SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione CONVENZIONI INTERNAZIONALI: ASSICURAZIONI - DISTACCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione CONVENZIONI INTERNAZIONALI: ASSICURAZIONI - DISTACCHI"

Transcript

1 SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione CONVENZIONI INTERNAZIONALI: ASSICURAZIONI - DISTACCHI 1

2 La Direzione Regionale INPS del Piemonte ha elaborato materiali di ausilio alla trattazione dei servizi rivolti ai soggetti contribuenti, con l intento di standardizzare comportamenti condivisi che rendano più fluido ed efficiente il lavoro delle aziende, dei professionisti ed intermediari che le assistono, degli operatori interni. La digitalizzazione delle procedure e l uso della telematica come infrastruttura di collegamento possono consentire risparmi di tempo, evitare iterazioni, dare maggiore certezza ed esattezza agli adempimenti se la multicanalità è disciplinata ed i codici di comunicazioni sono chiari e correttamente impiegati. Con tale finalità sono stati costituiti gruppi di lavoro misti tra INPS, Ordini professionali, Associazioni di categoria, che hanno enucleato le problematiche ed individuato i percorsi per la loro soluzione. Si tratta di un lavoro che mira ad ottimizzare attraverso l individuazione di best practice gli effetti delle potenzialità tecnologiche ed organizzative allo stato disponibili. Ovviamente, l evoluzione delle procedure e l intervento di novità, anche normative, imporrà un costante adeguamento dei materiali. La produzione degli stessi in logica digitale che permette di diffonderli in modo tempestivo e snello, facendone un utility che può essere disponibile sulla scrivania elettronica di ogni operatore risponde all esigenza del loro puntuale aggiornamento. È un impegno che l INPS del Piemonte si assume nella consapevolezza che sarà base per migliorare le relazioni, l efficacia e la qualità del lavoro che unisce, in linea di servizio, l Istituto, gli intermediari, le aziende, i cittadini. I materiali sono stati prodotti da operatori esperti delle materie cui si riferiscono, coinvolgendo la rete produttiva dell INPS sul territorio regionale. 2

3 Sommario ADEMPIMENTI IN MATERIA DI LEGISLAZIONE APPLICABILE E RILASCIO CERTIFICAZIONI... 5 LAVORATORI INVIATI ALL ESTERO... 5 INFORMATIVA CONCERNENTE IL RILASCIO DEI FORMULARI A1 PER... 7 IL DISTACCO AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 883/ LAVORATORI SUBORDINATI... 7 LAVORATORI AUTONOMI... 9 DISPOSIZIONI COMUNI Lavoratori che si recano in Stati cui si applica la normativa comunitaria Poli regionali per Accordi articolo 16 reg. 883/ Lavoratori che si recano in Stati con i quali sono in vigore Accordi e Convenzioni Bilaterali di sicurezza sociale ACCORDI E CONVENZIONI BILATERALI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI LEGISLAZIONE APPLICABILE E DISTACCHI Accordi e Convenzioni bilaterali - Campo di applicazione materiale Argentina Australia Bosnia Macedonia Montenegro - Serbia - Convezione ex Jugoslavia Brasile Canada e Québec Capoverde Corea Jersey e altre isole del Canale Principato di Monaco San Marino Tunisia Turchia USA Uruguay Venezuela Assicurazioni obbligatorie per i lavoratori inviati all estero in Stati legati all Italia da Accordi e Convenzioni di sicurezza sociale

4 LAVORATORI DIPENDENTI DA AZIENDE STRANIERE OPERANTI IN ITALIA STATI UNITI Effetti dell accordo CITTADINI ITALIANI OCCUPATI NEGLI U.S.A CITTADINI STATUNITENSI OCCUPATI IN ITALIA ALTRE SITUAZIONI

5 ADEMPIMENTI IN MATERIA DI LEGISLAZIONE APPLICABILE E RILASCIO CERTIFICAZIONI LAVORATORI INVIATI ALL ESTERO Lavoratori che si recano in uno Stato non convenzionato Per i lavoratori italiani, assunti in Italia ed inviati in uno Stato non legato all Italia da una Convenzione di sicurezza sociale, non è previsto il rilascio di alcuna certificazione di distacco. In questi casi, se si tratta di trasferimento e non di trasferta, il lavoratore deve essere assicurato in Italia in base alla legge 398/87, per il calcolo dei contributi dovuti devono essere prese a riferimento le retribuzioni convenzionali. In base all articolo 1 del Decreto Legge 31 luglio 1987, n. 317, convertito in legge 3 ottobre 1987 n. 398, i lavoratori italiani operanti all'estero, in Paesi extracomunitari con i quali non sono in vigore Accordi o Convenzioni di sicurezza sociale, sono obbligatoriamente iscritti alle seguenti forme di previdenza ed assistenza sociale: a) assicurazione per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti; b) assicurazione contro la tubercolosi; c) assicurazione contro la disoccupazione involontaria; d) assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; e) assicurazione contro le malattie; f) assicurazione di maternità. Inoltre, ai sensi dell articolo 4, comma 4 della stessa legge, è dovuto il contributo per il Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto istituito con legge n. 297/82. Sebbene la norma faccia riferimento ai soli lavoratori italiani, in osservanza del principio di non discriminazione in base alla nazionalità, sancito dall art. 18 del Trattato sul funzionamento dell'unione Europea (TFUE), il campo di applicazione è da considerarsi esteso anche ai lavoratori cittadini degli altri Stati membri dell UE (messaggio n del 6 febbraio 1990). Da ultimo il Ministero del lavoro, ha espresso l avviso che le disposizioni di cui alla L. n. 398/87 siano applicabili anche ai lavoratori extracomunitari che siano in possesso dello status di soggiornanti di lungo periodo, o, in assenza di tale status, siano in possesso di un regolare titolo di soggiorno e di un contratto di lavoro (messaggio 995 del 18 gennaio 2012). Ai fini del versamento contributivo, il datore di lavoro deve aprire una posizione separata sia all INPS che all INAIL. I contributi per le assicurazioni dovute ai sensi della legge 398/87 vengono calcolati sulla base di retribuzioni convenzionali fissate entro il 31 gennaio di ogni anno, per settori omogenei, con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze, alla luce dei contratti collettivi nazionali di categoria (art. 4 co. 1) (circolare n. 8 del 22 gennaio 2014). La previsione di retribuzioni convenzionali è dovuta alla circostanza che in tali casi, non essendo prevista una convenzione che coordini la legislazione nazionale con quella dello stato estero di occupazione, il lavoro svolto in tale ultimo Stato può essere soggetto a una doppia contribuzione: in Italia e nel Paese di occupazione, nel caso in cui la legislazione di detto stato preveda un sistema previdenziale obbligatorio. Sulla base di tale considerazione la legge ha anche previsto le seguenti riduzioni delle aliquote contributive: - Per l assicurazione, invalidità, vecchiaia e superstiti, disoccupazione e tubercolosi, la riduzione di dieci punti dell aliquota complessiva a carico del datore di lavoro, da utilizzare fino ad esaurimento delle singole aliquote delle gestioni assicurative interessate (art. 4-2 a); 5

6 - Per l assicurazione malattia e maternità le riduzione previste dalla legislazione nazionale in materia di fiscalizzazione degli oneri sociali. Una ulteriore riduzione del contributo può essere concessa, con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, con concerto con il Ministro della salute, ai datori di lavoro che apprestano idonei presidi sanitari a favore dei dipendenti o assicurano comunque a proprie spese l assistenza sanitaria nel Paese estero o assicurano i dipendenti contro le malattie in regime obbligatorio in virtù della legislazione del Paese estero (art. 4-2 b). - Per le assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, qualora anche nello Stato estero tale assicurazione sia obbligatoria e il datore di lavoro dimostri di aver ottemperato a tali obblighi, il valore dei premi è ridotto in misura corrispondente, con decreto del Ministro del lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze (art. 4-2 c). 6

7 INFORMATIVA CONCERNENTE IL RILASCIO DEI FORMULARI A1 PER IL DISTACCO AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 883/2004 Il 1 maggio 2010 sono entrate in vigore le nuove disposizioni in materia di legislazione applicabile e distacchi per i lavoratori che si spostano all interno dell Unione europea, contenute nel titolo II del regolamento (CE) n. 883/2004 (articoli da 11 a 16) e nel titolo II del regolamento di applicazione n. 987/2009 (articoli da 14 a 21). In particolare le nuove norme in materia di distacco sono contenute nell articolo 12 del regolamento n. 883/2004 e nell articolo 14 del regolamento n. 987/2009. La Commissione amministrativa per il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale ha adottato, il 12 giugno 2009, la Decisione n. A2 con la quale sono stati forniti alcuni principi interpretativi dell articolo 12 del regolamento (CE) n. 883/2004. Le Istituzioni e le persone cui si applicano i regolamenti hanno l obbligo reciproco di informazione e di cooperazione per garantire la corretta applicazione dei regolamenti stessi. Particolare importanza assume l obbligo per le Istituzioni competenti di fornire la più ampia informazione alle imprese e ai lavoratori interessati in ordine alle condizioni per il riconoscimento e la permanenza delle situazioni di distacco. In ottemperanza a tali obblighi si richiama l'attenzione delle imprese, richiedenti il rilascio del formulario A1, nonché dei lavoratori interessati, sui seguenti punti. LAVORATORI SUBORDINATI 1. La situazione di lavoratore "distaccato" può essere riconosciuta e può continuare a sussistere solo se e fino a quando sussista un "legame organico" tra impresa distaccante e lavoratore distaccato. In base a quanto precisato dalla Commissione amministrativa con la citata Decisione, la presenza del "legame organico" è riconoscibile dal mantenimento del rapporto di subordinazione con l'impresa distaccante durante tutto il periodo di distacco, oltre che da altri elementi quali la responsabilità dell impresa distaccante in materia di assunzione del lavoratore, di gestione del contratto di lavoro, di risoluzione del rapporto di lavoro e di determinazione della natura del lavoro da svolgere durante il periodo di distacco. 7

8 2. Non può sussistere "distacco" quando: l impresa presso cui il lavoratore è distaccato mette il lavoratore a disposizione di un altra impresa nello Stato membro in cui essa è situata (es. l impresa A, con sede in Italia, distacca il lavoratore presso l impresa B, con sede in Francia, l impresa B mette il lavoratore a disposizione dell impresa C che ha sede in Francia); l impresa presso cui il lavoratore è distaccato mette il lavoratore a disposizione di un altra impresa situata in un altro Stato membro (es. l impresa A, con sede in Italia, distacca il lavoratore presso l impresa B, con sede in Francia, l impresa B mette il lavoratore a disposizione dell impresa C che ha sede in Belgio); il lavoratore viene assunto in uno Stato membro da un impresa che ha sede in un secondo Stato membro per essere inviato presso un impresa che ha sede in un terzo Stato membro (es. lavoratore assunto in Italia da un impresa che ha sede in Francia per essere distaccato presso un impresa che ha sede in Germania); il lavoratore assunto in uno Stato membro da un impresa situata in un secondo Stato membro viene distaccato per andare a svolgere un attività nel primo Stato membro (es. lavoratore assunto in Italia da una impresa che ha sede in Francia per essere distaccato in Italia). 3. Le imprese distaccanti e i lavoratori distaccati sono tenuti ad informare la sede INPS che ha rilasciato il formulario A1 di qualsiasi modifica della situazione iniziale che ha dato luogo al distacco (specificatamente nei casi di mancata effettuazione o interruzione non temporanea del distacco ovvero nei casi di assegnazione del lavoratore ad altra impresa, con particolare riferimento a situazioni di avvenuta fusione o trasferimento dell'impresa distaccante). 4. I brevi periodi di rientro per ferie, malattia, festività o altro, non interrompono il periodo di distacco inizialmente fissato e indicato nel formulario; pertanto, detto periodo avrà termine alla scadenza stabilita e non potrà essere prolungato con i periodi corrispondenti ai predetti rientri. 5. Nel caso di distacchi consecutivi nello stesso Stato membro, il secondo sarà considerato separato e, quindi, come un nuovo distacco, solo se viene rispettato un periodo di interruzione di almeno due mesi. I distacchi consecutivi in Stati membri diversi danno origine a un nuovo distacco. 6. Terminato un periodo di distacco, non può essere autorizzato nessun nuovo periodo di distacco per lo stesso lavoratore, le stesse imprese e lo stesso Stato membro finché non siano trascorsi almeno due mesi dalla data di scadenza del precedente periodo di distacco. 8

9 7. Un lavoratore può essere assunto per essere immediatamente distaccato all estero, ossia l inizio del distacco può coincidere con la data di assunzione, solo se detto lavoratore risulti essere già stato soggetto alla legislazione dello Stato in cui il datore di lavoro ha la propria sede. Pertanto, il lavoratore, prima dell assunzione finalizzata al distacco, deve risultare iscritto al regime assicurativo italiano da almeno un mese. 8. Il datore di lavoro deve svolgere abitualmente attività sostanziali nel territorio dello Stato membro in cui ha sede per cui: è necessario che l impresa eserciti fondamentalmente la sua attività in Italia, impiegando in via normale il personale dipendente sul territorio nazionale (non potrà, ad esempio, applicarsi la normativa sul distacco ad un impresa edile che svolga in Italia attività di mera gestione amministrativa, effettuando all estero esclusivamente o in misura preponderante i lavori di costruzione che ne costituiscono l oggetto); qualora si tratti di un impresa di lavoro interinale, oltre alla persistenza del legame organico per tutta la durata del distacco, è necessario che detta impresa metta abitualmente il personale a disposizione di utilizzatori che hanno sede in Italia, al fine di impiegare tale personale sul territorio nazionale. LAVORATORI AUTONOMI Anche i lavoratori autonomi possono richiedere il formulario A1 e mantenere l iscrizione al regime previdenziale italiano. Affinché sia applicabile la normativa sui distacchi, il lavoratore autonomo deve: essere già iscritto ad una gestione previdenziale dell Istituto ed aver già svolto la sua attività per un certo tempo prima della data in cui intende avvalersi delle disposizioni in materia di distacchi. Si considera attività svolta per un certo tempo l esercizio da almeno due mesi di tale attività; conservare, durante il periodo in cui svolge la sua attività all estero, un adeguata infrastruttura in Italia (locali per l esercizio dell attività con gli arredi e l attrezzatura occorrente, iscrizione alla camera di commercio e/o ad organizzazioni professionali, possesso di un numero di partita IVA, di tessere professionali ecc.); in base alle nuove disposizioni comunitarie, il lavoratore autonomo può avvalersi delle norme in materia di distacco solo se l attività svolta nello Stato di destinazione sia per sua natura simile (affine) a quella esercitata abitualmente in Italia. Anche i lavoratori autonomi sono tenuti a comunicare immediatamente alla sede INPS competente, ogni modifica della situazione che ha dato luogo al distacco (in particolare il mancato trasferimento all estero o l interruzione definitiva dell attività). 9

10 DISPOSIZIONI COMUNI Nel corso del distacco, le Istituzioni competenti dei Paesi di invio e di impiego, unilateralmente o in collaborazione tra loro, potranno porre in essere tutte le forme di controllo consentite, al fine di verificare ed accertare la sussistenza del legame organico, il regolare versamento dei contributi e, per quanto riguarda i lavoratori autonomi, l esistenza di un adeguata infrastruttura nel Paese di provenienza. I controlli potranno essere disposti, altresì, in ogni caso in cui sussistano dubbi circa l'applicabilità delle norme sui distacchi. 10

11 LAVORATORI CHE SI RECANO IN STATI CUI SI APPLICA LA NORMATIVA COMUNITARIA La normativa comunitaria di sicurezza sociale si applica ai seguenti Stati: Stati dell Unione europea : Austria Finlandia Lituania Rep. Ceca Belgio Francia Lussemburgo Romania Bulgaria Germania Malta Slovacchia Cipro Grecia Paesi Bassi Slovenia Croazia Irlanda Polonia Spagna Danimarca Italia Portogallo Svezia Estonia Lettonia Regno Unito Ungheria Stati SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia ) e Svizzera I regolamenti si applicano, anche, per quanto riguarda: la Finlandia alle isole Aland ; la Francia ai Dipartimenti d oltremare (Guyana francese, Isola di Martinica e isola di Guadalupa, ricomprese nell arcipelago delle Piccole Antille, Isole di Reunion, Isole di Saint Martin e di Saint Barthèlemi, facenti parte del Dipartimento della Guadalupa); il Portogallo alle isole Azzorre e di Madera; la Spagna alle isole Canaria, Ceuta e Melilla. Per certificare la legislazione applicabile è previsto il rilascio del documento portatile A1. Solo nel caso di cittadini di paesi terzi che si recano nel Regno Unito si applica ancora il regolamento CEE n. 1408/71 e, quindi, la certificazione viene rilasciata utilizzando il formulario E101 (vedi circolare n. 51 del 2011). Le disposizioni comunitarie in materia di legislazione applicabile sono contenute nel Titolo II (articoli da 11 a 16) del regolamento CE n. 883/2004, e il titolo II (articoli da 14 a 21) del regolamento CE n. 987/2009, come modificati dal regolamento CE n. 465/2012. Il campo di applicazione materiale dei regolamenti comunitari comprende tutte le assicurazioni sociali obbligatorie previste dalla legislazione italiana. Le richieste di Accordo ai sensi dell articolo 16 del regolamento CE n. 883/2004 ( per distacchi di durata superiore a ventiquattro mesi ovvero per altre eccezioni alle disposizioni in materia di legislazione applicabile) devono essere inoltrate alla Direzione regionale INPS competente in relazione allo Stato di destinazione del lavoratore ( vedi prospetto a conclusione del capitolo). Campo di applicazione materiale Il regolamento n. 883/2004 si applica alle legislazioni nazionali relative ai settori di sicurezza sociale riguardanti: le prestazioni di malattia; le prestazioni di maternità e paternità assimilate; le prestazioni di invalidità; 11

12 le prestazioni di vecchiaia; le prestazioni per i superstiti; le prestazioni per infortunio sul lavoro e malattie professionali; gli assegni in caso di morte; le prestazioni di disoccupazione; le prestazioni di pensionamento anticipato; le prestazioni familiari. N.B. la Croazia fa parte dell Unione europea a decorrere dal 1 luglio 2013 ( messaggi INPS n del 27/06/2014 e n del 3/7/2013), per la gestione del periodo transitorio si veda la circolare n. 165 del 3/12/2013. Circolari n. 83 del 1 luglio 2010, n. 99 del 21 luglio 2010, n. 107 del 13 agosto 2013 e n. 115 del 19 settembre

13 Poli regionali per Accordi articolo 16 reg. 883/2004. STATO DIREZIONE REGIONALE INPS AUSTRIA TRENTINO ALTO ADIGE BELGIO LAZIO BULGARIA MOLISE CIPRO UMBRIA CROAZIA FRIULI VENEZIA GIULIA DANIMARCA TOSCANA ESTONIA UMBRIA FINLANDIA TOSCANA FRANCIA PIEMONTE GERMANIA TRENTINO ALTO ADIGE GRAN BRETAGNA e IRLANDA DEL NORD CAMPANIA GRECIA PUGLIA IRLANDA (EIRE) UMBRIA ISLANDA UMBRIA LETTONIA UMBRIA LIECHTENSTEIN UMBRIA LITUANIA UMBRIA LUSSEMBURGO UMBRIA MALTA UMBRIA NORVEGIA TOSCANA PAESI BASSI SARDEGNA POLONIA UMBRIA PORTOGALLO LIGURIA REPUBBLICA CECA UMBRIA ROMANIA UMBRIA SLOVACCHIA UMBRIA SLOVENIA FRIULI VENEZIA GIULIA SPAGNA LIGURIA SVEZIA TOSCANA SVIZZERA LOMBARDIA UNGHERIA UMBRIA 13

14 LAVORATORI CHE SI RECANO IN STATI CON I QUALI SONO IN VIGORE ACCORDI E CONVENZIONI BILATERALI DI SICUREZZA SOCIALE. Ai lavoratori trasferiti in Paesi convenzionati, nei casi in cui le Convenzioni ed Accordi vigenti consentano per un periodo limitato di tempo di mantenere l'applicazione della legislazione sociale del Paese di provenienza, è previsto il rilascio della certificazione di distacco. La certificazione esonera dagli obblighi contributivi nello Stato di temporanea occupazione, limitatamente alle forme di tutela previdenziale contemplata dalla Convenzione o Accordo applicati. Le assicurazioni non regolate dalla Convenzione sono obbligatorie e la relativa contribuzione deve essere versate in Italia, in base alla legge 398/87, sulle retribuzioni convenzionali (circolare INPS n. 87 del 1994). ACCORDI E CONVENZIONI BILATERALI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI LEGISLAZIONE APPLICABILE E DISTACCHI. L Italia ha stipulato Accordi e Convenzioni bilaterali in materia di sicurezza sociale con i seguenti Stati: Argentina, Australia, Brasile, Canada e Quebec, Capoverde, Corea, Israele, Jersey e Isole del Canale (Guernsey, Alderney, Herm e Iethou, isola di Man), ex Jugoslavia (Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Montenegro e Serbia), Principato di Monaco, San Marino, Santa Sede, Stati Uniti, Tunisia, Turchia (Convenzione europea di sicurezza sociale), Uruguay, Venezuela ( all. 1). Le disposizioni in materia di legislazione applicabile, contenute negli Accordi e Convenzioni sopra citati, prevedono in linea di principio l applicazione del principio di territorialità della legislazione applicabile (lex loci laboris). Pertanto, i lavoratori devono essere assoggettati alla legislazione previdenziale dello Stato contraente dove viene esercitata l attività lavorativa. Tuttavia, tutti gli Accordi e Convenzioni prevedono deroghe di carattere temporaneo al principio di territorialità (c.d. distacco), con esclusione della Convenzione con l Australia, Paese che ha un sistema previdenziale basato sulla fiscalità generale. In virtù di tali deroghe i lavoratori occupati alle dipendenze di un impresa avente sede nel territorio di uno dei due Stati contraenti, in caso di temporaneo distacco nel territorio dell altro Stato, rimangono soggetti alla legislazione dello stato in cui ha sede l impresa. Alcune Convenzioni prevedono la possibilità di distacco anche nel caso di lavoratori autonomi. La durata del distacco varia a seconda della Convenzione, unica eccezione è la Convenzione con gli Stati Uniti che, in materia di legislazione applicabile, contiene disposizioni particolari che non prevedono alcun termine. La situazione di distacco deve essere certificata dall istituzione competente dello Stato la cui legislazione rimane applicabile. Per la certificazione devono essere utilizzati gli appositi formulari, previsti dalla Convenzione applicata. Nel caso in cui, per motivi imprevedibili, l occupazione si dovesse prolungare oltre la durata originariamente prevista superando il periodo di distacco, l applicazione della legislazione vigente nello Stato del luogo abituale di lavoro può eccezionalmente essere mantenuta, ove previsto dalla Convenzione applicata, previo accordo con l Autorità Competente dello Stato in cui si svolge detto lavoro temporaneo. Anche la durata del periodo di proroga varia a seconda della Convenzione. 14

15 Infine, si evidenzia che generalmente (ad eccezione delle convenzioni con Capoverde e con il Venezuela), è previsto che le Autorità competenti possano concordare ulteriori eccezioni al principio di territorialità dell obbligo assicurativo. Le richieste di proroga del distacco, nonché di ulteriori eccezioni (accordi in deroga), per i lavoratori inviati all estero devono essere inoltrate al Ministero del lavoro, che provvederà a chiedere l accordo all Autorità competente del Paese in cui il lavoratore è occupato. 15

16 ACCORDI E CONVENZIONI BILATERALI - CAMPO DI APPLICAZIONE MATERIALE Argentina Convenzione sulla sicurezza sociale tre il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica argentina Art La presente Convenzione si applica alle legislazioni concernenti: Nella Repubblica italiana: a) L assicurazione per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti per i lavoratori dipendenti e le relative gestioni speciali per i lavoratori autonomi; b) L assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; c) L assicurazione contro le malattie e per la maternità; d) L assicurazione contro la tubercolosi; e) Gli assegni familiari; f) I regimi speciali di assicurazione per determinate categorie di lavoratori in quanto concernono i rischi e le prestazioni coperti dalle legislazioni indicate alle lettere precedenti; Nella Repubblica argentina: a) I regimi per le pensioni di invalidità, vecchiaia e superstiti; b) Il regime di prestazioni medico-assistenziali (servizi sociali); c) Il regime degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali; d) Il regime degli assegni familiari; 2. La presente Convenzione si applicherà ugualmente alle legislazioni che completeranno o modificheranno le legislazioni di cui al precedente paragrafo. 3. La presente Convenzione si applicherà altresì alle legislazioni di uno Stato contraente che estenderanno i regimi esistenti a nuove categorie di lavoratori o che istituiscano nuovi regimi di sicurezza sociale, salvo che: a) Il Governo dello Stato contraente che disponga l estensione o la istituzione notifichi al Governo dell altro Stato contraente la propria volontà di escluderla dai termini della presente Convenzione entro tre (3) mesi a partire dalla pubblicazione ufficiale di tali disposizioni; b) Il Governo dell altro Stato contraente notifichi la propria opposizione al Governo del primo Stato contraente entro tre (3) mesi a partire dalla comunicazione ufficiale dell estensione o istituzione. In mancanza di opposizione, e ove necessario, l applicazione di dette estensioni o istituzioni è subordinata agli accordi amministrativi aggiuntivi che saranno concordati. 16

17 Australia Accordo tra la Repubblica italiana e l Australia in materia di sicurezza sociale Articolo 2. (Ambito di applicazione normativo). 1. Le seguenti norme sono incluse nell'ambito di applicazione dell'accordo: a) per quanto riguarda l'australia: la Legge di sicurezza sociale del 1947, come modificata alla data della firma del presente Accordo, ed ogni norma che successivamente modifichi, integri o sostituisca tale legge, nella misura in cui tale legge e tali norme regolano e si riferiscono a materie relative alle seguenti prestazioni: i) le pensioni di vecchiaia; ii) le pensioni di invalidità; iii) le pensioni alle vedove; iv) le pensioni alle mogli; v) le pensioni agli orfani di entrambi i genitori; vi) le pensioni per l'assistenza personale al coniuge inabile; vii) le pensioni aggiuntive ed i supplementi per i minori a carico; e b) per quanto riguarda l'italia: le leggi in vigore alla data della firma del presente Accordo ed ogni legge, che successivamente, modifichi, integri o sostituisca tali leggi, e che riguardi l'assicurazione generale obbligatoria dei lavori dipendenti per l invalidità la vecchia ed i superstiti, le assicurazioni speciali per i lavoratori autonomi e altre categorie di lavoratori; gli assegni familiari, l'assicurazione contro la disoccupazione, ed in particolare le seguenti prestazioni: i) le pensioni di vecchiaia; ii) le pensioni di anzianità; iii) le pensioni anticipate; iv) gli assegni di invalidità; v) le pensioni di inabilità; vi) gli assegni privilegiati di invalidità; vii) le pensioni privilegiate di inabilità; viii) l'assegno per l'assistenza personale del pensionato per inabilità; ix) le pensioni ai superstiti; x) gli assegni familiari per le persone a carico di pensionati; xi) l indennità di disoccupazione. 17

18 Bosnia Macedonia Montenegro - Serbia - Convezione ex Jugoslavia Art La presente Convenzione si applica alle legislazioni concernenti: In Italia: a. l assicurazione per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti; b. l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; c. l assicurazione malattie, ivi comprese le indennità funerarie e le prestazioni in natura per i beneficiari di pensioni o rendite; d. l assicurazione per la tubercolosi; e. la tutela fisica ed economica delle lavoratrici madri; f. l assicurazione contro la disoccupazione involontaria; g. gli assegni familiari; h. i regimi speciali per determinate categorie di lavoratori in quanto concernono rischi o prestazioni coperti dalle legislazioni indicate alle lettere precedenti; i. Le assicurazioni volontarie previste dalle legislazioni indicate alle lettere precedenti; In Jugoslavia: a. le assicurazioni sociali; b. gli assegni familiari; c. le prestazioni agli operai e impiegati rimasti provvisoriamente disoccupati. Brasile - Protocollo aggiuntivo all accordo di emigrazione fra l Italia ed il Brasile del 9/12/1960 Art Il presente Protocollo aggiuntivo si applica: 1) Per quanto riguarda la Repubblica Italiana, alle legislazioni concernenti: a) l assicurazione generale per l invalidità, la vecchiaia ed i superstiti; b) l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; c) l assicurazione contro le malattie e per la maternità; d) l assicurazione contro la tubercolosi; e) i regimi speciali di assicurazione stabiliti per determinate categorie di lavoratori in quanto concernono i rischi protetti o le prestazioni previste dalle legislazioni indicate alle lettere precedenti. 2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.: a) l assistenza medica e l incapacità al lavoro temporanea e permanente, gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; b) la vecchiaia; c) l invalidità; d) la morte. 2. Il presente Protocollo aggiuntivo si applicherà altresì alle legislazioni che completeranno o modificheranno le legislazioni indicate nel paragrafo precedente. 3. Si applicherà inoltre alle legislazioni che estendano i regimi esistenti a nuove categorie di lavoratori o che stabiliscano nuovi regimi di sicurezza sociale, qualora lo Stato contraente interessato non si opponga a tali misure entro tre mesi a decorrere dalla ricezione della comunicazione delle medesime, fatta dall'altro Stato contraente. 18

19 Canada e Québec - Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada Art. 2 Le disposizioni del presente Accordo si applicano: a) per quanto concerne l Italia: i) alla legislazione concernente l assicurazione generale obbligatoria per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti per i lavoratori dipendenti e le relative gestioni speciali; ii) alla legislazione concernente i regimi speciali per determinate categorie di lavoratori, in quanto relativa ai rischi coperti dalla legislazione di cui alla lettera (i); iii) alla legislazione concernente l assicurazione obbligatoria contro la tubercolosi; e iv) ai soli fini di quanto previsto dal successivo articolo 24, alla legislazione concernente l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; b) per quanto concerne il Canada; i) al «Old Age Security Act»; e ii) al Regime pensionistico del Canada. Capoverde - Convenzione fra il governo della Repubblica Italiana e il governo della repubblica di Capoverde in materia di sicurezza sociale Art La presente Convenzione si applica alle legislazioni dei Paesi contraenti concernenti: in Italia: a) l assicurazione obbligatoria per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti per i lavoratori dipendenti e le relative gestioni speciali per i lavoratori autonomi; b) l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; c) l assicurazione malattia e maternità; d) l assicurazione contro la tubercolosi; e) gli assegni familiari; f) i regimi speciali di assicurazione per determinate categorie di lavoratori in quanto concernono i rischi e le prestazioni coperti dalle legislazioni indicate alle lettere precedenti; in Capoverde: a) l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; b) l assicurazione contro le malattie; c) l assicurazione per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti; d) gli assegni familiari. 19

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE

LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE 1 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero.

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero. INTERPELLO N. 32/2013 Roma, 19 novembre 2013 Direzione generale per l Attività Ispettiva A Confimi Impresa Confederazione dell Industria Manifatturiera Italiana e dell Impresa Privata prot. 37/0020183

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli