Salvaguardia dei rapaci della ZPS Promontorio del Gargano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salvaguardia dei rapaci della ZPS Promontorio del Gargano"

Transcript

1 PROVINCIA DI FOGGIA Progetto LIFE Natura N. LIFE06NAT/IT/ Salvaguardia dei rapaci della ZPS Promontorio del Gargano rapporto finale divulgativo

2 1 Sede del progetto: Data di inizio del progetto: Italia Regione Puglia 01/10/2006 Puglia Data di fine progetto: 31/03/2011 Durata complessiva del progetto (in mesi) 54 mesi Bilancio totale ,00 Contributo CE: ,00 dei costi totali 75,00% (%) dei costi ammissibili 75,00% Sito internet: Chi ha partecipato al progetto? Beneficiario: Provincia di Foggia Partner: Centro Studi Naturalistici Onlus, Consorzio di Bonifica Montana del Gargano Qual era il contenuto del progetto? Quali le problematiche affrontate? Il progetto è stato indirizzato alla conservazione dei rapaci minacciati della ZPS Promontorio del Gargano (IT ) in Provincia di Foggia, in Italia. Le specie interessate sono: Grillaio, Lanario, Capovaccaio, Gufo reale. Grillaio: Lanario: Capovaccaio: Gufo reale: I nomi scientifici dei rapaci obiettivo del progetto Falco naumanni Falco biarmicus feldeggii Neophron percnopterus Bubo bubo Il principale scopo del progetto era di assicurare un futuro certo alle popolazioni di questi rapaci, considerata l importanza di questa ZPS per la loro salvaguardia. Le problematiche affrontate nel corso del progetto sono le seguenti: 1. Perdita di siti riproduttivi per il Grillaio Le modalità di ristrutturazione di tetti utilizzate in vecchi edifici dei centri storici e delle antiche masserie presenti nel territorio agricolo della ZPS, rendeva impossibile la ricolonizzazione e l utilizzo degli stessi, dopo il rifacimento, da parte del Grillaio a causa della chiusura con malta cementizia di qualsiasi accesso alla parte inferiore dei coppi. Nella ristrutturazione di edifici storici spesso venivano chiusi anche tutti i fori preesistenti nelle pareti esterne, togliendo di colpo decine di siti utili alla nidificazione. Questa attività ha causato nel corso degli anni una drastica riduzione della popolazione di Grillaio presente nella ZPS, che non ha permesso la ricolonizzazione spontanea dei siti da parte di esemplari in migrazione. Infatti, una ricolonizzazione spontanea è possibile solo in presenza di un sostanzioso numero di individui che possano rappresentare un forte elemento di aggregazione, stante il comportamento sociale della specie. 2. Attività di arrampicata sportiva nei siti riproduttivi di Lanario, Capovaccaio e Gufo reale Le pareti rocciose presenti nei valloni della ZPS, utilizzate da Lanario, Capovaccaio e Gufo reale come siti riproduttivi, erano state attrezzate e venivano utilizzate per svolgere attività di arrampicata sportiva nel periodo riproduttivo, causando un forte disturbo e aumentando le possibilità di predazione sia delle uova che dei pulcini. 3. Scarsità di risorse alimentari per il Capovaccaio Il Capovaccaio è un rapace che si alimenta principalmente di animali morti. Negli ultimi venti anni la chiusura delle piccole discariche comunali, che si erano affiancate alla tradizionale fonte di alimentazione costituita dalla pastorizia, ha causato la perdita di un importante risorsa alimentare per il sostentamento della popolazione di Capovaccaio. D altra parte le attuali norme igienico-sanitarie in materia di zootecnia non consentono lo smaltimento incontrollato nell ambiente naturale delle carcasse di animali da allevamento. Tutto ciò provoca spesso il fenomeno del cainismo (in mancanza di risorse alimentari sufficienti il pulcino più grande si ciba dell altro presente nel nido) o il rallentamento della crescita dei pulcini. 4. Scarsità di risorse alimentari per Lanario e Gufo reale La riduzione dei pascoli, la cui superficie nell area della ZPS risulta negli ultimi anni quella maggiormente penalizzata dall abbandono del pascolo tradizionale e dalla conseguente conversione dei terreni a pratiche agricole più rimunerative, è causa della riduzione dell habitat e delle fonti alimentari per Lanario e Gufo reale. Infatti i pascoli sono essenziali per la presenza di numerose specie di rettili, mammiferi ed uccelli che costituiscono la dieta principale per Lanario e Gufo reale. A ciò si aggiunge il fatto che le due specie trovavano un importante fonte alimentare complementare nella presenza di numerose piccionaie che tradizionalmente erano presenti nei fabbricati rurali della ZPS e che oggi sono in gran parte scomparse a causa delle nuove tecniche di costruzione e manutenzione dei tetti e dei volumi tecnici, con la chiusura di tutte le aperture verso l esterno. Anche il massiccio uso di prodotti chimici in agricoltura provoca un impatto sui giovani di Lanario che, nei primi mesi successivi all abbandono del nido, si nutrono principalmente di grossi insetti. 5. Scarsità di risorse alimentari per il Grillaio Le risorse alimentari del Grillaio, consistenti principalmente in grilli e cavallette, sono seriamente minacciate dall uso di insetticidi e fertilizzanti in agricoltura che determinano una diminuzione delle potenzialità alimentari di vaste aree all interno della ZPS. Inoltre l uso di prodotti chimici in agricoltura è causa di mortalità anche diretta per il Grillaio dovuta all ingestione di insetti contaminati. 2

3 3 Minacce identificate 1. Perdita di siti riproduttivi per il Grillaio. 2. Attività di arrampicata sportiva nei siti riproduttivi di Lanario, Capovaccaio e Gufo reale. 3. Scarsità di risorse alimentari per il Capovaccaio. 4. Scarsità di risorse alimentari per Lanario e Gufo reale. 5. Scarsità di risorse alimentari per il Grillaio. Azioni condotte in risposta alle minacce Approvazione di nuove norme edilizie nei comuni di San Giovanni Rotondo e Monte Sant Angelo per la tutela dei siti di nidificazione del Grillaio. Installazione di 400 nidi artificiali sui tetti degli edifici. Realizzazione di un centro di allevamento e recupero per il Grillaio. Rilascio di 186 esemplari di Grillaio nell arco di 4 anni. Bonifica di 77 vie attrezzate per l arrampicata sportiva. Accordo con le associazioni di rocciatori e modifica del regolamento di arrampicata nel Parco Nazionale del Gargano Sorveglianza dei siti di nidificazione. Realizzazione e gestione di tre carnai per rapaci. Realizzazione di 7 piccionaie in altrettanti fabbricati rurali all interno della ZPS. Accordi volontari con gli agricoltori per il mantenimento dei pascoli. Accordi volontari con gli agricoltori per il mantenimento dei pascoli. Quali erano gli obiettivi del progetto? Riguardo al Grillaio (1-2 coppie nidificanti e 200 individui estivanti ad inizio progetto) il progetto aveva l obiettivo di costituire due colonie di coppie nei comuni di San Giovanni Rotondo e Monte Sant Angelo. In più il progetto aveva lo scopo di proteggere, attraverso una serie di azioni, le popolazioni minacciate di Lanario (7 coppie ad inizio progetto), Capovaccaio (2-3 individui in migrazione ad inizio progetto) e Gufo reale (1-2 coppie ad inizio progetto). Altro importante obiettivo era di contribuire all elaborazione di una strategia operativa, a livello italiano ed europeo, per la protezione del Capovaccaio, specie che sta scomparendo in Italia, e l elaborazione di un piano d azione locale per il Gufo reale. Durante il corso del progetto è stata osservata l estinzione locale del Gufo reale, pertanto l obiettivo iniziale del progetto relativamente a questa specie non poteva essere raggiunto. Conseguentemente l azione è stata modificata nel senso di prevedere l elaborazione di un piano per la reintroduzione della specie nella provincia di Foggia anziché di un piano d azione locale. In quali siti Natura 2000 è stato sviluppato il progetto? La ZPS Promontorio del Gargano (IT ) si caratterizza per una elevata biodiversità dovuta in gran parte alla sua posizione geografica e alla sua movimentata orografia (dal livello del mare ai 1055 m s.l.m. di Monte Calvo) con una tipica morfologia carsica ricca di doline, grotte, inghiottitoi e valli. Queste caratteristiche causano una notevole variazione delle precipitazioni annue che oscillano da 350 mm a oltre 1217 mm. I fattori descritti determinano la presenza di un ricco mosaico di habitat (alcuni prioritari, secondo la legislazione europea), che comprende dune costiere a macchia mediterranea, lagune costiere, steppe salate, falesie, pascoli steppici, valloni aridi, leccete, cerrete fino alla faggeta (quest ultima per le peculiari caratteristiche del territorio raggiunge qui il minimo altitudinale scendendo a quote inferiori ai 300 m s.l.m.). La ZPS Promontorio del Gargano riveste un interesse naturalistico particolare per le quattro specie di rapaci obiettivo del progetto (Grillaio, Lanario, Capovaccaio e Gufo reale) che sono collegate principalmente a due tipi di ambienti: quello dei valloni e quello delle pseudosteppe. Il primo è costituito da strette gole calcaree, ricche di flora rupicola di grande interesse fitogeografico, rappresentata da specie endemiche a diffusione orientale, mentre l ambiente delle pseudosteppe è costituito da estese formazioni erbacee che risalgono lungo il fianco dei valloni e sono inframezzate da aree agricole. Si tratta dell area substeppica più vasta della Puglia, in una zona a minima piovosità annuale. La ZPS è frequentata con assiduità dal Grillaio come zona di alimentazione e di sosta durante le migrazioni e di nidificazione di alcune coppie (1-2 prima dell inizio del progetto). La ZPS è l area di maggiore importanza per la conservazione del Lanario che qui è presente con una popolazione che rappresenta la quasi totalità di quella pugliese, il 5% di quella nazionale ed il 4% di quelle europee. Il Capovaccaio è presente con 2-3 esemplari (prima dell inizio del progetto) che costituiscono il 50% della popolazione regionale ed il 5% di quella nazionale. Il Gufo reale, infine, era presente con 1-2 coppie (prima dell inizio del progetto) pari all 1% della popolazione italiana. Cosa è stato fatto durante il progetto? L obiettivo è stato perseguito attraverso due tipologie di azioni: la prima con lo scopo di conservare i siti di nidificazione minacciati e la seconda con lo scopo di incrementare le risorse alimentari. La prima categoria di azioni include: per il Grillaio la modifica dei regolamenti edilizi nei comuni di San Giovanni Rotondo e Monte Sant Angelo; l acquisto e installazione di nidi artificiali da localizzare in edifici storici; la realizzazione di un centro di allevamento e recupero; l allevamento 4

4 5 dei giovani e il successivo rilascio con il metodo dell hacking; Per Lanario, Capovaccaio e Gufo reale: pulizia di 77 vie di arrampicata; sorveglianza dei siti di nidificazione. La seconda categoria di azioni include: Per Lanario e Gufo reale: realizzazione di 7 nuove colonie di piccioni come risorsa alimentare, riduzione della pressione antropica sull habitat attraverso l incoraggiamento agli agricoltori ad adottare tecniche agricole a minor impatto ambientale; Per il Capovaccaio: realizzazione e gestione di tre carnai; Per il Grillaio: accordi volontari con gli agricoltori per il mantenimento dei pascoli. È stata inoltre condotta una vasta campagna informativa per incrementare la consapevolezza dell opinione pubblica e coinvolgere le popolazioni locali attraverso diversi strumenti (educazione ambientale nelle scuole, documentario naturalistico, materiale a stampa e così via). Di seguito si riportano più in dettaglio le azioni svolte. 1. Azioni preparatorie, inventari scientifici, piani d azione: Mappatura degli edifici idonei ad ospitare colonie riproduttive del Grillaio; Mappatura dei siti di nidificazione di Capovaccaio, Lanario e Gufo reale; Adeguamento dei regolamenti edilizi dei comuni di San Giovanni Rotondo e Monte Sant Angelo per la tutela dei siti di nidificazione del Grillaio; Integrazione del Piano d azione nazionale per il Capovaccaio con i dati tecnicoscientifici relativi all area di progetto; Elaborazione di uno studio di fattibilità per la reintroduzione del Gufo reale. 2. Interventi concreti di conservazione: Sono stati acquistati ed installati 400 nidi artificiali per il Grillaio in fabbricati rurali ed edifici pubblici idonei alla nidificazione; È stato realizzato e gestito un centro di ambientamento e recupero del Grillaio: durante il corso del progetto sono stati allevati e rilasciati n 186 esemplari di Grillaio; il centro è inoltre stato utilizzato per il recupero di altre specie di rapaci occasionalmente recuperati dalla popolazione locale; Realizzazione e gestione di tre carnai per rapaci, costituiti da aree agricole recintate all interno delle quali è stata immessa della carne di bestiame da allevamento, utile all alimentazione dei rapaci che si nutrono di carcasse di animali; Sono state bonificate 77 vie di arrampicata sportiva nei siti interessati dalla nidificazione del Lanario e potenzialmente utili per la nidificazione del Capovaccaio e del Gufo reale; Sono state realizzate 7 piccionaie in aziende agricole per aumentare le disponibilità alimentari del Lanario; Sorveglianza dei siti di nidificazione del Lanario: grazie al personale del Consorzio di Bonifica sono state effettuate delle campagne di sorveglianza stagionali per ridurre l impatto umano sulle pareti rocciose dove risultava presente il Lanario; Monitoraggio scientifico delle aree per valutare il trend delle popolazioni di rapaci interessate dal progetto; 3. Informazione, educazione e promozione del progetto: Stampa e distribuzione di pubblicazioni divulgative (opuscolo sul Grillaio, depliant sul progetto LIFE, quaderno didattico per le scuole, newsletter); Due incontri informativi con i tecnici locali (ingegneri, architetti, geometri) per illustrare le modifiche ai regolamenti edilizi; Due incontri informativi con le associazioni di rocciatori per sensibilizzare sugli impatti dell attività di arrampicata nei confronti dei rapaci obiettivo del progetto: a seguito degli incontri è stata formulata una proposta condivisa di modifica del regolamento di arrampicata del Parco Nazionale del Gargano che è stata recepita ed approvata dall Ente Parco; Manifestazione finale di premiazione di coloro che hanno installato i nidi artificiali per Grillai; Attivazione del sito internet Realizzazione e distribuzione di un documentario audiovisivo sui rapaci e sull area di progetto: il documentario è stato messo in onda sulle reti televisive locali e proiettato in occasione degli incontri informativi; Programma di educazione ambientale per le scuole a cui hanno partecipato studenti: il programma prevedeva degli incontri a scuola ed un escursione nelle aree di progetto; è stato inoltre fornito agli studenti un quaderno didattico; Sportello informativo per agricoltori, curato dal Consorzio di Bonifica, per incentivare le pratiche agricole a ridotto impatto ambientale e per conservare le aree destinate a pascolo, utili all alimentazione del Grillaio; Seminario di aggiornamento sulla medicina dei falchi, organizzato dal Centro Studi Naturalistici Onlus in collaborazione con la Società Italiana Medici Veterinari Animali Selvatici e da Zoo, a cui hanno partecipato 50 veterinari provenienti da tutte le regioni italiane; Convegno internazionale conclusivo dal titolo La tutela dei Rapaci in Italia e in Europa: esperienze a confronto a cui hanno partecipato esperti italiani e iberici nella gestione delle specie di rapaci diurni e notturni più minacciate di estinzione, oltre a diversi tecnici coinvolti in altri progetti europei (LIFE+ Natura e biodiversità) finalizzati alla tutela dei rapaci in Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Toscana. Quali sono stati i risultati del progetto? Ogni progetto LIFE Natura prevede che le azioni siano monitorate per verificare se abbiano o meno raggiunto gli obiettivi ipotizzati. Per il progetto LIFE Rapaci del Gargano l attività di monitoraggio è stata condotta dagli operatori del Centro Studi Naturalistici Onlus ed ha consentito di misurare l efficacia delle attività poste in essere dal progetto. Per il Grillaio, in favore del quale è stata indirizzata la maggior parte degli interventi del progetto, i risultati ottenuti attraverso i rilasci primaverili di grillai ed il mantenimento di uno stock di riproduttori nelle voliere del centro di riproduzione e ambientamento sono stati più che lusinghieri, in quanto si è raggiunto l obiettivo di ricostituire una popolazione vitale. I controlli effettuati nel 2010 su tutto il territorio provinciale hanno confermato il trend positivo della nuova popolazione di grillai, portando la popolazione a non meno di 148 coppie stimate distribuite in 15 colonie. Il numero di esemplari singoli complessivamente osservati 6

5 7 è stato di 533. Siamo pertanto assistendo a una ricolonizzazione della Capitanata da parte di questa specie a partire dall area compresa tra i comuni di Manfredonia, di Trinitapoli, di Cerignola, di San Ferdinando di Puglia, Foggia, San Giovanni Rotondo. Nell ambito di questi territori si è osservato che, per nidificare, la specie preferisce utilizzare soprattutto ruderi di fabbricati rurali abbandonati anziché i nidi artificiali installati che sono stati colonizzati solo in minima parte. Anche per il Lanario si conferma che gli interventi realizzati con il progetto hanno giovato alla specie. Infatti, nel 2010 sono state individuate 6 coppie nell area della ZPS Promontorio del Gargano, delle quali 4 riproduttive con una produttività di 2 giovani per coppia. Delle coppie riproduttive individuate occorre ricordare che ben 2 si riproducono in siti che negli anni scorsi sono stati bonificati dalle attrezzature di arrampicata grazie al progetto LIFE. Controlli generali a livello provinciale hanno verificato anche la presenza di una nuova coppia in un sito archeologico (primo caso italiano) a circa 40 km di distanza dalla ZPS. Per il Capovaccaio il trend negativo internazionale è stato purtroppo confermato anche per l area di intervento e le speranze di rivedere i due esemplari adulti osservati nel 2009 sono andate vane nonostante accurati controlli nelle core-areas della specie. È evidente quindi che la sola gestione dei carnai non è sufficiente a risolvere le problematiche della specie. Anche per il Gufo reale, per il quale si era osservata l estinzione locale già all inizio del progetto, le attività di monitoraggio non hanno confermato la presenza di coppie riproduttive. Quali sono i benefici a lungo termine ottenuti con il progetto? Alla luce dei risultati ottenuti nel corso del progetto, si può dire che il principale beneficio si è avuto per il Grillaio che ha ricostituito una popolazione vitale nell area di progetto e che sta espandendo anno dopo anno il suo areale nella provincia di Foggia, lasciando ben sperare in un duraturo ripopolamento. Un altro importante obiettivo raggiunto è l accresciuta sensibilità della categoria dei rocciatori verso la tutela dei rapaci rupicoli. L adozione di un nuovo regolamento di arrampicata nel Parco del Gargano, che prevede il coinvolgimento attivo delle associazioni sportive nella gestione delle aree, è la principale garanzia per la salvaguardia a lungo termine dei siti di nidificazione. Quali sono le attività che proseguiranno anche dopo la conclusione del progetto? Per consolidare il trend di crescita delle popolazioni di Grillaio verrà mantenuto in attività il centro di allevamento realizzato con il progetto LIFE. La Provincia di Foggia continuerà la gestione dei carnai, nella speranza che possano contribuire a risollevare il trend negativo della popolazione di Capovaccaio. Il Centro Studi Naturalistici Onlus infine proseguirà le attività di sensibilizzazione e divulgazione per la tutela dei rapaci. 8 Obiettivo specifico Risultati attesi Risultati conseguiti Insediamento di nuove colonie di Grillaio Incremento del successo riproduttivo del Lanario Incremento della frequentazione dell area da parte del Capovaccaio Incremento delle coppie nidificanti di Gufo reale Ricostituire due colonie di coppie nei comuni di San Giovanni Rotondo e Monte Sant Angelo; Migliorare il successo riproduttivo delle coppie presenti, passando da 1,1 a 2 giovani involati per nido Insediamento di una coppia nidificante di Capovaccaio Aumento da 1-2 coppie a 3-4 coppie Ricostituite n. 15 colonie con 148 coppie nei comuni di Manfredonia, di Trinitapoli, di Cerignola, di San Ferdinando di Puglia, Foggia, San Giovanni Rotondo Nel 2010 sono state individuate 6 coppie nell area della ZPS, delle quali 4 riproduttive con una produttività di 2 giovani per coppia Il trend negativo della specie a livello internazionale non ha consentito di raggiungere l obiettivo L accertata estinzione locale della specie ad inizio progetto non ha consentito di raggiungere l obiettivo

6 Centro di ambientamento oasi Lago Salso. Corteggiamento grillai. Maschio in cova. Installazione nidi artificiali per grillai. Tabelle pareti rocciose. Pulli di quindici giorni. Misurazioni. Monitoraggio. Ripristino piccionaie. Rilascio grillai. Rilascio grillai. Foto: M.Caldarella - archivio Centro Studi Naturalistici Bonifica delle pareti rocciose.

7 7 8 observed was 533. We are therefore witnessing a re-colonization of the Capitanata by this species from the area between the towns of Manfredonia, of Trinitapoli, of Cerignola, San Ferdinando di Puglia, Foggia, San Giovanni Rotondo. Within these areas it was observed that, for nesting, the species prefers to use mainly the ruins of abandoned farm buildings instead of the artificial nests installed that have been colonized only minimally. Even for the Lanner Falcon is confirmed that the interventions made with the project have benefited the species. In fact, in 2010 couples were identified in 6 of the SPA Gargano Promontory, including 4 with a reproductive productivity of 2 young per pair. Of breeding pairs identified should be noted that fewer than 2 sites that breed in recent years have been cleared of climbing equipment thanks to the LIFE project. General controls at the provincial level have also verified the presence of a new pair at an archaeological site (the first Italian case) about 40 km away from the SPA. For the Egyptian Vulture the negative trend internationally has been sadly confirmed for the intervention area and hopes to review the two adult specimens have been observed in 2009 despite strict controls in vain core areas of the species. It is therefore obvious that the only management of mass graves is not enough to solve the problems of the species. Even for the Eurasian Eagle Owl, for which he had observed the local extinction at the beginning of the project, monitoring activities have not confirmed the presence of breeding pairs. What are the long-term benefits obtained from the project? In light of the results obtained during the project, we can say that the main benefit has been reconstituted for the Lesser Kestrel has a viable population in the project area and is expanding its range year after year in the Province of Foggia, leaving well hope for a lasting recovery. Another important goal is achieved the increased sensitivity of the category of rock climbers to the protection of birds of prey rupicola. The adoption of new rules of climbing in the Gargano National Park, which includes the active involvement of sports associations in the areas of management, is the main guarantee for the long-term protection of nesting sites. What are the activities that will continue even after the conclusion of the project? To consolidate the growth trend of the Lesser Kestrel populations will be maintained in the center of farming activities carried out with the LIFE project. The Province of Foggia continue the management of mass graves in the hope that they can help to raise the negative trend of the Egyptian Vulture population. The Centro Studi Naturalistici Onlus then continue awareness and dissemination activities for the protection of birds of prey. Specific Objective Expected Achievements Results Establishment of new colonies of Lesser Kestrel. Increased reproductive success of Lanner Falcon. Increase in the attendance area to be part of the settlement of a Egyptian Vulture. Increase in breeding pairs of Eurasian Eagle Owl. Reconstitute two colonies of pairs in the municipalities of San Giovanni Rotondo and Monte Sant Angelo. Improve the reproductive success of pairs present from 1.1 to 2 young per nest convoluted. Establishment of Egyptian breeding pairs. Increased from 1-2 to 3-4 pairs. Reconstituted n.15 colonies with 148 pairs in the towns of Manfredonia, the Trinitapoli, of Cerignola, San Ferdinando di Puglia, Foggia, San Giovanni Rotondo. In 2010, 6 pairs were identified in the SPA, including 4 with a reproductive productivity of 2 young for couples. The negative trend of the species at the international level is not allowed to reach the goal. The local extinction of the species found at the beginning of the project did not allow to reach the goal.

8 5 6 climbing routes, monitoring of nesting sites. The second category of activities includes: For Lanner Falcon and Eurasian Eagle Owl: creation of 7 new colonies of pigeons as a source of food, reduction of human pressure on habitat by encouraging farmers to adopt more environmentally friendly agricultural techniques; For Egyptian Vulture: implementation and management of three mass graves; The Lesser Kestrel: voluntary agreements with farmers for the maintenance of pastures. It was also carried out an extensive information campaign to increase public awareness and involve local people through various instruments (environmental education in schools, nature documentary, printed materials and so on). The following are the actions carried out in more detail. 1. Preparatory, scientific inventories, action plans: Mapping of suitable buildings to house breeding colonies of Lesser Kestrel; Mapping of nesting sites of Egyptian Vulture, Eurasian Eagle Owl and Lanner Falcon; Adapting the building regulations of the municipalities of San Giovanni Rotondo and Monte Sant Angelo for the protection of nesting sites of the Lesser Kestrel; Integration of the National Action Plan for the Egyptian Vulture with the technical and scientific information pertaining to your project; Elaboration of a feasibility study for the reintroduction of the Eurasian Eagle Owl. 2. Concrete storage interventions: Were purchased and installed 400 artificial nests for the Lesser Kestrel in the farm buildings and public buildings suitable for nesting; Has been built and operated a center of adaptation and recovery of Lesser Kestrel: During the course of the project n 186 individuals of Lesser Kestrel were breeded and released; the center has also been used for the recovery of other species of birds of prey occasionally recovered from the local population; Development and management of three mass graves for birds of prey, consisting of agricultural areas within the fenced which entered the flesh of cattle breeding, good feeding of birds of prey that feed on carcasses of animal; 77 were reclaimed rock-climbing routes on sites affected by the nesting of Lanner Falcon and potentially useful for the nesting of the Egyptian Vulture and the Eurasian Eagle Owl; Were carried out in 7 pigeon farms to increase the availability of food Lanner Falcon; Monitoring of nesting sites Lanner Falcon: thanks to the staff of the Consorzio di Bonifica have been carried out surveillance of seasonal campaigns to reduce the human impact on the rock where it was present Lanner Falcon; Scientific monitoring of areas to assess the trend of prey populations affected by the project; 3. Information, education and promotion of the project: Printing and distribution of popular publications (brochure on the Lesser Kestrel, the LIFE project brochures, educational book for schools, newsletter) Two informational meetings with local technicians (engineers, architects, surveyors) to illustrate changes to building regulations; Two informational meetings with groups of climbers to raise awareness about the impacts of climbing towards the prey objective of the project: as a result of the meetings has been made a proposal to amend Regulation shared the climbing of the National Park Gargano has been implemented and approved by the Park Event; Final award of those who have installed nesting boxes for Lesser Kestrel; Website Production and distribution of audio-visual documentary on prey and on project area: the documentary was aired on local television and screened at the informational meetings; Environmental education program for schools attended by 2,183 students: the program included meetings at school and ride in the project areas, was also provided students with an educational booklet; Information point for farmers, organized by the Consorzio di Bonifica, to encourage agricultural practices with low environmental impact and to preserve the land for grazing, feeding of the Lesser Kestrel; Useful update on the Seminary of Medicine of the hawks, organized by Centro Studi Naturalistici Onlus in collaboration with the Italian Society Pets Veterinary Wild and Zoo, which was attended by 50 veterinarians from all Italian regions; International Conference final entitled Protection of Raptors in Italy and Europe: comparing experiences which was attended by experts in the management of Italian and Iberian species of diurnal and nocturnal raptors as endangered, and several other engineers involved in EU projects (LIFE + Nature and Biodiversity) the protection of birds of prey in Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Toscana. What were the results of the project? Each LIFE Nature project provides that actions are monitored to verify whether or not they met the proposed targets. LIFE project for the Raptors Gargano activity monitoring was conducted by the operators of the Centro Studi Naturalistici Onlus and made it possible to measure the effectiveness of activities carried out by the project. For the Lesser Kestrel, in favor of which has been addressed most of the interventions of the project, the results obtained through the spring release of Lesser Kestrel and maintaining a stock of breeding aviaries in the breeding center and the environment were more than gratifying, because it achieved the goal of restoring a viable population. The checks carried out in 2010 throughout the province have confirmed the positive trend of new population of Lesser Kestrel, bringing the population to no less than 148 pairs in 15 colonies distributed estimated. The total number of individual specimens

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

TODAY MORE PRESENT IN GERMANY

TODAY MORE PRESENT IN GERMANY TODAY MORE PRESENT IN GERMANY Traditionally strong in offering high technology and reliability products, Duplomatic is a player with the right characteristics to achieve success in highly competitive markets,

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

GENERAL CATALOGUE CATALOGO GENERALE LV & MV solutions for electrical distribution Soluzioni BT e MT per distribuzione elettrica

GENERAL CATALOGUE CATALOGO GENERALE LV & MV solutions for electrical distribution Soluzioni BT e MT per distribuzione elettrica Advanced solutions for: UTILITY DISTRIBUTION TERTIARY RENEWABLE ENERGY INDUSTRY Soluzioni avanzate per: DISTRIBUZIONE ELETTRICA TERZIARIO ENERGIE RINNOVABILI INDUSTRIA The company T.M. born in year 2001,

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation

La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation difendi il made in Italy, scegli un azienda italiana La soluzione completa per l irrigazione Irritec realizza prodotti

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli