marketin l informazione di borsa italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "marketin l informazione di borsa italiana"

Transcript

1 ottobre Numero 15 INVESTITORI RETAIL E BORSA TRE MILIONI DI FAMIGLIE ITALIANE INVESTONO IN AZIONI all interno Le principali evidenze Appuntamenti Novità regolamentari Flash sul mercato Abbiamo fatto Notizie dal web Corsi di formazione In breve Nuove ammissioni e intermediari Colpo d occhio A cura di Aquasi tre anni dalla precedente indagine, Borsa Italiana torna ad analizzare l'importante categoria degli investitori individuali in azioni, che dal 1999 detiene stabilmente più del 25% della capitalizzazione del mercato italiano. Si tratta di circa 3 milioni di famiglie, pari al 14% delle famiglie italiane, come risulta dall indagine condotta, con il supporto tecnico di Doxa, nel periodo dicembre gennaio attraverso interviste personali presso coloro che nel periodo hanno detenuto, acquistato o venduto azioni italiane quotate in modo diretto. Le risultanze dell analisi mostrano che, mentre è diminuita la propensione al rischio e aumentata l'importanza della diversificazione, rimane stabile l'interesse per l'investimento in azioni. E cresciuta nel frattempo la centralità del rapporto relazionale nel decidere come allocare i propri risparmi. Il periodo di analisi ( ) copre una fase del ciclo economico e finanziario caratterizzata da eventi di straordinaria rilevanza, che hanno inciso profondamente sui comportamenti dei risparmiatori italiani. Presso gli investitori in azioni si osserva una riduzione della propensione al rischio finanziario; non sono tuttavia diffusi fenomeni di abbandono definitivo dell'investimento azionario diretto, che assorbe circa un quarto della ricchezza complessiva degli investitori in azioni, salendo a un terzo se si considerano anche i fondi azionari. Rispetto al 2001, tuttavia, si nota una maggiore incidenza di forme di investimento a minor contenuto di rischio rispetto all'investimento azionario e ai prodotti del risparmio gestito. Sono sempre più diffusi gli obiettivi legati al soddisfacimento delle necessità di medio termine, quali risparmiare per i figli, per la pensione, per l'acquisto della casa. Benché l investimento azionario non rifletta necessariamente queste esigenze, esso è sempre più associato all'obiettivo di diversificazione di portafoglio, bisogno anch'esso in crescita nel corso dell'ultimo triennio. Più di un terzo degli investitori in azioni decide autonomamente i propri investimenti, una percentuale in flessione significativa rispetto al 46% circa del Il sistema bancario resta il referente principale per le decisioni di investimento. Lo studio rappresenta un importante contributo alla comprensione della partecipazione dei risparmiatori ai mercati. L analisi presenta una realtà complessivamente positiva, con una sostanziale tenuta dell investimento azionario retail, diretto e indiretto, e una maggiore consapevolezza e maturità a fronte di dinamiche di mercato in forte evoluzione. Lo studio traccia dunque un percorso per migliorare ulteriormente la formazione e l informazione sui temi di mercato e per diffondere una più radicata equity culture. IL PORTAFOGLIO DEL RETAIL CHE INVESTE IN AZIONI 39,8% 16,0% 7,3% 0,2% 26,6% 10,1% Liquidità Titoli di stato Prodotti Assicurativi e previdenziali Fondi e gestioni Azioni quotate Altri strumenti Base: campione rappresentativo di intervistati Fonte: Borsa Italiana

2 LE PRINCIPALI EVIDENZE Contesto di riferimento e propensione al rischio Rispetto al 2001, cresce il numero di famiglie preoccupate per la propria situazione finanziaria attuale (dal 14,0% al 27,7%) e prospettica (dal 5,3% al 16,1%). Risparmiare diviene sempre più importante (è molto utile per il 70,3% degli intervistati contro il 64,6% del 2001), ma nel contempo è più difficile (le famiglie che riescono a risparmiare scendono dall'83,2% al 67,3%). Presso gli investitori in azioni si osserva una riduzione della propensione al rischio finanziario. Cresce il numero di investitori che si definiscono "conservatori" (dal 55,2% al 68,8%) e si modifica la struttura del portafoglio per livelli percepiti (ed effettivi) di rischio, a favore degli asset meno rischiosi, il cui peso sul totale passa dal 45,0% al 58,1%. Non sono tuttavia diffusi fenomeni di abbandono definitivo dell'investimento azionario. Per un investitore su dieci non ci sono stati effetti negativi. Circa l'85% degli intervistati dichiara che quanto è accaduto ha accresciuto la cautela, ma la metà di questi non ha modificato l'attitudine di lungo termine nei confronti dell'investimento azionario; solo un investitore su venti dichiara che non investirà più in azioni. E' elevato invece il grado di incertezza. Il 47,3% degli intervistati non intende cambiare ulteriormente l'asset allocation del proprio portafoglio nel breve termine e il 39,6% non sa cosa farà. Portafoglio e operatività L'investimento azionario diretto assorbe circa un quarto della ricchezza complessiva degli investitori in azioni, e sale a un terzo considerando anche i fondi azionari. Quasi il 40% del portafoglio è investito in liquidità; i titoli di Stato e le obbligazioni ammontano (anche attraverso i fondi) a circa il 20%. Più del 7% è allocato in prodotti assicurativi e previdenziali. Rispetto al 2001, sono state privilegiate forme di investimento a minor contenuto di rischio, rispetto all'investimento azionario e ai prodotti del risparmio gestito. Il portafoglio azionario Italia vede la prevalenza delle Blue Chip, detenute dal 90,3% degli intervistati. Si tratta di portafogli molto concentrati: il 51,0% degli intervistati ha un solo titolo e quasi il 24% due. Quasi il 40% ha acquistato i titoli ad oggi in portafoglio a seguito di una privatizzazione, mentre il 6% circa detiene oggi titoli acquistati al momento dell'ipo di società private. L'operatività degli investitori in azioni è contenuta. Dal confronto con il 2001 emerge un forte aumento di coloro che non hanno effettuato movimentazioni nel corso dei dodici mesi precedenti (dal 26,6% al 66,9%), oltre che una flessione del numero medio annuo di operazioni tra coloro che invece hanno movimentato (da 18,1 a 12,4 volte). FAMIGLIE ITALIANE CHE HANNO INVESTITO IN AZIONI QUOTATE ( ) RISPARMIATORI (1) INVESTITORI IN PRODOTTI AZIONARI (2) 21 milioni 17,2 milioni 4,1 milioni 1,9 milioni 3,2 milioni 3 milioni 800 mila 19,7% 9,9% 15,0% 14,1% 3,8% 100% 82% 3 milioni di famiglie hanno investito in azioni italiane quotate tra il 2001 e il 2003 Fonte: Borsa Italiana Famiglie italiane Famiglie risparmiatrici TOTALE INDIRETTO (fondi. Gpm, Gpf) DIRETTO (azioni quotate) DIRETTO ITALIA DIRETTO ESTERO 2 (1) Famiglie che possiedono una minima capacità di risparmio, presunta dove si ha un c/c, un deposito o titoli di Stato (elaborazioni Borsa Italiana su dati Banca d Italia) (2) Famiglie che hanno acquistato, venduto o detenuto negli ultimi tre anni azioni direttamente o indirettamente (dati Borsa Italiana)

3 Le motivazioni dell'investimento Il 57,0% degli intervistati investe per accrescere il rendimento complessivo del proprio portafoglio rispetto al semplice possesso di liquidità; il 30,8% desidera diversificare i propri investimenti e il 23,7% proteggere i risparmi dall'inflazione. Come anticipato, rispetto al 2001 sono sempre più diffusi gli obiettivi legati al soddisfacimento delle necessità di medio termine (risparmiare per i figli, per la pensione, per l'acquisto della casa). L'investimento azionario non riflette però queste esigenze, essendo con maggior frequenza associato a obiettivi con un ridotto orizzonte temporale, quali la ricerca di maggiori performances. L'investimento azionario è invece sempre più associato all'obiettivo di diversificazione di portafoglio, bisogno anch'esso in crescita nel corso dell'ultimo triennio (dal 23,8% al 34,4%). La componente "ludica" nell'investimento è invece in flessione. Intermediari e fonti informative Il sistema bancario è il referente principale per le decisioni di investimento ed è menzionato dal 95% degli intervistati: 76,4% banca tradizionale, 29,9% promotore, 8,7% canale online. Le società di assicurazione sono citate nel 7,5% dei casi, le Poste nel 4,2%. Nonostante il modesto livello di soddisfazione, nei rapporti con gli intermediari gli investitori presentano una forte resistenza al cambiamento: la situazione rispetto al 2001 è pressoché immutata e solo il 5,9% degli intervistati ha dichiarato di aver cambiato il suo intermediario principale nel corso dell'ultimo triennio. Nella scelta dell'intermediario prevalgono ragioni legate all'abitudine (48,6%) e al rapporto con una persona all'interno della struttura (45,1%). Le aree a maggiore criticità sono le commissioni e i costi del servizio (con un 36,9% di insoddisfatti), la remunerazione degli investimenti (27,1%), la disponibilità di informazioni complete e tempestive (13,3%) e il livello di indipendenza dei consigli ricevuti (11,1%). Tra i canali informativi si osserva una netta crescita di quelli di tipo relazionale, citati dal 77,8% degli intervistati rispetto al 60,0% del Si tratta dell'impiegato di banca (41,5%), di familiari e conoscenti (34,7%), del promotore finanziario (29,9%). Si riduce il ricorso a tutte le altre fonti di informazione. Il 53,2% degli intervistati cita la carta stampata (30,4% la stampa generica, 28,9% i quotidiani specializzati e le 12,7% le riviste specializzate) a fronte del 65,2% del 2001, con una riduzione soprattutto della stampa specializzata (nel ,8% i quotidiani specializzati e 19,8% le riviste specializzate). Il 29,9% si informa attraverso la TV/radio e in particolare con il televideo (16,3%). Il 15,3% utilizza Internet. Il tipo di informazione cercata riguarda i consigli di un esperto o di un conoscente (52,4%) e solo in secondo luogo commenti o articoli sull'andamento delle società (31,0%), grafici sui prezzi (21,3%), previsioni macroeconomiche (17,0%), bilanci societari (12,6%). Il 9,2% cita l'analisi tecnica. Più di un terzo degli investitori in azioni decide autonomamente i propri investimenti. Rispetto al 2001 tale percentuale è in flessione (45,7%), ma non a favore della delega completa, quanto piuttosto di situazioni in cui l'investitore decide e in seconda battuta consulta il suo intermediario di riferimento per una conferma (dal 23,0% al 38,2%). Esistono ancora significativi spazi per accrescere il livello di cultura finanziaria degli investitori in azioni. Le incertezze su alcune nozioni basilari sono frequenti e solo il 3,0% degli intervistati ha frequentato corsi su temi finanziari. Infine, solo il 40,4% dichiara di conoscere la differenza tra strumenti quotati e non quotati. Caratteristiche socio-demografiche degli investitori retail in azioni Gli investitori in azioni si caratterizzano sia rispetto alla popolazione italiana sia all'insieme dei risparmiatori. Tipicamente, si tratta di: uomini: 66,4%, più che nel caso della popolazione italiana (48,7%) ma meno rispetto all'insieme dei risparmiatori (70,0%), ovvero coloro che possiedono almeno un conto corrente, obbligazioni e/o titoli di Stato; residenti nel Nord Ovest, 41,5% rispetto al 24,7% della popolazione; la distribuzione è simile a quella dei risparmiatori (36,7%); tra i 35 e i 54 anni: 61,2% rispetto al 40,0% della popolazione e al 54,4% dei risparmiatori; liberi professionisti, lavoratori autonomi o imprenditori: 17,3% rispetto al 4,5% della popolazione; con una cultura media e medio-alta: il 22,2% è laureato contro il 6,7% della popolazione e il 14,9% dei risparmiatori; con una situazione reddituale e di ricchezza media e medio-alta: il 51,1% ha un reddito mensile familiare superiore ai euro, contro 26,5% della popolazione; il 66,7% ha una ricchezza finanziaria superiore ai euro rispetto al 32,3% della popolazione; la proprietà immobiliare è diffusa presso il 91,3% degli intervistati, contro il 72,0% della popolazione. 3

4

5 FLASH SUL MERCATO CC&G avvia la controparte centrale per i titoli di stato dell MTS Il 12 agosto scorso è stato avviato da Cassa di Compensazione e Garanzia (CC&G), società del Gruppo Borsa Italiana, il servizio di controparte centrale (CCP) per i titoli di stato negoziati sul mercato MTS. Il nuovo servizio è prestato in collaborazione con la controparte centrale francese LCH.Clearnet S.A. e consente agli intermediari di effettuare il clearing dei loro contratti con la rispettiva controparte centrale: i meccanismi di interoperabilità attivati provvedono a realizzare un servizio di controparte centrale virtuale unica. Il primo intermediario ad avvalersi di questo servizio è stato Banca Nazionale del Lavoro, mentre altre primarie banche hanno già firmato per la partecipazione, che si prevede si estenderà rapidamente agli altri operatori MTS. Salgono così a tre le società mercato a cui CC&G presta i propri servizi: Borsa Italiana e MTS ove i servizi di anonimato, netting e garanzia vengono offerti con la metodologia della controparte centrale, e TLX ove i contratti negoziati sono garantiti da uno specifico fondo di garanzia. Borsa Italiana introduce nuovi Idem Stock Futures Dal 20 settembre sono entrati in negoziazione tre nuovi contratti IDEM Stock Futures sulle azioni Mediolanum, Telecom Italia Risparmio e Terna. Gli operatori market maker sono Banca Caboto e Banca Nazionale del Lavoro. Considerando i contratti precedentemente quotati, salgono a 22 i contratti Idem Stock Future disponibili. Caratteristiche dei nuovi contratti IDEM Stock Future Sottostante Lotto Livello Market minimo del margine Maker Mediolanum ,50% Banca Caboto, Banca Nazionale del Lavoro Telecom Italia ,25% Banca Caboto, Risparmio Banca Nazionale del Lavoro Terna ,00% Banca Caboto, Banca Nazionale del Lavoro I primi ABS (Asset Backed Securities) quotati su EuroMOT Dal 30 settembre sono iniziate le negoziazioni su EuroMOT - il mercato di Borsa Italiana dedicato a euro-obbligazioni, obbligazioni di emittenti esteri e asset backed securities dei primi tre ABS. Gli strumenti, emessi da Società di cartolarizzazione dei crediti INPS S.C.C.I. S.p.A., sono i seguenti: Euro Serie 5 Titoli Asset Backed Securities a Tasso Variabile con scadenza 2010 Euro Serie 6 Titoli Asset Backed Securities a Tasso Variabile con scadenza 2015 Euro Serie 7 Titoli Asset Backed Securities a Tasso Variabile con scadenza 2015 L Amministratore Delegato di Borsa Italiana, Massimo Capuano, ha dichiarato: Borsa Italiana amplia in questo modo l offerta di prodotti quotati e negoziabili sui propri mercati. La scelta del Ministero dell Economia e delle Finanze di quotare questi nuovi strumenti finanziari conferma il ruolo centrale del mercato ufficiale che garantisce massima trasparenza ed efficienza e offre agli investitori istituzionali e privati la possibilità di diversificare ulteriormente il proprio portafoglio di investimento. Per favorirne la liquidità, analogamente a quanto previsto per tutti gli strumenti quotati su EuroMOT, anche la negoziazione dei tre ABS sarà sostenuta dalla presenza, in via continuativa, di un operatore specialista. APPUNTAMENTI palazzo Mezzanotte Congress & Training Centre, Milano 4 novembre Premio Claudio Demattè Private Equity of the Year Cerimonia conclusiva della prima edizione del premio, promosso da AIFI e Ernst & Young, con il patrocinio di Borsa Italiana. Il Premio, intitolato al Presidente AIFI prematuramente scomparso nel marzo scorso, si propone di valorizzare le operazioni che si sono distinte nel panorama dell attività di investimento in capitale di rischio nel corso dell anno novembre 2 Italian Real Estate Summit Organizzato da Il Sole 24 Ore, con il patrocinio di Borsa Italiana, sul tema Valorizzazione e gestione del patrimonio immobiliare. 25 novembre Imprenditore dell Anno Appuntamento annuale con la cerimonia di consegna del premio organizzato da Ernst & Young, con il patrocinio di Borsa Italiana. Il prestigioso riconoscimento, riservato agli imprenditori che maggiormente si sono distinti nel proprio ambito professionale, è giunto alla ottava edizione italiana. 1 dicembre Oscar di Bilancio 50 a edizione dell importante premio promosso da Ferpi (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, in cui vengono assegnati i cinque Oscar di categoria e l Oscar di Bilancio ai migliori bilanci di organizzazioni private, pubbliche e non profit. per ulteriori informazioni: 5

6 NOVITA REGOLAMENTARI luglio-settembre ARGOMENTO PRINCIPALI AREE DI INTERVENTO RIFERIMENTI* Mercato IDEM e indici Sostituzione dei contratti derivati Futures, minifutures e di Opzione con sottostante l indice MIB 30 negoziati nel mercato IDEM con i contratti derivati Futures, minifutures e di Opzione aventi quale sottostante l indice S&P/MIB. Conseguentemente: - non sono più negoziabili i contratti futures sull indice di borsa MIB 30 (FIB30 e mini-fib), e di opzioni sull indice di borsa MIB 30 (MIBO 30); - non sono più previste le figure degli operatori market maker sul contratto mini-fib e degli operatori market maker sul contratto di opzione sull indice di borsa MIB 30 (MIBO 30); - è eliminata la possibilità di negoziare special combination aventi ad oggetto il contratto futures sull indice di borsa MIB 30 (FIB30) o il contratto mini-fib e il contratto futures su S&P/MIB o il contratto minifutures su S&P/MIB. - l indice MIB 30 viene trasformato da indice sottostante a strumenti derivati negoziati sul mercato Idem a indice informativo. Pertanto l indice continua ad essere calcolato e diffuso, ma vengono eliminati nel corpo regolamentare delle Istruzioni i criteri di calcolo dell indice stesso. Sezione IA.2 e Sezione IA.2.10; art. IA.3.4; Titoli IA.4, IA.9 e IA.10 delle Istruzioni al Regolamento Mercati Possibilità di concludere contratti interbank e internal sul mercato IDEM qualora la quantità del contratto sia uguale o maggiore, anziché superiore, alla soglia stabilita (100 per opzioni su indici; per opzioni e futures su azioni; 25 per futures sugli indici) * Gli articoli si riferiscono al Regolamento dei Mercati e alle relative Istruzioni in vigore dal 20/09/ 6

7 ABBIAMO FATTO il più grande indice in Italia Dallo scorso 20 settembre, col passaggio dei derivati IDEM dal sottostante MIB 30 allo S&P/MIB, quest ultimo è il nuovo indice di riferimento per i mercati azionari di Borsa Italiana. Per promuoverne la conoscenza e la diffusione, Borsa Italiana ha realizzato una serie di iniziative di informazione e comunicazione, imperniate sulla campagna pubblicitaria S&P/MIB The biggest index in Italy. La campagna, realizzata da Wlf/Brand Portal e apparsa sulle più importanti testate finanziarie internazionali (quali The Economist, Financial Times, Wall Street Journal, Financial News e Les Echos), ha come protagonista un illustre simbolo della storia italiana, scelto per rappresentare presso la comunità internazionale il nuovo indice S&P/MIB. Si tratta della gigantesca Mano di Costantino, la statua romana del IV secolo d.c. esposta in Campidoglio a Roma e scolpita con l indice alzato verso l alto. Un soggetto di forte impatto, chiaro e immediato, ma soprattutto ironico, grazie all associazione tra l imponente indice dell austero monumento romano e l indice S&P/MIB. La headline e la figura di un uomo d affari che osserva incuriosito l enorme mano di marmo accentuano lo spirito ironico con cui la campagna intende catturare l attenzione. Lavorare con Borsa Italiana è sempre una piacevole sorpresa per Wlf - dichiara Paolo Gorini, direttore creativo dell agenzia - perché nonostante la sua appartenenza al mondo finanziario, tradizionalmente legato a una comunicazione molto tecnica, continua a osare e, anche per questa campagna, si affida all ironia, al linguaggio della pubblicità più moderna. Una scelta che non ha comunque influito sulla serietà del messaggio, grazie anche all utilizzo di un simbolo, la mano di Costantino, così significativo per il patrimonio artistico e culturale italiano. La campagna pubblicitaria si è sviluppata anche attraverso un importante componente online, con oltre 10 milioni di impressions (banner e pop-up) apparse sui principali siti finanziari italiani, e si è integrata con gli incontri organizzati da Borsa Italiana a Milano e Londra per descrivere le peculiarità dei nuovi prodotti a emittenti, intermediari e investitori. Stars a Londra Il 23 e 24 settembre, per il quarto anno consecutivo, Borsa Italiana ha organizzato la presentazione alla comunità finanziaria londinese delle società del segmento Star, che hanno illustrato i loro risultati semestrali e le loro strategie e prospettive attraverso presentazioni in sala e incontri one to one. Al Thistle Tower Hotel, che ha ospitato anche in questa occasione la manifestazione, è stata inoltre allestita una exhibition area per le aziende e gli intermediari specialist. All'incontro hanno partecipato 30 delle 43 società che compongono il segmento e circa 90 investitori istituzionali internazionali specializzati nelle piccole e medie imprese. Erano presenti tutti i grandi fondi europei, quali Gartmore, Fidelity, Hermes, Putnam, Scottish Widows per citarne alcuni, e gli oltre 300 one to one meeting effettuati hanno confermato il loro interesse per le società del segmento. 7

8 NOTIZIE DAL WEB La nuova piattaforma NIS WEB Borsa Italiana ha introdotto la nuova piattaforma NIS WEB, che permette di accedere a tutti i contenuti del Nis Viewer (comunicati price sensitive, Avvisi di Borsa, documenti societari, bonds, Anagrafe Strumenti Finanziari, eventi) attraverso una soluzione web che non richiede alcun tipo di installazione applicativa. NIS WEB permette di affiancare la profondità dei contenuti presenti nel database NIS Viewer con la fruibilità e la semplicità del web, grazie ad una tecnologia non intrusiva e user friendly. Attraverso NIS WEB è inoltre possibile visualizzare, con un layout personalizzato, i contenuti ufficiali di informativa finanziaria del Gruppo Borsa Italiana sul sito internet o intranet della società emittente. Sul sito è possibile accedere a tutte le informazioni sul servizio ed effettuare il download della presentazione e del manuale di installazione. Per informazioni sul servizio, è possibile contattare New Business Info Services&Products al numero CORSI DI FORMAZIONE ottobre Corso di formazione per negoziatori Un corso per l attestazione di negoziatore professionale in cui verranno affrontati, con un approccio interattivo, gli adempimenti obbligatori e le modalità di trading sui mercati di Borsa. Sessioni pratiche permetteranno di applicare la teoria sui desk di simulazione. 25 e 26 ottobre ; 4 e 5 novembre Il piano industriale: progettare e comunicare la strategia Un corso realizzato in collaborazione con SDA Bocconi e suddiviso in due moduli, il cui obiettivo è fornire una guida esecutiva per la predisposizione di un piano industriale di successo. 12 novembre - 25 giugno 2005 Master Universitario di Secondo Livello in Private Equity La seconda edizione del Master in Private Equity, organizzato da Academy - Borsa Italiana e MIP, la Business School del Politecnico di Milano, ha l obiettivo di formare competenze qualificate con elevate technicalities sul capitale di rischio ed è rivolto a neo-laureati in discipline tecnico-scientifiche, giuridiche ed economiche e a giovani professionisti del settore. 22 e 23 novembre ; 1, 2 e 3 dicembre La finanza per avvocati e giuristi d impresa - Percorso formativo Il percorso, articolato in due macro aree, finanza aziendale e finanza dei mercati, si rivolge ad avvocati e giuristi d impresa che, dovendosi rapportare con il mercato finanziario, vogliano acquisire una preparazione di base nell ambito delle discipline economico-finanziarie. dicembre - marzo 2005 Percorso formativo sul controllo e governo di impresa Un percorso formativo misto con incontri in aula ed esercitazioni on line, il cui obiettivo è fornire a tutti i partecipanti una guida operativa al nuovo sistema dei controlli societari e analizzare competenze, obblighi, responsabilita e funzionamento del Consiglio di Amministrazione. dicembre - marzo 2005 Corso avanzato in private banking e wealth management Il corso si prefigge di fornire ai partecipanti gli strumenti per definire le strategie di investimento, svolgere attività di consulenza su misura e costruire il portafoglio ottimale per la clientela privata. I CORSI IN HOUSE Accanto ai tradizionali prodotti formativi, Academy realizza corsi In House per consentire ad aziende private e pubbliche, banche e istituzioni finanziarie, di rispondere alle esigenze formative interne organizzando programmi ad hoc, personalizzando i corsi a catalogo o strutturandone di nuovi per focalizzarsi su specifiche tematiche, quali Finanza e Mercati, Amministrazione e controllo, Finanza aziendale, Management. Tutti i corsi in aula (eccetto i Master) si svolgono presso il Palazzo Mezzanotte Congress and Training Centre a Milano, Piazza degli Affari 6. Per ulteriori informazioni e iscrizioni: Academy ACADEMY IL CENTRO DI FORMAZIONE DI BORSA ITALIANA

9 Completato con successo il roll over sui nuovi derivati S&P/MIB Dopo 10 anni l indice MIB30 non è più il sottostante dei prodotti derivati di Borsa Italiana, e viene calcolato solo con funzioni informative. Dalla scadenza di settembre, infatti, il MIB30 è stato sostituito dall indice S&P/MIB, nuovo indicatore di riferimento di Borsa Italiana e benchmark per i mercati. IN BREVE I contratti future e minifuture sullo S&P/MIB possono ora essere offerti e venduti anche negli Stati Uniti La U.S. Commodities Futures Trading Commission (CFTC), l'autorità statunitense di controllo del mercato dei futures, ha rilasciato a Borsa Italiana la no-action letter che autorizza l'offerta e la vendita sul mercato statunitense dei contratti future e minifuture sull'indice S&P/MIB di Borsa Italiana. Alla base del calcolo dello S&P/MIB, come è noto, vi sono criteri basati sul flottante, sull ampia liquidità (almeno il 30% di turnover velocity del flottante) e sull accurata rappresentazione dei principali settori del mercato secondo la classificazione GICS Global Industry Classification Standard (cfr. MarketIN n. 10, luglio 2003) Il 20 settembre, primo giorno di piena operatività dei nuovi derivati, sono stati scambiati oltre contratti standard. In particolare, per il future su S&P/MIB sono stati scambiati contratti standard sulla scadenza di dicembre e 197 su quella di marzo Il minifuture su S&P/MIB ha registrato scambi per contratti standard. Le opzioni su S&P/MIB hanno scambiato contratti standard (2.876 call e put). I contratti future e minifuture sull'indice S&P/MIB scambiati nella giornata sono stati pari a venti volte quelli scambiati sul future Dow Jones Italy Titans di Eurex. Considerando inoltre la minore dimensione del derivato tedesco, in termini di controvalore nozionale il rapporto sale a 75 a 1. MTA: ripartizione degli strumenti finanziari tra i segmenti di negoziazione Con la segmentazione dell MTA, entrata in vigore dal 20 settembre, sono diventati operativi i seguenti trasferimenti: - AEM Torino S.p.A. (azioni ordinarie e warrant) dal segmento di Borsa Ordinario 1 al segmento Blue Chip - Ericsson S.p.A. (azioni ordinarie) dal segmento STAR al segmento Blue Chip - Recordati S.p.A. (azioni ordinarie) dal segmento Blue Chip al segmento STAR - SNIA S.p.A. (azioni ordinarie) dal segmento Blue Chip al segmento di Borsa Ordinario 1 - Roland Europe S.p.A. e Perlier S.p.A. (azioni ordinarie) dal segmento di Borsa Ordinario 1 al segmento di Borsa Ordinario 2 Revisione semestrale dei componenti dell Indice S&P/MIB A seguito della revisione ordinaria semestrale delle azioni componenti l indice S&P/MIB, a partire dal 20 settembre le azioni Saipem S.p.A. e Terna S.p.A. sono entrate a far parte del paniere dell indice, mentre ne sono uscite le azioni Fondiaria - Sai e Benetton Group S.p.A. Palazzo Mezzanotte Congress and Training Centre: una location multifunzionale e di prestigio nel cuore di Milano A quasi tre anni dalla sua apertura, il Congress and Training Centre di Palazzo Mezzanotte si conferma punto di riferimento per tutte le società che considerano la comunicazione un momento essenziale della propria vita aziendale e che hanno voluto caratterizzare le loro attività centralizzandole su una location di prestigio internazionale. Ad oggi il Congress and Training Centre ha ospitato più di 400 eventi tra congressi, convention nazionali e internazionali, corsi, cene di gala, sfilate di moda, fiere ed exhibitions. La versatilità degli spazi, le attrezzature in dotazione alle sale e la professionalità della struttura fanno di questa realizzazione del Gruppo Borsa Italiana nel settore dei servizi una struttura polifunzionale in grado di assecondare, e addirittura anticipare, le esigenze organizzative dei suoi clienti. Con questo numero di MarketIN viene presentato il primo Event Book realizzato con le immagini dei numerosi eventi che hanno trovato nella location un elemento in più per il loro successo. 9

10 NUOVE società star Dal 1 luglio al 30 settembre SOCIETÀ ATTIVITÀ CAPITALIZZAZIONE AL 30/09/ ( m) INVESTOR RELATOR SPECIALISTA SITO Actelios Produzione di energia 124 Hansruedi Schenk UBM da fonti rinnovabili Recordati Gruppo farmaceutico 806 Marianne Tatschke UBM * Lo specialista è previsto per le sole azioni ordinarie - Per ulteriori informazioni: MTA/STAR NUOVE ammissioni etf Dal 1 luglio al 30 settembre NOME ETF CODICE DI NEGOZIAZIONE AREA GEOGRAFICA SOCIETA EMITTENTE (GRUPPO) INDICE BENCHMARK COMMISSIONI TOTALI ANNUE COMMISSIONI INGRESSO USCITA E PERFORMANCE SPECIALISTA B1 - MSCI Pan Euro B1PE Società Europee più capitalizzate e liquide Beta1 ETFound plc (Nextra IM Sgr - Banca Intesa) MSCI Pan Euro 0,60% NO Banca Caboto Ulteriori informazioni sono disponibili su NUOVi fondi chiusi quotati Dal 1 luglio al 30 settembre TICKER BORSA ITALIANA SOCIETÀ TIPOLOGIA DATA INIZIO NEGOZIAZIONE VALORE UNITARIO DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE ( ) SITO QFEGD Estense - Grande Distribuzione Fondo Immobiliare 3/8/ 2.642,18* * al 30/6/ Ulteriori informazioni sono disponibili su MTF/ETF Nuovi ABS quotati su euromot Dal 1 luglio al 30 settembre NOME ABS EMITTENTE RATING INTERESSI ANNUALI DATA SCADENZA VALORE NOMINALE UNITARIO SPECIALISTA ABS_INPS05_Serie5 ABS_INPS07_Serie6 ABS_INPS08_Serie7 S.C.I.I.* S.p.A. S.C.I.I.* S.p.A. S.C.I.I.* S.p.A. Aaa (Moody s) AAA (S&P s) AAA (Fitch) Aaa (Moody s) AAA (S&P s) AAA (Fitch) Aaa (Moody s) AAA (S&P s) AAA (Fitch) Euribor 6 mesi + 0,22% Euribor 6 mesi + 0,29% Euribor 6 mesi + 0,19% 30/7/ /7/ /7/ UniCredit Banca Mobiliare UniCredit Banca Mobiliare UniCredit Banca Mobiliare * Società di cartolarizzazione dei crediti INPS Ulteriori informazioni sono disponibili su EuroMOT Nuovi intermediari Dal 1 luglio al 30 settembre DENOMINAZIONE CATEGORIA SEDE OPERATIVA MERCATI NOTE SITO Sai Mercati Mobiliari Sim S.p.A. SIM Milano MTA, Expandi, TAH, SeDeX, MOT NM, TAHnm, IDEM Prima adesione 10 MCC S.p.A. Banca Roma SeDeX e TAH (SeDeX) Prima adesione Piazza Affari Sim S.p.A. SIM Milano EuroMOT Cassa Lombarda S.p.A. Banca Milano MOT Già ammesso MTA, Expandi, TAH, SeDeX, MOT, NM, TAHNM, IDEM Già ammesso MTA, Expandi, TAH, NM, TAHNM, IDEM TOTALE INTERMEDIARI ADERENTI AL 30/9/04: 128 di cui: DOMESTICI 90 ESTERI 38 Ulteriori informazioni sulle ammissioni ai mercati di Borsa Italiana sono disponibili su Intermediari

11 ANNO COLPO D OCCHIO SINTESI DEI PRINCIPALI INDICATORI DELLA BORSA ITALIANA BORSA SOCIETA' QUOTATE NUOVO MERCATO MERCATO EXPANDI (2) TOTALE m % PIL CAPITALIZZAZIONE SCAMBI IPOS ,2% 48,5% 36,6% 37,5% 39,1% (1) TOTALE MEDIA GIORN. ( m) ( m) NUMERO RACCOLTA ( m) (1) Per il il valore del PIL è previsionale (fonte Ref). (2) Fino al 21/11/03 Mercato Ristretto Aggiornamento 30/09/ ANDAMENTO DEGLI INDICI DOMESTICI (BASE 1/10/2003 = 100) NUMERO DI AZIONI - BORSA, NUOVO MERCATO E MERCATO EXPANDI 125 > 115 > / MIBTEL / MIBSTAR / NUMTEL / S&P/MIB 83% 13% Borsa Nuovo Mercato Mercato Expandi Numero totale di azioni quotate al 30/09/04 = 316 (incluse az. estere) 4% 105 > > CAPITALIZZAZIONE DI MERCATO - BORSA, NUOVO MERCATO E MERCATO EXPANDI 95 > 1% 1% 85 > 75 > OTT 2003 NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET 98% Borsa Nuovo Mercato Mercato Expandi SCAMBI AZIONARI* - BORSA (MTA) CONTRATTI ('000) CONTROVALORE m 200 > < 3200 SCAMBI AZIONARI* - NUOVO MERCATO CONTRATTI ('000) CONTROVALORE m 40 > < > < > < > < > < > < > < 50 0 > OTT NOV DIC GEN 2003 * media giornaliera FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET < 0 0 > OTT 2003 NOV DIC GEN * media giornaliera FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET < 0 SCAMBI SEDEX*, SCAMBI IDEM* CONTRATTI ('000) CONTROVALORE m 25 > 20 > 15 > 10 > 5 > 0 > < 80 < 64 < 48 < 32 < 16 < 0 OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET 2003 * media giornaliera fino al 26/04/04 Futures su indice Minifutures su indice Opzioni su indice Opzioni su azioni 90 > 75 > 60 > 45 > 30 > 15 > 0 OTT 2003 NOV DIC GEN * '000 contratti standard, media giornaliera Futures su azioni FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A. e non costituisce alcun giudizio da parte della stessa sull'opportunità dell'eventuale investimento descritto. I marchi Borsa Italiana, EuroMOT, Expandi, IDEM, MOT, MTF, Nuovo Mercato, STAR, SeDeX, TechSTAR, MIB 30, MIBTEL, MIDEX, NUMTEL, MIBSTAR, NUMTES, NUMEX, ITEX, BIt Club, Academy, MiniFIB, nonchè il marchio figurativo del Gruppo Borsa Italiana (tre losanghe in obliquo) sono di proprietà di Borsa Italiana S.p.A. Il marchio BIt Systems è di proprietà di BIt Systems S.p.A. I marchi Cassa di Compensazione e Garanzia e CC&G sono di proprietà di Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A.. I marchi Monte Titoli e X.TRM sono di proprietà di Monte Titoli S.p.A. I marchi Piazza Affari Gestione e Servizi e Palazzo Mezzanotte Congress and Training Centre sono di proprietà di Piazza Affari Gestione e Servizi S.p.A.. Il marchio S&P è di proprietà di Mc Graw-Hill Companies Inc. I suddetti marchi, nonchè gli ulteriori marchi di proprietà del Gruppo Borsa Italiana, non possono essere utilizzati senza il preventivo consenso scritto della società del Gruppo Borsa Italiana proprietaria del marchio. Il presente documento non è da considerarsi esaustivo ma ha solo scopi informativi. I dati in esso contenuti possono essere utilizzati per soli fini personali. Borsa Italiana S.p.A. non deve essere ritenuta responsabile per eventuali danni, derivanti anche da imprecisioni e/o errori, che possano derivare all'utente e/o a terzi dall'uso dei dati contenuti nel presente documento. Ottobre - Borsa Italiana Spa - Tutti i diritti sono riservati. Per commenti, suggerimenti e richieste di informazioni su Marketin scrivete a: Borsa Italiana Spa - Piazza degli Affari, Milano - tel fax Web site: - Divisione Equity Market - tel fax

12

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari ALETTI VIEW CERTIFICATE Prima dell'adesione leggere il

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli