Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale"

Transcript

1 Comportamento violento e istituzioni di cura: i rischi del curare venerdì, Aula Magna Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano Bicocca Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale Vincenzo Raucci - Giovanni Spaccapeli 08/10/ TRIAGE Scegliere Classificare Catalogare Strumento organizzativo pensato per gestire gli accessi non programmati ad un servizio per acuti. Tale processo ha la finalità di selezionare e classificare i pazienti in base al tipo e all urgenza delle loro condizioni. Analizzare la possibilità, ovvero la necessità, di pensare e rendere praticabile il triage in ambito psichiatrico. 08/10/

2 INFERMIERE (VARIABILI AMBIENTALI) MODELLO ORGANIZZATIVO SISTEMA OPERATIVO T P T (TRIAGE PSICHIATRICO TERRITORIALE) 08/10/ linee guida sul triage (*) Laurea di primo livello in Infermieristica; Almeno sei mesi di esperienza lavorativa in un Pronto Soccorso; Corsi di addestramento; Conoscenza delle procedure del sistema organizzativo del servizio; Corsi di psicologia comportamentale, di organizzazione del lavoro e di conoscenza di tecniche relazionali. (*) come da conferenza Stato-Regioni del 25 ottobre /10/

3 inoltre, per il Gruppo per la Formazione al Triage* ottima preparazione professionale controllo dell emotività propria e altrui capacità di adattamento capacità organizzativa capacità decisionale capacità comunicativa e disponibilità curiosità * GFT fondato nel 1996 inoltre, per noi esperienza lavorativa minima in DSM di almeno due anni; stage documentativo in tutti i servizi del DSM; corso di formazione apposito. 08/10/ Altro fattore auspicabile è che i servizi psichiatrici siano in grado di funzionare secondo il modulo 24/7/365, ovvero con un apertura al pubblico 24 ore al giorno, per 7 giorni la settimana e per 365 giorni all anno. Un servizio territoriale che si attrezzi per una buona applicazione di TPT dovrà possedere: un parco automezzi proporzionato; un numero telefonico dedicato; un locale apposito, esclusivo per la gestione dei casi urgenti; protocolli operativi condivisi percorso separato dagli accessi ordinari 08/10/

4 Scheda di Triage Dati anagrafici Terapia Disturbo dei processi di pensiero Stato di agitazione Stato di ansia Stato di aggressività Codice colore assegnato Legenda 08/10/ Scheda di esito U.O.P.C.T. Monza1 Scheda di esito in urgenza CPS di Monza Tipo: TELEFONICO MEDIATO DIRETTO Data intervento / / Ora Cognome e Nome Infermiere Codice colore dell urgenza : (riferibile alla scheda di Triage) Sintetica descrizione del problema: 08/10/

5 L episodio si risolve con il colloquio e la valutazione infermieristica L episodio si risolve con successiva visita psichiatrica immediata L episodio non si risolve (nonostante il colloquio) e si invia la persona in P.S. (o in SPDC per ricovero) Appuntamento psichiatrico non urgente Si invia la persona al C.R.A. di Cinisello Balsamo L episodio si risolve dopo una V. D. Inferm.ca Inferm+Psich. Altro (specificare) Tempo dedicato all urgenza: < di 30 > 30' da 1h a 2h da 2 a 3 h > di 3h Firma (Scheda realizzata da Vincenzo Raucci e Giovanni Spaccapeli) 08/10/ Modello del TRIAGE nella UOCT1 di Monza A seguito di una riorganizzazione del D.S.M. dell A.O. San Gerardo di Monza, avvenuta nel Gennaio 2004, gli infermieri del CPS di Monza e dell Ambulatorio Psichiatrico di Brugherio decisero di strutturare un percorso di accoglienza e valutazione che prevedesse la centralità della figura Infermieristica, come operatore deputato all accoglienza e alla valutazione delle persone che presentavano aspetti clinici e/o assistenziali da ricondurre all area dell Urgenza. 08/10/

6 Modello del TRIAGE nella UOCT1 di Monza Tali modificazioni organizzative si espressero nella decisione di adottare un modello operativo, definito nell aprile del 2006 in accordo con il personale medico, TRIAGE infermieristico che permettesse una valutazione e una gestione sempre più attenta delle problematiche degli utenti, relative alle urgenze in CPS e che dotasse, inoltre, il personale sanitario di un linguaggio comune, avvalendosi, anche, di uno strumento di rilevazione (Scheda di Triage) utile a perseguire gli obiettivi sopraccitati. 08/10/ Modello del TRIAGE nella UOCT1 di Monza Ciò scaturiva dalla convinzione che la presenza dell infermiere in un momento di urgenza, rappresenta la prima area verbale e relazionale di accoglienza, nell attesa dell approccio con lo specialista curante, laddove necessario, in quanto non era da escludere l ipotesi che, in alcuni casi, l incontro ed il sostegno fruito dalla relazione con l infermiere potesse essere esaustiva delle richieste verbali ed emotive della persona. 08/10/

7 Accoglienza e Valutazione Il personale infermieristico accoglie la persona e, in un apposito locale dedicato al triage infermieristico, effettua una valutazione*, dello stato di urgenza e, a seconda del codice colore rilevato (Rosso, Giallo, Verde, Bianco) ha a disposizione diverse opzioni. *La valutazione dello stato di urgenza viene effettuata tramite colloquio che deve possedere caratteristiche tali da permettere all infermiere di assegnare un codice colore. 08/10/ Gestione Codice Rosso: le condizioni dell utente richiedono al più presto un intervento dello specialista Psichiatra per una visita e successiva decisione in merito; a questo punto l infermiere contatta il medico di riferimento, se presente in struttura, altrimenti informa il personale medico in servizio della presenza di un codice rosso ed il primo specialista disponibile visiterà l utente; l infermiere rimane con la persona, anche per una rivalutazione del caso, sino al momento della visita; una volta svolta la visita il medico e l infermiere decidono il da farsi (ulteriore appuntamento con lo specialista curante a breve tempo, invio in PS per ricovero, T.S.O., rinvio al domicilio con costante monitoraggio infermieristico ecc..), l attesa per la valutazione psichiatrica è al massimo di /10/

8 Gestione Codice Giallo: Le condizioni dell utente richiedono un monitoraggio costante da parte dell infermiere e un successivo intervento da parte dello specialista, l iter è lo stesso del codice rosso ma con caratteristiche di urgenza diverse: l attesa per la valutazione psichiatrica è al massimo di 45. Codice Verde: La situazione, spesso, si presenta in maniera clamorosa ed urgente ma si risolve dopo colloquio/intervento dell infermiere. Codice Bianco: Dopo colloquio e valutazione infermieristica, si decide che la situazione non riveste caratteristiche urgenti e si rinvia ad un appuntamento con lo specialista, seguendo l iter normale di assegnazione degli appuntamenti 08/10/ Per tutti i casi l infermiere, durante l intervento, compila la scheda di Triage consegnandola al medico (qualora si renda necessaria una successiva valutazione psichiatrica); e, alla fine, compila la scheda di esito; e le ripone nel contenitore schede d urgenze, posto nel locale di Triage; il Coordinatore infermieristico, all inizio di ogni mese, raccoglie tutte le schede del mese precedente, operando una analisi dei dati nell ottica di evidenziare, discutere e risolvere eventuali problematiche organizzative e gestionali in un ottica di miglioramento continuo della qualità dell assistenza erogata. 08/10/

9 Dati /10/ Analisi dei dati 2006 Il totale delle persone accolte in urgenza è stato di 161, di cui 143 in sede e 18 al domicilio; di queste il 35% ha risolto la propria situazione con il solo colloquio infermieristico, il 38% con una successiva visita psichiatrica e il 6% con il colloquio infermieristico e la rassicurazione di una successiva visita psichiatrica a breve termine; il 20% è stato inviato in Pronto Soccorso per un ricovero in S.P.D.C dopo colloquio infermieristico e successiva visita psichiatrica, mentre all 1% è stata erogata assistenza infermieristica per situazioni non ascrivibili, dopo valutazione, a quadri di urgenza-emergenza psichiatrica 08/10/

10 Dati /10/ Analisi dei dati 2007 Nei primi 7 mesi del 2007, utilizzando la scheda di T.P.T., il totale delle persone accolte in urgenza, è stato di 79 di cui 66 in sede e 13 al domicilio; di queste il 37% ha visto risolvere la propria situazione con il colloquio infermieristico il 47% con una successiva visita psichiatrica; il 4% con il colloquio infermieristico e la rassicurazione di una successiva visita psichiatrica a breve termine e il 13% è stato inviato in Pronto Soccorso per un ricovero in S.P.D.C. dopo colloquio infermieristico e successiva visita psichiatrica. 08/10/

11 Analisi dei Codici colore L analisi dei codici colore assegnati nel biennio permette di osservare la presenza di un interessante 32% complessivo dei codici meno gravi, gestiti completamente in autonomia dagli infermieri. Altresì viene confermata la reale necessità di un parere psichiatrico per una buona maggioranza (68% totale dei codici rosso e giallo) degli utenti che raggiungono il servizio con un urgente bisogno di cure. 08/10/ Conclusioni: Lo scopo del TPT di poter dotare medici e infermieri di un linguaggio comune di codifica degli interventi in urgenza, al fine di una migliore e celere risposta clinico/assistenziale alle persone assistite, ci sembra sia stato raggiunto. Dai dati raccolti si deduce una sensibile diminuzione dell invio delle persone al PS per un ricovero, primo segno della nascita di una nuova mentalità tra gli operatori del territorio 08/10/

12 Conclusioni: Un discreto aumento, in questi anni, si è avuto anche sul fronte delle risposte alle urgenze al domicilio, dovuto ad una maggiore e migliore integrazione del personale medico-infermieristico con gli altri attori istituzionali (Medico delle cure primarie, 118, guardia medica). 08/10/ Conclusioni: Di notevole importanza, infine, il dato restituito dai casi risolti con l intervento infermieristico, che si assesta su una media di circa il 32% del totale fin ora esaminato. La sperimentazione proseguirà ancora per tutto il 2007, ma possiamo già affermare che il TPT ha oggettivato la risposta alle urgenze e ha consentito agli infermieri ed ai medici di dotarsi di un modello operativo ed organizzativo utile a risolvere una buona percentuale di casi. 08/10/

13 Vincenzo Raucci Giovanni Spaccapeli 08/10/

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

LAUREA IN INFERMIERISTICA

LAUREA IN INFERMIERISTICA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI VIMERCATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MILANO BICOCCA LAUREA IN INFERMIERISTICA Il ruolo dell infermiere nelle situazioni di urgenza-emergenza: ipotesi di Triage Psichiatrico

Dettagli

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle Pagina 1 di 9 P.O. Belcolle REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 31/3/2010 Martini Paola Fronteddu Antonietta Schirra Giulietta Direttore U.O.C. P.S. Direttore Sanitario P.O.C Gallina Linda Ginebri

Dettagli

Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità

Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità relatore: Mario Calci Coordinatore Gruppo Regionale Triage FVG Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità In psicologia la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI TITOLO SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI AUTORI Giuseppe Cardamone (1), Edvige Facchi (2), Rita Pescosolido (3) (1) Direttore DSM ASL 9 di Grosseto

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Corso di Master Universitario di I livello in Infermiere Psichiatrico (AA.AA. 2014/2015 e 2015/2016, VI ed.)

IL RETTORE DECRETA. Corso di Master Universitario di I livello in Infermiere Psichiatrico (AA.AA. 2014/2015 e 2015/2016, VI ed.) \ DIVISIONE PRODOTTI SETT ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@unipmn.it Decreto del Rettore Repertorio n. 616/2014 Prot. n. 12671 del

Dettagli

6^ Forum Risk Management Arezzo, 22 25 novembre 2011

6^ Forum Risk Management Arezzo, 22 25 novembre 2011 6^ Forum Risk Management Arezzo, 22 25 novembre 2011 Implementazione della Raccomandazione per prevenire gli atti di violenza a danno degli operatori sanitari : resoconto dell esperienza di un Azienda

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

Il Triage : novità e responsabilità

Il Triage : novità e responsabilità Il Triage : novità e responsabilità Luciano Pinto Direttivo Nazionale Simeup Il triage nel PS in Italia incompleta diffusione nel territorio nazionale scarsa diffusione di un modello uniforme e condiviso

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010 L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico Matera 15 giugno 2010 Linee guida 1/1996 (G.U. 17 maggio 1996) Linee Guida Per Il Sistema Di Emergenza Urgenza In Applicazione

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA)

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA) L INFERMIERE NEL CONTESTO LAVORATIVO DEL PRONTO SOCCORSO; LA MOTIVAZIONE DELLA RICERCA: DALLA IDEAZIONE, ALLO STUDIO DEI DATI, ALLE PROPOSTE PER IL CAMBIAMENTO. Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PIACENZA TERESA Nazionalità Italiana Data di nascita 15/12/1975 piacenza2002@libero.it ESPERIENZA

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 2 Pronto Soccorso Futuro Manager 3 Prestazioni il problema delle prestazioni

Dettagli

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress.

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. Dalla teoria... La formazione, nel campo della riabilitazione

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 INDICE: 1. Premessa 3 1.1. Linea guida di prevenzione delle cadute accidentali del paziente ricoverato 3 1.2. Progetto di Gestione dei rischi in sala operatoria 4 1.3.

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Codice fiscale CAPELLI ROSSELLA Via Nino Bertocchi 22 3482941779 0513143004 rossella.capelli@ausl.bologna.it

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

1 Congresso Nazionale di Triage

1 Congresso Nazionale di Triage 1 Congresso Nazionale di Triage Le istituzioni Gabriella Guasticchi 11 giugno 2010 Introduzione In letteratura, il processo di triage è riconosciuto lo strumento più utile per identificare rapidamente

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

Fonti e forme di disagio psicologico di

Fonti e forme di disagio psicologico di LA MEDICINA D URGENZA TRA MENTE E CORPO Giornate di Studio Milano 7 8 9 Giugno 2012 Cripta Aula Magna Università Cattolica del Sacro Cuore Fonti e forme di disagio psicologico di medici e infermieri in

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA DIPENDENZA DA ALCOOL 22/05/2015 Elena Bruno, Cristina

Dettagli

INDICE. 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi. Capitolo II: Una realtà italiana: l Azienda Ospedaliera San Paolo

INDICE. 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi. Capitolo II: Una realtà italiana: l Azienda Ospedaliera San Paolo INDICE Riassunto Premessa pag. 1 pag. 2 Capitolo I: Principi generali ed elementi di storia 1.1 Cos è il triage e sue origini 1.2 Obiettivi e compiti del triage 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

ATTIVITÀ TERRITORIALE

ATTIVITÀ TERRITORIALE L ATTIVITA DELLA STRUTTURA COMPLESSA DI PSICHIATRIA NEL 2013 ATTIVITÀ TERRITORIALE Redazione: Dr. Romolo Gadaldi Responsabile S.S. Area Territoriale S.C. Psichiatria STRUTTURE DELL AREA TERRITORIALE CPS

Dettagli

1 Congresso nazionale Triage

1 Congresso nazionale Triage PRONTO SOCCORSO/ 1 Congresso nazionale Triage RECLUTAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE Dott. Girolamo De Andreis Gruppo lavoro: Marisa Carosi Girolamo De Andreis Massimo Parlanti Marco Romani Gruppo di

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA CONTENZIONE PRESSO SPDC OSPEDALE SANTA CROCE DI MONCALIERI. D.ssa Claudia Rizzolio SPDC Moncalieri

PROTOCOLLO PER LA CONTENZIONE PRESSO SPDC OSPEDALE SANTA CROCE DI MONCALIERI. D.ssa Claudia Rizzolio SPDC Moncalieri PROTOCOLLO PER LA CONTENZIONE PRESSO SPDC OSPEDALE SANTA CROCE DI MONCALIERI D.ssa Claudia Rizzolio SPDC Moncalieri CONTENZIONE Disciplinata dalla Legge 833 del 1978 ( art 33-34-35) Dispositivo che limita

Dettagli

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765.

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Botticelli Luigina Data di Nascita 17-08-1967 Qualifica Coordinatore Infermieristico Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale P.O. Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli

ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS

ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS 1036/ASS ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS EDIZIONE 01/05/2004 INDICE Servizi per la salute: garanzia base

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda ULSS 22 Reg. Veneto Distretto Sociosanitario n.5 Villafranca di Verona ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AD INTENSITA ELEVATA RIVOLTA A PAZIENTI CON VENTILAZIONE MECCANICA:

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO V Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti Modalità organizzative per

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Medicina dell Ospedale di Asiago fa parte del Dipartimento di area medica. Si trova al piano terra e

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Direttive sull organizzazione degli interventi di emergenza-urgenza in salute mentale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Direttive sull organizzazione degli interventi di emergenza-urgenza in salute mentale Allegato alla Delib.G.R. n. 51/ 41 del 20.12.2007 Direttive sull organizzazione degli interventi di emergenza-urgenza in salute mentale INDICE 1. Premessa 2. Le criticità del sistema di offerta dei servizi

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

La Cooperativa FILO DI ARIANNA

La Cooperativa FILO DI ARIANNA Anziani La Cooperativa FILO DI ARIANNA La Cooperativa Filo di Arianna è stata fondata nel 1995 a Monza. Nel 1999 assorbe servizi dell Area socio-sanitaria e socio-assistenziale da Caritas Ambrosiana. Partecipa

Dettagli

PROGETTO. Responsabile: Vincenzo LEROSE Coop Medicina del Territorio

PROGETTO. Responsabile: Vincenzo LEROSE Coop Medicina del Territorio PROGETTO CARTELLA WEB CONDIVISA FRA I MMG E MCA SU SINAPSIS PER FINALITA' DI CONTINUITA' ASSISTENZIALE E PRESA IN CARICO H24 DEI PAZIENTI FRAGILI IN PROVINCIA DI FROSINONE PROVE DI AGGREGAZIONE FUNZIONALE

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale

Sistema Informativo Territoriale Sistema Informativo Territoriale Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Convegno Nazionale Ospedale, Città e Territorio Verona, 13 15 Settembre 2007 Responsabile Sistemi Informativi leonardo.sartori@apss.tn.it

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013)

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013) GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE (25 marzo 2013) Indice: Premessa 1. Le Strutture Residenziali Psichiatriche 2. Indicazioni sull assetto

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI?

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA ALLEGATO B1 DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA Riferimenti normativi 1. Piano Sanitario Nazionale 2007-2009 adottato con DPCM del 7.4.2006. 2. Piano Socio Sanitario Regionale

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del sistema sanitario Integrazione dei servizi di Telemedicina con il Fascicolo Sanitario

Dettagli

LA PROCEDURA COME STRUMENTO PER DOCUMENTARE I PERCORSI ASSISTENZIALI E I PROCESSI DI LAVORO

LA PROCEDURA COME STRUMENTO PER DOCUMENTARE I PERCORSI ASSISTENZIALI E I PROCESSI DI LAVORO SUPPORTO AD AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE QUALITA DI SERT E STRUTTURE ACCREDITATE DIPENDENZE O PSICHIATRIA ADULTI LA PROCEDURA COME STRUMENTO PER DOCUMENTARE I PERCORSI ASSISTENZIALI

Dettagli

Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale

Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale Dipartimento Salute Mentale, Dipendenze Patologiche, Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza ASP PALERMO Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale 30 Ottobre 2014 as is 1) ELEVATA

Dettagli

La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso

La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso di Antonio Busacca infermiere, AO San Carlo Borromeo, U.O.S. di Pronto Soccorso-DEA, Milano Introduzione

Dettagli

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F CONGRESSO REGIONALE SIMEU : 8 FEBBRAIO 2013 IL PRONTO SOCCORSO ED IL RICOVERO APPROPIRATO Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F Dr.ssa Clara Cesari

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING PER STUDENTI E PERSONALE LUMSA Il Servizio di Psicologia clinica nasce dalla collaborazione scientifica tra il Corso di laurea in Psicologia della LUMSA e il

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 IL RUOLO DELL INFERMIERE CASE MANAGER IN DIVERSI SETTING MONICA

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Il Regolamento didattico del Corso, in conformità alla normativa vigente, prevede per il tirocinio

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Relazione salute mentale adulti 01/03/2012

Relazione salute mentale adulti 01/03/2012 Relazione salute mentale adulti 01/03/2012 (a cura del responsabile Unità Funzionale Salute Mentale Adulti Zona delle Apuane, dott. Fabrizio Lazzerini)) La legge 180 e la legge 833 "Riforma del Servizio

Dettagli

L infermiere case manager in psichiatria

L infermiere case manager in psichiatria Studi & Esperienze 1 L introduzione di nuovi modelli organizzativi all interno dei servizi psichiatrici territoriali rappresenta un importante sfida per fornire risposte efficaci ai mutevoli bisogni di

Dettagli

"Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie

Con...Tatto PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie 1 "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

Percorso di formazione integrata per la costruzione delle Case della Salute

Percorso di formazione integrata per la costruzione delle Case della Salute PERCORSI DI INNOVAZIONE NELLE CURE PRIMARIE Percorso di formazione integrata per la costruzione delle Case della Salute Parma, 21-22 ottobre 2011 1 2 Agenda Contesto Metodologia Obiettivi Conclusioni 3

Dettagli

ALLEGATO 1 B DOTT. STEFANO CARLO AMBROGIO FERRI INDIRIZZO NOME RESIDENTE E DOMICILIATO A MILANO TELEFONO 00390281843357 FAX 00390281843364 NAZIONALITÀ

ALLEGATO 1 B DOTT. STEFANO CARLO AMBROGIO FERRI INDIRIZZO NOME RESIDENTE E DOMICILIATO A MILANO TELEFONO 00390281843357 FAX 00390281843364 NAZIONALITÀ ALLEGATO 1 B NOME DOTT. STEFANO CARLO AMBROGIO FERRI INDIRIZZO RESIDENTE E DOMICILIATO A MILANO TELEFONO 00390281843357 FAX 00390281843364 E-MAIL NAZIONALITÀ STEFANO.FERRI@AO-SANPAOLO.IT ITALIANA DATA

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

I percorsi organizzativi integrati

I percorsi organizzativi integrati Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione I percorsi organizzativi integrati XIX Congresso Nazionale SIFO Napoli 12-15 ottobre 2008 Lucia Sabbadin risposta

Dettagli

Il Progetto DAMA all Ospedale San Paolo: una proposta di accoglienza medica rivolta ai disabili con ritardo mentale

Il Progetto DAMA all Ospedale San Paolo: una proposta di accoglienza medica rivolta ai disabili con ritardo mentale Il Progetto DAMA all Ospedale San Paolo: una proposta di accoglienza medica rivolta ai disabili con ritardo mentale M. Corona, F. Ghelma, M. Maioli, S. Perazzoli, A. Mantovani, Azienda Ospedaliera San

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso Magenta, 29. 3. 2013 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direttore: Dr Giorgio Cerati Tel. 02 97963.501

Dettagli

Atti del Convegno. Triage Psichiatrico Territoriale (TPT) e gestione infermieristica delle urgenze in psichiatria

Atti del Convegno. Triage Psichiatrico Territoriale (TPT) e gestione infermieristica delle urgenze in psichiatria Atti del Convegno Triage Psichiatrico Territoriale (TPT) e gestione infermieristica delle urgenze in psichiatria Relatori: Vincenzo Raucci Giovanni Spaccapeli Programma 1 a sessione 8.30 Registrazione

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

Contenzione fisica in psichiatria: una strategia possibile di prevenzione. Premessa

Contenzione fisica in psichiatria: una strategia possibile di prevenzione. Premessa Contenzione fisica in psichiatria: una strategia possibile di prevenzione Premessa L esigenza di queste raccomandazioni nasce dalla convinzione che la prevenzione della contenzione fisica nei contesti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Dott. Bombara Antonio Indirizzo LOCRI VIA TEVERE 103, 89044 Telefono 0964/22420 Fax E-mail antonio_bombara@libero.it

Dettagli

CURRICULUM VITAE GRASSI ADRIANO

CURRICULUM VITAE GRASSI ADRIANO CURRICULUM VITAE GRASSI ADRIANO DATA DI NASCITA: 16 ottobre 1971 NAZIONALITA : Italiana STATO CIVILE: Coniugato. Ho una figlia di 10 anni (Giulia) SERVIZIO MILITARE: 1993-94 Corpo delle Trasmissioni di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Psichiatria Area Residenzialità REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME Gentile Signore/a, nel darle il benvenuto nella nostra comunità, desideriamo fornirle alcune informazioni utili

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli