Fantappiè M., Guaitoli F., Matranga M. G., De Meo I., Costantini E.A.C.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fantappiè M., Guaitoli F., Matranga M. G., De Meo I., Costantini E.A.C."

Transcript

1 SOILPRO E possibile migliorare l efficienza delle amministrazioni regionali nella promozione di pratiche di conservazione del suolo attraverso l individuazione di azioni mirate ed efficaci. Fantappiè M., Guaitoli F., Matranga M. G., De Meo I., Costantini E.A.C. 1 CRA-ABP, Centro di Ricerca per l Agrobiologia e la Pedologia, Firenze, 2 Regione Siciliana, Assessorato per le Risorse Agricole e Alimentari, Palermo.

2 OBIETTIVO GENERALE Il progetto SoilPro partecipa all obiettivo generale di fermare la degradazione del suolo negli Stati Membri dell Unione Europea, a partire dalle regioni mediterranee Sicilia e Peloponneso.

3 I rischi monitorati da SoilPro DECLINO DELLA SOSTANZA ORGANICA EROSIONE IDRICA COMPATTAMENTO FRANE SALINIZZAZIONE ACIDIFICAZIONE

4 BACKGROUND LEGISLATIVO La Thematic Strategy for Soil Protection : Brussels, COM (2002) 179 final; COM(2006)231 final; Brussels, COM(2006) 232 final. La Direttiva proposta obbligherà gli Stati Membri a 1) Identificare le aree a rischio sulla base di elementi comuni da prendere in considerazione; 2) Definire gli obiettivi di riduzione del rischio per le aree individuate; 3) Stabilire programmi di misure per raggiungere gli obiettivi. AZIONI MIRATE

5 SoilPro Soil Monitoring System WEB-GIS Data source Sicily Peloponnesus Pre-processing Other sources Field data SOILPRO database Geostatistics SMS Models for: Risk Area Identification Scenario and impact analysis Monitoring design Maps Web site Web GIS

6 ESEMPIO DI MODELLO ADOTTATO: 1 passo USLE= Universal Soil Loss Equation (Wischmeyer and Smith, 1978) passo STIMA DELL EROSIONE IDRICA DIFFUSA EROSIONE ( t ha -1 anno -1 ) = (R x K x L x S) x (C x P) vulnerabilità sensibilità Vulnerabilità = rischio potenziale Sensibilità = rischio attuale (reale) R, fattore di erosività delle piogge (calcolato sulla base delle precipitazioni medie mesili e annue) K, erodibilità del suolo (calcolato sulla base della tessitura e del contenuto di carbonio organico del suolo) L e S, fattore morfometrico (calcolato sulla base della lunghezza e pendenza dei versanti a partire dal DEM, modello digitale del terreno) C, fattore di protezione del suolo dato dalla copertura vegetale (calcolato sulla base del CORINE land cover map 2006) P, fattore legato al tipo di conduzione agricola (conservativa/non conservativa)

7 ESEMPIO DI MODELLO ADOTTATO: 2 passo passo STIMA DEL RISCHIO Stima degli anni in cui il suolo rischia di essere completamente eroso. RISCHIO (anni) = QUANTITA DI SUOLO (t ha -1 ) / EROSIONE ( t ha -1 anno -1 ) potenziale potenziale

8 Mappa Esportata dall SMS

9 ESEMPIO DI MODELLO ADOTTATO: 3 passo DEFINIZIONE DEL TARGET Individuazione dell obiettivo Aree a rischio potenziale Terrazzamenti abbandonati OBIETTIVO INDIVIDUATO MISURA 214G (PSR ) Ripristino e mantenimento dei terrazzamenti del Messinese Rischio reale

10 ESEMPIO DI MODELLO ADOTTATO: 3 passo DEFINIZIONE DEL TARGET Localizzazione della misura per sovrapposizione di mappe

11 ESEMPIO DI MODELLO ADOTTATO: 3 passo DEFINIZIONE DEL TARGET Localizzazione della misura per sovrapposizione di mappe

12 ESEMPIO DI MODELLO ADOTTATO: 3 passo DEFINIZIONE DEL TARGET Localizzazione della misura per sovrapposizione di mappe

13 ESEMPIO DI MODELLO ADOTTATO: 3 passo DEFINIZIONE DEL TARGET Localizzazione della misura per sovrapposizione di mappe

14 PRIMO RISULTATO

15 PRIMO RISULTATO

16 MONITORAGGIO: 4 passo EFFICACIA e SUCCESSO DELLA MISURA: Definizione degli indicatori e esempi di strumenti per la valutazione di impatto Indicatori di impatto: Numero di imprenditori agricoli che hanno adottato la misura Estensione areale delle particelle catastali coinvolte Riduzione del rischio di degradazione del suolo Rese agricole Qualità dei prodotti Strumenti: Domande di adesione alla misure agro-ambientali Stima in campo dell erosione Questionari agli imprenditori agricoli

17 MONITORAGGIO:

18 MONITORAGGIO: Questionario sui vantaggi e svantaggi delle pratiche di protezione del suolo Impatto economico Impatto gestionale Impatto sociale Impatto ambientale Imparare dagli errori

19 Chi ama la terra produce buoni frutti!

Il progetto Life+ SOILPRO Monitoraggio per la protezione del suolo

Il progetto Life+ SOILPRO Monitoraggio per la protezione del suolo Il progetto Life+ SOILPRO Monitoraggio per la protezione del suolo Edoardo A.C. Costantini, Maria Fantappiè, Isabella De Meo Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura Centro di ricerca

Dettagli

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo.

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. EROSIONE DEL SUOLO Erosione del Suolo Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. splash erosion: indotta dall impatto diretto delle gocce sul suolo, determina

Dettagli

MOSYSS OSSERVATORIO REG. SUOLI. (MOnitoring SYstem of Soils at multi-scale) Dr. Mauro Tiberi Dr. Giovanni Ciabocco Dr.ssa Cristina Bernacconi

MOSYSS OSSERVATORIO REG. SUOLI. (MOnitoring SYstem of Soils at multi-scale) Dr. Mauro Tiberi Dr. Giovanni Ciabocco Dr.ssa Cristina Bernacconi MOSYSS (MOnitoring SYstem of Soils at multi-scale) Dr. Mauro Tiberi Dr. Giovanni Ciabocco Dr.ssa Cristina Bernacconi Osservatorio Regionale Suoli Servizio Agricoltura Regione Marche PSR 2007-2013 Marche

Dettagli

CARTA DELLA SENSIBILITÀ ALLA DESERTIFICAZIONE IN SICILIA SCALA 1:250000 (ENVIRONMENTALLY SENSITIVE AREAS TO DESERTIFICATION, ESAs)

CARTA DELLA SENSIBILITÀ ALLA DESERTIFICAZIONE IN SICILIA SCALA 1:250000 (ENVIRONMENTALLY SENSITIVE AREAS TO DESERTIFICATION, ESAs) CARTA DELLA SENSIBILITÀ ALLA DESERTIFICAZIONE IN SICILIA SCALA 1:250000 (ENVIRONMENTALLY SENSITIVE AREAS TO DESERTIFICATION, ESAs) Autori: F. Calvi 1 -P.Catena 1 -R. Cibella 3 -A. Cirasa 2 -F. Dolce 1

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

Rilevo GPS di aree boschive con strumentazione a basso costo: utilizzo di smartphone Android e software Open Source (QGIS)

Rilevo GPS di aree boschive con strumentazione a basso costo: utilizzo di smartphone Android e software Open Source (QGIS) Applicazioni Gis in Campo Territoriale e Ambientale Agripolis, 16 novembre 2011 Rilevo GPS di aree boschive con strumentazione a basso costo: utilizzo di smartphone Android e software Open Source (QGIS)

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

Carta del Rischio di Erosione della Regione Emilia-Romagna in scala 1:250.000

Carta del Rischio di Erosione della Regione Emilia-Romagna in scala 1:250.000 Carta del Rischio di Erosione della Regione Emilia-Romagna in scala 1:250.000 Guermandi Marina Bertozzi Roberto Obiettivo Generale Supporto alla pianificazione territoriale Ausilio a livello: Regionale

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI Per creare la mappa del soleggiamento è stato utilizzato il software GRASS

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1 I Sistemi Informativi Geografici Laboratorio GIS 1 Sistema Informativo Geografico Strumento computerizzato che permette di posizionare ed analizzare oggetti ed eventi che esistono e si verificano sulla

Dettagli

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento 2 ciclo di pianificazione 2015-2021 Piano Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: possibili integrazioni con il Piano di Gestione

Dettagli

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole?

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? Convegno «Agricoltura conservativa dalla teoria alla pratica Cover crop e fertilità del suolo» Chiara Carasi Regione Lombardia

Dettagli

Le applicazioni della pedologia in Piemonte: il fotovoltaico e la capacità d uso dei suoli. Paolo F. Martalò, Mauro Piazzi

Le applicazioni della pedologia in Piemonte: il fotovoltaico e la capacità d uso dei suoli. Paolo F. Martalò, Mauro Piazzi Le applicazioni della pedologia in Piemonte: il fotovoltaico e la capacità d uso dei suoli Paolo F. Martalò, Mauro Piazzi EU 20 20 20 ICI Patto Stabilità (S) Conto Energia - GSE 0,28 / Kw - biomasse 0,47

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SUOLI E GEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO PADOVANO Convegno 23.10.2013 Aula Magna Galileo Galilei

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA

COMUNICAZIONE PREVENTIVA Modello di COMUNICAZIONE PREVENTIVA Utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari (prevista dall art. 3 1 e 2 comma del REGOLAMENTO REGIONALE 7 dicembre 2007,

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Tecniche inovative e tradizionali per il miglioramento del suolo e della resa: Esempi dei progetti LIFE Crops for Better Soil & Operation CO 2

Tecniche inovative e tradizionali per il miglioramento del suolo e della resa: Esempi dei progetti LIFE Crops for Better Soil & Operation CO 2 Tecniche inovative e tradizionali per il miglioramento del suolo e della resa: Esempi dei progetti LIFE Crops for Better Soil & Operation CO 2 Egbert Sonneveld, Coordinatore tecnico dei progetti Conferenza

Dettagli

TUTELA DEL PAESAGGIO DELLE CRETE SENESI (SI) ATTRAVERSO LA STIMA DELLA PERDITA POTENZIALE DI SUOLO: MODELLI RUSLE E USPED A CONFRONTO

TUTELA DEL PAESAGGIO DELLE CRETE SENESI (SI) ATTRAVERSO LA STIMA DELLA PERDITA POTENZIALE DI SUOLO: MODELLI RUSLE E USPED A CONFRONTO TUTELA DEL PAESAGGIO DELLE CRETE SENESI (SI) ATTRAVERSO LA STIMA DELLA PERDITA POTENZIALE DI SUOLO: MODELLI RUSLE E USPED A CONFRONTO Riccardo SALVINI (*), Silvia RICCUCCI (*), Alessandro COLICA (*) Università

Dettagli

Rev. del 19/12/2013 ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60 e successive m. e i.)

Rev. del 19/12/2013 ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60 e successive m. e i.) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60 e successive m. e i.) Settore Aiuti Diretti ed Interventi di Mercato Istruzioni per la compilazione Misura 214.a Domande

Dettagli

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico 17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme N. Processo* Danno grave o catastrofico 1 Erosione 2 Alterazione da scorrimento superficiale delle acque Frane,

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Regione Piemonte Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Cartografico Regione Piemonte C.so Orbassano 336 (Centro NADIM) Torino tel. 011-4326466 - fax 011-4326462 - e-mail: cartografico@regione.piemonte.it

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI UFFICIO DEL PIANO EX ART. 12 L.R. 9/86 NODO PROVINCIALE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE LE INIZIATIVE DELLA PROVINCIA DI TRAPANI NEL CAMPO DEI SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Schema di documento di posizione del sistema rurale italiano rispetto alle politiche internazionali sul clima La situazione italiana Complessivamente l

Dettagli

MODELLO FLORENCE V. 2.0

MODELLO FLORENCE V. 2.0 MODELLO FLORENCE V. 2.0 PER LA STIMA DELLA PRODUZIONE MEDIA ANNUA NETTA BACINALE DI SEDIMENTO E PER LA VALUTAZIONE DELL INTERRIMENTO DEGLI INVASI ARTIFICIALI - BASI TEORICHE E ISTRUZIONI PER L USO DEL

Dettagli

2: SUOLO INTRODUZIONE

2: SUOLO INTRODUZIONE 2: SUOLO INTRODUZIONE Con la comunicazione della Commissione Europea dal titolo Verso una strategia tematica per la protezione del suolo adottata da parte del Consiglio nel giugno 2002 si è riconosciuto

Dettagli

Attivazione Fondo di Garanzia per le misure di investimento 121 123 311

Attivazione Fondo di Garanzia per le misure di investimento 121 123 311 3 - SERVIZIO INTERVENTI A SUPPORTO DELLE IMPRESE Unità Operativa 32 Credito Alle Imprese Attivazione Fondo di Garanzia per le misure di investimento 121 123 311 Palermo, 15/12/2010 Utilizzo del Fondo di

Dettagli

The MArine Coastal Information SysTEm (MACISTE-ICE) a way to manage and make available the Italian data

The MArine Coastal Information SysTEm (MACISTE-ICE) a way to manage and make available the Italian data VulnErabilità delle Coste e degli ecosistemi marini italiani ai cambiamenti climatici e loro ruolo nei cicli del carbonio mediterraneo V.E.C.T.O.R. II workshop annuale VECTOR Roma, 25-26 febbraio 2009

Dettagli

Training workshop. Ferrara, 25 settembre 2015

Training workshop. Ferrara, 25 settembre 2015 Training workshop Ferrara, 25 settembre 2015 Il progetto Si parla sempre moltissimo della necessità di abbattere il consumo energetico, per mitigare l impatto che le attività umane hanno sull ambiente

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

MapServer 02/12/2004 Consultazione di mappe tematiche e degli archivi del SIRA tramite MapServer

MapServer 02/12/2004 Consultazione di mappe tematiche e degli archivi del SIRA tramite MapServer MapServer 02/12/2004 Consultazione di mappe tematiche e degli archivi del SIRA tramite MapServer Ing. Cinzia Licciardello Settore Tecnico SIRA Tel: 055/320.6413 e-mail: c.licciardello@arpat.toscana.it

Dettagli

CLIMAGRI Cambiamenti Climatici e Agricoltura

CLIMAGRI Cambiamenti Climatici e Agricoltura Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura Ufficio Centrale di Ecologia Agraria CLIMAGRI Cambiamenti Climatici e Agricoltura Progetto Finalizzato di Ricerca sulle conseguenze delle variazioni

Dettagli

L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Elena Anselmetti L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Elena Anselmetti L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE Elena Anselmetti Regione Piemonte Assessorato all'ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

AVIGERE. Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende siciliane per il risparmio energetico e l ecocompatibilità

AVIGERE. Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende siciliane per il risparmio energetico e l ecocompatibilità Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende siciliane per il risparmio energetico e l ecocompatibilità F. Capraro (1), A. Scienza (2), G. La Loggia (3), R. Di Lorenzo (3), A. Maltese

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO

I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO Carlo Conforti - ANIA Workshop Valutazione del rischio idraulico in ambito montano ed applicazione della direttiva Alluvioni Libera università

Dettagli

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO Fleet Monitoring è costituito da un software client ed un software server. Il software client, dato in dotazione alla centrale operativa, ha il compito di permettere

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE SIT Comunali e Open Source IL CASO CONCRETO DEL COMUNE DI SOLARO

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE SIT Comunali e Open Source IL CASO CONCRETO DEL COMUNE DI SOLARO mercoledì 8 ottobre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler a cura di Angelo Armentano L integrazione dei dati nella LR 12/2005 d Informatizzazione degli strumenti urbanistici, e delle procedure ad

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio La definizione della struttura della rete di monitoraggio (numero e tipo di sensori e loro localizzazione spaziale) dipende dall estensione e dalle caratteristiche

Dettagli

www.arcadiasit.it Progetti GIS e WebGIS Spatial Geo Database Remote Sensing

www.arcadiasit.it Progetti GIS e WebGIS Spatial Geo Database Remote Sensing www.arcadiasit.it MISSIONE ARCADIA Sistemi Informativi Territoriali nasce dalla fusione di esperienze multidisciplinari, con l obiettivo di offrire ai propri clienti soluzioni integrate in grado di rispondere

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente Facoltà di Pianificazione del Territorio Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente 07 ottobre 2008 LABORATORIO ELABORAZIONE DI IMMAGINI della Facoltà di Pianificazione

Dettagli

Erosione dei suoli: applicazioni tramite il software GRASS GIS

Erosione dei suoli: applicazioni tramite il software GRASS GIS Giornale di Geologia Applicata 2 (2005) 196 202, doi: 10.1474/GGA.2005 02.0 28.0054 Erosione dei suoli: applicazioni tramite il software GRASS GIS Corrado Cencetti 1, Pierluigi De Rosa 2, Andrea Fredduzzi

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l anno accademico 2013/2014 Programma dell insegnamento di IDRAULICA E SISTEMAZIONI IDRAULICO-FORESTALI (italiano) Course title: HYDRAULICS AND FORESTRY SOIL PROTECTION (inglese)

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Catanzaro ed in video conferenza II Semestre 2012 HEC-HMS (V.3.5) HEC-RAS (V.4.1)

Dettagli

APAT. Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici

APAT. Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici ELEMENTI DI PROGETTAZIONE DELLA RETE NAZIONALE DI MONITORAGGIO DEL SUOLO A FINI AMBIENTALI VERSIONE AGGIORNATA SULLA BASE DELLE INDICAZIONI

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 22.9.2006 COM(2006)231 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Informativa sull Assistenza Tecnica

Informativa sull Assistenza Tecnica COMITATO DI SORVEGLIANZA PSR SICILIA 2007/2013 Palermo 12 Giugno 2013 Informativa sull Assistenza Tecnica Ordine del giorno n. 8 ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI Nell ambito della misura

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo

Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo Situazione mondiale Cause antropiche di degrado del suolo Estensione (milioni di ha) % sul totale Deforestazione Allevamento intensivo

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Analisi della USLE in contesto agricolo collinare su base LiDAR

Analisi della USLE in contesto agricolo collinare su base LiDAR UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dip. Territorio E Sistemi Agro-Forestali Corso di Laurea in Tecnologie Forestali e Ambientali Analisi della USLE in contesto agricolo collinare su base LiDAR Relatore:

Dettagli

Dal progetto GSE LAND alla Base di Dati di Copertura del Suolo: utilizzo delle banche dati territoriali del SIT della Regione del Veneto

Dal progetto GSE LAND alla Base di Dati di Copertura del Suolo: utilizzo delle banche dati territoriali del SIT della Regione del Veneto Dal progetto GSE LAND alla Base di Dati di Copertura del Suolo: utilizzo delle banche dati territoriali del SIT della Regione del Veneto Maurizio DE GENNARO (*), Massimo FOCCARDI (*), Carlo GIAGGIO (**),

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche 2 Riunione Gruppo GIT 4-5 giugno 2007 - Bevagna (PG) Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche Autori: L. Battaglini, V. Campo,

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

CARTA DEL RISCHIO D EROSIONE IDRICA E GRAVITATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

CARTA DEL RISCHIO D EROSIONE IDRICA E GRAVITATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA CARTA DEL RISCHIO D EROSIONE IDRICA E GRAVITATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA NOTE ILLUSTRATIVE Marina Guermandi Francesca Staffilani 1 Introduzione...3 Definizione...3 Struttura della classificazione...4

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

LE CRITICITÀ E IL MONITORAGGIO

LE CRITICITÀ E IL MONITORAGGIO GOVERNARE IL TERRITORIO NEL TERZO MILLENNIO Bologna venerdì 13 marzo 2015 LE CRITICITÀ E IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO Bernardo DE BERNARDINIS Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale

Dettagli

Categorie di informazione necessarie all attivazione di un Consorzio aderente

Categorie di informazione necessarie all attivazione di un Consorzio aderente Gestione della piattaforma Categorie di informazione necessarie all attivazione di un Consorzio aderente Ultima revisione 03/05/2012 Premessa...1 A. Dati GIS...2 Specifiche generali valide per tutte le

Dettagli

MODELLO UNICO DI DOMANDA

MODELLO UNICO DI DOMANDA MODELLO UNICO DI DOMANDA Unità Tecnico Economica (UTE) o ubicazione dell azienda L ultimo modulo sui dati generali dell impresa consente di individuare e localizzare le unità produttive che fanno parte

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli

GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO

GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO 73 CRITERIA - UN SISTEMA PER LA GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO di Franco Zinoni, Vittorio Marletto e Giorgio Ducco ARPA Emilia-Romagna, Servizio Meteorologico Regionale, Bologna Riassunto CRITERIA

Dettagli

1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1. Enti centrali

1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1. Enti centrali REPORT n. 8-07/01/2014 1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1 Amministrazione Enti centrali Agenzia per l'italia Digitale Dati (serie e/o

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore ITC Crescenzi - ITG Pacinotti - Bologna

Istituto di Istruzione Superiore ITC Crescenzi - ITG Pacinotti - Bologna Istituto di Istruzione Superiore ITC Crescenzi - ITG Pacinotti - Bologna Classe 3^ Costruzione, Ambiente, Territorio Docente: Giuseppe Falivene APPUNTI DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012/13 NB: i seguenti appunti

Dettagli

Verso il PSR Marche 2014-2020

Verso il PSR Marche 2014-2020 Verso il PSR Marche 2014-2020 Focus Ecosistema, energia e clima Osimo, 25 Ottobre 2013 PSR Marche 2007-2013 e tutela della biodiversità Pietro Politi Servizio Agricoltura, Forestazione e Pesca - Regione

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura MISURA 313 INCENTIVAZIONE DI ATTIVITA TURISTICHE PSR SICILIA 2007/2013 MISURA 313 Comunicazione a cura del Dipartimento Interventi Infrastrutturali

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

Valutazione della produzione di sedimento nei bacini idrografici afferenti alla spiaggia di Santa Margherita di Pula(Sardegna SW)

Valutazione della produzione di sedimento nei bacini idrografici afferenti alla spiaggia di Santa Margherita di Pula(Sardegna SW) Valutazione della produzione di sedimento nei bacini idrografici afferenti alla spiaggia di Santa Margherita di Pula(Sardegna SW) Felice Di Gregorio (*), Marco Pusceddu (*), Andrea Serreli (*) (*) Dipartimento

Dettagli

Tutto per le due e le quattro ruote

Tutto per le due e le quattro ruote Tutto per le due e le quattro ruote 230 Ulteriori informazioni, datasheet e acquisti on-line: www.futurashop.it 231 Antifurti auto Auto, Moto e Bici Sicuri anche in retromarcia 232 Ulteriori informazioni,

Dettagli

Uso di ecognition per la change detection del soil sealing da archivi Landsat

Uso di ecognition per la change detection del soil sealing da archivi Landsat Uso di ecognition per la change detection del soil sealing da archivi Landsat Work in progress con una applicazione relativa alla Regione Campania Sofia Bajocco, Tomaso Ceccarelli, Daniela Smiraglia, Simone

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

Atlante Nazionale delle aree a rischio di desertificazione Relazione finale (versione digitale)

Atlante Nazionale delle aree a rischio di desertificazione Relazione finale (versione digitale) CRA - CONSIGLIO PER LA RICERCA E LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA ISTITUTO SPERIMENTALE PER LO STUDIO E LA DIFESA DEL SUOLO CENTRO NAZIONALE DI CARTOGRAFIA PEDOLOGICA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE+10 INF/IT/000272 Panoramica delle attività di progetto Roma, 28 giugno 2012 Hotel Quirinale Via Nazionale,

Dettagli

Attuazione della Direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni

Attuazione della Direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente DIPARTIMENTO DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO Attuazione della Direttiva 2007/60/CE relativa alla

Dettagli

Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013

Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Regione Puglia FEASR 2007-2013 Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Documento di lavoro 29 GIUGNO 2010 Punto 4 OdG: Criteri di Selezione health check Punto 5 OdG: Modifiche

Dettagli