Rassegna Stampa. Lunedì 22 Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Lunedì 22 Settembre 2014"

Transcript

1 Rassegna Stampa 22 Settembre 2014

2 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione Milano Finanza 20/09/ Visto & Previsto - L'ultima settimana 1 Milano Finanza 20/09/ Invecchiare insieme (Giuro Carlo) 3 2. Previdenza Sole 24 Ore (Il) 1 Scuola, i volontari del recupero (Springhetti Paola) 4 Sole 24 Ore (Il) 1 L'Esperto risponde - Dal 1 ottobre F24 telematico per importi oltre mille euro. II limite al contante impone l'accredito sul conto corrente (Giovagnoli Siro;Re Emanuele;Fo) Repubblica (la) 1 L'inchiesta - I vitalizi d'oro costano 170 milioni l'anno e i bilanci delle Regioni non reggono più (Mania Roberto) Repubblica (la) 9 La riforma - Vertice Cgil, Cisl e Uil. "Manifestazione comune" ma è lite sull'articolo 18 (Grion Luisa) Italia Oggi 45 In salita la strada del rientro per i lavoratori over cinquanta (D'Alessio Simona) Italia Oggi 1 Cig in deroga, c'è spazio anche per i piccoli imprenditori (Cirioli Daniele) CorrierEconomia 23 Gli avvocati - Previdenza a misura dei giovani (Trovato Isidoro) Sole 24 Ore (Il) 20/09/ Fisco in breve - Lavoro. Aspi, l'inps precisa i termini Italia Oggi 20/09/ Cumulo pensione-lavoro. Redditi entro il 30/9 (Comegna Leonardo)

3 Estratto da pag. 4 Pierluigi Magnaschi Sabato 20/09/2014 Visto Previsto L'ULTIMA SETTIMANA Italia. L'Ocse ha rivisto al alla Bce solo 82,6 miliardi, Covip. Dopo 14 anni Andrea ribasso le stime di crescita mentre le attese erano per Monorchio lascia la presidenza dell'italia: quest'anno il pil sarà almeno 100 miliardi. La fetta della Covip, la Commissione di negativo (-0,4%) e l'anno più grande è andata alle banche vigilanza sui fondi pensione. Al prossimo crescerà solo dello italiane 23,08 miliardi. Il flop suo posto subentra come 0,1%. Nel Def del 15 aprile della Tltro rende ancora più presidente Mauro Masi, ex scorso il governo aveva urgente il lancio di un vero QE, direttore generale della Rai, che previsto una crescita dello ovvero un massiccio piano di sarà designato anche come 0,8% nel 2014 e dell'1,3% nel acquisto di titoli di Stato. Ftse amministratore delegato. In Hedge fund. Calpers, il Mib -0,7%. Piazza Affari commissione subentrano colosso dei fondi pensione che chiude a punti, dopo Daniela Della Rota, avvocato gestisce 300 miliardi di dollari essersi spinta fino a un top internazionalista e Andrea degli impiegati pubblici della intraday a quota in scia Peruzy consigliere del California, ha ritirato 4 miliardi ai festeggiamenti per la vittoria Mediocredito Centrale e dagli hedge fund per ridurre i dei no all'indipendenza segretario della Fondazione costi e i rischi legati agli scozzese dal Regno Unito. Italianieuropei. investimenti. Soprattutto, i Dopo l'iniziale sospiro di Intesa Sanpaolo. Gianemilio ritorni degli hedge fund, stimati sollievo post referendum Osculati chiude ufficialmente ad agosto in poco più del 4%, scozzese, però, gli investitori la sua esperienza in Intesa non sono più ritenuti adeguati hanno iniziato a temere di San- Bi compagnia da Calpers. poter perdere un altro pezzo d'europa, la Catalogna che ha assicurativa del gruppo Intesa annunciato che firmerà il Sanpaolo, l'isti- j to comunica decreto per indire un Bi che il manager ha concluso referendum sull'indipendenza il mandato da amministratore da Madrid il prossimo 9 delegato e lascia anche gli novem- incarichi di presidente di Mediobanca. L'esercizio Intesa Sanpaolo Assicura, a.d. bre. Ad appesantire il sentiment si è chiuso con un di Intesa Sanpaolo Previdenza sui mercati sono state anche le e di responsabile dell'area di ritorno all'utile netto di rinnovate voci di un downgrade 464,8 milioni di euro. Ai di Mood/s sul rating sovrano governo Wealth management soci andrà un dividendo di della Francia. Male sopratto il di Intesa Sanpaolo. Milano- titolo Cattolica Assicurazioni, Serravalle. Via libera al 0,15 euro per azione. Il che ha perso il 6,75% a 14,78 bilancio 2013 della Milano nuovo mantra di piazzetta euro dopo avere annunciato Serravalle. Il cda Cuccia è: più banca e meno l'intenzione di lanciare tra ottobre dell'infrastruttura controllata holding. Tltro. La prima asta e novembre un aumento di dalla Provincia di Milano, Tltro ha fatto flop: le banche capitale fino a 500 milioni di oggi ha approvato il di Eurolandia hanno chiesto euro. Chiusura stabile per la rendiconto (in ritardo rispetto Borsa di New York. A Wall Street l'indice Dow Jones è salito alla dello 0,09% mentre il Nasdaq ha ceduto lo 0,3%. Fondi pensione Pag. 1

4 Estratto da pag. 4 Pierluigi Magnaschi che presenterebbe un utile netto di poco superiore alo milioni. Safilo. Il gruppo veneto ha creato una nuova società operativa, controllata al 100%, con base a Dubai: Safilo Medio Oriente. La sede, nella Free Zone dell'aeroporto di Dubai, sarà inaugurata il 20 settembre Sabato 20/09/2014 Fondi pensione Pag. 2

5 Estratto da pag. 43 Invecchiare insieme Le linee di fondi che evolvono man mano che sale l'età del sottoscrittore sono ancora poco diffuse in Italia. Eppure all'estero funzionano di Carlo Giuro e linee di fondi pensione disegnate in base al ciclo di vita fanno fatia decollare in Italia. [Nonostante la vivacità del dibattito che, all'indomani della crisi finanziaria, ha animato il settore della previdenza complementare, e pur se fortemente perorate dalle Autorità finanziarie internazionali (Ocse, Eiopa) e nazionali (Covip, Banca d'italia), le strategie basate sul ciclo di vita sono state adottate da un numero limitato di fondi, prevalentemente ad adesione individuale (fondi aperti e piani individuali di previdenza, i pip). Attingendo a Previdata Mefop al momento vi è un unico fondo pensione negoziale dotato di life cycle, Previmoda. Con riferimento ai fondi pensione aperti le soluzioni che prevedono tale servizio sono sette per un numero complessivo di comparti life cycle pari a 11. Esistono poi anche fondi pensione aperti che sono dotati invece di comparti data target. Di che si tratta? Lo schema target date si caratterizza per la definizione di linee di investimento differenziate in funzione di una data presunta di dismissione della posizione come per esempio il pensionamento previsto dell'iscritto. Pierluigi Magnaschi L'allocazione degli attivi della linea decresce di rischiosità quanto più si approssima la data target del comparto, al fine di garantire la necessaria protezione dei rendimenti ottenuti. Il potenziale aderente si iscriverà al comparto più adeguato rispetto al momento in cui prevede di chiudere la posizione. Sul mercato sono tre i fondi pensione dotati di data target (di cui due in collocamento e uno gestito a stock) per un numero complessivo di 11 comparti. I comparti life cycle dei pip sono poi 26 per un numero di strumenti pari a 15. Sia nel life cycle che nel data target quello che va in ogni però attentamente valutato da parte del risparmiatore è l'orizzonte temporale della propria esigenza. Nel caso in cui si avesse infatti intenzione di chiedere anticipazioni (75% della posizione individuale dopo otto anni per acquisto e ristrutturazione prima casa, fino al 30% sempre dopo otto anni per qualsiasi altra esigenza) un eventuale impiego di tipo life cycle ad esempio esporrebbe al rischio che il disinvestimento prima della scadenza potrebbe portare a consolidare delle perdite che altrimenti sarebbero ammortizzate nel periodo successivo. La soluzione potrebbe essere allora quella di ripartire il proprio contributo in relazione all'orizzonte temporale potenziale di permanenza su li nee diverse. Andrebbe destinato al life cycle solo la quota pianificata come intangibile fino al pensionamento. Va poi con siderata in via precauzionale anche l'eventualità del riscatto, parziale o totale, in caso di inoccupazione (da 12 a 48 mesi per il parziale, oltre i 48 mesi per il totale), escludendo dall'investimento, (riproduzione riservata) Sabato 20/09/2014 Fondi pensione Pag. 3

6 Estratto da pag. 1 IMPRESA& I STILI& NON PROFIT Scuola, volontari contro gli abbandoni Volontari in campo per arginare il fenomeno dell'abbandono scolastico. Il numero dei giovani tra i 15 e i 29 anni iscritti nelle nostre scuole, pur calando lentamente, resta molto alto: lentamente, resta molto alto: nel 2O12 solo F86% dei diciassettenni era iscritto a scuola. E per cercare di recuperare questi ragazzi in prima linea si ritrova una trentina di organizzazioni non profit.* pagina 15 IllHlBl Istruzione. Pur se in leggero calo resta elevata la percentuale di minori che abbandonano le aule Scuola, i volontari del recupero Coop e associazioni in prima linea per contrastare il fenomeno Paola Springhetti Secondo il recente rapporto Ocse «Education at a Glance», è dal 2O1O che il numero di giovani tra i 15 e i 19 anni iscritti nelle nostre scuole cala, lentamente ma costantemente. Nel 2012 solo l'86% dei lyenni erano iscritti nel sistema scolastico, una delle percentuali più basse tra i Paesi Ocse. E i dati relativi all'anno appena iniziato, attesi nel prossimo mese di ottobre, non potranno segnare un'inversione di tendenza. Si stima, infatti, che due o tre ragazzi su dieci non torneranno a scuola. Settecentomila di questi hanno meno di 16 anni: alcuni finiranno in strada a imparare espedienti, altri andranno a ingrossare le già corpose file dei Neet, cioè dei giovani che non studiano e non lavorano. Insomma, il problema appare sempre di più come un'emergenza sociale e non a caso il Terzo settore vi dedica crescente attenzione. In base alle rilevazioni del Censis, negli ultimi cinque anni risulta disperso il 28% degli studenti (la media dei 28 Paesi Ue è sotto il 13%) e in 15 anni la scuola statale avrebbe perso 2,8 milioni di giovani. Di questi solo yoomila hanno proseguito gli studi nel la formazione professionale, oppure hanno trovato lavoro. La dispersione scolastica riguarda soprattutto alcuni ceti: è marginale tra i figli dei laureati, ma cresce tra i figli dei diplomati (quasi 8%) e soprattutto tra chi ha i genitori che hanno frequentato Roberto Napoletano solo la scuola dell'obbligo (un terzo). Riguarda soprattutto alcune regioni (la maglia nera va alla Sicilia) e alcuni quartieri (quelli più "difficili"). A che cosa è dovuto l'alto tasso di dispersione scolastica? Solo in parte alla crisi, più probabilmente a una sempre più diffusa svalorizzazione dell'istruzione. «Per molti istruzione vuoi dire lavoro, e non si da valore alla cultura come crescita personale e acquisizione di strumenti per comprendere il mondo», spiega Alessandro Volpi, referente del programma Italia di Intervita, l'ong che ha creato la rete Frequenza2OO, cui aderiscono una trentina di cooperative e associazioni che lavorano con gli insegnanti, i giovani e le loro famiglie. La rete si è data l'obiettivo di riportare sui banchi studenti a rischio entro il Il programma è partito nel 2012 in tre città: Milano, Napoli e Palermo, dove sono stati coinvolti 2500 ragazzi e le relative famiglie, 800 insegnanti, 600 mamme e 100 operatori informali tra bar, commercianti, edicolanti, centri anziani. Nel 2014 il progetto si è allargato a Torino, Roma, alla provincia di Bari ed ora sta partendo in Sardegna. «Per la prima volta non lavoreremo nei centri urbani», spiega Volpi, «II fenomeno della dispersione scolastica ha più impatto nelle città, ma lì ci sono anche reti e potenziali come la Barbagia - è meno visibile ma altrettanto grave: basta un fallimento per interrompere il percorso». Il lavoro di svolge lungo tre assi. Il primo è quello delle scuole, con il centro diurno aperto cinque pomeriggi a settimana, sporfelli per insegnanti (che sono sottoposti ad un logorio enorme) o laboratori trasversali per intervenire sia sul ragazzo potenzialmente disperso sia sul gruppo classe, che spesso mette in campo dinamiche di esclusione. Il secondo è quello del coinvolgimento del territorio: l'idea è quella di una comunità che sente il servizio educativo come proprio e quindi se ne fa carico. Il terzo riguarda le famiglie, in particolare le donne. «E la mamma che in genere gestisce il rapporto con la scuola. Rafforzarne le competenze allora diventa fondamentale. A Palermo, ad esempio, c'è stato un laboratorio per la scolarizzazione delle donne. Oppure creiamo occasioni perché prendano l'abitudine di fare i compiti insieme ai figli». Generalmente la dispersione scolastica dipende dalla relazione tra ambiente scolastico e ragazzo. Per migliorare questa relazione «dovrebbero esserci sempre più sinergie tra scuola e Terzo settore. E importante perché, in territori difficili, recuperare i ragazzi alla scuola può innescare percorsi di riscatto sociale». RIPRODUZIONE RISERVATA UNA RETE DISOCCORSO Tra i progetti avviati anche il programma «Frequenza200» della Ong Intervita che lavora con i docenti Previdenza Pag. 4

7 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano Pagamenti con F24 telematico per importi sopra i mille euro L'APPROFONDIMENTO L'Esperto risponde L'APPROFONDIMENTO Pagamenti con F24 telematico per importi sopra i mille euro fn allegato L'APPROFONDI FISCO Dal 1 ottobre F24 telematico per importi oltre mille euro Più di euro FISCO Dal 1 ottobre F24 telematico per importi oltre mille euro PENSIONI E STIPENDI II limite al contante impone l'accredito sul conto corrente FISCO Dal 1 ottobre F24 telematico per importi oltre mille euro PENSIONI E ST Previdenza Pag. 5

