La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA"

Transcript

1 La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto ing. PASTA NICOLA Quale approccio alla gestione del rischio di caduta dall alto alto D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - Art. 15 Le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro sono: a) omissis b)l eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico c) omissis E pertanto necessario, nella scelta delle misure preventive e protettive, applicare il principio della massima sicurezza tecnologicamente fattibile

2 La corretta gestione del rischio di caduta dall alto alto passa soprattutto attraverso la scelta di adeguate attrezzature di lavoro Massima sicurezza tecnologicamente fattibile???

3 Massima sicurezza tecnologicamente fattibile??? Massima sicurezza tecnologicamente fattibile???

4 Massima sicurezza tecnologicamente fattibile??? Massima sicurezza tecnologicamente fattibile???

5 Massima sicurezza tecnologicamente fattibile??? Massima sicurezza tecnologicamente fattibile???

6 Massima sicurezza tecnologicamente fattibile??? Massima sicurezza tecnologicamente fattibile???

7 Massima sicurezza tecnologicamente fattibile??? Massima sicurezza tecnologicamente fattibile???

8 Riferimenti legislativi per i lavori in quota: D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Art. 122 Nei lavori in quota (attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile) devono essere adottate, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone e di cose Sanzioni per i datori di lavoro e i dirigenti: arresto fino a sei mesi o ammenda da a Obblighi del DDL nell uso di attrezzature per lavori in quota (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Art. 111) Il datore di lavoro, omissis, sceglie le attrezzature di lavoro più idonee a GARANTIRE e MANTENERE condizioni di lavoro sicure dando priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale Sanzioni per i datori di lavoro e i dirigenti: arresto fino a sei mesi o ammenda da a 6.400

9 Obblighi del DDL nell uso di attrezzature per lavori in quota (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Art. 111) Accesso ai luoghi di lavoro Il datore di lavoro deve scegliere il tipo più idoneo di sistema di accesso ai posti di lavoro temporanei in quota in rapporto alla frequenza di circolazione, al dislivello e alla durata dell impiego. Ad esempio: scale fisse ponteggi scale portatili (UNI EN 131) Sanzioni per i datori di lavoro e i dirigenti: arresto fino a due mesi o ammenda da 500 a Accesso ai luoghi di lavoro Il sistema di accesso in quota adottato deve consentire: una rapida evacuazione in caso di pericolo l accesso al personale di soccorso

10 Accesso ai luoghi di lavoro in quota Carenze riscontrate Accesso ai luoghi di lavoro in quota Carenze riscontrate

11 Accesso ai luoghi di lavoro in quota Carenze riscontrate Accesso ai luoghi di lavoro in quota Carenze riscontrate

12 Accesso ai luoghi di lavoro in quota Una buona soluzione - Scale a torre Accesso ai luoghi di lavoro in quota Una buona soluzione - Scale a torre

13 Accesso ai luoghi di lavoro in quota Una buona soluzione - Scale prefabbricate Accesso ai luoghi di lavoro in quota Una buona soluzione - Stabilizzatori per scala

14 Rischio di sfondamento della copertura Prima dell accesso a una copertura è indispensabile accertarsi che il solaio sia portante e che non presenti rischio di sfondamento a causa del peso di persone e materiali Rischio di sfondamento della copertura E definita copertura non praticabile quella copertura sulla quale non è possibile l accesso ed il transito di persone senza predisposizione di particolari mezzi e/o misure di sicurezza contro il pericolo di caduta di persone e/o cose dall alto e contro i rischi di scivolamento (UNI 8088)

15 Presenza di forometrie Presenza di forometrie

16 Presenza di forometrie Protezioni adeguate Elenco non esaustivo delle misure di sicurezza a protezione dei lavori svolti sulle coperture ponteggi metallici fissi parapetti di protezione lungo tutti i lati verso il vuoto assiti di chiusura dei lucernari e delle aperture presenti sullacopertura predisposizione di camminamenti su solai non portanti sottopalchi di sicurezza e di servizio reti di protezione anticaduta utilizzo di idonee attrezzature quali PLE, ponti su ruote a torre, scale, etc utilizzo di dispositivi di protezione individuale (DPI) contro le cadute (definendo prima gli idonei punti di ancoraggio)

17 Ponteggi metallici fissi Carenze riscontrate Ponteggi metallici fissi Carenze riscontrate

18 Ponteggi metallici fissi Carenze riscontrate Ponteggi metallici fissi Carenze riscontrate

19 Ponteggi metallici fissi Carenze riscontrate Ponteggi metallici fissi Carenze riscontrate

20 Ponteggi metallici fissi Carenze riscontrate Ponteggi metallici fissi Quando sono troppo carenti

21 Ponteggi metallici fissi Quando sono troppo carenti Ponteggi metallici fissi Indicazioni per l utilizzo l in sicurezza devono essere rispettate le indicazioni del fabbricante contenute nel libretto di autorizzazione ministeriale all impiego qualora realizzati in difformità da quanto previsto dagli schemi di montaggio descritti nel libretto è necessario far redigere un progetto specifico ad un tecnico abilitato ogni piano del ponteggio deve essere provvisto di intavolato completo e di parapetto normale gli addetti al montaggio e allo smontaggio dei ponteggi dovranno obbligatoriamente aver effettuato dei corsi di formazione specifici

22 Montaggio, uso e smontaggio del ponteggio (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Artt ) 136) Il datore di lavoro provvede a redigere a mezzo di persona competente un piano di montaggio, uso e smontaggio (Pi.M.U.S.), in funzione della complessità del ponteggio ed assicura che sia montato, smontato o trasformato sotto la diretta sorveglianza di un preposto, a regola d arte e conformemente al Pi.M.U.S. stesso Sanzioni per i datori di lavoro e i dirigenti: arresto da due a quattro mesi o ammenda da a Montaggio, uso e smontaggio del ponteggio (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Artt ) 136) Criticità emerse dall analisi dei PiMUS: 1) mancanza di disegno esecutivo di installazione (piante e prospetti) 2)mancanza di indicazioni sulla tipologia e sul posizionamento degli ancoraggi 3)mancanza di indicazioni circa la corretta sequenza di montaggio in relazione al tipo di sistema anticaduta adottato 4)mancanza di aggiornamento del disegno

23 Corretta redazione del Pi.M.U.S. Disegno esecutivo - Piante Corretta redazione del Pi.M.U.S. Disegno esecutivo - Prospetti

24 Corretta redazione del Pi.M.U.S. Disegno esecutivo - Identificazione degli ancoraggi Ancoraggio a tassello Ancoraggio a cravatta Corretta redazione del Pi.M.U.S. Descrizione della sequenza di montaggio

25 Corretta redazione del Pi.M.U.S. Descrizione dei dispositivi di sicurezza adottati Ponteggi Indicazioni per una corretta realizzazione La conoscenza dei profili in pianta ed in facciata dell opera da realizzare o manutenere, consente di progettare correttamente il ponteggio, non permettendo valutazioni soggettive ed improvvisate da parte del personale deputato alla realizzazione di tali apprestamenti

26 Ponteggi Indicazioni per una corretta realizzazione Le soluzioni esistono! Ad esempio uso di parapetti interni o uso di mensole appositamente progettate Corretta realizzazione

27 Ponteggi Indicazioni per una corretta realizzazione Ponteggi Indicazioni per una corretta realizzazione

28 Ponteggi Indicazioni per una corretta realizzazione Ponteggi Indicazioni per una corretta realizzazione

29 Ponteggi Indicazioni per una corretta realizzazione Ponteggi L importanza della scelta degli ancoraggi Per approfondimenti: INAIL - Guida Tecnica per la scelta, l uso e la manutenzione degli ancoraggi

30 Ponteggi L importanza della scelta degli ancoraggi Ponteggi evoluti con montaggio dal basso

31 Ponteggi evoluti con montaggio dal basso Parapetti o guardacorpo deve essere costituito da uno o più correnti il cui margine superiore sia posto a non meno di 1 metro dal piano di calpestio, e di tavola fermapiede correnti e tavola fermapiede non devono lasciare una luce, in senso verticale, maggiore di 60 centimetri l installazione dei parapetti deve essere fatta dall esterno in sicurezza utilizzando ad esempio piattaforme aeree (PLE), ponti su ruote o scale a palchetto/castello

32 Parapetti o guardacorpo Carenze riscontrate Parapetti o guardacorpo Carenze riscontrate

33 Parapetti o guardacorpo Carenze riscontrate Parapetti o guardacorpo Corretta realizzazione Un parapetto provvisorio deve possedere i requisiti dimensionali e le caratteristiche di resistenza adeguate per tener conto della particolarità della superficie di lavoro e delle azioni trasmesse dai lavoratori in caso di appoggio, caduta, scivolamento o urto contro di esso Esiste una norma che assicura la sicurezza delle scale dei parapetti provvisori: la UNI EN 13374

34 Parapetti o guardacorpo L importanza della scelta della tipologia corretta Esistono molte tipologie di ancoraggio all edificio (ai bordi delle solette, alle falde di copertura, alle pareti, etc ). E necessaria un accurata analisi delle condizioni di stabilità e resistenza della struttura alla quale deve essere ancorato Parapetti o guardacorpo L importanza della scelta della tipologia corretta

35 Parapetti o guardacorpo L importanza della scelta della tipologia corretta Parapetti o guardacorpo L importanza della scelta della tipologia corretta E considerata equivalente ai parapetti qualsiasi protezione quale muro, balaustra, ringhiera e simili, realizzante condizioni di sicurezza contro la caduta verso i lati aperti, non inferiori a quelle presentate dai parapetti stessi

36 Parapetti o guardacorpo L importanza della scelta della tipologia corretta Parapetti o guardacorpo L importanza della scelta della tipologia corretta Parapetto autoportante

37 Reti di sicurezza La rete di sicurezza è senza dubbio una idonea opera provvisionale se rispondente alla norma UNI EN e correttamente installata Reti di sicurezza Carenze riscontrate E necessario montare le reti di sicurezza utilizzando una piattaforma elevabile, un trabattello o una scala a castello

38 Reti di sicurezza Corretta installazione deve essere installata quanto piùvicino possibile al piano di lavoro (max 2 m) lo spazio sotto la rete sia libero da ostacoli devono essere presenti idonei punti di ancoraggio perimetrali secondo quanto previsto dal fabbricante Reti di sicurezza Corretta installazione Verificare le reti prima dell uso e sottoporle ogni anno a test di laboratorio Corde perimetrali: forza di rottura minima 30 kn Montaggio a regola d arte (in base a EN ) Installare le reti di sicurezza il più possibile vicino all area di lavoro Non avvolgere le funi di sospensione su oggetti taglienti Punti di sospensione I punti di sospensione devono poter sopportare un carico di 6 kn La distanza orizzontale tra le reti e le parti fisse dell edificio non deve superare i 30 cm in qualsiasi punto. Collegamenti della rete Senza collegamento continuo: min. 2 m sovrapposizione Con collegamento continuo: fune di accoppiamento (Ø 8 mm e carico di rottura minimo 7,5 kn) ogni 10 cm /una maglia su due annodata alla corda perimetrale

39 Reti di sicurezza Corretta installazione Fiili di collaudo con anello numerato Targhetta di riconoscimento con piombo Reti di sicurezza Esempi

40 Reti di sicurezza Esempi Sottopalchi di sicurezza l allestimento dell ultimo impalcato deve essere effettuato il più vicino possibile alla copertura se i sottopalchi presentano lati verso il vuoto, con dislivello superiore a 2 m, devono essere provvisti di parapetto normale i sottopalchi di sicurezza sono di norma costituiti da ponteggi metallici, che devono essere montati rispettando le indicazioni del fabbricante degli stessi e senza generare rischi aggiuntivi

41 Sottopalchi di sicurezza Corretta realizzazione Impalcati di sicurezza

42 Impalcati di sicurezza Impalcati di sicurezza

43 Camminamenti e passerelle Camminamenti e passerelle

44 Camminamenti e passerelle Passaggio degli shed Chiusura dei lucernari

45 Chiusura dei lucernari La rete di protezione dei lucernari deve essere accompagnata da un certificato di idoneità tecnica che ne attesti le caratteristiche alla norma UNI Chiusura dei lucernari

46 Piattaforme di lavoro elevabili (PLE) Piattaforme di lavoro elevabili (PLE)

47 Piattaforme di lavoro elevabili (PLE) Piattaforme di lavoro elevabili (PLE) L ARENA del 23/06/2006

48 Perché sono obbligatori imbragatura e casco nell utilizzo delle PLE? L'effetto catapulta è il primo rischio operando su una piattaforma elevatrice Questo può essere dovuto a diversi motivi: guasti impigliamenti vento manovre errate urti cedimenti del terreno Fonte: IPAF Piattaforme di lavoro elevabili Carenze riscontrate Non è consentito l uso di PLE come sistema di accesso in quota

49 Piattaforme di lavoro elevabili Carenze riscontrate Ponti su ruote Carenze riscontrate

50 Ponti su ruote Carenze riscontrate Ponti su ruote a torre (D.Lgs. 81/08 e s.m.i., Art. 140) Il piano di scorrimento delle ruote deve risultare livellato; il carico del ponte sul terreno deve essere opportunamente ripartito

51 Ponti su ruote a torre (D.Lgs. 81/08 e s.m.i., Art. 140) I ponti su ruote devono essere ancorati alla costruzione almeno ogni due piani (3,60 m) (se questo non è possibile aggiungere controventamenti come previsto dal libretto d uso); è ammessa deroga a tale obbligo per i ponti su ruote a torre conformi all ALLEGATO XXIII Riassumendo i contenuti dell allegato: 1)Il ponte su ruote a torre sia costruito conformemente alla Norma Tecnica UNI EN )l altezza del ponte su ruote non superi 12 m se utilizzato all interno e 8 m se utilizzato all esterno Ponti su ruote a torre (D.Lgs. 81/08 e s.m.i., Art. 140) I ponti non devono essere spostati quando su di essi si trovano lavoratori o carichi

52 Ponti su ruote a torre In zona di traffico è necessario sbarrare o segnalare il posto di stazionamento del ponte mobile su ruote Ponti su ruote a torre

53 Ponti su ruote a torre - Pi.M.U.S.? Per ciò che concerne la redazione del Pi.M.U.S. si ritiene sufficiente il semplice riferimento alle istruzioni obbligatorie fornite dal fabbricante, eventualmente completate da informazioni relative alla specifica realizzazione E comunque opportuno definire una specifica procedura che regolamenti il montaggio, l uso e lo smontaggio del trabattello Ponti su ruote a torre - procedura Il mezzo modulo ed altre soluzione esistono: bisogna essere acquirenti consapevoli e accorti

54 Altre attrezzature Altre attrezzature

55 Altre attrezzature Altre attrezzature Dislivello massimo consentito: 2m

56 Altre attrezzature DPI anticaduta: carenze riscontrate Ancoraggio a punti di non idonei

57 DPI anticaduta: carenze riscontrate Sistemi di collegamento con l operatore non idonei DPI anticaduta: carenze riscontrate Imbracatura indossata non correttamente

58 DPI anticaduta: carenze riscontrate DPI anticaduta: carenze riscontrate

59 Obblighi del DDL nell uso di attrezzature per lavori in quota (D.Lgs. 81/08 e s.m.i., Art. 111) Comma 1. Nei lavori in quota qualora non siano state attuate misure di protezione collettiva è necessario che i lavoratori utilizzino idonei sistemi di protezione idonei per l uso specifico composti da diversi elementi, non necessariamente presenti contemporaneamente, conformi alle norme tecniche, quali i seguenti: a) assorbitori di energia b) connettori c) dispositivo di ancoraggio d) cordini e) dispositivi retrattili f) guide o linee vita flessibili g) guide o linee vita rigide h) imbracature Sanzioni per i datori di lavoro e i dirigenti: arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a Obblighi del DDL nell uso di attrezzature per lavori in quota (D.Lgs. 81/08 e s.m.i., Art. 111) Comma 3. Il sistema di protezione deve essere assicurato, direttamente o mediante connettore lungo una guida o linea vita, a parti stabili delle opere fisse o provvisionali Sanzioni per i datori di lavoro e i dirigenti: arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a 2.000

60 Sistema di protezione anticaduta SISTEMA ANTICADUTA COMPOSTO DA 4 ELEMENTI Punto di ancoraggio Elementi di collegamento Collegamenti con l operatore Imbracatura Fissi EN 795 Moschettoni, ganci e pinze EN 362 Cordini fissi EN 354 Assorbitori EN 355 Imbracatura (spallacci e cosciali) EN 361 Mobili EN 795 Formazione / addestramento Scorrevoli (su fune o cavo) EN 353 Regolabili o retrattili EN 360 Cintura di posizionament o EN 358 Sistema di protezione anticaduta Non esiste un sistema anticaduta universale che possa essere utilizzato in tutte le situazioni; è spesso necessario disporre di più elementi collegabili fra loro a formare un sistema idoneo Per i DPI esiste una direttiva di prodotto alla quale far riferimento, la 89/686/CEE, recepita in Italia con il D.Lgs. 475/92. Essi devono pertanto essere marcati CE I DPI anticaduta devono possedere NOTA INFORMATIVA, LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE, ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE CE ed una opportuna etichettatura

61 Analisi dei rischi: effetto pendolo EFFETTO PENDOLO E necessario valutare l effetto pendolo, ovvero: l oscillazione del corpo con la possibilità di urto contro ostacoli di varia natura lo scivolamento della fune contro il bordo ed eventuale urto contro il terreno Analisi dei rischi: effetto pendolo PUNTI DI DEVIAZIONE/RINVIO

62 Analisi dei rischi: tirante d ariad E necessario valutare il posizionamento del punto di ancoraggio tenendo in considerazione i seguenti elementi: lunghezza del cordino (compresi i ganci connettori) lunghezza dell assorbitore di energia esteso distanza tra l attacco dell imbracatura ed i piedi dell operatore (convenzionalmente fissata a 1,50 m) distanza di sicurezza (convenzionalmente fissata a 1,00 m) Analisi dei rischi: sospensione inerte del corpo E clinicamente dimostrato che la sindrome da sospensione può comportare, in brevissimi tempi, (tra 15 e 30 minuti) effetti sulla salute dell individuo, quali problemi cardiovascolari e pressioni sugli organi interni che possono compromettere le funzioni vitali ed addirittura provocare il decesso

63 Misure preventive e protettive contro i rischi correlati ai lavori in quota Sistemi di trattenuta Dispositivi individuali per limitare i movimenti verso una zona di pericolo (Ad es. cintura di trattenuta e cordino a lunghezza fissa) Tiene la persona lontana dai punti con pericolo di caduta Sistemi di arresto caduta Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall alto (Ad es. imbracatura anticaduta con assorbitore di energia/dispositivo anticaduta di tipo retrattile/dispositivo anticaduta di tipo guidato) Arresta la caduta della persona limitando la forza di arresto Sistemi di trattenuta I sistemi di trattenuta limitano il movimento orizzontale del lavoratore dal punto di ancoraggio, così che non è possibile raggiungere una posizione con rischio di caduta Questi sistemi devono essere impiegati quando il movimento è previsto su di una superficie orizzontale o per un pendio non eccedente i 15

64 Sistemi di arresto caduta Forza di impatto in funzione dell altezza di caduta Considerato che 600 dan (circa 600 Kg) è ritenuta la massima forza d arresto cui può essere sottoposta una persona senza riportare danni(uni EN 363 -Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall alto - SISTEMI DI ARRESTO CADUTA): è necessario utilizzare un assorbitore di energia Utilizzo del cordino doppio Nel caso in cui i dispositivi di ancoraggio intermedi delle linee vita non consentano l attraversamento del punto di ancoraggio mobile oppure sia necessario spostarsi da una linea vita ad un altra, occorre integrare il sistema di ancoraggio del dispositivo anticaduta utilizzando o due singoli cordini collegati a due punti di ancoraggio mobili o un dispositivo di attacco che utilizza due punti di ancoraggio mobile

65 Dispositivo anticaduta di tipo retrattile Un dispositivo anticaduta retrattile è un dispositivo dotato di funzione autobloccante e di sistema automatico di tensione e ritorno del cordino, ovvero del cordino retrattile Nel dispositivo stesso o nel cordino retrattile può essere incorporato un elemento di dissipazione di energia Dispositivo anticaduta di tipo retrattile Questi dispositivi sono normalmente progettati per essere posizionati sopra l operatore, entrando in funzione per spostamenti verticali del cordino retrattile (non entrano in funzione per spostamenti orizzontali!!!) Inoltre solitamente l'utilizzatore ha un raggio d'azione, in un cono figurato, contenuto in un angolo di 30 dalla sommità; lo spostamento laterale deve essere contenuto entro 3 m dall'asse verticale LEGGERE ATTENTAMENTE IL MANUALE D USO!!!

66 Dispositivi anticaduta su guida flessibile Dispositivi anticaduta su guida flessibile

67 Scelta del dispositivo di ancoraggio in funzione delle necessità operative Gli ancoraggi devono essere posizionati compatibilmente con la necessità di spostamento richiesto dall attività, in maniera da realizzare la minima altezza di caduta libera La valutazione della resistenza della struttura deve essere affrontata da tecnico competente considerando che: la scelta del tipo di ancoraggio e del suo posizionamento dipende dalla natura dell attività e dalle strutture che dovranno ospitare l ancoraggio la resistenza minima della struttura a cui fissare l ancoraggio è rilevabile dal manuale di istruzione fornito dal fabbricante dell ancoraggio stesso Dispositivi di ancoraggio La UNI EN 795 classifica i dispositivi di ancoraggio in 5 classi: Classe A : ancoraggio strutturale fisso Classe B : ancoraggio provvisorio portatile Classe C : linea di ancoraggio flessibile orizzontale Classe D : linea di ancoraggio rigida orizzontale Classe E : ancoraggio a corpo morto per superficie orizzontale

68 Classe A Comprende gli ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a superfici verticali, orizzontali ed inclinate, per esempio pareti, colonne, architravi (classe A1) o a tetti inclinati (classe A2) Classe A

69 Classe B Comprende dispositivi di ancoraggio provvisori portatili Classe B

70 Classe B Classe B

71 Classe B Classe B

72 Classe C Dispositivi di ancoraggio con linee di ancoraggio flessibili orizzontali Classe C: le modalità di installazione devono essere attentamente considerate

73 Classe C: le modalità di installazione devono essere attentamente considerate Classe C: sistemi temporanei

74 Classe C: sistemi temporanei Linee vita provvisorie Classe D Comprende dispositivi di ancoraggio che utilizzano rotaie di ancoraggio rigide orizzontali

75 Classe E Comprende ancoraggi a corpo morto da utilizzare su superfici orizzontali (una superficie si intende orizzontale se devia dall orizzontale per non più di 5 ) I dispositivi di ancoraggio a corpo morto non devono essere utilizzati dove la distanza dal bordo del tetto sia minore di 2500 mm e in presenza di rischio di gelo Classe E

76 Classe E SERBATOIO RIEMPITO CON ACQUA Manutenzione dei DPI anticaduta va effettuata secondo le indicazioni del costruttore riportate sul Libretto di uso e manutenzione che accompagna il DPI in ogni caso devono essere verificati almeno una volta l anno da personale competente ed autorizzato(a partire dalla data di messa in servizio) ogni volta che i dispositivi (e i punti di ancoraggio) intervengono per trattenere una caduta devono essere sostituiti o revisionati (se la loro progettazione lo prevede) i DPI anticaduta hanno durata definita dal costruttore, dopo la quale anche se non utilizzati devono essere sostituiti LA MANUTENZIONE È BENE CHE VENGA REGISTRATA SU IDONEA MODULISTICA E DEVE RISULTARE DISPONIBILE PER LA CONSULTAZIONE ED IL CONTROLLO

77 Obblighi del DDL nell uso di attrezzature per lavori in quota (D.Lgs.81/08 e s.m.i., Art. 111) Il datore di lavoro dispone affinché sia vietato assumere e somministrare bevande alcoliche e superalcoliche ai lavoratori addetti ai cantieri temporanei e mobili e ai lavori in quota Sanzioni per i datori di lavoro e i dirigenti: arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a GRAZIE A TUTTI PER LA CORTESE ATTENZIONE ing. PASTA NICOLA Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASL della Provincia di Bergamo Sede di Bergamo -Via Borgo Palazzo, n. 130 Tel

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione.

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Convegno Nazionale Professione Geometra: esperto in sicurezza 9 novembre 2012 La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Dott. Michele MONTRANO LAVORI IN QUOTA Lavoro in quota: attività

Dettagli

I dispositivi di protezione ed il TU

I dispositivi di protezione ed il TU Seminario La sicurezza nel cantiere edile alla luce del DLgs 81/08 I dispositivi di protezione ed il TU Luca Rossi Bari, 24 aprile 2009 Sala Convegni Confindustria Programma Introduzione Definizioni Metodologia

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA INTRODUZIONE Nelle costruzioni vengono utilizzate

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI Normativa nazionale D.L. del 9 aprile 2008 n 81 (TESTO UNICO) D.L. del 03. agosto 2009 n 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 09. aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005 Al Comune di PRATO Servizio Gestione attività edilizia Via Arcivescovo Martini n. 60 59100 PRATO ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto

Prevenzione delle cadute dall alto approfondimenti s Prevenzione delle cadute dall alto Relatore: p.i. Paolo Casali, formatore erogatore EQF 5 Padova 12 novembre 2015 Evoluzione ed approfondimenti su normative e revisioni sommario Presentazione

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 10.11.2014 n.65, art. 141 c. 13, 14 e 15 D.P.G.R. del 18.12.2013 n 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: nome Cognome Residente/con

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA I Lavori in Quota Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta Rischio cadute dall alto Normative Nazionali e Regionali (su

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA CINTURE DI POSIZIONAMENTO Pag. 37 IMBRAGATURA ANTICADUTA Pag. 38 CORDINO DI ANCORAGGIO E ACCESSORI Pag. 323 ASSORBITORI DI ENERGIA E ANTICADUTA Pag. 324 FUNE ANTICADUTA Pag.

Dettagli

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura L Ordine degli Ingegnere della Provincia di ROMA presenta il Seminario Tecnico: Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura Relatore Geom Giampiero Morandi In collaborazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso, il transito e l esecuzione dei

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza Seminario Tecnico Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza 27 febbraio 2014 Confindustria Marche Sala Tacconi Via Filonzi 11 Ancona In collaborazione con: 2 Seminario Tecnico Le cadute dall'alto:

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA LA COMMITTENZA IL TECNICO PROGETTISTI ASSOCIATI ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA PROGETTO Corso della Vittoria 36-37045 - Legnago (VR) Tel. +39.0442.600726 - Fax +39.0442.626682 proass@progettistiassociati1.191.it

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160)

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA N 8 SEZIONI -

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 la figura del

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI Dispositivi NON permanenti PROVVISORI PIATTAFORME AEREE: dispositivo per il lavoro in quota efficace e di immediato impiego, non richiede attività preparatoria a terra o sulla facciata (a parte la delimitazione

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Parte 2/2 PONTEGGI ED OPERE PROVVISIONALI Criticità, buone prassi ed esempi applicativi alla luce del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. Le norme per la prevenzione

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDA UNICA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura composta da una falda a

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Rischi, sospensione inerte, classificazione DPI, ecc. Imbracature, sistemi di posizionamento, connettori, cordini, ecc.

Rischi, sospensione inerte, classificazione DPI, ecc. Imbracature, sistemi di posizionamento, connettori, cordini, ecc. Obiettivi del corso Conoscere i DPI ed i sistemi anticaduta: 1. Normativa D.Lgs. 81/08, ecc. 2. Generalità Rischi, sospensione inerte, classificazione DPI, ecc. 3. Elementi di un sistema Imbracature, sistemi

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

IO NON CI ASCO. terza edizione

IO NON CI ASCO. terza edizione IO NON CI ASCO terza edizione IO NON CI CASCO Manuale operativo per chi lavora in altezza Terza edizione Regione Veneto-Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Dipartimento di Prevenzione - Servizio Prevenzione

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni 1/35 Criteri di Progettazione Il corretto approccio alla progettazione di una copertura sicura èfinalizzato all eliminazione e/o riduzione

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA I DPI presentati dalla SOCIM SpA su questo catalogo sono in grado, se utilizzati correttamente, di risolvere la totalità dei problemi derivanti dai lavori in zone pericolose a grande altezza, entro cavità,

Dettagli

IO NON CI ASCO. terza edizione

IO NON CI ASCO. terza edizione IO NON CI ASCO terza edizione IO NON CI CASCO Manuale operativo per chi lavora in altezza Terza edizione Regione Veneto-Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Dipartimento di Prevenzione - Servizio Prevenzione

Dettagli

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota Seminario: Lavori su coperture: problematiche, approfondimenti, soluzioni ed indirizzi La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota A cura di: ing. Giuseppe SEMERARO OBIETTIVI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO Sede Legale: Via Nissolina, 2-25043 - Breno (BS) - Tel. 0364/329.1 - Fax 0364/329310 www.aslvallecamonicasebino.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA REGIONE VENETO Delibera della Giunta Regionale n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso,

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Come intervenire in sicurezza Infortuni mortali in Regione Lombardia per caduta dall alto (24% totale inf. mortali) Periodo

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO PONTEGGI NON A NORMA Ponteggio su tettoia 2 Totale assenza di parapetti e impalcati incompleti Ponteggio su tettoia 3 Basi di appoggio instabili Rischio di crollo dell

Dettagli

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMUNE DI PIANCASTAGNAIO MANUTENZIONE STRAORDIANRIA DELL EDIFICIO DENOMINATO RIPARAZIONE LOCOMOTORI/SILOS ALL INTERNO DELLA EX. MINIERA DI MERCURIO DEL SIELE COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMMITTENTE COMUNE

Dettagli

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM)

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) OGGETTO: Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili. Progettazione preliminare di un

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli