PIANO ATTUATIVO LOCALE VOLUME 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO ATTUATIVO LOCALE 2005-2007 VOLUME 2"

Transcript

1 PIANO ATTUATIVO LOCALE VOLUME 2 IL PROGRAMMA Il PIANO ATTUATIVO LOCALE è il fondamentale documento programmatico di riferimento per la Sanità ed i Servizi socio-sanitari che gli Enti Locali e le Aziende Sanitarie della provincia di Parma hanno elaborato e condiviso, attraverso un percorso di analisi, partecipazione e consultazione. Il PIANO disegna lo scenario complessivo e specifico degli indirizzi e delle scelte che la nostra comunità è chiamata a realizzare per il miglioramento dei livelli assistenziali e del benessere collettivo nei prossimi anni. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

2 2 PIANO ATTUATIVO LOCALE

3 Sommario VOLUME SECONDO ALLEGATI A. I GRUPPI DI LAVORO 1. Gruppo tecnico di coordinamento I gruppi dell area territoriale I gruppi dell area Ospedaliera I gruppi dell area Socio Sanitaria e dei Programmi Integrati... 7 B. GLI ABSTRACT 5. L area territoriale: Le cure primarie; 5.2 Assistenza Specialistica ambulatoriale; 5.3 Dialisi; 5.4 Salute mentale e dipendenze patologiche; 5.5 Sanità pubblica; 5.6 Screening. 6. L area Ospedaliera La rete dell Assistenza ospedaliera; 6.2 La cardiologia e la cardiochirurgia; 6.3 Assistenza integrata ai traumi e neuroscienze; 6.4 Neonatologia e cure intensive pediatriche; 6.5 Genetica medica e malattie rare; 6.6 Procurement e trapianti; 6.7 Programma sangue provinciale; 6.8 Assistenza oncologica; 6.9 Riabilitazione; 6.10 Lungodegenza. 7. L area Socio Sanitaria e dei Programmi Integrati Il sistema dell emergenza-urgenza; 7.2 La politica del farmaco; 7.3 Integrazione delle prestazioni socio-sanitarie: anziani, disabili, minori e fasce deboli, immigrazione; 7.4 Le demenze; 7.5 Le cure palliative. C. IL PERCORSO DI DIREZIONE, PARTECIPAZIONE, CONSULTAZIONE E VALIDAZIONE 8. Il ruolo dell ufficio di Presidenza della Ctss La partecipazione degli Enti Locali e dei Comitati di Distretto Il coinvolgimento della Provincia La consultazione dei Sindacati La consultazione dei Comitati Consultivi Misti La validazione dell assemblea Territoriale Sociale e Sanitaria D. LE RICADUTE DISTRETTUALI 14. Le analisi nel Distretto di Parma Le analisi del Distretto di Fidenza Le analisi nel Distretto di Langhirano Le analisi nel Distretto di Valli Taro e Ceno PIANO ATTUATIVO LOCALE

4 A. I GRUPPI DI LAVORO 1. GRUPPO TECNICO DI COORDINAMENTO Per l AUSL: Fabi Massimo Direttore Sanitario dell Azienda USL di Parma Per l AOU: Spagnoli Gianbattista (fino al ) Sircana Luca (dal ) Direttori Sanitari dell Azienda Ospedaliera di Parma Per la CTSS: Florindo Nicola CTSS Dirigente dell Ufficio per la Programmazione della Il gruppo tecnico di coordinamento si è avvalso, nelle varie fasi di impostazione, revisione, controllo ed edting, dei seguenti professionisti: Per l Azienda USL di Parma: > Luciano Ferrari > Marco Lombardi > Mirco Moroni > Giuseppina Rossi > Leonardo Marchesi > Nadia Campanini Per l Azienda Ospedaliera di Parma: > Silvia Paglioli > Simonetta Stanzani. Per la Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria: > Giuseppe Schirripa > Andrea Bianchi > Gabriele Annoni > Angela Zanichelli > Roberta Mutti 4 PIANO ATTUATIVO LOCALE

5 2. I GRUPPI DELL AREA TERRITORIALE LE CURE PRIMARIE Bertelli Carla, Boldrocchi Gianluca, Branchetti Maura, Brianti Ettore, Ciotti Giuseppina, Cremonini Valeria, Emanuele Rossella, Ferrante Sigismondo, Fornari Marzia, Frattini Giuseppina, Gazzola Annamaria, Ghizzoni Graziella, Lombardi Marco, Rossi Giuseppina, Salvini Paola, Scarpa Sergio. Coordinatore: Tassinari Chiara ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Antonio Balestrino, Giuseppina Ciotti, Girolamo Crisi, Ferdinando Cusmano, Sigismondo Ferrante, Luciano Ferrari, Giuseppina Rossi, Gianbattista Spagnoli Coordinatore: Massimo Migliori DIALISI Vincenzo Cambi, Giovanni Piscina, Egidio Rossi, Maria Rosa Salati Coordinatore: Massimo Fabi SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE Amore Mario, Caroli Giuseppe, Cocconi Rossella, De Donno Lorenzo, Rustichelli Paolo, Pietro Pellegrini. Coordinatore : Giubilini Franco. SANITÀ PUBBLICA Anedda Alberto, Borrini Bianca Maria, Cappelli Ornella, Cozzolino Paolo, Deriu Franca, Ferrari Lucia, Impallomeni Maurizio, Lucertini Stefano, Zatelli Marella. Coordinatore: Pirondi Gianluca SCREENING Conti Giovanni Maria, Di Blasio Beatrice, Franzé Angelo, Gabrielli Marzio, Lombardozzi Luigi, Rusconi Alberto, Zurlini Corrado, De Lisi Vincenzo, Vittorio Condemi. Coordinatore : Zatelli Marella. PIANO ATTUATIVO LOCALE

6 3. I GRUPPI DELL AREA OSPEDALIERA LA RETE DI ASSISTENZA OSPEDALIERA Antonio Balestrino, Caterina Caminiti, Giuseppe Caroli, Sigismondo Ferrante, Leonardo Marchesi, Silvia Paglioli, Simonetta Stanzani. Coordinatori: Massimo Fabi, Gianbattista Spagnoli LA CARDIOLOGIA E LA CARDIOCHIRURGIA Diego Ardissino, Antonio Balestrino, Pier Luigi Bonati, Paolo Coruzzi, Tiberio D Aloia, Sigismondo Ferrante, Tiziano Gherli, Leonardo Marchesi, Paolo Moruzzi. Coordinatore: Umberto Guiducci ASSISTENZA INTEGRATA AI TRAUMI E NEUROSCIENZE Benericetti Eugenio, Bortone Ermelinda, Cantadori Luca, Cavazza Mario, Crisi Girolamo, Furlan Antonio, Vezzani Giuliano, Volpi Annalisa Coordinatore: Servadei Franco NEONATOLOGIA E CURE INTENSIVE PEDIATRICHE Buccarella Cristina, Parmigiani Stefano, Piantelli Giovanni, Pistoleri Antonio, Salvini Paola, Saccani Monica, Vitali Pietro, Balestrino Antonio, Campanini Nadia Coordinatore: Giulio Bevilacqua GENETICA MEDICA E MALATTIE RARE Bertelli Carla, Gazzola Anna Maria, Rossi Giuseppina, Salati Maria Rosa, Salvini Paola Coordinatori: Neri Tauro Maria, Savi Mario PROCUREMENT E TRAPIANTI Vincenzo Cambi, Enzo Capocasale, Marco Mordaci, Egidio Rossi Coordinatore: Mario Mergoni PROGRAMMA SANGUE PROVINCIALE Gino Bernuzzi, Francesco Ghisoni, Leonardo Marchesi, Fiorella Scognamiglio. Coordinatore: Enrica Talarico ASSISTENZA ONCOLOGICA Marco Fumagalli, Gian Carlo Izzi, Giovanni Pedretti, Luigi Roncoroni, Vincenzo Violi. Coordinatore: Andrea Ardizzoni RIABILITAZIONE Branchetti Maura, Cavazzini Rita, Corsina Delfina, Franceschini Marco, Salati Maria Rosa Coordinatore: Boldrini Paolo 6 PIANO ATTUATIVO LOCALE

7 LUNGODEGENZA Lia Lunardelli, Bruno Bocchi, Gianluca Boldrocchi, Giovanni Pedretti Coordinatore: Loris Borghi PIANO ATTUATIVO LOCALE

8 4. I GRUPPI DELL AREA SOCIO SANITARIA E DEI PROGRAMMI INTEGRATI 118 IL SISTEMA DELL EMERGENZA-URGENZA Paolo Bocchi, Sergio Callegari, Luca Cantatori, Roberto Casetti, Massimo Fabi, Adriano Furlan, Francesco Piemontese, Alberto Rusconi, Mario Tubertini. Coordinatore: Marco Vigna LA POLITICA DEL FARMACO Carla Bertelli, Fabio Caliumi, Carlo Coscelli, Anna Maria Gazzola, Marco Lombardi, Giovanni Pedretti, Antonio Pezzarossa Coordinatore: Giulio Formoso INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE Coordinatore: Mirco Moroni Gruppo di lavoro Area Minori, responsabilità familiare e fasce deboli : Alzapiedi Anahi, Bernasconi Sergio, Bilancia Giovanni, Donati Francesca, Giordano Mariella, Izzi Gian Carlo, Mattioli Rosetta, Miodini Stefania, Pirisi Antonio, Superchi Romano, Claudia Zilioli Antonioni Maina, Bezzi Barbara, Ciusa Francesco, Cocconi Rossella, Morreale Ignazio, Tonini Adele, Vessichelli Rita, Zirilli Maria. Coordinatore: Moroni Mirco. Gruppo di lavoro Area Disabili : Alzapiedi Anahi, Cavalieri Fulvia, Gherri Lisetta, Ghiretti Monica, Giordano Mariella, Malpeli Silvia, Miodini Stefania, Sassi Edda, Zanichelli Angela, Zinelli Patrizia Coordinatore: Rita Cavazzini. Gruppo di lavoro Area Anziani : Stefania Baratta, Gianluca Boldrocchi, Simona Cenci, Valeria Cremonini, Lisa Dallapina, Rossella Emanuele, Cinzia Garbi, Maria Grazia Loss, Gianfranca Mazzolenis, Piera Papani. Coordinatore: Maurizio Buzzi. Gruppo di lavoro Salute Immigrati : Antonioni Maina, Bezzi Barbara, Ciusa Francesco, Cocconi Rossella, Morreale Ignazio, Zirilli Maria, Vessichelli Rita. Coordinatore: Tonini Adele. LE DEMENZE Paolo Caffarra, Maria Luisa Lunardelli, Francesca Zennaro. Coordinatore: Enrico Montanari LE CURE PALLIATIVE Andrea Ardizzoni, Giancarlo Pugliano, Giacomo Solari Coordinatore: Francesco Ghisoni 8 PIANO ATTUATIVO LOCALE

9 B. GLI ABSTRACT 5. L AREA TERRITORIALE 5.1 LE CURE PRIMARIE Il DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE è l articolazione che deve assicurare assistenza sanitaria integrata, accessibile, fornita da professionisti responsabili di prendersi carico della maggior quota di bisogni sanitari e che sviluppano una partnership con il paziente anche operando nel contesto della famiglia e della comunità ; una definizione di questo genere fa pensare ad un articolazione che è in grado di dare risposta ai bisogni dei cittadini, delle famiglie e delle forme d aggregazione degli utenti ad un livello particolarmente decentrato dell organizzazione sanitaria e cioè nel modo più prossimale possibile rispetto ai luoghi di vita con una particolare attenzione all appropriatezza ed all efficacia dei trattamenti proposti rispetto alla domanda stessa: per fare ciò si serve degli ambulatori Medici di Medicina Generale (MMG) e Pediatri di Libera Scelta (PLS), dei poliambulatori specialistici, dei consultori e delle comunità residenziali e semiresidenziali oltre che dei servizi che erogano prestazioni direttamente al domicilio. Dalla definizione si evince quindi che il sistema delle cure primarie si occupa, in integrazione con altre articolazioni aziendali e con le istituzioni del territorio, dei problemi di salute emergenti e della gestione della cronicità basandosi sull assunto che il cittadino deve poter utilizzare i servizi mediante percorsi assistenziali integrati che a partire dal bisogno e dalla domanda non si esauriscono con la semplice prestazione: tale gamma di servizi è appropriatamente prodotta ed erogata in un determinato territorio tramite una forma organizzativa definita dei Nuclei delle Cure Primarie (NCP). Per prendersi cura in modo integrato delle persone è necessario operare secondo le pratiche migliori, operando secondo i principi d autonomia e responsabilità propri del governo clinico utilizzandone gli strumenti, ma anche mettere in essere un sistema di conoscenza dei bisogni che si realizza mediante integrazione con gli altri soggetti, istituzionali e non, presenti nel territorio. Gli ambiti d interesse delle cure primarie sono quindi rintracciabili, come detto, nell assistenza offerta dalla medicina generale e dalla pediatria di libera scelta, dall assistenza consultoriale, dai servizi rivolti alle fasce deboli e dall assistenza specialistica ambulatoriale mentre i luoghi della risposta assistenziale sono il domicilio, PIANO ATTUATIVO LOCALE

10 le strutture residenziali e semiresidenziali, cioè i luoghi della domiciliarità in cui si traduce la rete dei sistemi d offerta del territorio, insieme alle sedi ambulatoriali e consultoriali. L ambito organizzativo è il Nucleo delle Cure Primarie (NCP) che funge da struttura di supporto per l autosufficienza produttiva e conoscitiva dei bisogni del territorio di riferimento. Nel rispetto delle indicazioni programmatorie e pianificatorie regionali anche l Azienda USL di Parma ha suddiviso il territorio in Nuclei delle Cure Primarie dove si realizza l aggregazione e l integrazione per un determinato ambito territoriale (di norma comprendente dai ai abitanti) di Medici di Medicina Generale (MMG), Pediatri di Libera Scelta (PLS), Medici di continuità assistenziale (Guardia Medica), Infermieri della èquipe infermieristica domiciliare e degli ambulatori specialistici ove presenti con i relativi specialisti, ostetriche, Terapisti della riabilitazione, Assistenti sociali. In ogni NCP è presente un referente il cui ruolo è di coordinare le varie figure professionali, svolgendo la propria attività in rapporto con il Direttore del Dipartimento Cure Primarie (DCP) distrettuale. L Associazionismo dei MMG e PLS rappresenta il modello organizzativo e culturale su cui sviluppare il reale processo di cambiamento della medicina territoriale nella forma evolutiva dei NCP. In particolare la medicina di gruppo con l utilizzo di personale dedicato (collaboratori di studio, infermieri) e con una specifica organizzazione dei MMG (orari dell attività ambulatoriale, continuità assistenziale, ecc..) ha sicuramente favorito, in questi anni, un miglioramento della risposta assistenziale e una semplificazione della possibilità d accesso ai servizi da parte degli assistiti. Attualmente nella nostra Azienda su un totale di 317 MMG, 152 sono associati nella medicina in rete, 43 nella medicina di gruppo, e 20 nella medicina in associazione. Si ritiene necessario favorire ulteriormente l aggregazione dei MMG verso la medicina di gruppo, poiché essa rappresenta la base su cui sviluppare e consolidare la crescita dei NCP. Nella provincia di Parma sono stati costituiti 21 NCP e per ognuno di essi è stato individuato il referente; in alcuni, inoltre, sono state identificate le équipe infermieristiche, le ostetriche e sono iniziati i lavori di consolidamento del rapporto istituzionale ed organizzativo con le équipe domiciliari dei comuni. Il NCP però, non sempre potrà soddisfare i bisogni della popolazione di riferimento e quindi i percorsi di cura dovranno prevedere il loro completamento o prosecuzione nei servizi offerti nella specialistica di secondo livello e/o nella degenza ospedaliera che a loro volta, tramite il sistema integrato Ospedale-territorio vedranno il ritorno del paziente a percorso specialistico concluso e lo riprenderanno in carico per la gestione della cronicità o per le fasi della riabilitazione e del reinserimento nella vita abituale. L ospedale ed i livelli specialistici più complessi quindi fungono da polo di riferimento per l acuzie e la specializzazione ed hanno necessità di trovare modalità di raccordo 10 PIANO ATTUATIVO LOCALE

11 con i servizi territoriali per realizzare la vera integrazione ospedale-territorio (un esempio di raccordo fra queste due realtà può essere rappresentato dal Centro Unico d accesso alle cure domiciliari). I compiti del prossimo triennio possono essere inquadrati in una strategia multipla che vede al centro politiche di carattere strutturale e tecnologico tramite, ove necessario, la collocazione dei NCP in sedi idonee e la loro dotazione d attrezzature e dotazioni tecnologiche ed informatiche, di carattere organizzativo mediante il consolidamento dei rapporti fra tutte le professioni e le figure coinvolte e la definizione di percorsi garantiti in ogni territorio, di carattere culturale tramite la promozione di una pratica di costante attenzione e manutenzione del tema della continuità assistenziale intesa nella sua più vasta accezione possibile. Relazioni e percorsi integrati tra Dipartimento Cure Primarie e Ospedale Il sistema delle cure primarie quindi, così come delineato dai documenti regionali, si può paragonare ad una rete a maglie sottili i cui i nodi, cioè i luoghi di cura sono rappresentati dagli ambulatori dei medici e dai poliambulatori come dai consultori mentre le maglie della rete sono cioè i percorsi, i protocolli, le procedure, gli accordi, ecc. Finora, nell ASL di Parma è stato necessario costruire il sistema dei nodi ma è divenuto opportuno spostare l attenzione sui percorsi, sulle relazioni professionali, sulle modalità erogative ed i loro tempi per poter arricchire il sistema delle fasi funzionali di reale importanza sull efficacia e l efficienza del sistema: ciò vuol dire individuare i percorsi assistenziali coinvolgendo gli operatori, nel rispetto dei ruoli e delle autonomie e responsabilità professionali. L integrazione tra ospedale e territorio attraverso percorsi assistenziali definiti, praticabili e di comune vantaggio per gli utenti è certamente una delle sfide di maggior interesse nella logica dell appropriatezza delle cure e della continuità dell assistenza. E opportuno considerare che sia l ospedale sia il territorio sono in fase di consolidamento di modelli assistenziali ed organizzativi, e devono incrementare l aspetto dell integrazione tra i due sistemi. Le mutate esigenze dei cittadini, l attenzione sulle modalità d accesso al sistema sanitario e l esigenza di dare continuità alle cure, impongono una riflessione sul processo d assistenza che deve essere in parte comune tra strutture ospedaliere e distrettuali. Ciò può realizzarsi con maggiore vigore ed autorevolezza anche tramite la costituzione di Unità di Valutazione multidimensionali di NCP, che veda partecipi direttamente gli stessi operatori di nucleo. Tema centrale è dunque il rapporto tra Ospedale e Territorio (tra Presidio Ospedaliero e Dipartimento delle Cure Primarie) utile a meglio inquadrare il percorso di dimissione protetta, dopo la risoluzione della fase acuta, che è un percorso da organizzare prima della dimissione attraverso il coinvolgimento dei professionisti territoriali, al fine di garantire continuità dell assistenza attraverso un programma di cure domiciliari o il PIANO ATTUATIVO LOCALE

12 trasferimento verso strutture residenziali socio-sanitarie. Ciò prevede che si considerino comunque alcune particolarità: la necessità, per le caratteristiche organizzative dei sistemi territoriali, di meglio programmare i tempi di attivazione per ricevere a domicilio un paziente. L asimmetria nella gestione dei tempi organizzativi tra ospedale e territorio è, infatti, uno dei temi critici; la complessità dei meccanismi che danno luogo alle Dimissioni Protette richiede un sistema di comunicazione e di relazione tra ospedale e territorio fluido e tempestivo; i percorsi integrati ospedale territorio sono migliorabili quindi ponendo la questione in termini di governo clinico tra ospedale e territorio. Per rispondere quindi alle mutate esigenze degli assistiti e per valorizzare al meglio gli interventi, anche infermieristico-tecnici, il modello organizzativo delle Cure Primarie deve fondarsi su: linee di responsabilità a rete (lavoro in team e per progetti e non per prestazioni); sviluppo dell autonomia e della responsabilità delle figure infermieristiche e tecniche. Le linee di responsabilità a rete focalizzano l attenzione sul bisogno assistenziale e sul risultato e non più sul compito e permettono di gestire le complessità tipiche di quelle situazioni patologiche e organizzative in cui è richiesta l attività infermieristica le cui caratteristiche fondanti si basano sulla centralità dell assistito con elevate capacità di presa in carico e personalizzazione delle cure, sulla differenziazione delle risposte in relazione alla multidimensionalità dei problemi sviluppando sempre di più una pratica basata sulle prove di efficacia. Necessaria diventa la messa in atto della procedura della presa in carico che permette di garantire la continuità e la qualità delle cure. Quando vi è una complessità assistenziale elevata e quindi è elevata la necessità di integrazione sia professionale sia di servizi è necessario individuare un responsabile del caso. Infatti, a maggiori complessità dei bisogni corrisponde una complessità maggiore nell utilizzo appropriato dei servizi con relativa necessità di garantire unitarietà nell assistenza. Il ruolo della famiglia Il nostro territorio è caratterizzato ancora da relazioni e scambi familiari che portano ad affermare che molte persone, che vivono da sole dal punto di vista anagrafico, appaiono in realtà al centro di una fitta rete di scambi. Si potrebbe affermare che i fragili sono, in effetti, un po meno tali dal punto di vista delle loro relazioni e vita quotidiana e molte famiglie classicamente intese si allargano quotidianamente o periodicamente ad accogliere, accudire o farsi a loro volta aiutare da qualcuno che formalmente fa famiglia a sé; con la stessa convinzione possiamo però affermare che questo sistema potrebbe essere ulteriormente amplificato da una conoscenza puntuale delle realtà territoriali possibile tramite l integrazione fra ASL e istituzioni locali. 12 PIANO ATTUATIVO LOCALE

13 I rapidi mutamenti demografici cui stiamo assistendo, insieme con i profondi cambiamenti che la famiglia ha subito negli ultimi decenni, aprono possibilità sulla identificazione di possibili soluzioni e diverse opzioni di cura. La modifica della struttura della famiglia verso un solo nucleo e l aumento delle famiglie unipersonali, porta soprattutto le donne anziane e sole ad avere più bisogno di assistenza e aiuto. Negli anni Ottanta, poi, le funzioni di cura per gli anziani si sono indirizzate verso la tendenza al mantenimento dell anziano, anche disabile, nel proprio ambiente familiare, nella comunità, nella propria abitazione. La cura a domicilio è divenuta la priorità, ma lo sviluppo di queste modalità assistenziali si è mosso in modo non sempre univoco e lineare sia dal punto di vista organizzativo sia da quello funzionale. E perciò importante che la famiglia entri a pieno titolo nel processo assistenziale, divenendo anche una fondamentale risorsa unificante da utilizzare al meglio, per garantire un adeguata assistenza e un idoneo reinserimento alla vita sociale. A questo fine è necessario esaminare le modalità attraverso le quali affrontare il tema della famiglia e dei suoi rapporti con i nodi della rete dei servizi, considerandola come componente essenziale della rete stessa. Occorre sviluppare un alleanza terapeutica tra équipe assistenziale, il paziente e la sua famiglia, fornendo loro gli strumenti e le conoscenze necessarie a divenire soggetti consapevoli e partecipi del progetto terapeutico-assistenziale. La motivazione dominante è quella di lavorare insieme in un percorso terapeutico, nel quale gli obiettivi dovranno essere adeguati alla situazione contingente ed alle prospettive di carattere prognostico. Tale considerazione permette di far assumere alla famiglia un ruolo equiparabile a quello degli altri nodi della rete. In prospettiva, come si evince dai paragrafi precedenti, il Nucleo di Cure Primarie contiene la potenzialità di soggetto produttivo che garantisce, in modo uniforme sul territorio provinciale, l autosufficienza produttiva come risposta ai bisogni cosiddetti di Primo livello; tale condizione è realizzabile in modo ancor più compiuto se s ipotizza la realizzazione d altri due percorsi integrati: quello con il Dipartimento di Salute Mentale e quello con il Dipartimento di Sanità Pubblica. In relazione al primo di questi due ultimi obiettivi va considerato che la Regione Emilia Romagna ha promosso un programma d integrazione fra i Dipartimenti di Salute Mentale (DSM) e i MMG, finalizzato a favorire il miglioramento dei percorsi d accesso e cura per le persone affette da disturbi mentali. Le motivazioni di una forte integrazione fra DSM e i MMG sono riconducibili a molteplici fattori, fra cui il dato epidemiologico più importante è determinato dal fatto che la maggior parte delle persone con disturbi mentali lievi si rivolge, come primo accesso, al proprio medico curante. La diagnosi corretta di questi disturbi lievi è di fondamentale importanza in quanto vi è la possibilità di attuare in questa prima fase dei provvedimenti terapeutici essenziali per evitare un peggioramento dello stato di salute del paziente. Da sottolineare anche il fatto che la maggioranza dei pazienti con patologie psichiatriche PIANO ATTUATIVO LOCALE

14 è trattata direttamente dai MMG. E necessario quindi promuovere la costituzione di gruppi di lavoro aziendali e distrettuali, costituiti da MMG e psichiatri, con il compito di favorire la formazione congiunta dei professionisti, la realizzazione di protocolli condivisi, l individuazione d indicatori di qualità e il monitoraggio e verifica dei risultati raggiunti. Il percorso d integrazione con il Dipartimento di Sanità Pubblica vede come elemento causale la considerazione che i problemi sanitari della popolazione, riconoscono sovente fattori causali o di rischio, fattori favorenti o acceleratori collegabili a variabili non individuali, ma comuni ad altri gruppi di persone ed, in quanto tali, identificabili quali problemi di sanità pubblica e sovente il sistema (sanitario e sociosanitario) delle cure primarie alla persona non riesce a dare una risposta completa al bisogno sanitario dell individuo. Il motivo di tali parziali defaillances risiede nella stretta connessione tra il bisogno individuale e fattori determinanti non governabili né dal singolo individuo, né dal singolo operatore sanitario, né dal sistema delle cure primarie: malattie o disagi riferibili ad errati comportamenti o stili di vita, malattie o disagi riferibili a contesti ambientali a rischio o comunque alterati (intesi sia come ambiente esterno sia come ambiente interno di vita, lavorativa o privata), malattie o disagi riferibili a situazioni di disuguaglianza socioeconomica. Tali determinanti non sono generalmente trasformabili in modo significativo dall azione, anche se integrata, dei servizi sanitari. La direzione per aggredire tali temi sta nell azione concertata e sinergica tra gli Enti, le Istituzioni e le espressioni della società civile che hanno titolo per agire sul tema o sui problemi che originano o favoriscono situazioni di non-salute. Partecipano quindi le Aziende sanitarie, ma insieme agli Enti Locali e alle altre componenti della Pubblica Amministrazione, nonché i soggetti della società civile e di mercato. Lo strumento è pertanto il patto tra soggetti diversi, orientato su obiettivi di salute condivisi, ovvero il Piano per la Salute. E altresì sostenibile che, nel riservare il lavoro per Piani per la Salute a poche selezionate priorità condivise, una miglior interazione tra servizi sanitari può comunque migliorare l esito delle cure, intese sia in senso individuale che collettivo. L organizzazione sanitaria deve quindi costruire percorsi di comunicazione e di collaborazione che consentano di migliorare, nel contempo, gli interventi sulla persona in termini di efficacia individuale e quelli di sanità pubblica in termini di selezione di reali problemi di salute e di efficacia collettiva e tale interazione può essere anche utile a meglio sostenere il bisogno di lettura dei fenomeni e di selezione dei problemi nelle funzione di elaborazione di proposte di programmazione e pianificazione sanitaria. E incontestabile che il Dipartimento di Sanità Pubblica debba essere in grado di intervenire sugli ambiti collettivi ma ciò che è meno scontato è come tale funzione possa essere esercitata in modo efficace oggi. Per agire su tali terreni, il DSP non può restare avulso dal sistema delle cure primarie, con cui va costruita invece una solida progettualità congiunta. Tralasciando il contributo in rete da fornirsi sui rischi ambientali per la salute, su cui sono già in parte consolidate norme disciplinari specifiche, e quello a supporto 14 PIANO ATTUATIVO LOCALE

15 dei Piani per la Salute, vi sono due grandi temi, determinanti lo stato di salute della popolazione, su cui i due dipartimenti in modo integrato possono riposizionarsi in modo nuovo ed originale. Il primo ambito è quello delle disuguaglianze, tema su cui una visione semplicistica potrebbe portare ad escludere una funzione propria o specifica del Servizio sanitario, in assenza degli interventi di Enti ed Istituzioni di governo. Un primo modo per agire sulle disuguaglianze è già quello di partecipare alla definizione ed alla manutenzione di percorsi integrati dedicati a tali fasce, capaci di assicurare quel sostegno e quella presa in carico che tipologia e grado di vulnerabilità richiedono. L altro ambito di lavoro con cui un Dipartimento può influire sulle disuguaglianze è quello della partecipazione a progetti interservizi di miglioramento della qualità della vita di disagiati istituzionalizzati Il secondo ambito su cui è credibile costruire un riposizionamento dei Dipartimenti utile al miglioramento dell efficacia del Servizio sanitario è la promozione della salute attraverso l implementazione di stili di vita sani. La modifica dei comportamenti, identificati tra i determinanti di salute, è tradizionalmente affidato o a campagne di informazione rivolte alla popolazione generale, promosse ai vari livelli (dal Ministero della Salute alla singola Azienda sanitaria), o al rapporto diretto, fino al counselling, tra medico curante e singolo assistito. Solitamente, i due livelli sono totalmente disgiunti nelle strategie, nelle metodiche di intervento e nelle possibilità di valutazione, pur essendo innegabilmente il comportamento deviante individuale la rappresentazione quotidiana di un tema rilevante di sanità pubblica. Il terreno locale ottimale su cui costruire strategie di promozione di stili di vita sani è ancora una volta quello delle alleanze, dei patti tra enti, associazioni, gruppi di cittadini, nella realizzazione di Piani per la salute mirati. Però, anche dove non si realizzano tali condizioni, è possibile costruire una rete di servizi che superi la rigida alternativa campagna informativa-counselling individuale Se il riferimento territoriale del sistema delle cure primarie sono i nuclei di cure primarie, è possibile disegnare interventi di promozione della salute per gruppi di assistiti di un definito ambito territoriale, che hanno in comune medici di famiglia dello stesso nucleo, stessi infermieri domiciliari, identico consultorio familiare e, anche, alcuni specialisti di riferimento. In questa prospettiva gli interventi potrebbero essere opportunamente contestualizzati ed orientati secondo la rilevanza dei diversi problemi. Si possono sicuramente immaginare interventi di prevenzione primaria rivolti a gruppi di assistiti che presentano fattori di rischio comuni, ma anche iniziative di prevenzione secondaria volte, ad esempio, ad incrementare la compliance a programmi pubblici di diagnosi precoce in campo oncologico tra gli assistiti di uno o più nuclei in età a rischio. Possono essere previsti anche progetti di prevenzione terziaria, volti alla promozione di comportamenti preventivi di possibili complicanze, verso gruppi di assistiti afflitti PIANO ATTUATIVO LOCALE

16 da determinate patologie. Quello che può servire ai nuclei di cure primarie per fare questo salto è un contributo nella capacità di osservare fenomeni collettivi partendo dall esperienza individuale, di aggregare gruppi di assistiti, di mettere in rete competenze e professionalità esterne ai nuclei, di comunicare il rischio, di seguire nel tempo un progetto di interesse collettivo, di disegnare e condurre valutazioni degli interventi. Per contribuire a meglio sviluppare le capacità e le abilità prima ricordate, perché non provare modelli in cui il nucleo delle cure primarie abbia un riferimento certo ed identificato all interno del Dipartimento? Perché non costruire nuclei che, oltre ad assicurare la loro funzione essenzialmente di diagnosi, cura ed assistenza, siano anche sede di identificazione di problemi sanitari del territorio? Perché non prevedere che professionisti del Dipartimento dedichino parte delle proprie competenze alla relazione con i nuclei e, con loro, alla costruzione di programmi mirati di promozione della salute? I Dipartimenti, per assicurare tali funzioni, dovrebbero essere in grado di: promuovere o partecipare a progetti di modifica degli stili di vita rivolti alla popolazione o a gruppi di essa; esercitare le proprie competenze professionali specifiche nella modifica dei contesti ambientali problematici; esercitare le competenze professionali sulle disuguaglianze socioeconomiche collettive generatrici di rischi o danni sanitari; affrontare i problemi di sanità pubblica secondo il metodo delle reti integrate di servizi, individuando i possibili fattori di rischio o di danno presenti in una situazione, ma attivando anche i servizi, gli enti e le professionalità utili alla loro risoluzione o mitigazione. Le competenze professionali specifiche cui si fa riferimento sono: la descrizione e la valutazione in termini epidemiologici dei problemi segnalati, la conduzione di iniziative di informazione e di educazione alla salute, l esercizio della sorveglianza sanitaria su gruppi di popolazione, l esercizio delle funzioni di segnalazione, proposta e supporto all Ente Locale. 16 PIANO ATTUATIVO LOCALE

17 5.2 ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE OBIETTIVI La presente stesura si pone come linea di indirizzo e base tecnica per l elaborazione del Piano Attuativo Locale e del Programma dell Assistenza Specialistica Ambulatoriale (Delibera di Giunta Regionale 293/2005) finalizzato ad avviare il processo d accreditamento delle strutture di specialistica ambulatoriale. Dal punto di vista metodologico i riferimenti utilizzati sono: rapporto sulla specialistica ambulatoriale 2002 in Emilia-Romagna; Dossier ; Agenzia Sanitaria Regionale; report sui tempi di attesa; relazione sanitaria Analisi della domanda e della produzione 2003 a cura del Servizio Sviluppo Organizzativo e Progettazione. La procedura di lavoro seguita per l analisi preliminare è stata la seguente: 1. valutazione dello stato dei tempi di attesa prospettati per le prestazioni critiche quali indicatori generali dello stato del sistema della specialistica; 2. classificazione dei distretti dell AUSL in uno dei gruppi omogenei regionali sulla base degli indicatori individuati nel Rapporto sulla specialistica ambulatoriale 2002 ; 3. indicazione di azioni migliorative sulla base dell analisi derivante dai punti 1 e ANALISI DEL CONTESTO E CRITICITÀ Valutazione e commento dei tempi di attesa I tempi di attesa danno indicazioni generali sull andamento di un sistema di erogazione di prestazioni ma non sono in grado di dare indicazioni sull origine di eventuali disfunzioni se non rapportate ad indicatori di offerta e di domanda. Sintesi sui tempi di attesa e sulle criticità L esame dell offerta settimanale di prestazioni per abitanti per i quattro distretti dell Azienda mette in luce come gran parte dell offerta di prestazioni si concentrata nella città di Parma. La situazione della provincia di Parma come sistema erogativo di prestazioni sanitarie PIANO ATTUATIVO LOCALE

18 fornite dai tre produttori presenti (AUSL, privati accreditati ed Azienda Ospedaliera) è sufficiente a garantire in gran parte dei casi tempi di attesa adeguati ed all interno degli standard fissati. Rimangono peraltro alcuni punti di inadeguatezza che vanno decisamente migliorati. Prestazioni stabilmente critiche: Visita Oculistica EMG Visita Endocrinologica Urgenze Dotazione di strutture La dotazione di strutture che offrono prestazioni di specialistica è stata studiata mediante gli indicatori DAO (densità assoluta dell offerta) e DOP (densità dell offerta pesata) di cui al Rapporto sulla specialistica ambulatoriale La posizione dei Distretti dell Azienda USL di Parma dà misura della dotazione di strutture rispetto a tutti gli altri distretti della Regione Emilia-Romagna ed in particolare rispetto ad un area che è stata chiamata della normalità poiché comprende i distretti che si dispongono nel 50% centrale della serie crescente. Come si vede nella provincia sono presenti situazioni molto diverse tra i Distretti: Valli di Taro e Ceno e Fidenza sono al centro della distribuzione in posizione normale, il distretto Sud - Est evidenzia una notevole scarsezza di strutture di produzione mentre al rovescio Parma è uno dei distretti della regione dotati di strutture di specialistica ambulatoriale che hanno un elevatissima produzione. Si può certamente interpretare il dato con il richiamo che le strutture di Parma (Azienda USL, Privato Accreditato e soprattutto Azienda Ospedaliera) esercita sulla popolazione dell intera provincia. Il dato sulla presenza di strutture produttive di Assistenza Specialistica Ambulatoriale per se non dà indicazioni ma va collegato ai dati di consumo e di mobilità. 18 PIANO ATTUATIVO LOCALE

19 Tab. 1 Rappresentazione della densità di offerta (2003) Distretto Ambito Punti offerta Punti offerta pesati Popolaz. DAO DOP DIST.del Rubicone PIANURA 76 15, ,4 DIST.Sud Est MONTAGNA 38 15, ,4 DIST.di Castelfranco E. PIANURA 24 16, ,2 DIST.di s.lazzaro di Savena MISTO 72 20, ,4 DIST.di Sassuolo MISTO , ,0 DIST.di Vignola MISTO 52 27, ,5 Val Tidone Cast.S.Giov. MISTO 37 18, ,5 Val d Arda Fiorenzuola MISTO 60 27, ,0 DIST.Alta Val Trebbia Alta Val Nure MONTAGNA 37 5, ,3 DIST.di Scandiano MISTO 41 29, ,1 DIST.Area di Riccione PIANURA 53 43, ,2 43,2 DIST.di Carpi PIANURA 68 45, ,7 DIST.di Pavullo MONTAGNA 41 18, ,2 DIST.di Casalecchio di Reno MISTO , ,8 DIST.di Mirandola PIANURA 82 39, ,9 DIST.di Correggio PIANURA 48 23, ,2 DIST.Valtaro Valceno MONTAGNA 56 23, ,3 DIST.di Guastalla PIANURA 46 34, ,6 DIST.di Montecchio PIANURA 36 30, ,5 DIST.di Porretta Terme MONTAGNA 86 30, ,7 DIST. di Fidenza MISTO 95 55, ,1 DIST.di Ravenna URBANO , ,6 PIANO ATTUATIVO LOCALE

20 DIST.di Copparo PIANURA 54 23, ,5 DIST.di Portomaggiore PIANURA 73 28, ,7 DIST.di Pianura Est PIANURA , ,6 DIST.di Castelnuovo Monti MONTAGNA 32 22, ,6 DIST.Area di Rimini URBANO , ,1 DIST.di Codigoro PIANURA , ,7 DIST.di Lugo PIANURA 81 65, ,7 DIST.di Pianura Ovest PIANURA 42 34, ,2 DIST.di Piacenza URBANO 72 91, ,3 70,3 DIST.di Cento PIANURA 76 44, ,3 DIST.di Imola PIANURA 72 87, ,5 DIST.di Faenza PIANURA 73 67, ,5 DIST.di Forlì MISTO , ,5 DIST.di Cesena - Valle del Savio MISTO , ,2 DIST.di Reggio Emilia URBANO , ,6 DIST.di Parma URBANO , ,8 DIST.di Modena URBANO , ,9 DIST.di Ferrara URBANO , ,1 DIST.Ovest-Est URBANO , ,5 L indicatore DAO (densità assoluta dell offerta rappresenta il rapporto fra i punti di offerta (totale discipline per sede) e la popolazione * L indicatore DOP (densità dell offerta pesata) rappresenta la pesatura delle strutture Distrettuali per volume di erogazione prendendo come riferimento la media regionale (valore = 1) di ogni singola disciplina Consumi e sedi di fruizione Sono stati presi in esame gli indici dei consumi (prestazioni fruite dai cittadini residenti nei vari distretti, distinte nelle varie aggregazioni del Nomenclatore regionale nell anno 2003) e quelli riguardanti la struttura presso la quale sono state effettuate le prestazioni considerando interne tutte le prestazioni ottenute da qualsiasi produttore presente nel distretto di residenza (strutture AUSL, Azienda Ospedaliera, privati provvisoriamente accreditati) ed esterne (mobilità passiva) tutte le altre. I due dati sono espressi assieme in diagrammi di dispersione (vedi fig. 1 relativa alle prestazioni di base) che indicano la posizione dei distretti della Regione Emilia-Romagna al proposito e permettono di valutare la situazione dell AUSL di Parma in relazione agli altri distretti della Regione. In generale i cittadini dei Distretti dell AUSL di Parma si collocano nell ambito dei consumi medi regionale per le varie aggregazioni di prestazioni ambulatoriali (Visite, Diagnostica, Laboratorio, Riabilitazione, Terapeutiche). 20 PIANO ATTUATIVO LOCALE

Presentazione del quadro conoscitivo della rete dei Servizi e delle risorse territoriali delle due province: PARMA

Presentazione del quadro conoscitivo della rete dei Servizi e delle risorse territoriali delle due province: PARMA Presentazione del quadro conoscitivo della rete dei Servizi e delle risorse territoriali delle due province: PARMA STRUTTURAZIONE TAVOLI PROVINCIALI Nel 2001 nasce il Coordinamento provinciale affido familiare

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Essere Volontari in cure palliative. Accompagnare il malato inguaribile e la sua famiglia in hospice e a domicilio. Al via un corso di formazione

Essere Volontari in cure palliative. Accompagnare il malato inguaribile e la sua famiglia in hospice e a domicilio. Al via un corso di formazione Conferenza Stampa Essere Volontari in cure palliative. Accompagnare il malato inguaribile e la sua famiglia in hospice e a domicilio. Al via un corso di formazione Martedì 5 aprile 2011 ore 11.00 Sala

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle Cure Primarie L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità Esperienze regionali a confronto:

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di /$1829$25*$1,==$=,21($0%8/$725,$/( 1(// $=,(1'$86/',)(55$5$ L attività specialistica ambulatoriale nell Azienda USL di Ferrara è una delle principali attività d assistenza sanitaria che impegna oltre il

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

AREA ANZIANI PREMESSA

AREA ANZIANI PREMESSA DISTRETTO VALLI TARO E CENO DOCUMENTO DI INTEGRAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISTRETTUALE FUNZIONALE ALL AVVIO DEL PROCESSO DI ACCREDITAMENTO (DGR 514/2009) BIENNIO 2010/2011 Approvato nella seduta del Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Gennaio 2012 Indice 1 Premessa 3 2 Percorso 5 2.1.1 Avvio 5

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto L Oss nell Sede di Fermo Antonino Longobardi Mariangela Cococcioni FERMO 20 GIUGNO 2012 L evoluzione del numero

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

Le azionidi sviluppoe miglioramentodellecure: le proposte dei professionisti

Le azionidi sviluppoe miglioramentodellecure: le proposte dei professionisti 14 dicembre 015 Le azionidi sviluppoe miglioramentodellecure: le proposte dei professionisti Dr. Enrico Desideri Commissario Aziende Usl7, Usl8, Usl9 1 Prioritàstrategicada affrontareconunmodelloorganizzativoorizzontale,

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

Udine, 30 ottobre 2015

Udine, 30 ottobre 2015 Udine, 30 ottobre 2015 2 CONVEGNO INTERREGIONALE CARD La Prevenzione nel distretto DIREZIONI TECNICHE REGIONALI: Stato dell arte nelle Regioni del Triveneto, della realizzazione delle leggi di riforma

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini Comune di PRIVERNO Capofila Comune di BASSIANO Comune di MAENZA Comune di PROSSEDI Comune di ROCCAGORGA Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI Comune di SEZZE Comune di SONNINO Distretto Monti Lepini REFERENTE

Dettagli

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari Conferenza Stampa Nasce il Polo Neurologico interaziendale diretto da Enrico Montanari Martedì 15 dicembre 2015 ore 11.00 Sala Riunioni Direzione Generale AUSL di Parma Alla Conferenza Stampa sono presenti:

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA Obiettivo 2015 sulle liste di attesa in Sanità in Regione Emilia - Romagna: garantire almeno

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA PROGETTO SALEM PER L ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI E AGLI INDIGENTI SENZA FISSA DIMORA

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI UTENZE PER FAMIGLIE A RISCHIO LAVORO TRA

PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI UTENZE PER FAMIGLIE A RISCHIO LAVORO TRA PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI UTENZE PER FAMIGLIE A RISCHIO LAVORO TRA LA PROVINCIA DI PARMA, rappresentata dal Presidente della Provincia, I COMUNI di: Berceto, Bore, Borgo Val

Dettagli

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE L INFERMIERE DI FAMIGLIA Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE Uno degli obiettivi di oggi RILEGGERE LO SVILUPPO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA TERRITORIALE DAL PUNTO

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 2181/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno venerdì 28 del mese di dicembre dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Presentazione ---------------------------

Presentazione --------------------------- Presentazione --------------------------- Le cure primarie sono i servizi socio - sanitari offerti ai cittadini vicino ai loro luoghi di vita, formate da reti integrate di servizi sanitari e sociali. Le

Dettagli

RUOLO DEI SERVIZI DI EMERGENZA URGENZA E COORDINAMENTO CON LE STRUTTURE TERRITORIALI DI CURA

RUOLO DEI SERVIZI DI EMERGENZA URGENZA E COORDINAMENTO CON LE STRUTTURE TERRITORIALI DI CURA RUOLO DEI SERVIZI DI EMERGENZA URGENZA E COORDINAMENTO CON LE STRUTTURE TERRITORIALI DI CURA ANNA MARIA FERRARI DIRETTORE DIPARTIMENTO DI EMERGENZA URGENZA REGGIO EMILIA COCAINA E NUOVI CONSUMI (progetto

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari 2 Convegno Nazionale Ospedale Città e Territorio Verona, 13-15 Settembre 2007 Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari Le strutture Sanitarie territoriali

Dettagli

PEDIATRIA DI COMUNITA DATI DI ATTIVITA ANNO 2011

PEDIATRIA DI COMUNITA DATI DI ATTIVITA ANNO 2011 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE SERVIZIO ASSISTENZA DISTRETTUALE,MEDICINA GENERALE, PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEI SERVIZI SANITARI PEDIATRIA DI COMUNITA DATI DI ATTIVITA ANNO 2011 A cura di: Diana

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE ACCORDO DI COLLABORAZIONE/INTEGRAZIONE ASL DI BRESCIA / STRUTTURE DI RICOVERO E CURA DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE A.O. Spedali Civili di Brescia A.O. Desenzano

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle

Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle La sanità veneziana verso il 2015 Applicazione della deliberazione della Giunta regionale 68/CR del 18 giugno 2013 Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Dato atto che con delibera 1235 del 22.09.1999 il Consiglio regionale ha adottato il Piano Sanitario Regionale per il triennio 1999 2002;

Dato atto che con delibera 1235 del 22.09.1999 il Consiglio regionale ha adottato il Piano Sanitario Regionale per il triennio 1999 2002; Page 1 of 8 Prot. N. (OSP/05/33015) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dato atto che con delibera 1235 del 22.09.1999 il Consiglio regionale ha adottato il Piano Sanitario Regionale per il triennio

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Elisa Rozzi Servizio Presidi Ospedalieri Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Assessorato Politiche

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo

Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo Badiali Cinzia, Franchi Fabia, Petroni Manuela, Morini

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Granucci Lucia Infermiera di famiglia UO Infermieristica Territoriale Resp. Svaldo sensi UF Cure Primarie Piana

Dettagli

Percorso formativo. mercoledì 23 aprile 2008. Sala Diego Valeri via Trieste - Padova

Percorso formativo. mercoledì 23 aprile 2008. Sala Diego Valeri via Trieste - Padova Azienda Ulss 16 CENTRO SERVIZIO Comune di Padova Padova VOLONTARIATO PROVINCIALE Ass.to alle Politiche Sociali DI PADOVA Osservatorio delle Associazioni iscritte al Registro Comunale Area Sociale e Sanitaria

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

2 Report. Gennaio settembre 2009. a cura del Sistema Informativo

2 Report. Gennaio settembre 2009. a cura del Sistema Informativo 2 Report Gennaio settembre 20 a cura del Sistema Informativo 1 dicembre 20 In questo secondo report, viene fornito un aggiornamento dell attività svolta nei primi 9 mesi del 20 dai nodi della Rete delle

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli