DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA CAPPELLINI GIOVANNI FAVA MASSIMO GARAVAGLIA MARIO MELAZZINI MAURO PAROLINI ANTONIO ROSSI FABRIZIO SALA ALESSANDRO SORTE CLAUDIA TERZI Con l'assistenza del Segretario Fabrizio De Vecchi Su proposta dell'assessore Massimo Garavaglia Oggetto ADESIONE DI REGIONE LOMBARDIA AD ALCUNE MISURE A FAVORE DELLE PMI PREVISTE DALL ACCORDO PER IL CREDITO 2015 SOTTOSCRITTE IL 31 MARZO 2015 TRA ABI E LE ASSOCIAZIONI DI RAPPRESENTANZA DELLE IMPRESE ED ATTIVAZIONE DI UN AUTONOMA MORATORIA REGIONALE (DI CONCERTO CON GLI ASSESSORI MELAZZINI, CAPPELLINI, ROSSI, PAROLINI E FAVA) Si esprime parere di regolarità amministrativa ai sensi dell'art.4, comma 1, l.r. n.17/2014: II Dirigente Manuela Giaretta I Direttori Generali Roberto Albonetti Sabrina Sammuri Cristina Colombo Danilo Piercarlo Maiocchi Roberto Cova Giuseppe Bonomi Il Segretario Generale Giuseppe Bonomi L'atto si compone di 17 pagine di cui 6 pagine di allegati parte integrante

2 VISTO l Accordo per il credito 2013 sottoscritto il 1 luglio 2013 fra l Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI ) e le principali associazioni imprenditoriali che prevedeva tre linee di intervento e precisamente: A. Operazioni di sospensione dei finanziamenti; B. Operazioni di allungamento dei finanziamenti; C. Operazioni volte a promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività: CONSIDERATO che Regione Lombardia con la deliberazione n. X/608 DEL 06/09/2013 ADESIONE DI REGIONE LOMBARDIA AD ALCUNE MISURE A FAVORE DELLE PMI PREVISTE DALL ACCORDO PER IL CREDITO 2013 SOTTOSCRITTO IL 1 LUGLIO 2013 TRA ABI E LE ASSOCIAZIONI DI RAPPRESENTANZA DELLE IMPRESE ED ATTIVAZIONE DI UN AUTONOMA MORATORIA REGIONALE ha: 1.aderito alle prime 2 linee di intervento ed, in particolare, ai sotto specificati interventi finanziari secondo le modalità definite dallo stesso Accordo, ed in particolare: A. Operazioni di sospensione dei finanziamenti: 1)Operazioni di sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti a medio lungo termine (di seguito mutui ), anche se agevolati; 2)Operazioni di sospensione per 12 mesi ovvero per 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing rispettivamente immobiliare ovvero mobiliare ; B. Operazioni di allungamento della durata dei finanziamenti; 1)Operazioni di allungamento della durata dei mutui; 2. disposto che, in conseguenza dell adesione, le operazioni di sospensione e di allungamento dei finanziamenti delle PMI, anche per la quota regionale di cofinanziamento dovevano avvenire secondo i termini, le condizioni e le modalità previste dal sopraccitato Accordo; 3. proseguito, con l autonoma iniziativa, denominata Moratoria Regionale finalizzata alla sospensione e allungamento dei finanziamenti delle PMI con riferimento agli interventi di agevolazione finanziati esclusivamente a valere sulle risorse regionali; 4. esteso l applicabilità dell Accordo ai finanziamenti ed alle operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica regionale nella forma di contributo in conto interessi; 1

3 5. individuato le misure che ricadevano nel perimetro delle agevolazioni sopra citate; 6. esteso la durata delle garanzie che assistono i finanziamenti e le operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica regionale; 7. esteso gli effetti dell applicazione dell Accordo alle garanzie sugli interventi finanziari, gestiti da Finlombarda S.p.A., di cui al Fondo di garanzia Made in Lombardy istituito con D.g.r. 29 ottobre 2008 n.viii/8297 POR Competitività FESR Asse 1 Istituzione del Fondo di garanzia Made in Lombardy; 8. permesso l accesso alle operazioni di sospensione e allungamento dei finanziamenti, per le iniziative di agevolazione gestite da Finlombarda S.p.A. a valere esclusivamente su risorse regionali semplificando la procedura prevista dall Accordo prevedendo, pertanto, l accesso alle aziende che al momento della presentazione della domanda non avevano posizioni debitorie classificate come sofferenze, partite incagliate, esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute/sconfinanti da oltre 90 giorni né procedure esecutive in corso (imprese in bonis ) ed escludendo le ulteriori valutazioni previste dall Accordo stesso; 9. individuato in Finlombarda S.p.A., il soggetto gestore delle iniziative di agevolazione in cofinanziamento con il sistema bancario e delle iniziative di agevolazione finanziate esclusivamente a valere su risorse regionali, e dato mandato alla stessa per l attuazione delle agevolazioni previste mediante l adozione di tutti gli atti idonei allo scopo, autorizzando la medesima a disporre l eventuale proroga di garanzie concesse a valere su fondi regionali; CONSIDERATO che lo scorso 31 marzo 2015 è scaduto il termine per aderire alle agevolazioni sopra richiamate; PRESO ATTO che a valere l Accordo per il credito di cui alla DGR X/608 del 6 settembre 2013 sono state presentate, alla data del 31 marzo 2015, a Finlombarda S.p.A (quale soggetto individuato per l attuazione della precedenti agevolazioni) n. 162 domande e precisamente: n. 137 per la sospensione della quota capitale (115 positive, 20 negative e 2 in istruttoria); n. 25 per l allungamento della durata del finanziamento (16 positive, 1 negative e 8 in istruttoria); 2

4 VISTO il comunicato stampa pubblicato sul sito di ABI lo scorso 1 aprile 2015 con cui si rende nota la sottoscrizione tra l Associazione bancaria italiana e le associazioni d impresa, in particolare: AGCI, Confcooperative, Legacoop riunite in Alleanza delle Cooperative Italiane; CIA; CLAAI; Coldiretti; Confagricoltura; Confapi; Confedilizia; Confetra; Confindustria; Cna, Confartigianato, Confersercenti, Confcommercio, Casartigiani riunite in Rete Imprese Italia dell Accordo per il Credito 2015 (di seguito l Accordo) quale complesso di misure dirette a sostenere le piccole e medie imprese (PMI), che nell impostazione ricalcano quelle previste dall Accordo per il credito 2013 ; PRESO ATTO che l Accordo per il Credito 2015, che resterà in vigore fino al 31 dicembre 2017, prevede tre iniziative: 1. Imprese in Ripresa; 2. Imprese in Sviluppo; 3. Imprese e PA; CONSIDERATO il perdurare della situazione di difficoltà delle PMI e il manifestarsi di alcuni segnali di miglioramento che necessitano di essere sostenuti anche attraverso misure volte a favorire l accesso al credito; RITENUTO opportuno: 1) aderire limitatamente alla prima iniziativa che consente le: A. Operazioni di sospensione dei finanziamenti Operazioni di sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti a medio lungo termine (di seguito mutui ), anche se agevolati; Operazioni di sospensione per 12 mesi ovvero per 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing rispettivamente immobiliare ovvero mobiliare ; B. Operazioni di allungamento della durata dei finanziamenti; Operazioni di allungamento della durata dei mutui; 2. disporre che, in conseguenza della sopradetta adesione, le operazioni di sospensione e di allungamento dei finanziamenti delle PMI, anche per la quota regionale di cofinanziamento dovranno avvenire secondo i termini, le condizioni e le modalità previste dal sopraccitato Accordo per le misure 3

5 appresso individuate; 3. proseguire, con l autonoma iniziativa, denominata Moratoria Regionale finalizzata alla sospensione e allungamento dei debiti finanziamenti delle PMI con riferimento agli interventi di agevolazione finanziati esclusivamente a valere sulle risorse regionali appresso individuate; 4. estendere l applicabilità dell Accordo ai finanziamenti ed alle operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica regionale nella forma di contributo in conto interessi per le misure appresso individuate; 5. estendere in conseguenza dell applicabilità dell Accordo ai finanziamenti ed alle operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica regionale, la durata delle garanzie che assistono le misure appresso individuate; RICHIAMATE le seguenti leggi regionali e i relativi provvedimenti attuativi: - l.r. 16 dicembre 1996, n. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane che prevede all art. 2 interventi per agevolare l accesso al credito delle imprese artigiane ed interventi di garanzia; - l.r. 16 dicembre 1996, n. 35 Interventi regionali per lo sviluppo delle imprese minori e successive modificazioni concernente l attuazione di interventi regionali finalizzati allo sviluppo delle imprese minori operanti sul territorio lombardo; - l.r. 15 gennaio 1999, n.1 Politiche regionali del lavoro e dei servizi per l impiego che all art. 10, comma 7 istituisce il Fondo di rotazione per il finanziamento delle attività imprenditoriali e del lavoro autonomo ; - l.r. 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia che prevede la promozione ed il sostegno da parte di Regione Lombardia di interventi finalizzati all avvio di nuove attività imprenditoriali, di lavoro autonomo ed indipendente, con particolare riguardo a iniziative proposte da giovani, donne e soggetti svantaggiati a valere sul Fondo rotazione per il finanziamento delle attività imprenditoriali e del lavoro autonomo ; - l.r. 18 novembre 2003, n. 21 Norme per la cooperazione in Lombardia che all art. 5 prevede interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione; - l.r. 2 febbraio 2007, n. 1 Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia che definisce obiettivi e strumenti per il sostegno alla crescita competitiva del sistema produttivo lombardo; 4

6 - l.r.. 15 del 16 luglio 2007, Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo e in particolare l art. 10 inerente le misure di incentivazione e sostegno alle imprese; PRESO ATTO che tali iniziative di agevolazione, sono gestite da Finlombarda S.p.A. in cofinanziamento con il sistema bancario e rientrano tra le tipologie previste per l applicazione dell Accordo; RICHIAMATE, altresì, le seguenti leggi regionali e i relativi provvedimenti attuativi: - l.r. 16 dicembre 1996, n. 34 interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane, e in particolare l art.3, che dispone la costituzione di un Fondo il Fondo di garanzia finalizzato a garantire le operazioni finanziarie effettuate attraverso il Fondo di rotazione per interventi finanziari; - l.r. 11 giugno 1998, n. 9 Realizzazione, ammodernamento e potenziamento degli impianti per l esercizio degli sport invernali che prevede interventi a sostegno di soggetti esercenti gli impianti di risalita collegati alla pratica dello sci esistenti sul territorio regionale; - l.r. 21 marzo 2000, n. 13 Interventi regionali per la qualificazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese commerciali e in particolare l art. 5 ai sensi del quale il Consiglio regionale, ha approvato il programma triennale a favore delle micro, piccole e medie imprese commerciali (norma oggi abrogata dalla l.r. 2 febbraio 2010 n. 6 Testo Unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere ); - l.r. 1 giugno 1993 n. 16 Attuazione dell art. 9 della legge 8 novembre 1991 n. 381 disciplina delle cooperative sociali ; - l.r. 4 novembre 2005 n. 16 con cui si è stabilito che il fondo di rotazione Foncooper-Regione Lombardia, è gestito direttamente dalla Regione per gli interventi previsti dalla legge 27 febbraio 1985, n. 49 Provvedimenti per il credito alla cooperazione e misure per la salvaguardia dei livelli occupazionali ; - l.r. 29 aprile 1995 n. 35 che all art. 4 bis lettera a) come modificata e integrata dall art. 7 comma 13 della l.r. 3 agosto 2004 n.19 che stabilisce interventi attraverso l istituzione di un fondo di rotazione peri il sostegno ai soggetti che operano in campo culturale ; - l.r. 30 luglio 2008 n. 21 art. 5 legge sullo spettacolo che all art. 5 istituisce un apposito Fondo di rotazione al fine di finanziare progetti inerenti alla 5

7 ristrutturazione e all adeguamento tecnologico di sale destinate ad attività di spettacolo e all art. 6 che istituisce il relativo Fondo di garanzia; - l.r. del 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo e in particolare l art. 10 inerente le misure di incentivazione e sostegno alle imprese che ha quale finalità il raggiungimento di elevati standard qualitativi, la realizzazione di sistemi di eccellenza e di nuovi prodotti turistici; - l.r. del 5 dicembre 2008, n. 31 Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale finalizzata allo sviluppo del comparto agricolo; - l.r. del 27 giugno 1988 n. 36 Incentivi per il potenziamento, l ammodernamento e la qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia ; - l.r. del 5 gennaio 2000 n. 1 che istituisce il Fondo Unico regionale per la concessione di incentivi e benefici per le imprese operanti in Lombardia; PRESO ATTO che tali iniziative di agevolazione sono gestite da Finlombarda S.p.A. e prevedono finanziamenti a medio/lungo termine esclusivamente a valere su risorse regionali; CONSIDERATO opportuno, quale segnale di attenzione per il mondo delle PMI permettere l accesso alle operazioni di sospensione e allungamento dei finanziamenti, secondo quanto sopra previsto, per le iniziative di agevolazione gestite da Finlombarda S.p.A. a valere esclusivamente su risorse regionali prevedendo l accesso alle aziende che al momento della presentazione della domanda non abbiano posizioni debitorie classificate come sofferenze, partite incagliate, esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute/sconfinanti da oltre 90 giorni né procedure esecutive in corso (imprese in bonis ) e di escludere l effettuazione nei confronti delle PMI delle ulteriori eventuali valutazioni previste dall Accordo stesso; RITENUTO di confermare l estensione dell ambito di applicazione dell Accordo anche agli interventi finanziari che prevedono agevolazioni nella forma del contributo in conto interessi, gestiti da Finlombarda S.p.A., che vengono individuati negli interventi/leggi di seguito elencati: - d.c.r. del 1 ottobre 1997 n. 699 Fondo abbattimento tassi a favore delle imprese artigiane ; 6

8 - d.d.g. del 30 luglio 2009 n Fondo per le agevolazioni finanziarie all Artigianato Misura B e Misura B regime transitorio; - d.d.s. del 1 marzo 2005, n. 3048, Misura A investimento singolo, art. 1, intervento agevolativo di cui al punto 1 finanziamento concesso da banche o da intermediari finanziari ; - d.d.u.o. del 27 gennaio 2009, n. 613, Agevolazioni per l acquisto di macchinari : art. 1, intervento agevolativo di cui al punto 1 finanziamento concesso da banche o da intermediari finanziari ; - d.d.u.o. del 6 agosto 2010, n e d.g.r. del 4 agosto 2011, n Fondo per le imprese agricole per il credito di funzionamento ; - d.c.r. del 22 febbraio 2000 n. 1517/7001, d.c.r. del 18 novembre 2003 n e DGR del 21 maggio 2004 n di cui alla l.r. 27 giugno 1988 n. 36 Incentivi per il potenziamento l ammodernamento e la qualificazione delle strutture e infrastrutture turistiche in Lombardia ; - d.g.r. del 29 luglio 2011 n. IX/2048 Fondo Abbattimento interessi sui finanziamenti alle PMI con provvista BEI ; RITENUTO inoltre di estendere gli effetti dell applicazione dell Accordo agli interventi di cui: - al Fondo di garanzia Made in Lombardy istituito con D.g.r. 29 ottobre 2008 n.viii/8297 POR Competitività FESR Asse 1 Istituzione del Fondo di garanzia Made in Lombardy ; - al Fondo Abbattimento interessi sui finanziamenti alle PMI con provvista BEI istituito con DGR n. IX/2048 del 28 luglio 2011; VISTI: Regolamento CE n. 1407/2013 del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell Unione europea agli aiuti «de minimis»; Regolamento CE n. 651/2014 del 26 giugno 2014 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato; VISTO l Allegato A Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale e relativa Appendice, parte integrante e sostanziale del presente 7

9 provvedimento; Ad unanimità di voti espresse nelle forme di legge; D E L I B E R A 1. di aderire all Accordo per il credito 2015 limitatamente alle seguenti misure previste dal paragrafo Imprese in Ripresa : A. Operazioni di sospensione dei finanziamenti Operazioni di sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti a medio lungo termine (di seguito mutui ), anche se agevolati; Operazioni di sospensione per 12 mesi ovvero per 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing rispettivamente immobiliare ovvero mobiliare ; B. Operazioni di allungamento della durata dei finanziamenti; Operazioni di allungamento della durata dei mutui; 2. di disporre che, in conseguenza della sopradetta adesione, le agevolazioni previste, anche per la quota regionale di cofinanziamento, vengano disciplinate secondo i termini, le condizioni e le modalità previste dal medesimo Accordo; 3. di proseguire, coerentemente con le finalità dell Accordo, con l autonoma iniziativa, denominata Moratoria Regionale finalizzata alla sospensione dei finanziamenti delle PMI con riferimento agli interventi di agevolazione finanziati esclusivamente a valere sulle risorse regionali indicate nelle premesse; 4. di disporre che l accesso, da parte delle PMI, alle operazioni di sospensione e allungamento dei finanziamenti in relazione alla Moratoria Regionale è subordinato esclusivamente all assenza, al momento della presentazione della domanda, di posizioni debitorie classificate come sofferenze, 8

10 partite incagliate, esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute/sconfinanti da oltre 90 giorni di procedure esecutive in corso (imprese in bonis ); 5. di estendere l applicabilità dell Accordo ai finanziamenti ed alle operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica regionale nella forma di contributo in conto interessi; 6. estendere la durata delle garanzie che assistono i finanziamenti e le operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica regionale; 7. di estendere gli effetti dell applicazione dell Accordo alle garanzie sugli interventi finanziari, gestiti da Finlombarda S.p.A., di cui al Fondo di garanzia Made in Lombardy istituito con D.g.r. 29 ottobre 2008 n.viii/8297 POR Competitività FESR Asse 1 Istituzione del Fondo di garanzia Made in Lombardy ; 8. di disporre, in virtù del presente provvedimento, la modifica dei provvedimenti attuativi citati nelle premesse alla presente deliberazione; 9. di approvare l Allegato A Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale e la relativa Appendice, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 10.di individuare in Finlombarda S.p.A., in qualità di soggetto gestore delle iniziative di agevolazione in cofinanziamento con il sistema bancario e delle iniziative di agevolazione finanziate esclusivamente a valere su risorse regionali, indicate nelle premesse al presente provvedimento, e dare mandato per l attuazione della presente provvedimento mediante l adozione di tutti gli atti idonei allo scopo, autorizzando la medesima a disporre, in conseguenza dell applicazione della presente deliberazione, l eventuale proroga di garanzie concesse a valere su fondi regionali; 11.di disporre che le richieste di accesso all Accordo e alla Moratoria regionale, da parte delle imprese potranno essere presentate dalle stesse entro il termine del 31 dicembre 2017; 9

11 12.di disporre che le richieste di attivazione dell allungamento potranno essere presentate dalle imprese entro il 30 giugno 2018, qualora al 31 dicembre 2017 il finanziamento dovesse trovarsi ancora in fase di sospensione; 13.di disporre la pubblicazione della presente deliberazione sul B.U.R.L. regionale e sul sito internet di Regione Lombardia. IL SEGRETARIO FABRIZIO DE VECCHI Atto firmato digitalmente ai sensi delle vigenti disposizioni di legge 10

12 Allegato A Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Soggetti ammissibili: piccole e medie imprese, come definite dalla normativa comunitaria, che alla data della presentazione della domanda risultino in bonis e pertanto, non abbiano posizioni debitorie classificate da Finlombarda S.p.A. come sofferenze, partite incagliate, o esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute/sconfinanti da oltre 90 giorni, ne procedure esecutive in corso. Possono beneficiare degli interventi le PMI operanti in Italia e appartenenti a tutti i settori. Operazioni ammissibili: A. Operazioni di sospensione dei finanziamenti operazioni di sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti a medio-lungo termine (mutui) anche se agevolati e operazioni di sospensione per 12 mesi ovvero 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing. Condizioni per l accesso alla sospensione dei finanziamenti: sono ammissibili alla richiesta di sospensione (per la parte di quota capitale) i finanziamenti in essere alla data del 1 aprile 2015 per i quali non sia stata richiesta la sospensione o l allungamento nell arco dei 24 mesi precedenti la data di presentazione della domanda di sospensione, ad eccezione delle facilitazioni della specie concesse ex lege in via generale. le rate oggetto di richiesta di sospensione devono essere in scadenza o già scadute (non pagate o pagate solo parzialmente) da non più di 90 giorni alla data di presentazione della domanda da parte dell impresa; le operazioni di sospensione determinano la traslazione del piano di ammortamento per un periodo analogo e gli interessi sul capitale sospeso sono corrisposti alle scadenze originarie; le operazioni di sospensione non comportano l applicazione di commissioni e spese di istruttoria salvo eventuali costi sostenuti da Finlombarda nei confronti di terzi ai fini della realizzazione delle operazioni di sospensione; le operazioni di sospensione non comportano un aumento dei tassi di interesse praticati rispetto al contratto originario; in presenza di garanzie che assistono i finanziamenti, l estensione delle stesse, per il periodo di ammortamento aggiuntivo, è condizione necessaria ai fini della realizzazione dell operazione; le operazioni di sospensione vengono effettuate senza richiesta di garanzie aggiuntive; le rate sospese, per la sola quota capitale, vengono ammortizzate utilizzando, oltre che lo stesso tasso contrattuale, anche la stessa periodicità; l impresa sia in possesso di adeguate prospettive economiche e di continuità aziendale, nonostante le difficoltà finanziarie temporanee dovute all attuale congiuntura negativa; Le richieste di attivazione della sospensione devono essere presentate dalle imprese entro il 31 dicembre 2017 utilizzando l apposita domanda di accesso (Appendice 1). 1

13 B. Operazioni di allungamento dei finanziamenti Operazioni di allungamento della durata dei finanziamenti per un periodo massimo pari al 100% della durata residua del piano di ammortamento e comunque non superiore ai 3 anni per i finanziamenti. Condizioni per l accesso all allungamento della durata dei finanziamenti: sono ammissibili alla richiesta di allungamento i finanziamenti in essere alla data del 1 aprile 2015 per i quali non sia stata richiesta la sospensione o l allungamento nell arco dei 24 mesi precedenti la data di presentazione della domanda di allungamento, ad eccezione delle facilitazioni della specie concesse ex lege in via generale. nel periodo di sospensione dell ammortamento del mutuo, l impresa deve aver pagato con regolarità gli interessi e, se del caso, avere, alla fine del periodo di sospensione, ripreso a pagare regolarmente le rate di ammortamento del finanziamento; l impresa può richiedere l allungamento solo al termine del periodo di sospensione dell ammortamento del mutuo. le operazioni di allungamento non comportano un aumento dei tassi di interesse praticati rispetto al contratto originario il cui periodo residuo di ammortamento, comprensivo del periodo di allungamento, non risulti superiore a 3 anni per i mutui; le operazioni di allungamento dei termini non comportano l applicazione di commissioni e spese di istruttoria salvo eventuali costi sostenuti da Finlombarda S.p.A. nei confronti di terzi ai fini della realizzazione delle operazioni di allungamento; le operazioni di allungamento dei termini vengono effettuate senza richiesta di garanzie aggiuntive; in presenza di garanzie che assistono i finanziamenti, l estensione delle stesse, per il periodo di ammortamento aggiuntivo, è condizione necessaria ai fini della realizzazione dell operazione; l impresa sia in possesso di adeguate prospettive economiche e di continuità aziendale, nonostante le difficoltà finanziarie temporanee dovute all attuale congiuntura negativa; le richieste di attivazione dell allungamento devono essere presentate dalle imprese entro il 31 dicembre 2017 utilizzando l apposita domanda di accesso (Appendice 1), qualora a tale data il finanziamento dovesse trovarsi ancora in fase di sospensione, le richieste di attivazione dell allungamento potranno essere presentate entro il 30 giugno Modalità operative: iter istruttorio Ai fini della concessione della sospensione dei debiti, ovvero dell allungamento della durata dei finanziamenti a medio termine, l impresa deve inoltrare domanda a Finlombarda S.p.A., mediante la compilazione di uno specifico modello, contenuto in Appendice al presente allegato (Appendice A). Finlombarda S.p.A. provvede a dare riscontro all impresa, di norma, entro 40 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda, dopo aver verificato: che l impresa alla data della presentazione della domanda, abbia esclusivamente posizioni classificate in bonis ; che l impresa, al momento di presentazione della domanda, non abbia posizioni debitorie classificate come "sofferenze", "partite incagliate", "esposizioni ristrutturate" o "esposizioni scadute/sconfinanti" da oltre 90 giorni, né procedure esecutive in corso (impresa in bonis)"; 2

14 che nel periodo di sospensione dell ammortamento del mutuo, l impresa abbia pagato con regolarità gli interessi e, se del caso, avere, alla fine del periodo di sospensione, ripreso a pagare regolarmente le rate di ammortamento del finanziamento; che la richiesta di sospensione/allungamento del pagamento delle rate riguardi finanziamenti in essere alla data del 1 aprile 2015 per i quali non sia stata richiesta la sospensione o l allungamento nell arco dei 24 mesi precedenti la data di presentazione della domanda, ad eccezione delle facilitazioni della specie concesse ex lege in via generale; e inoltre aver modificato il piano di ammortamento dell operazione; rideterminato l intensità di aiuto, verificando il rispetto delle intensità di aiuto massime; provveduto alle modifiche contrattuali a seguito della ridefinizione del piano di ammortamento; Modalità di presentazione delle domande Le domande devono essere presentate mediante la compilazione del modulo in Appendice da inviarsi tramite raccomandata A/R al seguente indirizzo: Finlombarda S.p.A: c/a Ufficio Contratti; via Taramelli n , Milano, specificando sulla Busta Richiesta di Moratoria Regionale. A tal fine farà fede la data del timbro postale di invio. Le domande pervenute fuori dai predetti termini o presentate secondo una modalità difforme rispetto a quella indicata saranno considerate inammissibili. 3

15 APPENDICE 1: MODELLO DI DOMANDA MODELLO DI DOMANDA Spett.le Finlombarda S.p.A. c/o Ufficio Contratti A mezzo Raccomandata Via Taramelli, Milano DOMANDA DI ACCESSO ALLA MORATORIA REGIONALE 2015/2017 (di cui alla D.g.r. n. XXXXXXXXX del XXXXX/2015) e contestuale dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi dell Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Il sottoscritto C.F. nato a il nella propria qualità di legale rappresentante/procuratore dotato di opportuni poteri di firma (allegati in copia) dell Impresa (denominazione sociale) (codice fiscale/partita iva) (indirizzo sede) (telefono) (fax) ( ) consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso di atti falsi, richiamate dall art. 76 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000; DICHIARA di avere preso visione della D.g.r. n. XXXXXXX del XXXXXXXXe dei relativi Allegati e di conoscerne ed accettarne il contenuto; che la predetta impresa è intestataria del/i seguente/i finanziamento/i regionali (indicare i riferimenti normativi e dati richiesti dei finanziamenti regionali in essere per i quali si intende richiedere la concessione della Moratoria Regionale): sospensione dei finanziamenti 1) mutuo di originari euro stipulato in data / / /; debito residuo di euro alla data del _/ / /; scadenza ultima _/ / /; rate scadute/scadenti il / / /e il / / / 2) mutuo di originari euro stipulato in data / / /; debito residuo di euro alla data del _/ / /; scadenza ultima _/ / /; rate scadute/scadenti il / / /e il / / / allungamento della durata dei finanziamenti 3) mutuo di originari euro stipulato in data / / /; debito residuo di euro alla data del _/ / /; 4

16 scadenza ultima _/ / /; a partire dalla rata scadente il / / /. 4) mutuo di originari euro stipulato in data / / /; debito residuo di euro alla data del _/ / /; scadenza ultima _/ / /; a partire dalla rata scadente il / / /. CHIEDE di usufruire dei benefici previsti dalla Moratoria Regionale di cui alla predetta D.G.R. n XXXXXXX del XXXXXXX in particolare per: sospensione dei debiti per le rate scadute/scadenti il / / / e il / / / del finanziamento/leasing che non ha già beneficiato di sospensione/allungamento della durata nei precedenti 24 mesi la data di presentazione della presente domanda; allungamento della durata a partire dalla rata scadente il / / / del finanziamento che non ha già beneficiato di sospensione/allungamento della durata nei precedenti 24 mesi la data di presentazione della presente domanda ; o per anni (max 3 anni) l allungamento non potrà comunque essere richiesto per un periodo superiore alla durata residua del piano di ammortamento DICHIARA di essere una impresa (selezionare la casella di proprio interesse) micro piccola media secondo i parametri riportati del Regolamento (CE) n. 651 del 26 giugno 2014; di ritenere di avere adeguate prospettive economiche e di continuità aziendale, nonostante Ie difficoltà finanziarie temporanee dovute all attuale congiuntura negativa; di non avere posizioni debitorie classificate come "sofferenze", "partite incagliate", "esposizioni ristrutturate" o "esposizioni scadute/sconfinanti anche parzialmente da oltre 90 giorni; deve aver pagato con regolarità gli interessi e, se del caso, avere, alla fine del periodo di sospensione dei debiti, ripreso a pagare regolarmente le rate di ammortamento del finanziamento; che i crediti oggetto di anticipazione per la quale si chiede l'allungamento della scadenza sono certi ed esigibili; di non avere alla data odierna procedure esecutive in corso; di avere richiesto o ottenuto, alla data odierna, le agevolazioni relativamente a interventi agevolati di fonte statale, regionale, comunitaria o comunque concessi da Enti ed istituzioni pubbliche come da Regolamento (CE) n del 18 dicembre 2013 (Dichiarazione De Minimis - Modello Base). In caso di impresa unica, dovrà essere compilato anche il modello per ciascuna delle imprese collegate/controllate; quest ultimo modello dovrà essere sottoscritto dal Legale Rappresentante delle singole imprese collegate/controllate e dovrà essere corredato dal documento di identità in corso di validità (Dichiarazione De Minimis - Modello Collegate). Le dichiarazioni De Minimis sono disponibili presso il sito internet di Finlombarda spa nella Sezione Moratoria. 5

17 PRENDE ATTO CHE l esito della presente richiesta verrà comunicato in forma scritta all indirizzo sopra indicato; Ai sensi dell art. 38, D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000, la dichiarazione è sottoscritta dall interessato e inviata insieme alla fotocopia, non autenticata, di un documento di identità del dichiarante. In fede.,ii II/I richiedente/i Si allega: 1) fotocopia di un documento di identità del dichiarante; 2) copia di atto contenente i poteri di firma del dichiarante. [eventuali altri allegati] 6

DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Allegato A Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Soggetti ammissibili: piccole e medie imprese, come definite dalla normativa comunitaria, che alla data della presentazione della

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3493 Seduta del 23/05/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3493 Seduta del 23/05/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3493 Seduta del 23/05/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Allegato A alla DGR n. del Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Soggetti ammissibili: piccole e medie imprese secondo la definizione comunitaria, che alla data del 30 settembre

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

GUIDA ALL AVVISO COMUNE

GUIDA ALL AVVISO COMUNE GUIDA ALL AVVISO COMUNE PER LA SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PMI Tutto quello che è utile sapere L AVVISO È STATO SIGLATO DA ABI, CASARTIGIANI, CIA, CLAAI, CNA, COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA, CONFAPI, CONFARTIGIANATO,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 572 Seduta del 02/08/2013

DELIBERAZIONE N X / 572 Seduta del 02/08/2013 DELIBERAZIONE N X / 572 Seduta del 02/08/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413. Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio

12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413. Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio Roma 12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413 Agli Associati Loro Sedi Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio Si fa seguito alla lettera circolare del 14 gennaio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2643 Seduta del 14/11/2014

DELIBERAZIONE N X / 2643 Seduta del 14/11/2014 DELIBERAZIONE N X / 2643 Seduta del 14/11/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015

DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015 DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3632 Seduta del 21/05/2015

DELIBERAZIONE N X / 3632 Seduta del 21/05/2015 1SX DELIBERAZIONE N X / 3632 Seduta del 21/05/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU'

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015

DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015 DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015

DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015 DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1856/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 09 del mese di dicembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 16 marzo 2011 Con la presente circolare informativa siamo ad illustrare il nuovo accordo per il credito alle PMI recentemente stipulato tra ABI (Associazione Bancaria

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014

DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014 DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2372 Seduta del 19/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2372 Seduta del 19/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2372 Seduta del 19/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2573 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2573 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2573 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2938 Seduta del 19/12/2014

DELIBERAZIONE N X / 2938 Seduta del 19/12/2014 DELIBERAZIONE N X / 2938 Seduta del 19/12/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ACCORDO PER IL CREDITO 2015 All Associazione Bancaria Italiana Servizio di Segreteria Generale Piazza del Gesù, n. 49 00186 ROMA La sottoscritta Banca/Il sottoscritto Intermediario finanziario

Dettagli

Nuove misure per il credito alle PMI

Nuove misure per il credito alle PMI Nuove misure per il credito alle PMI 1. Premessa e obiettivi L'economia italiana è entrata in una nuova fase recessiva. La domanda di consumi e di investimenti è in calo. Tale situazione si rileva particolarmente

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015

DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015 DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 360 Seduta del 04/07/2013

DELIBERAZIONE N X / 360 Seduta del 04/07/2013 DELIBERAZIONE N X / 360 Seduta del 04/07/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1453 Seduta del 28/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1453 Seduta del 28/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1453 Seduta del 28/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COD. PRATICA: 2012-001-345. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 321 DEL 27/03/2012

COD. PRATICA: 2012-001-345. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 321 DEL 27/03/2012 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 321 DEL 27/03/2012 OGGETTO: Accordo Nuove misure per il credito alle PMI tra ABI - Ministero dello Sviluppo economico - Ministero

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4178 Seduta del 16/10/2015

DELIBERAZIONE N X / 4178 Seduta del 16/10/2015 DELIBERAZIONE N X / 4178 Seduta del 16/10/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI CRISTINA CAPPELLINI GIOVANNI FAVA MASSIMO GARAVAGLIA MARIO

Dettagli

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI)

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) Si avvisa la gentile Clientela che la Banca ha aderito, in data 04/05/2015, al nuovo Accordo per il Credito 2015, limitatamente all iniziativa

Dettagli

30/07/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 61 - Supplemento n. 1. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

30/07/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 61 - Supplemento n. 1. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 21 luglio 2015, n. 364 Applicazione dei benefici previsti nell'"accordo per il credito 2015, Allegato 1" agli strumenti di agevolazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014

DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014 DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4539 Seduta del 10/12/2015

DELIBERAZIONE N X / 4539 Seduta del 10/12/2015 DELIBERAZIONE N X / 4539 Seduta del 10/12/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3457 Seduta del 24/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3457 Seduta del 24/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3457 Seduta del 24/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 News per i Clienti dello studio del 23 Luglio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015.

Adesione di Regione Piemonte all' Accordo per il credito 2015 sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. REGIONE PIEMONTE BU21 28/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 25 maggio 2015, n. 16-1465 Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI.

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 6 agosto

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2119 Seduta del 11/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2119 Seduta del 11/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2119 Seduta del 11/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015

DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015 DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI CRISTINA CAPPELLINI GIOVANNI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere AVVISO COMUNE Tutto quello che è utile sapere Per aiutare le piccole e medie imprese del paese a contrastare le difficoltà finanziarie collegate alla crisi, arrivando al momento della ripresa nelle migliori

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3834 Seduta del 14/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3834 Seduta del 14/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3834 Seduta del 14/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Accordo per il credito 2013

Accordo per il credito 2013 Accordo per il credito 2013 1. Premessa e obiettivi Il 21 dicembre 2012, l ABI e le altre associazioni imprenditoriali hanno sottoscritto un accordo per la proroga al 31 marzo 2013 del periodo di validità

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3059 Seduta del 23/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3059 Seduta del 23/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3059 Seduta del 23/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Circolare N.56 del 29 Marzo 2013 Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Gentile cliente,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI D.A. n. 2740 Dip.Int.Strutt. Servizio III Unità operativa n. 32 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2162 Seduta del 18/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2162 Seduta del 18/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2162 Seduta del 18/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3373 Seduta del 10/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3373 Seduta del 10/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3373 Seduta del 10/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3431 Seduta del 17/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3431 Seduta del 17/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3431 Seduta del 17/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3817 Seduta del 14/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3817 Seduta del 14/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3817 Seduta del 14/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 1 DEL 07/01/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 1 DEL 07/01/10 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 1 DEL 07/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2009, n. 13-12955 Modifica della DGR n. 61-12773 del 7/12/2009 inerente "Strumenti finanziari

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Richiedente Denominazione Sede legale Codice

Dettagli

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 Identificativo Atto n. 326 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto DETERMINAZIONI IN MERITO AL BANDO "LINEA 8 FRIM START-UP E RE-START DI CUI AL DECRETO N. 9441/2013

Dettagli

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014 128 Bollettino Ufficiale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.u.o. 26 febbraio 2014 - n. 1541 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2589 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2589 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2589 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria interventi inseriti nell Accordo di Programma Quadro Potenziamento delle infrastrutture dei Patti Territoriali - Delibera CIPE n. 20/2004 (acc. n. 101249 e acc. n. 101250). La presente deliberazione sarà

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4288 Seduta del 06/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4288 Seduta del 06/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4288 Seduta del 06/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1328 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 23 agosto 1993, n. 18 e legge provinciale 13 dicembre 1999, n.

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 Identificativo Atto n. 589 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE Oggetto POR FESR 2007-2013. PROROGA DEL TERMINE PER LA CHIUSURA DELLO SPORTELLO

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi COMUNICATO STAMPA ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi Inviati alle banche i protocolli siglati con le Associazioni delle imprese, in attesa della pubblicazione dei 4

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres.

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. Regolamento per l attuazione dei prestiti partecipativi a favore delle imprese commerciali,

Dettagli

T Imposta di Bollo di euro 16,00

T Imposta di Bollo di euro 16,00 T Imposta di Bollo di euro 16,00 (contrassegno telematico) TITOLARE PARTITA IVA Al Presidente della Provincia di Settore/Servizio Cognome Nome _ Sede fissa operativa Via n. Città Prov.( ) Cap Tel. Fax

Dettagli

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI GARANZIA PER IL RISCHIO DI INSOLVENZA SU FINANZIAMENTI Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Istituto Finanziatore

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3868 Seduta del 17/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3868 Seduta del 17/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3868 Seduta del 17/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli