Valutazione Economica dei modelli di cura per lo Scompenso Cardiaco Cronico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione Economica dei modelli di cura per lo Scompenso Cardiaco Cronico"

Transcript

1 Valutazione Economica dei modelli di cura per lo Scompenso Cardiaco Cronico L. Pecchia 1, Ph.D. U. Bracale 2, MD. ABSTRACT Introduzione. Nel presente lavoro si valuta l efficacia e l efficienza della Telemedicina per la continuità della cura di patologie croniche e degenerative, in particolare dello Scompenso Cardiaco, patologia emergente anche perché fortemente età correlata. Dopo aver analizzato diversi modelli per la continuità della cura e diverse metodiche di telemedicina per il monitoring domiciliare, si valuta dettagliatamente l efficacia dello strumento informatico e di internet per il management dei pazienti individuati. In particolare si confronta in maniera innovativa la Telemedicina, non solo con il follow-up ambulatoriale (benchmark) raccomandato da linee guida internazionali, ma anche con altri modelli di gestione del paziente come i Disease Management Programme. Metodo. È stato condotto un Health Technology Assessment dei modelli introdotti valutandone specialmente gli outcome clinici ed il grado di soddisfazione dei pazienti. Al fine di individuare e ponderare le diverse dimensioni dell analisi (economiche, organizzative, cliniche etc.) è stato adoperato il metodo scientifico introdotto dal prof. Saaty nel 1080 e noto come Analytic Hierarchy Process. Risultati. Esistono diversi modelli di Telemedicina, e la quasi totalità degli studi di valutazione compara tali modelli esclusivamente al follow-up ambulatoriale, dimostrando generalmente che la Telemedicina può migliorare gli outcome della cura di circa il 30%, rivelandosi dunque economicamente sostenibile nel medio e nel lungo periodo. Estendendo invece la comparazione ad altri modelli di Disease Management Programme, è emerso che, contrariamente a quanto generalmente dimostrato, la Telemedicina risulta assolutamente equivalente a tali modelli in termini di miglioramento degli outcome clinici, ma con costi superiori di almeno un ordine di grandezza. Risulta, infatti, dal rapporto incrementale costo efficacia e costo utilità, che la telemedicina non è un modello costo-efficace quando la si confronta con altri modelli di managemen del paziente cronico. Tale risultato viene ribaltato solo quando da modelli realmente innovativi di Telemedicina che integrano tecniche avanzate di elaborazione dei dati clinici del paziente per supportare tempestivamente la decisione medica. Alcuni autori, infatti, hanno dimostrato che l impiego di tali metodiche avanzate, non applicabili con altri modelli di cura domiciliare, sono efficaci nel prevenire l instaurarsi di fasi di destabilizzazione e azzerando di fatto i casi di emergenze non curate tempestivamente. Tuttavia non abbiamo trovato in letterature sufficienti dati clinici per supportare scientificamente tali interessanti e promettenti risultati. Conclusione. Esistono diversi modelli di Telemedicina, che risultano essere costo-efficaci se paragonata al follow-up ambulatoriale, mentre non lo sono quando vengono confrontati con altri modelli di gestione del paziente cronico. Pochi autori propongono modelli di Telemedicina che risultano realmente essere innovativi, includendo in se tecniche avanzate di elaborazione remota dei dati per il supporto alla decisione medica. Tali modelli possono avere maggiore efficacia, indipendente da altri modelli di continuità della cura, tuttavia c è bisogno di ulteriori studi, ben disegnati, randomizzati e controllati, per dimostrare clinicamente l effectiveness di tali metodiche applicate alla telemedicina. I. INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è assistito da un lato alla progressiva specializzazione delle differenti branche mediche, e dall altro alla necessità di avere nei confronti del cittadino-paziente un approccio sistemico, necessariamente multidisciplinare. Inoltre il continuo allungamento della vita ha determinato un mutamento sostanziale della distribuzione anagrafica che ha come conseguenza una maggiore richiesta di assistenza per patologie croniche, in particolare cardiovascolari e 1 Università degli Studi di Napoli "Federico II", DIBET, Dip. di Ingegneria Biomedica, Elettronica e delle Telecomunicazioni, Via Claudio, 21, 80125, Napoli, Italia. 2 Università degli Studi di Napoli "Federico II", Department of vascular and thoracic surgery, Naples. Italy. L. Pecchia, U. Bracale 1/10

2 polmonari. Tali patologie richiedono un assistenza di lungo periodo che coinvolgano anche la famiglia del paziente anche presso il suo domicilio. Le riforme che hanno riguardato il Sistema Sanitario Nazionale Italiano negli ultimi due decenni, rispondono a teli nuove esigenze sottolineando la necessità di un progressivo abbandono del modello ospedale-centrico, a vantaggio di un potenziamento dei servizi territoriali, anche mediante il forte utilizzo di tecnologie biomediche quali la telemedicina. A tali considerazioni si aggiunge il fatto che le risorse disponibili per servizi sanitari sono sempre limitate e talvolta anche scarse. In questo complesso scenario, diviene dunque necessario ricercare nuovi modelli di erogazione dei servizi sanitari e valutarne i risultati dal punto di vista clinico, ma anche economico, organizzativo, etico nonché in base al livello di gradimento del paziente stesso. A tal fine, in questo studio si effettua una valutazione economica (coto-efficacia e costo-utilità) dei principali modelli di cura dello Scompenso Cardiaco Cronico (SCC). Lo SCC è uno stato fisiopatologico in cui un'anomalia anotomico-funzionale impedisce al cuore di irrorare sangue adeguatamente alle dinamiche esigenze dell organismo. Lo SCC è una sindrome altamente degenerativa e fortemente età-correlata. Infatti, la prevalenza di CHF aumenta rapidamente con l'età, passando da circa il 3% in pazienti di età 65-enni ad oltre l'11% in pazienti over 84 [1]. Per questo motivo, essa è considerata una sindrome tipica dell età avanzata, con 75 anni [2] come età media dei pazienti colpiti. Lo scompenso è dunque in aumento anche a causa dell invecchiamento della popolazione. Ad esempio, quasi 5 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di CHF e più di nuovi casi vengono diagnosticati ogni anno [3]. Inoltre, lo SCC è tra le principali cause di ospedalizzazione tra gli anziani dei paesi sviluppati [4,5]. Inoltre il tasso di re-ospedalizzati entro tre mesi dal primo ricovero fino al 50% dei casi [6, 7]. A tal proposito Luis e al. [8] riferiscono che il 30% dei pazienti con una diagnosi di dimissione di insufficienza cardiaca, è riammesso almeno una volta entro 90 giorni e tassi di riammissione variano da 25 a 54% entro 3-6 mesi. La mortalità è legata alla gravità dello scompenso, e varia dal 5% al 10% nei pazienti con sintomi lievi al 30% al 40% nei casi più gravi [9]. Tutto questo implica che, nei paesi industrializzati, i costi diretti del trattamento dei pazienti affetti da scompenso rappresentano il 2-3% del bilancio totale di assistenza sanitaria e il 10% della spesa sanitaria cardiovascolare [10]. Ad esempio, nei paesi Europei il costo totale stimato associato con insufficienza cardiaca nel 2000 è stato di 1,9% della spesa [11]. L obiettivo di questa valutazione è quello di determinare la performance della Telemedicina, e in particolare dell Home Monitoring (HM), nella cura dello scompenso cardiaco. Nella quasi totalità degli studi scientifici l efficacia dell Home Monitoring viene messa a confronto con quella del Follow-up ambulatoriale, considerato come benchmark, anche in quanto raccomandato da linee guida internazionali [12]. In questo studio l HM viene confrontato anche con altri modelli di continuità della cura ampiamente affermati nei sistemi sanitari anglosassoni e noti come Disease Management Programs (DMP). La Disease Management American Association [13] definisce il disease management come un approccio assistenziale multidisciplinare, che cerca di limitare gli eventi prevenibili, massimizzando l adesione dei pazienti alla terapia prescritta e agli stili di vita L. Pecchia, U. Bracale 2/10

3 che promuovono la salute. In particolare i DMP si basano su periodiche visite domiciliari, auto rilevazioni di parametri vitali, telefonate di controllo programmate, al fine di verificare lo stato di salute del paziente e cercano di compensare fasi di scompenso mediante la modulazione del dosaggio di farmaci diuretici e beta-bloccanti. I programmi di DMP, come quelli di Home Monitoring, hanno lo scopo di prevenire o ritardare destabilizzazioni che, se non rilevate, potrebbero portare a condizioni invalidanti che richiedono cure più complesse e costose. In Italia esistono varie forme di DMP come l ADI, ATI, la Dimissione Protetta e le altre forme di percorsi assistenziali mediante le quali Aziende Sanitari Locali ed Ospedaliere collaborano perseguendo il fine di garantire la Continuità della Cura e supporto sociale, in particolare per pazienti affetti da patologie cardiovascolari, che spesso sono anche anziani. II. METODO A. Misurazione dell efficacia clinica in ambiente reale. Attraverso una revisione sistematica della letteratura è stata misurata l efficacia clinica dell HM [14,15,16,17] e dei DMP [18, 19, 20]. In particolare l efficacia clinica è stata misurata considerando i seguenti outcome: riduzione della mortalità, delle ospedalizzazioni, delle re-ospedalizzazioni e della durata dei ricoveri su scala annua; miglioramento dell aderenza alla terapia e dei parametri fisiologici, dei sintomi della patologia, della qualità della vita e dell educazione/stili di vita dei pazienti e dei loro familiari. Per ognuno dei dieci outcome considerati, è stata misurata l efficacia in ambiente reale (effectiveness), rielaborando i dati scientifici di revisioni sistematiche e meta-analisi. B. Analisi incrementale costo-efficacia. I risultati misurati sono poi stati normalizzati e rapportati a quelli del follow-up ambulatoriale (benchmark). I costi sono stati evinti da articoli che comparavano DMP e HM o che riportavano chiaramente la metodica di imputazione degli stessi [21, 22]. Per sei dei dieci outcome considerati, sono stati calcolati i rapporti incrementale costo-efficacia (RICE). C. Misurazione dell utilità. Al fine di stimare il modello più performante nella cura dello SCC è stata introdotta una funzione utilità multidimensionale. Grazie a tale funzione è stato possibile identificare il modello di cura che meglio soddisfa i bisogni relativamente più importanti. La funzione introdotta si basa sul metodo analitico-gerarchico [23] (Analytic Hierarchic Process, AHP), proposto dal Prof. Thomas Saaty nel 1980, che consente di misurazione agevolmente l importanza relativa di bisogni intangibili. Tale metodo ha consentito di classificare gli outcome individuati in tre maro-categorie di bisogni (clinici, organizzativi, economici), consentendo poi di pesare l importanza relativa di ogni categoria e di ogni outcome al fine di pervenire ad un framework consistente e ripercorribile di valutazione multidimensionale. Il metodo introdotto è stato scelto perché particolarmente efficace a quantizzare l opinione di esperti, misurarne la coerenza, stimarne eventuali polarizzazioni. L. Pecchia, U. Bracale 3/10

4 D. Analisi incrementale costo-utilità. I risultati ottenuti con la funzione utilità, sono stati utilizzati per condurre l analisi del rapporto incrementale costo-utilità (RICU). Grazie a tale analisi si è pervenuti alla stima del costo di una singola unità di utilità prodotta con i due modelli confrontati con il benchmark. III. RISULTATI A. Misurazione dell efficacia Gli outcome più frequentemente considerati in letteratura sono stati considerati come I bisogni da soddisfare nella cura dello SCC [24, 25, 26]. I risultati qualitativi delle analisi condotte sono riportati in Tabella 1. Tabella 1: confronto dell efficacia clinica rispetto al Follow-up Ambulatoriale (benchmark). DMP HM [HM] Miglioramento dell aderenza alla terapia Miglioramento dell aderenza dei parametri fisiologici Miglioramento sintomatico (NYHA) Miglioramento dell educazione/stili di vita Miglioramento della qualità della vita Riduzione della mortalità Riduzione dei ricoveri Riduzione delle re-ospedalizzazioni Riduzione delle giornate di degenza : più del 30% rispetto al Follow-up; ++: più di 2,5 volte; +++: più di 3 volte; [HM] : HM supportato sistemi di supporto alle decisioni cliniche mediante processing remoto di segnali e sintomi; Molti degli studi considerati riportano una descrizione esclusivamente quantitativa dei risultati ottenuti. Dai risultati riportati risulta che l HM superi leggermente i DMP nel: miglioramento dell aderenza dei parametri vitali, [27]; nel miglioramento dell educazione e degli stili di vita sia dei pazienti che dei loro familiari [28]; nella riduzione della durata delle giornate di degenza, in particolare perché riduce i ricoveri in emergenza. Tali risultati vengono interpretati attribuendo alla maggiore tempestività e pervasività dell HM una maggiore capacità predittiva di fasi di scompenso. Invece l HM risulta ampiamente più efficace dei DMP e del Follow-up ambulatoriale quando tecniche avanzate di elaborazione dei segnali vengono adoperate per analizzare automaticamente sintomi, segnali biomedici, parametri vitali. Probabilmente ciò è da attribuirsi alla capacità di individuare precocemente peggioramenti della condizione di salute dei pazienti, addirittura prima che tali mutamenti diventino sintomatici. In particolare Bondmass et al. [29] hanno dimostrato che quando tali tecniche vengono adoperate, è possibile eliminare casi di emergenza non curati tempestivamente. Ciò naturalmente riduce il numero delle re-ospedalizzazioni, la mortalità ed in particolare la durata delle degenze grazie all ammissione precoce. Inoltre Hudson et al. [30], arruolando 91 pazienti di età media di 74 anni in un Remote Physiological Monitoring (RMP), dimostra che l elaborazione remota dei dati quotidiani sulle variazioni di peso corporeo e sulle variazioni della pressione arteriosa, hanno un valore autonomo per la rapida identificazione delle complicazioni. In sintesi, gli studi citati sostengono la ragionevole conclusione che un modello di HM in cui un operatore, allertato tempestivamente dal sistema di monitoraggio, discutendo in tempo reale con il paziente o con un suo familiare le L. Pecchia, U. Bracale 4/10

5 variazioni di sintomi e parametri rilevate precocemente, possa stabilizzarne le condizioni mediante una opportuna modulazione della terapia farmacologica, in betabloccanti e diuretici. Tuttavia, tali interessanti risultati sono scarsamente supportati da una sufficiente letteratura clinica, e per tanto non sono stati considerati in questo lavoro. Per quanto riguarda i costi, abbiamo scelto di considerare tre lavori che confrontano HM e modelli di cura domiciliare classificabili come DMP [31, 32, 33]. In tal modo abbiamo ottenuto risultati frutto di osservazioni effettuate su un numero inferiore di casi, ma rilevati con la medesima tecnica per HM, DMP e Follow-up. Tale scelta riduce forse la generalità dei risultati assoluti, ma garantisce una maggiore stabilità dei risultati relativi (HM vs Follow-up, DMP vs Follow-up, HM vs DMP), che risultano inoltre più omogenei tra loro e più idonei alle successive analisi incrementali. I risultati trovati in letteratura sono stati prima normalizzati e poi è stato calcolato il rapporto tra l efficacia dell HM e dei DMP con il benchmark. Tali risultati sono riportati in tabella 2. In ogni colonna il primo numero rappresenta l effectiveness di ogni modello normalizzata per riga (E X ), mentre il secondo numero indica il rapporto tra ogni modello ed il benchmark (R DMP and R HM ). Ancora una volta i rapporti sono più facilmente interpretabili. Per ogni outcome esprimono quante volte il modello analizzato è più efficace del benchmark. Table 2: effectiveness e costi dei tre modelli. I dati sono prima normalizzati per riga e poi rapportati. F.UP * DMP HM Outcome E F.UP E DMP R DMP E HM R HM Riduzione dei ricoveri E Riduzione delle re-ospedalizzazioni E Riduzione delle giornate di degenza E Riduzione della mortalità E Miglioramento sintomatico (NYHA) E Miglioramento della qualità della vita E Costi C * Benchmark. E X the value of the need satisfaction (Effectiveness) normalize per row. R X Ratio between each value compared to the homologues for Follow-up [R X =E X /E F.UP ]. B. Analisi incrementale costo-efficacia. In base ai risultati ottenuti l Home Monitoring risulta essere più efficace ed al contempo più costoso, bisogna dunque effettuare un analisi incrementale al fine di stabilire quale modello risulta più performante. A tal fine è stato definito il Rapporto Incrementale Costo Efficacia (incremental Cost-Effectiveness Ratio, icer) con la formula seguente: (i) C C DMP[ or( HM )] F. UP icer Outcome_ K = DMP[ or( HM )] F UP EOutcome K E. _ Outcome_ K L icer esprime il costo di ogni unità di outcome prodotto, sintetizzando quanto ogni modello considerato sia costo-efficace, rispetto al benchmark. La Tabella 3 riporta i risultati ottenuti e dimostra che, in base alla letteratura considerata, i DMP risultano più costo-efficaci dell HM in tutte le dimensioni considerate. L. Pecchia, U. Bracale 5/10

6 Table 3: icer dei DMP e dell HM rapportati al F-UP. icer DMP HM HM/DMP Riduzione dei ricoveri Riduzione delle re-ospedalizzazioni Riduzione delle giornate di degenza Riduzione della mortalità Miglioramento sintomatico (NYHA) Miglioramento della qualità della vita Le prime due colonne riportano l icer dei due modelli nei sei outcome analizzati. La terza colonna esprime il rapporto tra l icer dell HM e quello dei DMP riferendo in maniera sintetica che una unità di outcome prodotta con l Home Monitoring può essere dalle 2,7 alle 6,3 volte più costosa della stessa unità prodotta con altri programmi territoriali di disease management. Tale risultato può essere ribaltato quando i segnali vitali acquisiti domiciliarmente vengono elaborati in remoto al fine di prevenire emergenze. Il limite dell analisi incrementale costo-efficacia è nella sue sostanziale monodimensionalità. Al fine di ottenere una valutazione sintetica che consideri le sei dimensioni considerate, bisogna introdurre una funzione utilità, come spiegato nel paragrafo seguente. C. Misurazione dell utilità. Al fine di stimare il modello più performante nella cura dello SCC è stata introdotta una funzione utilità multidimensionale. Tale funzione è definita come la somma dei prodotti dell efficacia di ogni modello nei sei outcome, per l importanza relativa degli stessi. L efficacia è già stata riportata in Tabella 2. Al fine di stabilire l importanza relativa degli outcome selezionati, abbiamo sottomesso specifici questionari a tre esperti con più di quindici anni di esperienza professionale. In particolare abbiamo intervistato un Professore di Organizzazione Sanitaria, un cardiologo ed un manager di strutture sanitarie specializzate nella cura dello SCC. Sulla base delle risposte ottenute sono stati calcolati i pesi che riflettono l importanza relativa dei bisogni considerati. Tali pesi sono stati poi normalizzati (pesi assoluti) ed infine rapportati al fattore meno significativo (pesi relativi), che secondo i nostri esperti è quello economico. I risultati ottenuti sono riportati nella Tabella 4. Tabella 4: pesi relativi dei bisogni individuati. Bisogno Pesi Assoluti Relativi Miglioramento sintomatico (NYHA) w Riduzione dei ricoveri w Riduzione delle re-ospedalizzazioni w Miglioramento della qualità della vita w Riduzione della mortalità w Riduzione delle giornate di degenza w Costi w Secondo tale rappresentazione i pesi Assoluti esprimono in una scala 0-1 l importanza dei vari bisogni, mentre i pesi relativi esprimono quante volte un bisogno è considerato èpiù importante rispetto al minimo. Quest ultima rappresentazione è sicuramente di maggiore efficacia comunicativa, mentre il primo è adoperato più facilmente nelle successive analisi matematiche. L. Pecchia, U. Bracale 6/10

7 In base ai risultati ottenuti ed alla funzione utilità introdotta si può dunque calcolare la performance dei tre programmi, come riportato in Tabella 5. Tabella 5: la performance dei tre modelli in analisi è riportata mediante la funzione utilità. Outcome Pesi E F-UP E DMP E HM Assoluti Miglioramento sintomatico (NYHA) Riduzione dei ricoveri Riduzione delle re-ospedalizzazioni Miglioramento della qualità della vita Riduzione della mortalità Riduzione delle giornate di degenza Utilità: D. Analisi incrementale costo-utilità Dai risultati ottenuti nei paragrafi precedenti si evince che l Home Monitoring risulta essere più performante degli altri due modelli considerati. Tuttavia, risultando anche più costoso degli altri due è necessario effettuare l analisi incrementale costo-utilità (incremental Cost Utility Ratio, icur), applicando la formula seguente: (ii) icur = 6 DMP[ or( HM )] F UP [ wi *( Ei E )] i i= 1 C DMP[ or( HM )] L icur valuta il costo di una unità di utilità prodotta, considerando simultaneamente le sei dimensioni investigate rapportate al costo dei tre modelli. Tabella 6: icur dei modelli considerati, rapportati al benchmark. C F. UP DMP HM HM/DMP icur Dall analisi condotta risulta che un unità di utilità risulta essere circa 5 volte più costosa se prodotta con l HM rispetto ai DMP. Anche questo risultato potrebbe essere ribaltato se l HM fosse integrato con tecniche avanzate di elaborazione remota dei segnali acquisiti domiciliarmente. IV. DISCUSSIONE Dall analisi condotta emerge che l Home Monitoring è più efficace del Follow-up ambulatoriale in tutti gli outcome considerati. Tuttavia anche i DMP dimostrano un miglioramento dell efficacia confrontabile con quella dell HM. L HM è invece notevolmente più efficace, anche dei DMP, quando i dati acquisiti domiciliarmente vengono analizzati da sistemi remoti di supporto alla decisione. Tuttavia la letteratura analizzata, non fornisce ancora chiare evidenze cliniche a riguardo. La tabella 1 sintetizza qualitativamente i risultati dello studio sull efficacia clinica dei DMP, dell HM classico e dell HM supportato da sistemi di supporto alla decisione. I dati sui costi emerge che l HM risulta essere circa 21 volte più dispendioso del benchmark e di circa 5 volte quelli dei DMP. Dai risultati precedenti si calcola che l icer nei sei outcome descritti è per l HM 4,8±1,3 volte maggiore di quello dei DMP. In pratica un unità di salute in una delle dimensioni cliniche considerate costa circa 5 volte di più se ottenuta con l HM invece che mediante DMP. Infine il RICU dell HM risulta 5,3 volte superiore a quello dei DMP. L. Pecchia, U. Bracale 7/10

8 Dai risultati analizzati complessivamente si evince dunque che i due modelli considerati risultano comunque molto efficaci nella riduzione delle giornate di degenza. Considerando che il costo medio nazionale di una giornata di degenza è di circa settecento euro, come riferiva l ASSR (oggi Age.Na.S) nel 2004, si intuisce che i due modelli potrebbero risultare tuttavia sostenibili nel medio lungo periodo [34, 35]. CONCLUSIONI I risultati dello studio condotto dimostrano che l Home Monitoring è più efficace dei Disease Management Programs e del Follow-up ambulatoriale nella cura dello Scompenso Cardiaco Cronico. Tuttavia i suoi elevati costi non ne fanno il modello più efficiente e performante, soprattutto quando l HM viene paragonato ai DMP. Tale risultato potrebbe invertirsi nel caso di HM supportato da tecniche avanzate di processing dei dati clinici, tuttavia dalla letteratura considerata non emergono sufficienti evidenze a riguardo. Inoltre la Telemedicina è a sua volta un modello di management del paziente. Confrontandola solo con modelli ospedalieri non si riuscirebbe ad apprezzare il contributo indipendente dell ICT, che equivale a valutare l effetto dei vaccini ad inizio ottocento senza considerare il generale condizionamento delle condizioni igieniche. La Telemedicina dunque è uno dei modelli più promettenti per la cura dei pazienti cronici, ma bisogna forse avvalersi di un opportuna progettazione che realmente coinvolga molteplici professionalità (medicina, bioingegneria, etc.) e di efficaci valutazioni ex-ante, prima di progettare sistemi che offrano funzionalità realmente efficaci, e che altrimenti potrebbero risultare inopportunamente costosi. RINGRAZIAMENTI I risultati presentati in questo lavoro sono parte dei risultati ottenuti durante il dottorato in Economie e Management delle Organizzazioni Sanitarie dell ing. Pecchia., finanziato dalla Università Federico II di Napoli. Inoltre le analisi condotte sono state finanziate negli ultimi dieci mesi dal progetto Remote Health Monitoring finanziato dalla Regione Campania con la Misura POR Campania 2000/2006. BIBLIOGRAFIA [1] Mosterd, A.W. Hoes, M.C. de Bruyne, J.W. Deckers, D.T. Linker, A. Hofman, and D.E. Grobbee, Prevalence of heart failure and left ventricular dysfunction in the general population; The Rotterdam Study Eur Heart J 20: [2] Kenneth Dickstein el atl. ESC Guidelines for the diagnosis and treatment of acute and chronic heart failure 2008: The Task Force for the Diagnosis and Treatment of Acute and Chronic Heart Failure 2008 of the European Society of Cardiology. Developed in collaboration with the Heart Failure Association of the ESC (HFA) and endorsed by the European Society of Intensive Care Medicine (ESICM), Eur J Heart Fail 10: [3] American Heart Association Heart and Stroke Statistical Update. Dallas, Tex: American Heart Association; L. Pecchia, U. Bracale 8/10

9 [4] Cowie MR, Mosterd A, Wood DA et al. The epidemiology of heart failure. Eur Heart J 1997;18: [5] McMurray JJ, Stewart S. Heart failure. Epidemiology, aetiology, and prognosis of heart failure. Heart 2000;83: [6] Vinson JM, Rich MW, Sperry JC, Shah AS, McNamara T. Early readmission of elderly patients with congestive heart failure. J Am Geriatr Soc 1990;38: [7] Harjai KJ, Thompson HW, Turgut T, Shah M. Simple clinical variables are markers of the propensity for readmission in patients hospitalized with heart failure. Am J Cardiol 2001;87:234 7 [8] Amala A. Louis, Tracy Turner, Marcia Gretton, Angela Baksh, John G.F. Cleland. A systematicr eview of telemonitoring for the management of heart failure. The European Journal of Heart Failure : [9] Massie B, Shah NB. Evolving trends in the epidemiologic factors of heart failure: rationale for preventive strategies and comprehensive disease management. Am Heart J. 1997;133: [10] Berry C, Murdoch DR, McMurray JJ. Economics of chronic heart failure. Eur J Heart Fail 2001;3: [11] Davies M, Hobbs F, Davis R, et al. Prevalence of left-ventricular systolic dysfunction and heart failure in the echocardiographic heart of England screening study: a population based study. Lancet 2001;358: [12] Task Force European Society of Cardiology, Guidelines for the diagnosis and treatment of chronic heart failure Eur Heart J 22: [13] DMAA: The Care Continuum Alliance. Retrieved [14] Vinson JM et al. Early readmission of elderly patients with congestive heart failure. J Am Geriatr Soc 1990;38: [15] Harjai KJ et al. Simple clinical variables are markers of the propensity for readmission in patients hospitalized with heart failure. Am J Cardiol 2001;87:234 7 [16] Amala A. Louis et al. A systematicr eview of telemonitoring for the management of heart failure. The European Journal of Heart Failure : [17] Massie B et al. Evolving trends in the epidemiologic factors of heart failure: rationale for preventive strategies and comprehensive disease management. Am Heart J. 1997;133: [18] Berry C et al. Economics of chronic heart failure. Eur J Heart Fail 2001;3: [19] L. Pecchia M. Bracale et alt. "Technology assessment for evaluating integration of ambulatory follow-up and home monitoring". IFMBE Proceedings, 16(20), ,2007 [20] J. Gonsetha et al. The effectiveness of disease management programmes in reducing hospital re-admission in older pa-tients with heart failure: a systematic review and meta-analysis of published reports. Eur Heart J 2004;25: [21] R Holland et al. Systematic review of multidisciplinary interventions in heart failure. Heart 2005;91: [22] DMAA: The Care Continuum Alliance. DMAA definition of disease management. Retrieved [23] Saaty T. L., The Fundamentals of Decision Making and Priority Theory with the Analytic Hierarchy Process, Vol. IV of the Analytic Hierarchy Process Series, RWS [24] DelliFraine J. L. et al, Home-based telehealth: a review and meta-analysis. Journal of Telemedicine and Telecare, : [25] Andre s Martınez et al, A systematic review of the literature on home monitoring for patients with heart failure journal of Telemedicine and Telecare : [26] Sarwat I. Chaudhry et al. Telemonitoring for Patients with Chronic Heart Failure: A Systematic Review. J Card Fail February ; 13(1): [27] Cappuccio FP et al. Blood pressure control by home monitoring: meta-analysis of randomised trials. BMJ 2004; 329:145. [28] Artinian NT et al. Pilot study of a Web based compliance monitoring device for patients with congestive heart failure. Heart Lung 2003;32: L. Pecchia, U. Bracale 9/10

10 [29] Bondmass M et al. The effect of physiologic home monitoring and telemanagement on chronic heart failure outcomes. Internet J Adv Nurs Pract 2000;3:17 [30] L. R. Hudson et al. Remote Physiological Monitoring: Clinical, Financial, and Behavioral Outcomes in a Heart Failure Population. Disease Management. 2005; 8: [31] Sarwat I. Chaudhry et al. Telemonitoring for Patients with Chronic Heart Failure: A Systematic Review. J Card Fail February ; 13(1): [32] Jerant AF et al. Reducing the cost of frequent hospital admission for congestive heart failure: a randomized trial of a home telecare intervention. Medical Care 2001; 39(11): [33] Pamela S Whitten et al. Systematic review of cost effectiveness studies of telemedicine interventions. BMJ 2002; 324: [34] L. Pecchia, M. Sansone, M. Corvino, R. Prudente, M. Bracale. Ex-ante evaluation of web services for home monitoring. A case study on CHF follow-up by using remote monitoring. Congresso Nazionale di Bioingegneria, Pisa, 3-5 luglio Proceeding: [35] L. Pecchia, U. Bracale, P. Melillo, M. Sansone, M. Bracale. AHP for Health Technology Assessment. A case study: prioritizing care approaches for patients suffering from chronic heart failure Symposium, July 29 August 1, 2009, Pittsburgh, Pennsylvania, USA. Proceeding: 1-8. L. Pecchia, U. Bracale 10/10

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Università di Padova Facoltà di Ingegneria TESI DI LAUREA ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Laureanda: Valentina

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli