INDICE. 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi. Capitolo II: Una realtà italiana: l Azienda Ospedaliera San Paolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi. Capitolo II: Una realtà italiana: l Azienda Ospedaliera San Paolo"

Transcript

1 INDICE Riassunto Premessa pag. 1 pag. 2 Capitolo I: Principi generali ed elementi di storia 1.1 Cos è il triage e sue origini 1.2 Obiettivi e compiti del triage 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi 1.4 Strumenti e metodi del triage pag. 5 pag. 8 pag.10 pag.16 Capitolo II: Una realtà italiana: l Azienda Ospedaliera San Paolo 2.1 Peculiarità della struttura del PS e triage 2.2 Attori di triage e metodo 2.3 Modalità organizzativa e di funzionamento pag.29 pag.33 pag.38 Capitolo III: Una realtà europea: la Clinique Hospitalière Universitaire Saint- Pierre di Bruxelles 3.1 Un po di storia e legislazione 3.2 Organizzazione del triage 3.3 Attori e metodo di triage 3.4 Il sistema informatico: MEDAR pag.47 pag.51 pag.55 pag.59 I

2 Capitolo IV: Le due realtà a confronto 4.1 Strutture a confronto 4.2 Motivazioni ed obiettivi differenti 4.3 Organizzazione, metodi e dati a confronto 4.4 I sistemi informatici e i documenti cartacei 4.5 Tabella riassuntiva dei due triage pag.65 pag.68 pag.70 pag.76 pag.81 Capitolo V: Valutazione del sistema del triage al San Paolo 5.1 Perché e come è stato svolto 5.2 Risultati ottenuti 5.3 Uno sguardo al futuro Conclusioni Allegati Bibliografia pag.83 pag.85 pag.89 pag.93 pag.96 pag.125 II

3 Riassunto Inizio con l illustrare i principi generali del triage con alcuni cenni storici e legislativi: quando nasce, perché nasce l esigenza del triage, come si è sviluppato, chi si occupa del triage e quali leggi lo regolano in Italia. Passo ad analizzare la realtà italiana che ho utilizzato per il confronto, mostrando le caratteristiche del triage dell Azienda Ospedaliera San Paolo di Milano. Di seguito fotografo la concezione europea del triage ed in particolare quella belga, dal punto di vista legislativo e organizzativo. Per il Belgio prendo in esame l esperienza di triage della Clinique Hospitalière Universitaire Saint Pierre, esponendone le caratteristiche strutturali ed organizzative. Passo al confronto tra queste due realtà, evidenziandone, in particolar modo, le diverse finalità e le diverse culture di base che generano inevitabilmente modelli gestionali differenti. Infine valuto i risultati di due anni di triage presso il San Paolo. Vengono evidenziati alcune difficoltà di gestione nonché i pregi e i difetti di tale esperienza. Da questa valutazione critica vengono messi a fuoco i problemi esistenti ma vengono anche proposte soluzioni ed innovazioni per il futuro. 1

4 Premessa Nell ultimo decennio si è assistito ad un incremento di richieste di prestazioni nelle strutture ospedaliere di Pronto Soccorso. Si è sentito, pertanto, il bisogno di trovare un sistema per meglio gestire queste richieste, per razionalizzarne la gestione e per ottimizzare il servizio. Anche nella nostra Azienda Ospedaliera, come in altre realtà sia italiane che europee, da più di due anni è stato attivato il triage nel Dipartimento di Emergenza Urgenza ed Accettazione. Ho scelto questo argomento perché penso possa essere rilevante il ruolo che l infermiere è chiamato a svolgere in questa attività. Inoltre ho preso spunto dal fatto che prima di cominciare a lavorare sul triage, esso è stato presentato all Azienda Ospedaliera San Paolo di Milano proprio da alcuni colleghi belgi. Mi interessava poi cercare le somiglianze e le differenze fra i due modi di fare triage. Due sono gli scopi del mio lavoro: 1. Mettere a confronto una realtà italiana con una europea, in strutture paragonabili per volume di attività ma differenti per metodologia, organizzazione ed obiettivi del triage. Verrà descritto il funzionamento del triage nell Azienda Ospedaliera San Paolo di Milano e del triage usato nella Clinique Hospitalière Universitaire Saint Pierre di Bruxelles. 2. Valutare l accuratezza del triage al San Paolo intesa come corrispondenza tra valutazione infermieristica effettuata all ingresso del paziente e quella 2

5 effettuata alla dimissione. Inoltre verificare l efficacia del triage nell assegnazione dei codici, nella riduzione dei tempi d attesa e nella prima valutazione. Il primo capitolo si prefigge di mostrare un completo quadro dell attuale situazione del triage, le informazioni ottenute derivano da una revisione della letteratura italiana. Molte informazioni sono state ricavate anche da internet. Nel secondo capitolo viene mostrata la realtà del Pronto Soccorso dell azienda Ospedaliera San Paolo di Milano. Si è voluto illustrare il metodo utilizzato per eseguire il triage e l'organizzazione stessa. Tutte i dati raccolti sono stati ottenuti tramite interviste al personale sanitario e tramite l osservazione avvenuta durante il periodo di tirocinio. Nel terzo capitolo si passa ad illustrare, effettuando anche un inquadramento legislativo, la situazione europea e in particolar modo quella belga. Molte informazioni sono state raccolte dalla lettura di riviste francesi e belghe e tramite ricerche effettuate in internet. Sempre il terzo capitolo si prefigge poi di illustrare la realtà della Clinique Hospitalière Universitaire Saint Pierre di Bruxelles attraverso l analisi dei dati e delle informazioni ottenute durante il periodo di stage e attraverso le interviste ad infermieri e medici. Il quarto capitolo pone a confronto le due realtà per la struttura, per le motivazioni che hanno spinto alla scelta del triage, per l organizzazione, per i metodi e dati. 3

6 Nel quinto capitolo invece viene valutata l attività del triage del San Paolo attraverso l analisi dei dati ottenuti dal sistema informatico. Si pone anche l obiettivo di mostrare le decisioni prese per il futuro del triage al San Paolo. 4

7 CAPITOLO I: Principi generali ed elementi di storia 1.1 Cos è il triage e sue origini Triage deriva dalla parola francese trier che significa smistare, scegliere, operare una selezione. Venne usato per la prima volta durante le guerre napoleoniche dal capochirurgo, il barone Jean Dominique Larrey, che dovendo organizzare il soccorso dei soldati feriti scelse di soccorrere per primi quelli che avevano maggiori possibilità di guarire. In epoca più recente troviamo il triage nella Guerra di Corea e del Vietnam con caratteristiche più evolute e perfezionate sia riguardo al metodo che all organizzazione. Successivamente ha trovato collocazione anche nel settore civile portando un miglioramento notevole nell organizzazione dei servizi d urgenza. 1 Oggi con questo termine s intende quel processo di smistamento che viene effettuato in caso di vittime di incidenti o di una catastrofe ma non solo: infatti il triage rappresenta oggi uno strumento essenziale nei servizi di emergenza. Ma che cos è oggi il triage? Secondo l American College of Surgeon Committee on Trauma, il triage può essere definito come l arte di decidere le priorità di trattamento e di evacuazione di più feriti dopo una rapida valutazione iniziale. 2 Per il G.F.T. (Gruppo per la formazione al Triage) sono possibili altre due definizioni: Percorso decisionale dinamico, basato sull attuazione di un processo metodologico scientifico, capace di stabilire il grado di presunta 5

8 gravità clinica presente in un soggetto, identificabile mediante l utilizzo di un sistema di codifica indicante la priorità assistenziale. Oppure Il triage è quell insieme di azioni svolte durante l accoglienza dei pazienti che accedono al pronto soccorso, che tendono a identificare la gravità clinica presunta e conseguentemente a stabilire la priorità d intervento. 3 Lo scopo è quello di salvare il maggior numero di persone in relazione ai mezzi a disposizione. La pratica di triage viene usata tutte le volte che si ha una sproporzione tra la richiesta urgente e le risorse a disposizione. Il principio fondamentale del triage consiste nell identificare il tipo di lesioni, la quantità, la gravità e la necessità di tecniche di assistenza. Il triage attualmente si può trovare sia in ambiente ospedaliero che in ambiente extraopedaliero. In ambiente extraospedaliero bisogna valutare le situazioni. Infatti se si è in presenza di una maxi emergenza, un contesto nel quale il numero di persone da soccorrere è maggiore delle risorse disponibili al momento in termini di personale e mezzi, il principio che si usa è lo stesso usato da Larrey: cioè chi ha maggior possibilità di salvarsi viene soccorso per primo, tenendo sempre presente che si fa il possibile per salvare il maggior numero di vittime. Al contrario se si è di fronte a più infortunati ma ci sono mezzi sufficenti per trattare tutte le persone coinvolte, si seguirà un principio differente per cui il primo ad essere soccorso e trasportato in urgenza in Ospedale sarà il più grave. 4 6

9 In caso di triage extraospedaliero quindi bisogna valutare tutti i feriti per valutare la gravità, prendendo in esame: Il meccanismo di lesione e la dinamica dell evento; I parametri vitali utili; La valutazione delle lesioni mediante esame obiettivo. In ambito ospedaliero il triage viene svolto nelle unità di Pronto Soccorso dove vengono valutati tutti i pazienti e ad ogni paziente viene assegnato un codice, o numerico o colore, di priorità. Negli ultimi anni si è visto un incremento del numero di pazienti non urgenti che comunque si presentava in Pronto Soccorso. Questo portava, prima dell uso del triage, a situazioni di squilibrio: infatti accadeva che pazienti più gravi fossero visitati dopo pazienti con patologie meno gravi. Questo viene risolto dall uso del triage e dall assegnazione di priorità ma comporta che non venga seguito l ordine di arrivo ma un ordine di gravità, per cui il problema maggiore è l intolleranza dei pazienti che aspettano per molte ore il proprio turno. Alcune cause del sovraffollamento del PS (1) di pazienti con patologie non urgenti possono essere: il vissuto del cittadino (in Ospedale ci sono più attrezzature), la crisi della figura del Medico di Medicina Generale, i tempi di attesa eccessivamente lunghi per ottenere prestazioni specialistiche a livello ambulatoriale e l aumento della popolazione senza la protezione del Sistema Sanitario Nazionale. (1) PS= Pronto Soccorso 7

10 1.2 Obiettivi e compiti del triage Come abbiamo già visto esistono due tipi di triage: quello ospedaliero e quello exraospedaliero, con diverse funzioni, diversi ambiti e anche diversi obiettivi. Per ciò che riguarda il triage ospedaliero il primo obiettivo è rappresentato dal riconoscimento dei segni e sintomi o dall identificazione del problema principale per cui il paziente si presenta al PS, in modo da valutare la sua priorità. Altri obiettivi del triage sono: Assicurare un immediata assistenza al malato in emergenza; Indirizzare a visita medica i pazienti secondo un codice di priorità; Identificare le priorità e l area più appropriata per il trattamento; Smistare i pazienti non urgenti; Ridurre i tempi di attesa; Ridurre lo stato d ansia; Migliorare le prestazioni sanitarie del PS; Valutare periodicamente le condizioni del paziente in attesa; Fornire informazioni sanitarie al paziente e alla famiglia; Mantenere l efficacia complessiva della struttura di PS. 5 Occorre precisare che il triage non riduce effettivamente i tempi di attesa di tutti i pazienti. Infatti privilegiando i pazienti più gravi opera una ridistribuzione che svantaggia i pazienti meno gravi o che avranno conseguenze minori da un tempo di attesa maggiore. 8

11 Inoltre altri compiti di chi effettua triage sono quello di decidere se il paziente può aspettare seduto o invece deve restare sdraiato, va individuata la sala d aspetto migliore, se ne esiste più di una, di chiamare lo specialista se non è già presente in PS, e di prestare le prime cure generali se previste dai protocolli. Un aspetto importante della figura del triagista è anche quello di far capire al paziente che è stato preso in carico dalla struttura in modo da diminuirne l ansia. Invece per quel che concerne il triage extraopedaliero abbiamo due obiettivi generali: Stabilire le priorità di trattamento. Il compito dell équipe che giunge sul luogo di un incidente o in caso di altre emergenze, è quello di eseguire un rapido triage, definendo le priorità di intervento e mettendo in atto le manovre opportune. Gli obiettivi sono quindi quelli di classificare i pazienti in base alla compromissione delle funzioni vitali e soccorrere i pazienti in base alla priorità. Per fare ciò si valuta l ABCD (2) senza mettere in atto manovre di supporto vitale dei pazienti coinvolti, partendo o dai pazienti che appaiono potenzialmente più compromessi o dai pazienti che non mostrano la (2) ABCD è un processo decisionale che serve per valutare le funzioni vitali: per A si intende Airway, cioè il controllo della pervietà delle vie respiratorie, B è Breathing, cioè controllo del respiro (se è presente, assente, superficiale, valido ), C è Circulation, vale a dire il controllo dell attività di circolo (se è presente il battito o no, se è valido ), D è Disability, cioè la presenza di deficit neurologici o alterazioni stato di coscienza. Questo tipo di valutazione si esegue anche durante la sequenza di BLSD, Basic Life Support and Defibrillation, in cui ad ogni lettera corrisponde un azione: A controllo della pervietà delle vie aeree, B controllo del respiro ed eventuale supporto della respirazione, C controllo del polso centrale ed eventuale 9

12 presenza di segni vitali. Fatto ciò si passa alla fase attiva: chi ha una compromissione di A è più grave di chi ha un problema solo di B, C o D. Stabilire le priorità di trasporto e la destinazione. Dopo aver garantito le funzioni vitali i pazienti vanno trasferiti in Ospedale. Per fare ciò è necessario che ogni paziente in base alle sue caratteristiche e lesioni venga indirizzato ad un dato Ospedale che può completare l iter diagnostico terapeutico. Inoltre è fondamentale per una buona continuazione delle cure che esista un passaggio di informazioni tra assistenza extraospedaliera e ospedaliera e che esista una strategia concordata e riconosciuta di trattamento dei casi meno gravi, i quali possono essere indirizzati in centri ospedalieri di livello intermedio Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi Nelle linee guida n.1 del 17/5/1996 in applicazione al D.P.R. 27 marzo 1992 si legge: all interno dei DEA (3) deve essere prevista la funzione di accoglienza e triage, come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti in base a criteri definiti che consentano di stabilire le priorità di intervento. Tale funzione è svolta da personale infermieristico adeguatamente formato, che opera secondo protocolli prestabiliti dal dirigente sanitario. supporto della circolazione con massaggio cardiaco esterno, D valutazione del tipo di arresto cardiocircolatorio ed eventuale defibrillazione. (3) Dipartimento emergenza - urgenza e accoglienza 10

13 Inoltre la Legge Regionale 12 dicembre 1997, n.61 Norme per la programmazione sanitaria e per il piano sanitario regionale per il triennio prevede che i servizi di pronto soccorso siano organizzati in modo da: garantire prioritariamente i bisogni più comuni; aggregare via via opzioni più complesse e specialistiche; considerare attentamente il rapporto costo/efficaciaefficienza per assicurare nelle varie situazioni, le migliori prestazioni possibili e per ottimizzare l utilizzo delle risorse disponibili. La suddetta Legge Regionale 12 dicembre 1997, n.61, nel punto in cui si parla del sistema di emergenza urgenza, specifica che: In tutti i Pronto Soccorso ed i DEA viene realizzata l organizzazione di un primo filtro infermieristico che seleziona gli accessi agli ambulatori utilizzando come priorità un codice di gravità. In questa Legge viene proposto come metodo di triage quello classico che divide i livelli di priorità in quattro: Emergenza indifferibile; Urgenza indifferibile; Urgenza differibile; Urgenza soggettiva - non urgenza. Prevede anche che l accettazione del paziente deve avvenire all interno del locale adibito al triage e deve essere svolta da un infermiere (la legge riporta ancora la vecchia dicitura di infermiere professionale) appositamente formato che ha dei precisi compiti: Accoglienza, identificazione e registrazione del paziente; 11

14 Rapida investigazione circa le esigenze del paziente e raccolta di semplici informazioni circa la sintomatologia ed i precedenti anamnestici; Invio degli accompagnatori del paziente nella zona di attesa, salvo diverse indicazioni del medico; Valutazione dello stato generale e dei parametri vitali e selezione del paziente in condizioni critiche; Formulazione scritta del codice di priorità in riferimento alle codifiche applicate alle centrali operative ai sensi del D.M. 15/5/1992 e consegna dello stesso anche al paziente a scopo informativo; Preparazione del paziente alla visita; Consegna del paziente identificato dal codice di priorità all infermiere addetto alla sala visita. Nel caso di malato critico sarà disposto l immediato inoltro al medico. 7 Appare evidente come la formazione specifica del personale sia un requisito indispensabile per effettuare un corretto triage. Come abbiamo visto per legge chi svolge la funzione di triage è l infermiere, che deve essere adeguatamente formato. Per cui è attribuita ad un professionista con conoscenze e ruolo specifico che gli consentano di raccogliere informazioni per valutare la priorità dei bisogni e per erogare l assistenza necessaria. Quando l infermiere attua il processo decisionale non formula una diagnosi medica, al contrario opera una selezione di pazienti su segni e sintomi con scelta delle priorità di accesso. 12

15 Le funzioni dell infermiere di triage sono quindi: Distinguere tra pazienti che non presentano una vera urgenza e quelli critici e stabilire la priorità di accesso; Registrare dati anagrafici e i dati raccolti nella prima valutazione; Attuare le prime misure sanitarie; Sorvegliare e rivalutare il paziente in attesa della visita; Informare e gestire il paziente e i familiari nella sala d attesa; Tenere contatti con il 118, le forze dell ordine e altre unità operative; Rispondere ai telefoni. 1 L infermiere che svolge questa funzione deve avere dei requisiti fondamentali: il diploma (adesso laurea) di infermiere, almeno sei mesi di esperienza in PS, partecipazione a corsi di Basic Life Support anche pediatrico, conoscenza delle procedure e del sistema organizzativo del Servizio, partecipazione a corsi sulle tecniche relazionali, conoscenza delle tecniche di triage. Importante è anche possedere una capacità comunicativa e di colpo d occhio, elasticità mentale, capacità decisionale e gestione dell ansia propria e del paziente. 3 L infermiere di triage gode di maggiori libertà ma anche di maggior responsabilità. Per questo motivo è prevista la presenza di protocolli e linee guida per la gestione del triage in modo da tutelare l infermiere che altrimenti non potrebbe compiere determinate azioni senza una prescrizione medica. Questi protocolli devono essere formulati o approvati dal dirigente medico di PS. 13

16 In questa posizione l infermiere di triage è chiamato a compiere scelte decisionali rapide e precise e riveste, in un certo senso, un ruolo di comando. Infatti l infermiere decide per due gruppi: per l utenza e per i membri della propria équipe (indica loro chi è più grave). Quindi è indispensabile che, per un buon funzionamento del triage, venga riconosciuta all infermiere questa funzione di comando che gli è stata attribuita. Questo riconoscimento è da intendersi come riconoscimento di un nucleo operativo che organizza e gestisce i flussi e i percorsi; l unico modo per poter ottenere dei risultati concreti è sostenere una funzione di triage sistematica e capace di gestire al meglio l utenza. L operatore che svolge questa funzione non può quindi trovare sempre ostacoli e difficoltà perché non riuscirebbe più a svolgere il suo ruolo. 5 Nei vari riferimenti legislativi si parla di un infermiere adeguatamente formato per la funzione di triage ma in che cosa consiste questa formazione? In realtà non esistono canali istituzionali che preparino a questo ruolo. Ogni Ospedale prevede un corso di formazione o un periodo di formazione rispettando sempre i requisiti minimi. In generale l addestramento al triage inizia dopo almeno sei mesi di lavoro in PS. È necessario che l infermiere in formazione svolga un periodo di affiancamento, di almeno 2-3 settimane, a personale già qualificato. L affiancamento si articolerà in tre fasi: una prima fase osservativa, in cui l infermiere osserverà attentamente l attività, una seconda fase in cui si passa alla pratica sotto il controllo di un infermiere qualificato e la terza fase è quella della pratica diretta conclusa con la convalida dell infermiere tutor. 3 14

17 Ovviamente non si può considerare finita la formazione a questo punto; infatti è un continuum di acquisizioni, di esperienze, di cultura, di strategie decisionali, di ragionamenti specifici, di riconoscimento di modelli, di intuizione e di schemi mentali condivisi. La conoscenza si basa sulla letteratura scientifica aggiornata, sull epidemiologia locale validata dall esperienza e sulle leggi e normative. Nel 1996 dopo un lavoro di un gruppo di medici, infermieri e caposala di varie regioni e della Repubblica di San Marino, fu fondata l associazione G.F.T. (Gruppo per la formazione al triage), con l obiettivo di pensare alla formazione e all addestramento degli infermieri che dovranno occuparsi del triage. Il G.F.T. organizza corsi che si propongono di fornire elementi di conoscenza utili a svolgere la funzione di triage. I corsi durano quattro giorni, sono a tempo pieno e si svolgono nelle sedi che il G.F.T. stabilisce di volta in volta; il numero di partecipanti è limitato ed è prevista una verifica finale. Gli argomenti che vengono affrontati sono: Principi generali del triage, obiettivi, definizione dei codici di gravità; Strumenti e sistemi di triage; Caratteristiche e funzioni dell infermiere di triage; Aspetti relazionali e medico legali del triage; Il triage applicato alle principali patologie ed esercitazioni pratiche; Implementazione della figura di triage. 3 15

18 La formazione cerca anche un modo per favorire lo sviluppo del sistema triage, cerca di adeguare la professionalità degli infermieri di PS a nuove esigenze, inoltre deve portare all individuazione di un metodo di triage: il processo decisionale. 1.4 Strumenti e metodi di triage Sono stati riconosciuti tre tipi di sistemi di triage: 8 Direttore del traffico o sistema non infermieristico; Spot check triage (4) ; Triage globale. Questi tre sistemi differiscono per vari aspetti: nelle categorie di triage, nell organico, nella documentazione richiesta, nella valutazione e rivalutazione del paziente e nell inizio del trattamento e delle indagini diagnostiche. Direttore del traffico o sistema non infermieristico: è il sistema più semplice. Il triage è attuato generalmente da un non professionista come un impiegato, un soccorritore o un ausiliario. La valutazione che si ha è minima, generalmente si basa sul livello del dolore in modo da permettere alla persona che svolge questo ruolo di dividere il paziente in due categorie: emergenza o non-urgenza. La documentazione è minima e non è possibile la rivalutazione del paziente. (4) è un sistema di triage basato sul colpo d occhio, l infermiere raccoglie informazioni soprattutto guardando il paziente. 16

19 Ovviamente questo tipo di sistema può essere valido se usato in un piccolo PS con un basso afflusso e se le decisioni vengono prese in base a delle linee guida scritte e ad una valutazione soggettiva. Lo spot-check triage o triage a controllo casuale: è un sistema a rapida occhiata nel quale un infermiere ottiene informazioni sui pazienti rispetto all intensità del dolore e pochi altri dati soggettivi e oggettivi relativi al problema principale. È un sistema che non fa uso di protocolli o linee guida e non prevede rivalutazione del paziente se non su sua precisa richiesta. Il sistema di triage globale: è il sistema più diffuso e congruo alle esigenze operative. La valutazione del paziente e l assegnazione di un codice di priorità viene eseguita da un infermiere preparato e con esperienza, questo permette di creare subito un rapporto di fiducia e di comunicazione tra paziente e PS. Per la valutazione si seguono precisi standard, vengono seguiti specifici protocolli per ogni singolo caso, la documentazione è sistematica e continua. Inoltre la rivalutazione del paziente è continua ed è prevista la possibilità di attuare un educazione sanitaria al paziente. I vantaggi di questo sistema sono molteplici. I più significativi sono: l attenuazione dello stress tramite l accoglienza da parte di un infermiere, l immediata valutazione e documentazione dei problemi della persona, l effettuazione di alcune tecniche diagnostiche senza ritardi e la possibilità di una comunicazione continua con i familiari e con il paziente in sala d attesa. Questo metodo permette di raggiungere gli scopi del triage, vale a dire che 17

20 permette di identificare i pazienti in pericolo di vita, di regolamentarne il flusso e di utilizzare spazi e risorse in modo efficiente. Un altro possibile sistema di triage è un metodo ideale che permette la valutazione di tutti i pazienti da parte di un infermiere dopo 2-3 min. dal loro arrivo in PS. Questo sistema prevede due fasi svolti da due infermieri diversi. Nella prima fase il paziente viene valutato da un infermiere esaminatore che: Accoglie il paziente; Valuta velocemente l ABCD; Indaga sul problema di salute e sul motivo di accesso; Decide se il paziente può aspettare la valutazione della seconda fase o se invece necessita di un intervento immediato. La seconda fase del processo è svolta da un infermiere valutatore il quale si occupa dei pazienti non urgenti completando la valutazione, l anamnesi e assegna il codice di priorità. Questo sistema ha come svantaggio principale il disaccordo che ci può essere fra i due infermieri nell assegnare un codice e nel dividersi i ruoli. Come vantaggio possiamo dire che permette ai pazienti in gravi condizioni di essere identificati più velocemente. Alla base del triage, soprattutto del triage globale, c è il processo decisionale che è un sistema volto ad identificare i problemi, a raccogliere ed analizzare le informazioni ottenute. 18

21 L infermiere non fa né diagnosi né terapia né dimette o ricovera un paziente ma formula un giudizio di gravità clinica basato sul sintomo principale riferito dal malato, sulla raccolta anamnestica, sulla condizione attuale ed effettua una valutazione obiettiva dei parametri vitali, del colorito cutaneo, della temperatura, della sudorazione e del livello di coscienza. Gli infermieri che effettuano il triage devono seguire dei protocolli, sintetici e chiari, che sono stati concordati tra medici e infermieri del DEA. Come abbiamo detto l utilizzo di questo metodo è volto a stabilire le priorità, ad organizzare il flusso di pazienti e la scelta più appropriata della specialità a cui indirizzare il paziente. Il processo decisionale di triage si compone delle seguenti fasi: 1 1. Colpo d occhio o valutazione alla porta. È la valutazione immediata all ingresso in PS, deve essere rapida per poter identificare i casi in cui è richiesto un intervento immediato. Si valutano i parametri vitali, l ABCD, il dolore, l ossigenazione, la temperatura, il livello di coscienza e l aspetto generale. 2. Raccolta dati. Attraverso l intervista e l osservazione verranno valutati i segni e sintomi del paziente. In questa fase si utilizza sia la valutazione soggettiva (paziente, parenti, accompagnatori, soccorritori) che quella oggettiva. La valutazione soggettiva si compone di varie fasi: 19

22 Sintomo generale ed evento presente. Vale a dire le circostanze in cui si è svolto l evento, la descrizione del problema, il meccanismo del trauma, ed eventualmente una progressione dei sintomi; Dolore. Importante è valutare il dolore, tipo, sede, se è provocato o alleviato da qualcosa, se c è un irradiazione, l intensità e da quanto tempo è cominciato; Sintomi associati. Spesso i pazienti omettono di riferirli perché pensano siano poco importanti, è compito dell infermiere di triage cercare la presenza di altri segni o sintomi associabili alla condizione attuale; Anamnesi patologica remota. È molto importante capire quali sono, e se esistono, altre patologie di base, croniche e non, perché ci permette di conoscere meglio il paziente e la sua condizione attuale. La valutazione oggettiva è costituita dall esame fisico del paziente e dalla documentazione sanitaria dello stesso. Per eseguire il più rapidamente possibile un esame fisico accurato e mirato si possono usare scale mentali (5) per valutare tutti gli elementi utili. Al termine del processo di valutazione viene confermato o smentito il sintomo principale che era stato ipotizzato. Importante per un infermiere di triage è anche lasciarsi guidare dall intuizione cioè quel sesto senso che ci (5) sono possibili varie possibilità, quella che viene portata come esempio dal G.F.T. riprende in parte l ABCD con l aggiunta di EFG. E sta per esposizione, F per febbre e G per parametri vitali, in questo modo è più facile ricordare i dati da raccogliere. 20

23 dice che un paziente è grave, magari più di quanto sembri o è a rischio di complicanze. Questo intuito è basato sull esperienza, sull osservazione di moltissimi casi clinici, sulla conoscenza delle patologie e sul confronto con altre figure professionali. 3. Decisione di triage. È l attribuzione del codice di gravità, è il culmine di un processo molto complesso basato sulla valutazione delle condizioni del paziente, sulla possibilità di complicanze entro breve e medio termine e sulla disponibilità di risorse. La decisione di triage non è soltanto quella presa al termine della valutazione ma può essere variata dall infermiere in qualunque momento. Il codice di priorità è un codice di ingresso che è conseguente ad una valutazione in base a segni e sintomi. Come abbiamo detto prima non è una fase rigida, bensì il codice può variare in ogni momento se l infermiere reputa variata la condizione del paziente. Possono essere identificati quattro codici (6) : Codice rosso, EMERGENZA: una o più funzioni vitali sono gravemente compromesse, con immediato pericolo di vita. L ingresso deve essere immediato, tutti gli operatori sono al servizio della persona con tutte le risorse e tecnologie a disposizione. La restante attività è ridotta o bloccata; (6) Sono possibili diversi tipi di classificazione dei codici di gravità, i più usati sono i codici colore o i codici numerici. Qui sono stati analizzati i codici colore perché usati soprattutto negli ospedali, mentre i codici numerici sono più usati sul territorio. I codici di criticità numerici distinguono 5 situazioni a cui assegnano un numero. Lo 0 equivale ad un paziente indenne o con una patologia poco rilevante; l 1 rappresenta un paziente con funzioni vitali mantenute, patologia non acuta stabile; il 2 quando si è in 21

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010 L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico Matera 15 giugno 2010 Linee guida 1/1996 (G.U. 17 maggio 1996) Linee Guida Per Il Sistema Di Emergenza Urgenza In Applicazione

Dettagli

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus TRIAGE Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo DEFINIZIONE Parola di origine francese che significa semplicemente "selezionare". Il TRIAGE è la metodica di selezione dei pazienti, cioè il riconoscimento

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale Comportamento violento e istituzioni di cura: i rischi del curare venerdì, 28.09.2007 Aula Magna Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano Bicocca Un nuovo modello organizzativo:

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Corso M. Abbiate, 21 13100 VERCELLI Tel. +39 0161 5931 fax +39 0161 210284 www.aslvc.piemonte.it P.I. / Cod. Fisc. 01811110020 GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Il Pronto Soccorso è la porta dell ospedale verso

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

Il Triage : novità e responsabilità

Il Triage : novità e responsabilità Il Triage : novità e responsabilità Luciano Pinto Direttivo Nazionale Simeup Il triage nel PS in Italia incompleta diffusione nel territorio nazionale scarsa diffusione di un modello uniforme e condiviso

Dettagli

Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna

Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna 1 - Introduzione I Sistemi di triage in Emilia Romagna sono nati nei primissimi anni Novanta sulla base delle

Dettagli

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Pronto Soccorso svolge la sua attività al piano terra dell Ospedale San Bassiano, a sinistra della

Dettagli

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I.

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I. PRESENTAZIONE E OBIETTIVI DEL CORSO I corsi di reclutamento della C.R.I. sono strutturati secondo un sistema modulare, per permettere di entrare nell ente anche a quelle persone che non intendono dedicarsi

Dettagli

L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE. Daniela Musca

L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE. Daniela Musca L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE Daniela Musca Infermiere di triage... Nasce nel 1996 in seguito alla pubblicazione delle linee guida sul sistema di emergenza urgenza sanitaria emanate dal Ministero

Dettagli

LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO

LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO I Congresso Nazionale Triage Roma, 11-12 giugno 2010 Massimo De Simone UOC Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso Ospedale Sant Eugenio-Roma LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute Primo soccorso.pronto Soccorso Relatori:dr. F. Diana dr. E. Rossi UOC Pronto Soccorso e Accettazione Data: 12 marzo 2014 Aula Piccolotto- Feltre Quando trovi questo

Dettagli

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria Consensus Meeting L Osservazione Temporanea e Breve in Pronto Soccorso Pediatrico Trieste, 14-15 ottobre 2005 Documento finale Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria 1 INDICE

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

1 Congresso Nazionale di Triage

1 Congresso Nazionale di Triage 1 Congresso Nazionale di Triage Le istituzioni Gabriella Guasticchi 11 giugno 2010 Introduzione In letteratura, il processo di triage è riconosciuto lo strumento più utile per identificare rapidamente

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it.

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it. Reparto: Pronto Soccorso Sede: Melzo Piano: Terra Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it Medici: A rotazione dai reparti di Chirurgia, Medicina, Ostetricia e Pediatria

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC Centro Gestione Rischio Clinico DISCLAIM SUL CASO PRESENTATO Il presente caso è stato costruito esclusivamente a fini didattici; si è preso ispirazione da un

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Pronto Soccorso. Guida ai Servizi

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Pronto Soccorso. Guida ai Servizi Ospedale Ca Foncello di Treviso Pronto Soccorso Guida ai Servizi Con questa breve guida desideriamo condividere alcune informazioni relativamente alla metodologia di lavoro, all organizzazione, alle attività

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli

Unità Operativa di Pronto Soccorso e Accettazione Sanitaria Ospedale di Bussolengo. Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine

Unità Operativa di Pronto Soccorso e Accettazione Sanitaria Ospedale di Bussolengo. Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine Unità Operativa di Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine Azienda Ulss n. 22 - Bussolengo VR Dipartimento di Urgenza - Emergenza Unità Operativa di Monoblocco Lato Ovest Direttore: Dott.

Dettagli

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 2/11

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14 REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14,1752'8=,21( ),1$/,7$ '(/5(*2/$0(172 Il presente regolamento ha la finalità di richiamare le norme generali

Dettagli

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle Pagina 1 di 9 P.O. Belcolle REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 31/3/2010 Martini Paola Fronteddu Antonietta Schirra Giulietta Direttore U.O.C. P.S. Direttore Sanitario P.O.C Gallina Linda Ginebri

Dettagli

Nozioni di primo soccorso

Nozioni di primo soccorso 1 Nozioni di primo soccorso Primo Soccorso E impensabile dover attendere per prudenza l arrivo di un professionista della sanità in presenza di gravi condizioni di salute Si deve intervenire Si devono

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

"RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE"

RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE "RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE" 4 marzo 2000-convegno AIDO Francesco Falli, presidente Collegio professionale infermieri/assistenti/vigilatrici Caposala Pronto Soccorso/Medicina

Dettagli

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ.

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ. ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 sez. 1 Dati Servizio sez. 2 Tipologia mezzo

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO TRATTAMENTO AL Pag. TRATTAMENTO AL Data di applicazione 0//07 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 3 //07 Medico RD Dott. A. Benini Dott.F. Brunelli Dott. A. Cattoli Dottssa.D. Rinnovi

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2 A.S.L. TO 2 Azienda Sanitaria Locale Torino Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Sede TO2 Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina PERCORSO DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità

Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità relatore: Mario Calci Coordinatore Gruppo Regionale Triage FVG Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità In psicologia la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Manuale per la gestione del Pronto Soccorso

Manuale per la gestione del Pronto Soccorso Manuale per la gestione del Pronto Soccorso Redatto da: Luna Coni Rivisto da: Luna Coni Approvato da: Guarnera Emilio Data di validità: 30/05/2014 N.ro versione: 1.1 N.ro pagine: 51 Distribuzione: Attenzione

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI PERGINE LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CORSO PER ASPIRANTI

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIANIMAZIONE ED EMERGENZA TERRITORIALE 118

UNITÀ OPERATIVA RIANIMAZIONE ED EMERGENZA TERRITORIALE 118 UNITÀ OPERATIVA RIANIMAZIONE ED EMERGENZA TERRITORIALE 118 Dipartimento Emergenza 1/7 Attività Presso il reparto dell unità operativa sono assistiti utenti affetti da patologie acute o traumatiche o di

Dettagli

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico all interno dei DEA deve essere prevista la funzione di triage, come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti in base

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali.

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail

Dettagli

La Cartella Clinica. Informatizzata

La Cartella Clinica. Informatizzata La Cartella Clinica Informatizzata Caratteristiche del software Vantaggi incredibile semplicità d uso grafica efficace e divertente testo, immagini, filmati, grafici sicuro, potente e veloce buona scalabilità

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML Dr.Beniamino Susi Gruppo TML PZ A:45 aa,uomo, intenso dolore fianco dx, irradiato nella regione pelvica con stranguria. Pz agitato, non sudato, polso radiale valido; FC 95 batt/min, FR 16 atti/min, PA

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 15 2016-08 ottobre 2016 programma del corso INFORMAZIONI GENERALI Per essere ammessi all esame finale è necessario aver partecipato: per i Gruppi prioritari di popolazione: a

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF

L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF Dott. Francesco Stea Direttore Dipartimento Emergenza e Urgenza Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Bari Qualche premessa Gestione dell

Dettagli

Informazione per Infermieri. Gestione ambulanze

Informazione per Infermieri. Gestione ambulanze Informazione per Infermieri Gestione ambulanze premessa Il trasferimento di un paziente da una U.O. ad un altra è un momento estremamente critico in quanto chi riceve non conosce il paziente Chi trasferisce

Dettagli

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato 1 Comporre su qualsiasi telefono il numero 118 La chiamata è gratuita Non occorre gettone o tessera Non è possibile chiamare il 118 da telefoni cellulari privi di scheda, in queste situazioni è possibile

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

Servizio di Pronto Soccorso - Accettazione IRCCS, Policlinico San Matteo, PAVIA. Corso interno Base di Formazione di Triage in Pronto Soccorso Pavia

Servizio di Pronto Soccorso - Accettazione IRCCS, Policlinico San Matteo, PAVIA. Corso interno Base di Formazione di Triage in Pronto Soccorso Pavia Corso interno Base di Formazione di Triage in Pronto Soccorso Pavia Servizio di Pronto Soccorso e Accettazione IRCCS Policlinico San Matteo, PAVIA Corso Base di Formazione di Triage in Pronto Soccorso

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

La gestione del rischio al triage

La gestione del rischio al triage Azienda Sanitaria Matera U.O. Pronto Soccorso e Osservazione Breve Responsabile dott. Carmine Sinno Coordinatore Franco Riccardi La gestione del rischio al triage di Bruna Montemurro Secondo corso di triage

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Aiutare e imparare 2016 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Il contesto settoriale in cui si colloca la presente proposta progettuale è l ambito

Dettagli

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A.

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A. TRIAGE Sistema di suddivisione delle vittime, per stabilirne il livello di priorità sia nel soccorso che nello sgombero. Si utilizza in caso di incidenti o di eventi catastrofici con un alto numero di

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Volontari del Soccorso. JumpSTART (Pediatric Multicasualty Triage System) Dr.Lou Romig MD, FAAP, FACEP, 1995-2002

Volontari del Soccorso. JumpSTART (Pediatric Multicasualty Triage System) Dr.Lou Romig MD, FAAP, FACEP, 1995-2002 Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Coordinamento Reg.le di Protezione Civile - Piemonte Il Triage pediatrico JumpSTART JumpSTART (Pediatric Multicasualty Triage System) Dr.Lou Romig MD, FAAP,

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA DIPARTIMENTO AREA MEDICA A OPERATIVA di PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Dr. Antonello Strada DIRIGENTI MEDICI Dr. Vittorio Berruti Dr. Dante Clerici IPAS* Osservazione Breve Intensiva Dr.ssa Francesca Gelli

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA Patrizio Di Denia Agenzia sanitaria Emilia-Romagna Riferimenti normativi Il Piano Sanitario Nazionale 2006 2008 prevede che le attività di monitoraggio

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli