MICROCONTROLLORI. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MICROCONTROLLORI. Calcolatori Elettronici a.a. 2001-2002 Omero Tuzzi Microcontrollori 1"

Transcript

1 MICROCONTROLLORI Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 1

2 Microcontrollori Nascono come componenti per il controllo di prodotti Caratterizzati da: Dimensioni contenute Costo contenuto Energia consumata contenuta Dispositivo all-in-one chip Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 2

3 Definizione di un microcontrollore (µc) Una definizione opportuna di un microcontrollore è la seguente: Sistema di controllo a microprocessore dotato di dispositivi di I/O specializzati, memoria RAM ed EPROM montati tutti su un unico chip del costo di poche migliaia di lire. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 3

4 Componenti di un microcontrollore (µc) Componenti tipici di un microcontrollore: Microprocessore a 4, 8,16, 24 e 32 bit. Memoria RAM di dimensioni ridotte, usate solo per la memorizzazione delle variabili intermedie e delle variabili di ingresso e di uscita. Memoria EPROM per la memorizzazione del programma che il controllore deve eseguire. Dispositivi di I/O per la lettura e la generazione di segnali particolari, verso i quali il controllore viene prodotto già specializzato. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 4

5 Obiettivi Obiettivi dei microcontrollori Riduzione di costi e dimensioni per la produzione in larga scala di sistemi controllati a microcontrollore Elettrodomestici, telefoni portatili, telecomandi, dispositivi hi-fi. La riduzione dei costi si ottiene sia nell implementazione del chip, del costo di poche migliaia di lire, sia nel risparmio ottenuto in termini di componentistica, sia nel costo di integrazione e di progetto. La differenziazione dei microcontrollori è tale che esiste un modello di riferimento, variante di una versione base, per ogni tipo di applicazione. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 5

6 Origine dei microcontrollori Origini I microcontrollori sono la fase conclusiva del progetto di integrazione, di miniaturizzazione e di specializzazione che ha coinvolto i microprocessori dalla loro nascita. Hanno origine dalla filosofia nata con i primi PLC: Integrazione del core di un processore in un contesto differente rispetto alla macchina general purpose per la risoluzione di problemi specialistici (prevalentemente in logica booleana). I microcontrollori sono nati successivamente e orientati alla produzione consumer. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 6

7 Origine dei microcontrollori Origini I microcontrollori sono la fase conclusiva del progetto di integrazione, di miniaturizzazione e di specializzazione che ha coinvolto i microprocessori dalla loro nascita (2). Molti microcontrollori hanno preso origine dalle prime versioni di microprocessori (Zilog Z80, Intel 8088, Motorola 6809) Sono stati usati soprattutto microprocessori molto semplici per la maggiore facilità di miniaturizzazione. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 7

8 Controllori Embedded Sono i fratelli maggiori dei microcontrollori. Sono lo sviluppo di una versione più potente di microprocessori (Motorola 68EC300, Intel 386 EX, e l IBM PowerPC 403GB) I controllori Embedded fanno riferimento alla stessa filosofia di integrazione, specializzazione e riduzione dei costi di progetto e di distribuzione dei microcontrollori. Si differenziano principalmente per non essere proprio dei dispositivi ALL IN ONE CHIP, in quanto possono richiedere delle componenti esterne (soprattutto RAM). Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 8

9 Consumer: Home monitoring, Microonde, Frigoriferi, Televisione, Telecomandi, VCR, Hi-Fi). Computer: Stampanti, modem, hard disk. Industria automobilistica: Controllo motori, diagnostica, climatizzazione. Controllo ambientale Strumentazione aerospaziale Applicazione dei microcontrollori Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 9

10 Applicazioni dei microcontrollori I microcontrollori sono usati soprattutto dove la potenza di calcolo non è di importanza fondamentale Controllori Embedded e microcontrollori sono usati spesso in robotica: La potenza e la complessità del calcolo viene distribuita tra i singoli task utilizzando un gran numero di microcontrollori di piccola potenza di calcolo. La possibilità di comunicazione tra ogni singolo controllore e un controllore di maggiore potenza (computer o mainframe) rendono possibile la elaborazione delle informazioni prodotte da ogni singolo µc. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 10

11 I microcontrollori sono usati con successo anche in applicazioni di monitoring e data recording, dove le caratteristiche vincenti sono: Basso consumo (in idle state) Applicazione dei microcontrollori Auto-riattivazione mediante interrupt facilmente programmabili Monitoring per coltivazioni (temperatura, umidità, pioggia) Monitoring con palloni aerostatici. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 11

12 Vendite microcontrollori ( bit) Statistica mondiale (1994) Dati in milioni di dollari Il mercato dei microcontrollori bit bit bit Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 12

13 Vendite microcontrollori ( bit) Statistica mondiale (1994) Dati in milioni di pezzi Il mercato dei microcontrollori bit bit bit Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 13

14 Mercato automobilistico (USA ) Contenuto di microcontrollori per passeggero (in dollari) Il mercato dei microcontrollori Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 14

15 Il mercato dei microcontrollori Mercato automobilistico Il mercato automobilistico è una delle più grandi forze nel mercato dei microcontrollori, specialmente alle alte tecnologie. Molte famiglie di microcontrollori sviluppati appositamente per il mercato auto e quindi modificati per adattarsi ad altre applicazioni. Il settore delle auto presenta molte caratteristiche critiche: Alte temperature e forti campi elettromagnetici. Forti vibrazioni e urti Rischi assicurativi enormi (un errore su un processore che causa un incidente potrebbe far perdere al produttore milioni di dollari) e quindi standard di produzione elevati Prezzi contenuti per l immissione in mercati diversi Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 15

16 Il mercato dei microcontrollori Mercato consumer (USA ) Numero di Microcontrollori Per abitazione (Dati relativi alla casa del Nord Americano medio) Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 16

17 Il mercato dei microcontrollori Principali produttori (dati in milioni di dollari, 1999) MicroProcessori MicroControllori M Intel* IBM Hitachi O T O R O L A N E C Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 17

18 Scelta del microcontrollore Parametri relativi al processo da controllare (processo a stati discreti) Supporto per l interfacciamento ad un processo a stati discreti (presenza di interrupt, watch-dog, idle state, etc ) Velocità di esecuzione compatibile con quella del processo da controllare. Supporto per la programmazione logica (tipo lista di istruzioni) attraverso un set dedicato di istruzioni a basso livello. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 18

19 Scelta del microcontrollore Processo a stati continui Problemi di conversione dell algoritmo di controllo dal continuo: Complessità dell algoritmo di controllo Rapidità di evoluzione del processo Caratteristiche del dispositivo digitale: Tipo del dispositivo di calcolo (mc, Embedded mc) Frequenza di clock del dispositivo di calcolo Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 19

20 Scelta del microcontrollore Processo a stati continui Specifiche di progetto del controllore Precisione richiesta nelle elaborazioni Compromesso costo prestazioni Caratteristiche del dispositivo digitale: Frequenza di campionamento dei convertitori A/D e D/A Numero di bit dei convertitori e del dispositivo di controllo Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 20

21 Parametri relativi alla programmazione del microcontrollore Assistenza in caso di problemi Tool di sviluppo disponibili (rapporto costo/prestazioni) Documentazione Presenza di accessori e periferiche Scelta del microcontrollore Supporto della memoria statica (OTP o ROM), programmabile e/o cancellabile. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 21

22 Tecnologia CMOS : Caratteristiche del microcontrollore La tecnologia CMOS richiede molta meno potenza permettendo l alimentazione esclusiva attraverso batterie. I Chip CMOS sono quasi statici, permettendo il rallentamento del clock (o lo stop) fino a porlo in sleep mode. Alta immunità al rumore elettromagnetico (fluttuazione dell alimentazione e picchi di corrente). Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 22

23 Caratteristiche del microcontrollore Tecnica costruttiva PMP (Post Metal Programming) Procedimento di implementazione ad alta energia che permette la programmazione della ROM DOPO la metallizzazione finale. Riduzione dei tempi di produzione di un prototipo con ROM da 8-6 settimane a 2 settimane (manca solo la metallizzazione). Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 23

24 Architetture del microcontrollore Von Neumann: Bus di dati singolo per dati e istruzioni Memoria comune per dati e istruzioni Harvard: Bus di dati separato per dati e istruzioni Pre-fetch delle istruzioni CISC ~ 80 istruzioni, programmazione facilitata (macro - like) RISC - Chip più piccolo, potenza consumata ridotta, Set di istruzioni ortogonale, pipelining. SISC - Set di istruzioni dedicato + RISC Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 24

25 Struttura del tipo accumulator - based Tipo di struttura usata nei sistemi a microprocessore Struttura orientata ad un uso minore della RAM per una maggiore utilizzazione del processore (che deve necessariamente appoggiarsi ai registri interni) RAM BUS accumulatore registri interni ALU Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 25

26 Struttura del tipo register - based Tipo di struttura usata nei microcontrollori ad altissima integrazione. Struttura orientata ad un uso estensivo della RAM e ad un minore uso del processore. Il sistema di indirizzamento della memoria RAM deve essere necessariamente più potente in quanto ivi sono locate alcune aree di appoggio che fungono da accumulatore. mem oria RAM Registri BU S Registro temporaneo ALU Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 26

27 EEPROM: La convenienza risiede nella facile riscrivibilità. La lentezza di questa memoria la limita comunque a poche zone di memoria dove risiedono parametri ai quali si deve accedere di rado. FLASH (EPROM): Dispositivi di I/O Più veloce della EEPROM e con un maggior numero di cicli di cancellazione - riscrittura. Necessaria nel caso in cui sia richiesta una grande quantità di memoria non volatile a disposizione. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 27

28 RAM con batteria tampone: Maggiore velocità e numero (ovviamente) infinito di cicli di riscrittura. Per la manipolazione di un gran numero di dati. PROM (OTP): Scelta della ROM ri/programmabile EPROM senza finestra di cancellazione (stessa tecnologia costruttiva). Passo precedente alla realizzazione con ROM. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 28

29 Scelta della ROM Riprogrammazione ON-SITE: Con la diffusione dei microcontrollori in sistemi dalla lunga vita o a lenta variabilità dei parametri di comportamento, è spesso necessaria la riprogrammazione o il tuning di alcuni dei parametri presenti nel microcontrollore. Tuning dei motori per automobili Invecchiamento dei motori Adeguamento del motore alle leggi sulle emissioni Correzione dei bug Gestione dei modem e aggiornamento della EPROM agli standard di comunicazione vigenti o per l inserimento di nuove capacità. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 29

30 Architettura della memoria Architettura della Memoria (IDLE / WAKEUP State) Stato di attesa attivabile via software nel quale tutte le attività del controllore sono arrestate eccetto: Circuiteria associata all oscillatore Logica del WatchDog Timer di Idle (per il risveglio periodico dallo stato di idle e il test della situazione) La potenza consumata in questo stato è pari al 30% rispetto al normale consumo. Il modo idle è molto utile per le applicazioni di monitoring (il processore è necessario per poche rilevazioni ad intervalli regolari di tempo). Tipica nelle tastiere con risveglio mediante interrupt. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 30

31 UART - porta seriale asincrona Dispositivi di I/O SSP - Porta seriale sincrona: high-speed. Può essere usata per realizzare una rete veloce di microcontrollori. I2C bus (Inter-Integrated Circuit / Philips) : bus a due fili, multi master multi slave con rilevamento di collisione della comunicazione. Ogni nodo ha un indirizzo (128 nodi possibili) CAN (Controller Area Network / Intel + Bosh) per le comunicazioni nelle automobili, del tipo multiplexed. Diffuso nelle automobili del Nord America è il candidato per diventare uno standard internazionale. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 31

32 Dispositivi di I/O : Convertitori A/D Convertitori ad approssimazioni successive Di struttura semplice ma lenta (1 ciclo per ogni bit di conversione) Convertitori A/D single slope: formate da un generatore di rampa, un comparatore ed un timer. La precisione è data dal numero di bit del timer. Tempo di conversione variabile e comunque notevole. Conversione A/D tipo Sigma/Delta: basata su un modulatore ed un filtro che hanno il compito di modulare il segnale (il primo) e di filtrare il risultato (il secondo). Producono in tempo ridotto una misura accurata. Costoso per i componenti. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 32

33 Convertitore FLASH A/D: Testa ogni livello possibile per cui risulta molto veloce ma nel contempo la dimensione del comparatore cresce esponenzialmente con il numero di bit di precisione. Risulta costoso per la componentistica richiesta e l alimentazione relativa. Dispositivi di I/O : Convertitori D/A Modulatori di Impulso Dispositivi di I/O : Convertitori A/D Un generatore di impulsi genera un treno di impulsi la cui potenza è pari a quella del segnale che deve essere emesso. Un filtro passa basso spiana i picchi per ottenere un segnale livellato. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 33

34 Dispositivi di I/O: altri componenti : Interrupt I due modi per leggere un uscita sono il polling continuato dell uscita (quello che succede con i PLC) oppure la lettura dell uscita solo quando questa cambia (attraverso un interrupt che ti segnala il cambiamento). Ogni interfaccia I/O (o quasi) è dotato di un interrupt mascherabile programmabile attraverso una tabella degli interrupt. Molti controllori hanno un interrupt esterno. Gli interrupt possono essere gestiti per priorità o semplicemente per ordine di arrivo (priority o arbitration), anche se esiste una tabella degli indirizzi per le routine di interrupt. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 34

35 Dispositivi di I/O: altri componenti WatchDog Timer Dispositivo usato per evitare che la macchina (il controllore) possa rimanere bloccato in eterno in una situazione non prevista. Il programma deve continuamente effettuare il reset del timer WatchDog. Dopo un tempo di timeout il tiimer di WatchDog provvede al riavvio automatico della macchina. Digital Signal Processor Quello che non può essere fatto da un microcontrollore (calcolo matematico intensivo) può essere fatto nei controllori hi-end che possiedono un DSP all interno. Solitamente i DSP sono dotati di una serie di registri del tipo MACC (multiply and accumulate) per la velocizzazione delle operazioni di calcolo. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 35

36 Dispositivi di I/O per lo sviluppo Il Monitor Il monitor è un programma residente in un computer collegato alla piattaforma di sviluppo dei microcontrollori. Attraverso una probe si collega al micro controllore e ne rileva lo stato completo (registri e RAM) oltre a provvedere la capacità di caricare i file oggetto nel controllore e di mandarli in esecuzione. L Emulatore Provvede la capacità di simulare la presenza del chip anche quando questo è assente. Esegue tutte le funzionalità del chip tranne l interfacciamento con l esterno. Usato soprattutto in fase di apprendimento del chip. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 36

37 Alcuni Microcontrollori: Intel 8051 Interrupt esterni Contr ollo delle Inter r uzioni me moria ROM 8 Kbyte memoria RA M 128 byte Time r 1 Time r 2 Contatori Intel 8051 CPU Oscillatore Contr ollo del bus 4 Por te di I/O Po rte ser iali P0P1P2P3 RXD TXD Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 37

38 Alcuni Microcontrollori: Intel 8051 Seconda generazione (dopo 8046/8048) Architettura Harvard modificata Indirizzamento separato di dati e istruzioni Memoria di programma fino a 64 Kbyte (4-8 sul chip) 128 byte di RAM sul chip I/O mappata separatamente Chiamato boolean processor per l inclusione di numerose istruzioni dedicate alla manipolazione di stati logici Esistono migliaia di varianti di questo processore Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 38

39 Alcuni Microcontrollori: Intel 8051 ALU RAM Byte/bit Addr RB3 Latch Porta I/O A0-A7 D0/D7 A B ROM RB2 RB1 RB0 Latch Latch Porta Porta I/O I/O A8/A15 PC DPTR Bus 16 bit Registri speciali Latch Porta I/O Int Serial RD-WR Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 39

40 8051 DIP T2 - Timer 2 T2Ex - Timer 2 External Reload/Capture RST - Reset Rxd,Txd - Serial I/O INT0 - External Interrupt 0 INT1 - External Interrupt 1 T0 - Timer 0 External Input T1 - Timer 1 External Input WR/RD - Write/Read Strobe for External Data Memory XTAL1 - Input to Invert Oscillator Amp. XTAL2 - Output from Inverting Osc. Vss - Ground PSEN - Reading Strobe for External Program Memory ALE - Address Latch Enable EA - External Access Enable for Program Memory Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 40

41 External Memory Accessibility Similar to Data bus Accessing External Program Memory Similar to Address Bus Accessing External Data Memory Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 41

42 Alcuni Microcontrollori: Intel 8096 Interrupt e sterni Controllo delle Interruzioni Controllore alimentazioni Controllore delle interruzioni programmabile Vettore elaborazione eventi E venti (Watchdo g) Intel 8096 CPU Registri RALU memoria ROM memoria RA M Bus a 16 bit Timer 1 Timer 2 Co ntatori 16bit Oscillatore Controllo del bus 7 Portedi I/O Porte seriali R XD T XD Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 42

43 Terza generazione Alcuni Microcontrollori: Intel 8096 Processore 16 bit e frequenza di clock (attuale) di 50 MHz Processore per la moltiplicazione e divisione hardware Diversi dispositivi per l I/O veloce PWM e altri dispositivi integrati già presenti Fino a 40 porte digitali di I/O Convertitori A/D e D/A Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 43

44 ST6265 I microcontrollori ST6265 della ST- Microelectronics sono conosciuti soprattutto per la loro grande facilità di utilizzo e per l'elevato numero di circuiti ausiliari integrati disponibili.pur non essendo di tipo RISC, e non avendo quindi delle prestazioni all'altezza di concorrenti come i PIC di Microchip, essi sono il più delle volte sufficentemente veloci per un gran numero di applicazioni. Usando una frequenza di clock massima di 8MHz, il tempo medio di esecuzione delle istruzioni si aggira sui 6.5 us. L'architettura è di tipo Von Neumann, con singolo bus (da 8 bit) per memoria programma e memoria dati e dispone di un accumulatore a e di quattro registri x,y,v,w tutti mappati direttamente in memoria RAM. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 44

45 Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 45

46 Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 46

47 Caratteristiche Data RAM: 128 bytes Data EEPROM 128 bytes EPROM (ST65E65) / OTP(ST62T65) di 3884 bytes 21 I/O (13 per l'st6260) pins programmabili come: Input with pull-up resistor Input without pull-up resistor Input with interrupt generation Open-drain or push-pull output Analog input 8 I/O linee con più di 20mA (per comandare un LED direttamente) 8-bit Timer/Counter con prescaler programmabile a 7-bit 8-bit Auto-reload Timer con prescaler programmabile a 7- bit (per PWM) Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 47

48 Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 48

49 8-bit A/D converter con 13 possibili ingressi analogici (5 per l'st6260) Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 49

50 8-bit Synchronous Peripheral Interface (SPI) L' ST6265 dispone di 40 istruzioni, e nove modi di indirizzamento; il tutto è codificato in opcode di dimensioni da 1 a 3 bytes. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 50

51 PIC16F84 I microcontrollori PIC della Microchip sono certamente tra i più utilizzati, grazie alla loro elevata velocità di funzionamento, al basso costo e soprattutto alla grande varietà di dispositivi con caratteristiche differenti disponibile. Essi sono di tipo RISC con una architettura di tipo Harvard e con sole 35 istruzioni tutte della durata di un ciclo (tranne il salto condizionato della durata di due cicli). Funzionano con un clock di 4MHz, con durata di un ciclo di 1us (esiste anche la versione PIC16F84/10P a 10MHz, 400ns per_ciclo). Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 51

52 PIC16F84 Le istruzioni sono codificate in parole di 14 bit e la memoria programma di tipo Flash ha dimensioni di 14bit x 1K. La memoria dati (RAM) è di 68 bytes, ed è presente una memoria dati di tipo EEPROM di 64 bytes. E' presente uno stack hardware con 8 livelli di profondità e un unico registro accumulatore w, utilizzato nella maggior parte delle istruzioni. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 52

53 Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 53

54 Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 54

55 Linguaggi di programmazione Linguaggio macchina / Assembler Programmi veloci e di piccole dimensioni Interpreti Basic Semplice da scrivere lento Forth veloce non semplice da scrivere e leggere orientato alla robotica Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 55

56 Linguaggi di programmazione Linguaggi interpretati JVM (Java virtual machine) Universalmente accettato nello standard Multipiattaforma Compilatori Basic Linguaggio C Standard come linguaggio per la programmazione grazie alle funzioni disponibili a basso livello. Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 56

57 Esempio di applicazione Uscita PWM Dispositivo di comunicazionedi tipo seriale per la comunicazione con altri eventuali sistemi µc } Canali di I/O digitali Integrazione di un microcontrollore in un sistema di controllo per motori } Ingressied uscite analogiche * 0 # Tastiera di immissionediretta } Alimentazione Display LCD Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 57

58 Bibliografia Le diapositive da 1a 45 sono tratte dalle lezioni dell Ing. Leonardo Daga; Lezioni del corso di Automazione Industriale, AI7 I Microcontrollori. Università La Sapienza di Roma Calcolatori Elettronici a.a Omero Tuzzi Microcontrollori 58

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI 1 Microcontrollori? Molti prodotti utilizzati quotidianamente contengono più intelligenza di quanto ogni utente possa immaginare. Uno studio indica che ogni

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A.

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A. Sistemi Elettronici Definizioni e concetti generali Concetti generali Il microcontrollore è un dispositivo che raggruppa su un unico chip un processore ed un insieme di dispositivi CPU Memoria RAM Memoria

Dettagli

Introduzione ai Microcontroller

Introduzione ai Microcontroller Corso di Percezione Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 23/04/2009 Introduzione ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti

Dettagli

Qualche informazione sul microcontrollore PIC

Qualche informazione sul microcontrollore PIC Qualche informazione sul microcontrollore PIC Il Web contiene un ampia quantità di informazioni sui microcontrollori e sulla famiglia PIC in particolare. Accanto ai siti dei produttori hardware e software

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

Introduzione ai ai Microcontroller

Introduzione ai ai Microcontroller Corso di Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 26/04/2007 Introduzione ai ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti in tutto

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

Microcontrollori. Automazione. Vincenzo Suraci 28/10/2015

Microcontrollori. Automazione. Vincenzo Suraci 28/10/2015 Microcontrollori Automazione 28/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO MICROCONTROLLORI CARATTERISTICHE GENERALI PERIFERICHE INTEGRATE PROGRAMMAZIONE PROGRAMMABLE INTERFACE COMPUTER (PIC)

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Vari tipi di computer

Vari tipi di computer Hardware Cos è un computer? Un computer è un elaboratore di informazione. Un computer: riceve informazione in ingresso (input) elabora questa informazione Può memorizzare (in modo temporaneo o permanente)

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici L1 LOGICA FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 Concetti di logica: teoremi fondamentali dell'algebra booleana Sistema binario Funzioni logiche Descrizione algebrica delle reti logiche e le tavole della verità

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

Architetture DSP. Capitolo 6

Architetture DSP. Capitolo 6 Capitolo 6 Architetture DSP Un convertitore analogico-digitale (ADC) trasforma un segnale a tempo continuo in una sequenza di bit; viceversa un convertitore digitale-analogico (DAC) trasforma una sequenza

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Il processore SHARC ADSP-21262

Il processore SHARC ADSP-21262 2 Il processore SHARC ADSP-21262 Il processore ADSP-21262, utilizzato nel presente lavoro, appartiene ad una vasta famiglia di Digital Signal Processors della Analog Devices, denominata SHARC, particolarmente

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

ADuC: Questa serie di articoli si

ADuC: Questa serie di articoli si TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA n 261 - Marzo 2007 Introduzione Seconda parte n 262 - Aprile 2007 Assembler e tools applicativi Terza parte n 263 - Maggio 2007 Sistema di trasmissione wireless ADuC:

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

Corem, Unità di Controllo di Sistemi non presidiati

Corem, Unità di Controllo di Sistemi non presidiati ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA OSSERVATORIO VESUVIANO Corem, Unità di Controllo di Sistemi non presidiati G.Scarpato, W.De Cesare, C.Buonocunto Rapporto Tecnico n 2-2005 Osservatorio Vesuviano

Dettagli

Schema di anello di controllo digitale

Schema di anello di controllo digitale Dispositivi per il controllo diretto: dispositivi che implementano algoritmi di controllo e che sono collegati direttamente ai sensori ed agli attuatori presenti sul processo da controllare Dispositivi

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

INFORMATICA. INFORmazione automatica

INFORMATICA. INFORmazione automatica INFORMATICA INFORmazione automatica Insieme di discipline e tecniche per rappresentare, elaborare e trasmettere automaticamente delle informazioni. Computer - Elaboratore elettronico: e macchina concepita

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Prof. PIER LUCA MONTESSORO Laureando LUCA DA RE. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. I Sistemi Embedded

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Prof. PIER LUCA MONTESSORO Laureando LUCA DA RE. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. I Sistemi Embedded FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Laureando LUCA DA RE Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine I Sistemi Embedded 2007 Pier Luca Montessoro e Luca Da Re (si veda la nota

Dettagli

Implementazione di sistemi real time

Implementazione di sistemi real time Implementazione di sistemi real time Automazione 28/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO HARDWARE ABSTRACTION LAYER IMPLEMENTAZIONE EVENT-DRIVEN IMPLEMENTAZIONE TIME-DRIVEN SISTEMI DI

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Ingegneria delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Approccio al corso Approccio IN OUT Visione Globale solo insieme alla programmazione 2 1 Contenuti

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Schema di anello di controllo digitale

Schema di anello di controllo digitale Dispositivi per il controllo diretto: dispositivi che implementano algoritmi di controllo e che sono collegati direttamente ai sensori ed agli attuatori presenti sul processo da controllare Dispositivi

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

CHE COS'È UN COMPUTER?

CHE COS'È UN COMPUTER? CHE COS'È UN COMPUTER? Un computer è una macchina elettronica capace di ricevere, trasmettere, immagazzinare ed elaborare informazioni, risolvendo i più svariati problemi con straordinaria velocità ed

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Triennio, Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, art. TELECOM. MATERIA:

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd. Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.it Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Rappresentazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi CORSO DI FORMAZIONE IPSIA CASTIGLIANO AS 2010/11 I MICROCONTROLLORI e ARDUINO DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi INTRODUZIONE E GENERALITA prof. Francesco Contalbi 2 Perché i Microcontrollori? Sono usatissimi

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Informatica Industriale -- 2

Informatica Industriale -- 2 Informatica Industriale L. Mezzalira Informatica Industriale -- 2 prof. Lorenzo MEZZALIRA CIM - Automazione - Tempo reale Cap. 1 PROCESSI INDUSTRIALI FUNZIONI APPLICATIVE STRUMENTI INFORMATICI TEMPO REALE

Dettagli

I Digital Signal Processors 1

I Digital Signal Processors 1 I Digital Signal Processors 1 martedì 11 aprile 2006 in termini rozzi possiamo definirli come dei microcontrollori ottimizzati per avere prestazioni spinte nella realizzazione di filtri di segnali analogici,

Dettagli

Arethusa V22 User manual

Arethusa V22 User manual Arethusa V22 User manual Parsic Italia Via Santerno,8 48010 Savio di Cervia Sito web : www.parsicitalia.it www.parsicitalia.com Copyright e-mail info@parsicitalia.com Copyright Nessuna parte del presente

Dettagli

Insegnamenti di Sistemi Elettronici Dedicati 1 (Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica)

Insegnamenti di Sistemi Elettronici Dedicati 1 (Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica) Insegnamenti di Sistemi Elettronici Dedicati 1 (Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica) Sistemi Elettronici Digitali1 (Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicaizoni) Introduzione

Dettagli

Lezione E5. Sistemi embedded e real-time

Lezione E5. Sistemi embedded e real-time Lezione E5 sistema bare-metal Sistemi embedded e real-time 25 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E5.1 Di cosa parliamo

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni.

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.it Corso di 35 ore: Struttura del

Dettagli

UD 1.5c: Il Sistema Operativo (parte 1)

UD 1.5c: Il Sistema Operativo (parte 1) Prof. Alberto Postiglione Scienze della e Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno UD 1.5c: Il Sistema Operativo (parte 1) Informatica Generale (Laurea in Scienze della e) Sistemi

Dettagli

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O.

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O. Il sistema di I/O Calcolatori Elettronici 1 Architettura a bus singolo Memoria CPU Interfaccia Unità di I/O Interfaccia Unità di I/O Calcolatori Elettronici 2 1 Interfaccia Svolge la funzione di adattamento

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Elementi di Informatica. Hardware

Elementi di Informatica. Hardware Elementi di Informatica Hardware Scopo della lezione Introduzione alle tecnologie ICT L'hardware Il processore La memoria Tipologie di computer Personal computer Notebook/Laptop Palmare Console da gioco

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA L INFORMAZIONE L informazione è un concetto (legato, ma indipendente dal codice usato). Non riguarda solo interazioni umane. L informazione analizza il

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda 8259 (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Generalità L'8259 è stato progettato

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Semplificare il progetto di interfacce utente

Semplificare il progetto di interfacce utente Semplificare il progetto di interfacce utente Dirk Heinen Product marketing manager Divisione microcontrollori a 8 bit per applicazioni industriali e multimarket Infineon Technologies Gli schermi e/o pannelli

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Struttura interna del sistema Operativo Linux CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux CAP. 5: Funzionalità del calcolatore l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Funzionalità del Sistema

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

Sistemi Operativi. Il sistema operativo: generalità Storia ed evoluzione dei sistemi operativi

Sistemi Operativi. Il sistema operativo: generalità Storia ed evoluzione dei sistemi operativi Sistemi Operativi Il sistema operativo: generalità Storia ed evoluzione dei sistemi operativi Un sistema di elaborazione dati Sistema bancario Browser Web Prenotazioni aeree Editor Sistema Operativo Compilatori

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Fascicolo centralina Eco2 Revisione: GG.01.05-04 Autore: Giorgio Gentili Centralina elettronica ECO2 La centralina ECO2 offre una ampia flessibilità

Dettagli

Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET

Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET Moduli per linee seriali Moduli ETHERNET DESCRIZIONE La serie comprende moduli per linee seriali con sistema "Autopro" e moduli con porta ETHERNET

Dettagli

Informatica. Teoria. L architettura dei PC Storia dell informatica Periferiche Reti - Software. Marco Brama 2010-2011

Informatica. Teoria. L architettura dei PC Storia dell informatica Periferiche Reti - Software. Marco Brama 2010-2011 \ 1 Informatica Teoria L architettura dei PC Storia dell informatica Periferiche Reti - Software Marco Brama 2010-2011 La presente dispensa è stata creata appositamente ad integrazione del programma didattico

Dettagli

Programmazione modulare 2012-2013

Programmazione modulare 2012-2013 Programmazione modulare 2012-2013 Indirizzo: Informatica Abacus Disciplina: SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Classe: A e B Docenti: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 5

Dettagli