BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO"

Transcript

1 Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO LE ASSICURAZIONI PER I DANNI DA CATASTROFE NATURALE Riflessioni e contributo conoscitivo PROGETTI PER LO SVILUPPO L acqua: problema e risorsa Riflessioni e proposte nel terzo millennio Lucca 18 e 19 Novembre

2 INDICE Titolo Pag. Introduzione. 1 I. La legislazione spagnola 3 II. III. IV. La legislazione degli StatiUniti 4 Il quadro normativo francese precedente alla riforma del Il sistema ibrido di indennizzo istituito dalla legge del V.Piani di Prevenzione del Rischio Naturale Prevedibile: il tentativo di integrare il regime di indennizzo con una politica di Prevenzione.. 10 VI. Crisi del principio di solidarietà nazionale. 12 VII. Il tentativo di introdurre il dibattito sull assicurazione del danno da catastrofe naturale in Italia: i progetti di legge presentati nel corso delle passate legislature. 13 Conclusioni 16 2

3 Introduzione Le catastrofi naturali, che hanno colpito in questi ultimi tempi il territorio di molti Paesi europei e che appaiono sempre più numerose e distruttive, hanno riaperto, nella comunità scientifica e politica, un dibattito acceso sulle loro cause, sui loro effetti e soprattutto sulle politiche più idonee per affrontarle e contenerle. Negli ultimi anni, nel nostro Paese, tali eventi naturali sono stati affrontati nel segno dell emergenza, convogliando di fatto verso politiche di riparazione ingenti risorse dello Stato, che venivano di conseguenza sottratte a politiche di prevenzione. Nella comunità scientifica e politica sono sempre più frequenti le voci di coloro che chiedono di contrastare la logica emergenziale sinora dominante, anche ricorrendo a soluzioni normative innovative 1. Particolare importanza assumono, in questo senso, le legislazioni di numerosi Paesi europei ed extraeuropei (dalla Spagna al Belgio, dalla Svizzera alla Francia, dagli Stati Uniti al Giappone), che, in progresso di tempo, hanno scelto di affrontare e risolvere il problema dei danni provocati da catastrofi naturali attraverso il sistema delle assicurazioni private nazionali ed internazionali. Noi esamineremo, in particolare, per la loro tipicità ed esemplarità, da prima, l esperienza spagnola, che è la più antica, risalendo al tempo della guerra civile, e che è caratterizzata dal massimo intervento da parte dello Stato, dal momento che una struttura pubblica è stata investita, in condizioni di monopolio, del compito di gestire un sistema assicurativo per conto della collettività. Passeremo poi ad analizzare l esperienza americana, che costituisce per converso un modello esemplare di remissione al mercato dei problemi dell assicurazione da catastrofe naturale, giacché i premi assicurativi sono qui stabiliti secondo le regole classiche del mercato assicurativo. Infine, una posizione centrale verrà da noi riservata alla legislazione francese, un sistema per così dire misto, che, ad avviso nostro e di molti operatori del settore, costituisce il modello migliore per le esigenze del nostro Paese: nell analizzarlo, dedicheremo innanzitutto un esame preliminare al sistema francese preesistente alla riforma del 1982, per mostrarne le analogie con l attuale quadro normativo italiano in materia di catastrofi naturali; valuteremo poi, nel successivo paragrafo, la novità della legislazione francese, che consiste essenzialmente nell obbligo, imposto alle società di assicurazione, di garantire il rischio da catastrofe naturale, vincolandole ad inserire una apposita clausola assicurativa in ogni polizza stipulata per coprire gli assicurati dal rischio 1 Cfr G.L. PRIEST, 1996, The Government, the Market, and the problem of Catastrophic loss, 12 Journal of Risk and Uncertainty, 219, il quale mostra come il problema dello sperpero di ingenti fondi governativi in seguito a calamità naturali sia un fenomeno comune anche agli Stati Uniti. L autore cita il caso dei fondi stanziati nel 1993 alle popolazioni colpite dall uragano Andrews e che egli, citando due rapporti governativi, denuncia essere stati impiegati per gli scopi più diversi, spesso senza connessione con i danni subiti dalle popolazioni. 3

4 di incendio, o di altra forma di danneggiamento materiale, di beni mobili ed immobili: tale clausola di garanzia assicurativa sulle catastrofi naturali da diritto alla percezione, da parte dell assicuratore, di un premio addizionale, il cui ammontare, uguale per tutti gli assicurati, è fissato dallo Stato. Il meccanismo assicurativo per le catastrofi naturali è ritenuto giustamente un sistema ibrido, dato che in esso le libere forze del mercato assicurativo sono soggette a precise regole dettate dallo Stato, che disciplina non soltanto l ammontare dei premi pagati a tale scopo, ma la stessa procedura per l indennizzo, ai danneggiati, da parte delle società assicuratrici, che viene azionato tramite un apposito decreto interministeriale, che sancisce lo stato di catastrofe naturale. Nella più recente riflessione politica e dottrinale francese, accanto ad una generale serie di giudizi positivi sulla disciplina del 1982, erano apparse anche precise riserve sulle rigidità del sistema adottato (in particolare sul premio unico), che, secondo una diffusa valutazione, non avrebbe incoraggiato a sufficienza politiche di prevenzione da parte degli enti locali, quali, per esempio, politiche urbanistiche particolarmente caute nelle zone ad alto rischio. Per venire incontro a tali critiche, il legislatore francese ha ritenuto necessario apportare correttivi alla legislazione del 1982, in modo da rimediare ai suddetti inconvenienti; con il decreto 5 settembre 2000, infatti, sono stati modulati opportunamente gli indennizzi delle società assicuratrici, in funzione delle attività preventive poste in essere dalle comunità colpite: di tutto ciò ci occuperemo nel quinto paragrafo. C è da precisare, tuttavia, che gli aggiornamenti del 2000 non sono apparsi a tutti risolutivi: da parte di alcuni studiosi,infatti, è stato sostenuto che, invece di un intervento dello Stato, rivolto a modulare gli indennizzi, sarebbe stato più opportuno dare libero corso alle forze del mercato e permettere alle società assicuratrici di modulare i premi assicurativi, in funzione del diverso rischio delle aree insediate, abbandonando l attuale regola del premio unico, che costituisce, allo stato, la massima espressione di quel principio di solidarietà e su cui è stata fondata la riforma del 1982: i titolari dei beni a minor rischio finanziano, infatti, la copertura assicurativa dei beni a maggior rischio di catastrofe naturale. Di questo parleremo nel sesto paragrafo. Nell ultimo paragrafo esamineremo, poi, i disegni di legge con i quali, nel corso delle passate legislature, si è discusso, anche nel Parlamento italiano, sul tema della assicurazione da rischio da catastrofe naturale. Concluderemo poi con brevi osservazioni finali sulla opportunità di riaprire, nel nostro paese, un dibattito politico su questi temi, indicando le direttrici di una possibile riforma. 4

5 I. La legislazione spagnola In Spagna le calamità naturali, chiamate rischi straordinari, sono incluse da molto tempo tra i rischi assicurati ed includono tutte le forme di eventi calamitosi, dai cicloni, alle inondazioni, ai terremoti. Preposto al settore è un ente creato ai tempi della guerra civile spagnola, chiamato Consorcio de Compensación de Seguros: l ente, che ha operato fino al 1990 in regime di monopolio, ha oggi un nuovo statuto, strutturato sulla base dell esigenza di adeguamento alla normativa comunitaria, che, non modificando di fatto ruolo e funzioni, ne mantiene la natura pubblica e lo fa operare, sul piano formale, come un assicuratore complementare rispetto alle compagnie assicurative private. Il sistema spagnolo di assicurazione per i cosiddetti rischi straordinari si caratterizza per i seguenti elementi: a) in una serie di contratti di assicurazione relativi a danni alla proprietà ( ad esempio: incendio, furto) o alle persone ( es. incidenti personali) si prevede l applicazione automatica della garanzia ( per una somma almeno uguale a quella assicurata nella polizza base ) anche dal rischio straordinario, tramite un premio addizionale alla polizza base, che varia a seconda dei rami assicurativi; b) le compagnie assicurative private non sono però obbligate ad assumersi la responsabilità della copertura del rischio aggiuntivo: quando non avviene, subentra automaticamente la responsabilità del Consorcio ; di fatto, oggi, nel mercato spagnolo, le compagnie private abitualmente non sottoscrivono le garanzie per il rischio straordinario ed è il Consorcio che ne assume l obbligo; c) i mezzi finanziari del Consorcio sono costituiti, sostanzialmente dai premi addizionali sulle polizze di base; è assicurata, comunque, la garanzia dello Stato per l eventuale impossibilità di adempimento da parte del Consorcio, garanzia, tuttavia, mai utilizzata finora; d) sono previste esclusioni e franchigie: va detto che, per quanto riguarda il primo aspetto, non sono coperte da garanzia per rischio straordinario le catastrofi dichiarate nazionali ( clausola in verità mai attuata, fino ad oggi, nonostante il verificarsi di calamità di notevole rilievo); per ciò che concerne il secondo aspetto, è prevista una franchigia generale, che è solitamente costituita dal dieci per cento dell ammontare del danno: ci sono poi franchigie specifiche, che possono essere evitate con il pagamento di un sovrapprezzo variabile; 5

6 e) quanto ai danni alla proprietà, l indennizzo copre esclusivamente le perdite materiali dirette e cioè la distruzione della proprietà assicurata o il danno subito dalla stessa ( non dunque la perdita di profitti): non i danni indiretti, quali per esempio quelli occasionali causati dalla mancata erogazione di energia. L andamento economico e finanziario del Consorcio è, allo stato, del tutto positivo. Se si mettono in comparazione i premi e i sinistri dell ultimo ventennio, si vede che i premi manifestano una crescita media, di anno in anno, di circa il 5%, determinata da una progressione ascendente, attribuibile all espansione del mercato assicurativo; l ammontare del premio varia, invece, secondo un carattere ciclico. Il rapporto premi-sinistri mostra, comunque, nel tempo un convincente equilibrio, anche se con grandi fluttuazioni annuali. II. La legislazione degli Stati Uniti Negli Stati Uniti, una interessante esperienza nel settore delle assicurazioni da catastrofe naturale, anche se relativa soltanto al rischio da alluvione, è stata avviata fin dal 1968, a seguito della promulgazione del National Flood Insurance Act, che ha istituito il National Flood Insurance Program ( NFIP), amministrato da una agenzia federale all uopo creata: la Federal Emergency Management Agency (FEMA). Ai sensi del paragrafo 1304 del succitato testo normativo, infatti, il Direttore della FEMA elabora un programma nazionale di assicurazione contro le alluvioni, grazie al quale i soggetti interessati potranno ottenere una copertura assicurativa per i danni fisici, e per i danni ai beni immobili o mobili, conseguenti ad un fenomeno alluvionale. L Agenzia è tenuta, inoltre, a predisporre una carta nazionale del rischio alluvioni 2 ed a monitorare il rispetto, da parte dei partecipanti al programma, dei requisiti minimi di gestione del territorio, nelle aree ad alto e medio rischio di allagamento ( Floodplain Management) 3. Per comprendere a pieno il sistema assicurativo statunitense, è necessario ricordare che la difesa del territorio, negli Stati Uniti, non rientra nelle materie di competenza federale, bensì in quelle dei singoli Stati. Il governo federale, dunque, per imporre una sua linea di 2 Mappe sul rischio alluvioni sono state predisposte per comunità, al costo di 2 miliardi ed 800 milioni di dollari, in base a stime predisposte nel 2001, cfr. FEMA, National Flood Insurance Program, Program Description, 2002, Washington, 4, consultabile sul sito 3 Essi consistono, fondamentalmente, nell adozione di taluni accorgimenti nelle tecniche costruttive, quali, per esempio, sopraelevare l edificio al di sopra del livello della cosiddetta alluvione base ( base flood): il livello, cioè, presumibilmente raggiunto dalla alluvione cha abbia una possibilità su quattro di realizzarsi nel corso di trent anni. cfr. FEMA, supra, 5. 6

7 politica legislativa nel campo delle assicurazioni contro le alluvioni, è dovuto ricorrere al cosiddetto potere di spesa ( spending power) per la collettività, garantito dalla carta costituzionale: in base a tale potere, il governo federale, che non può direttamente obbligare i singoli Stati ad adottare determinate disposizioni normative od indirizzi politici, può sollecitarne, tramite lo stanziamento di fondi federali, l adesione spontanea al programma federale. Per questi motivi di ordine costituzionale, la caratteristica precipua del programma federale, sulle assicurazioni contro il rischio alluvione, è la volontarietà, nel senso che essa si potrà applicare soltanto a quelle comunità che avranno manifestato spontaneamente la volontà di aderirvi. Il governo federale ha cercato di favorire una politica di adesione al programma di assicurazione contro le alluvioni da parte delle comunità locali; ciò è avvenuto non solo tramite incentivi finanziari, ma anche attraverso precise penalizzazioni: per esempio, il Flood Disaster Protection Act ( Norme sulla protezione dalla catastrofe alluvionale), approvato nel 1973, proibisce ad uffici o ad agenzie federali di approvare qualsiasi forma di aiuto, garanzia, sussidio, mutuo, concesso per la costruzione o l acquisto di immobili localizzati in una comunità non partecipante al programma NFIP e situati in una zona classificata a alta esposizione al rischio alluvione (SFHA) dalla apposita carta, redatta dall Agenzia; un altra disposizione normativa, varata nel , ha,inoltre, stabilito che i proprietari di immobili situati in comunità non partecipanti al programma NFIP e non coperti da una assicurazione contro le alluvioni, i quali ottengano un credito ipotecario da una banca od un istituto di credito di rilevanza federale, debbono dalla stessa essere informati che, nel caso di alluvione, hanno scarsa probabilità di vedersi indennizzare i danni subiti, tenuto conto dei limitati fondi federali per l emergenza. L adesione volontaria al programma, nonostante le disposizioni su ricordate, rimane, però, piuttosto bassa, considerato che solo quindicimila comunità partecipano ad esso 5. Si stima che solo un terzo di coloro che vivono in zone classificate ad altra esposizione al rischio di alluvione, siano coperti da garanzia assicurativa; per certe catastrofi verificatesi in passato, poi, gli assicurati non hanno superato il 20% dei soggetti danneggiati, dovendo quindi, il restate 80%, accontentarsi degli esigui fondi federali di solidarietà, pagati dai contribuenti 6. Nelle comunità partecipanti al NFIP, dal 1973, invece, è fatto obbligo ai proprietari di sottoscrivere una assicurazione contro le alluvioni. Questa può essere stipulata o direttamente National Flood Insurance Reform Act. 5 FEMA, supra,3. 6 FEMA, supra, 29. 7

8 con l Agenzia FEMA, attraverso agenti o brokers autorizzati, oppure, indirettamente, con varie compagnie assicuratrici private, le quali, in base ad uno speciale programma creato nel 1983 ( detto WYO) 7, agiscono, praticamente, da intermediarie: esse percepiscono dai soggetti assicurati il premio, e dopo avere trattenuto per sé una percentuale di esso, prefissata dall Agenzia, versano la restante parte del premio al Fondo dell Agenzia ( National Flood Insurance Fund), con il quale l Agenzia provvede a pagare gli indennizzi 8. E sempre l Agenzia, poi, a fissare le condizioni di contratto, quali i massimali, e l ammontare dei premi. Questi ultimi, sono tendenzialmente fissati sulla base dei tassi attuariali: sono, cioè, calcolati in modo da coprire completamente il rischio da alluvione, determinato secondo le regole del mercato assicurativo. I premi riflettono tuttavia anche altri fattori: sono fissati non soltanto sulla base della classificazione dell area, e dunque del rischio da alluvioni, ma anche in funzione dell adozione di precise tecniche di costruzione, suggerite dalla FEMA, quali, per esempio, quella di edificare le case in modo tale che il piano abitabile più basso si venga a trovare al di sopra della così detta alluvione-base, cioè del livello massimo dell inondazione, raggiungibile nel ciclo di cento anni. E dunque in ragione del rispetto delle direttive della FEMA che variano i premi assicurativi. Se poi una delle comunità partecipanti decide di attuare misure di prevenzione del danno da inondazione, che siano più stringenti di quelle minime richieste dalla FEMA, essa beneficerà di sconti anche considerevoli sui premi, secondo una scala prefissata. Non tutte le polizze assicurative, sottoscritte in base al programma, sono però determinate su base attuariale. Per gli edifici costruiti prima del 1974, prima cioè che l obbligo di assicurazione per le comunità partecipanti divenisse effettivo, la FEMA ha fissato dei premi sussidiati dal Governo: i proprietari pagano, cioè, solo il 30-40% del premio attuariale, restando la restante parte del premio a carico della FEMA. Succede, dunque, che circa il 26 % degli assicurati non paghi premi puri ; ed è per questa ragione che il programma NFIP non ha permesso di costituire un fondo premi autosufficiente: per rispondere alle domande di indennizzo, la FEMA è,dunque, costretta a ricorrere a prestiti concessi dal Tesoro. Con l importante riforma del 1994, sono stati coinvolti, poi, nel controllo dell obbligatorietà del programma, gli istituti bancari e di credito di livello federale: è stato infatti stabilito che, nelle comunità partecipanti al NFIP, questi non possano concedere crediti ipotecari su edifici sprovvisti della garanzia assicurativa alluvioni; è stato deciso, poi, che, se 7 Circa il 95% delle polizze assicurative vengno stipulate in questo modo. 8 Nel 2001, la FEMA pagò, in base al programma NFIP, domande di indennizzo. L ammontare medio degli indennizzi oscillò intorno ai dollari. Cfr FEMA, supra, 28. 8

9 l edificio si trovi in un area classificata ad alto rischio di alluvione, l istituto di credito stesso possa sottoscrivere la polizza assicurativa in nome del proprietario, rimanendo in capo a quest ultimo l obbligazione di pagare il premio. III. Il quadro normativo francese precedente alla riforma del 1982 La Francia non è un paese molto diverso dal nostro per quanto riguarda il problema dei rischi da catastrofi naturale. Uno studio del ha mostrato che in quel paese, su comuni, presentavano un forte rischio idrogeologico, erano a rischio sismico, a rischio di frana e smottamenti, 600 di valanghe: in totale su si trovavano in zone ad alto rischio. Sino al 1982, poi, la disciplina giuridica del fenomeno delle catastrofi naturali non differiva sostanzialmente da quella attuale italiana. Come in Italia, così in Francia, i danneggiati da catastrofi naturali potevano essere soccorsi dallo Stato in tre modi: a) esisteva, innanzitutto, al Ministero dell Interno, un fondo intitolato Soccorso di estrema urgenza alle vittime di calamità pubbliche, che permetteva allo Stato, tramite le prefetture, interventi rapidi a favore delle popolazioni in situazioni di emergenza; b) era previsto, poi, nel delicato settore dell agricoltura, un sistema di copertura contro le calamità agricole, che non dava luogo però a un vero e proprio diritto di indennizzo, ma si concretava in un soccorso parziale per il danno subito; c) era possibile, ancora, che lo Stato, anche con riferimento al XII paragrafo del preambolo della Costituzione del 1946, emanasse provvedimenti legislativi, destinando risorse ed assicurando risarcimenti a popolazioni colpite da catastrofi naturali. Naturalmente, era sempre possibile che i cittadini, quando i danni a loro arrecati fossero dovuti in tutto od in parte ad una azione o ad un omissione della pubblica amministrazione, chiedessero di essere risarciti per i danni subiti, attraverso apposite azioni giudiziarie. Questa disciplina non è stata abrogata dalla riforma del 1982, la quale ha affiancato semplicemente il preesistente regime. IV. Il sistema ibrido di indennizzo istituito dalla legge del G. SANSON Evaluation des dispositifs de secours et d intervention mis en œuvre à l occasion de tempêtes des 26 et 28 décembre Rapport complémentaire de la mission interministérielle, remis au Premier ministre, (2001) p.91. 9

10 Il nuovo regime, che dunque affianca ma non sostituisce il precedente, si fonda sulla legge del 13 luglio 1982, relativa alle vittime di catastrofi naturali, che, all art. 1, stabilisce: i contratti di assicurazione sottoscritti da tutte le persone, fisiche o morali, ad eccezione dello Stato, che garantiscono per i danni da incendio o per tutti gli altri danni a beni situati in Francia, così come i danni da veicoli terrestri a motore, avranno diritto alla garanzia assicurativa contro gli effetti di catastrofi naturali sui beni oggetto di contratti 10. La garanzia assicurativa contro le calamità naturali riguarda i beni mobili ed immobili, oggetto di una polizza contro i danni da incendio, furto od altro tipo di danno. Sono escluse le polizze assicurative sulla responsabilità civile. La garanzia copre poi i danni materiali diretti, che hanno avuto per causa determinante l intensità anomala di un agente naturale 11. Restano escluse perciò, dalla copertura assicurativa, danni alla salute ed alla integrità fisica subiti dall assicurato, i danni ai raccolti ( che beneficiano del fondo di garanzia per calamità agricole disciplinato dalla legge10 giugno ), i danni ai mezzi di trasporto diversi dalla autovettura, quali per esempio veicoli fluviali, marittimi, lacustri, aeromobili (che sono diversamente assicurati) ; i danni solo indirettamente causati dalla catastrofe naturale 13 o le spese connesse ( per esempio, onorari pagati ad esperti, rendite perdute, etc..). Il successo del modello di indennizzo francese è determinato dall elevato numero di cittadini ed imprese coperti dalla garanzia, grazie ad un esteso sistema di assicurazioni obbligatorie. Il legislatore in Francia ha imposto, ad esempio, a tutti i privati ed alle imprese, l obbligo di stipulare una polizza antincendio sugli immobili. E la polizza contiene naturalmente la clausola che da diritto alla percezione della indennità da calamità naturale, nel caso di danni al bene stesso, contro il pagamento di una quota addizionale di premio fissata dalla legge, a partire dal primo gennaio 2001, nella misura del 6% del premio assicurativo per le assicurazioni sugli autoveicoli e del 12% del premio, per tutti gli altri tipi di assicurazione 14. La legge permette così di assicurare una protezione efficace della popolazione, in ragione della obbligatorietà della garanzia da questa assunta, senza far pesare direttamente sul potere pubblico, coè a dire sul contribuente, il costo del finanziamento per l indennizzo. Si tratta, tuttavia, di un sistema ibrido: da una parte si rinvia al meccanismo classico dell assicurazione, con la conseguenza che gli indennizzi per gli effetti delle catastrofi naturali si iscrivono nella logica dei rapporti contrattuali tra gli assicurati e le società assicuratrici, e 10 Legge del 13 luglio 1982,art Legge 92/665 del 16 giugno 1992, codificata nel code des assurances, art. L Legge del 10 giugno 1964, J.O. 1946, p Ad esempio, i beni alimentari contenuti nel frigorifero e rovinatisi a causa di una mancanza di corrente provocato dalla caduta di un albero sui fili della luce durante l evento calamitoso. Cfr. CHRISTOPHE GUETTIER, Indemnisation des victimes de catastrophes naturelles et socialisation du risque, 3 R.G.D.A. (1997), Code des Assurances, art. A

11 perciò con due importanti effetti positivi, quali la rapidità del risarcimento, rispetto a quello che avviene normalmente nel quadro di un procedimento amministrativo e la copertura integrale dei danni ricavati dagli assicurati (salvo franchigia); dall altra parte, lo Stato interviene in modo significativo, non solo stabilendo, come sappiamo, l obbligatorietà dell assicurazione da catastrofe naturale e un premio unico per tutti gli assicurati, ma anche effettuando la declaratoria di catastrofe naturale. E infatti il Ministro degli Interni a dichiarare lo stato di calamità. Entro cinque giorni dall avvenuta intensità anomala di un agente naturale, l assicurato deve dichiarare il sinistro alla sua compagnia di assicurazioni e deve contestualmente indirizzare una lettera al sindaco del suo comune, attestante i danni subiti e adeguatamente documentati. Il sindaco ha quindi dieci giorni di tempo per formare un dossier, con cui chiedere, all apposita commissione interministeriale, il riconoscimento dello stato di calamità per il proprio comune, certificando, a un tempo, la data e la natura dell evento, i danni subiti, le misure di prevenzione adottate, le precedenti ordinanze sullo stato di calamità concesse al medesimo comune. Il sindaco invia preliminarmente il dossier, per conoscenza, alla prefettura, che, controllatane la conformità formale alle disposizione legislative ed ordinati, se del caso, ulteriori verifiche tecniche, invia la pratica al ministero. La Commissione interministeriale è composta da rappresentanti del Ministero dell interno, del Tesoro, dell Ambiente e del Dipartimento della Protezione Civile e delibera sullo stato di calamità, relativamente ai comuni interessati, con apposito decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Se la Commissione interministeriale dichiara lo stato di calamità per un Comune, l assicurato, entro il termine perentorio di 10 giorni dalla pubblicazione dell ordinanza interministeriale, deve far pervenire alla società assicuratrice, con la quale ha stipulato una delle predette polizze assicurative sul bene danneggiato, una stima dei danni subiti dal bene; nel caso che uno stesso bene sia coperto da più polizze a titolo diverso, l assicurato deve scegliere, entro il medesimo termine, la compagnia assicuratrice da cui desidera percepire l indennizzo per i beni danneggiati. L assicurazione prescelta procede, quindi, alle apposite verifiche tecniche tramite la sua rete di ispettori e deve versare l indennizzo all assicurato entro tre mesi 15. Infine, il sistema della assicurazione per i rischi da catastrofe naturale poggia sulla garanzia dello Stato. Infatti, per sollecitare le società assicuratrici private a garantire rischi tradizionalmente ritenuti non assicurabili da parte dei privati, quali quelli da catastrofe 15 Articolo L 125-2, Code des assurances 11

12 naturale, il governo francese ha deciso che una società di riassicurazione a mano pubblica, la Caisse Centrale de Reinsurance 16, offra alle società assicuratrici la possibilità di riassicurarsi contro il rischio da catastrofe naturale, ad un tasso fisso di cessione pari al 50%. Qualora, poi, i fondi della Caisse Centrale de Reinsurance non risultassero sufficienti a coprire i danni da indennizzare, interviene lo Stato nella forma di una garanzia patrimoniale illimitata, come stabilito all articolo L del Code des assurances. Rimangono esclusi, dal sistema così delineato, i danni provocati dal vento, dalla grandine e dalla neve, i quali, tradizionalmente considerati assicurabili, sono coperti dall inserimento di apposite clausole obbligatorie nei contratti di assicurazione 17 e rifuse esclusivamente dagli assicuratori privati. V. Piani di Prevenzione del Rischio Naturale Prevedibile: il tentativo di integrare il regime di indennizzo con una politica di prevenzione. Il legislatore francese, preoccupato che il sistema creato nel 1982, con una totale copertura assicurativa delle catastrofi naturali, incoraggiasse oggettivamente comportamenti non sempre responsabili, da parte dei privati e degli enti territoriali, ha tentato di implementare le norme sull indennizzo con politiche miranti a scoraggiare la costruzione e l insediamento in aree a rischio. La legge del conteneva già una disposizione che obbligava a predisporre i Piani di esposizione al rischio naturale prevedibile, la quale si affiancava ed integrava la normativa precedente del 1967 relative ai cosiddetti Piani di Occupazione del Territorio : questi, istituiti appunto nel 1967, tendevano a porre le aree maggiormente a rischio sotto il vincolo di inedificabilità. La normativa del 1982 è stata rafforzata nel 1995 dalla cosiddetta legge Barnier ( legge 2 febbraio 1995), che, sostituendo i Piani di esposizione al rischio naturale prevedibile con i Piani di prevenzione del rischio naturale ( detti PPR), ha dato a questo tipo di programmazione, come indica la stessa titolazione, una accelerazione sulla via di una politica di prevenzione, non limitandosi soltanto, come succedeva con la legge del 1982, a definire ed identificare le aree ad alto, medio e basso rischio, ma prevedendo per le 16 Cfr ERWANN MICHEL-KERJAN, Insurance against Natural Disasters: Do the French have the Answer? Strenghts and Limitations, Cahier n 7,4 Ecole Polytechnique, Paris, August 2001, disponibile sul sito 17 Code des assurances, art Legge 600/82 del 13 luglio 1982, articolo 5. 12

13 aree a medio ed alto rischio le necessarie misure di prevenzione, da adottarsi dagli enti locali nei cinque anni successivi all approvazione del piano 19. Queste politiche di definizione, classificazione e disciplina delle aree a rischio hanno avuto lo scopo di scoraggiare, come detto, nuovi insediamenti in zone ad alto rischio. Ed è in questo quadro che la disciplina del 1982 di totale copertura per i danni causati dalle catastrofi naturali è stata modificata nel 1997 sul punto essenziale dell obbligo assicurativo: infatti le società assicuratrici possono oggi rifiutare la speciale copertura assicurativa ai beni situati nelle aree definite dal Piano suddetto ad alto rischio, quando gli insediamenti risalgano ad epoca successiva all approvazione del Piano 20. Le novità introdotte dalla legge Barnier hanno trovato tuttavia molte resistenze da parte dei Comuni, che hanno tardato a redigere i Piani di prevenzione del rischio naturale : si stima, infatti, che, alla fine del 2002, su comuni, soltanto avranno promulgato un PPR. Queste resistenze trovano forse una spiegazione nel giustificato timore degli enti locali che tali piani comportino automaticamente una svalutazione degli immobili nelle aree ritenute ad alto rischio 21. Allora, per tentare di ovviare a questo inconveniente ed impegnare gli enti territoriali a redigere e a pubblicare i Piani di Prevenzione, il legislatore francese recentemente ha voluto mettere in stretta correlazione l indennizzo versato dagli assicuratori con l approvazione di un PPR. Già dal 1995 il legislatore aveva stabilito che gli indennizzi per i danni da catastrofe naturale fossero effettuati con la deduzione di una franchigia a carico dei cittadini e delle imprese 22. Un decreto del 5 settembre 2000, ha stabilito che nei comuni dotati di un PPR, la franchigia è fissata nell importo di 380 euro per i beni ad uso privato e del 10% dei danni o 1140 euro per i beni ad uso professionale 23 ; nei comuni sprovvisti di un piano di prevenzione dei rischi naturali prevedibili (detti PPR), gli importi e le franchigie suddette sono accresciute proporzionalmente al numero di volte che sia stata emessa, per lo stesso comune, un ordinanza interministeriale di catastrofe naturale, per quel tipo di evento calamitoso: così, la franchigia verrà duplicata in occasione della terza ordinanza interministeriale concessa, triplicata per la quarta ordinanza e quadruplicata all atto di pubblicazione della quinta Legge 95/101 del 2 febbraio 1995, articolo 16-I. Tali piani sono promulgati con decreto prefettizio, a seguito della positiva conclusione di un inchiesta pubblica e sentito il parere del consiglio comunale sul cui territorio il piano si applica. Vedi Codice dell Ambiente, art. L Legge del 2 febbraio 1995, art. 19-I. 21 CHRISTOPHE GUETTIER, supra, Decreto 17 giugno 1995, codificato nel Code des assurances, art. A.125-1, c 23 Nel caso che l evento calamitoso per il quale si chiede l indennizzo sia la siccità, la franchigia sale rispettivamente a 1520 euro e 3050 euro 24 Art. 1 e 2 del decreto 5 settembre 2000, codificato nel Code des assurances, art. A.125-1, Annex I, d) 13

14 Nei casi più gravi di rischio da catastrofi naturali, di minaccia cioè alla vita delle persone, la legge Barnier permette inoltre, allo Stato, di espropriare in via preventiva i beni sottoposti a tale rischio 25. La legge Barnier tende dunque a correggere il sistema precedente, di garanzia nei confronti di catastrofi naturali, con segmenti sempre più importanti di politiche di prevenzione: la più caratteristica delle quali, infine, è la creazione, effettuata dalla legge Barnier, di un Fondo di Prevenzione dei Rischi Naturali Maggiori 26, alimentato da un prelievo del 2% 27 che grava sull intero ammontare dei premi e versato dalle Società di assicurazione allo Stato 28, con il compito di finanziare, nei limiti delle risorse disponibili, gli indennizzi corrisposti ai proprietari per i processi di espropriazione preventiva, precedentemente descritti: una misura importante, in un crescendo di aggiustamenti, per volgere il sistema delle assicurazioni da catastrofi naturali alle finalità di una politica di prevenzione. VI. Crisi del principio di solidarietà nazionale Alcun autori, in Francia, ritengono tuttavia che le modifiche apportate dal legislatore alla disciplina del 1982, se pur positive, non affrontino il problema alla radice. Essi sostengono che la decisione dello Stato di imporre un premio unico per le assicurazioni contro le catastrofi naturali sia del tutto sbagliata: a loro giudizio,infatti, il principio del premio unico risulta contrastare contro l insieme delle conoscenze scientifiche sul territorio, che dimostrano quanto diversi siano i rischi da catastrofe naturale nelle diverse parti di esso e quindi come sia più giusto un premio differenziato Ritengono che, con i Piani di Prevenzione del Rischio Naturale Prevedibile, risulterebbe chiaro anche ai cittadini l insostenibilità di un sistema che fa pagare ad essi lo stesso premio in presenza di grandi differenze di rischio: le grandi resistenze da parte dei Comuni ad adottare tali Piani, costituirebbero, di fatto, la spia di questa evidente contraddizione. Giudicano che, se se il processo di formazione dei Piani suddetti fosse portato a conclusione, magari attraverso l intervento necessario dello Stato, ci sarebbe sufficiente consenso, da parte della pubblica opinione, per passare dal sistema del premio unico, imposto dallo Stato, ad un sistema di premi variabili, determinati dal mercato, in funzione del diverso 25 Legge 95/101 del 2 febbraio 1995, articolo 11. L espropriazione avviene per mezzo di una dichiarazione di pubblica utilità compiuta, al termine di una apposita inchiesta, dalla commissione all uopo nominata dal prefetto, Code de l expropriation art. R Legge 95/101 del 2 febbraio 1995, art Legge 99/1173 del 30 dicembre 1999, art. 55-II. Ai sensi del medesimo precetto normativo, lo Stato può autorizzare finanziamenti a favore del Fondo. 28 Legge del 12 luglio 1999, art

15 rischio del territorio, con un incremento di comportamenti virtuosi degli enti locali e dei cittadini. Questa posizione è tuttavia contrastata dalla maggioranza della dottrina, che ritiene invece che il premio unico, per la solidarietà che esprime, costituisca il punto di forza del sistema e che il suo abbandono od il suo drastico ridimensionamento metterebbe a rischio l equilibrio finanziario e la funzionalità del sistema, scaturito dalla riforma del Ma questo, a tutt oggi, rimane oggetto di un confronto solo dottrinale. VII. Il tentativo di introdurre il dibattito sull assicurazione del danno da catastrofe naturale in Italia: i progetti di legge presentati nel corso delle passate legislature. Nel nostro Paese, il tema della copertura del rischio da catastrofe naturale, tramite il sistema assicurativo nazionale ed internazionale, è stato oggetto non solo di dibattiti dottrinali, ma anche di proposte legislative ripetute, a partire dalla XI legislatura. Il primo disegno di legge in proposito ( 1164/93) fu presentato, nella XI legislatura 29, per iniziativa del Senatore Cesare Golfari e riproposto, nella successiva legislatura, alla Camera dei Deputati, nella stessa formulazione, da parte del deputato Andriollo Camoirano 30. Esso prevedeva, all articolo 1, l istituzione di un Fondo per l assicurazione dei privati ( FAB: ricompreso in un più ampio ed assai articolato Fondo Nazionale per la Protezione Civile 31 ), alimentato da una addizionale obbligatoria all ICI dell 1% (aumentata dello 0,5% in caso di eventi di particolare gravità 32 ), riscossa da Comuni, che dovevano stipulare per i cittadini una polizza con un Consorzio assicurativo obbligatorio. A fronte del premio-imposta gravante sui cittadini, si stabiliva una copertura, a loro favore, del danno causato da catastrofe naturale, per l ammontare che superasse la franchigia del 15 per cento 33 del danno subito. Punto di forza del sistema così delineato era rappresentato, dunque, dalla sua obbligatorietà, presupposto necessario per rendere il sistema finanziariamente autosufficiente. 29 Disegno di legge 1164/93, presentato al Sento il 93/04/22; assegnato alla Commissione XIII (Territorio e Ambiente) in sede referente il 93/05/10; consultabile sul sito 30 Disegno di legge 800/94, presentato alla camera dei deputati il 29/ 6/94/, assegnato alla Commissione VIII ( Ambiente e territorio), in sede referente il 13/10/94; consultabile sul sito 31 Il Fondo Nazionale per la Protezione Civile si componeva infatti, anche di un Fondo per gli Interventi di Emergenza, per gli interventi di primo soccorso; di un Fondo per le Opere Pubbliche, finalizzato al ripristino delle strutture e dei beni pubblici e di un Fondo per le Attività Produttive, teso alla promozione delle attività produttive colpite dalla calamità. 32 Disegno di legge 1164/93, articolo 4, co. 1, lettera h. 33 Id, articolo 4,co.1, letter b. 15

16 Accanto a evidenti positive novità, il progetto, tuttavia, presentava molti punti deboli: il maggiore dei quali era costituito dal fatto che si prevedeva che il contratto di assicurazione venisse stipulato tra i Comuni ed il Consorzio obbligatorio, non già tra i privati e le assicurazioni: tutto questo eliminava, perciò, gran parte degli effetti positivi legati all introduzione di meccanismi di mercato, in particolare il coinvolgimento delle società assicuratrici nel processo di controllo degli effettivi danni subiti dagli assicurati e, ancora, la modulazione dei premi assicurativi sulla base delle misure cautelari poste in essere dai privati. E da sottolineare, inoltre, il ruolo ambiguo ricoperto dal Comune, nello schema del disegno di legge n 1164/93 34, il quale rivestiva in pari tempo, il ruolo di controllore e controllato: doveva, infatti, stipulare i contratti di assicurazione, raccogliere i premi e corrisponderli al Consorzio 35, ma anche dichiarare lo stato di emergenza (qualora l evento calamitoso avesse manifestato i suoi effetti all interno del territorio dell ente 36 ), valutare le denuncie, accertare i danni 37, controllare le procedure di risarcimento da parte dello Stato. Criticabile era poi la scelta di delegare ad un Consorzio obbligatorio tutte le attività connesse alla prestazione assicurativa, dalla determinazione dei premi, alla liquidazione degli indennizzi ed alla stipula di un contratto di riassicurazione, svuotando di ogni funzione autonoma il ruolo delle compagnie assicuratrici. Come è stato acutamente osservato, il coinvolgimento delle società assicuratrici era limitato, ai sensi del progetto di legge, alla sola spartizione degli utili, rimanendo esse estranee e quindi disinteressate ad ogni procedimento decisorio del Consorzio, con contestuale perdita di efficienza del sistema di indennizzo 38. Benché carente in molti aspetti, il progetto di legge Camoirano suscitò interesse anche fuori dalle aule del Parlamento, stimolando un intenso dibattito in dottrina e nel mondo imprenditoriale: l Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici (ANIA), tra l altro, elaborò un progetto di classificazione del territorio italiano, se pur limitatamente alla garanzia contro il rischio alluvione 39, che divideva il territorio nazionale in comuni a basso, medio ed alto rischio e individuava seimila località soggette a rischio di calamità alluvionali: con questo studio, l Associazione indicava che un sistema di assicurazioni contro le catastrofi naturali non poteva prescindere da un attenta valutazione del rischio concreto, relativo al territorio. 34 Cfr GIUSEPPE MUREDDU, Calamità naturali, intervento pubblico e copertura assicurativa, Roma, 1997, Disegno di legge 1164/93, art.4, co.1,lettera c. 36 Disegno di legge 1164/93, art Id, articolo 4, co 1, lettera n. 38 GIUSEPPE MUREDDU, supra, ANIA, Progetto di classificazione del territorio italiano ai fini della garanzia alluvione, Milano, 1996,

17 Nella tredicesima legislatura, il problema della assicurazione contro le catastrofi naturali è stato riproposto, per iniziativa dell onorevole Casinelli (ddl 235/ ), con un progetto di legge delega, intitolato Norme di delega al Governo in materia di Protezione Civile, di intervento dello stato in materia di calamità naturali nonché di assicurazione contro i rischi da esse derivanti. Nell ambito della Commissione permanente Ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera, il progetto veniva discusso e trasformato in un testo base per la discussione in Aula, in data 22 febbraio Il disegno di legge prevedeva tre deleghe al governo in materia di eventi calamitosi, tra cui l assicurazione contro i rischi derivanti da catastrofi naturali (art.2). Si prevedeva, in sostanza, la graduale introduzione di un sistema di assicurazione contro i rischi di catastrofi naturali, che si modellava sul sistema francese, anche se, a differenza di questi, si caratterizzava per una adesione volontaria: da notare, tuttavia, che era stabilito comunque un sistema di indennizzo per coloro che risultassero sprovvisti di una copertura assicurativa, per un limitato periodo di cinque anni, successivo alla approvazione della legge 41. Secondo il disegno di legge, i premi sarebbero stati determinati dal Governo in relazione alle diverse fasce di rischio sul territorio e sarebbero stati fissati con decreto del Ministro dell Industria, sulla base del premio medio definito dal mercato 42. La costituzione di consorzi tra compagnie di assicurazione veniva, poi, permessa al solo fine di facilitare la riassicurazione catastrofale. Seppur la proposta di legge delega avanzata dall onorevole Casinelli non ha potuto approdare alla approvazione dell Aula, è da sottolineare che il dibattito svolto in Commissione aveva portato ad una significativa convergenza delle forze politiche nell adozione di una legislazione che si ispirava in gran parte al modello francese. Questo dibattito e queste convergenze non hanno però avuto un seguito nella XIV legislatura, in cui il problema di un ricorso al sistema assicurativo per la copertura del rischio da catastrofe naturale non è stato ancora sollevato in una forma accettabile: tale non può essere considerato il progetto di legge 503/2001, presentato al Senato per iniziativa del senatore Luigi Manfredi 43, in cui la possibilità di indennizzare a privati i danni derivanti da calamità naturali per mezzo di un sistema assicurativo, è trattata alquanto sinteticamente, in 40 Disegno di legge 235/1996, assegnato alla VIII Commissione permanente della Camera, in sede referente, in data 11 marzo 1999, consultabile sul sito 41 Norme di Delega al Governo in materia di protezione civile, di intervento dello Stato in materia di calamità naturali nonché di assicurazione contro i rischi da essa derivanti, art. 2, lettera f, in Allegato al Resoconto della seduta del giovedì 22 febbraio 2001, VIII Commissione, consultabile sul sito 42 Id, art. 2, lettera c. 43 DDL 533/2001 Legge quadro in materia di interventi per il ristoro dei danni e la ricostruzione a seguito di calamità o catastrofe, presentato al Senato in data 26 luglio 2001 consultabile sul sito 17

18 un articolo 44, che delega il Ministro della industria alla stipula di una convenzione, con le compagnie di assicurazione private, per regolare la materia. Conclusione Il sistema delle assicurazioni per i rischi da catastrofe naturale, non solo è fattibile, come dimostra l esperienza di molti importanti Paesi, ma è anche l unico in grado di affrontare, con maggiore efficienza, correttezza e trasparenza, il problema dell indennizzo per i danni arrecati dalle catastrofi naturali ai privati, permettendo così allo Stato di destinare le limitate risorse finanziarie non solo alle emergenze, come avviene di fatto oggi nel nostro Paese, ma alle politiche di prevenzione nella difesa del suolo e dell acqua, secondo la linea definita dalla legge 183/89. Il nostro Paese, che per la sua conformazione geologica, per la sua caratterizzazione sismica, per la sua posizione geografica, rappresenta senza dubbio un Paese ad alto rischio di catastrofi naturali (dalle frane, delle alluvioni, ai terremoti etc..), dovrebbe, tra i modelli esistenti, valutare quello che più risponde alle esigenze dei cittadini. Ad avviso di molti studiosi, il modello a cui ispirarsi potrebbe essere quello francese, basato, come detto, sulla solidarietà, cioè sul fatto che il premio per l assicurazione, da parte dei privati, è stabilito dallo Stato ed è sostanzialmente unico per tutti gli assicurati; il che ha per conseguenza che i cittadini delle aree non a rischio, o a minor rischio, contribuiscono a finanziare i reali costi assicurativi delle aree a maggior rischio. Era questa, del resto, la scelta di politica legislativa, che era emersa dalla discussione sul disegno di legge Camoirano della XIII legislatura, che tendeva, appunto, a costruire un sistema assicurativo sostenibile (quanto ai premi) da parte degli assicurati e, nello stesso tempo, finanziariamente equilibrato; è evidente, però, che un sistema siffatto, che obbliga anche i cittadini delle aree a minor rischio ad assicurarsi alle stesse condizioni dei cittadini delle aree a maggior rischio, sarebbe in concreto possibile soltanto se l assicurazione contro i rischi da catastrofe naturali fosse resa in qualche modo obbligatoria, sia pure nella forma indiretta del sistema francese, precedentemente delineato. E evidente che il premio unico, che pure costituisce un elemento importante per far decollare il sistema ed assicurargli un ampia base finanziaria, ha la conseguenza negativa di 44 Id, art

19 costruire una realtà giuridica indifferente alle politiche di prevenzione; e dunque, come abbiamo visto dall analisi del sistema francese, deve essere accompagnato da opportuni correttivi, con la funzione di sollecitare scelte di responsabilità da parte delle comunità e dei singoli cittadini. Ad avviso di molto studiosi, il sistema francese può essere, inoltre, fonte di ispirazione per quanto riguarda la riassicurazione dei rischi da parte delle Compagnie assicuratrici e per quanto attiene alla necessità di una forma di garanzia da parte dello Stato, di fronte ad eventi eccezionali, sia pure limitata al periodo di tempo che serve al decollo del sistema. Le opinioni esposte si fondano sulla constatazione che le esperienze di un sistema fondato del tutto sulla volontarietà della adesione e su premi tendenzialmente puri, come quello americano, stenta a decollare ed a rendersi autosufficiente. E dunque auspicabile che il dibattito sul ruolo del sistema assicurativo privato, nella gestione del rischio da catastrofe naturale, venga ripreso ed ulteriormente approfondito, giacché esso può garantire una adeguata tutela ai cittadini per i danni subiti e, nel contempo, indirettamente contribuire a rafforzare la politica di difesa del suolo. Lucca, 18 e 19 novembre

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale PARIGI 16.11.1972 Materia: RECUPERO E PROTEZIONE DI BENI CULTURALI - ECOLOGIA CONVENZIONE RIGUARDANTE LA PROTEZIONE SUL PIANO MONDIALE DEL PATRIMONIO CULTURALE E NATURALE Data Firma Accordo: 16/11/1972

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli