IMPIANTI GAS MEDICINALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTI GAS MEDICINALI"

Transcript

1 IMPIANTI GAS MEDICINALI LA GESTIONE DELLA MANUTENZIONE IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI VITTORIO NISTRIO

2 DIRETTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI LA DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI AI PAZIENTI AVVIENE ATTRAVERSO: APPARECCHIATURE MATERIALI IMPIANTI CHE SONO DISPOSITIVI MEDICI E QUINDI SOGGETTI ALLA DIRETTIVA (D.LGS 46/97) E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI

3 DIRETTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI GLI IMPIANTI FISSI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI PRESENTI ALL INTERNO DELLE STRUTTURE SANITARIE SONO DISPOSITIVI MEDICI

4 DIRETTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI

5 DIRETTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Il D.M. deve essere progettato, costruito ed installato e correttamente mantenuto nel rispetto delle Norme Tecniche Armonizzate di riferimento si presume che rispetti i RES voluti dalla Direttiva. NORMA ARMONIZZATA DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI DISTRIBUZIONE GAS MED UNI EN ISO

6 UNI EN ISO : ANNEX F ANNEX F Questo allegato identifica: 1) l obiettivo di sicurezza da raggiungere 2) le cause che pregiudicano il raggiungimento 3) la situazione di pericolo derivante 4) le azioni per il controllo dei rischi 5) l organizzazione(i) responsabile(i)

7 UNI EN ISO : Allegato F Obiettivo di sicurezza Cause Mancato obiettivo Situazione pericolosa Misure di controllo del rischio Organizzazioni responsabili

8 UNI EN ISO : Allegato F Obiettivo: Continuità di erogazione Causa del mancato obiettivo: Parziale/Completo blocco delle canalizzazioni Situazione Pericolosa: Mancanza di erogazione del gas al paziente Misure di controllo del rischio : Test di flusso e di caduta di pressione alle Unità terminali prima della messa in servizio Responsabilità FABBRICANTE

9 UNI EN ISO : Allegato F Obiettivo: Continuità di erogazione Cause del mancato obiettivo: Arresto del flusso dalla fonte in funzione Situazione Pericolosa: Erogazione dalla fonte di riserva Erogazione dalle fonti di emergenza Mancanza di erogazione del gas al paziente

10 UNI EN ISO : Allegato F Misure di controllo del rischio : Assicurare che le riserve e le fonti di emergenza siano inserite nel progetto dell impianto Assicurare che le riserve e le fonti di emergenza siano incluse nell appalto delle risorse per l Ospedale Stabilire criteri di gestione degli stock gas RESPONSABILITA H + F RESPONSABILITA H RESPONSABILITA H

11 UNI EN ISO : Allegato F Misure di controllo del rischio: Manutenzione preventiva per ciascuna fonte Definire procedure per la gestione delle riserve di gas in condizioni di emergenza Definire procedure per minimizzare l uso del gas in condizioni di emergenza Responsabilità H Responsabilità H Responsabilità H

12 UNI EN ISO : Allegato F In sintesi le misure di controllo del rischio indicate nell Allegato F della UNI EN ISO al fine di garantire la erogazione dei gas medicinali ai pazienti sono: 47 esclusivamente a carico di H 9 a carico congiunto di H + F 10 esclusivamente a carico di F Circa l 85% delle attività sono a carico della Struttura Sanitaria

13 UNI EN ISO : Allegato F Obiettivo: Conformità del gas fornito al paziente Cause di mancato obiettivo: Errate specifiche del gas alla fonte di erogazione Contaminazione del gas Combustione/decomposizione di componenti dell impianto a contatto con il gas Errati collegamenti delle tubazioni

14 UNI EN ISO : Allegato F Cause delle errate specifiche del gas alla fonte di erogazione: Gas fornito non conforme alle specifiche FU Errata connessione della rete alle fonti di alimentazione (scambio delle tubazioni) Gas fornito ad una pressione non conforme

15 UNI EN ISO : Allegato F Misure di controllo del rischio: Certificazione del fornitore Responsabilità H Rapporti contrattuali corretti Responsabilità H Test per il corretto collegamento delle fonti alla rete di distribuzione Corretta segnaletica degli stoccaggi di gas Test per la corretta marcatura delle tubazioni Responsabilità H + F Responsabilità H + F Responsabilità H + F

16 UNI EN ISO : Allegato F Misure di controllo del rischio: Istruzione operativa per il controllo di qualità dei gas da parte della Farmacia Progetto corretto della produzione di aria medicinale Documento operativo di corretta manutenzione Documento operativo per il corretto collegamento della rete alle fonti di alimentazione Responsabilità H Responsabilità F Responsabilità H Responsabilità H

17 UNI EN ISO : Allegato F Attività : Documento operativo per convalidare il grado di pulizia di componenti e accessori degli impianti Corretta collocazione di compressori di aria Corretto funzionamento dei sistemi di filtrazione Responsabilità H + F Responsabilità H + F Responsabilità H

18 UNI EN ISO : Allegato F Misure di controllo del rischio: Verificare che tutti i componenti usati nell impianto siano conformi alla UNI EN ISO Responsabilità F Documento operativo per assicurare che le parti di ricambio siano conformi alla UNI EN ISO Responsabilità H

19 UNI EN ISO : Allegato F In definitiva sulle misure preventive per Garantire obiettivi di : Qualità del Gas fornito al paziente n 29 sono di esclusiva competenza H n 14 sono condivise con F n 7 sono esclusive di F Quindi H è coinvolto in circa il 85% delle attività.

20 UNI EN ISO Aspetti relativi alla progettazione GLI ASPETTI RELATIVI ALLA PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE GAS MEDICINALI, LA CUI RESPONSABILITA E IN CAPO AL FABBRICANTE DEL D.M., CONIVOLGONO E SONO CONDIZIONATI DALLE SCELTE EFFETTUATE DALLA STRUTTURA OSPEDALIERA

21 UNI EN ISO Aspetti relativi alla progettazione LA PROGETTAZIONE CHE INCLUDE ESTENSIONI/AMPLIAMENTI DI IMPIANTI ESISTENTI SOSTITUZIONI DI SEZIONI DI IMPIANTI ESISTENTI CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO SOSTITUZIONE DELLE SORGENTI DI ALIMENTAZIONE PREVISIONE DI FUTURI AMPLIAMENTI DOVRA TENERE CONTO DI ASPETTI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI DELL OSPEDALE

22 UNI EN ISO Aspetti relativi alla progettazione Sebbene la Direttiva 93/42 identifica nel Fabbricante il responsabile della progettazione, fabbricazione, installazione del D.M. impianto distribuzione gas medicinali QUESTE STESSE ATTIVITÀ SONO E DEVONO ESSERE EFFETTUATE DI CONCERTO CON I RESPONSABILI DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA DIVENTANDO DI FATTO CORRESPONSABILI DELLE SCELTE EFFETTUATE

23 UNI EN ISO : Allegato G L allegato G rappresenta una guida per le strutture ospedaliere che desiderano implementare un Sistema Coordinato per la Gestione in Sicurezza della distribuzione dei Gas medicinali fino alla erogazione ai pazienti.

24 UNI EN ISO : Allegato G RE RTS PA PC CQ RMD RID PD L allegato G introduce e definisce attività compiti e responsabilità funzionali: a) Responsabile esecutivo b) Responsabile delle attività tecniche c) Persona autorizzata d) Persona competente e) Controllore della qualità f) Responsabile medico designato g) Responsabile infermiere designato h) Persona incaricata

25 UNI EN ISO : Allegato G RE Responsabile Esecutivo è responsabile di tutta l organizzazione in cui c è in Sistema di Distribuzione dei gas medicinali e del vuoto. è responsabile delle politiche operative espresse nel Documento di Gestione Operativa (DGO) nel quale definisce: RUOLI COMPITI E RESPONSABILITA

26 UNI EN ISO : Allegato G è infatti responsabile della definizione di compiti e responsabilità del personale coinvolto nell uso nella installazione,nelle modifiche e nella manutenzione del sistema di distribuzione dei gas (SGO) è altresì responsabile del monitoraggio e della implementazione del DGO può delegare specifici compiti a persone autorizzate

27 UNI EN ISO : Allegato G RTS Responsabile Tecnico della Struttura è la persona che ha la responsabilità operativa globale del SDG deve avere sufficienti conoscenze tecniche ed esperienza in modo da comprendere i pericoli che sono associati alle varie fasi operative di collaudo e messa in servizio, costruzione, manutenzione e modifiche di SDG riporta ad RE si identifica con il Direttore Tecnico della Struttura (DAT)

28 UNI EN ISO : Allegato G RTS è responsabile della corretta gestione degli impianti,dispone di una o più persone autorizzate (PA) alle quali affida compiti operativi è responsabile della implementazione del DGO e del suo monitoraggio deve assicurare che PA e PC siano persone idonee e qualificate per i compiti loro assegnati è responsabile della selezione e qualificazione dei fornitori di materiali critici e dispositivi medici utilizzati per IDGM

29 UNI EN ISO : Allegato G RTS deve: Valutare la fattibilità tecnica e valorizzare gli impegni economici legati a nuovi interventi o eventuali modifiche sul SDG Raccogliere, documentare e divulgare le necessarie specifiche tecniche e pratiche operative al fine di assicurare operazioni sicure ed efficaci sul SDG attraverso Standard Tecnici Aggiornati Divulgare Informazioni Generali quali,ad esempio, materiale formativo, di addestramento, strumenti, metodi e conoscenza tecnica generale e specifica relativa al SDG

30 UNI EN ISO : Allegato G RTS deve: Definire, raccogliere e analizzare gli Indicatori di Performance delle varie attività ed in particolare per le attività di Manutenzione. Assicurare il controllo, l analisi ed il feedback di informazioni relative al SDG tramite azioni di Sorveglianza Tecnica Assemblare, standardizzare e divulgare le Migliori Pratiche Tecniche disponibili allo stato attuale.

31 UNI EN ISO : Allegato G PA Persona Autorizzata è scelta da RTS, deve avere una sufficiente conoscenza tecnica, formazione ed esperienza in modo da comprendere pericoli e rischi della gestione di SDG è responsabile della gestione day to day. Per ogni specifico SDG ci possono essere una o più PA; tutte le PA devono essere indicate nel documento di gestione operativa

32 UNI EN ISO : Allegato G IN PARTICOLARE PA È RESPONSABILE DI : emettere i permessi di lavoro assicurare e coordinare le informazioni ai diversi reparti in caso di gestione di lavori sul IDGM. assicurare le competenze del personale impiegato (PA e PC) nella gestione del SDG ed in particolare per IDGM, IEGA e IDGT

33 UNI EN ISO : Allegato G PC Persona Competente deve avere una sufficiente preparazione tecnica, conoscenze e formazione ed esperienza tale da comprendere pericoli e rischi derivanti da operazioni sull impianto. è l operativo che effettua manutenzione o installazione deve essere indicata nel registro di RTS può essere persona della Struttura Sanitaria o di Organizzazione terza. Quando PC è esterna il responsabile dell Azienda Fornitrice del servizio deve assicurarne la competenza, nel rispetto di procedure di Formazione, Informazione e Addestramento.

34 UNI EN ISO : Allegato G CQ è scelto da RE quale responsabile della qualità dei gas medicinali è il Responsabile della farmacia (o suo delegato), deve avere una formazione specifica, conoscenze e preparazione adeguata è responsabile della qualità del gas alle unità terminali e deve assicurare che lo stesso sia conforme ai requisiti previsti dalla Farmacopea.

35 UNI EN ISO : Allegato G CQ Compito principale di CQ è quello di tenere sotto controllo la qualità e la quantità dei Gas Medicinali necessari alle Strutture di HSR.

36 UNI EN ISO : Allegato G RMD Responsabile Medico Designato è il punto di riferimento per tutte le comunicazioni fra il Servizio Tecnico e il reparto, servizio, ambulatorio di appartenenza deve identificare le necessità di bombole di emergenza deve essere sempre consultato su eventuali modifiche/ ampliamenti del SDGM è responsabile delle informazioni a PA circa eventuali nuove richieste di gas medicinali o modifiche delle precedenti

37 UNI EN ISO : Allegato G Documento di Gestione Operativa (DGO) COMPRENDE Manuale di gestione operativa PSQ 01- controllo dei documenti e registrazioni PSQ 02- gestione delle modifiche PSQ 03- gestione dei fornitori PSQ 04- permesso di lavoro PSQ 05- gestione delle emergenze PSQ 06- formazione, informazione e addestramento IOG 01- servizio di manutenzione IOG 02- gestione delle fonti di alimentazione IOG 03- stoccaggio e manipolazione delle bombole IOG 04- stoccaggio e manipolazione contenitori Azoto liquido IOG 05- controlli analitici dei gas medicinali

38 PERMESSO DI LAVORO è uno strumento indispensabile per assicurare che un lavoro non rutinario sia eseguito in modo sicuro per i lavori di routine sono stati valutati i rischi e sono state attivate le misure preventive e protettive

39 PERMESSO DI LAVORO Deve definire: -Il campo di applicazione -Il responsabile della gestione: Apertura Controllo Chiusura Persona Autorizzata PA Deve identificare gli altri attori coinvolti

40 LA MANUTENZIONE

41 MANUTENZIONE Per manutenzione,in senso largo, si deve intendere la messa in atto di attività condotte su un sistema (impianti, macchine, processi, ) che hanno lo scopo di ripristinare o correggere il sistema stesso in modo che possa assolvere alle funzioni per le quali è stato progettato e costruito.

42 MANUTENZIONE La manutenzione è una attività complessa che influisce sulla corretta funzionalità del sistema (efficienza ed efficacia) e con la sicurezza nella gestione

43 MANUTENZIONE Una corretta politica di manutenzione -salvaguarda gli investimenti -migliora l efficienza del sistema -riduce il rischio di situazioni di incidenti potenziali

44 MANUTENZIONE QUALI OBBLIGHI E RESPONSABILITA NELL AMBITO DELLA MANUTENZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI?

45 MANUTENZIONE LA Direttiva 93/42 ( D.Lgs 46/97) definisce in maniera inequivocabile la figura del FABBRICANTE e ne chiarisce compiti e responsabilità Nulla dice sulla figura del MANUTENTORE

46 MANUTENZIONE Articolo 3 del D.Lgs.46/97 : I dispositivi possono essere immessi in commercio o messi in servizio unicamente se omissis, sono correttamente forniti e installati e. sono oggetto di un adeguata MANUTENZIONE

47 MANUTENZIONE D.Lgs 46/97 art. 4 precisa del che i dispositivi devono soddisfare i requisiti essenziali prescritti nell allegato I in considerazione della loro destinazione d uso

48 MANUTENZIONE D.Lgs 46/97 Al punto 13 dell allegato I si fa riferimento ad una serie di obblighi da parte del fabbricante circa le informazioni necessarie per una corretta MANUTENZIONE

49 MANUTENZIONE La manutenzione forma oggetto di obbligo tassativo a carico del fabbricante per ciò che concerne le informazioni che deve fornire all utilizzatore Tale obbligo assume il ruolo di requisito essenziale del Dispositivo stesso

50 MANUTENZIONE il Fabbricante è titolare di un obbligo informativo nei confronti dell utilizzatore. La violazione di tale obbligo rappresenta la mancanza di un requisito essenziale

51 MANUTENZIONE La carenza di informazioni necessarie per una corretta manutenzione fa ricadere sul fabbricante anche la responsabilità da PRODOTTO DIFETTOSO D.Lgs 224/88

52 MANUTENZIONE considerando i dispositivi medici come attrezzature di lavoro, per il D.Lgs. 81/2008 le attrezzature di lavoro devono essere oggetto di idonea manutenzione

53 MANUTENZIONE Il Datore di lavoro/dirigente/preposto sono tenuti a effettuare regolare manutenzione su tutte le proprie attrezzature sulla base di apposite istruzioni d uso.

54 MANUTENZIONE Le figure sul piano degli obblighi: 1) il fabbricante che deve fornire precise e specifiche informazioni sulla manutenzione

55 MANUTENZIONE 2) il Datore di lavoro/preposto/dirigente che si configura come il proprietario del dispositivo (Struttura Sanitaria) e che deve esigere dal fabbricante le informazioni, controllare che tali istruzioni siano presenti e deve disporre affinché la MANUTENZIONE sia EFFETTUATA.

56 MANUTENZIONE - Il manutentore è L OPERATORE che effettua l attività di manutenzione - deve possedere requisiti di competenza e di organizzazione tali da garantire un corretto servizio

57 MANUTENZIONE Obbligo del MANUTENTORE è quello di svolgere secondo la regola dell arte il proprio mestiere rispettando delle indicazioni /informazioni forniti dal fabbricante e i vincoli contrattuali sottoscritti con il committente.

58 MANUTENZIONE Il MANUTENTORE deve essere esperto e competente e pertanto dovrà prendersi carico del Dispositivo, mettendo in evidenza eventuali carenze di funzionalità o di sicurezza che dovesse rilevare sullo stesso dispositivo.

59 MANUTENZIONE Il MANUTENTORE, in quanto esperto, non può e non deve accettare condizioni contrattuali e/o modalità di manutenzione che non ritiene sufficienti a garantire la funzionalità e la sicurezza del Dispositivo, TRINCEANDOSI, dietro il rispetto formale di accordi contrattuali. HO FATTO NE PIU NE MENO CIO CHE IL CLIENTE MI HA CHIESTO!!!

60 MANUTENZIONE Come strutturare un contratto di MANUTENZIONE

61 MANUTENZIONE Attenzione all uso di terminologie apparentemente accattivanti come: full risk, global,.. ed altre inventate dal Marketing, se non sono accompagnate da una evidente ed esplicita chiarezza delle prestazioni che devono essere svolte.

62 MANUTENZIONE Il servizio di manutenzione sui dispositivi medici costituisce uno dei servizi tecnici più delicati e rischiosi, anche a causa di accordi contrattuali talvolta troppo vaghi ed incompleti e che lasciano spazio ad ambiguità ed aspettative non sostenibili.

63 MANUTENZIONE il Manutentore rischia di assumere al buio responsabilità civili e penali che sono connesse a comportamenti esigibili nei loro confronti in quanto chiamati genericamente ad accertare lo stato di sicurezza e/o di messa a Norma apparecchiature o impianti

64 MANUTENZIONE Il MANUTENTORE a causa di previsioni troppo vaghe ed incomplete può trovarsi nelle condizioni di rischio nel dover prestare la propria opera su impianti o apparecchiature sui quali per esempio non si è proceduto al necessario adeguamento normativo sono stati rilasciati senza i necessari documenti d uso e di manutenzione hanno difetti più o meno palesi che ne possono compromettere l uso l in sicurezza

65 MANUTENZIONE Il primo elemento su cui confrontarsi è l oggetto stesso del contratto: Quale apparecchiatura? Quale impianto? Quale lo stato di fatto? In quale condizione si trova? Quale tipo di sopralluogo effettuare in fase di offerta? Quale documentazione deve fornire il Committente? COME SI FORMALIZZA LA PRESA IN CARICO DEL BENE?

66 MANUTENZIONE 1) identificare in maniera chiara quale è l oggetto della MANUTENZIONE 2) identificare il pacchetto dei servizi richiesti Qualora elementi dell uno o dell altro non fossero esattamente chiari, è indispensabile che siano chiariti o indicati a priori come non chiari e quindi soggetti a successive indagini e verifiche.

67 MANUTENZIONE Attenzione all uso di termini vaghi e pericolosi come Messa a norma Messa a nuovo Messa in sicurezza Verifiche di sicurezza Verifiche di conformità Devono essere esplicitati in maniera chiara: - i contenuti del servizio richiesto - i riferimenti normativi

68 MANUTENZIONE Occorre evitare di alimentare erronee aspettative non praticabili e/o che lasciano l illusione di aver delegato responsabilit responsabilità proprie ad un terzo.

69 MANUTENZIONE Ricordiamo che la rimessa a nuovo di un dispositivo medico è un nuovo dispositivo per il quale si deve prevedere inoltre: Il fascicolo tecnico La dichiarazione di conformità La marcatura

70 LA MANUTENZIONE LE DEFINIZIONI SONO IMPORTANTI: Manutenzione ordinaria Manutenzione straordinaria Manutenzione programmata Manutenzione preventiva Manutenzione curativa Manutenzione correttiva Manutenzione a regola d arte Verifiche di sicurezza Verifiche di conformità normativa

71 MANUTENZIONE Prestazioni incluse nel canone Prestazioni escluse dal canone Ricambi inclusi ed esclusi Tariffe orarie Diritto di chiamata Reperibilità

72 MANUTENZIONE Occorre chiarire tutti gli aspetti legati ad un corretto Servizio di manutenzione beneficio sia di committenti che di fornitori

73 MANUTENZIONE La Persona Autorizzata (PA) è Responsabile della predisposizione del Piano di Manutenzione e della sua implementazione, in accordo con le indicazioni fornite dal/i Fabbricante/i di IDGM.

74 MANUTENZIONE Tutte le attività di manutenzione previste devono essere autorizzate da PA in conformità alla procedura PERMESSO DI LAVORO. PA inoltre, dovrà: Assicurare che il programma di manutenzione sia reso esecutivo Assicurare che le capacità, le competenze e le risorse impegnate siano adeguate alle attività di manutenzione richieste Mettere in atto eventuali azioni di miglioramento tecnico ed organizzativo

75 MANUTENZIONE Le attività di Manutenzione devono essere svolte da Operatori certificati almeno secondo le Norme UNI EN ISO 9001 e UNI EN ISO PA effettuerà l attività di selezione, secondo la procedura di GESTIONE DEI FORNITORI

76 MANUTENZIONE Il Piano di Manutenzione Programmata è elaborato da PA ed è basato su: I manuali e le raccomandazioni dei relativi fabbricanti di IGDM/IEGA e dei materiali critici I requisiti di Legge e Normativi La valutazione dei rischi

77 IL PIANO DI MANUTENZIONE INCLUDE L indicazione delle procedure generali da seguire La lista delle apparecchiature oggetto di Manutenzione con particolare riferimento ai componenti critici Le periodicità degli interventi pianificati e la loro durata La sequenza delle operazioni La tipologia delle operazioni Gli strumenti di misura da utilizzare Le parti di ricambio (compresi le parti di consumo) I tempi indicativi necessari per ciascun intervento La documentazione di supporto I rapporti di intervento tecnico I documenti di registrazione

78 GRAZIE PER L ATTENZIONE

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale;

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale; DIRETTORE GENERALE Richiamato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 100 del 31 maggio 2013 "Azienda Ospedaliero- Universitaria Careggi. Nomina del Direttore Generale"; Ricordato che con provvedimento

Dettagli

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA LO STATO DELL ARTE NELLA GESTIONE DEI GAS MEDICALI IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA Durabilità e funzionalità Miglioramento normativo introduzione di nuovi

Dettagli

Impianti di evacuazione gas anestetici

Impianti di evacuazione gas anestetici Impianti di evacuazione gas anestetici La gestione degli eventi avversi (Orazio Scuderi A.O. Niguarda Ca Granda) Milano, 17 aprile 2013 Impianti di evacuazione gas anestetici Definizioni Normative Tipologie

Dettagli

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 20 Maggio 2011 SOMMARIO Gli impianti gas

Dettagli

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini L IMPORTANZA DELLA GESTIONE OPERATIVA DA PARTE DELLA STRUTTURA SANITARIA: l Allegato G della norma UNI EN ISO 7396-1, campo di applicazione, obiettivi responsabilità e funzioni chiave coinvolte. Relatore

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di Qualità secondo la Norma EN ISO 7396-1 2010

Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di Qualità secondo la Norma EN ISO 7396-1 2010 DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI GESTIONE DEI GAS MEDICALI: SISTEMA ORGANIZZATIVO E CONTROLLI Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali PARTE QUINTA SOLUZIONI PER LA GESTIONE OPERATIVA DEI GAS MEDICINALI IL RUOLO DEL FARMACISTA

Dettagli

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici Preparazione di Aria Medicinale in Ospedale Ruoli e compiti del Farmacista Leonardo Ferrari I GAS utilizzati in AMBITO SANITARIO possono essere classificati,

Dettagli

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Giampiero Pirini Ingegneria Clinica Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Segreteria Scientifica

Dettagli

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel TECNOLOGIE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO

Dettagli

GAS IN SANITA MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI Un Approccio Multidisciplinare. Vittorio Nistrio

GAS IN SANITA MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI Un Approccio Multidisciplinare. Vittorio Nistrio GAS IN SANITA MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI Un Approccio Multidisciplinare Vittorio Nistrio Lo so! Li abbiamo sempre gestiti NOI!!! Gas Medicinali?? Non è un problema NOSTRO!! Non sono nemmeno AIC VS

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 Approfondimenti sulla gestione dei gas medicinali : Il punto di vista dell industria Stefania Mariani I GAS UTILIZZATI IN OSPEDALE In ambito

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI IL PUNTO DI VISTA DEL FABBRICANTE E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA

LA GESTIONE DEL RISCHIO DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI IL PUNTO DI VISTA DEL FABBRICANTE E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA LA GESTIONE DEL RISCHIO DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI IL PUNTO DI VISTA DEL FABBRICANTE E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA Relatore Ing. Daniele MEGNA Presidente AIIGM PROVIDER ACCREDITAMENTO ECM CORSO DI FORMAZIONE

Dettagli

IMPIANTI GAS MEDICALI ED EMODIALISI

IMPIANTI GAS MEDICALI ED EMODIALISI IMPIANTI GAS MEDICALI ED EMODIALISI Relatore Ing. Daniele MEGNA Presidente AIIGM SEMINARIO ANTE 2012 XX Corso Nazionale di Aggiornamento Tecnici Emodialisi Dialisi: tradizione e futuro Hotel Corallo Riccione,

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori 11 giugno 2007 Annamaria Nicchia - U.O.S.C. di

Dettagli

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Convalida delle LAVAENDOSCOPI 1 Fulvio Toresani CONVALIDA Convalide e controlli sulle attrezzature Prove di Tipo / Prove di Fabbrica Prerequisiti

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

La garanzia della qualità e della continuità dell erogazione dei gas. Dott.ssa Enrica Maria Proli Farmacia USCS Policlinico A.

La garanzia della qualità e della continuità dell erogazione dei gas. Dott.ssa Enrica Maria Proli Farmacia USCS Policlinico A. La garanzia della qualità e della continuità dell erogazione dei gas Dott.ssa Enrica Maria Proli Farmacia USCS Policlinico A. Gemelli RIFERIMENTI LEGISLATIVI Gas Medicinali Decreto Legislativo n 178/91

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 Gli impianti gas medicinali e le Apparecchiature Biomedicali Giampiero Pirini Bologna 30/11/2011 Giampiero Pirini

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza ULSS N.6 VICENZA SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro con il contributo Istituto Italiano della Saldatura SALDATURA & AMBIENTE DI LAVORO FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

GESTIONE DEI RAPPORTI

GESTIONE DEI RAPPORTI 07/02/2011 Pag. 1 di 8 GESTIONE DEI RAPPORTI TRA SIDEM E I SUOI CLIENTI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ...

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Rev.0 Data 10.10.2002 TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Indice: 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 RIFERIMENTI E DEFINIZIONI 4.0 RESPONSABILITÀ 5.0 MODALITÀ ESECUTIVE 6.0 ARCHIVIAZIONE 7.0

Dettagli

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO Natale Nozzanica Milano, 17 novembre 2015 NELLA FASE DI DELL AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO, IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo

Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo Il farmaco gas Tra le nuove frontiere della medicina, i gas medicinali rappresentano una delle risorse di maggiore interesse nella lotta

Dettagli

Il Punto di vista dell Organismo notificato

Il Punto di vista dell Organismo notificato Il Punto di vista dell Organismo notificato II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici 17/19 Marzo 2008 - Villa Erba - Cernobbio Relatore: Gabriele Lualdi - Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini

Dettagli

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 I.S.I.S. A. Malignani - Udine Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 09/06/2011 Franco Diracca - Quasar srl Cosa chiede la legge?

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

MAPPATURA DEI POTERI E ORGANIZZAZIONE

MAPPATURA DEI POTERI E ORGANIZZAZIONE MAPPATURA DEI POTERI E ORGANIZZAZIONE di ITALIAN GASKET S.P.A. GIUGNO 2010 Paratico, 24/06/2010 Versione n. 1 approvata dal CdA In data 24/06/2010 indice 1 POTERI... 3 1.1 Il consiglio di amministrazione...

Dettagli

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare l Sicurezza degli impianti. Il datore di lavoro può appaltare l attività Manutenzione cabine MT/BT: il profilo professionale degli addetti alle attività Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno

Dettagli

14 giugno 2013 COMPETENZE E QUALIFICHE DELL INSTALLATORE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Ing. Antonio Avolio Consigliere AIPS All right reserved

14 giugno 2013 COMPETENZE E QUALIFICHE DELL INSTALLATORE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Ing. Antonio Avolio Consigliere AIPS All right reserved 14 giugno 2013 COMPETENZE E QUALIFICHE DELL INSTALLATORE DI SISTEMI DI SICUREZZA A.I.P.S. Associazione Installatori Professionali di Sicurezza Nata per rispondere alla fondamentale aspettativa degli operatori

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS a cura di Francesco Botte Delta Consulting S.a.S. w w w. d e l t a c o n s u l t i n g f e l t r e. e u aprile 2010 Indice Il PiMUS 3 La persona

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica In vigore dal 27.10.2014 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELL IMPRESA La qualificazione per quanti intendono operare negli spazi confinati (imprese, lavoratori autonomi e imprese familiari) si fonda sul

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI.

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. Gentile Cliente, il sistema certificativo aziendale si è notevolmente sviluppato

Dettagli

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione Idoneità dei Modelli organizzativi e di gestione secondo il d.lgs. 81/08, e rapporto con i Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro conformi allo standard BS OHSAS 18001:2007 Roma: 27 Ottobre

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Ai sensi dell art. 8, comma 2, del DM 22 gennaio 2008, N. 37 AD INTEGRAZIONE DELLE DOCUMENTAZIONI D IMPIANTO ESISTENTI - rif:...

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Funzione Data Firma Data Firma

Funzione Data Firma Data Firma Pagina 1 di 8 DATA FUNZIONE FIRMA Progettato 31/01/2012 Dr. Dario Macchioni Redatto 01/03/2012 Dr. Dario Macchioni Verificato 06/03/2012 Dr. Luigi Rubens Curia Approvato In vigore GESTORE: Funzione Dott.

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli