GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA"

Transcript

1 GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA Stefano Alaimo Convegno LRA Energy Trading e Risk Management Milano, 15 febbraio 2002

2 Indice Alcune implicazioni della liberalizzazione del settore elettrico La borsa elettrica in Italia Gli strumenti derivati Over the Counter Gli strumenti derivati standardizzati sul prezzo dell energia elettrica Prospettive per un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica in Italia

3 Alcune implicazioni della liberalizzazione del settore elettrico La borsa elettrica in Italia Gli strumenti derivati Over the Counter Gli strumenti derivati standardizzati sul prezzo dell energia elettrica Prospettive per un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica in Italia

4 LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Il settore dell energia elettrica è stato caratterizzato per anni da situazioni monopolistiche con operatori verticalmente integrati e con prezzi amministrati. Il processo di liberalizzazione del settore, e la conseguente nascita in alcuni Paesi di borse elettriche, hanno introdotto una variabilità dei prezzi sia per i produttori che per i consumatori. Si pone quindi il problema di gestione del rischio prezzo per gli operatori elettrici.

5 LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO LPX: Borsa elettrica di Lipsia EEX: Borsa elettrica di Francoforte UK SMP: Pool inglese NordPool: Borsa elettrica scandinava (Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca) Source: IRS Osservatorio Energia

6 Alcune implicazioni della liberalizzazione del settore elettrico La borsa elettrica in Italia Gli strumenti derivati Over the Counter Gli strumenti derivati standardizzati sul prezzo dell energia elettrica Prospettive per un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica in Italia

7 LA BORSA ELETTRICA IN ITALIA Contesto normativo Direttiva 96/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 dicembre 1996, concernente norme comuni per il mercato interno dell energia elettrica Legge 24 aprile 1998, n. 124, recante disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia alle Comunità Europee: articolo 36 - delega al Governo ad emanare uno o più decreti legislativi per l attuazione della direttiva 96/92/CE e per la conseguente ridefinizione degli aspetti rilevanti del sistema elettrico nazionale Decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, di attuazione della direttiva europea 96/92/CE

8 LA BORSA ELETTRICA IN ITALIA Assetto del settore elettrico in Italia Autorità per l energia elettrica e il gas Produttori di energia elettrica (Autorizzazione) Contratti bilaterali in deroga Mercato Elettrico Grossisti Acquirente Unico Contratti di fornitura Clienti idonei Distributori Clienti vincolati

9 LA BORSA ELETTRICA IN ITALIA Il Gruppo GRTN Ministero dell Economia Ministero Attività Produttive GRTN Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale SpA GME Gestore del Mercato Elettrico SpA AU Acquirente Unico SpA Gruppo GRTN

10 LA BORSA ELETTRICA IN ITALIA Il GME Al GME è affidata la gestione economica del mercato elettrico: In data 9 maggio 2001, il Ministro dell industria, del commercio e dell artigianato ha approvato la Disciplina del mercato elettrico. Il 18 gennaio è stata trasmessa al Ministro delle Attività Produttive la proposta di Istruzioni alla Disciplina del mercato elettrico, per la necessaria approvazione, sentita l Autorità per l energia elettrica e il gas.

11 LA BORSA ELETTRICA IN ITALIA Il mercato elettrico La Disciplina del mercato elettrico prevede: Mercati per lo scambio di energia tra operatori Mercato del giorno prima dell energia Mercato di aggiustamento Mercati per l approvvigionamento delle risorse per il servizio di dispacciamento Mercato per la risoluzione delle congestioni Mercato della riserva Mercato di bilanciamento

12 LA BORSA ELETTRICA IN ITALIA Il mercato elettrico: il Mercato del giorno prima dell energia Formazione del prezzo Curva di offerta Offerte di Produzione Curva di domanda Offerte di consumo 300 Euro/MWh Prezzo di equilibrio Quantità di equilibrio MWh

13 LA BORSA ELETTRICA IN ITALIA Il mercato elettrico Nel mercato del giorno prima probabilmente verrà scambiato l 80-90% del totale dell energia che si negozierà in borsa. Per ogni ora di ogni giorno verrà calcolato il prezzo di equilibrio. Gli operatori avranno, di conseguenza, l esigenza di coprire il rischio prezzo. La copertura potrà avvenire attraverso: - Strumenti derivati Over The Counter - Strumenti derivati standardizzati

14 Alcune implicazioni della liberalizzazione del settore elettrico La borsa elettrica in Italia Gli strumenti derivati Over the Counter Gli strumenti derivati standardizzati sul prezzo dell energia elettrica Prospettive per un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica in Italia

15 GLI STRUMENTI DERIVATI OTC La situazione nei mercati esteri Nei mercati esteri vengono utilizzati alcuni strumenti derivati over the counter per coprire rischi legati all energia elettrica, tra cui: Contract for Difference (CfD) Electricity Forward Agreement (EFA) Grid Trade Master Agreement (GMTA) Spark spread options Weather derivatives

16 GLI STRUMENTI DERIVATI OTC La situazione nei mercati esteri Contract for Difference (CfD) Contratti finanziari negoziati direttamente tra le parti. Nella versione one-way l acquirente, dietro il pagamento di un premio, ha il diritto, ma non l obbligo, di scambiare la differenza tra il prezzo dell energia elettrica spot sul mercato ed un prezzo concordato (verrà esercitato qualora il prezzo spot sia più elevato del prezzo concordato - stesso meccanismo dell opzione). I contratti two-ways prevedono invece lo scambio del differenziale tra il prezzo dell energia sul mercato, durante la durata del contratto, qualunque esso sia, ed un prezzo concordato tra le parti.

17 GLI STRUMENTI DERIVATI OTC La situazione nei mercati esteri Electricity Forward Agreement (EFA) Hanno lo stesso funzionamento del CfD two-ways con la differenza che sono contratti standardizzati e scambiati attraverso intermediari finanziari (brokers). Grid Trade Master Agreement (GMTA) Nel mercato inglese hanno sostituito gli EFA s, dopo l introduzione del New Electricity Trading Arrangements (NETA). La differenza sostanziale è nel prezzo utilizzato come riferimento per il calcolo dei differenziali.

18 GLI STRUMENTI DERIVATI OTC La situazione nei mercati esteri Spark spread options Sono opzioni che permettono la copertura del rischio di variazione del differenziale di prezzo tra materia prima (es. gas) e prodotto finito (elettricità). Weather derivatives Contratti in cui si scambia il differenziale tra la temperatura registrata in un certo periodo in un determinato luogo ed una temperatura concordata tra le parti. Vengono utilizzati per la copertura del rischio di variazione dei consumi di energia elettrica dovuti a variazioni della temperatura.

19 GLI STRUMENTI DERIVATI OTC La situazione in Italia In Italia il prezzo dell energia elettrica è calcolato e pubblicato ogni due mesi dall Autorità per l energia elettrica e il gas (per il mercato vincolato). Detto prezzo è formato da una componente fissa (aggiornata annualmente) ed una variabile (aggiornata bimestralmente). Il parametro CT rappresenta la componente variabile del prezzo dell energia elettrica ed è una funzione del costo di alcune materie prime (olio combustibile, gas naturale, carbone). Il CT Swap è uno strumento utilizzato per coprire il rischio della componente variabile del prezzo dell energia elettrica e consiste in un contratto secondo il quale le parti si scambiano periodicamente un valore costante concordato del CT con il valore pubblicato periodicamente dall Autorità.

20 GLI STRUMENTI DERIVATI OTC Caratteristiche del mercato Gli strumenti derivati OTC hanno il vantaggio di poter rispondere alle esigenze specifiche degli operatori ma: presentano lo svantaggio di avere un maggiore rischio di controparte; non è garantita la presenza di un mercato secondario liquido.

21 Alcune implicazioni della liberalizzazione del settore elettrico La borsa elettrica in Italia Gli strumenti derivati Over the Counter Gli strumenti derivati standardizzati sul prezzo dell energia elettrica Prospettive per un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica in Italia

22 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Gli strumenti derivati standardizzati sul prezzo dell energia elettrica più comunemente utilizzati nei mercati sono: Futures Forwards Options

23 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures Definizione: Per contratto future sull energia elettrica si intende l impegno ad acquistare o vendere un determinato ammontare di energia ad un certo prezzo in un periodo futuro prestabilito. Il profilo finanziario per un acquirente di un future (finanziario) è: Pay-off x P2 -y Pf P1 Prezzo a scadenza Pf = Prezzo di acquisto del future

24 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures Per i futures sul prezzo dell energia elettrica bisogna distinguere il trading period e il delivery period: Prezzi del mercato spot Prezzo future Prezzi del future tempo t0 t1 t2 Trading period Delivery period

25 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures I futures sull energia elettrica possono essere: finanziari con consegna fisica

26 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures futures finanziari: Per i contratti futures finanziari sull energia elettrica, il delivery period corrisponde al periodo per il quale il compratore del future si è assunto l impegno di acquistare la quantità di riferimento di energia stabilita in precedenza (che non verrà scambiata) al prezzo concordato. In detto periodo vengono rilevati i prezzi giornalieri dell energia nel mercato spot. La media di questi prezzi andrà a determinare un system-price del periodo di delivery. La differenza tra questo system-price e il prezzo di acquisto (o vendita) del future determinerà il risultato finanziario finale della posizione in future.

27 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures futures con consegna fisica: Per i contratti con consegna fisica, il delivery period sarà il periodo in cui verrà effettuata la consegna dell energia elettrica per le quantità sottostanti il contratto ai prezzi concordati.

28 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures Le due strutture prevalenti di futures sul prezzo dell energia elettrica sono: Strip di futures mensili Struttura dei futures a cascata

29 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures futures mensili Vengono trattati normalmente futures mensili relativi ai 12 o ai 18 mesi successivi. La struttura dell insieme dei contratti è semplice ma non c è possibilità di modificare la posizione una volta entrati nel delivery period.

30 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures futures a cascata Si hanno normalmente periodi di riferimento dei futures di un anno (o semestre), un quadrimestre, un periodo di 4 settimane (o un mese), una settimana ed un giorno. YEAR QUARTER 1 QUARTER 2 QUARTER 3 QUARTER 4 Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Gli operatori hanno la possibilità di gestire una posizione dinamicamente, anche dopo essere entrati nel delivery period.

31 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Futures Esempio di copertura Copertura degli acquisti di energia elettrica durante il mese di settembre con un future avente come periodo di riferimento lo stesso periodo (future settembre) Acquisti di energia nel mercato spot durante settembre Acquisto di un future settembre con periodo di riferimento settembre al prezzo di 50 La media dei prezzi nel mercato spot durante settembre è pari a 60 Il costo medio degli acquisti sul mercato è = 10 è il guadagno della posizione in future Costo totale dell operazione 50

32 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Forwards Anche i contratti forward standardizzati sul prezzo dell energia elettrica possono essere: finanziari con consegna fisica

33 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Forwards forwards finanziari Il profilo finanziario di una posizione forward rispetto ad una future è identico; la sola differenza è costituita dal momento di pagamento del differenziale tra prezzo di acquisto/vendita e prezzo di riferimento (nei futures avviene su base giornaliera durante il delivery period, nei forward solo alla fine)

34 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI I Forwards forwards con consegna fisica In California, prima della sospensione delle contrattazioni al California Power Exchange, erano trattati i Block Forward Contracts. L energia che deve essere consegnata nel delivery period passava attraverso la borsa e, a fine periodo, veniva compensata la differenza tra prezzo di acquisto/vendita ed il prezzo di borsa.

35 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options Definizione: Per opzione si intende il diritto, ma non l obbligo, di acquistare (opzione call) o di vendere (opzione put) una determinata quantità del sottostante (un titolo azionario, un future, un indice,.) ad un prezzo stabilito (strike price) in una data futura (expiry date).

36 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options Profilo finanziario di un Profilo finanziario di un acquirente di una call venditore di una call Risultato Risultato Finanziario Finanziario Ps +c -c Prezzo Ps Prezzo a scadenza a scadenza C = costo dell opzione Ps = Strike price

37 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options L uso delle opzioni come strumento di copertura offre, a fronte del pagamento di un premio, la possibilità di avere una protezione ad hoc che non limita i guadagni sul sottostante (nel caso p.e. di un aumento del prezzo dell energia per un produttore o della diminuzione del prezzo per un consumatore), limitando invece le eventuali perdite.

38 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options Il valore di un opzione dipende da una serie di parametri, tra cui: differenza tra prezzo del sottostante sul mercato e strike price ( opzioni at-the-money, out-of-the-money e in-the-money) tempo residuo alla scadenza tasso d interesse risk-free volatilità attesa del sottostante (più è alta è la volatilità, più l opzione ha probabilità di essere esercitata, più è alto il costo dell opzione stessa)

39 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options I modelli stocastici utilizzati per determinare il valore teorico delle opzioni (es. Black & Scholes, modelli binomiali, Geometric Brownian Motion, etc.) si sono rilevati poco efficaci poiché si basano sulla possibilità di arbitraggio, non possibile nell energia elettrica, e perché ipotizzano che il sottostante si distribuisca secondo una distribuzione di probabilità che non può essere ipotizzata per l energia elettrica. L alta volatilità storica dei mercati dell energia elettrica rende inoltre le opzioni degli strumenti generalmente troppo costosi.

40 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options Le opzioni standardizzate sull energia elettrica sono di tipo: europeo asiatico

41 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options Opzione di tipo europeo Chi acquista un opzione di tipo europeo ha il diritto di comprare un contratto future o forward al prezzo concordato (strike price) ad una data prestabilita (prima del delivery period del contratto sottostante);

42 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le Options Opzione di tipo asiatico Un opzione di tipo asiatico è esercitata automaticamente alla fine del delivery period, calcolando retrospettivamente la media aritmetica dei prezzi del mercato spot nel delivery period e confrontando tale media con il prezzo concordato (strike price) dell opzione.

43 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI Le esperienze delle borse estere FUTURES FORWARDS OPTIONS ZONAL PRICE FUTURES Senza consegna fisica (finanziari) Con consegna fisica Senza consegna fisica (finanziari) Con consegna fisica Zonal Price - System Price NordPool (Scandinavia) SFE (Australia) NZFOE (N.Zelanda) EEX (Germania) NYMEX (New York) IPE (UK) NordPool (Scandinavia) CalPX(*) (California) NordPool (Scandinavia) NYMEX (New York) (*) Le contrattazioni sulla CalPX sono state sospese nel gennaio 2001 NordPool (Scandinavia)

44 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI TWh La NordPool 0 Sviluppo del mercato dei derivati sul prezzo dell'energia elettrica Fonte: Nord Pool Mercato dei contratti Forwards (relativi a tutto il giorno, ore di picco e ore fuori picco). Consegna fisica. Scambiati un giorno per settimana tramite asta. Trattati contratti relativi ai 6 mesi successivi. Giornate di scambio estese a due giorni a settimana (10 Maggio) ed a tutti i giorni lavorativi (Nov.) Mercato dei Futures finanziari. E stato introdotto un mercato in continua via telefono. Introduzione di un sistema di mercato telematico, soltanto contratti base-load. Trattati contratti relativi ai 3 anni successivi Introduzione dei Forwards in aggiunta ai Futures. Introduzione delle Opzioni (opzioni europee e asiatiche) Introduzione dei contratti per differenza (di prezzo tra zone)

45 GLI STRUMENTI DERIVATI STANDARDIZZATI La NordPool Valore di contratti liquidati dalla Clearing House: 21, Il mercato fisico ha raggiunto 97 TWh (26% del consumo nel mercato nordico) Il mercato dei derivati è cresciuto del 148% all anno dal 1996 TWh Fisico Derivati OTC - Clearing Nel 2000 il clearing è aumentato del 68%, rispetto all anno precedente, a 1635 TWh Fonte: Nord Pool 2001

46 Alcune implicazioni della liberalizzazione del settore elettrico La borsa elettrica in Italia Gli strumenti derivati Over the Counter Gli strumenti derivati standardizzati sul prezzo dell energia elettrica Prospettive per un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica in Italia

47 PROSPETTIVE IN ITALIA Il GME La Disciplina del mercato elettrico, approvata il 9 maggio 2001, stabilisce: Il GME può promuovere lo sviluppo della contrattazione di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica, anche al fine di fornire agli operatori adeguate possibilità di copertura del rischio [Art. 74]

48 PROSPETTIVE IN ITALIA Il GME Il GME intende promuovere lo sviluppo di strumenti finanziari derivati e la creazione di un mercato su cui tali strumenti possono essere scambiati, al fine di: assicurare sicurezza e flessibilità alle transazioni sul mercato elettrico, rispondendo alle esigenze degli operatori con strumenti di mercato contribuire di conseguenza alla liquidità del mercato elettrico e rendere significativi i prezzi che su questa si formano

49 PROSPETTIVE IN ITALIA La normativa Gli strumenti finanziari derivati sul prezzo dell energia elettrica sono strumenti finanziari derivati (art 1, 3 comma del T.U. 58/98) Vigilanza sul mercato dei derivati da parte della Consob e vigilanza sul servizio di compensazione e garanzia da parte di Banca d Italia d intesa con Consob Mercato non regolamentato (art. 78 del T.U. 58/98) Mercato regolamentato (art. 61 del T.U. 58/98) La Società che organizza un mercato non regolamentato è sottoposta agli obblighi di trasparenza previsti dall art. 78 T.U. e delibera Consob (Non è prevista l obbligatorietà della Clearing House e della standardizzazione dei prodotti trattati) La Società che organizza un mercato regolamentato deve redigere il Regolamento del mercato (art. 62 T.U) prevedendo i contratti negoziati, gli intermediari, le modalità di rilevazione dei prezzi, i sistemi di compensazione, liquidazione e garanzia dei contratti. La Consob dovrà poi autorizzare l istituzione e l esercizio del mercato.

50 PROSPETTIVE IN ITALIA I vantaggi della presenza di strumenti derivati per gli operatori elettrici: Possibilità di copertura del rischio di prezzo Flessibilità nella gestione del rischio (facilità di chiusura di una posizione di copertura su un mercato regolamentato) Possibilità di replicare e, in alcuni casi migliorare, il profilo finanziario di un contratto bilaterale con il vantaggio di eliminare il rischio di controparte (grazie alla presenza della Clearing House qualora il mercato sia regolamentato) Possibilità di replicare contratti di fornitura di energia elettrica interrompibili (attraverso le options) Possibilità di copertura del rischio di variazione del differenziale di prezzo tra materia prima (es. gas) e prodotto finito (elettricità)

51 PROSPETTIVE IN ITALIA I vantaggi della presenza di strumenti derivati per il mondo non elettrico: Possibile ingresso nel mercato di investitori internazionali (project financing). Possibilità di sviluppo di nuove aree di business (risk management, trading..) nel campo dell intermediazione finanziaria.

52 Gestore del Mercato Elettrico SpA Viale Maresciallo Pilsudski, Roma tel fax Internet:

IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO

IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO Valeria Termini Confindustria Roma, 19 giugno 2001 INDICE 1. Un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica.

Dettagli

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Alberto Pototschnig Amministratore Delegato Gestore del Mercato Elettrico Spa Sistema Energetico: Superamento

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

Mercati dell energia e mercati finanziari

Mercati dell energia e mercati finanziari Regulatory Lectures 2003 Mercati dell energia e mercati finanziari Valeria Termini 24 febbraio 2003 Palazzo Affari ai Giureconsulti Piazza Mercanti, 2 Milano 2 Obiettivi della liberalizzazione del settore

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari Fulvio Conti Direttore Amministrazione Finanza e Controllo, ENEL Milano, 24 Febbraio 2003 Contenuti Situazione

Dettagli

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004 La Borsa elettrica: principi e funzionamento Roma, 31 marzo 2004 Parte I : i principi del mercato Prof. Bollino Parte II : il mercato dell energia energia Prof. SzegÖ / Avv. Agosta Parte III : le attività

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

I CONTRATTI A TERMINE ESTERI AGGIORNAMENTO BMTI

I CONTRATTI A TERMINE ESTERI AGGIORNAMENTO BMTI I CONTRATTI A TERMINE ESTERI E AGGIORNAMENTO BMTI Bologna, 22 maggio 2008 A cura di Dr. Riccardo Cuomo - Vice Direttore BMTI S.c.p.a. PERCHE NASCONO? PERCHE NASCONO? - Fare impresa significa prendersi

Dettagli

ABI Ottimizzazione del processo di acquisto di energia Erik Lumer Convegno ABI Costi & Business 2003

ABI Ottimizzazione del processo di acquisto di energia Erik Lumer Convegno ABI Costi & Business 2003 ABI Ottimizzazione del processo di acquisto di energia Erik Lumer Convegno ABI Costi & Business 23 Roma, 18 novembre 23 INDICE 1. LO SCENARIO DI MERCATO ELETTRICO 2. CONTRATTI DI FORNITURA NEL LIBERO MERCATO

Dettagli

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Massimo Beccarello Direzione Strategie, studi e documentazione Milano Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 I soggetti

Dettagli

Relazione Annuale 2010

Relazione Annuale 2010 Relazione Annuale 21 5 Luglio 211 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 211 sono consolidati

Dettagli

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA I Mercati Finanziari dell Energia FRANCESCO BERTUSI Università degli Studi di Ferrara, 29 Giugno 2011 COMMODITY

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

Studio commissionato a Nomisma dall ENEA nell ambito del Rapporto Energia e Ambiente 2000. A cura di Roberto Fazioli con il contributo di: Barbara

Studio commissionato a Nomisma dall ENEA nell ambito del Rapporto Energia e Ambiente 2000. A cura di Roberto Fazioli con il contributo di: Barbara Studio commissionato a Nomisma dall ENEA nell ambito del Rapporto Energia e Ambiente 2000. A cura di Roberto Fazioli con il contributo di: Barbara Antonioli Massimo Beccarello Barbara Da Rin Indice INTRODUZIONE...

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

La partecipazione della domanda in borsa

La partecipazione della domanda in borsa La partecipazione della domanda in borsa ref. - Osservatorio Energia 31/01/05 La nuova fase di borsa Dal luglio 2004 tutti i clienti non domestici sono idonei Dal gennaio 2005 la domanda può partecipare

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2007

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

INDICE GENERALE. 1. INTRODUZIONE... pag. 3 2. FINALITA, ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ELETTRICO NAZIONALE. 5

INDICE GENERALE. 1. INTRODUZIONE... pag. 3 2. FINALITA, ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ELETTRICO NAZIONALE. 5 INDICE GENERALE 1. INTRODUZIONE.... pag. 3 2. FINALITA, ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ELETTRICO NAZIONALE. 5 2.1 Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico. 5 2.1.1 Vincoli tecnici

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Roma, 24 novembre 2015 Sommario Struttura dei prezzi per i clienti finali Clienti ed energia nel servizio di maggior tutela Quotazioni dei prodotti energia Portafoglio di AU 2 Sistema elettrico nel contesto

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2009

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI GIUGNO 2008

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia Aste ad oggetto multiplo Applicazione alla Borsa dell Energia Funzione di offerta (uniform-price) p smp uniform price values m Funzione di offerta Pay-as-bid p discriminatory max p D min p D values m Confronto

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA Il servizio di dispacciamento è regolato dall Autorità per l energia elettrica e il gas Il mercato elettrico gestisce sia l energia elettrica sia il servizio

Dettagli

10 Luglio 2013 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato

10 Luglio 2013 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato Relazione Annuale 212 1 Luglio 213 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Agenda 1. La crisi e i mercati 2. Il mercato del gas 3. Il mercato elettrico 4. I mercati

Dettagli

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA Dr. Maurizio SARECCHIA SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL SETTORE L Acquirente Unico (AU): Acquista energia per i clienti vincolati Acquista prodotti

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Manuale Versione 1.2 del 4 giugno 2015 1.0 Executive summary... 1 2.0 Calcolo dei Margini per il comparto azionario e derivati azionari... 1 2.1. Tipologie

Dettagli

Piccola ASTRE 2011 economia

Piccola ASTRE 2011 economia La liberalizzazione dell energia Testimonianza di Pippo Ranci ranci piccola ASTRE 4 feb 2011 1 1. Premessa personale 2. La teoria 3. L antefatto 4. La scelta europea 5. La riforma in Italia 6. Gli aspetti

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

Il Mercato dei Titoli di Efficienza

Il Mercato dei Titoli di Efficienza Il Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica del GME: principali risultati Stefano Alaimo Ecomondo - Rimini, 29 ottobre 2009 2 TEE emessi Titoli di Efficienza Energetica emessi dal GME su richiesta dell

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI SETTEMBRE

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato dei derivati di Borsa Italiana, società

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

La Borsa Elettrica Italiana

La Borsa Elettrica Italiana Studi di Settore La Borsa Elettrica Italiana Servizio Studi e Ricerche Maggio 2004 La Borsa Elettrica Italiana Indice Executive Summary...3 1. Modelli di Borsa Elettrica...7 2. La Borsa Elettrica italiana

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

IL MERCATO ELETTRICO 1

IL MERCATO ELETTRICO 1 IL MERCATO ELETTRICO 1 Caratteristiche del prodotto energia elettrica In generale, la produzione di qualunque bene deve essere tale da adeguare l'offerta alla domanda. Come si può programmare la produzione

Dettagli

Come operare nel mercato elettrico

Come operare nel mercato elettrico Come operare nel mercato elettrico Alberto POTOTSCHNIG Confindustria Roma, 19 giugno 2001 Assetto del settore - Struttura del mercato Impianti con contratto GRTN Impianti senza contratto Contratti bilaterali

Dettagli

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Relatore Ch.mo Prof. Carlo Marcon Laureando Riccardo

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Il modello IGEX (Italian Gas Exchange) Un progetto di: Realizzato con il supporto

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

Intraday Power Trading

Intraday Power Trading Intraday Power Trading PADOVA 22 Maggio 2014 Mercati energetici e metodi quantitativi: un ponte tra Università e Aziende Stefano Fiorenzani ALEPH - Director & Founder ALEPH CONSULTING ENERGY RISK FINANCE

Dettagli

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A.

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. I prodotti derivati: utilizzo proprio e improprio come strumento di gestione del rischio aziendale. Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. *In attesa di autorizzazione Indice degli argomenti

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014 SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI Agenda Mercato Gas Naturale Mercato Energia Elettrica Costi energetici delle fonderie Sviluppo normativi Mercato Gas Naturale Quotazione Day-Ahead 37,00 35,00 33,00 31,00

Dettagli

La gestione dell incertezza e del rischio

La gestione dell incertezza e del rischio 4.2 La gestione dell incertezza e del rischio 4.2.1 Introduzione La crescita della domanda energetica da parte del mondo industrializzato e dei paesi emergenti pone a tutti gli operatori dei vari settori

Dettagli

XXXI CONGRESSO ASSOFOND. ENERGIA e FONDERIA Scenari e prospettive. XXXI Congresso Assofond Roma, 5 ottobre 2012

XXXI CONGRESSO ASSOFOND. ENERGIA e FONDERIA Scenari e prospettive. XXXI Congresso Assofond Roma, 5 ottobre 2012 XXXI CONGRESSO ASSOFOND ENERGIA e FONDERIA Scenari e prospettive Agenda I mercati energetici La normativa Le possibili iniziative gen-12 mag-12 set-12 Il mercato elettrico Borsa Elettrica - Mercato Spot

Dettagli

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Francesco Forte Responsabile Power Trading and Portfolio Management Consorzio Utilities Ravenna (www.curaenergy.it) 2 Sommario 1. Il mercato

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3 Tabella 1.1: Parametro PE M, di cui al comma 10.3 lettera b), comma 10.5 lettera a) punto ii, comma 10,6 lettera b) punto iii, corretto per le perdite di rete (elemento PE) Tipologie di contratto di cui

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A. Milano, 22 aprile 2010

Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A. Milano, 22 aprile 2010 Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A Milano, 22 aprile 2010 Agenda - 1 A2A, mercati ambientali ed Emissions Trading Un giorno al mercato This information was prepared by A2A and it is not

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Il freddo fa salire lo spot power e gas. I mercati a termine rispondono. Stoccaggi pieni e consumi ancora bassi, ma i prezzi si muovono: che fare?

Il freddo fa salire lo spot power e gas. I mercati a termine rispondono. Stoccaggi pieni e consumi ancora bassi, ma i prezzi si muovono: che fare? Weekly Report Newsletter sull andamento dei mercati energia elettrica e gas naturale a cura di Axpo Italia SpA 2 febbraio 2015 Sommario Il freddo fa salire lo spot power e gas. I mercati a termine rispondono.

Dettagli

NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA

NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA 1 NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA Aggiornamento prezzi mercato elettrico e del gas naturale 21 settembre 2015 PREZZI FORNITURA ELETTRICA La quotazione dei prezzi fino al consuntivo di giugno 2015

Dettagli

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato Relazione Annuale 211 11 Luglio 212 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 212 sono consolidati

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi

Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi Stefano Alaimo TIS Innovation Park Centro per le energie rinnovabili Bolzano, 13 giugno 2008 2 Mercato dei certificati verdi 1.

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 Agenda Analisi e presentazione di un modello di Borsa Gas

Dettagli

Cos è il GME? Pag. 10 Breve storia normativo regolamentare Pag. 11 Scenario europeo Pag. 14

Cos è il GME? Pag. 10 Breve storia normativo regolamentare Pag. 11 Scenario europeo Pag. 14 VADEMECUM DELLA BORSA ELETTRICA ITALIANA Indice PREMESSA Pag. 7 INTRODUZIONE Pag. 9 Cos è il GME? Pag. 10 Breve storia normativo regolamentare Pag. 11 Scenario europeo Pag. 14 GUIDA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Axpo Italia. Clienti Top

Axpo Italia. Clienti Top Axpo Italia Partner Strategico sull Energia Axpo Italia è il partner ideale delle grandi realtà industriali per affrontare con successo il mercato energetico (energia elettrica, gas, quote CO2, certificati

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Incontro con gli Operatori Assolombarda Milano Confindustria - Roma Data: 24/11/2009 Fabrizio Plateroti Director of Regulation & Post Trading Ennio Arlandi Energy

Dettagli

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato:

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: portafoglio approvvigionamenti AU all ingrosso, meccanismi d aggiornamento degli oneri di approvvigionamento e di dispacciamento, impatto degli andamenti

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli