AIF, cinquant anni: la nostra storia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AIF, cinquant anni: la nostra storia"

Transcript

1 AIF, cinquant anni: la nostra storia 1 C a r l a R o m a g n i n o G r u p p o N a z i o n a l e d i S t o r i a d e l l a F i s i c a C a g l i a r i, 2 6 m a g g i o

2 AIF, cinquant anni: la nostra storia 2 C a r l a R o m a g n i n o G r u p p o N a z i o n a l e d i S t o r i a d e l l a F i s i c a C a g l i a r i, 2 2 m a g g i o

3 Come definirci? 3 A l b e r t E i n s t e i n S a b b a d e l l e s t r e g h e c h e a v r e b b e f a t t o l a d e l i z i a d e i p a d r i g e s u i t i M a r i e C u r i e L e s a m o u r e u x d e l a p h y s i q u e

4 Antefatti 4 Radici profonde nella storia della comunità dei fisici italiani. attivi come ricercatori anche insegnanti di fisica delle scuole secondarie

5 La Società Italiana di Fisica 5 Gennaio 1897: appello per la costituzione di una Società Italiana di Fisica; risposero 214 aderenti, di cui ben 110 (oltre il 51%) docenti di scuola secondaria Di questo la SIF tenne conto, sia nel formare il primo Consiglio direttivo sia nella elaborazione dello statuto.

6 La crisi 6 Avvento del fascismo Crisi della fisica italiana scollamento tra il mondo delle scienze e il resto della cultura italiana crescente separazione tra scuola e università Dopoguerra: perdura la concezione gentiliana della scuola.

7 Insoddisfazione 7 Esigenza di miglioramento Crisi della fisica Italiana Scadente preparazione Esigenza di rinnovamento Esigenza di coordinamento e scambio

8 Iniziative fondamentali 8 Fondazione (1953), a Milano, del Museo della Scienza e della Tecnica: Seminari di Addestramento alla sperimentazione didattica. La vita dell AIF si intreccerà più volte con quella del Museo.

9 Iniziative fondamentali 9 Uscita (Aprile 1957) del Giornale di Fisica, rivolto in modo preminente agli insegnanti di fisica delle scuole secondarie e la conseguente ripresa di contatti tra la SIF e il mondo della scuola.

10 Iniziative fondamentali 10 Documento A new approach to Physics teaching : considerava la fisica elemento essenziale per la formazione culturale e per la vita quotidiana di ogni uomo; suo insegnamento essenziale fin dai primi anni dell istruzione. Conferenza europea (Parigi, 1960) su iniziativa O.C.S.E.

11 Lo Sputnik 11 Uno choc per l America: la supremazia sovietica in campo scientifico indusse gli americani a una profonda riflessione sulla qualità e sull efficienza della scuola statunitense.

12 Physical Science Study Committee 12 Gruppo di ricerca al Massachusetts Institute of Technology 1960: Physical Science Study Committee (P.S.S.C.) per la scuola superiore.

13 Primi passi 13 Presentazione del P.S.S.C.. Petizione alla SIF Nascita dei Seminari Didattici. Ottobre 1960, Napoli Congresso SIF Maria Ferretti Bruno Rossi, M.I.T. Giovanni Polvani, Presidente SIF ( )

14 La fondazione 14 Como 1961, Congresso SIF: nacque l idea di costituire una associazione autonoma. Gilberto Bernardini Gennaio 1962, corso di sperimentazione didattica al Museo Scienza & Tecnica di Milano: un gruppo di insegnanti degli istituti tecnici industriali, creò la Associazione Insegnanti di Fisica per i professori degli Istituti Tecnici. Il numero iniziale degli aderenti fu di 10 soci. Consiglio di Presidenza SIF: costituzione di un associazione per docenti dell Ordine Classico affiliata alla SIF.

15 La fondazione Azioni per unificare le due Associazioni in fieri 25 Maggio 1962, alla presenza di un notaio e di sei proponenti, a Torino, fu costituita l Associazione Insegnanti di Fisica (A.I.F.): per tutti i professori di fisica di ruolo o in pensione di scuole pubbliche o private. 15 Studio del notaio Mazzola Corso San Martino, 3 Torino

16 I fondatori Mario Gliozzi, autore di una importante Storia della Fisica di cui è uscita di recente (2006) una edizione postuma curata dai figli e pubblicata da Bollati Boringhieri. Francesco Iacino, figura chiave per la organizzazione dell associazione Filippo Odone, autore del saggio Elementi di fisica atomica e nucleare, Padova - CEDAM, 1963, 16 Mario Gliozzi Mario Paltrinieri, del saggio Fisica - per istituti tecnici industriali - CEDAM

17 Irene Ricono Oscar Eitel Sodano I fondatori 17 Tutti residenti a Torino: tre piemontesi (Odone, Ricono, Sodano); un emiliano (Paltrinieri), un calabrese (Gliozzi), un siciliano (Iacino). Odone primo presidente (sede ITI Avogadro) Iacino tesoriere. 13 settembre 1962: prima assemblea generale a Bologna, 48 Congresso SIF. Numero soci: 260 tra cui 6 scuole. I.T.I. A. Avogadro

18 P.S.S.C. 18 Accordo MPI-OCSE (metà delle spese prime 20 classi pilota). Commissione nazionale per i Corsi Pilota presieduta da Giampietro Puppi. Due seminari a Bologna (1962) seguiti da un corso di quattro settimane a Spoleto (agosto 1962). Giampietro Puppi

19 P.S.S.C. 19 Italia: diffusione attraverso corsi di aggiornamento residenziali organizzati dal MPI e della durata di un mese. Elio Fabri Nella Tomasini Grimellini Autunno 1962 prime classi pilota. Fabri (direttore del corso per i licei), Veronesi, Loria, Tomasini (revisore del testo italiano nelle sue varie edizioni Zanichelli): 1963 Bologna; 1964 Moena; 1965 Pisa

20 Rafforzamento 20 Corsi pilota : permisero agli insegnanti di fisica di conoscersi meglio e contribuirono allo sviluppo della associazione. 1 Congresso AIF, Bari, ottobre 1963, eletti in C. D. 7 su 16 componenti partecipanti ai corsi P.S.S.C. Spoleto, 1962 Tomasini, Insolera, Chiellini, Haber-Schaim, Ferretti

21 Attività di base Riforma della scuola media (1962), dà l avvio ad un processo di scolarità di massa. Desiderio di rinnovamento molto forte. Primi cinque anni di vita: 21 azione di sensibilizzazione ai problemi dell insegnamento della fisica nelle scuole secondarie attraverso il Bollettino e gli incontri annuali; studio di nuovi programmi di fisica programmi di fisica all interno di apposite commissioni composte di docenti universitari e insegnanti.

22 Collaborazione con la SIF Efficace collaborazione con la SIF: 1966, Savino Melone, Commissione mista SIF-AIF, durò in carica circa dieci anni; studio dei problemi didattici su l insegnamento della fisica ai diversi livelli. Riforma della secondaria considerata imminente 22 Alluvione di Firenze (4 nov 1966): la tipografia che stampa il bollettino subisce gravi danni, distrutti gli indirizzi, i clichées e gli articoli già preparati.

23 Commissione mista prese di posizione su argomenti d attualità (per es. sul libro bianco del M.P.I. sul biennio) documento sull aggiornamento degli insegnanti (si ipotizza un Istituto Regionale poi recepito nei Decreti Delegati) inchiesta sui corsi abilitanti proposta a M.P.I. di un progetto di finanziamento per ricerche didattiche elaborazione di nuovi programmi Iniziativa Relatività 23

24 (*) Iniziativa Relatività 1971, dopo il Congresso di Venezia. 24 Esperimento didattico controllato, a carattere nazionale, indirizzato ad inserire nell insegnamento della fisica a livello liceale, una trattazione semplice, sintetica e tuttavia significativamente rigorosa della Relatività Speciale. Comitato tecnico comprendente pedagogisti. Due seminari a Serapo, Gaeta, ottobre 1971 e novembre 1972: si stabilì di adottare la linea cosiddetta sperimentale, proposta da Giulio Cortini senza trascurare lo sviluppo storico cui fu riconosciuto un insostituibile valenza formativa e culturale.

25 (*) Iniziativa Relatività 25 Giulio Cortini, GAP, Gruppi d'azione Patriottica 1973 partì la sperimentazione nelle classi che durò tre anni scolastici.

26 1967 Nuovo nome e nuovo statuto Associazione per l Insegnamento della Fisica Modifiche nel metodo di elezione cariche sociali 1968 Bollettino trasformato in rivista La Fisica nella Scuola (Elio Fabri). Novità 26

27 La Fisica nella Scuola , Articoli originali didattica della fisica. Comitato redazione: 12 persone, Presidente/Direttore (S.Melone che poi lasciò la presidenza a Orlandini) sottoscrizione abbonamenti per le scuole da MPI LFNS Notizie (F. Dalla Valle) 1980, nuovo statuto, Direttore membro del C.D. 1982, Atti dei Congressi (ciclostilati, pubblicazione a stampa nel 1986) 1986, Numeri speciali (Curzia Marchi Trevisi)

28 La Fisica nella Scuola , Michelini, nuove linee editoriali 1991, Iscrizione a ISSN. La rivista ha scambi ufficiali con 12 equivalenti a livello internazionale. 1993, Quaderni e International Meeting Science Education Journals (Gaeta)

29 (*) La Fisica nella Scuola Luigi Brasini, Rita Serafini, , Ricci: dato l alto livello raggiunto da LFNS, il Giornale di Fisica si occuperà prevalentemente di Storia della Fisica, lasciando la Didattica a LFNS 2001, Numero Europeo (Francia, Germania, Belgio, Spagna). 2003, Cambio veste grafica

30 La contestazione studentesca 30 Disinteresse dei docenti universitari verso la scuola. Scadente immagine della scienza Esponenti della comunità scientifica italiana: la scienza condizionata dal capitalismo americano,e anche per essa utilizzata la divisione destra e sinistra. Primo sbarco dell uomo sulla Luna

31 Ricadute positive 31 Accesi dibattiti in assemblea: approfondimento delle modalità di conduzione della associazione e dei rapporti da tenere con le istituzioni.

32 La crescita numerica 32 Nascita delle sperimentazioni: numerosi corsi di aggiornamento fecero crescere il numero di soci. Francesco Dalla Valle: l AIF passa dalla fase adolescenziale a quella di giovinezza forte ed impegnata

33 La crescita numerica 33 I corsi abilitanti speciali, 1972 Attuazione dei Decreti Delegati, anno scolastico Migliore presa di coscienza dei problemi degli insegnanti e delle loro esigenze di formazione e quindi lo sviluppo di specifiche competenze. Aumento del numero di soci: da circa 700 all inizio degli anni 70 a oltre il doppio alla fine del decennio.

34 I rapporti internazionali Stretti contatti con le associazioni straniere. GIREP, fin dai primi anni della sua nascita (1966) ICASE di cui l AIF fu tra i soci fondatori e, dieci anni dopo (1985), rappresentante europea. 34 Primo incontro internazionale dei rappresentanti delle Associazioni degli insegnanti delle discipline scientifiche per la fondazione dell ICASE, Oxford, dicembre 1975 (intervento di Maurizio Francesio).

35 Separazione dalla SIF Scioglimento della Commissione mista 1978 Separazione dai congressi

36 Scioglimento commissione mista Mancata dotazione di un regolamento Allargamento a rappresentanti dei Seminari Didattici, divenendo, da un lato organo di coordinamento dei Seminari Didattici, e, dall altro, organo autonomo rispetto ai Consigli Direttivi delle due Associazioni. 36 Insoddisfazione per i rapporti privilegiati tenuti dalla SIF con altri organi istituzionali Causa scatenante: richiesta di un parere urgente su un progetto MPI-CNR per l aggiornamento degli insegnanti. AIF: mancanza di serietà e scarsa considerazione delle competenze.

37 Protagonisti 37 Bonacini fu un presidente amatissimo: in suo nome fu istituito un premio annuale sulla base di un fondo istituito dopo la sua morte, avvenuta improvvisamente nel marzo Cesare Bonacini Carlo Castagnoli

38 Nuovi presidenti : Francesco Dalla Valle Maurizio Francesio

39 Auguri! 39

40 La separazione dai congressi 1978, Rimini, primo congresso organizzato autonomamente dall AIF; fu un grande successo. Relatori Alberto Masani e Mario Ageno. Protagonisti: Francesco Dalla Valle, Maurizio Francesio (divenne presidente) e Ettore Orlandini 40 Congresso AIF, Rimini 1979 (da sx: Orlandini, Fichera Ispettore MPI, Francesio)

41 Edoardo Amaldi Congresso di Rimini, 1979

42 Benefici 42 Crescita culturale nei congressi opportunità per i giovani di seguire e presentare relazioni, seminari, discussioni senza timore reverenziale Ruolo assunto nei confronti del Ministero Indagine sulla esigenza di formazione degli insegnanti Indagine sull insegnamento della fisica nelle scuole sperimentali

43 Gruppi di lavoro Istituiti col nuovo statuto del Ricerca didattica Aggiornamento Fisica quantistica Storia della Fisica (dal 1985, tuttora attivo) Scuola dell Obbligo Programmi

44 Commissione SIF AIF - GNDF , convegno a Rapallo, costituzione commissione SIF- AIF-GNDF (Gruppo Nazionale di Didattica della Fisica del CNR), composta da nove persone, con il compito di analizzare ed elaborare i nuovi programmi di fisica per il biennio. Tre membri AIF: Fabio De Michele, Anna Maria Gilberti, Curzia Marchi Trevisi; Tre membri SIF: Sergio Focardi, Bruno Preziosi, Renato Angelo Ricci; Tre membri GNDF: Giulio Cortini, Roberto Gallino, Guido Vegni.

45 Il santo protettore : Ettore Orlandini 45 Membro del C.D. per 19 anni, due volte v.presidente, presidente dal 1968 al 1972, divenne Ispettore Centrale del MPI. Continuò nel suo instancabile impegno in tutti i settori in cui l AIF era coinvolta. Per suo impulso l attività di aggiornamento divenne sempre più importante. Scomparve nel febbraio Ettore Orlandini a Gaeta, 1984

46 Collaborazioni con altre associazioni 46 COASSI, AIF soltanto un ruolo di rappresentanza e non membro effettivo; si occupava poco di didattica e di scuola. 1982, su iniziativa AIF (Presidente Francesco Dalla Valle ): Coordinamento Nazionale delle Associazioni di Insegnanti di materie scientifiche.

47 Attività Seminario di studio (Villa Falconieri, Frascati, 1983): per la prima volta le Associazioni scientifiche degli insegnanti promuovono assieme una iniziativa di carattere nazionale. Venezia (1983): su iniziativa del ministro Franca Falcucci. 47 Qualche anno dopo (1988) fu avviato il Piano Nazionale per l Informatica.

48 (*) Ripresa contatti , riavvicinamento con SIF e DD-SCI (laboratorio di Fisica-Chimica, sperimentazione Brocca); 1996, petizione al ministro Berlinguer (nove presidenti) sui problemi dell insegnamento scientifico e dell aggiornamento e formazione iniziale e in servizio degli insegnanti. 1997, Forum delle associazioni disciplinari, con l intento di dare un contributo critico al progetto di riforma avviato da Berlinguer; tuttora attivo. 1997, documento AIF-SIF su L insegnamento delle scienze sperimentali nei nuovi curricoli, farà da base per il documento dei Saggi I contenuti essenziali per la formazione di base.

