BANCA ALETTI & C. S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA ALETTI & C. S.p.A."

Transcript

1 DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE BANCA ALETTI & C. S.p.A. Il presente documento, unitamente agli allegati, costituisce un documento di registrazione (il "Documento di Registrazione") ai fini della Direttiva 2003/71/CE (la "Direttiva sul Prospetto Informativo") ed è redatto in conformità all'articolo 14 del Regolamento 2004/809/CE (il "Regolamento 809"). Il presente Documento di Registrazione contiene informazioni su Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A., (l'"emittente" o "Banca Aletti" o la "Banca"), in qualità di emittente di volta in volta di una o più serie di strumenti finanziari (gli Strumenti Finanziari ). In occasione dell'emissione di ciascuna serie di Strumenti Finanziari, il presente Documento di Registrazione deve essere letto congiuntamente alla nota informativa sugli strumenti finanziari (la "Nota Informativa sugli Strumenti Finanziari ) relativa a tale serie di Strumenti Finanziari ed alla nota di sintesi (la Nota di Sintesi ), entrambi redatti ai fini della Direttiva sul Prospetto Informativo. La Nota Informativa sugli Strumenti Finanziari conterrà le informazioni relative agli Strumenti Finanziari e la Nota di Sintesi riassumerà le caratteristiche dell Emittente e degli Strumenti Finanziari e i rischi associati agli stessi. Insieme, il Documento di Registrazione, la relativa Nota Informativa sugli Strumenti Finanziari e la Nota di Sintesi costituiscono il "prospetto informativo" (il "Prospetto Informativo") per una serie di Strumenti Finanziari ai fini della Direttiva sul Prospetto Informativo. Il presente Documento di Registrazione, depositato in data 24 marzo 2006, è stato approvato dalla CONSOB, quale autorità competente per la Repubblica Italiana ai sensi della Direttiva sul Prospetto Informativo, in data 23 marzo 2006 con provvedimento n e fornisce informazioni relative a Banca Aletti in quanto emittente di titoli di debito e strumenti finanziari derivati per i dodici mesi successivi a tale data. L'investimento negli Strumenti Finanziari comporta dei rischi. L'investitore è invitato a leggere la sezione "Fattori di Rischio". Milan-1/146590/11.../...

2 INDICE 1. PERSONE RESPONSABILI INDICAZIONE DELLE PERSONE RESPONSABILI DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ REVISORI LEGALI DEI CONTI FATTORI DI RISCHIO INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE STORIA ED EVOLUZIONE DELL'EMITTENTE DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI MONITORAGGIO DEI RISCHI FINANZIARI ULTERIORI INFORMAZIONI PANORAMICA DELLE ATTIVITA' PRINCIPALI ATTIVITÀ PRINCIPALI MERCATI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL GRUPPO GOVERNANCE DELL'EMITTENTE INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE PREVISIONI DI STIME ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E DI VIGILANZA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, DIRETTORE GENERALE E COLLEGIO SINDACALE CONFLITTI DI INTERESSE PRINCIPALI AZIONISTI INFORMAZIONI FINANZIARIE INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE RELATIVE AGLI ESERCIZI PASSATI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI E ARBITRALI CAMBIAMENTI SIGNIFICATIVI NELLA SITUAZIONE FINANZIARIA DELL'EMITTENTE CONTRATTI IMPORTANTI INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO Milan-1/146590/ /...

3 1. PERSONE RESPONSABILI 1.1 Indicazione delle persone responsabili Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A., con sede legale in Via Santo Spirito n. 14, Milano, legalmente rappresentata dal Presidente del Consiglio di Amministrazione, Dott. Urbano Aletti, si assume la responsabilità delle informazioni contenute nel presente Documento di Registrazione. 1.2 Dichiarazione di responsabilità Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A., dichiara di aver adottato la ragionevole diligenza richiesta ai fini della redazione del presente Documento di Registrazione e che le informazioni ivi contenute sono, per quanto a sua conoscenza, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. Dott. Urbano Aletti Presidente del Consiglio di Amministrazione Banca Aletti & C. S.p.A. Dott.ssa Maria Gabriella Cocco Presidente del Collegio Sindacale Banca Aletti & C. S.p.A. Milan-1/146590/ /...

4 2. REVISORI LEGALI DEI CONTI In data 12 marzo 2003 l'emittente ha conferito l'incarico per la revisione contabile del proprio bilancio d'esercizio, per il periodo , alla società di revisione Deloitte & Touche S.p.A., con sede in Via Tortona, 25, Milano, iscritta all'albo delle Società di Revisione tenuto dalla Consob con delibera del 29 luglio 2003 (la "Società di Revisione"). La Società di Revisione ha revisionato con esito positivo: (i) il bilancio dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2004; (ii) il bilancio dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2003; e (iii) il bilancio dell'esercizio chiuso al 31 dicembre Le relazioni di revisione di tali bilanci sono contenute all'interno dei relativi bilanci, cui si fa rinvio. In data 20 aprile 2005 l'emittente ha conferito l'incarico per la revisione contabile del proprio bilancio d'esercizio per il periodo alla società di revisione Reconta Ernst & Young S.p.A., con sede in Via G.D. Romagnosi, 18/A, Roma, iscritta all'albo delle Società di Revisione tenuto dalla Consob con delibera del 16 luglio Milan-1/146590/ /...

5 3. FATTORI DI RISCHIO I potenziali investitori dovrebbero leggere l'intero Documento di Registrazione e la relativa Nota Informativa sugli Strumenti Finanziari. I termini e le espressioni definiti altrove nel presente Documento di Registrazione hanno gli stessi significati ad essi attribuiti in questa sezione. I potenziali investitori dovrebbero inoltre considerare che l'investimento negli Strumenti Finanziari comporta certi rischi, tra i quali, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, i seguenti: Rischi riferibili a Banca Aletti I risultati delle attività di Banca Aletti possono essere condizionati in modo rilevante dalle fluttuazioni del mercato e da fattori economici o di altra natura. I risultati delle attività sono stati condizionati in passato, e potrebbero esserlo in futuro, da diversi fattori a carattere globale fra cui: condizioni politiche, economiche e di mercato; disponibilità e costo del capitale; livello e volatilità del prezzo dei titoli azionari ed obbligazionari, del prezzo delle materie prime e dei tassi di interesse; valore delle valute e di altri indici di mercato; innovazioni e avvenimenti nel campo della tecnologia; disponibilità e costo del credito; inflazione; percezione e grado di fiducia degli investitori nei confronti dei mercati finanziari. Questi fattori potrebbero anche condizionare la capacità di Banca Aletti di raggiungere i propri obiettivi strategici. I risultati di Banca Aletti relativi al suo coinvolgimento sui mercati dei prodotti finanziari sono soggetti a fluttuazioni dovute a fattori di varia natura che Banca Aletti non può controllare né prevedere con assoluta certezza. Tra questi fattori si ricordano le variazioni dell'equo valore di mercato degli strumenti finanziari e di altri prodotti finanziari e la volatilità e liquidità dei mercati domestici ed internazionali. Sulle fluttuazioni influiscono anche i livelli dell'attività di mercato di tutto il mondo i quali hanno tra l'altro riflessi sulla portata, il numero e i tempi dei mandati nel settore dell'investment banking da parte di clienti e delle relative operazioni. Nei periodi di mercato - ovvero in congiunture economiche - non favorevoli il livello di partecipazione degli investitori privati nei mercati internazionali può subire una flessione con riflessi negativi sull'attività di Banca Aletti. Si rileva, infine, che cambiamenti nelle variabili economiche, quali a titolo esemplificativo il numero e la portata delle istanze di fallimento, i tassi di disoccupazione, e i livelli di fiducia e di indebitamento dei consumatori, possono incidere in modo rilevante sul livello delle attività di Banca Aletti. Banca Aletti affronta la forte concorrenza di altre aziende che operano nel settore dei servizi finanziari. Il settore dei servizi finanziari di Banca Aletti è fortemente competitivo sul mercato italiano. I fattori che rendono competitiva la Banca sono diversi e comprendono il numero delle operazioni concluse, i prodotti e i servizi offerti, l innovazione, la reputazione e il prezzo. Banca Aletti è, tuttavia, in concorrenza con banche commerciali, banche di investimento e altre aziende - sia italiane che estere - che offrono servizi finanziari in Italia da lungo tempo e tale circostanza potrebbe influire sulla sua competitività sul mercato. Milan-1/146590/ /...

6 La capacità di Banca Aletti di attrarre e di ritenere personale qualificato è essenziale al successo delle sue attività. Il venir meno di tale capacità potrebbe avere effetti negativi rilevanti sui risultati aziendali. I dipendenti di Banca Aletti costituiscono un importante risorsa per la Banca e, nel settore, la concorrenza per l assunzione di personale specializzato è molto forte. Qualora venisse meno la capacità di Banca Aletti di ritenere e attrarre i dipendenti qualificati, i risultati aziendali potrebbero risentirne e, con essi, anche la posizione competitiva dell azienda. Nel corso dell'esercizio 2004, l'emittente ha introdotto nel proprio business nuove aree di attività e nuovi prodotti. A fronte di tale sviluppo dell'operatività, l'emittente ha intrapreso l'adattamento delle proprie strutture organizzative al fine di assicurare un efficace sistema di controlli e presidi sulle nuove aree di attività. Tale opera di riorganizzazione e di attivazione dei necessari presidi è in corso, alla data del presente Documento di Registrazione, anche per il tramite dell'adozione, da parte del Consiglio di Amministrazione, di apposite policies aziendali e l'individuazione delle funzioni interne delegate alla loro implementazione e al controllo sulla robustezza dei presidi. La situazione finanziaria e patrimoniale dell'emittente potrebbe subire l'incidenza negativa di operazioni concluse dall'emittente in conflitto di interessi, quali, ad esempio, le operazioni concluse con parti correlate ovvero con soggetti facenti parte del medesimo gruppo dell'emittente. Banca Aletti si è peraltro dotata di appositi presidi volti ad assicurare la trasparenza e la correttezza sostanziale e procedurale di simili operazioni, nonché la coerenza dei corrispettivi concordati per tali operazioni con i prezzi di mercato. Si rinvia a quanto indicato nel paragrafo "Conflitti di interesse". Milan-1/146590/ /...

7 4. INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE 4.1 Storia ed evoluzione dell'emittente Banca Aletti è una società costituita in data 21 luglio 1998 secondo il diritto italiano nella forma giuridica di società per azioni la cui durata, ai sensi dell'articolo 3 dello Statuto è fissata al 31 dicembre 2100, salvo proroga. Banca Aletti è registrata presso il Registro delle Imprese di Milano con il numero ed il numero di Partita IVA è L'Emittente è, inoltre, iscritta all'albo delle Banche con il numero 5383 nonché, in qualità di società facente parte del Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara (il "Gruppo"), all'albo dei Gruppi Bancari con il numero La sede legale dell'emittente è in Via Santo Spirito, 14, Milano. La Direzione Generale e sede operativa dell'emittente è in Via Roncaglia, 12, Milano ed il numero di telefono è L'impresa vanta una straordinaria longevità di presenza specializzata nei servizi di investimento, in analogia con le più note securities houses. Nel corso del tempo l attività di intermediazione finanziaria è stata svolta in differenti forme organizzative coerenti all evoluzione dell ordinamento giuridico-finanziario italiano, ma senza alcuna discontinuità nella scelta di voler offrire servizi di investimento esclusivi ad una clientela selezionata. L'impresa nasce nel 1826, nella forma di studio professionale, con l avvio di un attività di cambiavalute presso il mercato di Milano. Negli anni successivi l operatività si orienta verso l intermediazione in titoli, condotta nell ambito della Borsa del capoluogo lombardo. L attività nel settore finanziario prosegue fino al 1918, quando viene fondata la Banca Aletti Tremolada. Alcuni rappresentanti della famiglia Aletti assumono la Presidenza della Borsa di Milano in diverse epoche, prima negli anni quaranta e poi negli anni settanta. In particolare Urbano Aletti concorre all istituzione della Consob ed è relatore della legge istitutiva del Mercato ristretto. Nel 1979 viene nominato Presidente della Federazione Internazionale delle Borse Valori di cui è tuttora membro a vita. Nel 1992, a seguito dell entrata in vigore della legge n. 1 del 2/1/1991 ( legge Sim ), lo Studio professionale si trasforma nella società per azioni Aletti & C. Sim. Entrano nel capitale anche la Banca Popolare di Verona e la Società Cattolica di Assicurazione. Nel 1998 Banca d Italia autorizza l esercizio dell attività bancaria e Aletti & C. Sim si trasforma in Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A.. Nel 2000 il Gruppo Popolare di Verona acquisisce il controllo di Banca Aletti & C. S.p.A.. Inizia un processo di forte dinamismo sotto il segno dell espansione territoriale e dell arricchimento dei servizi alla clientela. Oggi Banca Aletti è la struttura specializzata nelle attività di private ed investment banking per il Gruppo. Non si è verificato alcun fatto recente nella vita di Banca Aletti che sia sostanzialmente rilevante per la valutazione della sua solvibilità. Milan-1/146590/ /...

8 4.2 Descrizione dei sistemi di monitoraggio dei rischi finanziari Il processo di monitoraggio dei rischi finanziari viene garantito tramite il supporto delle strutture specialistiche di Gruppo, in particolare della Funzione "Financial Controlling & Planning" e della Funzione "Risk Management" che, tramite l'utilizzo di metodologie di pricing e risk management, garantiscono un appropriato controllo di tutti i rischi, in un contesto di crescente complessità degli strumenti finanziari negoziati. La Funzione "Financial Controlling & Planning" garantisce la misurazione ed il controllo delle posizioni di rischio della Banca avvalendosi di sistemi di position keeping. Tali sistemi, puntualmente integrati con i sistemi contabili di pertinenza, permettono il monitoraggio delle esposizioni di rischio, la verifica del rispetto dei limiti operativi definiti dal Consiglio di Amministrazione e l'analisi dei risultati di conto economico gestionale. Al fine di consentire il mantenimento di un costante controllo dei rischi, è stata posta sempre maggiore attenzione all'aggiornamento delle funzionalità e dei modelli di pricing, con particolare riguardo alle nuove tipologie di strumenti finanziari derivati. Il controllo dei rischi finanziari è inoltre supportato da una procedura di "Value at Risk" (VaR), residente presso la Funzione "Risk Management" di Gruppo, alimentata dagli applicativi di position keeping; tale procedura garantisce una visione integrata dei rischi sulla base delle volatilità e delle correlazioni che caratterizzano i diversi strumenti finanziari in portafoglio. Nel corso dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2004 è stato completato il processo di integrazione della procedura su tutte le strutture di finanza del Gruppo, comprendendovi le diverse tipologie di strumenti finanziari da esse trattate. La procedura fornisce un indicatore omogeneo corrispondente alla massima perdita potenziale che, con un certo orizzonte temporale (holding period) e con una determinata probabilità (intervallo di confidenza), i portafogli potrebbero subire a causa di un andamento sfavorevole dei fattori di rischio che influenzano il valore degli strumenti finanziari in posizione. Per il calcolo del VaR è stato adottato un modello varianza-covarianza con approccio delta-gamma. Al fine di garantire un efficace presidio dei rischi di mercato, la struttura dei limiti operativi è stata costantemente aggiornata in funzione degli sviluppi organizzativi della Banca e dell'introduzione di nuove attività e strumenti finanziari, nel rispetto dei seguenti consolidati principi: (i) copertura completa delle possibili fonti di rischio; (ii) adozione delle metodologie di misurazione più adatte a garantire il corretto presidio dei differenti profili di rischio, aggiornate sulla base delle più recenti evoluzioni della dottrina finanziaria; (iii) analisi delle effettive esigenze operative per la definizione dei limiti, nel rispetto del capitale disponibile; (iv) coesistenza di indicatori di rischio tradizionali (posizione e stop loss) ed evoluti (greek letters, ponderate per le volatilità del parametro di mercato di riferimento ed aggregate tenendo conto del valore delle correlazioni fra i diversi fattori di rischio); (v) puntuale assegnazione dei limiti ai diversi livelli della struttura operativa ed effettiva assunzione di responsabilità in termini di controlli gerarchici di primo livello, attraverso una precisa struttura di deleghe "a cascata". La Funzione "Financial Controlling & Planning" elabora (con cadenza giornaliera, settimanale, quindicinale e mensile) una reportistica di dettaglio e di sintesi, inviata rispettivamente ai responsabili delle strutture operative, alla Direzione della Banca ed alla Milan-1/146590/ /...

9 Funzione Audit della Capogruppo, sia per la puntuale verifica del rispetto dei massimali di rischio attribuiti ai diversi livelli gerarchici, sia per garantire una precisa informativa in merito alle posizioni assunte. Un estratto della reportistica con indicazione delle esposizioni massime rilevate nel corso del mese, è infine consegnato, con cadenza mensile, ai componenti del Consiglio di Amministrazione per le verifiche previste da Banca d'italia. Da inizio 2005 il monitoraggio dei rischi sulle gestioni individuali di portafogli di investimento è accentrato presso la Funzione "Risk Management" della società del Gruppo Aletti Gestielle SGR S.p.A.. Ciò al fine di cogliere tutte le possibili sinergie di Gruppo e garantire in modo omogeneo per tutte le attività di Asset Management il costante allineamento alle best practices di mercato. 4.3 Ulteriori informazioni Banca Aletti non possiede azioni proprie o azioni di società controllanti. Tuttavia, nel corso del 2004 Banca Aletti ha effettuato una limitata negoziazione in titoli Banco Popolare di Verona e Novara (per azioni) e Credito Bergamasco (per 51 azioni) a seguito di errori operativi sorti nell'esecuzione delle attività di negoziazione per conto terzi. Banca Aletti detiene un'unica partecipazione di controllo in Aletti Fiduciaria S.p.A., pari al 100% del capitale di quest'ultima, acquisita nel giugno 2002 con lo scopo di integrare i servizi di Private Banking. 1 1 Si rileva che Banca Aletti non ha predisposto il bilancio in forma consolidata in quanto il bilancio consolidato della Capogruppo include sia Banca Aletti sia Aletti Fiduciaria S.p.A.. Milan-1/146590/ /...

10 5. PANORAMICA DELLE ATTIVITA' 5.1 Principali attività Il modello industriale del Gruppo riserva al Banco Popolare di Verona e Novara s.c. a r.l. (la "Capogruppo") il ruolo di indirizzo strategico e di gestione dei rischi strutturali connessi alle attività di finanza e concentra in Banca Aletti le attività di investment banking, private banking e gestione dei portafogli individuali di investimento. Le principali attività dell Emittente sono le seguenti: gestione della posizione in cambi e della tesoreria a breve propria e delle banche del Gruppo; promozione e cura di operazioni di mercato primario; negoziazione sui mercati dell intera gamma degli strumenti finanziari richiesti dalle banche del Gruppo per la clientela corporate, private e retail o per la gestione dei propri rischi; sviluppo di prodotti finanziari innovativi finalizzati alla gestione dell attivo/passivo delle aziende o dell investimento/ indebitamento della clientela retail; analisi di modelli quantitativi per la valutazione e la gestione di prodotti finanziari complessi; supporto alle politiche di vendita delle reti commerciali nella negoziazione in strumenti finanziari assicurando l accesso ai mercati di riferimento per la compravendita di valori mobiliari italiani ed esteri.; offerta di prodotti e servizi per la clientela private tramite lo sviluppo di strategie di vendita che ottimizzino l efficienza e l efficacia commerciale elevando la customer satisfaction ; gestione su base individuale di portafogli di investimento per la clientela del Gruppo (private, retail, istituzionale); collocamento, con o senza preventiva sottoscrizione a fermo, ovvero assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente. 5.2 Principali mercati Per lo svolgimento delle attività di negoziazione per conto proprio e per conto terzi la Banca si avvale delle strutture della Funzione "Investment Banking". Tali attività sono prestate a favore delle banche e delle altre società del Gruppo, nonché della propria clientela istituzionale e private. L attività di negoziazione per i servizi in argomento si svolge sui seguenti mercati regolamentati: MOT Milan-1/146590/ /...

11 EUROMOT MTS MTA EXPANDI IDEM SEDEX TAH XETRA EURONEXT. Vengono inoltre effettuate negoziazioni sui mercati non regolamentati, cosiddetti "over the counter" (OTC), direttamente o tramite broker. Milan-1/146590/ /...

12 6. STRUTTURA ORGANIZZATIVA 6.1 Il Gruppo L'Emittente fa parte del Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara, gruppo bancario polifunzionale operante in tutti i settori dell intermediazione creditizia e finanziaria, articolato in società specializzate per attività e operanti sotto il coordinamento della capogruppo Banca Popolare di Verona e Novara S.C. a r.l. (la "Capogruppo"). Si riporta di seguito un grafico della struttura del Gruppo, aggiornata al 1 febbraio Milan-1/146590/ /...

13 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEL GRUPPO BANCARIO BANCO POPOLARE DI VERONA E NOVARA 100% 99,97% ALETTI MERCHANT S.p.A. 60%,87.768% 40% CREDITO BERGAMASCO S.p.A. 33,34% 66,66% LEASIMPRESA S.p.A. HOLDING DI PARTECIPAZIONI FINANZIARIE POPOLARE DI VERONA e NOVARA S.p.A. 0,03% BANCO POPOLARE DI VERONA E NOVARA (Luxembourg) S.A. 25,65% 74,35% ALETTI & C. BANCA DI INVESTIMENTO MOBILIARE S.p.A. 100% 99,98% 100,00% 75,49% 24,51% 19,591% 47,797% BANCA ALETTI & C. (SUISSE) S.A. VERONA E NOVARA (FRANCE) S.A. 99,44% ALETTI FIDUCIARIA S.p.A. S.G.S. BPV N S.p.A. 99,87% ALETTI PRIVATE EQUITY SGR S.p.A. 0,13% 29,2% ALETTI GESTIELLE SGR S.p.A. 32,612% 1,00% NOVARA INVEST SIM S.p.A. in liquidazione 99,00% COMPAGNIE D ANGELY S.A. IMMOBILIARE BPV S.r.l. 100% 100% BANCA POPOLARE DI NOVARA S.p.A. ALETTI GESTIELLE ALTERNATIVE SGR S.p.A. 70,8% BPVN IMMOBILIARE S.r.l. 100% 100% COFILP S.p.A. SA.RI. S.p.A. in liquidazione SESTRI S.p.A. 80,00% 100,00% SE.RI. S.p.A. in liquidazione FIN.E.R.T. S.p.A. in liquidazione SEEFINANZ AG in liquidazion 100% 100% 100% Milan-1/146590/ /...

14 6.2 Governance dell'emittente Banca Aletti è la società del Gruppo nella quale sono state accentrate le attività di Investment Banking, Private Banking e Wealth Management. L attuale assetto operativo prevede: concentrazione su Banca Aletti delle strutture preposte alla negoziazione titoli, cambi e derivati per il Gruppo; accentramento in Banca Aletti delle strutture preposte alla gestione della tesoreria a breve termine delle Banche del Gruppo; accentramento delle gestioni di patrimoni individuali presso Banca Aletti. Nell ottica di preservare la specializzazione propria ed in conformità al piano industriale del Gruppo, Banca Aletti ha esternalizzato: (i) (ii) (iii) presso la Capogruppo, i servizi di auditing, legale, risk management, pianificazione e controllo, crediti e organizzazione; presso la Società Gestione Servizi - BPVN S.p.A. (la Società Gestione Servizi ), i servizi di back-office, parte dei servizi di middle-office finanza e tutti i servizi di information technology; presso Aletti Gestielle SGR S.p.A., le attività relative al monitoraggio dei rischi sulle gestioni individuali di portafogli di investimento. La Banca svolge la propria attività per mezzo di una struttura centrale e di una periferica, operanti sotto la sovrintendenza del Direttore Generale. La struttura centrale è composta dalle Funzioni Primarie e Secondarie dalle quali possono essere dipendere Uffici. La struttura periferica è costituita da Aree e Filiali. Al Consiglio di Amministrazione è attribuito il compito di deliberare l istituzione, il trasferimento e la chiusura di unità periferiche. L Organigramma di seguito riportato rappresenta esclusivamente le Funzioni Primarie e Secondarie che dipendono dall Amministratore Delegato e/o dal Direttore Generale. Amministratore Delegato Amministratore PARTECIPAZION Delegato Corporate Affairs Direttore Generale Direttore Generale Funzion e Primaria DI Funzione Secondaria VERONA E Personale Wealth Management Prodotti e Servizi Commerciale Investment Banking Operation Milan-1/146590/ /...

15 Funzione Wealth Management Prodotti e Servizi La Funzione ha la responsabilità di creare valore aggiunto per tutta la clientela del Gruppo (retail, private, istituzionale), ottimizzando l attività di analisi, valutazione e gestione dei portafogli di investimento della clientela stessa. Detta Funzione si occupa, inoltre, di (i) coordinare lo sviluppo delle attività di asset management, (ii) garantire adeguato supporto e assistenza alla rete private, ottimizzando l attività di sviluppo per tutte le diverse esigenze di carattere finanziario (non relative alla clientela), (iii) assicurare che vengano implementati i requisiti fondamentali in termini di prodotti e servizi, al fine di soddisfare i bisogni della clientela tramite una forte personalizzazione dell offerta ed un elevata qualità del servizio, (iv) assicurare un supporto qualificato e continuo alla rete private, onde permettere all investitore consapevoli scelte di investimento/disinvestimento, in stretta collaborazione con la Direzione Commerciale. Dalla Funzione Wealth Management Prodotti e Servizi dipendono direttamente la Funzione Secondaria "Asset Management" e, in posizione di staff, la Funzione Secondaria Products e Service Development e l'ufficio "Advisory Desk". Funzione Commerciale La Funzione ha la responsabilità di definire e realizzare le strategie commerciali della Banca, coordinando le Funzioni Rete Private, Top Private, Corporate Desk e Institutional Sales, focalizzando l attività delle stesse sullo sviluppo e sul mantenimento delle relazioni con la Clientela di riferimento e assicurando l adozione dei più elevati standard di mercato. Inoltre, la Funzione Commerciale: (i) (ii) (iii) gestisce la relazione con la clientela private, corporate e istituzionale della Banca e coordina la definizione dei prodotti e dei servizi offerti; individua e implementa le strategie di cross selling interne alla Banca e verso le altre banche e società del Gruppo, assicurando ogni possibile sinergia con le rispettive Funzioni Commerciali; garantisce un efficace supporto alla Direzione Generale e alle altre Funzioni aziendali in materia di comunicazione e marketing. Dalla Funzione Primaria dipendono le Funzioni Top Private, Corporate Desk e Institutional Sales, Marketing e Comunicazione e Rete Private. La Funzione Rete Private ha la responsabilità di coordinare la Rete nell attività di promozione e distribuzione dei prodotti e dei servizi offerti dalla Banca alla clientela private, con particolare riferimento ai servizi di investimento e accessori. Dalla Funzione Rete Private dipendono le seguenti unità organizzative: Area Nord Est, Area Lombardia, Area Emilia, Area Centro Sud, Area Nord Ovest. Dalle Aree dipendono direttamente le Filiali Private. Funzione Investment Banking Milan-1/146590/ /...

16 La Funzione Investment Banking coordina e sviluppa le attività di mercato primario e secondario, la progettazione e la realizzazione dei prodotti finanziari per la clientela corporate, private, retail e istituzionale del Gruppo. Inoltre, la Funzione Investment Banking (i) garantisce l accesso ai mercati finanziari italiani ed esteri, oltre che alla propria clientela diretta (istituzionale e non), alle banche e alle altre società del Gruppo, (ii) assicura, sulla base di apposite Convenzioni stipulate con le banche del Gruppo, il supporto alle reti commerciali nell attività di negoziazione di azioni, obbligazioni e cambi, e (iii) garantisce la gestione della tesoreria a breve termine e della posizione in cambi derivante dall'operatività commerciale di ciascuna banca del Gruppo. Le attività principali svolte dalla Funzione sono: negoziazione sui mercati di riferimento dell intera gamma degli strumenti finanziari richiesti sia dalla propria clientela diretta (istituzionale e non) sia dalle banche del Gruppo per la rispettiva clientela corporate e retail, nonché per la gestione dei propri rischi; sviluppo di prodotti finanziari innovativi finalizzati alla gestione dell attivo e/o passivo delle aziende o dell investimento e/o indebitamento della clientela private e retail; promozione e cura di operazioni di mercato primario; supporto alle politiche di vendita delle reti commerciali nella negoziazione di strumenti finanziari assicurando l accesso ai mercati regolamentati di riferimento italiani ed esteri - per l attività di compravendita; coordinamento della gestione della posizione in cambi e della tesoreria a breve delle banche; gestione della posizione in cambi e della tesoreria della Banca; analisi di modelli quantitativi per la valutazione e la gestione di prodotti finanziari complessi; collaborazione con la Funzione Commerciale nello sviluppo dell attività con la clientela non-captive; verifica e controllo del rispetto, per quanto di competenza, dei limiti fissati nel regolamento posizioni di rischio attraverso il monitoraggio e la gestione dei limiti di rischio assegnati alle strutture dipendenti dalla funzione. Dalla Funzione Primaria Investment Banking dipendono direttamente le Funzioni Secondarie "Financial Engineering" (in staff), "Forex & Money Market", "Equity & Fixed Income" e "Derivatives & Structured Products". Funzione Operation La Funzione Operation coadiuva il Direttore Generale e le strutture di business nelle attività di pianificazione strategica e garantisce un'adeguata reportistica verso gli organi di governo e di vigilanza interni ed esterni. La Funzione Operation, inoltre, coordina e garantisce la Milan-1/146590/ /...

17 correttezza dei processi contabili-amministrativi della Banca e l osservanza di tutti gli adempimenti normativi/civilistici/fiscali sottesi alla redazione del bilancio. A supporto di tutte le Funzioni Aziendali, collabora con le diverse strutture della Capogruppo (quali, Organizzazione e Risk Management) e della Società Gestione Servizi (Sistemi Informativi, Middle e Back Office) per lo sviluppo delle strategie aziendali. Coordina e sovrintende le attività di supporto operativo, garantendo criteri di efficienza ed efficacia ai processi aziendali svolti sia dalle unità in staff, che da quelle cui sono state affidate attività in outsourcing; il tutto, in coerenza con il contesto normativo ed in applicazione degli accordi contrattuali sottostanti. Dalla Funzione Primaria dipendono direttamente la Funzione "Amministrazione e Controllo" e la Funzione "Logistica e Acquisti" e, in posizione di staff, l'ufficio "Supporto Operativo e Controlli". Milan-1/146590/ /...

18 7. INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE Dal 31 dicembre 2004, data dell'ultimo bilancio sottoposto a revisione, non si sono verificati cambiamenti rilevanti incidenti in senso negativo sulle prospettive dell'emittente. Milan-1/146590/ /...

19 8. PREVISIONI DI STIME Secondo quanto previsto al punto 8 dell'allegato XI al Regolamento 809/2004/CE, l'emittente non fornisce previsioni o stime degli stime. Milan-1/146590/ /...

20 9. ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E DI VIGILANZA 9.1 Consiglio di Amministrazione, Direttore Generale e Collegio Sindacale Di seguito sono indicati i membri del Consiglio di Amministrazione, il Direttore Generale e i membri del Collegio Sindacale alla data del presente Documento di Registrazione, gli eventuali incarichi ricoperti all'interno di Banca Aletti e, ove ricorrano, le principali attività esterne degli stessi. Ai sensi degli articoli 13 e 14 dello Statuto, Banca Aletti è amministrata da un consiglio di amministrazione (il "Consiglio di Amministrazione"), composto da 7 a 13 membri. Attualmente il Consiglio di Amministrazione si compone di 9 membri. La composizione del Consiglio di Amministrazione dell'emittente è la seguente: Nome Carica ricoperta all'interno di Banca Aletti Principali attività esterne Urbano Aletti Presidente Vice-Presidente dell'associazione per lo sviluppo degli studi di Banca e Borsa; Consigliere a vita della Fondazione Cassoni; membro a vita del Consiglio di Presidenza della Federazione Internazionale Borse Valori; Consigliere dell'università Cattolica del Sacro Cuore. Fabio Innocenzi Vice-presidente vicario Amministratore Delegato e membro del Comitato Esecutivo della Capogruppo Banco Popolare di Verona e Novara s.c. a r.l.; Consigliere di Aletti Gestielle SGR S.p.A.; Consigliere di Aletti Merchant S.p.A.; Vice Presidente della Banca Popolare di Novara S.p.A.; Vice Presidente Vicario e membro del Comitato Esecutivo del Credito Bergamasco S.p.A.; Consigliere, membro del Comitato Esecutivo e membro del Comitato per gli Affari Sindacali e del Lavoro dell' Associazione Bancaria Italiana; Vice Presidente di Banca per il Leasing - Italease S.p.A.; Consigliere di BPV VITA S.p.A.. Franco Nale Vice-presidente Consigliere della Banca Popolare di Novara S.p.A.; Presidente del Milan-1/146590/ /...

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

"Covered Warrant EURIBOR CAP"

Covered Warrant EURIBOR CAP NOTA DI SINTESI BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Prospetto di base di sollecitazione e quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" La presente Nota

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

"BORSA PROTETTA" su Azioni Italiane, Azioni Estere e Indici Azionari e. "BORSA PROTETTA DI TIPO QUANTO" su Azioni Estere e Indici Azionari

BORSA PROTETTA su Azioni Italiane, Azioni Estere e Indici Azionari e. BORSA PROTETTA DI TIPO QUANTO su Azioni Estere e Indici Azionari NOTA DI SINTESI BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di sollecitazione e quotazione dei Certificati "BORSA PROTETTA" su Azioni Italiane, Azioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di liquidazione delle azioni ai sensi dell art. 2437-ter

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE Sede legale in Torino, Via Gramsci, n. 7 Capitale sociale: Euro 156.209.463,00 interamente versato Registro delle imprese di Torino e codice fiscale n. 02751170016 Appartenente al Gruppo Bancario Veneto

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

"BORSA PROTETTA" su Azioni Italiane, Azioni Estere e Indici Azionari

BORSA PROTETTA su Azioni Italiane, Azioni Estere e Indici Azionari NOTA DI SINTESI BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente del Programma di emissione dei Certificati "BORSA PROTETTA" su Azioni Italiane, Azioni Estere e Indici Azionari La presente nota di sintesi

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 PROPOSTA LA DISTRIBUZIONE DI DIVIDENDI 1. Attività del Gruppo Alerion nel 2004 Investimenti in partecipazioni strategiche o Enertad o Eurovision Dismissioni immobiliari

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Trevigiano Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Fanzolo di Vedelago (TV), Via Stazione n.3-5 iscritta all Albo delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE BANCA ALETTI & C. S.p.A. sede sociale in Via Santo Spirito n. 14, 20121 Milano iscritta al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

ANDAMENTO DEL GRUPPO POLIGRAFICI PRINTING AL 30 SETTEMBRE

ANDAMENTO DEL GRUPPO POLIGRAFICI PRINTING AL 30 SETTEMBRE Comunicato Stampa In data 11 novembre 2015 si è riunito a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione della relazione trimestrale al 30 settembre 2015: Ricavi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

L'esercizio si chiude in utile e con una netta crescita del margine di intermediazione. Proposta la distribuzione di dividendi.

L'esercizio si chiude in utile e con una netta crescita del margine di intermediazione. Proposta la distribuzione di dividendi. Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di First Capital S.p.A. approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2011 (redatto in base ai principi contabili italiani) L'esercizio si chiude in utile

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE UBI Banca Private Investment Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Brescia, Via Cefalonia, 74 Codice Fiscale ed Iscrizione al Registro delle Imprese di Brescia n. 00485260459,

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Ricavi netti 1.799 migliaia ( 1.641 migliaia al 30 giugno 2012)

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009 Valore della produzione pari a Euro 1.318 migliaia (Euro 612 migliaia nel 2008) Risultato Operativo Netto negativo

Dettagli

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln.

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln. Risultati ed andamento della gestione L esercizio in esame rileva un risultato economico positivo che conferma l equilibrio economico della Capogruppo nel compimento della propria attività di holding.

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE. Emissione n. 311 B.C.C. FORNACETTE 2013/2018 STEP UP

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE. Emissione n. 311 B.C.C. FORNACETTE 2013/2018 STEP UP Prospetto semplificato per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4, del Regolamento Consob n. 11971/99 (da consegnare al cliente che ne faccia richiesta) Sede sociale: 56012 Fornacette

Dettagli

Dati di bilancio. Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A.

Dati di bilancio. Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A. Dati di bilancio Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A. Nel corso del 2004 è stato regolarmente ultimato l impegnativo programma di riorganizzazione internazionale del Gruppo Bayer, avviato nel

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 - Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 - Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. - Iscritto all

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Società cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA soc. coop. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DELL ASTA BOT per il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA. BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCO POPOLARE S.C. SERIE 40 TASSO FISSO 28.08.2008

Dettagli

Dati al 30 Giugno 2015

Dati al 30 Giugno 2015 Dati al 30 Giugno 2015 www.biverbanca.it info@biverbanca.it Sede Legale e Direzione Generale: 13900 Biella Via Carso, 15 Capitale Sociale euro 124.560.677,00 Registro delle Imprese di Biella Partita Iva

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 Confermato l ottimo trend di crescita del Gruppo Utile netto semestrale consolidato a circa 7,0

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2013 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1. STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 31.12.2014 31.12.2013 10. Cassa e disponibilità liquide 341 153 60. Crediti:

Dettagli

Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione

Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione COMUNICATO STAMPA Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione Ricavi consolidati: 358,4 milioni ( 347,4 milioni nel 2009) Utile netto consolidato: 94,3 milioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Società cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA S. C. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Per il Prestito Obbligazionario BANCA POPOLARE DELL EMILIA

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 129 TASSO FISSO 30.10.2009 30.12.2011 ISIN IT0004536436

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 129 TASSO FISSO 30.10.2009 30.12.2011 ISIN IT0004536436 CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCO POPOLARE S.C. SERIE 129 TASSO FISSO 30.10.2009 30.12.2011 ISIN IT0004536436 EMESSE NELL AMBITO DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO "BANCO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 30 settembre 2009

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 30 settembre 2009 COMUNICATO STAMPA First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 Berenice al 30 settembre 2009 Milano, 28 ottobre 2009 Il Consiglio di Amministrazione di First Atlantic

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti:

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti: COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi Investment Partners S.p.A. ( TIP-mi ), riunitosi in data odierna, in considerazione dell ormai avvenuto completamento della fase di turnaround

Dettagli

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI PISA E FORNACETTE CREDITO COOPERATIVO

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI PISA E FORNACETTE CREDITO COOPERATIVO Prospetto semplificato per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4, del Regolamento Consob n. 11971/99 (da consegnare al cliente che ne faccia richiesta) Sede legale: 56126 Pisa Lungarno

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

NOTA DI SINTESI. CREDEM INTERNATIONAL (LUX) SA CREDITO EMILIANO S.p.A. or ABAXBANK S.p.A. Descrizione dell'emittente

NOTA DI SINTESI. CREDEM INTERNATIONAL (LUX) SA CREDITO EMILIANO S.p.A. or ABAXBANK S.p.A. Descrizione dell'emittente NOTA DI SINTESI La presente Nota di Sintesi va letta come un'introduzione al Prospetto Base. Qualunque decisione di investimento nei Covered Warrant e/o nei Certificates (congiuntamente, gli "Strumenti

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 UTILE NETTO: Euro 351,0 milioni, +422% MASSE AMMINISTRATE: Euro 51,6 miliardi, +12% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 2.258 milioni ACQUISIZIONE DI

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 B i l a n c i o s e m e s t r a l e a l 3 0 g i u g n o 2 0 1 4 BILANCIO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 30/06/2014 31/12/2013

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2012 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha permesso unitamente ai benefici fiscali

Dettagli

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "Banca del Mugello TASSO VARIABILE" Banca del Mugello - Credito Cooperativo Società

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E AL 31 MARZO 2015 Cembre S.p.A. Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale

Dettagli