4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI:"

Transcript

1 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI: ESPERIENZE A CONFRONTO Ospedali in rete e servizi di pronto soccorso Grado, 6-7 aprile 2006 Presidente del Convegno D. Pedrini (Imola) Comitato Scientifico U. L. Aparo (Roma) G. Bragonzi (Bologna) A. Canini (Venezia) V. Carreri (Milano) C. Catananti (Roma) G. Finzi (Bologna) K. Kob (Bolzano) G. Manara (Roma) A. Marcolongo (Rovigo) M. Mauri (Genova) G. Pelissero (S. Donato Milanese, MI) Comitato Organizzatore M. Altini (Bologna) T. Del Fabbro (Udine) L. la Pietra (Milano) R. Lapi (Milano) E. Rizzato (Rovigo) G. Tonutti (Udine) In collaborazione con A.N.M.D.O. Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere A.E.R.IA.S.S. Associazione Emilia Romagna Ingegneri e Architetti Servizio Sanitario C.N.E.T.O. Centro Nazionale per l Edilizia e la Tecnica Ospedaliera S.It.I. Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 1

2 Con il patrocinio di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Provincia di Gorizia Comune di Grado ABC salute SIMEU Società Italiana di Medicina díemergenza-urgenza SOC. IT. di V.R.Q. Società Italiana di Verifica e Revisione di Qualità Sono stati inoltre richiesti i seguenti patrocini Ministero della Salute Università degli Studi di Trieste Università degli Studi di Udine Azienda per i Servizi Sanitari n. 2 Isontina A.I.O.P. Associazione Italiana Ospedalità Privata 2 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

3 INDICE L OSPEDALE IN RETE 1ª Sessione DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA PROGETTAZIONE Moderatori: U. L. Aparo (Roma), G. Romano (Verona) MODELLI ORGANIZZATIVI E STRUTTURALI C. Stevan, S. Capolongo, R. Lapi (Milano) pag. 9 GESTIONE INFORMATICA IN RETE W. Bergamaschi (Roma), A. Oliani (Verona), B. Cavallucci (Cesena) pag. 12 ORGANIZZAZIONE IN RETE DEL PERSONALE E DEI SERVIZI GENERALI DI SUPPORTO G. Tonutti, S. Guarneri (Udine) pag. 13 2ª Sessione ESEMPI DI REALIZZAZIONE Moderatori: M. Mauri (Genova), G. Finzi (Bologna) NUOVO OSPEDALE VALDICHIANA EST E. Zambelli (Milano), F. Cosmi (Cortona, AR) pag. 21 L ESPERIENZA DELL OSPEDALE DI VALDAGNO D. Mantoan (Arzignano, VI), A. Altieri (Thiene, VI) pag. 22 L ESEMPIO DELL OSPEDALE DI CITTA DI CASTELLO S. Pasqui, M. Malandrino (Perugia) pag. 24 L ESEMPIO DELL OSPEDALE DI MARCIANISE B. Oddi Baglioni (Roma), G. D Auria (Caserta) pag. 31 I SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 3a Sessione IL PERCORSO ASSISTENZIALE DEL PAZIENTE URGENTE Moderatori: G. Manara (Roma), K. Kob (Bolzano) ACCESSIBILITA AL PRONTO SOCCORSO DEL PAZIENTE IN URGENZA/EMERGENZA E. Carchietti, R. Cocconi (Udine) pag. 35 I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 3

4 ACCOGLIENZA, TRIAGE E VALUTAZIONE C. Giuffrica, V. Giustolisi (Catania) pag. 40 AREA DEI TRATTAMENTI, OSSERVAZIONE BREVE E INTENSIVA A. Marcolongo (Rovigo), F. Tosato (Padova) pag. 45 SERVIZI DIAGNOSTICI A SUPPORTO DELL URGENZA C. Catananti, A. Cambieri (Roma) pag. 47 L APPROCCIO DI GESTIONE DELLE OPERATIONS PER IL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI DI SUPPORTO LOGISTICI E AMMINISTRATIVI DI PRONTO SOCCORSO A. Ciravegna (Roma), P. Masera (Milano) pag. 55 4ª Sessione ESEMPI DI REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO Moderatori: S. Brusaferro (Roma), A. Canini (Venezia) COSTITUZIONE DI UN PRONTO SOCCORSO PER AREE DI INTENSITA DI CURA. METODOLOGIE DI CONFRONTO E RAGIONI DI UNA SCELTA A. Neri, C. Scotton, V. Bongiovanni, I. Frascari, M. Rizzoli, M. Aporti (Bologna) pag. 59 IL PRONTO SOCCORSO DELL OSPEDALE MIULLI DI ACQUAVIVA DELLE FONTI E. Rizzato (Rovigo), A. Nitti (Acquaviva delle Fonti, BA) pag. 61 IL CONFRONTO FRA I SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO DEGLI OSPEDALI FELLETTINO DI LA SPEZIA, LE SCOTTE DI SIENA E TOR VERGATA DI ROMA A. Taddia, M. Pedrazzi (Milano) pag. 69 5ª Sessione SICUREZZA E TECNOLOGIE IN PRONTO SOCCORSO Moderatori: V. Carreri (Milano), C. Giuricin (Udine) LE DOTAZIONI IMPIANTISTICHE D. Pedrini (Imola) pag Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

5 GESTIONE DELLA SICUREZZA DEL PAZIENTE IN AREE DI EMERGENZA: APPLICAZIONI TECNOLOGICHE E STANDARD DI QUALITA M. Altini (Bologna), G. Melegari (Forlì) pag. 93 PRONTO SOCCORSO E MAXI-EMERGENZE D. Frezza (Treviso), F. Politi (Rovigo) pag. 96 UN BENCHMARKING REGIONALE: INDICATORE DI RISK MANAGEMENT NELLE AZIENDE OSPEDALIERE LOMBARDE S. Cerlesi, V. Carreri, L. Macchi, G. Bertani (Legnano, MI) pag. 99 SITUAZIONE E PROSPETTIVE DI SVILUPPO A LIVELLO NAZIONALE DEL PRONTO SOCCORSO E DELL EMERGENZA TERRITORIALE G. Guasticchi, C. Liva (Roma) pag. 107 Poster pag. 109 I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 5

6 6 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

7 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, 4 Convegno Nazionale IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI: ESPERIENZE A CONFRONTO I NUOVI Ospedali OSPEDALI: in rete e servizi esperienze di pronto a soccorso confronto OSPEDALI IN RETE Grado, E SERVIZI 6-7 aprile DI 2006 PRONTO SOCCORSO Grado, 6-7 aprile ª Sessione DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA PROGETTAZIONE Moderatori: U. L. Aparo (Roma), G. Romano (Verona) I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 7

8 8 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

9 MODELLI ORGANIZZATIVI E STRUTTURALI Prof. arch Cesare Stevan, arch Stefano Capolongo, arch. Roberto Lapi L apparente evoluzione delle tipologie ospedaliere tende a occultare una storia dei luoghi della salute che è caratterizzata da significative discontinuità e clamorose rotture con il passato. Lo spazio dell assistenza e della cura è strettamente relazionato alla dinamica delle trasformazioni sociali, politiche ed economiche e si modifica in conseguenza ad eventi epidemiologici che colpiscono, anche in modo traumatico, le popolazioni modificandone i comportamenti e la progettualità, affinandone le tecniche di difesa, di prevenzione, e di cura. Le relazioni tra i diversi fattori in gioco hanno determinato, via via, e in modo sempre nuovo ed originale le forme del contenitore dell azione assistenziale e terapeutica. L effetto di continuità è stato in gran parte determinato dal fatto che tali forme sono rimaste prevalentemente legate per un lungo periodo al principio della ospitalità intesa come disponibilità ad accogliere. I posti letto e l insieme dell area della degenza hanno per lungo tempo rappresentato l essenza dell ospedale: in origine per assistere, poi per contenere il diffondersi dell epidemia ed isolare gli infetti, successivamente per esercitare il controllo sullo sviluppo della malattia, imparare a diagnosticarne le cause e a definirne la cura. I grandi cambiamenti economici e sociali determinatisi a seguito della rivoluzione industriale, lo sviluppo della ricerca scientifica in campo chimico, fisico e farmaceutico che sono stati i segni manifesti di un progresso che ha connotato l intero XX esimo secolo, hanno portato a una progressiva maggiore consapevolezza e responsabilizzazione nei confronti della salute. La domanda sociale di servizi sanitari è aumentata in modo esponenziale, particolarmente nei paesi economicamente più avanzati, e si è così resa progressivamente evidente l obsolescenza delle strutture destinate alla cura e l esigenza di un radicale rinnovamento delle stesse. Si è palesata contemporaneamente la difficoltà di concepire e realizzare organismi ospedalieri in grado di non nascere già vecchi. Il progetto che riguarda gli spazi sanitari richiede più di altri una forte capacità previsiva e la sensibilità a cogliere i segni premonitori del cambiamento che in ogni epoca si sono resi percepibili con un certo anticipo rendendosi poi espliciti a seguito di eventi epidemiologici che hanno imposto una nuova organizzazione per la salute e, spesso, hanno imposto un del tutto nuovo ordine sociale. Ci si chiede oggi quali siano i segni che annunciano il cambiamento. Sicuramente vanno ritrovati analizzando attentamente le tendenze della ricerca medica, le direttrici dello sviluppo tecnologico, economico, culturale e sociale. Il cambiamento sarà in grande misura dovuto alla ricerca genetica e alle sue applicazioni, alla ricerca biotecnologica, allo sviluppo delle tecnologie informatiche. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 9

10 Sarà dovuto, inoltre, alla spinta sociale che proviene dal desiderio di mantenere per tutto l arco della vita una soddisfacente efficienza fisica e mentale, tenuto conto del costante prolungamento della vita media. Dalla pratica estesa delle azioni tese alla prevenzione e alla promozione della salute, dalla sempre maggiore domanda di qualità ed efficienza della macchina organizzativa del settore sanitario nascerà il cambiamento dello stesso concetto di salute e dei comportamenti dei tradizionali attori sulla scena: il medico (sempre meno clinico) ed il malato (sempre meno disposto ad essere paziente). Quale potrà essere allora lo spazio che ospiterà l azione sanitaria nei prossimi anni? Avrà ancora senso esprimersi in termini di tipologie ospedaliere? Per cercare di rispondere a questi quesiti il ricorso alla storia è fondamentale ma sarebbe anche utile far ricorso alla rappresentazione utopica. Sviluppare cioè uno scenario in cui la sanità e il suo spazio siano descritti cambiando di segno a ciò che nella realtà attuale dell assistenza, della diagnosi e della cura non ci soddisfa e non funziona. Anche se lo spazio dell utopia si è ridotto in conseguenza alla velocità con cui si diffonde l innovazione ed abbiamo perso il piacere all esercizio del pensiero utopico, tuttavia non è impossibile immaginare un ospedale in cui le aree di degenza tradizionale sono del tutto scomparse a favore di più ampie aree diagnostiche e terapeutiche, quest ultime studiate per una limitatissima permanenza del malato. Aree quindi attrezzate per degenze speciali e per terapie intensive che si confrontano con ampi spazi multiuso rapidamente adattabili alle nuove esigenze organizzative. Spazi che sappiano supportare aree di ricerca dotate di una grande flessibilità impiantistica, e che si offrono a una forte intercambiabilità operativa. Spazi ad alta tecnologia, a controllo totale delle condizioni ambientali, capaci di poter essere facilmente adattate alle esigenze sopravvenenti. Un edificio monovolume, nel quale le componenti strutturali, impiantistiche ed edilizie siano ordinate in base alla loro capacità di assorbire l impatto del nuovo e le richieste trasformazioni. Di fatto il passaggio dall ospedale che poneva al centro della sua organizzazione spaziale la degenza all ospedale che risponde alle esigenze di ricerca e sviluppo della innovazione diagnostica e della interventistica medica e chirurgica, pur con evidenti contraddizioni, sta già avvenendo. La tipologia ospedaliera che oggi si dà per acquisita divide le aree, sente l esigenza di separare e organizzare diversamente i servizi attorno ai quali si produce la salute da quelli di ricovero, classifica le aree di degenza per intensità di cura, evidenziandone le diverse interrelazioni distributive, ma il salto innovativo è legato all abbandono del mito della perfetta rispondenza funzionale degli schemi organizzativi e all affermarsi di una visione di uno spazio contenitore di flussi, che si adatta in tempo reale al cambiamento nell organizzazione del lavoro e nella gestione. Se si pensa alla situazione attuale sia nello schema del Modello Base ( Rif: progetto di ricerca finalizzata : Principi guida tecnici, organizzativi e gestionali per la realizzazione e gestione di ospedali ad alta tecnologia e assistenza ), che nel modello 10 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

11 definito di Soglia minima, è possibile proporre la medesima organizzazione distributiva, differenziando e graduando il livello di capacità terapeutica.( le sole specialità di base ecc..); di fatto non c è alcuna differenza, se non dimensionale tra l uno e l altro, e questo perché essi rispondono alla stessa domanda di cura. L ospedale Base può dare le risposte più qualificate quello di soglia minima le risposte più comuni. Tuttavia in un nuovo assetto del sistema organizzativo territoriale (in cui è prevedibile l estendersi dell effetto rete a ogni singolo soggetto che potrà essere monitorato in tempo reale sulle sue condizioni di salute, e provvedervi) la stessa classificazione tra strutture ospedaliere di eccellenza e ospedali minori non potrà reggere a lungo così come oggi è concepita, poiché l offerta resa possibile dalle nuove tecnologie e dalla nuova medicina annulleranno di fatto queste differenze. Questo cambiamento, quindi, non potrà prescindere dalla gestione di una rete efficiente di luoghi destinati alle altre forme di assistenza e da un concreto coinvolgimento organizzativo della assistenza domiciliare, da un incremento delle strutture di degenza riabilitativa, dalle residenze sanitarie, da ambulatori territoriali e da una attenta gestione delle prestazioni che precedono l intervento terapeutico mirato nella struttura ospedaliera. Nello stesso modo la localizzazione dei nuovi centri ospedalieri e dei centri territoriali a questi collegati non potrà prescindere dalla dotazione di infrastrutture del territorio di riferimento (collegamenti stradali e ferroviari, autostrade informatiche, collegamenti satellitari, ecc.) che nella organizzazione della offerta sanitaria di domani diventano pre-condizioni indispensabili. Il tutto configura una forte aspettativa per un ambiente predisposto a garantire condizioni sanitarie ottimali e, nei casi in cui siano necessari interventi mirati ed urgenti (e tutti gli interventi sono da considerarsi urgenti), ad attendere l utente e a non doverlo più fare attendere. La relazione comprende l illustrazione di alcune strutture ospedaliere territoriali rivisitate in relazione alle esigenze attuali più avanzate. Successivamente, per esprimere il concetto di quanto può cambiare la definizione di un edificio in conseguenza all applicazione di nuove tecnologie, si illustrano edifici tradizionali che a seguito di interventi a forte carica innovativa sono in grado di esprimere una maggiore efficienza organizzativa e una migliore qualità delle relazioni con il contesto socio-territoriale. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 11

12 GESTIONE INFORMATICA IN RETE Walter Bergamaschi, Beatrice Cavallucci, Andrea Oliani La rete, come elemento e modello di interazione ed integrazione tra sistemi autonomi e differenziati, rappresenta ormai da oltre 30 anni (ovvero dalla comparsa sul mercato di sistemi informatici distribuiti ) l obiettivo e, forse, la chimera di tutti coloro che si occupano di Sistemi Informativi. La stessa accezione del concetto di rete si è inevitabilmente evoluta col passare del tempo, partendo dalla componente di connessione fisica e trasporto di bit ed arrivando al concetto di regole di cooperazione applicativa, ovvero al livello organizzativo di gestione dei processi aziendali (superando i mitici 7 livelli della pila ISO-OSI). L area dell emergenza rappresenta uno degli esempi più significativi della necessità di gestione informativa (ed informatica) in rete, sia all interno dei confini aziendali (si pensi all importanza di integrazione in tempo reale del Pronto Soccorso con il Laboratorio e con la Radiologia) sia nel contesto inter-aziendale (si pensi alla necessità di integrazione tra 118, Pronto Soccorso, Poli di alta specializzazione e Gestione degenze per la disponibilità di posti letto adeguati). Oggi il modello ritenuto più rispondente a soddisfare tali complesse necessità di integrazione è quello della federazione di sistemi autonomi, e la metodologia di integrazione individuata come vincente è quella della cooperazione applicativa, declinata nelle sue componenti di gestione messaggi, eventi ed expected actions (gestione del processo clinico/assistenziale) Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

13 ORGANIZZAZIONE IN RETE DEL PERSONALE E DEI SERVIZI GENERALI DI SUPPORTO Giuseppe Tonutti, Salvatore Guarneri Introduzione In una realtà come quella italiana, caratterizzata da vaste aree di territorio scarsamente popolato e da una storia di ospedalizzazione diffusa, la carenza di risorse porta i programmatori a mettere in discussione la sopravvivenza di numerose sedi ospedaliere periferiche, favorendo la centralizzazione verso aree maggiormente popolate. Senza dubbio bisogna fare attente valutazioni epidemiologiche e di utilizzo dei servizi, prima di decidere se chiudere o meno un ospedale. Una politica attenta, oltre che alla tenuta dei conti, anche al servizio che viene offerto ai cittadini, deve cercare di raggiungere la massima equità possibile, questo per evitare di porre lei stessa le basi per un ulteriore spopolamento delle aree montane, insulari o disagiate in termini di usufruibilità dei servizi. Da quanto sopra indicato, è fortemente sentita la necessità di abbattere i costi senza ridurre i servizi; in questo campo, modelli organizzativi innovativi, resi possibili anche grazie alle tecnologie via via disponibili, permettono di fornire servizi decentrati a costi sostenibili, soprattutto se valutati assieme all impatto socio-ambientale che questi producono. Tali modalità organizzative si traducono nella messa in rete delle strutture ospedaliere. Mettere in rete gli ospedali significa fare in modo che il lavoro svolto in una sede sia reso disponibile anche per un altra e da questa utilizzato, producendo così delle sinergie in grado di offrire ai pazienti servizi di qualità a costi sostenibili. Questa metodologia di lavoro è valida sia per le attività svolte dai servizi di supporto alle attività sanitarie, sia per le attività cliniche che si svolgono in rapporto diretto con i pazienti. In particolare fra i servizi di supporto possiamo citare quelli generali (magazzini, cucina, centralino, ecc.), quelli tecnici (manutenzioni, informatica, ingegneria clinica, ecc.), quelli amministrativi (acquisti, gestione del personale, commessi, operazioni di back-office, ecc.) e alcuni sanitari (direzione medica, farmacia, sterilizzazione, ecc.). Tale metodologia organizzativa permette senza dubbio di ridurre i costi strutturali, liberando risorse a vantaggio delle strutture clinico-assistenziali. Il vero beneficio per i pazienti, però, si ottiene solo mettendo in rete la parte sanitaria direttamente coinvolta nella produzione delle attività. A titolo di esempio si possono citare l emergenza, la cardiologia, le chirurgie, l oncologia, le radiologie, i laboratori. In realtà la quasi totalità delle funzioni può trarre vantaggio dalla messa in rete della propria attività, soprattutto quando questa incide sui percorsi clinici dei pazienti. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 13

14 Servizi generali Un settore nel quale le sinergie fra più ospedali possono dare interessanti risultati è quello dei magazzini, per gli alti costi spesso poco valutati che questi producono nella loro gestione. Basti pensare al recupero di spazi e di personale che deriverebbero da una accurata gestione di tutta la logistica che porti ad evitare lo stoccaggio diffuso e ridondante dei materiali. Discorso simile può essere fatto per gli archivi, sia amministrativi che sanitari, e per la relativa gestione delle richieste di copie e/o ricerche di documenti. Per i servizi di ristorazione ci sono varie possibilità di gestione, come ad esempio l affidamento ad una ditta esterna; qualunque sia la tipologia di preparazione prescelta, non si devono sottovalutare i recuperi di efficienza che possono derivare dalla realizzazione di una cucina al servizio di più ospedali con trasporto alle altre sedi in linea calda o fredda. Le attrezzature oggi a disposizione, infatti, assieme alla scelta dei menù più adatti alla tipologia di trasporto adottato e ad accurati e costanti controlli sulla qualità del servizio offerto, permettono di assicurare livelli di qualità adeguati anche per i pasti forniti a distanza. Grazie alle tecnologie oggi disponibili è possibile anche modificare l organizzazione dei centralini, eventualmente lasciando più linee disponibili nelle fasce orarie ad intenso traffico telefonico e concentrando in un unica sede il centralino che risponde nelle ore notturne, festive e prefestive. Servizi tecnici Il servizio di Ingegneria clinica appare come una struttura irrinunciabile per ogni presidio ospedaliero, pena una gestione delle tecnologie poco attenta, soprattutto in termini di opportunità del mercato, contributo alle scelte e successiva gestione della funzionalità. Non è azzardare affermare che un ospedale che non si avvale di un servizio di Ingegneria clinica, supportato da una direzione sanitaria all altezza, consumi più tecnologie del necessario e rischi di fare operazioni di acquisto poco vantaggiose e scarsamente valutate. È evidente, però, che un servizio di Ingegneria clinica dedicato ad uno o due presidi di piccole dimensioni sarebbe poco sfruttato nelle potenzialità o in alternativa poco specializzato, dovendo singole figure occuparsi un po di tutto. Pensare a servizi condivisi fra più ospedali permette di ottenere sicuri vantaggi di gestione dei programmi di investimento in tecnologie e favorisce la scelta di attrezzature adeguate a costi migliori. Per le manutenzioni edili ed impiantistiche il discorso è un po diverso per la tendenza diffusa di esternalizzare queste tipologie di servizio. In realtà, qualunque sia la modalità adottata per assicurare i servizi, si otterrebbero economie di scala con la costituzione di squadre di operai specializzati al servizio di più ospedali, senza trascurare la possibilità di ridurre il numero di reperibilità da assicurare. Discorso simile vale per i servizi informatici, oramai irrinunciabili strutture di ogni 14 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

15 presidio ospedaliero. In questo caso, oltre ai vantaggi sopra descritti per le altre strutture del dipartimento tecnico tecnologico, non va sottovalutata l opportunità di rendere uniforme il sistema informativo di ospedali vicini, anche se non appartenenti alla stessa azienda sanitaria, con snellimento degli scambi di informazioni e possibilità di comunicazioni avanzate fra le diverse strutture e quindi facilitazioni nella circolazione dei pazienti. È indubbio che anche altri settori, come quello tecnico-legale, o di progettazione, possono sicuramente fornire servizi più vantaggiosi se entrano a far parte di una organizzazione in rete degli ospedali. Servizi amministrativi Anche i servizi amministrativi possono beneficiare di un organizzazione in rete, riducendo così i costi di gestione di tutte le pratiche. La gestione degli acquisti, centralizzata per più strutture ospedaliere, permette di ridurre il numero delle gare da svolgere, e quindi di avere minor bisogno di risorse umane, e di aumentare la quantità di beni da acquistare, con conseguentemente possibilità di spuntare prezzi più vantaggiosi per gli stessi prodotti. L organizzazione delle strutture del personale, integrate fra loro, permette di avvantaggiarsi in particolar modo nella gestione dei concorsi; comunque anche altre funzioni, come quelle giuridica ed economica possono beneficiare di sinergie operative tra strutture appartenenti ad aziende diverse. I servizi commessi, per gli ospedali più piccoli solitamente basati su singole unità, possono trarre beneficio da modalità operative integrate, soprattutto nella gestione delle assenze degli operatori e nell ottimizzazione dei percorsi, evitando così uscite ridondanti se non addirittura doppie, generate da una mancanza di visione unitaria nella gestione del servizio. Infine, i call center e tutte le operazioni di back-office, possono avvantaggiarsi da una centralizzazione della funzione che può così essere al servizio di più strutture, ottimizzando l utilizzo delle risorse professionali messe a disposizione con conseguenti risparmi nella gestione complessiva di questa tipologia di servizi. Servizi sanitari di supporto La Direzione medica è coinvolta in numerosi progetti, alcuni di tipo gestionale e organizzativo, altri più specificatamente igienistici; ai medici e al personale è chiesto di saper fare una serie di cose molto diverse fra loro, che spesso presuppongono attitudini differenti, basti pensare all organizzazione del personale, alla gestione per processi dei percorsi clinico-assistenziali, alla valutazione degli esiti delle cure, alla lotta e prevenzione delle infezioni ospedaliere, alla valutazione delle tecnologie oppure al coinvolgimento nella gestione della logistica o delle ristrutturazioni edili. In questo contesto non vi è alcun dubbio che l organizzazione in rete delle Direzioni I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 15

16 ospedaliere possa portare benefici e favorire il confronto professionale all interno della categoria. Per la farmacia il discorso è simile se teniamo conto della varietà di presidi e farmaci per i quali il farmacista dovrebbe poter riuscire a mantenere alti livelli di conoscenza e costituire un vero valore aggiunto per la clinica. Una gestione integrata delle professionalità dei farmacisti fra più ospedali potrebbe dare l importante risultato di avere professionisti competenti per ogni tipologia di bene trattato, sia che si tratti di un farmaco antibiotico, che di uno stent carotideo o di un catetere vescicale. Alla parte professionale, inoltre si aggiunge quella di approvvigionamento e immagazzinamento delle scorte con possibili significative economie di scala che deriverebbero da una gestione unitaria, al servizio di più ospedali, dei farmaci e dei presidi. La sterilizzazione è un altro dei servizi che, con un attenta organizzazione dei flussi di materiali e delle modalità di trasporto, può essere centralizzato e messo al servizio di più sedi ospedaliere. In questo caso, oltre ad un incremento della qualità legato all adozione di comportamenti uniformi nell intero processo di sterilizzazione, sono facilmente quantificabili le riduzioni dei costi di investimento e successiva gestione del servizio. I servizi di diagnostica di laboratorio, grazie alle nuove tecnologie comparse negli ultimi anni sul mercato, possono essere centralizzati per la routine di più presidi ospedalieri, lasciando in sede piccoli nuclei, più o meno attrezzati, per la gestione dell attività urgente e/o per interni. In questo caso, senza gravare sull utente possono essere fatte grandi economie di spazi, tecnologie e personale. Le attività cliniche e assistenziali Sebbene le sinergie fra le strutture di supporto degli ospedali possano produrre significative economie di scala, ponendo le basi per una migliore situazione economica delle aziende, la messa in rete degli ospedali nasce per fornire ai cittadini servizi più facilmente usufruibili e di qualità equivalente fra le diverse aree. Gli ambiti nei quali si possono avere i maggiori benefici sono l emergenza, le chirurgie, le cardiologie, i servizi diagnostici, l oncologia e l area materno-infantile, ma in realtà quasi tutta l attività sanitaria può beneficiare della messa in rete con strutture equivalenti di altri ospedali. In questo contesto un valore aggiunto particolare può essere dato dalla messa in rete del personale, con indubbi benefici per la qualità del servizio offerto. Oltre che per i medici di Direzione medica e per i farmacisti, in numerose situazioni, infatti, la circolazione dei medici fra più presidi può favorire l avvicinamento dei servizi al cittadino mantenendo adeguati livelli di qualità del servizio offerto. Le attività per le quali è utile impostare un organizzazione in rete dei medici sono prevalentemente quelle chirurgiche, diagnostiche e della medicina specialistica. Mammella, cataratta, day surgery, grandi interventi. La creazione di team multidisciplinari porta alla condivisione delle conoscenze 16 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

17 scientifiche tra le diverse figure professionali e al trasferimento di queste in attività assistenziali a vantaggio dell utenza. Ad esempio la nascita delle Breast Unit che ha consentito, attraverso la creazione di percorsi diagnostico terapeutici integrati condivisi tra medici di diverse aree specialistiche, di offrire un approccio di qualità ed efficienza nel trattamento della patologia tumorale della mammella. La creazione di percorsi ambulatoriali per pazienti che accedono al Pronto Soccorso ma necessitano, dopo una prima valutazione, di proseguire solamente un percorso diagnostico terapeutico, è un altro esempio importante di integrazione dei servizi che ha consentito la riduzione dei ricoveri inappropriati. L organizzazione in rete peraltro, non può prescindere il coinvolgimento delle figure professionali presenti sul territorio: dal MMG, al PdLS, al personale sanitario afferente alle strutture a minore intensità assistenziale (RSA, assistenza semi residenziale, distretto, etc). In quest ottica, i percorsi assistenziali vengono ridisegnati e le responsabilità degli operatori sanitari allargate. Per favorire la transizione ospedale-territorio è necessario garantire uniformità dei trattamenti, continuità delle cure, appropriatezza degli interventi ed integrazione dei servizi. La realizzazione di iniziative e progetti rivolti ai medici di base e agli specialisti ospedalieri sono essenziali per favorire la condivisione di conoscenze ma anche il completamento e la valorizzazione delle singole competenze e porterebbero all individuazione di percorsi integrati per la gestione ottimale dei pazienti anche in base al grado di complessità. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 17

18 18 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

19 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, 4 Convegno Nazionale IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI: ESPERIENZE A CONFRONTO I NUOVI Ospedali OSPEDALI: in rete e servizi esperienze di pronto a soccorso confronto OSPEDALI IN RETE Grado, E SERVIZI 6-7 aprile DI 2006 PRONTO SOCCORSO Grado, 6-7 aprile ª Sessione ESEMPI DI REALIZZAZIONE Moderatori: M. Mauri (Genova), G. Finzi (Bologna) I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 19

20 20 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

I NUOVI OSPEDALI: Ospedali in rete e servizi di pronto soccorso Grado, 6-7 aprile 2006

I NUOVI OSPEDALI: Ospedali in rete e servizi di pronto soccorso Grado, 6-7 aprile 2006 COD. T7 - STAMPATO GENNAIO 2006 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI: ORGANIZZAZIONE CSR Congressi srl SEDE LEGALE: Via U. Bassi 13-40121 Bologna SEDE OPERATIVA:

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

DEFINIZIONI PRELIMINARI

DEFINIZIONI PRELIMINARI DEFINIZIONI PRELIMINARI PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DELLA PRIMA FASE DI ACCREDITAMENTO PROVVISORIO Si riportano di seguito alcune definizioni di termini utilizzati nel presente documento. ALLEGATO N. 2

Dettagli

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Il presidio di Cavalese è una certezza della rete trentina e non chiude! Una semplice cronologia per provare a capire. 2010 23 2012 7 dic 2013 25 gen L art.

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese L Ospedale Pacini nella nuova rete ospedaliera e territoriale della riorganizzazione del

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena I PAZIENTI ONCOLOGICI Chirurgici Radioterapici

Dettagli

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE L ospedale è costituito da quattro ali parallele collegate tra di loro da un corridoio centrale di raccordo e da una piccola palazzina, unita dal corridoio

Dettagli

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO Gruppo di Lavoro Federsanità ANCI Veneto e Friuli Venezia Giulia Salute e Welfare a Nordest Udine, Fondazione CRUP- 23 febbraio 2009 Dott. Daniele

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 96

PROPOSTA DI LEGGE N. 96 presentata dai consiglieri Sibau, Ziberna 1 il 26 maggio 2015

Dettagli

STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI

STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI Il D.Lgs n. 33 del 14 marzo 2013, che disciplina il dettato in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni,

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA RETE

L ESPERIENZA DELLA RETE XIV CONGRESSO NAZIONALE CIPOMO L ESPERIENZA DELLA RETE ONCOLOGICA DELL UMBRIA Pesaro 19-21 maggio 2010 Maurizio Tonato Coordinatore 2 1 L ONCOLOGIA IN UMBRIA NEI PRIMI ANNI 2000 L istituzione in Umbria

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Normativa di riferimento Art. 43 della legge n. 833 del 23.12.78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale; D. Lgs 502/92 e successive

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle

Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle La sanità veneziana verso il 2015 Applicazione della deliberazione della Giunta regionale 68/CR del 18 giugno 2013 Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private

Dettagli

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007 Giovedì, 13 settembre 2007 I^ SESSIONE La logica Programmatoria: ruolo, dimensionamento e connessioni dei servizi sanitari Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata Ospedale e territorio:

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

LE VALUTAZIONI TECNICO SANITARIE SULLE OPERE DI COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA NEI VECCHI E NUOVI OSPEDALI

LE VALUTAZIONI TECNICO SANITARIE SULLE OPERE DI COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA NEI VECCHI E NUOVI OSPEDALI LE VALUTAZIONI TECNICO SANITARIE SULLE OPERE DI COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA NEI VECCHI E NUOVI OSPEDALI AOSTA - 24.5.2006 Dr. Roberto GERBI D.P.R. 128/1969 Art. 5 - Attribuzioni del direttore

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema sanitario italiano ha subito profonde modificazioni:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

LAVORI IN CORSO! Emergency Solution garantisce continuità di servizio nei reparti ospedalieri critici

LAVORI IN CORSO! Emergency Solution garantisce continuità di servizio nei reparti ospedalieri critici Moduli sanitari mobili per uso temporaneo Le Unità Mobili Attrezzate proposte da Emergency Solution consentono di proseguire le attività in strutture sanitarie soggette a interventi di ristrutturazione

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

Le opportunità della telemedicina

Le opportunità della telemedicina 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B. Le opportunità della telemedicina nell assistenza di base Dr. Salvatore Amato Michele La Versa Telemedicina Per telemedicina intendiamo l'insieme di tecniche mediche

Dettagli

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di /$1829$25*$1,==$=,21($0%8/$725,$/( 1(// $=,(1'$86/',)(55$5$ L attività specialistica ambulatoriale nell Azienda USL di Ferrara è una delle principali attività d assistenza sanitaria che impegna oltre il

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici CPOE (Computerized Physician Order Entry). E inoltre disponibile e un Repository strutturato per la gestione di

Dettagli

Tecno Digit s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE ... Sviluppo Progettazione Direzione Lavori Gestione Manutenzione Convalide Ambientali Termografie

Tecno Digit s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE ... Sviluppo Progettazione Direzione Lavori Gestione Manutenzione Convalide Ambientali Termografie SEDE AMMINISTRATIVA: VIA ANTONINO PIO, 40-00145 ROMA UFFICIO: VIA CERVESINA, 77 00188 ROMA TEL. (+39) 06.33679881 FAX (+39) 06.33670866 E -Mail: info@tecnodigit-srl.it P. IVA e C.F. 05238451008 R.E.A.

Dettagli

Risposte Azienda USL 4 Prato

Risposte Azienda USL 4 Prato CHIARIMENTI E APPROFONDIMENTI RICHIESTI Il documento Linee guida per la progettazione approvato nelle Delibere dei D.G. delle Aziende Usl di Prato, Pistoia, Lucca e Massa-Carrara in data 12/03/03 dichiara

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO FERRARA, 20 FEBBRAIO 2008 AULA MAGNA RETTORATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA 1 LA REVISIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI: I DIPARTIMENTI E I

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro Edilizia/tecnologia Logistica ( intensità di cura) Percorsi dei Pazienti Le nuove professioni sanitarie Responsabilità

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù I Seminario Sicurezza

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

OGGETTO: Disegno di Legge 1324 e abbinati Audizione dell ANTEL - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico

OGGETTO: Disegno di Legge 1324 e abbinati Audizione dell ANTEL - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico Roma, 27 giugno 2014 1 Spett.le SENATO DELLA REPUBBLICA XII^ Commissione Permanente Igiene e Sanità Presidente Sen. Emilia Grazia De Biasi OGGETTO: Disegno di Legge 1324 e abbinati Audizione dell ANTEL

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera Regione Marche Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera 1 Analisi della realtà regionale, per sistemi e processi Differenziali nel consumo di giornate di degenza tra le diverse aree vaste Scambi interni

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA)

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Assessorato politiche per la salute Situazione terremoto 31 maggio 2012 ore 17 Provincia di Modena Ospedale di Mirandola OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Evacuato dopo la prima scossa del 20 maggio.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Novara, 5 marzo 2013 CONTINUITA E CENTRALITA DEL PAZIENTE: LE DIRETTRICI DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELL ASL NO Oggi, martedì 5 marzo 2013 alle 11.00, alla presenza del Presidente della Regione Piemonte,

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli