Impiego di fondenti additivati con vetro in un impasto da gres porcellanato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impiego di fondenti additivati con vetro in un impasto da gres porcellanato"

Transcript

1 580 C. Carbonchi, Gruppo Minerali. Relazione presentata alla giornata di studio su Le materie prime e controlli di laboratorio e di processo per una produzione di piastrelle di qualità organizzata dal Gruppo Editoriale Faenza Editrice presso l Auditorium di Assopiastrelle a Sassuolo il 13 febbraio Lo studio riguarda la realizzazione di fondenti da grès porcellanato smaltato e tecnico ottenuti con l additivazione controllata di vetro sodicocalcico ai feldspati sodico-potassici denominati F60P e GS60, provenienti rispettivamente dalla Ecomin (Verbania) e dalla Minerali Industriali (Cacciano di Masserano). La ricerca si è sviluppata sia a scala di laboratorio, incrementando quote di vetro rispetto ad un impasto di riferimento, sia a scala industriale tramite l atomizzazione di un impasto contenente ZI-F60P (ottenuto dall additivazione di F60P con vetro). Per avvalorare i risultati, le prove sono state condotte in confronto ad altri atomizzati provenienti da alcune ceramiche del Comprensorio ceramico. I risultati dimostrano che il fondente additivato con vetro ha un comportamento sia in crudo che in cotto del tutto confrontabile coi riferimenti e tale da poterlo considerare come valida alternativa ai fondenti tradizionalmente in uso nel settore ceramico del grès porcellanato smaltato e tecnico. Impiego di fondenti additivati con vetro in un impasto da gres porcellanato C. Carbonchi, P. Danasino, R. Lorici, R. Riveriti: Gruppo Minerali S.p.A. / Novara E. Castelli: Resp. SuperLab della Johnson Matthey / Spezzano (MO) 1 - INTRODUZIONE Da alcuni anni la Gruppo Minerali S.p.A. ha avviato progetti di ricerca atti a realizzare fondenti idonei soprattutto ad impasti da grès porcellanato. L idoneità di questi fondenti riteniamo venga raggiunta col rispetto di alcuni parametri tecnologici quali, ad esempio, il buon grado di fusibilità e il ridotto apporto di elementi cromofori in rapporto al ciclo di produzione standard del grès porcellanato. Un altro punto fondamentale consiste nel contenimento dei costi di produzione, così da proporsi al mercato ceramico con prodotti vantaggiosi dal punto di vista economico. Questo progetto di ricerca è stato realizzato impiegando vetro sodico-calcico come additivo da miscelare ai feldspati sodico-potassici F60P e GS60, già prodotti dalle consociate Ecomin S.r.l. di Verbania e Minerali Industriali S.p.A. di Cacciano di Masserano (BI). Nel corso di questo studio valutiamo le possibilità di impiego di questi fondenti, concentrandoci soprattutto su uno di essi, lo ZI-F60P. 2 - IL VETRO L ipotesi che il vetro sodico-calcico possa agire da fondente in un impasto da grès porcellanato è stata suggerita da due fattori fondamentali: - natura chimica del vetro (sodico-calcico e in minor misura magnesiaco) unitamente all assenza di legami cristallini; - sviluppo di una apprezzabile quota di fase vetrosa (50-65%) nel prodotto ceramico finito. In letteratura si riportano numerosi studi che prevedono l impiego di vetro in miscele destinate alla realizzazione di un prodotto di tipo ceramico [1-6]; uno dei primi risale addirittura al 1965 [7] e illustra le caratteristiche in crudo

2 Ossidi Media (%) Variabilità 72,8 ± 1,00 1,50 ± 0,20 0,35 ± 0,03 0,06 CaO 9,50 ± 0,30 MgO 2,00 ± 0,20 O 12,70 ± 0,50 O 0,95 Tab. I - Analisi chimica media del vetro da novembre 2001 a dicembre e in cotto di una miscela preparata con una percentuale di vetro macinato variabile dal 5 al 20%. Più recenti studi [4-5 del 2001 e 2002, rispettivamente] verificano la possibilità di impiego del vetro sodico-calcico in impasti da grès porcellanato. In un caso ancor più recente [6 del 2003] sono state realizzate piastrelle da rivestimento esterno costituite da vetro riciclato fino a percentuali del 95%. Il vetro impiegato è un tipico vetro sodico-calcico [8], caratterizzato dall analisi riportata in tabella. Il vetro, stoccato inizialmente presso lo stabilimento della Minerali Industriali di Cacciano di Masserano, è suddiviso in lotti, sottoposto a trattamenti presso i nostri impianti e analizzato per verificarne la conformità chimica e granulometrica. Le analisi chimiche effettuate dal Novembre 2001 al Dicembre 2002 indicano che questo materiale è molto costante. In Tabella I infatti, accanto ai valori medi degli ossidi, vengono indicati i ranges di variabilità riscontrati. Una volta verificata la conformità, il vetro viene miscelato ai feldspati F60P e GS60 secondo le percentuali richieste dal cliente con modalità di miscelazione tali da garantire una buona omogeneizzazione e la costanza della percentuale di vetro additivato Feldspati sodico-potassici F60P e GS60. Il feldspato F60P è prodotto dalla Ecomin in Verbania. Esso deriva dal trattamento dei residui di lavorazione del granito bianco e rosa, quale pietra ornamentale, provenienti dalle discariche pluricentenarie a ridosso del Mont Orfano e Monte Camoscio, nella zona del Lago Maggiore. Il materiale in alimentazione all impianto della Ecomin è costituito da rocce granitiche di età ercinica, composte da feldspato potassico, feldspato sodico, quarzo e secondariamente biotite. Le riserve di materiale ammontano ad alcuni milioni di tonnellate. Il trattamento del materiale grezzo consiste in frantumazione, macinazione, essiccazione e separazione magnetica per ridurre il tenore in. Il feldspato GS60 è prodotto dalla Minerali Industriali S.p.A. Il giacimento di provenienza è ubicato nella concessione mineraria Cacciano della Minerali Industriali e si sviluppa nei territori di Masserano e Curino (BI). Il materiale grezzo consiste in un leucogranito alterato, di età tardoercinica, costituito da feldspato potassico, feldspato sodico, quarzo e secondariamente da minerali argillosi di tipo illitico-caolinitico. La riserva di materia prima ammonta a qualche centinaio di milioni di tonnellate.il trattamento minerario è analogo a quello dell F60P. Su entrambi i prodotti vengono effettuate le consuete analisi di controllo per la verifica della conformità del prodotto con le specifiche tecniche concordate col cliente. Le analisi prevedono un controllo di tipo granulometrico (presso lo stabilimento di produzione), chimico e mineralogico (presso il laboratorio centrale della Gruppo Minerali a Cacciano di Masserano (BI)) Feldspati additivati con vetro Una volta verificate le analisi del vetro e dei due feldspati, si procede alla miscelazione secondo le proporzioni richieste dal cliente. Di seguito sono riportate le analisi dei prodotti ottenuti, partendo dal feldspato F60P e GS60 (Tabb. II e III, rispettivamente). Dal punto di vista chimico, si osserva che l aggiunta di quantità crescenti di vetro comporta un aumento progressivo del tenore in alcali partendo dall F60P fino allo ZI- F60P, che è la versione con maggior quantità di vetro: da 8,1 % all 8,7 % nell L-F60P, al 9,2% nel V-F60P e al 9,8% nello ZI-F60P. Stessa variazione anche per il CaO, che nello ZI-F60P è più del triplo della corrispondente percentuale dell F60P e per l MgO. La distribuzione granulometrica si mantiene invece costante poiché il vetro è opportunamente macinato cercando di riprodurre la curva dell F60P. Tab. II - Analisi dei fondenti derivanti dall additivazione di vetro all F60P. F60P L-F60P V-F60P ZI-F60P Ossidi (%) 77,1 76,6 76,3 75,8 13,0 11,9 10,7 9,60 0,15 0,17 0,19 0,20 0,02 0,02 0,03 0,03 CaO 1,10 1,90 2,80 3,60 MgO 0,10 0,30 0,50 0,70,20 4,20 5,10 6,10 O 4,90 4,50 4,10 3,70 L.O.I. (1100 C) 0,30 0,30 0,25 0,20 Classi (mm) Analisi granulometrica (%) > < Fasi minerali Analisi mineralogica (%) Quarzo Feldspato potassico Feldspato sodico Altro

3 Fig. 1 - Variazioni chimiche per additivazione di vetro al feldspato F60P. GS60 L-GS60 V-GS60 ZI-GS60 Ossidi (%) 78,9 78,3 77,6 77,0 12,00 11,0 9,90 8,90 0,35 0,35 0,35 0,35 0,02 0,02 0,03 0,03 CaO 0,15 1,10 2,00 3,00 MgO 0,05 0,25 0,45 0,65,40 4,30 5,30 6,20 O 4,70 4,30 4,00 3,60 L.O.I. (1100 C) 0,35 0,30 0,30 0,25 Classi (mm) Analisi granulometrica (%) > < Fasi minerali Analisi mineralogica (%) Quarzo Feldspato potassico Feldspato sodico Altro Tab. III - Analisi dei fondenti derivanti dall additivazione di vetro al GS60. Dal punto di vista mineralogico si osservano sempre gli stessi rapporti reciproci tra il feldspato potassico e sodico (Fig. 1). Analoghe variazioni si ottengono partendo dal feldspato GS60 e aggiungendo quote crescenti di vetro. La parte sperimentale di questa ricerca si è sviluppata in due fasi. La prima fase (Fase A a scala di laboratorio) studia gli effetti dell aggiunta di vetro in quote progressivamente maggiori, partendo da un impasto di riferimento; la seconda fase (fase B a scala semi-industriale) prevede l atomizzazione dell impasto a maggior percentuale di vetro e il confronto con atomizzati di grès porcellanato smaltato provenienti da ceramiche del Comprensorio. La fase B si propone infatti di valutare se l impasto di prova abbia caratteristiche che possano essere confrontabili a quelle di impasti attualmente in produzione industriale Fase A La fase A consiste nella realizzazione di impasti da grès porcellanato ottenuti sostituendo il feldspato sodico-magnesiaco del riferimento coi feldspati L-F60P, V-F60P, ZI- F60P. Lo scopo di queste prove è di misurare gli effetti dell aggiunta di vetro in percentuali crescenti su un impasto da grès porcellanato. Ciascun impasto formulato è stato sottoposto alla preparazione di seguito schematizzata: - macinazione a umido (contenuto d acqua pari al 40%) in giarretta per 40 per un residuo a 45 micron tra 2,5 e 3%; - essiccazione in stufa a 110 C; - polverizzazione delle miscele e omogeneizzazione a 500 micron; - umidificazione al 7% e stagionatura per 12 ore delle polveri; - omogeneizzazione a micron; - formatura di provini di diametro 50 mm e spessore di 6 mm con pressatura a 400 kg/cm 2 ; - essiccazione in stufa a 110 C; - cottura in forno industriale con ciclo rapido di 55 minuti e permanenza di 6 minuti alla temperatura massima di C. Sulle barbottine degli impasti, è stata determinata la curva granulometrica con granulometro laser (Malvern Mastersizer) e la viscosità in due tempi diversi: immediatamente dopo la macinazione e dopo 24 ore di riposo. La viscosità è stata ottenuta indirettamente valutando i tempi di scorrimento delle barbottine (a densità di g/l) mediante Coppa Ford a foro di 4 mm. Sui cotti sono stati valutati il ritiro lineare (micrometro di precisione), l assorbimento d acqua (imbibizione sotto vuoto) e il carico di rottura (resistenza a flessione). Fig. 2 - Variazioni chimiche per additivazione di vetro al feldspato GS PARTE SPERIMENTALE

4 Formulazione degli impasti La formulazione adottata come riferimento (impasto di Riferimento) è costituita da materie prime che vengono normalmente impiegate nelle produzioni ceramiche industriali Tab. IV - Formulazione degli impasti. IMPASTI Componenti Riferimento A B C Argilla ucraina Argilla tedesca Feldspato sodico std extra nazionale Feldspato sodico-magnesiaco nazionale 19 Feldspato sodico-potassico con vetrol-f60p 19 Feldspato sodico-potassico con vetrov-f60p 19 Feldspato sodico-potassico con vetro ZI-F60P 19 Sabbia feldspatica FLOS Tab. V - Analisi chimica e mineralogica degli impasti. IMPASTI Riferimento A B C 67,8 69,4 69,4 69,3 19,9 18,8 18,5 18,3 0,59 0,51 0,52 0,52 0,67 0,61 0,61 0,61 CaO 0,65 0,78 0,95 1,10 MgO 0,63 0,30 0,34 0,38 O 5,07 4,31 4,48 4,67 O 1,70 2,42 2,35 2,27 L.O.I. (1100 C) 2,96 2,83 2,82 2,81 O + O 6,77 6,73 6,83 6,94 O/ O 2,98 1,78 1,91 2,06 + 1,26 1,12 1,12 1,13 / 3,41 3,69 3,74 3,78 Fasi minerali e vetro (%) Quarzo Feldspato potassico Feldspato sodico Plagioclasi 15 Illite e caolinite Miche Vetro Altro del grès porcellanato. Il feldspato sodico-magnesiaco, normalmente introdotto negli impasti da grès porcellanato smaltato in virtù della sua elevata fusibilità, viene sostituito dalle versioni di F60P additivate con quote crescenti di vetro, come mostrano le formulazioni degli impasti A, B e C (Tab. IV). Di seguito è riportata l analisi chimica e mineralogica degli impasti (Tab. V). Rispetto all impasto standard, gli impasti di prova introducono un tenore in alcali progressivamente maggiore, dovuto all effetto del vetro; mineralogicamente infatti la percentuale di feldspati cala pur raggiungendo valori di O più O pari a 6,94%. Il rapporto O/ O scende da 2,98 del riferimento a 1,78 dell impasto A e questo perché siamo passati da un impasto fortemente sodico ad impasti contenenti un feldspato sodico-potassico come l F60P; il vetro incrementa la quota di sodio a discapito del potassio. I feldspati costituiti da F60P più vetro riducono inoltre la percentuale di cromofori e la perdita al fuoco Comportamento in macinazione I risultati delle verifiche granulometriche (Tab.VI) eseguite sulle barbottine dopo macinazione non hanno evidenziato differenze significative tra l impasto di riferimento e gli impasti di prova (Fig. 3). Premesso ciò, volendo comunque definire un andamento, gli impasti aventi la maggior percentuale di vetro (impasti A e B) mantengono la maggior similitudine rispetto allo standard. La determinazione della viscosità delle barbottine non mostra variazioni apprezzabili subito dopo macinazione, mentre differenze più evidenti si possono riconoscere dopo 24 Fig. 3 - Confronto della distribuzione granulometrica delle barbottine. Tab. VI - Analisi granulometrica delle barbottine degli impasti. IMPASTI Riferimento A B C Dimensione (µm) Volume del non passante (%) 10 33,58 34,02 33,91 33, ,13 14,41 14,36 14, ,75 9,09 8,78 8, ,90 4,00 3,98 3, ,72 1,81 1,64 1, ,22 0,40 0,16 0,12 583

5 584 ore di riposo delle stesse: i tempi di scorrimento (Tab. VII) infatti passano da secondi degli impasti di prova ai 64 secondi dell impasto di riferimento (Fig. 4) Comportamento in cottura Il comportamento in cottura è stato definito sulla base della caratterizzazione (RL %, AA %, e C.d.R. in kg/cm 2 ) dei provini cotti a 1200 C con ciclo di 55 in forno industriale. Dai valori ottenuti, si evidenzia che gli impasti di prova hanno una porosità aperta uguale, come nel caso dell impasto A, o inferiore a quella del riferimento. Analoga osservazione per il ritiro lineare che si mantiene sempre su valori inferiori a quello dell impasto di riferimento. La resistenza a flessione è minore nell impasto A, passa infatti a 555 kg/cm 2 contro i 569 kg/cm 2 dell impasto di riferimento, ma subisce un incremento negli impasti B e C, arrivando a 567 e 564 kg/cm 2, rispettivamente (Tab. VIII) Fase B Tempo di scorrimento (s) Dopo macinazione Dopo 24h dalla macinazione Impasto di Riferimento Impasto A Impasto B Impasto C Tab. VII - Viscosità delle barbottine espressa come tempo di scorrimento delle stesse rilevato con Coppa Ford. Fig. 4 - Variazione dei tempi di scorrimento delle barbottine all aumentare della percentuale di vetro. La fase B prevede l atomizzazione dell impasto a maggior percentuale di vetro (Impasto 0, indicato come impasto C nella fase A) ed il confronto di questo con atomizzati campionati presso ceramiche del Comprensorio. L atomizzazione dell impasto 0 è stata così ottenuta: Tab. VIII - Comportamento in cottura degli impasti cotti a 1200 C in forno industriale con ciclo di 55. IMPASTI Riferimento A B C AA (%) RL (%) C.d.R. (kg/cm 2 ) macinazione a umido in mulino discontinuo di 200 kg di secco miscelati al 35 % di acqua e 0,3 % di fluidificante; tempo di macinazione: 5 ore (1500 giri/h); - scarico barbottina (d = 1750 g/l); - setacciatura della barbottina a 1800 maglie/cm 2 ; - atomizzazione con atomizzatore da kg/h (ugello da 3 mm); umidità di atomizzazione 6,5%. Sono stati ottenuti dischetti di diametro 50 mm per pressatura a 400 kg/cm 2 sia dall atomizzato di prova che da quelli campionati presso alcune ceramiche del Comprensorio. Si è mantenuta un umidità di pressatura del 5 % per l atomizzato di prova, mentre gli altri atomizzati campionati oscillavano tra il 4,5 e il 5 %. I provini sono stati essiccati in essiccatoio orizzontale con ciclo di 3 ore a 110 C e residuo di umidità di 0,2 %. Si è quindi passati alla cottura in forno industriale con ciclo rapido di 55 e permanenza di 6 alla massima temperatura di 1200 C. Per ricostruire le curve di greificazione degli impasti, sono state fatte anche cotture a 1150 C, 1160 C, 1170 C, 1180 C, 1190 C, 1200 C, 1210 C e 1220 C in forno a rulli da laboratorio con ciclo da 43 e tempo di permanenza di 4 alla massima temperatura Su tutti gli atomizzati sono state eseguite le seguenti analisi: - analisi chimica mediante XRF; - analisi granulometrica con granulometro laser delle barbottine ottenute sciogliendo gli atomizzati in acqua; - analisi granulometrica per vibrosetacciatura; - assorbimento d acqua (imbibizione sotto vuoto), ritiro lineare (micrometro di precisione), analisi dilatometrica (con salita di 20 C/min e sistema di misura al quarzo), analisi colorimetrica (sistema di lettura CIE lab) sui provini cotti in forno industriale a 1200 C; - assorbimento d acqua, ritiro lineare dei provini cotti a varie temperature per tracciare le rispettive curve di sinterizzazione; - carico di rottura (per resistenza a flessione) dei provini di dimensione 50*100 mm ottenuti con pressatura a 400 kg/cm 2 e cotti in forno a rulli da laboratorio con ciclo da 43 e permanenza di 4 alla temperatura massima di 1200 C; - microscopio riscaldante (gradiente di 40 C/min, temperatura massima di 1400 C) su due dei quattro atomizzati Analisi chimica degli atomizzati L impasto 0 ha la formulazione riportata in Tab. IX. Il chimismo dell impasto 0 ricade nella media dei valori espressi per gli atomizzati 1, 2 e 3; infatti, la somma de- Tab. IX - Formulazione dell impasto 0 da atomizzare. Componenti Impasto 0 Argilla ucraina 20 Argilla tedesca 15 Feldspato sodico std extra nazionale 32 Feldspato sodico-potassico con vetro ZI-F60P 19 Sabbia feldspatica FLOS 20 14

6 Ossidi (%) 70,1 70,9 71,3 71,2 17,6 16,6 17,7 17,4 0,52 0,61 0,42 0,60 0,59 0,50 0,62 0,55 CaO 1,12 1,09 0,73 0,61 MgO 0,33 0,39 0,18 0,23 O 4,57 4,66 4,65 4,71 O 2,19 2,74 1,56 1,74 L.O.I. (1100 C) 2,99 2,51 2,88 2,98 CO 2 0,25 0,57 0,41 0,49 S 0,01 0,03 0,01 0,03 O + O 6,76 7,40 6,21 6,45 O/ O 2,09 1,70 2,98 2,71 + 1,11 1,11 1,04 1,15 / 3,98 4,27 4,03 4,09 Tab. X - Analisi chimica degli atomizzati. L impasto 0 rappresenta l oggetto del nostro studio, gli atomizzati 1, 2 e 3 provengono da ceramiche del Comprensorio. gli elementi alcalini si mantiene tra il valore massimo trovato per l atomizzato 1 e pari a 7,40 % ed il valore minimo di 6,21 % dell atomizzato 2. Gli atomizzati a minor quota di alcali sono anche quelli con un più forte sbilanciamento a favore del sodio, come mostra il rapporto O/ O pari a 2,98 e 2,71 degli atomizzati 2 e 3, rispettivamente. L atomizzato più potassico risulta essere l 1 seguito dallo 0. In entrambi questi ultimi casi, O si mantiene attorno al 4,6 %, valore che peraltro caratterizza anche gli atomizzati 2 e 3, mentre il O passa dal 2,19 % al 2,74 % dell impasto 1. Negli impasti 2 e 3 invece il potassio resta entro l 1,74 % (Tab. X). Il tenore in cromofori dell impasto di prova è compreso tra il minore, pari all 1,04 % dell impasto 2 ed il maggiore, pari a 1,15 % dell impasto 3. Il rapporto / è del tutto confrontabile a quello degli atomizzati 2 e Analisi granulometrica L atomizzato di prova mostra una certa similitudine con l atomizzato 2, mentre gli altri atomizzati evidenziano valori di residuo tendenzialmente più alti alle varie classi granulometriche. In particolare a 63 micron, gli atomizzati 1 e 3 (corrispondenti anche ad una maggiore percentuale di alcali, come riportato dalla chimica) raggiungono il 4,5 %, mentre gli altri due si mantengono tra il 2,3 ed il 2,5 % (Tab XI) (Fig. 5). Normalmente, i valori riscontrati con granulometro laser, sono sempre più alti dei rispettivi ottenuti per setacciatura (Tab XII) (Fig. 6), in quanto lo strumento laser vede ogni granulo come una sfera il cui diametro corrisponde alla sua massima dimensione. Come meglio espresso nel grafico relativo, l andamento Dimensione (µm) Volume del non passante (%) 10 38,09 41,49 37,86 42, ,92 21,13 17,01 23, ,62 13,89 10,18 15, ,59 9,19 6,05 10, ,51 4,50 2,29 4, ,16 2,90 1,12 2, ,54 1,78 0,47 1, ,21 1,34 0,24 0, ,09 0,78 0,10 0,24 Umidità di pressatura (%) 5,12 5,22 4,95 5,54 Tab. XI - Analisi granulometrica laser delle barbottine ottenute sciogliendo gli atomizzati in acqua e umidità di pressatura. Fig. 5 - Analisi granulometrica laser degli atomizzati. Classi (mm) > 0,425 31,5 45,3 35,7 40,1 0,425 0,355 16,0 15,5 22,7 18,6 0,355 0,212 27,5 26,9 28,8 23,5 0,212 0,150 13,6 6,9 7,4 12,0 0,150 0,125 1,8 1,9 1,3 1,2 0,125 0,075 4,8 1,5 3,1 1,9 0,075 0,063 2,6 0,9 0,4 1,2 0,063 0,038 1,8 0,9 0,4 1,2 < 0,038 0,4 0,2 0,2 0,3 Tab. XII - Analisi granulometrica per vibrosetacciatura a secco degli atomizzati. delle curve granulometriche è abbastanza simile per gli atomizzati 1, 2 e 3 rispetto a quanto ottenuto sull atomizzato di prova, infatti la percentuale di atomizzato superiore a 150 micron ammonta all 89 % nell impasto 0 mentre negli altri resta circa al 94 %. La percentuale al di sot- 585

7 586 Fig. 6 - Analisi granulometrica per vibrosetacciatura degli atomizzati. to dei 150 micron sale all 11 % circa nell impasto 0 contro un 5,5 % circa degli altri campioni. Tab. XIII - Comportamento degli atomizzati dopo cottura in forno industriale a 1200 C con ciclo di AA (%) 0,07 0,05 0,11 0,95 RL (%) 6,90 6,42 6,58 6,18 [α] C -1 7,88 7,98 7,81 7,10 L 74,24 67,31 76,52 73,21 a 5,30 5,47 4,77 5,14 b 15,59 12,95 13,33 14,09 C 16,47 14,05 14,16 15,00 h 71,22 67,11 70,30 69,94 Fig. 7 - Curve di greificazione degli atomizzati Comportamento in cottura La tabella riporta una preliminare valutazione del comportamento in cottura degli atomizzati (Tab. XIII) cotti in forno a rulli da laboratorio a 1200 C. Gli impasti 0 e 1 raggiungono bassi valori di assorbimento d acqua (0,07 e 0,05 % rispettivamente), inferiori di poco a quello dell impasto 2 ma decisamente minori dell impasto 3. Dalle informazioni che finora abbiamo ottenuto, gli impasti a maggior tenore in alcali sono infatti il tipo 0 e 1, seguiti dal 3. In quest ultimo caso però, l analisi granulometrica ha evidenziato valori di residuo tra i più alti per le varie classi granulometriche (dato ancor più chiaro per il 63 ed il 45 micron), il ché molto probabilmente porta ad una riduzione della reattività delle particelle durante il processo di cottura. Il coefficiente dilatometrico degli stessi provini, indica per l impasto di prova valori abbastanza simili a quelli definiti per gli impasti 1 e 2; l impasto 3 invece ha un valore inferiore, forse sempre in virtù della distribuzione granulometrica delle particelle che limita la trasmissione delle dilatazioni tra le particelle a seguito della variazione di temperatura. La luminosità dell impasto 0 è tra le più accentuate, soprattutto tenendo conto del fatto che i provini di questa formulazione hanno già raggiunto un buon grado di fusibilità e quindi sviluppato in buona parte l intensità di colore dovuta agli elementi cromofori presenti. Di seguito sono riportate le curve di greificazione degli impasti (Fig. 7) e in tabella i relativi dati di assorbimento d acqua e ritiro lineare (Tab. XIV). L impasto 0 e l impasto 1 hanno comportamento abbastanza simile, entrambi infatti mostrano fino ai 1210 C il minor assorbimento d acqua ed il maggior ritiro lineare per ciascuna temperatura massima di cottura. L atomizzato 1 comincia però ad espandere tra i 1190 e i 1210 C, mentre lo 0 comincia tra i 1210 e i 1220 C. Gli impasti 2 e 3 raggiungono la chiusura dei pori a 1210 C, continuando però ancora a ritirare fino ai 1220 C. I carichi di rottura stimati sui provini cotti a 1200 C nel forno a rulli da laboratorio hanno raggiunto valori mediamente più elevati per gli atomizzati 0 e 2, seguiti dall impasto 3 e dall 1. La causa di questo andamento è sicuramente da cercarsi in un analisi microstrutturale dei cotti, per evidenziare lo sviluppo e la distribuzione di fasi cristalline che abbiano influenzato la resistenza alla flessione. E ipotizzabile che la presenza di una apprezzabile quota di massa vetrosa abbastanza fluida nei provini 0 abbia agevolato la formazione di germi cristallini a distribuzione sufficientemente omogenea nel cotto. La curva di sinterizzazione desunta in base all analisi al microscopio riscaldante, relativa agli atomizzati 0 e 2, mo- Tab. XIV - Dati relativi alle cotture degli atomizzati da 1150 a 1220 C. Carico di rottura in cotto dei provini cotti a 1200 C con ciclo a AA (%) RL (%) AA (%) RL (%) AA (%) RL (%) AA (%) RL (%) 1150 C 4,78 6,38 4,14 6,12 5,69 5,28 5,94 5, C 3,08 6,60 2,46 6,32 4,35 5,69 4,29 5, C 1,77 6,90 0,95 6,60 2,75 6,03 3,25 5, C 0,22 7,05 0,18 6,80 1,60 6,28 2,09 5, C 0,06 7,08 0,06 6,75 0,65 6,52 1,10 6, C 0 7,12 0 6,68 0,04 6,72 0,26 6, C 0 7,05 0 6,40 0 7,04 0 6, C 0 6,99 0,3 6,31 0 7, C.d.R. Kg/cm

8 Fig. 8 - Curve di sinterizzazione degli atomizzati 0 e 2 ottenute con microscopio riscaldante. stra che il primo comincia il processo di greificazione un po prima rispetto all atomizzato 2 (cioè a 874 C contro i 917 C), mentre raggiunge la massima sinterizzazione a 1214 C, contro i 1220 C dell impasto 2. Questo risultato è in linea con quanto mostrato dalle cotture in forno a rulli e indica per l impasto 0 un intervallo di greificazione più ampio (Fig. 8). 4 - CONCLUSIONI Nel corso di questo studio ci siamo proposti di verificare l effetto della presenza del vetro miscelato in feldspati da introdurre in impasti da grès porcellanato. La ricerca si è sviluppata dapprima a scala di laboratorio (fase A) e poi a scala semi-industriale (fase B). Nella prima fase, abbiamo riscontrato che la sostituzione di un feldspato sodico-magnesiaco con un feldspato sodico-potassico additivato con percentuali crescenti di vetro ha evidenziato quanto segue: - l impasto di riferimento e gli impasti di prova hanno gradi di macinabilità comparabili tra loro; - le barbottine contenenti vetro mantengono un maggiore fluidità rispetto al riferimento soprattutto dopo 24 ore di riposo; - l aggiunta di vetro ha permesso di raggiungere un buon grado di sinterizzazione e addirittura di migliorare il carico di rottura per gli impasti con tenori di vetro più elevati. Nella fase B, abbiamo atomizzato l impasto a maggior percentuale di vetro e lo abbiamo confrontato con atomizzati da grès porcellanato smaltato provenienti da ceramiche del Comprensorio. I risultati possono essere così riassunti: - l atomizzato di prova evidenzia un buon grado di fusibilità e un amplio pallier di cottura, confermato anche dai risultati dell analisi al microscopio riscaldante; - il carico di rottura dei cotti a 1200 C ha valori confrontabili ad un atomizzato e in due casi superiori a quelli che caratterizzano gli altri atomizzati; - il grado di luminosità dei cotti dell atomizzato 0 a 1200 C è tra i più elevati; - il coefficiente dilatometrico è ampiamente confrontabile a quello degli altri atomizzati. I risultati che abbiamo evidenziato con questo studio e quelli che ci hanno confermato i clienti che attualmente stanno impiegando i feldspati della Gruppo Minerali additivati con vetro, dimostrano che questi prodotti possono essere tranquillamente utilizzati come valida alternativa ai feldspati tradizionalmente inseriti in impasti da grès porcellanato. BIBLIOGRAFIA [1] I.W.M. Brown, K.J.D. Mackenzie, Process design for the production of a ceramic-like body from recycled waste glass, Part 1 Journal of materials science, 17 (1982) [2] I.W.M. Brown, K.J.D. Mackenzie, Process design for the production of a ceramic-like body from recycled waste glass, Part 2 Journal of materials science, 17 (1982) [3] M. Caligaris, S. Camelli, L. Zamboni, N. Quaranta, R. Caligaris, Use of recycled glass for ceramic bodies production, L industrie céramique & verrière, 926 (5) (1997) [4] L. Esposito, A. Tucci, C. Palmonari, Use of soda-lime glass as the fluxing agent in a porcelain stoneware tile mix, Euromat, 187 (2001). [5] F. Matteucci, M. Dondi, G. Guarini, Effect of soda-lime glass on sintering and technological properties of porcelain stoneware tiles, Ceramics International, 28 (2002) [6] Veli-Matti Enquist, Building tile gives waste glass new application, Glass machinery plants & accessories, 1 (2003) [7] E. Tauber and D.N. Crook, British Clayworker, 74 (1965) 42. [8] G. Scarinci, T. Toninato e B. Locardi, Vetri, Casa Editrice Ambrosiana, (1977). G.P. Emiliani F. Corbara Tecnologie Ceramiche: LE TIPOLOGIE Volume 3 In lingua italiana Il terzo volume del libro TECNOLOGIA CERAMICA di G.P. Emiliani e F. Corbara, riguarda le tipologie ceramiche e si articola nei capitoli concernenti I LATERIZI, I REFRATTARI, LE FAENZE, LE TERRAGLIE, I GRES, LE PORCELLANE. Anche nel terzo volume vengono indicati dagli autori vari livelli di lettura: gli approfondimenti degli argomenti trattati e i richiami relativi ad altre discipline sono evidenziati con un fondo celeste, mentre le tabelle con le formulazioni di impasti e di rivestimenti e con le caratteristiche tecniche dei prodotti sono di colore arancione. Le numerose immagini che corredano il testo sono state scelte privilegiando l aspetto didattico in funzione dell esigenza di un supporto visivo di quanto descritto. I problemi vengono affrontati con l ottica di chi si accosta alla produzione ceramica interessato sia alle tecnologie più antiche di stampo artigianale che alle problematiche più attuali della produzione industriale: ogni capitolo inizia infatti con una descrizione storica dello sviluppo tecnologico delle varie tipologie fino ad affrontare, nel vivo della fabbrica, le tematiche legate ai problemi tecnologici, alla ricerca, ai costi di produzione, alla tutela dell ambiente. Volume nel formato cm. 21x29.7, pagine 264, numerose foto, tabelle e grafici a colori, copertina in cartonato a colori. ISBN: Codice CER201-23,24 587

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI **************** ESEMPIO DELL IMPIEGO DI VETRO ADDIZIONATO AD UN FELDSPATO SODICO-POTASSICO (GS6) IN UNA PRODUZIONE

Dettagli

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Relatori: C. Carbonchi, P. Danasino, R. Riveriti Una giornata su Le materie prime di qualità per piastrelle

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante ing. Chiara Venturelli Expert System Solutions Srl, Modena, Italia Introduzione La termovalorizzazione è un processo

Dettagli

LEAD-COLOURED LEAD-FREE

LEAD-COLOURED LEAD-FREE PROGETTO LIFE09 ENV/IT/000427 Replacement of toxic lead compounds by new non-toxic substitutes as brilliant aid agent in polychromatic glazes LEAD-COLOURED LEAD-FREE FINAL REPORT Coordinating beneficiary:

Dettagli

MINERALI INDUSTRIALI

MINERALI INDUSTRIALI MINERALI INDUSTRIALI Impasti nazionali per gres porcellanato smaltato: evoluzione nell ultimo decennio, situazione attuale e proposte per il futuro della Minerali Industriali S. Di Primio Confindustria

Dettagli

NO VETRO. Progetto di ricerca sugli scarti vetrosi denominato

NO VETRO. Progetto di ricerca sugli scarti vetrosi denominato Interventi di processo e di prodotto per aumentare la quota di recupero sia di scarti vetrosi non destinabili alla vetreria che di rottame pronto la forno Dr. Ing. Rosa Taurino email:rosa.taurino@unimore.it

Dettagli

PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3

PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3 PROGETTO LIFE10 ENV/IT/419 W A S T E 3 Extreme energyfree valorisation of copper metallurgical waste in heating elements and semiconductive nanoceramic enamels Torre Maina di Maranello, February 13, 2012

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

La caratterizzazione delle materie prime sul Web

La caratterizzazione delle materie prime sul Web La caratterizzazione delle materie prime sul Web M. Paganelli: Expert System Solutions / Modena 1 - INTRODUZIONE Relazione presentata allo giornata di studio su "Materie prime e controlli di laboratorio

Dettagli

S. Di Primio. Confindustria Ceramica 13 Febbraio 2014

S. Di Primio. Confindustria Ceramica 13 Febbraio 2014 MINERALI INDUSTRIALI Qualificazione tecnica ed ottimizzazione dei costi degli impasti ceramici nazionali per porcellanato tecnico e smaltato : i prodotti dei giacimenti della Minerali Industriali S. Di

Dettagli

Materie Prime Ceramiche in Europa:

Materie Prime Ceramiche in Europa: Materie Prime Ceramiche in Europa: Situazione e Tendenze Michele Dondi Rimini, 1 Ottobre 2010 (TECNARGILLA) Ceramica e Minerali Industriali: Situazione e Tendenze contenuti minerali industriali per piastrelle

Dettagli

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici I trattamenti termici e la sinterizzazione Aria e fuoco Dopo la creazione dell oggetto con terra e acqua intervengono aria (essiccamento)

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO, CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

Materiali ceramici tradizionali

Materiali ceramici tradizionali Materiali ceramici tradizionali -Classificazione dei ceramici tradizionali I materiali ceramici possono essere classificati in base all'impiego ed alla funzione che svolgono. Uso domestico: Laterizi, piastrelle,

Dettagli

www.mineraliindustriali.it MINERALI INDUSTRIALI Impasti per grès porcellanato smaltato per i grandi formati : il percorso verso l eccellenza S. Di Primio Confindustria Ceramica 9 Febbraio 2017 PUNTI TRATTATI

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE Sostituzione di materiali tossici in piombo con nuovi materiali alternativi non tossici come agenti brillanti di sostegno in vernice policromatica INTRODUZIONE

Dettagli

Serie LASER - Rivestimento

Serie LASER - Rivestimento SCHEDA TECNICA Serie LASER - Rivestimento 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice L Piastrelle ceramiche pressate a secco GRUPPO BIIIGL DIMENSIONI E PROPRIETA FISICHE PROPRIETA CHIMICHE

Dettagli

CERMED. GRES di Montevecchio

CERMED. GRES di Montevecchio Applicazione di un sistema di cogenerazione con microturbine al ciclo produttivo della Ceramica Mediterranea S.p.A. (Progetto FIT Energia A01/1827/01/X05) Ceramica Mediterranea S.p.A. è una società che,

Dettagli

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII Norme EN Le piastrelle ceramiche sono lastre sottili di materiale ceramico, utilizzate per il rivestimento di pavimenti e pareti, allo scopo di conferire loro caratteristiche e prestazioni di tipo tecnico

Dettagli

Determinazioni analitiche preliminari ad una variazione di materie prime argillose in impasto

Determinazioni analitiche preliminari ad una variazione di materie prime argillose in impasto Determinazioni analitiche preliminari ad una variazione di materie prime argillose in impasto Paolo Zannini - Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE (DICEA) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

ProChem GmbH 1 L IMPRESA. Servizi chimici Laboratorio Locale tecnico - Produzione

ProChem GmbH 1 L IMPRESA. Servizi chimici Laboratorio Locale tecnico - Produzione ProChem GmbH 1 We L IMPRESA Servizi chimici Laboratorio Locale tecnico - Produzione ProChem GmbH 2 Introduzione Dal 1998 ProChem GmbH produce materie prime e prodotti finiti per l industria chimica e farmaceutica.

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI LEGANTI LEGANTI Testo: M. Lucco Borlera e C. Brisi Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Levrotto & Bella - Torino http://bioslab.unile.it/courses.html LEGANTI: Riferimenti Si definiscono cementanti

Dettagli

I materiali sostitutivi dell Amianto

I materiali sostitutivi dell Amianto I materiali sostitutivi dell Amianto La misura del DLG-2ES delle Fibre Minerali Vetrose (Lane Minerali e Fibre Ceramiche ): considerazioni e confronto fra metodi analitici in MOCF e SEM, una proposta operativa

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI RESIDUE

COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI RESIDUE INNOVAZIONE DI PROCESSO PER LA FILIERA DELLA PIASTRELLA CERAMICA SOSTENIBILE COMPORTAMENTO TECNOLOGICO DEGLI IMPASTI PER GRANDI FORMATI: REOLOGIA DELLE POLVERI, COMPATTAZIONE, SINTERIZZAZIONE E TENSIONI

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico. more from minerals. Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche

Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico. more from minerals. Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico more from minerals Davide Maccaferri Materie Prime per Piastrelle Ceramiche Influenza dei Minerali Argillosi nell impasto ceramico Analisi Chimica

Dettagli

Più durata, meno costi Maurizio. incontri & aziende. Magotteaux e Minerali Industriali

Più durata, meno costi Maurizio. incontri & aziende. Magotteaux e Minerali Industriali Magotteaux e Minerali Industriali Più durata, meno costi Maurizio Quaranta Grazie a Neox di Magotteaux, Minerali Industriali ha raggiunto l obiettivo di migliorare la produzione e diminuire i costi, a

Dettagli

Direttiva di posa Wecryl 124

Direttiva di posa Wecryl 124 WestWood Qualität + Erfahrung Direttiva di posa Wecryl 124 Sottofondi umidi e bagnati Wecryl 124 Primer per sottofondi umidi Wecryl 124 è una novità assoluta all interno dell offerta di primer per sottofondi

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Relatore Dr. Stefano Di Primio Convegno Assopiastrelle, Sassuolo 19 Febbraio 2009

Relatore Dr. Stefano Di Primio Convegno Assopiastrelle, Sassuolo 19 Febbraio 2009 GRUPPO MINERALI MAFFEI: "Sviluppi tecnologici degli impasti per gres porcellanato smaltato e tecnico: la nuova gamma di feldspati ed argille nazionali del Gruppo Minerali Maffei" Relatore Dr. Stefano Di

Dettagli

www.mineraliindustriali.it MINERALI INDUSTRIALI Argillite : una nuova materia prima nazionale per la componente plastica degli impasti per grès S. Di Primio Confindustria Ceramica 18 Febbraio 2016 PUNTI

Dettagli

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO.

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. COTTURE CERAMICHE COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. CONFERIMENTO DI PARAMETRI TECNICI,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura

Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura M. Mariani (Caolino Panciera). P. Pizzoli (Caolino Panciera). Correlazione tra alcune proprietà meccaniche e tendenza alla rottura delle piastrelle crude lungo la linea di smaltatura P. Pizzoli, M. Mariani,

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 5-Indici di variabilità (vers. 1.0c, 20 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr.

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30 INDICE della lezione del 5/10/2010 argomento: Essiccamento Introduzione 1 Il legame tra il grado igrometrico e il

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO NAMASTE: DESCRIZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI E ATTESI

RELAZIONE PROGETTO NAMASTE: DESCRIZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI E ATTESI RELAZIONE PROGETTO NAMASTE: DESCRIZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI E ATTESI Nell ambito delle attività del Progetto NAMASTE, che prevede la realizzazione di materiali isolanti per il miglioramento dell efficienza

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD WIENERBERGER S.p.A. Unipersonale Sede legale in 40027 Mordano (BO), Via Ringhiera 1 Insediamento sito in 32020 Feltre (BL) Strada della Fornace 7 Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) D.lgs. 152/2006

Dettagli

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011 Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi MILANO 14 giugno 2011 L industria italiana delle piastrelle di ceramica Aziende (numero)

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Geotecnica e Tecnica delle Fondazioni ESERCITAZIONE Docente: Daniela Giretti Studenti: Monica Bianchi Gabriele Gazzaniga Gabriele Ravizza Lorenzo

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YD18U ATTIVITÀ 23.31.00 FABBRICAZIONE DI PIASTRELLE IN CERAMICA PER PAVIMENTI E RIVESTIMENTI ATTIVITÀ 23.32.00 FABBRICAZIONE DI MATTONI, TEGOLE ED ALTRI PRODOTTI PER L EDILIZIA IN TERRACOTTA

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

La marcature CE della Calce da Costruzione

La marcature CE della Calce da Costruzione La marcature CE della Calce da Costruzione Andrea Rattazzi In Italia la marcatura CE per la calce da costruzione di calce è obbligatoria. Questo articolo presenta una panoramica della norma UN EN 459-1:2002

Dettagli

IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI

IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI IMPIANTI MINERARI E VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI Progettazione Montaggio Avviamento Soluzioni chiavi in mano Estrazione e trattamento minerario Dalla miniera al prodotto finito: 100 anni di esperienza

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Polveri di Ferro-Spugna (Ferro Puro) NC100.24 è uno dei tipi di polvere più largamente impiegati in metallurgia delle polveri. Le resistenze al verde e degli spigoli

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente)

Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente) Reteambiente Normativa vigente - qualità Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente) N.d.R.: il testo

Dettagli

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 Perché parlare di Silice Libera Cristallina (SLC)? Presenza estremamente comune in natura Ampio utilizzo di materiali

Dettagli

Gli scarti industriali saranno le miniere del futuro?

Gli scarti industriali saranno le miniere del futuro? .. Gli scarti industriali saranno le miniere del futuro? partendo dalla presentazione di Minerali Industriali Srl Mestriner Tiziano Direttore Generale dicembre 2013 MINERALI INDUSTRIALI oggi MINERALI INDUSTRIALI

Dettagli

GMG s.n.c. di Moretti Massimo & c. via XX settembre n 15 48024 Massa Lombarda (RA Tel/fax 0545 82966

GMG s.n.c. di Moretti Massimo & c. via XX settembre n 15 48024 Massa Lombarda (RA Tel/fax 0545 82966 Oggetto: progetto stampante solida per materiali ceramici Punti da rispettare 1) apparato a controllo numerico per formare oggetti tridimensionali in materiali sinterizzabili ad alta temperatura 2) sviluppo

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L

0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL0RGHQDH5HJJLR(PLOLD )$&2/7$ ',,1*(*1(5,$ &RUVRGL/DXUHDLQ,QJHJQHULD$PELHQWDOH 0RGHOOD]LRQHPHGLDQWH '2(GHOO DJJLXQWDGLIDQJKL GLOHYLJDWXUDHGLWDJOLR VXOOHSURSULHWjGHLODWHUL]L 5HODWRUH

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Metrologia, ispezioni e controllo qualità

Metrologia, ispezioni e controllo qualità Metrologia, ispezioni e controllo qualità Riferimento: capitolo 4 del Kalpakjian (seconda parte) Le tolleranze dei pezzi e il controllo sono fondamentali nel processo di produzione. Outline Metrologia

Dettagli

MATERIE PRIME NATURALI, SINTETICHE E SEMI-LAVORATI PER PIASTRELLE: QUALE FUTURO? Sassuolo. Auditorium Confindustria Ceramica.

MATERIE PRIME NATURALI, SINTETICHE E SEMI-LAVORATI PER PIASTRELLE: QUALE FUTURO? Sassuolo. Auditorium Confindustria Ceramica. MATERIE PRIME NATURALI, SINTETICHE E SEMI-LAVORATI PER PIASTRELLE: QUALE FUTURO? Sassuolo Auditorium Confindustria Ceramica 25 Febbraio 2010 GRUPPO MINERALI MAFFEI, Novara (NO) S. Di Primio, P. Danasino,

Dettagli

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio DITTA A.E.T.

Dettagli

SAVERFLEX V55 SAVERFLEX V55. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1.

SAVERFLEX V55 SAVERFLEX V55. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1. Prodotto destinato agli specialisti del settore. Caratteristiche SAVERFLEX V 55 è un collante

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI INDICE creatività FINITURE esclusività 1. IL MICROCEMENTO 4 1.1. VANTAGGI E APPLICAZIONI DEL SISTEMA SikaDecor Nature 6 1.2. STRUTTURA DEL

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in ingegneria dei materiali Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Relatore: Ing. Marcello Gelfi Correlatore: Ing. Annalisa

Dettagli

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva http://www.tavolaperiodica.it/metallurgia_estrattiva.html Immaginando in maniera assolutamente fantasiosa e personale che così si sia avuta l intuizione

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione FOCUS TECNICO IL DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione CRITERI DI CALCOLO DELLA PORTATA DI PROGETTO Lo scopo principale del dimensionamento di una rete idrica è quello di assicurare

Dettagli

Calibro Plus Evaporation

Calibro Plus Evaporation Calibro Plus Evaporation Il prodotto CALIBRO P. E., è un sistema specificatamente formulato per realizzare intonaci antiumidità, antisale ed anticondensa su murature umide. È costituito dalla combinazione

Dettagli

RICICLO DI SCARTI NELLA PRODUZIONE CERAMICA

RICICLO DI SCARTI NELLA PRODUZIONE CERAMICA Società Ceramica Italiana convegno RICICLO DI SCARTI NELLA PRODUZIONE CERAMICA Il riciclo degli scarti nelle materie prime per impasti ceramici. L esperienza del Gruppo Minerali Maffei e le nuove prospettive

Dettagli

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO IN 200 FIBRORINFORZATO è una malta bastarda per intonaco di sottofondo tradizionale per interno ed esterno costituita da cemento, calce, inerti selezionati max 2,0 mm e

Dettagli

0-4. Campi di applicazione. Caratteristiche tecniche

0-4. Campi di applicazione. Caratteristiche tecniche Fugamagica 0-4 Stucco cementizio ad alte prestazioni a granulometria finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm 2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere a base di cemento,

Dettagli

BATTERIE AVVIAMENTO INFORMAZIONI TECNICHE

BATTERIE AVVIAMENTO INFORMAZIONI TECNICHE BATTERIE AVVIAMENTO INFORMAZIONI TECNICHE Magazzinaggio delle Batterie Cariche Secche Attivazione delle Batterie Cariche Secche Magazzinaggio delle Batterie Cariche con acido Determinazione del Livello

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli