UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI"

Transcript

1 UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI **************** ESEMPIO DELL IMPIEGO DI VETRO ADDIZIONATO AD UN FELDSPATO SODICO-POTASSICO (GS6) IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Claudia Carbonchi, Paolo Danasino: Sasil S.p.A. **************** Riassunto La ricerca presentata riguarda la fase di industrializzazione relativa all impiego del Feldspato GS6 addizionato di Vetro in un impasto da grès porcellanato smaltato. Il Feldspato ZI-GS6 si ottiene dalla miscelazione controllata di Vetro sodico-calcico con il Feldspato sodico-potassico GS6 proveniente dal giacimento ubicato nella Concessione Mineraria Cacciano della Minerali Industriali S.p.A. Le verifiche effettuate sia a scala di laboratorio che industriale hanno dato una valida testimonianza di come questa miscela di Vetro e Feldspato possa essere introdotta in impasti da grès porcellanato in virtù del grado di fusibilità, della contenuta percentuale in elementi cromofori, della macinabilità e della costanza qualitativa garantita dai continui controlli effettuati presso i nostri laboratori. **************** 1. Introduzione Lo studio qui esposto rappresenta la concretizzazione a livello industriale del progetto di ricerca avviato da alcuni anni dal nostro gruppo. In passato sono state da noi redatte altre relazioni che descrivono l impiego a scala di laboratorio di Feldspati addizionati con Vetro in un impasto da grès porcellanato [1]. I risultati estremamente positivi di questa ricerca hanno permesso di introdurre il Feldspato GS6 addizionato con Vetro presso gli impasti ceramici di aziende dei Comprensori di Sassuolo ed Imola, in sostituzione di fondenti tradizionali. Avvalendoci della preziosa collaborazione di un nostro cliente del Comprensorio ceramico, siamo in grado di esporre i risultati ottenuti introducendo il Feldspato sodico-potassico GS6 addizionato con Vetro in un ciclo industriale di produzione di grès porcellanato smaltato. 2. Feldspato sodico-potassico addizionato con Vetro: ZI-GS6 Il Feldspato ZI-GS6, impiegato nella produzione industriale oggetto della presente relazione, viene ottenuto dalla miscelazione di Vetro sodico-calcico (Ceramic Sand) [1-3] al Feldspato GS6. Il Vetro impiegato è di tipo sodico-calcico [4] ed ha l analisi chimica riportata nella tabella I. I lotti di Vetro vengono analizzati così come viene fatto normalmente per tutte le altre materie prime naturali trattate presso i nostri impianti. Le campionature fatte sui lotti di produzione di Vetro dimostrano che la composizione del vetro è molto costante, con scostamenti minimi degli ossidi rispetto al valore medio. Il Vetro prima di essere miscelato con il Feldspato GS6 viene sottoposto a trattamenti atti a renderlo idoneo per un utilizzo in ceramica. 1

2 Ossidi Media (%) Variabilità SiO ± 1. Al 2 O ±.2 Fe 2 O 3.35 ±.3 TiO 2.6 CaO 9.5 ±.3 MgO 2. ±.2 Na 2 O 12.7 ±.5 K 2 O.95 Tab. I: analisi chimica del vetro. Accanto ai valori medi sono espressi i campi di variabilità. Fanno eccezione TiO2 e K2O per i quali non sono state evidenziate variazioni apprezzabili. Il giacimento di provenienza del Feldspato GS6 si trova nella concessione mineraria Cacciano della Minerali Industriali S.p.A., nei territori di Masserano e di Curino, entrambi in provincia di Biella. Il materiale di origine su cui viene effettuato il trattamento minerario, è un leucogranito alterato costituito da Feldspato potassico, Feldspato sodico, Quarzo e secondariamente da minerali fillosilicatici di tipo illitico-caolinitico. Il tout-venant in alimentazione all impianto viene sottoposto a frantumazione, macinazione, vagliatura ed essiccazione; segue poi una vagliatura di controllo e la separazione magnetica, necessaria per eliminare i minerali femici (prevalentemente biotite) contenenti ossido di ferro. Dopo opportuni controlli per la verifica della conformità del prodotto con le specifiche tecniche, il Feldspato GS6 (tabella II) viene miscelato con il Vetro, nelle proporzioni richieste. La miscela denominata ZI-GS6 (tabella II), che è l oggetto di questo studio, rappresenta la versione con la maggiore percentuale in Vetro (3%) finora da noi realizzata. La miscelazione tra Vetro e Feldspato avviene con procedimenti tali da garantire l omogeneizzazione e la costanza del prodotto finale. Feldspato GS6 Feldspato ZI-GS6 Ossidi % % SiO 2 78,9 77, Al 2 O 3 12, 8,9 Fe 2 O 3,35,35 TiO 2,2,3 CaO,15 3, MgO,5,65 Na 2 O 3,4 6,2 K 2 O 4,7 3,6 L.o.I. (11 C),35,25 Fasi minerali % % Quarzo Feldspato sodico 3 21 Feldspato potassico 28 2 Altro 3 32 Tabella II: analisi chimica, granulometrica e mineralogica dei feldspati GS6 e ZI-GS6. 2

3 L aggiunta del Vetro al Feldspato GS6 comporta un consistente incremento di: Na 2 O, che quasi raddoppia, MgO, che passa da,5% a,65%, CaO, che da,15% arriva fino a 3,%. Al 2 O 3, K 2 O e la perdita al fuoco invece diminuiscono: il Vetro infatti è carente di Al 2 O 3 e K 2 O e non ha perdita al fuoco. Composizione chimica % ossidi Tout-venant GS6 Al2O3 Fe2O3 Na2O K2O P.F.(11 C) Ossidi Figura 1: Risultati del trattamento minerario eseguito sul tout-venant per ottenere il Feldspato GS6. 3. Composizione chimica e mineralogica degli impasti Come anticipato nella parte introduttiva, questo studio consiste nella esposizione dei risultati ottenuti in seguito all inserimento del Feldspato ZI-GS6 in una produzione industriale di grès porcellanato smaltato presso una ceramica del Comprensorio di Sassuolo. L impasto di Riferimento (senza ZI-GS6 e quindi senza vetro) è costituito da materie prime che rientrano nello standard produttivo ceramico: un mix di argille, feldspati sodici e sabbie nazionali che garantiscono l apporto di quarzo e potassio. Lo ZI-GS6 è stato inserito in impasto in sostituzione completa della parte feldspatica, che rappresenta circa il 3% della formulazione. Di seguito nella tabella III sono riportate sia l analisi chimica che l analisi mineralogica dell impasto di riferimento e dell impasto con il Feldspato ZI-GS6 (impasto denominato ). L analisi chimica è stata ottenuta mediante XRF degli atomizzati della produzione industriale, mentre l'analisi mineralogica è stata invece ottenuta combinando l analisi chimica con la descrizione mineralogica delle singole materie prime costituenti gli impasti. L introduzione del Feldspato ZI-GS6 in sostituzione del Feldspato sodico ha comportato, come prevedibile, alcune variazioni di chimismo e ovviamente di mineralogia rispetto all impasto di riferimento (tabella III). 3

4 Riferimento Ossidi % % SiO 2 69,95 7,35 Al 2 O 3 18, 17,3 Fe 2 O 3,76,74 TiO 2,6,54 CaO 1,7 1,4 MgO,57,34 Na 2 O 3,86 3,67 K 2 O 2,9 2,46 L.o.I. (11 C) 3,3 3,1 Na 2 O/K 2 O 1,85 1,49 Na 2 O + K 2 O 5,95 6,13 Fe 2 O 3 + TiO 2 1,36 1,28 SiO 2 /Al 2 O 3 3,89 4,7 Fasi mineralogiche % % Quarzo Minerali fillosilicatici K-Feldspato 8 12 Na-Feldspato Plagioclasio 17 8 Vetro 6 Altro 3 3 Tabella III: analisi chimica e mineralogica dei due impasti. Nell impasto di prova si evidenzia un incremento del Feldspato potassico (dall 8% al 12%) proveniente dal GS6; il rapporto tra Na 2 O e K 2 O infatti passa da 1,85 a 1,49. La somma di questi due ossidi aumenta nell impasto di prova, ma non possiamo dire la stessa cosa per quanto concerne la corrispondente quota feldspatica: nell impasto di riferimento infatti, la fase feldspatica raggiunge complessivamente il 42% mentre nella prova scende al 34%. L incremento degli ossidi è quindi motivato essenzialmente dal contributo della Vetro, come abbiamo anticipato nei paragrafi introduttivi, è caratterizzata anche da un elevata percentuale di Na 2 O (12,7%). Il Vetro dello ZI-GS6 comporta anche un incremento del CaO ed una riduzione della perdita al fuoco. La mineralogia ci indica anche un modesto incremento di quarzo che passa dal 27% del riferimento al 31% della prova; le stesse considerazioni nascono osservando la variazione del rapporto tra SiO 2 e Al 2 O 3. L impasto di prova ha un tenore di cromofori leggermente inferiore a quello che porta l impasto di riferimento. 4. Metodologie di prova ed analisi eseguite L atomizzazione degli impasti è stata ottenuta rispettando le seguenti fasi: Macinazione a umido in mulino continuo con 35% di acqua e,35% di fluidificante (percentuale riferita al secco); Scarico della barbottina con densità compresa tra 175 e 1715 g/l; Setacciatura della barbottina a maglie/cm 2 ; Atomizzazione con atomizzatore da 15 t/h e umidità di atomizzazione pari al 6,5%. 4

5 Le piastrelle sono state poi pressate a 38 kg/cm 2, essiccate in essiccatoio verticale a 15 C con ciclo di 1h e 3 e cotte in forno industriale con cicli di cottura di 47 minuti alla temperatura massima di 119 C. Sulle piastrelle cotte è stata eseguita la seguente serie di analisi: ritiro lineare (micrometro di precisione), assorbimento d acqua (imbibizione sotto vuoto), resistenza meccanica alla flessione sia in essiccato che in cotto; composizione di fase dei cotti tramite XRPD con interpretazione quantitativa con metodo Rietveld; coefficiente di dilatazione termica lineare (dilatometro Netzsch modello 42 EP e gradiente di salita pari a 1 C/min). Sugli atomizzati sono state condotte le seguenti analisi: XRF (di cui abbiamo anticipato i valori in tabella); distribuzione granulometrica con granulometro laser delle barbottine ottenute sciogliendo gli atomizzati in acqua; distribuzione granulometrica per vibrosetacciatura degli atomizzati; umidità degli atomizzati; studio del comportamento in cottura sia tramite curva di greificazione tra 116 C e 122 C con ciclo di 43 in forno a rulli da laboratorio, sia tramite analisi al microscopio riscaldante con grandiente di salita di 4 C/min e temperatura massima di 132 C. Sono state anche condotte delle prove di viscosità per definire eventuali differenze di reologia tra gli impasti. Le prove sono state effettuate sui due impasti preparati in laboratorio e ai quali sono state aggiunte percentuali di fluidificante crescenti (riferite alla quantità di materiale secco). La viscosità è stata determinata in Coppa Ford a foro di 4 mm, come tempo di scorrimento delle barbottine (a densità di g/l mediamente), subito dopo la macinazione e dopo 1h, 12h e 24h di riposo. Per determinare le differenze di reologia, gli impasti sono stati preparati secondo la seguente procedura: macinazione a umido della miscela delle materie prime in giarretta per 3 con il 32% di acqua e residuo medio a 63 micron di 1,3%; verifica delle densità delle barbottine e del residuo a 63 micron; scarico delle barbottine in Coppa Ford e verifica dei tempi di scorrimento. Risultati ottenuti 5. Reologia degli impasti Il tempo di scorrimento rilevato per i due tipi di impasto (tabella IV), in funzione del tempo di riposo della barbottina e della percentuale di fluidificante impiegata, dimostra che l impasto di prova mantiene sempre una viscosità inferiore a quella del riferimento. Le differenze sono ancora più rilevanti a,35% e,45% di fluidificante, mentre si attenuano per valori di fluidificante superiori. E ipotizzabile che tale comportamento sia imputabile alla minor quota di minerali fillosilicatici della barbottina dell impasto di prova rispetto a quella presente nel riferimento. 5

6 Fluidificante Residuo Tempo Tempo 1h Tempo 12h Tempo 24h Impasti (%) 63 µm D TS D TS D TS D TS (%) (g/l) (s) (g/l) (s) (g/l) (s) (g/l) (s) Riferimento 1, n.d n.d n.d n.d.,35 1, Riferimento 1, ,45 1, Riferimento 1, ,55 1, Riferimento 1, ,65 1, Riferimento 1, ,75 1, Tabella IV: tempi di scorrimento (TS) delle barbottine dei due impasti in funzione della percentuale di fluidificante impiegata e del tempo di riposo cui sono state sottoposte. Riferimento Viscosità a tempo Tempo (s) scorrimento 3 2 1,35,45,55,65,75 % Fluidificante Riferimento Viscosità dopo 1 ORA Tempo (s) scorrimento 6 4 2,35,45,55,65,75 % Fluidificante 6

7 Riferimento Viscosità dopo 12 ORE Tempo (s) scorrimento 6 4 2,35,45,55,65,75 % Fluidificante Riferimento Viscosità dopo 24 ORE Tempo (s) scorrimento ,35,45,55,65,75 % Fluidificante Figure 2, 3, 4 e 5: viscosità espressa come tempo di scorrimento delle barbettine, in funzione del tempo di riposo e della percentuale di fluidificante impiegata. 6. Comportamento in macinazione Abbiamo voluto comparare le curve granulometriche dei due atomizzati per verificare se l impiego del Feldspato ZI-GS6 comporta una variazione nel grado di macinabilità dell impasto. In tabella V sono riportati i dati ottenuti con granulometro laser dagli atomizzati disciolti in acqua. Entrambe le curve granulometriche sono confinate all intervallo compreso tra 51 micron e 25 micron e non mostrano differenze apprezzabili tra l impasto di riferimento e la prova. 7

8 RIFERIMENTO PROVA Dimensione (µm) Volume (%) >,51 1, 1, > 1 43,34 44,7 > 2 27,36 28,24 > 3 17,85 18,81 > 4 11,71 12,28 > 5 7,72 8,11 > 6 5,16 5,4 > 7 3,54 3,67 > 8 2,52 2,57 > 9 1,88 1,87 > 1 1,47 1,42 > 15,67,57 > 2,32,26 > 25,1,8 Tabella V: analisi granulometrica con granulometro laser dei due atomizzati disciolti in acqua. L analisi granulometrica per vibrosetacciatura descrive la curva granulometrica dei granuli di atomizzato di entrambi gli impasti. I risultati anche in tal caso sono abbastanza simili come espresso nella tabella di seguito riportata. RIFERIMENTO PROVA Classe (mm) Peso (%) >,8 2,7 3,6,8,6 5,7 6,4,6,5 14,4 13,7,5,425 14, 12,9,425,355 21,8 21,,355,212 27,1 27,9,212,15 8, 7,4,15,125 1,5 1,7,125,75 3, 2,8,75,63,6,8 <,63 1,3 1,8 Tabella VI: analisi granulometrica per vibrosetacciatura dei due atomizzati. Volume del residuo (%) Analisi granulometrica laser Riferimento, Diametro (micron) Figura 6: confronto tra le curve granulometriche cumulative dei due atomizzati disciolti in acqua. 8

9 7. Risultati delle prove di cottura Alla normale cottura in forno industriale delle piastrelle dei due tipi di atomizzato, è stato abbinato anche lo studio delle relative curve di greificazione, fatte sui provini degli atomizzati pressati a 4 kg/cm 2 in laboratorio e cotti in forno a rulli di laboratorio a temperature comprese tra 116 C e 122 C con ciclo di 43 minuti (tabella VII). L umidità di pressatura dei due atomizzati era pari a 6,2% per il riferimento e 6,5% per la prova. Le due curve di greificazione sono molto simili tra loro per valori di assorbimento d acqua e ritiro lineare alle diverse temperature massime di cottura ed anche per la forma : si può tranquillamente affermare che l ampiezza del pallier di cottura si mantiene circa la stessa passando dal riferimento all impasto con il Feldspato ZI-GS6. Sia l impasto di riferimento che quello di prova raggiungono la minor porosità aperta nell intervallo compreso tra i 12 C e i 121 C, per poi cominciare la fase di espansione a partire dai 121 C, comprovata anche da un aumento considerevole dell assorbimento d acqua e diminuzione del ritiro lineare a 122 C. T C massima Ciclo di cottura RIFERIMENTO PROVA AA (%) RL (%) AA (%) RL (%) ,2 5,69 2,34 5, ,95 5,98,73 5, ,36 6,21,29 6, ,8 6,34,12 6, ,3 6,43,5 6, , 6,6, 6, ,32 6,34 1,18 6,25 Tabella VII: risultati di assorbimento d acqua e ritiro lineare dei provini cotti a temperature comprese tra 116 C e 122 C. Curve di greificazione AA (%) 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1,, Riferimento AA Riferimento RL AA RL T C massima di cottura 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1,, RL (%) Figura 7: curve di greificazione dei due atomizzati nell intervallo di cottura tra 116 C e 122 C. Un analoga considerazione si può dedurre da quanto risulta al microscopio riscaldante: il grafico dimostra che l impasto con lo ZI-GS6 comincia la greificazione a partire dai 95 C, mentre il 9

10 riferimento ritarda appena la greificazione a 917 C; la massima sinterizzazione è raggiunta dall impasto di riferimento a 124 C e dall impasto di prova a 129 C. Le piastrelle cotte in forno industriale sono abbastanza in linea coi dati ottenuti a scala di laboratorio. Come riportato in tabella VII infatti, l assorbimento d acqua del riferimento si attesta sullo,9%, mentre la prova è pari a,11%; il ritiro lineare è abbastanza simile, 7,25% per il riferimento e 7,3% della prova. Il coefficiente dilatometrico (tabella VII) ottenuto sulle piastrelle cotte ha evidenziato per il riferimento un valore pari a 76,3 1-7 C -1 mentre per la prova 77,1 1-7 C -1 ; una differenza minima coerente con la bassa differenza di porosità aperta dei due tipi di impasto a 119 C. I valori di carico di rottura (tabella VII) in essiccato sono 23,9 kg/cm 2 per il riferimento ed 25 kg/cm 2 per la prova; anche per i valori di carico di rottura delle piastrelle cotte non si sono notate differenze apprezzabili, infatti a fronte di un valore pari a 481,6 kg/cm 2 del riferimento, le piastrelle ottenute dall impasto di prova fanno registrare un valore pari a 48,1 kg/cm 2. RIFERIMENTO PROVA AA (%) RL (%) AA (%) RL (%),9 7,25,11 7,3 [α] C -1 76,3 77,1 C.d.R. (kg/cm 2 ) in essiccato 23,9 25, C.d.R. (kg/cm 2 ) in cotto 481,6 48,1 Tabella VIII: dati ottenuti in fase industriale; il carico di rottura è stato determinato sulle piastrelle essiccate e sulle piastrelle cotte in forno industriale con ciclo di 47 e temperatura massima di 119 C. Il coefficiente dilatometrico si riferisce ai cotti. La composizione di fase dei cotti ottenuta tramite XRPD e relativa interpretazione quantitativa a mezzo metodo Rietvield (tabella VIII) non ha indicato rilevanti differenze tra i due impasti. La quota di quarzo rimane a 2,3 2,4% per entrambi, mentre una differenza si nota per la quota di Vetro che nel riferimento è pari al 63% contro il 64% della prova. Una differenza di quasi pari entità si registra per la mullite che nel riferimento raggiunge un massimo del 6,7% mentre nella prova arriva al 6,1%. In tutti i casi i due impasti hanno evidenziato un comportamento molto simile sia in fase di cottura che in crudo. RIFERIMENTO PROVA Fase minerale % % Quarzo 2,3 2,4 Cristobalite,2,2 Mullite 6,4 5,7 Albite-Plagioclasio 9,6 9,3 Sanidino,4,4 Vetro 63, 64, Tabella IX: Composizione di fase dei cotti ottenuti dalla produzione industriale. 8. Conclusioni In questo studio abbiamo presentato i risultati ottenuti dall impiego del Vetro in miscela con il Feldspato sodico-potassico GS6 in una produzione industriale di grès porcellanato presso una ceramica del Comprensorio di Sassuolo. Prima di riassumere brevemente i dati ottenuti è bene però citare, alcuni problemi che sono emersi durante la ricerca di laboratorio e durante le applicazioni industriali, problemi che sono stati poi risolti intervenendo sul ciclo di trattamento del rottame di vetro. 1

11 1. Inizialmente la fornitura di prodotti addizioni di Vetro è stata effettuata in aziende che macinano con mulini discontinui, fornendo Vetro trattato esclusivamente a secco. Si sono avuti problemi per gli abbondanti residui di carta e plastica sui vagli di controllo all uscita dei mulini. Si è così passati al trattamento ad umido del Vetro, risolvendo così il problema. 2. In seguito, con l avviamento delle forniture ad aziende che macinano con mulini continui la presenza di residui di carta e colla formavano sui vagli di controllo uno strato che intasava il vaglio stesso. In seguito anche questo problema è stato risolto con lavaggi più energici. Possiamo affermare che al momento attuale non sono stati evidenziati da parte dei numerosi utilizzatori particolari problemi, per cui in futuro questo impiego del Vetro potrebbe trovare degli sviluppi interessanti nel settore ceramico. Il Feldspato ZI-GS6 è il risultato della miscelazione del Feldspato sodico-potassico GS6 della Minerali Industriali di Cacciano di Masserano (BI) con Vetro sodico-calcico. In seguito ai risultati ottenuti dalle numerose verifiche e prove eseguite sulle barbottine, sugli atomizzati e sui prodotti cotti dell impasto di riferimento e di quello con lo ZI-GS6 è stato possibile arrivare alle seguenti conclusioni: la viscosità della barbottina contenente ZI-GS6 è inferiore a quella del riferimento sia subito dopo la macinazione che dopo 1h, 12h e 24h di riposo della barbottina e questo anche variando la percentuale di fluidificante; i due impasti hanno un simile gradi di macinabilità come evidenziano le curve granulometriche al laser dei due atomizzati; le prove di cottura hanno mostrato un comportamento analogo nell intervallo tra 116 C e 122 C; confermano una similitudine di comportamento anche i risultati ottenuti dall analisi dilatometrica delle piastrelle cotte in forno industriale e i carichi di rottura sia in essiccato che in cotto. Il presente studio ha quindi confermato che l addizione controllata di Vetro sodico-calcico al Feldspato GS6 consente di ottenere un prodotto idoneo per gli impasti di grès porcellanato. 9. Bibliografia [1] C. Carbonchi, P. Danasino, R. Lorici, R. Riveriti, E. Castelli, Impiego di fondenti additivati con Vetro in un impasto da gres porcellanato, Ceramica Informazione, 426 (Luglio-Agosto 23), [2] L. Esposito, A. Tucci, C. Palmonari, Use of soda-lime glass as the fluxing agent in a porcelain stoneware tile mix, Euromat, 187 (21). [3] F. Matteucci, M. Dondi, G. Guarini, Effect of soda-lime glass on sintering and technological properties of porcelain stoneware tiles, Ceramics International, 28 (22) [4] G. Scarinci, T. Toninato e B. Locardi, Vetri, Casa Editrice Ambrosiana (1977). 11

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Relatori: C. Carbonchi, P. Danasino, R. Riveriti Una giornata su Le materie prime di qualità per piastrelle

Dettagli

Impiego di fondenti additivati con vetro in un impasto da gres porcellanato

Impiego di fondenti additivati con vetro in un impasto da gres porcellanato 580 C. Carbonchi, Gruppo Minerali. Relazione presentata alla giornata di studio su Le materie prime e controlli di laboratorio e di processo per una produzione di piastrelle di qualità organizzata dal

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

S. Di Primio. Confindustria Ceramica 13 Febbraio 2014

S. Di Primio. Confindustria Ceramica 13 Febbraio 2014 MINERALI INDUSTRIALI Qualificazione tecnica ed ottimizzazione dei costi degli impasti ceramici nazionali per porcellanato tecnico e smaltato : i prodotti dei giacimenti della Minerali Industriali S. Di

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO.

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. COTTURE CERAMICHE COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. CONFERIMENTO DI PARAMETRI TECNICI,

Dettagli

LEAD-COLOURED LEAD-FREE

LEAD-COLOURED LEAD-FREE PROGETTO LIFE09 ENV/IT/000427 Replacement of toxic lead compounds by new non-toxic substitutes as brilliant aid agent in polychromatic glazes LEAD-COLOURED LEAD-FREE FINAL REPORT Coordinating beneficiary:

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE Sostituzione di materiali tossici in piombo con nuovi materiali alternativi non tossici come agenti brillanti di sostegno in vernice policromatica INTRODUZIONE

Dettagli

Relatore Dr. Stefano Di Primio Convegno Assopiastrelle, Sassuolo 19 Febbraio 2009

Relatore Dr. Stefano Di Primio Convegno Assopiastrelle, Sassuolo 19 Febbraio 2009 GRUPPO MINERALI MAFFEI: "Sviluppi tecnologici degli impasti per gres porcellanato smaltato e tecnico: la nuova gamma di feldspati ed argille nazionali del Gruppo Minerali Maffei" Relatore Dr. Stefano Di

Dettagli

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici I trattamenti termici e la sinterizzazione Aria e fuoco Dopo la creazione dell oggetto con terra e acqua intervengono aria (essiccamento)

Dettagli

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI LEGANTI LEGANTI Testo: M. Lucco Borlera e C. Brisi Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Levrotto & Bella - Torino http://bioslab.unile.it/courses.html LEGANTI: Riferimenti Si definiscono cementanti

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI

IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI Progettazione Montaggio Avviamento Soluzioni chiavi in mano Estrazione e trattamento minerario Dalla miniera al prodotto finito: 100 anni di esperienza

Dettagli

OMA. 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche chimiche

OMA. 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche chimiche OMA Legante a base di calce idraulica naturale per la preparazione di malte per il restauro e consolidamento di intonaci storici 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO, CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

NO VETRO. Progetto di ricerca sugli scarti vetrosi denominato

NO VETRO. Progetto di ricerca sugli scarti vetrosi denominato Interventi di processo e di prodotto per aumentare la quota di recupero sia di scarti vetrosi non destinabili alla vetreria che di rottame pronto la forno Dr. Ing. Rosa Taurino email:rosa.taurino@unimore.it

Dettagli

MULINO PENDOLARE MOLOMAX

MULINO PENDOLARE MOLOMAX MULINO PENDOLARE MOLOMAX Web: http://www.manfredinieschianchi.com - Email: sales@ms-plants.it 1/13 I Mulini Pendolari MOLOMAX sono impiegati per la macinazione di materie prime di varia natura, peso specifico

Dettagli

Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico. more from minerals. Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche

Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico. more from minerals. Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico more from minerals Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico Analisi Chimica

Dettagli

Materie Prime Ceramiche in Europa:

Materie Prime Ceramiche in Europa: Materie Prime Ceramiche in Europa: Situazione e Tendenze Michele Dondi Rimini, 1 Ottobre 2010 (TECNARGILLA) Ceramica e Minerali Industriali: Situazione e Tendenze contenuti minerali industriali per piastrelle

Dettagli

Minerali industriali: Applicazioni e tecnologie

Minerali industriali: Applicazioni e tecnologie Minerali industriali: Applicazioni e tecnologie Ing. Fabio Gentili Mauro Pino Roma, 6 Dicembre 2013 Agenda Mercato Nazionale dei Minerali Industriali; Ceramica; Vetro; Edilizia; Fonderie; Il gruppo Sibelco

Dettagli

Influenza di Zeoliti Naturali sulle Proprietà Tecnologiche del Gres Porcellanato

Influenza di Zeoliti Naturali sulle Proprietà Tecnologiche del Gres Porcellanato Influenza di Zeoliti Naturali sulle Proprietà Tecnologiche del Gres Porcellanato Michele Dondi, Guia Guarini CNR-ISTEC, Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici, Faenza Roberto de Gennaro,

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

CERMED. GRES di Montevecchio

CERMED. GRES di Montevecchio Applicazione di un sistema di cogenerazione con microturbine al ciclo produttivo della Ceramica Mediterranea S.p.A. (Progetto FIT Energia A01/1827/01/X05) Ceramica Mediterranea S.p.A. è una società che,

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

Più durata, meno costi Maurizio. incontri & aziende. Magotteaux e Minerali Industriali

Più durata, meno costi Maurizio. incontri & aziende. Magotteaux e Minerali Industriali Magotteaux e Minerali Industriali Più durata, meno costi Maurizio Quaranta Grazie a Neox di Magotteaux, Minerali Industriali ha raggiunto l obiettivo di migliorare la produzione e diminuire i costi, a

Dettagli

Materiali ceramici tradizionali

Materiali ceramici tradizionali Materiali ceramici tradizionali -Classificazione dei ceramici tradizionali I materiali ceramici possono essere classificati in base all'impiego ed alla funzione che svolgono. Uso domestico: Laterizi, piastrelle,

Dettagli

La caratterizzazione delle materie prime sul Web

La caratterizzazione delle materie prime sul Web La caratterizzazione delle materie prime sul Web M. Paganelli: Expert System Solutions / Modena 1 - INTRODUZIONE Relazione presentata allo giornata di studio su "Materie prime e controlli di laboratorio

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII Norme EN Le piastrelle ceramiche sono lastre sottili di materiale ceramico, utilizzate per il rivestimento di pavimenti e pareti, allo scopo di conferire loro caratteristiche e prestazioni di tipo tecnico

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

Le malte: Leganti e malte. La calce:

Le malte: Leganti e malte. La calce: Leganti e malte I leganti sono materiali che, se miscelati con acqua, hanno la capacità di legarsi agli aggregati, facendo presa ed indurendo progressivamente grazie a reazioni chimiche. Essi possono essere

Dettagli

PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3

PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3 PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3 Extreme energyfree valorisation of copper metallurgical waste in heating elements and semiconductive nanoceramic enamels Torre Maina di Maranello, February 13, 2012

Dettagli

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani RECUPERO ALLUMINIO DALLE SCORIE POST-COMBUSTIONE L impianto BSB per il trattamento

Dettagli

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA Alpe opera da oltre mezzo secolo nell estrazione, lavorazione e fornitura di Pietra di Luserna (Gneiss Lamellar). Esperienza, creatività e la continua ricerca

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI RESIDUE

COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI RESIDUE INNOVAZIONE DI PROCESSO PER LA FILIERA DELLA PIASTRELLA CERAMICA SOSTENIBILE COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

Miscelata con sabbia trova impiego nelle malte e intonaco,invece senza sabbia e usata come verniciante

Miscelata con sabbia trova impiego nelle malte e intonaco,invece senza sabbia e usata come verniciante Miscelata con sabbia trova impiego nelle malte e intonaco,invece senza sabbia e usata come verniciante possiede buon potere adesivo ed è facilmente lavorabile; non si ritira e può essere lavorato senza

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura

Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura M. Mariani (Caolino Panciera). P. Pizzoli (Caolino Panciera). Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura P. Pizzoli, M. Mariani,

Dettagli

SISTEMA MULTIMEDIA E DOSAGGIO AUTOMATICO

SISTEMA MULTIMEDIA E DOSAGGIO AUTOMATICO SISTEMA MULTIMEDIA E DOSAGGIO AUTOMATICO SOMMARIO 2 LA DECORAZIONE NELL INDUSTRIA CERAMICA 2 GLI INCHIOSTRI 3 I METODI DI PREPARAZIONE 4 IL TINTOMETRO 6 I VEICOLI (MEDIUM) 8 IL SISTEMA MULTIMEDIA 12 PREPARAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante ing. Chiara Venturelli Expert System Solutions Srl, Modena, Italia Introduzione La termovalorizzazione è un processo

Dettagli

Zero scorie, cento vantaggi

Zero scorie, cento vantaggi è un azienda situata nella zona industriale di Padova in grado di recuperare le scorie di acciaieria ed ottenere un inerte artificiale per l utilizzo negli aggregati in genere. L azienda nasce quindi dalla

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti G. Bressi E. Pavesi G. Volpe Workshop nazionale Parma 27 maggio 2011 Palazzo Soragna Strada al Ponte Caprazucca, 6/a Parma sede dell Unione Parmense degli Industriali Attività estrattive, sostenibilità

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

TEORIA DEI CAMPI MODULATI

TEORIA DEI CAMPI MODULATI TEORIA DEI CAMPI MODULATI di Alessandro Dattilo Vincenzo Iorio La teoria del "campi modulati" rappresenta un passo avanti nella direzione della comprensione del meccanismo con il quale, un fenomeno elettromagnetico

Dettagli

Gli scarti industriali saranno le miniere del futuro?

Gli scarti industriali saranno le miniere del futuro? .. Gli scarti industriali saranno le miniere del futuro? partendo dalla presentazione di Minerali Industriali Srl Mestriner Tiziano Direttore Generale dicembre 2013 MINERALI INDUSTRIALI oggi MINERALI INDUSTRIALI

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Geotecnica e Tecnica delle Fondazioni ESERCITAZIONE Docente: Daniela Giretti Studenti: Monica Bianchi Gabriele Gazzaniga Gabriele Ravizza Lorenzo

Dettagli

CARATTERISTICHE FISICO-MECCANICHE 1 Carico di rottura a compressione semplice (Mpa) Compression breaking load Druckfestigkeit bei einfachem Druck Charge de rupture par compression 128 2 3 Carico di rottura

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

IMPIANTI PER IL TRATTAMENTO DI SALE MARINO E MINERALE (CLORURO DI SODIO)

IMPIANTI PER IL TRATTAMENTO DI SALE MARINO E MINERALE (CLORURO DI SODIO) IMPIANTI PER IL TRATTAMENTO DI SALE MARINO E MINERALE (CLORURO DI SODIO) Manfredini & Schianchi mette a disposizione degli investitori nazionali ed internazionali l esperienza maturata in anni nel settore,

Dettagli

VARIO 200 / 200ZR FORNI PER CERAMICA TECNOLOGIA DI COTTURA RIVOLUZIONARIA. www.zubler.de IT

VARIO 200 / 200ZR FORNI PER CERAMICA TECNOLOGIA DI COTTURA RIVOLUZIONARIA. www.zubler.de IT VARIO 200 / 200ZR FORNI PER CERAMICA TECNOLOGIA DI COTTURA RIVOLUZIONARIA www.zubler.de IT Made in Germany Precisione, innovazione, durata e qualità assoluta: con queste poche parole si può rappresentare

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti 1 PREMESSA... 2 2 METODO DI COLTIVAZIONE... 3 2.1 Scopertura del giacimento... 3 2.2 Estrazione e carico del calcare... 3 2.3 Trasporto all impianto... 3 2.4 Frantumazione... 3 2.5 Recupero ambientale...

Dettagli

PRODUZIONE LA TECNOLOGIA PER L INDUSTRIA CERAMICA

PRODUZIONE LA TECNOLOGIA PER L INDUSTRIA CERAMICA PRODUZIONE LA TECNOLOGIA PER L INDUSTRIA CERAMICA Nuova Era nasce a Scandiano alla metà degli anni ottanta ed in breve tempo si afferma sui mercati nazionali ed esteri come azienda leader nel campo delle

Dettagli

DRYON. Essicamento / raffreddamento con eccellente qualità

DRYON. Essicamento / raffreddamento con eccellente qualità DRYON Essicamento / raffreddamento con eccellente qualità Impiego: L essiccamento e il raffreddamento sono passi di processo elementari nella lavorazione dei materiali sfusi in tutti i settori dell industria.

Dettagli

Cerablast. Abrasivi per sabbiatura

Cerablast. Abrasivi per sabbiatura Cerablast Abrasivi per sabbiatura Rossaecker 9 D-74343 Sachsenheim / Germania Telefono: 0049 7147 220814 Fax: 0049 7147 220840 E-mail: info@cerablast.com http://www.cerablast.com Uno dei leader del mercato

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: IBIX ART è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

Introduzione al processo MuCell

Introduzione al processo MuCell I nuovi sviluppi: analisi dei vantaggi della tecnologia microcellulare dalla riduzione delle deformazioni alle superfici estetiche (Andrea Romeo - Proplast, Alessio Goria Onnistamp) -Prima parte- Introduzione

Dettagli

0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L

0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL0RGHQDH5HJJLR(PLOLD )$&2/7$ ',,1*(*1(5,$ &RUVRGL/DXUHDLQ,QJHJQHULD$PELHQWDOH 0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L 5HODWRUH

Dettagli

COMUNE di ROCCAVIONE

COMUNE di ROCCAVIONE REGIONE PIEMONTE COMUNE di ROCCAVIONE PROVINCIA di CUNEO AUA Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 13 marzo 2013 n.59 TITOLO: Procedimento di Verifica Impatto Ambientale

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YD18U ATTIVITÀ 23.31.00 FABBRICAZIONE DI PIASTRELLE IN CERAMICA PER PAVIMENTI E RIVESTIMENTI ATTIVITÀ 23.32.00 FABBRICAZIONE DI MATTONI, TEGOLE ED ALTRI PRODOTTI PER L EDILIZIA IN TERRACOTTA

Dettagli

La produzione della porcellana di Arita

La produzione della porcellana di Arita La produzione della porcellana di Arita 1 Estrazione Le roccie di caolino di Izumiyama sono cavate a cielo aperto. Le roccie sono trattate in acqua, rotte con un martello e selezionate secondo l'aspetto

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale naturale

Dettagli

INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL

INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL Nome commerciale: ATISOL Indicazioni generali: Atisol è un prodotto di copertura altamente isolante per fusioni metalliche. Proveniente da un prodotto naturale con elevata

Dettagli

Impasti ceramici a Km0: valorizzazione di materie prime naturali e di recupero locali

Impasti ceramici a Km0: valorizzazione di materie prime naturali e di recupero locali Impasti ceramici a Km0: valorizzazione di materie prime naturali e di recupero locali Fernanda Andreola, L. Barbieri, T. Manfredini, F. Borghi Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari, UNIMORE Gabriele

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

Efficienza energetica nell industria italiana

Efficienza energetica nell industria italiana Efficienza energetica nell industria italiana Certificati Bianchi: compiti dell ENEA ai sensi del DM 28 dicembre 2012, guide operative settoriali Alessandra De Santis Unità Tecnica Efficienza Energetica

Dettagli

STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE

STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze della Terra STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE Relatore:

Dettagli

1. Il servizio di raccolta indifferenziata

1. Il servizio di raccolta indifferenziata 1. Il servizio di raccolta indifferenziata Al fine di verificare l efficacia della dislocazione e del numero dei contenitori per la raccolta dei Rifiuti Solidi Urbani nel comune di Perugia è stata realizzata

Dettagli

PREPARAZIONE DELL ARGILLA

PREPARAZIONE DELL ARGILLA La produzione del laterizio si basa su una serie di operazioni che, pur se altamente industrializzate ed automatizzate, in linea di principio sono rimaste identiche da millenni. L ESTRAZIONE La scelta

Dettagli

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Polveri di Ferro-Spugna (Ferro Puro) NC100.24 è uno dei tipi di polvere più largamente impiegati in metallurgia delle polveri. Le resistenze al verde e degli spigoli

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

Composizione: Sabbia silicea naturale, lavata, ciclonata, vagliata, essiccata e selezionata del fiume Po. Impiego:

Composizione: Sabbia silicea naturale, lavata, ciclonata, vagliata, essiccata e selezionata del fiume Po. Impiego: SABBIA ESSICCATA SILICEA TIPO 503 DEL FIUME PO Produzione di malte da finitura; Produzione di collanti; Produzione d intonaci. - 0 0,3 mm - in mucchio: 1380 kg/m³ SABBIA ESSICCATA SILICEA TIPO 504 DEL

Dettagli

Presentazione con Power Point

Presentazione con Power Point Presentazione con Power Point Diapositiva N 1 Lo scopo di questo lavoro è stato quello di mettere in pratica in laboratorio le conoscenze acquisite durante il corso (di ingegneria delle materie prime),

Dettagli

Metrologia, ispezioni e controllo qualità

Metrologia, ispezioni e controllo qualità Metrologia, ispezioni e controllo qualità Riferimento: capitolo 4 del Kalpakjian (seconda parte) Le tolleranze dei pezzi e il controllo sono fondamentali nel processo di produzione. Outline Metrologia

Dettagli

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011 Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi MILANO 14 giugno 2011 L industria italiana delle piastrelle di ceramica Aziende (numero)

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria

impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria I M F 1 3 2 impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria il cuore: mulino master frantuma tutti gli inerti di tipo alluvionale e calcareo, ghiaie, ciottoli e pietrischi naturali o prefrantumati

Dettagli

SVILUPPO TECNICO ED ESTETICO DI LASTRE CERAMICHE AD ALTO SPESSORE

SVILUPPO TECNICO ED ESTETICO DI LASTRE CERAMICHE AD ALTO SPESSORE SVILUPPO TECNICO ED ESTETICO DI LASTRE CERAMICHE AD ALTO SPESSORE D. Biserni, B. Spinelli Sassuolo, 14 luglio 2016 PIASTRELLE CERAMICHE E LASTRE AD ALTO SPESSORE 15 mm 20 mm 25 mm 30 mm PRODOTTI MULTI-FUNZIONALI:

Dettagli

DIVISIONE CERAMICA 1

DIVISIONE CERAMICA 1 DIVISIONE CERAMICA 1 I veicoli per decorare le piastrelle ceramiche sono preparati dalla DOMUS Chemicals nei moderni impianti dello stabilimento di Pedrengo (Bg) sotto l attento controllo del Laboratorio

Dettagli