Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate."

Transcript

1 Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi di beni e servizi, la loro realizzazione, ristrutturazione, ampliamento, cessazione, riattivazione e riconversione dell'attività produttiva, nonché l'esecuzione di opere interne ai fabbricati adibiti ad uso di impresa (negli impianti produttivi di beni e servizi vanno compresi quelli relativi a tutte le attività di produzione di beni e servizi, ivi incluse le attività agricole, commerciali e artigiane, le attività turistiche ed alberghiere, i servizi resi dalle banche e dagli intermediari finanziari, i servizi di telecomunicazioni). Lo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP - del Comune di Cantù (disciplinato con deliberazione della Giunta Comunale n. 6 del 21 gennaio 2011) è l'unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttiva, che fornisce una risposta unica e tempestiva in luogo di tutte le pubbliche amministrazioni, comunque coinvolte nel procedimento. Sono attività produttive le attività di produzione di beni e servizi, incluse le attività agricole, commerciali e artigianali, le attività turistiche e alberghiere, i servizi resi dalle banche e dagli intermediari finanziari e i servizi di telecomunicazioni, di cui alla lettera b), comma 3, dell'articolo 38 del D.L. n. 112/2008 convertito in Legge. Sono impianti produttivi i fabbricati, gli impianti e altri luoghi in cui si svolgono tutte o parte delle fasi di produzione di beni e servizi. Lo Sportello Unico Attività Produttive - SUAP è l unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto attività di produzione di beni e servizi: 1. esercizio di attività produttive; 2. prestazione di servizi. Non sono attribuite allo SUAP le funzioni in materia di opere edilizie relative alle strutture all interno delle quali si esplicano le suddette attività, per le quali la competenza resta assegnata ai Settori Urbanistica ed Edilizia Privata. Non sono attribuite allo SUAP le funzioni in materia di commercio su aree pubbliche, per le quali la competenza resta assegnata al Comando Polizia Locale. Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. L art. 38 del D.L n. 112 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria ha dato un impulso di semplificazione, convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133 ha dato indicazioni specifiche finalizzate alla semplificazione della materia. Il decreto legislativo n. 59 del 2010 ha attuato nel nostro ordinamento la direttiva servizi, adottata dall'unione europea per superare gli ostacoli di natura giuridica che si frappongono alla libertà di stabilimento dei prestatori comunitari, cioè alla possibilità per un operatore economico di svolgere una attività in uno o più stati membri dell Unione, e alla libera circolazione dei servizi negli Stati membri.

2 La Legge 30 luglio 2010, n. 122, di conversione del D.L. 78/2010, ha ridefinito l articolo 19 della Legge n. 241/1990, introducendo la Segnalazione certificata d inizio attività (SCIA), oltre a modificare le modalità di svolgimento della conferenza di servizi. Il D.P.R. 9 luglio 2010, n. 159, ha normato i requisiti e le modalità di accreditamento delle Agenzie per le imprese. Il D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160 ha modificato la regolamentazione riguardante gli Sportelli Unici per le Attività Produttive, in sostituzione del D.P.R. n. 447 del 1998 che viene abrogato, anche se in due momenti diversi. Si evidenzia che la disciplina del D.P.R. n. 160/2010 è entrata in vigore il 29 marzo 2011 per l attivazione di attività soggette a SCIA (procedimento automatizzato), entrerà in vigore dal 1 ottobre 2011 per la presentazione di istanze NON SOGGETTE a SCIA (procedimento ordinario). Il D.L. n. 70/2011 convertito in Legge n. 106/2011 ha modificato l art. 19 della Legge n. Il D.L. n. 98/2011 convertito in Legge n. 111/2011 ha modificato l art. 19 della Legge n. Il D.L. n. 138/2011 convertito in Legge n. 148/2011 ha modificato l art. 19 della Legge n. La riforma degli Sportelli Unici delle Attività Produttive di cui al D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell art. 38, comma 3, del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133, impone ai Comuni di mettere in atto una serie di adeguamenti regolamentari, organizzativi e tecnologici per un ulteriore semplificazione in materia di procedure e strumenti per l avvio, la trasformazione, la gestione e la cessazione dell attività d'impresa. Le disposizioni di tale Regolamento sono efficaci dal 29 marzo 2011 per la parte relativa all organizzazione del SUAP e all avvio del procedimento telematico obbligatorio previsto nei casi di applicabilità della SCIA di cui all art. 19 della Legge 241/1990. A seguito delle novità apportate: - il SUAP è l unico soggetto pubblico di riferimento per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi, e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, nonché cessazione o riattivazione delle suddette attività e dovrà assicurare al richiedente una risposta telematica unica e tempestiva in luogo degli altri uffici comunali e di tutte le amministrazioni pubbliche comunque coinvolte nel procedimento; - sono esclusi dall applicazione del citato Regolamento soltanto gli impianti e le infrastrutture energetiche, le attività connesse all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti e di materie radioattive, gli impianti nucleari e di smaltimento di rifiuti radioattivi, le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi nonché le infrastrutture strategiche e gli insediamenti produttivi di preminente interesse nazionale. - il SUAP comunale dovrà operare esclusivamente in modalità telematica, anche per quanto attiene ai pagamenti.

3 Il Comune di Cantù, che già nel 2003 aveva attivato lo SUAP in forma singola, in ottemperanza alle disposizioni vigenti, si sta attivando per provvedere all istituzione di un nuovo e diverso SUAP, che sia conforme alle nuove disposizioni normative con particolare riferimento all art. 4 del D.P.R. n. 160/2010. Nel nuovo contesto normativo il ruolo dello Sportello Unico per le Attività Produttive è riconfermato quale soggetto pubblico che: - si relaziona con altre amministrazioni pubbliche secondo modalità esclusivamente telematiche in ambito locale, regionale e nazionale, al fine di garantire un efficace evasione dei procedimenti amministrativi di autorizzazione e controllo; - acquisisce le domande, segnalazioni, comunicazioni, nonché gli elaborati tecnici che le imprese inoltrano direttamente, o che sono spedite allo SUAP dalle Agenzie per le imprese, dalle Camere di Commercio o dalle altre Amministrazioni che intervengono nel procedimento; - riscuote il pagamento delle spese e dei diritti previsti da disposizioni di leggi statali, regionali e dai regolamenti comunali, e provvede al loro trasferimento alle altre amministrazioni pubbliche coinvolte nel procedimento stesso. Il Comune di Cantù, nei termini di legge, ha riorganizzato il proprio SUAP ed ha così potuto attestare la conformità ai requisiti tecnici minimi di adeguatezza, utilizzando la procedura telematica indicata dal Ministero dello Sviluppo Economico, trasmettendola al suddetto Ministero (27 gennaio 2011). Il recente cambiamento della normativa e la necessità di facilitare l'incremento delle attività economiche in un momento di profonda crisi economica, hanno indotto l Assessorato ad avviare un processo che porterà a riqualificare i servizi offerti agli imprenditori ed operatori economici, facilitando le comunicazioni attraverso l'uso di strumenti telematici e fornendo servizi d informazione per coadiuvare gli imprenditori nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, anche come condizione per accrescere il livello di fiducia nei confronti della P.A.. Il contributo del Comune di Cantù al sistema economico locale parte dall avvio di un processo di adeguamento tecnologico attraverso la digitalizzazione e dematerializzazione dei flussi informativi e documentali, anche adottando strategie per facilitare la comunicazione telematica tra gli imprenditori e l Amministrazione Comunale, attraverso una riqualificazione del Portale istituzionale, avvalendosi anche del supporto che verrà fornito dal Portale A tale proposito il Comune di Cantù ha effettuato l accreditamento presso il MISE, ed il soggetto che intende attivare una nuova impresa potrà accedere al sito del Comune anche dal portale L Assessorato da subito ha approfondito la cooperazione con la CCIAA di Como e con Infocamere, attraverso l adesione alla proposta di sperimentazione delle DIAP telematiche. Infocamere ha recentemente integrato l applicativo StarWeb, già utilizzato per la predisposizione di pratiche di comunicazione unica, con ulteriori funzionalità, per consentire: - la compilazione online, su modulistica regionale unificata, delle Segnalazioni Certificate di Inizio Attività SCIA (attualmente in fase di sperimentazione); - la loro trasmissione, unitamente agli allegati previsti, al Registro Imprese per via telematica, quale ulteriore componente della Comunicazione Unica;

4 - il successivo inoltro, su casella di posta elettronica certificata (PEC), al Comune. E stata inoltre attivata la collaborazione con la piattaforma MUTA, sistema operativo di Regione Lombardia, per la presentazione e gestione delle SCIA. I requisiti dello Sportello Unico per le attività produttive In capo al SUAP del Comune di Cantù sussistono i requisiti tecnici minimi di adeguatezza, intesi come un punto di partenza per innescare articolati processi d innovazione tecnologica, organizzativa e istituzionale necessari per garantire una puntuale soddisfazione dei principi normativi e di efficienza/efficacia per lo svolgimento dell attività amministrativa. I requisiti tecnici minimi, secondo quanto previsto dall allegato tecnico, di cui all art. 12 comma 5 del DPR 160/2010, si sostanziano nel possesso: 1. di una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) istituzionale, cui fa riferimento lo SUAP, per ricevere la documentazione dalle imprese, per inviare le ricevute e gli atti relativi ai procedimenti, per trasmettere gli atti, le comunicazioni e i relativi allegati alle altre amministrazioni comunque coinvolte nel procedimento, e ricevere dalle stesse comunicazioni e atti in formato elettronico. Il Comune di Cantù è dotato di una casella di Posta Elettronica Certificata istituzionale, collegata al sistema di protocollo informatico e iscritta all indice della PA digitale. Questa scelta soddisfa i requisiti minimi previsti dalla legge, al momento non si ritiene di dover riservare una casella di PEC dedicata allo SUAP; 2. della firma digitale rilasciata al Responsabile dello Sportello, per la sottoscrizione degli atti in formato elettronico (sono stati dotati di firma digitale sia il Dirigente che il Funzionario dello SUAP); 3. di un applicazione software per la lettura di documenti firmati digitalmente è già disponibile il software Dike di Infocert, integrabile negli applicativi utilizzati dall Ufficio; 4. di un sistema di protocollazione informatica della documentazione in entrata e in uscita, per la certificazione della corrispondenza, come previsto dal DPR 445 del 28 dicembre 2000 e dal DPCM del 31 ottobre 2000, sistema già in uso; 5. di un area riservata al SUAP nell ambito del sito istituzionale, che sia in grado di: - fornire informazioni sulle procedure amministrative; - fornire la modulistica di riferimento; - consentire l accesso alle procedure telematiche di compilazione delle pratiche; - consentire all utente di verificare lo stato di avanzamento della propria pratica. Si avvisano gli utenti che la normativa, la disciplina delle diverse attività, la procedura di inizio delle attività e la relativa modulistica, potranno subire variazioni, che saranno prontamente comunicate attraverso il sito. Si resta infatti in attesa dei provvedimenti che dovranno essere emanati alla luce delle recenti disposizioni in materia di semplificazione delle attività per favorire lo sviluppo, con particolare riferimento a: - art. 29 comma 1-bis del D.L. n. 98/2011, convertito in Legge n. 111/2011, che prevede che trascorso il termine di 8 mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto (dal 13 luglio 2011) ciò che non sarà espressamente regolamentato sarà libero.

5 - art. 3, commi 1, 2 e 3 del D.L. n. 138/2011, convertito in Legge n. 148/2011, che dispone che Comuni, Province, Regioni e Stato entro un anno a far data dall entrata in vigore della legge di conversione del decreto (dal 17 settembre 2011) debbano adeguare i rispettivi ordinamenti al principio secondo cui, in alcune tassative tematiche, l iniziativa e l attività economica privata sono libere ed è permesso tutto ciò che non è espressamente vietato dalla legge; - art. 31, comma 2, del D.L. n. 201/2011, convertito in Legge n. 214/2011, che impone a Regioni ed enti locali di adeguare, entro 90 giorni dall entrata in vigore della legge di conversione, i propri ordinamenti alle prescrizioni che individuano quale principio generale la libertà di apertura di nuovi esercizi commerciali sul territorio senza contingenti, limiti territoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura, esclusi quelli connessi alla tutela della salute, dei lavoratori, dell ambiente, ivi incluso l ambiente urbano, e dei beni culturali; - art. 34 del D.L. n. 201/2011, convertito in Legge n. 214/2011, che dispone in materia di Liberalizzazione delle attività economiche ed eliminazione dei controlli preventivi; - disposizioni in materia di liberalizzazione delle attività economiche e riduzione degli oneri amministrativi sulle imprese di cui al D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, che dovrà essere convertito in Legge entro 60 giorni.

DPR 160/2010 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE IN FORMA TELEMATICA INDICAZIONI OPERATIVE

DPR 160/2010 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE IN FORMA TELEMATICA INDICAZIONI OPERATIVE COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA Servizio Attività Produttive DPR 160/2010 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE IN FORMA TELEMATICA INDICAZIONI OPERATIVE Lo sportello Unico per le

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL SUAP. Tipologia Il Comune esercita le funzioni inerenti il SUAP in associazione con altri Comuni e non e' capofila

DATI IDENTIFICATIVI DEL SUAP. Tipologia Il Comune esercita le funzioni inerenti il SUAP in associazione con altri Comuni e non e' capofila Il sottoscritto Davide Colloca, codice fiscale CLLDVD71C23I968S, in qualità di Responsabile SUAP del Comune di ZERBOLO' (PV) dichiara che il Comune ha instituito lo Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA DELLE PRATICHE AL SUAP DELL UNIONE APPENNINO BOLOGNESE

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA DELLE PRATICHE AL SUAP DELL UNIONE APPENNINO BOLOGNESE (Provincia di Bologna) CASTEL D AIANO CASTEL DI CASIO CASTIGLIONE DEI PEPOLI GAGGIO MONTANO GRIZZANA MORANDI MARZABOTTO MONZUNO SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO VERGATO LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA

Dettagli

Comune. di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013]

Comune. di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013] Comune di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013] - 1 - PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE È PREVISTO L OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DI TUTTE LE PRATICHE E LORO INTEGRAZIONE ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Suap il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi

Suap il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi www.infocamere.it Suap il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi ilsuap Con Maurizio Vego Scocco Bassano del Grappa 5 giugno 2013 Consulente INFOCAMERE Camere di Commercio di Pordenone e di Vicenza

Dettagli

S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010)

S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010) 1 S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010) P R E M E S S A Come è noto dal 30 settembre 2011 sono operative tutte le disposizioni contenute

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Maurizio Vego Scocco

Maurizio Vego Scocco Suap Con il il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi Maurizio Vego Scocco Comune di Vicenza 5 aprile 2013 Consulente INFOCAMERE Camere di Commercio di Pordenone e Vicenza 1 Sportello Unico Attività

Dettagli

DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI

DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI COMUNE DI NOALE PROVINCIA DI VENEZIA 30033 Piazza Castello, 18 Sede Municipale Fax 041/5897242 Tel. 041/5897211 DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI COPIA Ufficio:COMMERCIO Registro Generale Determinazioni N.718

Dettagli

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti Uno strumento per la semplificazione M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti un sistema per la Pubblica Amministrazione una risorsa per le Imprese 19 aprile 2011 Videoconferenza di presentazione INDICE

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP

L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP La Comunicazione Unica La Segnalazione Certificata di Inizio Attività Il Suap Il coordinamento degli adempimenti Le modalità di predisposizione SCIA Le modalità

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE 5512 25/06/2014 Identificativo Atto n. 497 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE APPROVAZIONE DEL MODELLO UNICO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE,

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

Allegato. I requisiti tecnici e le regole di loro adozione dello Sportello Unico per le Attività Produttive

Allegato. I requisiti tecnici e le regole di loro adozione dello Sportello Unico per le Attività Produttive I requisiti tecnici e le regole di loro adozione dello Sportello Unico per le Attività Produttive Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario

Dettagli

La Pubblica Amministrazione per l'impresa

La Pubblica Amministrazione per l'impresa reg. suap La Pubblica Amministrazione per l'impresa È disponibile la Circolare interministeriale che anticipa il contenuto di un decreto ministeriale che individua le misure indispensabili per attuare,

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

LA GESTIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI NELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE

LA GESTIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI NELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE Milano, 6 marzo 2015 LA GESTIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI NELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE Vendita e Somministrazione di alimenti e bevande: modulistica e finalità di semplificazione per le Imprese messe

Dettagli

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA)

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) AMBITO DI APPLICAZIONE DEL DPR 160/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini

Dettagli

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti MUTA Modello Unico Trasmissione Atti A cura di Elisabetta Sciacca Direzione SIRE / Responsabile Progetto Muta Milano, 15 settembre 2011 SINTESI DEI CONTENUTI 1. La piattaforma MUTA 2. I servizi 3. Scenari

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

CORSO COMUNICA APPLICATIVO STAR WEB

CORSO COMUNICA APPLICATIVO STAR WEB CORSO COMUNICA APPLICATIVO STAR WEB Novembre 2011 SOTTOSCRIZIONE DELLE PRATICHE TELEMATICHE AL REGISTRO IMPRESE E AL REA Soggetto legittimato alla presentazione delle istanze trasmesse per via telematica:

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.)

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) INORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.), previsto dal D.Lgs. n. 112/98, in attuazione della legge

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DI PRATICHE EDILIZIE RESIDENZIALI PER VIA TELEMATICA

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DI PRATICHE EDILIZIE RESIDENZIALI PER VIA TELEMATICA GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DI PRATICHE EDILIZIE RESIDENZIALI PER VIA TELEMATICA INTRODUZIONE Sempre di più l evoluzione normativa è rivolta a favorire l'uso dell'informatica come strumento privilegiato nei

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

Progetto per la semplificazione amministrativa

Progetto per la semplificazione amministrativa Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce Città di Lecce Progetto per la semplificazione amministrativa ComUniica lla tua attiiviità commerciialle MODALITA OPERATIVE (VERS. 1.1. DEL

Dettagli

Sportello unico attività produttive (SUAP)

Sportello unico attività produttive (SUAP) www.globogis.it Sportello unico attività produttive (SUAP) Modulo base Sessione1 Introduzione alla gestione telematica del SUAP Argomenti Logistica e contenuti del corso Normativa nazionale e regionale

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI DELIBERAZIONE 4 settembre 2012 Modifiche alla deliberazione n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008 per l'avvio del nuovo sistema informativo automatizzato del

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICA. InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni. versione 02

MANUALE OPERATIVO PRATICA. InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni. versione 02 InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI PRATICA versione 02 ottobre 2011 COMPILAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Allegato. Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive

Allegato. Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato SCHEDA RELATIVA AL

Dettagli

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE Direzione Pianificazione Territoriale Servizio Edilizia privata e gestione del territorio - Urbanistica Tel. 059 777512 e-mail: sportelloedilizia@comune.vignola.mo.it Comune appartenente all Unione Terre

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA Mod. Comunale (Modello 0237 Versione 002-2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ESERCIZIO di AMBULATORIO - POLIAMBULATORIO MEDICO E/O ODONTOIATRICO SUBINGRESSO (a esclusione

Dettagli

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini.

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. D.P.C.M. 6 maggio 2009 1 e 2 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto il decreto

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Agenzie di Affari. Attività sottoposte al procedimento

Agenzie di Affari. Attività sottoposte al procedimento Agenzie di Affari Attività sottoposte al procedimento Le Agenzie d Affari sono previste e regolate dall articolo 115 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.). Si tratta di quelle

Dettagli

Progetto per la semplificazione amministrativa e la realizzazione del SUAP

Progetto per la semplificazione amministrativa e la realizzazione del SUAP Città di Ariano Irpino Progetto per la semplificazione amministrativa e la realizzazione del SUAP Speriimentaziione delllla SCIA iin ComUniica GUIDA OPERATIVA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Progetto per la semplificazione

Dettagli

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA GIUGNO 2014 IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA Stop alle fatture su carta! A decorrere dal 6 giugno scatta l obbligo per i fornitori della PA Centrale di fatturare con modalità elettroniche.

Dettagli

PRESENTAZIONE PRATICHE TELEMATICHE SUAP

PRESENTAZIONE PRATICHE TELEMATICHE SUAP PRESENTAZIONE PRATICHE TELEMATICHE SUAP NOVITA NORMATIVA Dal 29 marzo 2011 sono cambiate radicalmente le procedure relative alle attività produttive in quanto, in base al nuovo D.P.R. n. 160/2010 ogni

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI s.pigliapoco@unimc.it Il nuovo codice dell amministrazione digitale (CAD) Il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235, adottato a norma

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA Legge regionale sulla semplificazione e trasparenza amministrativa Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti (art.2) Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti(art.2)

Dettagli

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Belluno 28 gennaio 2014 www.feinar.it PEC: Posta Elettronica Certificata Che cos'è e come funziona la PEC 3 PEC: Posta Elettronica

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE N. 54 OGGETTO: D.P.R. 7 SETTEMBRE 2010, N. 160 REGOLAMENTO PER LA SEMPLIFICAZIONE ED IL RIORDINO

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA SULLE MODALITA DI INTEGRAZIONE TRA SCIA E COMUNICA. AI SENSI DELL ART. 5 comma 2 DEL DPR 160/2010

PRIME LINEE GUIDA SULLE MODALITA DI INTEGRAZIONE TRA SCIA E COMUNICA. AI SENSI DELL ART. 5 comma 2 DEL DPR 160/2010 PRIME LINEE GUIDA SULLE MODALITA DI INTEGRAZIONE TRA SCIA E COMUNICA AI SENSI DELL ART. 5 comma 2 DEL DPR 160/2010 A cura del sistema provinciale dei SUAP della provincia di Ravenna in accordo con la CCIAA

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo IMMEDIATA ESECUZIONE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. Reg. 63 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione schema di convenzione per l'utilizzo della

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

LA COMUNICAZIONE UNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA LA COMUNICAZIONE UNICA Come e quando nasce la Riferimenti normativi Il D.L. 31 gennaio 2007, n. 7 - art. 9 (Convertito, con modificazioni, dalla Legge 2 aprile 2007, n. 40) ha previsto e introdotto nel

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività.

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Principali novità: Riferimento alla normativa europea e regionale in particolare a "Una

Dettagli

Allegato parte integrante Schema convenzione fra APE e organismi di abilitazione soggetti preposti al rilascio delle certificazioni energetiche

Allegato parte integrante Schema convenzione fra APE e organismi di abilitazione soggetti preposti al rilascio delle certificazioni energetiche Allegato parte integrante Schema convenzione fra APE e organismi di abilitazione soggetti preposti al rilascio delle certificazioni energetiche CONVENZIONE per il riconoscimento degli Organismi di Abilitazione,

Dettagli

COMUNE DI ASOLA Provincia di Mantova

COMUNE DI ASOLA Provincia di Mantova COMUNE DI ASOLA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TELEMATICO (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. del )

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO

INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO ALLEGATO A INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO ART.1 DEFINIZIONI Ai fini dei presenti criteri s intende: per SUAP: lo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Campo di applicazione - CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Articoli da 1742 a 1752 del Codice civile; Legge 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

Dettagli

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1327 del 23 luglio 2013 pag. 1/7 Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto Legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 Disposizioni regionali di indirizzo

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

Incontro con i SUAP in delega

Incontro con i SUAP in delega Incontro con i SUAP in delega Vercelli, 3 luglio 2012 Cristina Corradino Oneri di gestione SUAP Costi e gli oneri di utilizzo del programma, in termini di canone annuale, sono rapportati alle dimensioni

Dettagli

Incontro pubblico Schio, 25 febbraio 2014

Incontro pubblico Schio, 25 febbraio 2014 Incontro pubblico Schio, 25 febbraio 2014 Diamoci una mano Presentazione del progetto sperimentale di innovazione delle procedure edilizie. Comune di Schio L evoluzione della sperimentazione 2013 L'Unità

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive DIREZIONE GENERALE PER IL COMMERCIO, LE ASSICURAZIONI E I SERVIZI Servizio centrale Camere di commercio Ufficio B4 * * * Roma, 29 novembre 2002 prot. n. 514886 Alle

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Bertinoro Provincia di Forlì-Cesena PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

N. I / 2 / 188305 /2002 protocollo

N. I / 2 / 188305 /2002 protocollo N. I / 2 / 188305 /2002 protocollo Approvazione dei modelli AA7/7 e AA9/7 da utilizzare per le dichiarazioni di inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini dell imposta sul valore aggiunto.

Dettagli

Comune di Rotondi CONSIDERATO

Comune di Rotondi CONSIDERATO CONVENZIONE PER INTRODURRE L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE NELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DI INTERESSE CONDIVISO TRA CAMERA E COMUNI DEL TERRITORIO TRA La Camera di

Dettagli

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico SICUREZZA. Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico GLI EFFETTI DELLA COLLABORAZIONE TRA REGIONE SARDEGNA E VIGILI DEL FUOCO Il regolamento per la semplificazione

Dettagli

AREA GESTIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. REGISTRO di SETTORE n.ro 14 del 13/09/2012

AREA GESTIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. REGISTRO di SETTORE n.ro 14 del 13/09/2012 AREA GESTIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE REGISTRO di SETTORE n.ro 14 del 13/09/2012 OGGETTO : Adeguamento delle modalità di presentazione delle istanze da inviare allo Sportello Unico

Dettagli

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita').

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). REGIONE PIEMONTE BU19 08/05/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 37-7454 Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). A relazione

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 24 del 22/07/2010 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio

Dettagli

Convenzione per il rilascio delle credenziali di Sistema piemonte da parte delle scuole paritarie TRA. La Regione Piemonte Assessorato all Istruzione

Convenzione per il rilascio delle credenziali di Sistema piemonte da parte delle scuole paritarie TRA. La Regione Piemonte Assessorato all Istruzione Convenzione per il rilascio delle credenziali di Sistema piemonte da parte delle scuole paritarie TRA La Regione Piemonte Assessorato all Istruzione e le Associazioni di rappresentanza delle scuole paritarie

Dettagli

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA Verona, 27 novembre 2012 Marina Coin Quadro normativo generale LEGGE 241/1990 D.P.R. 380/2001 Legge 73/2010 (art. 6 DPR 380/01) D.P.R. 160/2010 Legge 122/2010 (art.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2009 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. (09A05855) IL PRESIDENTE

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE s.pigliapoco@unimc.it Codice dell amministrazione digitale Il codice dell amministrazione digitale (Co.A.Di.) è contenuto

Dettagli

Normativa. Da sito FatturaPA: http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/it/normativa/f-1.htm

Normativa. Da sito FatturaPA: http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/it/normativa/f-1.htm Risorse on-line Sito FatturaPA Sito istituzionale di riferimento per la fatturazione elettronica verso la PA che contiene la documentazione riguardo alla normativa di riferimento e regole tecniche, strumenti

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 01/ALBO/CN 23 LUGLIO 2014 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 23 Luglio 2014 Modalità per la fruizione telematica dei

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone Protocollo n. 2012/156146 Modifiche al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 22 ottobre 2012 di approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE DECRETO N. 25 DEL 18 MARZO 2012 OGGETTO: Deliberazione della Giunta regionale n. 2879 del 30 dicembre 2013 Semplificazione dei procedimenti nel Settore primario. Atti di indirizzo ai sensi dell art. 50,

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 349 DEL 25/05/2015 PAGAMENTO CANONE ANNUALE CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA PER SUAP ANNO 2015 (SERVIZIO CAMERALE): ASSUNZIONE

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015

Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015 Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015 Oggetto: InfoCamere S.c.p.a. Affidamento Servizio di gestione documentale componente Sistema di conservazione a norma Legaldoc Annualità 2015 Il Vice Segretario

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività - s.c.i.a. Caratteristiche generali

Segnalazione certificata di inizio attività - s.c.i.a. Caratteristiche generali Segnalazione certificata di inizio attività - s.c.i.a. Caratteristiche generali 2 Segnalazione certificata di inizio attività s.c.i.a. Viene presentata solo per attività di impresa 3 Segnalazione certificata

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE (per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni) DEL COMUNE DI GENOVA.

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE (per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni) DEL COMUNE DI GENOVA. Adempimenti per la realizzazione dell Agenda della semplificazione amministrativa: PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE (per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni) DEL COMUNE

Dettagli