2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI"

Transcript

1 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel settore civile. Descrizione dell indicatore: Rappresenta gli impieghi energetici per usi termici (soprattutto riscaldamento ambienti) utilizzando il numero di abitanti e i gradi giorno come fattore di normalizzazione. Metodo di calcolo: I principali combustibili utilizzati nel settore civile sono il gas naturale, gasolio, G.P.L. e il fluido termovettore. Nel caso del gas naturale SNAM, fino al 1999 forniva i dati disaggregati per comparti produttivi nei diversi macrosettori finali; per gli anni successivi sono disponibili esclusivamnete i dati di SNAM Rete Gas che fornisce esclusivamente il quantitativo complessivamente consumato ma, limitatamente ai soli quantitativi erogati ai nodi provinciali della rete. Per determinare il quantitativo di gas naturale da attribuire al settore civile si è quindi proceduto applicando metodi di stima basati sul trend degli anni precedenti. I dati corrispondenti al gasolio, reperibili dai bollettini petroliferi, vengono completamente attribuiti al settore civile. I dati di consumo sono normalizzati rispetto ai gradi giorno per tenere in considerazione le variazioni climatiche annuali. I valori di gradi giorno fanno riferimento alla città di Torino, considerando il valore medio dei gradi giorno della città, negli anni compresi tra il 1990 ed il L energia consumata è espressa in termini di energia finale. Unità di misura: chilogrammi equivalenti di petrolio per persona normalizzati rispetto ai gradi giorno. Fonte dati: Gas naturale: fino al 1999 le statistiche SNAM riportavano i dati di consumo a livello provinciale ripartendoli per settori produttivi. Attualmente sono in corso degli incontri con gli enti preposti (Ministero Att. prod. ed ISTAT) per la definizione di nuove modalità di elaborazione e raccolta dei dati statistici relativi alle erogazioni di gas naturale, a seguito delle modifiche del mercato del gas introdotte dal decreto di attuazione della direttiva gas europea. Da tali incontri dovrà scaturire il soggetto detentore delle informazioni (analogo al GRTN per quanto riguarda l energia elettrica). Gasolio e GPL: MAP bollettino petrolifero. Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > incremento del volume riscaldato procapite (essenzialmente a causa della tendenza all incremento delle volumetrie riscaldate complessive); > variazione di efficienza dei sistemi di riscaldamento. RAPPRESENAZIONE: A B C 556,2 562,9 553,8 553,5 547,7 570,9 582,3 634,5 644,9 652,5 622,3 660,9 D E 247,70 251,78 247,63 247,51 245,79 257,07 262,01 285,82 290,97 294,67 280,94 298, =1 1,00 1,02 1,00 1,00 0,99 1,04 1,06 1,15 1,17 1,19 1,13 1,20 A: Consumo combustibili settore civile [tep] - B: Gradi giorno (GG) - C: Consumo normalizzato (tep/gg) - D: Popolazione (x1.000) - E: kep/gg*1.000ab. 47

2 Settore civile consumo di combustibili per migliaia di abitanti 350,00 300,00 [kep/gg pro capite] 250,00 200,00 150,00 100,00 50,00 0,00 Confronto tra le due variabili 702, , [tep/gg] 502,0 402,0 302,0 202, [Migliaia di abitanti] 102, , tep/gg Popolazione VALUTAZIONE Nel periodo considerato si nota un notevole incremento dei consumi procapite (+20%). L incremento del consumo è il risultato dell aumento delle volumetrie complessive adibite al grande terziario. La diffusione dei grossi centri commerciali, ad esempio, è sicuramente determinante nell introduzione di sistemi particolarmente energivori per soddisfare il servizio di riscaldamento. Tale tendenza non sembra essere contrastata a sufficienza dal progressivo aumento dell efficienza media dei sistemi di riscaldamento e dal crescente apporto di calore dissipato dal numero sempre più elevato di dispositivi elettronici presenti nel settore terziario (scuole, uffici, pubblica amministrazione, ecc.). 48

3 2.7.1 INDICATORE 2: Consumo procapite di energia elettrica nel settore residenziale Settore: Usi civili. Sottosettore: Residenziale. Indicatore: Consumo procapite di energia elettrica nel settore residenziale. Descrizione dell indicatore: Rappresenta gli impieghi energetici per usi elettrici (illuminazione, refrigerazione, lavaggio, raffrescamento estivo, ecc.) utilizzando il numero di abitanti come fattore di normalizzazione. Metodo di calcolo: I dati sono forniti evidenziando il settore residenziale. Se si specificano anche gli usi generali per le abitazioni, questi vanno aggiunti ai consumi complessivi del residenziale. L energia consumata è espressa in termini di energia finale. Unità di misura: chilogrammi equivalenti di petrolio pro capite. Fonte dati: Il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (URL: fornisce i dati complessivi a livello provinciale. Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > tasso di utilizzo delle apparecchiature elettriche/elettroniche procapite (in aumento essenzialmente a causa della tendenza alla diminuzione del numero di componenti delle unità abitative); > incremento del numero di apparecchiature utilizzate; > variazione di efficienza delle apparecchiature. RAPPRESENTAZIONE: A 187,2 188,9 190,6 193,3 195,6 193,0 198,4 197,5 200,5 203,1 207,5 210,9 B C=A/B 83,35 84,48 85,21 86,43 87,77 86,90 89,29 88,98 90,47 91,73 93,67 95, =1 1,00 1,01 1,02 1,04 1,05 1,04 1,07 1,07 1,09 1,10 1,12 1,14 A: Consumo en. el. res. (tep) - B: Popolazione (x1.000) - C: kep pro capite 49

4 Settore residenziale consumo procapite di energia elettrica 98,00 96,00 94,00 92,00 [kep pro capite] 90,00 88,00 86,00 84,00 82,00 80,00 78,00 76,00 Confronto tra le due variabili 215, [kep] 210,0 205,0 200,0 195,0 190,0 185,0 180, [Migliaia di abitanti] 175, Consumo en. e. res. Popolazione VALUTAZIONE Nel periodo considerato si nota un costante incremento dei consumi procapite (+14%). L incremento del consumo è il risultato dell incremento delle unità abitative, oltre che dell incremento del numero di dispositivi elettrici mediamente utilizzati. La diffusione, negli ultimi anni, di apparecchiature elettroniche, come pure l incremento di dispositivi energivori quali i sistemi di raffrescamento estivo, sono tra le principali cause dell aumento dei consumi elettrici nel residenziale. L eventuale maggior efficienza dei dispositivi elettrici messi sul mercato non è sufficiente nel far invertire la tendenza di questo fenomeno. 50

5 2.7.2 INDICATORE 3: Consumo procapite di energia elettrica nel settore terziario Settore: Usi civili. Sottosettore: Terziario. Indicatore: Consumo procapite di energia elettrica nel settore terziario. Descrizione dell indicatore: Rappresenta gli impieghi energetici per usi elettrici (illuminazione, refrigerazione, lavaggio, raffrescamento estivo, ecc.) utilizzando il numero di abitanti come fattore di normalizzazione. L utilizzo del numero di abitanti si giustifica in considerazione del fatto che il settore terziario ha in gran parte un ambito di utenza provinciale. Metodo di calcolo: I dati sono forniti evidenziando il settore terziario. E anche possibile una ulteriore disaggregazione in sottosettori, nel qual caso si considera la somma dei singoli consumi. L energia consumata è espressa in termini di energia finale. Unità di misura: chilogrammi equivalenti di petrolio per persona. Fonte dati: Il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (URL: fornisce i dati complessivi a livello provinciale suddivisi per sottosettori. Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > incremento dei volumi complessivo adibiti a terziario; > incremento del numero di apparecchiature utilizzate; > variazione di efficienza dei sistemi di riscaldamento. RAPPRESENTAZIONE: A B C 56,44 58,87 62,11 63,84 67,90 71,52 75,66 78,21 80,77 85,10 88,87 90, =1 1,00 1,04 1,10 1,13 1,20 1,27 1,34 1,39 1,43 1,51 1,57 1,61 A: Consumo en. El. terziario [tep] - B: Popolazione (x1.000) - C: kep pro capite 51

6 Settore terziario consumo procapite di energia elettrica 100,00 90,00 80,00 [kep pro capite] 70,00 60,00 50,00 40,00 30,00 20,00 10,00 0,00 Confronto tra le due variabili [Migliaia di abitanti] [kep] popolazione Consumi energia elettrica VALUTAZIONE Nel periodo considerato si nota un notevole incremento dei consumi procapite (+60%). L incremento del consumo è il risultato dell incremento delle volumetrie complessive adibite a terziario oltre che del maggior numero di dispositivi elettrici utilizzati. La diffusione dei grossi centri commerciali è sicuramente determinante nell introduzione di sistemi particolarmente energivori (sistemi di illuminazione, di raffrescamento estivo, ecc.). Anche l introduzione di un numero sempre più elevato di dispositivi elettronici in parecchi settori di attività del terziario (scuole, uffici, pubblica amministrazione, ecc.) è determinante per l innalzamento dei valori dell indicatore. 52

7 2.7.4 INDICATORE 4: Consumo di energia elettrica per unità di valore aggiunto nei servizi vendibili Settore: Terziario. Sottosettore: Servizi Vendibili (Trasporti, Comunicazioni, Commercio, Alberghi, Ristoranti e Bar Credito ed assicurazioni Altri Servizi Vendibili). Indicatore: Consumo di energia elettrica per unità di valore aggiunto nei servizi vendibili del settore terziario. Descrizione dell indicatore: Rappresenta gli impieghi energetici per usi elettrici utilizzando il valore aggiunto come fattore di normalizzazione. Il valore aggiunto a prezzi costanti è un indice della quantità di beni prodotti (in mancanza delle quantità effettive). L indicatore tende quindi a rappresentare l energia impiegata per la produzione di una quantità determinata di beni. Metodo di calcolo: I dati di consumo di energia elettrica sono forniti con una suddivisione in settori di attività. L energia consumata è espressa in termini di energia finale. Unità di misura: chilogrammi equivalenti di petrolio per milioni di Euro. Fonte dati: Energia elettrica: il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (URL: fornisce i dati complessivi a livello provinciale. Valore aggiunto: Settore Statistica della Provincia di Torino. Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > variazione di efficienza delle apparecchiature utilizzate; > variazione di efficienza del settore terziario; > shift di fonti energetiche impiegate. RAPPRESENTAZIONE: A B C 8,85 9,68 9,66 9,99 10,69 11,12 11, =1 1,00 1,09 1,09 1,13 1,21 1,26 1,33 A: Consumo en. El. Nei servizi vendibili [ktep] - B: Valore Aggiunto [M 1990] - C: Consumo specifico di energia elettrica [kep/m ] 53

8 Settore terziario Consumo di energia elettrica per unità di valore aggiunto 14,00 12,00 10,00 [tep/m Euro] 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 Confronto tra le due variabili [M Euro] [tep] Servizi vendibili del terziario [tep] Valore aggiunto VALUTAZIONE Nel periodo considerato si nota un aumento superiore al 30% dell indicatore. L andamento delle due variabili denota come l aumento dei consumi di energia elettrica non siano minimamente inflenzati dall andamento dell economia provinciale. Tale dato mette in evidenza il continuo processo di informatizzazione dei servizi vendibili e l aumento della potenza installata per mq o dipendente di tale settore. 54

9 2.7.5 INDICATORE 5: Consumo di combustibili per unità di valore aggiunto nei settori produttivi Settore: Attività produttive. Sottosettore: Tutti. Indicatore: Consumo di combustibili per unità di valore aggiunto nei settori produttivi. Descrizione dell indicatore: Rappresenta gli impieghi energetici per usi termici utilizzando il valore aggiunto come fattore di normalizzazione. Il valore aggiunto a prezzi costanti è un indice della quantità di beni prodotti (in mancanza delle quantità effettive). L indicatore tende quindi a rappresentare l energia impiegata per la produzione di una quantità determinata di beni. Metodo di calcolo: Il gas metano è di gran lunga il principale combustibile impiegato nei vari settori produttivi. A questo si aggiunge l olio combustibile ed il gasolio utilizzato in agricoltura. Dalle quote di consumo di gas e/o olio combustibile si devono sottrarre gli eventuali quantitativi impiegati per la generazione di energia elettrica da parte delle industrie autoproduttrici. L energia consumata è espressa in termini di energia finale. Unità di misura: chilogrammi equivalenti di petrolio per milioni di Euro. Fonte dati: Fino al 1998 le statistiche SNAM riportavano i dati di consumo a livello provinciale ripartendoli per settori produttivi. Attualmente sono in corso degli incontri con gli enti preposti (Ministero delle Attività Produttive ed ISTAT) per la definizione di nuove modalità di elaborazione e raccolta dei dati statistici relativi alle erogazioni di gas naturale, a seguito delle modifiche del mercato del gas introdotte dal decreto di attuazione della direttiva gas europea. Da tali incontri dovrà scaturire il soggetto detentore delle informazioni (analogo al GRTN per quanto riguarda l energia elettrica). Olio combustibile: MAP bollettino petrolifero. Gasolio agricolo: MAP bollettino petrolifero. Valore aggiunto: Settore Statistica della Provincia di Torino. Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > variazione di efficienza delle apparecchiature utilizzate; > variazione di efficienza della catena produttiva; > shift di fonti energetiche impiegate; > variazione delle tipologie di prodotti fabbricati all interno dei vari settori produttivi. RAPPRESENTAZIONE: A B C 55,03 53,77 50,77 50,14 48,85 48,18 52, =1 1,00 0,98 0,92 0,91 0,89 0,88 0,95 A = Consumo di combustibili attività produttive [tep] - B = Valore aggiunto [M 1995] C = Consumo specifico per unità di valore aggiunto (tep/m ) 55

10 Settore produttivo consumo combustibili per valore aggiunto 56,00 54,00 52,00 [tep/meuro] 50,00 48,00 46,00 44,00 Confronto tra le due variabili [tep] [MEuro] Consumo di combustibili Valore aggiunto VALUTAZIONE A parte il dato in controtendenza registrato nell ultimo anno, l indicatore presenta un trend decrescente. I dati indicano pertanto un processo di efficientizzazione e dematerializzazione del settore industriale (a parità di valore prodotto, si consuma meno energia). Entrambe le grandezze hanno comunque un andamento decrescente nel periodo considerato e ciò denota la diminuzione del peso relativo del settore industriale (ai danni del terziario) all interno del sistema economico complessivo della provincia di Torino. 56

11 2.7.6 INDICATORE 6: Consumo di energia elettrica per unità di valore aggiunto nei settori produttivi Settore: Attività produttive. Sottosettore: Tutti. Indicatore: Consumo di energia elettrica per unità di valore aggiunto nei settori produttivi. Descrizione dell indicatore: Rappresenta gli impieghi energetici per usi elettrici utilizzando il valore aggiunto come fattore di normalizzazione. Il valore aggiunto a prezzi costanti è un indice della quantità di beni prodotti (in mancanza delle quantità effettive). L indicatore tende quindi a rappresentare l energia impiegata per la produzione di una quantità determinata di beni. Metodo di calcolo: I dati di consumo di energia elettrica sono forniti con una suddivisione in settori di attività. L energia consumata è espressa in termini di energia finale. Unità di misura: chilogrammi equivalenti di petrolio per milioni di Euro. Fonte dati: Energia elettrica: il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (URL: fornisce i dati complessivi a livello provinciale. Valore aggiunto: Settore Statistica della Provincia di Torino Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > variazione di efficienza delle apparecchiature utilizzate; > variazione di efficienza della catena produttiva; > shift di fonti energetiche impiegate; > variazione delle tipologie di prodotti fabbricati all interno dello stesso settore produttivo. RAPPRESENTAZIONE: A B C 37,40 36,71 37,88 38,88 37,63 39,18 41, =1 1,00 0,98 1,01 1,04 1,01 1,05 1,10 A: Consumo en. El. attività produttive [ktep] - B: Valore Aggiunto [M 1990] - C: Consumo specifico di energia elettrica [kep/m ] 57

12 Settore produttivo consumo energia elettrica per valore aggiunto 42,00 41,00 40,00 [kep/meuro] 39,00 38,00 37,00 36,00 35,00 34,00 Confronto tra le due variabili [MEuro] [ktep] Consumo energia elettrica Valore Aggiunto VALUTAZIONE Nel periodo considerato si nota un trend in aumento dell indicatore. L andamento delle due variabili (a parte il dato anomalo dell ultimo anno) sono molto simili. L indicatore presenta un andamento diverso rispetto a quello dedicato ai combustibili, le motivazioni che sottendono tali differenza dovrebbero essere maggiormente indagate con analisi per comparti produttivi che non sono state possibili attuare per mancanza dati. 58

13 INDICATORE 7: Quota di energia elettrica da fonte rinnovabile sul consumo provinciale Settore: Offerta di energia. Sottosettore: Energia rinnovabile. Indicatore: Quota di energia elettrica da fonte rinnovabile. Descrizione dell indicatore: Rappresenta la produzione locale di energia elettrica da fonte rinnovabile rispetto al totale consumato. Metodo di calcolo: In provincia esistono vari impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, quasi esclusivamente da energia idraulica. I dati di produzione non sono forniti per i singoli impianti. Unità di misura: Percentuale Fonte dati: Energia elettrica rinnovabile prodotta: Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale. Energia elettrica consumata: Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (URL: Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > diminuzione o incremento dell energia rinnovabile; > diminuzione o aumento dell energia elettrica consumata. RAPPRESENTAZIONE: A 208,70 193,16 199,03 192,3 188,5 B 939,94 962,7 950,5 989, C 22,20 20,06 20,94 19,43 18, = 1 1,00 0,90 0,94 0,88 0,85 A: Produzione en. El. rinnovabile [ktep] - B: Consumo en. elettrica totale [ktep] C: Percentuale di energia rinnovabile sul consumo complessivo di energia elettrica 59

14 Quota di energia elettrica da fonte rinnovabile sul consumo provinciale 23,00 22,00 21,00 [%] 20,00 19,00 18,00 17, Confronto fra le due grandezze [ktep] Produzione di energia elettrica da rinnovabile Consumo di energia elettrica totale VALUTAZIONE La tendenza dell indicatore è in leggera diminuzione. Tale dato è in controtendenza con gli obiettivi di incremento della percentuale di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabile di energia. E comunque da segnalare che la percentuale della produzione di energia rinovabile è abbastanza elevata e la diminuzione dell indicatore è da ascrivere più all aumento dei consumi di energia elettrica che alla riduzione della produzione da fonti rinnovabili. La prossima entrata in funzione dell impianto di Pont Ventoux dell AEM potrebbe far comunque incrementare la percentuale nei prossimi anni. 60

15 2.7.8 INDICATORE 8: Emissioni di gas serra per unità di energia consumata Settore: Tutti. Sottosettore: Tutti. Indicatore: Emissioni di gas di serra per unità di energia consumata. Descrizione dell indicatore: Rappresenta la quantità di emissioni di gas di serra, espressa in termini di CO 2 equivalente, associata ad ogni unità di energia consumata. Tale quantità viene costruita considerando l intero ciclo di vita dei diversi vettori energetici utilizzato sul territorio provinciale. Metodo di calcolo: Dopo aver costruito il bilancio energetico della provincia, ad ogni vettore energetico vengono associati i corrispondenti coefficienti di emissione specifica. Si considerano sia le emissioni dirette, cioè quelle determinate sul territorio da parte dell utente finale, sia quelle indirette, cioè quelle determinate al di fuori del territorio provinciale ma riconducibili ad attività operanti sul territorio stesso. Unità di misura: tonnellate di CO 2 equivalente per tonnellata equivalente di petrolio. Fonte dati: Fonti diverse (vedi indicatori da 1 a 7). Elementi di interpretazione: La variazione dell indicatore si collega essenzialmente a: > shift verso combustibili a minor contenuto di carbonio;incremento; > variazione della quota di impiego di energie rinnovabili. RAPPRESENTAZIONE: A B C 3,99 3,90 3,89 3,87 3,90 3,87 3,83 3,87 3,80 3,78 3,82 3, =1 1,00 0,98 0,98 0,97 0,98 0,97 0,96 0,97 0,95 0,95 0,96 0,93 A: Emissioni di CO2 eq. [kton] - B: Consumo di energia [ktep] - C: Unità di gas serra per energia consumata [ton/tep] 61

16 Emissioni di gas di serra per unità di energia consumata 4,10 4,00 [ton/tep] 3,90 3,80 3,70 3,60 3,50 Confronto tra le due variabili [kton] [ktep] Emissioni di CO2 eq. (kton) Consumo di energia (ktep) VALUTAZIONE Nel periodo si riscontra una riduzione dell indicatore di circa il 7% grazie all effetto garantito dal passaggio a vettori energetici a minor contenuto di carbonio. Tale miglioramento non è comunque in grado di contrastare l aumento dei valori assoluti. La riduzione delle emissioni va pertanto perseguita principalmente attraverso la riduzione dei consumi energetici. 62

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

CONSUMI ENERGETICI 09

CONSUMI ENERGETICI 09 CONSUMI ENERGETICI 09 Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) Consumi di metano ad uso domestico Consumi di metano ad uso non domestico: comparto ceramico Consumi di energia elettrica

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI

RELAZIONE DI SINTESI Progetto Sergan INTERREG III A SARDEGNA / CORSICA / TOSCANA Progetto SERGAN Reti locali del gas RELAZIONE DI SINTESI Studio sulle reti locali del gas Domanda prevedibile di gas nei prossimi dieci anni

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nel corso del 2005 è proseguita la crescita sostenuta dei consumi di energia elettrica a Roma, a cui si contrappone una certa stabilità nella congiuntura economica provinciale

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

15. Consumi energetici

15. Consumi energetici 15. Consumi energetici Nel 2006 i consumi energetici del Comune di Roma hanno registrato un aumento rispetto al 2005 (+2,8%), un dato, questo, in linea con l incremento provinciale (+2,7%), regionale (+2,2%)

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici.

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici. 5773/2207; DGR-8745/2008) riguardanti le prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti, sia nuovi (autorizzati successivamente al 1 gennaio 2010) che quelli oggetto di ristrutturazioni significative.

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nell ambito dei Paesi industrializzati, e della loro tendenza a promuovere stili di sempre più orientati a comportamenti di consumo energivori, l Italia e ovviamente Roma

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia L allegato energetico al Regolamento Edilizio arch. filippo loiodice 12 ottobre 2011 Passirano I pesi in media.. in media.senza

Dettagli

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE ANNO 2007 1 CONSUMI FINALI PER SETTORE DI UTILIZZO trasporti 29,2% CONSUMI FINALI PER SETTORE agricoltura e pesca 2,1% industria 34,6% civile

Dettagli

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Deliberazione 16 dicembre 2004 Determinazione del contributo tariffario da erogarsi ai sensi dell

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001

Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001 Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001 INDICE 1. Commento 2. Fonti primarie di energia 3. Indice dei consumi di energia in fonti primarie 4. Emissioni di CO

Dettagli

Analisi per vettore energetico

Analisi per vettore energetico 4.1.2 Dinamica temporale Come riportato in figura 4.8, i consumi di gas naturale aumentano notevolmente nel periodo analizzato e in particolare tra il 2003 e il 2005 a causa dell aumento del gas naturale

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO 1. INTRODUZIONE... 2 2. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 3 3. DATI GENERALI... 4 4. ILLUMINAZIONE... 5 5. LAVORAZIONI... 6 6. UFFICIO... 7 7. CONDIZIONAMENTO...

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 9. ENERGIA 9.1. Inquadramento Gli impianti di produzione di energia ed il consumo di combustibili fossili sia per usi civili che produttivi (nei settori industriale, agricolo, terziario, trasporti) generano

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Allegato C - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico.

Allegato C - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico. - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico. I consumi di energia termica nel settore pubblico nella Città di Torino La stima dei consumi di energia termica del settore pubblico

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Estratto Bilancio Energetico Comunale

Estratto Bilancio Energetico Comunale Data N. incarto Oggetto Proprietà 31 maggio 2011 11316 Città dell Energia AMB Estratto Bilancio Energetico Comunale Comune di Bellinzona - 2010 Bilancio Energetico Globale BILECO Bellinzona 31/05/2011

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA DCO 2/08 AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (Articolo 2, comma 3, dei decreti ministeriali 20 luglio 2004) Documento per

Dettagli

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Roma, 23 Settembre 2010 Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici 30 settembre

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE ANALISI DEL TERRITORIO

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009 Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza e Tiziana

Dettagli

BILANCIO Incidenza produzione/consumi

BILANCIO Incidenza produzione/consumi CAPITOLO 4 QUADRO ENERGETICO DEL COMUNE DI CESENA 4.1 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE 4.1.1 Bilancio energetico complessivo Tabella 4.1 : bilancio energetico comunale [tep] 2008 [tep] 1 Consumo energia elettrica

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Convenzione tra. Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Data

REGIONE CAMPANIA. Convenzione tra. Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Data REGIONE CAMPANIA Convenzione tra Data Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Realizzazione della Banca dati Energetica propredeutica al piano energetico della Provincia di Napoli Relazione Finale Consulenza

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità LA GESTIONE SOSTENIBILE DELL ENERGIA ENERGIA Prof.Luigi Bruzzi Università di Bologna

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI NOVARA il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il percorso L inventario delle emissioni (anno di riferimento) I consumi energetici

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia

Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia Milano, 30-12-05 Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144 Matteo Bartolomeo, bartolomeo@avanzi.org Tel. 02-36518110

Dettagli

1. BILANCIO ENERGETICO PROVINCIALE

1. BILANCIO ENERGETICO PROVINCIALE 1. BILANCIO ENERGETICO PROVINCIALE Il presente lavoro aggiorna il bilancio energetico provinciale all anno 1999. I consumi energetici vengono analizzati su un arco temporale di dieci anni (199-1999); in

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011 Ottobre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2011 parco

Dettagli

CLIMATIZZAZIONE ESTIVA Il mercato italiano

CLIMATIZZAZIONE ESTIVA Il mercato italiano Giampiero Colli Segretario ANIMA/CoAer CLIMATIZZAZIONE ESTIVA Il mercato italiano 2 MARZO 2006 I SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO I sistemi di condizionamento si possono dividere in due grandi famiglie Sistemi

Dettagli

Scenari Energetici. M. Ret, M. Telesca, F. Stel. in Convegno CEP-REC

Scenari Energetici. M. Ret, M. Telesca, F. Stel. in Convegno CEP-REC Arpa FVG- Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia Scenari Energetici M. Ret, M. Telesca, F. Stel in Convegno CEP-REC Arpa FVG- Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente

Dettagli

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA 1. costo inevitabile e incontrollato 2. costo controllato 3. costo pianificato 4. costo pianificato + valore

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE (Dott. Renzo Mario Del Duro) Il calcolo del fabbisogno annuale di energia primaria globale di un edificio tiene in considerazione due

Dettagli

CLIMATIZZAZIONE ED EFFICIENZA ENERGETICA Le nuove tecnologie e il miglioramento della performance ai carichi parziali per la riduzione dei consumi

CLIMATIZZAZIONE ED EFFICIENZA ENERGETICA Le nuove tecnologie e il miglioramento della performance ai carichi parziali per la riduzione dei consumi Milano, 2 marzo 2006 CONVEGNO EDILIZIA AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA Egidio GHIELMI Presidente ANIMA/CoAer CLIMATIZZAZIONE ED EFFICIENZA ENERGETICA Le nuove tecnologie e il miglioramento della performance

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Edgardo Curcio Presidente AIEE Roma, 26 ottobre 2010 Nell ambito di uno studio condotto per Assoelettrica lo scorso

Dettagli

IL SISTEMA DRY TECNOCLIMA. i perchè di una tecnologia che ti conviene!

IL SISTEMA DRY TECNOCLIMA. i perchè di una tecnologia che ti conviene! IL SISTEMA DRY TECNOCLIMA i perchè di una tecnologia che ti conviene! 4 FENOMENOLOGIA IL RISCALDAMENTO E IL RAFFREDDAMENTO DELL ARIA A SCAMBIO DIRETTO (DRY) In generale, il consumo energetico di un impianto

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini BC1 Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Workshop Diapositiva 1 BC1 inserire i propri riferimenti Nome e Cognome relatore Titolo

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014

PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014 PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014 Con riferimento agli strumenti di ingegneria finanziaria attivati dall OI MiSE-DGIAI nell ambito competitività del

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia

L efficienza energetica in edilizia EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO VERSO IL 2020 Il roadshow per l efficienza energetica L efficienza energetica in edilizia Ing. Nicola Massaro ANCE Roma, 9 maggio 2014 www.edifici2020.it Sostenibilità è (anche)

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA NEL PRIMO SEMESTRE 2005 Roma, settembre 2005 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici Febbraio 2013

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

ALLEGATO 2 - Schema di relazione tecnico-economica del progetto di investimento

ALLEGATO 2 - Schema di relazione tecnico-economica del progetto di investimento UNIONE EUROPEA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I.. Attività I.2.2.Adozione di tecnologie ambientali AGEVOLAZIONI

Dettagli

Il potenziale delle fonti termiche per i Piani Energetici Regionali

Il potenziale delle fonti termiche per i Piani Energetici Regionali Terza Conferenza Nazionale sulle Rinnovabili Termiche Il Caldo e il Freddo nel Conto 20-20-20 Il potenziale delle fonti termiche per i Piani Energetici Regionali Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione

Dettagli

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici Cogenerazione 2012 L Italia e l Europa a confronto Milano, 14

Dettagli

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI E CONSUMI STIMATI La sezione riporta l indice di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile, nonché una stima dell energia consumata annualmente dall immobile

Dettagli

Club Alpino Italiano Parco delle Groane - 13 giugno 2009. CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici

Club Alpino Italiano Parco delle Groane - 13 giugno 2009. CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici Club Alpino Italiano Parco delle Groane - 13 giugno 2009 CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici Club Alpino Italiano CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici Parco delle

Dettagli

Per saperne di più contattaci al numero 075.8042496 oppure mob.334.98.95.495 Ing. Beatrice Marconi mob.347.82.08.889 Ing.

Per saperne di più contattaci al numero 075.8042496 oppure mob.334.98.95.495 Ing. Beatrice Marconi mob.347.82.08.889 Ing. Per saperne di più contattaci al numero nu mob.347.82.08.889 347.82.08.889 Ing. Luca Sonno COSA E IL CONTO TERMICO? I costi energetici per il riscaldamento, pesano sul bilancio delle imprese agricole chiamate

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

Fondazione UniVerde. Convegno Turismo Sostenibile ed Ecoturismo Milano, 18 febbraio 2011. Gianfranco Schiava : ELECTROLUX

Fondazione UniVerde. Convegno Turismo Sostenibile ed Ecoturismo Milano, 18 febbraio 2011. Gianfranco Schiava : ELECTROLUX Fondazione UniVerde Convegno Turismo Sostenibile ed Ecoturismo Milano, 18 febbraio 2011 Gianfranco Schiava : ELECTROLUX 1 I RISULTATI OTTENUTI: TOTALE EUROPA In 10 anni (1995-2005) nell Unione europea:

Dettagli

La norma UNI 10200: PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO NEI CASI DI IMPIANTI STANDARD

La norma UNI 10200: PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO NEI CASI DI IMPIANTI STANDARD La norma UNI 10200: PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO NEI CASI DI IMPIANTI STANDARD 1 Per renderla più facile da applicare negli impianti centralizzati più comuni Ing. Antonio Magri antonio.magri31@gmail.com IMPIANTI

Dettagli

advisoring, valuation & research

advisoring, valuation & research Chi inquina paga? Presentazione dell indagine di ECBA Project sulla fiscalità ambientale Workshop IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy) Camera di Commercio di Torino 22 maggio 2014 Donatello

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel settore dei Servizi, come noto, sono presenti realtà produttive molto varie e tra loro non omogenee. Il settore ha dato nel complesso segni di

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

Carta da Riciclare. Guida alle Migliori Pratiche nella redazione dei bandi pubblici per la raccolta della Carta da Riciclare

Carta da Riciclare. Guida alle Migliori Pratiche nella redazione dei bandi pubblici per la raccolta della Carta da Riciclare Carta da Riciclare Guida alle Migliori Pratiche nella redazione dei bandi pubblici per la raccolta della Carta da Riciclare Premessa Le nuove direttive UE sugli appalti e sulle concessioni pubbliche sono

Dettagli