COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni MARKT/2085/01 IT Orig. FR Bruxelles, 11 ottobre 2001 MARKT/C2/OF D(2001) NOTA PER IL SOTTOGRUPPO "SOLVIBILITÀ" Oggetto: Sistemi «Risk-based capital» (RBC) Questa nota si inserisce nel quadro del progetto "solvibilità II" e contiene lo studio menzionato al paragrafo del documento MARKT72027/01 («Solvibilità II: presentazione dei lavori previsti», lavoro proposto n 3: studio dei sistemi di solvibilità RBC). La sua finalità è preparare la discussione del sottogruppo "solvibilità" sull'opportunità o meno di ispirarsi ai modelli «risk-based capital» per la definizione di nuove regole di solvibilità europee. A tal fine è stata inclusa nell'ultima parte della nota una serie di domande alle quali le delegazioni sono invitate a rispondere per iscritto. I servizi della Commissione auspicano che, per quanto possibile, le risposte siano inviate prima del 7 dicembre 2001, per poterne presentare una sintesi nel corso della riunione prevista per il 19 dicembre. Le delegazioni sono invitate, più in generale, a trasmettere tutte le osservazioni che ritengono utili su questa nota o sulla materia ivi trattata (i sistemi «risk-based capital»). Se ci si attiene al significato del termine inglese, un sistema «risk-based capital» è un sistema in cui il requisito patrimoniale minimo è funzione del rischio o dei rischi assunti dall'impresa di assicurazione. Questa definizione è pertanto molto generale. Essa può inglobare la regola europea del margine minimo: attraverso indicatori semplici questa regola tenta infatti di fissare un requisito patrimoniale in rapporto ai "rischi dell'esercizio" 1 che sussistono una volta che l'impresa ha costituito riserve tecniche sufficienti e detiene investimenti appropriati. 1 Cfr. i considerando della direttiva 73/239/CEE. Rue de la Loi 200, B-1049 Bruxelles / Wetstraat 200, B-1049 Brussel - Belgio. Telefono: Ufficio: C107 1/50. Telefono: linea diretta Fax:

2 Di fatto, si utilizza generalmente il termine «risk-based capital» in un senso più restrittivo, escludendo il sistema europeo e riferendosi più o meno direttamente al sistema introdotto negli Stati Uniti nel corso degli anni '90, denominato proprio «riskbased capital». Nel ramo vita taluni paesi si sono già ispirati alle norme americane per l'elaborazione della loro regolamentazione (Giappone, Canada). Nel ramo danni, i progetti di riforma in corso in Australia e in Canada attingono anch'essi parzialmente al sistema americano. La nota ha la struttura seguente: le tre prime parti descrivono i principi applicati per il calcolo del capitale minimo rispettivamente negli Stati Uniti, in Australia (ramo danni) e in Canada; la quarta parte propone una breve analisi dei punti comuni e delle differenze esistenti tra questi sistemi; la quinta parte propone elementi di discussione per quanto riguarda l'adozione di un approccio RBC nella regolamentazione europea. 2

3 1. PRESENTAZIONE DEL SISTEMA RBC AMERICANO 1.1. Descrizione degli stadi di intervento e del margine minimo 1. Il sistema denominato «Risk-based capital» è stato introdotto negli Stati Uniti dalla NAIC («National Association of Insurance Commissioners») all'inizio degli anni '90 2. In precedenza i requisiti di solvibilità differivano da uno Stato all'altro e consistevano in taluni casi in un requisito fisso di capitale relativamente basso. 2. La nuova norma prudenziale definita dalla NAIC, destinata a riflettere maggiormente le dimensioni delle imprese e la loro esposizione al rischio, si inseriva in un progetto più vasto di razionalizzazione e di armonizzazione delle regole applicabili alle imprese di assicurazione negli Stati Uniti 3. Tale norma era stata pertanto preceduta dalla definizione di un insieme di regole contabili comuni per la redazione dei bilanci obbligatori. 3. Occorre ricordare in proposito che le imprese di assicurazione americane redigono più bilanci. Il bilancio destinato alle autorità di vigilanza 4 è redatto in base a norme specifiche (SAP: Statutory Accounting Principles) che sono più "prudenti" delle norme GAAP (Generally Accepted Accounting Principles, che si applicano ai bilanci destinati agli azionisti). È al bilancio per la vigilanza che si applica il sistema RBC messo a punto dalla NAIC. 4. Il principio dell'rbc è quello di determinare un requisito patrimoniale per ciascuno dei principali "rischi" assunti dalle imprese di assicurazione: i metodi di calcolo utilizzati, più o meno complessi, tengono conto delle caratteristiche di ciascuna impresa. Il requisito patrimoniale complessivo dell'impresa si ottiene assemblando i requisiti patrimoniali connessi a ciascun rischio (l'operazione non è una semplice addizione). 5. Il requisito patrimoniale globale così stabilito viene raffrontato ai fondi propri 5 dell'impresa. Il rapporto fondi propri /requisito patrimoniale dell'impresa determina le possibilità di intervento dell'autorità di vigilanza Questo sistema è entrato in vigore nel 1993 per il ramo vita, nel 1994 per il ramo danni. Questa armonizzazione è avvenuta tramite un sistema di "accreditamento" degli Stati da parte della NAIC. Ciascuno Stato resta responsabile della sua legislazione e della vigilanza delle compagnie di assicurazione la cui sede sociale è situata sul suo territorio. Alle regole emanate dalla NAIC possono pertanto aggiungersi regole specifiche per ciascuno Stato. In linea di massima ciascuno Stato ha un fondo di garanzia che interviene in caso di fallimento di una società vigilata e che è alimentato da tutte le società operanti nello Stato. Questo bilancio è pubblico così come quello redatto in base alle norme GAAP. Questi fondi propri sono denominati «total adjusted capital» in quanto sono soggetti alla detrazione di taluni elementi contabili. 3

4 6. Gli stadi di intervento dell'autorità di vigilanza sono riassunti nella tabella seguente 6. Rapporto fondi propri/requisito RBC Stadio di intervento Intervento previsto Superiore al 100% - - Tra il 75 e il 100% «Company action level» L impresa deve presentare un piano per la ricostituzione di una patrimonializzazione adeguata Tra il 50 e il 75% «Regulatory action level» L impresa deve conformarsi alle misure correttive ("orders") prescritte dall'autorità di vigilanza Tra il 35 e il 50% «Authorised control level» L autorità di vigilanza può assumere il controllo dell'impresa Meno del 35% «Mandatory control level» L autorità di vigilanza deve porre l'impresa sotto il suo controllo Calcolo dell'rbc per il ramo danni 7. Il sistema RBC per il ramo danni identifica due grandi categorie di rischi: i rischi degli attivi (asset risks) e i rischi tecnici (underwriting risks). 8. I rischi degli attivi (R 1, R 2, R 3 ) sono i rischi di perdite derivanti dal deprezzamento del valore degli attivi o dall'inadempienza (default) degli emittenti; gli attivi sono suddivisi in tre categorie: investimenti obbligazionari, altri investimenti, crediti. 9. I rischi tecnici considerati sono da una parte il rischio di insufficienza delle riserve sinistri (R 4 ) e dall'altra il rischio di insufficienza dei premi (R 5 ). 10. Oltre a queste due grandi categorie di rischi, il sistema RBC prevede anche un requisito patrimoniale per gli impegni fuori bilancio ed un trattamento specifico per le partecipazioni detenute in imprese di assicurazione del gruppo (R 0 ). 6 Gli stadi di intervento sono presentati talora in funzione della soglia dell'«authorised control level», ovvero la metà dello standard RBC (cfr. relazione provvisoria di KPMG). 4

5 R 0 : rischio collegato agli impegni fuori bilancio e alle imprese di assicurazione controllate 11. R 0 è la somma di due requisiti patrimoniali: un requisito per le società assicurative controllate dall'impresa di assicurazione: consiste nel valore contabile dei titoli detenuti o nel requisito RBC delle controllate. un requisito per gli impegni fuori bilancio dell'impresa. R 1 : rischio degli investimenti a reddito fisso 12. Le obbligazioni detenute dall'assicuratore sono ponderate con fattori di moltiplicazione che sono funzione della loro qualità; quest'ultima viene stabilita in base ad una classificazione elaborata dalla NAIC e simile a quella delle agenzie di rating. I fattori vanno dallo 0% (per i titoli di stato americani) al 30% per le obbligazioni di emittenti insolventi o prossimi all'insolvenza. 13. Per gli emittenti dei primi dieci investimenti (valutati in base all'importo totale degli attivi, obbligazioni o altro, che l'assicuratore ha investito presso tali emittenti) le ponderazioni sono raddoppiate. 14. Le dimensioni del portafoglio obbligazionario vengono prese in considerazione con un ulteriore aggiustamento: più il numero di emittenti è elevato, ovvero più il portafoglio è diversificato, meno elevati sono i fattori di ponderazione realmente applicati. R 2 : rischio degli altri investimenti 15. Anche a ciascun tipo di investimento a reddito variabile viene applicato un fattore di ponderazione. Ad esempio le azioni (common stocks) sono ponderate in modo forfettario con un fattore del 15%, gli immobili con un fattore del 10%. 16. Come nel calcolo di R 1, le ponderazioni dei primi dieci emittenti sono raddoppiate ma non possono superare il 30%. R 3 : rischio dei crediti 17. Nel calcolo del rischio dei crediti si distinguono due componenti: R 3, il rischio collegato ai crediti nei confronti dei riassicuratori, e R 3, il rischio degli altri crediti. 18. Il principio di calcolo è lo stesso applicato agli altri rischi degli attivi: ai crediti (con l'importante eccezione dei crediti derivanti da operazioni di assicurazione) vengono applicati fattori di ponderazione. Ad esempio i crediti nei confronti dei riassicuratori (salvo casi molto particolari) sono ponderati con un fattore del 10%. 5

6 R 4 : rischio di riservazione (underwriting reserve risk) 19. Questo rischio viene calcolato moltiplicando l'ammontare delle riserve sinistri per un fattore di ponderazione differenziato in funzione del ramo di attività. 20. Questi fattori variano da una società all'altra in quanto derivano dalla combinazione di coefficienti determinati dalla NAIC per l'insieme del mercato e di coefficienti correttori che riflettono le liquidazioni delle riserve 7 della società in oggetto. 21. I fattori stabiliti dalla NAIC per l'insieme del mercato si basano sul peggior risultato del mercato negli ultimi 10 anni in termini di run off ratio. Questi fattori non sono ricalcolati ogni anno ma possono essere aggiornati se necessario. La correzione di questi fattori in funzione della liquidazione delle riserve di ciascuna impresa è invece operata annualmente, ma il suo effetto appare relativamente limitato. 22. Il calcolo integra inoltre un fattore di sconto per tener conto del fatto che il grado di insufficienza delle riserve constatato a posteriori è compensato in parte dai proventi finanziari generati da queste stesse riserve 8. Per schematizzare, vi sarà bisogno di fondi propri R 4 solo se il peggior tasso di run off eccede il «cuscinetto di sicurezza» costituito dall'assenza di sconto nel bilancio americano. R 5 : rischio di tariffazione (underwriting - premium risk) 23. Il parametro R 5 riflette il rischio che i premi di un esercizio siano insufficienti per coprire i sinistri corrispondenti. 24. Il principio di calcolo assomiglia a quello per R 4. Per ciascun ramo di attività viene calcolato il peggior risultato del mercato negli ultimi 10 anni in termini di loss ratio (rapporto sinistri/premi). Questo rapporto viene corretto parzialmente con la presa in considerazione della sinistralità dell'impresa 9. Esso viene in seguito moltiplicato per un fattore di sconto (per tener conto dei proventi finanziari futuri) e addizionato alle spese generali della società: la parte del rapporto così ottenuto che supera il 100% viene applicata ai premi emessi nell'esercizio contabile nel ramo considerato Per liquidazione delle riserve (run off) si intende la differenza tra il valore dei sinistri effettivamente liquidati e il valore delle riserve sinistri accantonate in precedenza. Le riserve sinistri dei bilanci non sono scontate. La correzione è più significativa che per R4. 6

7 Aggiustamenti effettuati sui rischi tecnici (underwriting risks) 25. I calcoli descritti in precedenza per R 4 e R 5 sono oggetto di diversi aggiustamenti: talune deduzioni o taluni aggiustamenti sono specifici a determinati rami; una deduzione viene effettuata per tener conto della diversificazione: la somma degli R 4 (o R 5 ) è moltiplicata per un fattore compreso tra il 70 e il 100% a seconda dell'importanza relativa del ramo di attività principale. un incremento per crescita eccessiva viene applicato alle società che registrano un tasso di crescita superiore al 10%. RBC totale per il ramo danni 26. L'RBC totale è ottenuto con un'operazione, denominata talora «aggiustamento di covarianza», la cui formula è, a seconda dei casi: o: R R R1 R2 0,5. R3' R3' ' ) (0,5. R3' R4 ) ( R 2 5 R R R1 R2 R3 R4 R Calcolo dell'rbc per il ramo vita 27. Il sistema RBC per il ramo vita identifica le categorie di rischio riportate in appresso. C 0 : rischio collegato agli impegni fuori bilancio e alle imprese di assicurazione controllate 28. Questo parametro sembra avere la medesima definizione che nell'rbc per il ramo danni. 7

8 C 1 : rischio di investimento o rischio degli attivi (asset risk) 29. Il requisito patrimoniale per la copertura di questo rischio viene calcolato ponderando gli investimenti con fattori che vanno da 0% al 30%. Vi è una differenza rispetto all'rbc del ramo danni: le azioni sono ponderate con un coefficiente del 30%. Il coefficiente iniziale previsto per l'rbc danni era anch'esso del 30% ma è stato ridotto successivamente al 15% per non «penalizzare» eccessivamente le imprese di assicurazione del settore danni che detengono generalmente molte più azioni rispetto agli assicuratori del settore vita Nel 2001 sono stati introdotti coefficienti di aggiustamento per fiscalità (tax adjustment factor) che hanno modificato molto lievemente i fattori applicabili agli investimenti. Sembra che questi coefficienti abbiano anch'essi un impatto sul calcolo di taluni elementi dei parametri C 2, C 3 e C Sempre nel 2001, ai fini dell'applicazione della "regola della radice quadrata" il parametro C 1 è stato suddiviso in 2 componenti: C 1cs per le azioni e C 1o per gli altri investimenti (e i crediti nei confronti dei riassicuratori). Questa modifica ravvicina le formule dell'rbc vita e danni. 32. Infine per le società esercenti un'attività di assicurazione nel settore sanitario, occorre aggiungere ai rischi degli attivi descritti in precedenza il parametro C 3b, denominato «health prepaid provider credit risk». C 2 : rischio tecnico (insurance risk) 33. Si tratta del rischio di un andamento sfavorevole della mortalità o della morbilità. Più precisamente, il termine comprende sia il rischio di tariffazione inadeguata sia il rischio di fluttuazioni contingenti della sinistralità. 34. Il requisito patrimoniale corrispondente viene calcolato sulla base dei premi per il ramo «permanent health insurance» (viene applicato un coefficiente che varia dal 7 al 35%) e sulla base del capitale sotto rischio per le garanzie in caso decesso: tassi regressivi (dallo 0,5% allo 0,15%) vengono applicati per tranche di capitali sotto rischio. C 3a : rischio di tasso di interesse (interest rate risk) 35. Il parametro C 3 è calcolato applicando alle riserve matematiche di ciascuna categoria di contratti un fattore che varia dallo 0,75% (contratti non riscattabili o di brevissima durata) al 3% (contratti riscattabili senza o quasi senza penalità di riscatto). 10 Cfr. S. Feldblum. Per i riferimenti completi consultare la bibliografia alla fine del documento. 8

9 36. I fattori calcolati inizialmente dalla NAIC sono aumentati forfettariamente del 50%. Questa penalità non è applicata alle imprese che possono apportare la prova che le loro attività e le loro passività sono adeguatamente allineate tramite l'applicazione di test basati su proiezioni dei cash-flow («cash flow test»). 37. Per queste imprese non soggette alla penalità e per taluni prodotti, la NAIC ha introdotto nel 2000 un calcolo del parametro C 3 fondato direttamente sui test dei cash flow: la NAIC fornisce un set di 12 o 50 scenari di curve di tassi d'interesse e il parametro C 3 è ottenuto tramite la ponderazione dei risultati forniti da questi diversi scenari. C 4a : rischio di impresa (business risk) 38. Il requisito patrimoniale calcolato a questa voce è destinato a coprire tutti i rischi non presi in considerazione nelle categorie precedenti. 39. C 4a corrisponde al 2% dei premi dell'assicurazione vita. 40. Il sistema RBC del ramo vita prevede inoltre un parametro specifico per le imprese esercenti assicurazioni nel settore sanitario, il C 4b, corrispondente alle spese amministrative di questo settore («health administrative expenses»). RBC totale del ramo vita 41. L'RBC totale viene calcolato con la formula seguente: RBC C C C C C C C C 0 4a 1o 3a 1cs 2 3b 4b 9

10 2. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO AUSTRALIANO NEL SETTORE DELL'ASSICURAZIONE DANNI 42. L Australia sta attualmente riformando la sua regolamentazione prudenziale nel settore dell'assicurazione danni 11. Questo processo, cominciato nel 1995 con la formazione di gruppi di lavoro, ha portato alla redazione di una serie piuttosto completa di regole prudenziali. Dall'inizio del 1999 l'autorità di vigilanza australiana, l'apra, svolge consultazioni 12 per apportare i miglioramenti necessari al suo progetto. 43. La riforma 13 dell APRA va al di là della modifica del calcolo del margine minimo. Essa comprende: la definizione di nuove regole di valutazione delle riserve tecniche («prudential standard liability valuation»); la definizione di una nuova regola per il margine di solvibilità («prudential standard capital adequacy»); la definizione di regole relative alla gestione interna dei rischi («prudential standard risk management»); la definizione di regole relative agli accordi di riassicurazione («prudential standard reinsurance arrangements»). 44. Prima di descrivere la nuova regola relativa al margine, riteniamo utile esporre le nuove regole di valutazione delle riserve previste dal progetto di riforma Le riserve tecniche 45. Con il suo progetto di riforma, l'autorità di regolamentazione australiana tenta di «assicurarsi che la valutazione delle passività di assicurazione sia adeguata e avvenga in un'ottica prudenziale anziché essere il risultato di altri fattori quali le norme fiscali, i risultati contabilizzati o il requisito prudenziale di solvibilità dell'assicuratore» Nell'assicurazione vita le regole australiane (riformate nel 1995) sembrano non aver nulla in comune con il sistema americano RBC. Esse non sono pertanto descritte nel presente documento. Se ne troverà una breve descrizione nella relazione provvisoria di KPMG. La terza serie di consultazioni si è svolta nel marzo Questa presentazione si fonda sui documenti pubblicati dall'apra sul suo sito: Cfr. bibliografia. 10

11 46. L APRA ha deciso pertanto di fissare un livello prudenziale minimo per le riserve 14, che è stato definito nel modo seguente: le riserve devono avere una probabilità di essere sufficienti pari al 75%. Il valore corrispondente a questa definizione dovrà essere approvato da un attuario. 47. Le imprese che fisseranno le loro riserve ad un livello diverso da quello definito da questa regola dovranno pubblicare la differenza tra i due livelli. Le imprese che applicano uno standard più «prudente» di quello fissato dall APRA potranno tenere conto dell'eccesso di riserve al momento del computo del loro margine di solvibilità. 48. Con la regola prudenziale così definita, l APRA si allontana, almeno temporaneamente, dalla norma contabile stabilita dal comitato di regolamentazione contabile australiano (AASB: Australian Accounting Standards Board). Quest'ultima (AASB 1023) sembra infatti definire le riserve come un valore centrale delle possibili realizzazioni del valore dei sinistri residui da liquidare, ovvero senza margine prudenziale. 49. In attesa dei lavori dello IASB in questo settore, l AASB ha annunciato la sua intenzione di non rivedere questa regola. In ogni caso è difficile affermare in questa fase che l'iniziativa dell APRA costituisca un passo verso la «doppia contabilità» Il requisito patrimoniale minimo 50. Il progetto australiano distingue tre grandi «rischi». A ciascuno di questi rischi corrisponde un requisito di margine. Il requisito di margine totale è la somma di questi tre valori. Non vi è alcuna regola equivalente a quella della radice quadrata. 51. Il rischio di assicurazione («insurance risk») corrisponde ai due rischi tecnici dell'attività assicurativa («underwriting risks») dell'rbc americano, ovvero il rischio di sotto-tariffazione e il rischio di insufficienza delle riserve sinistri. Il principio di calcolo dei requisiti patrimoniali corrispondenti è quello di applicare tassi fissi: alle riserve di premi (a copertura del rischio di sotto-tariffazione 15 ), alle riserve sinistri (a copertura del rischio di insufficienza delle riserve sinistri) Questa regola si applica non soltanto alle riserve sinistri, ma anche alle riserve di premi (a differenza del sistema europeo, le riserve di premi dell'assicurazione danni sono determinate in modo "totalmente" prospettivo: se un utile è scontato, la riserva di premi sarà inferiore "pro rata temporis"). Questo rischio («premium liability risk») viene definito in modo più ampio del rischio di insufficienza delle riserve di premi. Sembra corrispondere ad un rischio di sottostima del livello tariffario, senza altra precisazione. Tuttavia, intuitivamente, la base delle riserve di premi che dipende dal ritmo di emissione dei premi non è una buona base per riflettere il rischio di sotto-tariffazione di un anno. 11

12 52. I tassi sono differenziati in base a 4 grandi classi di attività (una di esse, la riassicurazione attiva, è a sua volta suddivisa). I tassi applicabili alle riserve variano dal 9% al 18%; i tassi applicabili ai premi dal 13,5% al 27%. 53. Sia per il numero di classi di attività che per i metodi di calcolo utilizzati, il sistema previsto dall APRA è pertanto molto più semplice dell'rbc americano (non vengono presi in considerazione i dati specifici relativi all'impresa di assicurazione come la liquidazione delle riserve o le spese generali, non vi è alcun aggiustamento per la diversificazione dell'attività, ecc.). 54. Il rischio di investimento («investment risk») è comparabile ai rischi degli attivi dell'rbc americano. 55. Il nuovo sistema mantiene il principio della ponderazione degli attivi con coefficienti fissi. Per contro, il numero di classi di attivi identificato è più limitato (8 classi, alle quali si aggiunge la classe degli attivi non ammissibili nel margine costituito). Se si esclude una classe molto «penalizzata» (ponderazione al 100%) 16, la gamma dei coefficienti è più ristretta che nell'rbc: dallo 0,5% al 12%. La classificazione si basa invece su un numero maggiore di criteri rispetto all'rbc: qualità degli emittenti (tramite rating), esistenza di garanzie e loro qualità, durata dell'investimento. 56. Inoltre sono state introdotte regole per gli impegni fuori bilancio e i prodotti derivati Infine il calcolo penalizza gli investimenti concentrati presso una sola controparte (o, il che è più nuovo, presso un gruppo di controparti tra loro collegate): al di là di una certa soglia 18 questi investimenti sono ponderati al 100%. Questa penalizzazione non si applica alle controparti valutate con un rating AA o superiore. 58. Il rischio di concentrazione («concentration risk») non ha equivalente nell'rbc americano. Si tratta del rischio al quale è esposto l'assicuratore in caso di evento catastrofico. Il requisito patrimoniale corrispondente è pari alla ritenzione massima dell'assicuratore in tali circostanze Prestiti non garantiti al personale, prestiti ai direttori, ecc. Per i prodotti derivati il principio è di moltiplicare l'importo nominale per un coefficiente determinato in base alla durata residua e alla natura del derivato e in seguito di applicare il coefficiente previsto nella classificazione generale per la controparte. Nel progetto iniziale dell'apra, questa regola non era prevista; essa è stata aggiunta dopo le consultazioni. In linea di massima le osservazioni ricevute sembrano favorevoli all'introduzione di regole più dettagliate. Questa soglia varia dal 50% al 100% del capitale dell'assicuratore a seconda del rating dell'emittente. 12

13 Livello globale del requisito previsto dalla nuova norma 59. L APRA ha fissato i diversi parametri del suo nuovo sistema in modo tale da ottenere un requisito patrimoniale di circa 1 volta e mezzo superiore alla vecchia norma 19. Possibilità di ricorrere a modelli interni 60. Il metodo di calcolo esposto in precedenza è il metodo standard. Alle imprese sarà offerta la possibilità di quantificare i loro requisiti patrimoniali in funzione del loro modello interno di gestione del rischio. I modelli saranno approvati singolarmente dall'apra in base ad un certo numero di criteri definiti in una circolare («guidance note»). 61. Esamineremo più nel dettaglio il dispositivo australiano in una nota consacrata ai modelli interni delle imprese. 19 La vecchia regola del margine minimo consisteva nel prendere il 20% dei premi o il 15% dei sinistri. 13

14 3. PRESENTAZIONE DEI SISTEMI CANADESI 3.1. Assicurazione vita 62. Le imprese di assicurazione vita regolamentate a livello federale 20 sono soggette ad un «requisito minimo permanente per i fondi propri» (MMPRCE). 63. Il calcolo di questo requisito minimo 21 mutua dall'rbc americano il principio di una scomposizione «per rischio», con leggere differenze nei rischi coperti. Il requisito patrimoniale corrisponde alla semplice somma dei requisiti di ciascun rischio (senza radice quadrata). 64. Rischio di rendimento insufficiente dell'attivo: questa componente è molto simile al rischio di investimento dell'rbc americano. La classificazione degli attivi è ancora più precisa (le azioni e l'immobiliare in particolare sono divisi in più classi). Non sembrano esservi aggiustamenti da apportare per la concentrazione degli attivi o le dimensioni del portafoglio. 65. Rischio di mortalità, morbilità o invalidità: questo rischio corrisponde al rischio di assicurazione del sistema RBC, ma comprende anche il rischio legato alla durata della vita in caso di rendite vitalizie (che non figura in quanto tale nell'rbc). Il rischio collegato alle garanzie in caso di decesso è calcolato tramite la ponderazione dei capitali sotto rischio, ma il calcolo appare più complesso che nel caso dell'rbc: i coefficienti sono determinati in funzione della durata residua della garanzia (9 classi, 5 coefficienti possibili compresi tra lo 0,5% e lo 0,25%) e quindi aggiustati per tener conto delle dimensioni del portafoglio. Quest'approccio ha pertanto caratteristiche comuni sia al sistema europeo che al sistema americano. Il rischio collegato alle garanzie in caso di invalidità si ottiene tramite la ponderazione dei premi (per il rischio collegato ai sinistri futuri) e degli accantonamenti per rendite. Anche in questo caso vi sono regole estremamente dettagliate per la determinazione dei coefficienti ed un aggiustamento per le dimensioni del portafoglio. A confronto, la quantificazione del rischio collegato alle rendite vitalizie appare molto meno raffinata: viene ottenuta applicando un coefficiente dell'1% al totale delle riserve tecniche (comprese quelle non collegate al predetto rischio). 66. Rischio di margine di interessi nella fissazione dei prezzi: questo rischio non era identificato in quanto tale nell'rbc americano. Si tratta del rischio di stabilire una tariffa inadeguata (in determinate condizioni finanziarie). Il requisito di margine corrispondente è dello 0,5% o dell'1% delle riserve tecniche a seconda dei casi Le imprese di assicurazione possono essere soggette ad un'autorità di vigilanza provinciale o all'autorità di vigilanza federale (BSIF). Per una descrizione degli elementi patrimoniali presi in considerazione ai fini del raffronto con questo requisito minimo, cfr. la relazione provvisoria di KPMG. 14

15 67. Rischio di variazione dei tassi di interesse collegato al contesto: questo rischio corrisponde al rischio di tasso di interesse dell'rbc. Coefficienti compresi tra l'1% e il 5%, a seconda della durata e del tipo di contratto vengono applicati alle riserve tecniche corrispondenti. Altri elementi del passivo sono anch'essi oggetto di una ponderazione. Anche taluni elementi dell'attivo sono ponderati all'1% quando generano un rischio di incertezza di cash flow (in caso di possibilità di rimborso senza penalità). 68. Rischio relativo alle attività fuori bilancio: sono previste regole che assegnano agli impegni fuori bilancio degli importi «equivalenti credito» ai quali sono applicati i coefficienti per il rischio degli attivi descritto in precedenza. 69. Rischio relativo ai fondi distinti: questo rischio è stato introdotto nel 2000 per tener conto delle garanzie fornite su questo tipo di fondi in caso di decesso e alla scadenza. Il metodo di calcolo del requisito patrimoniale ad esso relativo si distingue dal resto del sistema per la sua complessità. A partire da tabelle di fattori molto dettagliati, che repertoriano diversi tipi di garanzie, di fondi commercializzati e di riassicurazioni, l'attuario deve scegliere o interpolare il coefficiente applicabile ai prodotti dell'impresa e correggere i suoi calcoli in funzione delle osservazioni effettuate su questi prodotti in base a metodi definiti. Si tratta di una sorta di modello standard piuttosto che di un sistema «risk-based capital» classico. Se l'attuario stima che il suo prodotto o copertura di riassicurazione non corrisponde ai casi previsti nelle tabelle deve usare i modelli stocastici per calcolare i coefficienti adeguati. 70. A differenza dell'rbc americano, l'mmprce non prevede un rischio commerciale generale (a meno di identificare questo rischio con il rischio di «margine di interesse nella fissazione dei prezzi») Assicurazione danni 71. Il Consiglio canadese delle autorità di regolamentazione delle assicurazioni (CCRA) sta elaborando un progetto di requisito patrimoniale minimo per le imprese di assicurazione operanti nel settore danni, denominato TCM (test di capitale minimo). Questo progetto mira a definire un requisito patrimoniale minimo armonizzato per le diverse giurisdizioni cui fanno capo gli assicuratori esercenti l'assicurazione danni in Canada (livello federale o provinciale). I diversi organismi di regolamentazione esistenti in Canada manterranno comunque la facoltà di imporre requisiti più severi. 72. Un primo progetto è stato presentato al settore nel febbraio Una seconda versione è stata pubblicata nel febbraio 2001: è su questa versione 22 che si fonda la presentazione seguente. Il TCM sarà testato sui bilanci 2000 e 2001 degli assicuratori canadesi. 22 Bozza n. 2 della linea direttrice emessa dal BSIF nel febbraio Le versioni francese e inglese sono disponibili sul sito 15

16 73. Il capitale obbligatorio è la semplice somma delle diverse componenti descritte in appresso (la terminologia canadese è ripresa testualmente; si noti che non viene utilizzato il termine «rischio»). 74. Il capitale obbligatorio per gli attivi a bilancio: è ottenuto tramite la ponderazione degli investimenti, classificati in 9 categorie, in base a uno schema abbastanza comparabile al sistema australiano. Questa classificazione è molto più semplice che nell'assicurazione vita. Regole particolari vengono applicate alle partecipazioni in istituzioni finanziarie controllate, per evitare il doppio computo dei medesimi fondi propri. 75. Il capitale richiesto per le passività collegate alle polizze comprende: margini per premi non acquisiti e sinistri non liquidati: il principio è simile a quello del sistema australiano e consiste nell'applicare un coefficiente del 10% alle riserve per premi non acquisiti (ma questo importo non può essere inferiore al 5% dei premi emessi durante l'anno 23 ) e un coefficiente del 5%, 10% o 15% (a seconda della categoria) alle riserve sinistri. Le riserve considerate sono al netto della riassicurazione. Le riserve dei riassicuratori autorizzati sono ponderate con un coefficiente dello 0,5% (riserve premi) o del 2% (riserve sinistri); una copertura obbligatoria per la riassicurazione ceduta a riassicuratori non autorizzati: i crediti sui riassicuratori non autorizzati sono ponderati con un coefficiente del 110%; le riserve per catastrofi e le riserve supplementari per talune polizze: il BSIF (Ufficio del sovrintendente agli istituti finanziari) emana norme relativamente precise sulla costituzione delle riserve per catastrofi (la cui funzione può essere comparata alle riserve di perequazione europee). Queste riserve sono contabilizzate nei fondi propri. In sede di valutazione della solvibilità dell'impresa, esse non sono dedotte dai fondi propri, ma il requisito minimo di margine viene incrementato del loro importo; 76. Capitale obbligatorio per gli impegni fuori bilancio: il principio è lo stesso che nell'assicurazione vita. Vengono applicati coefficienti che consentono di definire gli «importi equivalenti credito» corrispondenti agli impegni fuori bilancio. A questi importi vengono poi applicati coefficienti che dipendono dalla solidità della controparte. (Si noti che il sistema australiano, che in origine non prevedeva questo tipo di meccanismo, ha adottato una regola simile per i prodotti derivati). 23 Il coefficiente del 10% è applicato al più grande tra i valori seguenti: il 50% dei premi emessi nel corso dell'anno o le riserve per premi non acquisiti. Vi è in questo caso una differenza rispetto al progetto australiano. 16

17 4. PUNTI COMUNI E DIFFERENZE TRA I SISTEMI STUDIATI 77. I diversi sistemi esaminati in precedenza hanno in comune la caratteristica di scomporre il requisito patrimoniale in diverse parti corrispondenti ai vari rischi in modo più esplicito rispetto alla regola europea sul margine. 78. Tuttavia, quando ci si appresta a descrivere questi diversi sistemi, si constata che la scelta dei rischi e il grado di complessità dei metodi di calcolo adottati variano. 79. In effetti non sembra esistere un unico approccio «fondato sul rischio» o, quanto meno, un tale approccio non dà luogo ad un unico requisito patrimoniale. Le ragioni sono molteplici: i sistemi esaminati sono stati sviluppati nell'ambito di contesti normativi più ampi; questi sistemi derivano da approcci essenzialmente empirici, certamente influenzati gli uni dagli altri, ma che riflettono altresì le scelte individuali delle autorità di regolamentazione; infine, nell'inevitabile trade off tra semplicità e complessità del sistema, le autorità di regolamentazione hanno optato per soluzioni molto diverse. 80. Appare utile illustrare e precisare brevemente questi tre punti Contesti normativi Osservazioni generali 81. Nei diversi sistemi esaminati la regola del margine minimo è completata da altre regole prudenziali volte a limitare i rischi che gravano sulle imprese di assicurazione Si è già menzionato che il progetto australiano di riforma dell'assicurazione danni non mirava soltanto a ridefinire un livello minimo di capitale, ma includeva anche regole di valutazione delle riserve tecniche e regole relative alla gestione interna del rischio e agli accordi di riassicurazione. 83. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, sempre nell'assicurazione danni, vi sono regole che limitano gli investimenti per emittente, una regolamentazione del programma di riassicurazione (limitazione della ritenzione al 10% dei fondi propri) e un controllo a priori dei contratti e dei premi. Inoltre la definizione delle riserve sinistri sembra abbastanza simile alla definizione europea (senza sconto). 24 Si rinvia ai documenti dell'ocse (DAFFE/AS/WD (2001) 10) e della IAIS («On solvency, solvency assessments and actuarial issues») che descrivono i diversi sistemi di solvibilità esistenti nel mondo. 17

18 84. L esistenza e il carattere vincolante di questi altri «pilastri» del sistema di solvibilità hanno naturalmente un impatto sulla selezione o l'importanza data ai diversi rischi nel requisito minimo di margine. 85. Ad esempio, i vincoli relativi alla riassicurazione potrebbero spiegare l'assenza di un rischio collegato al programma di riassicurazione nella formula dell'rbc americano. 86. Sembra comunque difficile stabilire una regola generale sul modo in cui sono articolati il requisito patrimoniale minimo e le altre regole prudenziali. In particolare, non si dovrebbe concludere che l'inclusione di un «rischio» nella formula del requisito patrimoniale implichi l'assenza o la debolezza delle altre regole prudenziali relative a questo rischio. Ad esempio il sistema RBC americano prevede un requisito di margine per gli investimenti che include il fattore di concentrazione per emittente e nello stesso tempo gli investimenti degli assicuratori sono soggetti a limiti quantitativi per emittente piuttosto rigorosi Le riserve tecniche nell'assicurazione danni 87. Non sempre è facile identificare come si articolano le diverse regole prudenziali. In particolare è interessante vedere come l'introduzione del rischio di riservazione nell'rbc americano abbia fatto dimenticare a taluni commentatori l'importanza di ciò che noi chiamiamo in Europa il «primo pilastro», ovvero l'obbligo di costituire riserve sufficienti. 88. Tuttavia, sin dalla pubblicazione dell'rbc, la NAIC ha precisato che il controllo delle riserve restava responsabilità degli attuari nominati dalle imprese di assicurazione e dei dipartimenti dello Stato responsabili dell'assicurazione. Il rischio di riservazione non era inteso a misurare l'adeguatezza delle riserve contabilizzate dalle imprese Tuttavia il fatto che il «rischio di riservazione» nella formula dell'rbc sia in parte fondato sull'osservazione della liquidazione delle riserve di ciascuna società ha lasciato sussistere una certa ambiguità sull'obiettivo perseguito dalla formula. 90. Il rischio di riservazione è stato oggetto di un certo numero di critiche. Alle critiche classiche mosse ai requisiti di margine indicizzati alle riserve (sarebbero un incentivo a costituire riserve insufficienti) si sono aggiunte critiche più mirate al metodo di calcolo dei coefficienti applicati alle riserve e alla loro inadeguatezza rispetto al rischio reale I massimali variano da 3 a 5%. Le regole esatte sugli investimenti variano a seconda degli Stati. Si tratta dell'osservazione preliminare fatta testualmente da S. Feldblum nel suo capitolo consacrato al rischio di riservazione. Secondo S. Feldblum «si è argomentato che i requisiti relativi al rischio di riservazione sono estrapolazioni ad hoc di eventi storici fortuiti che non distinguono adeguatamente le imprese 18

19 91. L estratto seguente fornisce un buon riassunto delle osservazioni formulate da taluni commentatori su questo punto. 92. «I requisiti dell'rbc di per sé non aiuteranno affatto o ben poco le autorità di vigilanza a determinare se l'attivo netto contabilizzato dall'assicuratore è sopravvalutato. La grande difficoltà di determinare se i pagamenti e le riserve sinistri contabilizzati da un assicuratore siano significativamente sottovalutati, in particolare per i rami a lunga liquidazione con costi molto volatili, fa sì che l'rbc sia in grado solo limitatamente di incoraggiare gli assicuratori "deboli" a detenere maggiore capitale e ad assistere le autorità di vigilanza. In realtà requisiti di RBC mal congegnati potrebbero incentivare ulteriormente taluni assicuratori a sottostimare le loro riserve sinistri in modo da far figurare un requisito di RBC più basso o un livello di capitale più elevato rispetto al requisito di RBC o entrambe le cose 28.» 93. Questa critica dimostra che l'rbc americano non è inteso come un sostituto agli altri pilastri prudenziali (a cominciare dall'obbligo di riserve prudenti) e che è stato criticato da alcuni commentatori per non essere stato concepito tenendo presente questo aspetto. 94. Per concludere questa serie di osservazioni, si noti che l'australia ha adottato un approccio che è leggermente diverso dal sistema americano e che forse rende più facilmente comprensibili le diverse regole del regime prudenziale. 95. L APRA rinuncia pertanto a modulare il requisito di margine relativo alle riserve in funzione dell'osservazione della liquidazione delle riserve di ciascuna impresa. In un certo senso, il suo «rischio di riservazione» è meno sofisticato del rischio equivalente dell'rbc americano. A compensazione, l APRA ha tuttavia emanato una norma che introduce un benchmark prudenziale per le riserve: in questo modo essa ha rafforzato ciò che viene generalmente denominato in Europa il «primo pilastro» del sistema, rendendolo più prescrittivo, e ha indicato più chiaramente i ruoli rispettivi delle due norme prudenziali, quella relativa alle riserve e quella relativa ai fondi propri. 96. Il senso delle nuove regole australiane sulle riserve tecniche resta comunque da precisare. Fissando un tasso di probabilità minimo per l'adeguatezza delle riserve, l APRA si riferisce a modelli attuariali precisi o tenta semplicemente di creare una pratica di mercato più omogenea per la costituzione di riserve «sufficienti»? in difficoltà dalle imprese sane e che contengono incentivi perversi che potrebbero aumentare i rischi di insolvenza». 28 Cummins, Harrington, Niehaus (giugno 93) citato da S. Feldblum. 19

20 97. In Europa la relazione Manghetti ha dimostrato che sembra esistere a livello di ciascun mercato nazionale un consenso sull'interpretazione del primo pilastro delle regole europee (le riserve devono essere sufficienti, senza precisazione supplementare). Per contro, possono esistere disparità tra i diversi mercati nazionali. L'armonizzazione delle pratiche dei diversi mercati europei è senza dubbio più complessa da realizzare rispetto all'armonizzazione delle pratiche di un solo mercato. L'idea australiana merita comunque di essere studiata in quest'ottica Tendenze comune e differenze di metodo Assicurazione danni 98. Una tendenza comune ai diversi sistemi riguarda la scelta delle basi per l'applicazione dei coefficienti. 99. Rispetto alla regola europea del margine, i tre sistemi esaminati tendono a privilegiare le voci di bilancio (investimenti e riserve) rispetto agli indicatori di attività (premi e sinistri) Questa tendenza è ancora più evidente nei progetti australiano e canadese (in entrambi i paesi il sistema precedente si fondava su premi e sinistri, come in Europa). In Australia i premi non sono più utilizzati come basi di calcolo di un requisito patrimoniale ed anche il nuovo sistema canadese ha ridotto molto sensibilmente l'importanza di questo indicatore Nel sistema della NAIC, la situazione non è così chiara: il rischio preponderante nella formula RBC è il rischio di riservazione (circa il 40% del totale, prima dell'applicazione della regola della radice quadrata), al quale corrisponde il requisito patrimoniale calcolato sulla base delle riserve, ma il secondo requisito più importante riguarda il rischio di tariffazione, calcolato in base ai premi (20% del totale) L opportunità di introdurre indicatori che riflettano la composizione degli investimenti o l entità delle riserve è già stata evocata a livello europeo. Si tratta effettivamente di un alternativa o quanto meno di un complemento naturale all approccio attuale fondato sui premi e i sinistri. La relazione Müller, ad esempio, raccomandava l adozione di un terzo indice applicabile alle riserve Si noti inoltre che il progetto "Solvibilità I" introduce una nuova regola destinata a rimediare al difetto più significativo dell approccio fondato sui premi: per le società la cui attività decresce notevolmente (tipicamente le società in liquidazione), il margine di solvibilità non potrà diminuire più rapidamente delle riserve tecniche. 29 Il gruppo di lavoro sulle riserve tecniche per il ramo danni potrebbe essere incaricato di svolgere un esame preliminare di questa materia. 20

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno e servizi ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni e pensioni Aprile 2006 MARKT/2515/06 QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II Finalità del presente documento

Dettagli

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA-BoS-14/181 IT Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI

ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI CONGRUITA DELLE RISERVE TECNICHE (LIABILITY ADEQUACY TEST) DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE VITA IN BASE AI PRINCIPI

Dettagli

Dott. Claudio Carmelo Bellomo Dottore commercialista - Revisore legale REGOLAMENTO DELEGATO APPROVATO DALLA COMMISSIONE DELL UNIONE EUROPEA

Dott. Claudio Carmelo Bellomo Dottore commercialista - Revisore legale REGOLAMENTO DELEGATO APPROVATO DALLA COMMISSIONE DELL UNIONE EUROPEA Dott. Claudio Carmelo Bellomo Dottore commercialista - Revisore legale REGOLAMENTO DELEGATO APPROVATO DALLA COMMISSIONE DELL UNIONE EUROPEA Il 10 ottobre 2014 la Commissione dell Unione Europea ha adottato

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

REGOLAMENTO N. 21 DEL 28 MARZO 2008

REGOLAMENTO N. 21 DEL 28 MARZO 2008 REGOLAMENTO N. 21 DEL 28 MARZO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE I PRINCIPI ATTUARIALI E LE REGOLE APPLICATIVE PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE E DELLE RISERVE TECNICHE DEI RAMI VITA DI CUI AGLI ARTICOLI

Dettagli

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm.

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm. Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Orientamenti sui fondi separati

Orientamenti sui fondi separati EIOPA-BoS-14/169 IT Orientamenti sui fondi separati EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu site: https://eiopa.europa.eu/

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O AD UN ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

I crediti verso le banche sono espressi al valore di presumibile realizzo, tenuto conto delle stime di perdita.

I crediti verso le banche sono espressi al valore di presumibile realizzo, tenuto conto delle stime di perdita. 79 STRUTTURA E CONTENUTI DEL BILANCIO Il bilancio dell'impresa è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico e dalla Nota Integrativa, corredati dalla Relazione sull'andamento della gestione.

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Lucidi estratti da QUADERNI ISVAP

Lucidi estratti da QUADERNI ISVAP Lucidi estratti da QUADERNI ISVAP Tecnica Danni 6 Il margine di solvibilita delle imprese di assicurazione: confronto tra i sistemi europeo ed americano INDICE 1. Aspetti della solvibilita delle imprese

Dettagli

E DI INTERESSE COLLETTIVO

E DI INTERESSE COLLETTIVO Disposizioni in materia di calcolo della solvibilità corretta di un'impresa di assicurazione e di verifica della solvibilità della relativa controllante, in attuazione del decreto legislativo 17 aprile

Dettagli

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH)

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) Il progetto di vigilanza sulla riassicurazione è giunto ad un punto in cui

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

APPROFONDIMENTO RELATIVO ALLA DIRETTIVA 2005/68/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN TEMA DI RIASSICURAZIONE

APPROFONDIMENTO RELATIVO ALLA DIRETTIVA 2005/68/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN TEMA DI RIASSICURAZIONE APPROFONDIMENTO RELATIVO ALLA DIRETTIVA 2005/68/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN TEMA DI RIASSICURAZIONE *Articolo 1: Campo di applicazione Sono interessate le imprese di riassicurazione aventi la sede principale

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

ORDINE NAZIONALE DEGLI ATTUARI

ORDINE NAZIONALE DEGLI ATTUARI ORDINE NAZIONALE DEGLI ATTUARI 00186 Roma Via del Corea, 3 Telefono: 06/32.10.350 Telefax: 06/32.10.250 E-mail: segreteria@ordineattuari.it Sito: www.ordineattuari.it Ai Consiglieri ONA Ai Comitati Regionali

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

Tecnica attuariale delle assicurazioni a.a.2010/2011

Tecnica attuariale delle assicurazioni a.a.2010/2011 Tecnica attuariale delle assicurazioni a.a.2010/2011 Prof.ssa Anna Maria Palazzo Donatella Rossi La solvibilità è il grado di garanzia che una compagnia di assicurazione possa far fronte ai propri obblighi

Dettagli

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma, 21 febbraio 2002 Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione Principio contabile internazionale n. 30 (rivisto nella sostanza nei 1994) Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Il presente Principio contabile internazionale così

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.7.2012 SWD(2012) 197 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO che accompagna il documento REGOLAMENTO DELEGATO DELLA

Dettagli

MARGINE DI SOLVIBILITÀ

MARGINE DI SOLVIBILITÀ DIREZIONE GENERALE DEGLI STUDI Direzione A: Studi a medio e lungo termine Divisione degli affari economici, monetari e di bilancio BRIEFING ECON 510 IT MARGINE DI SOLVIBILITÀ Le opinioni espresse sono

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE AIG Foundation Formula (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo

Dettagli

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI 00187 Roma - Via Sicilia, 57 tel. 06 3236373 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ATTUARI 00186 Roma Via del Corea, 3 tel. 06 3210350 REGOLE APPLICATIVE DEI PRINCIPI ATTUARIALI

Dettagli

Annex to MARKT/2508/02 IT. COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno. Bruxelles, 1 febbraio 2002 MARKT/C2/UL D(2002)

Annex to MARKT/2508/02 IT. COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno. Bruxelles, 1 febbraio 2002 MARKT/C2/UL D(2002) COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno Annex to MARKT/2508/02 IT ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni Bruxelles, 1 febbraio 2002 MARKT/C2/UL D(2002) AI MEMBRI DEL SOTTOGRUPPO "RIASSICURAZIONE" DEL COMITATO

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Lucidi estratti da QUADERNI ISVAP

Lucidi estratti da QUADERNI ISVAP Lucidi estratti da QUADERNI ISVAP 6 Il margine di solvibilita delle imprese di assicurazione: confronto tra i sistemi europeo ed americano INDICE 1. Aspetti della solvibilita delle imprese di assicurazione

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTIVITA DI REVISIONE ATTUARIALE DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE

LINEE GUIDA PER L ATTIVITA DI REVISIONE ATTUARIALE DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE LINEE GUIDA PER L ATTIVITA DI REVISIONE ATTUARIALE DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE INDICE Premessa Pag.6 1. Attività operative di verifica dell AISR delle Compagnie di Assicurazioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

DIRETTIVA 2009/138/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/138/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 17.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/138/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E

Dettagli

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Dott. Bettina Corves Wunderer CFO Allianz SpA Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il ruolo dell industria

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007)

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Modulo 1 Dettaglio delle società incluse nell area di consolidamento Modulo 2 Dettaglio delle

Dettagli

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013)

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) 952.06 del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 2, 10 capoverso

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

D.Lgs. 26-05-1997, n. 173

D.Lgs. 26-05-1997, n. 173 D.Lgs. 26-05-1997, n. 173 TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 - Ambito di applicazione 1. Le disposizioni del presente decreto si applicano alle imprese aventi sede legale nel territorio della Repubblica

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI Finalità del documento Il presente documento fa il punto della situazione in materia di commercio elettronico e servizi finanziari,

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE AIG Foundation Investments (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo Unit Linked

Dettagli

Oggetto: Modelli di rischio di imprese o di gruppi assicurativi

Oggetto: Modelli di rischio di imprese o di gruppi assicurativi COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni MARKT/2515/02 IT Orig. FR Bruxelles, 17 maggio 2002 MARKT/C2/OF D (2002) NOTA PER IL SOTTOGRUPPO "SOLVIBILITÀ" Oggetto: Modelli

Dettagli

ISIN IT000464735 7 "CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON"

ISIN IT000464735 7 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria S.p.A. 12 Novembre 2010/2015 Zero Coupon, ISIN IT000464735 7 da emettersi nell ambito del programma "CASSA

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti

Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti EIOPACP 13/010 IT Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1 60327 Frankfurt Germany Tel. + 49 6995111920; Fax. + 49 6995111919;

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

POSITION PAPER 1/2010

POSITION PAPER 1/2010 Osservazioni dell ABI al documento di consultazione della Banca d Italia sulla Disciplina prudenziale delle cessioni di immobili ad uso funzionale delle banche e dei gruppi bancari 20 gennaio 2010 POSITION

Dettagli

Circ. FINMA 10/3 «Assicurazione malattie ai sensi della LCA»

Circ. FINMA 10/3 «Assicurazione malattie ai sensi della LCA» Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/137 32. Quando sono maturati dietimi prima dell acquisto di un investimento fruttifero, gli introiti successivi di interessi devono essere ripartiti

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1725/2003 DELLA COMMISSIONE del 29 settembre 2003

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED. Roma, 28 febbraio 2007

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED. Roma, 28 febbraio 2007 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED RELAZIONE DI PRESENTAZIONE PER LA PUBBLICA CONSULTAZIONE Roma, 28 febbraio 2007

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 01/02/2010-01/02/2013 TF

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Oggetto: considerazioni sulla forma di un futuro sistema di vigilanza prudenziale

Oggetto: considerazioni sulla forma di un futuro sistema di vigilanza prudenziale COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni MARKT/2535/02 IT Orig. FR Bruxelles, 28 novembre 2002 MARKT/C2/OF D (2002) NOTA ALL'ATTENZIONE DEL SOTTOCOMITATO SOLVIBILITÀ

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN Sede Legale: 50123 Firenze, Via Dei Banchi n. 5 - Direzione Generale: 50121 Firenze, Viale Gramsci n. 69 - Tel. 055.20051, Fax 055.2005333 - Codice Fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 19/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 19/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 19/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. DEL CONCERNENTE LE REGOLE APPLICATIVE PER LA DETERMINAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI ALL ARTICOLO 36-BIS, DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche

Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche EIOPA-BoS-14/166 IT Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE FOPDIRE Fondo Pensione Complementare a Capitalizzazione per i Dirigenti del Gruppo Eni (di seguito definito Fondo Pensione) ha stipulato in data 16/12/2011 con l

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

Disciplina degli investimenti dei fondi pensione e la revisione del DM 703/96. Mauro Marè Mefop

Disciplina degli investimenti dei fondi pensione e la revisione del DM 703/96. Mauro Marè Mefop Disciplina degli investimenti dei fondi pensione e la revisione del DM 703/96 Mauro Marè Mefop A che punto siamo? Situazione degli iscritti al 31.12.2008 * Il dato si riferisce ai Pip nuovi adeguati e

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa con sede legale in Carate Brianza via Cusani, 6 iscritta all Albo delle Banche al n. 217, all Albo delle Società Cooperative al n. A172639 e al Registro delle Imprese di Milano al n.

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 18/2007

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 18/2007 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 18/2007 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LE DISPOSIZIONI ED I METODI DI VALUTAZIONE PER LA DETERMINAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE DEI RAMI DANNI Il presente documento reca

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT Indice 1. Introduzione... 1 2. Gli obiettivi del regolatore... 1 3. Aree informative e opzioni segnaletiche...

Dettagli

La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II

La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II Francesco Cuzzucrea La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II Incontro Attuari Incaricati Vita 1 La Direttiva 2009/138/CE: Best Estimate Articolo 77: La Best Estimate corrisponde alla media

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, XXX [ ](2012) XXX draft COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE agli Stati membri sull applicazione degli articoli 107 e 108 del TFUE all assicurazione del credito all esportazione

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

diversi da quelli tipici dell'attività gestoria, dovendosi altresì escludere che il soggetto che assume l'impegno in parola possa rivalersi, in caso

diversi da quelli tipici dell'attività gestoria, dovendosi altresì escludere che il soggetto che assume l'impegno in parola possa rivalersi, in caso PROVVEDIMENTO Banca d'italia 20 gennaio 2003 Gestioni patrimoniali individuali e collettive garantite (G.U. n. 31, 7 febbraio 2003, Serie Generale) IL GOVERNATORE DELLA BANCA D'ITALIA 1. L'elevata volatilità

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI. Guido Carli. Dipartimento di Scienze economiche e aziendali

LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI. Guido Carli. Dipartimento di Scienze economiche e aziendali LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI Guido Carli Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Impostazione matematico-finanziaria del metodo del Costo Ammortizzato, richiamato dallo

Dettagli

Conto d esercizio 2011. Assicurazione vita collettiva.

Conto d esercizio 2011. Assicurazione vita collettiva. Conto d esercizio 2011. Assicurazione vita collettiva. 2 011 Semplice. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.ch 2011: un anno all insegna di consolidamento, potenziamento e innovazione. tale

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV 1 ) 961.611 del 29 novembre 1993 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del 18

Dettagli

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi:

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi: Riassunto della perizia del Prof. dott. iur. Ueli Kieser sull avamprogetto relativo all ordinanza concernente la vigilanza sull assicurazione malattie (OVAMal) L Ufficio federale della sanità pubblica

Dettagli