8 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano Sopra i mille euro il modello F24 sarà soltanto online Nuove regole in vigore dal prossimo 1 ottobre Ho letto che dal l'ottobre 2014 // modello F24 cartaceo non potrà più essere utilizzato per importi al di sopra di euro aper effettuare compensazioni. Alla luce di questa novità, avrei, in particolare, necessità di sapere come organizzarmi per i prossimi pagamenti d'imposta, visto che non sono abilitato alle Entrate, ma ho sempre calcolato e versato le mie imposte. Mi riferisco, ancora più nello specifico, all'ima con pagamento in scadenza il prossimo 16 dicembre, che nel mìo Comune dovrà essere versata con la Tasi e potrebbe superare i euro. Un altro problema è l'acconto della cedolare secca, per la quale vorrei sfruttare un credito d'imposta maturato l'anno scorso. Anche in questo caso sarà vietato usare il modello cartaceo B.M.-VARESE dicembre, che nel mìo Comune dovrà essere versata con la Tasi e potrebbe superare i euro. Un altro problema è l'acconto della cedolare secca, per la quale vorrei sfruttare un credito d'imposta maturato l'anno scorso. Anche in questo caso sarà vietato usare il modello cartaceo B.M.-VARESE Siro Giovagnoli Emanuele o un qualsiasi sportello degli con Fisconiine o Entratel, sistemi informatici può Re ambiano le modalità di agenti della riscossione oppure usando un servizio di evitare di abilitarsi a versamento di imposte, (Equitalia), versando quanto home banking. Anche Fisconiine rivolgendosi a int contributi e premi con il dovuto in contanti o con le nell'ipotesi di compensazioni ermediari abilitato a Entratel, modello F24- Dal i ottobre altre modalità (addebito sul effettuate con saldo finale come i commercialisti e altri 2014 i privati che versano conto corrente, assegni bancari dell'f24 di importo positivo professionisti, i Caf o le importi superiori ai i.ooo e circolari, vaglia cambiari) (anche di un solo euro), si può associazioni di categoria. In euro, o che utilizzano crediti oppure tramite carta versare con Fisconiine o questo caso il versamento in compensazione, non Pagobancomat o carta Entratel o utilizzando l'home comporterà un costo Postamat. Con l'entrata in potranno più portare il vigore dell'articolo 11, comma banking. Qualora, invece, per aggiuntivo per il servizio modello F24 cartaceo in 2 del effetto delle compensazioni fornito dall'intermediario. banca, alla posta o a Equitalia effettuate, il saldo finale sia di Passando al quesito posto, il (tranne alcune eccezioni), ma ottobre 2014 questo importo pari a zero, il modello contribuente sarà tenuto a saranno costretti a utilizzare sistema subisce un drastico va presentato esclusivamente effettuare il versamento della il canale telematico. In altri cambiamento. Le modalità mediante i servizi telematici Tasi e dell'imu per un importo termini, il versamento andrà di versamento saranno Fisconiine o Entratel. Il complessivo superiore ai fatto utilizzando il servizio di diverse in relazione contribuente che si abilita alla i.ooo euro. Se viene utilizzato home banking di un conto all'importo pagato e piattaforma Fisconiine può un solo modello F24, il corrente bancario o postale, o all'eventuale presenza di utilizzare direttamente i versamento dovrà essere ricorrendo ai servizi servizi dell'agenzia delle effettuato in via telematica. In telematici dell'agenzia delle crediti da utilizzare in Entrate denominati F24 web e alternativa, ipotizzando Entrate (Fisconline o compensazione. In F24 online, con i quali l'esistenza di un importo Entratel). I soggetti con particolare, come sottolinea effettua dovuto per la Tasi di 200 euro partita Iva, per i quali già da anche la circolare 27/E re i versamenti. Per attivare e di uno per PImu di 900 anni è scattato l'obbligo di dell'agenzia delle Entrate Fisconiine bisogna collegarsi al euro, il contribuente potrebbe effettuare i versamenti di venerdì scorso, 19 sito delle Entrate e chiedere il effettuare il versamento con online, ora sono tenuti a settembre, si viene a creare codice Pin. Il sistema fornirà due F24 cartacei, ciascuno usare esclusivamente le un triplo regime. Nel caso subito la prima parte del Pin con saldo finale inferiore alla modalità telematiche messe a in cui il saldo finale (prime quattro cifre); il soglia dei mille euro, disposizione dall'agenzia nei casi di delega con saldo zero. dell'f24 sia superiore a mil richiedente riceverà entro 15 pagando, ad esempio, con giorni una lettera contenente gli assegno bancario. La norma si Ma andiamo con ordine. A LE MODALITÀ elementi necessari a completare riferisce, infatti, al saldo del oggi i contribuenti senza AMMESSE Si verserà con il codice Pin (ultime sei cifre) e singolo F24 e, per come è partita Iva possono versare le Fisconiine o Entratel, la password di accesso. Con scritta, non sembra impedire imposte, i contributi e gli altri oppure usando ['home queste credenziali si potrà la compilazione di più model importi dovuti con PF24 banking, anche per accedere al servizio ed li al fine di restare sotto la presentando il modello effettuare i pagamenti con F24. compensazioni con soglia dei i.ooo euro. Per cartaceo a una banca, un Chi non dispone di un servizio quaisiasi saldo positivo le quanto riguarda, invece, il ufficio postale home banking e non ha euro, il pagamento va fatto versamento del secondo particolare confidenza con i acconto della cedolare secca, Previdenza Pag. 6

9 Estratto da pag. 1 qualora il contribuente intenda utilizzare il credito d'imposta derivante dallo scorso anno, egli dovrà utilizzare le modalità di versamento telematico. Dal tenore letterale della norma si evince che, nel caso in cui il credito copra per intero l'acconto della cedolare secca, il modello F24 a zero va presentato necessariamente con Fisconiine o Entratel, non essendo ammesso il ricorso all'home banking. In ogni caso, per le prossime scadenze di Tasi, lnm e Tari e, in generale, per i tributi che possono essere pagati alternativamente con il modello F24 o con un bollettino postale, i contribuenti che non dispongono dell'home banking - e che non intendono attivare Fisconiine o rivolgersi a un intermediario - potranno effettuare il versamento con il bollettino postale anche in caso di importi superiori a i.ooo euro. Va detto che (secondo la citata circolare 27/E/2O14) è possibile usare l'f24 cartaceo in caso di utilizzo di crediti d'imposta fruibili in compensazione presso gli agenti della riscossione, nonché, anche per importi superiori a mille euro, in caso di modelli precompilati dall'ente impositore e, fino al 31 dicembre 2014, di versamenti rateali in corso. Altre ipotesi residuali riguardano i contribuenti privi di conto corrente. RIPRODUZIONE RISERVATA Roberto Napoletano Nel dettaglio II caso Due contribuenti sono comproprìetari al 50 per cento di due abitazioni e due box auto pertinenziali. Gli immobili sono locati e il saldo dell'imu, da versare entro il 16 dicembre, ammonta complessivamente a euro. Con quale modalità si dovrà effettuare il versamento IL PAGAMENTO SOTTO I MILLE EURO 15,00 H 5 01x TOTALE A IMPOSTE DIRETTE - IVA RITENUTE ALLA FONTE ALTRI TRIBUTI ED INTERESSI codice ufficio codice atto rateaaone/regione/anno di codice tributo prow^mese iifriferimento importi a debito versati importi a credito compensati II caso Un contribuente ha stipulato, in qualità di locatore, un contratto di locazione a canone concordato di un'abitazione. Per effetto della riduzione dell'aliquota della cedolare secca dal 19 al 15 per cento, decisa lo scorso anno, questo soggetto ha maturato un credito d'imposta di 81 euro, che non ha utilizzato in alcuna compensazione. Entro il 16 ottobre deve effettuare il pagamento dell'acconto della Tasi per 123 euro. Come fare LA COMPENSAZIONE PARZIALE II caso Un contribuente ha stipulato, in qualità di locatore, un contratto di locazione a canone concordato di un'abitazione. Per effetto della riduzione dell'aliquota della cedolare secca dal 19 al 15 per cento, decisa lo scorso anno, questo soggetto ha maturato un credito d'imposta di 81 euro, che non ha utilizzato in alcuna compensazione. Entro il 16 ottobre deve effettuare il pagamento dell'acconto della Tasi per 123 euro. Come fare La soluzione II contribuente può utilizzare, in compensazione di quanto dovuto per la Tasi, ilcredito d'imposta maturato, di 81 euro. In questo caso, a partire dal prossimo l'ottobre, non potrà più utilizza re il modello F24 cartaceo ma dovrà servirsi dell'home bankingodeiservizi Fisconiine o Entratel. Può continuare ad utilizzare il modello F24 cartaceo qualora decida di non compensare l'importodovuto con il credito d'imposta o di pagare la Tasi con bollettino postale. II caso Un contribuente ha stipulato, in qualità di locatore, un contratto di locazione a canone concordato di un'abitazione. Per effetto della riduzione dell'aliquota della cedolare secca dal 19 al 15 per cento, decisa lo scorso anno, questo soggetto ha maturato un credito d'imposta di 81 euro, che non ha utilizzato in alcuna compensazione. Entro il 16 ottobre deve effettuare il pagamento dell'acconto della Tasi per 123 euro. Come fare La soluzione II contribuente può rateaaone/regione/anno di codice tributo prow^mese iifriferimento importi a debito versati importi a credito compensati IMPOSTE DIRETTE - IVA RITENUTE ALLA FONTE ALTRI TRIBUTI ED INTERESSI codice ufficio codice atto TOTALE A H 5 01x , util 123 OOH zzare, i-saldo (A-B) ,00 in compensazione di quan <- SALDO (G-H) ,00 o dovuto per la Tasi, ilcredito IL PAGAMENTO SOTTO I MILLE EURO II caso Due contribuenti sono comproprìetari al 50 per cento di due abitazioni e due box auto pertinenziali. Gli immobili sono locati e il saldo dell'imu, da versare entro il 16 dicembre, ammonta complessivamente a euro. Con quale modalità si dovrà effettuare il versamento La soluzione L'importo dovuto eniro ilio dicembre da ciascun comproprietario ammonta a 900 euro. Non superando la soglia dei euro, i due contribuenti possono effettuare il versamento utilizzando un modello F24 cartaceo, da portare in banca, all'ufficio postale o a Equitalia. d'imposta maturato, di 81 euro. In questo caso, a partire dal prossimo l'ottobre, non potrà più utilizza re il modello F24 cartaceo ma dovrà servirsi dell'home bankingodeiservizi Fisconiine o Entratel. Può continuare ad utilizzare il modello F24 cartaceo qualora decida di non com lili ensa H501 e l'saiao.mm»«,codice mbuto x importodovuto con il credito d'imposta o di i if enm en t oinpex i a debib venati importi a credito compensati pagare la Tasi con bollettino postale. II caso Un contribuente ha stipulato, in qual TOTALEG tà di l 900 OOH catore, LA COMPENSAZIONE A ZERO un contratto di locazio II caso Un contribuente deve versare - entro il prossimo 16 dicembre - il saldo Imu, che ammonta ai 300 euro. Lo stesso contribuente intende utilizzare, in totale compensazione, il credito d'imposta Irpef derivante da Unico 2014 pari a complessivi 750 euro. Quale sarà la procedura da seguire nella circostanza descritta e a canone concordato di un'abitazione. Per effetto della riduzione dell'aliquota della cedolare secca dal 19 al 15 per cento, decisa lo scorso anno, questo soggetto ha maturato un credito d'imposta di 81 euro, che non ha utilizzato in alcuna compensazione. Entro il 16 ottobre deve effettuare il pagamento dell'acconto SALDO (G-H) della Tasi per ,00 euro. La soluzione Trattandosi di un importo non superiorea euro, che tuttavia prevede la compensazione totale di quanto dovutocon crediti d'imposta, non sarà possibile effettuare il pagamento in contanti così comeil versamento tramite home banking, ma si dovranno utilizzare necessariamente i servizi delle Entrate (Fisconiine o Entratel). Come fare La soluzione II contribuente può rateaaone/regione/anno di codice tributo prow^mese iifriferimento importi a debito versati importi a credito compensati IMPOSTE DIRETTE - IVA RITENUTE ALLA FONTE ALTRI TRIBUTI ED INTERESSI codice uffic IMPOSTE DIRETTE - IVA RITENUTE ALLA FONTE ALTRI TRIBUTI ED INTERESSI codice ufficio codice atto o codice atto TOTALE A H 5 01x ,00 codice tributopfov./mése rrf riferimento importi a debito versati importi a credito compensati util 123 OOH zzare, i- SALDO (A-B) ,00 in compensazione di quan <- SALDO (G-H) ,00 o dovuto per la Tasi, ilcredito IL PAGAMENT TOTALE A SOTTO I MILLE EU codice ente/ codice comune H501 O II caso Due contribuenti son Saw».»"iMbri.codice tributo x comproprìetari al 50 per cento di due abitazion rateazione/anno di e due box auto pe riferimentoinport a debto M tinenziali. Gli immobili so 2014 o lo ati e 300 OOH il sald id importi a credito compensati dell'imu, da versare entro il 16 dice "- SALDO (A-B) ,00 bre, ammonta complessivamente a v- SALDO (G-H) euro. Con quale modalit Previdenza Pag. 7

10 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano PER PIÙ IMPOSTE Se le somme dovute, prese singolarmente, non raggiungono il limite indicato, è possibile usare diversi modelli cartacei L'ALTERNATIVA Ci si può rivolgere a intermediari abilitati, come professionisti, centri di assistenza fiscale o associazioni di categoria L'ALTERNATIVA Ci si può rivolgere a intermediari abilitati, come professionisti, centri di assistenza fiscale o associazioni di categoria Pensioni, obbligo di conto corrente se sono oltre soglia Sto per andare in pensione e dal mese prossimo riceverò il trattamento pensionistico dall'inps. La somma mensile ammonta a euro circa. Il datore di lavoro mina detto che non potrò riscuotere la somma in contanti, in quanto la pensione dovrà essere accreditata sul mio conto corrente. Se così fosse, sarebbe, almeno inizialmente, un problema. Fino a oggi mi avvalgo di uno sportello bancario presso la mia azienda, ma con la cessazione del rapporto di lavoro dipendente chiuderà il conto. Non comprendo la necessità di far accreditare la pensione sul conto bancario, dato che il pagamento avverrà tramite Poste Italiane senza alcun rìschio di riciclaggio. Come stanno realmente le cose T.D.-UDINE Nicola Forte e indicazioni fornite dal datore di lavoro del lettore sono corrette. Non è possibile riscuotere in contanti, recandosi in uno degli sportelli di Poste Italiane, una pensione il cui importo superi i mille euro. La disposizione è stata prevista dall'articolo 12 del DI 201/2011 (cosiddetto decreto Monti) e risponde a esigenze diverse rispetto alla normativa in materia di antiriciclaggio. Le finalità potranno essere meglio comprese con la lettura del comma 4-ter del DI citato, che ha previsto tale obbligo «al fine di favorire la modernizzazione e l'efficienza degli strumenti di pagamento, riducendo i costi finanziari e amministrativi derivanti dalla gestione del denaro contante». La gestione del denaro contante da luogo, in generale per ogni soggetto, ma anche per gli enti pensionistici, a costi aggiuntivi. Ad esempio, devono essere sopportati i costi necessari a garantire la sicurezza durante la fase di trasporto fino ai punti di pagamento delle pensioni. La norma, quindi, intende contribuire alla riduzione delle spese gravanti sulla Pa, e per tale bancario o postale, il ragione i trattamenti pensionato potrà effettuare il pensionistici devono essere ritiro del denaro contante accreditati su un conto nella banca (ove risulta aperto corrente del soggetto avente il conto) o a uno sportello di diritto alle somme in Poste Italiane. Dunque, dopo questione. Applicazione che la pensione sarà stata ampia II cosiddetto obbligo accreditata sul conto postale, di tracciabilità scatta, il pensionato potrà uscire dal medesimo ufficio con il peraltro, solo per gli importi denaro contante prelevato. Se superiori a mille euro. Negli egli non comunicherà gli altri casi è possibile estremi del conto corrente continuare a riscuotere le bancario o postale, non potrà somme in contanti. ricevere il pagamento, ma non L'applicazione della norma è perderà il diritto a ricevere le però più ampia, somme che gli spettano. Una volta segnalati gli estremi, si compensi comunque avvierà nuovamente l'iter per corrisposti dalle pubbliche ricevere l'accredito dei ratei di amministrazioni centrali e pensione o dello stipendio che locali e dai loro enti, le saranno rimasti fino a quel somme corrisposte anche ai momento "congelati". prestatori d'opera e ogni altro Ulteriori disposizioni Nel tipo di emolumento. Il conto sistema normativo sono in corrente non rappresenta, vigore ulteriori disposizioni, tuttavia, l'unica possibilità. aventi altre finalità, che Infatti, i pagamenti possono rendono necessario l'utilizzo essere effettuati anche tramite di strumenti di pagamento strumenti di pagamento tracciabili, vietando l'uso del elettronici postali (ad contante. Una di queste è esempio, tramite accredito costituita dall'articolo 49 del comprese carte di pagamento Digs prepagate. Tornando al caso proposto dal lettore, dopo che la pensione sarà stata accreditata sul conto corrente 231/2007 con finalità di prevenzione del riciclaggio. Secondo tale previsione è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore - o, in generale, di titoli al portatore - effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, per importi pari o superiori a mille euro. L'obbligo scatta indipendentemente dalla causa e quando il trasferimento del contante avvenga tra soggetti diversi. È anche irrilevante l'esistenza di un vincolo di parentela. Ad esempio, se Tizio presta al fratello la somma di euro, il trasferimento non potrà essere effettuato in contanti, ma con bonifico o con assegno bancario non trasferibile, assegno circolare eccetera. Se Tizio si reca in banca e preleva la somma, il comportamento è corretto, in quanto il denaro giacente sul conto bancario è già nella sua disponibilità (non appartiene, infatti, a un altro soggetto). Se, tuttavia, lo stesso Tizio trasferisce il contante al fratello, egli commette una irregolarità ai fini della normativa antiriciclaggio. Un'altra norma (contenuta nella legge di stabilità del 2014, la 147/2013) ha previsto la tracciabilità perii pagamento dei canoni di locazione di unità abitative. Il ministero delle Finanze ha chiarito che, Previdenza Pag. 8

11 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano per gli importi inferiori a i.ooo euro (limite previsto ai fini dell'antiriciclaggio), si può effettuare il pagamento in contanti. La finalità della norma è quella di conservare traccia delle transazioni in contanti, e l'esigenza può ritenersi soddisfatta fornendo l'attestazione del pagamento in contante tramite, ad esempio, una semplice ricevuta. RIPRODUZIONE RISERVATA Un contribuente ha stipulato, in qualità di locatore, un contratto di locazione a canone Tracciabilità delle pensioni e di altre somme corrisposte dalla Pa Gli stipendi, le pensioni, i compensi corrisposti dalle pubbliche amministrazioni (centrali e locali) e dai loro enti, continuativamente a prestatori d'opera, e ogni altro tipo di emolumento, di importo superiore a euro, devono essere erogati con strumenti di pagamento elettronici bancari o postali (per esempio conti correnti bancari, postali) o carte prepagate Articolati, comma 2, del DI 201/2011 Nell'individuarei pagamenti che superano il limite di euro non vanno considerati gli importi corrisposti a titolo di tredicesima mensilità, nei casi in cui la soglia è superata per la concomitanza di arretrati pensionistici, conguagli fiscaliesommeagguntive. Messaggiolnpsl0885del28 giugno2012 per gli importi inferiori a i.ooo euro (limite previsto ai fini dell'antiriciclaggio), si può effettuare il pagamento in contanti. La finalità della norma è quella di conservare traccia delle transazioni in contanti, e l'esigenza può ritenersi soddisfatta fornendo l'attestazione del pagamento in contante tramite, ad esempio, una semplice ricevuta. RIPRODUZIONE RISERVATA Tracciabilità ai fini dell'antiriciclaggio Èvietatoiltrasferimentodi denaro contante, libretti di deposito bancari o postali al portatore o, in generale, di titoli al portatore, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi. Articolo49delDlgs231/2007 Tracciabilità dei canoni di locazione È obbligatorio provvedere al pagamento dei canoni di locazione per immobili di tipo abitativo con modalità in grado di assicurare la tracciabilità del denaro contante eventualmente utilizzato. ArticoloSO, comma 50. della legge 147/2013 (leggedi stabilità del 2014) I pagamenti dei canoni di locazione di importo inferiore a euro possono essere effettuati in contanti. La disposizione introdotta dalla legge di stabilità 2014 ha introdotto l'obbligo di conservare traccia delletransaziom'in conta nti, tramite prova documentale.intervenute tra locatore e conduttore. Gli importi pari o superiori a euro devono essere pagati con assegni non trasferibili, bonifia o, in generale, con mezzi diversi dalcontante. Nota del ministero dell'economia e delle finanze Dipartimentodel Tesoro, protocollo Dt del 5febbraio2014 Tracciabilità ai fini dell'antiriciclaggio Èvietatoiltrasferimentodi denaro contante, libretti di deposito bancari o postali al portatore o, in generale, di titoli al portatore, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi. Articolo49delDlgs231/2007 Tracciabilità dei canoni di locazione È obbligatorio provvedere al pagamento dei canoni di locazione per immobili di tipo abitativo con modalità in grado di assicurare la tracciabilità del denaro contante eventualmente utilizzato. ArticoloSO, comma 50. della legge 147/2013 (leggedi stabilità del 2014) I pagamenti dei canoni di locazione di importo inferiore a euro possono essere effettuati in contanti. La disposizione introdotta dalla legge di stabilità 2014 ha introdotto l'obbligo di conservare traccia delletransaziom'in conta nti, tramite prova documentale.intervenute tra locatore e conduttore. Gli importi pari o superiori a euro devono essere pagati con assegni non trasferibili, bonifia o, in generale, con mezzi diversi dalcontante. Nota del ministero dell'economia e delle finanze Dipartimentodel Tesoro, protocollo Dt del 5febbraio2014 Tracciabilità ai fini dell'antiriciclaggio Èvietatoiltrasferimentodi denaro contante, libretti di deposito bancari o postali al portatore o, in generale, di titoli al portatore, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi. Articolo49delDlgs231/2007 Tracciabilità dei canoni di locazione È obbligatorio provvedere al pagamento dei canoni di locazione per immobili di tipo abitativo con modalità in grado di assicurare la tracciabilità del denaro contante eventualmente utilizzato. ArticoloSO, comma 50. della legge 147/2013 (leggedi stabilità del 2014) I pagamenti dei canoni di locazione di importo inferiore a euro possono essere effettuati in contanti. La disposizione introdotta dalla legge di stabilità 2014 ha introdotto l'obbligo di conservare traccia delletransaziom'in conta nti, tramite prova documentale.intervenute tra locatore e conduttore. Gli importi pari o superiori a euro devono essere pagati con assegni non trasferibili, bonifia o, in generale, con mezzi diversi dalcontante. Nota del ministero dell'economia e delle finanze Dipartimentodel Tesoro, protocollo Dt del 5febbraio2014 Previdenza Pag. 9

12 Estratto da pag. 1 Ezio Mauro AGO EX CONSIGLIERI 170 MILIONI L'ANNO Così i vitalizi d'oro sbancano le Regioni ROBLR1OMAN1A PRiMAera"solo"unoscandalosoprivilegio, orarischiadifarsaltarelecassedelleregionlsichiamavitalizio, chevuoldireassegnofinoalla tomba. E finisce in tasca a chi è stato anche per pochissimo consigliere regionale senza che abbia raggiunto i limiti anagr afici, stabiliti dalla legge per tutti gli altri comuni mortali, per l'accesso alla pensione. Parliamo dei nuovi baby pensionati, qualcuno è appena cinquantenne. Ogni anno i quasi vitalizi pesano sui bilanci regionali per circa 170 milioni. A PAGINA 12 L'inchiesta I vitalizi d'oro costano 170 milioni l'anno e i bilanci delle Regioni non reggono più **J**J**J A ROBERTO MANIA ROMA Prima era vitalizi hanno peraltro presentato "solo" uno scandaloso privilegio, ora più di venti ricorsi per nulla rischia di far saltare le casse delle Regioni. Si chiama vitalizio, che vuoi dire destinati all'insuccesso. Ormai ci assegno fino alla tomba. E finisce sono Regioni in cui le uscite per intascaachièstatoancheperpochissimo pagare i vitalizi agli ex consiglieri consigliere regionale senza che abbia (o agli eredi) super ano il costo raggiunto i limiti anagrafici, stabiliti dalla legge per tutti gli altri comuni mortali, per dei consiglieri in carica. In l'accesso alla pensione. Parliamo dei Veneto, per esempio, servono nuovi baby pensionati, qualcuno è appena 11,2 milioni per erogare i 226 cinquantenne. Sono i figli del privilegio vitalizi, compresi quelli di decentrato, della devoluzione arbitraria dalle leggi dello Stato. Di una reversibilità, contro i 9,1 milioni legislazione prodotta dai legislatori per le indennità dei consiglieri regionali per se stessi. E ciascun attivi. Tra gli ex consiglieri ci Consiglio, un po' come sono Giancarlo Galan ( 3.749,63 nelcasodeirimborsiperigruppi, ha fatto come voleva. Interna corporis, si dice. In euro netti mensili), Massimo questo caso non ha nulla di nobile, non Cacciari (1.935,30), Flavio difende l'indipendenza degli Zanonato (1.934,84). È una spesa organismielettidemocraticamentema la che si è impennata negli ultimi propria sfacciataggine. Ogni anno i quasi vitalizipesano anni, se si pensa che nel 2005, suibilanciregionaliper circa ITOmilioni. quella veneta era intorno agli 8,5 Solo un po'meno di quanto costi (circa milioni. Una dinamica 200 milioni) al Parlamento nazionale inarrestabile, che fa paura perché sostenere gli ex onorevoli che effettivamente le assemblee hanno esagerato. Solo nel Lazio (la Regione che permette ancorailpensionamento a 55 anni e di calcolare l'indennità considerando anche la diaria, cioè la spese per i trasferimenti quotidiani ) si stima che i vitalizi passeranno dagli attuali 270 a 314 nel È quasi impossibile fare una media nazionale delle indennità. Ne "Lacasta invisibile delle Regioni", Pierfrancesco De contro qualche recente ritocco ai Robertis scrive che in media, con una consiliatura, si prendono euro al mese, che salgono a con due. Per gli ex governatori si superano i 5 mila euro. Dunque, si corre ai ripari. Perché non è stata sufficiente l'abolizione dei vitalizi per il futuro e il II sottosegretario Zanetti presenta una proposta di legge contro i babypensionati della politica tendenziale adeguamento soft alle leggi generali imposta ai Consigli regionali dal governo Monti sotto la spinta dell'emergenza finanziaria. Ora sotto tiro sonoivitaliziinessere, quelliprotetti dai presunti dir itti acquisiti. Previdenza Pag. 10

13 Estratto da pag. 1 Ezio Mauro I POLITICI Che Enrico Zanetti, sottosegretario all'economia, definisce «privilegi acquisiti». Prima di entrare al governo, Zanetti ha presentato una proposta di legge costituzionale (la numero 1978 ) per tagliare i deiconsiglieriregionaliedei parlamentari e mettere un tetto ai loro emolumenti. Una legge costituzionale proprio per aggirare GALAN Come ex consigliere regionale in Veneto, prende u n assegno mensile di 3749,63 euro mensili l'ostacolo dei diritti acquisiti. Scelta Civica, il partito di cui fa parte Zanetti, ha ottenuto che la proposta di legge sia esaminata, non rimarrà nei cassetti del Parlamento. Questo costringeràtuttiauscire allo scoperto, governo compreso. Il premier MatteoRenzi,d'altraparte, ha parlato più volte della necessità di abolire i vitalizi. Non solo per FIORITO L'ex consigliere regionale del Lazio riceverà il una questione di spending review. vitalizio al compimento dei 50 anni di età, a meno che non sia condannato La proposta Zanetti stabilisce che per poter maturare il diritto al vitalizio si debba avere almeno 10 annidimandatoconsecutivio quindici non consecutivi e che prima di ottenere l'assegno si debba aver compiuto «l'età prevista per la corresponsione della pensione di vecchiaia dalla normativa di volta in volta vigente ZANONATO Assegno mensile da 1934,84 euro per l'ex ministro dellosviluppo ed ex consigliere regionale, sempre in per la generalità dei cittadini». 11 Veneto Trentino chiede indietro 29 milioni, gli assegni sono stati calcolati male cinquant'anni se non sarà condannato. Perché alla Pisana con cinque anni di mandato si prende l'assegno. Eii Lazio da anche il vir Ma c'è di più: questi requisiti talizio agli assessori non eletti varrebbero retroattivamente e perché la parità di trattamento non dunque verrebbe può essere messa in discussione. sospesal'erogazione del vitalizio a Privilegio chiama privilegio. Ora chi non li ha maturati. Si vedrà però si pensa di tornare quale fortuna avrà la proposta di conipiediperterra: vitalizio a 65 legge, di certo anche le Regioni anni, contributo di solidarietà e hanno capito che bisogna divieto di cumulo. Già perché, intervenire sul pregresso. Lo ha già finora, i vitalizi si cumulano ad fatto il Trentino che ha chiesto ai altri redditi. Per non farsi mancare suoi venti "pensionati di platino" di nulla. Of course. restituire complessivamente ben 29 RIPRODUZIONE RISERVATA milioni, perché gli assegni sarebbero stati calcolati male. Così a Mauro Delladio, Forza Italia, ex leghista, è stata chiesta la restituzione di oltre 460 mila euro. La Lombardia si prepara a varare una legge che introduce un contributo di solidarietà crescente con l'aumentare dell'importo. Il Lazio premierà anche Er Batman Franco Fiorito: vitalizio a Previdenza Pag. 11

14 Estratto da pag. 1 Ezio Mauro O u tendenziale adeguamento soft alle leggi generali imposta ai Consigli regionali dal governo Monti sotto la spinta dell'emergenza finanziaria Ora sotto tiro sonoi vitalizi in essere, quelli protettidai presunti diritti acquisiti. Che Enrico Zanetti, sottosegretario all'economia, definisce «privilegi acquisiti» Prima di entrare al governo Zanetti ha presentato una proposta di legge costituzionale (la nu mero 1978 ) per tag h are i vi dei consiglieri regionalie dei parlamentar) e mettere un propno per aggirare l'osta colodei diritti acquisiti Scelta Civica, il partito di cui fa che la pioposta di legge sia esaminata, non rimarrà nei cassetti del Parlamento Questo costringerà tutti a uscire allo scoperto governo compreso II premier Matteo Renzi, d'altra parte, ha parlato pm volte della necessità di abolire i vitalizi Non solo per una questione di spending La proposta Zanetti stabilisce che per poter maturare il diritto al vitaìiziosi debba avere almeno loanm di mandato consecutivo quindici non consecutivi e che prima di ottenere 1 assegno si debba aver compiuto «1 età prevista per la corresponsione della pensione di vecchiaia dalla normativa di volta in volta vigente per la generalità dei cittadini» indietro 29 milioni, gli tendenziale adeguamento soft alle leggi generali imposta ai Consigli regionali dal governo Monti sotto la spinta dell'emergenza finanziaria Ora sotto tiro sonoi vitalizi in essere, quelli protettidai presunti diritti acquisiti. Che Enrico Zanetti, sottosegretario all'economia, definisce «privilegi acquisiti» Prima di entrare al governo Zanetti ha presentato una proposta di legge costituzionale (la nu mero 1978 ) per tag h are i vi dei consiglieri regionalie dei parlamentar) e mettere un propno per aggirare l'osta colodei diritti acquisiti Scelta Civica, il partito di cui fa che la pioposta di legge sia esaminata, non rimarrà nei cassetti del Parlamento Questo costringerà tutti a uscire allo scoperto governo compreso II premier Matteo Renzi, d'altra parte, ha parlato pm volte della necessità di abolire i vitalizi Non solo per una questione di spending La proposta Zanetti stabilisce che per poter maturare il diritto al vitaìiziosi debba avere almeno loanm di mandato consecutivo quindici non consecutivi e che prima di ottenere 1 assegno si debba aver compiuto «1 età prevista per la corresponsione della pensione di vecchiaia dalla normativa di volta in volta vigente per la generalità dei cittadini» indietro 29 milioni, gli O TOSCANA 60 tendenzi O l UMBRIA 65 adeguame LAZIO 55 to soft O a Jt-5^p!W le leggi SARDEGNA 65 generali im CAMPANIA 60 osta ai Con Previdenza Pag. 12

15 Estratto da pag. 1 Ezio Mauro No 50 anni 50 anni Abruzzo 50 anni Da 65 a 60 anni la misura dell assegno e ridotta proporzionalmente Abruzzo 50 anni Da 65 a 60 anni la misura dell assegno e ridotta p Molise oporzi Da 60 a 55 anni con un PUGLIA coefficiente di riduzione *,~variabile nalmente Abruzzo 50 anni Da 65 a 60 anni la misura dell assegno e ridotta p All'ex consigliere che ha versato contributi per 10 anni al compimento del 55 anno d eta non viene applicata alcuna riduzione Molise oporzi Da 60 a 55 anni con un PUGLIA coefficiente di riduzione *,~variabile nalmente Abruzzo 50 anni Da 65 a 60 Previdenza Pag. 13

16 Estratto da pag. 1 Ezio Mauro takzio agli assessori non eletti perche la pa-^m non può essere messa in discussione Privilegio chiama privilegio Ora pero si pensa ditornareconipiediperterra vitalizio a 65 anm contributo di solidarietà e divieto di cumulo Gia perche, finora, i vitalizi si cumulano ad altri redditi Per non farsi mancare nulla. Of course e «PRODUCO«MEHVATA Sardeana Sardeana Da 65 a 60 anni dopo una seconda legislatura Sardeana Da 65 a 60 anni dopo una seconda le da 60 a 55 anni deta Per un consigliere eletto dalla I alla III legislatura, anni 55 senza riduzione islatura Sardeana Da 65 a 60 anni dopo una seconda le da 60 a 55 anni deta Per un consigliere eletto Calabria dalla I Da 60 a 55 anni la misura dell assegno e ridotta proporzionalmente alla III legislatura, anni 55 senza riduzione islatura Sardeana Da FONTE REGIONE EMILIA ROMAGNA 65 a 60 anni dopo una second Previdenza Pag. 14

17 Estratto da pag. 9 La riforma Ezio Mauro Vertice Coil, Cisl e Uil "Manifestazione comune"ma è lite sull'articolo 18 Camusso vuole tutele massime per vecchi e i nuovi assunti Angeletti: pronti a mediare. Bonanni: alt alle finte partite Iva LUISA GRION ROMA A CHI SI APPLICA A tutti i rapporti di lavoro in unità produttive con Trovareilpuntod'incontro, puntare sulle più di 15 dipendenti (5 se agricole) I diritti dei lavoratori in Italia CHE idee comuni e andare in piazza assieme. COS'È L'articolo 18 dello statuto dei lavoratori protegge dal Cgil, CisleUilnonhannolastessaopinione licenziamento illeggittimo: LA RIFORMA FORNERO (2012) Distingue sull'articolo 18, sul lavoro e suljobs Act, ma tutti e tre i sindacati sanno che tre tipi di licenziamento: discriminatorio disciplinare economico! manifestare separatamente vorrebbe dire effettuato senza comunicarne i motivi! ingiustificato! discriminatorio II servire al premier un regalo su giudice verifkata l'illegittimità del licenziamento ordina il reintegro in unpiattod'argento. Renzi-adiff erenza di azienda reintegro è previsto solo nei primi due casi Berlusconi - non punta a dividerli, non li chiama nemmeno. Ecco perché, dimenticando le accuse che Camusso, Bonanni e Angeletti si sono scambiati negli ultimi giorni, i tre leader - in settimana - s'incontreranno per cercare di presentare assieme una mobilità-la mobilitazione unitaria potrebbe svolgersi l'i 1 ottobre in piazza San Giovanni a Roma zione su lavoro e articolo 18, ma non solo. Si fa trapelare la notizia di un summit previsto per venerdì mattina (prima di partecipare assieme a un convegno del Cnel ), ma è molto probabile che i tempi siano ben più stretti e che si ragioni non sui giorni, ma sulle ore. Aspettare il fine settimana avrebbe poco senso, visto chegiàdopodomanilaleggedelega va al Senato e che fra sette giorni ci sarà, sul tema, l'attesa e infuocata segreteria del Pd. Al di là dello scontro frontale fra governo e Cgil e dei colpi di fioretto scambiati nei giorni scorsi fra i tre leader, si cercherà Previdenza Pag. 15

18 Estratto da pag. 9 Ezio Mauro quindi di fare fronte comune sul lavoro. Sia perché la Cgil sa che questa volta sarebbe impensabile pensare di portare inpiazza milioni di persone contro l'abolizione dell'articolo 18 come Cofferati fece dodici anni fa, sia perché tutte e tre le sigle hanno urgenza di smarcarsi dall'angolo nel quale Renzi le ha confinate. Ecco perché si ragiona su tempi e modi di una manifestazione unitaria, con già in testa una data e un luogo. Se tutto va bene e l'intesa si trova, si ragiona su Piazza San Giovanni, a Roma, per sabato 11 ottobre. I tre terni sui quali lavorare conl'obiettivo di andarci assieme riguardano la politica fiscale ( le tre sigle hanno già un piano condiviso ), la lotta al precariato (Renzi accusa il sindacato di pensare solo a chi ha già idiritti; Cgil, Cisl e Uil vorrebbero rispondere portando i precari in piazza) e chiaramente il lavoro. Argomento però da trattare nel complesso, senza fecalizzarsi solo sull'articolo ISesul diritto al reintegro. Sul preciso punto infatti i sindacati hanno posizioni diverse; mentre la Cgil non è disposta a rivedere l'articolo e vuole estenderlo alle nuove assunzioni («non siamo disposti a fare scambi con gli ammortizzatorisociali», haprecisato la Camusso) Cisl e Uil apronoaunatrattativaconilgoverno e chiedono garanzie sul contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, ma senza scendere troppo nei particolari sull'articolo 18. Bonanni vuole prima di tutto uscire dal tunneldellefalsepartitelva,dei lavori a progetto, dei co.co.co e co.co.pro e chiede che t ulte que ste forme di precariato spariscano, assorbite dal nuovo contratto; Angeletti vuole che non sia tolto l'articolo 18 a chi già ce l'ha, ma apre ad una possibile rivisitazione per i nuovi assunti. Carla Cantone, la leader dei pensionati Cgil, è convinta che «sia ora di farla finita con le battute, le botte e risposte. Sindacatoegoverno tornino almerito e sul merito non sarà difficile per Cgil, Cisl e Uil trovare un frontecomunesull'articolo 18». La trattativa interna è in corso: l'obiettivo è di ottenere sul lavoro, la stessa posizione comune raggiunta dai sindacati sul settore pubblico. Contro il nuovo blocco delle buste paga, l'8 LE POSIZIONI CAMUSSO(CGIL) "II premier non parla di come creare posti di lavoro, intanto però assume la cancellazione delle tutele dei lavoratori, come ha g iaf atto la destra"bonanni (CISL) "Siamo pronti a discutere di un contratto di lavoro a tutele crescenti se stabilizzerà e cancellerà false partite lva, cococo, cocopro.mail premier Renzi abbassi i toni" novembre, Cgil, Cisle Uil saranno in piazza assieme. RIPRODUZIONE RISERVATA ANGELETTI (UlL) "L'articolo 18? Guai a toccare le tutele a chi ne beneficia già Altra cosa è dire a un lavoratore oggi precario: avrai un contratto a tempo indeterminato, ma senza beneficiare del salvagente dell'articolo 18" Previdenza Pag. 16

19 Estratto da pag. 45 Pierluigi Magnaschi Previdenza Pag. 17

20 Estratto da pag. 45 Pierluigi Magnaschi Tasso di disoccupazione in crescita. Ma si studiano incentivi alla rioccupazione In salita la strada del rientro per i lavoratori over cinquanta Pagine a cura DI SiMONA D'ALESSIO LH uscita (forzata) * dall'azienda, cui spesso non corrisponde la (rapida) «rentrée». Al contrario, ad aprirsi è, in molti casi, la strada (senza ritorno) dell'emarginazione. Protagonisti gli ultracinquantenni che rimangono disoccupati negli anni della crisi: non soltanto conoscono, soprattutto coloro con un basso titolo di studio, «un'elevata probabilità di trovarsi ripetutamente» senza posto, ma secondo quanto evidenzia l'istat dal 2008 al 2013 se il tasso di impiego totale (nella fascia anni) è sceso al 55,6% dal 58,7%, l'indicatore per i 50-64enni è salito di 5,3 punti percentuali, portandosi lo scorso anno al 52,6%. L'identikit che l'istituto di statistica ci consegna di questa fetta di lavoratori espulsa dal mercato è questo: i disoccupati adulti sono prevalentemente uomini (65,4%), 3 volte su 4 la loro attività è sfumata, e oltre 6 su 10 sono in cerca di una ricollocazione da almeno un'annualità. Nota particolarmente dolente segnalata anche da Confindustria, giacché le difficoltà a trovare opportunità di mettere a frutto quel che si è imparato negli anni (forti di rare competenze e saggezza, da spendere soprattutto in campo artigiano) aumentano, anziché diminuire, con il rischio che si resti «intrappolati in una disoccupazione di sempre maggior durata»: tra il 2007 e il 2013, infatti, la cifra di coloro che hanno visto le porte di un'impresa chiudersi definitivamente da almeno 24 mesi ha subito un'impennata dall'1,7 al 4,3% della forza lavoro complessiva in Italia. A questo «bollettino di guerra», che scava un solco nella società, minando alle fondamenta la coesione va, però, associata un'indagine sulle modalità con le quali i padri di famiglia e le donne di mezza età giocano la loro carta della (sperata) assunzione in un altro contesto. I canali utilizzati dagli over50, si scopre, non si discostano troppo da quelli della media dei «colleghi» privi di un incarico: in testa, con numeri un po' più elevati delle altre fasce anagrafiche, c'è la strada «informale», ovvero quella della cerchia delle conoscenze (parenti ed amici) tramite i quali far girare la richiesta di aiuto, praticata da ben F84,3%. Alcuni, però, associano il «passaparola» fra i congiunti ed i conoscenti a visite nei Centri per l'impiego pubblici (30,6%). Meno diffuso, rispetto al totale degli inattivi del Belpaese l'invio di curricula (54% contro il 69,4%), così come la consultazione di pagine internet, che contengono migliaia di annunci e i al reclutamento di personale, o che accolgono richieste di manodopera specializzata (31,9% rispetto al 53,5%) e, infine, inferiore è anche il dato relativo al ricorso alle agenzie interinali (15,3%, mentre la restante parte vi si affida in una quota che raggiunge il 19,2%). Qualcosa, però, a loro beneficio si muove. A manifestare l'intenzione di non abbandonarli al proprio (desolante) destino il ministro del welfare Giuliano Poletti, che giorni fa annunciava: «Stia mo valutando un intervento ponte per quei lavoratori over 50 che perdono il lavoro e, nonostante i due anni di mobilità, o di Aspi (l'indennità di disoccupazione), non arrivano a maturare i requisiti per la pensione». In attesa di conoscere la strategia governativa, il Parlamento dice la sua. E lo fa durante l'esame della sesta salvaguardia per i lavoratori esodati che, dopo il via libera alla Camera a luglio, è al vaglio dei senatori: mentre si recuperano risorse per tutelare altre persone prive di remunerazione e prestazione previdenziale, un gruppo di esponenti della maggioranza, guidati dal giuslavorista Pietro Ichino (Se) depositano un ordine del giorno in cui impegnano, in sintesi, l'esecutivo a dare l'altolà all'assistenzialismo. E a scommettere sui lavoratori adulti, sia con incentivi per «facilitare la permanenza e/o il reinserimento dei cinquantenni e dei sessantenni nel tessuto produttivo», sia mediante la «flessibilizzazione dell'età del pensionamento». L'età, dunque, faccia rima con esperienza. E venga valorizzata (dalle imprese), non soltanto sorretta economicamente (dallo stato). Riproduzione riservata Hi Previdenza Pag. 18

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli