in salute FAZIO ALZHEIMER Quella strada che finisce nel buio ALZHEIMER Epidemia Silente del Terzo Millennio La malattia di FERRUCCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in salute FAZIO ALZHEIMER Quella strada che finisce nel buio ALZHEIMER Epidemia Silente del Terzo Millennio La malattia di FERRUCCIO"

Transcript

1 in salute bimestrale di informazione e approfondimento medico 2009 Edizioni EMIMEDIA IN SALUTE pubblicazione bimestrale Anno I - n 5 novembre/dicembre INTERVISTA ESCLUSIVA AL VICEMINISTRO FERRUCCIO FAZIO di Nicoletta Cocco ALZHEIMER Quella strada che finisce nel buio di Gerardo Casucci La malattia di ALZHEIMER Epidemia Silente del Terzo Millennio di Gennaro Maio Ospedale S. Andrea Università La Sapienza - Roma Un polo di eccellenza per la cardiochirurgia

2

3

4

5 editoriale Nicoletta Cocco Direttore responsabile Siamo uomini o caporali? Il potere e le passioni dell anima è il titolo dell interessante articolo, contenuto in questo numero, dello Psicologo Roberto Perrotti che, dall alto della sua esperienza professionale, afferma che una delle passioni dei potenti sia l esibizionismo. Ma qual è il confine tra esibizionismo e narcisismo? Un quesito che ha suscitato in me qualche riflessione. La società odierna ha fatto della performance un valore dominante. Essere al top in azienda, a letto, diventare un leader politico oppure una star non è più un sogno, ma un dovere. Questo desiderio di vittoria è un motore, dà un costante impulso a migliorare e superarsi, ma può anche diventare fonte di depressione quando, malgrado tanti sforzi, il successo non arriva. Al lavoro, in coppia, fra amici, gli esibizionisti puntano sempre a essere leader e fanno di tutto per riuscirci. Spesso i loro sforzi sono anche premiati, eppure nessun successo sembra bastare. A furia di inseguire il podio finiscono per perdere di vista le priorità. Ma quante volte dietro la figura di un leader si nasconde una personalità narcisistica e presuntuosa. La sensazione è che tutto gli sia dovuto, alberga in lui la irragionevole aspettativa di trattamento di favore o di soddisfazione immediata delle proprie necessità. E incapace di riconoscere o identificarsi con i sentimenti e le necessità degli altri. Mostra comportamenti o atteggiamenti arroganti e presuntuosi. Pensiamo poi all esercito dei combattenti : agiscono più sotto l influenza delle loro pulsioni e delle loro emozioni, che sotto quelle della ragione. Finiscono così per manipolare o addirittura calpestare il loro entourage. E, troppo spesso, dimenticano lungo la strada legami affettivi e principi morali, sono completamente incapaci di provare amore per sé e, di conseguenza, per chiunque. Ma il potere dettato dalla presunzione risiede il più delle volte nelle piccole menti. Il grande Totò soleva spesso scindere l umanità in due categorie: gli uomini e i caporali e, purtroppo, sono proprio questi ultimi a dominare, con la loro presenza preponderante, la realtà quotidiana. Inflazione di sé e comportamenti grandiosi, sete d ammirazione e mancanza di percezione dei problemi altrui sono le caratteristiche del caporale. Sono perennemente insoddisfatti e non hanno la minima cognizione dei propri limiti. Questi caporali di giornata sono i più pericolosi perché, nella scalata al potere, senza merito, appena conquistano il primo gradino diventano arroganti e sprezzanti delle esigenze degli altri, facendo pesare il loro nuovo status. Si sentono già Generali senza averne minimamente lo spessore, le attitudini e le capacità. Camminano a tre metri da terra, per il solo fatto che sia stato riconosciuto loro anche il più piccolo ruolo, non importa se per aderenze politiche o per cooptazioni amicali o familiari. Non avendo alcunché da dire, in merito a ciò che concerne il loro ruolo, si improvvisano tuttologi, danno fiato alla loro bocca, inflazionando giornalini quotidiani ed emittenti televisive di basso profilo con interviste sullo sviluppo comunitario delle lumache nane o sulla evoluzione sociale del tapiro malese, argomenti vuoti che, certamente, non potranno mai determinare una benché minima crescita sociale, perché rappresentano il nulla, ma che, per questi parolai, è l unica chance per sentirsi qualcuno. PAGINA 3

6 il comitato tecnico scientifico Prof. Italo Ardovino Medico Chirurgo, Specialista in Ostetricia e Ginecologia. Dal 1976 al 2004 primario ginecologo dell Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento. Dal 2005 Direttore dell Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia dell Ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino. Professore presso la Scuola di Specializzazione in Ostetricia e Ginecologia della II Università di Napoli. Consigliere Nazionale della Società di Endoscopia Ginecologica Italiana (SEGI). Prof. Franco Rengo Ordinario di Geriatria all'università Federico II di Napoli. Direttore della Scuola di Specializzazione in Geriatria. Responsabile dell'unità Operativa Geriatrica del Policlinico di Napoli. Clinica universitaria: dipartimento di medicina interna, geriatria, patologia cardiovascolare e immunitaria. Specialità di eminenza: medicina riabilitativa, cardio e neurogeriatria. Prof. Giuseppe Catapano Medico Chirurgo Specializzato in Neurochirurgia. Dal 1991 al 2002 ha lavorato presso l Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo come assistente di neurochirurgia fino al 1995 e come aiuto fino al Dal settembre 2002 ricopre la carica di Direttore dell Unità Operativa Complessa di Neurochirurgia presso l A.O. G. Rummo di Benevento. Ha effettuato vari stages formativi in Italia ed all estero. È particolarmente specializzato sulle patologie neoplastiche e vascolari del sistema nervoso centrale. Prof. Bruno Villari Medico Chirurgo Direttore del Dipartimento di Medicina e di Struttura Complessa, Unità Operativa di Cardiologia/UTIC/Emodina mica dell Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento. Professore in Terapia in Unità Coronarica e nelle Emergenze Cardiologiche presso la Scuola di Specializzazione in Cardiologia dell Università degli Studi Magna Graecia, Germaneto (CZ). Dottore di Ricerca in Fisiopatologia Cardiovascolare. Fellow della Società Italiana di Cardiologia Interventistica. 4 PAGINA

7 sommario 09 novembre-dicembre Nicoletta Cocco Ospedale S. Andrea Università La Sapienza Roma Un polo di eccellenza per la cardiochirurgia Giuseppe Villari Luigi Califano La laserchirurgia endoscopica in ORL Gerardo Casucci Alzheimer Quella strada che finisce nel buio Gennaro Maio La malattia di Alzheimer Epidemia silente del terzo millennio Gennaro Maio La famiglia del malato di Alzheimer Ruolo, costi ed effetti dell assistenza al paziente Antonietta Menechella I familiari nella cronicità Nicoletta Cocco Influenza A/H1N1 Le risposte del viceministro Ferruccio Fazio per i lettori di In Salute Bruno Villari Luigi Guerrera Il controllo remoto dei pacemaker e defibrillatori impiantabili Il sistema Home Monitoring Piero Polcino Influenza A/H1N1 É il caso di vaccinare i bambini? Dalila Beatrice Istituto Nazionale M.I. Spallanzani - Roma Intervista al direttore prof. Giuseppe Ippolito Dalila Beatrice Allacciamo la vita alla cintura Danilo Magliano A Benevento la reumatologia è Hi-Tech Nicoletta Cocco Cento città contro il dolore Benevento aderisce all iniziativa Fernando Serino Obesià addominale Pasquale Grimaldi Chiediamolo al medico di famiglia Roberto Perrotti Il potere e le passioni dell anima Danila Carlucci Sicurezza alimentare Cenone di Natale Pierluigi Vergineo Emarginazione, tossicodipendenza, alcolismo... Sandra Lonardo Mastella Il punto di vista L esperto risponde in salute bimestrale di informazione e approfondimento medico anno I - n. 5 aut. Tribunale di Benevento n. 1 del 6 febbraio 2009 iscr. R.O.C direttore responsabile Nicoletta Cocco direttore editoriale Massimo De Cristofaro coordinamento editoriale Dalila Beatrice edito da Emimedia Benevento redazione Via Castellano 21, Benevento pubblicità progetto grafico e videoimpaginazione Emimedia Benevento stampa e allestimento Industria Grafica Sannita distribuzione FLY Comunication I collaboratori, tutti, svolgono la loro mansione in modo autonomo e completamente gratuito. La direzione non assume alcuna responsabilità per eventuali variazioni, omissioni e/o inesattezze delle informazioni riportate, e per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali. Tutte le foto con bollino rosso sono da intendersi fornite dagli autori dei testi che esonerano la Emimedia da ogni responsabilità. Le proposte pubblicitarie implicano la sola responsabilità degli inserzionisti. Il materiale pervenuto per la realizzazione degli articoli redazionali e pubblicitari resta di proprietà della redazione, salvo diverso accordo scritto. La direzione si riserva la facoltà di revisione degli articoli pervenuti al fine del loro adeguamento per la pubblicazione. Tutti i diritti sono riservati: nessuna parte, anche parziale, può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica, elettrostatica, fotocopie, ciclostile, senza il permesso scritto dell editore. PAGINA 5

8 le firme in vetrina Dott. Ing. Dalila Beatrice Ingegnere Civile. Consulente Tecnico del Comune di Benevento per l Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico. Coordinatore editoriale di In Salute Dott. Gerardo Casucci Medico Chirurgo Specializzato in Neurologia. Responsabile dell Unità Operativa di Medicina Generale presso la Casa di Cura San Francesco di Telese Terme (BN) Dott.ssa Sandra Lonardo Mastella Presidente Consiglio Regionale della Campania Dott. Luigi Califano Specialista in Otorinolaringoiatria ed in Audiologia. Dirigente responsabile della UOSD di Audiologia e Foniatria dell Azienda Ospedaliera G. Rummo di Benevento Dott. Luigi Guerrera Cardiologo Membro dello staff di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione presso l UOC di Cardiologia /Emodinamica/UTIC dell Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento Dott. Gennaro Maio Medico Chirurgo Specialista in Geriatria. Responsabile Unità Operativa Complessa Assistenza Anziani e Assistenza Domiciliare. Responsabile Centro Demenze del Distretto 07 dell ASL di Benevento. Coordinatore Servizio ADI e Centro Demenze Dott.ssa Danila Carlucci Dirigente Responsabile Servizio Veterinario Igiene degli alimenti presso l ASL BN1 di Benevento Dott. Pasquale Grimaldi Medico Chirurgo Specializzato in Medicina Interna. Medico di Medicina Generale presso il distretto n. 17 dell ASL BN1. Consigliere presso l Ordine dei Medici Chirurghi di Benevento (già vice Presidente). Segretario Provinciale FIMMG Dott.ssa Antonietta Menechella Psicologa e Psicoterapeuta. Responsabile dell' Educazione alla Salute presso l ASL BN1 di Benevento

9 Dott. Roberto Perrotti Responsabile Diagnosi e Clinica Psicologica UOSM Puglianello ASL BN 1 Autore Gruppo Editoriale Guida Dott. Pierluigi Vergineo Medico Chirurgo Specialista in Neurologia. Lavora come Psichiatra nell Ambulatorio di Alcologia Servizio Tossicodipendenze presso l ASL BN1 di Benevento Dott. Piero Polcino Specialista in Pediatria. Esperto di sub-specialità pediatriche quali: Allergo- Immunologia; Dermatologia; Malattie delle alte e basse vie respiratorie. Responsabile Ambulatorio di Dermatologia Pediatrica presso l A.O. G.Rummo di Benevento Prof. Bruno Villari Medico Chirurgo Direttore del Dipartimento di Medicina e di Struttura Complessa, Unità Operativa di Cardiologia/UTIC/ Emodinamica dell Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento Dott. Fernando Serino Specialista in Diabetologia e Malattie del ricambio. Specialista in Medicina Interna. Casa di Cura Clinica S. Francesco di Telese Terme (BN) Prof. Giuseppe Villari Medico Chirurgo Direttore del Dipartimento di Scienze Chirurgiche e della UOC di Otorinolaringoiatria della Azienda Ospedaliera G. Rummo di Benevento e Professore presso la Clinica Otorinolaringoiatria della Università Federico II di Napoli la prima rivista medico-scientifica tutta sannita GRATIS IN FARMACIA e su EMIMEDIA.IT le firme in vetrina

10 OSPEDALE S. ANDREA UNIVERSITÀ LA SAPIENZA - ROMA Un polo di eccellenza per la cardiochirurgia di NICOLETTA COCCO ROMA - La cardiopatia ischemica rappresenta una problematica complessa e frequente. Essere in grado di sapere cosa fare e come fare vuol dire offrire al paziente quanto di più moderno ed attuale si fa oggi per combattere la patologia più diffusa nell ambito delle malattie dell apparato cardiovascolare, malattie queste che rappresentano in Italia la prima causa di morbilità e mortalità, e che interessano purtroppo centinaia di migliaia di pazienti ogni anno. Se ne è discusso nell ambito di un interessantissimo Congresso che si è svolto il 3 ottobre a Roma presso l Ospedale S. Andrea - Università La Sapienza. Questo evento è stato una opportunità per i Cardiologi e i Medici di Medicina Generale del territorio per discutere ed analizzare gli aspetti operativi e pratici di tutto ciò che si deve fare oggi quando si deve trattare un paziente affetto da cardiopatia ischemica.

11 GESTIONE CLINICA DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA: DAL TERRITORIO ALL OSPEDALE, questo il tema del Congresso che, oltre ad offrire un ripasso sulla scienza cardiologica, ha affrontato gli aspetti legati alla gestione quotidiana del problema, che, ricordiamo, è diffuso e con diverse manifestazioni di gravità, che il Cardiologo deve saper riconoscere e trattare prontamente. Numerosi e illustri i relatori del Congresso, Cardiologi e Cardiochirurghi, che con i loro interventi hanno spaziato dal ruolo del medico di Medicina Generale a quello del Cardiologo interventista, a quello del Cardiochirurgo. Dal dibattito è emerso, tra l altro, che oggi per essere operati a cuore aperto il limite di età del paziente è stato spostato molto in avanti: sono davvero tanti gli anziani che affetti da cardiopatia ischemica vengono operati con successo. Eclatante il caso di un uomo di 94 anni, che, dopo un infarto, per due anni ha vissuto un calvario fatto di ospedali, alla continua ricerca di una guarigione che ha poi trovato nella competenza degli specialisti dell Ospedale S. Andrea di Roma. Quest uomo è stato operato con successo e a seguito dell intervento è letteralmente tornato a nuova vita. L attenzione del medico verso il paziente è una delle basi fondanti per perseguire l obiettivo di aiutare la persona a vivere una vita soddisfacente e non a sopravvivere in una identità di malato in continuo pellegrinaggio ospedaliero. Sul tema del Congresso ho rivolto alcune domande al prof. Cosimo Comito, Responsabile U.O.S di Cardiochirurgia Geriatrica presso l Ospedale S. Andrea Università La Sapienza di Roma, nonché Responsabile Scientifico del Congresso. Prof. Comito, qual è il ruolo del Cardiochirurgo nella cardiopatia ischemica? Seguendo le moderne linee guida quando ad essere interessati sono 2 vasi coronarici e non vi sono altre problematiche cardiache, è consigliabile eseguire l angioplastica, ma quando sono interessati 3 vasi coronarici, l intervento di by-pass è certamente il più indicato. Il caso clinico di ogni paziente viene studiato ed analizzato dal Cardiologo interventista e dal Cardiochirurgo individuando di volta in volta l intervento più adeguato. SEGUE A PAG 10

12 Oltre al numero dei vasi, quali sono le altre indicazioni per decidere un angioplastica o un by-pass coronarico? Quando in atto ci sono altre patologie l angioplastica non sarebbe adeguata, il by-pass nel tempo si è dimostrato più efficace dell angioplastica e rimane il trattamento standard nella malattia trivasale o del tronco comune, dimostrandosi superiore sia dal punto di vista di recidive, che dal punto di vista di sopravvivenza nel tempo. Adottate le stesse tecniche di intervento per qualsiasi fascia Posto letto in Terapia Intensiva Ospedale S. Andrea Roma di età? Quando ci troviamo di fronte a pazienti giovani (il più giovane che abbiamo operato aveva 36 anni) e l aspettativa di vita è lunga, tendiamo ad intervenire chirurgicamente utilizzando le arterie 10 PAGINA mammarie: la mammaria è il condotto ideale ed è l unica arteria che non si ammala di aterosclerosi. Qual è l età media dei pazienti che operate? La popolazione va sempre più invecchiando, quindi concentriamo parte della nostra attenzione sul ruolo degli anziani. Quasi la metà dei pazienti che noi operiamo oggi sono pazienti che superano i 70 anni, e quando un paziente ha 70 anni non ha solo un problema di cuore: è un paziente che ha 70 anni da un punto di vista polmonare, renale e così via; sono, quindi pazienti che potrebbero avere tante complicanze. Durante il congresso Lei ha proiettato una diapositiva che mostrava un particolare macchinario, di che si tratta? Si tratta di un vero e proprio concentrato di tecnologia. Nella diapositiva si può vedere una macchina per la circolazione extracorporea, un contropulsatore, una macchina per la dialisi, un ventilatore automatico etc. Grazie a tutta questa tecnologia, al personale della Terapia Intensiva, ai Perfusionisti che sono sempre più bravi e specializzati, grazie all impegno dei Cardioanestesisti

13 che si dedicano sempre più a questa specializzazione, noi abbiamo spostato in avanti una piccola bandiera: quella dell età. Lei ha operato un uomo di 94 anni. Ce ne parli. Si, ho operato forse il paziente più anziano d Italia, il signor Armando, che prima di approdare al S. Andrea ha girato vari ospedali per due anni. Il signor Armando è venuto da noi a marzo di quest anno, aveva avuto un infarto. Dopo aver valutato il caso insieme al prof. Riccardo Sinatra ed al Prof. Di Nucci, abbiamo deciso di operarlo. Abbiamo eseguito 3 by-pass a cuore aperto: 1 con l arteria mammaria e 2 con la vena safena. Oggi il nostro paziente sta bene e gode di ottima salute. Prof. Riccardo Sinatra Direttore U.O.C. di Cardiochirurgia, Ospedale S. Andrea, II Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Roma La Sapienza Il sig. Armando con il prof. Cosimo Comito PAGINA 11

14 La laserchirurgia endoscopica in ORL di GIUSEPPE VILLARI E LUIGI CALIFANO La tecnologia laser, acronimo che significa Light Amplification by Stimulated Emission of Radiations, è stata introdotta nella chirurgia della laringe tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80 del XX secolo ad opera di Autori americani. Il Laser fu usato inizialmente per il trattamento endoscopico di patologie benigne e di neoplasie delle corde vocali in fase molto iniziale (T1 glottico della porzione intermedia della corda vocale). Fin da allora apparvero chiari i vantaggi derivanti dall uso di tale tecnologia, particolarmente evidenti nel trattamento della patologia tumorale: non era più necessario accedere dall esterno alla lesione mediante l apertura dello cartilagine tiroidea (tirotomia anteriore), ma la lesione poteva essere aggredita dall interno, mediante adeguata tecnica di esposizione endoscopica (microlaringoscopia diretta in sospensione), ottenendo una radicale escissione della neoplasia con un traumatismo chirurgico notevolmente ridotto rispetto alla tecnica tradizionale ed una significativa accelerazione dei tempi di guarigione. Nei decenni successivi, la laserchirurgia 12 PAGINA SEGUE A PAG 14 laringea si è diffusa sempre più a livello mondiale, per merito, in particolare, della Scuola otorinolaringoiatrica napoletana, che ne seppe valorizzare, fin dall inizio, i punti veramente vincenti e che organizzò nel 1982 il primo Congresso mondiale interamente dedicato alla laserchirurgia laringea. Si è quindi chiarito che i grandi vantaggi della laserchirurgia endoscopica riguardano le patologie più importanti ed impegnative, non tanto la piccola chirurgia delle lesioni benigne, tant è che attualmente la laserchirurgia endoscopica è considerata la tecnica di prima scelta nella terapia dei tumori laringei in fase iniziale (T1-T2 glottici; T1 e selezionati T2 sopraglottici), nella terapia delle displasie laringee (lesioni che possono evolvere in cancro), nella terapia della papillomatosi laringea e nella terapia delle stenosi laringotracheali congenite ed acquisite, mentre il trattamento delle lesioni minori di tipo infiammatorio o disfunzionale (polipi, edemi, noduli, cisti, ecc.) può essere indifferentemente eseguito sia con tecnica tradizionale che con laserchirurgia, prediligendosi quest ultima nei Centri che utilizzino di routine il laser per il trattamento

15

16 delle patologie maggiori. Ogni Scuola ha costruito le proprie indicazioni per la laserchirurgia laringea, cosicché non è da meravigliarsi se notizie almeno parzialmente diverse possano essere ottenute anche attraverso una semplice navigata in Internet o che, ancora oggi, nei Congressi specialistici continuino ad aprirsi accese discussioni sulle indicazioni di tale chirurgia. Noi riferiremo in questa sede sulla nostra personale esperienza che ha fatto della UO di Otorinolaringoiatria della Azienda Ospedaliera G. Rummo il punto di riferimento per l Italia meridionale ed uno dei centri maggiormente qualificati in tutta Italia per la laserchirurgia laringea. Cosa trattiamo attualmente con il laser? Il punto cardine, come già detto, consiste nel trattamento endoscopico conservativo delle neoplasie laringee della regione glottica (le corde vocali) e sopraglottica, allorquando la neoplasia sia ancora in uno stadio non avanzato: in termini tecnici i T1 e T2 cordali, i T1 e solo selezionati T2 sopraglottici. Altre Scuole hanno allargato le indicazioni anche a tumori più estesi. E da precisare che ciò è senz altro possibile da un punto di vista puramente tecnico, grazie anche agli sviluppi tecnologici che, naturalmente, hanno riguardato anche la strumentazione laser, in particolare per 14 PAGINA SEGUE A PAG 16 l informatizzazione dei sistemi più moderni e la disponibilità di una vera e propria tecnologia robotica, ma non riteniamo che il problema sia solo di questa natura. La biologia tumorale, anche per le neoplasie della laringe, è tale da determinare la possibile diffusione a distanza del tumore primitivo e questa possibilità non solo è tanto maggiore quanto più il tumore primitivo è esteso, ma essa è anche maggiore per i tumori sopraglottici rispetto a quelli glottici. Per tali considerazioni, riteniamo che se è senz altro vero che, ad esempio, un tumore T3 possa essere ben escisso anche in laserchirurgia, è però anche vero che è buona norma oncologica, in questo caso, procedere anche allo svuotamento dei linfonodi del collo, cosa che richiede indispensabilmente l accesso chirurgico esterno, annullando, a tal punto, larga parte dei vantaggi della laserchirurgia endoscopica. I vantaggi dell escissione laser sono evidenti: il trauma chirurgico è molto ridotto, il ricorso alla tracheotomia è eccezionale, le complicanze postchirurgiche sono rare, le sequele postchirurgiche (in particolare la disfagia) sono di solito di breve durata, i tempi di guarigione sono di conseguenza rapidi, i risultati oncologici sono molto buoni, come anche i risultati funzionali riguardanti la qualità della voce. I due problemi cruciali sono costituiti dalla necessità assoluta della prevenzione di tali tumori, almeno per ciò che concerne i fattori di rischio evitabili (il fumo di sigaretta in primis) e l altrettanto assoluta necessità della diagnosi precoce: su questi aspetti bisogna concentrare tutta la nostra attenzione. Le lesioni laringee, in particolare quelle delle

17

18 corde vocali, hanno la peculiarità di dare un sintomo molto precoce: la disfonia, il cambiamento, cioè, del tono della voce, per cui non ci stancheremo mai di ripetere che qualunque persona che presenti una disfonia che duri più di 7-10 giorni vada sottoposta a visita otorinolaringoiatrica con laringoscopia, a maggior ragione se si tratta di un soggetto con fattori di rischio (fumatore e/o familiarità per patologie neoplastiche della laringe, soprattutto). E per fortuna possibile e probabile che il problema consista in una patologia assolutamente benigna e non evolutiva (noduli, polipi, ecc.), ma il ritardare di mesi o di anni la diagnosi di un tumore laringeo precluderà la possibilità di una chirurgia funzionale e conservativa, dovendosi poi eventualmente ricorrere a tecniche demolitive (i vari tipi di laringectomia per via esterna associati allo svuotamento linfonodale del collo). Altri sintomi possibili sono la disfagia (difficoltà ad ingoiare) e la difficoltà respiratoria, in caso di neoplasie già molto estese. Le altre importanti patologie in cui utilizziamo di routine il laser per via endoscopica sono la papillomatosi e le stenosi laringee. La papillomatosi è una patologia di origine virale, che colpisce sia bambini che adulti, caratterizzata dallo sviluppo di neoformazioni endolaringee che possono determinare l ostruzione della via aerea laringea. I papillomi, purtroppo, tendono a frequenti recidive, con necessità spesso di numerosissimi interventi. Anche in questo caso, la laserchirurgia permette l escissione più completa possibile dei papillomi con un trauma chirurgico notevolmente ridotto rispetto ad altre tecniche, tanto da non richiedere di solito la tracheotomia. Negli ultimi anni, stiamo sperimentando, al 16 PAGINA La UO di Otorinolaringoiatria della Azienda Ospedaliera G. Rummo è il punto di riferimento per l Italia meridionale ed è uno dei centri maggiormente qualificati in tutta Italia per la laserchirurgia laringea pari di altri Centri qualificati, l inoculazione perilesionale di un antivirale all atto stesso dell escissione chirurgica, con risultati che sembrano incoraggianti. Nelle stenosi laringee e laringotracheali, il laser è di fondamentale importanza nel trattamento delle paralisi cordali bilaterali in adduzione (cioè con corde vocali quasi completamente chiuse). Esse sono spesso conseguenza di lesione dei nervi ricorrenti, che controllano la mobilità delle corde vocali, in corso di tiroidectomia o, in altri casi, di lesioni vascolari cerebrali che interessino i nuclei di origine di tali rami nervosi. Anche in questo caso, la laserchirurgia endoscopica ha sostituito le tecniche chirurgiche con approccio esterno, ottenendo buoni risultati funzionali nel ripristino di un sufficiente spazio respiratorio laringeo. Come si comprenderà, anche le lesioni che abbiamo definito minori nel senso che esse non sono a carattere evolutivo, sono da noi trattate con tecnica laser, ottenendo risultati funzionali nella qualità postchirurgica della voce per lo meno analoghi a quelli della chirurgia endoscopica cosiddetta a freddo, cioè che impiega strumenti quali forbici e microbisturi per l escissione della lesione. Laserchirurgia endoscopica della laringe sicuramente sì, quindi, ma in mani molto esperte soprattutto nel caso della chirurgia di maggiore impegno sia per il paziente che per l operatore. In questa sede, comunque, vorremmo che il nostro take-home message sia che il tumore della laringe può forse essere prevenuto, ma, più realisticamente, che esso può sicuramente essere diagnosticato molto precocemente, con importantissime ricadute positive sia sulla conservazione dell organo laringeo e della sua funzione, sia sulla prognosi a distanza in termini di sopravvivenza.

19 Alzheimer 1 Quella strada che finisce nel buio di GERARDO CASUCCI Nel mese di gennaio del 2007 giunge alla mia osservazione Maria, una donna di 75 anni, la cui figlia mi racconta che da circa 1 anno la madre manifesta difficoltà di concentrazione, modesta incapacità a conservare i ricordi recenti e vaghe modificazioni del comportamento, sostanzialmente incentrate su temi di negatività e isolamento. La madre nega l esistenza dei sintomi riferiti dalla figlia e presenta, durante la mia valutazione clinica, un atteggiamento fortemente oppositivo. Interrogando meglio la figlia, ella riferisce la presenza nella madre di disturbi del linguaggio (in particolare, difficoltà a trovare le parole giuste e a nominare gli oggetti) già due anni prima dell esordio dei sintomi suddetti. Una serie di esami diagnostici consente in breve tempo di confermare la mia prima ipotesi diagnostica, quella di Non tutte le demenze primarie sono demenze di Alzheimer; circa il 20%, infatti, presenta caratteristiche neuropatologiche e cliniche differenti dalla forma classica descritta da Alzheimer malattia di Alzheimer. Nei due anni e mezzo che seguono, Maria diviene incapace di attendere autonomamente alle comuni attività della vita quotidiana, tanto che ad oggi necessita di assistenza e cure costanti. Sin dai primordi della storia della medicina si è saputo che l avanzare dell età comporta un graduale declino delle funzioni cognitive, ma la consapevolezza che detto declino può rappresentare uno stato patologico specifico si è avuto solo quando Alois Alzheimer, neuropatologo tedesco di inizio secolo scorso, nel 1907 descrisse il caso di una donna di 56 anni affetta da deterioramento cognitivo progressivo e disturbi del comportamento, la cui autopsia rivelò nel cervello la presenza di placche senili e grovigli neurofibrillari, dimostratisi poi caratteristici della malattia. La giovane età della paziente segnalata da Alzheimer ha indotto i neurologi, fino alla metà del secolo scorso, a ritenere erroneamente che esistessero due demenze di Alzheimer, una presenile (antecedente ai 65 anni) e una senile (succedanea ai 65 anni). Detto modello concettuale è oggi del tutto obsoleto: esiste una sola malattia di Alzheimer dal decorso univocamente SEGUE A PAG 18 SPECIALE ALZHEIMER PAGINA 17

20 lento e drammaticamente irreversibile. La malattia di Alzheimer è, infatti, un processo degenerativo celebrale che provoca un deterioramento progressivo e globale delle funzioni intellettive, associato a un peggioramento sempre maggiore della personalità e della vita di relazione. Non tutte le demenze primarie sono, tuttavia, demenze di Alzheimer; circa il 20%, infatti, presenta caratteristiche neuropatologiche e cliniche differenti dalla forma classica descritta da Alzheimer. Nei pazienti affetti dalla demenza di Alzheimer si evidenzia una perdita cospicua di cellule nervose in quelle aree della corteccia cerebrale vitali per la memoria e per le altre funzioni cognitive. Nelle stesse aree si rileva la presenza massiccia di una proteina modificata, la betaamiloide, la quale inglobando le cellule nervose causa la formazione di quelle placche e di quei grovigli descritti da Alzheimer, con conseguente impedimento della fisiologica comunicazione intercellulare. Il motivo per cui da una proteina normale se ne formi un altra patologica, la beta-amiloide appunto, è a tutt oggi sconosciuto. Unitamente alle modificazioni strutturali del cervello, si riscontrano profonde modificazioni biochimiche: è presente, infatti, un calo drammatico (fino al 90%) dei livelli cerebrali di acetilcolina, che costituisce il principale neurotrasmettitore nei processi mnesici e cognitivi, la qual cosa ha avuto non poche implicazioni nella scoperta di farmaci efficaci 18 PAGINA Traumi cranici, in particolare quando interessano persone di età inferiore a 50 anni e si accompagnano a perdita di coscienza prolungata, e bassi livelli educazionali con conseguente scarsa igiene di vita (fumo, alcol, comportamenti alimentari inappropriati e vita sedentaria) sembrano favorire l insorgenza di questo tipo di demenza sul decorso della malattia. Sebbene esistano forme molto rare di malattia di Alzheimer familiare a trasmissione autosomica dominante e a inizio precoce, più del 95% delle demenze tipo Alzheimer non possono essere ricondotte a una trasmissione genica di un qualche tipo. Non sembra esservi nessun rischio maggiore rispetto alla popolazione generale di contrarre la malattia per coloro che hanno un parente di 1 grado affetto, mentre il rischio sembra essere più consistente (fino a 40 volte il normale) allorché si hanno due o più parenti di 1 grado colpiti dalla malattia. La sua prevalenza raddoppia ogni 5 anni a partire dai 60 anni, arrivando a interessare una persona su tre all età di 85 anni. Si è a lungo ritenuto che le donne ne fossero più affette degli uomini; in realtà, questo dato era frutto di un errore metodologico, dovuto al fatto che le donne, essendo più longeve, hanno un maggior rischio di contrarre la malattia. Traumi cranici, in particolare quando interessano persone di età inferiore a 50 anni e si accompagnano a perdita di coscienza prolungata, e bassi livelli educazionali con conseguente scarsa igiene di vita (fumo, alcol, comportamenti alimentari inappropriati e vita sedentaria) sembrano favorire l insorgenza di questo tipo di demenza. I disturbi cognitivi interessano principalmente memoria, linguaggio e prassie. I disturbi della memoria sono caratterizzati da perdita della memoria a breve termine (soprattutto nelle fasi iniziali), prima impoverimento e poi perdita della memoria a lungo termine, disorientamento temporo-spaziale e, nelle fasi terminali, totale incapacità a rievocare le informazioni mnesiche più solide (es. nomi dei propri figli). I disturbi del linguaggio sono spesso l unico sintomo di esordio della malattia e consistono inizialmente in difficoltà a trovare le parole, fino ad arrivare a un vocabolario impoverito, circumlocuzioni, anomie e pause. Il linguaggio del paziente alzheimeriano è, pertanto,

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI 2004-2012 Il progetto presentato inizialmente presso

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7 Tiratura 01/2015: 68.758 Diffusione 01/2015: 50.722 Lettori III 2014: 376.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Alessandro Cassinis 13-APR-2015 da pag. 7 13-04-2015

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato

E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato IL CARCINOMA LARINGEO Dr.ssa Med. Elena Scotti Otorinolaringoiatria Ospedale Civico Lugano Lugano, 9 Giugno 2011 la laringe E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato

Dettagli

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome CATERINO LUIGI Indirizzo Via Giotto, 87 AVERSA Telefono 081 5001215

Dettagli

Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE

Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE DESCRIZIONE ANALITICA DEI PROGETTI Dati Generali del progetto Titolo TEMPO ALLE FAMIGLIE Sperimentazione di Servizi di Sollievo

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI Istituto di Neurologia e Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Direttore: Prof. Roberto Bernabei INCONTRI PER CAREGIVER E PAZIENTI

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto AIFA Onlus /AIDAI Onlus A cura di: Consiglio Direttivo, AIFA Onlus Erica Menotti,

Dettagli

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla La sclerosi multipla La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale spesso progressivamente invalidante. Un processo infiammatorio

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Medicina Palliativa (III edizione - Biennale) Livello II Crediti Formativi Universitari 120 Direttore Prof. Gian Luigi Cetto Comitato scientifico

Medicina Palliativa (III edizione - Biennale) Livello II Crediti Formativi Universitari 120 Direttore Prof. Gian Luigi Cetto Comitato scientifico Medicina Palliativa (III edizione - Biennale) Livello II Crediti Formativi Universitari 120 Direttore Prof. Gian Luigi Cetto Comitato scientifico Prof. Maria Antonietta Bassetto: Prof. Associato di Oncologia

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi le politiche CONFRONTI 3/2011 163 Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi Migliorando le condizioni di vita e spostandosi più in là le frontiere della medicina, da

Dettagli

LE CEFALEE SECONDARIE:

LE CEFALEE SECONDARIE: LE CEFALEE SECONDARIE: IATROGENE E CARDIOVASCOLARI SARNICO (BG), SABATO 22 SETTEMBRE 2012 Associazione Neurologica Italiana per la Ricerca sulle Cefalee Associazione per una Scuola delle Cefalee Presidente

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA PSICHIATRICA

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA PSICHIATRICA La posizione della Società Italiana di Psichiatria sulla Proposta di Testo Unificato DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA PSICHIATRICA Documento approvato dalla Conferenza delle Sezioni Regionali della

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 203 ESPERIENZA PROFESSIONALE del PERSONALE SANITARIO che INTERAGISCE con il SURVIVOR Convivere con la malattia avanzata al Domicilio e in

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON D O T T. S S A L U C I A C R E T E L L A PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON -Problemi psicologici correlati alla malattia (che

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari;

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari; Curriculum Vitae Informazioni Personali Nome e Cognome ANNA MARIA CARRERA Data di nascita 22/06/53 Qualifica DIRIGENTE MEDICO Amministrazione ASL LE - LECCE Incarico attuale DIRIGENTE MEDICO Telefono Ufficio

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà. La telemedicina per la non Autosufficienza

Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà. La telemedicina per la non Autosufficienza Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà Vogliamo riprendere il nostro viaggio attraverso le tecnologie per andare a vedere come la telemedicina può essere di aiuto nella non autosufficienza

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli