PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068"

Transcript

1 PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068

2 1 ABSTRACT The project WASTELESS IN CHIANTI has developed a pilot experience of success for the effective implementation and monitoring of an integrated strategy for waste prevention and sustainable waste management in a local community. The After LIFE Communication Plan sets out how the partners plan to give continuation to the dissemination and communication of the WASTELESS IN CHIANTI results after the end of the project, at no additional costs. The Plan foresees, on the one hand, the dissemination of tools and resources developed in the project and the communication of the results achieved through the continuous information and, on the other hand, the continuation and further development of some of the actions carried out within the project, in the pilot area of Florentine Chianti. In detail, the actions are described in the following paragraphs. 2 INTRODUZIONE Il progetto WASTELESS IN CHIANTI ha messo a punto un esperienza pilota di successo per l efficace implementazione e il monitoraggio di una strategia integrata di prevenzione e gestione sostenibile dei rifiuti in una comunità locale. Il Piano di Comunicazione After LIFE stabilisce come i partner pensano di dare continuazione alla disseminazione e comunicazione dei risultati di WASTELESS IN CHIANTI dopo la fine del progetto, senza costi addizionali. Il Piano prevede, da una parte, la diffusione degli strumenti e risorse sviluppate nel progetto e la comunicazione dei risultati raggiunti, attraverso l informazione continua e, dall altra parte, la prosecuzione e l ulteriore sviluppo di alcune delle azioni realizzate nell ambito del progetto nell area pilota del Chianti Fiorentino. Nel dettaglio, le azioni previste sono descritte nei paragrafi seguenti. 3 AZIONI 3.1 AZIONE 1: Mantenimento delle azioni nelle aree pilota OBIETTIVO: mantenere le attività nelle aree pilota che hanno partecipato al progetto. DESCRIZIONE: dopo la fine del progetto, nell area pilota, le seguenti attività saranno mantenute e ulteriormente sviluppate dai Comuni, in collaborazione con l azienda Quadrifoglio per quanto di sua responsabilità: 1. servizio di raccolta del rifiuto indifferenziato con sistema a calotta e chiavetta magnetica individuale per il controllo dei conferimenti da parte degli utenti; 2. applicazione dei nuovi regolamenti per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani; 3. applicazione dei regolamenti comunali per la gestione sostenibile delle sagre e manifestazioni pubbliche; VERS: 01 DATA: 30/12/2013 PAGINA: 2 di 7

3 4. applicazione del marchio waste less per esercizi commerciali, pubblici esercizi, scuole, uffici, strutture ricettive; 5. gestione del Centro del Riuso presso il centro di raccolta in Località Canciulle, nel comune di San Casciano in Val di Pesa; 6. realizzazione periodica dei mercatini del riuso svuota la soffitta ; 7. applicazione delle procedure di acquisto verde da parte dei Comuni; 8. manutenzione dei fontanelli pubblici di distribuzione di acqua di rete di qualità e degli erogatori installati presso le scuole; 9. promozione del compostaggio domestico, distribuzione delle compostiere, attività di informazione e controllo sulla corretta applicazione dell auto compostaggio e sull uso del compost. 3.2 AZIONE 2: Mantenimento del sito internet OBIETTIVO: consentire ad altri contesti di replicare l esperienza WASTELESS IN CHIANTI e in generale ai portatori d interesse di poter acquisire il materiale emerso dal progetto e richiedere informazioni. DESCRIZIONE: Il sito continuerà ad essere lo strumento principale per la diffusione del progetto e sarà mantenuto attivo per almeno 5 anni dopo il termine del progetto. A conclusione del progetto, il sito è stato revisionato apportando le seguenti modifiche principali: Inserimento in homepage del video sulle azioni e i risultati del progetto; Riorganizzazione della sezione documenti per rendere più agevole la consultazione dei materiali e strumenti predisposti nell ambito del progetto; Introduzione di una sezione riepilogativa sui risultati raggiunti rispetto ai target fissati (riduzione della produzione totale e pro capite dei rifiuti, incremento della raccolta differenziata, riduzione dei rifiuti indifferenziati, sia rispetto all anno di riferimento assunto nel progetto 2007, sia rispetto all anno di avvio del progetto 2010) Il sito, nella sezione news, sarà periodicamente aggiornato con tutti gli eventi riguardanti i contenuti del progetto WASTELESS IN CHIANTI ed interventi focalizzati sulle tematiche del progetto. Eventuali presentazioni elaborate dai partner del progetto saranno reperibili sul sito. Anche i link al sito realizzati sulle home page dei partner saranno mantenuti attivi. 3.3 AZIONE 3: Mantenimento dell indirizzo e mail in chianti.it OBIETTIVO: consentire ai portatori di interesse, sia nell area pilota del Chianti Fiorentino, sia in ambito nazionale ed europeo, di richiedere informazioni e chiarimenti in merito alle azioni e ai risultati del progetto. DESCRIZIONE: la casella di posta elettronica sarà mantenuta attiva per almeno 5 anni dopo il termine del progetto e sarà cura di Ambiente Italia controllare e dare risposta alle richieste pervenute o inoltrarle ai partner di progetto a cui le richieste sono indirizzate. 3.4 AZIONE 4: Divulgazione dei risultati in eventi e pubblicazioni OBIETTIVO: Continuare la divulgazione del progetto e delle esperienze dell area pilota. DESCRIZIONE: i partner continueranno a partecipare ad eventi locali, nazionali ed europei; alcuni degli eventi già individuati dove saranno presentati i risultati e gli strumenti di progetto sono: VERS: 01 DATA: 30/12/2013 PAGINA: 3 di 7

4 - Conferenza stampa, Firenze, gennaio 2014 (organizzata dalla Provincia di Firenze); - European Waste Management day, Sofia, 5 7 Marzo 2014 (iniziativa organizzata da ACR+ e ENEP); - ACR+ 20th anniversary, EWWR Awards and General Assembly, Roma, Maggio 2014 (iniziativa organizzata da ACR+); - Fiera Ecomondo, Rimini, Novembre 2014 (eventi organizzati in collaborazione con i progetto MED Zero Waste Pro e LIFE+ NO.WA). Inoltre verranno fatte delle pubblicazioni mirate alla diffusione dei risultati (articoli in stampa locale, regionale e nazionale; news su newsletter di altri progetti o di organizzazioni che si occupano di prevenzione e gestione sostenibile dei rifiuti). 3.5 AZIONE 5: Partecipazione a incontri di networking con altri progetti europei sul tema della prevenzione dei rifiuti OBIETTIVO: Proseguire l attività di networking avviata in fase di realizzazione del progetto. DESCRIZIONE: durante la realizzazione del progetto, in particolare nell ultimo anno di attività, i partner di progetto hanno attivato e mantenuto contatti con altri progetti sul tema della prevenzione e gestione sostenibile dei rifiuti cofinanziati dalla Commissione Europea, al fine di favorire lo scambio di buone pratiche. In particolare, il partner Ambiente Italia ha partecipato agli incontri di networking organizzati nell ambito dei progetti LIFE+ NO.WA (capofila: Comune di Reggio Emilia) e LIFE+ LOWASTE (capofila: Comune di Ferrara) nel corso del 2013, che hanno portato alla predisposizione di un appello normativo sul tema dei rifiuti, sottoposto ai rappresentanti delle istituzioni nazionali, finalizzato ad evidenziare i principali ostacoli di carattere normativo che hanno limitato il campo d azione e i risultati delle azioni in materia di prevenzione dei rifiuti. Il testo dell appello è disponibile qui: in chianti.it/azioni/appello_normativo_sui_rifiuti/13.aspx L appello è stato sottoscritto da: - Associazione Coordinamento Agende 21 Locali Italiane: - Progetto LIFE+ LOWaste: - Progetto LIFE+ ECO Courts: ecocourts.it/; - Progetto LIFE+ IDENTIS WEEE: - Progetto LIFE+ NO.Waste: - Progetto LIFE+ NOW No more Organic Waste: - Progetto LIFE+ Prisca: - Progetto LIFE+ Promise: - Progetto LIFE+ Wasteless in Chianti: in chianti.it/; - Progetto Maritime IT FR RES MAR, Azione D (Elba Plastic Free): - Rete Operatori Nazionale dell Usato: - Occhio del riciclone: Dopo il termine del progetto, Ambiente Italia continuerà a partecipare agli incontri e alle iniziative del network che si è creato, al fine di offrire il proprio contributo per il superamento degli ostacoli individuati ed evidenziati nell appello. VERS: 01 DATA: 30/12/2013 PAGINA: 4 di 7

5 3.6 AZIONE 6: Capitalizzazione dei risultati del progetto nell ambito delle attività del progetto MED Capitalization Zero Waste PRO OBIETTIVO: capitalizzare i risultati del progetto. DESCRIZIONE: il progetto Wasteless in Chianti è stato assunto come buona pratica da capitalizzare nell ambito del progetto MED Capitalization Zero Waste Pro, avviato nel luglio 2013 e finalizzato a capitalizzare le metodologie e gli strumenti sviluppati nell ambito di progetti co finanziati dalla Commissione Europea in tema di gestione dei rifiuti a scala locale e regionale. Il progetto, finanziato dal programma europeo di cooperazione territoriale MED e da risorse nazionali, terminerà a dicembre I partner del progetto sono - EGTC Efxini Poli Network of European Cities for Sustainable Development (Capofila), Grecia; - Ecological Recycling Society, Grecia; - Svi Med, Euro Mediterranean Center for Sustainable Development, Ragusa, Italia; - Ambiente Italia srl, Italia; - Research Centre Bistra Ptuj, Slovenia; - Regione Marche, Italia; - FAMCP, Federation of Regions, Municipalities and Provinces of Aragon, Spagna; - Città di Bedekovčina, Croazia; - SERDA, Sarajevo Economic Regional Development Agency, Bosnia e Herzegovina; - Camera di Commercio di Marseille, Francia; - WasteServ, Malta. Nell ambito del progetto, saranno realizzate strumenti divulgativi e saranno organizzate iniziative di disseminazione in tutti i paesi partner, che contribuiranno anche alla divulgazione delle azioni e dei risultati raggiunti grazie al progetto Wasteless in Chianti. Per informazioni sul progetto: https://www.facebook.com/zerowastepro PRO AZIONE 7: Capitalizzazione dei risultati con altri nuovi progetti OBIETTIVO: capitalizzare i risultati del progetto. DESCRIZIONE: I partner cercheranno di preparare dei progetti di collaborazione a livello nazionale ed europeo per capitalizzare i risultati del progetto, da realizzare principalmente nelle aree dove le performance dei sistemi di gestione dei rifiuti urbani risultano arretrate rispetto agli obiettivi posti dalla normativa europea e nazionale. 4 MONITORAGGIO DELLE ATTIVITÁ FUTURE Con l obiettivo di monitorare l efficacia delle azioni messe in campo, nell ambito del progetto è stato messo a punto un sistema di rilevazione e valutazione dei risultati conseguiti con l applicazione delle diverse tipologie di azioni. L acquisizione e la rielaborazione dei dati di monitoraggio è effettuata attraverso uno specifico portale on line (http://portale.wasteless inchianti.it), che da un lato consente agli utenti registrati (partner di progetto e soggetti aderenti al VERS: 01 DATA: 30/12/2013 PAGINA: 5 di 7

6 marchio) di caricare i dati di input necessari per il calcolo dei parametri di monitoraggio, dall altro consente al pubblico di visualizzare i risultati. Al fine di proseguire nel monitoraggio delle azioni realizzate nell area pilota, il portale di monitoraggio sarà mantenuto attivo anche dopo il termine del progetto e Ambiente Italia provvederà alla sua gestione, in collaborazione con i Comuni e Quadrifoglio che dovranno periodicamente fornire i dati di input necessari per l aggiornamento dei parametri di monitoraggio. La strutturazione e le modalità di funzionamento del portale sono illustrate nell elaborato di progetto After LIFE Evaluation Program, che definisce nel dettaglio anche le responsabilità e i tempi di aggiornamento dei diversi parametri. VERS: 01 DATA: 30/12/2013 PAGINA: 6 di 7

7

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti

Dettagli

NOW No More Organic Waste. NO.WA - No Waste

NOW No More Organic Waste. NO.WA - No Waste REPORT FESTIVAL LOWASTE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA, VENERDÌ 11 MAGGIO 2012 Documento di restituzione delle considerazioni emerse durante il Workshop tecnico

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NO.WA - No Waste

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti Premesso che Il tema della riduzione dei rifiuti è una delle priorità delle politiche ambientali europee, come affermato nel Sesto Programma d Azione ambientale e ribadito nella proposta di Programma d

Dettagli

Promozione. della prevenzione. della produzione di rifiuti

Promozione. della prevenzione. della produzione di rifiuti Promozione della prevenzione della produzione di rifiuti Documento condiviso ed elaborato da: Associazione Coordinamento Agende 21 Locali Italiane http://www.a21italy.it/ Progetto LIFE+ ECO Courts http://life-ecocourts.it/

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

Giornata Mondiale dell Ambiente 2010. Genova per la gestione sostenibile dei rifiuti

Giornata Mondiale dell Ambiente 2010. Genova per la gestione sostenibile dei rifiuti Project co-financed European Regional Development Fund Giornata Mondiale dell Ambiente 2010 Genova, 4 Giugno Auditorium Palazzo Rosso Genova per la gestione sostenibile dei rifiuti Rifiuti 21 Network e

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI MENO RIFIUTI: ESPERIENZE A CONFRONTO LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Terra Futura, 21 maggio 2011 Firenze, Fortezza da Basso Sala

Dettagli

E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012

E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012 E.3 Networking Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012 Data di conclusione prevista: IV trimestre 2014 Creare un network tematico Attivare scambi con progetti analoghi Data di conclusione

Dettagli

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011 LOWaste Local Waste Market for second life products Incontro Ferrara, settembre 2011 Contenuti dell incontro Che cos è il Programma LIFE+ Introduzione progetto LOWaste Gli obiettivi Le azioni previste

Dettagli

KIT DI COMUNICAZIONE

KIT DI COMUNICAZIONE KIT DI COMUNICAZIONE KIT DI COMUNICAZIONE INDICE Prefazione 1 2 2.1 2.2. 2.3. 2.3.1 2.3.2 2.3.3 2.3.4 2.3.5 2.3.6 3 Introduzione Piano di Comunicazione per una campagna di prevenzione dei rifiuti Premessa

Dettagli

Progetto LOWaste Steering Committee meeting. Sala Arazzi, Comune di Ferrara 29 ottobre 2013

Progetto LOWaste Steering Committee meeting. Sala Arazzi, Comune di Ferrara 29 ottobre 2013 Progetto LOWaste Steering Committee meeting Sala Arazzi, Comune di Ferrara 29 ottobre 2013 Programma della giornata Orario 15.00 15.15 15.15 15.45 15.45 16.15 16.15 16.30 16.30 16.45 Argomenti all ordine

Dettagli

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans AFTER LIFE COMMUNICATION PLAN With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community

Dettagli

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA Genova, gennaio 2015 T BRIDGE NEI PROGETTI EUROPEI Dal 2009 T Bridge è attiva nell ambito dei Progetti Europei, sia in modo

Dettagli

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto Progetto Leonardo ARGO Promozione del progetto Obiettivi di Progetto Il progetto Leonardo ARGO si pone i seguenti obiettivi: Garantire il diritto all apprendimento quale condizione dell occupabilità; Favorire

Dettagli

CAPACITY BUILDING PLAN. LIFE+ LOWasteENV/IT/000373 Deliverable #11 Action C1 Deadline: 30/09/2012. Con il contributo di

CAPACITY BUILDING PLAN. LIFE+ LOWasteENV/IT/000373 Deliverable #11 Action C1 Deadline: 30/09/2012. Con il contributo di CAPACITY BUILDING PLAN LIFE+ LOWasteENV/IT/000373 Deliverable #11 Action C1 Deadline: 30/09/2012 Con il contributo di Il progetto e il Percorso formativo Il Progetto LIFE+ LOWaste vede impegnata sul territorio

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino MANAGEMENT PROGRAM For the prevention and reduction Action Plan implementation Versione del 16/09/2011

Dettagli

Progetti Ecomark e MEID: un esempio di cross fertilization e sviluppo di relazioni transnazionali in tema di aree industriali e green marketing

Progetti Ecomark e MEID: un esempio di cross fertilization e sviluppo di relazioni transnazionali in tema di aree industriali e green marketing Progetti Ecomark e MEID: un esempio di cross fertilization e sviluppo di relazioni transnazionali in tema di aree industriali e green marketing Arianna Dominici Loprieno Mario Tarantini Rovena Preka Maria

Dettagli

RICOH E L AMBIENTE. Ottobre 2013. TQM/CSR Department

RICOH E L AMBIENTE. Ottobre 2013. TQM/CSR Department RICOH E L AMBIENTE Ottobre 2013 TQM/CSR Department 1 Strategia di sostenibilità Ricoh L approccio delle 3P assicura che il modello di business sia continuamente finalizzato al raggiungimento degli obiettivi

Dettagli

PROGETTARE CENTRI DI RIUSO

PROGETTARE CENTRI DI RIUSO PROGETTARE CENTRI DI RIUSO DATI DI CONTESTO E CASI STUDIO Maya Battisti Centro di Ricerca Economica e Sociale Occhio del Riciclone Roma, Facoltà di Architettura de La Sapienza 18 Dicembre 2014 Occhio del

Dettagli

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Reference: 550472-LLP-1-2013-1-IT-KA1-KA1ECETA Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000373 Beneficiario Coordinatore: Comune di Ferrara Viale Alfonso D'Este 17 44123 Ferrara Laura Sitti Tel: 0532/419316 E-mail: a.piganti@comune.fe.it Sito web:

Dettagli

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Open SoundS WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Informazioni sul progetto Titolo del progetto: Peer education on the internet for social sounds Area di riferimento: Educazione musicale attraverso

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO (OTD) Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 168/22.12.2011 In vigore dal 1 febbraio

Dettagli

Il contributo delle aree industriali alle politiche di Produzione e Consumo Sostenibile: strategie e buone pratiche

Il contributo delle aree industriali alle politiche di Produzione e Consumo Sostenibile: strategie e buone pratiche Integrating experiences and recommendations in Ecoinnovation for Sustainable Production and Consumption Piacenza, 10 ottobre 2014 Il contributo delle aree industriali alle politiche di Produzione e Consumo

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA Firenze, Nome 21 Cognome Novembre 2012 Ruolo ELIO ALTESE LIFE09 Ambiente

Dettagli

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Rimini, 5 novembre 2010

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Rimini, 5 novembre 2010 Convegno Internazionale La gestione dei rifiuti nelle strategie di mitigazione del climate change. Progetti europei ed esperienze nell area del mediterraneo WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia PROGETTO UTENZE TARGET Allegato A: Scheda tecnica del progetto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA PAGINA: 1 DI 5 PREMESSA L obiettivo principale di questo progetto consiste nell incremento

Dettagli

"Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani"

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani LIFE Project Number LIFE10 ENV/IT/331 Monthly Report Reporting Date April 2014 LIFE+ PROJECT NAME "Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento

Dettagli

Il progetto Energy For Mayors

Il progetto Energy For Mayors Il progetto Energy For Mayors Verso un nuovo sistema energetico City on power: dal piano alle azioni locali Torino 7 novembre 2012 Dario Miroglio, Provincia di Genova (IT) miroglio@provincia.genova.it

Dettagli

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea.

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. Presentazione avanzamento progetto Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. DELIVERABLES E MILESTONES PER OGNI AZIONE LE AZIONI AZIONE 1 WP1. DEFINIZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO

Dettagli

La cooperazione allo sviluppo del Comune di Milano

La cooperazione allo sviluppo del Comune di Milano La cooperazione allo sviluppo del Comune di Milano Marco Grandi Responsabile Ufficio Cooperazione Settore Relazioni Internazionali Gabinetto del Sindaco 27.11.2013 Perché 1/2 La Legge n 49/1987 Nuova disciplina

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14

Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14 1 Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14 2 Azione B 1 Screening delle strutture sanitarie e dei presidi veterinari che dismettono attrezzature e apparecchi biomedicali; Azione B 3 Gestione dei

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Prisca Promotore/i: Comune di San Benedetto del Tronto Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

La formazione continua. PILLOLE DI CONOSCENZA PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO EUROPEI. Skillab e Unione Industriale di Torino

La formazione continua. PILLOLE DI CONOSCENZA PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO EUROPEI. Skillab e Unione Industriale di Torino La formazione continua. PILLOLE DI CONOSCENZA PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO EUROPEI Skillab e Unione Industriale di Torino 18 Marzo 9 Giugno 2015 Obiettivi Skillab e lo Sportello Horizon 2020 - programmi

Dettagli

MAnagement INnovation (MAIN), è una Società di Consulenza nata nei primi mesi del 2008 capitalizzando le esperienze manageriali e industriali nei

MAnagement INnovation (MAIN), è una Società di Consulenza nata nei primi mesi del 2008 capitalizzando le esperienze manageriali e industriali nei MAnagement INnovation (MAIN), è una Società di Consulenza nata nei primi mesi del 2008 capitalizzando le esperienze manageriali e industriali nei settori innovativi dei fondatori. Le principali linee di

Dettagli

Consorzio di Bacino Salerno 1

Consorzio di Bacino Salerno 1 Consorzio di Bacino Salerno 1 Attività di internazionalizzazione e cooperazione internazionale Fabio Siani CEO 2 Consorzio Salerno 1 Regione Campania Located in southern Italy About 5 million people 5

Dettagli

ALLEGATO 13. Specifica tecnica del sito web del progetto LIFE-SIAM

ALLEGATO 13. Specifica tecnica del sito web del progetto LIFE-SIAM SIAM Sustainable Industrial Area Model ALLEGATO 13 Specifica tecnica del sito web del progetto LIFE-SIAM TECHNICAL SPECIFICATIONS OF THE SIAM PROJECT S WEB SITE Task 7 DISSEMINATION PLAN ENEA-PROT Date:

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Azione 3 - Mappatura dei progetti di riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Reggio

Dettagli

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010 Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader mezia Terme 5 marzo 2010 1 Rete Rurale Nazionale -Organizzazione TF Rete Leader Segretariato tecnico Comitato Scientifico 2 Il contesto Gli attori

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

IL PROGETTO SERPENTE

IL PROGETTO SERPENTE Agenzia Fiorentina per l Energia Srl Florence Energy Agency IL PROGETTO SERPENTE Surpassing Energy Targets through Efficient Public Buildings http://www.serpente-project.eu Roma 13 Giugno 2013 Agenzia

Dettagli

SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE

SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE [DECISION SUPPORT SYSTEM FOR WASTE MANAGEMENT PRACTICES AT LOCAL LEVEL] PREMESSA Il progetto Smartness in Waste Management è stato ideato

Dettagli

Il percorso del Progetto CAPACI, da esperimento Italiano a progetto Europeo. Ivana Gargiulo. Riccardo Coletta

Il percorso del Progetto CAPACI, da esperimento Italiano a progetto Europeo. Ivana Gargiulo. Riccardo Coletta Il percorso del Progetto CAPACI, da esperimento Italiano a progetto Europeo Riccardo Coletta Ivana Gargiulo EU Programmes and Project Expert Formez PA Project Manager Consorzio CBI Convegno CBI Roma, 1

Dettagli

Obiettivo Europa s.r.l. (Riproduzione vietata) www.obiettivoeuropa.it

Obiettivo Europa s.r.l. (Riproduzione vietata) www.obiettivoeuropa.it Il Corso di formazione in Europrogettazione per le Piccole e Medie Imprese (PMI), proposto da Obiettivo Europa, intende fornire alle imprese italiane solide conoscenze e validi strumenti operativi necessari

Dettagli

RINNOVO DEL PROTOCOLLO DI INTESA PER L ADESIONE AL GRUPPO INTERUNIVERSITARIO PER IL MONITORAGGIO DEI SISTEMI BIBLIOTECARI (GIM)

RINNOVO DEL PROTOCOLLO DI INTESA PER L ADESIONE AL GRUPPO INTERUNIVERSITARIO PER IL MONITORAGGIO DEI SISTEMI BIBLIOTECARI (GIM) RINNOVO DEL PROTOCOLLO DI INTESA PER L ADESIONE AL GRUPPO INTERUNIVERSITARIO PER IL MONITORAGGIO DEI SISTEMI BIBLIOTECARI (GIM) TRA LE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA

Dettagli

1 2 per rispondere alle sfide e ai problemi del cambiamento climatico.

1 2 per rispondere alle sfide e ai problemi del cambiamento climatico. Welcome! This is an online publication within the CHAMP-project with virtual pages that can be turned with the mouse or by clicking on the navigation bar Sviluppo di capacità di gestione integrata per

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa IL PIANO FORMATIVO PIVOT Avviso 2/08 Fondimpresa INDICE Sintesi del Progetto Finalità Obiettivi Destinatari Fasi del Progetto Risultati Attesi Il Piano Formativo PIVOT FINALITA' SINTESI DEL PROGETTO FINALITA'

Dettagli

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future.

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future. Aalborg Commitments e Protocollo di Kyoto: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane per la prevenzione dei cambiamenti climatici L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone Roma, 8 giugno 2012

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone Roma, 8 giugno 2012 APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone L' APRE è un Ente di ricerca non profit con obiettivo, sancito dall articolo 3

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 Azione 4 Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste SOMMARIO SOMMARIO... 2 1 PREMESSA... 3 2 MODALITÀ

Dettagli

AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO

AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO 1. Premessa... 2 2. Processo Partecipato (Azione B.1)...

Dettagli

etalent Cagliari 15 giugno 2007

etalent Cagliari 15 giugno 2007 etalent Cagliari 15 giugno 2007 Project Manager Dott. Giovanni Illomei Laureato in Medicina e Chirurgia Specialista in Chirurgia Generale Specialista in Radiodiagnostica Project Staff Ing. Manuela Angioni

Dettagli

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Introduzione La comunicazione nei progetti finanziati dalla Commissione europea svolge sempre un ruolo rilevante in

Dettagli

Ricerca, Consulenza e Progettazione per la Sostenibilità. Reggio Emilia, 23 febbraio 2012

Ricerca, Consulenza e Progettazione per la Sostenibilità. Reggio Emilia, 23 febbraio 2012 Ricerca, Consulenza e Progettazione per la Sostenibilità Reggio Emilia, 23 febbraio 2012 CHI SIAMO Ambiente Italia è un gruppo leader in Italia e in Europa nella ricerca e nella consulenza. Opera nell'analisi,

Dettagli

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI PIATTAFORMA RIFIUTI ARGOMENTI: 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI 3. I RISULTATI DA RAGGIUNGERE 4. CONCLUSIONI 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

Programmi efficaci per la prevenzione dell obesità: sito web EBP e obesità

Programmi efficaci per la prevenzione dell obesità: sito web EBP e obesità Programmi efficaci per la prevenzione dell obesità: sito web EBP e obesità Nadia Olimpi Agenzia Regionale di Sanità della Toscana Modena, 27 Maggio 2009 www.arsanita.toscana.it Il progetto Programmi efficaci

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE ACCELERARE LA GIUSTIZIA PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE DIGITALIZZAZIONE DI ATTI NOTIFICHE ON LINE PAGAMENTI ON LINE Roma, Indice Obiettivi del programma Sintesi Inquadramento Obiettivi e linee

Dettagli

Le opportunità per le PMI nei nuovi programmi europei di ricerca e innovazione. Napoli, 6 giugno 2014 Dott. Marco Matarese

Le opportunità per le PMI nei nuovi programmi europei di ricerca e innovazione. Napoli, 6 giugno 2014 Dott. Marco Matarese Le opportunità per le PMI nei nuovi programmi europei di ricerca e innovazione Napoli, 6 giugno 2014 Dott. Marco Matarese PRESENTAZIONE Costituito nel febbraio del 1992, il Consorzio Technapoli è il Parco

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino Versione del 16/09/2011

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino Versione del 16/09/2011 per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino Versione del 16/09/2011 LIFE09 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti

Dettagli

Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities

Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities Legnaro, 19 novembre 2013 Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities Finanziamento Europeo: programma Transfrontaliero IPA Adriatico dott. Loris Agostinetto Settore Bioenergie

Dettagli

Allegato tecnico 5 - Monitoraggio degli interventi e comunicazione

Allegato tecnico 5 - Monitoraggio degli interventi e comunicazione Protocollo di intesa tra Hera S.p.A., Hera Comm S.r.l e i Comuni per la realizzazione di aree verdi urbane e la promozione della bolletta elettronica del Gruppo Hera Allegato tecnico 5 - Monitoraggio degli

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

European Spatial Planning Observation Network

European Spatial Planning Observation Network European Spatial Planning Observation Network Graziella Guaragno geografia e risorse ESPON 2020 FESR 41,377 Meuro priorità Mission Continuare il consolidamento di una Rete Europea di Osservazione Territoriale

Dettagli

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Cosa è OPR? L OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI L Osservatorio Provinciale (OPR) è una struttura operativa con

Dettagli

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Workshop: op la accab ciclabilità in ambito btouba urbano I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Reggio Emilia, 17 novembre 2011 Patrizia Malgieri

Dettagli

EMAS: l esperienza della camera di commercio di Ravenna. Sub-title Cinzia Bolognesi, Sidi Eurosportello EEN. Forlì, 3 marzo 2010

EMAS: l esperienza della camera di commercio di Ravenna. Sub-title Cinzia Bolognesi, Sidi Eurosportello EEN. Forlì, 3 marzo 2010 EMAS: l esperienza della Title Sub-title Cinzia Bolognesi, Sidi Eurosportello EEN Forlì, 3 marzo 2010 PLACE PARTNER S LOGO HERE European Commission Enterprise and Industry Title of the presentation Date

Dettagli

I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico

I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico Marzio Marzorati Coordinamento Agende 21 locali italiane Orsola Bolognani - Ambiente Italia Rimini, 10 novembre

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata.

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata. Il settore agroalimentare siciliano, per numero di occupati, potenzialità di qualità, diversità, tipicità e tradizioni alimentari e salutistiche è tra quelli portanti dell economia regionale. Le caratteristiche

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016.

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. Indice: Premessa 1. FONTI NORMATIVE 2. STRUMENTI 3. DATI DA PUBBLICARE 4. INIZIATIVE DI

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

WATERFORLIFE LIFEFORWATER

WATERFORLIFE LIFEFORWATER PROVINCIA DI VICENZA IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA PARTECIPATA DI RISPARMIO IDRICO E RICARICA ARTIFICIALE PER IL RIEQUILIBRIO QUANTITATIVO DELLA FALDA DELL'ALTA PIANURA VICENTINA. ERSO UN CONTRATTO

Dettagli

ADRIAFOOTOURING Adriatic food and tourism: innovating smes. Interreg IV A IPA Adriatico II bando

ADRIAFOOTOURING Adriatic food and tourism: innovating smes. Interreg IV A IPA Adriatico II bando ADRIAFOOTOURING Adriatic food and tourism: innovating smes Interreg IV A IPA Adriatico II bando In breve OBIETTIVO generale della proposta è di favorire lo sviluppo, nelle regioni coinvolte, di strumenti

Dettagli

D U R A T A 1998-2003. D O T A Z I O N E F I N A N Z I A R I A 30 milioni di euro.

D U R A T A 1998-2003. D O T A Z I O N E F I N A N Z I A R I A 30 milioni di euro. ASIA-URBS D U R A T A 1998-2003 D O T A Z I O N E F I N A N Z I A R I A 30 milioni di euro. O B I E T T I V I Contribuire allo sviluppo socioeconomico dei paesi dell Asia, in particolare migliorando le

Dettagli

«COMPOST TI AMO!» Campagna di assistenza tecnica al compostaggio domestico della Città metropolitana di Roma Capitale. a cura Vincenza Di Malta

«COMPOST TI AMO!» Campagna di assistenza tecnica al compostaggio domestico della Città metropolitana di Roma Capitale. a cura Vincenza Di Malta «COMPOST TI AMO!» Campagna di assistenza tecnica al compostaggio domestico della Città metropolitana di Roma Capitale a cura Vincenza Di Malta La frazione organica rappresenta il 30-35% della produzione

Dettagli

KEN PARKER SISTEMI s.r.l.

KEN PARKER SISTEMI s.r.l. KEN PARKER SISTEMI s.r.l. UN PARTNER PER L EUROPA UNA RISORSA PER L ENERGIA E PER L AMBIENTE Sede Amministrativa ed Operativa: Via Carlo Conti Rossini, 95 00147 Roma Tel.: +39 06 93578047 Fax.:+39 06 93578048

Dettagli

Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2010. 5 edizione

Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2010. 5 edizione Luglio 2010 Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2010 5 edizione AIAT indice per l anno 2010 un concorso pubblico per l assegnazione del Fondo speciale AIAT

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Ente Coordinatore Comune di Pesaro Dott.ssa Fiorenza Martufi Servizio Pianificazione strategica Comune di Pesaro e_demps@comune.pesaro.ps.it Fasi e

Dettagli

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Finalità dell iniziativa MImprendoItalia propone una competizione nazionale tra team multidisciplinari di studenti impegnati a

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes

RELS Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks Technical meeting minutes RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes Reggio Emilia 30/08/2010 Lista dei partecipanti ALBERTO BELLINI BIANCHINI CLAUDIO GAMBERINI RITA MILANI

Dettagli