LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI CONTROLLO REMOTO DEI DISPOSITIVI MEDICI CARDIACI IMPIANTABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI CONTROLLO REMOTO DEI DISPOSITIVI MEDICI CARDIACI IMPIANTABILI"

Transcript

1 LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI CONTROLLO REMOTO DEI DISPOSITIVI MEDICI CARDIACI IMPIANTABILI

2 INDICE I DISPOSITIVI MEDICI IMPIANTABILI NELLA GESTIONE DELLE PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI 2 Il controllo dei dispositivi impiantabili 2 Esempio di patologie che possono beneficiare del monitoraggio remoto 6 La fibrillazione atriale 6 Lo scompenso cardiaco 7 IL MONITORAGGIO REMOTO E IL SSN IL MONITORAGGIO REMOTO E IL MODELLO ORGANIZZATIVO 9 11 Punto di vista dell Azienda sanitaria 11 Aspetti di modello organizzativo 12 PROPOSTA DI NUOVO ORDINAMENTO E RIMBORSABILITÀ 13 Riconoscimento amministrativo del servizio di monitoraggio remoto 13 Servizio 1, riconoscimento del servizio di remote follow-up con remote alerting attivo 14 Servizio 2, riconoscimento del servizio di continuous remote monitoring 14 La differenziazione del Device che implementa il remote monitoring 14 CONCLUSIONI 15 BIBLIOGRAFIA 16 Letteratura scientifica citata 16 Si riporta letteratura scientifica per ulteriori approfondimenti: 17 ANNESSO - MAPPATURA DELLE STRUTTURE CON ESPERIENZE A REGIME 19

3 Il presente documento si propone di analizzare la tematica della gestione post-impianto dei pazienti con device cardiaco, con particolare riferimento alla problematica del riconoscimento amministrativo dei controlli di followup effettuati in modalità remota. Ciò è possibile grazie all integrazione di tali dispositivi medici con le tecnologie dell information and communication technology (ICT). L attività di controllo/follow-up dei dispositivi cardiaci impiantabili è divenuta infatti negli anni una tematica di crescente rilievo e una sfida di governance per i moderni Sistemi Sanitari. Questo anche in ragione del significativo aumento di utilizzo di dispositivi impiantabili cardiaci e del conseguente impatto a livello organizzativo per la gestione dei follow-up. I DISPOSITIVI MEDICI IMPIANTABILI NELLA GESTIONE DELLE PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI L introduzione di dispositivi medici nella pratica clinica quali i pacemaker e i defibrillatori impiantabili, ha rappresentato un passaggio fondamentale nella cardiologia moderna, grazie alla maggiore efficacia rispetto alle precedenti cure farmacologiche: tale efficacia nella cura delle aritmie cardiache è largamente riconosciuta dal mondo scientifico e avvalorata da pubblicazioni di grande rilievo scientifico.(10) Infatti oggi i dispositivi per la cardiostimolazione/defibrillazione consentono allo specialista di disporre di elementi per la personalizzazione del trattamento elettrofisiologico, attraverso funzioni diagnostiche e di supporto al follow-up e alla programmabilità sulla base delle esigenze specifiche del paziente. Il pacemaker (PM) è un dispositivo medico in grado di ovviare ai casi di aritmia cardiaca costituiti da battiti del cuore troppo lenti o irregolari (definiti bradicardie). Il generatore, interpretando i segnali elettrocardiografici del paziente registrati dagli elettrocateteri, trasmette impulsi elettrici al muscolo cardiaco sulla base della programmazione effettuata dall elettrofisiologo, definita tenendo conto del profilo patologico del paziente. Il defibrillatore impiantabile (ICD) è un dispositivo salvavita che viene impiantato nelle categorie di pazienti ad alto rischio di insorgenza di fenomeni di tachiaritmie ventricolari. La terapia consiste nell erogare terapie di defibrillazione, cardioversione e stimolazione antitachicardica. Inoltre, il dispositivo è in grado di memorizzare informazioni analizzabili dal medico nel corso della visita di controllo. 2

4 CONTROLLO REMOTO La terapia di resincronizzazione cardiaca con pacing biventricolare (CRT) è un trattamento per lo scompenso cardiaco che prevede l utilizzo di un dispositivo impiantabile che intende ripristinare il corretto sincronismo dei due ventricoli, attraverso l invio di impulsi elettrici alle camere cardiache. Studi clinici hanno valutato l utilità della terapia di resincronizzazione cardiaca nel ridurre la mortalità e gli eventi di insufficienza cardiaca. In Europa, nel 2009, si calcola essere stati impiantati circa mezzo milione di dispositivi. (14) Per quanto riguarda l Italia, nel 2011 si è registrato un di tasso impianto in Italia pari a 290 defibrillatori per milione di abitanti (2). Un recente articolo, proprio del 2011, evidenzia una forte differenza tra l attuale tasso di impianto ICD e quello che dovrebbe essere il numero di impianti per milione di abitanti applicando i criteri delle linee guida scientifiche nazionali e internazionali. (12) Il controllo dei dispositivi impiantabili Grazie al progresso tecnologico, pacemaker, ICD e dispositivi di CRT oggi possono funzionare secondo modalità prevalentemente automatiche. Il crescente numero di pazienti impiantati e il conseguente aumento del numero di controlli ai quali i pazienti si devono sottoporre periodicamente, determina un altrettanto crescente assorbimento di risorse presso gli ambulatori di elettrofisiologia (prevalentemente in termini di tempo-persona). I primi sistemi di telemedicina nascono all inizio degli anni settanta ma solo dopo il 2000 si inizia a parlare di controllo remoto anche per i dispositivi impiantabili. Negli ultimi anni sono stati ideati e sviluppati diversi algoritmi in grado di contribuire a migliorare la gestione dei pazienti impiantati con ICD: si è passati, così, da un monitoraggio focalizzato principalmente sul dispositivo ad un monitoraggio focalizzato principalmente sul paziente, grazie anche l integrazione e il monitoraggio di parametri funzionali ulteriori. (21) L integrazione con tecnologie di telemedicina e quindi di trasmissione remota dei dati - consente di interrogare il dispositivo medico controllando parametri tecnici e clinici, anche in condizioni di lontananza del paziente dall ospedale. Per la conduzione del follow-up post impianto, lo specialista oggi può pertanto scegliere tra due differenti modalità di esecuzione: a. tradizionale (ambulatoriale, in ospedale); b. remota, per via telematica (che definiamo controllo remoto). 3

5 Nella modalità tradizionale, il follow-up viene eseguito presso un ambulatorio in date programmate, dove il dispositivo viene interrogato mediante telemetria a radio-frequenza, richiedendo quindi la presenza fisica del paziente, del medico e del personale tecnico e infermieristico. La tempistica del controllo dei device, secondo le principali linee guida delle Società Mondiali di Cardiologia prevede in sintesi: 1. controllo nel post impianto, poco dopo l intervento di posizionamento del device, concentrato soprattutto sulla valutazione di eventuali complicanze chirurgiche e/o dislocazione degli elettrocateteri e il corretto funzionamento del device; 2. controllo da 1 a 4 volte l anno a seconda del tipo di dispositivo medico (PM, ICD, PM/ICD con re sincronizzazione) in cui oltre all integrità del dispositivo, viene valutata la risposta terapeutica del paziente; (2) 3. controlli ravvicinati all approssimarsi del fine vita della batteria o per eventuali problemi correlati al funzionamento del device. Durante questa valutazione vengono analizzati i parametri di funzionamento del sistema: informazioni che nel loro complesso forniscono elementi sia sullo stato di funzionamento del device impiantato che sullo stato di salute del paziente. Tali parametri consentono allo specialista elettrofisiologo di esprimere una valutazione in merito all adeguatezza della programmazione del device per quel determinato paziente, all adeguatezza della terapia farmacologica in corso, nonché sul quadro clinico nel suo complesso. Il controllo per via telematica (remote follow-up) può sostituire la visita periodica ambulatoriale di tipo programmato. Infatti le linee guida dell ISHNE/EHRA Expert Consensus (3) sul controllo ambulatoriale dei portatori di dispositivo impiantabile e la Consensus Conference dell AIAC (2) indicano che il controllo remoto può integrare e/o sostituire a tutti gli effetti il controllo ambulatoriale tradizionale del paziente portatore di device senza compromettere la sicurezza del paziente. (2;3) Nel controllo remoto, vengono utilizzate le reti di comunicazione telefonica (sia fissa che mobile) per la trasmissione dei dati di funzionamento del device; tale comunicazione avviene automaticamente dallo stesso attraverso un comunicatore in dotazione al paziente che si connette (in maniera wireless) con il device impiantato (generatore PM/ICD). 4

6 CONTROLLO REMOTO Service Center SMS Patient REMOTE FOLLOW UP Internet Physician Ambulatory Care IN-OFFICE FOLLOW UP Nota alla figura: La freccia azzurra riporta il flusso informativo nel caso di follow-up tradizionale; la freccia gialla, quello nel caso relativo al follow-up remoto. Per la fonte, vedi (11) L interrogazione del device può essere avviata manualmente dal paziente, piuttosto che automaticamente dal dispositivo medico stesso, in funzione della programmazione impostata. Inoltre, in una condizione di allarme relativamente al funzionamento dell hardware (ad es. un valore fuori range di normalità dell impedenza dei cateteri di stimolazione), piuttosto che correlata ad una serie di problematiche aritmiche, il device può attivare automaticamente una segnalazione non programmata. Nelle strutture che lo hanno implementato, questo sistema ad oggi viene utilizzato per sostituire il normale controllo programmato de visu e, secondo la necessità, anche per effettuare controlli più frequenti, sempre a distanza, per quei pazienti che richiedono una maggior attenzione. Potenzialmente, oltre alla sostituzione del controllo periodico ambulatoriale e/o di controlli ad esempio, mensili, il monitoraggio remoto potrebbe creare una vera e propria assistenza continua del paziente impiantato (il cosiddetto continuous-monitoring ), grazie al collegamento virtualmente permanente tra paziente e centro di riferimento. Con un modello organizzativo appropriato, ciò consentirebbe in ogni momento la verifica e gestione 24h24 delle trasmissioni dei dispostivi. 5

7 Esempio di patologie che possono beneficiare del monitoraggio remoto Come ricordato in precedenza, PM, ICD o CRT vengono impiantati in presenza di determinate condizioni cliniche per cui i pazienti necessitano l impianto. Il monitoraggio remoto porta vantaggi correlati sia al monitoraggio a distanza del dispositivo stesso, sia al monitoraggio di patologie legate direttamente al motivo dell impianto (come, ad esempio, lo scompenso cardiaco) o che non costituiscono il motivo principale dell impianto ma rappresentano una comorbidità importante (come, ad esempio, la fibrillazione atriale). Qui di seguito vengono illustrate brevemente queste due patologie e i vantaggi comportati dal monitoraggio in remoto. La fibrillazione atriale La fibrillazione atriale (FA) è una patologia particolarmente diffusa tra la popolazione più anziana, con un epidemiologia pari a circa l 1% sul totale. All aumentare dell età, la percentuale di persone affette da FA aumenta esponenzialmente: 1,3% per i pazienti sotto i 65 anni, 4,5% per i pazienti tra i 66 e i 75 anni, 9-10% per i pazienti sopra i 76 anni. (15) Per molti pazienti la diagnosi di FA avviene in ritardo rispetto alla reale insorgenza della malattia, soprattutto perché la FA si presenta come asintomatica in molti casi. La cura della FA prevede diversi tipi di terapie, sia di tipo farmacologico (controllo del ritmo o della frequenza), sia di tipo interventistico (ablazione chirurgica o transcatetere). In ogni caso, qualsiasi sia la terapia prescelta, di norma viene associato un farmaco anticoagulante per ridurre il rischio di stroke ischemico. Infatti, mediamente un paziente con fibrillazione atriale ha un rischio da 3 a 5 volte superiore di stroke rispetto uno senza. (19) Tra le complicanze della fibrillazione atriale, la più temuta è l ictus ischemico. Tale timore non deriva solo dal fatto che la fibrillazione atriale rappresenti di per sé un fattore di rischio per l ictus ischemico, ma anche dall osservazione di una associazione tra la fibrillazione atriale e una maggior mortalità, sia a breve che a lungo termine, nei soggetti colpiti da ictus ischemico. Numerosi meccanismi sono stati suggeriti per spiegare tale incremento della mortalità tra i pazienti che presentano l associazione di ictus ischemico e fibrillazione atriale (in atto o anamnestica): maggior severità dell ictus, maggior età, maggior numero di comorbidità, minor aggressività delle cure mediche. In particolare, lo studio Thygesen Sk et al. (16) evidenzia: 6

8 MONITORAGGIO CONTROLLO REMOTO REMOTO una maggior gravità degli ictus ischemici tra i pazienti affetti da fibrillazio- ne atriale, verosimilmente in relazione alla fisiopatologia stessa dell evento ischemico che riconosce frequentemente un meccanismo cardioembolico con occlusione improvvisa di vasi arteriosi di maggior calibro, una peggior prognosi tra i pazienti colpiti da ictus ischemico, particolar- mente tra i pazienti che non possono essere trattati con gli anticoagulanti orali. Un recente studio italiano che ha coinvolto 450 centri, ha rilevato che i costi dello stroke nel primo anno dopo l evento, sono pari a per paziente con fibrillazione atriale. (18) La difficoltà nel monitorare la reale efficacia della terapia di cura per la FA nonché di stabilire l effettiva insorgenza della malattia nei pazienti a rischio, unito all aumento del rischio di stroke, ha portato allo sviluppo di algoritmi di diagnostica e di cura oggi utilizzati nei dispositivi medici cardiaci impiantabili. L utilizzo del monitoraggio remoto risulta uno strumento importante per questi pazienti, perché è possibile monitorare più frequentemente il ritmo cardiaco ed intervenire tempestivamente sull inizio o sul cambio eventuale della terapia farmacologica, evitando così il protrarsi di situazioni di cura non adeguata per il paziente stesso. Lo scompenso cardiaco Lo scompenso cardiaco è oggi, nel mondo occidentale, una delle patologie croniche a più alto impatto sulla sopravvivenza, sulla qualità della vita dei pazienti e sull assorbimento di risorse. Nel 2009, in Europa, i pazienti affetti da scompenso cardiaco venivano stimati in circa 15 milioni, con un incidenza tra il 2-3% che sale al 10-20% nei pazienti nella fascia di età anni. (2) Il paziente con scompenso presenta in media almeno altre 3 patologie invalidanti (diabete, BPCO, deficit cognitivi, patologie osteo-articolari, etc.), ha un aspettativa di vita dalla prima diagnosi significativamente inferiore alla maggioranza dei pazienti con neoplasie, ha una qualità di vita percepita paragonabile al Morbo di Parkinson ed infine ha il più alto tasso di ospedalizzazione tra tutte le patologie nel mondo occidentale. Si tratta senza dubbio di una patologia che impatta enormemente in termini di mortalità, morbilità e costi sanitari sulle società dei Paesi industrializzati. Si stima, infatti, che in questi Paesi l assistenza per lo scompenso cardiaco assorba l 1,5-2,5% della spesa sanitaria. 7

9 Lo scompenso cardiaco è una delle principali cause di ricovero ospedaliero. In Italia, secondo i dati del Ministero della Salute, i ricoveri per scompenso cardiaco sono passati da nel 2000 a nel Le riospedalizzazioni sono frequenti: il 25% dei pazienti viene riospedalizzato entro un mese, il 50% entro 6 mesi. (15). L utilizzo del monitoraggio remoto risulta uno strumento importante per questi pazienti perché permette di monitorare più frequentemente il ritmo cardiaco nonché altri parametri clinici ed intervenire tempestivamente, per limitare episodi di riacutizzazione delle scompenso cardiaco. Tale intervento può comportare, ad esempio, l aggiustamento della terapia farmacologica, evitando così il protrarsi di situazioni di cura non adeguata per il paziente stesso. In altri casi può essere necessario indirizzare il paziente allo specialista per ulteriori accertamenti e l erogazione della terapia appropriata. In tal senso, il monitoraggio remoto contribuisce a massimizzare l appropriatezza nel consumo delle risorse sanitarie, riservando i trattamenti e i test diagnostici a chi effettivamente ne necessita. Figura: Distribuzione dei ricoveri per scompenso (DRG127) in base all età, dati Ministero della Salute. (15) M F 2003 M 2003 F età dimessi 4.000

10 CONTROLLO REMOTO IL MONITORAGGIO REMOTO E IL SSN Ad oggi la prestazione specialistica ambulatoriale di controllo e programmazione di dispositivi medici cardiaci impiantabili risulta a livello nazionale riconosciuta con un codice unico ( ), utilizzato per entrambe le tipologie di dispositivi (PM e ICD). Tuttavia, quattro Regioni (Piemonte, Valle d Aosta,, Basilicata), utilizzano due codici distinti ( per il pace-maker e nel caso di defibrillatore impiantabile). Un aggiornamento del nomenclatore tariffario nazionale, fermo al 1996, risulterebbe estremamente necessario. Nessuna regione italiana ha fissato un rimborso per il controllo dei device in modalità remota, né in termini di remunerazione del servizio (tariffa per singola prestazione piuttosto che tariffa annua per paziente seguito in remoto), né come extra costo riconosciuto per il device impiantato compatibile con il monitoraggio remoto. Negli altri Paesi europei invece, dal 2005, anno conclusivo della fase sperimentale riguardo i controlli remoti dei device, si è documentato un graduale inserimento di questa metodica nella pratica clinica in misura diversa a seconda degli Stati, sia per quanto riguarda la numerosità dei pazienti coinvolti, sia per quanto riguarda il riconoscimento della prestazione effettuata a livello dei relativi SSN. Riportiamo nella tabella sottostante la situazione della rimborsabilità della prestazione nei singoli Stati. Paesi Status Descrizione Germania Rimborsato Rimborso di 33 equivalente al followup ambulatoriale. Per i dispositivi con diagnostiche per lo scompenso, esiste un codice di procedura non un rimborso addizionale. Il rimborso per il service di Remote monitoring è previsto per agosto-ottobre Italia Non rimborsato Spagna Not applicabile Global budgets Francia Rimborso per alcuni device compatibili col telemonitoraggio Stabilito nel 2011, prevede un price premium tra 800 e Una fee per il servizio di telemedicina per ICD e PM dovrebbe essere approvato a metà

11 Paesi Status Descrizione Regno Unito Rimborsato nella maggior parte degli Ospedali Non esiste un codice per il device check. L adozione e il rimborso della tecnologia sono decisi mediante negoziazioni tra gli ospedali e payer locali. Pagato 50% della visita tradizionale Olanda Rimborsato Il rimborso del monitoraggio remoto è stato approvato a livello nazionale, parificando tutte le attività di telemedicina con quelle in clinica. Ogni ospedale deve negoziare direttamente con il payer la remunerazione per la remote care. La Dutch Cardiology Society ha recentemente pubblicato un documento di consenso. Austria Non rimborsato È in revisione la possibilità di includere il monitoraggio remoto nel sistema di rimborso Belgio Non rimborsato L organismo di valutazione economico sanitaria ha valutato negativamente l introduzione del monitoraggio remoto nel 2009 Finlandia RImborsato 119 è la tariffa utilizzata per il remote monitoring. Le aziende poi richiedono una fee annuale o a vita del dispositivo per ogni paziente preso in carico Danimarca Rimborsato Fee di circa 110 per il device check remoto Svezia Rimborsato Non esiste un codice specifico: generalmente la fee per device check remoto è di 200 se viene effettuata una diagnosi via web, mentre la metà se non viene effettuata alcuna diagnosi. Portogallo Rimborsato La tariffa per il device check in remote è di 25 10

12 CONTROLLO REMOTO IL MONITORAGGIO REMOTO E IL MODELLO ORGANIZZATIVO Fattibilità, sicurezza, efficacia e costo-efficacia del controllo remoto sono state più volte dimostrate dai dati pubblicati in letteratura (1-48) e dal crescente numero di pazienti seguiti nel mondo con questa metodica. In Italia, si calcola che circa pazienti siano attualmente seguiti in Italia con i diversi sistemi di monitoraggio remoto (14) Importanti studi clinici randomizzati hanno dimostrato la superiorità della gestione del paziente con controllo remoto rispetto al controllo tradizionale, in termini di: riduzione delle visite programmate (4); riduzione delle visite non programmate (4) e della loro durata (17); riduzione degli accessi al Pronto Soccorso/Area di Emergenza (5); riduzione della durata media delle ospedalizzazioni per cause cardiovascolari (5); aumento della capacità di individuazione di eventi clinicamente rilevanti (6); riduzione del tempo tra il verificarsi di un evento avverso ed il conseguente trattamento clinico (4), (6), (7). L adozione del controllo remoto implica quindi un più efficace utilizzo delle risorse sanitarie (7), permettendo di ottimizzare gli accessi ospedalieri e di investire in modo migliore il tempo/lavoro degli operatori sanitari. Inoltre, consente benefici per il paziente non più costretto a muoversi per raggiungere la struttura sanitaria (8). Infine, grazie al ricorso a tecnologie avanzate, consente di migliorare il livello di morbilità del paziente con conseguenze positive per la società nel suo complesso, oltre che per il sistema sanitario. Punto di vista dell Azienda sanitaria Visti i benefici che il monitoraggio remoto può apportare anche per l ottimizzazione delle risorse, esso può rappresentare, proprio da un punto di vista strutturale un alternativa/integrazione all organizzazione tradizionale per il controllo ambulatoriale dei pazienti con device, come evidenziato già dalle Linee Guida nazionali (2) 11

13 Qui di seguito alcuni limiti legati all utilizzo del solo controllo ambulatoriale (2): ritardo nel rilevare malfunzionamenti tecnici del sistema, ritardo nell acquisire informazioni cliniche/diagnostiche memorizzate dal dispositivo, ritardo nella valutazione degli effetti delle modifiche terapeutiche, spreco di tempo e risorse per il controllo periodico se non sussistono problemi tecnici o clinici. L esperienza sul campo di questi anni ha dimostrato che il monitoraggio remoto viene ben integrato perché presenta i seguenti vantaggi: la fattibilità organizzativa, la sicurezza ed affidabilità della metodica (la sovrapponibilità dei dati trasmessi con la modalità tradizionale), la riduzione dei tempi di reazione terapeutica ad un problema rilevato nel/dal dispositivo, l efficacia della metodica, la soddisfazione dei pazienti, Se guardiamo al panorama italiano, il controllo remoto del paziente con device cardiaco impiantato presenta diverse esperienze consolidate. Tuttavia la diffusione di questa tecnologia non è omogenea sul territorio e, tenendo conto del numero e del tipo di strutture in cui è stata adottata, potremmo dire che risulta una distribuzione a macchia di leopardo. Ad esempio, a fronte di un numero di centri attivi, nell impianto e follow-up degli ICD, pari a 432 (Fonte: Registro Italiano Defibrillatori), solo una parte di queste strutture hanno attivato e ricorrono in maniera sistematica al controllo remoto per la gestione dei pazienti impiantati. Da un indagine condotta da Assobiomedica intervistando le imprese del settore, sono state evidenziate una cinquantina di strutture, la metà delle quali localizzate nel nord Italia, per le quali si può dire che abbiano adottato a regime, quindi non occasionalmente ma parte integrante della normale pratica clinica, la Telemedicina in ambito cardiovascolare per il monitoraggio in remoto delle diverse tipologie di dispositivi medici. (v. Annesso) Aspetti di modello organizzativo Fino ad oggi l impegno delle aziende produttrici di device si è concretizzato in una partecipazione a 360 gradi nella realizzazione di infrastrutture informatiche e di personale dedicato che permettano sia l adozione del monitoraggio remoto sia la possibilità di effettuare analisi statistiche sui dati dei pazienti seguiti mediante telemedicina. Nella fattispecie: (2) 12

14 CONTROLLO REMOTO l installazione del sistema di telecontrollo, i trasmettitori, la gestione del sistema informatico, l attività specifica degli operatori. Sono tutte attività supportate dalle imprese stesse. Con l aumentare delle strutture (e quindi dei pazienti) che stanno adottando la soluzione del monitoraggio remoto risulta chiaro quanto sia necessario ed opportuno definire una regolamentazione di questo servizio da un punto di vista amministrativo. In questo senso, il tema delle politiche di rimborso rappresenta infatti un punto nodale ai fini della sostenibilità di risorse, infrastrutture e processi. (14) PROPOSTA DI NUOVO ORDINAMENTO E RIMBORSABILITÀ Trovandoci in un contesto di contrazione delle risorse e di ottimizzazione della spesa nell ambito dell SSN, il riconoscimento amministrativo del servizio di monitoraggio remoto erogato dalle aziende ospedaliere nonché delle infrastrutture che lo permettono - sostenute dalle imprese - consentirebbe da un lato che le aziende ospedaliere che già lo utilizzano di poter continuare a farlo e, dall altro lato, una più ampia diffusione del servizio stesso; con i benefici già ampiamente descritti nei paragrafi precedenti. Qualunque forma di riconoscimento amministrativo si decida di utilizzare, essa deve essere al contempo sostenibile e quanto più omogenea possibile tra le Regioni. Riconoscimento amministrativo del servizio di monitoraggio remoto Si propone il riconoscimento da un punto di vista amministrativo per le diverse tipologie di monitoraggio remoto, ovvero sia per quanto attiene il remote follow-up (semplice sostituzione del follow-up tradizionale) sia per quanto attiene il remote monitoring (monitoraggio più frequente del paziente rispetto al follow-up tradizionale). 13

15 Servizio 1, riconoscimento del servizio di remote follow-up con remote alerting attivo Si ipotizza la definizione del servizio di follow-up in remoto del paziente impiantato con ICD, PM o CRT, sostitutivo della visita ambulatoriale programmata e con funzionalità attive di segnalazione di eventuali situazioni di allarme. All Ente ospedaliero può essere riconosciuto un rimborso a livello regiona- le/nazionale per prestazione erogata o annuale per le prestazioni erogate (sia per controllo remoto di PM che di ICD), condizione imprescindibile per la sostenibilità nel tendere e, pertanto, il mantenimento e maggior diffusione della pratica del controllo remoto a livello di Sistema. Il rimborso tariffario riconosciuto all Ente ospedaliero comprenderebbe sia il servizio erogato dall Ente stesso sia l infrastruttura di supporto informatico e di analisi dell impresa fornitrice necessaria al mantenimento del servizio. L Ente ospedaliero a sua volta si accorderà con l impresa fornitrice per il pagamento del servizio ottenuto. Servizio 2, riconoscimento del servizio di continuous remote monitoring Si ipotizza la definizione del servizio di controllo remoto continuo del paziente impiantato con ICD, PM o CRT. All Ente ospedaliero può essere riconosciuto un importo di rimborso annuale a livello regionale/nazionale per ogni paziente preso in carico e monitorato in remoto. Il rimborso tariffario riconosciuto all Ente ospedaliero comprenderebbe sia il servizio erogato dall Ente stesso sia l infrastruttura di supporto informatico e di analisi dell impresa fornitrice necessaria al mantenimento del servizio. L Ente ospedaliero a sua volta si accorderà con l impresa fornitrice per il pagamento del servizio ottenuto. La differenziazione del Device che implementa il remote monitoring L implementazione del servizio di monitoraggio remoto, così come quello di monitoraggio continuo, presuppone l utilizzo di un device cardiaco impiantato che presenti caratteristiche tecnologiche (hardware e software) specifiche. Ad oggi la Classificazione Nazionale Dispositivi Medici (CND) istituita dalla Commissione Unica Dispositivi Medici (CUD) del Ministero della Salute, non presenta un livello di differenziazione tale da distinguere tra i device cardiaci in grado di implementare tali servizi da quelli che non lo rendono possibile. 14

16 CONTROLLO REMOTO Un corretto inquadramento a livello di CND, che viene aggiornata periodicamente dal Ministero della Salute per allinearla a livello di innovazioni tecnologiche, rappresenterebbe un primo seppur parziale passo nella direzione di differenziare tra loro dispositivi già in fase di scelta ai fini della loro acquisizione in grado di implementare funzioni di controllo remoto da quelli non dotati di tale opzione. (*) CONCLUSIONI Il sistema di monitoraggio remoto rappresenta già uno strumento utile per garantire più sicurezza ai pazienti portatori di device e più efficienza ai medici utilizzatori. Tuttavia le sue potenzialità risultano ad oggi largamente sottoutilizzate e non valorizzate. Esso rende possibile una diagnosi più tempestiva di eventi clinici e problemi tecnici legati al dispositivo nonché la valutazione da remoto dell efficacia dell iter terapeutico identificato per il paziente. Il monitoraggio remoto può rappresentare infatti un alleato indispensabile nel controllo clinico quotidiano e nella gestione della patologia dei pazienti portatori di device oltre a contribuire sul piano organizzativo ad alleggerire gli ambulatori e il personale sanitario dalle visite periodiche. Ai fini pertanto di una diffusione sistematica di questa pratica e per il mantenimento della pratica stessa, si rende necessario il riconoscimento del servizio attraverso un meccanismo di remunerazione che tenga conto dei costi per il mantenimento/erogazione del servizio, nonché dell impegno sostenuto per la realizzazione delle infrastrutture necessarie. (*) Nota prezzi di riferimento: La legge 7 agosto 2012, n. 135 di conversione del decretolegge 6 luglio 2012, n. 95 ha sottoposto al regime dei prezzi di riferimento i dispositivi medici, affidando all AVCP, con il supporto di Agenas, il compito di individuare le categorie dei prodotti da assoggettare a tale regime e di definirne i prezzi, secondo i criteri fissati con decreto del Ministro della Salute relativamente a parametri di qualità, di standard tecnologico, di sicurezza e di efficacia. Assobiomedica non condivide per principio il criterio dei prezzi di riferimento applicati ai dispositivi medici. Questo in quanto la natura dei prodotti li rende difficilmente standardizzabili, data la loro rapidità di innovazione e l elevato livello di personalizzazione. 15

17 BIBLIOGRAFIA Letteratura scientifica citata 1. Proclemer A. et al., AIAC Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori. GIAC 2012; 15(3): Ricci R. et al., AIAC Consensus Conference sul monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili. GIAC 2009; 12 (2): Dubner S. et al., ISHNE/EHRA expert consensus on remote monitoring of cardiovascular implantable electronic devices (CIEDs). Europace (2), Varma N. et al., Efficacy and Safety of Automatic Remote Monitoring for Implantable Cardioverter-Defibrillator Follow-Up The Lumos-T Safely Reduces Routine Office Device Follow-Up (TRUST) Trial. Circulation. 2010;122: Crossley G.H. et al., The CONNECT (Clinical Evaluation of Remote Notification to Reduce Time to Clinical Decision) Trial - The Value of Wireless Remote Monitoring With Automatic Clinician Alerts. J Am Coll Cardiol 2011;57: Crossley G.H. et al., Patient and caregiver burden of following implantable cardioverter defibrillators, J Am Coll Cardiol 2009;54: Masella C. et al. Assessment of a remote monitoring system for implantable cardioverter defibrillators. J Telemed Telecare 2008;14: Moving towards good practice in the reimbursement of CIED telemonitoring. EUCOMED/PwC/EHRA, anno Rapporto sull attività di ricovero ospedaliero - Dati SDO Ministero della Salute 10. I dispositivi impiantabili per la cardiostimolazione, Centro Studi Assobiomedica (2002) 11. Elsner C.H. et al., The REFORM Study investigated in a prospective, randomized and multicenter comparison study the effect of ICD Home Monitoring (HM) against conventional follow-up (FU) in MADIT II patients. Computers in Cardiology 2006;33: Pedretti et al, Proportion of patients needing an implantable cardioverter defibrillator on the basis of current guidelines: impact on healthcare resources in Italy and the USA. Data from the ALPHA study registry. Europace (2010) 13. Ricci R. et al., AIAC Effectiveness of remote monitoring of CIEDs in detection and treatment of clinical and device-related cardiovascular events in daily practice: the HomeGuide Registry. Europace (2013) 16

18 CONTROLLO REMOTO 14. Ricci R. et al., AIAC Controllo remote dei dispositivi impiantaili: Health Tecnology Assessment (2013) 15. Marangoni et al., Epidemiologia, impatto organizzativo e costi dello scompenso cardiaco in Italia. Giornale Italiano di Cardiologia 2012; vol.13 suppl.2 al n Thygesen SK et al., Atrial fibrillation in patients with ischemic stroke: a population-based study. Clinical Epidemiology 2009: Elsner CH et al., A prospective multicenter comparison trial of home monitoring against regular follow-up in MADIT II patient: additional visits and cost impact. Comput Cardiol 2006; 33: Gerzeli S. et al., The economic burden of stroke in Italy. The EcLIPSE Study: Economic Longitudinal Incidence-based Project for Stroke Evaluation. Neurol. Sci (2005) 26: Wolf P, Abbott R, Kannel W. Atrial fibrillation as an independent risk factor for stroke: the Framingham Study. Stroke. 1991;22: L. Santini, Le nuove generazioni di ICD, Si riporta letteratura scientifica per ulteriori approfondimenti: 21. Oliva et at., Eur Heart J Abraham W.T. et al. J Card failure 2009;15(9): Al-Khatib et al. J. Cardiovasc Electrophysiol 2009;doi: /j x 24. Crossley G.H. et al. J Am Coll Cardiol 2009;54: Hunt S.A. et al. JACC 2009;53(15): Kusumoto F. e Goldschlager N. J Interv Card Electrophysiol 2009;25: Ricci R. et al. J Cardiovasc Electrophysiol 2009;20: Santini M. et al. J Interv Card Electrophysiol 2009;24(1): Small R.S. et al. J Card Fail 2009;15(6): Spencker S. et al. Europace 2009;11: Stafford W. et al. Heart Lung Circ 2009;18 (suppl. 3): Sticherling C. et al. Swiss Med Wkly 2009;139(41-42): Theuns D.A.M.J. et al. PACE 2009;32 (suppl. 1): Varma N. Curr Treat Options Cardiovasc Med 2009;11: Crossley G.H. et al. Am Heart J novembre;156(5): Crossley G.H. et al. Heart Rhythm 2008;5(5) (suppl. maggio) 37. Halimi et al. Europace 2008;10:

19 38. Heidbüchel H. et al. Europace 2008;doi: /europace/eun Lunati et al. PACE 2008;31: Marzegalli M. et al. PACE 2008;31: Raatikainen M.J.P. et al. Europace 2008;10(10): Wilkoff et al., Europace (2008) 10, Maines M. et al. J Interv Card Electrophysiol 2007;19: Vollmann D. et al. Eur Heart J 2007;28(15): Fauchier et al. PACE 2005; 28:s Lewin J. et al. Eur Heart J 2005;7: Yu C.M. et al. Circulation 2005;112: Schoenfeld M.H. et al. PACE 2004;27(6 Pt1):

20 CONTROLLO REMOTO ANNESSO - MAPPATURA DELLE STRUTTURE CON ESPERIENZE A REGIME Quale esempio di best practice, si riporta di seguito un elenco non esaustivo di Strutture Sanitarie nel territorio nazionale che hanno implementato, a livello di modello organizzativo, esperienze a regime di pratica del telemonitoraggio remoto per pazienti con device cardiaco impiantato. Identificazione dell Ente Area geografica Regione Città AOU Santa Maria della Misericordia Friuli V.g. Udine AO Villa Scassi Liguria Genova AO Bolognini - Seriate Bergamo AO Treviglio-Caravaggio Treviglio Bergamo AO Spedali Civili Brescia Fondazione Poliambulanza Brescia Ospedale di Gavardo Brescia AO Sant Anna Como Istituto Clinico Humanitas Rozzano Milano AO Nigurada Cà Granda Milano Ospedale San Raffaele Milano AO San Gerardo - Monza Monza I.R.C.C.S. Policlinico San Matteo Pavia AO Valchiavenna Sondrio AO Valtellina Sondrio Fondazione Macchi Varese Ospedale Santo Spirito - Casale Monferrato (AL) Piemonte Alessandria AO S. Croce e Carle - Cuneo Piemonte Cuneo Ospedale degli Infermi - Rivoli Piemonte Torino Ospedale di Ciriè, ASL TO4 Ciriè Piemonte Torino Ospedale Santa Croce Moncalieri Piemonte Torino Ospedale Civile di Mirano Veneto Venezia Azienda Ospedaliera di Padova Veneto Padova AO Desenzano del Garda: AO Ospedale di Circolo: 19

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO Dott. Maurizio Marzegalli Commissione Cardiologica Regione Lombardia

Dettagli

più piccolo del mondo

più piccolo del mondo a cura di Pompeo Pindozzi il defibrillatore Le patologie che causano morte improvvisa nei giovani Vi sono quattro patologie alla base della maggior parte dei casi di morte improvvisa nei bambini e nei

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI CONTROLLO REMOTO DEL DISPOSITIVO MEDICO CARDIACO IMPIANTABILE NELLE PROCEDURE DI ACQUISTO PER LA FORNITURA DI

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI CONTROLLO REMOTO DEL DISPOSITIVO MEDICO CARDIACO IMPIANTABILE NELLE PROCEDURE DI ACQUISTO PER LA FORNITURA DI LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI CONTROLLO REMOTO DEL DISPOSITIVO MEDICO CARDIACO IMPIANTABILE NELLE PROCEDURE DI ACQUISTO PER LA FORNITURA DI PACEMAKER, DEFIBRILLATORI E RELATIVI ELETTROCATETERI INDICE

Dettagli

Controllo remoto dei dispositivi impiantabili. Benefici clinici e socio-economici

Controllo remoto dei dispositivi impiantabili. Benefici clinici e socio-economici TECNOASSISTENZA: COME ASSISTERE GLI ANZIANI A CASA LORO Controllo remoto dei dispositivi impiantabili Benefici clinici e socio-economici Dr. Gian Luca Botto Presidente Nazionale AIAC Roma 3 Luglio 2014

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

36S. Emanuela T. Locati, Sara Vargiu, Ederina Mulargia, Corrado Ardito, Milena Schirru, Stefano Pedretti, Franca Negrini, Maurizio Lunati

36S. Emanuela T. Locati, Sara Vargiu, Ederina Mulargia, Corrado Ardito, Milena Schirru, Stefano Pedretti, Franca Negrini, Maurizio Lunati MORTE IMPROVVISA I nuovi dispositivi impiantabili nella gestione del paziente: ruolo e prospettive del monitoraggio remoto nel controllo dei defibrillatori impiantabili Emanuela T. Locati, Sara Vargiu,

Dettagli

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili Azienda Ospedaliera AAS 5, UO Cardiologia, Pordenone S.S.di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione Coordinatrice infermieristica Edda Pollesel Referente di Dipartimento M.C. Zorzi Direttore M. Cassin Gestione

Dettagli

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi Source: EHRA WhiteBook 2012 2011 Italy CRTP CRTD CRT tot ICD PM 2.000 10.380 12.380 11.970

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

Indagine conoscitiva. Pazienti e Lupus Eritematoso Sistemico: quale esperienza, vissuti e impatto sulla qualità di vita?

Indagine conoscitiva. Pazienti e Lupus Eritematoso Sistemico: quale esperienza, vissuti e impatto sulla qualità di vita? Indagine conoscitiva Pazienti e Lupus Eritematoso Sistemico: quale esperienza, vissuti e impatto sulla qualità di vita? Presentazione dei risultati di ricerca Milano, 3 maggio 2012 A cura di Contenuti

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Sistema nazionale linee guida Roma, 31.01.2012 Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Serena Donati Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO ASL PROVINCIA DI MANTOVA REGISTRO MALFORMAZIONI CONGENITE

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO ASL PROVINCIA DI MANTOVA REGISTRO MALFORMAZIONI CONGENITE OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO ASL PROVINCIA DI MANTOVA REGISTRO MALFORMAZIONI CONGENITE Annalaura BOZZEDA Vanda PIRONI Paolo RICCI Bologna 11 Aprile 2008 DIRETTORE GENERALE Osservatorio Epidemiologico Sistemi

Dettagli

Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici. Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi

Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici. Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi SCOMPENSO CARDIACO 1. Epidemiologia e impatto organizzativo dello scompenso nell anziano

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Claudio Pedrinazzi U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore di Crema Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA Professioni sanitarie Infermieristiche e Prefessioni sanitaria Ostetrica afferenti alla classe SNT/1 Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA INFERMIERISTICA PEDIATRICA Chieti 243 10 L'Aquila 300 10

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Numero posti disponibili per studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286,

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria Bradicardie estreme Specializzandi: Dr. Buttazzoni M. Dr.ssa Tarantino M. Tutor: Dr.ssa Costa M. G. Dr.ssa De Flaviis A. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 105 ANCORA DISCRIMINAZIONI ANTI VENETE NEI POSTI DISPONIBILI PER LE PROFESSIONI SANITARIE. PADOVA E VERONA UNIVERSITÀ

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE DR DOMENICO CARRETTA

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE DR DOMENICO CARRETTA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE DR DOMENICO CARRETTA DATI PERSONALI Nazionalità : italiana Luogo di nascita: Lavello (PZ) Data di nascita: 18/02/1962 Residenza: Via Garruba n 225 C.A.P. 70122 Bari Codice

Dettagli

Nuovi modelli organizzativi per la gestione remota dei pazienti: irrinunciabile priorità

Nuovi modelli organizzativi per la gestione remota dei pazienti: irrinunciabile priorità Nuovi modelli organizzativi per la gestione remota dei pazienti: irrinunciabile priorità Controllo e monitoraggio, pace-maker e defibrillatore: differenti caratteristiche e differenti approcci? La gestione

Dettagli

COSA SONO I PACEMAKER E DEFIBRILLATORI?

COSA SONO I PACEMAKER E DEFIBRILLATORI? COSA SONO I PACEMAKER E DEFIBRILLATORI? I dispositivi Pacemaker (PM) e defibrillatore impiantabile (ICD) sono apparecchi ad altissima tecnologia, utilizzati per la cura dei disturbi del ritmo cardiaco,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE

PROGRAMMA PRELIMINARE PROGRAMMA PRELIMINARE GIOVEDI 14 MARZO 2013 09:00 16:00 Competence Medica 13:00 16:00 Competence Infermieristica AULA PLENARIA 15:00 16:30 Assemblea Generale AIAC 16:30-18:00 Simposio: I progetti e le

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in PUGLIA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

L esperienza della Cardiologia dell Osp Maria Vittoria di Torino

L esperienza della Cardiologia dell Osp Maria Vittoria di Torino Controllo remoto nei dispositivi impiantabili di defibrillazione e resincronizzazione ventricolare: Dipartimento di Cardiologia un esempio di organizzazione, ruolo dell infermiere e grado di soddisfazione

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2013/2014

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2013/2014 Federazione ISTITUITA AI SENSI DELLE LEGGI: Nazionale 4.8.1965 N. 1103 E 31.1.1983 N. 25 Collegi C.F. 01682270580 Professionali Tecnici Sanitari di Radiologia Medica Offerta formativa di primo e secondo

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

FIBRILLAZIONE ATRIALE ED ICTUS CARDIOEMBOLICO:

FIBRILLAZIONE ATRIALE ED ICTUS CARDIOEMBOLICO: SEGRETARIO NAZIONALE Claudio Giustozzi Via Otranto, 18-00192 Roma Tel. +39 06 3389120 fax +39 06 30603259 e-mail: segreteria@dossetti.it - http://www.dossetti.it FIBRILLAZIONE ATRIALE ED ICTUS CARDIOEMBOLICO:

Dettagli

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini

MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini Giovanni Bruno Responsabile Innovazione e Ricerca SER&Practices, spin-off Università di Bari 1 10 maggiori cause di

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR

Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR Sara Albolino sara.albolino@regione.toscana.it Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana Organismi nazionali Commissione-gruppo

Dettagli

Elenco dei presidi ospedalieri in cui poter richiedere l'esenzione del ticket (suddivisi per regione)

Elenco dei presidi ospedalieri in cui poter richiedere l'esenzione del ticket (suddivisi per regione) A.I.CHE. Associazione Italiana CHEratoconi ONLUS Associazione per la tutela dei diritti civili delle persone affette da cheratocono Casella postale n.50 presso l Ufficio Postale di Gottolengo 25023 Gottolengo

Dettagli

Informativa Urgente sulla Sicurezza Elettrocateteri di defibrillazione ISOLINE, modelli 2CR5, 2CR6 e 2CT6.

Informativa Urgente sulla Sicurezza Elettrocateteri di defibrillazione ISOLINE, modelli 2CR5, 2CR6 e 2CT6. pagina 1 di 5 28 gennaio 2013 Informativa Urgente sulla Sicurezza Elettrocateteri di defibrillazione ISOLINE, modelli 2CR5, 2CR6 e 2CT6. Gentile Dottoressa, Egregio Dottore, con la presente intendiamo

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: continuità assistenziale tra Ospedale e Territorio Michelangelo Bartolo Dirigente Responsabile UOS Telemedicina Azienda Ospedaliera

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELLISTRUZIONE, DELLUNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 2 luglio 2013. De nizione dei posti disponibili

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

tour febbraio-aprile terza edizione

tour febbraio-aprile terza edizione tour 2014 febbraio-aprile terza edizione 60 città 141 ordini e collegi provinciali patrocinanti edizione 2013 93.280 12% 12% 17% 29% 30% ALCUNI NUMERI contatti autorevole comitato scientifico enti e aziende

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2014/2015

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2014/2015 Federazione ISTITUITA AI SENSI DELLE LEGGI: Nazionale 4.8.1965 N. 1103 E 31.1.1983 N. 25 Collegi C.F. 01682270580 Professionali Tecnici Sanitari di Radiologia Medica Offerta formativa di primo e secondo

Dettagli

"L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario".

L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario. Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. "L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio

Dettagli

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica Linking hospital payment to innovation and value Giuditta Callea and Aleksandra Torbica XVII Convegno Nazionale AIES Roma, 15-16 novembre 2012 Background Il sistema di rimborso degli ospedali è un fattore

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

GRUPPO di FACOLTA BARI. Politecnico di BARI BASILICATA BERGAMO BOLOGNA BRESCIA CAGLIARI

GRUPPO di FACOLTA BARI. Politecnico di BARI BASILICATA BERGAMO BOLOGNA BRESCIA CAGLIARI BARI Politecnico di BARI BASILICATA BERGAMO BOLOGNA BRESCIA CAGLIARI Agraria 37 41 52 Economia 53 49 64 Farmacia 17 29 41 Giurisprudenza 49 32 82 Lettere e Filosofia 53 41 65 Lingue e Letterature straniere

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA Analisi dell offerta formativa di corsi di laurea universitari attivati in Italia sui temi di interesse della cooperazione internazionale allo sviluppo per l anno accademico 2007/2008 * Sommario 1 ANALISI

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE NUOVE RETI SANITARIE TELESORVEGLIANZA SANITARIA DOMICILIARE PER PAZIENTI CON BPCO

CORSO DI FORMAZIONE NUOVE RETI SANITARIE TELESORVEGLIANZA SANITARIA DOMICILIARE PER PAZIENTI CON BPCO CORSO DI FORMAZIONE NUOVE RETI SANITARIE TELESORVEGLIANZA SANITARIA DOMICILIARE PER PAZIENTI CON BPCO Codice evento: SDS 11126/AI Sede: Scuola di Direzione in Sanità, Via Copernico nr. 38 20125 Milano

Dettagli

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Convegno Nazionale Ospedale città territorio Verona, 15 settembre 2007 Carla Collicelli Fondazione Censis Salute e sanità a dura

Dettagli