CATALOGO FORMAZIONE 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO FORMAZIONE 2010"

Transcript

1 CATALOGO FORMAZIONE 2010

2 Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa scienza. Quelli che s innamorano della pratica senza scienza, sono come i nocchieri che entrano nella nave senza timone o bussola Leonardo Da Vinci

3 Che cos è I.S.F.A.I. I.S.F.A.I., Istituto Superiore di Formazione per le Aziende le Imprese, è un emanazione del Policlinico di Monza, atta a svolgere attività formativa rivolta alle aziende ed imprese del territorio. Ha la sua sede istituzionale presso l, ove si trovano aule didattiche e un campus per gli studenti e una seconda importante sede operativa presso Novarello Villaggio Azzurro di Granozzo con Monticello in provincia di Novara. Gli ambiti di formazione erogata Area clinica Area prevenzione Qualità e management Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Competenze trasversali Informatica I numeri di I.S.F.A.I. (DATI RELATIVI ALL ANNO 2009) VERANO NOVARELLO Totale corsi effettuati Totale ore di formazione erogate Totale partecipanti Totale crediti erogati L organizzazione di I.S.F.A.I. DIREZIONE GENERALE Alessandro Cagliani DIREZIONE AMMINISTRATIVA Manuela Frigerio DIREZIONE ORGANIZZATIVA Anna Carta DIREZIONE DIDATTICA Laura Berra DIREZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING Tiziana Venturini 5

4 La nostra formazione FORMAZIONE UNIVERSITARIA È la punta di diamante dell offerta formativa di I.S.F.A.I. Nasce dalla collaborazione con l Università Campus Bio-Medico di Roma e garantisce la possibilità di acquisire certificati di Master di I livello. FORMAZIONE PROFESSIONALE I.S.F.A.I. è in grado di offrire corsi di formazione professionale per il conseguimento di qualifiche regionali, valevoli sull intero territorio nazionale. In particolare i percorsi attualmente attivi sono quelli per Operatori Socio Sanitari e per Ausiliari Socio Assistenziali. FORMAZIONE A CATALOGO Rappresenta la proposta formativa di I.S.F.A.I. alle aziende ed ai singoli operatori sanitari e non. Sono state individuate 7 aree tematiche: Clinica Prevenzione Qualità e management Istituzionale-legislativa Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Emergenze Trasversale La maggior parte dei percorsi previsti all interno di tutte le aree sono accreditati ECM e sono quindi valevoli ai fini dell aggiornamento obbligatorio del personale sanitario. FORMAZIONE SU COMMESSA I.S.F.A.I. è in grado di offrire alle aziende ed imprese un servizio completo dalla progettazione all erogazione in ambito formativo. La qualità del prodotto è garantita dall approfondimento delle richieste provenienti dall azienda o impresa che si rivolge ad I.S.F.A.I. per soddisfare la propria domanda di formazione, approfondimento volto a individuare le particolari esigenze operative, le competenze attese dei formandi, e in generale qualsiasi elemento utile a definire le caratteristiche che dovrà possedere il progetto formativo. In qualità di provider ECM accreditato in ambito nazionale, I.S.F.A.I. è in grado di portare a termine anche le pratiche di accreditamento per gli eventi richiesti. FORMAZIONE FINANZIATA Proponendosi sul mercato come ente di formazione accreditato in Regione Lombardia, I.S.F.A.I. è in grado di partecipare a bandi per la realizzazione di attività formative e attività di sistema volte a garantire alle aziende e imprese la possibilità di fruire in forma agevolata di formazione generale e specifica per i propri operatori. Analogamente I.S.F.A.I. è in grado di indirizzare le proprie competenze nell ambito della progettazione e dell erogazione di formazione finanziata tramite fondi privati, quali i fondi interprofessionali. Comitato scientifico DIRETTORE Prof. Elio Guido Rondanelli MEMBRI DEL COMITATO Prof..ssa Maria Grazia De Marinis Dott. Tarcisio Cambiaghi Prof. Marzio Guido Mezzetti Dott. Clemente Ponzetti Dott. Duilio Loi Dott Alvaro Porta Dott. Giovannino Maio Dott.ssa Tiziana Venturini Sig.a Emanuela Brenna Dott. Alessandro Cagliani Sig.a Simonetta Raiteri Sig. Albino Marche Corpo docenti Si vanno ad elencare alcuni dei collaboratori stabili all interno del nostro corpo docenti: Prof. Paolo Colombo Direttore Dipartimento di Chirurgia generale Prof.ssa Maria Grazia De Marinis Presidente Corso di Laurea in Infermieristica Campus Biomedico di Roma Prof. Luciano Maria Ghezzi Direttore Dipartimento di Ortopedia e traumatologia Prof. Boutros Pierre Khlat Medico intensivista-rianimatore Prof. Marzio Guido Mezzetti Responsabile Servizio di Anestesia e rianimazione Prof. Alberto Peretti Filosofo Prof. Pietro Pizzi Responsabile U.O. Chirurgia generale Prof. Giuseppe Specchia Direttore Dipartimento di Cardiologia Avv. Francesco Dal Piaz - Avvocato Foro di Torino Avv. Gabigliani - Penalista Avv. Vincenzo Lamastra - Avvocato Foro di Milano Dott.ssa Carla Auguadro Medico cardiologo Dott.ssa Cinzia Ballabeni Responsabile Servizio di Dialisi Dott. Luca Benci Giurista Dott. Carlo Bergamaschi Fisico, esperto in radiazioni ionizzanti Dott. Fabio Bruni Medico cardiologo Dott. Paolo Bruni Direttore Sanitario ASO di Novara Dott.ssa Anna Carta Dirigente infermieristico Dott. Ignazio Cataldo Responsabile U.O. di Chirurgia toracica Dott. Marcello Chimienti Responsabile Servizio di Elettrofisiologia cardiaca Dott. Francesco D Errico Responsabile Servizio di Chirurgia senologica Dott. Alberto Fumagalli Responsabile U.O.Chirurgia plastico Dott. Raffaele Galato Medico nefrologo Dott. Giuseppe Gallone Medico cardiologo Dott.ssa Cristiana Laghezza Responsabile Qualità Policlinico di Monza Dott. Davide Lochis Responsabile Servizio di Gastroenterologia Dott. Duilio Loi Formatore Dott. Giuliano Lucani Direttore Scientifico Breast Unit Dott.ssa Sonia Maccari Naturopata Dott. Paolo Magnani Auditor ISO 9001 Dott. Giovannino Maio Responsabile Settore Igiene e Sicurezza ambienti di lavoro del Gruppo Policlinico di Monza Dott.ssa Anna Moruzzi Medico anestesista e rianimatore Dott.ssa Silvia Panisi Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Paolo Pollina Auditor ISO 9001 Dott. Franco Ripa Direttore SC Controllo di gestione ASLTO4 Dott. Alberto Ruggeri Medico anestesista Dott.ssa Marta Sacchi Medico competente ai sensi del D Lgs 1/0 Dott. Roberto Sacco Direttore Sanitario di Presidio ASLTO5 Dott. Domenico Scicchitano Chirurgo toracico Dott. Robeto Terzi Medico del lavoro Direttore Sanitario Clinica La Vialarda, Biella Dott. Massimo Tura Responsabile U.O. di urologia Dott. Giorgio Vitari Procuratore Capo della Repubblica di Vercelli GFT - Gruppo Formazione Triage Manuela Bernardi - Tecnico della riabilitazione Roberta Canonica - Tecnico della riabilitazione Virginia Cool - Fisiokinesiterapeuta Lorena Coggiola - International Teacher Bobath - IBITA (International Bobath Instructor Training Association) Cristina Erba - Coordinatore sala operatoria Rossella Esci - Infermiere Andrea Luigi Falzotti - Infermiere Francesco Lo Moro - Tecnico della riabilitazione Philippe de Paepe - Fisiokinesiterapeuta Luisa Putzu - Tecnico della riabilitazione Anna Barbara Quarto - Infermiere Mattero Rigamonti - Tecnico della riabilitazione 6 7

5 Indice dei corsi MASTER SPECIALISTICI - Master di I livello in management infermieristico per le funzioni di coordinamento 12 FORMAZIONE PROFESSIONALE - Corso di qualifica professionale di operatore socio sanitario (Deliberazione Giunta Regione Lombardia del 1 Luglio n. VIII/005101) 16 - Corso di qualifica professionale per Ausiliario Socio Assistenziale (ASA) (Deliberazione Giunta Regione Lombardia n. VIII del 24 luglio 200) 17 AREA CLINICA - Diagnostica del carcinoma polmonare e assistenza al paziente portatore di drenaggio toracico 20 - Competenze dell infermiere in sala operatoria 21 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di gastrectomia 22 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di emicolectomia 23 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico duodenocefalopancreasectomia 24 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico alle vie biliari e VLS 25 - Metodiche di depurazione extra renale (emodialisi, emofiltrazione, dialisi peritoneale) 26 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di cistectomia e prostatectomia 27 - Posizionamento del Contropulsatore Aortico e assistenza infermieristica al paziente contropulsato in rianimazione 2 - Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di artroprotesi d anca e posizionamento di chiodi endomidollari femoro/tibiali 29 - Linee guida per il buon uso del sangue e degli emoderivati: plasma, piastrine e albumina 30 - La fisiologia del movimento come presupposto all osservazione e alla pianificazione del trattamento riabilitativo 30 - Corso di linfodrenaggio 31 AREA DELLA PREVENZIONE - Educazione alla salute ed educazione terapeutica 34 - Educazione terapeutica: formazione per infermieri 34 - Prevenzione di malattie cardiovascolari 35 - Prevenzione in oncologia 36 - Prevenzione di malattie infettive 36 - Esposizione degli operatori sanitari a rischio biologico specifico: HIV, HbV, AH1N1 - Comportamento post esposizione 37 - Prevenzione degli incidenti 3 - Percorsi diagnostico-terapeutici in senologia 39 AREA QUALITÀ E MANAGEMENT - La certificazione di qualità nei servizi sanitari: approccio per processi alla norma UNI EN ISO 9001: Il Sistema Qualità nel laboratorio analisi 43 - La gestione di una Unità Operativa 43 - La conduzione efficace delle riunioni 44 - Management e leadership: come comunicare con i collaboratori difficili 45 - D.Lgs. 231/2001 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche 46 - Il ruolo e la responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie alla luce delle più recenti innovazioni normative e contrattuali 47 - Il Ben Essere e la dimensione etica come leve e strumenti per il governo delle persone 4 - La qualità della documentazione sanitaria 49 - Corso di formazione manageriale in tema di Rischio Clinico 50 - Il Progetto formativo Rischio Clinico 51 AREA SICUREZZA - D.Lgs. 1/0 - Formazione di base 54 - D.Lgs. 1/0 - Movimentazione Manuale Carichi 55 - D.Lgs. 1/0 - Rischio chimico e rischio biologico 56 - D.Lgs. 1/0 - I videoterminali: utilizzo sistematico e abituale all interno delle strutture sanitarie 57 - D.Lgs. 1/0 - Aggiornamento per RSPP e ASPP 5 - D.Lgs. 1/0 - Antincendio a rischio elevato 59 - D.Lgs. 1/0 - Antincendio a rischio medio 60 - D.Lgs. 1/0 - Antincendio a rischio basso 61 - D.Lgs. 1/0 - Corso per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) 62 - D.M. 3/ Primo soccorso e gestione delle emergenze 63 - D.M. 3/ Primo soccorso (aziende gruppo B e C) 64 - D.M. 3/ Primo soccorso (aziende gruppo B e C) - aggiornamento 65 - D.M. 3/ Primo soccorso per le attività sportive 65 AREA ISTITUZIONALE-LEGISLATIVA - Accanimento terapeutico: cure di fine vita e rifiuto delle cure - aspetti medico-deontologici 6 - D.Lgs. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali 6 - La responsabilità giuridica nella prescrizione e nella somministrazione di farmaci 69 - La responsabilità giuridica nel dipartimento di emergenza 70 AREA EMERGENZE - Triage in Pronto Soccorso 74 - Basic Life Support with early defibrillation BLS-D 76 - Infezioni gravi in rianimazione 77 - Shock settico dalla fisiopatologia alla terapia 7 - Principi di terapia antibiotica nel paziente critico 79 - Impianti protesici cardiovascolari, ortopedici, neurochirurgici: complicanze infettive post operatorie 0 - Corso di Elettrocardiografia per infermieri 1 - Primo soccorso agli ustionati 2 AREA TRASVERSALE - Strumenti per leggere le reazioni e i meccanismi di difesa nella relazione: uso dell enneagramma Strumenti per leggere le reazioni e i meccanismi di difesa nella relazione: uso dell enneagramma Corso di italiano per stranieri 7 9

6 Master specialistici Direttore Didattico: Prof.ssa Daniela Tartaglini Direttrice infermieristica del Policlinico Universitario Campus Bio Medico di Roma 11

7 Master di I livello in management infermieristico per le funzioni di coordinamento Da una collaborazione tra Università del Campus Biomedico di Roma ed il Policlinico di Monza nasce l organizzazione del master di coordinamento in management che conferisce il titolo di coordinatore infermieristico in ottemperanza all art. 6 della L. 43/2006 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione dei relativi ordini professionali. Al termine del corso gli studenti saranno in grado di: gestire risorse umane e relazioni nell ambito di gruppi di lavoro interdisciplinari sviluppando modalità organizzative innovative gestire le risorse economiche e finanziarie gestire informazioni e processi di comunicazione con l utilizzo di adeguata tecnologia e documentazione gestire processi, progetti e valutazioni nell ambito del coordinamento dei servizi gestire progetti di qualità nell ottica del miglioramento continuo dei servizi Il corso è strutturato in 4 aree tematiche che prevedono forme integrate di attività teoriche, apprendimento individuale ed esperienze sul campo con un approccio per problemi. A conclusione di ogni area tematica lo studente dovrà superare una prova di valutazione che potrà consistere in una breve prova scritta e/o nella presentazione e discussione di un progetto. Il superamento di tali prove consentirà di poter accedere alla prova finale che consiste nella elaborazione e discussione di una tesi. In particolare la struttura del corso è così schematicamente riassumibile: 1. Area Competenze di base 2. Area delle Competenze organizzative 3. Area delle Competenze economico-finanziarie 4. Area delle competenze gestionali 4.1. La gestione del servizio 4.2. La gestione del cambiamento 4.3. La gestione del personale L iniziativa è rivolta ad infermieri ed ostetriche in possesso di maturità quinquennale e di Diploma Universitario o di titolo riconosciuto come equipollente* (legge gennaio 2002 n.1), che abbiano maturato un esperienza professionale di almeno 2 anni. * Diploma di Infermiere professionale, Diploma Universitario in Scienze Infermieristiche, Diploma universitario per Infermiere, Diploma di laurea in Infermiere, Diploma di Vigilatrice d infanzia. Il Master in Management Infermieristico per funzioni di coordinamento ha durata biennale, per un totale di ore ( ), corrispondenti a 60 crediti formativi universitari (ovvero 1 credito ogni 25 ore, come previsto dal D.M. 509/1999). Impegnerà i partecipanti per 22 incontri nel corso dei due anni. Le lezioni avranno inizio il 4 marzo La tassa d iscrizione al Master è di euro da versare in 2 rate entro le seguenti date: - 1 a rata di euro all atto d iscrizione - 2 a rata di euro entro il 11 marzo 2011 Sono inoltre da versare euro 50 all atto della domanda di iscrizione. 12

8 Formazione professionale Direttore Didattico: Dott.ssa Anna Carta Coordinatrice dei Servizi Sanitari e Responsabile Formazione del Policlinico di Monza 15

9 Corso di qualifica professionale di operatore socio sanitario (Deliberazione Giunta Regionale del 1 Luglio 2007 n. VIII/005101) L O.S.S. è l operatore che svolge attività indirizzata a: Soddisfare i bisogni primari della persona, in un contesto sociale e sanitario. Favorire il benessere e l autonomia dell utente. I contesti considerati per lo svolgimento delle attività sono: Servizi di tipo socio-assistenziale e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali. Ambiti ospedalieri o domiciliari dell utente in collaborazione con altri operatori, di uguale o diverso profilo professionale sanitario o sociale, con criteri multidisciplinari. Acquisire competenze in merito a: Elementi di legislazione sociale e previdenziale socio assistenziale Elementi di legislazione sanitaria Organizzazione e metodologia dei servizi sanitari Organizzazione e metodologia dei servizi sociali Elementi di etica e deontologia Elementi di diritto del lavoro e rapporto di dipendenza Psicologia Sociologia Epidemiologia e igiene Anatomia e fisiologia Disposizioni generali in materia di protezione salute e della sicurezza dei lavoratori Normativa specifica OSS Elementi di legislazione nazionale e regionale a contenuto socio-assistenziale e previdenziale Elementi di legislazione sanitaria e organizzazione dei servizi Elementi di etica e deontologia Elementi di diritto del lavoro ISO 9001:200 in ambito sanitario Sicurezza sui luoghi di lavoro Elementi di psicologia Elementi di comunicazione Il comportamento sociale e il contesto I gruppi La relazione d aiuto Analisi delle motivazioni individuali alla scelta e all adesione del percorso formativo La condizione della persona assistita La condizione dell OSS I soggetti dell assistenza L animazione come momento di socializzazione Introduzione alla sociologia Anatomia e fisiologia Patologia Gerontologia ed elementi di geriatria Psichiatria e salute mentale Mobilità e trasporto Dietetica Handicap Metodologia del lavoro sanitario Alimentazione Igiene ambientale e confort alberghiero Farmacologia Attività assistenziale rivolte alla persona Elementi di pronto soccorso Esercitazioni pratiche assistenziali Persone di età compresa tra i 1 e i 64 anni in possesso di diploma di scuola media superiore o di qualifica di I livello triennale o di qualifica ASA 1000 ore totali ripartite in: ore d aula di lezioni teoriche ore di esercitazioni pratiche ore di tirocinio presso residenze sanitarie assistenziali accreditate dalla Regione e strutture di ricovero e cura accreditate con il SSR. Nessuno A partire da ottobre ,00 euro (esente IVA) Corso di qualifica professionale per Ausiliario Socio Assistenziale (ASA) (Deliberazione Giunta Regionale n. VIII 7693 del 24luglio 200) L ausiliario socio-assistenziale è un operatore con professionalità polivalente che opera nell area sociale e, in forza di una specifica formazione, interviene direttamente con l utente (singolo o famiglia) al fine di recuperare le sue risorse in una prospettiva di autonomia/supporto della vita quotidiana. Acquisire competenze in merito a: Assistenza diretta ed aiuto alberghiero Intervento igienico sanitario e di carattere sociale Supporto gestionale, gestionale organizzativo Normativa specifica ASA Elementi di legislazione nazionale e regionale a contenuto socio-assistenziale e previdenziale Elementi di legislazione sanitaria e organizzazione dei servizi Elementi di diritto del lavoro ISO 9001:200 in ambito sanitario Sicurezza sui luoghi di lavoro Elementi di comunicazione Il comportamento sociale e il contesto I gruppi La condizione della persona assistita I soggetti dell assistenza L animazione come momento di socializzazione Alimentazione Igiene ambientale e confort alberghiero Attività assistenziale rivolte alla persona Esercitazioni pratiche assistenziali Persone di età compresa tra i 1 e i 64 anni in possesso di licenza di terza media 00 ore totali ripartite in: ore d aula di lezioni teoriche ore di esercitazioni pratiche ore di tirocinio presso residenze sanitarie assistenziali accreditate dalla Regione e strutture di ricovero e cura accreditate con il SSR. Nessuno A partire da ottobre ,00 euro (esente IVA) 16 17

10 Area clinica Direttore Didattico: Dott. Alvaro Porta Primario div. Medicina Generale e Direttore di Dipartimento Area Medica Docente Università Bicocca NORD corso Fisioterapia riabilitativa - Ematologia e fisiopatologia microcircolo 19

11 Diagnostica del carcinoma polmonare Assistenza al paziente portatore di drenaggio toracico In Italia si stimano oltre nuovi casi di tumore ogni anno nelle persone fino agli 4 anni di età. Pur tenendo conto dell aumento dei casi dovuto all invecchiamento della popolazione, in media un uomo ogni tre e una donna ogni quattro ha la probabilità di avere una diagnosi di tumore nel corso della vita media (0-74 anni). In Italia muoiono per tumore del polmone circa persone all anno (circa uomini e donne), rappresentando la prima causa di morte oncologica negli uomini e la seconda nelle donne. Secondo l ultimo rapporto ISTAT, la mortalità per tumore diminuisce del 2 per cento circa l anno, ma nel caso del cancro polmonare tale diminuzione riguarda solo gli uomini mentre nelle donne i decessi sono aumentati dell 1,5 per cento. In chirurgia toracica il drenaggio toracico è un presidio atto ad eliminare qualsiasi eventuale accumulo di materiale biologico all interno dello spazio pleurico, permettendo la riespansione polmonare e lo scambio gassoso. Una raccolta aerea o liquida occupante lo spazio pleurico,struttura anatomica relativamente inestensibile,può interferire con il corretto funzionamento degli apparati cardio-circolatorio e respiratorio. Le indicazioni al posizionamento del drenaggio toracico possono essere di due tipi,evacuative o di accesso alla cavità toracica. Standardizzare e formalizzare l assistenza infermieristica al paziente portatore di drenaggio toracico Il tumore del polmone Clinica Metodologia diagnostica Esami diagnostici: esame radiologico citologia escreato tc torace (mdc) broncoscopia biopsia trans-toracica toracentesi Aspetti infermieristici in clinica Assistenza pre-operatoria al paziente operato al torace. Assistenza post-operatoria al paziente operato al torace. Drenaggio toracico: assistenza infermieristica nell introduzione di un drenaggio toracico in reparto assistenza infermieristica nella sorveglianza dei drenaggi pleurici Assistenza infermieristica in terapia antiblastica per etp polmonare. Test ECM Medici, infermieri, tecnici di radiologia, tecnici della riabilitazione Mercoledì 10 marzo 2010 Venerdì 26 novembre 2010 Competenze dell infermiere in sala operatoria Il corso ha quale obiettivo quello di fornire una adeguata preparazione teorico pratica in termine di conoscenze, abilità, processi infermieristici e tecniche specialistiche specifiche nell ambito del ruolo dell infermiere in sala operatoria e al tempo stesso di fornire quegli elementi base per: comunicare efficacemente con i colleghi e con gli altri membri dell equipe in condizioni di stress; acquisire elementi legislativi che determinano e influenzano l ambito operativo; collaborare con il medico nelle procedure chirurgiche; fornire al paziente il necessario ambito di comprensione psicologica. Far acquisire agli infermieri competenze specialistiche che gli consentano di: pianificare, gestire attuare e valutare l assistenza del paziente nella fase precedente all intervento, durante l intervento ed immediatamente successiva (risveglio); attuare tecniche di strumentazione chirurgica nelle diverse fasi dell intervento in differenti specialità chirurgiche; assistere il paziente nella fase perioperatoria e durante le procedure interventistiche principali; collaborare con il medico nelle procedure chirurgiche; utilizzare e gestire le apparecchiature chirurgiche; agire come consulente per gli altri operatori per migliorare la qualità dell assistenza, per gestire situazioni complesse sul piano clinico, relazionale ed etico. I giorno La responsabilità professionale in sala operatoria La sala operatoria: struttura e norme generali La sterilizzazione in sala operatoria II giorno Il ruolo dell infermiere fuori campo nell assistenza infermieristica in sala operatoria Il ruolo dell infermiere strumentista nell assistenza infermieristica in sala operatoria Pausa pranzo Responsabilità di equipe infermieristica Medici e infermieri 16 ore 16 Sabato 13 marzo 2010 e sabato 10 aprile 2010 Sabato 20 marzo 2010 e sabato 17 aprile ,00 euro (esente IVA) 20 21

12 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di gastrectomia Lo stomaco è un organo cavo situato nell addome superiore. Ha la forma di un sacco allungato ed è l organo più ampio dell apparato digerente. La patologia di interesse chirurgico dello stomaco si può dividere in: Alterazioni della giunzione gastro-esofagea, l ernia jatale; Ulcera gastrica e duodenale; Tumori benigni e maligni dello stomaco. In Occidente il carcinoma dello stomaco rappresenta la quinta causa di morte per neoplasia. Soltanto il 20 % dei pazienti affetti da ca gastrico risultano operabili. Nel sesso maschile l incidenza è più elevata che in quello femminile. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie gastriche al fine di educarli ad un adeguato stile di vita. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Medici e infermieri Sabato 24 aprile 2010 Sabato maggio 2010 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico di emicolectomia Il cancro del colon è, tra le malattie neoplastiche, relativamente frequente, soprattutto al di sopra dei 50 anni. I polipi adenomatosi e la rettocolite sono le precancerosi conosciute; tra le condizioni di rischio si segnala la familiarità, con incidenza particolarmente elevata in alcuni gruppi familiari. La malattia è particolarmente frequente nelle aree di benessere, tra cui il nostro paese e sembra essere legata a fattori ambientali e in particolare al tipo di alimentazione. La diagnosi viene posta mediante colonscopia con biopsia; nei casi in cui il tumore rappresenti un ostacolo invalicabile dallo strumento a fibre ottiche, l indagine deve essere associata al clisma opaco, che consente la visualizzazione di tutto il colon. L ecografia o la TC addominale vengono utilizzati per valutare l estensione della malattia. Le opzioni chirurgiche per questo tipo di patologia sono ormai standardizzate, con limiti di resezione ben definiti. La prognosi a distanza, grazie ad un approccio terapeutico multidisciplinare, è notevolmente migliorata, in particolare negli stadi iniziali di malattia. Particolarmente importante è il follow-up oncologico post-operatorio, in quanto recidive precoci di malattia o metastasi epatiche uniche o circoscritte possono ancora giovarsi di un trattamento di asportazione chirurgica. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie oncologiche/chirurgiche. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Medici e infermieri Sabato 15 maggio 2010 Sabato 22 maggio

13 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico duodenocefalopancreasectomia Il pancreas è una ghiandola posta profondamente nella cavità addominale, in stretta contiguità con il duodeno da cui è circondato ed al quale è connesso da un dotto (Wirsung) che porta il succo prodotto dagli acini pancreatici nell intestino. Ogni anno a circa 32 mila individui negli Stati Uniti e a più di 60 mila in Europa viene diagnosticata questa condizione oncologica. A seconda dell estensione del tumore al momento della diagnosi, la prognosi è considerata generalmente grave, e ai cinque anni dalla diagnosi si registrano pochi malati di carcinoma del pancreas ancora in vita. La remissione completa di questo tumore è un evento possibile anche se ancora estremamente raro. Circa il 95% dei tumori pancreatici sono del tipo adenocarcinoma. La diagnosi precoce del cancro pancreatico è molto difficile perché i sintomi sono molto aspecifici e vari. Il primo intervento di duodeno-cefalo-pancreasectomia (DCP) risale al La localizzazione anatomica della neoplasia definisce il tipo di intervento da compiere e, considerando che la sede d insorgenza più frequente è quella cefalica (50%), si capisce come la duodeno-cefalo-pancreasectomia sia l intervento più rappresentato. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie oncologiche/chirurgiche. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Tutte le professioni sanitarie Sabato 5 giugno 2010 Sabato 12 giugno 2010 Indicazione, preparazione e trattamento del paziente sottoposto a intervento chirurgico alle vie biliari e VLS Il sistema biliare drena la bile prodotta nel fegato dagli epatociti verso la cistifellea per l immagazzinamento e verso il duodeno per la secrezione intestinale. È costituito da vasi che si possono dividere in intra- ed extraepatici. I dotti principali, destro e sinistro, sono ilari, mentre il dotto epatico comune è extraepatico. Si connette al dotto cistico formando il coledoco che sbocca in duodeno. La calcolosi della via biliare viene trattata sia per via laparoscopica che chirugica tradizionale avvalendosi di tecniche endoscopiche che consentono in corso di intervento di eseguire una esplorazione visiva all interno delle vie biliari. Parte integrante nelle strategie terapeutiche di questi pazienti ha l apporto della Gastroenterologia e della sua sezione di Endoscopia Digestiva cui vengono affidati gli interventi da eseguirsi per via endoscopica (papillosfinterotomie). Sono oggetto di trattamento anche le neoplasie delle vie biliari che, se non suscettibili di un intervento chirurgico, vengono avviate a procedure di intubazione percutanea palliativa. Tali procedure sono realizzate in collaborazione con la Radiologia Interventiva. Il tumore delle vie biliari (colangiocarcinoma) è una delle neoplasie a prognosi peggiore con sopravvivenza media di circa sei mesi dalla diagnosi e con risposta ai chemioterapici virtualmente nulla. Ovunque nel mondo è stato segnalato un progressivo e rapido aumento di incidenza di colangiocarcinoma. La diagnosi della forma extra-epatica è attualmente basata sull esecuzione di multipli esami radiologici ed endoscopici. Gli uomini sono più colpiti delle donne con un rapporto di 2:1.5. L unico trattamento efficace è la resezione chirurgica la quale però è possibile in meno del 30% dei casi. Questo perché la diagnosi di colangiocarcinoma avviene in genere in uno stadio avanzato di malattia quanto il trattamento chirurgico radicale non è possibile. Purtroppo non esiste alcun esame di laboratorio che possa consentire una diagnosi precoce di colangiocarcinoma né nella popolazione generale né nei soggetti a rischio. approfondire le basi di anatomia e fisiologia dell apparato digerente conoscere le principali patologie e le indicazioni che conducono all intervento chirurgico valutare un adeguata preparazione pre-operatoria, in degenza e in sala operatoria descrivere l intervento chirurgico (dettagliare la tecnica) personalizzare il decorso post-operatorio acquisire competenze relazionali su pazienti affetti da patologie oncologiche/chirurgiche. Cenni di anatomia e fisiologia Cenni di patologia Preparazione pre operatoria Tecnica chirurgica Decorso post operatorio Dimissione Test ECM Medici e infermieri Sabato 3 luglio 2010 Sabato 26 giugno

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli