Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto"

Transcript

1 Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni dei Laboratori. L obiettivo è quello di costruire la Carta dei valori municipali, consistente in una parte generale, che contiene gli elementi puntuali e di sistema, ai quali si riconoscono specifiche qualità territoriali e la cui conservazione e valorizzazione è considerata irrinunciabile per l'identità del territorio, e gli obiettivi pubblici che si intendono perseguire suddivisi secondo i sistemi del PRG. Alla Carta dei valori municipali sono allegate le schede progetto, scaturite dalla conoscenza e dalla progettualità diffusa dei partecipanti ai Laboratori, riguardanti i servizi, le attrezzature, la viabilità, le piste ciclabili, i parchi e i giardini e simili.

2 1. IDENTIFICAZIONE DEL PROGETTO CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Municipio Denominazione del PROGETTO Soggetto proponente Area di localizzazione dell intervento* * allegare cartografia III ex IV PROGETTO DI SVILUPPO DELLA CENTRALITA DI SETTEBAGNI ALLEGATO 01 ASSOCIAZIONE PROFESSIONISTI PER ROMA QUARTIERE SETTEBAGNI INDIVIDUAZIONE DELLE ARRE DI INTERVENTO E RISANAMENTO ACUSTICO ABITATO 2. SINTESI DELLA PROPOSTA PROGETTO DI SVILUPPO DELLA CENTRALITA DI SETTEBAGNI La centralità di Settebagni è collocata lungo l asse veicolare di Via Salaria, nella parte di insediamento compresa tra quest ultima e la ferrovia, in prossimità della stazione omonima della linea ferroviaria; il fascio dei binari separa nettamente le due parti di insediamento, divise anche dall andamento orografico del terreno, creando un problema sostanziale di frattura nel tessuto urbano. Tale aggregato urbano è stato da sempre un centro abitato, ora ricompreso in un quartiere di Roma Nord, che è stato da sempre un luogo dove i viaggiatori che solcavano la Via Salaria lo hanno sempre incontrato durante il viaggio per arrivare a Roma o partire dalla città eterna. L abitato al tempo dell antica Roma veniva chiamato Septem Balnea da qui il nome attuale della località Settebagni. L insediamento di Settebagni è inserito in un contesto ambientale di particolare valenza, confinante oltre la Via Salaria con una vasta area agricola e dall altro lato con il Parco della Marcigliana; in prossimità della centralità locale è ubicato un ambito a trasformazione ordinaria di programma integrato, già in corso di esecuzione. All interno della centralità sono state individuate alcune funzioni esistenti (chiesa, attrezzature scolastiche, attrezzature sportive, attrezzature commerciali, aree verdi) ed altre aree libere da destinare a servizi e verde. L asse della centralità coincide con la sede di Via Salaria Vecchia, su cui si affacciano il maggior numero delle funzioni e le aree trasformabili, e con Via Stazione di Settebagni.

3 L abitato di Settebagni Tavola della Centralità di Settebagni Analisi funzioni esistenti e previste L assetto urbanistico della Centralità è definito da un Progetto pubblico unitario d intervento, con valore di strumento urbanistico esecutivo predisposto dal Municipio III ex IV e di eventuali proposte dei soggetti proprietari o a diverso titolo competenti, e sottoposto all approvazione dell Amministrazione centrale del Comune di Roma.

4 Tale progetto prevedere: a) La sistemazione degli spazi pubblici da riqualificare secondo le seguenti indicazioni: 1) Sistemazione degli spazi scoperti pubblici e privati, con il ridisegno e la sistemazione delle sede stradale (eventuali corsie automobilistiche, marciapiedi, zone pedonali, piste ciclabili) e le sistemazioni a verde di arredo urbano; 2) Localizzazione al piano terreno degli edifici che si affacciano su tali spazi, di destinazioni commerciali e servizi a carico urbanistico basso o medio; tale localizzazione, anche in ampliamento delle quantità esistenti, è regolata dalle sole dimensioni dell area di pertinenza dell edificio e dalle norme generali sul rispetto delle distanze. b) La realizzazione delle nuove attrezzature pubbliche e/o la conferma di quelle esistenti; c) La localizzazione delle quote di edificabilità privata conseguente all acquisizione pubblica, mediante cessione compensativa, delle aree per Verde Pubblico e servizi pubblici di livello locale e delle Aree per Servizi pubblici di livello urbano; d) La realizzazione di nuovi spazi urbani pubblici ad integrazione di quelli già esistenti; e) La realizzazione di parcheggi pubblici e privati, anche interrati, ai fini di un adeguata dotazione di standard urbanistici. Sull asse della centralità potranno inoltre essere potenziati i fronti commerciali che interessano i piani terra degli edifici, per la realizzazione di attrezzature commerciali di piccole dimensioni, pubblici esercizi, servizi privati ed attrezzature locali. Tavola della Centralità di Settebagni Perimetri e Assi viari principali

5 Legenda Funzioni e Perimetri della Centralità di Settebagni

6 INDIVIDUAZIONE AREE DI INTERVENTO a) Nuove opere: la descrizione delle opere viene rappresentata partendo dal primo accesso veicolare del raccordo stradale di Via Salaria nell abitato di Settebagni lungo l asse viario interno della Via Salaria Vecchia. Sottozone centralità Settebagni L area denominata 08 N verde pubblico - non attuato, distinto al foglio 132 Particella 1155, attualmente già utilizzato come parco e denominato dalla popolazione del quartiere Parco dei Frutti, in esso viene proposto la realizzazione di un centro attrezzato per animali d affezione comprensivo di centro veterinario, toilette per cani ed aree attrezzate libere per cani, di superficie complessiva pari a mq 184. La superficie complessiva di tale area è di mq Vedi allegato n 1 Zona Centralità 08 Verde non attuato; Attrezzature sportive (immagine satellitare e ubicazione delle aree su base catastale)

7 L area denominata M3/N - attrezzature sportive distinta al Foglio 132 Particella principale 1482, in parte già esistente, viene proposto di ampliarla attribuendo alla stessa una ulteriore superficie, rispetto a quella esistente, di mq 3600 circa, ipotizzando per la stessa una edificazione massima, comprensiva del tessuto edilizio esistente attualmente utilizzato a strutture complementari sportive, di mq 357. La superficie complessiva dell area comprensiva dell area di ampliamento sarà di mq Vedi allegato n 1 Zona Centralità 08 Verde non attuato; M3/N Attrezzature sportive (immagine satellitare e ubicazione delle aree su base catastale)

8

9

10 All interno dell area denominata 11 M3 non attuato di mq distinta al Foglio 132 Particelle 663, 1541, 1460 e 1461, sono state individuate delle zone di utilizzazione pubblica e privata. La prima area individuata è quella relativa ad una zona compensativa di mq 3600 circa che verrà annessa alla maggior consistenza dell area denominata destinata già ad attrezzature sportive e confinante con tale nuova area. All area di edificazione privata di mq 4.820, pari al 20% dell intera area da espropriare (mq ) da localizzarsi sulla particella 1461 del Foglio 132 e da attuarsi secondo quanto disposto dal comma 3 articolo 66 Centralità locali delle NTA di PRG verrà attribuita una superficie di edificazione pari a mq FT e sarà localizzata lungo il confine interno di tale area ed esattamente lungo la Via Salaria Vecchia. Sulla restante parte di area del nucleo 11 ed esattamente sulle particelle 1460, 663 (parte) e 1541 del Foglio 132, viene proposta la realizzazione di: 1. un centro polifunzionale dove al suo interno potrà trovare posto una biblioteca, delle attrezzature partecipative, culturali, associative e ricreative di superficie pari a mq 760; 2. un area di interscambio e di fermata delle linea del COTRAL, individuata sul tratto esterno del nucleo e lungo il tracciato veicolare del raccordo stradale di Via Salaria; 3. delle aree di sosta e parcheggio che serviranno oltre al proposto centro polifunzionale anche per la stazione ferroviaria e metropolitana di Settebagni; 4. un area di sosta per i capolinea degli autobus comunali, con annessi servizi igienici, individuata lungo il perimetro interno del nucleo 11 e lungo la Via Salaria vecchia, di collegamento interno ed esterne al quartiere proponendo anche l istituzione di una linea di bus che possa collegare l abitato al vicino polo Ospedaliero del San Andrea che attualmente non è raggiungibile direttamente con i mezzi pubblici dagli abitanti di numerosi quartieri del Municipio III ex IV, tra i quali quello oggetto di studio della centralità locale e quello di Castel Giubileo a cui è stata assegnata un altra centralità inerente il potenziamento dei fronti commerciali interni a tale quartiere; 5. all interno di tale zona si propone inoltre la realizzazione di un tracciato veicolare con piazza centrale che dal raccordo stradale di Via Salaria possa accedere direttamente all interno della centralità, ponendo in comunicazione diretta le due strade (raccordo stradale di Via Salaria e Via Salaria Vecchia), realizzando un ulteriore accesso veicolare all abitato di Settebagni in posizione centrale rispetto al quartiere. Vedi allegato n 2 Zona Centralità 11 M3 non attuato (immagine satellitare e ubicazione delle aree su base catastale)

11

12

13 Sottozona 01 centralità Settebagni L area denominata 01 N non attuato, dove attualmente è stato realizzato in parte il parco denominato Parco Nobile è stata oggetto di studio. La superficie complessiva di tale zona tra l area già utilizzata a parco, e le parti esterne è di mq Attualmente nella parte esterna di tale zona e confinante con la Via Salaria vecchia la stessa viene saltuariamente impiegata per alloggiare delle attrazioni durante la festa annuale, del patrono del quartiere, San Antonio da Padova, mentre per i mesi successivi la stessa rimane in un vistoso stato di abbandono Su tale area è stata, quindi ipotizzata, la realizzazione di un centro per gli anziani con la possibilità di costruire anche un centro di assistenza sanitaria, lungo il confine della Via Salaria vecchia, mentre all interno in posizione frontale rispetto all accesso alla zona recintata del Parco Nobile, la realizzazione di una zona di sosta con ristoro attrezzato (chiosco, punto di ristoro e bagni pubblici). La zona di intervento dove si andranno a collocare le nuove opere di utilizzo sociale e ricreativo, distinta al Foglio 132 Particelle 1862, 1856, 1852, 1570 e 1405, è pari a mq 5.792, mentre la superficie complessiva di edificazione assegnata a tale zona per le destinazioni su indicate è di mq Al punto di ristoro attrezzato verrà attribuito l onere della manutenzione e della gestione del parco. Lungo l asse viario dove è esistente un parcheggio di sosta per l ingresso al parco che allo stato attuale risulta essere poco utilizzato per mancanza di strutture di supporto al parco stesso si è ipotizzato l utilizzo di tale area per un mercato rionale settimanale ed anche di

14 esposizione quali i mercatini solidali o di antiquariato. Vedi allegato n 3 Zona Centralità 01 N non attuato (immagine satellitare e ubicazione delle aree su base catastale)

15

16

17 Sottozone centralità Settebagni Sulle aree denominate M1 Attrezzature Stazione della centralità locale, ubicate lungo la Via della Stazione di Settebagni graficizzate in parte dove presumibilmente era ubicata la vecchia stazione di Settebagni, bombardata e distrutta durante il secondo conflitto mondiale, per la parte destinata ad attrezzature della stazione, si è ipotizzata la realizzazione di un parcheggio coperto, di sosta anche a lungo termine da utilizzare per la stazione che ristrutturata potrà anche ospitare un terminal avanzato anche utilizzato dall aeroporto di Fiumicino o dal costruendo aeroporto leggero dell Urbe, con copertura fotovoltaica da ubicarsi sul Foglio 132 Particelle 4 e 1402.

18 La produzione dell energia proveniente dall utilizzo del fotovoltaico potrà essere utilizzata per tutte le strutture di nuova realizzazione ipotizzate per le aree limitrofe (Parco Nobile). La stazione ferroviaria e metropolitana di Settebagni potrà essere ristrutturata in modo che essa possa essere fruibile da tutta quanta la comunità dell abitato di Settebagni e dagli utenti esterni che la utilizzano, ipotizzando anche la realizzazione nell ambito dell edificato presente nel centro ferroviario di un terminal avanzato dei due più vicini aeroporti (Urbe e Fiumicino). Vedi allegato n 4 Zona Centralità M1 Attrezzature Stazione (immagine satellitare e ubicazione delle aree su base catastale)

19

20

21 b) Ristrutturazione tessuto edilizio esistente: Sottozona 07 centralità Settebagni All interno dell area denominata 07 M3 - Chiesa e relative attrezzature è stato individuato un edificio dismesso insistente sulla Particella 23 del Foglio 132 il quale potrà essere ristrutturato per alloggiare nel suo interno un centro associativo dei Boy Scout che verrà reso fruibile ed utilizzabile per lo scopo ipotizzato. Vedi allegato n 5 Zona Centralità 07 M3 Chiesa e relative attrezzature (immagine satellitare e ubicazione delle aree su base catastale)

22

23

24 Sottozona 04 centralità Settebagni Si è infine esaminato lo stato di una funzione già presente all interno della centralità locale di Settebagni, n 04 M3 Istituto di Istruzione Superiore, e più precisamente il complesso scolastico esistente lungo la Via dello Scalo di Settebagni: tale complesso per la sua ubicazione presenta delle carenze dovute alla cattiva fruizione veicolare dello stesso in quanto il tracciato stradale di Via dello Scalo di Settebagni non è molto ampio e non dà possibilità, visto che a confine con lo stesso è presente il tracciato ferroviario, di un ulteriore ampliamento. Si è quindi ipotizzato la possibilità di ridisegnare gli accessi pedonali al complesso scolastico, ripristinando un percorso esistente ma attualmente occultato da proprietà private che da una strada ubicata sul colle dell abitato di Settebagni, Via Poggio a Caiano, faceva accedere al complesso scolastico dalla parte superiore del quartiere. Il ripristino di tale accesso, pur non risolvendo completamente il problema veicolare, potrebbe diminuire sensibilmente lo stesso in quanto le persone provenienti dalla parte superiore dell abitato andrebbero ad utilizzare l accesso ripristinato senza essere costretti ad utilizzare i percorsi veicolari per accedere alla parte inferiore del quartiere. Vedi allegato n 6 Zona Centralità 04 M3 Istituto di Istruzione Superiore (immagine satellitare e ubicazione delle aree su base catastale)

25

26

27 Asse della centralità per il potenziamento delle attività commerciali Si propone, inoltre, il potenziamento dei fronti commerciali presenti lungo l asse della centralità, Via Salaria vecchia e strade limitrofe con colorazione in rosso, che dovranno interessare i piani terreni degli edifici prospicenti e confinanti con tale asse, incentivando e supportando la realizzazione di attrezzature commerciali (piccole o medie), pubblici esercizi (bar, ristoranti, pub, locali notturni), servizi privati (servizi alle persone e direzionale privato), anche in ampliamento delle superfici esistenti, regolamentati dalle sole dimensioni dell area di pertinenza dell edificio e dalle norme generali sul rispetto delle distanze. Vedi allegato n 7 Asse Centralità Potenziamento dei fronti commerciali (immagine satellitare)

28

29 INQUINAMENTO ACUSTICO ABITATO DI SETTEBAGNI Abitato di Settebagni e Scuole Estratto della tavola del Piano di Zonizzazione Acustica del Comune di Roma

30 Abitato di Settebagni e Scuole Estratto della Tavola Municipio IV 2/3 Classificazione acustica territorio per l abitato di Settebagni Per la sua particolare ubicazione e per la caratteristica oggettiva di avere all interno dell abitato tre scuole (asilo comunale, istituto scolastico elementare ed istituto scolastico delle medie inferiori) ubicate in un unico complesso d istruzione ed in zona prossima alle rete ferroviaria che passa all interno di tale abitato ai sensi della Legge 447/95 e successivi decreti attuativi il Comune di Roma Capitale ha graficizzato tale area classificandola come classe di destinazione d uso del territorio in Classe III Aree di Tipo Misto.

31 Purtroppo per la presenza di due reti ferroviarie, una di alta velocità e l altra di trasporto merci e persone, ed il raccordo stradale di Via Salaria i valori massimi stabiliti per legge per le aree di Classe III (60 db(a) diurni e 50 db(a) notturni) non vengono rispettati soprattutto lungo le fasce indicate nell estratto della Tavola Municipio IV 2/3 Classificazione acustica territorio per l abitato di Settebagni. Le zone individuate e maggiormente interessate da questo problema sono essenzialmente due: la prima limitrofa alle linee ferroviarie dell alta velocita e di quella regionale che è individuata tra le strade interne all abitato di Settebagni di Via Salaria Vecchia, Via San Antonio da Padova, Via della Stazione di Settebagni e Via dello Scalo di Settebagni; la seconda limitrofa al tracciato veicolare del raccordo stradale di Via Salaria. Per entrambe le situazioni evidenziate di inquinamento acustico presente sul territorio del quartiere si propongono interventi di abbattimento delle emissioni acustiche dannose, provenienti dal passaggio dei treni e delle autovetture, a mezzo di installazione di pannelli fono assorbenti lungo tali direttrici.

32 IPOTESI DI COPERTURA FINANZIARIA PER LA CENTRALITA DI SETTEBAGNI Per le coperture finanziarie relative allo sviluppo urbanistico individuato all interno delle aree destinate alla Centralità di Settebagni e per il nuovo assetto ambientale del territorio mirato alla risoluzione dell inquinamento acustico in precedenza trattato si ipotizza la loro reperibilità attraverso operazioni di compensazione per la cessione gratuita delle aree, compensazione che potrà essere tradotta in: attribuzione di cubature private da realizzare in aree locali ben definite, incentivando la realizzazione di opere pubbliche con convenzionamenti e/o opere a scomputo, per una parte, e per l altra operando una variante sulle opere a scomputo già previste ed in corso di realizzazione per la convenzione edilizia Consorzio Inviolatella Salaria del Programma Integrato ex art. 16 Legge 179/92 e Legge Regionale n 22/97 operante nel quartiere di Settebagni.

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione Disposizioni di attuazione Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione settembre 2008 maggio 2009 aggiornato giugno 2009 Versione 19.05.2009

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

Tecnopolo Tiburtino - Complesso Technology. OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione. Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma

Tecnopolo Tiburtino - Complesso Technology. OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione. Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma 1 INDICE Introduzione..4 Ubicazione e accessibilità.5 Caratteristiche principali...6 Opportunità di investimento.7 Servizi..8

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

CARTA MUNICIPALE DEGLI OBIETTIVI

CARTA MUNICIPALE DEGLI OBIETTIVI CARTA MUNICIPALE DEGLI OBIETTIVI ALLEGATO A PROGRAMMA DI ACQUISIZIONE, UTILIZZAZIONE E GESTIONE DI AREE CON DESTINAZIONE VERDE PUBBLICO E SERVIZI PUBBLICI DI LIVELLO LOCALE MUNICIPIO ROMA II Allegato alla

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa e finalità dell intervento La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde sita in Via Corelli Fraz. Valcanneto nel

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 2. Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 2. Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 2 Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si segnala la richiesta di: Recuperare edifici ed aree di proprietà comunale in stato di

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO ECOLOGIA-AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CHIOGGIA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE GIUGNO 2002 Il Responsabile

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni Allegato F Relazione Tecnica aggiornamento Giugno 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi Architetto 20900 Monza MB

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA LA FASE DELLA

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

Articolo originale. Articolo emendato

Articolo originale. Articolo emendato In seguito alla variante per l'area centrale del quartiere "Torri ex Gescal" Marx-Livorno viene inserita nelle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale vigente - in aggiunta all'invariato

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

2 EDIFICIO in VALPERGA

2 EDIFICIO in VALPERGA 2 EDIFICIO in VALPERGA Per ulteriori approfondimenti e programmazione sopralluoghi (Tel. 011.861.2447-2494-2402-2620) UBICAZIONE Il complesso immobiliare dista 50 km da Torino ed è ubicato nel comparto

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA MURA LORENESI A LIVORNO STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA Il 29 novembre 2003 sono stati presentati alla città dal Sindaco di Livorno Gianfranco Lamberti gli interventi del Programma di Riqualificazione

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE OGGETTO: PIANO URBANISTICO ATTUATIVO P.U.A.- CAMPUS DI FISCIANO RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE (ART. 13 D.lgs 16.01.2008 n 4) R E L A Z I O N E

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via

La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via VARIANTE E UTLIMAZIONE OPERE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RELATIVO LA ZONA D3/1 IN LOC. SAN VITO La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via S.G.Calabria 9, tecnico incaricato

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo Quartiere

Dettagli

Progetto di pianificazione e riqualificazione urbanistica dell area antistante la stazione ferroviaria di Padova

Progetto di pianificazione e riqualificazione urbanistica dell area antistante la stazione ferroviaria di Padova 26 TERRITORIO PER AZIONI DAUR Altin Bici, Alessandro Bonaldi, Elena Castellin, Alessandra Cona, Marco Gugole Santino Progetto di pianificazione e riqualificazione urbanistica dell area antistante la stazione

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione Art. 1 Campo di applicazione Le presenti norme tecniche disciplinano l attuazione dell area oggetto del Programma Integrato d Intervento Variante di P.R.G. del Comune di Cisterna di Latina loc. L Annunziata,

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Elaborati del Project Work

Elaborati del Project Work Elaborati del Elaborato 6 - Strategie ed indirizzi progettuali L elaborato definisce gli indirizzi e le grandi scelte progettuali per l intero quartiere in relazione al proprio contesto territoriale, oltre

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R.V. 23 MAGGIO 2006, N 1590 V.G. P.R.G. - VARIANTE N 34

PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R.V. 23 MAGGIO 2006, N 1590 V.G. P.R.G. - VARIANTE N 34 REGIONE VENETO PROVINCIA DI VERONA CITTA' DI LEGNAGO PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R.V. 23 MAGGIO 2006, N 1590 V.G. P.R.G. - VARIANTE N 34 PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI

Dettagli

COMUNE DI VIGNATE. Piano di Governo del Territorio (ai sensi della L.R. 12/2005 e succ. smi) S2b Norme Tecniche del piano dei servizi

COMUNE DI VIGNATE. Piano di Governo del Territorio (ai sensi della L.R. 12/2005 e succ. smi) S2b Norme Tecniche del piano dei servizi COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO Piano di Governo del Territorio (ai sensi della L.R. 12/2005 e succ. smi) S2b Norme Tecniche del piano dei servizi PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO VERSIONE APPROVATA

Dettagli

Attività di servizio alle persone e alle imprese (B)

Attività di servizio alle persone e alle imprese (B) Ambito 8.7 PRONDA A. Residenza min. 23.565 mq B. Attività di servizio alle persone e alle imprese max 27.399 mq (di cui almeno il 50% produttivo e max 30% per attività commerciali) VIABILITÀ URBANA: Prevedere

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

1 DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO

1 DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO DATA: OTTOBRE 2008 COMUNE DI FORLI CONTRATTO DI QUARTIERE: CONNESSIONE FRA LA PRIMA ESPANSIONE URBANA E LA CITTA STORICA TITOLO DELL INTERVENTO: 2. NUOVA COSTRUZIONE

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA Il presente progetto è relativo all attuazione delle previsioni del PGT vigente relativamente all AREA B9 (area di concentrazione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli