Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici. Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici. Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi"

Transcript

1 Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi

2 SCOMPENSO CARDIACO 1. Epidemiologia e impatto organizzativo dello scompenso nell anziano 1. Appropriatezza di ICD e CRT nell anziano

3 STAGING dello SCOMPENSO CARDIACO (LG AHA 2009) STADIO D: SC refrattario STADIO C: SC clinico STADIO B: Disfunzione VS senza SC STADIO A: a rischio di sviluppare SC

4 Epidemiologia Prevalenza: 1. Prevalenza nella popolazione generale 1-2% 2. Prevalenza nei soggetti >65 aa 6,4% 3. Prevalenza disfunzione VS asintomatica 1,5% Incidenza in aumento: per invecchiamento popolazione maggior consapevolezza della patologia con aumento delle diagnosi Studio Framingham: incidenza 0,2% anno fino a 4% anno >85 aa

5 Ricoveri ordinari per scompenso cardiaco (DRG 127) in Italia (Fonte Ministero della Salute, report annuali SDO)

6 Ricoveri per scompenso in Italia Tasso ospedalizzazione 4-5/mille abitanti Andamento negli anni aumento progressivo Durata media ricovero 9 gg Reparto di ricovero Medicina 60% Cardiologia 25% Altri reparti 15%

7 Ricoveri per insufficienza cadiaca per età

8 Ricoveri per scompenso acuto (Survey ANMCO 2006) 2807 pz ricoverati in reparti cardiologici per primo episodio (44%) o peggioramento SC (56%) Presentazione clinica: EPA (49,6%), shock (7,7%), classe NYHA peggiorata (42,7%) Comorbilità: anemia (<12g/dL) 46%; insufficienza renale (creat >1,5) 47%, iponatremia (<136mEq/L) 45% Degenza media: 9 gg Mortalità in H: 7,3% Re-ospedalizzazioni a 6 mesi 38%

9 Re-ospedalizzazioni USA: 25% a 1 mese 50% a 6 mesi Italia: 30-40% a 6 mesi Andamento negli anni: incremento progressivo Significato prognostico negativo: re-ospedalizzazioni associate a prognosi peggiore

10 Tipologie di scompenso cardiaco Scompenso sistolico: SC con ridotta funzione sistolica del ventricolo sinistro Scompenso diastolico: SC a funzione sistolica preservata

11 Epidemiologia SC a funzione sistolica conservata Prevalenza: >50% del totale dei casi di SC Prognosi simile a SC sistolico: mortalità a 5 aa >60% (come SC sistolico) Re-Ospedalizzazioni: >30% a 6 mesi (come SC sistolico)

12 Costi

13 Costi 1. Costi totali: 1,2-2,0% della spesa sanitaria UE 1. Costi assistenza in Ospedale: 60-70% dei costi totali per lo scompenso Costi in relazione a gravità della patologia Costo delle complicanze che sono frequenti 1. Costi per la terapia: impatto meno rilevante Farmaci Device Interventi chirurgici

14 Costi non medici e sociali Seconda voce per importanza nei costi, dopo le ospedalizzazioni: I pazienti in età lavorativa sono peraltro una minoranza (circa 10%) Impatto delle condizioni socio-economiche su diagnosi e follow-up Impatto del controllo domiciliare e remoto sulla riduzione dei costi sociali

15 Impatto organizzativo

16 Strategie per ridurre l impatto sociale e sanitario dello scompenso 1. Strategie volte a ridurre l incidenza dello scompenso cardiaco 2. Strategie volte a ridurre le reospedalizzazioni per scompenso

17 1. Misure per ridurre incidenza SC Screening dei pz a rischio di disfunzione VS: 1. Ipertensione arteriosa 1. Altri fattori di rischio: o Familiarità per SC (70% di aumento del rischio) o Utilizzo di marcatori: BNP, hstni Identificare precocemente e trattare in modo appropriato la disfunzione ventricolare sinistra asintomatica

18 2. Misure per ridurre re-ospedalizzazioni Ridurre le reh evitabili Almeno il 50% delle reh sarebbero evitabili Recidive SC da bassa compliance, terapie non appropriate Modificare i modelli assistenziali e migliorare il coinvolgimento degli attori Modelli organizzativi per assistenza acuti Modelli organizzativi per follow-up

19 Modelli organizzativi per acuti 1. Al momento del ricovero: Identificare cause instabilizzazione, come era organizzata assistenza a casa, terapia in atto 2. Durante la degenza: Educazione sanitaria (Infermieri) 3. Alla dimissione: Programma di follow-up Coinvolgimento MMG e famiglia Cadenze dei controlli (1 <7 gg)

20 Modelli organizzativi per il follow-up 1. Day-Hospital per lo scompenso 2. Ambulatorio dello scompenso 3. Programmi di assistenza sul territorio e di telemedicina

21 Day-hospital 234 pz randomizzati a follow-up tradizionale vs follow-up basato sul Day-Hospital Valutazione end-point clinici e costo-efficacia

22 Capomolla, JACC 2022

23 Ambulatorio dello scompenso 1. Scopi: definire un percorso personalizzato con approccio multidisciplinare per ottimizzare la terapia e rivalutare il rischio individuale di sviluppare eventi 2. Realtà attuale: dati preliminari registro IN-HF ANMCO (2555 pz): 33% dei pz sono stabili, a basso rischio, con terapia invariata, con bassa mortalità e poche reospedalizzazioni Necessario liberare risorse specialistiche per i pz più complessi, più instabili e gravi

24 Assistenza sul territorio Programmi di assistenza sul territorio gestiti prevalentemente dagli infermieri: Monitoraggio telefonico strutturato Telemonitoring o trasmissione di dati fisiologici del paziente

25 Monitoring telefonico strutturato Infermieri addestrati Chiamate periodiche Algoritmi di intervento (dose diuretico, richiesta di visita medica) Monitoring dei sintomi, educazione a riconoscere peggioramenti Controllo dell equilibrio idrico Paziente Riferimento al Curante Aderenza a terapia Aderenza a dieta Attività fisica

26 Monitoraggio a distanza dei pz con scompenso Trasmissione di dati fisiologici del pz: Interattivo (invio dei dati da parte del pz) Telemonitoring automatico

27 Telemedicina Mancanza di standardizzazione, sistemi con caratteristiche diverse: ALERE, BUDDY, PHAROS, LATITUDE Interventi complessi (molti attori) Poche evidenze, mancano studi di fase 3, risultati controversi

28 Utilità clinica del remote monitoring: RA Clark, BMJ 2007: Metanalisi dei trial clinici randomizzati Tipo monitoring Tria l (N.) Usual care N. Pz (range) Durata (mesi) Anno pubbl. Telefonico strutturato 10 Non standardizzata oppure a discrez. MMG 3284 ( ) Telemonitoring interattivo 5 Non standardizzata 807 (20-280)

29 Effetti del remote monitoring sulla mortalità totale. Metanalisi RA Clark, BMJ 2007

30 Effetti del remote monitoring su ricoveri per scompenso. Metanalisi RA Clark, BMJ 2007

31 Monitoraggio remoto con device Monitoraggio del ritmo Monitoraggio emodinamico

32 Telemonitoring aritmico impiantato PM, ICD e CRT Centro servizi Home Monitoring Biotronik CareLink Medtronic Merlin StJudeM Latitude Boston-Guidant Riferimento al Curante

33 Trasmettitore integrato nel PM / ICD Antenna nella testina Banda in frequenza riservata ai dispositivi medici impiantabili (403 MHz) Consumo modesto di energia (< 2% = 1 x 30 J shock)

34

35 Optivol: indice di accumulo di liquidi

36 Latitude Heart Failure Management

37 Telemonitoring emodinamico Sistema di monitoraggio impiantato Centro servizi Rilevatore di pressione impiantato in RVOT (CHRONICLE Medtronic) Rilevatore della pressione in atrio sinistro (HeartPOD Savacor) Rilevatore di pressione in arteria polmonare (CARDIOMEMS Medtronic) Riferimento al Curante

38 CHRONICLE IHM Medtronic

39 Compass-HF: 274 pz impiantati con Chronicle IHM, follow-up 6mesi EFFICACY OUTCOMES All Patients Class III HF Subgroup Chronicle (n = 134) Control (n = 140) Chronicl e (n = 112) Control (n = 122) Patients with events (n) HF-related events (n) Hospitalization ED visits Urgent clinic visits Event rate/6 months Reduction in event rate (%) 22% 41% P value.27.03

40 Champion Trial Abraham, Lancet 2011; 377:658 CARDIOMEMS: dispositivo impiantabile in AP per monitoraggio continuo telemetrico STUDIO CHAMPION: 550 pz con SC III classe NYHA Randomizzati a monitoraggio emodinamico continuo wireless vs follow-up clinico End point primario: ospedalizzazioni per scompenso Risultati: -28% di ospedalizzazioni a 6 mesi, -37% a 15 mesi

41 Considerazioni conclusive Scompenso cardiaco negli anziani I dati epidemiologici indicano una sempre maggior rilevanza dello scompenso negli anziani La problematica più importante è il numero delle reospedalizzazioni I modelli gestionali che prevedono una maggior intensità degli interventi al di fuori dell ospedale possono limitare l impatto organizzativo ed economico dello scompenso negli anziani

42 SCOMPENSO CARDIACO 1. Epidemiologia e impatto organizzativo dello scompenso nell anziano 1. Appropriatezza di ICD e CRT nell anziano

43 TRIALS ICD TRIALS: MADIT II (ex-ima, FE 30%, NYHA I-III) AJ Moss, NEJM 2002; 348:877-83

44 ICD TRIALS: MADIT II TRIALS AJ Moss, NEJM 2002; 348:

45 ICD TRIALS: SCD HeFT CMD FE 35% NYHA II-III, ICD vs amiodarone vs P CLASSE 1 GH Bardy, NEJM 2005; 352:225-37

46 ICD TRIALS: SCD HeFT pz con CMD ischemica GH Bardy, NEJM 2005; 352:225-37

47 ICD TRIALS: SCD HeFT pazienti con CMD non ischemica CLASSE 1 GH Bardy, NEJM 2005; 352:225-37

48 ICD INDICAZIONI (LG ESC/AHA) Prevenzione primaria: FE <30-35% (FE<40%, TVNS, TV induciibli) CMD ischemica (>40 gg da IMA) o non ischemica Classe NYHA I (ischemica), II-III Terapia medica ottimale Prevenzione secondaria: FV, TV sostenuta non da cause reversibili Sincope e TV/FV inducibili Sincope in CMD <35-40%

49 ICD negli anziani - TRIALS SOTTOGRUPPI TRIALS

50 ICD negli anziani - EFFICACIA Sottostudio MADIT II Sopravvivenza in relazione ad età DT Huang, J Cardiovasc Electrophysiol 2007; 18:

51 ICD negli anziani - EFFICACIA Sottostudio MADIT II Incidenza di morte improvvisa cardiaca in relazione ad età DT Huang, J Cardiovasc Electrophysiol 2007; 18:

52 ICD negli anziani Le linee guida non inseriscono l età tra i criteri di selezione dei pazienti Negli Stati Uniti: oltre il 40% di nuovi impianti di ICD e CRT in pz >70 aa 10-20% dei nuovi impianti in pz >80 anni

53 ICD negli anziani efficacia Metanalisi trials AVID, CASH e CIDS, ICD vs amiodarone Healey JS, Eur Heart J 2006; 28:

54 ICD negli anziani efficacia Metanalisi trials AVID, CASH e CIDS, ICD vs amiodarone Healey JS, Eur Heart J 2006; 28:

55 ICD negli anziani - considerazioni Mancano trials specifici per efficacia ICD negli anziani Negli anziani, tendenza a riduzione dell efficacia dell ICD sulla mortalità totale. Minor rilevanza della morte improvvisa negli anziani con scompenso. Influenza delle comorbilità sulla sopravvivenza (IRC, demenza, BPCO): se comorbilità 3, HR 2,98 Influenza dello stato funzionale e delle re-ospedalizzazioni sulla sopravvivenza Possibile aumento delle complicanze procedurali negli anziani Importanza della preferenza del paziente

56 ICD e pacing biventricolare

57 Pacing biventricolare (CRT)

58 CRT trials: COMPANION Pz con NYHA III-IV, FE 35%, QRSD 120 ms OMT vs CRT vs CRT-D EP primario: mortalità totale o reospedalizzazione

59 CRT trials: COMPANION EP II: mortalità totale Bristow MR, NEJM 2004; 350:

60 CRT trials: CARE-HF Pz classe NYHA III-IV, FE 35%, QRSD > ms; OMT VS CRT EP primario: mortalità totale e reospedalizzazioni Cleland, NEJM 2005; 352:

61 CRT trials: CARE-HF EP secondario: mortalità totale Cleland, NEJM 2005; 352:

62 CRT trials: MADIT CRT Pz classe NYHA I-II, FE 30%, QRSD 130 ICD vs CRT-D; EP primario: mortalità totale o resc MOSS AJ, NEJM 2009; 36:

63 CRT trials: MADIT CRT MOSS AJ, NEJM 2009; 36:

64 INDICAZIONI CRT NYHA III-IV (LG ESC 2011)

65 INDICAZIONI CRT NYHA II (LG ESC 2011)

66 CRT negli anziani Efficacia Registro InSync - Fumagalli, Am J Cardiol 2011; 107: )

67 CRT negli anziani Efficacia DATI Registro InSync - Fumagalli, Am J Cardiol 2011; 107: )

68 CRT negli anziani - Efficacia DATI Registro InSync - Fumagalli, Am J Cardiol 2011; 107: )

69 CRT negli anziani COMPLICANZE Dati controversi sulla incidenza di complicanze legate alla CRT nei pazienti anziani: Dati da analisi post-hoc di sottogruppi di pz arruolati in trial (es. MIRACLE) e registri (INSYNC) indicherebbero un numero simile di complicanze Incremento significativo della mortalità nei pz >80 aa. Età, n. comorbilità e complicazioni all impianto elemento predittivo indipendente (Swindle, registro US 2010)

70 CRT negli anziani COMORBILITA Negli anziani più frequenti le comorbilità: Insufficienza renale Diabete mellito Fibrillazione atriale Le comorbilità non sono predittori di inefficacia della CRT Comorbilità, limitazione funzionale ed aspettativa di vita rimangono elementi importanti per la decisione sulla CRT

71 CRT negli anziani vs CRT-D La maggior parte dei pz candidati alla CRT presenta indicazione anche a ICD Il solo pacing biventricolare riduce la mortalità vs OMT CRT-D è superiore alla sola CRT, il vantaggio sulla sopravvivenza è immediato La superiorità della CRT su OMT si evidenzia tardivamente (dopo 8 mesi almeno) Oltre a trial specifici, mancano studi anche sulla costeffectiveness della CRT-D

72 ICD e CRT negli anziani - CONCLUSIONI Mancano trials specifici su CRT e CRT-D negli anziani L età non deve essere l unico parametro da considerare per l indicazione L entità delle comorbilità, il numero di reospedalizzazioni condizionano la prognosi E importante valutare anche il grado di limitazione funzionale Tener conto anche delle preferenze del paziente Possibilità di limitarsi alla sola CRT senza ICD

73 Grazie per l attenzione! Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO Dott. Maurizio Marzegalli Commissione Cardiologica Regione Lombardia

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi Source: EHRA WhiteBook 2012 2011 Italy CRTP CRTD CRT tot ICD PM 2.000 10.380 12.380 11.970

Dettagli

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari FOLLOW UP DEI PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO: IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEL TELEMONITORAGGIO E DELL INTEGRAZIONE CON I SUPERGRUPPI

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco e le Aziende Ospedaliere e IRCCS elencati nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco Dicembre 2011 NB: le seguenti note

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili Azienda Ospedaliera AAS 5, UO Cardiologia, Pordenone S.S.di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione Coordinatrice infermieristica Edda Pollesel Referente di Dipartimento M.C. Zorzi Direttore M. Cassin Gestione

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia Lo Scompenso Cardiaco Cronico (SCC): un modello di collaborazione ospedale-territorio per la qualità dell assistenza e l economia l delle risorse Orbassano, 9 novembre 2010 Modalità di valutazione del

Dettagli

Dott.ssa Iolanda Coletta

Dott.ssa Iolanda Coletta La Telemedicina: Esperienza nella ASL Roma B Dott.ssa Iolanda Coletta ASL RMB: UOC DIETOLOGIA, DIABETOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA Responsabile Dott. Sergio Leotta Le Linee

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto La Gestione Integrata del Paziente con Scompenso Cardiaco: il Medico di MG Mario Roberto Celebrano Mmg - S.I.M.G. Verona Aula Giorgio De Sandre - Ente

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Claudio Pedrinazzi U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore di Crema Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e Progetto scompenso Infermiere di Famiglia Dal documento HEALTH 21 OMS 1998: obiettivo XV L integrazione del settore sanitario In molti stati membri è necessaria una maggiore integrazione del settore sanitario

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione III - Creare la rete territoriale per la continuità assistenziale: modelli organizzativi I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli

Sudden Cardiac Death In Heart Failure Trial

Sudden Cardiac Death In Heart Failure Trial SCD-HeFT Sudden Cardiac Death In Heart Failure Trial Lo SCD-HeFT è il più ampio (2521 pazienti arruolati) studio sulla MORTALITA che dimostra l EFFICACIA e la SICUREZZA della TERAPIA ICD in pazienti affetti

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare?

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Il cuore Francesco Grigioni Istituto di Cardiologia Università di Bologna Agenzia sanitaria e sociale regionale PREVALENZA

Dettagli

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più Medicina d iniziativa rivolta al paziente cronico: una piattaforma integrata per il telemonitoraggio domiciliare a supporto del Medico di Medicina Generale in Lombardia con i servizi di Telbios e la tecnologia

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: continuità assistenziale tra Ospedale e Territorio Michelangelo Bartolo Dirigente Responsabile UOS Telemedicina Azienda Ospedaliera

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Prospettive della telemedicina e del monitoraggio mediante dispositivi nel paziente con scompenso cardiaco cronico: luci e ombre

Prospettive della telemedicina e del monitoraggio mediante dispositivi nel paziente con scompenso cardiaco cronico: luci e ombre Prospettive della telemedicina e del monitoraggio mediante dispositivi nel paziente con scompenso cardiaco cronico: luci e ombre Andrea Mortara 1, Fabrizio Oliva 2, Andrea Di Lenarda 3 1 U.O. di Cardiologia

Dettagli

Defibrillatore cardiaco impiantabile (ICD)

Defibrillatore cardiaco impiantabile (ICD) Defibrillatore cardiaco impiantabile (ICD) 1. Introduzione Definizione di morte cardiaca improvvisa La morte cardiaca improvvisa (MCI) consiste in una morte naturale, preceduta da perdita improvvisa della

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

IL MODELLO CReG E IL DISEASE MANAGEMENT

IL MODELLO CReG E IL DISEASE MANAGEMENT Milano, 1 marzo 2014 Il nuovo patto Stato-Regioni: tra tagli ed efficienza IL MODELLO CReG E IL DISEASE MANAGEMENT Mauro Agnello Direzione Generale Salute Regione Lombardia 0 4 8 12 16 20 24 28 32 36 40

Dettagli

LA TELEMEDICINA RIDUCE IL RICORSO AI SERVIZI SANITARI ED I COSTI E MIGLIORA L OUTCOME: L ESPERIENZA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA ADDOLORATA DI ROMA Giorgio Scaffidi 1, Michelangelo

Dettagli

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 SANITARIO REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N.7 09013 CARBONIA (Carbonia Iglesias) LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 Centralità del cittadino nei percorsi sanitari 1 CORRETTO USO DEL RICETTARIO

Dettagli

«Dottore, mi hanno impiantato un defibrillatore!»

«Dottore, mi hanno impiantato un defibrillatore!» Quaderni A.I.DEF numero 1 «Dottore, mi hanno impiantato un defibrillatore!» Informazioni utili per il Medico di Medicina Generale sul defibrillatore impiantabile (AICD) A cura del Comitato Scientifico

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Ver 2.0 del 15/12/2012. 2010-2012 Tutti I diritti riservati. Vietata la copia e la distribuzione senza permesso.

Ver 2.0 del 15/12/2012. 2010-2012 Tutti I diritti riservati. Vietata la copia e la distribuzione senza permesso. Misuratori della pressione arteriosa con Linee Guida incorporate e Sistema di Telemedicina per tenere sotto controllo il rischio cardiovascolare a domicilio e nelle 24 ore Ver 2.0 del 15/12/2012 2010-2012

Dettagli

Il Database del Ministero della Salute

Il Database del Ministero della Salute Il Database del Ministero della Salute Giorgio Reggiardo Medi Service Data Management Unit- Genova Dati ricavati dalle informazioni contenute nelle Schede Dimissioni Ospedaliere relative agli anni 2001

Dettagli

Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure

Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure L Ambulatorio Infermieristico Cardiologico Territoriale Donatella Radini

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

S. Vecchi, AM. Bargagli, M. Leone, P. Michelozzi AIE- Bari 29-31 ottobre 2012

S. Vecchi, AM. Bargagli, M. Leone, P. Michelozzi AIE- Bari 29-31 ottobre 2012 UNO STUDIO CASE-CROSSOVER PER L IDENTIFICAZIONE DEI FATTORI DI SUSCETTIBILITÀ ALLE ONDATE DI CALORE NELLA POPOLAZIONE ANZIANA A ROMA NEGLI ANNI 2007-2011 S. Vecchi, AM. Bargagli, M. Leone, P. Michelozzi

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 Denominazione Presidio Ospedaliero: Il Presidio Ospedaliero è a carattere monospecialistico? No Si se SI pediatrico riabilitativo ortopedico cardiologico

Dettagli

Il Defibrillatore Impiantabile nella pratica clinica

Il Defibrillatore Impiantabile nella pratica clinica Il Defibrillatore Impiantabile nella pratica clinica Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Morte Improvvisa:

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Ministero della Sanità Dipartimento della Programmazione Programmi Speciali Art. 12, comma 2, lett. B del d.lgs. 502/92 Sperimentazione in nove Regioni di strumenti per l implementazione di linee-guida

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO. Gruppo integrato Ospedale Territorio per la definizione di percorsi diagnostico - terapeutici sulla cronicità

SCOMPENSO CARDIACO. Gruppo integrato Ospedale Territorio per la definizione di percorsi diagnostico - terapeutici sulla cronicità PROGETTO DI CONTENIMENTO DELLA DOMANDA DI PRESTAZIONI AMBULATORIALI IN TERMINI DI RECUPERO DI APPROPRIATEZZA (Deliberazione del DG n 2014/91 del 30-01-2014) Gruppo integrato Ospedale Territorio per la

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 203 ESPERIENZA PROFESSIONALE del PERSONALE SANITARIO che INTERAGISCE con il SURVIVOR Convivere con la malattia avanzata al Domicilio e in

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo

Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo Sinagoghè Glaukias Update in Imaging Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo G.Casolo Dipartimento Cardiologico Ospedale di Careggi Firenze Panorama attuale della

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

MMeG-IS Medico di Medicina Generale con Interessi clinici Speciali

MMeG-IS Medico di Medicina Generale con Interessi clinici Speciali MMeG-IS Medico di Medicina Generale con Interessi clinici Speciali - Area Clinica Cardiovascolare SIICP - Educational Project L esigenza di formare il MMeG-IS / Medico di Famiglia con Interessi (clinici)

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Giugno 2014 EPLERENONE 25 mg 50 mg cpr

Dettagli

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma XXVII Congresso Nazionale GISE Genova 3-6 OTTOBRE 2006 STUDIO AFTER Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma per i Ricercatori dello studio AFTER Test

Dettagli

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insufficienza Mitralica Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insuffi cienza Mitralica

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

Telemedicina: Esperienza clinica e futuro in ambito cardiologico

Telemedicina: Esperienza clinica e futuro in ambito cardiologico Telemedicina: Esperienza clinica e futuro in ambito cardiologico Prof. Fabrizio Ammirati Direttore U.O. di Cardiologia, Ospedale G. B. Grassi, Azienda Usl Roma D Telemedicina e Telecardiologia Principali

Dettagli

LA SOCIETÀ. HEALTH TELEMATIC NETWORK s.r.l. Progettazione ed Erogazione di Servizi di Telemedicina.

LA SOCIETÀ. HEALTH TELEMATIC NETWORK s.r.l. Progettazione ed Erogazione di Servizi di Telemedicina. LA SOCIETÀ HEALTH TELEMATIC NETWORK s.r.l. Progettazione ed Erogazione di Servizi di Telemedicina. Nata alla fine degli anni '90 dalla realizzazione del progetto di ricerca Boario Home Care (premiato dalla

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

Indicazioni alle Strutture Sanitarie Lombarde

Indicazioni alle Strutture Sanitarie Lombarde Percorso di telesorveglianza sanitaria domiciliare per pazienti con scompenso cardiaco cronico medio grave Indicazioni alle Strutture Sanitarie Lombarde finalizzate all attuazione con modalità sperimentale

Dettagli

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Savona, 14 dicembre 2007 IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Dr. Paolo Bellotti - Savona Mio padre auscultava posando l orecchio sul petto del paziente, direttamente;

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin)

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Gli strumenti a supporto dei percorsi di governance I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Convegno Quadri SIMG Padova, 18

Dettagli

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED l e v o l u z i o n e d e l l a t e l e m e d i c i n a Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED 2 Telemedicina E la pratica della medicina che si

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del VDx Manifestazioni cliniche

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli