GLI ASSETTI PARTECIPATIVI NEI PROCESSI DI INTEGRAZIONE TRA BANCHE E IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ASSETTI PARTECIPATIVI NEI PROCESSI DI INTEGRAZIONE TRA BANCHE E IMPRESE DI ASSICURAZIONE"

Transcript

1 GLI ASSETTI PARTECIPATIVI NEI PROCESSI DI INTEGRAZIONE TRA BANCHE E IMPRESE DI ASSICURAZIONE di Alessio Martelloni Dottore di ricerca in Diritto Pubblico dell Economia e delle imprese Università di Pisa avvocato presso il servizio di Consulenza Legale di Banche Popolari Unite 1. Premessa Parlare di integrazione tra banche e imprese di assicurazioni avrebbe rappresentato, solo fino a pochi anni fa, un autentica eresia e, ancora oggi, non manca chi la definisce come un vero e proprio paradosso dal momento che, si dice, ciascuna delle due tipologie in intrapresa economica è regolata all interno di un corpus organico che è espressamente orientato a preservare la c.d. separatezza dell impresa regolata rispetto a tutte le altre attività 1. Quanto al passato, è certamente vero che le due attività in discorso venivano considerate assolutamente estranee l una dall altra al punto che alle banche era vietata sia l assunzione di partecipazioni in compagnie di assicurazione sia la produzione di prodotti assicurativi (divieto, quest ultimo, che permane ancora oggi). In particolare, si intendeva evitare che le banche si avvalessero delle attività a lungo termine in cui vengono investite le riserve tecniche tipiche dell attività assicurativa per soddisfare fabbisogni di liquidità relativi alla gestione creditizia 2. Non si riteneva, in aggiunta, che le 1 Cfr. GIAMPAOLINO C. F., Bancassurance. Profili societari e antitrust, in G. ALPA, M. DE TILLA, S. PATTI (a cura di), Diritto dell Economia, 2002, p Cfr. M. QUAGIARIELLO, I rapporti tra banche e assicurazioni in Italia e in Europa:

2 banche avessero le competenze tecniche necessarie per svolgere adeguatamente l attività assicurativa. Si diceva, inoltre, che l attività assicurativa fosse priva del carattere di finanziaretà, tipico delle banche e delle imprese di investimento e che fosse, piuttosto, assimilabile ad un attività di tipo industriale. Non è un caso che, ancor oggi, il dicastero competente in materia assicurativa non sia il Ministero dell Economia e delle Finanze, bensì quello delle Attività Produttive (ex Ministero dell Industria), con buona pace di chi, peraltro a ragione, invoca da anni l emancipazione del comparto assicurativo da un simile patrigno. Già nel corso degli anni ottanta alcuni Paesi di ambito UE cominciarono a mettere in atto una vera e propria deregulation del settore assicurativo dando il via, anche formale, ai primi fenomeni di integrazione 3. Negli Stati Uniti l assetto legislativo del Glass-Steagal Act del 1933 (noto anche come Banking Act), imperniato sulla separatezza tra banche e assicurazioni, cade nel 1999 con l approvazione del Gramm- Leach-Bliley Act. Sul finire del secolo scorso, anche il legislatore comunitario ha cominciato a considerare i settori bancario, finanziario e assicurativo come appartenenti ad un unico macro-settore che è quello delle attività finanziarie. Il primo passo in tale direzione è stato fatto con la direttiva n. 26/95/CE (c.d. direttiva post BCCI ) in tema di armonizzazione dei poteri di controllo delle autorità preposte alla vigilanza delle imprese finanziarie, tra le quali venivano annoverate anche le compagnie di assicurazione. Più di recente, si considerino, invece, la direttiva n. 65/2002/CE in tema di vendita a distanza di prodotti e servizi finanziari (termine con il quale si intendono identificare sia i prodotti bancari, sia quelli mobiliari sia, infine, quelli assicurativi) e, ovviamente, la direttiva sui conglomerati finanziari (n. 87/2002/CE). In Italia, purtroppo, la disciplina in tema di partecipazioni tra banche e assicurazioni è ancora poco chiara e, soprattutto, inserita in atti normativi distinti e scarsamente coordinati tra loro. Basti pensare, a titolo di esempio, che per avere contezza delle regole giuridiche in tema di assunzione di partecipazioni, da parte di compagnie di assicurazione, in istituti di credito occorre esaminare due veri e propri ordinamenti settoriali (quello bancario e quello assicurativo) per scoprire che gli stessi non sono affatto armonizzati tra loro. aspetti empirici e problemi di regolamentazione, in Rivista Bancaria, 2001, n. 4, p Cfr. M. QUAGLIARIELLO, op. cit., p

3 2. La partecipazione delle assicurazioni nel capitale delle banche secondo l ordinamento assicurativo Fin dalla prima regolamentazione organica dei controlli sul settore assicurativo, il principio di esclusività dell oggetto sociale delle imprese di assicurazione era stato scolpito a chiare lettere dal legislatore primario del nostro Paese che aveva espressamente previsto all art. 130 del Regio Decreto n. 63 del 4 gennaio 1925 recante il primo Regolamento per l esercizio delle assicurazioni private il divieto per ogni impresa di assicurazione, di riassicurazione, di capitalizzazione e di risparmio di fare operazioni estranee all esercizio di dette industrie. Secondo la discutibile interpretazione (tuttavia unanimemente condivisa) dell articolo 130 citato e, soprattutto, in assenza di una specifica norma che disciplinasse l assunzione di partecipazioni di controllo delle imprese di assicurazione in altre società, da esso si faceva discendere l impossibilità per le imprese di assicurazione non solo di esercitare direttamente le attività estranee al loro oggetto sociale, ma anche di esercitarle per il tramite di società controllate. Una simile lacuna normativa (e, conseguentemente, una simile interpretazione estensiva dell art. 130 citato) è durata fintanto che non è stata emanata la legge 9 gennaio 1991 n. 20 recante norme sul controllo delle partecipazioni di imprese o enti assicurativi e in imprese o enti assicurativi. Più in particolare, l art. 4 della legge stabilisce, al primo comma, che le imprese e gli enti assicurativi non possono assumere partecipazioni di controllo in altre società quando queste esercitino attività diverse da quelle consentite alle stesse imprese di assicurazione dall art. 5, comma 2, della legge 295/1978 (per le assicurazioni contro i danni) e dall art. 4, comma 2, della legge 742/1986 (per le assicurazioni sulla vita). Tali ultime norme, a loro volta, prevedevano (e prevedono tutt oggi) che le imprese di assicurazione possono esercitare, oltre all attività tipicamente assicurativa, soltanto le attività e le operazioni connesse a tali attività. Prima di interrogarci sul senso e la portata dell aggettivo connesse e sulla conseguente possibilità o meno di ritenere l attività bancaria connessa a quella assicurativa, pare opportuno mettere in evidenza che l art. 4, comma 1, in commento ha introdotto un equazione (divieto di esercitare direttamente una attività uguale divieto ad esercitarla per il tramite di controllate) che non risponde ad alcuna logica giuridicoeconomica, nel senso che dal fatto che le imprese di assicurazione debbano limitare il loro oggetto all esercizio delle attività assicurative e di quelle che alle 3

4 medesime sono connesse non discende necessariamente, in assenza di un esplicita statuizione come quella in esame, che le imprese di assicurazione possano assumere partecipazioni di controllo solo in società che esercitano attività connesse In altre parole non possono essere equiparati l esercizio dell attività e la detenzione di partecipazioni [..] e dal divieto del primo non si può ricavare il divieto della seconda 4. Tuttavia, come ha osservato lo stesso Autore appena citato, l art. 4, comma 1, rappresenta un dato normativo ormai inserito nel nostro ordinamento e con il quale è necessario fare i conti. E allora, a voler fare questi conti, l interprete deve necessariamente partire dal concetto di attività connesse all attività assicurativa indirettamente richiamato dall art. 4 della legge 20 per poi verificare se tra queste vi rientri o meno l attività bancaria. Della problematica si sono occupati sia alcuni autorevoli Autori (in primis Renzo Costi e Alessandro Nigro) sia lo stesso Isvap che, nel commentare, nell ambito della propria Circolare n. 150 del 21 febbraio 1991 (emanata, quindi, all indomani della legge 20 e poi ripresa dalla Circolare n. 250 del 1995 che poco o nulla aggiunge alla stessa) aveva avuto modo di chiarire che la finalità dell art. 4, comma 1, della legge in commento consiste nella tutela della stabilità della compagnia di assicurazione attuata mediante un vincolo di destinazione del patrimonio della compagnia medesima in attività assicurative o, comunque, connesse alle stesse. Quanto al concetto di attività connessa l Isvap ritiene che lo stesso si traduca nell esistenza, da valutare in concreto e caso per caso, di relazioni di accessorietà, strumentalità e funzionalità all attività assicurativa, con la conseguenza che se prima dell intervento dell Isvap il concetto da chiarire era solo uno (quello di connessione, appunto), dopo l intervento dell Organo di vigilanza i concetti da spiegare diventano addirittura tre (accessorietà, strumentalità e funzionalità). Quello che appare invece chiaro dalla Circolare n. 150 è che l esistenza di una connessione tra l attività della controllata (rectius, aspirante controllata) e l attività assicurativa deve essere dimostrata in concreto e caso per caso e non già in via meramente ipotetica e astratta. La conseguenza di una simile impostazione è che non si potrà dire, ad esempio e per quello che qui interessa, che l attività bancaria è, di per sé, connessa all attività assicurativa e che, pertanto, le imprese di 4 Cfr. R. COSTI, Il Gruppo bancario e assicurativo: il quadro istituzionale, in F. CESARINI e R. VARALDO (a cura di), Banche e assicurazioni. Rapporti e prospettive di sviluppo, UTET, 1992, p

5 assicurazione sono sempre e comunque legittimate ad assumere partecipazioni di controllo nelle banche. Al contrario, occorrerà che l Isvap valuti in concreto la ricorrenza o meno di un rapporto di funzionalità (più che di strumentalità o accessorietà) tra l attività di quella impresa di assicurazione e l attività di quella banca. Tale impostazione, peraltro, risulta assolutamente coerente con quanto disposto dal secondo comma dell art. 4 della legge 20, a mente del quale la connessione tra l attività assicurativa e quella esercitata dalla società controllata può risultare da un programma di attività richiesto dall Istituto per la vigilanza delle assicurazioni private e di interesse collettivo (ISVAP) alla società controllante. Ad una conclusione diversa, peraltro criticata aspramente dalla dottrina citata 5, sembrava essere giunto il Senato che in un ordine del giorno approvato il 19 dicembre 1990 durante i lavori che hanno portato all emanazione della legge n. 20/1991 aveva invitato il governo a riconoscere ai sensi dell art. 4 del disegno di legge in approvazione che l attività assicurativa è connessa a quella bancaria. Se le ragioni politiche di una simile affermazione erano chiarissime (si voleva evitare alle imprese di assicurazione italiane svantaggi competitivi nei confronti delle omologhe società comunitarie), altrettanto evidente era l antigiuridicità di tale affermazione definita da Costi addirittura contra legem nel momento in cui postula una connessione necessaria fra attività assicurativa e attività bancaria che renderebbe di fatto impossibile (o almeno irrilevante) quel controllo in concreto della connessione che la legge demanda all Isvap al secondo comma dell art. 4 in discorso. Tutt al più, si potrebbe affermare che l attività bancaria è attività connettibile, a seguito di giudizio ex post dell Isvap medesimo, a quella assicurativa. L Organo di vigilanza assicurativa diventa quindi l unico (e l ultimo) arbitro del giudizio di connessione di cui alla legge 20/1991. Esso governa i processi partecipativi attivati dalla stessa legge e autorizzando, negando l autorizzazione o imponendo riduzioni e dismissioni, provvede a rendere compatibili le scelte aziendali con gli obiettivi di vigilanza e, in altri termini, a coniugare al meglio le ragioni della libertà con quelle dell autorità, il pubblico col privato interesse 6. Se questa della connettibità dell attività bancaria a quella assicurativa può essere ormai considerata la tesi accolta da gran parte della dottrina e, soprattutto, dall Isvap, non è mancato chi, 5 Cfr. R. COSTI, op. cit., p Cfr. L. DESIDERIO, Banche e assicurazioni, in G. ALPA, M. DE TILLA, S. PATTI (a cura di), op. cit., p

6 autorevolmente, ha definito una simile interpretazione dell articolo 4 della legge 20/1991 come una vera e propria forzatura 7. Anzi, a detta di tale Autore si tratterebbe di una triplice forzatura. La prima forzatura sarebbe quella di aver arbitrariamente sostituito nelle norme sull oggetto sociale delle assicurazioni cui fa rinvio, come abbiamo osservato, l art. 4 citato (si tratta, lo rammento, dell art. 5, comma 2, della legge 295/1978 e dell art. 4, comma 2, della legge 742/1986) la locuzione attività connesse a quella di operazioni connesse, effettivamente utilizzata dalle stesse. La seconda forzatura, sempre secondo Nigro, consisterebbe nel far dire all art. 4 ciò che esso non dice. Ed infatti tale norma non stabilisce, ad onor del vero, che le imprese di assicurazione possono assumere partecipazioni di controllo in altre società quando queste ultime esercitino attività assicurative e/o attività connesse a quelle assicurative, ma dice una cosa ben diversa, vale a dire che le imprese di assicurazione non possono assumere partecipazioni di controllo in altre società quando tali società esercitino attività diverse da quelle consentite alle imprese di assicurazione. Il che equivarrebbe a dire, secondo Nigro, che le imprese di assicurazione possono assumere partecipazioni di controllo solo in società che esercitano attività che esse imprese di assicurazione possono direttamente esercitare 8. L art. 4 della legge del novantuno, quindi, costituirebbe l espressione della specifica volontà del legislatore di estendere alle partecipazioni lo stesso vincolo disposto all oggetto riprendendo, di fatto, quella malsana equazione che, come è stato osservato più sopra, si era andata diffondendo tra gli interpreti dell art. 130 del vecchio Regolamento del Secondo tale Autore, insomma, la norma in discorso andrebbe interpretata nel senso che le attività della società partecipata debbano necessariamente rientrare fra quelle esercitabili direttamente dalla compagnia di assicurazione. Ne consegue, quindi, che, siccome è pacifico che le imprese di assicurazione non possono esercitare direttamente l attività bancaria, dovrebbe essere altrettanto pacifico che esse non possono assumere il controllo di banche. La terza e, forse, più importante forzatura individuata da Nigro sarebbe quella di aver considerato connessione fra due attività (quella bancaria e quella assicurativa) quella che, invece, connessione in senso 7 Cfr. A. NIGRO, L integrazione fra attività bancaria e attività assicurativa, in Diritto della Banca e del Mercato Finanziario, 1997, n. 2, p Cfr. A. NIGRO, op. cit., p

7 proprio (e cioè un rapporto di subordinazione economico-funzionale) non è. La assai affascinante e acuta ricostruzione di Nigro, tuttavia, mi pare parta da una individuazione erronea della teoria avversaria. Infatti né l Isvap, né coloro che, più o meno implicitamente, ne hanno avallato le conclusioni (Costi) hanno mai parlato di una connessione necessaria (da fare, cioè, ex ante) tra attività bancaria e attività assicurativa cui Nigro sembra fare (implicito) riferimento nel portare avanti le sue argomentazioni. Essi, per contro, hanno sempre parlato di una connettibilità mai scontata, bensì da valutare caso per caso. Per quanto assolutamente evidente, è bene precisare che quanto sin qui osservato a proposito delle indubbie difficoltà ad ammettere che l attività bancaria sia connessa o connettibile con quella assicurativa aveva in mente e partiva dall art. 4 della legge 20/1991 e si riferiva, pertanto, alle sole partecipazioni di controllo detenibili dalle imprese di assicurazione. Un discorso del tutto diverso deve essere svolto, per contro, con riferimento alle partecipazioni non di controllo che, invece, costituisce una normalissima modalità con cui le imprese di assicurazione gestiscono le risorse finanziarie raccolte mediante la riscossione dei premi ed incontrano, pertanto, solo i limiti imposti dalla normativa di vigilanza in materia di riserve. Come è stato osservato, l investimento in partecipazioni (non di controllo, ndr) è pertanto previsto dalla legge quale attività tipica dell impresa di assicurazioni, ossia è considerata attività legalmente connessa a quella assicurativa 9. Una dimostrazione, per così dire, empirica di ciò la rinveniamo nelle Istruzioni per la compilazione del modello da utilizzare per le comunicazioni dovute ai sensi dell art. 5 della legge 9 gennaio 1991 n. 20 allegate alla Circolare Isvap n. 250 del 20 giugno 1995 dove si prevede che la compagnia possa segnalare all autorità di vigilanza la detenzione di tutta una serie di partecipazioni di minoranza in una gamma piuttosto variegata di società (si va dalle società finanziarie, alle banche, alle aziende industriali) Cfr. C. F. GIAMPAOLINO, Bancassurance. Profili societari e antitrust, in G. ALPA, M. DE TILLA, S. PATTI (a cura di), op. cit., p Nella stessa direzione si può citare il 5 considerando della direttiva n. 95/26/CE (c.d. direttiva post BCCI) sull armonizzazione dei poteri di vigilanza e controllo sulle imprese finanziarie, incluse quelle assicurative, il quale recita considerando che il solo fatto di acquisire una percentuale significativa del capitale di una società non costituisce una 7

8 3. (segue) e secondo quello bancario Assai più chiara, almeno oggi, è la disciplina dettata nell ambito dell ordinamento bancario a proposito della possibilità per le imprese di assicurazione di detenere partecipazioni (anche di controllo) nel capitale delle banche. La normativa di riferimento, in questo caso, è rinvenibile nel Testo Unico Bancario (TUB) agli articoli 19-24, raggruppati nel Capo terzo del Titolo II intitolato, per l appunto Partecipazione al capitale delle banche. In particolare, la disposizione che rileva ai nostri fini è l art. 19 il quale subordina l acquisizione a qualsiasi titolo di partecipazioni rilevanti (e, in ogni caso, quelle superiori al 5% del capitale della banca) all autorizzazione dell Organo di vigilanza. Tale autorizzazione, precisa il terzo comma dell art. 19, è necessaria anche per l acquisizione del controllo della società che già detiene partecipazioni rilevanti in una banca ai sensi del primo comma. Inoltre, per quello che maggiormente interessa in questa sede, la norma in esame fissa, al comma 6, un principio (c.d. principio di separatezza banca-industria ) in base al quale i soggetti che, anche attraverso società controllate 11, svolgono in misura rilevante attività di impresa in settori non bancari né finanziari, non possono essere autorizzati ad acquistare partecipazioni superiori al 15% del capitale di una banca o di una capogruppo non banca o, comunque, il controllo delle stesse. Prima dell entrata in vigore del TUB, la normativa di riferimento in tema di partecipazione al capitale degli enti creditizi era contenuta nella legge n. 287 del 1990 (c.d. legge antitrust) il cui art. 27 riproduceva, grosso modo, i contenuti dell attuale art. 19 citato. Una delle differenze più importanti, tuttavia, tra la vecchia e la nuova normativa era rappresentata proprio dalla diversa disciplina del principio di separatezza bancaindustria. Infatti, sebbene l art. 19 del TUB mantenga il divieto (già previsto all art. 27, comma 6, della legge antitrust) di autorizzare partecipazioni superiori al 15% del capitale della banca, esso allarga la cerchia dei soggetti nei confronti dei quali opera tale divieto. Infatti, partecipazione da prendere in considerazione ai fini della presente direttiva se tale acquisizione viene effettuata quale investimento temporaneo e non consente di esercitare un influenza sulla struttura e la politica finanziaria dell impresa. 11 La nozione di controllo rilevante ai fini dell applicazione della normativa in discorso viene fornita all art. 23 del TUB medesimo. 8

9 mentre, come è stato messo in evidenza, l attuale divieto si applica ai soggetti che svolgono in misura rilevante attività di impresa in settori non bancari né finanziari, l art. 27, comma 6, citato includeva nel divieto tutti i soggetti diversi dagli enti creditizi e dalle società o enti finanziari. La differenza, specie ai nostri fini (vale a dire, per valutare l applicazione o meno del divieto in questione anche alle imprese di assicurazione) può sembrare irrilevante, ma non lo è. La circostanza che nella vecchia norma si facesse riferimento a dei soggetti e non a delle attività, infatti, rendeva assai più arduo argomentare, di fronte a quel dato normativo, l inclusione delle imprese di assicurazione tra le società o enti finanziari. Nonostante una simile difficoltà, non era mancato chi, già sotto la vigenza dell art. 27, comma 6, citato, aveva autorevolmente sostenuto (sia pure ammettendo la parziale forzatura di tale interpretazione, che traeva origine e spunto non già dal testo di legge ma dai convincimenti emersi nel corso dei lavori preparatori alla legge antitrust) che nella nozione di enti finanziari accolta dall art. 27 n. 6 siano ricomprese anche le compagnie di assicurazione e che, pertanto, le autorità creditizie (e in particolare l organo di vigilanza) potranno autorizzare queste ultime ad assumere partecipazioni di controllo negli enti creditizi senza violare la norma dettata dal predetto art. 27 n Tale interpretazione, per quanto debba essere considerata positivamente e apprezzata alla luce di quelli che sarebbero stati i futuri sviluppi della norma in discorso, appariva, nel momento in cui era stata proposta, non troppo convincente 13 e, soprattutto, non adeguatamente suffragata dalla lettera dell art. 27 citato. Sulla base della stessa linea interpretativa dell Autore citato, peraltro, anche il decreto del Ministro del Tesoro del 5 giugno 1991, aveva disposto, per via amministrativa e senza alcun appiglio nella legislazione primaria (modus operandi, questo, che era stato giustamente criticato da una parte della dottrina 14 ) che gli enti e le società che hanno per oggetto l esercizio dell attività assicurativa, vanno assimilati, ai fini della presente 12 Cfr. R. COSTI, op. cit., p Colpisce, in particolare, il procedere ondivago dell autore che, appena poche righe prima del passo citato aveva sostenuto che come si può constatare, in nessuna delle molte nozioni di ente e società finanziari presenti nel nostro ordinamento l attività assicurativa viene ricompresa fra le attività finanziarie, neppure in quelle più recenti e destinate probabilmente a individuare definitivamente la categoria degli enti finanziari diversi dagli enti creditizi e da quelli di mercato mobiliare. 14 Cfr. A. PATRONI GRIFFI, Assicurazioni e banche: intreccio di attività e intreccio di controlli, in Assicurazioni, 1992, p

10 disciplina, a quelli finanziari. A questo inconveniente 15 aveva posto rimedio il D. Lgs. n. 481/1992 che, modificando il comma 4 della legge antitrust, aveva demandato al CICR i criteri di attuazione della regola (posta dallo stesso comma 4) di separatezza tra banca e industria, legittimando in sede di legislazione primaria l intervento normativo di secondo livello. Conseguentemente il CICR, con delibera del 19 aprile 1993, aveva stabilito che alle attività finanziarie è assimilata l attività assicurativa, ponendo così fine al tortuoso cammino normativo e, ancor più, esegetico, che aveva preceduto tale delibera. Il complesso iter appena descritto ha poi trovato organica sistemazione nel già citato art. 19, comma 6, del TUB che, come è stato opportunamente osservato ha reso più duttile il principio di separatezza tra banca e industria 16, aprendo un varco alla possibilità di escludere le compagnie di assicurazione dal divieto di separatezza in esso contemplato. La disposizione va letta, per completezza, congiuntamente al comma 9 del medesimo art. 19 in cui si stabilisce che la Banca d Italia, in conformità delle deliberazioni del CICR, emana disposizioni attuative del presente articolo. Ebbene, sulla base di tale comma e della citata delibera CICR del 19 aprile 1993 la Banca d Italia ha espressamente stabilito, nell ambito della Istruzioni di vigilanza per le banche, che, ai fini dell applicazione dell art. 19, comma 6, del TUB per le attività finanziarie va fatto riferimento alle attività indicate nell art. 1, comma 2, lett. f) del T.U.; ad esse è assimilata l attività assicurativa 17. Le ragioni che stanno alla base di un simile révirement del legislatore risiedono, da un lato, nel tentativo di non sottoporre le imprese di assicurazione italiane ad una normativa più restrittiva rispetto a quella di altri Paesi dell Unione Europea che avrebbe rischiato di alterare il delicato equilibrio concorrenziale tra le nostre imprese assicurative e quelle degli altri Stati membri e, dall altro, nella convinzione che la corsa ad ostacoli verso l obiettivo della privatizzazione (fra l altro) di parte consistente delle 15 Cfr. A. PATRONI GRIFFI, Commento all articolo 19 del Testo Unico Bancario, in F. BELLI, G. CONTENTO, A. PATRONI GRIFFI, M. PORZIO, V. SANTORO (a cura di), Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, Zanichelli Editore, 2003, p. 304, nota numero Cfr. G.F. CAMPOBASSO, Le partecipazioni al capitale delle banche, in Banca Borsa e Titoli di Credito, 1994, I, p. 285 ss. 17 Cfr. Titolo II, Capitolo 1, Sezione II, par. 6 delle vigenti Istruzioni di vigilanza per le banche emanate dalla Banca d Italia. 10

11 partecipazioni delle banche richiedesse a patto di non votarla all insuccesso un alleggerimento dei confini tra banca e industria 18. Il fatto che le compagnie di assicurazione possano, previa autorizzazione della Banca d Italia, detenere partecipazioni di controllo nelle banche costituisce senza dubbio un passo importante nella direzione di una sempre più stretta interconnessione tra i due settori del mercato finanziario che, tuttavia, non ha spinto il legislatore ad includere le compagnie di assicurazione nell ambito dei gruppi bancari (né, specularmene, le banche in quelli assicurativi). Infatti, dal combinato disposto degli articoli 59 e 60 del TUB, emerge chiaramente che le compagnie di assicurazione sono escluse dal perimetro del gruppo bancario che è composto dalla banca italiana (o società finanziaria) capogruppo e dalle società bancarie, finanziarie e strumentali da questa controllate 19 fra le quali, appunto, non vengono ricomprese le compagnie di assicurazione. La ragione di una simile esclusione va ricercata, da un lato, nella difficoltà, prima di tutto contabile, di includere le imprese di assicurazione nell ambito della vigilanza consolidata di cui all art. 65 del TUB medesimo e, dall altro lato, nell inevitabile ridimensionamento del poteri (costituito) e delle prerogative dell Organo di vigilanza assicurativa che una simile inclusione avrebbe inevitabilmente comportato. Se è possibile per le assicurazioni detenere il controllo delle aziende di credito, a maggior ragione sarà possibile acquisire partecipazioni non di controllo. La materia viene regolata, oltre che dall art. 19, comma 1, del TUB anche dal già citato Capitolo delle Istruzioni di vigilanza della Banca d Italia le quali subordinano l acquisto di partecipazioni rilevanti (vale a dire, superiori al 5% del capitale sociale della banca) in istituti di credito al rilascio di una preventiva autorizzazione dell Organo di vigilanza. In particolare, l autorizzazione va chiesta non solo al superamento della soglia (5%) che rende la partecipazione rilevante, ma anche successivamente, ogni qualvolta una certa operazione di acquisizione di azioni o quote di una banca superi determinate soglie (10%, 15%, 20%, 33%, 50%) del capitale sociale. Una volta richiesta l autorizzazione alla detenzione del controllo, non sarà necessario richiedere ulteriori autorizzazioni in caso di aumento della partecipazione (ad esempio dal 60% al 70%). 18 Cfr. A. PATRONI GRIFFI, op. ult. cit., p Cfr. art. 60 del TUB. 11

12 4. La partecipazione delle banche nelle imprese di assicurazione La normativa che, nell ambito dell ordinamento bancario, disciplina l assunzione di partecipazioni da parte delle banche appare assai più chiara e presenta meno criticità rispetto a quanto abbiamo avuto occasione di puntualizzare in materia di partecipazione al patrimonio delle banche. L assunzione di partecipazioni costituisce, per le banche come per qualsiasi altro soggetto, una delle tante forme di finanziamento (che, sia detto per inciso, se esercitato nei confronti del pubblico diventa attività riservata alle banche e agli intermediari finanziari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 106 del TUB 20 ). Rispetto ad altre forme di finanziamento, tuttavia, l acquisizione di partecipazioni comporta l assunzione di maggiori rischi connessi non solo con la circostanza che il rimborso dei diritti patrimoniali avviene in via residuale rispetto ai creditori ordinari, ma anche con la possibile fluttuazione del valore delle azioni in relazione alle prospettive economiche dell impresa affidata Per questo motivo, l art. 53, comma 1, lett. c) annovera la tematica delle partecipazioni detenibili dalle banche fra quelle oggetto del potere di vigilanza regolamentare della Banca d Italia, la quale ha provveduto a disciplinare la subiecta materia nell ambito delle più volte richiamate Istruzioni di vigilanza per le banche le quali, proprio per cercare di limitare al minimo i rischi cui abbiamo fatto cenno, aveva dettato, accanto ad importanti limiti quantitativi alla possibilità per le banche di 20 L attività di assunzione di partecipazioni non nei confronti del pubblico, purché, però, in maniera prevalente rispetto ad eventuali altre attività, è riservata anch essa a soggetti iscritti in un apposita sezione dell Elenco Generale di cui all art. 106 del TUB (cfr. art. 113 del TUB medesimo). 21 Cfr. BANCA D ITALIA, Istruzioni di vigilanza per le banche, Titolo IV, Capitolo 9, Sezione 1, par Per un esame dei rischi legati a tale tipo di attività cfr. C. CLEMENTE, Commento all art. 53 del Testo Unico Bancario, in F. CAPRIGLIONE (a cura di), Commentario al Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, Cedam, 2001, p. 407 nel quale si legge che l acquisizione da parte delle banche di partecipazioni al capitale di imprese assume rilievo, in un ottica di vigilanza prudenziale, in quanto operazione che configura un particolare rischio che si collega, oltre al minor grado di liquidità di tali attività, alla circostanza che il rimborso dei diritti patrimoniali avviene in via residuale rispetto ai crediti, alla fluttuazione di valore delle azioni collegata al variare delle prospettive dell impresa e agli andamenti del mercato e, infine, al collegamento che viene a realizzarsi con l azienda bancaria che può minare la necessaria separatezza tra soggetto erogante e affidato compromettendo l autonomia dell ente creditizio. 12

13 detenere partecipazioni in altre società, una serie di regole qualitative di non secondaria importanza. Quanto ai primi, le Istruzioni di vigilanza stabiliscono che il complesso delle partecipazioni e degli investimenti in immobili che le banche e i gruppi bancari possono effettuare non deve eccedere l ammontare del patrimonio di vigilanza. Quanto alle seconde, invece, le istruzioni di vigilanza distinguono tra partecipazioni in banche, società finanziarie, strumentali e in imprese di assicurazione, da un lato, e partecipazioni in imprese non finanziarie dall altro lato. Più in particolare e per quanto di più diretto interesse per la presente indagine ricognitiva, le Istruzioni di vigilanza citate stabiliscono che la detenzione da parte di banche di partecipazioni in imprese di assicurazione è subordinata alla preventiva autorizzazione della Banca d Italia qualora l ammontare della partecipazione superi una delle seguenti soglie: - il 10% ed il 20% del capitale della società partecipata, e in ogni caso il controllo; - il 10% del patrimonio di vigilanza della banca partecipante. Inoltre è previsto che le partecipazioni in imprese di assicurazione acquisiti da parte di gruppi bancari o banche non appartenenti ad un gruppi non superino il 40% del patrimonio di vigilanza (per ogni singola banca appartenente al gruppo, invece, tale limite è innalzato al 60%). 5. Conclusioni Da quanto sin qui brevemente messo in evidenza, pare potersi desumere che quella della partecipazioni delle e nelle banche è una materia che costituisce ancora oggi, almeno guardando alla lettera delle disposizioni rilevanti, un terreno piuttosto paludoso dove si sovrappongono una serie di regole, talvolta non facilmente coordinabili tra loro. E allora, per tornare a quanto riportato in apertura, il vero paradosso non è, almeno a giudizio di chi scrive, l integrazione tra banche e assicurazioni. Esso è solo un fenomeno economico, del quale il legislatore deve semplicemente prendere atto al fine di valutare se ammetterlo, non ammetterlo o ammetterlo a certe condizioni. Il paradosso vero è costituito, semmai, dal fatto che per scoprire se e come è possibile procedere alla citata integrazione, l interprete debba rifarsi a 13

14 due distinti corpus normativi (peraltro, come abbiamo visto, non sempre ben coordinati tra loro e che, al contrario, si pongono talvolta in netto contrasto le une con le altre). Sarebbe, mi sia consentito il paragone assolutamente atecnico, come se il legislatore avesse dettato, con riferimento al matrimonio, due distinte discipline normative (una per il marito e l altra per la moglie) senza curarsi di collegarle tra di loro e, anzi, attribuendo all uno certi diritti nell ambito di una delle due discipline per poi negare il medesimo diritto nell ambito dell altra. Quello che, mi pare, si è perso di vista è che il diritto in generale (e il diritto dell economia in particolare) dovrebbe agevolare l interprete e gli operatori nella risoluzione giuridica delle problematiche di fatto che si presentano loro e non, come purtroppo accade anche con riferimento alla fattispecie che ci occupa, creare inutili duplicazioni normative che a nulla servono se non a fornire un cattivo esempio di legiferazione. Difetti di coordinamento a parte, comunque, non vi è dubbio che il riconoscimento anche normativo dell integrazione tra i capitali delle banche e quelli delle imprese di assicurazione che abbiamo appena tentato di ripercorrere, ha costituito e costituisce, la premessa normativa dalla quale ha preso le mosse (sia pure molto timidamente) anche nel nostro Paese, un certo interesse per i conglomerati finanziari c.d. misti. 14

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

maggio 2006 In particolare, è previsto che:

maggio 2006 In particolare, è previsto che: maggio 2006 Qualche spunto (critico) ricostruttivo della disciplina degli intermediari finanziari non bancari, del Prof. Ranieri Razzante, Docente di Legislazione antiriciclaggio nell Università di Macerata

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

Prot. 72 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale via Nazionale 91 00184 ROMA

Prot. 72 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale via Nazionale 91 00184 ROMA Prot. 72 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale via Nazionale 91 00184 ROMA Trasmessa a mezzo e.mail Roma 12 marzo 2012 Oggetto: Disposizioni

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'talia struzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d talia 216 del 5 agosto

Dettagli

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi 20.12.2012 I FINANZIAMENTI DEI SOCI E I FINANZIAMENTI INFRAGRUPPO DOPO IL DECRETO SVILUPPO: PREDEDUCIBILITÀ O POSTERGAZIONE? PRIME CONSIDERAZIONI SUL DIRITTO SOCIETARIO DELLA CRISI di Umberto Tombari,

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE POPOLARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE POPOLARI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Servizio Regolamentazione e analisi macroprudenziale Divisione Analisi macroprudenziale Area Impatto della Regolamentazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE POPOLARI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» 9,*,/$1=$&5(',7,=,$(),1$1=,$5,$,VWUX]LRQLGL9LJLODQ]DSHUJOL,QWHUPHGLDUL)LQDQ]LDUL LVFULWWLQHOO (OHQFR6SHFLDOHª &LUFRODUHQGHODJRVWR

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000 Circolare Informativa n. 17/2000 Alle Società Consorziate Roma, 8 giugno 2000 Rif. 470 Oggetto: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine Finanziamenti posti in essere all estero Risoluzione

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISOLUZIONE N. 85 DEL 12 MARZO 2002 Circolare n. 10/2002 Documento

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

La disciplina delle holding industriali e gli effetti dell abrogazione dell art. 113 del TUB.

La disciplina delle holding industriali e gli effetti dell abrogazione dell art. 113 del TUB. La disciplina delle holding industriali e gli effetti dell abrogazione dell art. 113 del TUB. Alberto Marengo 10/12/2010 Sommario: 1. Premessa - 2. Le tipologie di holding - 3. La disciplina degli interessi

Dettagli

NORMATIVA ANTI - RICICLAGGIO E REATI FISCALI Sulla nozione di proventi da reato

NORMATIVA ANTI - RICICLAGGIO E REATI FISCALI Sulla nozione di proventi da reato STUDIO LEGALE SALOMONE NORMATIVA ANTI - RICICLAGGIO E REATI FISCALI Sulla nozione di proventi da reato 19 febbraio 2010, Centro Studi S. Carlo, TORINO reazione a cura dell avv. Riccardo SALOMONE, Foro

Dettagli

INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014

INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014 Febbraio 2014 INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014 Non si può porre in relazione la misura degli interessi moratori con il c.d. tasso soglia. Ciò per due ordini di ragioni.

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking )

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Frequently Asked Questions PREMESSA...2 1. IMPRESE INTERESSATE DAL DIVIETO...2 1.1. INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Lo sviluppo dell apprendistato in somministrazione: una altra occasione mancata

Lo sviluppo dell apprendistato in somministrazione: una altra occasione mancata Articolo 1, comma 16 Apprendistato in somministrazione Lo sviluppo dell apprendistato in somministrazione: una altra occasione mancata di Giulia Rosolen, Michele Tiraboschi Per chi crede che l apprendistato

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sulle norme per l attuazione della Direttiva 2011/61/UE, sui gestori dei fondi

Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sulle norme per l attuazione della Direttiva 2011/61/UE, sui gestori dei fondi Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sulle norme per l attuazione della Direttiva 2011/61/UE, sui gestori dei fondi alternativi (AIFMD), e per l applicazione del regolamento (UE)

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 149/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 29.09.2015 composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola, si dà conto esclusivamente dei commenti aventi ad oggetto le disposizioni secondarie di competenza della Banca d Italia ( Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti.

1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti. Dichiarazione del socio anche in caso di maggioranza relativa? 1 1. Si registra una prima posizione del Consiglio di Stato in relazione alla questione interpretativa creatasi intorno all articolo 38, comma

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576 ASSILEA rileva che la presenza della disgiuntiva o avrebbe esteso il concetto di locali dell intermediario anche ai locali che non costituiscono una dipendenza diretta dell intermediario medesimo. Se così

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DI SOCIETÀ VEICOLO PER LA CARTOLARIZZAZIONE EX LEGGE 130/1999 Il presente

Dettagli

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese contenuta nell art. 32 del D.L. n. 83 del 2012 contiene innovazioni di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione lavoro, previdenza sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione lavoro, previdenza sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione lavoro, previdenza sociale Disegno di legge recante Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES IRAP Fonti Circolare Assonime n. 46/2009 Risoluzione 38/E del 26/2/2003 Nota Assoholding n. 6 del 14/12/2010 Circolare Ministeriale 141/E

Dettagli

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012 Modifiche al regolamento congiunto Banca d Italia Consob (di seguito regolamento ) per il recepimento della direttiva 2010/76 (CRD 3) in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 81/2005/T La gestione delle somme in deposito ricevute dagli studi notarili: la fatturazione ed il momento di imputazione dei compensi al periodo d imposta Approvato

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale di FRANCESCO SAVERIO MARINI ANDREA STICCHI DAMIANI Tra le pieghe del d.l. n. 91/2014 (c.d. decreto competitività

Dettagli

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola di Tania Groppi Sommario 1. Regioni e Unione Europea nel nuovo Titolo V. 2. La disciplina della fase ascendente nel

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario L organizzazione delle pubbliche amministrazioni dopo la riforma del Titolo

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3 Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Seminario del 14 novembre 2011 LA SENTENZA N. 5032/2011 DEL CONSIGLIO DI STATO

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013 ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013 INFORMAZIONI IN MERITO ALLA PROCEDURA DI NOMINA DEI SINDACI DI UNICREDIT S.P.A. UniCredit S.p.A. - Sede Sociale: Via Alessandro Specchi 16-00186 Roma - Direzione Generale:

Dettagli

L AREA DI CONSOLIDAMENTO

L AREA DI CONSOLIDAMENTO L AREA DI CONSOLIDAMENTO Prof. Alessandro Zattoni Università Parthenope I criteri per la definizione La definizione dell area di consolidamento rappresenta l aspetto più critico del processo di consolidamento,

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

Agosto 2014. Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria

Agosto 2014. Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria Agosto 2014 I controlli di conformità dei mediatori creditizi Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria Premesse In base a quanto dispone il decreto del MEF del 22.1.14

Dettagli

fisconline - formato stampabile

fisconline - formato stampabile Pagina 1 di 5 fisconline - banca dati tributaria - Wolters Kluwer Italia Srl - P.I. 10209790152-29/7/2009-21:27 - $12365394-89.97.62.116-6537826 78436955 - Il ruolo del collegio sindacale nelle società

Dettagli

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*)

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Con l emanazione del decreto Monti (D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in UNIONFIDI PIEMONTE - Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi, confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia del 23 giugno 2011 e cod. identificativo

Dettagli

lucia starola - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Gli obblighi antiriciclaggio per i revisori legali di Lucia Starola

lucia starola - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Gli obblighi antiriciclaggio per i revisori legali di Lucia Starola Gli obblighi antiriciclaggio per i revisori legali di Lucia Starola L Associazione Italiana Revisori Contabili, Assirevi, ha pubblicato a fine maggio 2014 sul proprio sito il Documento di ricerca n. 181,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica DOCUMENTO Disegno di Legge A.S. 3270 Disposizioni in materia di professioni non regolamentate in Ordini o Collegi (22 giugno 2012) L - Associazione Nazionale Consulenti Tributari,

Dettagli

ATTO di INDIRIZZO (art. 5, comma 1, lett.a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329)

ATTO di INDIRIZZO (art. 5, comma 1, lett.a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) ATTO di INDIRIZZO (art. 5, comma 1, lett.a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) Note sulla deducibilità tributaria delle liberalità erogate ai soggetti non lucrativi, di cui all articolo 14, commi 1-5,

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO I Capitolo 3 ATTIVITA ESERCITABILI E PARTECIPAZIONI DETENIBILI Sezione I Disposizioni di carattere generale TITOLO I - Capitolo 3 ATTIVITA

Dettagli

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita*

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita* Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi di Antonio De Vita* La contrapposizione tra il Presidente della Repubblica e il Ministro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 326/E

RISOLUZIONE N. 326/E RISOLUZIONE N. 326/E Roma, 30 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello n. - Art. 11, legge 27/7/2000, n. 212 Istante: ALFA Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR),

Dettagli

Documento per la consultazione. Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari

Documento per la consultazione. Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Documento per la consultazione Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Il documento illustra ipotesi regolamentari e schemi normativi relativi alla nuova

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE LA BANCA

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

Inviata all indirizzo e-mail: ram@pec.bancaditalia.it

Inviata all indirizzo e-mail: ram@pec.bancaditalia.it Milano, 25 agosto 2014 Spettabile Banca d Italia Servizio Regolamentazione e Analisi macroprudenziale Divisione Regolamentazione II Inviata all indirizzo e-mail: ram@pec.bancaditalia.it Oggetto: Recepimento

Dettagli

Aprile 2015. Riforma delle banche popolari: la finalizzazione dell impianto normativo nella consultazione Banca d Italia

Aprile 2015. Riforma delle banche popolari: la finalizzazione dell impianto normativo nella consultazione Banca d Italia Aprile 2015 Riforma delle banche popolari: la finalizzazione dell impianto normativo nella consultazione Banca d Italia Valentina Barbanti, Allen & Overy In data 9 aprile 2015 Banca d Italia ha reso pubblico

Dettagli

2. Esenzioni dal congelamento 3. Gestione depositi

2. Esenzioni dal congelamento 3. Gestione depositi Regolamento (UE) n. 204/2011 del Consiglio del 2 marzo 2011 concernente misure restrittive in considerazione della situazione in Libia. Comunicazione agli operatori A seguito delle misure restrittive introdotte

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 gennaio 2013 Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 (Fascicolo «Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche»). Chiarimenti interpretativi L'acclusa nota tecnica contiene

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 gennaio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica IRAP Determinazione della base imponibile ed aliquota applicabile ai CONFIDI (Art. 6 del D.Lgs. 15 dicembre

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

POSITION PAPER 01/2013

POSITION PAPER 01/2013 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013 Premessa Il

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

Le società tenute all adozione degli IAS e i criteri di valutazione delle immobilizzazioni

Le società tenute all adozione degli IAS e i criteri di valutazione delle immobilizzazioni Principi contabili internazionali Le società tenute all adozione degli IAS e i criteri di valutazione delle immobilizzazioni di Raffaele Artina e Valerio Artina (*) Introduzione L ADEMPIMENTO Approvazione

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

Sull' applicazione del cd. divieto di interlocking directorates (cfr. art. 36 L. n. 214/2011)

Sull' applicazione del cd. divieto di interlocking directorates (cfr. art. 36 L. n. 214/2011) numero 12 luglio 2012 Luglio 2012 Sull' applicazione del cd. divieto di interlocking directorates (cfr. art. 36 L. n. 214/2011) Sull applicazione del cd. divieto di interlocking directorates (cfr. art.

Dettagli

Roma, 03 dicembre 2008

Roma, 03 dicembre 2008 RISOLUZIONE N. 465/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 dicembre 2008 Oggetto: Determinazione della base imponibile per alcune imprese marittime (c.d. tonnage tax) Tassazione delle plusvalenze

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

L area di consolidamento: capitolo 2

L area di consolidamento: capitolo 2 L area di consolidamento: capitolo 2 La definizione e l individuazione dell area di consolidamento La nozione di controllo, in materia di consolidato secondo l ordinamento italiano Le imprese esonerate

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Consultazione sullo schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 14, comma 3, del decreto legge

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli