Norme Tecniche di Attuazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Norme Tecniche di Attuazione"

Transcript

1 Comune di Genga Provincia di Ancona Piano Generale degli impianti pubblicitari e per le Pubbliche Affissioni Norme Tecniche di Attuazione gennaio 2010

2 PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione INDICE Parte I Disposizioni generali Titolo I - Generalità Art. 1 Articolazione Art. 2 Contenuti e campo di applicazione Art. 3 Elaborati di Piano Parte II Pubblicità esterna Titolo II - Definizioni e tipologie pubblicitarie Art. 4 Tipologie pubblicitarie Art. 5 Mezzo pubblicitario Art. 6 Cartelli Art. 7 Bacheca Art. 8 Insegne di esercizio Art. 9 Altri mezzi pubblicitari Art. 10 Preinsegna Art. 11 Striscioni, locandina o stendardo Art. 12 Segno orizzontale reclamistico Art. 13 Impianti pubblicitari di servizio Art. 14 Impianti di pubblicità o propaganda Art. 15 Pubblicità diversa Art. 16 Abaco degli impianti Art. 17 Norme specifiche per impianti di pubblicità varia Titolo III - Regole per l istallazione Art. 18 Art. 19 Art. 20 Art. 21 Art. 22 Art. 23 Art. 24 Art. 25 Art. 26 Art. 27 Criteri generali Le zone Zona I centro storico Zona II centro abitato vincolato Zona III centro abitato non vincolato Zona IV - Territorio extraurbano non parco Zona V Territorio extraurbano area parco Aree servizi Grotte di Frasassi Pubblicità su tende Viabilità di interesse panoramico e storico - paesaggistico - 2 -

3 Art. 28 Art. 29 Art. 30 Art. 31 Art. 32 Art. 33 Titolo IV - Istanza di autorizzazione ed istruttoria Domanda per rilascio autorizzazione Istruttoria e rilascio dell autorizzazione Obblighi del titolare dell autorizzazione Pubblicità abusiva Canone di concessione Norme transitorie Parte III Pubbliche affissioni Art. 34 Art. 35 Art. 36 Titolo V - Definizioni Definizione e quantificazione degli impianti di pubbliche affissioni Servizio delle pubbliche affissioni Definizione e tipologia dell impianto, prescrizioni tecniche Titolo VI - Regole per l installazione Art. 37 Criteri generali Art. 38 Occupazione di marciapiedi Art. 39 Ripartizione della superficie degli impianti Art. 40 Effettuazione delle affissioni dirette Art. 41 Impianti esistenti da confermare previa modifica del tipo di supporto e/o della superficie Art. 42 Impianti esistenti da rimuovere Art. 43 Collocazione dei nuovi impianti previsti dal presente Piano Art. 44 Superficie massima complessiva degli impianti Art. 45 Attuazione del Piano Art. 46 Quadro riepilogativo degli impianti per le pubbliche affissioni Art. 47 Norma di rinvio Sanzioni Amministrative Art. 48 Abrogazioni precedenti disposizioni Art. 48 Norma di rinvio Allegati: Elaborato A Relazione illustrativa Tavola 1 Abaco impianti pubblicitari e pubbliche affissioni Tavola 2 Attuale localizzazione impianti pubbliche affissioni Tavola 3 Previsione localizzazione impianti pubbliche affissioni - 3 -

4 Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art. 1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato in tre parti: - Parte I. Disposizioni generali - Parte II. Pubblicità esterna - Parte III. Pubbliche Affissioni 2. La prima parte fornisce gli elementi per la lettura del piano e le indicazioni di carattere generale; 3. La seconda parte individua: - Le zone del territorio comunale all interno delle quali sono collocabili i mezzi di pubblicità esterna - Le aree del territorio comunale all interno delle quali non è consentito o sono comunque limitate le installazioni di mezzi di pubblicità esterna 4. La terza parte individua: - Gli impianti esistenti da confermare nella loro posizione e nel tipo di supporto - Gli impianti esistenti da confermare previa modifica del tipo di supporto - Gli impianti esistenti da rimuovere - La collocazione dei nuovi impianti previsti dal presente Piano Art. 2 Contenuti e campo di applicazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari, elaborato in conformità ai criteri stabiliti dal D.Lgs. 15 Novembre 1993 n. 507 e successive modifiche ed integrazioni e dal Regolamento Comunale per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni, si applica all intero territorio del Comune e detta norme per l installazione dei mezzi di pubblicità esterna e degli impianti per le pubbliche affissioni, anche ai fini dell applicazione dei tributi comunali ad essi relativi. Art. 3 Elaborati di Piano 1. Il piano generale degli impianti pubblicitari è costituito dai seguenti elaborati: - Norme Tecniche di Attuazione - Disegni: Tav. 1 Abaco degli impianti pubblicitari e per le pubbliche affissioni Tav. 2 Attuale localizzazione impianti per le pubbliche affissioni Tav. 3 Previsione localizzazione impianti per le pubbliche affissioni 2. Sono allegati del Piano i seguenti elaborati: - Elaborato A Relazione illustrativa - 4 -

5 PARTE II PUBBLICITA ESTERNA Titolo I DEFINIZIONI E TIPOLOGIE PUBBLICITARIE Art. 4 Tipologie pubblicitarie 1. Ai soli fini del calcolo dell imposta sulla pubblicità le tipologie pubblicitarie, in riferimento al D. Lgs 507/93 e successive modifiche ed integrazioni sono così classificate: 1.1 Pubblicità ordinaria: effettuata mediante insegne, cartelli, locandine, targhe, stendardi o qualsiasi altro mezzo non previsto dai successivi punti; 1.2 Pubblicità effettuata con veicoli; 1.3 Pubblicità effettuata con pannelli luminosi e proiezioni: caratterizzata dall uso di diodi luminosi, lampadine e simili, mediante controllo elettronico, elettromeccanico o comunque programmato in modo da garantire la variabilità del messaggio o la sua visione in forma intermittente, lampeggiante o similare o effettuate su schermi o pareti riflettenti; 1.4 Pubblicità varia effettuata: con striscioni o altri mezzi similari che attraversano strade o piazze; da veicoli mediante scritte, striscioni, disegni fumogeni, lancio, o consegna brevi- mano di oggetti o manifestini; con palloni frenati o simili, mediante distribuzione di manifestini o di altro materiale pubblicitario, oppure mediante persone circolanti con cartelli od altri mezzi pubblicitari, a mezzo apparecchi amplificatori e simili. Art. 5 Mezzo pubblicitario 1. Si definisce mezzo pubblicitario qualunque manufatto finalizzato alla pubblicità o alla propaganda, sia di prodotti che di attività; 2. Nel presente Piano i mezzi pubblicitari sono classificati in: - cartelli - bacheche - insegne d esercizio - altri mezzi pubblicitari Art. 6 Cartelli 1. Si definisce cartello un manufatto bidimensionale supportato da una idonea struttura di sostegno, o fissato direttamente su una superficie muraria, con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione dei messaggi sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti, adesivi, ecc. 2. Rientrano nella presente categoria i manufatti tridimensionali auto portanti con una o più facce finalizzate alla diffusione dei messaggi sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di - 5 -

6 altri elementi, quali manifesti, adesivi, ecc., di forma circolare (cilindri), rettangolare o triangolare (totem). 3. Ai fini dell imposta comunale i cartelli rientrano nella pubblicità ordinaria di cui al precedente Art. 7 Bacheca Si definisce bacheca bacheca un manufatto bidimensionale realizzato in legno e formata da due montanti e cornice, con tetto a spiovere, che alloggia la pannellatura centrale per affissioni, con una sola o entrambe le facce, finalizzato esclusivamente alla affissione di comunicazioni di natura istituzionale, sociale o comunque priva di rilevanza economica. Art. 8 Insegne di esercizio 1. Si definisce insegna di esercizio la scrittura in caratteri alfanumerici relativi all attività esercitata, completata eventualmente da simboli o da marchi, sempre relativi all attività stessa logo, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. 2. Ai fini dell imposta comunale le insegne di esercizio rientrano nella categoria pubblicità ordinaria di cui al precedente Art. 4. Art. 9 Altri mezzi pubblicitari Si definisce con il termine altri mezzi pubblicitari qualunque manufatto finalizzato alla pubblicità e propaganda, sia di prodotti che di attività, non individuabile secondo le definizioni precedenti ed in particolare riferito ai seguenti manufatti: - Preinsegna - Striscioni, locandina e stendardo, - Segno orizzontale reclamistico, - Impianti pubblicitari di servizio, - Impianto di pubblicità o propaganda, - Pubblicità diversa. Art. 10 Preinsegna 1. Si definisce preinsegna la scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento ed eventualmente da simboli e da marchi, realizzata su manufatto bifacciale o bidimensionale, utilizzabile su una sola o entrambe le facce, supportata da idonea struttura di sostegno, finalizzata alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività ed installata in modo da facilitare il reperimento della sede stessa

7 2. Ai fini dell imposta comunale le preinsegne rientrano nella categoria pubblicità ordinaria di cui al precedente Art. 4. Art. 11 Striscioni, locandina o stendardo 1. Si definiscono striscioni, locandina e stendardo gli elementi bidimensionali realizzati in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, mancante di una superficie di appoggio o comunque non aderente alla stessa. 2. Ai fini dell imposta comunale gli striscioni rientrano nella categoria pubblicità varia, le locandine e gli stendardi nella categoria pubblicità ordinaria di cui al precedente Art. 4. Art. 12 Segno orizzontale reclamistico 1. Si definisce segno orizzontale reclamistico la riproduzione sulla superficie stradale, con pellicole adesive, di scritte in caratteri alfanumerici, di simboli e marchi, finalizzata alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici. 2. Ai fini dell imposta comunale i segni orizzontali reclamistici rientrano nella categoria pubblicità ordinaria di cui al precedente Art. 4. Art. 13 Impianti pubblicitari di servizio 1. Si definiscono impianti pubblicitari di servizio io i manufatti aventi quale scopo primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale (fermate autobus, pensiline, cestini, panchine, ecc.) recante spazio pubblicitario. 2. Ai fini dell imposta comunale gli impianti pubblicitari di servizio rientrano nella categoria pubblicità ordinaria di cui al precedente Art. 4. Art. 14 Impianti di pubblicità o propaganda 1. Si definiscono impianti di pubblicità o propaganda qualunque manufatto finalizzato alla pubblicità o propaganda sia di prodotti che di attività e non individuabile secondo le definizioni precedenti. 2. La pubblicità su veicoli o rimorchi è limitata, allo scopo di evitare la diffusione di veicoli o rimorchi utilizzati esclusivamente per l esposizione di grandi messaggi pubblicitari per conto terzi con veicoli, a quella strettamente connessa all impresa proprietaria o utilizzatrice del veicolo, nell osservanza del disposto dell articolo 57 del regolamento emanato con D.P.R. 16 dicembre 1992, n Ai fini dell imposta comunale gli impianti di pubblicità o propaganda rientrano nella categoria pubblicità ordinaria di cui al precedente Art

8 Art. 15 Pubblicità diversa 1. Si definisce pubblicità diversa quella effettuata tramite: pubblicità fonica; pubblicità sulle strutture di cantiere; aree di servizio dei distributori di carburante volantinaggio a carattere commerciale Pubblicità sanitaria Art. 16 Abaco degli impianti 1. Per abaco degli impianti pubblicitari e per le pubbliche affissioni si intende l insieme delle indicazioni in merito alle caratteristiche tipologiche degli impianti, le dimensioni di riferimento, le caratteristiche generali dei materiali, delle superfici e delle finiture cui riferirsi nella progettazione degli stessi. 2. Gli abachi sono parte integrante delle presenti norme tecniche del Piano. Art. 17 Norme specifiche per impianti di pubblicità diversa 1. E' ammessa la pubblicità sulle strutture di cantiere, limitatamente alla durata di validità del provvedimento edilizio, con impianti pittorici o realizzati su teli, a copertura dei ponteggi o delle recinzioni, anche per tutta la loro ampiezza. Il messaggio pubblicitario potrà essere variato con cadenza non inferiore a 3 (tre) mesi, con analoghi impianti pittorici o realizzati su teli. A tal fine dovrà essere anticipatamente presentata all'amministrazione domanda di autorizzazione, allegando copia del bozzetto a colori in scala adeguata. In assenza di rilievi la richiesta si intenderà assentita trascorsi 30 (trenta) giorni dalla data di assunzione al protocollo comunale. E' comunque vietato realizzare impianti simili o altrimenti equivalenti, per tipologia, dimensione, modalità e materiali a quelli previsti per le affissioni. dall'articolo 32 del presente Piano. E' vietato in ogni caso l'utilizzo dei materiali cartacei, pellicole e simili, applicati o incollati su supporti rigidi, sulle coperture dei ponteggi o sulle protezioni del cantiere. 2. Aree di servizio dei distributori di carburante. Nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio possono essere collocati cartelli a seconda delle categorie delle strade, secondo le norme del C.d.S., con le seguenti limitazioni: - l'esposizione di qualsiasi mezzo pubblicitario dovrà essere collocata alla distanza di due metri dal ciglio stradale, avere una dimensione massima di due metri quadrati ed un'altezza non superiore a quattro metri da terra. - I messaggi esposti dai detti mezzi pubblicitari collocati nelle aree di servizio dovranno riguardare solo le prestazioni dei servizi offerti all'automobilista del tipo: cambio olio, gommista ecc...; - 8 -

9 - l'altezza massima che potrà raggiungere l'impianto montato su palo avente il "logo" della società distributrice non potrà essere superiore a ml. 4,60, né potrà sporgere sulla strada. - La suddetta struttura potrà servire di supporto esclusivamente per le informazioni relative alla tariffa offerta ed all'orario di apertura dell'impianto purché queste risultino poste ad altezza non inferiore a ml. 3,00 da terra; in casi particolari, potranno essere realizzate altre tipologie solo alle condizioni descritte nell'ultimo capoverso. - E' comunque vietata la collocazione di cartelli o altri mezzi pubblicitari su bordi di marciapiedi o di cigli stradali (art. 23, C.d.S..), come le insegne luminose (e non), stendardi ecc..., collocati sopra le pensiline di protezione delle pompe di erogazione. Sono da preferire pensiline realizzate con criteri di semplicità in modo che le stesse risultino inserite nel paesaggio senza, peraltro, nascondere la vista di edifici o presenze storicamente riconoscibili. Per l'installazione di altri mezzi pubblicitari nelle stazioni di servizio dovranno comunque essere rispettate le norme previste dal C.d.S., come sarà sempre necessaria l'autorizzazione da parte degli uffici competenti: Polizia Urbana e servizio Urbanistica e Gestione del Territorio per quanto di competenza Titolo II REGOLE PER L ISTALLAZIONE Art. 18 Criteri generali 1. Nella messa in opera dei mezzi pubblicitari, così come definiti agli articoli precedenti, oltre alle indicazioni contenute nel C.d.S., art. 23, e nel capo I del DPR 495/92 e s.m.i., devono essere osservate le seguenti indicazioni: - Tutti i mezzi pubblicitari devono essere realizzati nelle loro parti strutturali con materiali non deperibili e resistenti agli agenti atmosferici; - Devono avere sagoma regolare, evitando di generare confusione con la segnaletica stradale, - Per i cartelli e le insegne di esercizio, con esclusione di quelle poste in aderenza ai fabbricati, dovrà essere rispettato il rapporto dimensionale massimo H/L o L/H = 6 /10; - Le strutture di sostegno e di fondazione devono essere calcolate per resistere alla spinta del vento, saldamente realizzate e ancorate, sia globalmente che nei singoli elementi; - Dovrà essere adottata particolare cautela nell uso dei colori, specialmente il rosso e il loro abbinamento, al fine di non generare confusione con la segnaletica stradale, specialmente in corrispondenza o in prossimità di intersezioni, - Il colore rosso utilizzato nei cartelli, nelle insegne di esercizio e negli altri mezzi pubblicitari non dovrà costituire sfondo di segnali stradali di pericolo, di precedenza e d obbligo e dovrà evitare di limitarne la percettibilità; - La croce verde luminosa è consentita esclusivamente per indicare farmacie, ambulatori e posti di pronto soccorso; - E vietata l apposizione di messaggi pubblicitari sui bordi dei cigli stradali

10 Art. 19 Le zone 1. Il Piano, ai fini dell individuazione dei criteri da seguire per l installazione dei mezzi pubblicitari relativi alla pubblicità esterna, prevede la suddivisione del territorio in cinque zone: - Zona I centro storico (zone A del vigente P.R.G.) - Zona II centro abitato vincolato (Genga, S. Donnino, Colleponi, S. Fortunato, Avenale, S. Vittore, Pierosara, Camponocecchio e Valtreara) - Zona III centro abitato non vincolato (tutti gli altri centri abitati) - Zona IV - territorio extraurbano non parco - Zona V - territorio extraurbano parco 2. Per ciascuna zona il piano determina: - Le singole tipologie dei mezzi pubblicitari ammesse e non ammesse; - Le condizioni per la loro messa in opera; - Le limitazioni e le prescrizioni in ordine alle loro dimensioni; - Le indicazioni e le limitazioni in merito alle sorgenti luminose. 3. Per ciascuna zona dovranno comunque essere rispettate, oltre alle indicazioni specifiche riportate negli articoli successivi, tutte le norme riportate al Capo I " Pubblicità sulle strade e sui veicoli del Reg.to di att.ne del C. d. S., DPR n. 495 (Art. 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 56, 58) e s.m.i.. Art. 20 Zona I centro storico 1. La zona I centro storico (zona A del P.R.G.) è considerata zona di pregio e valore storico ambientale pertanto l installazione dei mezzi pubblicitari deve assolutamente garantire la tutela ed il rispetto dei valori esistenti. 2. Nella zona I centro storico sono ammessi i seguenti mezzi pubblicitari: - Bacheche - Insegne di esercizio - Preinsegne, locandine e stendardi - Impianti pubblicitari di servizio 3. Sono vietati i seguenti mezzi pubblicitari: - Striscioni - Cartelli - Segni orizzontali reclamistici - Impianti di pubblicità o propaganda 4. Le insegne sporgenti dal muro a bandiera sono consentite solo se realizzate in rame, con e- ventuale luce indiretta, e per i soli esercizi di generi di Monopolio, posti di pronto soccorso e farmacie. La forma e le dimensioni delle insegne a bandiera dovranno essere tali da poter essere iscritte in una circonferenza del diametro massimo di 60 cm

11 Art. 21 Zona II centro abitato vincolato 1. Le zone II centro abitato vincolato corrispondono alle parti di territorio individuate come centro abitato. e sottoposta al vincolo di tutela di bellezze naturali, paesaggistiche ed ambientali di cui al D. Lgs. n. 490 del Nella zona II centro abitato vincolato sono ammessi i seguenti mezzi pubblicitari: - Cartelli - Bacheche - Insegne di esercizio Altri mezzi pubblicitari limitatamente a: - Locandine e stendardi - Impianti pubblicitari di servizio - Preinsegna - Striscioni 3. Sono invece vietati i seguenti mezzi pubblicitari: - Segni orizzontali reclamistici - Impianti di pubblicità o propaganda. 4. Per la collocazione ed installazione dei mezzi pubblicitari ammessi, oltre ai criteri generali di cui al precedente art. 18, valgono le seguenti indicazioni e limitazioni: 5. Cartelli ed insegne di esercizio 5.1 La superficie di ogni singola insegna installata non potrà superare i 1,5 mq; 5.2 La superficie di ogni singolo cartello installato non potrà superare i 3 mq; 5.3 Per la collocazione di cilindri e totem, così come definiti al precedente art. 6, comma 2, valgono le seguenti disposizioni: - Altezza massima 3 m.; - Superficie orizzontale di proiezione compresa entro una circonferenza del diametro massimo di 1,00 m 5.4 Con esclusione dei cartelli e delle insegne posizionate parallelamente rispetto al senso di marcia dei veicoli e ad una distanza dal limite della carreggiata superiore a 1,5 m valgono le disposizioni di cui all art. 22 punto 4.4; 5.5 E comunque sempre vietato il posizionamento di cartelli ed insegne nei punti indicati all art. 22 punto Altri mezzi pubblicitari 6.1 Per le preinsegne valgono le disposizioni di cui all art. 22 punto 5.1; 6.2 Per le locandine e gli stendardi, le distanze dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari si riducono a 12,5 m; 6.3 Per gli impianti pubblicitari di servizio costituiti da pensiline di fermata autobus, e da transenne parapedonali recanti uno spazio pubblicitario, valgono le distanze minime di cui all art. 22 punto 4.4; 6.4 Non sono ammessi impianti pubblicitari di servizio con superficie superiore a 3 mq. 7. Messaggi variabili e impianti luminosi 7.1 Valgono le disposizioni cui all art. 22 punti 6.1, 6.2;

12 Art. 22 Zona III centro abitato non vincolato 1. Le zone III centro abitato non vincolato - corrispondono alle parti di territorio individuate come centro abitato ai sensi dell art. 4 del C.d.S. (D. Lgs n. 285/1992) con esclusione di quella sottoposta al vincolo di tutela di bellezze naturali, paesaggistiche ed ambientali di cui al D. Lgs n. 490 del Nella zona III centro abitato non vincolato sono ammessi tutti i mezzi pubblicitari definiti al Titolo I delle presenti norme. 3. Per la collocazione e la installazione dei mezzi pubblicitari, oltre ai criteri generali di cui al precedente art. 18, valgono le seguenti indicazioni e limitazioni: 4. Cartelli ed insegne di esercizio: 4.1 la superficie di ogni singola insegna installata non potrà superare i 3 mq. 4.2 la superficie di ogni singolo cartello installato non potrà superare i 6 mq. 4.3 se posti parallelamente al senso di marcia dei veicoli e ad una distanza dalla carreggiata superiore a 1,5 m la superficie dei cartelli potrà essere aumentata fino a 9 mq. 4.4 con esclusione dei cartelli e delle insegne posizionate parallelamente rispetto al senso di marcia dei veicoli e ad una distanza limite dalla carreggiata superiore a 0,5 m, inoltre dovranno essere rispettate inoltre le seguenti distanze minime: - 20 m, lungo le vie urbane, prima dei segnali di pericolo e di prescrizione, - 10 m, lungo le strade locali, prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione e delle intersezioni; - 25 m dagli altri cartelli o mezzi pubblicitari, dai segnali di indicazione e dopo i segnali stradali di pericolo e di prescrizione, e le intersezioni. 4.5 E comunque sempre vietato il posizionamento di cartelli ed insegne nei seguenti punti: - sulle corsie esterne alle carreggiate, sulle cunette e sulle pertinenze di esercizio delle strade che risultano comprese tra carreggiate contigue con larghezza inferiore a 3.5 metri; - in corrispondenza delle intersezioni; - sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; - sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza e sugli altri dispositivi laterali di protezione e di segnalamento; 4.6 con esclusione dei cartelli e delle insegne posizionate parallelamente rispetto al senso di marcia dei veicoli e ad una distanza limite della carreggiata superiore a 1,5 m è vietata l installazione lungo le curve (definite all articolo 3, comma 1, punto 20 del codice della strada) e su tutta l area compresa tra la curva stessa e la corda tracciata tra i due punti di tangenza; 5. Altri mezzi pubblicitari 5.1 Le preinsegne devono avere forma rettangolare e dimensioni contenute entro i limiti inferiori di 1 m x 0,20 m e superiori di 1,50 m. x 0,30 m. E ammesso l abbinamento sulla stessa struttura di sostegno di un numero massimo di sei preinsegne per ogni senso di marcia a condizione che le stesse abbiano le stesse dimensioni e costituiscano oggetto di un unica autorizzazione

13 5.2 L esposizione di striscioni, locandine e stendardi è ammessa unicamente per la promozione pubblicitaria di manifestazioni e spettacoli ed anche per il lancio di iniziative commerciali. L esposizione è limitata al periodo di svolgimento della manifestazione, dello spettacolo o della iniziativa cui si riferisce, oltre che al mese precedente per i successivi tre giorni alla conclusione della stessa. 5.3 Per gli striscioni, le locandine e gli stendardi, le distanze dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari si riducono a 12,5 m; 5.4 I segni orizzontali reclamistici sono ammessi unicamente: - All interno di aree ad uso pubblico di pertinenza di complessi industriali o commerciali; - Lungo il percorso di manifestazioni sportive o su aree delimitate, destinate allo svolgimento di manifestazioni di vario genere, limitatamente al periodo di svolgimento delle stesse ed alle ventiquattro ore precedenti e successive. Per essi non si applicano le distanze minime. 5.5 Per gli impianti pubblicitari di servizio costituiti da paline e pensiline di fermata autobus, e da transenne parapedonali recanti uno spazio pubblicitario, valgono le distanze minime di cui al punto 4.4 del presente articolo; 6. Messaggi variabili e impianti luminosi 6.1 I mezzi pubblicitari luminosi, per luce propria o per luce indiretta, posti lungo o in prossimità delle strade, non possono avere luce né intermittente, né di intensità luminosa superiore a 150 candele per metro quadrato, o che, comunque, provochi abbagliamento; 6.2 Per i mezzi pubblicitari a messaggio variabile, posti in posizione trasversale al senso di marcia dei veicoli, non è consentito un periodo di variabilità inferiore a cinque minuti. Art. 23 Zona IV - Territorio extraurbano non parco 1. Le zone IV territorio extraurbano non parco corrispondono alle parti di territorio comunale esterne al centro abitato non sottoposte alla tutela del territorio del Parco naturale regionale Gola della Rossa e di Frasassi. 2. Nelle zone IV territorio extraurbano non parco sono ammessi tutti i mezzi pubblicitari definiti al Titolo I delle presenti norme. 3. Per la collocazione ed installazione dei mezzi pubblicitari, valgono in generale i disposti degli Art. 48, 49, 50, 51, 52, del DPR 495/92 e successive modifiche ed integrazioni, con le seguenti specificazioni: 4. Cartelli ed insegne d esercizio: 4.1 I cartelli e le insegne di esercizio non devono superare la superficie di 6 mq; 4.2 Il posizionamento dei mezzi pubblicitari è autorizzato ed effettuato nel rispetto delle seguenti distanze minime: - 3 m dal limite della carreggiata; m dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari m prima dei segnali di pericolo e di prescrizione - 50 m dopo i segnali di pericolo e di prescrizione m prima dei segnali di indicazione - 50 m dopo i segnali di indicazione

14 - 100 m dal punto di tangenza delle curve come definite all art. 3, comma 1, punto 20 del C.d.S m prima delle intersezioni - 50 m dopo le intersezioni 4.3 le distanze si applicano nel senso delle singole direttrici di marcia; 4.4 Nel caso in cui, lateralmente alla sede stradale e in corrispondenza del luogo in cui viene chiesto il posizionamento di cartelli, già esistano a distanza inferiore a 3 m dalla carreggiata, costruzioni fisse, muri, filari di alberi, di altezza inferiore a 3 m è ammesso il posizionamento stesso in allineamento con la costruzione fissa, con il muro e con i tronchi degli alberi. 4.5 I cartelli non devono, in ogni caso, ostacolare la visibilità dei segnali stradali entro lo spazio di avvistamento. 4.6 Il posizionamento dei mezzi pubblicitari è comunque vietato nei seguenti punti: - Nelle fasce di rispetto dei principali percorsi individuati dal P.R.G. in quanto coincidenti con itinerari di interesse turistico per i loro caratteri panoramici e storico-paesaggistici (art. 55 N.T.A.); - Nelle zone marginali all edificato sottoposte a tutela assoluta (R1 - art. 33 N.T.A. del P.R.G.); - Nelle zone di rispetto del verde storico e del verde privato (R2 - art. 33 N.T.A. del P.R.G.);. Nelle zone di rispetto di pertinenza dei beni storico-culturali dell insediamento diffuso (R6- art. 33 N.T.A. del P.R.G.); - Sulle corsie esterne alle carreggiate, sulle cunette e sulle pertinenze di esercizio delle strade che risultano comprese tra carreggiate contigue; - In corrispondenza delle intersezioni; - Lungo le curve e su tutta l area compresa tra la curva stessa e la corda tracciata tra i due punti di tangenza - Sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 - In corrispondenza di raccordi concavi o convessi segnalati - Sui ponti - Sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza e sugli altri dispositivi laterali di protezione e di segnalamento. 4.7 Le norme di cui al punto 4.2 (ad eccezione di quelle relative alle intersezioni e lungo le curve), non si applicano per le insegne di esercizio, per i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari, a condizione che le stesse siano collocate parallelamente al senso di marcia dei veicoli ed in aderenza, per tutta la loro superficie, ai fabbricati o comunque ad una distanza dal limite della carreggiata, non inferiore a 3 m. 4.8 Nelle aree di parcheggio è ammessa, in eccedenza alle superfici pubblicitarie computate in misura percentuale, la collocazione di altri mezzi pubblicitari abbinati alla prestazione di servizi per l utenza della strada entro il limite di 1 mq per ogni servizio prestato. 4.9 Può essere autorizzata la collocazione, per ogni senso di marcia, di una sola insegna di esercizio per ogni stazione di rifornimento di carburante e stazione di servizio, della superficie massima di 4 mq ferme restando tutte le altre disposizioni del presente articolo. Le insegne

15 di esercizio di cui sopra sono collocate nel rispetto delle distanze e delle norme sopra specificate, ad eccezione della distanza dal limite della carreggiata. 5. Altri mezzi pubblicitari 5.1 Per gli altri mezzi pubblicitari valgono, oltre quelli indicati all Art. 22 punti 5.1, 5.2, 5.3 e 5.4, le seguenti disposizioni: 5.2 Ad una distanza, prima delle intersezioni, non superiore a 500 m, è ammesso il posizionamento di preinsegne in deroga alle distanze minime stabilite al punto 4.2 numero 2, 3,4, 5, 6 e 8. In tal caso, le preinsegne possono essere posizionate ad una distanza minima prima dei segnali stradali, pari allo spazio di avvistamento previsto per essi e, dopo i segnali stradali, pari al 50% dello stesso spazio. Rispetto agli altri cartelli o mezzi pubblicitari è rispettata una distanza minima di 50 m. 5.3 Per gli striscioni, le locandine e gli stendardi, le distanze dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari si riducono a 50 m 5.4 Per gli impianti pubblicitari di servizio costituiti da paline e pensiline di fermata autobus, e da transenne parapedonali recanti uno spazio pubblicitario con superficie inferiore a 3 mq, non si applicano le precedenti distanze minime. 6. Messaggi variabili e impianti luminosi 6.1 Per i messaggi variabili e impianti luminosi valgono le disposizioni di cui all art. 22 punti 6.1, 6.2 Art. 24 Zona V Territorio extraurbano area parco 1. Le zone V territorio extraurbano vincolato corrispondono ai territori aperti (come definiti dall art. 13 delle N.T.A. del P.d.P. e cartografati alla Tav. 2 del P.d.P.) sottoposti alla tutela del territorio del Parco naturale regionale Gola della Rossa e di Frasassi. 2. Nella zona V territorio extraurbano parco sono ammessi i seguenti mezzi pubblicitari: - Insegne di esercizio poste nelle aree di pertinenza di attività artigianali, commerciali e di servizio, consentite dall art. 21 del regolamento del Parco, purché attinenti alla specifica attività, - Preinsegne di installazioni presenti all interno del Parco o nelle immediate vicinanze. - L esposizione di striscioni, locandine e stendardi è ammessa unicamente per la promozione pubblicitaria di manifestazioni e spettacoli ed anche per il lancio di iniziative commerciali. L esposizione è limitata al periodo di svolgimento della manifestazione, dello spettacolo o della iniziativa cui si riferisce, oltre che al mese precedente per i successivi tre giorni alla conclusione della stessa. - la cartellonistica a carattere temporaneo in occasione di manifestazioni locali, purché non luminosa o contenete altre informazioni non attinenti all evento, - la segnaletica escursionistica lungo la viabilità minore e nelle aree attrezzate per la sosta ed il ristoro. - Impianti pubblicitari di esercizio. Le caratteristiche tecniche, nonché i termini e le modalità di installazione sono definite da un apposito disciplinare attuativo. 3. Sono vietati:

16 - cartelli - segni orizzontali reclamistici - impianti di pubblicità o propaganda - svolgere pubblicità fonica e volantinaggio a carattere commerciale. 4. E fatto divieto a chiunque di apporre elementi segnalatori, verticali e orizzontali, anche limitati a segni grafici su elementi naturali, se non espressamente autorizzati dal Parco. 5. Per la collocazione ed installazione dei mezzi pubblicitari consentiti, valgono in generale i disposti degli articoli 48, 49, 50, 51, 52 del DPR 495/92 e successive modifiche ed integrazioni, con le specifiche di cui al precedente art. 22 relativamente alle insegne di esercizio ed alle preinsegne. Art. 25 Aree servizi Grotte di Frasassi 1. Nelle aree delimitate per il parcheggio, nelle immissioni e nelle uscite, possono essere collocati cartelli pubblicitari e cartelli porta manifesto, come definiti dagli art. 6 e 7, la cui installazione e gestione sarà affidata dal Comune al Consorzio Frasassi 2. I cartelli saranno collocati in funzione degli ambiti di ubicazione, in armonia con le caratteristiche dell ambiente circostante, sempre ché gli stessi non siano ubicati lungo il fronte stradale ed in corrispondenza degli accessi e delle uscite: 3. Nelle aree di parcheggio è consentita l installazione di cartelli pubblicitari, opachi o luminosi, per luce propria o per luce indiretta, e cartelli porta manifesto, per una superficie massima complessiva pari al 5% dell area di parcheggio. 4. Il Consorzio Frasassi potrà inoltre apporre cartelli e segni orizzontali reclamistici di guida lungo la strade comunali Frasassi e ex S.S. 76, tendenti a regolare il traffico verso l area servizi della Cuna. Per i segni orizzontali vale in generale il disposto degli articoli 137 e seguenti, ed in particolare l art. 148, del DPR 495/92 e successive modifiche ed integrazioni 5. Il Consorzio dovrà procedere al collocamento secondo un progetto complessivo concordato con il Comune di Genga, sentiti i competenti Servizi ed il Parco naturale regionale Gola della Rossa e di Frasassi, e non in contrasto con la normativa vigente e con il presente Regolamento. E vietata in ogni caso la luce intermittente ma è consentito il messaggio variabile. Art. 26 Pubblicità su tende 1. Nei Centri Storici è vietato l inserimento di qualsiasi scritta o logo pubblicitario sulle tende poste a protezione delle vetrine, ingressi e mostre commerciali. 2. Fuori Centro Storico, le scritte su tende poste a protezione di mostre, vetrine ed accessi pedonali, aggettanti su area pubblica o soggetta a pubblico passaggio, finalizzate (anche) alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici, avranno le seguenti caratteristiche: a) lettere con caratteri uguali a quelli eventualmente usati per il logo della ditta e di un unico colore, scelto tra nero, bianco, grigio, marrone;

17 b) le scritte dovranno localizzarsi sulla superficie frontale inferiore della tenda (sulla mantovana, se esistente); in tutti gli altri casi l altezza del messaggio, posizionato su di una sola riga, non dovrà superare i cm. 20. Art. 27 Viabilità di interesse panoramico e storico-paesaggistico E' costituita dai principali percorsi, individuati nel vigente P.R.G. in quanto coincidenti con itinerari di interesse turistico per i loro caratteri panoramici e storico-paesaggistici. Nelle fasce di rispetto è vietata la installazione di cartelli pubblicitari e indicatori, fatti salvi i cartelli stradali posti dall'ente proprietario. Titolo IV ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ED ISTRUTTORIA Art. 28 Domanda per rilascio autorizzazione 1 - Chiunque intenda installare, ripristinare o modificare insegne, cartelli ed altri mezzi pubblicitari, così come definiti agli articoli 5, 6, 7, 8, 9 e 10 deve richiedere ed ottenere apposita autorizzazione da parte del Comune, salvo che la forma di pubblicità sia effettuata all interno di edifici o di attività, a condizione che le stesse non siano visibili dall esterno. 2 - Il rilascio delle autorizzazioni, soggette anche alle disposizioni stabilite dall art. 53 del Reg. C.d.S., è effettuato dal Servizio Urbanistica e gestione del territorio del Comune acquisito il parere del Comando Polizia Municipale e ogni altra autorizzazione occorrente (paesistica, parco, Ente gestore strada, ecc.), al quale deve essere presentata la domanda con la documentazione prevista al successivo comma, nei seguenti casi: a) installazione di insegne, cartelli ed altri mezzi pubblicitari all interno del centro abitato, b) installazione di insegne, cartelli ed altri mezzi pubblicitari fuori dal centro abitato, sulle strade ed aree pubbliche ed assimilate o da esse visibili; 3 - Il soggetto interessato al rilascio dell autorizzazione al posizionamento di insegne, cartelli ed altri mezzi pubblicitari deve inoltrare domanda in carta legale all Ufficio Protocollo del Comune - indirizzata al dal Servizio Urbanistica e gestione del territorio del Comune - contenente le seguenti indicazioni: a) generalità, residenza, codice fiscale e titolo riferito alla attività pubblicitaria (titolare, legale rappresentante ecc.) riferito all attività svolta; b) strada e numero civico o km. relativi alla collocazione; c) ragione sociale e sede della ditta, nonché il relativo numero di codice fiscale o partita IVA; d) generalità del proprietario del suolo o dell immobile su cui l impianto sarà installato e i seguenti allegati: - disegni particolareggiati dell impianto pubblicitario, con precisazione di quote, materiali, colori, caratteri grafici e messaggio, in scala non inferiore a 1:50; - calcoli strutturali a firma di un tecnico abilitato, secondo quanto previsto dall art. 49 commi 2 e 3 del D.P.R. 495/92, di tutti gli elementi che compongono l impianto pubbli

18 citario nei casi in cui l altezza dell elemento più alto superi i ml. 3,00 dal piano di campagna comunque e dovunque sia posizionato, oppure la superficie complessiva calcolata vuoto per pieno sia superiore a mq. 8,50. Oltre all azione del vento deve essere tenuto in considerazione ogni altro evento atto a determinare il collasso o la rovina della struttura; - se di dimensioni inferiori: una dichiarazione redatta ai sensi del D.P.R n. 445/2000 e successive modifiche ed integrazioni, con la quale si attesti che il manufatto che si intende collocare è stato calcolato, realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno o del luogo di posa della spinta del vento, onde garantirne la stabilità; - collocazioni in aderenza agli edifici: per le collocazioni in aderenza agli edifici dovrà essere fornito un rilievo quotato, in scala non inferiore a 1:100, della facciata interessata, corredato dei riferimenti architettonici (aperture, cornici, fasce, materiali, ecc.); - una fotografia dalla quale risulti la posizione in relazione all edificio o al sito prescelto e nella quale venga individuato l ambiente circostante o il contesto architettonico del quale l edificio interessato fa parte; - una planimetria dalla quale si possa desumere il luogo esatto ove si intende collocare l impianto pubblicitario (con indicati dati catastali); - atto di assenso del proprietario, se diverso dal richiedente; - nulla osta tecnico di competenza di altre autorità o enti, nei casi previsti. - collocazioni su sedime: per le collocazioni su sedime (pubblico o privato) occorre allegare il rilievo quotato, in scala non inferiore a 1:500, della porzione di area interessata con l'indicazione dell'esatta posizione richiesta, riferita ad elementi certi quali marciapiedi, recinzioni, alberature, elementi di arredo, edifici, ecc; - impianti luminosi: per il collocamento impianti pubblicitari luminosi dovrà essere presentata anche una dettagliata descrizione tecnica del mezzo luminoso con indicate le relative dimensioni. L'impianto dovrà avere i requisiti previsti dalla legge, sia per quanto concerne la sicurezza sia per quanto concerne la compatibilità con le norme previste dal C. d. S. e dal presente regolamento; per l'installazione di qualsiasi impianto pubblicitario luminoso sul suolo pubblico o beni appartenenti al patrimonio pubblico è necessario allegare copia del certificato di conformità in riferimento alla Legge 46/90 sulla sicurezza degli impianti, rilasciato alla Ditta installatrice dell'insegna. 4. Chiunque intenda installare, striscioni, locandine, stendardi e segni orizzontali reclamistici, così come definiti dagli articoli 11 e 12 deve effettuare apposita comunicazione, almeno trenta giorni prima, al Servizio Urbanistica e gestione del territorio del Comune indicando quanto prescritto al punto 3, lettere a), b) e c), del presente articolo, nonché allegare una relazione nella quale siano descritte le dimensioni, quote di installazione, materiali, colori, caratteri grafici e messaggio, ed il periodo di esposizione. 5. L Amministrazione, successivamente all approvazione del piano generale degli impianti pubblicitari, si riserva la facoltà di determinare, con atto della Giunta Comunale, l applicazione di diritti d istruttoria nei limiti e con le modalità previste dalla normativa vigente

19 Art. 29 Istruttoria e rilascio dell autorizzazione 1. L ufficio preposto all istruttoria della pratica, al momento del ricevimento della domanda, invia al soggetto richiedente la comunicazione di avvio del procedimento, con le seguenti indicazioni: a) data e numero di ricevimento al protocollo comunale; b) data di inizio del procedimento; c) nominativo del responsabile del procedimento o suo eventuale sostituto; d) ubicazione del suo ufficio e dei numeri di telefono e di fax; e) termine di cui al successivo comma, entro il quale deve essere emesso il provvedimento; f) eventuale documentazione da presentare ad integrazione o completezza della richiesta. Quanto indicato alla lettera f) comporta l interruzione del procedimento sin all adempimento di quanto richiesto. Trascorsi trenta giorni dal ricevimento della richiesta di integrazione senza che sia inviato quanto richiesto, il procedimento sarà archiviato per carenza di interesse. In tale caso il richiedente dovrà avviare nuovo procedimento. 2. Il responsabile del procedimento istruisce la richiesta, acquisendo direttamente i pareri tecnici delle unità organizzative interne ed entro novanta giorni dall avvio del procedimento concede o nega l autorizzazione. Il diniego deve essere motivato e preceduto dall avviso di diniego ex. articolo 10/bis L. 241/ Il mancato adempimento nel termine anzidetto non costituisce assolutamente silenzio assenso. 4. Il Comune provvede agli adempimenti prescritti dall articolo 53 comma 9 e 10 del Reg. C.d.S.. 5. L autorizzazione è rilasciata facendo salvi eventuali diritti di terzi, nonché qualsiasi nulla o- sta o eventuale autorizzazione di competenza di altre autorità o enti (ANAS, Provincia, FF.SS., ecc.), che dovranno essere richiesti qualora non già in possesso degli interessati. 6. L autorizzazione ha validità per un periodo di tre anni, ai sensi dell articolo 53 comma 6 del Reg. C.d.S., ed è rinnovabile a richiesta, salvo rinuncia dell interessato o revoca ai sensi dell articolo 27 del C.d.S.. Per il rinnovo dell autorizzazione sarà sufficiente una istanza al Comune contenente una dichiarazione di conferma delle caratteristiche dell impianto così come indicate nella prima autorizzazione. 7. Entro cinque giorni dalla firma una copia dell autorizzazione è trasmessa dal Servizio Urbanistica all Ufficio Tributi per gli adempimenti di competenza. 8. L Ufficio Tributi, entro dieci giorni dal pervenuto dell autorizzazione, invita - con raccomandata AR - il titolare al pagamento dell imposta di pubblicità ed, eventualmente, al canone di occupazione spazi ed aree pubbliche se ed in quanto dovuto; 9. Decorsi 30 giorni dalla consegna della raccomandata al titolare dell autorizzazione, senza che lo stesso si sia attivato per l assolvimento dell imposta e/o il pagamento del canone, l Ufficio tributi segnala l inadempienza al Servizio Urbanistica che provvede alla revoca dell autorizzazione

20 Art. 30 Obblighi del titolare dell autorizzazione 1. Il titolare dell autorizzazione è tenuto a rispettare tutti gli obblighi previsti dall art. 54 Reg. C.d.S. 2. La manutenzione ordinaria e straordinaria dei cartelli e degli altri mezzi pubblicitari di cui al presente Piano è a totale carico del titolare dell autorizzazione, al quale compete anche la sostituzione dell impianto in caso di danneggiamento da parte di terzi. 3. Il titolare dell autorizzazione è obbligato al rispetto di tutte le prescrizioni contenute nel presente Piano. 4. Oltre agli obblighi previsti dall articolo 54 Reg. C.d.S., il titolare dell autorizzazione è tenuto a richiedere l eventuale rinnovo dell autorizzazione o a comunicare l eventuale rinuncia allo stesso prima del 60 giorno antecedente la scadenza. 5. Su ogni insegna, cartello o altri mezzi pubblicitari, ad eccezione della pubblicità a carattere temporaneo (ad es. striscioni, stendardi ecc.), deve essere fissata una targhetta secondo le modalità previste dall articolo 55 del Reg. C.d.S.. Art. 31 Canone di concessione 1. Le preinsegne, i cartelli ed i segni orizzontali reclamistici, come definiti agli articoli 6, 9 e 11, ivi compresi gli impianti privati per le affissioni dirette, sono assoggettati al pagamento di un canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. Tale canone viene calcolato per ogni singolo impianto in base alla proiezione a terra della superficie piana espressa dalla figura geometrica destinata al contenimento del messaggio pubblicitario arrotondato al mq. superiore, applicando allo stesso le tariffe e le modalità operative previste dal regolamento per la gestione del canone di occupazione spazi ed aree pubbliche in riferimento alle occupazioni permanenti. Art. 32 Pubblicità abusiva Sono considerate abusive le installazioni ed esposizioni pubblicitarie prive di autorizzazioni o concessioni. Sono parimenti considerate abusive le installazioni ed esposizioni pubblicitarie non conformi alle relative autorizzazioni. Art. 33 Norme transitorie Quali norme transitorie valgono le seguenti disposizioni, valide per tutte le zone previste dal presente piano. Per i cartelli ed altri mezzi pubblicitari installati sulla base di autorizzazioni in essere all atto dell entrata in vigore del C.d.S. e non rispondenti alle disposizioni dello stesso e del presente piano, devono essere adeguati entro cinque anni dalla sua entrata in vigore, a cura e spese del titolare dell autorizzazione, fatto salvo il diritto dello stesso al rimborso della somma anticipata

21 per la residua durata dell autorizzazione non sfruttata, qualora il cartello debba essere rimosso per impossibilità di adeguamento. Qualora l autorizzazione scada prima del termine suddetto, il rinnovo della stessa è subordinato all adeguamento entro il termine di decorrenza del rinnovo stesso. Per i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari per i quali, in base alle distanze minime previste dall art. 51 del DPR 495/92 e successive modifiche ed integrazioni, occorre provvedere, a cura e spesa del titolare dell autorizzazione, ad uno spostamento, si procede, per ogni lato della strada, nella direzione inversa al corrispondente senso di marcia, effettuando gli spostamenti unicamente negli interspazi risultanti tra successivi punti di riferimento (intersezioni, segnali stradali). I cartelli e gli altri mezzi pubblicitari che non possono più trovare collocazione in ciascuno degli interspazi devono essere rimossi e possono essere ricollocati in altro tratto stradale disponibile solo dopo il rilascio di una nuova autorizzazione per la diversa posizione, fermi restando la durata e gli importi già corrisposti per l autorizzazione originaria. PARTE III PUBBLICHE AFFISSIONI Titolo V DEFINIZIONI Art. 34 Definizione e quantificazione degli impianti di pubbliche affissioni Per impianti di pubbliche affissioni si intendono tutti gli impianti di proprietà del Comune collocati esclusivamente su aree pubbliche o immobili privati sui quali il Comune esercita il diritto di affissione ed è inteso a garantire specificatamente l affissione, a cura del Comune o di Ditta che gestisce in concessione, di manifesti di qualunque materiale costituiti, contenenti comunicazioni aventi finalità istituzionali, sociali ecc. e, nella misura stabilita dal successivo art. 39, di messaggi diffusi nell esercizio delle attività economiche. Lo stato di fatto degli impianti di pubbliche affissioni è il seguente: Tipologia N impianti Superficie mq. Cartello 24 (facciate 32) Murale Totale mq Gli impianti di pubbliche affissioni attualmente installati dovranno essere sostituiti con gli impianti di nuova progettazione previsti dal Piano stesso. La superficie complessiva sopraindicata può essere incrementata in misura adeguata a soddisfare la richiesta di affissione degli utenti, e comunque fino a 280,00 m 2, al fine di consentire il posizionamento di impianti in zone sprovviste, o di nuova edificazione, o dove maggiore è la domanda di affissione. La sostituzione degli impianti esistenti con i nuovi modelli deve avvenire gradualmente per stralci funzionali, sulla base di programmi finanziari predisposti dall Amministrazione comunale nel rispetto del Codice della Strada e relativi regolamenti attuativi, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili e tenuto conto dei seguenti criteri: 1) Lungo le strade, nei luoghi sottoposti a vincolo panoramico, a vincoli di tutela di bellezze naturali e paesaggistiche, a vincolo storico, artistico o archeologico, o in prossimità di edifici e

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Allegato (n. 1) e approvato con deliberazione della

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi D.P.R. n. 495/92 Pubblicità sulle strade e sui veicoli 48. (Art. 23 Cod. Str.) Dimensioni. 1. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari previsti dall'articolo 23 del codice e definiti

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI **********************

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** 1 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Sono oggetto di disciplina del presente

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

Comune di San Daniele del Friuli

Comune di San Daniele del Friuli Comune di San Daniele del Friuli REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLE INSEGNE COMMERCIALI ED AI MEZZI PUBBLICITARI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO Approvato con delibera del C.C. n.115 del 20.12.2001 e modificato

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI COMUNE DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO PER L INSTALLAZIONE Approvato

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione Comune di Montecatini Terme Provincia di Pistoia Piano Generale degli Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attuazione Approvate dal C.C. con Deliberazione n. 48 del 13/06/2002, coordinate: - con le

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme volume III ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 198/49697 P.G. NELLA SEDUTA DEL 17/11/1997 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI N. 32/I74491 NELLA

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI A CARATTERE TEMPORANEO E PERMANENTE APPROVATO CON

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp.

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp. COMUNE DI MANTOVA Sportello Unico per le Imprese e i Cittadini Via Gandolfo, 11-46100 Mantova Tel.: 0376338634 Fax: 0376338633 E-mail: su.edilizia.territorio@domino.comune.mantova.it RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti Comune di Medicina AREA GETIONE DEL TERRITORIO tel. 051 6979208; fax. 051 6979222 Medicina, 15/12/2010 Approvato dalla QUAP in data 15/12/2010 Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi

Dettagli

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari)

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli o da marchi, realizzata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S.

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S. AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE Art. 47. - Definizione dei mezzi pubblicitari (art. 23 C.s.). 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte Marca da bollo da Euro 16,00 Settore 3 - Servizio Mezzi Pubblicitari - N Spazio riservato all Ufficio) Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte P.zza Vittoria, 47 56020 Santa Maria a Monte PI RICHIESTA

Dettagli

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 27.11.2008 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare PROTOCOLLO COMUNALE AL COMUNE DI CESANO MADERNO SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Arese, n. 12 20031 Cesano Maderno (Mi) marca da bollo 14,62 Pratica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato del. C.C. n. 11 del 29.01.2010 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati REGOLAMENTO PUBBLICITA STRADALE 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e campo di applicazione. pag.

Dettagli

Comune di Susegana. Provincia di Treviso. Regolamento comunale. dei mezzi e degli impianti pubblicitari

Comune di Susegana. Provincia di Treviso. Regolamento comunale. dei mezzi e degli impianti pubblicitari Comune di Susegana Provincia di Treviso Regolamento comunale dei mezzi e degli impianti pubblicitari Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 57 del 30.12.2014. Esecutivo in data 9.2.2015 1 ART.

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI TELESE TERME PROVINCIA DI BENEVENTO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI D.Lgs. 30/04/92 n.285 (Nuovo Codice della Strada D.P.R. 16/12/1992 n.495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino

COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie -

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - Ufficio Cartellonistica ed Impianti Pubblicitari, Piazza Matteotti n.20 Tel0774-301670 DENUNCIA

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Elaborazione a cura di: Consulenza tecnica: Dott. Savino FILANNINO Arch.

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Comune di Niardo Provincia di Brescia Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (per l installazione di cartelli,

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Cervia, agosto 2010 Approvato con atto C.C. n. 72 del 19.11.2001 Modificato con atto C.C. n. 16 del 29.04.2011 1 2 INDICE TITOLO I

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA Provincia di Sondrio UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI Pagina 1 di 16 Articolo 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio 08020 Piazza Giubileo Tel. 0784-844007 Fax. 0784-844420 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Art. 1 Ambito di applicazione e definizione dei mezzi pubblicitari 1. Il presente regolamento si applica a tutto il territorio Comunale posto

Dettagli

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER AUTORIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA PER IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ED IL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ Comune di Modena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ gruppo di lavoro Servizio Tributi Settore Pianificazione Territoriale Settore Polizia Municipale consulenza e collaborazione

Dettagli

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 AREA FINANZIARIA II Servizio Ufficio TRIBUTI RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO «A» REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE Aggiornate a seguito delle modifiche disposte con:

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI. REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI. Approvato con delibera di consiglio del commissario straordinario n. 40 del 07.06.2004 1 TITOLO

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CARINI Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del regolamento Art. 2

Dettagli

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente. Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE Comune di Trieste Area Pianificazione Territoriale REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE INDICE TITOLO I AMBITO APPLICATIVO, DEFINIZIONI

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO SETTORE DEMANIO, CONCESSIONI, PATRIMONIO IMMOBILIARE ED ESPROPRI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE DELLA PROVINCIA DI TARANTO (approvato con Deliberazione

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome)..

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome).. AREA 3 Comune di Torri di Quartesolo Via Roma, 174 36040 TORRI DI QUARTESOLO (VI) Codice Fiscale Partita Iva : 00530900240 Posta Elettronica Certificata (PEC) : torridiquartesolo.vi@cert.ip-veneto.net

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA COMUNE DI BOVOLONE Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA

Dettagli

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE 1 PARTE TERZA Norme di attuazione Sommario: Premessa pag. 3 Norme

Dettagli

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005)

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) Art. 1 Efficacia. 1. Il presente piano costituisce, assieme

Dettagli

I DICE CAPO II GLI IMPIANTI DI PROPRIETA PUBBLICA

I DICE CAPO II GLI IMPIANTI DI PROPRIETA PUBBLICA COMUNE DI ANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato definitivamente dal Consiglio Comunale Con atto n. 90 del 20.12.2005 Modificato con atto consiliare n.

Dettagli

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso )

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) Via Don. G. Minzoni, 12 31057 Silea Tel. 0422/365731 Fax 0422/460483 e-mail: urbanistica@comune.silea.tv.it- sito internet: www.comune.silea.tv.it AREA 4^ - GESTIONE

Dettagli

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri 1 PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE PROVINCIALI O IN VISTA

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità. Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità. Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati Approvato con Delibera C.C. n.64830 del 3/12/2007 1 INDICE Numero Descrizione

Dettagli

Introduzione. Legenda: testo in aggiunta testo cancellato note esplicative

Introduzione. Legenda: testo in aggiunta testo cancellato note esplicative Introduzione Al fine di consentire una comprensione immediata ed efficace delle modifiche introdotte alle Norme Tecniche di Attuazione, si riporta a seguire l intero testo normativo, con chiara evidenziazione

Dettagli

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Allegato 3 Regolamento insegne e cartelli indicatori Versione C.C. 16/06/06 ALLEGATO 3 INDICE Art.1 Premessa pag. 2 Art.2

Dettagli

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Gestione e Sicurezza del Territorio e della Mobilità Servizio Viabilità AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Mobilità e Protezione Civile Servizio Viabilità

Dettagli