a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1"

Transcript

1 1

2 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2

3 Raggiungere un MODELLO EUROPEO Lo scopo è quello di realizzare entro il primo decennio del 2000: la mobilità internazionale degli studenti la circolazione dei professionisti il riconoscimento internazionale dei titoli di studio Realizzare l AUTONOMIA UNIVERSITARIA Lo scopo è quello di consentire alle Università di progettare i propri percorsi universitari favorendo così la flessibilità del sistema universitario alle esigenze del mercato del lavoro Evidenziare le ESIGENZE DELLO STUDENTE C è molta attenzione per l orientamento pre, durante e post universitario, per il tutorato e per la trasparenza dei percorsi formativi Collegamento con il MERCATO DEL LAVORO Gli Atenei hanno ora la possibilità di adeguare gli ordinamenti universitari in base alla domanda sociale e alle esigenze del mercato del lavoro. 3

4 vuol anche dire adottare un sistema di titoli di facile leggibilità e comparabilità Le Università rilasceranno, come supplemento al diploma di laurea, un certificato che riporta, secondo modelli conformi a quelli adottati dai paesi europei, le principali indicazioni relative al curriculum specifico seguito dallo studente per conseguire il titolo Lo strumento fornirà un insieme di informazioni utili A creare una trasparenza e flessibilità dei sistemi di titoli di istruzione superiore A favorire l accesso al mondo del lavoro 4

5 S is te m a p re - v ig e nte Era quello di fornire un titolo di studio basato su schemi di ordinamenti didattici rigidi RIF ORMA E quello di fornire un titolo condiviso con le parti sociali che permetta un rapido inserimento nel mondo del lavoro q ue s to p a s s a g g io no n è s c o nt a t o in q ua nto c o m p o rta un p ro fo nd o c a m b io c ult ura le 5

6 D.M. 2 2 o tto b re , n Art. 1 1 c o m m a 4 4. Le d e t e rm ina z io ni d i c ui a l c o m m a 3, s o no a s s unte d a lle univ e rs it à p re v ia c o ns ulta z io ne c o n le o rg a niz z a z io ni ra p p re s e nta tiv e ne l m o nd o d e lla p ro d uz io ne, d e i s e rv iz i e d e lle p ro fe s s io ni c o n p a rtic o la re rife rim e nt o a lla v a lut a z io ne d e i fa b b is o g ni fo rm a tiv i e d e g li s b o c c hi p ro fe s s io na li. Art. 1 1 c o m m a 3 Og ni o rd ina m e nt o d id a ttic o d e te rm ina : a ) le d e no m ina z io ni e g li o b ie t tiv i fo rm a tiv i d e i c o rs i d i s tud io, ind ic a nd o le re la tiv e c la s s i d i a p p a rte ne nz a ; b ) il q ua d ro g e ne ra le d e lle a ttiv it à fo rm a t iv e d a ins e rire ne i c urric ula ; c ) i c re d it i a s s e g na ti a c ia s c una a ttiv ità fo rm a tiv a e a c ia s c un a m b ito, rife re nd o li p e r q ua nto rig ua rd a q ue lle p re v is te ne lle le t te re a ) e b ), d e ll'a rt ic o lo 1 0, c o m m a 1, a d uno o p iu' s e tto ri s c ie nt ific o - d is c ip lina ri ne l lo ro c o m p le s s o ; d ) le c a ra tte ris tic he d e lla p ro v a fina le p e r il c o ns e g uim e nto d e l tito lo d i s tud io. 6

7 7

8 Line e g uid a d e l Go v e rno p e r l Univ e rs ità (8 /1 1 / )...Lo s tud e nt e a l c e nt ro d e ll Univ e rs ità L inv e s tim e nt o p iù im p o rta nte c he il Pa e s e p uò fa re è q ue llo s ul c a p it a le um a no, s ui g io v a ni c he ne ra p p re s e nta no il fut uro e p e r q ue s to g li s tud e nti, le lo ro e s ig e nz e e le lo ro a s p ira z io ni, v a nno rim e s s i a l c e ntro d e lla no s tra m is s io ne.. Do b b ia m o e s s e re c e rti c he le univ e rs it à im m e tta no ne l m o nd o d e l la v o ro una nuo v a le v a d i la ure a ti trie nna li b e n p re p a ra ti e d è q uind i ind is p e ns a b ile d a p a rte d e g li a t e ne i una m a g g io re c o ns a p e v o le z z a d e lla p ro p ria m is s io ne e d e lle p ro p rie re s p o ns a b ilità, c o s ì c o m e è ne c e s s a rio s v ilup p a re s ia ne l s e tto re p ub b lic o c he in q ue llo p riv a t o una m ig lio re c o no s c e nz a e un m a g g io re a p p re z z a m e nto d e lle la ure e trie nna li. Rifle s s io ne :p e r re a liz z a re q ue s t a q ua lità le Univ e rs ità d e v o no s v ilup p a re un v a lid o o rie nta m e nt o IN INGRE S S O, IN ITINE RE c o n il t ut o ra g g io, g li s ta g e, la m o b ilità inte rna z io na le, e c c fino a q ue llo POS T LAURE A c he c o m p re nd e un a c c o m p a g na m e nto ne lla ric e rc a a ttiv a d e l la v o ro 8

9 I m inis tri e uro p e i c o m p e t e nti s i s o no riunit i in p iù o c c a s io ni p e r la re a liz z a z io ne d i uno S p a z io e uro p e o d e ll is truz io ne s up e rio re Pa rig i, la S o rb o na il 2 5 m a g g io Bo lo g na il 1 9 Giug no (2 9 Pa e s i p re s e nt i) Be rlino il 1 9 S e tte m b re (3 3 Pa e s i p re s e nti) Dura nte g li inc o nt ri i m inis t ri Rib a d is c o no la lo ro c o nv inz io ne c he l is truz io ne s up e rio re s ia un b e ne p ub b lic o e una re s p o ns a b ilità p ub b lic a Co nc o rd a no c he o c c o rre im p e g na rs i p e r g a ra nt ire le g a m i p iù s t re t ti e c o m p le ti t ra i s is te m i d i is truz io ne s up e rio re d e i ris p e ttiv i Pa e s i. Inc o ra g g ia no un us o e ffic a c e d e lla s truttura univ e rs it a ria b a s a t a s u t re c ic li S i im p e g na no a ra ffo rz a re i p ro c e s s i p e r a s s ic ura re la q ua lità d e ll is t ruz io ne (e s : v a luta z io ne d e i c o rs i, s is te m a d i a c c re d ita m e nto, d e finiz io ni d i re s p o ns a b ilità, e c c.) 9

10 D.M / At tua z io ne a rt. 1 - te r (p ro g ra m m a z io ne e v a luta z io ne d e lle Univ e rs ità ), c o m m a 2, d e l D.L. 3 1 g e nna io , n. 7, c o nv e rtito ne lla le g g e 3 1 m a rz o , n. 4 3 d e finiz io ne d e lle line e g e ne ra li d i ind iriz z o d e lla p ro g ra m m a z io ne d e lle Univ e rs it à p e r il t rie nnio ; D.M / At tua z io ne a rt. 1 - te r (p ro g ra m m a z io ne e v a luta z io ne d e lle Univ e rs it à ), c o m m a 2, d e l D.L. 3 1 g e nna io , n. 7, c o nv e rtit o ne lla le g g e 3 1 m a rz o , n. 4 3 ind iv id ua z io ne d i p a ra m e t ri e c rite ri (ind ic a to ri) p e r il m o nito ra g g io e la v a lut a z io ne (e x p o s t ) d e i ris ulta t i d e ll a t tua z io ne d e i p ro g ra m m i d e lle Univ e rs ità 1 0

11 Gli indicatori ministeriali per area di attività c) le azioni per il sostegno ed il potenziamento dei servizi e degli interventi a favore degli studenti c.1 : S t ude nt i c he s i is c riv o no a l s e c o nd o a nno d i un c o rs o d i s t ud i a v e nd o a c q uis it o a lm e no 5 0 CFU in ra p p o rto a g li s t ud e nt i c he s i s o no im m a tric o la ti l a nno p rim a a llo s t e s s o c o rs o c.2 : Pro p o rz io ne d i is c ritti c he ha nno s v o lto s ta g e fo rm a t iv i e s t e rni a ll Univ e rs ità d i a p p a rte ne nz a d ura nte il c o rs o d i s tud i c.3 : Pro p o rz io ne d i la ure a t i c he ha nno s v o lt o uno s t a g e p o s t- la ure a (e nt ro un a nno d a l c o ns e g uim e nto d e l tito lo ) s ul to ta le d e i la ure a t i d e llo s te s s o a nno c.4 : Pro p o rz io ne d i la ure a t i o c c up a ti a d un a nno d a lla la ure a s ul to t a le d e i la ure a ti d e llo s t e s s o a nno c.5 : Pro p o rz io ne d i c re d iti fo rm a tiv i univ e rs ita ri a c q uis it i in a p p re nd im e nto p e rm a ne nte 1 1

12 Ab b ia m o d ue m o m e nt i in c ui è p o s s ib ile inte rv e nire p e r p ia nific a re l o ffe rta fo rm a tiv a in a rm o nia c o n le e s ig e nz e d e l m o nd o d e l la v o ro : Co m it a to d i c o o rd ina m e nto re g io na le Co lle g a m e nto lo c a le e ffe t tua to d a ll Univ e rs ità c o n il m o nd o d e l la v o ro 1 2

13 Il re tto re ha ra c c o lto le p ro p o s te d e lle fa c o ltà, ha p o rta to t ut to il p a c c he t to in S e na to a c c a d e m ic o p e r una d is c us s io ne g e ne ra le p o i ha illus tra to e c o nd iv is o l inte ro p a c c he t to in una riunio ne c o lle t tiv a d o v e e ra no p re s e nti le ra p p re s e nt a nz e m a g g io rm e nte ra p p re s e nt a tiv e d e l m o nd o d e l la v o ro e d e lle p ro fe s s io ni. Punti d i fo rz a : - riunio ne p ub b lic a - a lta p re s e nz a - Co nfro nto s ulle te m a tic he d e l te rrit o rio a nc he int e rd is c ip lina ri - una s o la riunio ne p e r a lc une ra p p re s e nt a nz e (p re s id e nte p ro v inc ia, re g io ne, s ind a c o, e c c ) - v is ib ilità c o m p le t a Critic it à : - un o ffe rta g ià s t ruttura t a - m a nc a nz a d i c o lle g a m e nto c o n la s truttura d id a ttic a d i rife rim e nto - Ind iv id ua z io ne d e lle ne c e s s it à lo c a li t ro p p o p o s tic ip a ta ris p e t to a l m o m e nt o d e lla p ro g e t ta z io ne 1 3

14 Il re tto re ha d e m a nd a t o a lle s ing o le F a c o ltà g li inc o nt ri c o n le ra p p re s e nta nz e m a g g io rm e nte ra p p re s e nt a tiv e d e l m o nd o d e l la v o ro e d e lle p ro fe s s io ni. Punti d i fo rz a : - Riunio ni p iù m ira te ris p e t to a lla fig ura p ro fe s s io na le c he s i int e nd e fo rm a re Crit ic ità : - a s s e nz a d i c e rti ra p p re s e nta nti (S ind a c o, Pre s id e nte re g io ne e Pro v inc ia ) - v is ib ilità lim it a t a - Rid o tta int e rd is c ip lina rie tà - Og ni s t rut tura int e rp re t a a m o d o s uo il ruo lo c he è c hia m a ta a s v o lg e re - Ve rb a le g e ne ric o 1 4

15 La s int e s i d e lla c o ns ulta z io ne d e v e e s s e re rip o rta t a ne lla Ba nc a d a t i d e l Minis te ro re la tiv o a lle is tit uz io ni d e i c o rs i d i s t ud io e s a rà un e le m e nto d i v a lut a z io ne d a p a rte d e l CUN p e r il p ro p rio p a re re Cun: Co n no t a d e ll o tto b re il CUN rit ie ne c he i p a re ri rip o rta t i ne lla s int e s i d e lla c o ns ulta z io ne d e b b a no e s s e re a ttrib uiti a lle p e rs o ne ind ic a nd o d i q ue s t e il ruo lo is tituz io na le e no n il no m e e c o g no m e Rifle s s io ne :p uò ris ult a re v inc e nt e la p re d is p o s iz io ne d i un m o d e llo d i v e rb a le c he a iuti le s t rutture a s e g uire una tra c c ia c o nfo rm e a lle ind ic a z io ni 1 5

16 ha inserito nel proprio REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 2 0 Co m ita to d i ind iriz z o 1. Al fine d i s v ilup p a re m a g g io ri s ine rg ie c o n il m o nd o d e l la v o ro e il te rrito rio, la Fa c o ltà p uò no m ina re un Co m ita to d i Ind iriz z o o v v e ro, ne l c a s o d i una o ffe rta fo rm a tiv a a rtic o la ta in p iù a re e s c ie ntific o - c ultura li, un Co m ita to d i Ind iriz z o p e r o g ni c o rs o d i s tudio o g rup p i d i c o rs i d i s tud io a ffini c he a ffe ris c o no a un unic o Co ns ig lio d i c o rs o d i s tud io unific a to. 2. Il Co m it a to d i ind iriz z o d i Fa c o ltà q ua lo ra is t ituit o è fo rm a t o d a l Pre s id e, d a i ra p p re s e nta nti d e i d o c e nti d e lla Fa c o ltà, d a un m a na g e r d id a ttic o, o v e s ia p re s e nte, e d a i ra p p re s e nta nti d e lle p a rti s o c ia li inte re s s a te (ra p p re s e nta nti d i e nti p ub b lic i o p riv a ti int e re s s a ti a s p e c ific i s e tto ri e /o p ro fe s s io ni, a s s o c ia z io ni d i im p re s e, o rd ini p ro fe s s io na li, ra p p re s e nta nti d e g li s tud e nti). 3. Il Co m it a to d i ind iriz z o d i c o rs o d i s tud i, q ua lo ra is tituito è fo rm a to d a l Pre s id e nte d e l c o rs o d i s tud i, d a i ra p p re s e nta nti d e i d o c e nti d e l c o rs o d i s tud i, d a l m a na g e r d id a ttic o, o v e s ia p re s e nte, e d a i ra p p re s e nta nti d e lle p a rti s o c ia li inte re s s a te (ra p p re s e nta nti d i e nti p ub b lic i o p riv a ti int e re s s a ti a s p e c ific i s e tto ri e /o p ro fe s s io ni, a s s o c ia z io ni d i im p re s e, o rd ini p ro fe s s io na li, ra p p re s e nta nti d e g li s tud e nti). 4. Il Co m it a to d i ind iriz z o q ua lo ra is tit uito è p re s ie d uto d a l Pre s id e d e lla Fa c o ltà o v v e ro d a l Pre s id e nt e d e l Co ns ig lio d e l c o rs o d i s tud i e ha funz io ni p ro p o s itiv e c o n rife rim e nto a i s e g ue nti c o m p iti p rinc ip a li: fa c ilita re e p ro m uo v e re i ra p p o rti tra univ e rs it à e c o nte s to p ro d uttiv o, a v v ic ina nd o i p e rc o rs i fo rm a t iv i univ e rs it a ri a lle e s ig e nz e d e l m o nd o d e l la v o ro e c o lla b o ra nd o a lla d e finiz io ne d e lle e s ig e nz e d e lle p a rti s o c ia li inte re s s a t e ; m o nito ra re l a d e g ua m e nto d e i c urric ula o ffe rti a g li s tud e nti in b a s e a ll inc o ntro tra d o m a nd a e o ffe rta d e lla fo rm a z io ne d e i c o rs i d i s tudio ; v a luta re l e ffic a c ia d e g li e s iti o c c up a z io na li. 5. Il c dicembre o m ita to 2008 d i Ind iriz z o s i riunirà a lm ea no cura una della v o lta Dott. a ll a Fiorenza nno p e r Vandini v e rific a re i ris ulta ti d e lle v a luta z io ni e c o ntrib uire a lla p ro g ra m m a z io ne d e ll o ffe rta d id a ttic a. 1 6

17 Inoltre: per favorire l inserimento nel mondo del lavoro ha inserito nel proprio REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 4 7 Pe rc o rs i d i Ins e rim e nto la v o ra tiv o (PIL) 1. Il Re g o la m e nto d id a ttic o d i un c o rs o d i s tud i p uò p re v e d e re la p o s s ib ilit à p e r g li s t ud e nti d i p a rte c ip a re a i Pe rc o rs i d ins e rim e nto la v o ra tiv o (PIL). In t a l c a s o è p re v is to il ric o no s c im e nto d i c re d iti fo rm a tiv i: p e r il p e rc o rs o d a ula, q ua lo ra lo s tud e nte a b b ia c o ns e g uito la c e rt ific a z io ne d i fre q ue nz a e a b b ia s up e ra to p o s it iv a m e nte la p ro v a fina le ; p e r il tiro c inio, q ua lo ra lo s tud e nte lo p o rt i a c o m p im e nt o, c o ns e g ue nd o l o b ie ttiv o fo rm a t iv o. 2. Il num e ro d i c re d it i ric o no s c iuti è s ta b ilito ne l re g o la m e nto s te s s o. Ra p p re s e nt a un im p o rta nte s t rum e nt o d i c o lle g a m e nt o tra le re a ltà p ro d ut tiv e lo c a li e il m o nd o univ e rs it a rio 1 7

18 Inoltre: per favorire l inserimento nel mondo del lavoro ha stipulato una convenzione con ALMA LAUREA Le aziende, nella ricerca di personale, possono rivolgersi al nostro Ateneo per attingere nella banca dati Alma Laurea ed avere gli indirizzi dei laureati. 1 8

19 Inoltre: per favorire l inserimento nel mondo del lavoro dei nostri Laureati l Università ha aderito al PROGETTO FIXO Il Programma nazionale Formazione ed Innovazione per l'occupazione (FIxO) prevede l'attivazione di tirocini post-laurea della durata di 3 mesi rinnovabili fino ad un massimo di 6 mesi. Il tirocinio non prevede l'acquisizione di crediti formativi universitari. Possono fare domanda i laureandi e i laureati da non più di 18 mesi. Il p ro g e tto te rm ina il 3 1 d ic e m b re e l univ e rs ità d i Fe rra ra lo c o ntinuirà fino a l 3 1 d ic e m b re e d a nc he o ltre 1 9

20 Inoltre: per incontrare le imprese del territorio in un rapporto continuo con l Ateneo L ufficio Liaison Office ha lo scopo di favorire: i rapporti tra Università di Ferrara e imprese locali, nazionali ed internazionali; 2 0

21 c.4: Proporzione di laureati occupati ad un anno dalla laurea sul totale dei laureati dello stesso anno CONDIZIONE OCCUPAZIONALE A UN ANNO DALLA LAUREA LAUREATI UNIFE anno di laurea anno 2004 anno 2005 anno 2006 Ateneo di Ferrara post riforma 34,6 51,3 30,2 Totale Atenei post riforma 36,2 27,4 27,0 Ateneo di Ferrara pre riforma 59,5 57,3 53,9 Totale Atenei pre riforma 54,3 53,1 53,5 Condizione occupazionale ad un anno dalla laurea anno ,0 30,2 53,5 53,9 Totale Atenei pre riforma anno ,4 53,1 57,3 51,3 Ateneo di Ferrara pre riforma Totale Atenei post riforma anno ,2 34,6 54,3 59,5 Ateneo di Ferrara post riforma

22 c.4: Proporzione di laureati occupati ad un anno dalla laurea sul totale dei laureati dello stesso anno Per Facoltà OCCUPATI A 1 ANNO DALLA LAUREA POST RIFORMA PRE RIFORMA ARCHITETTURA UNIFE ,2 62,5 ARCHITETTURA TOTALE ATENEI 25,8 20, ,2 ECONOMIA UNIFE 13, ,4 ECONOMIA TOTALE ATENEI 25, ,7 54 FARMACIA UNIFE * n.d. 16,7 64,9 69,7 FARMACIA TOTALE ATENEI 54,9 52,6 68,5 66,7 GIURISPRUDENZA UNIFE 14,7 14, ,7 GIURISPRUDENZA TOTALE ATENEI 13,6 11,7 27,2 26,4 INGEGNERIA UNIFE 23,4 16,7 93,8 84,6 INGEGNERIA TOTALE ATENEI 19,5 19,9 76,9 76,4 LETTERE E FILOSOFIA UNIFE 44,1 53,8 53,8 72,3 LETTERE E FILOSOFIA TOTALE ATENEI 25,7 23,3 51,2 81,1 MEDICINA E CHIRURGIA UNIFE 52,2 85,7 21,1 61,5 MEDICINA E CHIRURGIA TOTALE ATENEI 80,5 70,3 23,7 30 SCIENZE MM. FF.NN. UNIFE 36, ,4 32 SCIENZE MM. FF. NN. TOTALE ATENEI 18,2 19,4 44,8 45,1 TOTALE UNIFE 30,2 51,3 53,9 57,3 TOTALE ATENEI 27,0 27,4 53,5 53,1 2 2

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le...

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le... 211 BILANCIO DI ESERCIZIO IN D IC E 2 IN D IC E G E N E R A L E I. R e la z io n e s u lla G e s tio n e II. S ta to p a tr im o n ia le e C o n to e c o n o m ic o III. N o ta in te g r a tiv a IV. R

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n T E R A P IA IN U L IN IC A IN O P E D A L E T A R G E T G L IC E M IC I N E L P A Z IE N T E D IA B E T IC O D I T IP O 2 R IC O V E R A T O G li a n a lo g h i d e ll'in s u lin a C o n e g lia n o,

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c -

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c - 1 7 D IC EM B RE 2 0 0 4 B OLLETTINO UF F IC IALE D ELLA REGIONE M ARC H E ANNO X X X V N. 1 3 3 Deliberazione n. 1408 del 23/11/2004. Lege 26/10/1995 n. 447, art. 2, commi 6, 7, 8 - D.P.C.M. 3 1/03 /1998.

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO VERBALE N. 2 DELLA GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ DELLA CN RUPAR-SPC, PER LA DURATA DI 48 MESI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA DI RILANCIO DEL CONFRONTO

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo Dal Curare al Prendersi Cura Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo La cura& & nella mitologia Mentre C ura stava attraversando un certo fiume, vide del fango argilloso. Lo

Dettagli

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot. 12775 dd 07/09/2007 PALMANOVA, 5 febbraio

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA S p o s e i n b i a n c o, s p o s e i n r o s s o. S o n o d u e i m m a g i n i d i m a t r i m o n i a s s a i u s u a l i c h

Dettagli

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di + P rogetto C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di B e llu n o A zio n i c o n g iu n te e s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità e n e rg e tic a e am bie n tale de l te rrito

Dettagli

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w.

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w. MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0000674.03-02-2016 ~ ~.( ) d e l! ocba Y :J tn tj a O? l~ -, d e!lrv J ln iv (ff.j d d e d e l l a~ c a q )~ ~ d ~ ~ ~ '~ e ~ '~ g z ; ~ M m,e ~ jw J < kjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba

Dettagli

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00 Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana- Serie Generale n.139 del 16.06.6 Regioni, Province autonom e, enti regionali e enti locali Prospetto di cui all'articolo 8, comma 1, del Decreto Legge 24 aprile

Dettagli

Da Copenhagen a Cancun 2010: la roadmap delle Agende 21 Locali Italiane sui cambiamenti climatici

Da Copenhagen a Cancun 2010: la roadmap delle Agende 21 Locali Italiane sui cambiamenti climatici Da Copenhagen a Cancun 2010: la roadmap delle Agende 21 Locali Italiane sui cambiamenti climatici Eriuccio Nora, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Primo Seminario Formativo Milano, 4 febbraio

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che c os è? La Po sta Ele ttro nic a Ce rtific a ta (PEC) è un siste ma di po sta e le ttro nic a (c he utilizza i pro to c o lli sta nda rd de lla po sta e le ttro nic a tra dizio na le ) me dia nte

Dettagli

Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale

Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +3 06 510.777.1 F +3 06 510.777.25

Dettagli

ppunti ed esercizi del corso di I nf orm a tica B I ng eg neria M ecca nica, P ia cenza I nf orm a tica C I ng eg neria dei T ra sporti, P ia cenza lg eb ra di B ool, b locch i f unziona li, ta b ella

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico CENTRO INTEGRATO SERVIZI SCUOLA/TERRITORIO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 GRADO del Circondario Imolese Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento

Dettagli

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i CON VEGN O D P S : 1 5-1 2-2 0 1 6 IN S IEM E P ER IN VECCH IAR E CON S U CCES S O Con t r ib u t o Is t it u t o F r is ia M e r a t e ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

L E G G E F INANZIARIA 2007

L E G G E F INANZIARIA 2007 FORUM PERMANENTE L E G G E F INANZIARIA 2007 art. 1 comma 263 PREVEDE IL PASSAGGIO DI 2 01 IMMOB IL I DE L L A DIF E S A (CASERME, TERRENI, ARSENALI, POLIGONI) NON PIÙNECESSARI PER USI MILITARI NEL PATRIMONIO

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: TECNOLOGIE TESSILI classe Terza Le lezioni di Tecnologie Tessili hanno come scopo la conoscenza delle fibre tessili, dei filati e dei L o bbiettivo è que llo di co lle ga re

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE

GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE 1 La provincia di Cuneo ricca di IMPRESE DI CRISTALLO Estremamente preziose Estremamente fragili qualità potenzialità

Dettagli

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione C ONDIV IS ION E I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri Fem m inile M a s c hile U m ido S ec c o Freddo C a ldo P a s s ività A ttività C ons erva zione M uta m ento C ontra zio ne E

Dettagli

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Fd r. a re R ic clic a rd p eo r Dm aolle d ific G ara re v elo s tile d e l s o tto tito lo d e llo s c h

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17 Forum: I Soft Skills del Project Manager Paolo Vallarano 1/17 Elementi di conoscenza di Project Management (secondo Certificazione Base di ISIPM) CONOSCENZE COMPORTAMENTALI CONOSCENZE DI CONTESTO ELEMENTI

Dettagli

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le?

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? Pro f. Do m e n ic o Be ra rd i Is titu to d i Ps ic h ia tria, Un iv e rs ità d i Bo

Dettagli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli Piazza V. Emanuele II tei. 081/3911231 - Fax - 081/8797793 Prot. n. 12 8 6 2 Spedita il 1 0 MR8, 2016 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b licità V ia C u s to z a 8 V e rc e lli M IC H Y 'S H

Dettagli

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia Lug lio 2010 A rea politic he per la prom ozione della s a lute, delle pers one e delle pa ri opportunità S ervizio P olitic he di B enes

Dettagli

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9 L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza di Andrea Rinaldi A- A + 56% TOTALE VOTI 9 1 1 8 9 0 4 La pizza fa gola ai tedeschi, che hanno deciso di portarsela

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

Azienda USL di Piacenza

Azienda USL di Piacenza Azienda USL di Piacenza Aziende Sanitarie ed utenti Internet cambia il lavoro Le tecnologie della comunicazione cambiano anche i lavori tradizionali. Come cogliere le opportunità Roma, 19 maggio 2011 1

Dettagli

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE Cosa è Digicult Il portale web Il magazine online Il podcast e la newsletter L'agenzia D i gi C U L T è u n a p i a t t a f o r m a c u l t u r al e It alia n a o n li

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

Cantiere Navale di La Spezia

Cantiere Navale di La Spezia GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n. IT-001460 Cantiere Navale di La Spezia DICHIARAZIONE AMBIENTALE Anno 2015 Redatta secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 EMAS (Eco Management and Audit

Dettagli

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse L EQUILIBRATURA DEI PNEUMATICI PER TUTTE LE AUTO L occhio attento Con Fasep V651 la ruota con o senza cerchi in lega non creerà p iù p ro b le m i agli addetti ai lavori. Quest innovativa equilibratrice

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

d.ssa Maria Grazia Virga

d.ssa Maria Grazia Virga A S S E S S O R A TO P A R I O P P O R TU N ITA FE D E R A Z ION E ITA LIA N A D O N N E A R TI P R O FE S S IO N I A FFA R I S E Z IO N E D I C A C C A M O (P A ) Caccamo, 9 gennaio 2010 Infoday AGEVOLAZIONI

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Il tra s ferim ento e la va lorizza zione della ric erc a a ttra vers o S ta rt-up e S pin-off

Il tra s ferim ento e la va lorizza zione della ric erc a a ttra vers o S ta rt-up e S pin-off Il tra s ferim ento e la va lorizza zione della ric erc a a ttra vers o S ta rt-up e S pin-off P ro f. V in c e n z o P o z z o lo P o lite c n ic o d i T o rin o C os a s ping e un U nivers ita a fa re

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici

Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici Giancarlo Peli Area Sistemi Servizi Informatici di Ateneo Università degli Studi di Verona Argomenti trattati Il contesto applicativo I problemi da risolvere

Dettagli

S v i l u p p o e s i m u l a z i o n e d i d i s p o s i t i v i p e r i f e r i c i

S v i l u p p o e s i m u l a z i o n e d i d i s p o s i t i v i p e r i f e r i c i S v i l u p p o e s i m u l a z i o n e d i d i s p o s i t i v i p e r i f e r i c i I n q u e s t o c a p i t o l o v i e n e i m p o s t a t o i l p r ob l e m a d a r i s ol v e r e c o n q u e s t

Dettagli

Diploma di scuola media superiore SCUOLA DI SPECIALIZ- ZAZIONE

Diploma di scuola media superiore SCUOLA DI SPECIALIZ- ZAZIONE Diploma di scuola media superiore LAUREA Primo Livello Triennale LAUREA MAGISTRALE Secondo Livello Biennale MASTER Primo Livello Annuale MASTER Secondo Livello Annuale SCUOLA DI SPECIALIZ- ZAZIONE DOTTORATO

Dettagli

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA a cura di Anna Bonini F o rn ire se rv iz i sa n ita ri d i a lta q u a lità, a d e g u a ti in te rm in i d i v o lu m i e d i tip o lo g ie d i p re

Dettagli

PER LA QUALITA URBANA

PER LA QUALITA URBANA Quartiere SAN VITALE PER LA QUALITA URBANA IL QUARTIERE: PROGETTI, ANNOTAZIONI E CRITICITA IL QUARTIERE: PROGETTI E ANNOTAZIONI Si richiedono verde e giardini, scuole, parcheggi, pulizia e sicurezza Per

Dettagli

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E S I ST EMA MO S E CO NT RATTO P E R L ' A F F I DAM E N TO D E L LA FO R N I T U RA D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E CA R R E L LATE P E R LA BOCCA D I L I DO, P E

Dettagli

Il medico del pneumatico

Il medico del pneumatico LA REALTÀ D I U N C E N T R O G O M M E P E R V E IC O L I IN D U S T R IA L I Il medico del pneumatico Circolare in sicurezza significa anche montare pneumatici perfettamente funzionanti; un problema

Dettagli

K S O FT - L A zienda

K S O FT - L A zienda FA T T O R E K 1 K S O FT - L A zienda K S O FT nasce nel settembre 2007 da un progetto imprenditoriale di Fa tto re K e S o fting riunendo affermati professionisti operanti da anni ai massimi livelli

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Piacenza e Cremona

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Piacenza e Cremona UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Piacenza e Cremona I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO : UNO STRUMENTO DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO ESPERIENZE, CRITICITA E PROPOSTE DI MIGLIORAMENTO PIACENZA,

Dettagli

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO Equilibrio perfetto Alle volte è s u ffic ie n te modificare, anche di un solo grado, uno degli angoli caratteristici delle

Dettagli

TRIBUNALE di RAGUSA. 308/ 2014, p ro mo ssa d a o missis.., c o ntro o missis RELAZIONE DEL C.T.U.

TRIBUNALE di RAGUSA. 308/ 2014, p ro mo ssa d a o missis.., c o ntro o missis RELAZIONE DEL C.T.U. TRIBUNALE di RAGUSA Og g e tto: Pe rizia te c nic a re la tiva a l p ro c e d ime nto d i Ese c uzio ne Immo b ilia re n. 308/ 2014, p ro mo ssa d a o missis.., c o ntro o missis RELAZIONE DEL C.T.U. Pre

Dettagli

IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI

IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI SE ASSOCIATE: IPSIA BARCELLONA IPSAA BARCELLONA IPSAA MILAZZO PIAZZA CON VEN TO, 3 BARCELLON A P.G. (ME) tel. 0909702516 0909791453 fax 0909702515 E-m ail: ipiaferrari@tin.it

Dettagli

LABO RATO RIO D I INFO RM ATICA CLASSI 3 A E 3 B ANNO SCO LASTICO 2 0 0 8-0 9

LABO RATO RIO D I INFO RM ATICA CLASSI 3 A E 3 B ANNO SCO LASTICO 2 0 0 8-0 9 LABO RATO RIO D I INFO RM ATICA CLASSI 3 A E 3 B ANNO SCO LASTICO 2 0 0 8-0 9 Q ue st a nno, d ura nt e il la b o ra t o rio d i inf o rm a t ica, a b b ia m o o sse rva t o d ip int i d i VINCENT VA N

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE N 47 R E G.G E N E R A LE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ROMA SEZIONE 47 N 19561/2014 UDIENZA D E L 05/02/2016 ore 09:00 riunita con l'intervento

Dettagli

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982)

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) DISPOSIZIO NI DI C AR ATTER E FINANZIARIO Art. 1. Il limite massimo del saldo netto da finanziare per l anno 1982 resta determinato, in te rm ini di

Dettagli

Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI

Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI 1 Indice generale A n a li si di c o n t e s t o p a g. 3 L off e rt a d i f or m a z

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA classe Quarta Classe V Modulo 1 LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA TEMPI: settembre, ottobre Cono sce le teo rie della comunicazione pubblicitaria (attenzione

Dettagli

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 assicuriamo ascolto,garantiamo opportunità. via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 www.callneet.it - info@callneet.it CATALOGO FORMATIVO ti N. B. Il catalogo formativo potrà subire delle modifiche a

Dettagli

C H I S I A M O Servizi pubblici Energia

C H I S I A M O Servizi pubblici Energia CHI SIAMO Lo Studio Legale Fraccastoro è stato fondato nel 2014 dall avv. Giorgio Fraccastoro. E una boutique legale che, per scelta, si occupa esclusivamente di tematiche attinenti al diritto amministrativo.

Dettagli

Mortalità per causa. Salute e rifiuti in Campania Workshop interistituzionale Napoli, 24 aprile 2008

Mortalità per causa. Salute e rifiuti in Campania Workshop interistituzionale Napoli, 24 aprile 2008 Salute e rifiuti in Campania Workshop interistituzionale Napoli, 24 aprile 2008 Mortalità per causa Dr. Renato Pizzuti Regione Campania Assessorato alla Sanità Collaborazioni istituzionali in tema di localizzazione

Dettagli

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 e triennale 2015-2017 Note di sintesi ASSETTO CONTABILE - Il bilancio di previsione dell esercizio finanziario 2015 è il primo bilancio

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO I n f o r m a z io n i pe r s o n a l i Nome Indirizzo Cozzo D a c ia Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita E s p e r ie n z a l a v o r a t iv a

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE 1 PERUGIA partecipa a tale progetto con l obiettivo della Strategia n. 1 : la gestione degli

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

risultato indicatore composito 93,20% 79,60%

risultato indicatore composito 93,20% 79,60% PDR 2010 INDICATORI QUOTA NAZIONALE MARGINE OPERATIVO LORDO (a criteri IAS) RICAVI PRO CAPITE (a criteri IAS) risultato indicatore composito erogazione 93,20% 79,60% PDR 2010 QUOTA REGIONALE Accordi regionali

Dettagli

La prevenzione del Diabete tipo 2: Azioni dopo lo screening.

La prevenzione del Diabete tipo 2: Azioni dopo lo screening. La prevenzione del Diabete tipo 2: Azioni dopo lo screening. Oristano 20 Marzo 2012 Popolazione dai 35 anni in su Soggetti che hanno partecipato allo screening ORISTANO 108.000 5.803 5,374% LANUSEI % della

Dettagli

eha lavoratocon il dipinto: VEDUTADELLAPIANADI LA CRAU, PRESSOARLES

eha lavoratocon il dipinto: VEDUTADELLAPIANADI LA CRAU, PRESSOARLES Il secondogruppoera formatoda: BATTAINI ALESSIO VERGANI ALICE COLOMBOBIAGIO BARRODAVIDE RAGUSI EMANUEL ROTTIGNI LORENZO LAKBECH NADIA CACCIANONICOLAS SWAMI FORMENTI MONGUZZI SIMONE eha lavoratocon il dipinto:

Dettagli