ICT Procurement Dashboard IT Spending Trends: How digitalization is impacting on the IT budget 11/12/2013. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICT Procurement Dashboard IT Spending Trends: How digitalization is impacting on the IT budget 11/12/2013. Sommario"

Transcript

1

2 Sommario Verbale... 2 Executive Summary... 6 Presentations:... 9 ICT Procurement Dashboard IT Spending Trends: How digitalization is impacting on the IT budget... 9 Total Digitization: What path should your company take?

3 Verbale Oggetto BTO - ICT Procurement Dashboard Incontro plenario n. 03 Data 11/12/2013 Inizio Fine Luogo Grand Hotel et de Milan Milano Partecipante Presente Partecipante Presente Vincenzo Morabito BTO Andrea Giannuzzi ENEL Nadia Neytcheva BTO Fabio Sinceri Poste Italiane Andrea Montefusco BTO Davide Carteri Deutsche Bank Alessandro De Pace BTO Gerardo Ceres UBISS Giovanni Roberto BTO Massimo Palmieri Unicredit Ezechiele Capitanio BTO Tommaso Cenci BTO Andrada Comanac - BTO Giovanni C. Surace - BTO 2

4 Agenda dell incontro 1. Benvenuto e introduzione ai lavori 2. Spunti dalla ricerca e dibattito 3. Conclusioni e chiusura dei Lavori Dettaglio degli argomenti trattati 1. Benvenuto e introduzione ai lavori a. L apertura dell incontro è stata eseguita dal Prof. Vincenzo Morabito il quale ha descritto l agenda della giornata, presentato i progressi del Progetto ICT Procurement Dashboard, e ha introdotto la ricerca svolta riguardante l IT SPENDING TRENDS: How Digitalization is impacting on the IT Budget. b. Presentazione da parte della Dott.ssa Nadia Neytcheva della BTO Collection, contenente articoli accademici selezionati dal team di ricerca relativamente all impatto della digitalizzazione sul budget IT. Le tematiche presentate riguardano la digitalizzazione delle relazioni economiche-commerciali e come essa stia avendo un crescente impatto sulla definizione dei confini organizzativi. c. L intervento della Prof.ssa Stephanie Woerner responsabile dell Osservatorio sulla spesa IT al Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha messo in luce i trend di spesa IT mostrando che la digitization rappresenta il 39% del totale della spesa del budget IT. In particolar modo ha evidenziato i tre differenti approcci alla digitization che si discostano per orientamento e obiettivi. 2. Spunti dalla ricerca e dibattito Prendendo come spunto la ricerca della Prof.ssa Stephanie Woerner è iniziata una discussione libera da parte dei partecipanti che ha portato all individuazione di approcci sia manageriali che tecnici da applicare coerentemente all implementazione del portafoglio IT. Un IT Portfolio Management correttamente strutturato permette di spostare le discussioni fra Business e Management da un livello operativo ad uno più strategico, funzionale alla valutazione ed al monitoraggio degli investimenti in Information Technology. La struttura del portafoglio IT presentata dalla Prof.ssa Woerner è divisa in quattro aree: infrastructure, transactional, information, strategic. Inoltre, all interno dell analisi descritta emergono tre diversi approcci alla digitization: convergenza, coordinamento e innovazione digitale indipendente. Andrea Giannuzzi, Head of International Procurement di Enel, ha sottolineato come le tre principali sfide IT da gestire siano ascrivibili all innovazione, alla riduzione dei costi e alla realizzazione ed implementazione as fast as possible delle soluzioni scelte. E stato inoltre fatto notare che sarebbe auspicabile unire le forze per agire insieme, dialogare e produrre in collaborazione tra aziende non concorrenti e appartenenti a settori diversi al fine di ridurre i costi e creare sinergie. Luca Verducci, Responsabile Governo delle tecnologie e sicurezza di Poste Italiane, ha fatto emergere la problematica legata alla burocrazia legata allo sviluppo e all implementazione dei progetti, la quale genera conseguentemente inefficienze e 3

5 quindi bassa qualità dell output realizzato. Gerardo Ceres, Direzione Acquisti Settore Acquisti IT - UBISS, ha evidenziato come il 30% della spesa IT sia rivolto alla digitization. Soprattutto poiché è una delle poche leve valide ancora disponibile per generare ricavi futuri nell ottica di riduzione di costi di amministrazione e manutenzione. Egli ha inoltre posto l accento sull importanza dell efficienza, soprattutto per quanto riguarda la coordinazione tra i vari dipartimenti aziendali. Davide Carteri, Business Partner Italy per il Global Sourcing di Deutsche Bank, ha fatto notare come le principali sfide che l IT deve affrontare sono: l importanza della riduzione dei costi nell ambito IT e la necessità di nascondere all esterno la complessità dei sistemi informativi. Da un punto di vista organizzativo-manageriale invece è emersa la volontà di andare verso una centralizzazione delle attività di digitalizzazione, tendenza però ostacolata da problemi di regulation requirements derivanti dal settore specifico in cui opera l azienda. Massimo Palmieri, ICT Sourcing presso Unicredit, ha portato l attenzione su come sia necessaria e perseguibile un innovazione del modello di acquisto IT, principalmente poiché si sta cercando di predisporre un piano di riduzione del numero di filiali fisiche implementando la digitalizzazione diffusa come strumento principe di accesso alla banca. Una grande spinta verso la digitalizzazione diffusa potrebbe essere ottenuta tramite la semplificazione e il consolidamento delle attività dei principali vendor poiché si è riscontrato che un numero troppo elevato di collaboratori esterni risulta complesso da gestire e spesso poco efficiente. 3. Conclusioni e chiusura dei Lavori Key finding emersi: a. La digitalizzazione del mercato sta modificando l ambiente in cui operano le aziende ed il come esse interagiscono con i clienti. La trasformazione del contesto muta i confini organizzativi spostando il focus manageriale dalla catena del valore al così detto «ecosistema digitale». Quest ultimo focalizzato al soddisfacimento di una classe di bisogni e caratterizzato da consumatori e device collegati fra loro immersi in una rete di imprese. b. I processi aziendali più complessi, storicamente caratterizzati da un basso livello di digitalizzazione, stanno attuando un inversione di tendenza dovuta all evoluzione del mercato e del contesto ambientale. Dalla ricerca esposta è emerso che vi sono tre approcci ascrivibili al processo di digitalizzazione: a. Convergenza: che porta all accentramento degli investimenti ed alla conseguente riduzione dei costi. b. Coordinamento: fondata sul consolidamento degli asset e delle competenze IT, utilizzati in condivisione dai clienti interni e funzionali al raggiungimento dei principali obiettivi strategici. 4

6 c. Innovazione digitale indipendente: che fa si che le diverse unità organizzative gestiscano indipendentemente gli investimenti in ottica di innovazione e gestione autonoma. c. L occhio particolare che il C.I.O. deve rivolgere alla costruzione di ponti tra le sette isole della digitalizzazione. Nello specifico: a. IT. b. Operation. c. Automazione. d. Reserach and Development. e. Studio e produzione di prodotti digitali. f. Confronto con i clienti. g. Istruire i collaboratori/dipendenti. d. La conferma che le imprese con un alto livello di digitalizzazione abbiano riscontrato più alti livelli di crescita e maggiori percentuali di Return On Invested Capital (ROIC). e. Il riposizionamento che molte imprese stanno cercando di realizzare nel pieno perseguimento di due drivers principali: Business design e Conoscenza del consumatore col fine ultimo di diventare totalmente parte dell ecosistema digitale. f. Diventa fondamentale la profonda conoscenza del cliente e la possibilità di accedere ad una piattaforma di vendita condivisa anche con prodotti e servizi di terzi. A questo proposito potrebbe essere definita una best practice dalla collaborazione di aziende non competitive nella realizzazione di progetti di digitization. 5

7 Executive Summary Researchers Keynote 1 L utilizzo coerente dell IT Portfolio Management permette di spostare le discussioni fra Business e Management, da un livello operativo ad uno più strategico, proponendo una distinzione in classi, funzionale alla valutazione e al monitoraggio degli investimenti IT 4 diversi obiettivi del Management per gli investimenti in IT Strategici Informativi Transazionali Infrastrutturali Sono orientati all ottenimento di un vantaggio competitivo o di acquisizione di quote di mercato Forniscono informazioni a supporto delle varie funzioni aziendali, dal controllo alla produzione Hanno l obiettivo di ridurre i costi e migliorare l efficienza attraverso l automazione dei processi Forniscono la struttura che permette lo sviluppo di servizi IT condivisi Il portafoglio IT è tipicamente uno strumento a disposizione degli organi con potere decisionale sull allocazione degli investimenti IT. Una attenta valutazione sia dei nuovi investimenti che dei sistemi già presenti nell infrastruttura permette di: Assicurarne l allineamento con gli obiettivi strategici Identificare opportunità di riutilizzo Favorire la condivisione di sistemi informativi tra diverse funzioni Researchers Keynote 2 I tre possibili approcci presentati, cercano di rispondere in modo diverso alla tendenza alla progressiva digitalizzazione dei processi aziendali. Il management necessita di strumenti organizzativi che permettano di gestire e sfruttare al meglio questa evoluzione Convergenza Coordinamento Innovazione digitale indipendente Focus Integrazione e riduzione dei costi Coordinamento delle «isole IT» Innovazione ed autonomia Design Consolidamento di competenze, infrastrutture e processi sotto un unica funzione I macrosistemi indipendenti IT sono implementati meccanismi di coordinamento interfunzionali Impostazione basata sulla diversificazione di aree di business/ prodotto dotate di forte autonomia Un attività chiave per il CIO è la definizione della strategia migliore per affrontare la digitalizzazione dell organizzazione in linea con le sue caratteristiche, resistendo alla tendenza di affiancare strategie diverse generando complessità e oneri aggiuntivi 6

8 Researchers Keynote 3 La digitalizzazione delle relazioni economiche e commerciali sta avendo un crescente impatto sulla definizione dei confini organizzativi, tanto che si sta delineando un passaggio dalla catena di valore tradizionale al cosiddetto «ecosistema digitale» Catena di Valore Ecosistema Digitale Ogni partecipante alla catena ha un rapporto lineare e definito con clienti e fornitori Basata tradizionalmente sullo scambio di prodotti o servizi non digitali E caratterizzata da una struttura rigida incentrata sul prodotto Rete di imprese, consumatori e device collegati fra loro che creano valore Transazioni rese possibili da collegamenti digitali Un maggiore numero di attori contribuisce alle proprietà di innovazione e flessibilità dell ecosistema Focalizzato al soddisfacimento di una classe di bisogni Researchers Keynote 4 Esistono diverse posizioni entro cui un organizzazione può situarsi rispetto ad ambiente di business e conoscenza del consumatore: le imprese che guideranno la prossima generazione sapranno dominare il proprio ecosistema facendo leva sulla profonda conoscenza del cliente + CONOSCENZA DEL CONSUMATORE - BUSINESS MULTICANALE Vende i propri prodotti attraverso canali diversi fornendo al consumatore varietà ed un esperienza di acquisto integrata FORNITORE Caratterizzato da una bassa conoscenza del consumatore e dall inserimento in una catena di valore di un altra organizzazione DRIVER DI ECOSISTEMA Produce valore dalla profonda conoscenza del cliente e dalla proprietà di una piattaforma di vendita condivisa con prodotti e servizi di terzi PRODUTTORE MODULARE Fornisce prodotti o servizi pronti all uso, innovativi ed adattabili a diversi ecosistemi CATENA DEL VALORE ECOSISTEMA 7

9 Researchers Keynote 5 La gestione dell IT differisce significativamente fra settori digitali (bancario, telecomunicazioni..) e quelli con una minore digitalizzazione, con impatti su efficienza dei sistemi e livello di nuovi investimenti Spesa IT Riutilizzo Focus sul cliente esterno Settori Digitali Alto livello assoluto di investimenti IT Forte tendenza al riutilizzo degli asset informativi, con conseguente risparmio sulla gestione dell infrastruttura Lo sviluppo dell offerta è il driver principale degli investimenti IT, che generano ampie quote dei ricavi Settori non Digitali Investimenti in IT in crescita come quota di fatturato Minore «maturità» nell uso dell IT: cultura, misure e incentivi al riutilizzo sono meno presenti Una quota minima dei ricavi ha origine nell IT, che è principalmente a supporto della struttura interna Nel futuro i settori meno digitalizzati diverranno più digitali, acquisendo al contempo una migliore capacità nella gestione dell ambito informativo del loro business. In settori attualmente attivi su quel fronte, invece, si assisterà ad una progressiva erosione dei confini di mercato, con una maggiore facilità di penetrare nuovi settori con opportunità di cross-selling 8

10 Presentation: Durante l evento è intervenuta la Prof.ssa Stephanie Woerner, responsabile dell Osservatorio sulla spesa IT al Massachusetts Institute of Technology (MIT) che ha messo in luce i trend di spesa IT mostrando che la digitization rappresenta il 39% del totale della spesa del budget IT. ICT Procurement Dashboard IT Spending Trends: How digitalization is impacting on the IT budget L inquadramento degli investimenti IT in un framework di portafoglio permette di definire efficientemente l allocazione di risorse in linea con gli obiettivi strategici aziendali Managing the IT Portfolio: it s all about what s new Perché utilizzare una struttura a portafoglio nella gestione degli investimenti IT In quali categorie si possono suddividere tali investimenti Come può questa impostazione supportare la selezione e l efficienza degli investimenti LESSONS LEARNED: La struttura a portafoglio permette una più facile identificazione delle priorità, traducendo i progetti IT in misure finanziarie e gestionali standard e di facile interpretazione Gli investimenti IT si possono suddividere sia tra «nuovi» e «di mantenimento» che tra «transazionali», «informativi», «strategici» e «infrastrutturali» La chiara allocazione di ogni investimento e proposta di investimento entro questi parametri permette di valutare il portafoglio IT complessivo e monitorarne l allineamento con gli obiettivi Una valutazione ed approvazione centralizzata degli investimenti assicura l efficienza della spesa ed il consolidamento degli asset IT La Digitalizzazione Globale è gestibile per ogni organizzazione attraverso diversi approcci che si differenziano tra loro per la coerenza con il modello e gli obiettivi di business Managing total digitization: the next frontier Quali sono gli approcci possibili per affrontare la progressiva digitalizzazione totale dei processi aziendali Come tali approcci sono vincolati alla strategia perseguita dall organizzazione LESSONS LEARNED: I processi aziendali più complessi, da quelli strategici a quelli organizzativi, sono stati tipicamente caratterizzati da una bassa digitalizzazione, ma le dinamiche competitive e tecnologiche stanno portando alla progressiva inversione di tendenza Gli approcci identificati dalla ricerca sono: Convergenza: porta all accentramento degli investimenti ed al conseguimento di risparmi e sinergie Coordinamento: si basa sul consolidamento degli asset e delle competenze IT, utilizzati in condivisione dai clienti interni e funzionali al raggiungimento dei principali obiettivi strategici Innovazione digitale indipendente: in cui diverse unità organizzative gestiscono autonomamente gli investimenti in ottica di innovazione e gestione autonoma 9

11 Le organizzazioni digitali del futuro opereranno in un contesto di mercato fondamentalmente diverso da quello tradizionale, in cui il valore sarà creato dalle mutue interazioni tra domanda e offerta The next generation enterprise: thriving in an increasingly digital ecosystem Come la digitalizzazione del mercato sta modificando l ambiente in cui operano le aziende ed interagiscono con i clienti In che direzione devono concentrarsi gli sforzi delle aziende che mirano alla trasformazione digitale LESSONS LEARNED: L impostazione tradizionale della catena di valore verrà col tempo sostituita da quella dell ecosistema, in cui le relazioni tra produttori e consumatori, rese possibili dai mezzi digitali, generano valore Il livello di conoscenza del cliente e la tipologia di business design vanno a definire quattro categorie, che rappresentano il punto di partenza per l implementazione di misure che portino ogni organizzazione ad allontanarsi dalla catena di valore tradizionale all inserimento in un ecosistema accompagnato da una più completa conoscenza del cliente Le organizzazioni operanti in settori digitalizzati e in settori non digitalizzati, presentano significative differenze sotto il profilo della spesa, la composizione e la gestione degli investimenti IT What s next: learning from the most digital industries In che modo si differenziano i settori digitali da quelli tipicamente non digitali sotto il profilo degli investimenti IT Quali caratteristiche permettono ai settori digitali di ottenere una maggiore efficienza nella gestione degli asset IT LESSONS LEARNED: Le aziende attive in settori digitali sono caratterizzate da una migliore efficienza nell uso degli asset digitali, data una minore quota media di investimenti IT dedicati al mantenimento dei sistemi esistenti Il riutilizzo degli asset è un elemento principale nel contenimento dei costi di mantenimento, data la risultante semplificazione dell infrastruttura IT a supporto dell azienda I settori tipicamente poco digitalizzati sono destinati ad evolversi, acquisendo una maggiore attenzione sul riutilizzo e sui clienti esterni, assomigliando sempre più ai settori maggiormente digitalizzati 10

12 Due casi di studio dimostrano come, in realtà molto diverse, investimenti in digitalizzazione possono essere fondamentali nella formulazione dell offerta e nella definizione di un vantaggio competitivo Companies with better digital business models have higher financial performance & Customer-facing digitization creates the most value LESSONS LEARNED: L acquisizione di competenze digitali è fondamentale per la ritenzione e l acquisizione di clienti sempre più esigenti, come provato dagli alti tassi di crescita registrati dalle organizzazioni che investono maggiormente nella digitalizzazione dell offerta Le competenze da sviluppare devono essere definite in linea con gli obiettivi strategici dell organizzazione, secondo priorità definite Una maggiore digitalizzazione produce nuove opportunità di interazione con i clienti e di raccolta di informazioni su di essi, con effetti positivi sui ricavi e la competitività 11

13 Total Digitization: What path should your company take? What we need to know about digital Ecosystem Agenda Digitization investment portfolio Patterns of digitization investment What is total digitization? The islands of enterprise digitization Three approaches to managing total digitization Top performing firms take different approaches Danske Bank, BMW, Holcim Key dimensions of the next generation enterprise The current landscape and a look to the future Total digitization action items Rethinking IT/Digitization as an investment portfolio Four different asset classes 28 Information Increased control Better information Better integration Improved quality Faster cycle time 2012: 21% Strategic Increased sales Competitive advantage Competitive necessity Market positioning Innovation High Value Added 2012: 23% Transactional Cut costs Increase throughput 2012: 19% TRANSACTIONAL INFRASTRUCTURE Source: Framework from P. Weill & M. Broadbent, Leveraging the New Infrastructure: How market leaders capitalize on IT, Harvard Business School Press, Data: Percentages are from 2012 MIT CISR IT Investment Survey, N= Infrastructure Business integration Business flexibility Reduced marginal cost of BU s IT Reduced IT costs Standardization 2012: 37% 12

14 IT Portfolio: Information Strategic IT Portfolios: Transactional Infrastructure IT Investment % 13% IT Investment % 13% IT Investment % 23% 13% 54% 27% 47% 19% 37% IT Portfolio in different industries IT Portfolios in Different Industries Information 1. MIT CISR/SeeIT 2001 Survey, N=140 enterprises (NSF Grant Number IIS ). 2. MIT CISR 2007 Survey, N=1508 enterprises in collaboration with Dr. Howard Rubin 3. MIT CISR 2012 IT Investment Survey, N=351 Further reading: Leveraging the New Infrastructure: How market leaders capitalize on information technology, Peter Weill & Marianne Broadbent, HBS Press, Financial Services 3 Manufacturing 4 Consumer 5 Distribution & Infra 6 Services Revenues from Digital Sources1 33% 29% 32% 26% 37% 19% 22% 22% 24% 24% 22% 20% 22% 21% 24% Transactional Infrastructure Strategic $IT % 18% 19% 21% 18% 39% 36% 35% 37% 37% (Number of Firms) (61) (125) (23) (46) (83) $IT % 27% 27% 26% 27% 14% 13% 13% 13% 13% 13% 13% 13% 14% 13% 45% 47% 47% 48% 47% (Number of Firms) (327) (245) (163) (136) (166) 1. MIT CISR 2012 IT Investment Survey, N= MIT CISR 2007 Survey, N=1508 enterprises in collaboration with Dr. Howard Rubin. 3. Financial Services include: Banking, Financial Services, & Insurance. 4. Manufacturing includes: Manufacturing, High Tech, Aerospace, Construction, Food Processing, Electronics, Chemicals, Energy, Mining, and Agriculture 5. Consumer include: Retail, Travel & Food, Consumer Services, Health Care, Pharmaceuticals, & Media 6. Distribution and Infrastructure includes: Telecom, Utilities, Transportation, and Logistics 7. Services include: IT & Software, IT Services, and Professional Services. Further reading: Leveraging the New Infrastructure: How market leaders 2013 capitalize BTO All on information Rights Reserved technology, 31 Peter Weill & Marianne Broadbent, HBS Press,

15 What is total digitization? What is total digitization? Scope How an enterprise coherently manages the rapid digitization of its resources (e.g., processes, products, data, interactions, relationships and assets) to maximize value in a digital ecosystem Definition The creation of new resources and the enriching of traditional resources (e.g., processes, products, data, interactions, relationships and assets) by adding IP addresses or a chip, tagging, or automating and making these available on-line and mobile Examples Products (e.g., software, financial instruments), IT, digitized business processes, manufacturing robots, CAD, broadcast technologies, networks, ATMs, sensors, and process control Business is digitizing at an exponential rate Thanks to Martin Mocker

16 Lots of islands of digitization to manage Lots of islands of digitization to manage IT: IT operations, projects, digitized business processes, information, administrative functions Operations/processing functions: E.g., mortgage processing, claims processing, credit cards, billing systems, supply chain Automation/engineering functions: E.g., process control, smart meters, robotics, CAD, telephone networks, broadcast technologies, sensors Knowledge workers: E.g., analysts, pricing, brand management, safety, HR, risk, content creation R&D/labs: E.g., research, product development, testing Digital products and design: E.g., software, loans, insurance products, digital books, information products, movies, games Customer-facing: E.g., web sites, mobile, multi-channel customer experience Center for Information Systems Research (CISR) 35 Three approaches for managing total digitization Three approaches for managing total digitization Convergence Coordination Separate Digital Innovation Stacks Examples ING DIRECT Danske Bank ExxonMobil BMW DirecTV Intel News Corp Microsoft Holcim Main focus Integrate for synergies Coordinate for desired outcomes Innovate locally Typical approach Bring all under one executive, consolidating, where possible: data, infrastructure, skills, management processes Managed by different executives/functions using governance and budget to coordinate handoffs, service outcomes, data, and risk Decentralize with some global risk management and local accountability % of firms Source: MIT CISR question on Gartner 2010 CIO survey of 2012 enterprises

17 IT Leadership Committee (ITL) ICT Procurement Dashboard IT Spending Trends: How digitalization is impacting on the IT budget 11/12/2013 One brand, Convergence: Omni-channel, ICT PROCUREMENT DASHBOARD one platform, IT SPENDING multiple TRENDS benefits One brand, Omni-channel, one platform, multiple benefits Guiding principle: One of everything One brand Omni-channel One way to perform service standardization based on best practices Global group functions One IT platform One view of the customer in real-time Better agility, since changes only implemented once for the entire group Branches Branches Call Call Centre centre Netbank Netbank ATM Cards Personal Banking Credit Mortgage Asset Management Customer Currency Payments Business Banking PRODUCTS CORE BANKING SERVICES Mobile Bonds & Equities Organization Approvals Customer Accounts Shared Fees Output Accounting Data Services Risk Warehouse Corporate & Institutions Interests Finance Centers FOREX Treasury Cash Management Life & Pension Leasing Products are not that different from 5-10 years ago but the processes and channels are completely different. Peter Schleidt, CIO Source: Danske Bank document and company interview. Used with permission. 3 Coordination: BMW Global IT Structure and Governance BMW Global IT Structure and Governance Represent business Resource governance Prioritize across functions Engineerin g Productio n Sales Financial Services Admin In-car IT* Customer intimacy Process development Network relationships Build IT applications Architect IT applications* Global Operations Infrastructure Applications Vendors Run IT Build IT infrastructure Architect IT infrastructure IT Infrastructure partners from 212 to 7 Licensing cost down 35% IT Leadership Standardization Infrastructure Design decisions Source: Interviews of BMW executives by Peter Weill, Anne Quaadgras and MIT CISR research scientists; diagram used with permission. 4 16

18 Increasing impact Country Manufacturing Country Manufacturing Country Manufacturing Country Manufacturing Country Manufacturing ICT Procurement Dashboard IT Spending Trends: How digitalization is impacting on the IT budget 11/12/2013 Separate Digital Innovation Stacks: Holcim LatAm IT leading the leverage of firm's digital assets Separate Digital Innovation Stacks: Holcim LatAm IT leading the leverage of firm's digital assets Each region has a CIO who collaborates in a global council that coordinates information knowledge management. Until 2000, IT organized by country in LatAm, with different SAP versions. Exchanging information was complex and difficult. Moved to a regional approach by consolidating IT operations in LatAm to a single IT platform. More customers and suppliers are online. In some countries, 60 70% of sales are over the internet. Digitization of processes, information and customer service is of increasing importance. We are a cement producer. The business is quite similar across the region and we can leverage not only the single IT platform to share the knowledge and solutions, but also look for better ways to service our customers and suppliers digitally. Edson Massami Tsuda CIO, Holcim LatAm Region 5 IT Platform Key mechanisms Key mechanisms Convergence Merge former digital silos under single exec A company for operations and another for development serving all regions Consolidate as much as possible Common business case and capital allocation process Common set of standard components End to end process measures Coordination Committee with shared metrics (e.g., customer experience) to coordinate digital islands Focus of a few projects to integrate islands Two approvals: business budget (CFO) and software and interfaces (IT) Approval gates (or standards, or communities of practice) for business process, data, technology, services IT brokers the sharing Finance as aggregator Island budgets and plans are shared with comments welcome Make costs and performance transparent Separate Digital Innovation Stacks Enterprise-wide PMO Enterprise-wide risk and quality management Enterprise-wide strategy process with reporting of digital spend Local budgets with finance as aggregator Local project management 44 17

19 Knowledge of End Consumer Partial Complete Example: Teck Resources key mechanisms for managing digitization Example: Teck Resources key mechanisms for managing digitization Goal: Move more of the Separate digital innovation stacks management to coordination and convergence. A key driver: Increasing safety in mines. Convergence Merge digital silos under one delivery agent Focus on standardizing and digitizing production systems (mining, process control) Develop end-to-end model of mine to market Move to common, standard project delivery process Move to common business case and capital allocation process Coordination Evolve to technology fast follower Develop technology architecture and plan to execute to address single largest challenge: Application integration Prioritize and focus on fewer projects 2013 MIT Sloan CISR Weill, Woerner 45 Options for next generation enterprise Options for next generation enterprise Omnichannel Business Owns customer relationship Develops a multi-product customer experience Core skills: integrated value chain, cross-selling Examples: USAA, CBA, Woolworths, Sears, Origin Energy, France Telecom Supplier Has potential for loss of power Core skills: low-cost production, efficiency, incremental innovation Examples: Insurance via agent, Electronic producer via retailer, Mutual fund via broker Value Chain Business Design Ecosystem Driver Provides open platform based on current reach or brand Ensures great customer experience Incorporates plug and play thirdparty products Uses knowledge of customer to match customer needs with providers Core skills: extracts rents, exploits knowledge of customer, brokers relationships Example: Amazon Modular Producer Creates plug and play products/services Adapts to any ecosystem Core skills: constant innovation of product/service Example: PayPal Networked 49 18

20 Options for your organization? Exercise: Options for your organization? Where are you today? Where do you want to be in 3 5 years? What are the top 2 3 critical actions needed to get there? Knowledge of your end consumer Knowledge of End Consumer Partial Complete Complete Partial Omnichannel Business e.g. USAA, CBA, Woolworths, Sears, Origin Energy Supplier e.g. Insurance via agent, Electronic producer via retailer, Mutual fund via broker Ecosystem Driver e.g. Amazon Modular Product e.g. PayPal Value Chain Business Design Networked Center for Information Systems Research (CISR) Weill/Woerner analysis 52 % of companies by their dominant model (in 5 years) % of companies by their dominant model (in 5 years) Omnichannel Business Ecosystem Driver 40% (31%) 8% (17%) Supplier 42% (27%) Modular Producer 10% (25%) Value Chain Business Design Networked 80% of revenues from value chains today 68% of revenues from value chains in 5 years Source: MIT CISR-Gartner 2013 Ecosystem Survey, N=

21 Total digitization action items Total digitization action Items Evaluate How big is the opportunity/challenge for managing total digitization in your enterprise? Review What worked in your culture in dealing with IT silos? Discuss Who should lead total digitization in your firm? Should IT be the leader? Why IT Experience: IT operates enterprise-wide & for years managed complex siloed digital operations Performance: Firms with 60%+ of digitization in the IT budget had > 50% higher ROA than competitors Effects The more complex the approach, the more effective mechanisms you need Being proactive will help defuse power plays Total Digitization will play a role in your future strategy Center for Information Systems Research (CISR) 53 20

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Consulting Leader - IBM Italia 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen Il contesto di riferimento: le aziende devono far fronte ad un

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise IT Governance e Portfolio Management Supportare il Business The core business of tomorrow is a "new and different" idea today

Dettagli

STRUMENTI DI MISURAZIONE ABILITANTI LA PERFORMANCE DI BUSINESS

STRUMENTI DI MISURAZIONE ABILITANTI LA PERFORMANCE DI BUSINESS STRUMENTI DI MISURAZIONE ABILITANTI LA PERFORMANCE DI BUSINESS ICT DIAGNOSTIC TOOLS 15 novembre 2012 Sommario Verbale... 2 Executive summary... 5 Measuring service solution quality in services outsourcing

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA CICLO DI SEMINARI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA Le importanti evoluzioni dei sistemi economici e dei mercati finanziari

Dettagli

business on demand Giorgio Merli

business on demand Giorgio Merli business on demand Giorgio Merli business on demand Il business on demand è il frutto dell incontro dei trend di fondo dell evoluzione dello scenario di business e delle opportunità offerte da Internet

Dettagli

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane 27 settembre 2002 Agenda Accenture Chi siamo Cosa facciamo Come siamo organizzati I nostri ruoli La complessità dei progetti L organizzazione di un

Dettagli

Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa

Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa Lorenzo Bovo Senior Solution Consultant HP Technology Consulting lorenzo.bovo@hp.com Udine, 23 Novembre 2009 2009 Hewlett-Packard Development

Dettagli

L'evoluzione nella gestione dei Processi l IIM (Integrated IT Management)

L'evoluzione nella gestione dei Processi l IIM (Integrated IT Management) L'evoluzione nella gestione dei Processi l IIM (Integrated IT ) Claudio Sangiorgi IT Governance Solutions claudio.sangiorgi@it.compuware.com +39.02.66123.235 Sezione di Studio AIEA 25 Novembre 2005 Verona

Dettagli

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET Ezio Viola Co-Founder e General Manager The Innovation Group Elena Vaciago Research Manager The InnovationGroup 18 Dicembre

Dettagli

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT GRUPPO TELECOM ITALIA Ministero dello Sviluppo Economico Scuola Superiore di Specializzazione in Telecomunicazioni Roma, 26 gennaio 2016 Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti

Dettagli

Informazioni aziendali: il punto di vista del Chief Information Security Officer ed il supporto di COBIT 5 for Information Security

Informazioni aziendali: il punto di vista del Chief Information Security Officer ed il supporto di COBIT 5 for Information Security Informazioni aziendali: il punto di vista del Chief Information Security Officer ed il supporto di COBIT 5 for Information Security Jonathan Brera Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo 07/07/2011 Sommario Verbale... 3 Presentation: IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES : un analisi delle prassi

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2015

CALENDARIO EVENTI 2015 CALENDARIO EVENTI 2015 Cloud Computing Summit Milano 25 Febbraio 2015 Roma 18 Marzo 2015 Mobile Summit Milano 12 Marzo 2015 Cybersecurity Summit Milano 16 Aprile 2015 Roma 20 Maggio 2015 Software Innovation

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Gestire l informazione aziendale in modo strutturato e flessibile

Gestire l informazione aziendale in modo strutturato e flessibile ated Gestire l informazione aziendale in modo strutturato e flessibile Strumenti di Business Intelligence e Corporate Performance Management Conferenza ATED Manno, 20 settembre 2005 Ing. Roberto Fridel,

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani Roma, 10 maggio 2011

Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani Roma, 10 maggio 2011 Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani L iniziativa IBM - NetConsulting Next step Evento presentazione/ discussione Modello e White Paper Modelli di implementazione White Paper

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007 FINANCIAL INTELLIGENCE dati, informazioni e fattore tempo Gianpaolo BRESCIANI CFO IBM ITALIA S.p.A. Globalizzazione: opportunità e sfide Opportunità... Ottimizzazione supply chain Mercato del lavoro (costi

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

La Customer-Driven Retail Bank

La Customer-Driven Retail Bank Convegno ABI CRM 2003 - Roma, 11 e 12 dicembre Essere Adaptive Enterprise attraverso l estensione l dei processi di CRM: funzioni centrali e periferiche La Customer-Driven Retail Bank Michele Borgonovi

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Ricercare l efficienza operativa facilitando il cambiamento con soluzioni enterprise avanzate

Ricercare l efficienza operativa facilitando il cambiamento con soluzioni enterprise avanzate Ricercare l efficienza operativa facilitando il cambiamento con soluzioni enterprise avanzate Fabio Della Lena Principal Solutions Designer 6 Marzo 2013 1 Infor: alcuni indicatori 3 a Azienda al mondo

Dettagli

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 giugno 2014 L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia Dirigente Preposto ex L. 262/05 Premessa Fattori Esogeni nagement - Contesto

Dettagli

General Manager BU Mechanical Drives, Siemens Italia

General Manager BU Mechanical Drives, Siemens Italia Sabina Cristini General Manager BU Mechanical Drives, Siemens Italia Il futuro del manufacturing verso Industry 4.0 Come l azienda orienta le proprie scelte verso la digitalizzazione, per supportare competitività

Dettagli

The Global CFO Study 2008 Bilanciamento dei rischi e delle performance nell Integrated Finance Organization

The Global CFO Study 2008 Bilanciamento dei rischi e delle performance nell Integrated Finance Organization The Global CFO Study 2008 Bilanciamento dei rischi e delle performance nell Integrated Finance Organization Luigi Padovani, Financial Management Services, South West Europe 15 Aprile 2008 in collaborazione

Dettagli

HP e il Progetto SPC. Daniele Sacerdoti Consulting&Integration Public Sector. 12 Maggio 2008. Technology for better business outcomes

HP e il Progetto SPC. Daniele Sacerdoti Consulting&Integration Public Sector. 12 Maggio 2008. Technology for better business outcomes HP e il Progetto SPC Daniele Sacerdoti Consulting&Integration Public Sector 12 Maggio 2008 Technology for better business outcomes 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information contained

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica. Bologna, 19/03/2015

DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica. Bologna, 19/03/2015 DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica Bologna, 19/03/2015 Indice La quarta evoluzione industriale Internet of things sul mondo Manufacturing Le leve per ottimizzare la

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE Marina Migliorato Responsabile CSR e Rapporti con le Associazioni Relazioni Esterne Enel Roma, 21 giugno 2011 LUISS Business School

Dettagli

Creare Valore con il Supply Chain Management. Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo roberto.pinto@unibg.

Creare Valore con il Supply Chain Management. Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo roberto.pinto@unibg. Creare Valore con il Supply Chain Management Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo roberto.pinto@unibg.it Caccia al logo No endorsement 2 Caccia al logo https://www.airbnb.it/

Dettagli

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti #social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti innovation design training new business strategy be a jedi disclaimer 2 il presente documento è stato

Dettagli

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN CHI SIAMO ATTIVITA & INTERESSI Consulente Strategia e Organizzazione Interessato a sviluppare attività con focus sulla Sostenibilità in forma

Dettagli

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Paolo Terazzi Consolidated Financial Statement Manager Amplifon Milano, 1 dicembre 2009 Amplifon nel mondo Leader in 14 countries

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Severino Meregalli Head MIS Unit SDA Bocconi. SDA Bocconi - Severino Meregalli 1

Severino Meregalli Head MIS Unit SDA Bocconi. SDA Bocconi - Severino Meregalli 1 L adozione dei framework di IS Governance nella prospettiva del valore dei Sistemi Informativi: Il ruolo di COBIT SDA Bocconi AIEA Milano - ICT Ticino Manno, 27 Gennaio 2010 Severino Meregalli Head MIS

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 1 Sommario L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 2 L azienda 3 Profilo La Società Essematica nasce nel 1987 da un team di specialisti e ricercatori informatici che, aggregando le esperienze maturate

Dettagli

scenario, trend, opportunità

scenario, trend, opportunità Cloud Computing nelle Imprese Italiane scenario, trend, opportunità Alfredo Gatti Managing Partner MODELLI EMERGENTI di SVILUPPO ed IMPLEMENTAZIONE Unione Parmense degli Industriali Pal. Soragna Parma

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

INTELLECTUAL ASSET MANAGEMENT NELL INDUSTRIA DELLE COMUNICAZIONI E DELL INFORMAZIONE

INTELLECTUAL ASSET MANAGEMENT NELL INDUSTRIA DELLE COMUNICAZIONI E DELL INFORMAZIONE Cyberlaw Tecnologie digitali e diritto nell era della Rete Avv. Massimiliano Granieri Head, Intellectual Property and Technology Transfer Fondazione Wireless INTELLECTUAL ASSET MANAGEMENT NELL INDUSTRIA

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Rischio... o Opportunità?

Rischio... o Opportunità? Rischio... o Opportunità? Convegno Cloud Computing per la Sanità Digitale Cloud Computing Come cambierà lo scenario del Mercato ICT nella Sanità: Rischio o Opportunità? Castelfranco Veneto, 18 Ottobre

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 POWER Indice Motivazioni di questa organizzazione Alstom - Organizzazione IS&T Governance Organizzazione ITSSC ITSSC Modalità

Dettagli

pacorini forwarding spa

pacorini forwarding spa pacorini forwarding spa Pacorini Silocaf of New Orleans Inc. Pacorini Forwarding Spa nasce a Genova nel 2003 come punto di riferimento dell area forwarding e general cargo all interno del Gruppo Pacorini.

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Smart Home L evoluzione digitale dell ambiente domestico Marco Canesi M2M Sales & Marketing Manager Italy Home & Building 29 Ottobre 2013 1 Le abitazioni e gli edifici stanno

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation L innovazione che conta Innovazione di Prodotto Innovazione di Servizio Innovazione del modello di Business Innovazione nei processi di Business Innovazione nei processi di management e nella cultura aziendale

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Logistica Integrata. Introduzione

Logistica Integrata. Introduzione Logistica Integrata Introduzione Supply Chain : Introduzione Cos è il Supply Chain Management e la Logistica? Perché Supply Chain Management? Problematiche fondamentali 2 Che cos è la logistica? Perché

Dettagli

La Banca Digitale. (ovvero l imprevedibile virtù dei dati ) Nicola Nodari, 9 Aprile 2015

La Banca Digitale. (ovvero l imprevedibile virtù dei dati ) Nicola Nodari, 9 Aprile 2015 La Banca Digitale (ovvero l imprevedibile virtù dei dati ) Nicola Nodari, 9 Aprile 2015 1 Il vecchio mondo.. Suite CORE BANKING Data Ware House CRM HR FINANCE Middleware SQL IDMS, ADABAS Oracle, Ingres,

Dettagli

ecommerce, istruzioni per l uso

ecommerce, istruzioni per l uso ecommerce, istruzioni per l uso Novembre 2013 Come aprire la propria offerta, sia B2C sia B2B, verso nuovi mercati e nuovi clienti Un mercato in crescita e il consumatore al centro del cambiamento, ma

Dettagli

Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT

Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT Red Hat Symposium OPEN SOURCE DAY Roma, 14 giugno 2011 Fabio Rizzotto Research Director, IT, IDC Italia Copyright IDC. Reproduction is forbidden

Dettagli

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia Il caso Keyline Gianni Pelizzo Espedia Agenda Presentazione azienda cliente: Think Different @ Keyline Obiettivi del progetto e strumento utilizzato Overview SAP PPM Il caso aziendale: demo a sistema Prossimi

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Maurizio Coluccia Agenda BNL - BNP Paribas: IT Convergence Projects Il programma Il progetto Aurelia Il perimetro del progetto e le interfacce

Dettagli

Microsoft Dynamics CRM Live

Microsoft Dynamics CRM Live Microsoft Dynamics CRM Live Introduction Dott. Fulvio Giaccari Product Manager EMEA Today s Discussion Product overview Product demonstration Product editions Features LiveGRID Discussion Product overview

Dettagli

Facciamo il punto: Come evolve il tema della flessibilità? Stefano Stinchi WebSphere Brand Leader, IBM Italia

Facciamo il punto: Come evolve il tema della flessibilità? Stefano Stinchi WebSphere Brand Leader, IBM Italia Facciamo il punto: Come evolve il tema della flessibilità? Stefano Stinchi WebSphere Brand Leader, IBM Italia Chi ha scoperto l importanza della SOA? Survival Of Adaptive (SOA) Survival of the Fittest

Dettagli

SOLUZIONI PER IL FUTURO

SOLUZIONI PER IL FUTURO SOLUZIONI PER IL FUTURO Alta tecnologia al vostro servizio Alta affidabilità e Sicurezza Sede legale e operativa: Via Bologna, 9 04012 CISTERNA DI LATINA Tel. 06/96871088 Fax 06/96884109 www.mariniimpianti.it

Dettagli

Big Data: il futuro della Business Analytics

Big Data: il futuro della Business Analytics Big Data: il futuro della Business Analytics ANALYTICS 2012-8 Novembre 2012 Ezio Viola Co-Founding Partner & Direttore Generale The Innovation Group Information Management Tradizionale Executive KPI Dashboard

Dettagli

KPMG Advisory: per vincere la sfida della complessità

KPMG Advisory: per vincere la sfida della complessità KPMG Advisory: per vincere la sfida della complessità Corporate Profile 0 KPI rilevanti KPMG nel mondo KPMG nel Mondo 145mila Professionisti $ 22,71 mld Ricavi KPMG nel Mondo 152 Paesi 739 Uffici Network

Dettagli

processi analitici aziendali

processi analitici aziendali Best practises per lo sviluppo dei processi analitici aziendali Business Brief@CSC Roma, 29 maggio 2008 Tachi PESANDO Business & Management Agenda Importanza della Customer oggi Le due anime di un progetto

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

Attività didattiche del primo anno del CLM in Management Engineering AA 2014-15, e anticipazione sul secondo anno (Attivato nell a.a.

Attività didattiche del primo anno del CLM in Management Engineering AA 2014-15, e anticipazione sul secondo anno (Attivato nell a.a. Anticipazione informale sull astruttura del nuovo corso di Laurea Magistrale in Management Engineering In particolare, il secondo anno verrà attivato nell'aa 2015-2016 e potranno quindi esserci dei piccoli

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

Collaborazione e conoscenza: necessità e sfida per le aziende Marco Beltrami. IBM Global Business Services, Strategy&Change Leader

Collaborazione e conoscenza: necessità e sfida per le aziende Marco Beltrami. IBM Global Business Services, Strategy&Change Leader Collaborazione e conoscenza: necessità e sfida per le aziende Marco Beltrami IBM Global Business Services, Strategy&Change Leader La natura del lavoro sta cambiando The most important contribution management

Dettagli

La localizzazione dei modelli di business basati su free/open source software nel contesto produttivo italiano

La localizzazione dei modelli di business basati su free/open source software nel contesto produttivo italiano Unione Industriale - Torino, 12 febbraio 2008 La localizzazione dei modelli di business basati su free/open source software nel contesto produttivo italiano Seminario Open Innovation. L Open Source come

Dettagli

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se:

Dettagli

Il valore delle informazioni in uno scenario di business competitivo

Il valore delle informazioni in uno scenario di business competitivo Santina Franchi Il valore delle informazioni in uno scenario di business competitivo Dall Automazione all Ottimizzazione Automazione $594B nel 2008 5.1% CGR Ottimizzazione (focus sulle informazioni) $117B

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Business Innovation Services. Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary

Business Innovation Services. Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary Missione Passione per l innovazione di mercato coinvolgimento, imprenditorialità, ricerca della genesi dei problemi e approfondimento

Dettagli

Lezione 22. Il reporting

Lezione 22. Il reporting Lezione 22 Il reporting Perché i report Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se: 1. gli

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12%

Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12% Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12% CASE STUDY (Re)discover Simplicity to Guarantee Application Performance Gli obiettivi

Dettagli

The approach to the application security in the cloud space

The approach to the application security in the cloud space Service Line The approach to the application security in the cloud space Manuel Allara CISSP CSSLP Roma 28 Ottobre 2010 Copyright 2010 Accenture All Rights Reserved. Accenture, its logo, and High Performance

Dettagli

L innovazione è l utilizzo di nuove idee e opportunità per generare e sostenere la crescita e la profittabilità dell azienda

L innovazione è l utilizzo di nuove idee e opportunità per generare e sostenere la crescita e la profittabilità dell azienda L innovazione è l utilizzo di nuove idee e opportunità per generare e sostenere la crescita e la profittabilità dell azienda L innovazione consiste nello sfruttare (nell ambito commerciale o dei processi

Dettagli

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO 1 Perché l alleanza è vincente Per prevenire le frodi occorre avere un corretto controllo interno che è realizzabile anche grazie al supporto dell

Dettagli

Xerox & IBM: Smart Working Evolution Mobile Workplace and Managed Print Services. Milano, 18 Novembre 2015

Xerox & IBM: Smart Working Evolution Mobile Workplace and Managed Print Services. Milano, 18 Novembre 2015 Xerox & IBM: Smart Working Evolution Mobile Workplace and Managed Print Services Milano, 18 Novembre 2015 2 Agenda IBM Client Center Milano 09.45 Apertura lavori: Welcome & Introduzione Gianmaria Riccardi

Dettagli

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years HIGH PRECISION BALLS 80 Years 80 ANNI DI ATTIVITÀ 80 YEARS EXPERIENCE ARTICOLI SPECIALI SPECIAL ITEMS The choice to look ahead. TECNOLOGIE SOFISTICATE SOPHISTICATED TECHNOLOGIES HIGH PRECISION ALTISSIMA

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

L esperienza Enel sulla Unified Comunication & Collaboration Luigi Borrelli

L esperienza Enel sulla Unified Comunication & Collaboration Luigi Borrelli L esperienza Enel sulla Unified Comunication & Collaboration Luigi Borrelli Gennaio 2012 La presenza Enel nel Mondo Enel è presente in circa 40 paesi, 4 continenti e conta circa 80.000 dipendenti con una

Dettagli

accelerate your ambition

accelerate your ambition Devid Mapelli Solutions Director devid.mapelli@dimensiondata.com accelerate your ambition Abilita la Crescita in nuovi Scenari Guida la transformazione Aiuta a Definire la Strategia.Tecnologia crea valore

Dettagli

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Maria-Cristina Pasqualetti - Deloitte Salvatore De Masi Deloitte Andrea Magnaguagno - IBM Scenario La

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE Il processo di trasformazione digitale delle aziende sta avendo profondi impatti sull offerta di servizi B2C e B2B che le stesse propongono ai propri clienti. La

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

The new world of Business Intelligence and Performance Management

The new world of Business Intelligence and Performance Management The new world of Business Intelligence and Performance Management MISURARE, PIANIFICARE, DECIDERE Andrea Maderna Direttore Commerciale BOARD International - Highlights COMPANY SNAPSHOT Software Vendor

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing SALARY SURVEY 2015 Sales & Marketing Sales & Marketing Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it Sales & Marketing Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY 2 MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY Oggi il mondo del business è in rapida evoluzione. Le decisioni devono essere prese sempre più velocemente e sotto pressione.

Dettagli