vascolare scarsamente invasive, riproducibili ed ad elevata sensibilità e specificità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "vascolare scarsamente invasive, riproducibili ed ad elevata sensibilità e specificità"

Transcript

1 Renato Casana Stesura: ottobre 2002 (22639 battute) Presentato alla II Edizione del Corso di formazione continua per il personale di sala operatoria Ist. Ortopedico Galeazzi 26 Ottobre 2002 L insufficienza cerebrovascolare rappresenta la terza causa di moratlità nei paesi industrializzati con una incidenza stimata tra 60 e 230 per abitanti, con una prevalenza variabile tra il 4 e l 8%. L infarto cerebrale ischemico, da ricondursi alla presenza di lesioni steno-ostruttive a livello della biforcazione carotidea, è responsabile di oltre l 80% dei casi di ictus, con un costo socio-economico rilevante. L efficacia della chirurgia carotidea nella prevenzione primaria e secondaria degli eventi ischemici cerebrali è stata ampiamente dimostrata dai dati riportati in letteratura e da numerosi trials multicentrici randomizzati su pazienti con stenosi carotidea sintomatica e non quali: il North American Symptomatic Carotid Endarterectomy Trial (NASCET), l European Carotid Surgery Trial (ECST) ed Asymptomatic Carotid Atherosclerosis Study (ACAS). Alle tecniche chirurgiche tradizionali oramai consolidate quali l endoarterectomia o il by-pass, si sono affiancate, di recente, nuove metodiche che sono andate gradualmente affermandosi come l endoarterectomia per eversione e le tecniche endovascolari (PTA-stenting carotideo). Laffinamneto di nuove tecniche chirurgiche quali l eversione carotidea o l impiego di materiali biocompatibili impiegati nella chirurgia carotidea ha permesso di ridurre l incidenza di restenosi e/o di complicanze neurologiche intra e post-operatorie. Non bisogna inoltre dimenticare quale importanza abbiano avuto, per la detection ed il monitoraggio delle lesioni stenosanti del distretto carotideo, l introduzione di metodiche di diagnostica vascolare scarsamente invasive, riproducibili ed ad elevata sensibilità e specificità 1/12

2 quali l ecocolordoppler (senza e con Mdc non organo-iodato), l angio-tac e l angio-rm. Eziologia: la placca carotidea La maggior parte delle lesioni steno-ostruttive interessante il distretto carotideo e di origine aterosclerotica. La lesione clinicamente significativa e rappresentata dalla placca fibrosa, costituita microscopicamente da una struttura di rivestimento fibrosa e da una core centrale costituito da lipidi extracellulari, cellule muscolari liscie, macrofagi e prodotti di degradazione ematica. Circa l 80% di tutte le lesioni a carattere steno-ostruttivo del distretto brachiocefalico interessa la biforcazione carotidea (Javid H., 1979); Il segmento iniziale della carotide comune è generalmente indenne se si esclude la presenza di piccole placche ostiali; altrettanto infrequente è l interessamento esteso della carotide interna nel settore post-bulbare. A livello del bulbo carotideo, lo sviluppo della lesione aterosclerotica è generalmente asimmetrico e prevalente nel settore postero-laterale del vaso. Ciò è stato confermato da studi anatomici (Solberg LA., 1971), angiografici (Bauer RB., 1962) e chirurgici (Imparato AM., 1979). La maggior parte degli autori ritiene che questa peculiarità di localizzazione della lesione è relazionata dalle particolari caratteristiche emodinamiche esistenti a tale livello, a cui attribuiscono un ruolo eziopatogenetico significativo. I settori vascolari in cui tali alterazioni risultano più evidenti (profilo di flusso complesso, ridotta velocità, rilievo di zone a flusso turbolento o parzialmente invertito) sono più spesso sede di lesioni aterosclerotiche; ciò sarebbe da attribuire alla stasi relativa ed al conseguente ridotto shear stress parietale, a cui conseguirebbe, da un lato, una ridotta clearance lipidica dalla parete arteriosa, dall altro un attivazione del processo di aggregazione piastrinica. 2/12

3 La placca carotidea:correlazioni anatomo-cliniche La placca carotidea può andare incontro ad una evoluzione degenerativa per fenomeni di calcificazione, ulcerazione intimale, trombosi o emorragia intramurale. A ciascun quadro anatomopatologico possono corrispondere aspetti clinici del tutto differenti; basti pensare, da un lato, alla possibile asintomaticità di una stenosi serrata o alla trombosi carotidea, in altri pazienti causa di gravi accidenti ischemici cerebrali e, dall altro, alla eventualità che modeste alterazioni parietali, possano rendersi responsabili di sintomi neurologici eclatanti. In questi ultimi anni, la sistematicità degli studi autoptici, anatomochirurgici ed ecocolordopplersonografici, ha consentito di attribuire valore ad alcuni aspetti morfologici che caratterizzano la lesione aterosclerotica a rischio per una manifestazione ischemica cerebrale. Spesso la sintomaticità di una stenosi carotidea corrisponde ad un brusco mutamento nella struttura fondamentale della placca, come può verificarsi a seguito di una emorragia primitiva all interno della placca o di una ulcerazione intimale. L emorragia comporta un improvviso incremento delle dimensioni della placca, a cui può conseguire la trombosi intraluminale con brusca riduzione del flusso ematico cerebrale e comparsa di sintomi ischemici (meccanismo emodinamico). A sua volta la possibile ulcerazione della superficie della placca predispone all embolizzazione distale, per la mobilizzazione del contenuto della placca o del trombo ad essa sovrapposto (meccanismo embolico). L effetto clinico che ne consegue è più frequentemente l ischemia cerebrale transitoria TIA, la cui ripetitività è spesso in relazione alla continua dismissione in circolo di frammenti dell ateroma o del trombo parietale ed alla tendenza alla recidiva emorragica intramurale. Le medesime considerazioni possono essere proposte nei casi in cui l ulcerazione rappresenta il primo movens dell infiltrazione emorragica della parete. Entrambi i meccanismi patogenetici dell ischemia, l embolia e la riduzione di flusso per la presenza di una stenosi emodinamicamente significativa, sono quindi proponibili nelle due diverse evenienze ed in presenza di placche gravemente stenosanti, a superficie irregolare 3/12

4 con frequente ematoma intramurale; l espressività clinica che ne consegue è in rapporto all entità ed alla sede cerebrale del danno ischemico. Sulla base della durata e reversibilità del deficit neurologico si distinguono:tia, RIND, minor e major stroke in evoluzione o stabilizzato e l ischemia cerebrale cronica. Diagnostica strumentale - per immagini delle lesioni ischemiche cerebrali La diagnostica per immagni nelle ischemie cerebrali si avvale attualmente di numerose tecniche d esame, fra queste citiamo: la Tomografia Computerizzata (TC), la Risonanza Magnetica Nucleare (RMN), la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) e la Tomografia Computerizzata ad Emissione di Fotone Singolo (SPECT) la cui trattazione esula da questo corso di formazione. Diagnostica strumentale - non invasiva delle lesioni carotidee Le principali metodiche strumentali non invasive oggi utilizzabili per il riconoscimento di lesioni carotidee possono essere distinte in due categorie fondamentali: le metodiche indirette, il cui ruolo oggi appare limitato, permettono l individuazione di lesioni dell asse carotideo misurando la pressione o le alterazioni flussimetriche a livello dell occhio o dei rami terminali dell arteria oftalmica. Tali test, tra i quali annoveriamo l oculopletismografia ed il Doppler periorbital., le metodiche dirette realizzano invece uno studio specifico della biforcazione carotidea o di altre porzioni extracraniche dei vasi cerebroafferenti. Sono basate sull impiego degli ultrasuoni, dando informazioni di tipo morfologico oltre che funzionale: Doppler continuo, Doppler pulsato, angiografia Doppler, ecotomografia e duplex-scan. Ecocolor-Doppler ( Color Doppler Flow Imaging ) - tra le metodiche diagnostiche non invasive in grado di realizzare uno studio specifico della biforcazione carotidea o di altre porzioni extracraniche dei vasi cerebroafferenti mediante l impiego degli 4/12

5 ultrasuoni, a tutt oggi la più affidabile risulta indiscutibilmente l ecocolor-doppler. Tale metodica non invasiva e facilmente riproducibile, permette non solo di fornire informazioni quantitative e qualitative, tali da sola di porre indicazione alla TEA carotidea, ma consente inoltre di fornire un facile controllo post-operatorio e fornire tutte le informazioni per un corretto follow-up dei pazienti trattati. Diagnostica strumentale - invasiva e mininvasiva delle lesioni carotidee Angiografia - angiotac - angiografia a Risonanza Magnetica L impiego dell angiografia nello studio delle lesioni del distretto carotideo permette di acquisire informazioni diagnostiche di tipo morfologico che hanno notevole rilievo clinico. Peraltro, data la sua invasività, sia strumentale che farmacologica, l angiografia deve essere considerata secondo precise indicazioni, in pazienti precedentementi selezionati con metodiche diagnostiche non invasive. Nell angiografia convenzionale e digitale arteriosa si ricorre all approccio percutaneo con tecnica di Seldinger, utilizzando l accesso femorale o brachiale. Le principali complicanze dell esame angiografico del distretto carotideo possono essere schematicamente riassunte in: complicanze neurologiche, sistemiche (legate alla somministrazione di mezzo di contrasto) e locali di interesse vascolare. Fra le complicanze più frequentemente osservate in fase post-procedurale quelle emorragiche: quali lo pseudoaneurisma, l'ematoma o la semplice soffusione emorragica, risultano essere le più frequenti. Fra le altre complicanze che fanno seguito alla pratica del cateterismo arterioso, sia esso attuato per via femorale, brachiale o ascellare, possiamo menzionare: le complicanze ischemiche per trombosi, embolizzazione o dissezione della parete vasale e le complicanze emorragiche maggiori quali l'ematoma retroperitoneale con o senza spandimento di materiale contrastografico in sede extravasale. Di recente introduzione sono l angio-tac e l angiografia a Risonanza Magnetica. 5/12

6 Trattamento chirurgico Indicazioni alla tromboendoarterectomia carotidea (TEAc) Il ricorso alla sistematica ed attenta applicazione sui pazienti considerati a rischio, di tutte le procedure atte ad individuare lesioni stenosanti il distretto carotideo (auscultazione di soffi vascolari in sede degli assi carotidei, tecniche di diagnostica vascolare invasive e non invasive) ha portato negli utimi anni ad una crescita progressiva del numero di TEA carotidee eseguite. Importante peraltro è valutare il rapporto costo-beneficio di tale atteggiamento terapeutico, di verificare la reale efficacia e di stabilire se, e quando, l intervento di TEA carotidea sia in grado di ridurre l incidenza di ictus a distanza. La letteratura offre a questo proposito un gran numero di lavori, spesso prospettici, che indicano la superiorità del trattamento chirurgico nei confronti di quello medico, almeno in pazienti sintomatici portatori di stenosi significative della carotide interna extracranica. Tutt oggi la reale efficacia della TEAc nella prevenzione dell ictus cerebri in pazienti sintomatici è stata ampiamente dimostrata e sono attualmente in corso studi randomizzati per valutare i risultati della TEAC anche in pazienti asintomatici e/o con stenosi < al 70%. Risultano assai numerose le variabili cliniche ed anatomopatologiche presenti nei pazienti affetti da insufficienza cerebrovascolare. In attesa di conoscere i risultati dei trial prospettici sembra doveroso accennare alle attuali indicazioni alla TEAc, sulla base dei numerosi dati offerti dalla letteratura e dalla nostra personale esperienza. E quindi di estrema importanza considerare diversi fattori, quali l età del paziente, le sue condizioni generali e cardiorespiratorie in particolare, la sintomatologia per la quale viene all osservazione, le caratteristiche della lesione e la eventuale coesistenza di patologie concomitanti steno-ostruttive in altri distretti. E noto che la maggior parte dei pazienti portatori di steno-occlusioni aterosclerotiche delle arterie epiaortiche presentano contemporaneamente analoga patologia più o meno significativa a livello aortico o coronarico, dei vasi viscerali o delle arterie periferiche. Per quanto riguarda i pazienti coronaropatici suscettibili di un intervento 6/12

7 di rivascolarizzazione miocardica, è indicato qualora sussista una lesione significativa concomitante dell asse carotideo, eseguire in contemporanea e nell ordine la TEAC ed il by-pass aorto-coronarico. Nella eventualità che siano presenti stenosi bilaterali, è indicato trattare per prima la lesione che si ritiene responsabile della sintomatologia neurologica manifestata dal paziente e rinviare ad un secondo tempo l intervento diretto a correggere la lesione asintomatica. Il rapidissimo sviluppo e perfezionamento di metodiche diagnostiche strumentali, soprattutto di quelle non invasive, ha reso possibile una migliore definizione qualitativa e quantitativa della placca aterosclerotica, che viene così classsificata non solo sulla base del grado di stenosi, ma anche dalle sue caratteristiche morfologiche e strutturali. Pazienti portatori di diversi tipi di lesione sono stati seguiti nel tempo con tali mezzi di indagine: l evoluzione naturale della lesione è stata attentamente studiata ed i suoi mutamenti correlati con l eventuale comparsa di sintomi neurologici. Si sono così potuti individuare, nel contesto dei molti pazienti portatori di una stenosi carotidea asintomatica, coloro che possono beneficiare di un trattamento chirurgico. Nella nostra esperienza eseguiamo la TEAC profilattica, indipendentemente dall età del paziente, nel caso in cui la stenosi risulti uguale o superiore al 70%, in particolare nel caso in cui l ecocolor-doppler evidenzi una placca a struttura disomogenea ed instabile. Consideriamo inoltre suscettibili di trattamento chirurgico le lesioni francamente ulcerate anche nel caso la stenosi sia di grado inferiore ai valori sovracitati. Numerosi studi sembrano dimostrare che i pazienti con stenosi carotidea omolaterale emodinamicamente significativa e che presentano episodi di amaurosi transitoria sono esposti ad un rischio di ictus in misura sovrapponibile a quelli con pregresso TIA emisferico ed orientano verso la correzione chirurgica. In attesa dei risultati dei trials prospettici randomizzati attuati su vasta scala tuttora in corso, il nostro atteggiamento è di trattare chirugicamente le lesioni con le seguenti caratteristiche: 7/12

8 pazienti asintomatici con lesioni stenosanti emodinamicamente significative (=70%); pazienti asintomatici con lesioni non necessariamente emodinamicamente significative (50-70%), ma che appaiono instabili e/o disomogenee dal punto di vista morfologico ed ecostrutturale al ( Doppler Color Flow Imaging ), ovvero le lesioni cosiddette soft, le placche ulcerate, quelle che presentano emorragia e/o trombosi intraplacca potenzialmente emboligene; pazienti sintomatici con pregresso TIA emisferico e/o amaurosi omolaterale che presentino lesioni con le caratteristiche sovracitate; pazienti che presentano trombosi acuta carotidea post-teac; pazienti con pregresso ictus cerebri dopo un periodo di attesa di 3-6 settimane, ad avvenuto consolidamento del focolaio malacico dimostrato alla TAC. Trattamento chirurgico - la tecnica L intervento, che noi preferiamo eseguire in anestesia locoregionale, con monitoraggio dell attività clinico-neurologica del paziente durante il clampaggio carotideo, può essere svolto in anestesia generale monitorando l attività cerebrale attraverso una registrazione elettroencefalografia e/o valutando altri parametri quali la back-pressure ed i potenziali somatosensoriali. Isolamento - Il paziente viene posto sul letto operatorio, con il capo iperesteso ed extraruotato dal lato opposto rispetto alla sede di incisione di almeno 45. L incisione cutanea viene eseguita lungo il margine mediale del muscolo sternocleidomastoideo, estendendosi in senso cranio-caudale 1-2 cm sotto l angolo mandibolare e distalmente in direzione della fossetta giugulare. Incisa la fascia cervicale superficiale e media ed il m. platisma l arteria viene quindi separata dalla vena giugulare interna, ed isolata lungo tutto il suo decorso sino alla biforcazione e caricata mediante fettuccie elastiche per il clampaggio prossimale. Nel corso di queste manovre bisogna porre particolare attenzione ad eventuali lesioni del nervo vago oltre che dell ipoglosso, laringeo superiore ed glossofaringeo. 8/12

9 Clampaggio - Nel corso della TEA della biforcazione carotidea, alcuni Autori ritengono indispensabile verificare intra-operatoriamente con metodiche strumentali la tolleranza dell encefalo al clampaggio carotideo. Varie sono le metodiche di controllo fra le quali possiamo menzionare la back-pressure e i potenziali evocati somatosensoriali (PES). Qualunque metodica si adotti, la verifica viene effettuata durante un clampaggio di prova della carotide comune ed esterna della durata di 2 minuti circa, fatta precedere dalla somministrazione per via endovenosa di U di eparina sodica in bolo, che svolge un un ruolo di prevenzione antitrombotica del settore vasale intracranico in caso di bassi regimi di flusso o comunque la formazione di microaggregati piastrinici parietali che potrebbero embolizzare al momento del declampaggio. In alcuni casi quindi si punge la carotide comune con una agocannula che viene collegata preventivamente riempita con soluzione fisiologica, ad un trasduttore di pressione. Si misura così la pressione vigente nella carotide comune e si verifica che questa corrisponda a quella sistemica, il che conferma le assenze di lesioni significative prossimali. Si clampano quindi la carotide comune e la carotide esterna, ottenendo così il valore della pressione reflua al clampaggio prossimale, che corrisponde a quella vigente nell emiencefalo omolaterale. Contemporaneamente, è possibile valutare la risposta funzionale dell encefalo mediante elettroencefalogramma (EEG). Tutti i controlli funzionali dell attività e del flusso cerebrale sono mantenuti per l intero corso dell intervento, mentre la valutazione della BP si interrompe nel momento in cui si clampa anche la carotide interna. Il clampaggio viene eseguito quando si ritiene sufficientemente documentata la qualità della risposta cerebrale al clampaggio e quindi la necessità o meno di applicare uno shunt endoluminale, che consenta di mantenere un adeguato flusso cerebrale nel corso della TEAc. La tecnica per eversione - l endoarterectomia per eversione, descritta per la prima volta da De Bakey e coll. nel 1959 e successivamente rivisitata da Etheredge nel 1970 veniva eseguita in anestesia generale in condizioni di ipertensione controllata 9/12

10 ed ipotermia moderata a C. Una arteriotomia trasversale della carotide comune mezzo centimetro a valle dalla biforcazione carotidea veniva seguita da una endoarterectomia circonferenziale sulla carotide esterna e successivamente sull interna. Quest ultima estroflessa seguendo il clivaggio naturale della parete, permetteva la rimozione della lesione carotidea. Una volta eseguita l endoarterctomia della carotide comune con analoga tecnica, si procedeva alla sutura dell arteriotomia circolare (eversione di II tipo). Nel 1985 Kieny e coll. successivamente descrissero l eversione di I tipo che prevede un arteriotomia trasversale all origine della carotide interna, la sua successiva endoarterectomia circonferenziale con reimpianto sulla carotide comune. Tale tecnica permette di risolvere allungamenti patologici della carotide interna (coiling e/o kinking) e di asportare una lesione che si estenda prossimalmente nella carotide comune. La tecnica dell eversione con le sue varianti, può essere applicata nella quasi totalità dei pazienti, anche se esistono delle situazioni cliniche ed anatomo-morfologiche che ci indirizzano alla tecnica tradizionale. Fra queste ricordiamo: Impiego dello shunt Restenosi carotidea da iperplasia intimale e displasia fibromuscolare; Pazienti sottoposti a terapia radiante del tratto cervico-faciale; Estensione della lesione in senso craniale Dilatazioni aneurismatiche e/o franca ectasia del bulbo carotideo. Il declampaggio - L atto del declampaggio, deve essere eseguito secondo modalità e tempi ben precisi, onde evitare il rischio di una embolizzazione solida o gassosa. Si rilascerà quindi per primo l angiostato posizionato sulla carotide esterna; si declamperà successivamente la carotide comune, occludendo contemporaneamente mediante pressione digitale l origine della carotide interna, così che le eventuali impurità presenti sulla parete del vaso seguano la via dell ECA; solo a questo punto verrà rilasciato l angiostato a livello della carotide interna. Verificata accuratamente 10/12

11 l emostasi, e dopo aver posizionato un piccolo drenaggio in aspirazione (Redon) che verrà rimosso in I giornata post-operatoria, si sutura il muscolo platisma e successivamente la cute. Trattamento endovascolare PTA/stenting carotideo L angioplastica percutanea (PTA), che rappresenta un efficace trattamento per le stenosi coronariche, applicata alla patologia carotidea all inizio degli ani 80, stà recentemente ottenendo un più vasto consenso sulla scorta di alcuni studi comparativi che hanno permesso di definire chiari criteri di applicazione (North American Percutaneous Transluminal Angioplasty register NAPTCAR - Carotid Revascularization Endoarterectomy Versus Stent Trial CREST). Seppur le procedure di PTA/stenting carotideo presentino in casi non selezionati una morbilità e mortalità più elevate di quelle offerte dalla chirurgia tradizionale, hanno permesso di ottenere risultati incoraggianti in pazienti ad alto rischio chirurgico (ultraottagenari, angina instabile, elevato rischio anestesiologico) o particolarità anatomiche della lesione (lesioni limitate alla carotide interna particolarmente distali). La procedura viene eseguita per puntura femorale, impiegando introduttori a doppia via, di diametro 6/8 F che permettono l introduzione di cateteri con palloncino di misure diverse e garantiscono la progressione distale di uno stent. I palloni, a basso profilo e ridotta compliance, vengono impiegati a pressione di 6-8 atm con tempo di occlusione non superiore a 20. Una evenienza che solitamente si osserva in corso di PTA carotidea è la comparsa di turbe del ritmo cardiaco ed alterazioni emodinamiche riconducibili ad un riflesso vaso-vagale legato alla stimolazione meccanica dei recettori del seno carotideo durante la dilatazione, che può essere risolta con somministrazione di dosi supplementari di Atropina e l impiego di plasma expanders. 11/12

12 Per evitare fenomeni di embolizzazione e/o trombosi secondari a dissezione intimale o frammentazione della placca, si impiegano attualmente sistemi di protezione cerebrale (EPI, Angiogard).! "# $!% & # ' ( ))) 12/12

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Terapia chirurgica Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Nel caso di stenosi carotidea sintomatica, la endoarteriectomia comporta un modesto beneficio per gradi di stenosi

Dettagli

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEL PAZIENTE COMPLICANZE 0-1% SELEZIONE DEL PAZIENTE Valutazione polispecialistica: Collaborazione

Dettagli

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI INTERVENTI PREVENTIVI ICV Ischemia Cerebro Vascolare ICM Insufficienza Celiaco Mesenterica IR Insufficienza Renale INTERVENTI CURATIVI OAI Ostruzione Aorto-iliaca OFP Ostruzione Femoro-Poplitea INSUFFICIENZA

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO AZIENDA OSPEDALIERA G. SALVINI DOTT. FULVIO D ANGELO Garbagnate Milanese DEFINIZIONE ICTUS ISCHEMICO ACUTO E UN A TERMINOLOGIA GENERICA

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE?

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? Dott. Chiara Medini Unità Operativa di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Arcispedale S. Anna Ferrara Direttore Dott. F. Mascoli La diagnostica non invasiva della

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Centro Cardiovascolare Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina Area Vascolare AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Processo patologico L aterosclerosi è una malattia lenta e progressiva delle arterie

Dettagli

Il problema delle calcificazioni. Este 29.11.2013

Il problema delle calcificazioni. Este 29.11.2013 Il problema delle calcificazioni Este 29.11.2013 il tratto extracranico delle arterie carotidi si presta in maniera ottimale allo studio mediante eco-color-doppler I miglioramenti tecnologici apportati

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

Bacchieri Cortesi Marco

Bacchieri Cortesi Marco CORSO TEORICO-PRATICO DI ECOGRAFIA CARDIO-VASCOLARE TERAPIA DELLA PATOLOGIA DEI VASI EPIAORTICI: trovato il problema, che fare? Bacchieri Cortesi Marco Novara 28 giugno 2005 Responsabile del Laboratorio

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Medicina e Chirurgia Tesi di Laurea Trattamento chirurgico classico ed endovascolare degli aneurismi isolati delle arterie iliache Studio Clinico-Sperimentale

Dettagli

Arterie degli arti superiori ed inferiori

Arterie degli arti superiori ed inferiori Quando non serve il doppler o il color doppler Arterie degli arti superiori ed inferiori Walter Dorigo Cattedra e Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare Università degli Studi di Firenze www.chirvasc-unifi.it

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI CAROTID ARTERY STENTING Paolo CIOFFI SOMMARIO INDICAZIONI ACCURATA SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale. TECNICHE Successo Insuccesso AHA Guidelines

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

L ANGIOGRAFIA DIGITALIZZATA NELLA DIAGNOSTICA DELLA PATOLOGIA VASCOLARE PERIFERICA: TSA, aorta addominale, arterie renali, asse iliaco, arti inferiori

L ANGIOGRAFIA DIGITALIZZATA NELLA DIAGNOSTICA DELLA PATOLOGIA VASCOLARE PERIFERICA: TSA, aorta addominale, arterie renali, asse iliaco, arti inferiori L ANGIOGRAFIA DIGITALIZZATA NELLA DIAGNOSTICA DELLA PATOLOGIA VASCOLARE PERIFERICA: TSA, aorta addominale, arterie renali, asse iliaco, arti inferiori iori Dott.ssa Carla Auguadro Corso di Introduzione

Dettagli

Stenosi carotidee Le carotidi sono dei vasi arteriosi che originano dal tratto toracico dell aorta e, decorrendo bilateralmente lungo il collo, portano il sangue al volto e al cervello. Lungo il loro decorso

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

LE CORRETTE INDICAZIONI ALL INTERVENTO CHIRURGICO NEL PAZIENTE AFFETTO DA CLAUDICATIO

LE CORRETTE INDICAZIONI ALL INTERVENTO CHIRURGICO NEL PAZIENTE AFFETTO DA CLAUDICATIO LE CORRETTE INDICAZIONI ALL INTERVENTO CHIRURGICO NEL PAZIENTE AFFETTO DA CLAUDICATIO Bressanone, 27-28 maggio 2011 Prof. Giovanni Deriu Università degli Studi di Padova Clinica di Chirurgia Vascolare

Dettagli

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA ANGIOPLASTICA CORONARICA

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è

L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è IL TRATTAMENTO LASER (ELVeS) DELLE VENE VARICOSE Dott. Alessandro MASTROMARINO L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è rappresentata dalla comparsa delle varici

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale.

L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale. Università degli Studi di Messina Dipartimento di Diagnostica per Immagini U.O.S di Neuroradiologia L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale. Vinci S. Pitrone A. Farago

Dettagli

Congresso Regionale Anìmo Marche Civitanova Marche 30 Maggio 2012 COMPETENZE INFERMIERISTICHE NELL AMBITO DEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A PREVENZIONE CHIRURGICA DELL ICTUS CEREBRALE Infermiere coordinatore Milena

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE!

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! Dott. Simone Comelli Dott. Giacomo P. Vaudano Dott. Roberto Cavallo Dott. Daniele Savio Dott. Carlo A. Cametti Ospedale S.G. Bosco Ictus: Definizione Deficit neurologico ad

Dettagli

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini scheda 01.03 Diagnostica per immagini Cos è L ecocolordoppler è l esame di prima scelta per la diagnosi di patologie dei vasi sanguigni arteriosi e venosi. I vantaggi di questa metodica sono rappresentati

Dettagli

L aorta è una grossa arteria che origina dal cuore e porta il sangue a tutto il corpo.

L aorta è una grossa arteria che origina dal cuore e porta il sangue a tutto il corpo. Cos è un aneurisma L aorta è una grossa arteria che origina dal cuore e porta il sangue a tutto il corpo. Il tratto di arteria che dal cuore attraversa il torace è chiamata aorta toracica e mentre quella

Dettagli

+ + + + - + + + - - + + - - - + + - - +

+ + + + - + + + - - + + - - - + + - - + A R E A C A R D I O C H I RUR G I A Approccio morfo-funzionale al trattamento degli aneurismi dell aorta ascendente associati ad insufficienza valvolare aortica Figura 4 - Opzioni chirurgiche nel trattamento

Dettagli

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Terza causa di morte (10-12%) e prima di disabilità Prevalenza 6,5% (tra i 65-84 aa.) 194.000 Ictus/anno 907.000 Disabili SPREAD 2003 EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Stenosi carotidea Sintomatologia

Dettagli

4 Congresso Infermieristico San Marino 26-27 Settembre 2014 La carotide a tutto tondo: dalla chirurgia all endovascolare. Limiti e possibilità

4 Congresso Infermieristico San Marino 26-27 Settembre 2014 La carotide a tutto tondo: dalla chirurgia all endovascolare. Limiti e possibilità 4 Congresso Infermieristico San Marino 26-27 Settembre 2014 La carotide a tutto tondo: dalla chirurgia all endovascolare. Limiti e possibilità Serena Ghinazzi, Infermiere Specializzato in Assistenza Chirurgica

Dettagli

L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE

L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE L ASSESSMENT Caratteristiche del dispositivo medico: le protesi valvolari aortiche trascatetere in commercio presentano alcune

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE www.modilite.info MODILITE In Italia la patologia nodulare tiroidea è piuttosto frequente ed è spesso asintomatica. Circa l 80% dei noduli tiroidei sono benigni

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

SERVIZIO DI ANGIOLOGIA E CHIRURGIA VASCOLARE

SERVIZIO DI ANGIOLOGIA E CHIRURGIA VASCOLARE SERVIZIO DI ANGIOLOGIA E CHIRURGIA VASCOLARE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il Servizio di Angiologia e Chirurgia vascolare dell AIED si occupa di prevenzione, diagnosi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 3 agosto 2015

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 3 agosto 2015 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 agosto 2015 OGGETTO: Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA SPA Punto n. 33, tabella A, parte seconda, DPR 26 ottobre 1972,

Dettagli

Introduzione L arteriopatia obliterante

Introduzione L arteriopatia obliterante SCELTE TERAPEUTICHE NEL TRATTAMENTO DELLE ARTERIOPATIE OBLITERANTI ED ANEURISMATICHE. EVOLUZIONE DELLE INDICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE CON LORO IMPATTO SUI RISULTATI A BREVE E LUNGO TERMINE. Introduzione

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

Terapia endovascolare dello stroke ischemico

Terapia endovascolare dello stroke ischemico Terapia endovascolare dello stroke ischemico Mauro Bergui Neuroradiologia, Università di Torino Ischemia da occlusione basilare L arteria basilare vascolarizza il tronco encefalico ed alcune regioni alla

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con atto G.C. n. 492 del 07.12.2011 1

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

Protesi valvolari. Figura 1. Jones M, Eidbo EE, JACC, 1989. Morfologie del flusso in diversi tipi di protesi. Protesi meccaniche

Protesi valvolari. Figura 1. Jones M, Eidbo EE, JACC, 1989. Morfologie del flusso in diversi tipi di protesi. Protesi meccaniche 1 Protesi valvolari La protesi valvolare ideale dovrebbe consentire un flusso transvalvolare il più fisiologico possibile (figura 1), dovrebbe avere una lunga durata, non dare emolisi e non essere trombogenica.

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

CRITERI DI SCELTA DELL ACCESSO CHIRURGICO NEL TRATTAMENTO DELLA SINDROME DELLO STRETTO TORACICO SUPERIORE (TOS)

CRITERI DI SCELTA DELL ACCESSO CHIRURGICO NEL TRATTAMENTO DELLA SINDROME DELLO STRETTO TORACICO SUPERIORE (TOS) CRITERI DI SCELTA DELL ACCESSO CHIRURGICO NEL TRATTAMENTO DELLA SINDROME DELLO STRETTO TORACICO SUPERIORE (TOS) ROBERTO GABRIELLI I scuola di specializzazione in Chirurgia Vascolare Direttore prof Adriano

Dettagli

WORKSHOP IL LASER NELLE EMORROIDI E VARICI DEGLI ARTI INFERIORI. UNA SOLUZIONE MODERNA PER UN ANTICO PROBLEMA.

WORKSHOP IL LASER NELLE EMORROIDI E VARICI DEGLI ARTI INFERIORI. UNA SOLUZIONE MODERNA PER UN ANTICO PROBLEMA. WORKSHOP IL LASER NELLE EMORROIDI E VARICI DEGLI ARTI INFERIORI. UNA SOLUZIONE MODERNA PER UN ANTICO PROBLEMA. Il trattamento laser ELVeS delle varici degli arti inferiori:indicazioni Dott. Alessandro

Dettagli

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso.

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Servizio di Emodinamica ASL TO5- Moncalieri Pietro Gaetano Pier Giuseppe Greco-Lucchina Primiano Lombardi Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Caso clinico DN G uomo

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Presunzioni, riqualificazioni ed abrogazioni: come vanno gestiti i contratti a progetto e le partite IVA? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Risultati. Discussione

Risultati. Discussione Negli ultimi 8 anni nel nostro dipartimento abbiamo trattato circa 200 schisi del mascellare con il metodo tradizionale già descritto nei precedenti articoli. Dal 1966 abbiamo seguito la teoria di Skoog,

Dettagli

e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna

e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna LA RETE PER L ICTUS L COME PARADIGMA DELLA CONTINUITA DELL ASSISTENZA La rete per l ictus l e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna TORINO 3 GIUGNO 2013 Relatore Dott. Paolo

Dettagli

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI APPROPIATEZZA DIAGNOSTICO-TERAPEUTICA IN ONCOLOGIA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Alessandro Del Maschio Dipartimento di Radiologia Università Vita-Salute IRCCS San Raffaele Milano 1. NEOPLASIE POLMONARI Prof.

Dettagli

Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare

Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare L imaging Molecolare è l insieme di metodiche che consentono di ottenere contemporaneamente informazioni morfologiche e funzionali per la caratterizzazione

Dettagli

Termoablazione con Radiofrequenza dei Noduli Tiroidei Benigni

Termoablazione con Radiofrequenza dei Noduli Tiroidei Benigni Termoablazione con Radiofrequenza dei Noduli Tiroidei Benigni Introduzione Numerose evidenze scientifiche hanno documentato, nel corso dell ultimo decennio, l efficacia del trattamento dei noduli solidi

Dettagli

IL NUOVO CORSO DELLA TERAPIA LOCO-REGIONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: L ESPERIENZA DI VICENZA

IL NUOVO CORSO DELLA TERAPIA LOCO-REGIONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: L ESPERIENZA DI VICENZA IL NUOVO CORSO DELLA TERAPIA LOCO-REGIONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: L ESPERIENZA DI VICENZA DR. L. ROTUNNO Unità Operativa Chirurgia Generale Iª I - Vicenza Prof. G. Ambrosino Fino al 1998 la chirurgia

Dettagli

COSA FARE DOPO UNA ARTERIOPATIA PERIFERICA

COSA FARE DOPO UNA ARTERIOPATIA PERIFERICA Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO UNA ARTERIOPATIA PERIFERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Il Pap test di triage

Il Pap test di triage La Citologia negli screening oncologici Roma, 19 novembre 2014 Il Pap test di triage nello screening con test HPV Maria Luisa Schiboni UOC Anatomia Patologica, Osp S.Giovanni - Roma Il Pap test di triage

Dettagli

Capitolo 13 Terapia chirurgica 323

Capitolo 13 Terapia chirurgica 323 Capitolo 13 Terapia chirurgica 323 13 TERAPIA CHIRURGICA In questo capitolo viene presa in considerazione la patologia aterosclerotica carotidea e il suo trattamento chirurgico ai fini di prevenzione dell

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA Gentile Signora, Signore, Lei ha un problema alla retina. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è proposto, sui risultati e sui rischi. Tutte le espressioni tecniche è bene che

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

MENINGIOMA TERZO ANTERIORE ANGOLO SENO FALCE.

MENINGIOMA TERZO ANTERIORE ANGOLO SENO FALCE. MENINGIOMA TERZO ANTERIORE ANGOLO SENO FALCE. Paziente di anni 36, di sesso femminile. Da circa 2 anni progressivo deterioramento cognitivo con depressione del tono dell umore, apatia, abulia e turbe mnesiche.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale Dolore acuto postoperatorio: p alleanza fra professionisti Giovanni Vitale Lauretta Bolognesi Da anni si discute sulla necessità di rendere i luoghi di cura ambienti sicuri, ove la persona malata possa

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I MODELLO INFORMATIVO Informazioni relative all intervento di ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I Io sottoscritto/a nato/a. il. dichiaro di essere stato/a informato/a

Dettagli

Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA PIANO DI ADDESTRAMENTO PROFESSIONALIZZANTE A.A.

Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA PIANO DI ADDESTRAMENTO PROFESSIONALIZZANTE A.A. Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA Direttore: Prof. Peter J. Tel: 0382.0367 Fax:0382.03002 e-mail: peter.schwartz@unipv.it Segreteria: Elisa Scarparo Tel: 0382.26061

Dettagli

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE I documenti di www.mistermanager.it Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE Le Ripetute sono una delle forme di allenamento che caratterizzano i corridori più evoluti, in quanto partono

Dettagli

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 La diagnosi di morte: la morte encefalica Dr. A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 Premessa indispensabile per poter parlare di prelievi d organo a scopo di trapianto è il concetto di morte

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

AIPEF Aziende Italiane Poliuretani Espansi Flessibili

AIPEF Aziende Italiane Poliuretani Espansi Flessibili AIPEF Aziende Italiane Poliuretani Espansi Flessibili le qualità del poliuretano espanso flessibile www.aipef.it numero 22 Maggio11 il Materiale Tipologie 1 il Materiale Traspirabilità 2 il Processo 5

Dettagli

OCT nello studio della papilla ottica

OCT nello studio della papilla ottica Aggiornamenti in neuroftalmologia Varese, 20 maggio 2011 OCT nello studio della papilla ottica S. Donati Cos èla tomografia ottica e luce coerente (OCT) Meccanismo di Reflettività luminosa OCT e

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

MANUALE DI ANGIOLOGIA PER LO STUDENTE DI MEDICINA

MANUALE DI ANGIOLOGIA PER LO STUDENTE DI MEDICINA ATEROSCLEROSI DEI TRONCHI SOVRAORTICI Definizione anatomo patologica E una malattia dello strato interno (tonaca intima) delle arterie di medio e grande calibro, verosimilmente di origine infiammatorio/fibrotica.

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Stenosi carotidea: le attuali indicazioni alla rivascolarizzazione. Prof. Maurizio Taurino UOC DI CHIRURGIA VASCOLARE ED ENDOVASCOLARE,

Stenosi carotidea: le attuali indicazioni alla rivascolarizzazione. Prof. Maurizio Taurino UOC DI CHIRURGIA VASCOLARE ED ENDOVASCOLARE, Stenosi carotidea: le attuali indicazioni alla rivascolarizzazione Prof. Maurizio Taurino UOC DI CHIRURGIA VASCOLARE ED ENDOVASCOLARE, EPIDEMIOLOGIA Insufficienza cerebro-vascolare Quadri clinici principali

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe

Dettagli

MODELLI DI ISCHEMIA CEREBRALE

MODELLI DI ISCHEMIA CEREBRALE MODELLI DI ISCHEMIA CEREBRALE ISCHEMIA CEREBRALE seconda causa più comune di morte al mondo dopo l infarto cardiaco può provocare la presenza di disabilità di vario grado nei sopravvissuti ISCHEMIA CEREBRALE

Dettagli

noscimento di lesioni vulnerabili, sono in attesa di una validazione clinica su largaa

noscimento di lesioni vulnerabili, sono in attesa di una validazione clinica su largaa Conclusioni Negli ultimi anni è ormai stato acquisito il concetto che il meccanismo responsabile degli eventi acuti coronarici e cerebrovascolari sia dovuto al progressivo accrescimento, progressione e

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI OSPEDALE SANDRO PERTINI UOC CHIRURGIA VASCOLARE Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI Lei è affetto da arteriopatia a carico

Dettagli

ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO

ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO Città della Salute e della Scienza A.S.O: SAN GIOVANNI BATTISTA - SEDE MOLINETTE DIRETTORE: PROF. GIOVANNI GANDINI Nuove applicazioni

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 L IMAGING DELLE VIE BILIARI Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 Imaging vie biliari 1900 1970 : Rx,Laparotomia 1970 : PTC, ERCP

Dettagli

La valutazione del rischio chimico

La valutazione del rischio chimico La valutazione del rischio chimico Introduzione Per sua stessa definizione, l agente chimico è una sostanza o un preparato di natura chimica. L agente chimico può presentarsi sotto forma di gas, vapore,

Dettagli

Dott. Giovanni Ferrari

Dott. Giovanni Ferrari Manifestazioni cardiache delle malattie neurologiche acute Comobrain Ottobre 2009 Dott. Giovanni Ferrari Dimensioni del problema George Khechinashvili, 2002 Analisi multivariata della mortalità

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA ELEMENTI DI DEMOGRAFIA 2. Caratteristiche strutturali della popolazione Posa Donato k posa@economia.unisalento.it Maggio Sabrina k s.maggio@economia.unisalento.it UNIVERSITÀ DEL SALENTO DIP.TO DI SCIENZE

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli