La Nuova Informazione Cardiologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Nuova Informazione Cardiologica"

Transcript

1 La Nuova Informazione Cardiologica Anno 32 - Marzo 2012 Foglio elettronico 3 a generazione - n 45 Indice dei contenuti: Imaging in cardiologia A. Rognoni, G. Dell Era, E. Occhetta...pag. 2 Editoriale: il grande fratello e la medicina del terzo millennio: monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili dott. Gabriele Dell Era..pag. 5 Leading article: le prime linee guida sul trattamento della cardiopatie in gravidanza dott.sa Elisa Rondano. pag. 10 Focus on interventistica vascolare e valvolare pag. 15 Medicina e morale: eros greco e amore cristiano prof. Paolo Rossi...pag. 19 Periodico di informazione cardiologica: Editor Prof. Paolo Rossi Direttore Responsabile Dott. Eraldo Occhetta Direttore Scientifico Dott. Gabriele Dell Era Comitato di redazione Dott.sa Lucia Barbieri Dott.sa Anna Degiovanni Dott.sa Virginia Di Ruocco Dott.sa Emanuela Facchini Redazione Archivio 1

2 Imaging in cardiologia VENA CAVA SUPERIORE SINISTRA PERSISTENTE ED ELETTROSTIMOLAZIONE CARDIACA: UNA LUNGA STRADA PER IL VENTRICOLO DESTRO Dott. Andrea Rognoni S.C. Cardiologia 2, AOU Maggiore della Carità, Novara - Dott. Gabriele Dell Era SOC Cardiologia Ospedale Santo Spirito, ASL AL, Casale Monferrato (AL) Dott. Eraldo Occhetta Clinica Cardiologica, AOU Maggiore della Carità, Novara Caso clinico 1 Una donna di 67 anni ipertesa, con cardiopatia ipocinetica e blocco di branca sinistra ed affetta da fibrillazione atriale permanente ad elevata penetranza ventricolare refrattaria a terapia farmacologica veniva sottoposta a procedura di ablate and pace (ablazione con radiofrequenza del nodo atrioventricolare ed impianto di pace-maker ventricolare per il controllo non farmacologico della frequenza cardiaca). L ablazione veniva eseguita in maniera convenzionale e senza complicanze, con un elettrocatetere ablatore introdotto per via transvenosa femorale destra, ottenendo un blocco atrioventricolare totale stabile. Al momento della cannulazione della vena succlavia destra per il posizionamento transvenoso del catetere da stimolazione ventricolare definitiva si incontrava una insolita resistenza al passaggio del filo guida; una venografia evidenziava l atresia della vena cava superiore (in posizione destra rispetto alla colonna vertebrale) e la presenza di una vena cava superiore sinistra (figura 1). Il catetere ventricolare, a fissazione attiva, veniva quindi posizionato attraversando in sequenza l asse succlavio destro, la cava superiore sinistra, il seno coronarico, l atrio destro, giungendo quindi in posizione apicale ventricolare destra. Venivano in tale maniera assicurati ottimali valori di soglia di cattura e stabilità meccanica (figura 2). figura 1: venografia, presenza di v. cava superiore sinistra 2

3 figura 2: catetere ventricolare posizionato. OAS: proiezione obliqua anteriore sinistra, AP: proiezione anterioposteriore, CS: seno coronarico, AD: atrio destro, VD: ventricolo destro Caso clinico 2 Una donna di 73 anni, affetta da malattia del nodo del seno e blocco atrioventricolare parossistico e sintomatica per sincopi, veniva sottoposta ad impianto di pace-maker definitivo bicamerale. Veniva scelto l approccio transvenoso succlavio sinistro (la vena cefalica sinistra veniva scartata perché non praticabile); al momento dell avanzamento della guida metallica, essa procedeva alla sinistra della colonna, invece che a destra come atteso. Veniva pertanto effettuata una venografia, che documentava anche in questo caso la persistenza di una vena cava superiore sinistra. Venivano dunque avanzati due elettrocateteri a fissazione attiva con modalità analoga a quella precedentemente descritta, fissandoli a livello dell auricola atriale destra ed in posizione paraapicale ventricolare destra (figura 3). Anche in questo caso erano assicurati ottimali valori di pacing-sensing e stabilità meccanica. figura 3: AD: atrio destro, VD: ventricolo destro; le punte di freccia evidenziano il decorso lungo la cava superiore sinistra 3

4 Commento: in un ampia serie di autopsie non selezionate Hairston 1 e colleghi hanno documentato la peristenza di una vena cava superiore sinistra nello 0,3% circa della popolazione generale. La cava superiore sinistra è la forma più comune di ritorno venoso anomalo e rappresenta la persistenza della vena sinistra del seno venoso embrionale, che involve durante lo sviluppo normale per trasformarsi nel seno coronarico; è generata dalla mancata obliterazione della vena cardinale comune sinistra. Nel 90% circa dei casi, la cava superiore sinistra comunica con l atrio destro attraverso il seno coronarico; questa anomalia è dovuta all anomalo sviluppo del seno venoso negli stadi precoci della vita fetale. Nel restante 10%, la vena cava superiore sinistra è connessa direttamente all atrio destro, a causa dello scoperchiamento del seno coronarico, oppure comunica col sistema delle vene polmonari 2. Biffi et al hanno mostrato che la persistenza di una cava superiore sinistra in pazienti sottoposti ad impianto di pace-maker/defibrillatori è simile a quella della popolazione generale (0,47) 3. La prevalenza di quest anomalia è molto più ampia in pazienti con cardiopatie congenite a confronto con la popolazione generale, variando dal 2,8 al 4,3% 3. Il riscontro di una vena cava superiore sinistra determinante un difficile posizionamento di pacemaker/defibrillatore è stata riportata come osservazione sporadica in letteratura. Zerbe et al 4 hanno presentato 4 pazienti con cava superiore sinistra in una casistica retrospettiva di 661 pazienti sottoposti ad impianto di pace-maker; sono state impiegate differenti tecniche per ottenere un funzionamento affidabile del sistema impiantato in questi pazienti, per minimizzare sia l esposizione alle radiazioni durante l impianto che l eventualità di una dislocazione degli elettrodi 5,6,7. Favale 8, Makke 9, et al, hanno descritto 3 casi di impianto di defibrillatore in pazienti con cava superiore sinistra. Kapetanopoulos et al 10 hanno descritto invece una procedura di impianto di sistema biventricolare. Nell ampia esperienza di Biffi 3 il posizionamento dell elettrodo dalla cava superiore sinistra, attraversando il seno coronarico, appariva praticabile ed affidabile; veniva suggerito l impiego di un catetere ventricolare a fissazione attiva. Questo è l approccio impiegato anche nelle due pazienti da noi descritte. Bibliografia: 1. Hairston P. Left superior vena cava to left atrial drainage associated with double outlet right ventricle. Arch Surg 1969; 98: Goyal S, Rosenthal L. Persistent left superior vena cava - inferior vena cava communication complicating implantation of an implantable cardioverter defibrillator. Pacing Clin Electrophysiol 2005; 28: Biffi M, Boriani G, Frabetti L, Bronzetti G, Branzi A. Left superior vena cava persistence in patients undergoing pacemaker or cardioverter-defibrillator implantation: a 10-years experience. Chest 2001; 120: Zerbe F, Bornakoski J, Sarnoski W. Pacemaker electrode implantation in patients with left superior vena cava. Br Heart J 1992; 67: Antonelli D, Rosenfeld T. Implantation of dual chamber pacemaker in a patient with persistent left superior vena cava. Pacing Clin Electrophysiol 1997; 20: Hanna-Moussa S, Johnson V, Raina A. Implantation of a dual-chamber pacemaker in a patient with persistent left superior vena cava using a steerable stylet. J Invasive Cardiol 2002; 14: Dirix LY, Kersschot IE, Fierens H, Goethals MA, Van Daele G, Claessen G. Implantation of a dual chamber pacemaker in a patient with persistent left superior vena cava. Pacing Clin Electrophysiol 1988; 11: Favale S, Bardy GH, Pitzalis MV, Dicandia CD, Traversa M, Rizzon P. Transvenous defibrillator implantation in patients with persistent left superior vena cava and right superior vena cava atresia. Eur Heart J 1995; 16: Matkke S, Markewitz A, Dorwarth U, Hoffman E, Steinbeck G. Defibrillator implantation in a patient with a persistent left superior vena cava. Pacing Clin Electrophysiol 1995; 18: Kapetanopoulos A, Peckham G, Kiernan F, Clyne C, Kluger J, Migeed MA. Implantation of a biventricular pacing and defibrillator device via a persistent left superior vena cava. J Cardiovasc Med 2006; 7:

5 Editoriale IL GRANDE FRATELLO E LA MEDICINA DEL TERZO MILLENNIO: MONITORAGGIO REMOTO DEI DISPOSITIVI IMPIANTABILI Dott. Gabriele Dell Era SOC Cardiologia Ospedale Santo Spirito, ASL AL, Casale Monferrato (AL) L idea di poter controllare da lontano la salute dei pazienti con patologia cronica (cardiopatia ischemica, scompenso cardiaco, aritmie recidivanti..), con la minima interferenza con le attività quotidiane e lo stile di vita del malato e con un impegno aggiuntivo limitato da parte del personale sanitario, esercita da tempo il suo fascino. Le prime esperienze di telemedicina sono nate ben prima della società della tecnologia nella quale viviamo oggi e si sono avvalse dei tradizionali sistemi di comunicazione telefonica, di questionari ad hoc somministrati periodicamente e di esperienze pilota portate avanti da team sanitari affiatati con pazienti selezionati. La tecnologia ha trovato nei dispositivi impiantabili un complemento ideale a questo tipo di gestione: i moderni pace-maker, defibrillatori e registratori sottocutanei sono in grado di conservare nella propria memoria una immensa mole di dati relativi al proprio corretto funzionamento (autodiagnostica, auto misurazione dei parametri elettrici di soglia di cattura, impedenza, stato della batteria, sensing) ed allo stato clinico del paziente (aritmie atriali, aritmie ventricolari, parametri indicativi del compenso di circolo o di ischemie miocardiche silenti). Già nel 1994 venivano pubblicati i risultati di uno studio sull efficacia del monitoraggio trans telefonico per il controllo routinario di tali dispositivi, con risultati promettenti ma sicuramente non ottimali 1. Lo sviluppo di internet e la diffusione dei personal computer e dei sistemi di telefonia mobile efficienti hanno aperto possibilità tecnologiche decisamente più semplici ed accessibili. Le concomitanti campagne di richiamo conseguenti al malfunzionamento potenziale dei dispositivi che negli ultimi anni si sono verificate hanno spinto ulteriormente alla messa a punto di sistemi altamente efficienti, in grado di monitorare e trasmettere in tempo reale i dati di funzionamento dei pacemaker/defibrillatori/loop recorder ed i parametri di stabilità/instabilità clinica dei pazienti portatori di device. Tutte le principali aziende si sono dedicate allo sviluppo del telemonitoraggio, ciascuna puntando su elementi peculiari e su approcci diversi alla trasmissione (programmata, periodica, iniziata dal paziente o dal medico) ed alla raccolta dei dati (dal solo allarme per malfunzione conclamata del device, a indicatori clinici pluriparametrici). Tutti i sistemi attualmente disponibili in Italia consentono un monitoraggio di base delle funzioni elettriche del dispositivo, atto ad avvisare di eventuali malfunzioni o condizioni potenzialmente pericolose; la frequenza dell invio dei dati al centro sanitario, le modalità di trasmissione ed i tipi di allarme attivabili (nonché la modalità di notifica: mail, fax, messaggio su cellulare) sono ampiamente personalizzabili dall utente. Vediamo in dettaglio alcune peculiarità: Biotronik Home Monitoring: utilizza un comunicatore wireless, che sfrutta la rete cellulare GSM per inoltrare i dati ad un Centro di ascolto e raccolta dati, che ritrasmette le informazioni del paziente al Centro o al medico di riferimento; le trasmissioni sono almeno quotidiane, il comunicatore può essere trasportato ovunque dal paziente; il monitoraggio è applicabile a pace-maker e ICD predisposti. Boston Scientific Latitude: le trasmissioni complete avvengono a intervalli predeterminati; almeno una volta alla settimana viene effettuata una trasmissione con l aggiornamento dei parametri elettrici e clinici. Il comunicatore paziente è di tipo fisso, wireless, e si interfaccia alla linea telefonica convenzionale. Molta attenzione è dedicata alla detezione precoce dello scompenso, con la possibilità di abbinare un manicotto per la misurazione della pressione arteriosa ed una bilancia elettronica (oltre alla valutazione di indicatori elettrici di scompenso, come la variabilità della frequenza cardiaca, l attività fisica rilevata mediante l analisi del sensore accelerometrico, ecc); possono inoltre essere somministrati brevi questionari sullo stato di salute attraverso il display del comunicatore. Medtronic Carelink: la caratteristica peculiare è la retrocompatilità con pressoché tutti i 5

6 dispositivi impiantabili dell azienda (compresi i loop recorder). Le trasmissioni possono avvenire ad intervalli preordinati ed in maniera automatica su eventuali allarmi, ma l invio dei dati richiede, per i dispositivi non-wireless di vecchia generazione, la collaborazione del paziente: una testa telemetrica analoga a quella dei comuni programmatori va posizionata sul dispositivo e deve essere premuto il tasto di trasmissione. Il sensore Opti-Vol 2 per il monitoraggio dell accumulo di fluidi intratoracici è integrato nel sistema per i dispositivi che ne dispongono; la programmazione degli allarmi avviene da dispositivo ed è associabile ad allarmi vibrazionali ed acustici. St Jude Merlin.net: può trasmettere su rete telefonica cellulare o fissa, prevede comunque un trasmettitore fisso che il paziente deve lasciare nel luogo di abituale residenza. Anche in questo caso sono previste trasmissioni programmate e su attivazione di allarme; un aspetto peculiare è il monitoraggio del tratto ST all ECG endocavitario (per alcuni modelli di ICD) per la detezione di ischemie silenti. Sorin Group: il sistema non è ancora disponibile per l uso clinico. Le caratteristiche non dovrebbero discostarsi di molto dalle altre aziende. Va sottolineato come in nessun caso sia possibile programmare a distanza i parametri di funzionamento dei dispositivi impiantabili, a tutela della sicurezza del paziente e della responsabilità legale del medico. Il monitoraggio remoto si pone essenzialmente due obiettivi: - una migliore e più tempestiva gestione delle patologie croniche e dei problemi correlati al funzionamento del dispositivo impiantabile; - la riduzione dei costi (diretta, grazie alla riduzione dei controlli ambulatoriali; ed indiretta, derivante da una potenziale riduzione delle ospedalizzazioni e dei controlli non programmati conseguente ad una più precoce gestione di potenziali destabilizzazioni cliniche). Tutti gli studi hanno dimostrato un tasso di successo delle trasmissioni >90% nell arco di pochi minuti (parametro di affidabilità). Il monitoraggio remoto sembrerebbe migliorare anche la gestione delle aritmie. In particolare, consentirebbe un precoce rilevamento di aritmie atriali, anche asintomatiche ed in pazienti senza precedente riscontro di fibrillazione atriale (che ha una prevalenza elevata nei pazienti portatori di device). Varma et al 7 hanno presentato una casistica di 118 pazienti, dei quali 33 hanno sviluppato fibrillazione atriale durante un follow-up di poco più di 7 mesi (in 18 casi senza storia precedente di aritmia). Tutto ciò comporta rilevanti ricadute sulla gestione terapeutica (in particolare sulla scelta di intraprendere l anticoagulazione orale e sulla valutazione dell efficacia degli eventuali farmaci antiaritmici e/o di procedure ablative). Un altro obiettivo potenziale è l ottimale gestione delle aritmie ventricolari in pazienti con ICD, evitando gli shock inappropriati (quelli su aritmie non-ventricolari, mediante ottimizzazione della programmazione antitachicardica o opportuna terapia farmacologica di controllo del ritmo e della frequenza cardiaca) e riducendo quelli appropriati (trattando adeguatamente il paziente in caso di periodo di riscaldamento aritmico testimoniato da rilevamenti ripetuti e ravvicinati di aritmie ventricolari non sostenute), con ovvie ricadute sulla qualità di vita del paziente e sulla durata della batteria. E anche stata osservata una più precoce detezione di problematiche cliniche in generale: l analisi di un ampio database di pazienti condotta da Lazarus 8, ha evidenziato che, grazie al monitoraggio remoto, gli eventi di allarme erano rilevati 154 giorni prima nei pazienti con follow-up ambulatoriale semestrale e 64 giorni prima in quelli con controlli trimestrali. Uno dei punti di forza del monitoraggio remoto è tradizionalmente il rilevamento tempestivo di malfunzioni legate agli elettrocateteri o al generatore: è indubbia l efficacia del sistema in questo campo che, nelle casistiche osservate, ha anche consentito di evitare l erogazione di shock inappropriati 9. Il passaggio successivo è stato verificare se questa precisione e rapidità nel rilevamento dei dati di funzionamento e di indici clinici possa avere anche implicazioni prognostiche. Sebbene la maggior parte degli studi abbia evidenziato una estrema efficacia del sistema, con una riduzione delle ospedalizzazioni e degli eventi cardiovascolari , non sono mancate alcune voci più critiche: ad esempio, lo studio di Al Khatib et al non ha mostrato significativi benefici del monitoraggio remoto, che ha anzi comportato un maggior dispendio di risorse ed una minor soddisfazione dei pazienti 17. Una metanalisi dell autorevole Cochrane Collaboration del , comunque, conclude che il supporto telefonico strutturato ed il monitoraggio remoto sono efficaci nel ridurre il rischio di mortalità per tutte le cause e le ospedalizzazioni per scompenso in pazienti 6

7 con scompenso cardiaco cronico; essi migliorano la qualità di vita, riducono i costi e favoriscono le prescrizioni basate sulle evidenze. Per quel che riguarda la riduzione della spesa, sono state fatte stime basate sul modello sanitario americano comprendenti variabili quali le ore di lavoro risparmiate dal malato, i costi di trasporto ed il risparmio di tempo per l equipe sanitaria. Data la variabilità dei modelli di rimborso, ed in particolare l assenza di una regolamentazione economica in Italia, non è al momento possibile effettuare valutazioni realistiche nella nostra realtà attuale. Restano quindi a tutt oggi alcune problematiche ancora aperte. Benché l affidabilità dei sistemi di monitoraggio remoto appaia oggi assodata, essa resta legata al funzionamento di una catena di elementi sequenziali: la possibilità che il dispositivo impiantabile interpreti correttamente la condizione di potenziale allarme (falsi positivi e negativi, dovuti anche ad una programmazione accurata e personalizzata da parte dei sanitari); la possibilità di effettuare una trasmissione sulla rete telefonica, la ricezione dell allarme da parte dei sanitari e la possibilità di valutarlo online e provvedere ad una idonea risposta (che spesso implica un contatto telefonico o personale col paziente). L interruzione di uno degli anelli di questa catena potrebbe vanificare lo sforzo messo in campo; il tempo di risposta difficilmente è quello dell emergenza-urgenza, poiché non è pensabile al momento di dedicare un sanitario al controllo H24 dei vari sistemi di monitoraggio. I problemi subacuti (ad esempio, shock appropriato/inappropriato, aritmie atriali di nuova insorgenza, variazioni significative dei parametri elettrici o dello stato della batteria) possono essere efficacemente gestiti (pur richiedendo di norma un contatto con il paziente). Il passaggio da un sistema convenzionale ad uno remoto richiede un cambio di modello assistenziale sia al medico (ed al servizio sanitario) che al paziente. Un focus comune dei nuovi studi è la percezione di cura da parte del paziente: un anziano abituato ad essere fisicamente visitato dal medico in ambulatorio potrebbe sentirsi trascurato vedendo la propria salute affidata ad una macchina impersonale; d altro canto, un paziente giovane ed attivo potrebbe apprezzare la maggiore libertà che il monitoraggio domiciliare consente. Altri pazienti, ancora, potrebbero apprezzare la sensazione di tranquillità derivante dall idea di essere monitorati praticamente 24 ore al giorno. Al momento il modello sanitario sembra ancora non adattato a queste problematiche: non sono previsti rimborsi per la prestazione di controllo remoto, non ci sono direttive univoche circa la composizione di un eventuale team sanitario deputato. Il modello più diffuso prevede la partecipazione di infermieri (spesso già esperti in tema di controlli ambulatoriali o sala di elettrofisiologia) e di cardiologi elettrofisiologi che hanno familiarità coi dispositivi. D altra parte sarebbe auspicabile il coinvolgimento di sanitari dello scompenso cardiaco, o anche dei medici di base (i malati in questione sono portatori di patologie croniche che esulano dal semplice ambito aritmologico). Lo stesso coinvolgimento del paziente può essere minimo con sistemi tipo Biotronik Home Monitoring, o massimo con sistemi come Latitude Boston, che prevedono l automisurazione attiva della pressione arteriosa e del peso e la risposta a questionari. Quest ultimo può essere un elemento positivo, cosiddetto di empowerment, oppure negativo, nel caso di soggetti spaventati dalla tecnologia e dalla necessità di occuparsi di un dispositivo vissuto come difficile (con inevitabili e ripetute telefonate al centro di riferimento ed un peggioramento della qualità di vita). E stata anche avanzata la proposta (per ora poco condivisa) di rendere disponibili i dati raccolti direttamente al paziente. Infine, gli aspetti legali del programma di monitoraggio remoto sono tutt altro che chiariti e potrebbero potenzialmente esporre il medico a problemi giudiziari in caso di mancata visualizzazione di un allarme o mancata risposta a seguito di un problema clinico evidenziato dal sistema. Quello che viene stipulato tra medico, paziente ed azienda all atto della firma del consenso informato e della consegna del comunicatore personale è a tutti gli effetti un vero e proprio contratto, nel quale andrebbero dettagliate le modalità di funzionamento del servizio e i doveri dei sanitari e del paziente. Recentemente l Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione ha predisposto un modello di consenso informato 19, che comprende dati sui tempi previsti per la ricezione e la lettura degli eventuali allarmi e delle trasmissioni programmate e informazioni precise sui comportamenti che il paziente deve tenere in caso di malessere (è sempre sottolineato che non si tratta di servizi di emergenza, sostitutivi di un contatto medico, della rete 118 o del pronto soccorso). 7

8 Conclusioni I sistemi di monitoraggio rappresentano senza dubbio una novità importante nel panorama dell elettrostimolazione cardiaca. Il loro utilizzo con le attuali modalità appare senz altro alla portata della maggior parte dei sanitari e dei pazienti. Il loro impatto sulla salute, però, appare ancora controverso; altrettanto controverso e l impatto sui costi. Gli studi in corso potrebbero fornire risposte a questi interrogativi e gli scenari potenziali potrebbero essere molteplici. Potremmo trovarci di fronte ad un sistema che riduce i costi di gestione e migliora gli outcome clinici (situazione ideale, ma che probabilmente richiederà un lungo percorso di affinamento, l adozione di modelli dedicati e l interazione di molte figure professionali); potremmo scoprire un sistema che riduce i costi a parità di efficacia clinica (senz altro auspicabile), oppure un sistema che a parità di spesa migliora la gestione del paziente (altrettanto auspicabile); o, ancora, il sistema potrebbe risultare oneroso in termini di risorse e poco efficace (ipotesi per la verità poco plausibile date le premesse). Certo, per poter implementare efficacemente i sistemi di monitoraggio remoto è indispensabile ripensare il consueto approccio alla gestione dei dispositivi impiantabili. Attualmente è il paziente a porre all attenzione del sanitario un problema di salute, oppure a presentarsi per un controllo pianificato. Al contrario, con il monitoraggio remoto potrebbe essere il sanitario a contattare un paziente in apparente pieno benessere per appurare un potenziale problema o per un controllo non programmato. Ancora, la mole di dati inviati potrebbe essere di difficile gestione per un centro che si trovi a riceverli in aggiunta alla consueta routine (con il rischio di trascurare dati potenzialmente rilevanti). Tanto più che, mentre il monitoraggio di parametri elettrici (soglie, impedenze, ecc) non si discosta di molto dal modello tradizionale di cura presso i nostri ambulatori elettrofisiologici, quello relativo allo scompenso cardiaco attiene a strutture ancora non così diffuse nei centri cardiologici italiani. Bibliografia 1. Sweesy MW, Erickson SL, Crago JA, et al, Analysis of the effectiveness of in-office and transtelephonic follow-up in terms of pacemaker system complications, Oacing Clin Electrophysiol, 1994;17: Raatikainen MJ, Uusimaa P, van Ginneken MM, et al. Remote monitoring of implantable cardioverter defibrillator patients: a safe, time-saving, and cost-effective means for followup. Europace. 2008;10(10): Heidbuchel H, Lioen P, Foulon S, et al. Potential role of remote monitoring for scheduled and unscheduled evaluations of patients with an implantable defibrillator. Europace. 2008;10(3): Walsh JT, Charlesworth A, Andrews R, Hawkins M, Cowley AJ. Relation of daily activity levels in patients with chronic heart failure 5. Ricci RP, Morichelli L, Santini M. Home monitoring remote control of pacemaker and implantable cardioverter defibrillator patients in clinical practice: impact on medical management andhealth-careresource utilization. Europace. 2008;10(2): Schoenfeld MH, Compton SJ, Mead RH, et al. Remote monitoring of implantable cardioverter defibrillators: a prospective analysis. Pacing Clin Electrophysiol. 2004;27(6 Pt 1): Varma N, Stambler B, Chun S. Detection of atrial fibrillation by implanted devices with wireless data transmission capability. Pacing Clin Electrophysiol. 2005;28(suppl 1):S133 S Lazarus A. Remote, wireless, ambulatory monitoring of implantable pacemakers, cardioverter defibrillators, and cardiac resynchronization therapy systems: Analysis of a worldwide database. Pacing Clin Electrophysiol 2007;30(Suppl 1):S Spencker S, Coban N, Koch L, et al. A potential role of home monitoring to reduce inappropriate shocks in implantable cardioverter-defibrillator patients due to lead failure. Europace 2009;11:

9 10. Crossley GH, Chen J, Choucair W, et al., on behalf of the PREFER study investigators. Clinical benefits of remote adverse events, even versus transtelephonic monitoring of implanted pacemakers. J Am Coll Cardiol 2009;54: Saxon LA, Hayes DL, Gilliam FR, et al. Long-term outcome after ICD and CRT implantation and influence of remote device follow-up: The ALTITUDE survival study. Circulation 2010;122: Epub 2010 Nov Elsner C, Sommer P, Piorkowski C, et al. A prospective multicenter comparison trial of home monitoring against regularfollow-up in MADIT II. Comput Cardiol 006;33: CheungJW,KeatingRJ,SteinKM,etal.Newlyde- 13. Crossley G, Boyle A, Vitense H, et al. The clinical evaluation of remote notification to reduce time to clinical decision (CONNECT) trial. Am Heart J 2008;156: Varma N, Epstein A, Irimpen A, et al. The lumos-t safely reduces routine efficacy and safety of automatic remote monitoring for implantable cardioverter defibrillator follow-up. The lumos-t safely reduces routine office device follow-up (TRUST) trial. Circulation 2010;122: Halimi F, Cle menty J, Attuel P, et al., on behalf of the OEDIPE trial investigators. Optimized post-operative surveillance of permanent pacemakers by home monitoring: The OEDIPE trial. Europace 2008;10: Epub 2008 September Mabo P, Victor F, Bazin P, et al. Home monitoring for pacemaker follow-up: Results of randomized COMPAS trial. Europace 2010;12(S1):i Al-Khatib SM, Piccini JP, Knight D, et al, Remote monitoring of implantable cardioverterdefibrillators versus quarterly device interrogations in clinic: results from a randomized pilot clinical trial, J cardiovasc Electrophisiol, 2010;21(5): Clark RA, Inglis SC, McAlister FA, et al, Telemonitoring or structured telephone support programmes for patients with chronic heart failure: systematic review and meta-analysis, BMK 2007;

10 Leading article LE PRIME LINEE GUIDA SUL TRATTAMENTO DELLA CARDIOPATIE IN GRAVIDANZA Dott.sa Elisa Rondano SC Cardiologia Ospedale Sant Andrea, Vercelli Introduzione Le prime linee guida sul trattamento delle patologie cardiovascolari in gravidanza sono state redatte dalla Società Europea di Cardiologia e sono state presentate al pubblico durante il congresso annuale dell ESC tenutosi a Parigi alla fine di agosto del Le linee guida sono basate sulla ricerca sistematica della letteratura degli ultimi 20 anni pubblicata su PubMed; sono state, inoltre, considerate le pubblicazioni e le raccomandazioni delle società europee ed americane (ACC/AHA, il Working Group sulle malattie valvolari dell ESC, le linee guida della Società Tedesca di cardiologia e la Task Force ESC sul trattamento delle malattie valvolari del ). Si tratta delle prime linee guida sulle cardiopatie in gravidanza poiché in passato era stato pubblicato solo un Expert Consensus Document 2 pubblicato dal Giornale Europeo di cardiologia nel Rispetto a quest ultimo documento, le linee guida appaiono maggiormente dettagliate, in particolare relativamente alla valutazione del rischio globale cardiovascolare delle pazienti. Un altra sezione utile alla pratica medica è il capitolo che classifica tutti i farmaci che sono frequentemente utilizzati in gravidanza, associati al loro rischio di somministrazione nelle donne gravide. E incluso, inoltre, un capitolo completamente nuovo sulla diagnosi e trattamento delle patologie legate al tromboembolismo e vi è, anche, un focus sulla dose, modalità di somministrazione e di sospensione della terapia anticoagulante, in particolare nelle malattie valvolari. Le linee guida forniscono le corrette strategie interdisciplinari e le raccomandazioni sul trattamento delle donne gravide in base al rischio cardiovascolare; in questo modo le donne sono suddivise in basso, moderato o alto rischio e sono presenti dettagliate informazioni su come questi gruppi devono essere trattati. Contesto Lo 0.2-4% di tutte le gravidanze nei paesi industrializzati occidentali sono complicate da malattie cardiovascolari (CVD) 2 e il numero delle pazienti che sviluppano una problematica cardiologica è in aumento. Comunque, la conoscenza dei rischi associati a CVD durante la gravidanza e il loro trattamento sono di fondamentale importanza per informare le pazienti ancora prima di intraprendere una gravidanza. Per tale motivo, queste linee guida sono di grande rilevanza. Inoltre, le linee guida danno rilevanza non solo alle misure da adottare nei confronti delle madri ma anche del feto. Una terapia favorevole alla madre può essere associata, infatti, ad un danno per il bambino ed in casi estremi il trattamento può permettere la sopravvivenza della madre ma la morte del feto. D altra parte le terapie che proteggono la vita del bambino possono essere non ottimali per la madre. Lo spettro delle CVD in gravidanza è diverso nei diversi Stati. Nel mondo occidentale il rischio di CVD durante la gravidanza è aumentato a causa dell aumento dell età della prima gravidanza e anche per l incremento dei fattori di rischio cardiovascolare come diabete, obesità e ipertensione arteriosa. Anche la correzione delle malattie congenite è aumentato, determinando un aumento del numero delle donne che raggiungono l età fertile in presenza di una CVD. Negli stati occidentali quindi le patologie cardiovascolari sono al momento attuale la maggiore causa di morte materna durante la gravidanza. I disordini legati all ipertensione sono gli eventi cardiovascolari più frequenti durante la gravidanza, verificandosi nel 6-8% di tutte le gravide 5. Nei Paesi occidentali le malattie congenite sono le più frequenti CVD durante la gravidanza (75-80%) 6-7 con la predominanza degli shunt (20-65%). Le cardiopatia congenite rappresentano solo il 9-19% fuori dall Europa e dal Nord America. La malattia reumatica predomina nei paesi non occidentali, rappresentando il 56-89% di tutte le cardiopatie in gravidanza 6-7. Le cardiomiopatie sono rare ma rappresentano una grave causa di complicanze cardiovascolari in gravidanza. La cardiomiopatia peripartum è la più comune e severa di tutte le complicanze cardiovascolari; la malattia coronarica è rara, ma in aumento; le aritmie sono, in particolare, associate a cardiopatia organica. 10

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È La fibrillazione atriale è l aritmia più comune nella popolazione. Durante la il ritmo del cuore non è più controllato dalla normale centralina (il nodo del seno), ma da

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi Source: EHRA WhiteBook 2012 2011 Italy CRTP CRTD CRT tot ICD PM 2.000 10.380 12.380 11.970

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE

L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE L ASSESSMENT Caratteristiche del dispositivo medico: le protesi valvolari aortiche trascatetere in commercio presentano alcune

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insufficienza Mitralica Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insuffi cienza Mitralica

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

Area di Telecardiologia A.I.A.C. (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) HTA del monitoraggio remoto

Area di Telecardiologia A.I.A.C. (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) HTA del monitoraggio remoto 2 2015 Area di Telecardiologia A.I.A.C. (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) HTA del monitoraggio remoto L indagine è un documento HTA basato su una revisione dell evidenza scientifica

Dettagli

Linee guida per la codifica delle procedure TAVI e degli altri interventi strutturali transcatetere sulle valvole cardiache

Linee guida per la codifica delle procedure TAVI e degli altri interventi strutturali transcatetere sulle valvole cardiache Linee guida per la codifica delle procedure TAVI e degli altri interventi strutturali transcatetere sulle valvole cardiache Premessa A seguito della richiesta da parte della Dott.ssa Marina Davoli, Direttore

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE

PROGRAMMA PRELIMINARE PROGRAMMA PRELIMINARE GIOVEDI 14 MARZO 2013 09:00 16:00 Competence Medica 13:00 16:00 Competence Infermieristica AULA PLENARIA 15:00 16:30 Assemblea Generale AIAC 16:30-18:00 Simposio: I progetti e le

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Informativa Urgente sulla Sicurezza Elettrocateteri di defibrillazione ISOLINE, modelli 2CR5, 2CR6 e 2CT6.

Informativa Urgente sulla Sicurezza Elettrocateteri di defibrillazione ISOLINE, modelli 2CR5, 2CR6 e 2CT6. pagina 1 di 5 28 gennaio 2013 Informativa Urgente sulla Sicurezza Elettrocateteri di defibrillazione ISOLINE, modelli 2CR5, 2CR6 e 2CT6. Gentile Dottoressa, Egregio Dottore, con la presente intendiamo

Dettagli

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE I CENTRI CARDIOVASCOLARI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI INTEGRATA G.P. Cornalba Accessibilità Efficienza

Dettagli

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi SOGGETTO CON CMD NOTA IN COMPENSO PREGRESSO DOLORE TORACICO Quale esame stato richiesto con appropriatezza? SOGGETTO CON

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

MONTEMERLO ELISABETTA

MONTEMERLO ELISABETTA CURRICULUM VITAE formato europeo INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome MONTEMERLO ELISABETTA Telefono 039 233 3027 E-mail e.montemerlo@hsgerardo.org Nazionalità italiana Data di nascita 27/04/1981 Titolo

Dettagli

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili Azienda Ospedaliera AAS 5, UO Cardiologia, Pordenone S.S.di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione Coordinatrice infermieristica Edda Pollesel Referente di Dipartimento M.C. Zorzi Direttore M. Cassin Gestione

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER BIVENTRICOLARE (CRT)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER BIVENTRICOLARE (CRT) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER BIVENTRICOLARE (CRT) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il pacemaker biventricolare (CRT), in grado di stimolare l atrio destro (o comunque

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I MODELLO INFORMATIVO Informazioni relative all intervento di ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I Io sottoscritto/a nato/a. il. dichiaro di essere stato/a informato/a

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore (Internal Cardioverter-Defibrillator - ICD) è in grado di trattare

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una IL DIRETTORE GENERALE Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli Ospedali romani all avanguardia per quanto concerne l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una medicina moderna

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache Dott. Eliezer Joseph Tassone Valvulopatie: l entità del problema Incremento del numero di persone appartenenti alle fasce di età più avanzata

Dettagli

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Terapia chirurgica Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Nel caso di stenosi carotidea sintomatica, la endoarteriectomia comporta un modesto beneficio per gradi di stenosi

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca Obiettivi dell incontro Epidemiologia OBIETTIVO DELL INCONTRO Parlare dei nuovi orientamenti nel trattamento dell operando

Dettagli

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Curriculum Vitae Dr Badin Adolfo Data di Nascita 19/03/1955 Qualifica Dirigente Medico di I livello : IAS Amministrazione USL

Dettagli

Il vissuto dei pazienti portatori di defibrillatore interno

Il vissuto dei pazienti portatori di defibrillatore interno Il vissuto dei pazienti portatori di defibrillatore interno Erika Riesen Chiara Lucchesi Infermiere servizio di cardiologia CCT 19.11.2011 Che cos è il defibrillatore cardiaco Implantable Cardioverter

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore biventricolare (CRT D), in grado di stimolare l atrio

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

Idoneità alla guida e sincope *

Idoneità alla guida e sincope * TITOLETTO ARTICOLO Idoneità alla guida e sincope * Introduzione Occorre inizialmente sottolineare come tutti i dati disponibili suggeriscano che lo stato clinico del conducente di un autoveicolo, se si

Dettagli

TRANSIZIONE DEL CARDIOPATICO CONGENITO DAL CARDIOLOGO PEDIATRA AL CARDIOLOGO DELL ADULTO

TRANSIZIONE DEL CARDIOPATICO CONGENITO DAL CARDIOLOGO PEDIATRA AL CARDIOLOGO DELL ADULTO Parma, Ordine dei Medici e degli Odontoiatri, 18 Giugno 2013 TRANSIZIONE DEL CARDIOPATICO CONGENITO DAL CARDIOLOGO PEDIATRA AL CARDIOLOGO DELL ADULTO Prof. Nicola Carano Clinica Pediatrica AOU di Parma

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) FINALITÀ DELL INTERVENTO La revisione o sostituzione del dispositivo

Dettagli

Nuovi modelli organizzativi per la gestione remota dei pazienti: irrinunciabile priorità

Nuovi modelli organizzativi per la gestione remota dei pazienti: irrinunciabile priorità Nuovi modelli organizzativi per la gestione remota dei pazienti: irrinunciabile priorità Controllo e monitoraggio, pace-maker e defibrillatore: differenti caratteristiche e differenti approcci? La gestione

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare?

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Il cuore Francesco Grigioni Istituto di Cardiologia Università di Bologna Agenzia sanitaria e sociale regionale PREVALENZA

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

36S. Emanuela T. Locati, Sara Vargiu, Ederina Mulargia, Corrado Ardito, Milena Schirru, Stefano Pedretti, Franca Negrini, Maurizio Lunati

36S. Emanuela T. Locati, Sara Vargiu, Ederina Mulargia, Corrado Ardito, Milena Schirru, Stefano Pedretti, Franca Negrini, Maurizio Lunati MORTE IMPROVVISA I nuovi dispositivi impiantabili nella gestione del paziente: ruolo e prospettive del monitoraggio remoto nel controllo dei defibrillatori impiantabili Emanuela T. Locati, Sara Vargiu,

Dettagli

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più Medicina d iniziativa rivolta al paziente cronico: una piattaforma integrata per il telemonitoraggio domiciliare a supporto del Medico di Medicina Generale in Lombardia con i servizi di Telbios e la tecnologia

Dettagli

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici Prima parte Test elettrocardiografici 1 Elettrocardiogramma... 3 Introduzione... 3 Basi dell elettrocardiogramma... 3 Applicazioni cliniche dell ECG... 3 Ingrandimenti delle camere cardiache... 4 Disturbi

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

Martedì 2 maggio 2006

Martedì 2 maggio 2006 preliminare 13-03-2006 14:05 Pagina 4 Martedì 2 maggio 2006 14.00 INAUGURAZIONE DEL CONGRESSO Saluto delle Autorità FIBRILLAZIONE ATRIALE: UP TO DATE Moderatori: P. Terrosu (Sassari), P. Scipione (Ancona)

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER (PM)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER (PM) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER (PM) FINALITÀ DELL INTERVENTO L'applicazione di uno stimolatore cardiaco, o pacemaker (PM), permette di correggere o prevenire

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

10 Congresso Nazionale

10 Congresso Nazionale 10 Congresso Nazionale medico - infermieristico MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto L ecografia nell arresto cardiaco Adele Borghi Cardiologia Pediatrica

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. ABBREVIAZIONI 5. APPROCCIO TERAPEUTICO FASI NOME/COGNOME (Funzioni) FIRMA DATA Redazione Verifica Approvazione Pagina 2 di 7 1.

Dettagli

Corso teorico pratico di elettrocardiografia

Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso base per l interpretazione dell ECG nella pratica clinica I Edizione Responsabile Scientifico Alfredo De Nardo 30 novembre e 1 Dicembre 2012 Vibo Valentia

Dettagli

Luisella Martini. Dipartimento Cardiovascolare Ospedale Maria Vittoria ASL TO2

Luisella Martini. Dipartimento Cardiovascolare Ospedale Maria Vittoria ASL TO2 Ruolo del sonographer in cardiologia Luisella Martini Ruolo del sonographer in cardiologia Il sonographer è un infermiere con abilità tecniche specifiche che si occupa di ECOGRAFIA. E presente da molti

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST. Lantero Patrizia Giovannini Elda

IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST. Lantero Patrizia Giovannini Elda IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST PROCEDURA Lantero Patrizia Giovannini Elda IMPIANTO TRANSCATETERE (FEMORALE E TRANSAPICALE)

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

NOTIZIARIO Situazione attuale rinnovo patente

NOTIZIARIO Situazione attuale rinnovo patente ASSOCIAZIONE ITALIANA PORTATORI DI DEFIBRILLATORE ONLUS: Registro Regionale VR0755 del 06/08/2008 Sede c/o Divisione Clinicizzata di Cardiologia Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona - Piazzale

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Claudio Pedrinazzi U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore di Crema Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario

Dettagli

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria Bradicardie estreme Specializzandi: Dr. Buttazzoni M. Dr.ssa Tarantino M. Tutor: Dr.ssa Costa M. G. Dr.ssa De Flaviis A. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano (CN) Gheorgiade Heart

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L.

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Scelsi Unità Scompenso Cardiaco e Trapianti Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

Tetralogia di Fallot

Tetralogia di Fallot Tetralogia di Fallot Mortalità 0-5% - sindromici,, anomalie associate Reinterventi 10% (?) - Insufficienza polmonare - Stenosi residue / ricorrenti - DIV residuo - Endocarditi - Aritmie (blocco AV 2%)

Dettagli

più piccolo del mondo

più piccolo del mondo a cura di Pompeo Pindozzi il defibrillatore Le patologie che causano morte improvvisa nei giovani Vi sono quattro patologie alla base della maggior parte dei casi di morte improvvisa nei bambini e nei

Dettagli

Introduzione L arteriopatia obliterante

Introduzione L arteriopatia obliterante SCELTE TERAPEUTICHE NEL TRATTAMENTO DELLE ARTERIOPATIE OBLITERANTI ED ANEURISMATICHE. EVOLUZIONE DELLE INDICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE CON LORO IMPATTO SUI RISULTATI A BREVE E LUNGO TERMINE. Introduzione

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE

IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE MODELLO INFORMATIVO Informazioni relative all intervento di IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE Io sottoscritto/a nato/a il. dichiaro di essere stato/a informato/a in data dal dr.. DI ESSERE AFFETTO

Dettagli

CORSO BASE DI ECOCARDIOGRAFIA PER MEDICI DI AREA CRITICA

CORSO BASE DI ECOCARDIOGRAFIA PER MEDICI DI AREA CRITICA CORSO BASE DI ECOCARDIOGRAFIA PER MEDICI DI AREA CRITICA Rivolto a medici di pronto soccorso, medici dell emergenza territoriale, medici d urgenza, anestesisti rianimatori, cardiologi. Premessa: l ecografia

Dettagli