4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI:"

Transcript

1 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI: ESPERIENZE A CONFRONTO Ospedali in rete e servizi di pronto soccorso Grado, 6-7 aprile 2006 Presidente del Convegno D. Pedrini (Imola) Comitato Scientifico U. L. Aparo (Roma) G. Bragonzi (Bologna) A. Canini (Venezia) V. Carreri (Milano) C. Catananti (Roma) G. Finzi (Bologna) K. Kob (Bolzano) G. Manara (Roma) A. Marcolongo (Rovigo) M. Mauri (Genova) G. Pelissero (S. Donato Milanese, MI) Comitato Organizzatore M. Altini (Bologna) T. Del Fabbro (Udine) L. la Pietra (Milano) R. Lapi (Milano) E. Rizzato (Rovigo) G. Tonutti (Udine) In collaborazione con A.N.M.D.O. Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere A.E.R.IA.S.S. Associazione Emilia Romagna Ingegneri e Architetti Servizio Sanitario C.N.E.T.O. Centro Nazionale per l Edilizia e la Tecnica Ospedaliera S.It.I. Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 1

2 Con il patrocinio di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Provincia di Gorizia Comune di Grado ABC salute SIMEU Società Italiana di Medicina díemergenza-urgenza SOC. IT. di V.R.Q. Società Italiana di Verifica e Revisione di Qualità Sono stati inoltre richiesti i seguenti patrocini Ministero della Salute Università degli Studi di Trieste Università degli Studi di Udine Azienda per i Servizi Sanitari n. 2 Isontina A.I.O.P. Associazione Italiana Ospedalità Privata 2 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

3 INDICE L OSPEDALE IN RETE 1ª Sessione DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA PROGETTAZIONE Moderatori: U. L. Aparo (Roma), G. Romano (Verona) MODELLI ORGANIZZATIVI E STRUTTURALI C. Stevan, S. Capolongo, R. Lapi (Milano) pag. 9 GESTIONE INFORMATICA IN RETE W. Bergamaschi (Roma), A. Oliani (Verona), B. Cavallucci (Cesena) pag. 12 ORGANIZZAZIONE IN RETE DEL PERSONALE E DEI SERVIZI GENERALI DI SUPPORTO G. Tonutti, S. Guarneri (Udine) pag. 13 2ª Sessione ESEMPI DI REALIZZAZIONE Moderatori: M. Mauri (Genova), G. Finzi (Bologna) NUOVO OSPEDALE VALDICHIANA EST E. Zambelli (Milano), F. Cosmi (Cortona, AR) pag. 21 L ESPERIENZA DELL OSPEDALE DI VALDAGNO D. Mantoan (Arzignano, VI), A. Altieri (Thiene, VI) pag. 22 L ESEMPIO DELL OSPEDALE DI CITTA DI CASTELLO S. Pasqui, M. Malandrino (Perugia) pag. 24 L ESEMPIO DELL OSPEDALE DI MARCIANISE B. Oddi Baglioni (Roma), G. D Auria (Caserta) pag. 31 I SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 3a Sessione IL PERCORSO ASSISTENZIALE DEL PAZIENTE URGENTE Moderatori: G. Manara (Roma), K. Kob (Bolzano) ACCESSIBILITA AL PRONTO SOCCORSO DEL PAZIENTE IN URGENZA/EMERGENZA E. Carchietti, R. Cocconi (Udine) pag. 35 I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 3

4 ACCOGLIENZA, TRIAGE E VALUTAZIONE C. Giuffrica, V. Giustolisi (Catania) pag. 40 AREA DEI TRATTAMENTI, OSSERVAZIONE BREVE E INTENSIVA A. Marcolongo (Rovigo), F. Tosato (Padova) pag. 45 SERVIZI DIAGNOSTICI A SUPPORTO DELL URGENZA C. Catananti, A. Cambieri (Roma) pag. 47 L APPROCCIO DI GESTIONE DELLE OPERATIONS PER IL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI DI SUPPORTO LOGISTICI E AMMINISTRATIVI DI PRONTO SOCCORSO A. Ciravegna (Roma), P. Masera (Milano) pag. 55 4ª Sessione ESEMPI DI REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO Moderatori: S. Brusaferro (Roma), A. Canini (Venezia) COSTITUZIONE DI UN PRONTO SOCCORSO PER AREE DI INTENSITA DI CURA. METODOLOGIE DI CONFRONTO E RAGIONI DI UNA SCELTA A. Neri, C. Scotton, V. Bongiovanni, I. Frascari, M. Rizzoli, M. Aporti (Bologna) pag. 59 IL PRONTO SOCCORSO DELL OSPEDALE MIULLI DI ACQUAVIVA DELLE FONTI E. Rizzato (Rovigo), A. Nitti (Acquaviva delle Fonti, BA) pag. 61 IL CONFRONTO FRA I SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO DEGLI OSPEDALI FELLETTINO DI LA SPEZIA, LE SCOTTE DI SIENA E TOR VERGATA DI ROMA A. Taddia, M. Pedrazzi (Milano) pag. 69 5ª Sessione SICUREZZA E TECNOLOGIE IN PRONTO SOCCORSO Moderatori: V. Carreri (Milano), C. Giuricin (Udine) LE DOTAZIONI IMPIANTISTICHE D. Pedrini (Imola) pag Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

5 GESTIONE DELLA SICUREZZA DEL PAZIENTE IN AREE DI EMERGENZA: APPLICAZIONI TECNOLOGICHE E STANDARD DI QUALITA M. Altini (Bologna), G. Melegari (Forlì) pag. 93 PRONTO SOCCORSO E MAXI-EMERGENZE D. Frezza (Treviso), F. Politi (Rovigo) pag. 96 UN BENCHMARKING REGIONALE: INDICATORE DI RISK MANAGEMENT NELLE AZIENDE OSPEDALIERE LOMBARDE S. Cerlesi, V. Carreri, L. Macchi, G. Bertani (Legnano, MI) pag. 99 SITUAZIONE E PROSPETTIVE DI SVILUPPO A LIVELLO NAZIONALE DEL PRONTO SOCCORSO E DELL EMERGENZA TERRITORIALE G. Guasticchi, C. Liva (Roma) pag. 107 Poster pag. 109 I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 5

6 6 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

7 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, 4 Convegno Nazionale IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI: ESPERIENZE A CONFRONTO I NUOVI Ospedali OSPEDALI: in rete e servizi esperienze di pronto a soccorso confronto OSPEDALI IN RETE Grado, E SERVIZI 6-7 aprile DI 2006 PRONTO SOCCORSO Grado, 6-7 aprile ª Sessione DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA PROGETTAZIONE Moderatori: U. L. Aparo (Roma), G. Romano (Verona) I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 7

8 8 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

9 MODELLI ORGANIZZATIVI E STRUTTURALI Prof. arch Cesare Stevan, arch Stefano Capolongo, arch. Roberto Lapi L apparente evoluzione delle tipologie ospedaliere tende a occultare una storia dei luoghi della salute che è caratterizzata da significative discontinuità e clamorose rotture con il passato. Lo spazio dell assistenza e della cura è strettamente relazionato alla dinamica delle trasformazioni sociali, politiche ed economiche e si modifica in conseguenza ad eventi epidemiologici che colpiscono, anche in modo traumatico, le popolazioni modificandone i comportamenti e la progettualità, affinandone le tecniche di difesa, di prevenzione, e di cura. Le relazioni tra i diversi fattori in gioco hanno determinato, via via, e in modo sempre nuovo ed originale le forme del contenitore dell azione assistenziale e terapeutica. L effetto di continuità è stato in gran parte determinato dal fatto che tali forme sono rimaste prevalentemente legate per un lungo periodo al principio della ospitalità intesa come disponibilità ad accogliere. I posti letto e l insieme dell area della degenza hanno per lungo tempo rappresentato l essenza dell ospedale: in origine per assistere, poi per contenere il diffondersi dell epidemia ed isolare gli infetti, successivamente per esercitare il controllo sullo sviluppo della malattia, imparare a diagnosticarne le cause e a definirne la cura. I grandi cambiamenti economici e sociali determinatisi a seguito della rivoluzione industriale, lo sviluppo della ricerca scientifica in campo chimico, fisico e farmaceutico che sono stati i segni manifesti di un progresso che ha connotato l intero XX esimo secolo, hanno portato a una progressiva maggiore consapevolezza e responsabilizzazione nei confronti della salute. La domanda sociale di servizi sanitari è aumentata in modo esponenziale, particolarmente nei paesi economicamente più avanzati, e si è così resa progressivamente evidente l obsolescenza delle strutture destinate alla cura e l esigenza di un radicale rinnovamento delle stesse. Si è palesata contemporaneamente la difficoltà di concepire e realizzare organismi ospedalieri in grado di non nascere già vecchi. Il progetto che riguarda gli spazi sanitari richiede più di altri una forte capacità previsiva e la sensibilità a cogliere i segni premonitori del cambiamento che in ogni epoca si sono resi percepibili con un certo anticipo rendendosi poi espliciti a seguito di eventi epidemiologici che hanno imposto una nuova organizzazione per la salute e, spesso, hanno imposto un del tutto nuovo ordine sociale. Ci si chiede oggi quali siano i segni che annunciano il cambiamento. Sicuramente vanno ritrovati analizzando attentamente le tendenze della ricerca medica, le direttrici dello sviluppo tecnologico, economico, culturale e sociale. Il cambiamento sarà in grande misura dovuto alla ricerca genetica e alle sue applicazioni, alla ricerca biotecnologica, allo sviluppo delle tecnologie informatiche. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 9

10 Sarà dovuto, inoltre, alla spinta sociale che proviene dal desiderio di mantenere per tutto l arco della vita una soddisfacente efficienza fisica e mentale, tenuto conto del costante prolungamento della vita media. Dalla pratica estesa delle azioni tese alla prevenzione e alla promozione della salute, dalla sempre maggiore domanda di qualità ed efficienza della macchina organizzativa del settore sanitario nascerà il cambiamento dello stesso concetto di salute e dei comportamenti dei tradizionali attori sulla scena: il medico (sempre meno clinico) ed il malato (sempre meno disposto ad essere paziente). Quale potrà essere allora lo spazio che ospiterà l azione sanitaria nei prossimi anni? Avrà ancora senso esprimersi in termini di tipologie ospedaliere? Per cercare di rispondere a questi quesiti il ricorso alla storia è fondamentale ma sarebbe anche utile far ricorso alla rappresentazione utopica. Sviluppare cioè uno scenario in cui la sanità e il suo spazio siano descritti cambiando di segno a ciò che nella realtà attuale dell assistenza, della diagnosi e della cura non ci soddisfa e non funziona. Anche se lo spazio dell utopia si è ridotto in conseguenza alla velocità con cui si diffonde l innovazione ed abbiamo perso il piacere all esercizio del pensiero utopico, tuttavia non è impossibile immaginare un ospedale in cui le aree di degenza tradizionale sono del tutto scomparse a favore di più ampie aree diagnostiche e terapeutiche, quest ultime studiate per una limitatissima permanenza del malato. Aree quindi attrezzate per degenze speciali e per terapie intensive che si confrontano con ampi spazi multiuso rapidamente adattabili alle nuove esigenze organizzative. Spazi che sappiano supportare aree di ricerca dotate di una grande flessibilità impiantistica, e che si offrono a una forte intercambiabilità operativa. Spazi ad alta tecnologia, a controllo totale delle condizioni ambientali, capaci di poter essere facilmente adattate alle esigenze sopravvenenti. Un edificio monovolume, nel quale le componenti strutturali, impiantistiche ed edilizie siano ordinate in base alla loro capacità di assorbire l impatto del nuovo e le richieste trasformazioni. Di fatto il passaggio dall ospedale che poneva al centro della sua organizzazione spaziale la degenza all ospedale che risponde alle esigenze di ricerca e sviluppo della innovazione diagnostica e della interventistica medica e chirurgica, pur con evidenti contraddizioni, sta già avvenendo. La tipologia ospedaliera che oggi si dà per acquisita divide le aree, sente l esigenza di separare e organizzare diversamente i servizi attorno ai quali si produce la salute da quelli di ricovero, classifica le aree di degenza per intensità di cura, evidenziandone le diverse interrelazioni distributive, ma il salto innovativo è legato all abbandono del mito della perfetta rispondenza funzionale degli schemi organizzativi e all affermarsi di una visione di uno spazio contenitore di flussi, che si adatta in tempo reale al cambiamento nell organizzazione del lavoro e nella gestione. Se si pensa alla situazione attuale sia nello schema del Modello Base ( Rif: progetto di ricerca finalizzata : Principi guida tecnici, organizzativi e gestionali per la realizzazione e gestione di ospedali ad alta tecnologia e assistenza ), che nel modello 10 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

11 definito di Soglia minima, è possibile proporre la medesima organizzazione distributiva, differenziando e graduando il livello di capacità terapeutica.( le sole specialità di base ecc..); di fatto non c è alcuna differenza, se non dimensionale tra l uno e l altro, e questo perché essi rispondono alla stessa domanda di cura. L ospedale Base può dare le risposte più qualificate quello di soglia minima le risposte più comuni. Tuttavia in un nuovo assetto del sistema organizzativo territoriale (in cui è prevedibile l estendersi dell effetto rete a ogni singolo soggetto che potrà essere monitorato in tempo reale sulle sue condizioni di salute, e provvedervi) la stessa classificazione tra strutture ospedaliere di eccellenza e ospedali minori non potrà reggere a lungo così come oggi è concepita, poiché l offerta resa possibile dalle nuove tecnologie e dalla nuova medicina annulleranno di fatto queste differenze. Questo cambiamento, quindi, non potrà prescindere dalla gestione di una rete efficiente di luoghi destinati alle altre forme di assistenza e da un concreto coinvolgimento organizzativo della assistenza domiciliare, da un incremento delle strutture di degenza riabilitativa, dalle residenze sanitarie, da ambulatori territoriali e da una attenta gestione delle prestazioni che precedono l intervento terapeutico mirato nella struttura ospedaliera. Nello stesso modo la localizzazione dei nuovi centri ospedalieri e dei centri territoriali a questi collegati non potrà prescindere dalla dotazione di infrastrutture del territorio di riferimento (collegamenti stradali e ferroviari, autostrade informatiche, collegamenti satellitari, ecc.) che nella organizzazione della offerta sanitaria di domani diventano pre-condizioni indispensabili. Il tutto configura una forte aspettativa per un ambiente predisposto a garantire condizioni sanitarie ottimali e, nei casi in cui siano necessari interventi mirati ed urgenti (e tutti gli interventi sono da considerarsi urgenti), ad attendere l utente e a non doverlo più fare attendere. La relazione comprende l illustrazione di alcune strutture ospedaliere territoriali rivisitate in relazione alle esigenze attuali più avanzate. Successivamente, per esprimere il concetto di quanto può cambiare la definizione di un edificio in conseguenza all applicazione di nuove tecnologie, si illustrano edifici tradizionali che a seguito di interventi a forte carica innovativa sono in grado di esprimere una maggiore efficienza organizzativa e una migliore qualità delle relazioni con il contesto socio-territoriale. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 11

12 GESTIONE INFORMATICA IN RETE Walter Bergamaschi, Beatrice Cavallucci, Andrea Oliani La rete, come elemento e modello di interazione ed integrazione tra sistemi autonomi e differenziati, rappresenta ormai da oltre 30 anni (ovvero dalla comparsa sul mercato di sistemi informatici distribuiti ) l obiettivo e, forse, la chimera di tutti coloro che si occupano di Sistemi Informativi. La stessa accezione del concetto di rete si è inevitabilmente evoluta col passare del tempo, partendo dalla componente di connessione fisica e trasporto di bit ed arrivando al concetto di regole di cooperazione applicativa, ovvero al livello organizzativo di gestione dei processi aziendali (superando i mitici 7 livelli della pila ISO-OSI). L area dell emergenza rappresenta uno degli esempi più significativi della necessità di gestione informativa (ed informatica) in rete, sia all interno dei confini aziendali (si pensi all importanza di integrazione in tempo reale del Pronto Soccorso con il Laboratorio e con la Radiologia) sia nel contesto inter-aziendale (si pensi alla necessità di integrazione tra 118, Pronto Soccorso, Poli di alta specializzazione e Gestione degenze per la disponibilità di posti letto adeguati). Oggi il modello ritenuto più rispondente a soddisfare tali complesse necessità di integrazione è quello della federazione di sistemi autonomi, e la metodologia di integrazione individuata come vincente è quella della cooperazione applicativa, declinata nelle sue componenti di gestione messaggi, eventi ed expected actions (gestione del processo clinico/assistenziale) Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

13 ORGANIZZAZIONE IN RETE DEL PERSONALE E DEI SERVIZI GENERALI DI SUPPORTO Giuseppe Tonutti, Salvatore Guarneri Introduzione In una realtà come quella italiana, caratterizzata da vaste aree di territorio scarsamente popolato e da una storia di ospedalizzazione diffusa, la carenza di risorse porta i programmatori a mettere in discussione la sopravvivenza di numerose sedi ospedaliere periferiche, favorendo la centralizzazione verso aree maggiormente popolate. Senza dubbio bisogna fare attente valutazioni epidemiologiche e di utilizzo dei servizi, prima di decidere se chiudere o meno un ospedale. Una politica attenta, oltre che alla tenuta dei conti, anche al servizio che viene offerto ai cittadini, deve cercare di raggiungere la massima equità possibile, questo per evitare di porre lei stessa le basi per un ulteriore spopolamento delle aree montane, insulari o disagiate in termini di usufruibilità dei servizi. Da quanto sopra indicato, è fortemente sentita la necessità di abbattere i costi senza ridurre i servizi; in questo campo, modelli organizzativi innovativi, resi possibili anche grazie alle tecnologie via via disponibili, permettono di fornire servizi decentrati a costi sostenibili, soprattutto se valutati assieme all impatto socio-ambientale che questi producono. Tali modalità organizzative si traducono nella messa in rete delle strutture ospedaliere. Mettere in rete gli ospedali significa fare in modo che il lavoro svolto in una sede sia reso disponibile anche per un altra e da questa utilizzato, producendo così delle sinergie in grado di offrire ai pazienti servizi di qualità a costi sostenibili. Questa metodologia di lavoro è valida sia per le attività svolte dai servizi di supporto alle attività sanitarie, sia per le attività cliniche che si svolgono in rapporto diretto con i pazienti. In particolare fra i servizi di supporto possiamo citare quelli generali (magazzini, cucina, centralino, ecc.), quelli tecnici (manutenzioni, informatica, ingegneria clinica, ecc.), quelli amministrativi (acquisti, gestione del personale, commessi, operazioni di back-office, ecc.) e alcuni sanitari (direzione medica, farmacia, sterilizzazione, ecc.). Tale metodologia organizzativa permette senza dubbio di ridurre i costi strutturali, liberando risorse a vantaggio delle strutture clinico-assistenziali. Il vero beneficio per i pazienti, però, si ottiene solo mettendo in rete la parte sanitaria direttamente coinvolta nella produzione delle attività. A titolo di esempio si possono citare l emergenza, la cardiologia, le chirurgie, l oncologia, le radiologie, i laboratori. In realtà la quasi totalità delle funzioni può trarre vantaggio dalla messa in rete della propria attività, soprattutto quando questa incide sui percorsi clinici dei pazienti. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 13

14 Servizi generali Un settore nel quale le sinergie fra più ospedali possono dare interessanti risultati è quello dei magazzini, per gli alti costi spesso poco valutati che questi producono nella loro gestione. Basti pensare al recupero di spazi e di personale che deriverebbero da una accurata gestione di tutta la logistica che porti ad evitare lo stoccaggio diffuso e ridondante dei materiali. Discorso simile può essere fatto per gli archivi, sia amministrativi che sanitari, e per la relativa gestione delle richieste di copie e/o ricerche di documenti. Per i servizi di ristorazione ci sono varie possibilità di gestione, come ad esempio l affidamento ad una ditta esterna; qualunque sia la tipologia di preparazione prescelta, non si devono sottovalutare i recuperi di efficienza che possono derivare dalla realizzazione di una cucina al servizio di più ospedali con trasporto alle altre sedi in linea calda o fredda. Le attrezzature oggi a disposizione, infatti, assieme alla scelta dei menù più adatti alla tipologia di trasporto adottato e ad accurati e costanti controlli sulla qualità del servizio offerto, permettono di assicurare livelli di qualità adeguati anche per i pasti forniti a distanza. Grazie alle tecnologie oggi disponibili è possibile anche modificare l organizzazione dei centralini, eventualmente lasciando più linee disponibili nelle fasce orarie ad intenso traffico telefonico e concentrando in un unica sede il centralino che risponde nelle ore notturne, festive e prefestive. Servizi tecnici Il servizio di Ingegneria clinica appare come una struttura irrinunciabile per ogni presidio ospedaliero, pena una gestione delle tecnologie poco attenta, soprattutto in termini di opportunità del mercato, contributo alle scelte e successiva gestione della funzionalità. Non è azzardare affermare che un ospedale che non si avvale di un servizio di Ingegneria clinica, supportato da una direzione sanitaria all altezza, consumi più tecnologie del necessario e rischi di fare operazioni di acquisto poco vantaggiose e scarsamente valutate. È evidente, però, che un servizio di Ingegneria clinica dedicato ad uno o due presidi di piccole dimensioni sarebbe poco sfruttato nelle potenzialità o in alternativa poco specializzato, dovendo singole figure occuparsi un po di tutto. Pensare a servizi condivisi fra più ospedali permette di ottenere sicuri vantaggi di gestione dei programmi di investimento in tecnologie e favorisce la scelta di attrezzature adeguate a costi migliori. Per le manutenzioni edili ed impiantistiche il discorso è un po diverso per la tendenza diffusa di esternalizzare queste tipologie di servizio. In realtà, qualunque sia la modalità adottata per assicurare i servizi, si otterrebbero economie di scala con la costituzione di squadre di operai specializzati al servizio di più ospedali, senza trascurare la possibilità di ridurre il numero di reperibilità da assicurare. Discorso simile vale per i servizi informatici, oramai irrinunciabili strutture di ogni 14 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

15 presidio ospedaliero. In questo caso, oltre ai vantaggi sopra descritti per le altre strutture del dipartimento tecnico tecnologico, non va sottovalutata l opportunità di rendere uniforme il sistema informativo di ospedali vicini, anche se non appartenenti alla stessa azienda sanitaria, con snellimento degli scambi di informazioni e possibilità di comunicazioni avanzate fra le diverse strutture e quindi facilitazioni nella circolazione dei pazienti. È indubbio che anche altri settori, come quello tecnico-legale, o di progettazione, possono sicuramente fornire servizi più vantaggiosi se entrano a far parte di una organizzazione in rete degli ospedali. Servizi amministrativi Anche i servizi amministrativi possono beneficiare di un organizzazione in rete, riducendo così i costi di gestione di tutte le pratiche. La gestione degli acquisti, centralizzata per più strutture ospedaliere, permette di ridurre il numero delle gare da svolgere, e quindi di avere minor bisogno di risorse umane, e di aumentare la quantità di beni da acquistare, con conseguentemente possibilità di spuntare prezzi più vantaggiosi per gli stessi prodotti. L organizzazione delle strutture del personale, integrate fra loro, permette di avvantaggiarsi in particolar modo nella gestione dei concorsi; comunque anche altre funzioni, come quelle giuridica ed economica possono beneficiare di sinergie operative tra strutture appartenenti ad aziende diverse. I servizi commessi, per gli ospedali più piccoli solitamente basati su singole unità, possono trarre beneficio da modalità operative integrate, soprattutto nella gestione delle assenze degli operatori e nell ottimizzazione dei percorsi, evitando così uscite ridondanti se non addirittura doppie, generate da una mancanza di visione unitaria nella gestione del servizio. Infine, i call center e tutte le operazioni di back-office, possono avvantaggiarsi da una centralizzazione della funzione che può così essere al servizio di più strutture, ottimizzando l utilizzo delle risorse professionali messe a disposizione con conseguenti risparmi nella gestione complessiva di questa tipologia di servizi. Servizi sanitari di supporto La Direzione medica è coinvolta in numerosi progetti, alcuni di tipo gestionale e organizzativo, altri più specificatamente igienistici; ai medici e al personale è chiesto di saper fare una serie di cose molto diverse fra loro, che spesso presuppongono attitudini differenti, basti pensare all organizzazione del personale, alla gestione per processi dei percorsi clinico-assistenziali, alla valutazione degli esiti delle cure, alla lotta e prevenzione delle infezioni ospedaliere, alla valutazione delle tecnologie oppure al coinvolgimento nella gestione della logistica o delle ristrutturazioni edili. In questo contesto non vi è alcun dubbio che l organizzazione in rete delle Direzioni I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 15

16 ospedaliere possa portare benefici e favorire il confronto professionale all interno della categoria. Per la farmacia il discorso è simile se teniamo conto della varietà di presidi e farmaci per i quali il farmacista dovrebbe poter riuscire a mantenere alti livelli di conoscenza e costituire un vero valore aggiunto per la clinica. Una gestione integrata delle professionalità dei farmacisti fra più ospedali potrebbe dare l importante risultato di avere professionisti competenti per ogni tipologia di bene trattato, sia che si tratti di un farmaco antibiotico, che di uno stent carotideo o di un catetere vescicale. Alla parte professionale, inoltre si aggiunge quella di approvvigionamento e immagazzinamento delle scorte con possibili significative economie di scala che deriverebbero da una gestione unitaria, al servizio di più ospedali, dei farmaci e dei presidi. La sterilizzazione è un altro dei servizi che, con un attenta organizzazione dei flussi di materiali e delle modalità di trasporto, può essere centralizzato e messo al servizio di più sedi ospedaliere. In questo caso, oltre ad un incremento della qualità legato all adozione di comportamenti uniformi nell intero processo di sterilizzazione, sono facilmente quantificabili le riduzioni dei costi di investimento e successiva gestione del servizio. I servizi di diagnostica di laboratorio, grazie alle nuove tecnologie comparse negli ultimi anni sul mercato, possono essere centralizzati per la routine di più presidi ospedalieri, lasciando in sede piccoli nuclei, più o meno attrezzati, per la gestione dell attività urgente e/o per interni. In questo caso, senza gravare sull utente possono essere fatte grandi economie di spazi, tecnologie e personale. Le attività cliniche e assistenziali Sebbene le sinergie fra le strutture di supporto degli ospedali possano produrre significative economie di scala, ponendo le basi per una migliore situazione economica delle aziende, la messa in rete degli ospedali nasce per fornire ai cittadini servizi più facilmente usufruibili e di qualità equivalente fra le diverse aree. Gli ambiti nei quali si possono avere i maggiori benefici sono l emergenza, le chirurgie, le cardiologie, i servizi diagnostici, l oncologia e l area materno-infantile, ma in realtà quasi tutta l attività sanitaria può beneficiare della messa in rete con strutture equivalenti di altri ospedali. In questo contesto un valore aggiunto particolare può essere dato dalla messa in rete del personale, con indubbi benefici per la qualità del servizio offerto. Oltre che per i medici di Direzione medica e per i farmacisti, in numerose situazioni, infatti, la circolazione dei medici fra più presidi può favorire l avvicinamento dei servizi al cittadino mantenendo adeguati livelli di qualità del servizio offerto. Le attività per le quali è utile impostare un organizzazione in rete dei medici sono prevalentemente quelle chirurgiche, diagnostiche e della medicina specialistica. Mammella, cataratta, day surgery, grandi interventi. La creazione di team multidisciplinari porta alla condivisione delle conoscenze 16 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

17 scientifiche tra le diverse figure professionali e al trasferimento di queste in attività assistenziali a vantaggio dell utenza. Ad esempio la nascita delle Breast Unit che ha consentito, attraverso la creazione di percorsi diagnostico terapeutici integrati condivisi tra medici di diverse aree specialistiche, di offrire un approccio di qualità ed efficienza nel trattamento della patologia tumorale della mammella. La creazione di percorsi ambulatoriali per pazienti che accedono al Pronto Soccorso ma necessitano, dopo una prima valutazione, di proseguire solamente un percorso diagnostico terapeutico, è un altro esempio importante di integrazione dei servizi che ha consentito la riduzione dei ricoveri inappropriati. L organizzazione in rete peraltro, non può prescindere il coinvolgimento delle figure professionali presenti sul territorio: dal MMG, al PdLS, al personale sanitario afferente alle strutture a minore intensità assistenziale (RSA, assistenza semi residenziale, distretto, etc). In quest ottica, i percorsi assistenziali vengono ridisegnati e le responsabilità degli operatori sanitari allargate. Per favorire la transizione ospedale-territorio è necessario garantire uniformità dei trattamenti, continuità delle cure, appropriatezza degli interventi ed integrazione dei servizi. La realizzazione di iniziative e progetti rivolti ai medici di base e agli specialisti ospedalieri sono essenziali per favorire la condivisione di conoscenze ma anche il completamento e la valorizzazione delle singole competenze e porterebbero all individuazione di percorsi integrati per la gestione ottimale dei pazienti anche in base al grado di complessità. I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 17

18 18 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

19 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, 4 Convegno Nazionale IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA I NUOVI OSPEDALI: ESPERIENZE A CONFRONTO I NUOVI Ospedali OSPEDALI: in rete e servizi esperienze di pronto a soccorso confronto OSPEDALI IN RETE Grado, E SERVIZI 6-7 aprile DI 2006 PRONTO SOCCORSO Grado, 6-7 aprile ª Sessione ESEMPI DI REALIZZAZIONE Moderatori: M. Mauri (Genova), G. Finzi (Bologna) I NUOVI OSPEDALI: esperienze a confronto. OSPEDALI IN RETE E SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO 19

20 20 4 Convegno Nazionale di ORGANIZZAZIONE, IGIENE E TECNICA OSPEDALIERA, Grado, 6-7 aprile 2006

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli