IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO"

Transcript

1

2 IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Relatori: C. Carbonchi, P. Danasino, R. Riveriti Una giornata su Le materie prime di qualità per piastrelle con elevato valore aggiunto Auditorium Assopiastrelle - Sassuolo, 12 Febbraio 2004

3 VETRO SODICO CALCICO GS60 Minerali Industriali S.p.A. ZI-GS60 Minerali Industriali S.p.A.

4 LOCALIZZAZIONE DEL GIACIMENTO DI ORIGINE DEL FELDSPATO GS60 Regione Piemonte

5 SCHEMA DI FLUSSO DEL FELDSPATO GS60 CARICO FRANTUMAZIONE MACINAZIONE VAGLIATURA ESSICCAZIONE VAGLIATURA DI CONTROLLO SEPARAZIONE MAGNETICA FELDSPATO GS60

6 EFFETTO DEL TRATTAMENTO MINERARIO SUL CHIMISMO Alimentazione GS60 8 % degli ossidi Al2O3 Fe2O3 Na2O K2O P.F.(1100 C) Ossidi degli elementi

7 FELDSPATO GS60 Analisi chimica SiO % Al 2 O % Fe 2 O % TiO % CaO 0.15 % MgO 0.05 % K 2 O 4.70 % Na 2 O 3.40 % L.o.I. (1100 C) 0.35 % Analisi granulometrica (mm) > % % % < % Analisi mineralogica Quarzo 39 % Feldspato potassico 28 % Feldspato sodico 30 % Altro 3 %

8 ANALISI CHIMICA DEL VETRO Novembre 2001 Dicembre 2003 Ossidi Media (%) Variabilità (±) SiO 2 72,80 ± 1,00 Al 2 O 3 1,50 ± 0,20 Fe 2 O 3 0,35 ± 0,03 TiO 2 0,06 CaO 9,50 ± 0,30 MgO 2,00 ± 0,20 K 2 O 0,95 Na 2 O 12,70 ± 0,50

9 EFFETTO DELL AGGIUNTA DEL VETRO AL FELDSPATO GS % degli ossidi GS60 ZI-GS60 Al2O3 Fe2O3 CaO MgO K2O Na2O P.F. Ossidi

10 FELDSPATO ZI-GS60 Analisi chimica SiO % Al 2 O % Fe 2 O % TiO % CaO 3.00 % MgO 0.65 % K 2 O 3.60 % Na 2 O 6.20 % L.o.I. (1100 C) 0.25 % Analisi granulometrica (mm) > % % % < % Analisi mineralogica Quarzo 27 % Feldspato potassico 20 % Feldspato sodico 21 % Altro 32 %

11 PARTE SPERIMENTALE Atomizzazione dell impasto di prova contenente ZI-GS60 e confronto con impasto di riferimento Materie prime dell impasto di riferimento: argille extra nazionali feldspato sodico extra nazionale feldspato sodico-magnesiaco nazionale sabbia nazionale ZI-GS60

12 FASI DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Macinazione a umido in mulino continuo, 35% di acqua e 0.35% di fluidificante Scarico della barbottina con densità compresa tra 1705 g/l e 1715 g/l Setacciatura della barbottina a 1886 maglie/cm 2 Atomizzazione con atomizzatore da 15 t/h Umidità impostata di atomizzazione pari al 6.5% Pressatura di piastrelle a 380 kg/cm 2 Essiccazione in essiccatoio verticale a 150 C e ciclo di 1h e 30 Cottura in forno industriale con ciclo di 47 a 1190 C (T C massima)

13 VERIFICHE ESEGUITE SUGLI ATOMIZZATI Analisi chimica (XRF) analisi granulometrica con granulometro laser analisi granulometrica per vibrosetacciatura umidità degli atomizzati curva di greificazione tra 1160 C e 1220 C con cottura in forno a rulli da laboratorio e ciclo di 43 analisi al microscopio riscaldante con gradiente di salita di 40 C/min e temperatura massima di 1400 C

14 ANALISI CHIMICA E MINERALOGICA DEGLI IMPASTI Ossidi Riferimento % Prova SiO 2 69,95 70,35 Al 2 O 3 18,00 17,30 Fe 2 O 3 0,76 0,74 TiO2 CaO 0,60 1,07 0,54 1,40 MgO 0,57 0,34 K 2 O 2,09 2,46 Na 2 O 3,86 3,67 P.F. (1100 C) 3,30 3,10 Na 2 O/K 2 O 1,85 1,49 Na 2 O+K 2 O 5,95 6,13 Fe 2 O 3 +TiO 2 1,36 1,28 SiO 2 /Al 2 O 3 3,89 4,07 Fasi minerali Riferimento % Prova Quarzo Minerali Fillosilicatici K-feldspato 8 12 Na-feldspato Plagioclasio 17 8 Vetro 0 6 Altro 3 3

15 ANALISI GRANULOMETRICA DEGLI ATOMIZZATI Dimensione (µm) Riferimento Prova Volume non passante (%) 0, ,00 100, ,34 44, ,36 28, ,85 18, ,71 12, ,72 8, ,16 5, ,54 3, ,52 2, ,88 1, ,47 1, ,67 0, ,32 0, ,10 0,08 Umidità 6,2 6,5 Volume di non passante (%) Riferimento Prova 0, Dimensione in micron

16 ANALISI GRANULOMETRICA DEGLI ATOMIZZATI (VIBROSETACCIATURA) classi (mm) Riferimento Prova % peso % peso > 0,80 2,7 3,6 0,80-0,60 5,7 6,4 0,60-0,50 14,4 13,7 0,50-0,425 14,0 12,9 0,425-0,355 21,8 21,0 0,355-0,212 27,1 27,9 0,212-0,150 8,0 7,4 0,150-0,125 1,5 1,7 0,125-0,075 3,0 2,8 0,075-0,063 0,6 0,8 < 0,063 1,3 1,8 Peso % 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 > 0,80 0,80-0,60 0,60-0,50 0,50-0,425 0,425-0,355 0,355-0,212 0,212-0,150 0,150-0,125 Riferimento Prova 0,125-0,075 0,075-0,063 < 0,063 Classi granulometriche (mm)

17 CURVA DI GREIFICAZIONE OTTENUTA DAGLI ATOMIZZATI (1160 C / 1210 C) 7,00 7,00 T C cottura Riferimento Prova AA RL AA RL ,02 5,69 2,34 5, ,95 5,98 0,73 5, ,36 6,21 0,29 6, ,08 6,34 0,12 6, ,03 6,43 0,05 6, ,00 6,60 0,00 6, ,32 6,34 1,18 6,25 AA (%) 6,00 5,00 4,00 3,00 2,00 Riferimento AA Riferimento RL Prova AA Prova RL 6,00 5,00 4,00 3,00 2,00 RL (%) 1,00 1,00 0, ,00 T C massima di cottura

18 ANALISI AL MICROSCOPIO RISCALDANTE A (viola chiaro) = PROVA B (blu) = RIFERIMENTO

19 VISCOSITA DELLE BARBOTTINE (tempo 0 e 1h) Tempo di scorrimento (s) Viscosità a tempo ,35 0,45 0,55 0,65 0,75 % Fluidificante Riferimento Prova Tempo 0 Fluidificante (%) Riferimento Prova 0,35 n.d. 19 0, , , , Tempo 1 ORA Fluidificante (%) Riferimento Prova 0,35 n.d. 31 0, , , , Viscosità a tempo 1 ORA Tempo di scorrimento (s) ,35 0,45 0,55 0,65 0,75 % Fluidificante Riferimento Prova

20 Tempo di scorrimento (s) Viscosità a tempo 12 ORE VISCOSITA DELLE BARBOTTINE (tempo 12 e 24 ore) 0,35 0,45 0,55 0,65 0,75 % Fluidificante Riferimento Prova Tempo 12 ORE Fluidificante (%) Riferimento Prova 0,35 n.d. 39 0, , , , Tempo 24 ORE Fluidificante (%) Riferimento Prova 0,35 n.d. 53 0, , , , Tempo di scorrimento (s) Viscosità a tempo 24 ORE ,35 0,45 0,55 0,65 0,75 % Fluidificante Riferimento Prova

21 VERIFICHE ESEGUITE SULLE PIASTRELLE COTTE IN FORNO INDUSTRIALE Assorbimento d acqua, ritiro lineare, carico di rottura sia sull essiccato che sul cotto composizione di fase tramite XRPD e interpretazione quantitativa con metodo Rietveld coefficiente dilatometrico

22 DATI RIFERITI ALLE PIASTRELLE COTTE IN FORNO INDUSTRIALE Cottura 47' C Riferimento Prova Assorbimento d'acqua (%) 0,09 0,11 Ritiro lineare (%) 7,25 7,30 [ ] a C 1 76,3 77,1 C.d.R. essiccato (kg/cm 2 ) 23,9 25,0 C.d.R. cotto (kg/cm 2 ) 481,6 480,1

23 XRPD DELLE PIASTRELLE COTTE IN FORNO INDUSTRIALE RIFERIMENTO PROVA

24 COMPOSIZIONE DI FASE DEI COTTI (XRPD) Fase minerale Riferimento Prova Peso % σ Peso % σ Quarzo 20,3 0,1 20,4 0,1 Cristobalite 0,2 0,2 0,2 0,2 Albite-Plagioclasio 9,6 0,3 9,3 0,3 Sanidino 0,4 0,3 0,4 0,3 Mullite 6,4 0,3 5,7 0,4 Vetro 63 64

25 CONCLUSIONI La presenza del feldspato ZI-GS60 nell impasto da grès porcellanato ha comportato rispetto al riferimento industriale: Grado di macinabilità simile maggior fluidità della barbottina a varie percentuali di fluidificante impiegato e a differenti tempi di riposo rispetto al termine della macinazione Comportamento in fase di cottura del tutto confrontabile sia per porosità aperta sia per variazione dimensionale coefficiente dilatometrico leggermente superiore carico di rottura simile sia in essiccato che in cotto composizione di fase dei cotti ottenuta tramite XRPD confrontabile

26 QUINDI. IL FELDSPATO ZI-GS60 HA EVIDENZIATO ANCHE IN FASE INDUSTRIALE CARATTERISTICHE TALI DA POTER ESSERE VALIDAMENTE INSERITO IN IMPASTI DA GRES PORCELLANATO

27 GRUPPO MINERALI S.p.A. RINGRAZIA PER L ATTENZIONE

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI **************** ESEMPIO DELL IMPIEGO DI VETRO ADDIZIONATO AD UN FELDSPATO SODICO-POTASSICO (GS6) IN UNA PRODUZIONE

Dettagli

Impiego di fondenti additivati con vetro in un impasto da gres porcellanato

Impiego di fondenti additivati con vetro in un impasto da gres porcellanato 580 C. Carbonchi, Gruppo Minerali. Relazione presentata alla giornata di studio su Le materie prime e controlli di laboratorio e di processo per una produzione di piastrelle di qualità organizzata dal

Dettagli

S. Di Primio. Confindustria Ceramica 13 Febbraio 2014

S. Di Primio. Confindustria Ceramica 13 Febbraio 2014 MINERALI INDUSTRIALI Qualificazione tecnica ed ottimizzazione dei costi degli impasti ceramici nazionali per porcellanato tecnico e smaltato : i prodotti dei giacimenti della Minerali Industriali S. Di

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Relatore Dr. Stefano Di Primio Convegno Assopiastrelle, Sassuolo 19 Febbraio 2009

Relatore Dr. Stefano Di Primio Convegno Assopiastrelle, Sassuolo 19 Febbraio 2009 GRUPPO MINERALI MAFFEI: "Sviluppi tecnologici degli impasti per gres porcellanato smaltato e tecnico: la nuova gamma di feldspati ed argille nazionali del Gruppo Minerali Maffei" Relatore Dr. Stefano Di

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico. more from minerals. Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche

Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico. more from minerals. Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico more from minerals Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico Analisi Chimica

Dettagli

Minerali industriali: Applicazioni e tecnologie

Minerali industriali: Applicazioni e tecnologie Minerali industriali: Applicazioni e tecnologie Ing. Fabio Gentili Mauro Pino Roma, 6 Dicembre 2013 Agenda Mercato Nazionale dei Minerali Industriali; Ceramica; Vetro; Edilizia; Fonderie; Il gruppo Sibelco

Dettagli

Analisi geochimiche su sedimenti

Analisi geochimiche su sedimenti Analisi geochimiche su sedimenti Al 2 O 3 K 2 O Rb, Li, Cs (ppm) Diminuzione della granulometria Diminuzione della granulometria Diminuzione della granulometria Al 2 O 3 Correlazioni che si osservano generalmente

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

LABORATORI SEZIONE MINERALOGIA E PETROLOGIA

LABORATORI SEZIONE MINERALOGIA E PETROLOGIA LABORATORI SEZIONE MINERALOGIA E PETROLOGIA Laboratorio/Analisi Interni Esterni Prestazioni in convenzione Prestazioni conto terzi Per tutti i Laboratori Prezzo Sezioni sottili e lucide compreso tra Sezione

Dettagli

Materiali ceramici tradizionali

Materiali ceramici tradizionali Materiali ceramici tradizionali -Classificazione dei ceramici tradizionali I materiali ceramici possono essere classificati in base all'impiego ed alla funzione che svolgono. Uso domestico: Laterizi, piastrelle,

Dettagli

Cerablast. Abrasivi per sabbiatura

Cerablast. Abrasivi per sabbiatura Cerablast Abrasivi per sabbiatura Rossaecker 9 D-74343 Sachsenheim / Germania Telefono: 0049 7147 220814 Fax: 0049 7147 220840 E-mail: info@cerablast.com http://www.cerablast.com Uno dei leader del mercato

Dettagli

OMA. 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche chimiche

OMA. 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche chimiche OMA Legante a base di calce idraulica naturale per la preparazione di malte per il restauro e consolidamento di intonaci storici 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale naturale

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO, CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici I trattamenti termici e la sinterizzazione Aria e fuoco Dopo la creazione dell oggetto con terra e acqua intervengono aria (essiccamento)

Dettagli

Influenza di Zeoliti Naturali sulle Proprietà Tecnologiche del Gres Porcellanato

Influenza di Zeoliti Naturali sulle Proprietà Tecnologiche del Gres Porcellanato Influenza di Zeoliti Naturali sulle Proprietà Tecnologiche del Gres Porcellanato Michele Dondi, Guia Guarini CNR-ISTEC, Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici, Faenza Roberto de Gennaro,

Dettagli

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO.

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. COTTURE CERAMICHE COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. CONFERIMENTO DI PARAMETRI TECNICI,

Dettagli

Impasti ceramici a Km0: valorizzazione di materie prime naturali e di recupero locali

Impasti ceramici a Km0: valorizzazione di materie prime naturali e di recupero locali Impasti ceramici a Km0: valorizzazione di materie prime naturali e di recupero locali Fernanda Andreola, L. Barbieri, T. Manfredini, F. Borghi Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari, UNIMORE Gabriele

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

CERMED. GRES di Montevecchio

CERMED. GRES di Montevecchio Applicazione di un sistema di cogenerazione con microturbine al ciclo produttivo della Ceramica Mediterranea S.p.A. (Progetto FIT Energia A01/1827/01/X05) Ceramica Mediterranea S.p.A. è una società che,

Dettagli

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA Alpe opera da oltre mezzo secolo nell estrazione, lavorazione e fornitura di Pietra di Luserna (Gneiss Lamellar). Esperienza, creatività e la continua ricerca

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: IBIX ART è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale

Dettagli

CARATTERISTICHE FISICO-MECCANICHE 1 Carico di rottura a compressione semplice (Mpa) Compression breaking load Druckfestigkeit bei einfachem Druck Charge de rupture par compression 128 2 3 Carico di rottura

Dettagli

Le malte: Leganti e malte. La calce:

Le malte: Leganti e malte. La calce: Leganti e malte I leganti sono materiali che, se miscelati con acqua, hanno la capacità di legarsi agli aggregati, facendo presa ed indurendo progressivamente grazie a reazioni chimiche. Essi possono essere

Dettagli

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI LEGANTI LEGANTI Testo: M. Lucco Borlera e C. Brisi Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Levrotto & Bella - Torino http://bioslab.unile.it/courses.html LEGANTI: Riferimenti Si definiscono cementanti

Dettagli

Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura

Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura M. Mariani (Caolino Panciera). P. Pizzoli (Caolino Panciera). Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura P. Pizzoli, M. Mariani,

Dettagli

Più durata, meno costi Maurizio. incontri & aziende. Magotteaux e Minerali Industriali

Più durata, meno costi Maurizio. incontri & aziende. Magotteaux e Minerali Industriali Magotteaux e Minerali Industriali Più durata, meno costi Maurizio Quaranta Grazie a Neox di Magotteaux, Minerali Industriali ha raggiunto l obiettivo di migliorare la produzione e diminuire i costi, a

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE V.O. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA COMPORTAMENTO DILATOMETRICO

Dettagli

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro Fusione del vetro Produzione di vetro: per via chimica (Physical Vapour Deposition - PVD, Chemical Vapour Deposition - CVD) da soluzione (sol-gel) da polvere (sinterizzazione) da fuso ΔT>0 ΔT

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

MULINO PENDOLARE MOLOMAX

MULINO PENDOLARE MOLOMAX MULINO PENDOLARE MOLOMAX Web: http://www.manfredinieschianchi.com - Email: sales@ms-plants.it 1/13 I Mulini Pendolari MOLOMAX sono impiegati per la macinazione di materie prime di varia natura, peso specifico

Dettagli

Presentazione con Power Point

Presentazione con Power Point Presentazione con Power Point Diapositiva N 1 Lo scopo di questo lavoro è stato quello di mettere in pratica in laboratorio le conoscenze acquisite durante il corso (di ingegneria delle materie prime),

Dettagli

La produzione della porcellana di Arita

La produzione della porcellana di Arita La produzione della porcellana di Arita 1 Estrazione Le roccie di caolino di Izumiyama sono cavate a cielo aperto. Le roccie sono trattate in acqua, rotte con un martello e selezionate secondo l'aspetto

Dettagli

0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L

0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL0RGHQDH5HJJLR(PLOLD )$&2/7$ ',,1*(*1(5,$ &RUVRGL/DXUHDLQ,QJHJQHULD$PELHQWDOH 0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L 5HODWRUH

Dettagli

La caratterizzazione delle materie prime sul Web

La caratterizzazione delle materie prime sul Web La caratterizzazione delle materie prime sul Web M. Paganelli: Expert System Solutions / Modena 1 - INTRODUZIONE Relazione presentata allo giornata di studio su "Materie prime e controlli di laboratorio

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE

STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze della Terra STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE Relatore:

Dettagli

IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI

IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI Progettazione Montaggio Avviamento Soluzioni chiavi in mano Estrazione e trattamento minerario Dalla miniera al prodotto finito: 100 anni di esperienza

Dettagli

SVILUPPO TECNICO ED ESTETICO DI LASTRE CERAMICHE AD ALTO SPESSORE

SVILUPPO TECNICO ED ESTETICO DI LASTRE CERAMICHE AD ALTO SPESSORE SVILUPPO TECNICO ED ESTETICO DI LASTRE CERAMICHE AD ALTO SPESSORE D. Biserni, B. Spinelli Sassuolo, 14 luglio 2016 PIASTRELLE CERAMICHE E LASTRE AD ALTO SPESSORE 15 mm 20 mm 25 mm 30 mm PRODOTTI MULTI-FUNZIONALI:

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

IL FINE LINEA E LE ATTIVITÀ COMPLEMENTARI

IL FINE LINEA E LE ATTIVITÀ COMPLEMENTARI IL FINE LINEA E LE ATTIVITÀ COMPLEMENTARI Presentazione Indice Premessa Nota degli autori Parte 1 - SELEZIONE E CONFEZIONAMENTO Cap. 1 Inquadramento generale 1 Considerazioni generali 1.1 Proprietà e difetti

Dettagli

CAPITOLO 1 IMPATTO AMBIENTALE DEI FINI DI SEGAGIONE

CAPITOLO 1 IMPATTO AMBIENTALE DEI FINI DI SEGAGIONE Capitolo 1: Impatto ambientale dei fini di segagione APPLICAZIONI E TRATTAMENTI IN CAMPO INGEGNERISTICO E INDUSTRIALE Prof. Ing. Renato Mancini Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria del Territorio,

Dettagli

LA MERIDIANA INTERNATIONAL SCHOOL OF CERAMIC ART IN TUSCANY

LA MERIDIANA INTERNATIONAL SCHOOL OF CERAMIC ART IN TUSCANY 1 LA MERIDIANA INTERNATIONAL SCHOOL OF CERAMIC ART IN TUSCANY Appunti sugli smalti Questi appunti sugli smalti sono un riassunto di alcuni argomenti trattati durante i corsi tenuti presso La Meridiana.

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI RESIDUE

COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI RESIDUE INNOVAZIONE DI PROCESSO PER LA FILIERA DELLA PIASTRELLA CERAMICA SOSTENIBILE COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI

Dettagli

Corde ed Infusi nella produzione vetraria

Corde ed Infusi nella produzione vetraria Corde ed Infusi nella produzione vetraria Claudio Ferrero - Gruppo Minerali S.p.A. Novara Introduzione Le corde e gli infusi rappresentano, nell ambito vetrario, due tra i principali problemi che saltuariamente

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3

PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3 PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3 Extreme energyfree valorisation of copper metallurgical waste in heating elements and semiconductive nanoceramic enamels Torre Maina di Maranello, February 13, 2012

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara DOTTORATO DI RICERCA IN "SCIENZE DELLA TERRA" CICLO XXI COORDINATORE Prof. Luigi Beccaluva CARATTERIZZAZIONE PETROCHIMICA E PETROFISICA DI MATERIALI INERTI SECONDARI DA

Dettagli

NO VETRO. Progetto di ricerca sugli scarti vetrosi denominato

NO VETRO. Progetto di ricerca sugli scarti vetrosi denominato Interventi di processo e di prodotto per aumentare la quota di recupero sia di scarti vetrosi non destinabili alla vetreria che di rottame pronto la forno Dr. Ing. Rosa Taurino email:rosa.taurino@unimore.it

Dettagli

Serie LASER - Rivestimento

Serie LASER - Rivestimento SCHEDA TECNICA Serie LASER - Rivestimento 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice L Piastrelle ceramiche pressate a secco GRUPPO BIIIGL DIMENSIONI E PROPRIETA FISICHE PROPRIETA CHIMICHE

Dettagli

MINERALIZZAZIONE ASSISTITA DA MICRONDE PER L ANALISI IN TRACCE DEGLI ELEMENTI IN CAMPIONI SOLIDI

MINERALIZZAZIONE ASSISTITA DA MICRONDE PER L ANALISI IN TRACCE DEGLI ELEMENTI IN CAMPIONI SOLIDI MINERALIZZAZIONE ASSISTITA DA MICRONDE PER L ANALISI IN TRACCE DEGLI ELEMENTI IN CAMPIONI SOLIDI Molte tecniche per l analisi di tracce richiedono campioni omogenei e allo stato liquido. Per trasformare

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE Sostituzione di materiali tossici in piombo con nuovi materiali alternativi non tossici come agenti brillanti di sostegno in vernice policromatica INTRODUZIONE

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.1 I materiali ceramici tradizionali sono tipicamente formati da tre componenti argilla, feldspato e

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

Minerali industriali 2

Minerali industriali 2 Minerali industriali 2 Processi di fabbricazione Preparazione della miscela Processo di formazione Asciugatura e cottura Trattamenti Preparazione della miscela Le materie prime sono pesate e miscelate

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

Sintesi tecnica del progetto

Sintesi tecnica del progetto Sintesi tecnica del progetto A2A Ambiente Impianto Vetro di Asti Relatore: ing. Luca Ravetta Ufficio Tecnico Grandi Impianti Ambiente Asti, 25 giugno 2014 Asti Sintesi tecnica Localizzazione e dati generali

Dettagli

Piroplasticità del gres porcellanato:

Piroplasticità del gres porcellanato: Piroplasticità del gres porcellanato: confronto fra ciclo a umido e ciclo a secco Fábio G. Melchiades 1,2, Anselmo O. Boschi 1, Lisandra R. dos Santos Conserva 1,2, Michele Dondi 3, Guia Guarini 3, Mariarosa

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YD18U ATTIVITÀ 23.31.00 FABBRICAZIONE DI PIASTRELLE IN CERAMICA PER PAVIMENTI E RIVESTIMENTI ATTIVITÀ 23.32.00 FABBRICAZIONE DI MATTONI, TEGOLE ED ALTRI PRODOTTI PER L EDILIZIA IN TERRACOTTA

Dettagli

Termocoppie per tecnologie di lavorazione al silicone

Termocoppie per tecnologie di lavorazione al silicone Termocoppie per tecnologie di lavorazione al silicone Punte di controllo Numerosi design OEM; Giunti singoli, doppi e tripli; Vasta scelta di diametri in ceramica, di cavi, spinotti e terminazioni, PII,

Dettagli

LEAD-COLOURED LEAD-FREE

LEAD-COLOURED LEAD-FREE PROGETTO LIFE09 ENV/IT/000427 Replacement of toxic lead compounds by new non-toxic substitutes as brilliant aid agent in polychromatic glazes LEAD-COLOURED LEAD-FREE FINAL REPORT Coordinating beneficiary:

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL

INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL Nome commerciale: ATISOL Indicazioni generali: Atisol è un prodotto di copertura altamente isolante per fusioni metalliche. Proveniente da un prodotto naturale con elevata

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO PROT. N. 10181 13.06.2006 CERTIFICATO N. 46/08/2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE

Dettagli

ROMITA s.r.l. gres. lavorazione porcellanato

ROMITA s.r.l. gres. lavorazione porcellanato ROMITA s.r.l. gres lavorazione porcellanato La ROMITA srl nasce nel 2007, per volontà del sig. Raffaele Romita, occupandosi da subito della lavorazione del gres porcellanato, per la realizzazione del

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

Tesi di MASTER in Trattamenti di Superficie per l Industria

Tesi di MASTER in Trattamenti di Superficie per l Industria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze MM.FF.NN Facoltà di Ingegneria ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Laboratori Nazionali di Legnaro In collaborazione con la Federazione Regionale degli

Dettagli

COMUNE di ROCCAVIONE

COMUNE di ROCCAVIONE REGIONE PIEMONTE COMUNE di ROCCAVIONE PROVINCIA di CUNEO AUA Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 13 marzo 2013 n.59 TITOLO: Procedimento di Verifica Impatto Ambientale

Dettagli

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante ing. Chiara Venturelli Expert System Solutions Srl, Modena, Italia Introduzione La termovalorizzazione è un processo

Dettagli

impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria

impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria I M F 1 3 2 impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria il cuore: mulino master frantuma tutti gli inerti di tipo alluvionale e calcareo, ghiaie, ciottoli e pietrischi naturali o prefrantumati

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Materie Prime Ceramiche in Europa:

Materie Prime Ceramiche in Europa: Materie Prime Ceramiche in Europa: Situazione e Tendenze Michele Dondi Rimini, 1 Ottobre 2010 (TECNARGILLA) Ceramica e Minerali Industriali: Situazione e Tendenze contenuti minerali industriali per piastrelle

Dettagli

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011 Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi MILANO 14 giugno 2011 L industria italiana delle piastrelle di ceramica Aziende (numero)

Dettagli

SISTEMA MULTIMEDIA E DOSAGGIO AUTOMATICO

SISTEMA MULTIMEDIA E DOSAGGIO AUTOMATICO SISTEMA MULTIMEDIA E DOSAGGIO AUTOMATICO SOMMARIO 2 LA DECORAZIONE NELL INDUSTRIA CERAMICA 2 GLI INCHIOSTRI 3 I METODI DI PREPARAZIONE 4 IL TINTOMETRO 6 I VEICOLI (MEDIUM) 8 IL SISTEMA MULTIMEDIA 12 PREPARAZIONE

Dettagli

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche Fabio Fratini Malte antiche e malte da restauro: leganti, aggregati, impasti Aosta 14 dicembre 2007 Fabio Fratini CNR-ICVBC Firenze

Dettagli

LA REVISIONE DEI METODI UFFICIALI DI ANALISI CHIMICHE DEL SUOLO: ASPETTI CHIMICI, AMBIENTALI ED INTERPRETAZIONE AGRONOMICA LA GRANULOMETRIA

LA REVISIONE DEI METODI UFFICIALI DI ANALISI CHIMICHE DEL SUOLO: ASPETTI CHIMICI, AMBIENTALI ED INTERPRETAZIONE AGRONOMICA LA GRANULOMETRIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI LABORATORI PUBBLICI AGROCHIMICI SocietàItaliana di Scienza del Suolo LA REVISIONE DEI METODI UFFICIALI DI ANALISI CHIMICHE DEL SUOLO: ASPETTI CHIMICI, AMBIENTALI ED INTERPRETAZIONE

Dettagli

IL COLORE DELLE CERAMICHE (CORPO INTERNO) Dipende dagli ossidi di metalli presenti e dal loro stato di ossidazione.

IL COLORE DELLE CERAMICHE (CORPO INTERNO) Dipende dagli ossidi di metalli presenti e dal loro stato di ossidazione. IL COLORE DELLE CERAMICHE (CORPO INTERNO) Dipende dagli ossidi di metalli presenti e dal loro stato di ossidazione. Di frequente sono presenti ossidi di ferro(iii): ematite (a-fe 2 O 3 ), magnemite (g-fe

Dettagli

Materiali ceramici. Prof. Marco Boniardi

Materiali ceramici. Prof. Marco Boniardi Prof. Marco Boniardi 1 Composti chimici tra un metallo e un non metallo (a carattere prevalentemente ionico) Ossidi (SiO 2, Al 2 O 3, ZrO 2, MgO, BaTiO 3 ) Nitruri (Si 3 N 4 ) Carburi (B 4 C, WC, TiC,

Dettagli

Linee Guida per la caratterizzazione di una malta storica e per la malta da intervento

Linee Guida per la caratterizzazione di una malta storica e per la malta da intervento Linee Guida per la caratterizzazione di una malta storica e per la malta da intervento Andrea Rattazzi Referente Scientifico Gruppo Specialistico Malte GL 2 Commissione Tecnica UNI Beni culturali NorMaL

Dettagli

IL "CALCINELLO" NEGLI IMPASTI PER TRAFILATI: COMPORTAMENTO, PROBLEMI E SOLUZIONI

IL CALCINELLO NEGLI IMPASTI PER TRAFILATI: COMPORTAMENTO, PROBLEMI E SOLUZIONI IL "CALCINELLO" NEGLI IMPASTI PER TRAFILATI: COMPORTAMENTO, PROBLEMI E SOLUZIONI INTRODUZIONE I problemi estetici che più preoccupano i fabbricanti di materiali trafilati pregiati quali coperture, "faccia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA SETTORE MATERIALI TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI PROCESSI INDUSTRIALI E DEI MATERIALI MATERIALI VETROCERAMICI INNOVATIVI COMPRENDENTI

Dettagli

La sinterizzazione dei materiali ceramici. Antonio Licciulli

La sinterizzazione dei materiali ceramici. Antonio Licciulli La sinterizzazione dei materiali ceramici Antonio Licciulli 1 Presentazione e contenuti della lezione Introduzione, ed elementi generali La sinterizzazione viscosa nei ceramici tradizionali La sinterizzazione

Dettagli

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD WIENERBERGER S.p.A. Unipersonale Sede legale in 40027 Mordano (BO), Via Ringhiera 1 Insediamento sito in 32020 Feltre (BL) Strada della Fornace 7 Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) D.lgs. 152/2006

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

SAVERFLEX V55 SAVERFLEX V55. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1.

SAVERFLEX V55 SAVERFLEX V55. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1. Prodotto destinato agli specialisti del settore. Caratteristiche SAVERFLEX V 55 è un collante

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2004 (DATI 2003) Sede legale: via G. di Vittorio, 24 Casalfiumanese BO Data: 22/06/2004 N. revisione: 13 1 di 1 PREMESSA La presente Dichiarazione Ambientale è stata consegnata

Dettagli

Composizione: Sabbia silicea naturale, lavata, ciclonata, vagliata, essiccata e selezionata del fiume Po. Impiego:

Composizione: Sabbia silicea naturale, lavata, ciclonata, vagliata, essiccata e selezionata del fiume Po. Impiego: SABBIA ESSICCATA SILICEA TIPO 503 DEL FIUME PO Produzione di malte da finitura; Produzione di collanti; Produzione d intonaci. - 0 0,3 mm - in mucchio: 1380 kg/m³ SABBIA ESSICCATA SILICEA TIPO 504 DEL

Dettagli

PREPARAZIONE DELL ARGILLA

PREPARAZIONE DELL ARGILLA La produzione del laterizio si basa su una serie di operazioni che, pur se altamente industrializzate ed automatizzate, in linea di principio sono rimaste identiche da millenni. L ESTRAZIONE La scelta

Dettagli

(Relazione presentata all Università di Parma, Incontri A.T.I.V., presso il Centro Congressi S. Elisabetta, Campus universitario)

(Relazione presentata all Università di Parma, Incontri A.T.I.V., presso il Centro Congressi S. Elisabetta, Campus universitario) L. Ramon Sasil S.p.A. I nuovi trattamenti ed i nuovi prodotti le sabbie a bassissimo contenuto di ossido ferrico destinate al settore del vetro bianco di qualità ed al cristallo: caratteristiche degli

Dettagli

COMUNE DI MENTANA ROMA

COMUNE DI MENTANA ROMA COMUNE DI MENTANA ROMA di Abballe Laboratorio autorizzato dal Ministero Infrastrutture e Trasporti DPR 380/01 Art. 59 Circolare 7619/STC del 08/09/2010 Concessione per l'esecuzione e certificazione di

Dettagli

Tariffario per Analisi Conto Terzi

Tariffario per Analisi Conto Terzi Tariffario per Analisi Conto Terzi ANALISI CHIMICHE SU MINERALI E ROCCE 1.1. Volumetriche 1.1.1. Quantitativa dei componenti principali di rocce carbonatiche: CaCO 3, MgCO 3, Residuo Insolubile 150,00

Dettagli