49 (*) Rapporti col Ministero 1996, protocollo d intesa AIF-MPI: scuole estive di formazione e protocollo d intesa con LNGS 1999, protocollo d intesa AIF SIF SAIt; 2000, AIF soggetto qualificato per la formazione; 2005, protocollo d intesa AIF DD-SCI ANISN per la promozione di un piano di formazione; , piano I.S.S., promosso dai presidenti Riccardo Govoni e Silvano Sgrignoli.

50 Olimpiadi 1987, incarico, da parte del Ministero, di organizzare la partecipazione dell Italia alle Olimpiadi Internazionali della Fisica. Presidente AIF: Curzia Marchi Trevisi Coordinatrice del progetto: Giuliana Cavaggioni 50

51 1999, Padova Olimpiadi Internazionali Olimpiadi 51 Paolo Violino Cerimonia di inaugurazione

52 Olimpiadi 52 Giochi di Anacleto, scuole estive, partecipazione a EUSO (Olimpiadi Europee delle Discipline Scientifiche)

53 Punto di forza, indispensabili per il radicamento della Associazione e per lo svolgimento di attività rilevanti (olimpiadi, congressi, indagini, ISS) Primo elenco del 1965: 9, TO, MI, BO, PD, MO, Chieti, BA, Messina, Salerno; oggi 50 Prima assemblea segretari di sezione: 3 marzo 1974 Nomina, per statuto, del responsabile del coordinamento: 1980 Sezioni AIF 53

54 Logo AIF , su proposta di Pietro Cerreta, venne approvato dal Consiglio Direttivo (presidente Valeriano di Biasio) il logo. AIF

55 Mezzi di comunicazione 55 Sito internet nel 1995 A.I.F. Associazione per l'insegnamento della Fisica MIGLIORARE E RIVALUTARE L'INSEGNAMENTO DELLA FISICA, CONTRIBUIRE AD ELEVARE IL LIVELLO DELLA CULTURA SCIENTIFICA IN ITALIA Mailing list nel Newsletter nel 2012

56 Scuole di formazione 56

57 Citazione 57 Le associazioni rendono l uomo più forte e mettono in risalto le doti migliori delle singole persone, e danno la gioia, che raramente s ha restando per proprio conto, di vedere quanta gente c è onesta e brava e capace e per cui vale la pena di volere cose buone (mentre, vivendo per proprio conto, capita più spesso il contrario, ). (da Il barone rampante Italo Calvino, cap. XIV).

58 Speranza 58

Relazione di presentazione del Piano ISS al Collegio Docenti e al Consiglio d Istituto

Relazione di presentazione del Piano ISS al Collegio Docenti e al Consiglio d Istituto PIANO ISS Presidio MILANO Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - tel.: (02) 28.20.786 / 28.20.868 fax: (02) 28.20.903 / 26.11.69.47

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca, nel seguito denominato Ministero, rappresentato dal Capo Dipartimento

Dettagli

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV)

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) (con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 14 aprile 1996) 1 S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO FINALITÀ E SCOPI Art. 1 L Associazione è costituita al fine di sostenere le scuole aderenti nel raggiungimento dei fini istituzionali

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere PROGETTO DONNE & SCIENZA progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere Contesto Normativo Nascita 1989 Comitato pari opportunità presso il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

Il Master in Didattica delle Scienze per Insegnanti di Scuola Primaria dell Università di Torino

Il Master in Didattica delle Scienze per Insegnanti di Scuola Primaria dell Università di Torino La qualità nell'insegnamento delle scienze Convegno conclusivo del Master sulla Didattica delle scienze Università degli Studi di Milano-Bicocca, 9-10 novembre 2009 Il Master in Didattica delle Scienze

Dettagli

Art. 1. E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del codice civile l Asssociazione Liberal Popolari. Art.3

Art. 1. E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del codice civile l Asssociazione Liberal Popolari. Art.3 S T A T U T O della Associazione LIBERAL POPOLARI COSTITUZIONE E FINALITA Art. 1 E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del codice civile l Asssociazione Liberal Popolari con sede in Roma, Via dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE PROFESSIONALE PERMANENTE DEI NOTAI. Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato l 11 luglio 2013

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE PROFESSIONALE PERMANENTE DEI NOTAI. Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato l 11 luglio 2013 REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE PROFESSIONALE PERMANENTE DEI NOTAI Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato l 11 luglio 2013 Pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia il 31

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI La Prof.ssa Fiorella D Angeli si è laureata in Giurisprudenza il 28 novembre 1972 presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza con votazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI UNIVERSITA DEGLI STUDI e-campus FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Corso di laurea GIURISPRUDENZA MAGISTRALE PROF. AVV. Fiorella D Angeli CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI La Prof.ssa Fiorella

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO CNF DEL 13/7/2007 Articolo 1. Definizioni Nell ambito del presente atto: 1) per Regolamento

Dettagli

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE STATUTO SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA TEL. 06-6920781 FAX 06-6789102 sioi@sioi.org - WWW.SIOI.ORG STATUTO STATUTO DELLA

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER

Dettagli

"Paolo Baffi" Centre on International Markets, Money and Regulation

Paolo Baffi Centre on International Markets, Money and Regulation Centro Permanente di Ricerca Permanent Research Centre Acronimo BAFFI CENTRE Denominazione "Paolo Baffi" Centre on International Markets, Money and Regulation Oggetto di attività Economia e diritto dei

Dettagli

CAMPUS EUROPA 2012. percorsi formativi e pratici di cittadinanza attiva. note biografiche dei relatori. promuoviamo la cultura della pace e del futuro

CAMPUS EUROPA 2012. percorsi formativi e pratici di cittadinanza attiva. note biografiche dei relatori. promuoviamo la cultura della pace e del futuro CAMPUS EUROPA 2012 percorsi formativi e pratici di cittadinanza attiva note biografiche dei relatori Silvia Cantoni Professore associato confermato di Diritto internazionale presso la Facoltà di Scienze

Dettagli

Elisabetta Melli Curriculum aggiornato al 16 marzo 2012

Elisabetta Melli Curriculum aggiornato al 16 marzo 2012 Elisabetta Melli Curriculum aggiornato al 16 marzo 2012 Nata a Luserna San Giovanni (TO) il 12 ottobre 1967. Nel 1986 ha conseguito il diploma di maturità in Ragioneria con voto 60/60 presso l'istituto

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979 Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Mariangela Mazzaglia Indirizzo (residenza) Via Flarer, n. 25 27100 Pavia Telefono 06 97727075 (MIUR) Fax 06 97727391 (MIUR) E-mail mariangela.mazzaglia@miur.it

Dettagli

PROCEDURA Nr.08 (Ed.03) GESTIONE DELLE MANIFESTAZIONI CULTURALI DELLA SIF

PROCEDURA Nr.08 (Ed.03) GESTIONE DELLE MANIFESTAZIONI CULTURALI DELLA SIF INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. RESPONSABILITA' 5. MODALITA' OPERATIVE 6. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA 7. CONTRIBUTO ECONOMICO DELLA SIF 8. RESOCONTO DELLA MANIFESTAZIONE 9. VALUTAZIONE

Dettagli

Società Chimica Italiana Divisione di Chimica Organica

Società Chimica Italiana Divisione di Chimica Organica Società Chimica Italiana Divisione di Chimica Organica Linee Guida per l Organizzazione e la Gestione dei Convegni e delle Attività Culturali della Divisione di Chimica Organica Approvate con delibera

Dettagli

3.2 D0CENTI DOCENTE EUROPEO: FORMAZIONE INIZIALE PER FUTURI DOCENTI DI SCUOLA SECONDARIA. CATENA DEL VALORE: 3. Attività di formazione, 5.

3.2 D0CENTI DOCENTE EUROPEO: FORMAZIONE INIZIALE PER FUTURI DOCENTI DI SCUOLA SECONDARIA. CATENA DEL VALORE: 3. Attività di formazione, 5. 2 D0CENTI DOCENTE EUROPEO: FORMAZIONE INIZIALE PER FUTURI DOCENTI DI SCUOLA SECONDARIA. CATENA DEL VALORE: Attività di formazione,. Placement 102 Il progetto, finanziato nell ambito del programma comunitario

Dettagli

PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID

PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID Documenti di base a cura di Anna Lepre, Isabella Marini, Silvia Zanetti e Anna Pascucci 1 PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID Documenti di base INTRODUZIONE

Dettagli

RETE NAZIONALE EDUCARE ALL EUROPA

RETE NAZIONALE EDUCARE ALL EUROPA RETE NAZIONALE EDUCARE ALL EUROPA Ascoltare e comunicare a livello locale ACCORDO DI RETE Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio pianta alberi. Se fai piani per la vita,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

PROF.SSA IDA ANGELA NICOTRA

PROF.SSA IDA ANGELA NICOTRA PROF.SSA IDA ANGELA NICOTRA CON DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (6 GIUGNO 2013) È STATA NOMINATA COMPONENTE DELLA COMMISSIONE PER LE RIFORME COSTITUZIONALI 1. POSIZIONE ACCADEMICA: a)

Dettagli

Autore : Dottore Commercialista - Revisore Legale Luigi Raffaele Vassallo

Autore : Dottore Commercialista - Revisore Legale Luigi Raffaele Vassallo Autore : Dottore Commercialista - Revisore Legale Luigi Raffaele Vassallo 1 GENERALITA Cognome Nome Ruolo Settore Scientifico Disciplinare Facoltà Titolo E-mail Ricevimento Studenti Struttura di Appartenenza

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO 3 4 Capo I Natura e scopi dell A.N.S.I. Art. 1 È costituita l Associazione Nazionale Scuola Italiana (A.N.S.I.) con sede centrale in Roma. Art. 2 L A.N.S.I.

Dettagli

Roberto Curtolo CURRICULUM SINTETICO. Istruzione e formazione * Nato a Venezia il 30/12/1956

Roberto Curtolo CURRICULUM SINTETICO. Istruzione e formazione * Nato a Venezia il 30/12/1956 Roberto Curtolo CURRICULUM SINTETICO Nato a Venezia il 30/12/1956 Istruzione e formazione * 1971 1976 Istituto Tecnico G. Marconi Padova Diploma di perito per l industria dell abbigliamento Votazione 60/60

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Al via il nuovo anno scolastico. Ecco tutte le novità Gelmini: Domani giornata storica Domani è una giornata

Dettagli

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO VISTO l art. 15 della Legge 7 agosto 1990, n. 241 che prevede per le Amministrazioni Pubbliche la possibilità di concludere tra loro accordi

Dettagli

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI introduzione del Presidente Silvio Berlusconi e del Ministro Giorgia Meloni 2010: PARTE

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale-Sportiva Scolastica-Franco Formato

Statuto dell Associazione Culturale-Sportiva Scolastica-Franco Formato Statuto dell Associazione Culturale-Sportiva Scolastica-Franco Formato NATURA E SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 FINALITA Presso il Liceo Scientifico Statale Galileo Ferrars di Varese è costituita l Associazione

Dettagli

LICEO MOLINO. PIACENZA Scuola aperta 2010-2011

LICEO MOLINO. PIACENZA Scuola aperta 2010-2011 LICEO GIULIA MOLINO COLOMBINI PIACENZA Scuola aperta 2010-2011 dirigenza Dirigente scolastico: Prof. MARGHERITA FIENGO Docente Vicario: Prof. ANNAMARIA TRIOLI Da 150 anni nella storia di Piacenza fondato

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

INFORMAZIONI COGNOME E NOME PIEMONTE MARCO INDIRIZZO C.SO V.EMANUELE 127 84122 SALERNO TELEFONO 089.220239 FAX 089.94931147 ITALIANA NAZIONALITÀ

INFORMAZIONI COGNOME E NOME PIEMONTE MARCO INDIRIZZO C.SO V.EMANUELE 127 84122 SALERNO TELEFONO 089.220239 FAX 089.94931147 ITALIANA NAZIONALITÀ CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME E NOME PIEMONTE MARCO INDIRIZZO C.SO V.EMANUELE 127 84122 SALERNO TELEFONO 089.220239 FAX 089.94931147 E-MAIL MPIEMONTE@AMODEOASSOCIATI.IT NAZIONALITÀ ITALIANA

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. E costituita una libera associazione non profit di diritto privato ai sensi dell articolo 36 codice.

STATUTO. Articolo 1. E costituita una libera associazione non profit di diritto privato ai sensi dell articolo 36 codice. STATUTO Articolo 1 E costituita una libera associazione non profit di diritto privato ai sensi dell articolo 36 codice civile, denominata ASSOCIAZIONE PUBBLICI CITTADINI. Articolo 2 La Associazione ha

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26.

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. Art. 2 Oggetto L Associazione

Dettagli

giuseppina.fecchi@istruzione.it;

giuseppina.fecchi@istruzione.it; 1 CURRICULUM VITAE GIUSEPPINA FECCHI Nome Telefono 075-69964 E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita 01-04-1954 GIUSEPPINA FECCHI giuseppina.fecchi@istruzione.it; ESPERIENZA LAVORATIVA Presso Ministero

Dettagli

l-lb1.pdf da l-lb0.htm

l-lb1.pdf da l-lb0.htm l-lb1.pdf da l-lb0.htm 50. I periodici e le associazioni. Il giornalismo matematico può favorire l opera degli insegnanti di scuola secondaria in più modi: a) Porgere letture atte ad allargare ed approfondire

Dettagli

GIULIO VESPERINI CURRICULUM

GIULIO VESPERINI CURRICULUM GIULIO VESPERINI CURRICULUM - E' nato a Roma il 19 agosto 1959 Attività formative - Si è laureato il 23 marzo 1984, presso l'università La Sapienza di Roma, discutendo una tesi su " La riforma delle partecipazioni

Dettagli

AIN 1958 2008 CINQUANT ANNI DI IMPEGNO ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE COSA È L AIN

AIN 1958 2008 CINQUANT ANNI DI IMPEGNO ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE COSA È L AIN COSA È L AIN AIN 1958 2008 CINQUANT ANNI DI IMPEGNO L'Associazione Italiana Nucleare è un'associazione tecnicoscientifica no-profit che rappresenta i centri di competenza esistenti in Italia nel campo

Dettagli

MASSIMO BELLOTTO CURRICULUM VITAE

MASSIMO BELLOTTO CURRICULUM VITAE MASSIMO BELLOTTO CURRICULUM VITAE Nato: Venezia il 18 maggio 1947. Residente: Res. Seminario 842, 20090 Milano 2 Segrate (MI) I. CURRICULUM DEGLI STUDI Conseguita la Maturità Classica, si è laureato in

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail PEDACCINI FLORIS PERGENTINA Nazionalità Data di nascita [ Giorno, mese, anno

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Nato a Modigliana (FO) il 18/7/1957. C.F. RBN GNN 57L18F 259S Laureato in Giurisprudenza presso l Università di Urbino.

CURRICULUM VITAE. Nato a Modigliana (FO) il 18/7/1957. C.F. RBN GNN 57L18F 259S Laureato in Giurisprudenza presso l Università di Urbino. CURRICULUM VITAE Dott. Giovanni Rubini Via Marzabotto, 3 47842 S. Giovanni in Marignano (RN) e-mail: rubini@daedala-pesaro.it tel: 0721/67326 fax: 0721/378538 www.daedala.it Nato a Modigliana (FO) il 18/7/1957.

Dettagli

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi STATUTO Art. 1) E costituita una fondazione denominata Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia Art. 2) La fondazione ha sede in Palermo, in Via Messina n. 15 Art. 3) La fondazione ha durata illimitata.

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES (proposta deliberata dal Senato Accademico nella seduta del 23 maggio 2013 e approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 23 maggio

Dettagli

AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione)

AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione) AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione) Commissioni Il Consiglio Direttivo provvede a costituire Commissioni

Dettagli

Anche le montagne respirano, ma noi siamo troppo limitati per accorgercene (saggezza Sioux)

Anche le montagne respirano, ma noi siamo troppo limitati per accorgercene (saggezza Sioux) F. de Sabata, Università di Udine e liceo G. Galilei di Verona Anche le montagne respirano, ma noi siamo troppo limitati per accorgercene (saggezza Sioux) EPPUR SI MUOVE L IDEA: Trattare in ambito INTERDISCIPLINARE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nastasi Salvatore Data di nascita 14/05/1973

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nastasi Salvatore Data di nascita 14/05/1973 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nastasi Salvatore Data di nascita 14/05/1973 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente di I fascia ai sensi dell'art. 19, comma 6 del

Dettagli

All attenzione dell Assessore Pubblica Istruzione, dott.ssa Patrizia Panarello. Proposta di massima per la realizzazione di

All attenzione dell Assessore Pubblica Istruzione, dott.ssa Patrizia Panarello. Proposta di massima per la realizzazione di All attenzione dell Assessore Pubblica Istruzione, dott.ssa Patrizia Panarello e, p.c a tutti i dirigenti scolastici delle scuole primarie e secondarie di primo grado del comune di Messina. Proposta di

Dettagli

Novembre 1985 Si è iscritto al corso di laurea in storia presso la Facoltà di Lettere dell'università di Pisa.

Novembre 1985 Si è iscritto al corso di laurea in storia presso la Facoltà di Lettere dell'università di Pisa. 1 ENRICO FRANCIA CURRICULUM DELL'ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA LUOGO E DATA DI NASCITA: Acquasanta Terme (A.P.), 14 luglio 1966 TITOLO DI STUDIO: Dottorato in storia contemporanea RESIDENZA: Padova,

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

Con il patrocinio di: e con il contributo di:

Con il patrocinio di: e con il contributo di: L Azienda USL di Modena, in collaborazione con l Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale e il Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva, organizza il Concorso Marketing

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

Specialista Attività Socio Educative Amministrazione. Comune di Corciano Responsabile Area Socio Educativa/Istituzione Incarico attuale

Specialista Attività Socio Educative Amministrazione. Comune di Corciano Responsabile Area Socio Educativa/Istituzione Incarico attuale CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CARLA BORGHESI Data di nascita 25.12.1952 Qualifica Specialista Attività Socio Educative Amministrazione Comune di Corciano Responsabile Area Socio Educativa/Istituzione

Dettagli

Progetto Scuole & CSR - 1

Progetto Scuole & CSR - 1 Progetto Scuole & CSR Con il rinnovo del Protocollo d Intesa sulla CSR, tra Regione del Veneto e Unioncamere del Veneto, siglato il 16 giugno 2009, è stata approvata, per il 2009/2010, una particolare

Dettagli

Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute. Scuola. Introduzione

Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute. Scuola. Introduzione Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute Introduzione Le esigenze di competenza alla luce della nuova regolamentazione europea in materia

Dettagli

Curriculum vitae di PIER PAOLO GATTA. - Diplomato con voti 60/60 presso l Istituto Tecnico Agrario Statale G. Garibaldi di Cesena (FO).

Curriculum vitae di PIER PAOLO GATTA. - Diplomato con voti 60/60 presso l Istituto Tecnico Agrario Statale G. Garibaldi di Cesena (FO). Curriculum vitae di PIER PAOLO GATTA - Diplomato con voti 60/60 presso l Istituto Tecnico Agrario Statale G. Garibaldi di Cesena (FO). - Laureato in Medicina Veterinaria con voti 107/110 presso l Università

Dettagli

FORUM ICT FORUM ICT. il miglioramento delle strategie e dei processi aziendali attraverso le tecnologie dell informazione e della comunicazione

FORUM ICT FORUM ICT. il miglioramento delle strategie e dei processi aziendali attraverso le tecnologie dell informazione e della comunicazione FORUM ICT FORUM ICT Management e tecnologia il miglioramento delle strategie e dei processi aziendali attraverso le tecnologie dell informazione e della comunicazione in partnership con Fondazione CUOA

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Titolo di studio. Altri titoli di studio e professionali

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Titolo di studio. Altri titoli di studio e professionali CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome GRANDI ANNA Data di nascita 12.10.1955 Qualifica EP D5 GSQ FUNZIONARIO Amministrazione MUNICIPALITA LIDO PELLESTRINA Incarico Attuale RESPONSABILE

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITA EU INFORMAZIONI PERSONALI Nome MATTEO CHIAPASCO Indirizzo Via Bernardino Telesio 19 - Milano Telefono 02 50319000 Fax 02 50319040 E-mail matteo.chiapasco@unimi.it Nazionalità italiana CODICE

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 È costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del codice civile un associazione culturale

Dettagli

Il clima cambia! Cambiamo anche noi! Progetta la casa intelligente.

Il clima cambia! Cambiamo anche noi! Progetta la casa intelligente. In collaborazione con: con il patrocinio di: Il clima cambia! Cambiamo anche noi! Progetta la casa intelligente. Progetto di educazione e informazione rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

Maturità classica presso il Liceo-Ginnasio statale Luciano Manara di Roma

Maturità classica presso il Liceo-Ginnasio statale Luciano Manara di Roma Curriculum Vitae del Dott. Bruno Mangiatordi Nato a Roma il 2.2.1955 Maturità classica presso il Liceo-Ginnasio statale Luciano Manara di Roma Università Statale di Roma La Sapienza Laurea in Giurisprudenza

Dettagli

Docente di Fisica e laboratorio di Fisica (cl. A038) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Docente di Fisica e laboratorio di Fisica (cl. A038) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI NOME E COGNOME DATA DI NASCITA QUALIFICA AMMINISTRAZIONE INCARICO ATTUALE DANILA PASSARELLA 06 ottobre1954 Docente di Fisica e laboratorio di Fisica (cl. A038) Ministero

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE. DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A

PROTOCOLLO D'INTESA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE. DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE (di seguito denominato Ministero) E DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A (di seguito denominata Casa Editrice) VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n.

Dettagli

GIACALONE ELISA Ufficio Personale Tecnico Amm.vo Elevata professionalità Area Amministrativa-gestionale

GIACALONE ELISA Ufficio Personale Tecnico Amm.vo Elevata professionalità Area Amministrativa-gestionale C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome Struttura Categoria GIACALONE ELISA Ufficio Personale Tecnico Amm.vo Elevata professionalità Area Amministrativa-gestionale Telefono 0815475148

Dettagli

S.M.S. "AOSTA" DI MARTINA FRANCA (TA)

S.M.S. AOSTA DI MARTINA FRANCA (TA) INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSSI Donatella Data di nascita 14/05/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia S.M.S. "AOSTA" DI MARTINA FRANCA (TA) Dirigente

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU32 07/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU32 07/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU32 07/08/2014 Codice DB1814 D.D. 19 marzo 2014, n. 85 Museo Regionale di Scienze Naturali. Approvazione dei bandi del Concorso Letterario Michele Lessona raccontare la natura... dedicato

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Amministrazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Iavicoli Gabriella Data di nascita 8 luglio 1951 Qualifica Dirigente scolastico Amministrazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della

Dettagli

Organizzazione di Eventi Culturali

Organizzazione di Eventi Culturali Bologna - Febbraio 2007 con frequenza al sabato Il Master Gli Obiettivi I Destinatari Il Master L intreccio tra professioni, pubblico e luoghi, nei quali gli eventi e i prodotti culturali si dispiegano

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA

STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA Articolo 1. Denominazione e sede. Su iniziativa dell Associazione R.E TE. Imprese Italia è costituita la Fondazione R.E TE. Imprese Italia, con sede in Roma.

Dettagli

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona ANNO SCOLASTICO 2014/15 Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente PREMESSA La formazione e l aggiornamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Miola Gianna Marisa Data di nascita 18/03/1950

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Miola Gianna Marisa Data di nascita 18/03/1950 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Miola Gianna Marisa Data di nascita 18/03/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO, UNIVERSITA' E RICERCA Dirigente

Dettagli

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

STRUTTURA DELL UNIVERSITA in una prospettiva storica. I. Università negli anni 50 e 60

STRUTTURA DELL UNIVERSITA in una prospettiva storica. I. Università negli anni 50 e 60 STRUTTURA DELL UNIVERSITA in una prospettiva storica I. Università negli anni 50 e 60 Organi di Ateneo: - Consiglio di Amministrazione - Senato Accademico (solo Presidi di Facoltà) - Rettore Facoltà: responsabile

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DOTT. MARCO ZICCARDI Indirizzo Corso Svizzera, 30 Torino Telefono 011/7497866 011/7497466 Fax 011/7497582

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Indirizzo STRPQL71H24D086O

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Indirizzo STRPQL71H24D086O CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo C.F. PASQUALE STAROPOLI VIA BELLANTONE, 4 89018 VILLA S. GIOVANNI (RC), ITALIA STRPQL71H24D086O P.IVA 02230000800 Telefono 347/5458389 0965/759529

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI SILVESTRO MARIA ROSA. Data di nascita 11/02/1963

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI SILVESTRO MARIA ROSA. Data di nascita 11/02/1963 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 11/02/1963 Qualifica Amministrazione SILVESTRO MARIA ROSA II Fascia MINISTERO Incarico attuale Dirigente - DIRIGENTE TECNICO IN SERVIZIO PRESSO LA D. G. PER

Dettagli

Dichiarazione di Amsterdam

Dichiarazione di Amsterdam L.B. Dal P A R E R E del Comitato economico e sociale in merito alla ʺProposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce lʹanno europeo dellʹeducazione attraverso lo sport 2004

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

Indici annate1984 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992

Indici annate1984 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 Indici annate1984 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1984 1 Informare i giovani. Le esperienze di Torino, Bologna, Brescia, Forlì, Milano, Verona, Voghera. 2 La dispersione scolastica nella scuola

Dettagli

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE OTTOBRE 2014 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE AVV. GIANDOMENICO PAPA Ordine degli Avvocati di Ancona R E S P O N S A B I L E S E R V I Z I O L E G A L E U n i v e r s i t à P o l i t e c n i c a d e l

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli