti RISULTATO Migliorata capacità di gestione integrata delle funzioni e dei bisogni dell ecosistema dello Spazio Alpino INDICATORI DI RISULTATO PRINCIPALI COMPONENTI DELL INDICATORE DI RISULTATO BASELINE (2014) VALORE TARGET Livello di integrazione dell approccio dei servizi dell ecosistema nel quadro politico dello Spazio Alpino strumenti e mezzi di governance transnazionale, nazionale e regionale per la protezione, la conservazione e il collegamento ecologico degli ecosistemi di Spazio Alpino valorizzazione sviluppata e ben attuata di servizi ecosistemici Approvazione di servizi ecosistemici per rinforzare il loro interesse in processi di sviluppo e programmazione transnazionali, nazionali e regionali nuovi e innovativi strumenti sviluppati e ben attuati per la gestione di servizi ecosistemici (ex.: gestione di paesaggio culturale, gestione del rischio, gestione del conflitto) disponibilità di dati e informazioni sulla funzionalità e sui dei servizi ecosistemici a livello transnazionale, nazionale e regionale 47% Aumento > 3,0% 19

20 RIASSUMENDO ATTENZIONE A RISULTATI CONCRETI MISURAZIONE DEL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET STRETTA CORRELAZIONE TRA PROGETTI E PROGRAMMA 20

21 21 GRAZIE PER L ATTENZIONE

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Presentazione Attraverso questo documento si vuole offrire a una breve presentazione dei principali elementi del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Documento in aggiornamento PROGRAMMA ALPINE SPACE Autorità di Gestione: Land Sazburg(A)

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla Commissione

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana

Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana Priorità della programmazione 2014-2020 in Sicilia Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana Emanuele Villa Istituto Arrupe Palermo, 21 maggio 2014 Priorità della programmazione 2014-2020

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Il POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Interreg Europe Bologna, 27 novembre 2014 L area di Programma Programma Interreg Europe OBIETTIVO GENERALE Contribuire al rafforzamento delle politiche

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Primo incontro dedicato ai programmi Cooperazione transfrontaliera Italia - Austria Cooperazione transnazionale Spazio Alpino Cooperazione transnazionale

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Tavolo di partenariato dei programmi CTE 014-00 Secondo incontro dedicato ai programmi Cooperazione transnazionale MED Cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia Cooperazione interregionale Interreg

Dettagli

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Regione Umbria Perché un Agenda urbana nella nuova programmazione 2014-2020 delle risorse europee Le città Motori della crescita e di poli di creatività e innovazione

Dettagli

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 QUANTO VALE IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 POR FESR 231.509.780 50% 50% UE STATO LA STRATEGIA DEL POR FESR ABRUZZO 2014-2020 Europa 2020 Obiettivi tematici Sviluppo Locale

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) Identificativo Ente Dati anagrafici Cognome e Nome 1.. Nome Università/Ente.. Area didattica. 2a) FESR La proposta di Regolamento

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 Politica di coesione 2014-2020 Gli obiettivi di Europa 2020 Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Crescita e occupazione Cambiamenti climatici e sostenibilità

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi.

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. (Legenda i colori raggruppano i tipi di priorità obiettivo tematico generale di cui si allega la lista) Programmi Valle d'aosta Investimento

Dettagli

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014- Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 IL POR FESR 2007-2013 Fondi strutturali 2007-2013 Sviluppo innovativo delle

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES Dr. Giorgio Martini New cluster concepts for cluster policies in Europe 18th September 2014 Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venice

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 Le risorse per lo sviluppo La Regione Lazio intende attivare una politica di sviluppo

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 Giovedi, 11 Giugno 2015 Ore 10.30 Piazza Gardone Riviera Pescara - Europaurum Il POR

Dettagli

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima Il quadro normativo Le proposte di Regolamento per la programmazione 2014-2020 vedono alcune innovazioni rispetto all attuale periodo di programmazione di particolare rilevanza e impatto per la definizione

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

CENTRAL EUROPE 2020 e l innovazione sociale

CENTRAL EUROPE 2020 e l innovazione sociale Seminario SENIOR CAPITAL, Treviso, 22 maggio 2014 CENTRAL EUROPE 2020 e l innovazione sociale Rita Bertocco Punto di Contatto Nazionale Regione del Veneto 1. CENTRAL EUROPE 2020: un confronto con il 2007/2013

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Il 26 marzo 2010 il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della Commissione Europea di lanciare Europa 2020, una nuova strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR e POR FSE 2014-2020 Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche Il nuovo POR FESR a sostegno delle politiche energetiche degli attori regionali Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche 1 Il ciclo di

Dettagli

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Fondi FESR 2014-2020 L edilizia nel contesto europeo Gli undici

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei DEPARTMENT PROGETTI EUROPEI, SVILUPPO E INNOVAZIONE EUROPEAN PROJECTS, DEVELOPMENT & INNOVATION Miguel Carrero (Head of Department) Flavio Tonetto (CEO SINERGIA) GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA

Dettagli

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Umberto Fava Agenzia di sviluppo Langhe Monferrato Roero Alessandria, 1 Dicembre 2014 Palatium Vetus Fondazione Cassa

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO. all applicazione. Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia

ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO. all applicazione. Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO EUROPEO, NAZIONALE E REGIONALE Dalla ricerca, all innovazione, all applicazione Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia Bruxelles

Dettagli

Strategie di ripresa UE 2020: le priorità per la Smart Specialization Strategy. Potenza, Unibas, 15 gennaio 2014 (II parte seminario)

Strategie di ripresa UE 2020: le priorità per la Smart Specialization Strategy. Potenza, Unibas, 15 gennaio 2014 (II parte seminario) Strategie di ripresa UE 2020: le priorità per la Smart Specialization Strategy Potenza, Unibas, 15 gennaio 2014 (II parte seminario) Ue 2020 : le sfide dei 28 paesi membri Competitività globale : imprese

Dettagli

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014 Il fund raising per la sostenibilità Belluno forum energia 20 giugno 2014 La Commissione Europea Common Strategic Framework 2014-2020 raccomanda un approccio metodologico all impiego degli Strumenti finanziari

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Bilingue: Italiano & Francese. I due dipartimenti francesi del Var e delle Alpi-Marittime (PACA) sono le new entry!

Bilingue: Italiano & Francese. I due dipartimenti francesi del Var e delle Alpi-Marittime (PACA) sono le new entry! Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana, Sardegna Dove? Punto di incontro nel Mediterraneo del Mar Ligure e del Tirreno Quanti? Più di 6,5 milioni di abitanti Come? Un Programma

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione L approccio Leader Acronimo dal francese Liaison Entre Actions de Développement de l E conomie Rurale (Collegamento fra azioni di sviluppo dell economia rurale) Strategia di sviluppo locale che sostiene

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa Il programma URBACT III Obiettivi e attività Aree tematiche 3 Tipi di network Beneficiari Come partecipare Calendario previsto

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Le policy dell energia in Sardegna I fondi di coesione per il settore energia, nel processo di definizione

Dettagli

Regione Liguria Programmazione 2014-2020

Regione Liguria Programmazione 2014-2020 Regione Liguria Programmazione 2014-2020 Genova, 15.03.2013 DISPONIBILITA PROGRAMMI 2007/2013 (IN M ) DI FONDI STRUTTURALI/NAZIONALI POR FESR PORFSE PSR FEASR PESCA FEAMP (ex FEP) PARFAS ora FSC OB.3 FESR

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Possibilità di finanziamento per le imprese LIFE+ Programma Cip: EIE ICT PSP ENPI

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

IL DIRIGENTE. Oggetto: Fabbisogno di n. 37 unità di esperti tematici per l'autorità di Gestione del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020

IL DIRIGENTE. Oggetto: Fabbisogno di n. 37 unità di esperti tematici per l'autorità di Gestione del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020 IL DIRIGENTE emy(it,c-pr, Agenzia per la Coesione Territoriale Segreteria Direttore Generale 28 LUG. 2015 Prot. n. 59 (A Al personale dell'agenzia per la coesione territoriale Oggetto: Fabbisogno di n.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO 2014/2020 CONCERTAZIONE CON IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE, ECONOMICO - SOCIALE, DI SETTORE

PROGRAMMAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO 2014/2020 CONCERTAZIONE CON IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE, ECONOMICO - SOCIALE, DI SETTORE PROGRAMMAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO 2014/2020 CONCERTAZIONE CON IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE, ECONOMICO - SOCIALE, DI SETTORE INDICAZIONE DI PRIORITA RELATIVAMENTE AD PROPOSTE DAL PARTENARIATO Direzione

Dettagli

FONDI EUROPEI 2014-2020

FONDI EUROPEI 2014-2020 FONDI EUROPEI 2014-2020 UNGHERIA Redatto da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Desk Fondi Strutturali Budapest, marzo 2015 1

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DIPROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DIPROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DIPROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I fondi europei FONDI DIRETTI Sono gestiti

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare:

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: Lodovico Gherardi 1 I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: L esempio della Partecipazione della Regione Emilia-Romagna ai primi bandi dei Programmi di Cooperazione territoriale

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I fondi europei FONDI DIRETTI Sono

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli