CATALOGO FORMAZIONE 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO FORMAZIONE 2010"

Transcript

1 CATALOGO FORMAZIONE 2010

2 Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa scienza. Quelli che s innamorano della pratica senza scienza, sono come i nocchieri che entrano nella nave senza timone o bussola Leonardo Da Vinci

3 Che cos è I.S.F.A.I. I.S.F.A.I., Istituto Superiore di Formazione per le Aziende le Imprese, è un emanazione del Policlinico di Monza, atta a svolgere attività formativa rivolta alle aziende ed imprese del territorio. Ha la sua sede istituzionale presso l, ove si trovano aule didattiche e un campus per gli studenti e una seconda importante sede operativa presso Novarello Villaggio Azzurro di Granozzo con Monticello in provincia di Novara. Gli ambiti di formazione erogata Area clinica Area prevenzione Qualità e management Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Competenze trasversali Informatica I numeri di I.S.F.A.I. (DATI RELATIVI ALL ANNO 2009) VERANO NOVARELLO Totale corsi effettuati Totale ore di formazione erogate Totale partecipanti Totale crediti erogati L organizzazione di I.S.F.A.I. DIREZIONE GENERALE Alessandro Cagliani DIREZIONE AMMINISTRATIVA Manuela Frigerio DIREZIONE ORGANIZZATIVA Anna Carta DIREZIONE DIDATTICA Laura Berra DIREZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING Tiziana Venturini 5

4 La nostra formazione FORMAZIONE UNIVERSITARIA È la punta di diamante dell offerta formativa di I.S.F.A.I. Nasce dalla collaborazione con l Università Campus Bio-Medico di Roma e garantisce la possibilità di acquisire certificati di Master di I livello. FORMAZIONE PROFESSIONALE I.S.F.A.I. è in grado di offrire corsi di formazione professionale per il conseguimento di qualifiche regionali, valevoli sull intero territorio nazionale. In particolare i percorsi attualmente attivi sono quelli per Operatori Socio Sanitari e per Ausiliari Socio Assistenziali. FORMAZIONE A CATALOGO Rappresenta la proposta formativa di I.S.F.A.I. alle aziende ed ai singoli operatori sanitari e non. Sono state individuate 7 aree tematiche: Clinica Prevenzione Qualità e management Istituzionale-legislativa Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Emergenze Trasversale La maggior parte dei percorsi previsti all interno di tutte le aree sono accreditati ECM e sono quindi valevoli ai fini dell aggiornamento obbligatorio del personale sanitario. FORMAZIONE SU COMMESSA I.S.F.A.I. è in grado di offrire alle aziende ed imprese un servizio completo dalla progettazione all erogazione in ambito formativo. La qualità del prodotto è garantita dall approfondimento delle richieste provenienti dall azienda o impresa che si rivolge ad I.S.F.A.I. per soddisfare la propria domanda di formazione, approfondimento volto a individuare le particolari esigenze operative, le competenze attese dei formandi, e in generale qualsiasi elemento utile a definire le caratteristiche che dovrà possedere il progetto formativo. In qualità di provider ECM accreditato in ambito nazionale, I.S.F.A.I. è in grado di portare a termine anche le pratiche di accreditamento per gli eventi richiesti. FORMAZIONE FINANZIATA Proponendosi sul mercato come ente di formazione accreditato in Regione Lombardia, I.S.F.A.I. è in grado di partecipare a bandi per la realizzazione di attività formative e attività di sistema volte a garantire alle aziende e imprese la possibilità di fruire in forma agevolata di formazione generale e specifica per i propri operatori. Analogamente I.S.F.A.I. è in grado di indirizzare le proprie competenze nell ambito della progettazione e dell erogazione di formazione finanziata tramite fondi privati, quali i fondi interprofessionali. Comitato scientifico DIRETTORE Prof. Elio Guido Rondanelli MEMBRI DEL COMITATO Prof..ssa Maria Grazia De Marinis Dott. Tarcisio Cambiaghi Prof. Marzio Guido Mezzetti Dott. Clemente Ponzetti Dott. Duilio Loi Dott Alvaro Porta Dott. Giovannino Maio Dott.ssa Tiziana Venturini Sig.a Emanuela Brenna Dott. Alessandro Cagliani Sig.a Simonetta Raiteri Sig. Albino Marche Corpo docenti Si vanno ad elencare alcuni dei collaboratori stabili all interno del nostro corpo docenti: Prof. Paolo Colombo Direttore Dipartimento di Chirurgia generale Prof.ssa Maria Grazia De Marinis Presidente Corso di Laurea in Infermieristica Campus Biomedico di Roma Prof. Luciano Maria Ghezzi Direttore Dipartimento di Ortopedia e traumatologia Prof. Boutros Pierre Khlat Medico intensivista-rianimatore Prof. Marzio Guido Mezzetti Responsabile Servizio di Anestesia e rianimazione Prof. Alberto Peretti Filosofo Prof. Pietro Pizzi Responsabile U.O. Chirurgia generale Prof. Giuseppe Specchia Direttore Dipartimento di Cardiologia Avv. Francesco Dal Piaz - Avvocato Foro di Torino Avv. Gabigliani - Penalista Avv. Vincenzo Lamastra - Avvocato Foro di Milano Dott.ssa Carla Auguadro Medico cardiologo Dott.ssa Cinzia Ballabeni Responsabile Servizio di Dialisi Dott. Luca Benci Giurista Dott. Carlo Bergamaschi Fisico, esperto in radiazioni ionizzanti Dott. Fabio Bruni Medico cardiologo Dott. Paolo Bruni Direttore Sanitario ASO di Novara Dott.ssa Anna Carta Dirigente infermieristico Dott. Ignazio Cataldo Responsabile U.O. di Chirurgia toracica Dott. Marcello Chimienti Responsabile Servizio di Elettrofisiologia cardiaca Dott. Francesco D Errico Responsabile Servizio di Chirurgia senologica Dott. Alberto Fumagalli Responsabile U.O.Chirurgia plastico Dott. Raffaele Galato Medico nefrologo Dott. Giuseppe Gallone Medico cardiologo Dott.ssa Cristiana Laghezza Responsabile Qualità Policlinico di Monza Dott. Davide Lochis Responsabile Servizio di Gastroenterologia Dott. Duilio Loi Formatore Dott. Giuliano Lucani Direttore Scientifico Breast Unit Dott.ssa Sonia Maccari Naturopata Dott. Paolo Magnani Auditor ISO 9001 Dott. Giovannino Maio Responsabile Settore Igiene e Sicurezza ambienti di lavoro del Gruppo Policlinico di Monza Dott.ssa Anna Moruzzi Medico anestesista e rianimatore Dott.ssa Silvia Panisi Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Paolo Pollina Auditor ISO 9001 Dott. Franco Ripa Direttore SC Controllo di gestione ASLTO4 Dott. Alberto Ruggeri Medico anestesista Dott.ssa Marta Sacchi Medico competente ai sensi del D Lgs 1/0 Dott. Roberto Sacco Direttore Sanitario di Presidio ASLTO5 Dott. Domenico Scicchitano Chirurgo toracico Dott. Robeto Terzi Medico del lavoro Direttore Sanitario Clinica La Vialarda, Biella Dott. Massimo Tura Responsabile U.O. di urologia Dott. Giorgio Vitari Procuratore Capo della Repubblica di Vercelli GFT - Gruppo Formazione Triage Manuela Bernardi - Tecnico della riabilitazione Roberta Canonica - Tecnico della riabilitazione Virginia Cool - Fisiokinesiterapeuta Lorena Coggiola - International Teacher Bobath - IBITA (International Bobath Instructor Training Association) Cristina Erba - Coordinatore sala operatoria Rossella Esci - Infermiere Andrea Luigi Falzotti - Infermiere Francesco Lo Moro - Tecnico della riabilitazione Philippe de Paepe - Fisiokinesiterapeuta Luisa Putzu - Tecnico della riabilitazione Anna Barbara Quarto - Infermiere Mattero Rigamonti - Tecnico della riabilitazione 6 7

5 Indice dei corsi MASTER SPECIALISTICI - Master di I livello in management infermieristico per le funzioni di coordinamento 12 FORMAZIONE PROFESSIONALE - Corso di qualifica professionale di operatore socio sanitario (Deliberazione Giunta Regione Lombardia del 1 Luglio n. VIII/005101) 16 - Corso di qualifica professionale per Ausiliario Socio Assistenziale (ASA) (Deliberazione Giunta Regione Lombardia n. VIII del 24 luglio 200) 17 AREA CLINICA - Diagnostica del carcinoma polmonare e assistenza al paziente portatore di drenaggio toracico 20 - Competenze dell infermiere in sala operatoria 21 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di gastrectomia 22 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di emicolectomia 23 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico duodenocefalopancreasectomia 24 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico alle vie biliari e VLS 25 - Metodiche di depurazione extra renale (emodialisi, emofiltrazione, dialisi peritoneale) 26 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di cistectomia e prostatectomia 27 - Posizionamento del Contropulsatore Aortico e assistenza infermieristica al paziente contropulsato in rianimazione 2 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di artroprotesi d anca e posizionamento di chiodi endomidollari femoro/tibiali 29 - Linee guida per il buon uso del sangue e degli emoderivati: plasma, piastrine e albumina 30 - La fisiologia del movimento come presupposto all osservazione e alla pianificazione del trattamento riabilitativo 30 - Corso di linfodrenaggio 31 AREA DELLA PREVENZIONE - Educazione alla salute ed educazione terapeutica 34 - Educazione terapeutica: formazione per infermieri 34 - Prevenzione di malattie cardiovascolari 35 - Prevenzione in oncologia 36 - Prevenzione di malattie infettive 36 - Esposizione degli operatori sanitari a rischio biologico specifico: HIV, HbV, AH1N1 - Comportamento post esposizione 37 - Prevenzione degli incidenti 3 - Percorsi diagnostico-terapeutici in senologia 39 AREA QUALITÀ E MANAGEMENT - La certificazione di qualità nei servizi sanitari: approccio per processi alla norma UNI EN ISO 9001: Il Sistema Qualità nel laboratorio analisi 43 - La gestione di una Unità Operativa 43 - La conduzione efficace delle riunioni 44 - Management e leadership: come comunicare con i collaboratori difficili 45 - D.Lgs. 231/2001 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche 46 - Il ruolo e la responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie alla luce delle più recenti innovazioni normative e contrattuali 47 - Il Ben Essere e la dimensione etica come leve e strumenti per il governo delle persone 4 - La qualità della documentazione sanitaria 49 - Corso di formazione manageriale in tema di Rischio Clinico 50 - Il Progetto formativo Rischio Clinico 51 AREA SICUREZZA - D.Lgs. 1/0 - Formazione di base 54 - D.Lgs. 1/0 - Movimentazione Manuale Carichi 55 - D.Lgs. 1/0 - Rischio chimico e rischio biologico 56 - D.Lgs. 1/0 - I videoterminali: utilizzo sistematico e abituale all interno delle strutture sanitarie 57 - D.Lgs. 1/0 - Aggiornamento per RSPP e ASPP 5 - D.Lgs. 1/0 - Antincendio a rischio elevato 59 - D.Lgs. 1/0 - Antincendio a rischio medio 60 - D.Lgs. 1/0 - Antincendio a rischio basso 61 - D.Lgs. 1/0 - Corso per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) 62 - D.M. 3/ Primo soccorso e gestione delle emergenze 63 - D.M. 3/ Primo soccorso (aziende gruppo B e C) 64 - D.M. 3/ Primo soccorso (aziende gruppo B e C) - aggiornamento 65 - D.M. 3/ Primo soccorso per le attività sportive 65 AREA ISTITUZIONALE-LEGISLATIVA - Accanimento terapeutico: cure di fine vita e rifiuto delle cure - aspetti medico-deontologici 6 - D.Lgs. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali 6 - La responsabilità giuridica nella prescrizione e nella somministrazione di farmaci 69 - La responsabilità giuridica nel dipartimento di emergenza 70 AREA EMERGENZE - Triage in Pronto Soccorso 74 - Basic Life Support with early defibrillation BLS-D 76 - Infezioni gravi in rianimazione 77 - Shock settico dalla fisiopatologia alla terapia 7 - Principi di terapia antibiotica nel paziente critico 79 - Impianti protesici cardiovascolari, ortopedici, neurochirurgici: complicanze infettive post operatorie 0 - Corso di Elettrocardiografia per infermieri 1 - Primo soccorso agli ustionati 2 AREA TRASVERSALE - Strumenti per leggere le reazioni e i meccanismi di difesa nella relazione: uso dell enneagramma Strumenti per leggere le reazioni e i meccanismi di difesa nella relazione: uso dell enneagramma Corso di italiano per stranieri 7 9

6 Master specialistici Direttore Didattico: Prof.ssa Daniela Tartaglini Direttrice infermieristica del Policlinico Universitario Campus Bio Medico di Roma 11

7 Master di I livello in management infermieristico per le funzioni di coordinamento Da una collaborazione tra Università del Campus Biomedico di Roma ed il Policlinico di Monza nasce l organizzazione del master di coordinamento in management che conferisce il titolo di coordinatore infermieristico in ottemperanza all art. 6 della L. 43/2006 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione dei relativi ordini professionali. Al termine del corso gli studenti saranno in grado di: gestire risorse umane e relazioni nell ambito di gruppi di lavoro interdisciplinari sviluppando modalità organizzative innovative gestire le risorse economiche e finanziarie gestire informazioni e processi di comunicazione con l utilizzo di adeguata tecnologia e documentazione gestire processi, progetti e valutazioni nell ambito del coordinamento dei servizi gestire progetti di qualità nell ottica del miglioramento continuo dei servizi Il corso è strutturato in 4 aree tematiche che prevedono forme integrate di attività teoriche, apprendimento individuale ed esperienze sul campo con un approccio per problemi. A conclusione di ogni area tematica lo studente dovrà superare una prova di valutazione che potrà consistere in una breve prova scritta e/o nella presentazione e discussione di un progetto. Il superamento di tali prove consentirà di poter accedere alla prova finale che consiste nella elaborazione e discussione di una tesi. In particolare la struttura del corso è così schematicamente riassumibile: 1. Area Competenze di base 2. Area delle Competenze organizzative 3. Area delle Competenze economico-finanziarie 4. Area delle competenze gestionali 4.1. La gestione del servizio 4.2. La gestione del cambiamento 4.3. La gestione del personale L iniziativa è rivolta ad infermieri ed ostetriche in possesso di maturità quinquennale e di Diploma Universitario o di titolo riconosciuto come equipollente* (legge gennaio 2002 n.1), che abbiano maturato un esperienza professionale di almeno 2 anni. * Diploma di Infermiere professionale, Diploma Universitario in Scienze Infermieristiche, Diploma universitario per Infermiere, Diploma di laurea in Infermiere, Diploma di Vigilatrice d infanzia. Il Master in Management Infermieristico per funzioni di coordinamento ha durata biennale, per un totale di ore ( ), corrispondenti a 60 crediti formativi universitari (ovvero 1 credito ogni 25 ore, come previsto dal D.M. 509/1999). Impegnerà i partecipanti per 22 incontri nel corso dei due anni. Le lezioni avranno inizio il 4 marzo La tassa d iscrizione al Master è di euro da versare in 2 rate entro le seguenti date: - 1 a rata di euro all atto d iscrizione - 2 a rata di euro entro il 11 marzo 2011 Sono inoltre da versare euro 50 all atto della domanda di iscrizione. 12

8 Formazione professionale Direttore Didattico: Dott.ssa Anna Carta Coordinatrice dei Servizi Sanitari e Responsabile Formazione del Policlinico di Monza 15

9 Corso di qualifica professionale di operatore socio sanitario (Deliberazione Giunta Regionale del 1 Luglio 2007 n. VIII/005101) L O.S.S. è l operatore che svolge attività indirizzata a: Soddisfare i bisogni primari della persona, in un contesto sociale e sanitario. Favorire il benessere e l autonomia dell utente. I contesti considerati per lo svolgimento delle attività sono: Servizi di tipo socio-assistenziale e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali. Ambiti ospedalieri o domiciliari dell utente in collaborazione con altri operatori, di uguale o diverso profilo professionale sanitario o sociale, con criteri multidisciplinari. Acquisire competenze in merito a: Elementi di legislazione sociale e previdenziale socio assistenziale Elementi di legislazione sanitaria Organizzazione e metodologia dei servizi sanitari Organizzazione e metodologia dei servizi sociali Elementi di etica e deontologia Elementi di diritto del lavoro e rapporto di dipendenza Psicologia Sociologia Epidemiologia e igiene Anatomia e fisiologia Disposizioni generali in materia di protezione salute e della sicurezza dei lavoratori Normativa specifica OSS Elementi di legislazione nazionale e regionale a contenuto socio-assistenziale e previdenziale Elementi di legislazione sanitaria e organizzazione dei servizi Elementi di etica e deontologia Elementi di diritto del lavoro ISO 9001:200 in ambito sanitario Sicurezza sui luoghi di lavoro Elementi di psicologia Elementi di comunicazione Il comportamento sociale e il contesto I gruppi La relazione d aiuto Analisi delle motivazioni individuali alla scelta e all adesione del percorso formativo La condizione della persona assistita La condizione dell OSS I soggetti dell assistenza L animazione come momento di socializzazione Introduzione alla sociologia Anatomia e fisiologia Patologia Gerontologia ed elementi di geriatria Psichiatria e salute mentale Mobilità e trasporto Dietetica Handicap Metodologia del lavoro sanitario Alimentazione Igiene ambientale e confort alberghiero Farmacologia Attività assistenziale rivolte alla persona Elementi di pronto soccorso Esercitazioni pratiche assistenziali Persone di età compresa tra i 1 e i 64 anni in possesso di diploma di scuola media superiore o di qualifica di I livello triennale o di qualifica ASA 1000 ore totali ripartite in: ore d aula di lezioni teoriche ore di esercitazioni pratiche ore di tirocinio presso residenze sanitarie assistenziali accreditate dalla Regione e strutture di ricovero e cura accreditate con il SSR. Nessuno A partire da ottobre ,00 euro (esente IVA) Corso di qualifica professionale per Ausiliario Socio Assistenziale (ASA) (Deliberazione Giunta Regionale n. VIII 7693 del 24luglio 200) L ausiliario socio-assistenziale è un operatore con professionalità polivalente che opera nell area sociale e, in forza di una specifica formazione, interviene direttamente con l utente (singolo o famiglia) al fine di recuperare le sue risorse in una prospettiva di autonomia/supporto della vita quotidiana. Acquisire competenze in merito a: Assistenza diretta ed aiuto alberghiero Intervento igienico sanitario e di carattere sociale Supporto gestionale, gestionale organizzativo Normativa specifica ASA Elementi di legislazione nazionale e regionale a contenuto socio-assistenziale e previdenziale Elementi di legislazione sanitaria e organizzazione dei servizi Elementi di diritto del lavoro ISO 9001:200 in ambito sanitario Sicurezza sui luoghi di lavoro Elementi di comunicazione Il comportamento sociale e il contesto I gruppi La condizione della persona assistita I soggetti dell assistenza L animazione come momento di socializzazione Alimentazione Igiene ambientale e confort alberghiero Attività assistenziale rivolte alla persona Esercitazioni pratiche assistenziali Persone di età compresa tra i 1 e i 64 anni in possesso di licenza di terza media 00 ore totali ripartite in: ore d aula di lezioni teoriche ore di esercitazioni pratiche ore di tirocinio presso residenze sanitarie assistenziali accreditate dalla Regione e strutture di ricovero e cura accreditate con il SSR. Nessuno A partire da ottobre ,00 euro (esente IVA) 16 17

10 Area clinica Direttore Didattico: Dott. Alvaro Porta Primario div. Medicina Generale e Direttore di Dipartimento Area Medica Docente Università Bicocca NORD corso Fisioterapia riabilitativa - Ematologia e fisiopatologia microcircolo 19

11 Diagnostica del carcinoma polmonare Assistenza al paziente portatore di drenaggio toracico In Italia si stimano oltre nuovi casi di tumore ogni anno nelle persone fino agli 4 anni di età. Pur tenendo conto dell aumento dei casi dovuto all invecchiamento della popolazione, in media un uomo ogni tre e una donna ogni quattro ha la probabilità di avere una diagnosi di tumore nel corso della vita media (0-74 anni). In Italia muoiono per tumore del polmone circa persone all anno (circa uomini e donne), rappresentando la prima causa di morte oncologica negli uomini e la seconda nelle donne. Secondo l ultimo rapporto ISTAT, la mortalità per tumore diminuisce del 2 per cento circa l anno, ma nel caso del cancro polmonare tale diminuzione riguarda solo gli uomini mentre nelle donne i decessi sono aumentati dell 1,5 per cento. In chirurgia toracica il drenaggio toracico è un presidio atto ad eliminare qualsiasi eventuale accumulo di materiale biologico all interno dello spazio pleurico, permettendo la riespansione polmonare e lo scambio gassoso. Una raccolta aerea o liquida occupante lo spazio pleurico,struttura anatomica relativamente inestensibile,può interferire con il corretto funzionamento degli apparati cardio-circolatorio e respiratorio. Le indicazioni al posizionamento del drenaggio toracico possono essere di due tipi,evacuative o di accesso alla cavità toracica. Standardizzare e formalizzare l assistenza infermieristica al paziente portatore di drenaggio toracico Il tumore del polmone Clinica Metodologia diagnostica Esami diagnostici: esame radiologico citologia escreato tc torace (mdc) broncoscopia biopsia trans-toracica toracentesi Aspetti infermieristici in clinica Assistenza pre-operatoria al paziente operato al torace. Assistenza post-operatoria al paziente operato al torace. Drenaggio toracico: assistenza infermieristica nell introduzione di un drenaggio toracico in reparto assistenza infermieristica nella sorveglianza dei drenaggi pleurici Assistenza infermieristica in terapia antiblastica per etp polmonare. Test ECM Medici, infermieri, tecnici di radiologia, tecnici della riabilitazione Mercoledì 10 marzo 2010 Venerdì 26 novembre 2010 Competenze dell infermiere in sala operatoria Il corso ha quale obiettivo quello di fornire una adeguata preparazione teorico pratica in termine di conoscenze, abilità, processi infermieristici e tecniche specialistiche specifiche nell ambito del ruolo dell infermiere in sala operatoria e al tempo stesso di fornire quegli elementi base per: comunicare efficacemente con i colleghi e con gli altri membri dell equipe in condizioni di stress; acquisire elementi legislativi che determinano e influenzano l ambito operativo; collaborare con il medico nelle procedure chirurgiche; fornire al paziente il necessario ambito di comprensione psicologica. Far acquisire agli infermieri competenze specialistiche che gli consentano di: pianificare, gestire attuare e valutare l assistenza del paziente nella fase precedente all intervento, durante l intervento ed immediatamente successiva (risveglio); attuare tecniche di strumentazione chirurgica nelle diverse fasi dell intervento in differenti specialità chirurgiche; assistere il paziente nella fase perioperatoria e durante le procedure interventistiche principali; collaborare con il medico nelle procedure chirurgiche; utilizzare e gestire le apparecchiature chirurgiche; agire come consulente per gli altri operatori per migliorare la qualità dell assistenza, per gestire situazioni complesse sul piano clinico, relazionale ed etico. I giorno La responsabilità professionale in sala operatoria La sala operatoria: struttura e norme generali La sterilizzazione in sala operatoria II giorno Il ruolo dell infermiere fuori campo nell assistenza infermieristica in sala operatoria Il ruolo dell infermiere strumentista nell assistenza infermieristica in sala operatoria Pausa pranzo Responsabilità di equipe infermieristica Medici e infermieri 16 ore 16 Sabato 13 marzo 2010 e sabato 10 aprile 2010 Sabato 20 marzo 2010 e sabato 17 aprile ,00 euro (esente IVA) 20 21

12 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di gastrectomia Lo stomaco è un organo cavo situato nell addome superiore. Ha la forma di un sacco allungato ed è l organo più ampio dell apparato digerente. La patologia di interesse chirurgico dello stomaco si può dividere in: Alterazioni della giunzione gastro-esofagea, l ernia jatale; Ulcera gastrica e duodenale; Tumori benigni e maligni dello stomaco. In Occidente il carcinoma dello stomaco rappresenta la quinta causa di morte per neoplasia. Soltanto il 20 % dei pazienti affetti da ca gastrico risultano operabili. Nel sesso maschile l incidenza è più elevata che in quello femminile. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie gastriche al fine di educarli ad un adeguato stile di vita. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Medici e infermieri Sabato 24 aprile 2010 Sabato maggio 2010 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di emicolectomia Il cancro del colon è, tra le malattie neoplastiche, relativamente frequente, soprattutto al di sopra dei 50 anni. I polipi adenomatosi e la rettocolite sono le precancerosi conosciute; tra le condizioni di rischio si segnala la familiarità, con incidenza particolarmente elevata in alcuni gruppi familiari. La malattia è particolarmente frequente nelle aree di benessere, tra cui il nostro paese e sembra essere legata a fattori ambientali e in particolare al tipo di alimentazione. La diagnosi viene posta mediante colonscopia con biopsia; nei casi in cui il tumore rappresenti un ostacolo invalicabile dallo strumento a fibre ottiche, l indagine deve essere associata al clisma opaco, che consente la visualizzazione di tutto il colon. L ecografia o la TC addominale vengono utilizzati per valutare l estensione della malattia. Le opzioni chirurgiche per questo tipo di patologia sono ormai standardizzate, con limiti di resezione ben definiti. La prognosi a distanza, grazie ad un approccio terapeutico multidisciplinare, è notevolmente migliorata, in particolare negli stadi iniziali di malattia. Particolarmente importante è il follow-up oncologico post-operatorio, in quanto recidive precoci di malattia o metastasi epatiche uniche o circoscritte possono ancora giovarsi di un trattamento di asportazione chirurgica. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie oncologiche/chirurgiche. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Medici e infermieri Sabato 15 maggio 2010 Sabato 22 maggio

13 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico duodenocefalopancreasectomia Il pancreas è una ghiandola posta profondamente nella cavità addominale, in stretta contiguità con il duodeno da cui è circondato ed al quale è connesso da un dotto (Wirsung) che porta il succo prodotto dagli acini pancreatici nell intestino. Ogni anno a circa 32 mila individui negli Stati Uniti e a più di 60 mila in Europa viene diagnosticata questa condizione oncologica. A seconda dell estensione del tumore al momento della diagnosi, la prognosi è considerata generalmente grave, e ai cinque anni dalla diagnosi si registrano pochi malati di carcinoma del pancreas ancora in vita. La remissione completa di questo tumore è un evento possibile anche se ancora estremamente raro. Circa il 95% dei tumori pancreatici sono del tipo adenocarcinoma. La diagnosi precoce del cancro pancreatico è molto difficile perché i sintomi sono molto aspecifici e vari. Il primo intervento di duodeno-cefalo-pancreasectomia (DCP) risale al La localizzazione anatomica della neoplasia definisce il tipo di intervento da compiere e, considerando che la sede d insorgenza più frequente è quella cefalica (50%), si capisce come la duodeno-cefalo-pancreasectomia sia l intervento più rappresentato. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie oncologiche/chirurgiche. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Tutte le professioni sanitarie Sabato 5 giugno 2010 Sabato 12 giugno 2010 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico alle vie biliari e VLS Il sistema biliare drena la bile prodotta nel fegato dagli epatociti verso la cistifellea per l immagazzinamento e verso il duodeno per la secrezione intestinale. È costituito da vasi che si possono dividere in intra- ed extraepatici. I dotti principali, destro e sinistro, sono ilari, mentre il dotto epatico comune è extraepatico. Si connette al dotto cistico formando il coledoco che sbocca in duodeno. La calcolosi della via biliare viene trattata sia per via laparoscopica che chirugica tradizionale avvalendosi di tecniche endoscopiche che consentono in corso di intervento di eseguire una esplorazione visiva all interno delle vie biliari. Parte integrante nelle strategie terapeutiche di questi pazienti ha l apporto della Gastroenterologia e della sua sezione di Endoscopia Digestiva cui vengono affidati gli interventi da eseguirsi per via endoscopica (papillosfinterotomie). Sono oggetto di trattamento anche le neoplasie delle vie biliari che, se non suscettibili di un intervento chirurgico, vengono avviate a procedure di intubazione percutanea palliativa. Tali procedure sono realizzate in collaborazione con la Radiologia Interventiva. Il tumore delle vie biliari (colangiocarcinoma) è una delle neoplasie a prognosi peggiore con sopravvivenza media di circa sei mesi dalla diagnosi e con risposta ai chemioterapici virtualmente nulla. Ovunque nel mondo è stato segnalato un progressivo e rapido aumento di incidenza di colangiocarcinoma. La diagnosi della forma extra-epatica è attualmente basata sull esecuzione di multipli esami radiologici ed endoscopici. Gli uomini sono più colpiti delle donne con un rapporto di 2:1.5. L unico trattamento efficace è la resezione chirurgica la quale però è possibile in meno del 30% dei casi. Questo perché la diagnosi di colangiocarcinoma avviene in genere in uno stadio avanzato di malattia quanto il trattamento chirurgico radicale non è possibile. Purtroppo non esiste alcun esame di laboratorio che possa consentire una diagnosi precoce di colangiocarcinoma né nella popolazione generale né nei soggetti a rischio. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie oncologiche/chirurgiche. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Medici e infermieri Sabato 3 luglio 2010 Sabato 26 giugno

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. H al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 ART. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015, il Master Universitario di I livello in Infermiere di Area

Dettagli

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO BRESCIA 6 OTTOBRE 2006 LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO PROF. FRANCESCO DONATO Sezione di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Brescia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

DLA/29-2010 - PDM 2010 - P Formazione specialistica e sicurezza in sanità - area Piemonte

DLA/29-2010 - PDM 2010 - P Formazione specialistica e sicurezza in sanità - area Piemonte DLA/29-2010 - PDM 2010 - P Formazione specialistica e sicurezza in sanità - area Piemonte RELAZIONE FINALE Verano Brianza, 11 marzo 2011 Policlinico di Monza Casa di Cura Privata S.p.A. Istituto Clinico

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario I ANNO - I SEMESTRE CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015 CHIMICA APPLICATA ALLE SCIENZE BIOMEDICHE FISICA INFORMATICA E STATISTICA BIOLOGIA E GENETICA 8 SCIENZE UMANE I ANNO- I SEMESTRE AMBITI DISCIPLINARI 6

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - 008- SEDE PIETRA LIGURE. FORMAZIONE UNIVERSITARIA L attività riguardante la Formazione Universitaria prevede principalmente che il Centro

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2016

PROGRAMMA FORMATIVO 2016 PROGRAMMA FORMATIVO 2016 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it U.O. POLITICHE PER

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA (Classe delle Lauree Magistrale LM41 Medicina e Chirurgia) art. 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 DURATA CREDITI ACCESSO 6 ANNI 360 di cui 283

Dettagli

EVENTI EXTRA REGIONALI

EVENTI EXTRA REGIONALI EVENTI EXTRA REGIONALI EVENTI BLENDED TITOLO CORSO CONFLITTI E AMBITI DI COMPETENZE NELLA PROFESSIONE SANITARIA TURNI DI LAVORO DEL PERSONALE SANITARIO RESILIENZA: COME AFFRONTARE LE SITUAZIONI DIFFICILI

Dettagli

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie FORUM DELL ORIENTAMENTO 2015 per Studenti delle Scuole Superiori 3 e 4 Febbraio 2015 Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Formazione

Dettagli

Tumori di origine uroteliale

Tumori di origine uroteliale Tumori di origine uroteliale Vescica Si manifestano come: Tumori superficiali a basso grado di malignità Tumori invasivi ad alto grado di malignità Sono tumori multifocali Le loro cellule possono impiantarsi

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale Prof. Antonino Mele Corso di Laurea in Fisioterapia Coordinatore delle attività teorico-pratiche Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale NASCITA DEI GRANDI CENTRI DI RIABILITAZIONE PER GLI

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Master Universitario di 1 Livello

Master Universitario di 1 Livello UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Scienze Chirurgiche Master Universitario di 1 Livello CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE PER PROFESSIONI SANITARIE Direttore: Prof. Leopoldo Sarli Coordinatore

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

maria.portesi@gmail.com

maria.portesi@gmail.com Dott.ssa Maria Portesi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PORTESI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica.

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (ai sensi dell art. 47 D.P.R. 28/12/2000, n. 445) Per il riconoscimento dei crediti ECM per attività formative individuali per Pubblicazioni Scientifiche

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: SNT/1 Professioni sanitarie infermieristiche

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA

INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento discipline medico-chirurgiche, Scienze radiologiche e Sanità Pubblica CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA 1. Riferimenti

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome EMANUELE GRIMALDI Data di nascita 26 gennaio 1962 Qualifica Infermiere coordinatore Amministrazione Fondazione IRCCS CA GRANDA Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 29/09/2014 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il Corso di perfezionamento in Diagnosi e Trattamento dei Disturbi

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO Informazioni personali Nome PIANA TIZIANA Comune di residenza VIGEVANO (Pavia) E-mail sitra@aogallarate.it Nazionalità Italiana Luogo e Data di nascita Vigevano, 02-03-1963

Dettagli

Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta

Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta Sede: via Olgettina 58, 20132 Milano Sito internet: www.unisr.it Numero Iscritti : 2.480 circa (pre e post lauream) Numero verde

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

Corso teorico pratico di elettrocardiografia

Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso base per l interpretazione dell ECG nella pratica clinica I Edizione Responsabile Scientifico Alfredo De Nardo 30 novembre e 1 Dicembre 2012 Vibo Valentia

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA.

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. La Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica afferisce all Area Chirurgica Classe delle Chirurgie

Dettagli

JOB DESCRIPTION TECNICO DI FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA E PERFUSIONE CARDIOVASCOLARE

JOB DESCRIPTION TECNICO DI FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA E PERFUSIONE CARDIOVASCOLARE TECNICO DI FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA E PERFUSIONE CARDIOVASCOLARE Rev. 0 Pag. 1 di 6 Job specifica inerente l ambito lavorativo cui il lavoratore è stato assegnato. Area Dipartimentale Unità Operativa

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI SISTEMA DI GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DELLA DIRIGENZA MEDICO-VETERINARIA Quadro organizzativo gestionale Tab. A 1/5

Dettagli

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI PRESIDENTI COMITATO ORGANIZZATORE Giovanni Battista D Errico COMITATO SCIENTIFICO Vincenzo Contursi Giovanni Battista D Errico SEGRETERIA SCIENTIFICA SIICP-Società Italiana Interdisciplinare per le Cure

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

AREA CLINICO - ASSISTENZIALE

AREA CLINICO - ASSISTENZIALE FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Corsi per aziende del Settore Ospedalità Privata Enti formativi erogatori: ASSOSERVIZI e ISTUD Referente per Assoservizi: Gianluca Manzo

Dettagli

sanitaria di Infermiere pediatrico) 09/09/2002 istituito ai sensi dell'art. 2, comma 4, del DPR 27.1.1998, n. 25, in Il corso è

sanitaria di Infermiere pediatrico) 09/09/2002 istituito ai sensi dell'art. 2, comma 4, del DPR 27.1.1998, n. 25, in Il corso è Università Università degli studi di Genova Classe SNT/1-Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica INFERMIERISTICA PEDIATRICA (abilitante alla professione

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BOLOGNA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

Dai formazione al tuo futuro

Dai formazione al tuo futuro Dai formazione al tuo futuro Cos è l Osteopatia Il termine Osteopatia è stato coniato dal suo fondatore, il chirurgo americano Dr. Andrew Taylor Still, che alla fine del XIX secolo scoprì le relazioni

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO TABELLE DEGLI ORDINAMENTI DEGLI STUDI TABELLA - A - CORSI DI DIPLOMA UNIVERSITARI E DI LAUREA

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO TABELLE DEGLI ORDINAMENTI DEGLI STUDI TABELLA - A - CORSI DI DIPLOMA UNIVERSITARI E DI LAUREA ALLEGATO AL REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO TABELLE DEGLI ORDINAMENTI DEGLI STUDI TABELLA - A - CORSI DI DIPLOMA UNIVERSITARI E DI LAUREA TABELLA I Facoltà di Architettura Diploma universitario in Disegno

Dettagli

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3 FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Tricanico Cesare Indirizzo Via macchia di mare 14, 87022 Cetraro ( CS) Telefono 3355397819 E-mail tricanico@tiscali.it Nazionalità Italiana

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA.

Scuola di specializzazione in ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA. Scuola di specializzazione in ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA. La Scuola di specializzazione in Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI LUCA BENCI FIRENZE http:// Il sistema di abilitazione all esercizio professionale Per i medici: non esistono di fatto norme di carattere generale

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario Il progetto è redatto sulla base dell Allegato 1 del D.A.n.1613 del 08/10/2014 Linee guida per la riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE L EDUCAZIONE TERAPEUTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIE CARDIACHE IL RUOLO DELL INFERMIERE Caterina Varaldo Monica Panucci dimensione fortemente individuale colei che è efficiente e in grado di svolgere le

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig.

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig. d insieme di quanto già fatto nel corso dei tuoi studi ed aiutando modo più facile ed efficace le attività future. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA

Dettagli

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 UOC 26.01.00 Medicina Interna I 1 3 8 1 1 - - 4 9 UOC 26.02.00 Medicina Interna II 1 6 6 1 1 - - 7 7 UOC 58.01.00 Gastroenterologia 1 9 10

Dettagli

SCUOLE DIRETTE A FINI SPECIALI. Art. 1. Nell'Università degli studi di Genova sono ancora attivate le seguenti scuole dirette a fini speciali:

SCUOLE DIRETTE A FINI SPECIALI. Art. 1. Nell'Università degli studi di Genova sono ancora attivate le seguenti scuole dirette a fini speciali: SCUOLE DIRETTE A FINI SPECIALI Art. 1 Nell'Università degli studi di Genova sono ancora attivate le seguenti scuole dirette a fini speciali: di assistenza nefrologica e tecniche dialitichei di dirigenti

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

Università degli studi di Genova Classe. Università

Università degli studi di Genova Classe. Università Università Università degli studi di Genova Classe SNT/1-Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica INFERMIERISTICA (abilitante alla professione sanitaria

Dettagli

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO ONCOLOGIA 201/2014 I ANNO Corsi Integrati Moduli Tipologia Ambito SSD Docenti CFU CFU C.I. C.I. Genetica Medica Meccanismi genetici nello svilupppo delle neoplasie Diagnostico MED/0 D'alessandro E. C.I.

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 PERSONALE COMPARTO

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 PERSONALE COMPARTO CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA Semestre integrato Disciplina Attività di Complemento richiesta n ore Profilo professionale richiesto 1 I Scienze infermieristiche Metodologia

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 529 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it Decreto del Rettore Repertorio n. 660/2015 Prot. n. 14600 del 07/10/2015

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015

Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015 Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015 MASTER DI I LIVELLO IN Nefropatie, Dialisi e Patologie Cardiovascolari (CODICE 26769) DIRETTORE: PROF. GIANFRANCO RAIMONDI AVVISO DI CONFERIMENTO

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA - LM - 41 (DM 270/04) PERCORSO FORMATIVO TRADIZIONALE - coorte studenti immatricolati a.a.

LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA - LM - 41 (DM 270/04) PERCORSO FORMATIVO TRADIZIONALE - coorte studenti immatricolati a.a. Pagina di LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA - LM - (DM 70/0) Il Corso di Studio, per gli studenti che si immatricolano nell'a.a. 0/0, prevede esami distribuiti in anni di corso. Il Corso di Studio

Dettagli

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

1/5 CURRICULUM VITAE. LIBRO PROVVIDENZA Nata a Messina il 06/09/1949 Via N. Panoramica dello Stretto, 1416 Pal 18/5 98168 MESSINA Tel.

1/5 CURRICULUM VITAE. LIBRO PROVVIDENZA Nata a Messina il 06/09/1949 Via N. Panoramica dello Stretto, 1416 Pal 18/5 98168 MESSINA Tel. 1/5 CURRICULUM VITAE LIBRO PROVVIDENZA Nata a il 06/09/1949 Via N. Panoramica dello Stretto, 1416 Pal 18/5 98168 MESSINA Tel. 090 311376 ISTRUZIONE A.S. 1968/69 Diploma di Maturità Classica A.A. 1977/78

Dettagli

60 Crediti ECM 31 crediti FAD cartacea 29 crediti corso RES

60 Crediti ECM 31 crediti FAD cartacea 29 crediti corso RES CCrISP Assistenza al malato chirurgico critico (Cod. Agenas 119-116583) 23-25 marzo 2015 Gli eventi si terranno presso: TREAT s.r.l. Corso Moncalieri 219 10133 Torino (TO) Il corso, della durata di due

Dettagli

CCrISP Assistenza al malato chirurgico critico

CCrISP Assistenza al malato chirurgico critico CCrISP Assistenza al malato chirurgico critico 05-07 maggio 2016 In collaborazione con: Gli eventi si terranno presso: Aule del Centro Formazione in Emergenza c/o Civico Ospedale di Carrara Con il patrocinio

Dettagli

IL FISIOTERAPISTA È L OPERATORE SANITARIO CHE:

IL FISIOTERAPISTA È L OPERATORE SANITARIO CHE: Per informazioni POLO FORMATIVO AUSL DI IMOLA Piazzale Giovanni dalle Bande Nere, 4006 - Imola (BO) Telefono 054/604440; 340/6800594 o.valentini@ausl.imola.bo.it www.ausl.imola.bo.it www.medicina.unibo.it

Dettagli

Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Corso di Laurea in INFERMIERISTICA Disciplina: MALATTIE INFETTIVE Docente: Prof. Paolo GROSSI Varese Prof. Luigi PUSTERLA Como Prof.ssa Claudia Giuseppina ZEROLI Busto Arsizio Modalità di diffusione delle malattie infettive: trasmissione

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2011-2013 Area socio-assistenziale

CATALOGO FORMAZIONE 2011-2013 Area socio-assistenziale CATALOGO FORMAZIONE 2011-2013 Area socio-assistenziale L istruzione è una cosa ammirevole, ma tutto ciò che è degno di essere saputo non può essere insegnato, deve essere incontrato Oscar Wilde Che cos

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A 678 Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione IL RETTORE VISTO il D.Lgs. n. 368 del 17/08/1999, pubblicato in G.U. n. 250 del 23/10/1999 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia

Dettagli